Star bene al lavoro: il benessere nella Pubblica Amministrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Star bene al lavoro: il benessere nella Pubblica Amministrazione"

Transcript

1 Palazzo delle Stelline Milano 26 novembre ore ATTI DEL SEMINARIO Star bene al lavoro: il benessere nella Pubblica Amministrazione La sensazione di star bene aumenta il livello di performance dei membri dell organizzazione, e un organizzazione che sta bene è un organizzazione che cresce e si sviluppa e di conseguenza genera sicurezza e benessere nei suoi membri. Lo studio del clima organizzativo negli ultimi anni ha assunto un ruolo sempre più centrale negli interessi delle organizzazioni, anche in accordo col fatto che il mondo del lavoro è profondamente mutato: aumentano le situazioni di malessere, è presente nella società una forte domanda di benessere che non può non riguardare anche le organizzazioni. La complessità della società richiede che la Pubblica Amministrazione fornisca servizi connotati da elevata qualità che è possibile garantire solo se l organizzazione è in salute. La Pubblica Amministrazione ha cominciato a confrontarsi con il fenomeno del mobbing, lo stress generato dal lavoro che genera malessere nei singoli e disfunzioni nell organizzazione. Il seminario illustra come l indagine di clima, i gruppi di miglioramento che coinvolgono il personale, la formazione, la creazione di spazi di ascolto e di confronto tra i dipendenti possano costituire gli interventi chiave per diffondere il benessere all interno della Pubblica Amministrazione.

2 STAR BENE AL LAVORO: IL BEN-ESSERE ESSERE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L analisi di clima presso la provincia di Asti e l opuscolo sul mobbing: : testimonianze di intervento per il benessere nella Pubblica Amministrazione Dr.ssa Sara J. LATELLA Dr. Gianpiero G. SCORDO 26 novembre 2008 LA RISORSA PRINCIPALE DI UN ORGANIZZAZIONE E E IL CAPITALE UMANO PERSONE COLTIVARE CONOSCERE PROMUOVERE SVILUPPARE SOSTENERE 2 / 39 1

3 Promuovere un Clima di ben-essere essere come leva di sviluppo organizzativo 3 / 39 Il BEN-ESSERE ESSERE Organizzativo è L insieme dei nuclei culturali,, dei processi,, delle pratiche organizzative che animano la dinamica della convivenza nei contesti di lavoro promuovendo, mantenendo e migliorando la qualità della vita e il grado di benessere fisico, psicologico e sociale delle comunità lavorative (Avallone( Avallone,, 2003). Lo stato soggettivo di coloro che lavorano in uno specifico contesto organizzativo. L insieme L dei fattori che determinano o contribuiscono a determinare il benessere di chi lavora. La capacità di un organizzazione di mantenere il più alto grado di benessere fisico, psichico e sociale dei lavoratori. PEOPLE SATISFACTION 4 / 39 2

4 LA SENSAZIONE DI STAR BENE AUMENTA IL LIVELLO DI PERFORMANCE DELE PERSONE E L ORGANIZZAZIONE CRESCE. UN ORGANIZZAZIONE CHE CRESCE E CHE STA BENE GENERA SICUREZZA E BENESSERE NEI SUOI MEMBRI. 5 / 39 DIMENSIONI DEL BEN-ESSERE ESSERE ORGANIZZATIVO ATTIVITA RAPPORTO CON LAVORATIVA CAPI/COLLEGHI STRUTTURA E RUOLI ORGANIZZATIVI BENESSERE ORGANIZZATIVO CULTURA ORGANIZZATIVA COMUNICAZIONE FUTURO ORGANIZZAZIONE 6 / 39 3

5 Come si interviene per indagare e migliorare il Ben-Essere organizzativo? Un punto di partenza: L ANALISI DI CLIMA 7 / 39 L ANALISI DI CLIMA È... Uno STRUMENTO DI ANALISI che permette ad un organizzazione di capire quanto la stessa sia in grado di soddisfare i bisogni delle persone che vi lavorano evidenziando lo scarto che vi è tra le aspettative dell'individuo e la realtà organizzativa. Uno strumento di coinvolgimento,, in quanto rappresenta un segnale di ascolto da parte dell'organizzazione verso i suoi collaboratori. Uno dei presupposti del miglioramento, in quanto è il punto di partenza per indirizzare il cambiamento individuando gli strumenti maggiormente efficaci per intervenire. 8 / 39 4

6 IL CLIMA E E UNA VARIABILE DIPENDENTE ATTESE DELL INDIVIDUO VERSO L ORGANIZZAZIONEL ATTESE DELL ORGANIZZAZIONE VERSO L INDIVIDUOL ASPETTATIVE ASPETTATIVE 9 / 39 GERARCHIA DEI BISOGNI 10 / 39 5

7 I COMPORTAMENTI POSSONO INSTAURARE CLIMA DIFENSIVO CLIMA COLLABORATIVO 11 / 39 GLI OBIETTIVI DELL ANALISI DI CLIMA RILEVARE LA PERCEZIONE DEI COLLABORATORI DELL ORGANIZZAZIONE AUMENTARE LA PARTECIPAZIONE AGLI OBIETTIVI ORGANIZZATIVI EVIDENZIARE PUNTI DI FORZA E AREE DI MIGLIORAMENTO INDIVIDUARE LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO MIGLIORARE IL CONTESTO LAVORATIVO SUPERARE EVENTUALI DISAGI E INCONGRUENZE INDIVIDUATE 12 / 39 6

8 STRUMENTI QUESTIONARIO ANONIMO INTERVISTA FOCUS GROUP 13 / 39 ANALISI DI CLIMA - Un possibile processo - 1. Definizione obiettivi dell indagine e individuazione dei ruoli nel processo di rilevazione e miglioramento del benessere 2. Analisi preliminare per individuare/costruire le variabili 3. Metodologia, attori da coinvolgere e modalità di realizzazione 4. Definizione della procedura di rilevazione e d intervento e predisposizione degli strumenti di rilevazione 5. Raccolta dei dati 6. Analisi ed interpretazione dei dati 7. Eventuale integrazione dei dati quantitativi ottenuti con Focus Group e/o interviste individuali 8. Restituzione dei risultati 9. Definizione del piano di miglioramento con progettazione interventi ad hoc (formazione, coaching,..) 10. Monitoraggio e verifica del piano di miglioramento 14 / 39 7

9 PROGETTI DI INTERVENTO ANALISI DI CLIMA PROVINCIA DI ASTI OPUSCOLO SUL MOBBING RICERCA-AZIONE SYSTEMIC INTERVIEW 15 / 39 ANALISI DI CLIMA PROVINCIA DI ASTI OBIETTIVI Rilevare il clima presente nel contesto lavorativo al fine di promuovere il benessere organizzativo individuando punti di forza e aree critiche sulla cui base progettare interventi di miglioramento. Valorizzare le persone dando voce alle diverse percezioni e punti di vista. STRUMENTO Questionario compilato in forma anonima utilizzando una scala di rilevazione delle percezioni da 1 (Mai) a 4 (Spesso). METODO Analisi dei dati attraverso tecniche descrittive. 16 / 39 8

10 LE DIMENSIONI DI BEN-ESSERE ESSERE ORGANIZZATIVO ANALIZZATE (1/2) Analisi clima Provincia di ASTI Ambiente di lavoro salubre, confortevole e accogliente Obiettivi organizzativi espliciti e chiari Coerenza nelle prassi operative Valorizzazione delle competenze e riconoscimento delle persone Trasparenza nella comunicazione e circolazione delle informazioni Prevenzione dei rischi e degli infortuni Ambiente relazionale comunicativo, collaborativo e supportivo 17 / 39 LE DIMENSIONI DI BEN-ESSERE ESSERE ORGANIZZATIVO ANALIZZATE (2/2) Analisi clima Provincia di ASTI Scorrevolezza operativa, rapidità di decisione Equità di trattamento a livello retributivo, di assegnazione di responsabilità, di promozione del personale Allineamento alla mission e vision dell organizzazione Apertura all ambiente esterno e all innovazione tecnologica e culturale 18 / 39 9

11 Indicatori utilizzati per rilevare il BEN-ESSERE ESSERE Analisi clima Provincia di ASTI SODDISFAZIONE PER L ORGANIZZAZIONEL VOGLIA DI IMPEGNARSI PER L ORGANIZZAZIONEL SENSAZIONE DI FAR PARTE DI UN TEAM ELEVATO COINVOLGIMENTO SPERANZA DI POTER CAMBIARE LE CONDIZIONI NEGATIVE ATTUALI PERCEZIONE DI SUCCESSO DELL ORGANIZZAZIONE RAPPORTO TRA VITA LAVORATIVA E PRIVATA (GIUSTO EQUILIBRIO) RELAZIONI INTERPERSONALI POSITIVE VALORI ORGANIZZATIVI IMMAGINE DEL MANAGEMENT 19 / 39 Indicatori utilizzati per rilevare il MAL-ESSERE ESSERE Analisi clima Provincia di ASTI INSOFFERENZA NELL ANDARE AL LAVORO ASSENTEISMO DISINTERESSE PER IL LAVORO ALTO LIVELLO DI PETTEGOLEZZO COVARE RISENTIMENTI VERSO L ORGANIZZAZIONEL AGGRESSIVITÀ INUSUALE E NERVOSISMO DISTURBI PSICOSOMATICI SENTIMENTO DI IRRILEVANZA E DI DISCONOSCIMENTO LENTEZZA NELLA PERFORMANCE CONFUSIONE ORGANIZZATIVA IN TERMINI DI RUOLI, COMPITI, MANCANZA DI PROPOSITIVITÀ ADERENZA FORMALE ALLE REGOLE 20 / 39 10

12 RISULTATI ED INTERVENTI Analisi clima Provincia di ASTI Fornire una FOTOGRAFIA del CLIMA PERCEPITO nelle diverse dimensioni analizzate, con focus su: Punti di forza (elementi di benessere condivisi) Aree di disagio Proposte di intervento per la realizzazione di un piano di miglioramento INCONTRO FORMATIVO DI RESTITUZIONE 21 / 39 OPUSCOLO INFORMATIVO SUL FENOMENO DEL MOBBING 22 / 39 11

13 IL MOBBING: DEFINIZIONI Opuscolo sul Mobbing Può essere definito come forma di violenza psicologica che viene esercitata sul posto di lavoro attraverso attacchi e maltrattamenti ripetuti da parte dei colleghi o dei datori di lavoro. Può assumere molteplici forme, dalla semplice emarginazione alla diffusione di maldicenze, dalle continue critiche alla sistematica persecuzione, dall assegnazione assegnazione di compiti dequalificanti alla compromissione dell immagine sociale nei confronti di colleghi e superiori. ETIMOLOGIA Il termine mobbing deriva dal verbo inglese: to mob che significa ledere, aggredire, assalire, accerchiare, avvilire. In etologia indica l attacco l collettivo di una moltitudine di animali più deboli contro il più forte. 23 / 39 IL MOBBING: DEFINIZIONI PROSPETTIVA SISTEMICA Opuscolo sul Mobbing Il mobbing è il frutto di dinamiche interazionali complesse, una modalità di interazione-relazione relazione all interno di uno specifico contesto. Per la sua comprensione è necessario considerare l intero l sistema che include: il MOBBIZZATO il MOBBER il CONTESTO ORGANIZZATIVO la RELAZIONE che lega tutti questi elementi. Il mobbing è parte del più ampio fenomeno del disagio lavorativo che si previene e contrasta anche attraverso la promozione di un clima di benessere organizzativo. 24 / 39 12

14 L OPUSCOLO INFORMATIVO SUL MOBBING PERCHÉ L OPUSCOLO? Opuscolo sul Mobbing Per creare uno strumento concreto e tangibile di sensibilizzazione sul fenomeno del mobbing per diffondere la cultura del benessere. VANTAGGI: DIFFUSIONE AMPIA E RAPIDA FRUIZIONE CON TEMPI E MODALITÀ SCELTI DALLE PERSONE STRUMENTO IMMEDIATO DI FACILE ACCETTAZIONE 25 / 39 REALIZZAZIONE DELL OPUSCOLO Opuscolo sul Mobbing ATTENZIONE AI CONTENUTI TEMI TRATTATI TESTI LINGUAGGIO ARTICOLAZIONE CAPITOLI 26 / 39 13

15 REALIZZAZIONE DELL OPUSCOLO Opuscolo sul Mobbing ATTENZIONE ALLA FORMA LAYOUT DISPOSIZIONE TESTI COLORI IMMAGINI 27 / 39 I CONTENUTI DELL OPUSCOLO Prefazione 1. Il Mobbing Opuscolo sul Mobbing Gli attori I tipi di mobbing Le fasi del mobbing 2. Gli effetti Conseguenze psicofisiche per la vittima Conseguenze lavorative per la vittima Conseguenze per l organizzazionel 3. E E possibile aiutare la vittima del mobbing? 4. Il mobbing si può prevenire? 5. Il mobbing e la giurisprudenza 6. Come difendersi e a chi rivolgersi 28 / 39 14

16 RICERCA-AZIONE AZIONE SYSTEMIC INTERVIEW Ricerca-azione azione Systremic Interview ATTIVITA LAVORATIVA STRUTTURA E RUOLI ORGANIZZATIVI COMUNICAZIONE BENESSERE ORGANIZZATIVO RAPPORTO CON CAPI/COLLEGHI CULTURA ORGANIZZATIVA FUTURO ORGANIZZAZIONE 29 / 39 Ricerca-azione azione Systremic Interview ATTIVITA LAVORATIVA STRUTTURA E RUOLI ORGANIZZATIVI COMUNICAZIONE Riflettere sulle RELAZIONI per indagare il clima nelle organizzazioni PROSPETTIVA SISTEMICA PERCEZIONI ATTRIBUZIONE DI SIGNIFICATO PREMESSE BENESSERE ORGANIZZATIVO PER LE PERSONE ASPETTATIVE ATTRIBUZIONE DI SENSO RELAZIONI CON CAPI/COLLEGHI CULTURA ORGANIZZATIVA FUTURO ORGANIZZAZIONE 30 / 39 15

17 Ricerca-azione azione Systremic Interview Riflettere sulle RELAZIONI per indagare il clima nelle organizzazioni L ANALISI DEL CLIMA È... PROSPETTIVA TRADIZIONALE UNO STRUMENTO DIAGNOSTICO CONSENTE ALLE VALUTARE IL LIVELLO CHE ORGANIZZAZIONI DI DI BENESSERE ORGANIZZATIVO AL FINE DI INTERVENIRE APPORTANDO I CAMBIAMENTI NECESSARI. PROSPETTIVA SISTEMICA UNO STRUMENTO ATTRAVERSO IL QUALE E POSSIBILE RIFLETTERE E FAR RIFLETTERE SULLE RELAZIONI PRESENTI ALL INTERNO DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO AL FINE DI INTRODURRE IPOTESI RELAZIONALI E FACILITARE IL PROCESSO DI CAMBIAMENTO. 31 / 39 Ricerca-azione azione Systremic Interview Riflettere sulle RELAZIONI per indagare il clima nelle organizzazioni COS E IL BENESSERE ORGANIZZATIVO? L organizzazione è un sistema costituito da una rete di relazioni interne che si autoregolano. In quest ottica il clima organizzativo risulta strettamente condizionato dalle relazioni presenti all interno dell organizzazione e dalla loro funzionalità. La percezione positiva/negativa degli scambi relazionali all interno dell organizzazione contribuisce alla percezione di uno stato di benessere/malessere dei membri che la costituiscono. PREMESSA 32 / 39 16

18 Riflettere sulle RELAZIONI per indagare il clima nelle organizzazioni Ricerca-azione azione Systremic Interview PREMESSA STAR BENE AUMENTA IL LIVELLO DI PERFORMANCE DELL INDIVIDUO. L INDIVIDUO CHE STA BENE AL LAVORO FA CRESCERE E SVILUPPARE L ORGANIZZAZIONE. RETROAZIONE UN ORGANIZZAZIONE CHE CRESCE E STA BENE GENERA SICUREZZA E BENESSERE NEI SUOI MEMBRI. 33 / 39 IL QUESTIONARIO Ricerca-azione azione Systremic Interview Costruito adottando la modalità circolare. Prende in considerazione le seguenti dimensioni da un punto di vista relazionale ovvero chiedendo alle persone di rispondere alle diverse domande riflettendo sulla relazione con i colleghi: Comfort dell ambiente fisico Percezione sul contenuto del lavoro Relazioni con i colleghi Area dei conflitti Rapporti con i superiori Comunicazione all interno dell organizzazione Fattori relativi allo sviluppo di carriera 34 / 39 17

19 Ricerca-azione azione Systremic Interview Ipotesi sistemiche per il benessere delle organizzazioni VALORE AGGIUNTO QUESTIONARIO SISTEMICO SITUAZIONI PARADOSSALI ASPETTI CONDIVISI RAFFORZATI PREMESSE ARGOMENTI TABU CREDENZE CONDIVISE DISCORDANTI ASPETTI CRITICI 35 / 39 CONCLUSIONI APPLICABILITA DELLA SYSTEMIC INTERVIEW NELL ANALISI DI CLIMA Il Il questionario questionario sistemico, sistemico, grazie grazie alle alle informazioni informazioni sulla sulla percezione percezione delle delle relazioni relazioni scaturite scaturite dalla dalla riflessività riflessività e e dalla dalla circolarità, circolarità, ha ha permesso permesso di di formulare formulare ipotesi ipotesi sulle sulle relazioni relazioni e e sulla sulla percezione percezione del del benessere benessere organizzativo. organizzativo. Inoltre, Inoltre, dalle dalle risposte risposte alle alle domande domande di di gradimento, gradimento, sembra sembra che che il il solo solo immaginare immaginare il il punto punto di di vista vista dell altro, dell altro, durante durante la la compilazione compilazione del del questionario, questionario, abbia abbia facilitato facilitato la la riflessione riflessione sui sui rapporti rapporti tra tra colleghi colleghi ponendo ponendo le le basi basi per per introdurre introdurre dei dei cambiamenti cambiamenti nelle nelle modalità modalità relazionali relazionali con con l altro. l altro. 36 / 39 18

20 CONCLUSIONI APPLICABILITA DELLA SYSTEMIC ITERVIEW NELL ANALISI DI CLIMA Le Le ipotesi ipotesi sistemiche sistemiche emerse emerse potrebbero potrebbero essere essere utili utili nell attivare, nell attivare, attraverso attraverso la la loro loro restituzione restituzione alle alle e e con con le le persone, persone, interventi interventi di di consulenza consulenza finalizzati finalizzati a a migliorare migliorare la la percezione percezione delle delle relazioni, relazioni, aprire aprire diverse diverse porte, porte, costruire costruire con con i i membri membri dell organizzazione dell organizzazione una una storia storia diversa, diversa, introducendo introducendo complessità complessità e e nuove nuove modalità modalità relazionali relazionali maggiormente maggiormente funzionali funzionali al al benessere benessere organizzativo organizzativo dello dello specifico specifico contesto. contesto. 37 / 39 POSSIBILI INTERVENTI PER IL BENESSERE ORGANIZZATIVO ANALISI DI CLIMA GRUPPI GENERATIVI COUNSELING COACHING FOCUS GROUP OFFERTE FORMATIVE AD HOC 38 / 39 19

21 GRAZIE PER L ATTENZIONE!!! / 39 20

22 IL BENESSERE NELL ORGANIZZAZIONE Inquadramento storico Ipotesi di intervento nella Pubblica Amministrazione Angela Greco 26 novembre 2008 Excursus storico inizio XX secolo: nessuna attenzione alle condizioni dei lavoratori anni 30-40: attenzione agli aspetti legati ad infortuni sul lavoro 1933: Movimento delle Relazioni Umane anni 50-60: interessi ad aspetti non solo fisici ma anche mentali della salute anni 70-80: da approccio alla cura ad intervento focalizzato sulla prevenzione. Attenzione a fattori fisici, psicologici e sociali 1

23 Excursus storico anni : dall individuo all organizzazione. L organizzazione è in salute se oltre a saper lavorare efficacemente è anche capace di crescere e svilupparsi Emerge il concetto di clima e salute organizzativa. Approccio sistemico e causalità circolare L organizzazione genera sicurezza e benessere nell individuo che ne condivide i valori e la cultura Individuo che sta bene L organizzazione cresce e si sviluppa Aumenta il livello di performance 2

24 Definizione di benessere organizzativo L insieme dei nuclei culturali, dei processi e delle pratiche organizzative che animano la dinamica della convivenza nei contesti di lavoro promuovendo, mantenendo e migliorando la qualità della vita e il grado di benessere fisico psicologico e sociale della comunità lavorativa (Avallone, 2003) Prospettive di studio Jaffe, 1995 Prospettiva stress da lavoro e burn-out Prospettiva politiche aziendali e sviluppo organizzativo Prospettiva personalità dei manager e della leadership 3

25 prospettive di promozione della salute Negli anni 90 si introduce un concetto di rischio psico-sociale che supera la concezione dell individuo: le dimensioni organizzative e culturali incidono sulla qualità di vita dell intera comunità lavorativa Commissione Europea, 1999: pone attenzione allo stress lavorativo Benessere e Pubblica Amministrazione I cambiamenti in atto nella Pubblica Amministrazione richiedono che l organizzazione sia in salute per adattarsi e rispondere alle nuove domande Nuove politiche di valorizzazione del personale 4

26 Benessere e Pubblica Amministrazione consapevoli del proprio ruolo persone motivate competenti Benessere e Pubblica Amministrazione Attirare talenti Adeguamento delle capacità Sfide per la P.A. Creare senso di appartenenza e motivazione Trasmettere codici e valori 5

27 Benessere e Pubblica Amministrazione Attirare talenti Adeguamento delle capacità Creare senso di appartenenza e motivazione Nuova prospettiva di senso dalla macchina amministrativa Sfide per a quella del pensiero e delle la P.A. emozioni per creare un valore del Pubblico Trasmettere codici e valori Direttive istituzionali Comunicazione n. 118/2002 della Commissione Europea in materia di strategie per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro: si pone tra gli altri obiettivi il continuo miglioramento del benessere fisico, morale e sociale sul luogo di lavoro. 6

28 Direttive istituzionali Direttiva del Ministero della Funzione Pubblica del 24/03/2004 Aumentare motivazione collaboratori Migliorare rapporti dirigenti e operatori Accrescere il senso di appartenenza e soddisfazione dei lavoratori per la propria Amministrazione Diffondere la cultura della partecipazione, aule presupposto dell orientamento al risultato, al posto della cultura dell adempimento Realizzare sistemi di comunicazione interna Prevenire rischi psicosociali Indicatori di benessere Ambiente salubre Chiarezza degli obiettivi organizzativi Riconoscimento e valorizzazione delle competenze Comunicazione intra-organizzativa e circolazione delle informazioni Prevenzione infortuni e rischi professionali 7

29 Indicatori di benessere Clima relazionale franco e cooperativo Giustizia organizzativa Apertura all innovazione tecnologica Controllo dei livelli di stress Gestione della conflittualità Interventi di promozione della salute Livello organizzativo (interventi di job design) Livello interfaccia individuoorganizzazione (migliorare adattamento persona-ambiente) Livello individuale (potenziare tecniche per fronteggiare lo stress) 8

30 Possibili interventi nella P.A. Organizzativi (indagini di clima) Interfaccia individuo-organizzazione (gruppi di miglioramento, team building, gruppi di formazione) Individuo (counseling) Leadership (coaching) Intervento formativo Presupposti nella costruzione del progetto Individuazione di alcuni fattori di stress individuale (gestione del tempo, gestione delle relazioni) che non permettono di lavorare serenamente ed efficacemente Elementi di malessere non permettono di lavorare serenamente ed in maniera efficace Migliori relazioni contribuiscono a creare un buon gruppo Il gruppo supporta, sostiene, aumenta sensazione di benessere Sentirsi parte di un gruppo può portare ad un maggior senso di appartenenza all organizzazione 9

31 Intervento formativo Titolo del corso: Star bene al lavoro: organizzazione, comunicazione e lavoro di gruppo Area di intervento: gruppo Destinatari: impiegati e personale tecnico Durata: 2 giornate Intervento formativo Obiettivi Fornire strumenti per organizzare meglio le proprie attività e comunicare in maniera più efficace Migliorare le relazioni all interno dell organizzazione Favorire la costruzione di un gruppo di lavoro 10

32 Intervento formativo Contenuti Tecniche di gestione del tempo e problem solving Comunicazione interpersonale Conflitto e cooperazione Costruzione del gruppo di lavoro 11

33 La valorizzazione delle risorse umane nel Servizio Agricoltura della Provincia di Asti Il benessere organizzativo nella pubblica amministrazione Milano Palazzo delle Stelline 26 novembre 2008 Il benessere organizzativo nell ottica del miglioramento continuo BENESSERE ORGANIZZATIVO La capacità di un organizzazione, di essere non soltanto efficace e produttiva, ma anche di crescere e svilupparsi, assicurando un adeguato grado di benessere fisico e psicologico dei propri lavoratori Certificazione Sistema Qualità ISO 9001:2000. Organizzazione in linea con le novità legislative, ma attenta al fattore umano, motore della crescita e dello sviluppo. Progettazione e implementazione di tecniche volte a garantire il benessere organizzativo. Formazione del personale costantemente aggiornata, al passo con la crescente complessità del contesto in cui la PA si trova ad operare. Comunicazione interna. Monitoraggio continuo del grado di soddisfazione e motivazione del personale tramite strumenti di valutazione appositamente studiati. Gratificazione dipendenti tramite valorizzazione dei ruoli.

34 Gli obiettivi della Dirigenza 1. Coinvolgere il personale, informandolo sull importanza della corretta gestione ed esecuzione dei procedimenti, nel rispetto dei vincoli di legge 2. Definire e comunicare con chiarezza le politiche di qualità e valorizzazione delle risorse umane 3. Stabilire obiettivi specifici, raggiungibili e misurabili garantendo un attività di monitoraggio e valutazione ex-ante, in itinere e ex-post 4. Assicurare l individuazione e la richiesta delle risorse necessarie per i dipendenti, in modo tale da operare in linea con i principi del benessere organizzativo, ovviamente per quanto possibile in relazione alle voci di bilancio 5. Sensibilizzare i dipendenti circa la centrale importanza del loro ruolo nel rapporto con gli utenti esterni al fine di combattere il pregiudizio radicato di inefficienza della PA, il che permetterebbe di aumentare il livello di motivazione e soddisfazione per il lavoro svolto e attivare un circolo virtuoso capace di innalzare il grado di efficienza e produttività del Servizio Sviluppo del capitale umano Punto di convergenza tra coesione sociale e competitività nel nostro sistema produttivo. FORMAZIONE VALORIZZAZIONE RISORSE UMANE COMUNICAZIONE

35 L impegno per il futuro nel proseguire il cammino del miglioramento continuo Mantenimento del Sistema della Qualità Elaborazione e implementazione di un Piano di Miglioramento gestionale all interno del quale la valorizzazione del personale e l attenzione al benessere organizzativo rivestono un ruolo di fondamentale importanza La Dirigenza è fermamente impegnata in questa azione di miglioramento continuo del Servizio animata dalla convinzione nel perseguire i criteri di efficienza e merito Il mobbing e il Servizio Agricoltura della Provincia di Asti La Direzione del Servizio ritiene che non debba neanche aleggiare l idea di mobbing in quanto, in ogni ambito, di imprescindibile importanza è il rispetto totale della persona. Solo persone motivate e messe in condizione di operare nel modo migliore possono dare concretezza ai principi contenuti in astratto nelle norme. MOBBING

36 Il mobbing e la giurisprudenza Parere dal punto di vista giuridico Definizione della Corte Costituzionale Sentenza della Suprema Corte di Cassazione Elemento materiale ed elemento psicologico del mobbing Parere recente: sentenza n del 2008, Cassazione GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA LO STRESS NELLA PSICOLOGIA Sempre più spesso si sente parlare di stress, di persone stressate, di società stressata. La parola inglese stress significa anche pressione, sollecitazione, ed è stata introdotta

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Risultati della valutazione e azioni correttive in Ulss 13 Ottobre Novembre 2013 Ulss 13 Dolo-Mirano-Noale 2013 Irma Seminara Rischi psicosociali: stress da lavoro correlato-

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli