DELLA PROVINCIA DI FERMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELLA PROVINCIA DI FERMO"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE ITALIANA DONATORI DI ORGANI TESSUTI E CELLULE Gruppo Comunale Fermo UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE UFFICIO V - AMBITO TERRITORIALE ASCOLI PICENO - FERMO ROTARY CLUBS DELLA PROVINCIA DI FERMO (Alto fermano - Sibillini, Fermo, Montegranaro, Porto San Giorgio - Riviera fermana) INDAGINE STATISTICA PER LA RILEVAZIONE DEGLI STILI DI VITA DEGLI STUDENTI DELLE CLASSI 4 a E 5 a DELLE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO DELLA PROVINCIA DI FERMO PATROCINIO DI PROVINCIA DI FERMO COMUNE DI FERMO

2

3 INDAGINE STATISTICA PER LA RILEVAZIONE DEGLI STILI DI VITA DEGLI STUDENTI DELLE CLASSI 4^ E 5^ DELLE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO DELLA PROVINCIA DI FERMO A cura di Simona Flammini 1 Il contesto nel quale viviamo è caratterizzato da grandi cambiamenti di ordine economico, sociale, ambientale, lavorativo, tecnologico, sanitario, ecc. Si tratta di fenomeni di grande portata, che sembrano difficilmente comprensibili e governabili, di fronte ai quali è forte il senso di minaccia e di impotenza. Nella vita quotidiana le persone si trovano così a fare i conti con i costi sociali e personali di questi fenomeni, con le fatiche relative a riadattamenti continui. Ciò ha ricadute anche sui servizi che sono chiamati ad affrontare questioni, domande, attese che mettono in discussione le modalità con cui fino ad oggi si è cercato di affrontare e gestire queste situazioni. Sembra crescere un ampia zona grigia, un area di disagio diffuso, meno visibile e identificabile di un tempo, che sfugge a criteri di classificazione e a quadri interpretativi più consolidati. Ciascuno (scuola, agenzia educativa, servizio sociale, sanitario, associazioni, famiglie, ) è portatore di una rappresentazione necessariamente parziale di fenomeni più complessi e della funzione che è chiamato ad esercitare nella società. E proprio a partire da queste ipotesi che oggi sempre di più si enfatizza e si sostiene l importanza dell integrazione fra servizi. Essa è sostenuta non solo da normative, ma anche identificata come condizione indispensabile per lo sviluppo di progettualità efficaci nei contesti. Si cercherà pertanto di mettere in luce fatiche ed opportunità del progettare insieme ad altri come strategia per cercare di costruire problemi, attraverso l esplorazione di diversi punti di vista e l individuazione di ipotesi congruenti con ciò che osserviamo e sperimentiamo. Attraverso esemplificazioni a partire dal mondo della scuola e della sanità si intende offrire elementi di riflessione, suggestioni ed attenzioni da presidiare e sviluppare per promuovere pratiche di coprogettazione che non si collochino solamente sul versante istituzionale e formale, ma che possano assumere le complessità dei diversi contesti, valorizzando risorse, competenze ed esperienze degli attori in gioco. Il Protocollo d Intesa tra il Ministero della Salute ed il Ministero della Pubblica Istruzione, firmato il 5 gennaio 2007, ha stabilito la necessità che nei limiti delle rispettive competenze vengano definite strategie comuni tra salute e scuola e vengano realizzati interventi che impegnino il sistema scolastico ed il sistema sanitario a promuovere una cultura condivisa in materia di promozione della salute per la prevenzione di patologie croniche e per il contrasto di fenomeni tipici dell età giovanile. Nella società odierna emerge fortemente la necessità di rendere visibile e verificabile la promozione della salute nella scuola, sottoforma di programmi di intervento che, benché sviluppati autonomamente nelle sedi locali, siano in grado di rispondere ad un azione concertata e coerente sul piano nazionale e di cui sia possibile misurare il conseguimento. 1 Docente comandato presso l Ufficio V Ambito Territoriale di Ascoli Piceno e Fermo (Ufficio Scolastico Regionale per le Marche) 1

4 In questi anni le scuole hanno prodotto un ricco patrimonio di esperienze, percorsi progettuali, interventi formativi, curricoli multidisciplinari in cui la promozione della salute: - ha esplicato la valenza preventiva sottesa ai processi formativi; - ha contribuito alla traduzione della conoscenza in stili di vita valorizzando le valenze disciplinari in termini di progettualità, autostima, scambio, dialogo, regolazione dei conflitti, condivisione costruttiva delle norme, consapevolezza, senso di appartenenza, spirito d accoglienza; - ha offerto strumenti di rilevazione e di lettura delle forme di sofferenza personali suscettibili di strutturarsi (in assenza di risposte adeguate) in abbandoni e insuccessi formativi; - ha fornito ai percorsi della comunicazione complessa elementi di valorizzazione della persona, includendola in una relazione di scambio efficace e partecipato. Il presente monitoraggio rientra nel quadro generale degli interventi di promozione della salute di cui le parole chiave sono: sani stili di vita e benessere. Il questionario ha riguardato le varie fasi della crescita contestualizzato rispetto all'ambiente di vita e rispetto ai bisogni emersi. Hanno collaborato: Gruppo comunale di Fermo ROTARY CLUBS DELLA PROVINCIA DI FERMO (Alto Fermano-Sibillini, Fermo, Montegranaro, Porto San Giorgio-Riviera Fermana) Provincia di Fermo Comune di Fermo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ufficio V Ambito Territoriale Ascoli Piceno - Fermo 2

5 MONITORAGGIO: CONTENUTI DELL INDAGINE L elaborazione dei dati della presente indagine è stata possibile grazie al fattivo contributo, volontario, dei ragazzi del DIURNO sotto la guida della Dott.ssa Mori del Servizio Territoriale Dipendente Patologico dell ASUR ZT11 diretto dalla Dott.ssa Sacchini. Il più sentito ringraziamento per questo nostro lavoro va ai Dirigenti Scolastici delle 13 Scuole Secondarie di II Grado della Provincia di Fermo e agli 848 studenti che hanno partecipato all indagine campionaria. Si ringrazia, inoltre, l Ente Promotore, AIDO Gruppo comunale di Fermo e tutti coloro che, con le loro proposte e suggerimenti, hanno consentito la realizzazione della ricerca. Il monitoraggio sottintende un riconoscimento dell impegno degli addetti ai lavori, ma anche l intenzione di valorizzare i punti di vista degli interlocutori nella consapevolezza che la scuola esige condivisione e corresponsabilità. Si tratta di un indagine campionaria con rappresentatività provinciale. L ampio ventaglio delle problematiche affrontate nell indagine ha consentito di scandagliare aspetti sia educativo-didattici sia relativi al benessere dello studente. I risultati, che qui presentiamo, offrono una prima chiave di lettura, tratteggiano uno spaccato della scuola articolato e significativo, confermano tematiche al centro del dibattito pedagogico e sociale, delineano interessanti ed impegnative trame di ricerca. Lo scenario in cui viviamo è ambivalente: per ogni persona, per ogni comunità, per ogni società si moltiplicano sia le opportunità che i rischi. L orizzonte territoriale della scuola si è allargato. Ogni specifico territorio possiede legami con le varie aree del mondo che anche su scala locale riproduce opportunità, interazioni, tensioni, convivenze globali. Alla scuola spetta il compito, senza abdicare, di fornire supporti adeguati affinché ogni persona sviluppi un identità consapevole ed aperta, formandola saldamente sul piano cognitivo e culturale affinché possa affrontare positivamente l incertezza e la mutevolezza degli scenari sociali e professionali, nella prospettiva di valorizzare gli aspetti peculiari della personalità di ognuno. Lo studente è posto al centro dell azione educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali, etici, spirituali e corporei. Tra le modalità d intervento è stato realizzato un monitoraggio mediante le strutture provinciali che hanno ricoperto il ruolo di osservatori. GLI ASPETTI METODOLOGICI Il campione utilizzato corrisponde a tutti gli studenti delle classi 4^ e 5^, delle Scuole Secondarie di secondo grado, che hanno aderito all iniziativa: n 13 Istituti Scolastici n 848 Studenti (425 femmine 408 maschi 15 non indicato) È stato predisposto un questionario per tutti i soggetti la cui compilazione, anonima, è avvenuta su supporto cartaceo. 3

6 IL CONTENUTO DELL INDAGINE Le considerazioni, le tabelle, i grafici, i dati riportati nel presente volume sono frutto di una prima analisi che ha cercato di individuare alcune correlazioni tra gli elementi più significativi emersi dai risultati delle elaborazioni effettuate. La quantità di informazioni a disposizione consente numerosi approfondimenti e diverse piste di lettura che potranno costituire nuovi momenti di esame e confronto. La scuola costituisce la sede privilegiata per interventi educativi finalizzati a promuovere la salute dei ragazzi, anche con una stretta collaborazione tra gli studenti ed il territorio; può veicolare messaggi di una nuova cultura della salute, di inclusione e protezione socio-sanitaria delle famiglie a maggior rischio o provenienti da culture diverse; è un ambiente anche per interventi a sostegno della salute, per attività di informazione, per l'acquisizione di comportamenti corretti e consapevoli. Lo star bene a scuola concorre in modo determinante a prevenire la dispersione scolastica (Lisbona 2010). QUESTIONARIO Il questionario, multidimensionale, riservato agli alunni tra i 16 e i 18 anni, è stato predisposto per dare voce agli attori primi del sistema di istruzione scolastica: essi sono i principali protagonisti di ciò che la scuola, con i suoi obiettivi di apprendimento, i programmati traguardi per lo sviluppo delle competenze, le strategie operative e con la sua organizzazione offre, per contribuire alla formazione di cittadini liberi e responsabili. Si è utilizzato un linguaggio semplice e chiaro per ovviare a qualsiasi tipo di ambiguità nelle domande, offrendo un ventaglio di opzioni (per ciascun item) capace di rappresentare le possibili risposte da indicare. Gli item sono stati divisi in 8 aree: - alimentazione (abitudini alimentari) - sonno - attività fisica - uso sostanze psicotrope - sessualità (comportamenti a rischio) - tempo libero - rapporti con i pari - rapporti con insegnanti e scuola (ambiente scolastico) L anonimato del questionario ha garantito agli alunni serenità nel rispondere. La lettura dei dati raccolti ha permesso di accedere al loro mondo, capire il loro punto di vista e toccare con mano come loro vivono lo stare a scuola tra i banchi, con gli insegnanti e con i compagni. 4

7 Indagine per la rilevazione degli stili di vita degli studenti delle scuole secondarie di II grado della Provincia di Fermo Scuola. Classe Età. Sesso M - F ALIMENTAZIONE 1- Su una scala da 1 a 10 (con 1=per niente; 5=moderatamente; 10=tantissimo)quanto ritieni importante il ruolo che l alimentazione gioca nei confronti della salute? 2- Come reputi le tue abitudini alimentari?* adeguate in linea con le raccomandazioni parzialmente adeguate in linea con alcune raccomandazioni non adeguate non in linea con le raccomandazioni 3- Fai quattro pasti regolari al giorno (colazione, pranzo, merenda, cena)? Si No, mangio più di quattro volte al giorno No, mangio meno di quattro volte al giorno Se no, quale pasto salti? * secondo le raccomandazioni un alimentazione sana dovrebbe essere varia, evitando sia le carenze sia gli eccessi di alimenti specifici. È buona norma assumere almeno 1 litro di acqua al giorno, grassi vegetali ad ogni pasto, verdure in abbondanza, 2/3 porzioni di frutta al giorno, moderare l uso delle carni rosse e dei grassi animali. SONNO 4- Su una scala da 1 a 10 (con 1=per niente; 5=moderatamente; 10=tantissimo)quanto ritieni importante il ruolo che il sonno gioca nei confronti della salute? 5- A che ora sei abituato ad andare a dormire la sera? 6- Quante ore dormi per ogni notte? ATTIVITA FISICA 7- Su una scala da 1 a 10 (con 1=per niente; 5=moderatamente; 10=tantissimo) quanto ritieni importante il ruolo che l attività fisica gioca nei confronti della salute? 8- Pratichi attività fisica/sportiva? Una volta a settimana 2/3 giorni a settimana Tutti i giorni No USO SOSTANZE PSICOTROPE 9- Attualmente fumi sigarette? Mai Non regolarmente Regolarmente Se fumi regolarmente A quanti anni hai cominciato? 5

8 10- Quante volte hai bevuto tanto da essere davvero ubriaco? Una volta 2/3 volte 5/10 volte Più di 10 volte Mai 11- Oltre alla nicotina e all alcool hai assunto almeno una volta nella vita altre droghe? no si quali droghe hai assunto? SESSUALITA 12- Hai già avuto rapporti sessuali completi? No Si a quanti anni la prima volta? 13- Usi metodi contraccettivi? No Si 14- se si, quali? 15- Con quale frequenza? Sempre Qualche volta mai TEMPO LIBERO 16- di solito, nel tuo tempo libero, quante ore al giorno guardi la televisione durante i giorni di scuola (videocassette e DVD compresi)? 17- Di solito, nel tempo libero, quante ore al giorno giochi al computer o alla play station o simili (Xbox, Gamecube,ecc.), durante i giorni di scuola? 18- Cosa fai nel tempo libero? RAPPORTO CON I PARI 19- Quanti veri amici hai? 20- Di solito quanti pomeriggi a settimana esci con i tuoi amici? 21- Di solito quante sere a settimana esci con i tuoi amici? 6

9 RAPPORTO CON INSEGNANTI E SCUOLA 22- Secondo te, cosa ne pensano i tuoi insegnanti del tuo rendimento scolastico? ottimo buono medio scarso pessimo 23- Quante ore dedichi giornalmente allo studio? 24- Gli insegnanti si occupano dei problemi degli studenti? Si no 25- I miei compagni mi accettano per quello che sono? si no 26- Mi trovo bene nella mia classe? si no L indagine è stata condotta somministrando il questionario in 13 scuole: 1. Istituto d Arte di Fermo 2. Liceo socio-psico pedagogico Fermo 3. Liceo scientifico T. C. O. di Fermo 4. Liceo scientifico Montegiorgio 5. Liceo Classico Annibal Caro Fermo 6. ITC Amandola 7. IPSIA Fermo 8. Geometri Fermo 9. Ragioneria Fermo 10. Liceo scientifico Leonardo Da Vinci Fermo 11. ITIS Montani Fermo 12. Liceo Artistico Porto San Giorgio 13. ISITPS Porto Sant Elpidio Alunni Maschi N % Femmine N % Non indicato N 15 2% 7

10 ALIMENTAZIONE Un analisi effettuata dall Istituto Svedese per la Sanità pubblica ha concluso che nell Unione Europea il 4,5% dei DALY (Disability-Adjusted lifeyears anni di vita persi) è imputabile ad un alimentazione scorretta, con un ulteriore 3,7% imputabile all obesità e un 1,4% imputabile all inattività fisica. Le abitudini alimentari e di attività fisica assunte durante l infanzia e l adolescenza hanno un impatto sulla salute del futuro adulto sia in modo diretto (costruzione della massa ossea, crescita e sviluppo adeguati, sviluppo di patologie metaboliche compreso il diabete di tipo II ) sia in modo indiretto (costruzione e consolidamento di abitudini e di attività motoria più o meno salutari). Le principali raccomandazioni condivise in campo nutrizionale riguardano: il consumo di frutta e verdura (almeno 5 porzioni 3 di frutta e 2 di verdura secondo le indicazioni dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione); il consumo di dolci e bibite zuccherate (per i quali però non è ancora stato stabilito un cutoff condiviso, anche perché la quantità permessa, trattandosi di calorie discrezionali, è strettamente dipendente dalla quantità di attività fisica effettuata American hesrt association Dietary recommendation for children and adolescents: a guide for practitioners: consensus statement from the American heart association ; la necessità di consumare la colazione del mattino. Le scelte educative e le politiche della scuola in merito alla promozione della salute degli allievi (ad esempio la possibilità di svolgere attività motoria a scuola, la quantità e la qualità dei pasti serviti in mensa. ) rafforzano, infine, abitudini alimentari e livelli di attività fisica corretti. La media che risulta dall elaborazione è 8,3% (scala da 1 a 10) che indica come i ragazzi associno in maniera forte la salute con l adozione di sane abitudini alimentari. Idea condivisa dalla maggior parte degli studenti che nelle diverse scuole si mantengono pressoché sugli stessi valori. Quanto ritieni importante il ruolo dell'alimentazione nei confronti della salute? 9,5 9,0 8,9 Psico-pedagogico ISITPS Isd'AF 8,5 8,5 8,5 8,3 8,3 8,1 8,1 8,1 8,2 8,5 8,6 8,4 Liceo Artistico Itis Montani Classico Fermo 8,0 Scientifico Da Vinci 7,5 7,0 7,6 Scientifico Montegiorgio ITC Amandola Ragioneria Fermo Geometri Fermo Ipsia Fermo Scientifico Fermo 6,5 Scuole 8

11 Solo il 12%, tuttavia, ha delle abitudini alimentari adeguate ed in linea con le raccomandazioni, il 13% possiede abitudini non adeguate o non in linea con le raccomandazioni ed il 75% si situa in una posizione parzialmente adeguata. Come giudichi le tue abitudini alimentari? Abitudini alimentari parzialmente adeguate 54% In linea con alcune raccomandazioni 21% Non adeguate 8% Adeguate ed in linea 12% Non in linea con le indicazioni 5% Quanti pasti fai in una giornata? Mangia meno di 4 volte al giorno 26% Fa 4 pasti regolari 57% Mangia più di 4 volte al giorno 17% 9

12 SONNO La media complessiva rispetto quanto la salute sia collegata al sonno è 7,9 (scala da 1 a 10) quindi abbastanza elevata anche se il confronto tra alunni di scuole differenti mostra alcune differenze di una certa entità. Quanto ritieni importante il ruolo del sonno nei confronti della salute? 8,6 8,5 Socio_pedagogico 8,4 8,3 ISITPS 8,2 8,2 8,1 Isd'AF 8,0 7,9 7,9 8,0 7,9 Liceo Artistico ITIS Montani 7,8 7,7 7,8 7,7 7,7 Classico Fermo 7,6 Scientifico Da Vinci 7,4 7,2 7,0 6,8 7,2 Scientifico Montegiorgio ITC Amandola Ragioneria Fermo Geometri Fermo IPSIA Fermo Scientifico Fermo 6,6 Scuole La pubertà è un periodo di enormi cambiamenti. Il corpo dell'adolescente è impegnato in un imponente lavoro di ristrutturazione e, per svolgerlo come si deve, ha bisogno di un'adeguata quantità di sonno: almeno 10 ore, come nell'infanzia. Ma proprio nell'età adolescenziale i ragazzi tendono a diventare 'animali notturni'. Decidere da soli quando andare a letto rappresenta un segno di maturità e d'indipendenza, la prova, che si e ormai adulti. La sonnolenza accumulata abbassa notevolmente il livello delle prestazioni scolastiche, appanna il senso critico e può essere causa di infortuni. 10

13 In media quante ore dormi per notte? 10,0 9,0 8,6 Pedagogico ISITPS 8,0 7,0 7,6 7,3 7,2 7,3 7,5 7,3 6,9 7,5 7,6 7,2 7,1 7,5 Isd'AF Liceo Artistico ITIS Montani 6,0 Classico Fermo 5,0 Scientifico Da Vinci 4,0 Scientifico Montegiorgio ITC Amandola 3,0 Ragioneria Fermo 2,0 Geometri Fermo 1,0 IPSIA Fermo 0,0 Scuole Scientifico Fermo In media gli studenti dormono 7,4 ore per notte senza significative differenze tra scuola e scuola (leggero picco Liceo Scientifico di Montegiorgio) La maggior parte degli adolescenti richiede almeno nove ore di sonno a notte, ma ne ottengono molte di meno. Infatti i dati ottenuti dal monitoraggio confermano la media oraria del sonno nell adolescente che è di circa 7 ore. Le cause della riduzione dell orario del sonno, dell età prepubera possono essere identificate attraverso: - motivi sociali: nella fretta di lasciarsi l'infanzia alle spalle, restano alzati il più a lungo possibile, pretendono di uscire la sera, o s'incollano al computer per 'chattare' con gli amici o 'navigare in rete' fino a notte fonda. Il mattino, poi, si alzano presto per andare a scuola. - alterazione dei ritmi circadiani, il che contribuisce alla loro incapacità di addormentarsi fino alle ore piccole. Dal momento che molti ragazzi non vanno a dormire prima delle 23, ma devono essere a scuola intorno alle 8, non possono ottenere un adeguata quantità di sonno. La ghiandola pineale rilascia la melatonina durante la notte e questo provoca un ritardo del sonno. Dunque, quando è il momento di alzarsi, il corpo di un adolescente sta ancora producendo ormoni notturni. Questo rende difficile per loro sentirsi attivi ed energici al mattino. Scuola, casa, servizi per la comunità, attività extracurricolari, vita sociale attiva e il lavoro a tempo parziale li tengono occupati dalle prime ore del mattino fino a tarda notte. Si finisce così per tentare di colmare una mancanza di sonno dormendo tutto il fine settimana. Purtroppo, questo contribuisce ad uno stile di sonno irregolare che di fatto rende il problema ancora più grave, portando ad una sorta di jet lag quando il lunedì mattina riprende la quotidianità. Inoltre la qualità del sonno è alterata per una prevalenza del sonno leggero ed una riduzione del sonno REM, necessario alla rielaborazione dei dati acquisiti in veglia. 11

14 ATTIVITA FISICA Il valore medio generale è 8 quindi anche in questo caso i ragazzi attribuiscono una forte correlazione tra salute ed attività fisica anche se confrontando i valori si evidenziano delle differenze tra studenti di scuole differenti (dal 7,3 del Liceo Scientifico Da Vinci al 8,7 dell ITC di Amandola). Quanto ritieni importante il ruolo dell'attività fisica nei confronti della salute? 9,0 Pedagogico 8,7 ISITPS 8,5 8,3 8,4 8,5 8,4 8,3 Isd'AF Liceo Artistico 8,0 ITIS Montani 8,0 7,9 Classico Fermo 7,7 7,7 7,7 Scientifico Da Vinci 7,5 7,5 7,3 Scientifico Montegiorgio ITC Amandola Ragioneria Fermo 7,0 Geometri Fermo IPSIA Fermo Scientifico Fermo 6,5 Scuole Nell indagine, le domande sono volte ad affermare una concezione dell attività sportiva che va al di là della mera attività fisica agonistica, divenendo, invece, un momento di benessere fisico e psicologico che coinvolge tutti gli studenti. Occorre investire nell attività fisica durante l orario scolastico, nonché agevolare migliori condizioni per il suo svolgimento contribuendo, così, ad una maggiore diffusione di una nuova cultura del movimento tra i più giovani. 12

15 Quanta attività fisica svolgi ogni settimana? Non pratica attività fisica 23% Una volta a settimana 22% Tutti i giorni 13% 2/3 giorni a settimana 42% Per quanto riguarda la pratica di attività fisica, attualmente, almeno i due terzi degli studenti svolge attività motoria moderata e costante. Le raccomandazioni nazionali suggeriscono almeno 1 ora di attività fisica, da moderata ad intensa, almeno 5 giorni la settimana, possibilmente 7. (http://prevention.sph.sc.edu//tools/docs/documents). La valutazione delle abitudini alimentari e di attività fisica non è semplice in nessuna età, come dimostrato dalla grande massa di letteratura specializzata dedicata a questi argomenti. Attualmente, sono disponibili degli strumenti validi a livello sia nazionale sia internazionale che consentono, oltre alla rilevazione della abitudini, a fini statistici, il confronto fra diverse realtà (strumenti validi per gli adulti possono essere il Global Physical Activity Questionnaire GPAQ - del World Health Organization e l Internationa Physical Activity Questionnaire), come i questionari dello studio HBSC. Questo studio è stato condotto in Italia nel 2001, aggiornato nel 2006 e 2010 e fornisce delle interessanti indicazioni sulle abitudini dei ragazzi italiani riguardo alcune determinanti dell obesità (alimentazione ed attività motoria). Pertanto stili nutrizionali, livelli di attività motoria ed organizzazione della giornata (adeguate ore di sonno) sono fattori su cui è possibile intervenire migliorando nel contempo la qualità della salute degli studenti. 13

16 USO SOSTANZE PSICOTROPE Attualmente fumi sigarette? Si regolarmente 21% Si saltuariamente 15% NO 64% Manca un approfondimento sull età in cui si inizia a fumare ma sono stati pochi i ragazzi che hanno risposto alla domanda L argomento del fumo può essere affrontato da tre prospettive diverse che potremmo definire: 1) individualistica; 2) relazionale (micro sociale); 3) contestuale (macro sociale). Il discorso si focalizza sulle implicazioni e sul significato che il fumo e l atto del fumare possono avere per il singolo individuo. Si inscrive nella prospettiva individualistica anche l inquadramento del fumo effettuato dall OMS: nella Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD-10), si considera infatti il tabacco come una delle possibili cause, accanto all alcool e agli oppioidi, delle cosiddette sindromi di disturbi psichici e comportamentali connessi all uso di sostanze psicoattive. La prospettiva individualistica è diffusa anche in psicologia: in questo ambito si sottolineano, infatti, le abitudini del singolo ed il suo rapporto con il fumo. Si parla della dipendenza, psicologica appunto, che si instaura con la sigaretta e dei rituali che si creano quando si fuma. Per fare un esempio letterario, possiamo ricordare il legame tra Sherlock Holmes e la sua pipa. Ne 14

17 La lega dei capelli rossi il famoso investigatore dice all amico Watson: si tratta di un problema che chiede non meno di tre pipate e la prego di non rivolgermi la parola per cinquanta minuti. Per Holmes il fumo è quindi a mezza strada tra il piacere in sé e la possibilità di rilassarsi per concentrarsi sulle cose. Il fumo può essere considerato anche un mediatore interpersonale. Un esempio evidente di questo ci viene dal mondo giovanile. Se guardiamo, ad esempio, la fascia d età in cui compare l abitudine al fumo possiamo rilevare che la media si colloca tra i 12 ed i 18 anni. Per quale motivo? Cosa accade in questa fascia d età? Anche senza approfondire la questione, è possibile associare l avvio dell abitudine al fumo con le caratteristiche del periodo adolescenziale, in cui si rafforza l importanza del gruppo dei coetanei rispetto a quello familiare. L iniziazione alle sigarette è fortemente influenzata, sia nelle ragazze che nei ragazzi, da una serie di pressioni di tipo sociale ed ambientale, su cui si innestano i bisogni psicologici tipici di questa età. La prima sigaretta viene dunque consumata frequentemente con gli amici per accreditare, all interno del proprio gruppo di riferimento, un immagine di maturità e per rinforzare il senso di integrazione tra sé e gli altri. L atto del fumare assume cioè una forte valenza relazionale, in quanto aiuta a stabilire, mantenere e consolidare le amicizie. Nello stesso tempo consente di accedere, anche se solo simbolicamente, a quel mondo adulto a cui è invece difficile appartenere sul piano di realtà. Il fumo non è un fenomeno circoscrivibile esclusivamente all ambito individuale, ma è un qualcosa che si radica nelle dinamiche relazionali in cui la persona è inserita. In qualche modo, l atto del fumare consente di aggregare e differenziare le persone (basti pensare alle due grandi categorie fumatori/non fumatori), di agire le emozioni e le tensioni che si sviluppano all interno delle relazioni lavorative, di fungere da mediatore interpersonale. Tale constatazione ci conduce al terzo punto di vista: la prospettiva contestuale. Il fumo di tabacco non è svincolato dai più vasti processi di innovazione tecnologica e di trasformazione sociale. Basti ricordare, come esempio dei primi, sia la tecnica di arrotolamento delle foglie e l uso della carta all esterno del cilindro di tabacco, messa a punto dagli egiziani nel 1832, sia l invenzione della macchina per la produzione delle sigarette nel Il significato e le valenze del fumo si modificano però anche in funzione dei costumi e dei modelli sociali. Guardiamo ora la rappresentazione del fumo che emerge dagli studi scientifici e dalle recenti normative in merito: la connotazione si capovolge immediatamente. Si parla, infatti, di epidemia da fumo, si evidenziano i danni alla salute prodotti sia a livello individuale che collettivo dal fumo di tabacco, si sottolinea a volte in modo anche esageratamente svalutativo la dipendenza e l assuefazione alla nicotina del fumatore: in sostanza si cerca di limitare e censurare questo tipo di comportamento. Non a caso, la legislazione italiana in tema di tabagismo può essere considerata tra le più avanzate e complete tra quelle dei Paesi occidentali ed è stata la prima ad aver previsto il divieto di pubblicizzazione dei prodotti di tabacco (ad onor del vero, la disposizione n 165 del 1962 fu in seguito abrogata per essere approvata definitivamente solo nel 1983). 15

18 Quante volte hai bevuto tanto da essere ubriaco? Il consumo di alcol da parte dei giovani, negli ultimi anni, sembra aver assunto proporzioni sempre più rilevanti, accompagnandosi ad una modificazione, in senso negativo, delle abitudini, delle modalità e delle motivazioni rispetto all uso e all abuso di questa sostanza. Appare preoccupante l abbassamento di età di primo contatto con le bevande alcoliche: il 54% risulta essersi ubriacato almeno una volta. Mai 46% Più di 10 volte 10% Una volta 16% 2/3 volte 19% Da 5 a 10 volte 9% In media il 16,8% degli studenti ha assunto almeno una volta nella vita altre droghe. Nella tabella sottostante troviamo il dato percentuale per ogni singola scuola: Percentuale di studenti che hanno assunto altre droghe (oltre alcool e nicotina) 30,0 27,8 Pedagogico 26,2 ISITPS 25,0 20,0 22,4 20,0 18,5 22,9 Isd'AF Liceo Artistico ITIS Montani Classico Fermo 15,0 10,0 10,3 13,0 11,5 14,4 10,0 14,8 Scientifico Da Vinci Scientifico Montegiorgio ITC Amandola 6,8 Ragioneria Fermo 5,0 Geometri Fermo IPSIA Fermo 0,0 Scuole Scientifico Fermo In molti paesi europei la seconda sostanza illecita usata più di frequente è un tipo di droga prodotta sinteticamente. Il consumo di queste sostanze da parte della popolazione è generalmente basso, ma i tassi di prevalenza nelle fasce più giovani sono notevolmente maggiori e in certi ambienti sociali o gruppi culturali il consumo di queste sostanze può essere estremamente elevato. 16

19 SESSUALITA Ha avuto rapporti sessuali completi il 42,4% degli studenti come risulta dalla media percentuale (la discrepanza risiede nell alto numero di alunni che non ha risposto e che in questo grafico non vengono conteggiati). Il notevole abbassamento di età del primo rapporto sessuale rendono, più che mai, necessaria un attività di prevenzione al fine di fornire maggiore consapevolezza dei comportamenti a rischio. Hai avuto rapporti sessuali completi? NO 59% SI 41% Il confronto tra i dati delle diverse scuole risulta evidente dal grafico successivo (significativo il gap tra valore massimo 58,6% e valore minimo 22%) 17

20 Alunni che hanno avuto rapporti sessuali completi (percentuale) 70,0 Pedagogico 60,0 58,6 55,6 52,5 51,9 ISITPS Isd'AF 50,0 48,3 Liceo Artistico 40,0 41,0 35,9 42,3 40,0 40,0 ITIS Montani Classico Fermo 31,5 32,1 Scientifico Da Vinci 30,0 Scientifico Montegiorgio 20,0 10,0 22,0 ITC Amandola Ragioneria Fermo Geometri Fermo IPSIA Fermo 0,0 Scuole Scientifico Fermo L esiguo numero di risposte riguardo alla contraccezione determina una certa cautela nell interpretazione dei dati. Il 35,1% dei ragazzi dichiara di utilizzare metodi contraccettivi, dato che però sembra più corretto interpretare come disposizione ad utilizzare in quanto viene indicato anche da alcuni che dichiarano di non aver avuto rapporti sessuali completi. Quasi la totalità dei rispondenti utilizza il condom come metodo contraccettivo. Poco significativi i dati sulla frequenza di utilizzo. La sfera emozionale affettiva riveste una notevole importanza nello sviluppo dell'individuo, soprattutto nelle fasi di vita della preadolescenza e dell adolescenza, in cui il ragazzo e la ragazza cominciano a definire le proprie scelte personali e sociali. La fase di vita della preadolescenza e dell'adolescenza comprende anche lo sviluppo della dimensione sessuale, coinvolgendo diversi aspetti della personalità che, andando al di là dell'identità corporea del soggetto, coinvolge l'identità psicologica e sociale della persona nei suoi rapporti con gli altri. Lo sviluppo sessuale, che trova la sua più ampia realizzazione nel periodo puberale, può provocare confusione nel ragazzo e nella ragazza che può riscontrare difficoltà nel comprendere i propri cambiamenti e gestire le proprie scelte. L interesse per la contraccezione è perciò molto forte in questo periodo, infatti i ragazzi percepiscono tale tema come pressante e fondamentale nel campo sessuale. Purtroppo questo interesse non sempre si trasforma nell attuazione di comportamenti corretti, in quanto molto spesso essi hanno sentito parlare di metodi contraccettivi, ma non sono né consapevoli di un uso adeguato, né tantomeno hanno dato spazio a una riflessione sulle loro scelte in campo sessuale. A volte i ragazzi pongono esclusivo accento sulla prevenzione della gravidanza, altre volte sulla prevenzione di malattie sessualmente trasmesse, senza comprendere a fondo il reale utilizzo né degli strumenti della prevenzione né della sua utilità; altre volte ancora la confusione prevale assoluta. 18

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

SE MI LASCI NON CRESCI

SE MI LASCI NON CRESCI F.S.E. Fai Scuola con l'europa Evento di lancio del nuovo POR FSE 2014-2020 REGOLAMENTO CONCORSO VIDEO SE MI LASCI NON CRESCI RIVOLTO AGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO Regolamento del

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli