Test e strumenti di valutazione psicologica e educativa. Collana diretta da Cesare Cornoldi e Luigi Pedrabissi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Test e strumenti di valutazione psicologica e educativa. Collana diretta da Cesare Cornoldi e Luigi Pedrabissi"

Transcript

1 Test e strumenti di valutazione psicologica e educativa Collana diretta da Cesare Cornoldi e Luigi Pedrabissi Beatrice Caponi, Cesare Cornoldi, Grazia Falco, Roberta Focchiatti e Daniela Lucangeli Mema Valutare la metacognizione, gli atteggiamenti negativi e l ansia in matematica Erickson

2 I n d i c e 7 Introduzione 9 Cap. 1 Le componenti metacognitive e la loro analisi 21 Cap. 2 Il Questionario MeMa (studenti) 27 Cap. 3 Procedure di somministrazione, calcolo e valutazione dei punteggi del Questionario MeMa (studenti) 43 Cap. 4 Ricerche sul Questionario MeMa (studenti) 49 Cap. 5 I Questionari MeMa (insegnanti e genitori) 71 Cap. 6 La Scala MeMa d Ansia per la Matematica 89 Cap. 7 Utilizzo del Questionario MeMa (studenti) e implicazioni per l intervento 97 Bibliografia 103 Appendice 1 Questionario MeMa (studenti) 127 Appendice 2 Esempi di compilazione e calcolo dei punteggi (Questionario MeMa studenti) 141 Appendice 3 Questionario MeMa (insegnanti) 165 Appendice 4 Questionario MeMa (genitori) 181 Appendice 5 Scala MeMa d Ansia per la Matematica

3 Introduzione Non ci stancheremo mai di sottolineare quanto sull insuccesso in matematica pesino fattori che poco o nulla hanno a che vedere con la competenza nella disciplina. Non è possibile ritenere che una cospicua percentuale degli studenti abbia difficoltà o disagio per la matematica per il semplice fatto che non è portata per la disciplina o che il 40% degli allievi di anni riporti inquietudine o malessere durante l ora di matematica per il semplice fatto che non è preparato. Fattori emotivi, motivazionali e metacognitivi sembrano determinanti nel creare questo stato di cose. L innovazione concettuale portata dal modello metacognitivo ha consentito di mettere in luce come il successo in matematica non dipenda solo dalla effettiva abilità, ma anche dall atteggiamento nei confronti della disciplina e che questo riguardi non solo l alunno, ma anche il sistema scuola-famiglia con cui interagisce. Gli strumenti che qui presentiamo vogliono essere un aiuto offerto al mondo della scuola e degli operatori psicopedagogici per cercare di far emergere, rielaborare e modificare il sistema di credenze e i processi metacognitivi che stanno alla base dell apprendimento matematico nella scuola dell obbligo. Il loro uso può avvenire nel contesto di un lavoro metacognitivo con un alunno in difficoltà, ma ancora meglio in somministrazioni collettive alle classi, al fine di rilevare il livello metacognitivo degli studenti e fornire una sollecitazione, attraverso la proposta dello strumento e, quindi, nel successivo momento di restituzione dei risultati. Poiché è difficile modificare il modo di pensare e agire di un alunno, soprattutto se esso è fortemente ed emotivamente radicato, raccomandiamo di sfruttare la

4 8 MeMa potenziale sinergia di insegnanti e genitori coinvolgendoli in questa avventura metacognitiva. Gli strumenti hanno una lunga storia poiché nascono con le nostre indagini sul rapporto metacognizione-matematica e con la proposta di un programma di lavoro per gli allievi (Matematica e metacognizione, Cornoldi et al., 1991); sono stati poi alleggeriti, ma al tempo stesso ampliati, nel progetto rivolto ad alunniinsegnanti-genitori di Didattica metacognitiva della matematica (Caponi et al., 2006). I risultati delle sperimentazioni ottenuti con questi materiali si sono rivelati più che buoni, ma la loro complessità ha trattenuto molti insegnanti dall usarli. Nel corso del biennio ci siamo resi conto che una parte di queste proposte poteva essere riadattata, svincolandola dal materiale complessivo, per una fruizione più diretta e immediata. Abbiamo quindi ripreso i Questionari metacognitivi, aggiunto il Questionario d ansia per la matematica e integrato i valori di riferimento. Ci auguriamo che questa nuova versione trovi un riscontro positivo e contribuisca a migliorare la motivazione e la competenza matematica degli studenti italiani. Università di Padova, gennaio 2012

5 2 Il Questionario MeMa (studenti) Descrizione dello strumento Conoscere le teorie implicite, le credenze e lo stile attributivo dei soggetti che apprendono, come pure le loro capacità di autocontrollo, fornisce una preziosa indicazione per interpretarne il comportamento in situazioni di apprendimento e per individuare eventuali aspetti problematici relativi ai processi conoscitivi. Molti sforzi sono stati fatti per mettere a punto strumenti capaci di indagare il profilo metacognitivo di alunni e studenti anche in relazione a specifiche discipline e ambiti di apprendimento. Può essere considerato un esempio in tal senso il Questionario Matematica e Metacognizione, presente nel Programma Didattica metacognitiva della matematica (Caponi, Falco, Focchiatti, Cornoldi e Lucangeli, 2006), pensato per gli alunni della scuola primaria e per quelli della scuola secondaria di primo grado, che consente di differenziare il livello metacognitivo degli alunni in relazione alle prestazioni in compiti matematici. Si forniscono, in questo capitolo e nei seguenti, informazioni funzionali all utilizzo dello strumento, nonché all analisi e interpretazione dei dati raccolti. Il Questionario MeMa (metacognizione e matematica) per studenti comprende tre Sezioni: Sezione A Quanto spesso ti accade?, comune ai due ordini di scuola. Sezione B Domande «vero o falso», comune ai due ordini di scuola. Sezione C Processi di controllo in matematica, che presenta esercizi da risolvere e problemi di differente difficoltà per i due ordini scolastici.

6 22 MeMa I protocolli relativi ai due ordini scolastici completi delle indicazioni per la correzione e attribuzione dei punteggi sono riportati in Appendice 1 e in formato pdf stampabile nel CD-ROM allegato al volume. La Sezione A descrive quindici situazioni in cui possono venire a trovarsi gli alunni durante lo svolgimento di problemi, operazioni o esercizi di matematica (vedi esempi in tabella 2.1). Essi sono invitati a rispondere se capita loro di vivere ognuna delle situazioni elencate spesso, qualche volta, mai (o quasi mai). Lo scopo di questa parte del Questionario è individuare gli stati mentali più frequenti rispetto ai compiti matematici, alle proprie competenze, alle condizioni emotive che accompagnano l apprendimento. Tabella 2.1 Questionario MeMa (studenti): esempi di item della Sezione A 1. Mi capita di provare una stanchezza maggiore di quella che provo quando lavoro con le altre materie. 2. Se risulta che ho sbagliato l esercizio, ci resto molto male e lascio stare. 3. Quando svolgo un problema cerco di essere sicuro di aver ben capito cosa mi richiede il compito. Spesso Mi capita Qualche volta Mai, o quasi mai Le affermazioni, tutte riguardanti la matematica, possono essere classificate essenzialmente secondo due distinti ambiti: uno si riferisce ai vissuti e agli atteggiamenti assunti nei confronti della disciplina; l altro ai comportamenti e alle strategie di risoluzione di problemi matematici (tabella 2.2). Tabella 2.2 Questionario MeMa (studenti): classificazione degli item della Sezione A Principali aspetti emotivi, affettivi e motivazionali 1. Mi capita di provare una stanchezza maggiore che in altre discipline 2. Se capita che ho sbagliato l esercizio, ci resto molto male e lascio stare 4. Se risulta che ho sbagliato l esercizio, mi viene voglia di riprovare Consapevolezza generale degli atteggiamenti strategici e di controllo 3. Quando svolgo un problema, cerco di aver ben capito cosa mi richiede il compito 7. Cerco di tirar fuori le idee principali necessarie per la soluzione 10. Mi domando se è un tipo di problema che ho già affrontato, lo riconosco

7 Il Questionario MeMa (studenti) 23 Principali aspetti emotivi, affettivi e motivazionali 5. Mi lascio prendere dall agitazione e dall ansia se non so come andare avanti 6. Di fronte a un problema ho l impressione che lo risolverò subito o non lo risolverò mai 8. Provo malessere durante lo svolgimento dei compiti in classe 9. Mi capita di bloccarmi e di non sapere come andare avanti 15. cerco di procedere più velocemente che con le altre materie per finire prima Consapevolezza generale degli atteggiamenti strategici e di controllo 11. In matematica amo procedere con pazienza e tranquillità 12. In un problema cerco qualche punto complesso che richiede più attenzione 13. Mi capita di chiedermi se ho capito il problema prima di risolverlo 14. Al termine di un compito di matematica ripercorro le tappe di come ho proceduto La Sezione B riguarda sempre la consapevolezza metacognitiva; tuttavia gli item cercano di individuare in modo più preciso quali sono le credenze comuni circa la soluzione di compiti matematici. Essa presenta, infatti, nove affermazioni concernenti le più diffuse credenze metacognitive in ambito matematico (tabella 2.3). Gli alunni sono invitati a esprimere un giudizio su di esse indicando se, secondo loro, sono vere o false. Tabella 2.3 Questionario MeMa (studenti): esempi di item della Sezione B Per me è 1. Se mi capita di far male in matematica penso di essere uno stupido 2. Copiare in un compito di matematica è più grave che in un compito di un altra materia 3. Se non si è capita la definizione è inutile cercare di impararla Vero Falso Gli item fanno riferimento essenzialmente alle tre principali tipologie di credenze matematiche trattate in letteratura: relative all abilità, alla disciplina e all apprendimento (tabella 2.4). La Sezione C indaga processi sovraordinati di controllo, quali: previsione, pianificazione e valutazione. Sono presenti, inoltre, quesiti che indagano lo stile attributivo (item 8 e 9).

8 24 MeMa Tabella 2.4 Questionario MeMa (studenti): classificazione degli item della Sezione B Credenze relative all abilità 1. Se mi capita di far male penso di essere uno sciocco 5. Chi è bravo in matematica vuol dire che è intelligente 8. Essere bravo in matematica è qualcosa di misterioso che non dipende da noi Credenze relative alla disciplina 4. I problemi si risolvono subito o non si risolvono più 7. Nei problemi c è sempre un solo modo per risolverli 2. Copiare in un compito di matematica è più grave che in un altra materia 9. Un problema resta un problema anche se ha dati che non servono Credenze relative all apprendimento 3. Se non si capisce una definizione è inutile impararla 6. A volta si sbaglia un problema perché non si capisce Tabella 2.5 Questionario MeMa (studenti): classificazione degli item della Sezione C Operazioni Problemi Previsione Difficoltà del compito item 1 item 4 Possibilità di riuscita item 2 Pianificazione Piano di soluzione item 5 Valutazione Correttezza soluzione item 3 item 6 Possibilità di errore item 7 In questa Sezione gli alunni affrontano esercizi concreti di matematica, problemi e operazioni; in alcuni casi devono solo prevedere il grado di difficoltà del compito stesso, mentre in altri casi devono risolverlo secondo precise indicazioni e quindi rispondere ad alcuni quesiti (figura 2.1).

9 Il Questionario MeMa (studenti) Adesso dovrai risolvere il problema. Quanto sei sicuro di poterlo risolvere? del tutto sicuro molto sicuro abbastanza sicuro poco sicuro per niente sicuro Adesso prova a risolvere il problema nello spazio qui sotto. 5. Ora che hai dato la tua soluzione al problema, quanto sei sicuro di aver dato la soluzione corretta? del tutto sicuro molto sicuro abbastanza sicuro poco sicuro per niente sicuro Fig. 2.1 Questionario Mema (studenti): esempi di item della Sezione C.

10 5 I Questionari MeMa (insegnanti e genitori) Il Questionario MeMa (insegnanti) Numerosi studi evidenziano che le convinzioni degli insegnanti, il loro senso di autoefficacia didattica, le loro attribuzioni hanno una importante ricaduta nell allestimento dei contesti di apprendimento e nella scelta di modalità didattiche orientate al successo formativo. Esse, inoltre, sono predittive dei reali livelli di prestazione matematica e linguistica dei loro alunni (Ashton e Webb, 1986). Bandura (1977) nel costrutto di autoefficacia scolastica collettiva sottolinea che le convinzioni dei docenti creano culture scolastiche che hanno importanti effetti sulla qualità della pratica in classe, promuovendo od ostacolando ambienti favorevoli allo sviluppo e all apprendimento. Considerando questa stretta relazione tra atteggiamento dei docenti e pratica didattica, è parso significativo costruire uno strumento esplorativo, il Questionario MeMa (insegnanti) (Caponi, Falco, Focchiatti, Cornoldi e Lucangeli, 2006), che consentisse l analisi dei vissuti, delle credenze, degli stili attributivi dei docenti in quanto elementi determinanti la qualità delle relazioni e la scelta dei supporti da offrire agli alunni. Lo strumento (si veda l Appendice 3) è suddiviso in quattro Sezioni: Sezione A Consapevolezza dell atteggiamento metacognitivo in matematica dell alunno (figura 5.1) Sezione B Consapevolezza delle credenze degli alunni in matematica

11 50 MeMa 1. Capita ai bambini di provare una stanchezza maggiore di quella che provano quando lavorano con le altre materie 2. Se risulta che hanno sbagliato l esercizio, ci restano molto male e lasciano stare 3. Quando svolgono un problema cercano di essere sicuri di aver ben capito cosa richiede il compito Spesso Dicono di farlo Qualche volta Mai Ritengo che ci sia divergenza? Fig. 5.1 Questionario MeMa (insegnanti): esempi di item della Sezione A. Sezione C Consapevolezza delle credenze degli alunni circa il grado di difficoltà dei problemi Sezione D Convinzioni e teorie attributive degli insegnanti (figura 5.2)/Comportamenti ovvero strategie di insegnamento dei processi di controllo (figura 5.3). Le prime tre Sezioni sono state costruite in forma parallela al Questionario MeMa (alunni). Vengono, infatti, utilizzati come stimoli gli stessi item della corrispondente Sezione del questionario alunni e si invitano i docenti a cercare di prevedere le risposte dei loro studenti. In Appendice 3 viene riportata la versione integrale del Questionario MeMa (insegnanti), utilizzata principalmente in sede di ricerca. La sua lettura consente, infatti, di meglio definire il quadro teorico di riferimento e meglio interpretare i dati riportati di seguito in questo stesso capitolo. La Sezione D è stata costruita specificamente per gli insegnanti e sviluppa aspetti presenti solo in parte nel Questionario alunni. Dato il suo possibile utilizzo in attività di formazione rivolte a docenti della scuola dell obbligo e operatori dell apprendimento e della riabilitazione si procede di seguito con una sua descrizione più dettagliata. Per la sola Sezione D è, infatti, prevedibile l attribuzione di un punteggio e la determinazione di un profilo individuale. Le affermazioni di questa parte dello strumento sono state suddivise in due gruppi. Il primo, relativo alle Convinzioni e teorie attributive degli insegnanti (figura 5.2), si prefigge di individuare le convinzioni e teorie attributive maggiormente diffuse tra i docenti e stabilire relazioni tra queste e le strategie di insegnamento adottate.

12 I Questionari MeMa (insegnanti e genitori) 51 Il secondo gruppo di affermazioni, relativo alle Strategie di insegnamento dei processi di controllo (figura 5.3) si ripropone di individuare le strategie di insegnamento più diffuse tra i docenti e i processi di controllo maggiormente incentivati, attraverso un insegnamento specifico, negli alunni. Nel caso delle Convinzioni all insegnante è chiesto di rispondere in base al grado di accordo con esse, nel caso dei Comportamenti in base alla frequenza con cui abitualmente li mette in atto. 1. Le capacità di apprendere possono essere migliorate con interventi puntuali e adeguati 2. Il buon solutore in matematica attribuisce al proprio impegno la riuscita in matematica 3. È difficile motivare allo studio della matematica gli alunni che non lo sono spontaneamente Sono d accordo Molto Abbastanza Poco Fig. 5.2 Questionario MeMa (insegnanti): esempi di item della Sezione D Convinzioni. 1. Invito gli alunni a non interrompere il loro lavoro per chiedersi se stanno procedendo correttamente 2. Affronto con gli alunni numerosi esercizi per comprendere e parafrasare il testo di un problema 3. Faccio fare agli alunni attività per individuare quanto richiesto dal quesito di un problema Metto in atto Molto Abbastanza Poco Fig. 5.3 Questionario MeMa (insegnanti): esempi di item della Sezione D Comportamenti. Riteniamo che chi insegna abitualmente trasmetta con il suo operare, oltre a una serie di conoscenze e nozioni proprie della disciplina, anche un insieme di strategie di apprendimento. È ancora nostra convinzione che sovente questo avviene in modo implicito, in altre parole globale e poco controllato, e che sarebbe invece utile renderlo il più possibile esplicito, quindi consapevole e sistematico da parte del docente. Un primo passo, in tal senso, potrebbe sostanziarsi nel far emergere le convinzioni di ciascun insegnante circa le strategie di apprendimento e i comportamenti (ovvero le strategie di insegnamento) che usualmente vengono messi in atto per trasmettere e sviluppare tali abilità.

13 6 La Scala MeMa d Ansia 1 per la Matematica Da sempre la matematica rappresenta lo spauracchio per molti studenti, generando talvolta vere e proprie idiosincrasie. Tale avversione spesso si trasforma in ansia costituendo un forte ostacolo all apprendimento e condizionando le stesse scelte di studio. Una ragione dell apprensione verso questa materia deriva, come già detto, dalla credenza diffusa che per riuscire in matematica sia necessario essere «portati» e avere quindi una «mente matematica». In questo caso gli alunni si sentono inadeguati, ritengono cioè di non avere le capacità necessarie per affrontare la materia. Tali convinzioni su loro stessi derivano da esperienze avute con la disciplina percepite come fallimentari. L effetto di uno scarso senso di autoefficacia è deleterio e può produrre insicurezza continua e generalizzata, mancanza di controllo sui processi di pensiero, risposte casuali. L ansia per la matematica può essere influenzata anche da altri fattori, quali: il genere, il sistema scolastico, le modalità di interazione tra docenti e ragazzi, la condizione socioeconomica o il background familiare degli studenti. Attraverso comportamenti di apprensione verso tale disciplina, i genitori rischiano, infatti, di instillare ansia ai figli. Dunque anche lo stile educativo, inteso come l insieme delle modalità comportamentali (atteggiamenti ed emozioni) adottate dai genitori attraverso aspettative inadeguate, può contribuire allo sviluppo dell ansia nel 1 Questo capitolo riprende parti del lavoro di Saccani e Cornoldi (2005).

14 72 MeMa bambino. Ad esempio, un alunno che è in ansia per un compito in classe, lo è soprattutto in relazione al timore di deludere tali aspettative genitoriali. Il bambino ansioso tenderà così ad essere eccessivamente preoccupato di dover «ottenere buoni risultati», sia a scuola sia nel contesto sociale. L ansia da prestazione è dunque più alta laddove i risultati delle prove (un voto basso, l eventuale bocciatura) sono sottoposti al giudizio sociale (reale o interiorizzato); eventi come le verifiche scolastiche possono esacerbare stati d ansia a un punto tale da provocare nel bambino l insuccesso nella prova, con conseguenti sentimenti di rabbia e paura, accompagnati da senso di sfiducia e sconforto, che rendono a loro volta più probabili altri insuccessi. L ansia per la matematica può essere «appresa in classe» (Hopko et al., 1998): ad esempio uno studente che si trova a dover sperimentare l insuccesso anche ripetuto in classe può vivere una situazione di imbarazzo di fronte all insegnante e ai compagni. L insuccesso sperimentato produce il timore di sbagliare ancora, il quale a sua volta determina l evitamento della situazione che può generare il rischio di rivivere la stessa condizione. Oltre a questa situazione all interno del contesto scolastico esistono altri fattori di rischio per lo sviluppo di un disturbo di tipo ansioso, come ad esempio la presenza di un insegnante poco supportivo o la suscettibilità individuale all imbarazzo in situazioni pubbliche. Una volta che il disturbo è insorto, sembra essere sostenuto da una serie di credenze che sottostanno all apprendimento matematico, come ad esempio «la matematica è difficile», oppure «o si è portati o non ci si riesce» e così via. Alcuni studi (Dreger e Aiken, 1957; Ashcraft, Kirk e Hopko, 1998) hanno suggerito che l ansia per la matematica non è necessariamente conseguenza di una difficoltà cognitiva: infatti, la si può osservare anche in studenti di successo. Queste speculazioni, basate principalmente sull osservazione, sono state poi confermate con metodologie più precise. Una svolta determinante in questo senso è stata la pubblicazione del MARS (Mathematics Anxiety Rating Scale), uno strumento per misurare questa specifica tipologia d ansia. L attendibilità e la validità del test sono state dimostrate più volte e per questo il MARS è diventato il più popolare strumento usato in questo ambito (Plake e Parker, 1982), insieme alla sua versione ridotta smars. Per allargare l applicabilità a diversi gruppi di età, il MARS è stato periodicamente modificato comprendendo il MARS-E (Suinn et al., 1988) e il MARS-A (Suinn e Edwards, 1982), rispettivamente per le scuole primarie e per gli studenti adolescenti. La popolarità del test ha incoraggiato altri ricercatori a sviluppare forme modificate del MARS originale. Alcuni esempi di tentativi per sviluppare versioni ridotte includono il test a 24 item di Plake e Parker (1982) e il test a 25 item di Alexander e Martray (1989).

15 La Scala MeMa d Ansia per la Matematica 73 La Scala MeMa d Ansia per la Matematica Considerando questa stretta relazione tra vissuto emotivo, controllo dell ansia e apprendimento matematico, è parso opportuno perfezionare una versione adattata di scala d ansia per la matematica utilizzabile nella realtà italiana, da noi poi denominata Scala MeMa d Ansia per la Matematica. tabella 6.1 Scala MeMa d Ansia per la Matematica (scuola primaria): esempi di item Situazioni 1. Osservare un insegnante che spiega alla lavagna un operazione difficile 2. Dover svolgere per casa molti problemi difficili 3. Comprare un libro di matematica 4. Rispondere a casa ad alcune domande su un brano letto Grado di paura Per la sua realizzazione si è fatto inizialmente riferimento a una versione adattata del test MARS che comprende 24 item (Saccani e Cornoldi, 2005) e mostra un modello di relazioni con l ansia di stato e di tratto. Vengono, infatti, identificati due fattori distinti definiti: a) ansia da apprendimento matematico b) ansia da valutazione matematica. Gli item del primo fattore (prima riga in tabella 6.2) sono relativi ad attività quali «iniziare una lezione di matematica», «osservare un professore che lavora alla lavagna su un equazione/espressione aritmetica» e «usare le tabelle in fondo al libro di matematica». Gli item relativi al secondo fattore (seconda riga in tabella 6.2) riguardano invece la valutazione dell apprendimento, come «fare una prova scritta di matematica», «dover partecipare alle olimpiadi di matematica» e «pensare al compito scritto di matematica che avrà luogo il giorno successivo». Tale fattore misura l ansia nel contesto in cui si è valutati in matematica ed è relativo al legame tra paura in matematica e l ansia di essere sottoposti a un giudizio: la valutazione può far crescere l ansia del bambino al punto da indurre un insuccesso, facendogli sperimentare un senso di fallimento e sfiducia nelle proprie possibilità. Lo strumento da noi elaborato, ovvero la Scala MeMa d Ansia per la Matematica, ha cercato, inoltre, di rilevare un ulteriore specificità dell ansia, in modo da rispondere al seguente quesito: «Lo studente ha una ansia scolastica

16 74 MeMa che si riferisce a tutti i contesti d apprendimento, o l ansia è specifica per la matematica?». Si è ritenuto importante, infatti, alle due dimensioni indagate in origine aggiungere una terza dimensione, di controllo, che potesse cogliere l ansia nelle altre materie scolastiche (storia, geografia, letteratura, ecc.). In tabella 6.2 vengono presentati gli item specifici relativi a ciascuna dimensione. Tabella 6.2 Composizione della Scala MeMa d Ansia per la Matematica Ansia da apprendimento matematico item n. 1, 3, 5, 7, 10, 13, 15, 17, 18, 21, 22, 25, 26, 28, 29, 30 Ansia da valutazione matematica item n. 2, 6, 9, 12, 14, 16, 20, 24 Ansia scolastica generalizzata item n. 4, 8, 11, 19, 23, 27 Il test così ampliato si compone quindi di trenta item; esso è stato utilizzato anche con soggetti di scuola primaria (De Marchi, Mammarella e Cornoldi, 2010), adattando in particolare alcuni item perché potessero essere meglio compresi dai bambini più giovani grazie all introduzione di un linguaggio e di situazioni esemplificative di contesto tipiche dell ordine scolastico di riferimento. Si è inoltre sostituito il termine «ansia» con «paura», per usare un linguaggio più comprensibile ai bambini, con termini simili a quelli che utilizzano correntemente. In Appendice 5 sono riportate le due versioni della Scala MeMa d Ansia per la Matematica per la scuola primaria e secondaria. Modalità di somministrazione e attribuzione dei punteggi Le procedure di somministrazione e attribuzione dei punteggi sono semplici e immediate. Il Questionario può essere consegnato al singolo studente o somministrato collettivamente a tutti i componenti della classe o a un gruppo di essi; non implica consegne di velocità, quindi si concede il tempo necessario per completare tutti gli item. Può essere letto autonomamente a partire dalla terza classe della scuola primaria, e richiede circa quindici-venti minuti per la compilazione; in caso di somministrazione collettiva, l adulto può procedere alla lettura del singolo item e lasciare che i ragazzi rispondano autonomamente. Dopo una breve presentazione, allo scopo di tranquillizzare i soggetti e ottenere la loro collaborazione, è bene sottolineare che il questionario sonda aspetti emotivi dell apprendimento (ossia l eventuale disagio inteso come paura/ansia per la matematica), e che non si tratta di una verifica delle abilità in matematica:

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

LA TEORIA VYGOTSKIJANA

LA TEORIA VYGOTSKIJANA LA TEORIA VYGOTSKIJANA Le ricerche di Vygotskij e quelle più recenti della psicologia cognitivista, hanno dimostrato che una buona cooperazione fornisce la base dello sviluppo individuale. Ad esempio nel

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Didattica della matematica a.a. 2009-2010 IL LINGUAGGIO DEL PROBLEM SOLVING

Didattica della matematica a.a. 2009-2010 IL LINGUAGGIO DEL PROBLEM SOLVING Didattica della matematica a.a. 2009-2010 IL LINGUAGGIO DEL PROBLEM SOLVING IL PROBLEM SOLVING nella pratica didattica attività di soluzione di problemi Che cos è un problema? 3 Che cos è un problema?

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-based learning (apprendimento basato su un problema) è un metodo di insegnamento in cui un problema costituisce il punto di inizio del processo

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)?

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Si parla di disturbi specifici di apprendimento (dsa) nel caso in cui il soggetto indenne da problemi di ordine cognitivo, neurologico, sensoriale, presenti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli