Star bene al lavoro: il benessere nella Pubblica Amministrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Star bene al lavoro: il benessere nella Pubblica Amministrazione"

Transcript

1 Palazzo delle Stelline Milano 26 novembre ore ATTI DEL SEMINARIO Star bene al lavoro: il benessere nella Pubblica Amministrazione La sensazione di star bene aumenta il livello di performance dei membri dell organizzazione, e un organizzazione che sta bene è un organizzazione che cresce e si sviluppa e di conseguenza genera sicurezza e benessere nei suoi membri. Lo studio del clima organizzativo negli ultimi anni ha assunto un ruolo sempre più centrale negli interessi delle organizzazioni, anche in accordo col fatto che il mondo del lavoro è profondamente mutato: aumentano le situazioni di malessere, è presente nella società una forte domanda di benessere che non può non riguardare anche le organizzazioni. La complessità della società richiede che la Pubblica Amministrazione fornisca servizi connotati da elevata qualità che è possibile garantire solo se l organizzazione è in salute. La Pubblica Amministrazione ha cominciato a confrontarsi con il fenomeno del mobbing, lo stress generato dal lavoro che genera malessere nei singoli e disfunzioni nell organizzazione. Il seminario illustra come l indagine di clima, i gruppi di miglioramento che coinvolgono il personale, la formazione, la creazione di spazi di ascolto e di confronto tra i dipendenti possano costituire gli interventi chiave per diffondere il benessere all interno della Pubblica Amministrazione.

2 STAR BENE AL LAVORO: IL BEN-ESSERE ESSERE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L analisi di clima presso la provincia di Asti e l opuscolo sul mobbing: : testimonianze di intervento per il benessere nella Pubblica Amministrazione Dr.ssa Sara J. LATELLA Dr. Gianpiero G. SCORDO 26 novembre 2008 LA RISORSA PRINCIPALE DI UN ORGANIZZAZIONE E E IL CAPITALE UMANO PERSONE COLTIVARE CONOSCERE PROMUOVERE SVILUPPARE SOSTENERE 2 / 39 1

3 Promuovere un Clima di ben-essere essere come leva di sviluppo organizzativo 3 / 39 Il BEN-ESSERE ESSERE Organizzativo è L insieme dei nuclei culturali,, dei processi,, delle pratiche organizzative che animano la dinamica della convivenza nei contesti di lavoro promuovendo, mantenendo e migliorando la qualità della vita e il grado di benessere fisico, psicologico e sociale delle comunità lavorative (Avallone( Avallone,, 2003). Lo stato soggettivo di coloro che lavorano in uno specifico contesto organizzativo. L insieme L dei fattori che determinano o contribuiscono a determinare il benessere di chi lavora. La capacità di un organizzazione di mantenere il più alto grado di benessere fisico, psichico e sociale dei lavoratori. PEOPLE SATISFACTION 4 / 39 2

4 LA SENSAZIONE DI STAR BENE AUMENTA IL LIVELLO DI PERFORMANCE DELE PERSONE E L ORGANIZZAZIONE CRESCE. UN ORGANIZZAZIONE CHE CRESCE E CHE STA BENE GENERA SICUREZZA E BENESSERE NEI SUOI MEMBRI. 5 / 39 DIMENSIONI DEL BEN-ESSERE ESSERE ORGANIZZATIVO ATTIVITA RAPPORTO CON LAVORATIVA CAPI/COLLEGHI STRUTTURA E RUOLI ORGANIZZATIVI BENESSERE ORGANIZZATIVO CULTURA ORGANIZZATIVA COMUNICAZIONE FUTURO ORGANIZZAZIONE 6 / 39 3

5 Come si interviene per indagare e migliorare il Ben-Essere organizzativo? Un punto di partenza: L ANALISI DI CLIMA 7 / 39 L ANALISI DI CLIMA È... Uno STRUMENTO DI ANALISI che permette ad un organizzazione di capire quanto la stessa sia in grado di soddisfare i bisogni delle persone che vi lavorano evidenziando lo scarto che vi è tra le aspettative dell'individuo e la realtà organizzativa. Uno strumento di coinvolgimento,, in quanto rappresenta un segnale di ascolto da parte dell'organizzazione verso i suoi collaboratori. Uno dei presupposti del miglioramento, in quanto è il punto di partenza per indirizzare il cambiamento individuando gli strumenti maggiormente efficaci per intervenire. 8 / 39 4

6 IL CLIMA E E UNA VARIABILE DIPENDENTE ATTESE DELL INDIVIDUO VERSO L ORGANIZZAZIONEL ATTESE DELL ORGANIZZAZIONE VERSO L INDIVIDUOL ASPETTATIVE ASPETTATIVE 9 / 39 GERARCHIA DEI BISOGNI 10 / 39 5

7 I COMPORTAMENTI POSSONO INSTAURARE CLIMA DIFENSIVO CLIMA COLLABORATIVO 11 / 39 GLI OBIETTIVI DELL ANALISI DI CLIMA RILEVARE LA PERCEZIONE DEI COLLABORATORI DELL ORGANIZZAZIONE AUMENTARE LA PARTECIPAZIONE AGLI OBIETTIVI ORGANIZZATIVI EVIDENZIARE PUNTI DI FORZA E AREE DI MIGLIORAMENTO INDIVIDUARE LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO MIGLIORARE IL CONTESTO LAVORATIVO SUPERARE EVENTUALI DISAGI E INCONGRUENZE INDIVIDUATE 12 / 39 6

8 STRUMENTI QUESTIONARIO ANONIMO INTERVISTA FOCUS GROUP 13 / 39 ANALISI DI CLIMA - Un possibile processo - 1. Definizione obiettivi dell indagine e individuazione dei ruoli nel processo di rilevazione e miglioramento del benessere 2. Analisi preliminare per individuare/costruire le variabili 3. Metodologia, attori da coinvolgere e modalità di realizzazione 4. Definizione della procedura di rilevazione e d intervento e predisposizione degli strumenti di rilevazione 5. Raccolta dei dati 6. Analisi ed interpretazione dei dati 7. Eventuale integrazione dei dati quantitativi ottenuti con Focus Group e/o interviste individuali 8. Restituzione dei risultati 9. Definizione del piano di miglioramento con progettazione interventi ad hoc (formazione, coaching,..) 10. Monitoraggio e verifica del piano di miglioramento 14 / 39 7

9 PROGETTI DI INTERVENTO ANALISI DI CLIMA PROVINCIA DI ASTI OPUSCOLO SUL MOBBING RICERCA-AZIONE SYSTEMIC INTERVIEW 15 / 39 ANALISI DI CLIMA PROVINCIA DI ASTI OBIETTIVI Rilevare il clima presente nel contesto lavorativo al fine di promuovere il benessere organizzativo individuando punti di forza e aree critiche sulla cui base progettare interventi di miglioramento. Valorizzare le persone dando voce alle diverse percezioni e punti di vista. STRUMENTO Questionario compilato in forma anonima utilizzando una scala di rilevazione delle percezioni da 1 (Mai) a 4 (Spesso). METODO Analisi dei dati attraverso tecniche descrittive. 16 / 39 8

10 LE DIMENSIONI DI BEN-ESSERE ESSERE ORGANIZZATIVO ANALIZZATE (1/2) Analisi clima Provincia di ASTI Ambiente di lavoro salubre, confortevole e accogliente Obiettivi organizzativi espliciti e chiari Coerenza nelle prassi operative Valorizzazione delle competenze e riconoscimento delle persone Trasparenza nella comunicazione e circolazione delle informazioni Prevenzione dei rischi e degli infortuni Ambiente relazionale comunicativo, collaborativo e supportivo 17 / 39 LE DIMENSIONI DI BEN-ESSERE ESSERE ORGANIZZATIVO ANALIZZATE (2/2) Analisi clima Provincia di ASTI Scorrevolezza operativa, rapidità di decisione Equità di trattamento a livello retributivo, di assegnazione di responsabilità, di promozione del personale Allineamento alla mission e vision dell organizzazione Apertura all ambiente esterno e all innovazione tecnologica e culturale 18 / 39 9

11 Indicatori utilizzati per rilevare il BEN-ESSERE ESSERE Analisi clima Provincia di ASTI SODDISFAZIONE PER L ORGANIZZAZIONEL VOGLIA DI IMPEGNARSI PER L ORGANIZZAZIONEL SENSAZIONE DI FAR PARTE DI UN TEAM ELEVATO COINVOLGIMENTO SPERANZA DI POTER CAMBIARE LE CONDIZIONI NEGATIVE ATTUALI PERCEZIONE DI SUCCESSO DELL ORGANIZZAZIONE RAPPORTO TRA VITA LAVORATIVA E PRIVATA (GIUSTO EQUILIBRIO) RELAZIONI INTERPERSONALI POSITIVE VALORI ORGANIZZATIVI IMMAGINE DEL MANAGEMENT 19 / 39 Indicatori utilizzati per rilevare il MAL-ESSERE ESSERE Analisi clima Provincia di ASTI INSOFFERENZA NELL ANDARE AL LAVORO ASSENTEISMO DISINTERESSE PER IL LAVORO ALTO LIVELLO DI PETTEGOLEZZO COVARE RISENTIMENTI VERSO L ORGANIZZAZIONEL AGGRESSIVITÀ INUSUALE E NERVOSISMO DISTURBI PSICOSOMATICI SENTIMENTO DI IRRILEVANZA E DI DISCONOSCIMENTO LENTEZZA NELLA PERFORMANCE CONFUSIONE ORGANIZZATIVA IN TERMINI DI RUOLI, COMPITI, MANCANZA DI PROPOSITIVITÀ ADERENZA FORMALE ALLE REGOLE 20 / 39 10

12 RISULTATI ED INTERVENTI Analisi clima Provincia di ASTI Fornire una FOTOGRAFIA del CLIMA PERCEPITO nelle diverse dimensioni analizzate, con focus su: Punti di forza (elementi di benessere condivisi) Aree di disagio Proposte di intervento per la realizzazione di un piano di miglioramento INCONTRO FORMATIVO DI RESTITUZIONE 21 / 39 OPUSCOLO INFORMATIVO SUL FENOMENO DEL MOBBING 22 / 39 11

13 IL MOBBING: DEFINIZIONI Opuscolo sul Mobbing Può essere definito come forma di violenza psicologica che viene esercitata sul posto di lavoro attraverso attacchi e maltrattamenti ripetuti da parte dei colleghi o dei datori di lavoro. Può assumere molteplici forme, dalla semplice emarginazione alla diffusione di maldicenze, dalle continue critiche alla sistematica persecuzione, dall assegnazione assegnazione di compiti dequalificanti alla compromissione dell immagine sociale nei confronti di colleghi e superiori. ETIMOLOGIA Il termine mobbing deriva dal verbo inglese: to mob che significa ledere, aggredire, assalire, accerchiare, avvilire. In etologia indica l attacco l collettivo di una moltitudine di animali più deboli contro il più forte. 23 / 39 IL MOBBING: DEFINIZIONI PROSPETTIVA SISTEMICA Opuscolo sul Mobbing Il mobbing è il frutto di dinamiche interazionali complesse, una modalità di interazione-relazione relazione all interno di uno specifico contesto. Per la sua comprensione è necessario considerare l intero l sistema che include: il MOBBIZZATO il MOBBER il CONTESTO ORGANIZZATIVO la RELAZIONE che lega tutti questi elementi. Il mobbing è parte del più ampio fenomeno del disagio lavorativo che si previene e contrasta anche attraverso la promozione di un clima di benessere organizzativo. 24 / 39 12

14 L OPUSCOLO INFORMATIVO SUL MOBBING PERCHÉ L OPUSCOLO? Opuscolo sul Mobbing Per creare uno strumento concreto e tangibile di sensibilizzazione sul fenomeno del mobbing per diffondere la cultura del benessere. VANTAGGI: DIFFUSIONE AMPIA E RAPIDA FRUIZIONE CON TEMPI E MODALITÀ SCELTI DALLE PERSONE STRUMENTO IMMEDIATO DI FACILE ACCETTAZIONE 25 / 39 REALIZZAZIONE DELL OPUSCOLO Opuscolo sul Mobbing ATTENZIONE AI CONTENUTI TEMI TRATTATI TESTI LINGUAGGIO ARTICOLAZIONE CAPITOLI 26 / 39 13

15 REALIZZAZIONE DELL OPUSCOLO Opuscolo sul Mobbing ATTENZIONE ALLA FORMA LAYOUT DISPOSIZIONE TESTI COLORI IMMAGINI 27 / 39 I CONTENUTI DELL OPUSCOLO Prefazione 1. Il Mobbing Opuscolo sul Mobbing Gli attori I tipi di mobbing Le fasi del mobbing 2. Gli effetti Conseguenze psicofisiche per la vittima Conseguenze lavorative per la vittima Conseguenze per l organizzazionel 3. E E possibile aiutare la vittima del mobbing? 4. Il mobbing si può prevenire? 5. Il mobbing e la giurisprudenza 6. Come difendersi e a chi rivolgersi 28 / 39 14

16 RICERCA-AZIONE AZIONE SYSTEMIC INTERVIEW Ricerca-azione azione Systremic Interview ATTIVITA LAVORATIVA STRUTTURA E RUOLI ORGANIZZATIVI COMUNICAZIONE BENESSERE ORGANIZZATIVO RAPPORTO CON CAPI/COLLEGHI CULTURA ORGANIZZATIVA FUTURO ORGANIZZAZIONE 29 / 39 Ricerca-azione azione Systremic Interview ATTIVITA LAVORATIVA STRUTTURA E RUOLI ORGANIZZATIVI COMUNICAZIONE Riflettere sulle RELAZIONI per indagare il clima nelle organizzazioni PROSPETTIVA SISTEMICA PERCEZIONI ATTRIBUZIONE DI SIGNIFICATO PREMESSE BENESSERE ORGANIZZATIVO PER LE PERSONE ASPETTATIVE ATTRIBUZIONE DI SENSO RELAZIONI CON CAPI/COLLEGHI CULTURA ORGANIZZATIVA FUTURO ORGANIZZAZIONE 30 / 39 15

17 Ricerca-azione azione Systremic Interview Riflettere sulle RELAZIONI per indagare il clima nelle organizzazioni L ANALISI DEL CLIMA È... PROSPETTIVA TRADIZIONALE UNO STRUMENTO DIAGNOSTICO CONSENTE ALLE VALUTARE IL LIVELLO CHE ORGANIZZAZIONI DI DI BENESSERE ORGANIZZATIVO AL FINE DI INTERVENIRE APPORTANDO I CAMBIAMENTI NECESSARI. PROSPETTIVA SISTEMICA UNO STRUMENTO ATTRAVERSO IL QUALE E POSSIBILE RIFLETTERE E FAR RIFLETTERE SULLE RELAZIONI PRESENTI ALL INTERNO DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO AL FINE DI INTRODURRE IPOTESI RELAZIONALI E FACILITARE IL PROCESSO DI CAMBIAMENTO. 31 / 39 Ricerca-azione azione Systremic Interview Riflettere sulle RELAZIONI per indagare il clima nelle organizzazioni COS E IL BENESSERE ORGANIZZATIVO? L organizzazione è un sistema costituito da una rete di relazioni interne che si autoregolano. In quest ottica il clima organizzativo risulta strettamente condizionato dalle relazioni presenti all interno dell organizzazione e dalla loro funzionalità. La percezione positiva/negativa degli scambi relazionali all interno dell organizzazione contribuisce alla percezione di uno stato di benessere/malessere dei membri che la costituiscono. PREMESSA 32 / 39 16

18 Riflettere sulle RELAZIONI per indagare il clima nelle organizzazioni Ricerca-azione azione Systremic Interview PREMESSA STAR BENE AUMENTA IL LIVELLO DI PERFORMANCE DELL INDIVIDUO. L INDIVIDUO CHE STA BENE AL LAVORO FA CRESCERE E SVILUPPARE L ORGANIZZAZIONE. RETROAZIONE UN ORGANIZZAZIONE CHE CRESCE E STA BENE GENERA SICUREZZA E BENESSERE NEI SUOI MEMBRI. 33 / 39 IL QUESTIONARIO Ricerca-azione azione Systremic Interview Costruito adottando la modalità circolare. Prende in considerazione le seguenti dimensioni da un punto di vista relazionale ovvero chiedendo alle persone di rispondere alle diverse domande riflettendo sulla relazione con i colleghi: Comfort dell ambiente fisico Percezione sul contenuto del lavoro Relazioni con i colleghi Area dei conflitti Rapporti con i superiori Comunicazione all interno dell organizzazione Fattori relativi allo sviluppo di carriera 34 / 39 17

19 Ricerca-azione azione Systremic Interview Ipotesi sistemiche per il benessere delle organizzazioni VALORE AGGIUNTO QUESTIONARIO SISTEMICO SITUAZIONI PARADOSSALI ASPETTI CONDIVISI RAFFORZATI PREMESSE ARGOMENTI TABU CREDENZE CONDIVISE DISCORDANTI ASPETTI CRITICI 35 / 39 CONCLUSIONI APPLICABILITA DELLA SYSTEMIC INTERVIEW NELL ANALISI DI CLIMA Il Il questionario questionario sistemico, sistemico, grazie grazie alle alle informazioni informazioni sulla sulla percezione percezione delle delle relazioni relazioni scaturite scaturite dalla dalla riflessività riflessività e e dalla dalla circolarità, circolarità, ha ha permesso permesso di di formulare formulare ipotesi ipotesi sulle sulle relazioni relazioni e e sulla sulla percezione percezione del del benessere benessere organizzativo. organizzativo. Inoltre, Inoltre, dalle dalle risposte risposte alle alle domande domande di di gradimento, gradimento, sembra sembra che che il il solo solo immaginare immaginare il il punto punto di di vista vista dell altro, dell altro, durante durante la la compilazione compilazione del del questionario, questionario, abbia abbia facilitato facilitato la la riflessione riflessione sui sui rapporti rapporti tra tra colleghi colleghi ponendo ponendo le le basi basi per per introdurre introdurre dei dei cambiamenti cambiamenti nelle nelle modalità modalità relazionali relazionali con con l altro. l altro. 36 / 39 18

20 CONCLUSIONI APPLICABILITA DELLA SYSTEMIC ITERVIEW NELL ANALISI DI CLIMA Le Le ipotesi ipotesi sistemiche sistemiche emerse emerse potrebbero potrebbero essere essere utili utili nell attivare, nell attivare, attraverso attraverso la la loro loro restituzione restituzione alle alle e e con con le le persone, persone, interventi interventi di di consulenza consulenza finalizzati finalizzati a a migliorare migliorare la la percezione percezione delle delle relazioni, relazioni, aprire aprire diverse diverse porte, porte, costruire costruire con con i i membri membri dell organizzazione dell organizzazione una una storia storia diversa, diversa, introducendo introducendo complessità complessità e e nuove nuove modalità modalità relazionali relazionali maggiormente maggiormente funzionali funzionali al al benessere benessere organizzativo organizzativo dello dello specifico specifico contesto. contesto. 37 / 39 POSSIBILI INTERVENTI PER IL BENESSERE ORGANIZZATIVO ANALISI DI CLIMA GRUPPI GENERATIVI COUNSELING COACHING FOCUS GROUP OFFERTE FORMATIVE AD HOC 38 / 39 19

21 GRAZIE PER L ATTENZIONE!!! / 39 20

22 IL BENESSERE NELL ORGANIZZAZIONE Inquadramento storico Ipotesi di intervento nella Pubblica Amministrazione Angela Greco 26 novembre 2008 Excursus storico inizio XX secolo: nessuna attenzione alle condizioni dei lavoratori anni 30-40: attenzione agli aspetti legati ad infortuni sul lavoro 1933: Movimento delle Relazioni Umane anni 50-60: interessi ad aspetti non solo fisici ma anche mentali della salute anni 70-80: da approccio alla cura ad intervento focalizzato sulla prevenzione. Attenzione a fattori fisici, psicologici e sociali 1

23 Excursus storico anni : dall individuo all organizzazione. L organizzazione è in salute se oltre a saper lavorare efficacemente è anche capace di crescere e svilupparsi Emerge il concetto di clima e salute organizzativa. Approccio sistemico e causalità circolare L organizzazione genera sicurezza e benessere nell individuo che ne condivide i valori e la cultura Individuo che sta bene L organizzazione cresce e si sviluppa Aumenta il livello di performance 2

24 Definizione di benessere organizzativo L insieme dei nuclei culturali, dei processi e delle pratiche organizzative che animano la dinamica della convivenza nei contesti di lavoro promuovendo, mantenendo e migliorando la qualità della vita e il grado di benessere fisico psicologico e sociale della comunità lavorativa (Avallone, 2003) Prospettive di studio Jaffe, 1995 Prospettiva stress da lavoro e burn-out Prospettiva politiche aziendali e sviluppo organizzativo Prospettiva personalità dei manager e della leadership 3

25 prospettive di promozione della salute Negli anni 90 si introduce un concetto di rischio psico-sociale che supera la concezione dell individuo: le dimensioni organizzative e culturali incidono sulla qualità di vita dell intera comunità lavorativa Commissione Europea, 1999: pone attenzione allo stress lavorativo Benessere e Pubblica Amministrazione I cambiamenti in atto nella Pubblica Amministrazione richiedono che l organizzazione sia in salute per adattarsi e rispondere alle nuove domande Nuove politiche di valorizzazione del personale 4

26 Benessere e Pubblica Amministrazione consapevoli del proprio ruolo persone motivate competenti Benessere e Pubblica Amministrazione Attirare talenti Adeguamento delle capacità Sfide per la P.A. Creare senso di appartenenza e motivazione Trasmettere codici e valori 5

27 Benessere e Pubblica Amministrazione Attirare talenti Adeguamento delle capacità Creare senso di appartenenza e motivazione Nuova prospettiva di senso dalla macchina amministrativa Sfide per a quella del pensiero e delle la P.A. emozioni per creare un valore del Pubblico Trasmettere codici e valori Direttive istituzionali Comunicazione n. 118/2002 della Commissione Europea in materia di strategie per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro: si pone tra gli altri obiettivi il continuo miglioramento del benessere fisico, morale e sociale sul luogo di lavoro. 6

28 Direttive istituzionali Direttiva del Ministero della Funzione Pubblica del 24/03/2004 Aumentare motivazione collaboratori Migliorare rapporti dirigenti e operatori Accrescere il senso di appartenenza e soddisfazione dei lavoratori per la propria Amministrazione Diffondere la cultura della partecipazione, aule presupposto dell orientamento al risultato, al posto della cultura dell adempimento Realizzare sistemi di comunicazione interna Prevenire rischi psicosociali Indicatori di benessere Ambiente salubre Chiarezza degli obiettivi organizzativi Riconoscimento e valorizzazione delle competenze Comunicazione intra-organizzativa e circolazione delle informazioni Prevenzione infortuni e rischi professionali 7

29 Indicatori di benessere Clima relazionale franco e cooperativo Giustizia organizzativa Apertura all innovazione tecnologica Controllo dei livelli di stress Gestione della conflittualità Interventi di promozione della salute Livello organizzativo (interventi di job design) Livello interfaccia individuoorganizzazione (migliorare adattamento persona-ambiente) Livello individuale (potenziare tecniche per fronteggiare lo stress) 8

30 Possibili interventi nella P.A. Organizzativi (indagini di clima) Interfaccia individuo-organizzazione (gruppi di miglioramento, team building, gruppi di formazione) Individuo (counseling) Leadership (coaching) Intervento formativo Presupposti nella costruzione del progetto Individuazione di alcuni fattori di stress individuale (gestione del tempo, gestione delle relazioni) che non permettono di lavorare serenamente ed efficacemente Elementi di malessere non permettono di lavorare serenamente ed in maniera efficace Migliori relazioni contribuiscono a creare un buon gruppo Il gruppo supporta, sostiene, aumenta sensazione di benessere Sentirsi parte di un gruppo può portare ad un maggior senso di appartenenza all organizzazione 9

31 Intervento formativo Titolo del corso: Star bene al lavoro: organizzazione, comunicazione e lavoro di gruppo Area di intervento: gruppo Destinatari: impiegati e personale tecnico Durata: 2 giornate Intervento formativo Obiettivi Fornire strumenti per organizzare meglio le proprie attività e comunicare in maniera più efficace Migliorare le relazioni all interno dell organizzazione Favorire la costruzione di un gruppo di lavoro 10

32 Intervento formativo Contenuti Tecniche di gestione del tempo e problem solving Comunicazione interpersonale Conflitto e cooperazione Costruzione del gruppo di lavoro 11

33 La valorizzazione delle risorse umane nel Servizio Agricoltura della Provincia di Asti Il benessere organizzativo nella pubblica amministrazione Milano Palazzo delle Stelline 26 novembre 2008 Il benessere organizzativo nell ottica del miglioramento continuo BENESSERE ORGANIZZATIVO La capacità di un organizzazione, di essere non soltanto efficace e produttiva, ma anche di crescere e svilupparsi, assicurando un adeguato grado di benessere fisico e psicologico dei propri lavoratori Certificazione Sistema Qualità ISO 9001:2000. Organizzazione in linea con le novità legislative, ma attenta al fattore umano, motore della crescita e dello sviluppo. Progettazione e implementazione di tecniche volte a garantire il benessere organizzativo. Formazione del personale costantemente aggiornata, al passo con la crescente complessità del contesto in cui la PA si trova ad operare. Comunicazione interna. Monitoraggio continuo del grado di soddisfazione e motivazione del personale tramite strumenti di valutazione appositamente studiati. Gratificazione dipendenti tramite valorizzazione dei ruoli.

34 Gli obiettivi della Dirigenza 1. Coinvolgere il personale, informandolo sull importanza della corretta gestione ed esecuzione dei procedimenti, nel rispetto dei vincoli di legge 2. Definire e comunicare con chiarezza le politiche di qualità e valorizzazione delle risorse umane 3. Stabilire obiettivi specifici, raggiungibili e misurabili garantendo un attività di monitoraggio e valutazione ex-ante, in itinere e ex-post 4. Assicurare l individuazione e la richiesta delle risorse necessarie per i dipendenti, in modo tale da operare in linea con i principi del benessere organizzativo, ovviamente per quanto possibile in relazione alle voci di bilancio 5. Sensibilizzare i dipendenti circa la centrale importanza del loro ruolo nel rapporto con gli utenti esterni al fine di combattere il pregiudizio radicato di inefficienza della PA, il che permetterebbe di aumentare il livello di motivazione e soddisfazione per il lavoro svolto e attivare un circolo virtuoso capace di innalzare il grado di efficienza e produttività del Servizio Sviluppo del capitale umano Punto di convergenza tra coesione sociale e competitività nel nostro sistema produttivo. FORMAZIONE VALORIZZAZIONE RISORSE UMANE COMUNICAZIONE

35 L impegno per il futuro nel proseguire il cammino del miglioramento continuo Mantenimento del Sistema della Qualità Elaborazione e implementazione di un Piano di Miglioramento gestionale all interno del quale la valorizzazione del personale e l attenzione al benessere organizzativo rivestono un ruolo di fondamentale importanza La Dirigenza è fermamente impegnata in questa azione di miglioramento continuo del Servizio animata dalla convinzione nel perseguire i criteri di efficienza e merito Il mobbing e il Servizio Agricoltura della Provincia di Asti La Direzione del Servizio ritiene che non debba neanche aleggiare l idea di mobbing in quanto, in ogni ambito, di imprescindibile importanza è il rispetto totale della persona. Solo persone motivate e messe in condizione di operare nel modo migliore possono dare concretezza ai principi contenuti in astratto nelle norme. MOBBING

36 Il mobbing e la giurisprudenza Parere dal punto di vista giuridico Definizione della Corte Costituzionale Sentenza della Suprema Corte di Cassazione Elemento materiale ed elemento psicologico del mobbing Parere recente: sentenza n del 2008, Cassazione GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Programma del modulo: - Cos è il benessere organizzativo; - Direttiva del Ministro della Funzione pubblica; - Equità e leadership; - D.Lgs 150/2009 e qualità

Dettagli

BENESSERE NELLE ORGANIZZAZIONI. Francesco Avallone Università di Roma La Sapienza

BENESSERE NELLE ORGANIZZAZIONI. Francesco Avallone Università di Roma La Sapienza BENESSERE NELLE ORGANIZZAZIONI Francesco Avallone Università di Roma La Sapienza EVOLUZIONE DELLE CONCEZIONI DI SALUTE SUL LAVORO IL PERICOLO E LA MANCANZA DI SICUREZZA UNA NUOVA SENSIBILITA SOCIALE ALLA

Dettagli

SISTEMA QUALITA (3) ISO 9001-9004

SISTEMA QUALITA (3) ISO 9001-9004 a cura di: Ivano Franco Colombo Presidente Pragma Service srl SISTEMA QUALITA (1) CENTRALITA DEL SISTEMA CLIENTE ANALISI DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO Servizio Lavoro e Politiche Sociali della Provincia

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO Spinea, 3 giugno 2010 IMPEGNO DEL COMITATO ANTI-MOBBING Sensibilizzare amministrazioni, dirigenti e dipendenti

Dettagli

Ambiente ufficio e benessere. Dalle buone intenzioni ai fatti

Ambiente ufficio e benessere. Dalle buone intenzioni ai fatti Ambiente ufficio e benessere Dalle buone intenzioni ai fatti Indicatori di malessere organizzativo insofferenza nell'andare al lavoro assenteismo disinteresse al lavoro desiderio di cambiare lavoro alto

Dettagli

Il BENESSERE come strumento di gestione delle risorse umane

Il BENESSERE come strumento di gestione delle risorse umane Workshop Promuovere la cultura del benessere per prevenire e gestire il rischio SLC nelle organizzazioni Bari, 25 giugno 2015 Il BENESSERE come strumento di gestione delle risorse umane GIANCARLO TANUCCI

Dettagli

M OBBING PARLIAMO DI. Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing

M OBBING PARLIAMO DI. Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing M OBBING M PARLIAMO DI Direzione Centrale Comunicazione P.le Giulio Pastore, 6-00144 ROMA e-mail: dccomunicazione@inail.it COMITATO PARITETICO PER IL FENOMENO

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE Benessere Organizzativo e analisi di clima nella Provincia di Livorno anno 2014 Premessa Cosa si intende per Benessere Organizzativo Il Benessere organizzativo

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO Un approccio per potenziare le performance aziendali in coerenza con il D.Lgs. 81/2008

BENESSERE ORGANIZZATIVO Un approccio per potenziare le performance aziendali in coerenza con il D.Lgs. 81/2008 Un approccio per potenziare le performance aziendali in coerenza con il D.Lgs. 81/2008 AICQ Piemontese - Team di Psicologia dell Organizzazione 4S Group Dott.ssa Sara Turci - Dott.ssa Barbara Sacchini

Dettagli

L adesione a tale progetto è da considerarsi come esperienza che possa consentire di raggiungere più obiettivi:

L adesione a tale progetto è da considerarsi come esperienza che possa consentire di raggiungere più obiettivi: Dott. Giuseppe MONTAGANO Dirigente Generale del Dipartimento Salute, Sic. E Sol. Soc. Servizi alla Persona ed alla Comunità S E D E Spett.le CANTIERI DIARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA ROMA Oggetto Benessere

Dettagli

IL LAVORO è SALUTE FACCIAMO PREVENZIONE

IL LAVORO è SALUTE FACCIAMO PREVENZIONE IL LAVORO è SALUTE FACCIAMO PREVENZIONE Non possiamo insegnare direttamente a qualcuno, possiamo solo facilitare il suo apprendimento (Rogers C. 1961) BARI - BAT LABORATORIO DI ASCOLTO E PREVENZIONE DELLO

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana La Spezia 12 novembre 2014 Alfonso Cristaudo U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana OMS Definizione di Salute uno stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Lo sportello d ascolto per i dipendenti

Lo sportello d ascolto per i dipendenti ULSS 13 Dolo-Mirano-Noale U.O. SORVEGLIANZA SANITARIA DEI LAVORATORI E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Responsabile dr. Fabrizio Fiorini Lo sportello d ascolto per i dipendenti Dott.ssa Stefania Menin

Dettagli

Il ruolo del Capitale Umano nell Eccellenza Aziendale. Torino, Lingotto Fiere 16 aprile 2014

Il ruolo del Capitale Umano nell Eccellenza Aziendale. Torino, Lingotto Fiere 16 aprile 2014 16 aprile 2014 Sicurezza ed errori umani: il ruolo preventivo della formazione e del Benessere Organizzativo Dr. Pier Luigi Gallucci - Psicologo clinico e dell'organizzazione - 4S Group Dr.ssa Barbara

Dettagli

PRIME CONSIDERAZIONI SULLO STUDIO RELATIVO AL BENESSERE LAVORATIVO

PRIME CONSIDERAZIONI SULLO STUDIO RELATIVO AL BENESSERE LAVORATIVO Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria "Policlinico - Vittorio Emanuele" PRIME CONSIDERAZIONI SULLO STUDIO RELATIVO AL BENESSERE LAVORATIVO In considerazione del numero di 212/3192 operatori

Dettagli

Benessere Organizzativo Interventi di promozione della salute e del benessere psicofisico nelle organizzazioni

Benessere Organizzativo Interventi di promozione della salute e del benessere psicofisico nelle organizzazioni Pagina 1 di 6 Interventi di promozione della salute e del benessere psicofisico nelle organizzazioni Proposto nel 1981, il termine benessere sul luogo di lavoro indica non solo l assenza di malattia o

Dettagli

Indice. 1 Il benessere ed il clima organizzativo ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Il benessere ed il clima organizzativo ------------------------------------------------------------------ 3 LEZIONE IL BENESSERE ED IL CLIMA ORGANIZZATIVO: RICERCA-INTERVENTO PROF. CRISTIANO PELATI Indice 1 Il benessere ed il clima organizzativo ------------------------------------------------------------------

Dettagli

Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione

Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione Indice Introduzione... 1 Descrizione... 2 Obiettivi generali... 2 Destinatari... 3 Durata... 3 Calendario e temi... 3 Formatori /Formatrici... 7 Sede...

Dettagli

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento I I modelli d eccellenza d applicati al benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento Dott. Vincenzo Mazzaro Presidente AICQ NAZIONALE Spinea 3 giugno 2010 Presentazione di AICQ La AICQ è

Dettagli

C o m u n e d i S c a n d i a n o INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO NEL COMUNE DI SCANDIANO

C o m u n e d i S c a n d i a n o INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO NEL COMUNE DI SCANDIANO C o m u n e d i S c a n d i a n o INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO NEL COMUNE DI SCANDIANO B significativi L indagine sul Benessere Organizzativo Il Comune di Scandiano ha promosso la ricerca per analizzare

Dettagli

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti DGR n. 37 del 19/01/2016 - Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Catalogo Corsi Benessere Organizzativo. 2 di 9

Catalogo Corsi Benessere Organizzativo. 2 di 9 Via Frascineto, 88 - Roma Tel 06 72394672 Fax 06 7233532 www.ecoconsultsrl.com Catalogo Corsi ALLEGATO 1 di 9 La Formazione è utile quando si occupa dei problemi quotidiani delle persone che lavorano.

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO 1 Introduzione. La gestione della salute e sicurezza in azienda assume un importanza sempre maggiore non solo al fine

Dettagli

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro 41 BENESSERE E COMPETENZE CORRELATE/ SALUTE SESSUALE/ AFFETTIVITÀ - DIPENDENZE Target: ü Giovani adulti ü Genitori ü Insegnanti della Scuola Secondaria

Dettagli

Il clima organizzativo cultura organizzativa. leadership. organizzazione e psicologia del lavoro. Dr.ssa Giuliana Giampieri. Rieti 3 settembre 2012

Il clima organizzativo cultura organizzativa. leadership. organizzazione e psicologia del lavoro. Dr.ssa Giuliana Giampieri. Rieti 3 settembre 2012 Il clima organizzativo cultura organizzativa organizzazione e psicologia del lavoro Rieti 3 settembre 2012 leadership Dr.ssa Giuliana Giampieri Azienda USL di Rieti gruppo di lavoro per la valutazione

Dettagli

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale Associazione DAGUS www.associazionedagus.it associazione.dagus@gmail.com. 1 Lo psicologo in azienda L analisi e la promozione

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Università degli Studi di Milano-Bicocca Dipartimento di Psicologia QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Il presente questionario costituisce a) la fase finale del corso, nella forma di ricerca/intervento,

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina ANALISI DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO E IMPLEMENTAZIONE DEGLI STANDARD HPH 1 e 4 Maria Peresson Medico del lavoro Marco Rizzo Tecnico

Dettagli

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Via Virgilio 1, 41049 Sassuolo (MO) P.IVA 02925310365 serena.barbi@psicologosassuolo.it www.psicologosassuolo.it Mobile: +39 (339) 14 61 881 Via Piumazzo 170, 41013 Castelfranco E. (MO) P.IVA 02222830446

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E GESTIONE DI UNO SPORTELLO D ASCOLTO DEL DISAGIO LAVORATIVO

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E GESTIONE DI UNO SPORTELLO D ASCOLTO DEL DISAGIO LAVORATIVO 1 LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E GESTIONE DI UNO SPORTELLO D ASCOLTO DEL DISAGIO LAVORATIVO Introduzione Gli indicatori ci parlano Ipotesi sperimentale Sviluppo di Azioni di prevenzione del disagio

Dettagli

LA LEGGE REGIONALE FVG 7/2005 E I PUNTI DI ASCOLTO ANTIMOBBING

LA LEGGE REGIONALE FVG 7/2005 E I PUNTI DI ASCOLTO ANTIMOBBING LA LEGGE REGIONALE FVG 7/2005 E I PUNTI DI ASCOLTO ANTIMOBBING Cristina Caparesi 1 Abstract La prima pubblicazione scientifica sull argomento delle molestie morali e psicofisiche sul luogo di lavoro fu

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

La valutazione rischio stress lavoro-correlato in una PMI del Nord Italia

La valutazione rischio stress lavoro-correlato in una PMI del Nord Italia CONVEGNO AIAS VALUTAZIONE RISCHIO STRESS E BENESSERE ORGANIZZATIVO. DAL RISK ASSESSMENT AL RISK MANAGEMENT Giovedì 5 Maggio 2011 La valutazione rischio stress lavoro-correlato in una PMI del Nord Italia

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

Stress - Panorama legislativo

Stress - Panorama legislativo Lo Stress lavoro-correlato La valutazione del rischio stress lavoro correlato Stress - Panorama legislativo Accordo- quadro Europeo 8 ottobre 2004 Art. 28 del D.Lgs. n.81/2008 Valutazione del rischio stress

Dettagli

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE DR.SSA GIULIANA GIAMPIERI Psicologa e Psicoterapeuta Azienda USL di Rieti Gruppo di lavoro per la valutazione del rischio psicosociale RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO Programma Formativo e di Certificazione per lo STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS Management e prevenzione dello Stress CORRELATO per AZIENDE ed Enti Pubblici Obiettivi formativi ed obblighi normativi:

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Il Benessere organizzativo

Il Benessere organizzativo Il Benessere organizzativo 1 Tre domande chiave sul benessere organizzativo - cose è? - perché? - e noi? 2 prima domanda : cos è il benessere organizzativo 3 Benessere organizzativo...è l insieme dei nuclei

Dettagli

MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO

MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO pag 1 di 19 1. PREMESSA Il benessere organizzativo risiede nella qualità della relazione esistente tra la persona e il contesto lavorativo ed è dato dalla combinazione di più elementi di natura sia individuale

Dettagli

Il significato della responsabilità sociale

Il significato della responsabilità sociale LA RESPONSABILITA SOCIALE DELL IMPRESA Il significato della responsabilità sociale Seminario 29 Novembre 2012 Camera Commercio Terni M.Listante LA RESPONSABILITA SOCIALE DELL IMPRESA La responsabilità

Dettagli

Comune di Rimini Direzione Personale Ufficio formazione CUG Comitato Unico di Garanzia. Corso:

Comune di Rimini Direzione Personale Ufficio formazione CUG Comitato Unico di Garanzia. Corso: Comune di Rimini Direzione Personale Ufficio formazione CUG Comitato Unico di Garanzia Corso: Il miglioramento del benessere organizzativo e individuale attraverso la Ri-Motivazione all Impegno Lavorativo

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE OPERANTE IN ENTI ED ISTITUZIONI ASSISTENZIALI E SANITARIE

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE OPERANTE IN ENTI ED ISTITUZIONI ASSISTENZIALI E SANITARIE PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE OPERANTE IN ENTI ED ISTITUZIONI ASSISTENZIALI E SANITARIE STUDIO FORMAZIONE ha sviluppato una competenza specifica nel settore della formazione rivolta a strutture

Dettagli

PROGETTO DI INTEGRAZIONE FRA SISTEMI DI GESTIONE NELLE STRUTTURE SANITARIE DEL VENETO SUL TEMA SALUTA E SICUREZZA

PROGETTO DI INTEGRAZIONE FRA SISTEMI DI GESTIONE NELLE STRUTTURE SANITARIE DEL VENETO SUL TEMA SALUTA E SICUREZZA Verona, 15 dicembre 2008 PROGETTO DI INTEGRAZIONE FRA SISTEMI DI GESTIONE NELLE STRUTTURE SANITARIE DEL VENETO SUL TEMA SALUTA E SICUREZZA Risultati di implementazione del modello Sistemi di Gestione per

Dettagli

Primo Convegno Nazionale AIQUAV Qualità della Vita: Territorio e Popolazioni Firenze, 29-31 luglio 2013

Primo Convegno Nazionale AIQUAV Qualità della Vita: Territorio e Popolazioni Firenze, 29-31 luglio 2013 Primo Convegno Nazionale AIQUAV Qualità della Vita: Territorio e Popolazioni Firenze, 29-31 luglio 2013 Centro di Riferimento Regionale sulle Criticità Relazionali La Salute Organizzativa in un gruppo

Dettagli

Indagine sul Benessere Organizzativo Anno 2014

Indagine sul Benessere Organizzativo Anno 2014 Indagine sul Benessere Organizzativo Anno 2014 Relazione CUG 1 INDICE 1 PREMESSA... 3 PRIMA PARTE... 4 2 METODOLOGICA ADOTTATA... 4 3 MODALITÀ DI COINVOLGIMENTO DEL PERSONALE... 4 4 LIVELLO PARTECIPAZIONE...

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA', LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (CUG) QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA DATI ANAGRAFICI SESSO

Dettagli

La salute organizzativa nella pubblica amministrazione

La salute organizzativa nella pubblica amministrazione La salute organizzativa nella pubblica amministrazione di Annalisa Brescia [*] Premessa Il benessere organizzativo o salute organizzativa nella pubblica amministrazione indica le condizioni culturali e

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Secondo le indicazioni della Commissione consultiva 17/11/2010 Associata ECO-CONSULT S.r.l., fondata nel 1991, opera nel campo dell

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

IPOTESI DI MODIFICA AL PROGETTO VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO: PROGRAMMA DI MONITORAGGIO BIENNALE ANNO 2012-2013

IPOTESI DI MODIFICA AL PROGETTO VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO: PROGRAMMA DI MONITORAGGIO BIENNALE ANNO 2012-2013 IPOTESI DI MODIFICA AL PROGETTO VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO: PROGRAMMA DI MONITORAGGIO BIENNALE ANNO 2012-2013 Nel periodo intercorso da Ottobre 2010 ad Aprile 2011 è stata effettuata dallo

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO CENTRO ANTIMOBBING PADOVA Associazione per l orientamento della vittima di mobbing o altro disagio nell ambiente di lavoro OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO per AZIENDE IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Dettagli

Dal benessere individuale. Al benessere aziendale

Dal benessere individuale. Al benessere aziendale Dal benessere individuale. Al benessere aziendale «La vita è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio devi muoverti!» (Albert Einstein) Milano, 15 Ottobre 2015 2015 -RFr Consult, Ing. Roberto

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

La promozione del Benessere organizzativo nelle organizzazioni sanitarie. Progetto regionale avviato con D.G.R. n.22-7777. Salute e benessere

La promozione del Benessere organizzativo nelle organizzazioni sanitarie. Progetto regionale avviato con D.G.R. n.22-7777. Salute e benessere La promozione del Benessere organizzativo nelle organizzazioni sanitarie Progetto regionale avviato con D.G.R. n.22-7777 Salute e benessere Sul significato del termine «salute» si possono rintracciare

Dettagli

Indagine sul benessere. Organizzativo. Del COMUNE DI POGGIBONSI

Indagine sul benessere. Organizzativo. Del COMUNE DI POGGIBONSI Indagine sul benessere Organizzativo Del COMUNE DI POGGIBONSI OTTOBRE 2012 1 L INDAGINE CONOSCITIVA SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Introduzione L attenzione al tema del benessere organizzativo come terreno

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

Percorso Benessere Organizzativo

Percorso Benessere Organizzativo Proposta di progetto Percorso Benessere Organizzativo Revisione 00 del 15/04/2014 Redatto dal Gruppo di Lavoro Approvato dal Comitato di Direzione Pagina 1 di 11 Sommario 1 Premessa...3 2 Obiettivi...4

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO1... 4 COMUNICAZIONE

Dettagli

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Formare per aprire le porte Safety experience. Strumenti, metodologie ed esperienze innovative per la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Safety experience nasce dal lavoro di un team di professionisti

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

ORGANIZATIONAL AND INTERPERSONAL CONFLICTS MANAGEMENT

ORGANIZATIONAL AND INTERPERSONAL CONFLICTS MANAGEMENT ORGANIZATIONAL AND INTERPERSONAL CONFLICTS MANAGEMENT Percorso formativo e progettuale in tre tappe QUANTO COSTA IL CONFLITTO? Le organizzazioni di lavoro sono sistemi di incontro, conversazione e cooperazione

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

IL MOBBING. Alcune considerazioni per inquadrare il problema anche alla luce delle normative su salute e sicurezza sul lavoro

IL MOBBING. Alcune considerazioni per inquadrare il problema anche alla luce delle normative su salute e sicurezza sul lavoro IL MOBBING Alcune considerazioni per inquadrare il problema anche alla luce delle normative su salute e sicurezza sul lavoro Paola Cenni GdL: Mobbing and Diversity Management Comitato Pari Opportunità,

Dettagli

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo 1. PREMESSA L Azienda, dopo aver realizzato iniziative di rilevazione del clima organizzativo nel 2006 su un campione

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli

Il Mobbing e la conflittualità nei luoghi di lavoro

Il Mobbing e la conflittualità nei luoghi di lavoro COMUNE DI GENOVA COMUNE DI GENOVA Il Mobbing e la conflittualità nei luoghi di lavoro "Il lavoro non mi piace, non piace a nessuno, ma a me piace quello che c'è nel lavoro: la possibilità di trovare una

Dettagli

I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010)

I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010) I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010) 1 Isabella Corradini Docente di Psicologia Sociale Università degli Studi di L Aquila Presidente Centro Ricerche Themis

Dettagli

NEAT??? Peif 3.4??? Peif 3.5???...??? Stress lavoro correlato

NEAT??? Peif 3.4??? Peif 3.5???...??? Stress lavoro correlato NEAT??? Peif 3.4??? Peif 3.5???...??? Stress lavoro correlato STRESS - DEFINIZIONE RISPOSTA DELL ORGANISMO AD OGNI TIPO DI SOLLECITAZIONE In linea generale identifica una condizione in cui l individuo

Dettagli

APPROCCIO E FASI DEL PROCESSO DI INTERVENTO

APPROCCIO E FASI DEL PROCESSO DI INTERVENTO APPROCCIO E FASI DEL PROCESSO DI INTERVENTO L APPROCCIO PROPOSTO Il nostro modello di intervento prende le mosse dall affinamento costante di strumenti sperimentati in anni di pratica professionale. Abbiamo

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

IAMA Consulting. Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment. Via Hugo, 4 20123 Milano

IAMA Consulting. Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment. Via Hugo, 4 20123 Milano Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment IAMA Consulting Via Hugo, 4 20123 Milano tel +39 02 72.25.31 Fax +39 02 86.46.38.09 info@iama.it

Dettagli

FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI

FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI Mario Giuseppe Napoli, Responsabile Risorse Umane, Gruppo UBI Banca Roma, Palazzo Altieri,19

Dettagli

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57)

Comitati per il contrasto al mobbing) i CUG sono previsti dalla legge(l.183/ 2010 che ha modificato il D.Lgs 165/ 2001art.57) Carolina Pellegrini - Sono organism i INTERNI all am m inistrazione di riferim ento - E un obbligo del dirigente al vertice dell amministrazione o del responsabile del personale istituirli - Diversamente

Dettagli

Come affrontare lo stress lavorativo

Come affrontare lo stress lavorativo V Convegno del Coordinamento Donne CIMO LA DONNA IN SANITÀ : UNA RISORSA, UNA CRITICITÀ, UNA FORZA MOTRICE DEL MIGLIORAMENTO IN SANITÀ Come affrontare lo stress lavorativo Antonia Ballottin ULSS 20 VERONA

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Questionario sul benessere organizzativo interno, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Indirizzi generali per la valutazione e la gestione del rischio stress lavorativo alla luce dell Accordo Europeo 8.10.2004 Valutazione del rischio da stress

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli