N DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. UFFICIO X - IL DIRIGENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 0100885 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. UFFICIO X - IL DIRIGENTE"

Transcript

1 N DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. UFFICIO X - IL DIRIGENTE VISTO il decreto-legge 8 luglio 2002 n. 138, convertito, con modificazioni, nella legge 8 agosto 2002, n. 178, recante Interventi urgenti in materia tributaria, di privatizzazioni, di contenimento della spesa farmaceutica e per il sostegno all economia anche nelle aree svantaggiate ; VISTO l art. 2, commi 1, 2 e 3, della predetta legge n. 178 del 2002, il quale ha previsto una serie di agevolazioni tributarie finalizzate ad incentivare l acquisto di autoveicoli dotati di dispositivi antinquinamento conformi alle direttive CE e di potenza non superiore a 85 Kw; VISTO il successivo comma 4 del predetto art. 2, il quale ha stabilito che le minori entrate derivanti dall attuazione dei commi 1, 2 e 3 dello stesso art. 2, ripartite da un Comitato composto dai rappresentanti del Ministero dell economia e delle finanze, del Ministero dell interno, del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, delle regioni, delle province e degli enti interessati, sono rimborsate alle regioni, alle province autonome di trento e di Bolzano, alle province nonché all ACI con cadenza mensile a cura dei Ministeri dell economia e delle finanze, dell interno e delle infrastrutture e dei trasporti, secondo le rispettive competenze; VISTO il decreto-legge 13 gennaio 2003, n. 2 convertito nella legge 14 marzo 2003, n. 39 recante Differimento di misure agevolative in materia di tasse automobilistiche il quale ha previsto, tra l altro, che le disposizioni di cui all art. 2 del decreto-legge 8 luglio 2002, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 2002, n. 178, si applicano relativamente alle formalità connesse agli atti di acquisto di autoveicoli, effettuate dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 marzo 2003, nonché, limitatamente alla tassa automobilistica dovuta per gli anni 2004 e 2005, anche agli autoveicoli immatricolati nel periodo compreso tra il 1 e il 12 gennaio 2003; CONSIDERATO che, per far fronte alle esigenze finanziarie derivanti dai rimborsi in favore delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano delle minori entrate realizzate per effetto delle disposizioni agevolative sopra richiamate, sono state iscritte sul cap.

2 dello stato di previsione del Ministero dell economia e delle finanze per i sotto indicati anni le seguenti disponibilità: Anno 2003: ,00; Anno 2004: ,00; Anno 2005: ,00 CONSIDERATO che, sulla base di quanto segnalato dal Comitato di cui all art. 2, comma 4, della legge n. 178 del 2002 nell ambito del verbale relativo alla riunione del 25 novembre 2003, si è provveduto, con decreto n del , ad autorizzare il pagamento in favore delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano dell importo complessivo di ,02, a valere sulle disponibilità iscritte per l anno finanziario 2003 sul predetto cap. 2760, quale compensazione delle minori entrate 2002 derivanti dall esenzione della tassa automobilistica e dell imposta di bollo; CONSIDERATO che, con decreto n del 19 dicembre 2003, registrato al c/impegni dell Ufficio centrale del bilancio presso questo Ministero in data 24 dicembre 2003 (Decr. N 40106, clausola N 1), si è provveduto ad assumere l impegno del finanziamento residuale relativo all anno 2003, pari a complessivi ,98 ( , ,02), così come richiesto dal Comitato sopra richiamato nell ambito dello stesso verbale del , in attesa di acquisire i dati definitivi concernenti gli ecoincentivi dell anno 2003; CONSIDERATO che, con decreto n del , si è provveduto, a valere sui residui 2003 del cap derivanti dall impegno di spesa sopra assunto, ad autorizzare il pagamento in favore delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano dell importo complessivo di ,84 sulla base di quanto comunicato dal Dipartimento per le politiche fiscali, con nota n /2004/DPF/UFF del , in relazione ai dati sugli ecoincentivi 2003 forniti dall ACI, da considerare peraltro provvisori e suscettibili di essere successivamente variati; CONSIDERATO che per effetto di tale ultimo pagamento, le disponibilità iscritte nel conto dei residui 2003 del cap si sono ridotte a complessivi ,14 e che le stesse, al 31 dicembre 2005, sono risultate in perenzione amministrativa contabile;

3 3 CONSIDERATO che, per le disponibilità iscritte sulla competenza del cap per gli anni 2004 ( ,00) e 2005 ( ,00), in mancanza di elementi di conoscenza in ordine ai rimborsi da effettuare per tali anni, si è provveduto ad assumere il relativo impegno con decreti, rispettivamente, n del 17 dicembre 2004 (registrato al c/impegni dell Ufficio centrale del bilancio in data 21 dicembre 2004 Decr. N 25144/Clausola N 1) e n del 6 dicembre 2005 (registrato al c/impegni dell Ufficio centrale del bilancio in data 19 dicembre 2005 Decr. N 31592/Clausola N 1); CONSIDERATO che, a seguito degli impegni come sopra assunti per gli anni 2004 e 2005, si sono formati corrispondenti residui sul cap e che gli stessi, in mancanza di successive utilizzazioni, sono risultati, per gli stessi importi, in perenzione amministrativa contabile in data, rispettivamente, 31 dicembre 2006 e 31 dicembre 2007; CONSIDERATO che il Dipartimento delle finanze, con nota n. 9418/2008 del 30 aprile 2008, ha trasmesso copia del verbale e dei relativi allegati con il quale il Comitato di cui al comma 4 dell art. 2 della legge n. 178 del 2002, nella riunione del 17 aprile, ha approvato, tra l altro, il prospetto relativo ai rimborsi da effettuare in favore delle regioni e delle province di Trento e di Bolzano a compensazione delle minori entrate derivanti dall attuazione, per gli anni 2002 ( ,27 a titolo di imposta di bollo) e 2003, 2004 e 2005 ( ,24 annui a titolo di tassa automobilistica), per un importo complessivo di ,51; CONSIDERATO, peraltro, che mentre per l imposta di bollo relativa all anno 2002 gli importi individuati alla col. 3) del predetto prospetto, pari a complessivi ,27, tengono conto dei pagamenti disposti per lo stesso titolo con il decreto n del ( ,88) come individuati alla col. 1), per quanto riguarda, invece, la tassa automobilistica, gli importi complessivamente individuati per gli anni , non scontano i pagamenti disposti a titolo di acconto con il decreto n del 2 dicembre 2004, pari a complessivi ,84; CONSIDERATO che, sulla base dei dati forniti dal Comitato di cui trattasi e dei pagamenti in acconto nel frattempo autorizzati da questo Dipartimento con il decreto n del 2 dicembre 2004, gli importi da rimborsare alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano risultano in realtà pari a complessivi ,67 ( , ,84)

4 4 TENUTO CONTO che, in base alle risorse finanziarie ancora complessivamente disponibili sul cap. 2760, pari a ,14 ( , , ,00), si è reso possibile, successivamente alla loro reiscrizione in bilancio disposta con DM n del 17 febbraio 2009, provvedere, con decreto n del 10 marzo 2009, al rimborso in favore delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano limitatamente ai seguenti importi: a) ,27 a saldo dell imposta di bollo spettante al 31 dicembre 2002; b) ,87 a parziale copertura dei rimborsi complessivamente spettanti per gli anni a titolo di tassa automobilistica, secondo gli importi individuati nel prospetto n. 2 ivi allegato; CONSIDERATO che successivamente al rimborso come sopra autorizzato il Dipartimento delle finanze, con nota n /Rep VI del 20 maggio 2009, ha comunicato che, a seguito di una ulteriore verifica, risultavano non corretti i dati comunicati a suo tempo con nota n del 20 aprile 2008, atteso che le regioni a statuto ordinario non sono destinatarie dell imposta di bollo ma soltanto della tassa automobilistica, mentre nell ambito delle regioni a statuto speciale la Valle d Aosta è destinataria dei 9/10 di entrambe, il Friuli-Venezia Giulia di nessuno delle due, la regione Sardegna soltanto dei 9/10 dell imposta di bollo, la regione Sicilia di entrambe, le province autonome di Trento e Bolzano dei 9/10 dell imposta di bollo e dell intera tassa automobilistica; CONSIDERATO che ha seguito di quanto comunicato dal Dipartimento delle finanze con la predetta nota, nonché dell ulteriore comunicazione del 1 giugno 2009 (prot. n. 2971/2009/Area I) dello stesso Dipartimento riguardante la rettifica degli importi relativi al rimborso alle regioni Friuli-Venezia Giulia, Sardegna e Valle d Aosta delle minori entrate in materia di tasse automobilistiche per gli anni 2007 e 2008 derivanti dalle disposizioni di cui all art. 1, comma 240, della legge n. 296 del 2006 (LF 2007), già effettuato da questo Ufficio con decreti n del 13 giugno 2007 e n del 12 giugno 2008, si è provveduto, raffrontando le effettive spettanze per tassa automobilistica e imposta di bollo e i rimborsi già effettuati per lo stesso titolo, a determinare gli importi da recuperare nei confronti delle regioni a statuto ordinario, delle regioni a statuto speciale Friuli-Venezia Giulia, Sardegna e Valle d Aosta, nonché quelli da rimborsare ulteriormente (a saldo) in favore delle province autonome di Trento e di Bolzano e della regione Sicilia, secondo quanto evidenziato, rispettivamente, alle coll. 22) e 13) dell allegato prospetto;

5 5 CONSIDERATO che il recupero delle somme erogate in più rispetto alle spettanze è stato effettuato: a) per le regioni a statuto ordinario nell ambito del decreto n del 2 luglio 2009, poi rettificato per le regioni Toscana e Umbria con decreto n del 15 luglio 2009, riducendo di pari importo le quote di finanziamento da trasferire alle stesse regioni per il terzo trimestre 2009 in materia di trasporto pubblico locale (art. 9 del D.Lgs. 422 del 1997) a valere sulle disponibilità del cap. 2856/Mef; b) per la regione Valle d Aosta, riducendo per l importo dovuto la quota di finanziamento erogata per il terzo trimestre 2009 in materia di mercato del lavoro con il decreto n del 17 luglio 2009, sempre con riferimento al cap. 2856/Mef ; c) per le regioni Friuli-Venezia Giulia e Sardegna, per le quali i recuperi di cui trattasi, a motivo della relativa entità, poteva creare difficoltà nello svolgimento delle funzioni conferite in attuazione del federalismo amministrativo qualora fossero stati effettuati con riduzione dei correlati trasferimenti statali, richiedendo il corrispondente riversamento all entrata del bilancio dello Stato; CONSIDERATO che per quanto riguarda, invece, le province autonome di Trento e di Bolzano e la regione Sicilia occorre provvedere ancora all erogazione del saldo di quanto spettante a titolo di tasse automobilistica - al netto dei recuperi da effettuare a carico delle province autonome per i maggiori rimborsi effettuati per le tasse automobilistiche - secondo gli importi indicati alla col. 13) dell allegato prospetto, pari a complessivi euro ,42; CONSIDERATO che le risorse finanziarie al riguardo necessarie sono state assicurate sul sopra citato cap. 2760/Mef nell ambito delle variazioni di bilancio complessivamente autorizzate con l assestamento al bilancio dello Stato per l anno finanziario 2009 (legge n. 121 del 2009), utilizzando al riguardo parte delle disponibilità del cap. 2856/Mef resesi libere dopo il recupero di quanto dovuto dalle regioni a statuto ordinario con le modalità sopra richiamate; RITENUTO di dover provvedere, pertanto, al rimborso a saldo in favore delle province autonome di Trento e di Bolzano e della regione Sicilia delle minori entrate dalle stesse realizzate per effetto delle disposizioni agevolative per l acquisto di autoveicoli ecologici previste dalle norme sopra richiamate;

6 6 VISTA la determina dell Ispettore Generale Capo dell IGEPA del 31 ottobre 2007 (presa d atto UCB n del 5 novembre 2007) con la quale è stata attribuita ai dirigenti dello stesso Ispettorato Generale la delega a firmare i decreti di impegno non superiori a 300 milioni di euro che rientrano nelle attribuzioni istituzionali di rispettiva competenza; VISTO l art. 19 del decreto-legge 1 ottobre 2007, n. 159, recante disposizioni in materia di pagamenti della P.A., con il quale sono state apportate modifiche all art. 48-bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, e il D.M. 18 gennaio 2008, n. 40 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 14 marzo 2008, n. 63) con il quale sono state individuate le relative modalità di attuazione; VISTA la C.M. 29 luglio 2008, n. 22 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 9 agosto 2008, n. 186), con la quale sono state forniti, sulle questioni ritenute di maggior rilievo, taluni chiarimenti in ordine all applicazione della disciplina dei pagamenti di cui al predetto art. 48-bis del D.P.R. n. 602 del 1973, in base ai quali è stato ritenuto non necessario l espletamento della verifica prevista dall art. 2 del D.M. n. 40 del 2008 nell ipotesi, tra l altro, di pagamenti o trasferimenti a vario titolo di somme tra soggetti pubblici; VISTO l art. 77-quater del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, in base al quale, a decorrere dal 1 gennaio 2009, l applicazione delle disposizioni in materia di tesoreria unica di cui all art. 7 del decreto legislativo n. 279 del 1997 è estesa, tra l altro, anche alle regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento e di Bolzano, con la conseguenza che i pagamenti disposti in loro favore dalle amministrazioni statali devono essere accreditati, a partire dalla predetta data, sulle contabilità speciali infruttifere intestate a ciascuna di esse presso la sezione di tesoreria provinciale dello Stato ubicata nel capoluogo di regione/provincia; A U T O R I Z Z A: l impegno dell importo complessivo di euro ,42 in favore delle province autonome di Trento e Bolzano e della regione Sicilia, secondo gli importi indicati alla col. 13) dell allegato prospetto, quale saldo delle minori entrate realizzate per gli anni 2002/2005 a titolo di tasse automobilistica per effetto delle agevolazioni previste per incentivare l acquisto di autoveicoli ecologici dall art. 2 del decreto legge 8 luglio 2002, n. 138 convertito, con modificazioni, nella legge 8 agosto 2002, n. 178, come prorogate dal decreto-legge 13 gennaio 2003, n. 2 convertito nella legge 14 marzo 2003, n. 39, mediante versamento sulle relative

7 7 contabilità speciali accese presso le Tesorerie provinciali dello Stato competenti per territorio e imputazione della spesa a carico delle risorse finanziarie a tale riguardo disponibili sul cap iscritto dello stato di previsione del Ministero dell economia e delle finanze per l anno finanziario 2009 (u.p.b ). Il presente decreto viene trasmesso all Ufficio centrale di bilancio presso questo ministero per il controllo di competenza. Roma, IL DIRIGENTE

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 146981/2008 Provvedimento di determinazione della misura del credito d imposta di cui all articolo 83-bis, comma 26, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e

Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e sentita la Banca d Italia - contiene le istruzioni operative

Dettagli

Ministero della Salute. Decreto 22 ottobre 2013

Ministero della Salute. Decreto 22 ottobre 2013 Ministero della Salute Decreto 22 ottobre 2013 Approvazione del programma, presentato dalla Regione Friuli-Venezia Giulia, per la realizzazione di strutture sanitarie extraospedaliere per il superamento

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 luglio 2014. Ripartizione delle risorse relative al «Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità» 2013-2014

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Art. 2. IL CAPO DELLA DIREZIONE V

Art. 2. IL CAPO DELLA DIREZIONE V DECRETO 29 settembre 2014. Art. 2. Classificazione delle operazioni creditizie per categorie omogenee ai fini della rilevazione dei tassi effettivi globali medi praticati dalle banche e dagli intermediari

Dettagli

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione ALLEGATO 3 Ministero delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti S.p.A. SCHEMA Convenzione per la gestione delle risorse destinate al finanziamento del Programma Straordinario di Edilizia Residenziale

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

COMUNE DI POTENZA. Relazione istruttoria/illustrativa

COMUNE DI POTENZA. Relazione istruttoria/illustrativa COMUNE DI POTENZA Unità di Direzione BILANCIO E FINANZE OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE 2014 E VARIAZIONE AL REGOLAMENTO. Relazione

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Tributi

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Tributi Registro generale n. 4566 del 2011 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Tributi Oggetto Area Entrate e Affari Generali. Imposta

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ma integrata con le risorse europee per lo sviluppo regionale; promuove e coordina i programmi e gli interventi finanziati dai fondi strutturali, i programmi finanziati dal Fondo per lo sviluppo e la coesione,

Dettagli

Le modifiche sono riportate tra i segni ((... )).

Le modifiche sono riportate tra i segni ((... )). Decreto Legge 28-12-1998 n. 450 Disposizioni per assicurare interventi urgenti di attuazione del Piano sanitario nazionale 1998-2000. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 1998, n. 302 Testo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E L INTEGRAZIONE VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, recante «Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE, L ORGANIZZAZIONE E IL BILANCIO SOTTOSCRIZIONE DEFINITIVA ACCORDO UTILIZZO DEL FONDO UNICO DI AMMINISTRAZIONE ANNO 2014 La delegazione di parte pubblica del Ministero

Dettagli

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua.

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. Art. 3. Su ciascun contenitore delle zattere di cui al precedente articolo dovranno

Dettagli

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011

CIRCOLARE N.9/E. Roma, 3 marzo 2011 CIRCOLARE N.9/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 3 marzo 2011 OGGETTO: Articolo 2, comma 1, decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225, convertito con modificazioni dalla legge 26 febbraio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA. il 5 marzo 2014 (v. stampato Senato n. 1254)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA. il 5 marzo 2014 (v. stampato Senato n. 1254) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2157 DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 5 marzo 2014 (v. stampato Senato n. 1254) PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Decreto del ministero dello Sviluppo economico 21 marzo 2013 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 2 luglio 2013 n.

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 21 dicembre 2015. Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge sull usura. Periodo di rilevazione

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

(Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 settembre 2005, n. 220)

(Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 settembre 2005, n. 220) Decreto Ministero del lavoro e delle politiche sociali 22 luglio 2005 Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l'anno 2005. (Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

CONCORDANO Art. 1 PREMI COLLEGATI ALLA PERFORMANCE

CONCORDANO Art. 1 PREMI COLLEGATI ALLA PERFORMANCE Roma, 29 maggio 2013 Ipotesi di accordo sulla utilizzazione delle ulteriori risorse disponibili nell ambito del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività dell anno 2011

Dettagli

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001;

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001; 1 Delibera n. 08/2013 Il Comitato Centrale per l Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto terzi, riunitosi nella seduta del 31 luglio 2013; VISTA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

DECRETO n. 11 del 12 aprile 2016 IL COORDINATORE

DECRETO n. 11 del 12 aprile 2016 IL COORDINATORE Oggetto: Intervento n. 8 della Deliberazione CIPE n. 8/2012, già n. 76 dell'allegato 1 all'accordo di Programma del 12.11.2010, denominato: Stabilizzazione costone roccioso incombente S.S. 163 km 22+600

Dettagli

Art. 1 (Bilancio di competenza - Stato di previsione dell'entrata e della spesa)

Art. 1 (Bilancio di competenza - Stato di previsione dell'entrata e della spesa) Legge regionale 27 aprile 2015, n. 13 Bilancio di previsione della Regione Calabria per l anno finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015 2017. (BURC n. 27 del 27 aprile 2015) Art. 1 (Bilancio di competenza

Dettagli

C O M U N E D I C U R I N G A

C O M U N E D I C U R I N G A C O M U N E D I C U R I N G A (Provincia di Catanzaro) R.G. n. 277 del 01/07/2014 AREA FINANZIARIA DETERMINAZIONE N. 19 del 30.06.2014 OGGETTO : Anticipazioni di liquidità, ai sensi dell art. 13, comma

Dettagli

Ripartizione dei finanziamenti ai programmi regionali sulla "Carbon Tax"

Ripartizione dei finanziamenti ai programmi regionali sulla Carbon Tax N.d.R.: il testo è coordinato con le modifiche apportate dal Dm 5 marzo 2002 (Gazzetta ufficiale 13 giugno 2002 n. 137). Tutte le modifiche di carattere aggiuntivo sono evidenziate in neretto. Decreto

Dettagli

Atto del Sindaco Metropolitano

Atto del Sindaco Metropolitano Atto del Sindaco Metropolitano N.49 del 29/6/2015 Classifica: 004.03 Anno: 2015 (6227245) Oggetto ANNO 2015 - DETERMINAZIONE DELL'ALIQUOTA DELL'IMPOSTA SULLE ASSICURAZIONI CONTRO LA RESPONSABILITA' CIVILE

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N.

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. Allegato alla Delib.G.R. n. 63/2 del 15.12.2015 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. 3 Articolo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E L INTEGRAZIONE VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, recante «Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA N. 26 del 30 giugno 2009 IL CONSIGLIO REGIONALE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA N. 26 del 30 giugno 2009 IL CONSIGLIO REGIONALE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 17-06-2009 REGIONE VALLE D'AOSTA Assestamento del bilancio di previsione per l anno finanziario 2009, modifiche a disposizioni legislative, variazioni al bilancio di previsione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. ALLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 28 gennaio 2015 Regione Siciliana - Riprogrammazione delle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) 2007-2013 per concorso

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. Allegato A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT Ritenuto che risulta dimostrato l interesse pubblico concreto ed attuale alla revoca del provvedimento in esame; Decreta: Art. 1. Il decreto dirigenziale n. 3/CC/2013 regione Calabria del 30 gennaio 2013

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SEGRETERIA. DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 438 di data 5 ottobre 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SEGRETERIA. DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 438 di data 5 ottobre 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SEGRETERIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 438 di data 5 ottobre 2015 OGGETTO: Approvazione rendiconti SGATE per maggiori oneri sostenuti dal Comune

Dettagli

Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010.

Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010. LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 29-12-2009 REGIONE SICILIA Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

Direzione Regionale. il Comune di, con sede in, Via C.F., legalmente rappresentato da, nella sua qualità di, giusta delibera n. del.

Direzione Regionale. il Comune di, con sede in, Via C.F., legalmente rappresentato da, nella sua qualità di, giusta delibera n. del. TS/CS (SC) Direzione Regionale CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE E IL COMUNE DI PER IL PAGAMENTO DELLA TASSA/CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE, DELLE SANZIONI E DEGLI INTERESSI

Dettagli

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1)

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Disposizioni urgenti in materia sanitaria e socio-assistenziale. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 gennaio 1993, n. 14 e convertito in legge, con modificazioni,

Dettagli

Premessa CIRCOLARE N. 32. Roma, 31 OTTOBRE 2012

Premessa CIRCOLARE N. 32. Roma, 31 OTTOBRE 2012 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER LA FINANZA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI UFFICIO XI CIRCOLARE N. 32 Prot. N. 0088259

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 26 marzo 2013. Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientiþ che che chiedono il loro accreditamento per lo svolgimento di attività

Dettagli

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2.

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2. 12 5.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 dell articolo 2, commi 60, 61 e 62, del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 (Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria),

Dettagli

il medesimo art. 204, al comma 1, fissa la percentuale del limite di indebitamento degli enti locali al 10% a decorrere dall anno 2015;

il medesimo art. 204, al comma 1, fissa la percentuale del limite di indebitamento degli enti locali al 10% a decorrere dall anno 2015; PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Rinegoziazione dei prestiti concessi alle Province e alle Città Metropolitane dalla Cassa Depositi e Prestiti società per azioni, ai sensi dell art. 1, comma 430, della

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO ORIGINALE COMUNE DI SANTA MARIA A VICO PROVINCIA DI CASERTA Data Delibera: 25/06/2014 N Delibera: 70 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ACCESSO AL FONDO DI LIQUIDITA' PER ASSICURARE

Dettagli

il Comune di, con sede in Via - C.F., legalmente rappresentato dal dott., nella sua qualità di, giusta delibera n. del premesso:

il Comune di, con sede in Via - C.F., legalmente rappresentato dal dott., nella sua qualità di, giusta delibera n. del premesso: ICI S/L (SC) 1 CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE E IL COMUNE DI PER IL PAGAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI, DELLE SANZIONI E DEGLI INTERESSI E LA FORNITURA DEI RELATIVI FLUSSI INFORMATIVI

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Registro generale n. 3654 del 29/12/2015 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie e Affari Generali Servizio Gestione Economico-Finanziaria

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE

Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Prot n. 2009/37249/giochi/GST Ministero dell economia e delle finanze AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO IL DIRETTORE GENERALE Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, recante disposizioni

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 151 del 03.12.2015 Oggetto: ACCESSO AL FONDO DI LIQUIDITA PER ASSICURARE IL PAGAMENTO DEI DEBITI DEGLI ENTI LOCALI

Dettagli

Decreta: Roma, 22 settembre 2015

Decreta: Roma, 22 settembre 2015 nale, nonché al capitolo 2216 (unità di voto parlamentare 26.1) dello stato di previsione per l anno finanziario 2017 per l importo pari alla somma delle differenze positive fra l ammontare nominale e

Dettagli

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Oggetto: ACQUISTO MATERIALE TIPOGRAFICO '' DIVORZIO BREVE- SEPARAZIONI CONSENSUALI'' PER IL

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 66 del 12/03/2014. Proposta n. 66

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 66 del 12/03/2014. Proposta n. 66 Estratto DETERMINAZIONE N. 66 del 12/03/2014 Proposta n. 66 Oggetto: TASSAZIONE SERVIZIO RACCOLTA, SMALTIMENTO E TRASPORTO RIFIUTI. APPROVAZIONE LISTE DI CARICO TERZA RATA SALDO 2013. Area Economico/ Finanziaria

Dettagli

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it Accordo tra Agenzia delle Entrate e Regioni per la gestione delle compensazioni, eseguite tramite modello F24, in relazione al credito d imposta per la creazione di nuovo lavoro stabile nel Mezzogiorno,

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione PATTO DI STABILITÀ 2015 Relazione allegata al Bilancio di previsione Aspetti introduttivi La legge di stabilità 2015 (L. n. 190/2014) torna a modificare le disposizioni riguardanti il patto di stabilità

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. N. 126 del 18 dicembre 2014

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. N. 126 del 18 dicembre 2014 R E G I O N E C A L A B R I A DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE N. 126 del 18 dicembre 2014 Oggetto: Variazione al Bilancio 2014. Assegnazioni di risorse dallo Stato in relazione a capitoli di pertinenza

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

Servizio risorse umane

Servizio risorse umane DETERMINAZIONE N. 1701 DEL 09/07/2014 Proponente: Servizio risorse umane U.O. proponente: Organizzazione Proposta di determinazione: N. 2014/190 del 08/07/2014 OGGETTO: FONDO DELLE RISORSE PER IL FINANZIAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie. Servizio di Staff

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie. Servizio di Staff Registro generale n. 4068 del 09/12/2014 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Risorse Umane e Finanziarie Servizio di Staff Oggetto Rimborso allo Stato per recupero

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione

Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a.,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 10 aprile 1998, n. 137 DISPOSIZIONI CORRETTIVE DEL DECRETO LEGISLATIVO 15 DICEMBRE 1997, n. 446, CONCERNENTE L'ISTITUZIONE DELL'IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITA' PRODUTTIVE, LA REVISIONE

Dettagli

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA.

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario Il Consiglio regionale ha approvato La seguente legge Art. 1 (Oggetto) IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 387 28/07/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11559 DEL 21/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO Area: TRIBUTI,

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. ALLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE IL CAPO DIPARTIMENTO DECRETO N. 1049/2015 VISTA la legge 6 marzo 2001, n. 64, recante: Istituzione del servizio civile nazionale e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 agosto 2011 OGGETTO: Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Servizi.

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Servizi. Registro generale n. 990 del 01/04/2015 Determina di liquidazione di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Servizi Servizio Lavoro Oggetto

Dettagli

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148 7 RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano

Dettagli

COMUNE DI CURINGA PROVINCIA DI CATANZARO *******

COMUNE DI CURINGA PROVINCIA DI CATANZARO ******* COMUNE DI CURINGA PROVINCIA DI CATANZARO ******* Reg.Gen. N. 484 Del 30 OTT. 2014 DETERMINAZIONE DELL AREA FINANZIARIA n. 26 del 24/10/2014 OGGETTO: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell art.32 del

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 28 NOVEMBRE 2013 544/2013/I RILASCIO DELL INTESA AL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE PER L APPROVAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 2012 DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 30 giugno 2014. Fondo per lo sviluppo e la coesione 2007-2013. Esiti della ricognizione di cui alla

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO l art. 23 quater, comma 9, del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95 convertito con la Legge 7 agosto 2012, n. 135 che, nel prevedere la soppressione dell Agenzia per lo sviluppo del settore ippico

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1243 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Assegnazione all'università degli studi di Trento di risorse per l'esercizio finanziario

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 34 DEL 8/4/2015. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

DETERMINAZIONE N. 34 DEL 8/4/2015. lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; Subentro emergenza alluvione 2013 Prot. 123 Pos. I.4.3. DETERMINAZIONE N. 34 DEL 8/4/2015 Oggetto: Impegno, liquidazione e pagamento della somma di euro 208.873,36 in favore del Consorzio di Bonifica della

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 25 giugno 2014 Pubblicazione dei tassi effettivi globali medi ai sensi della legge sull'usura (legge 7 marzo 1996 n. 108). Periodi di rilevazione 1º gennaio

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 646 23/11/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 18299 DEL 23/11/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: BILANCIO PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO

Dettagli

Schema di convenzione-tipo per contratti di finanziamento

Schema di convenzione-tipo per contratti di finanziamento Schema di convenzione-tipo per contratti di finanziamento CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il.....

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO:

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 7 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE 2 Procedure FESR, attività economiche: programmazione ed attuazione DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO-LEGGE 23 gennaio 2014, n. 3. Disposizioni temporanee e urgenti in materia di proroga degli automatismi stipendiali del personale della scuola. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari Il Servizio Finanziario ESERCIZIO 2011 Relazione tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 22 del 12 02 2015. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n.

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 22 del 12 02 2015. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n. 5094 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO AGRICOLTURA 2 febbraio 2015, n. 5 Misura Investimenti Campagna 2014 2015. Piano Nazionale di Sostegno Vitivinicolo Reg. (CE) n. 1308/2013 D.M. n. 1831 del 4 Marzo

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

CITTA' DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE

CITTA' DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE Deliberazione della Giunta Comunale N. 118 del 26/11/2015 CITTA' DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE Atto n. 118 /GC del 26/11/2015 OGGETTO: SOTTOSCRIZIONE CONTRATTO DI ANTICIPAZIONE DI LIQUIDITA

Dettagli

Segreteria e Direzione Generale Servizio Sistemi Informativi. Determinazione n. 221 del 13/02/2014

Segreteria e Direzione Generale Servizio Sistemi Informativi. Determinazione n. 221 del 13/02/2014 Segreteria e Direzione Generale Servizio Sistemi Informativi PROP. NUM. 309/2014 Determinazione n. 221 del 13/02/2014 Oggetto: AFFIDAMENTO, IMPEGNO SPESA E APPROVAZIONE SCHEMA CONTRATTUALE PER SERVIZIO

Dettagli

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale;

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale; IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA PROPOSTA DEL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE E CON IL MINISTRO DEI BENI E DELLE ATTIVITA

Dettagli