Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora"

Transcript

1 Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica nell aprile 2013

2 I punti fondamentali Art. 7 Comma 1 le pubbliche amministrazioni garantiscono altresì un ambiente di lavoro improntato al benessere organizzativo le pubbliche amministrazioni costituiscono al proprio interno, entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, un Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

3 Dati di base In aprile 2013 è stato sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica un questionario sul benessere lavorativo I risultati costituiranno la base per la costruzione di un piano triennale delle azioni positive, da utilizzare per migliorare la qualità del lavoro e del benessere lavorativo presso il nostro Ente Il questionario è stato sottoposto a 119 aventi diritto Hanno prodotto una risposta 95 colleghi (80%)

4 Le basi giuridiche Le pubbliche amministrazioni (amministrazioni dello Stato, province, comuni, enti pubblici non economici) sono tenute ad elaborare, approvare e attuare un proprio Piano triennale per le azioni positive (PTAP), seguendo quanto previsto dal Codice delle pari opportunità. il Ptap è richiesto dal decreto legislativo 11 aprile 2006 n. 198 ( Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della legge 28 novembre 2005 n. 246 ) e, più in particolare, dall art. 48 ( Azioni positive nelle pubbliche amministrazioni ) L art. 42 del medesimo decreto specifica la nozione giuridica generale di azioni positive, che sono da intendere, essenzialmente, come misure dirette a rimuovere ostacoli alla realizzazione di pari opportunità nel lavoro.

5 Le sezioni del questionario Senso di appartenenza Organizzazione e valutazione dell ente Efficacia della comunicazione Funzionamento di gruppi e comunità Piani efficaci di valorizzazione e sviluppo professionale Lavoro e svago Benessere lavorativo Gestione delle diversità Proposte personali

6 Le risposte Elevato livello di partecipazione Elevata accuratezza nelle risposte Pochissime incongruenze logiche nel pattern di risposte Ottima ripartizione sessi (42% U, 46% D), 69% oltre 40 anni Chiara fotografia dell Ente, in questo momento

7 1-SENSO DI APPARTENENZA

8 1.1 Sei soddisfatto/a di lavorare alla Stazione Zoologica? Non so 2% 3,20% 29,50% 44,20% 13,70% 7,40% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45%

9 1.2 Se potessi, cambieresti ente? 8,42% Nel Privato 11,58% Nel Pubblico 24,21% No 55,79% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

10 1.3 Ti è chiara l utilità del tuo lavoro rispetto agli obiettivi del tuo gruppo di ricerca/ufficio/servizio? Non so 2,10% 2,10% 56,80% 21,10% 7,40% 10,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

11 1.4 Quanto ti senti professionalmente vicino ai colleghi e alle colleghe.? a) del tuo laboratorio/servizio/ufficio 2,10% Non so 3,20% 34,70% 41,10% 17,90% 1,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

12 1.4 Quanto ti senti professionalmente vicino ai colleghi e alle colleghe.? b) con il tuo stesso profilo professionale Non so 2,10% 6,30% 11,60% 46,30% 30,50% 3,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

13 1.4 Quanto ti senti professionalmente vicino ai colleghi e alle colleghe.? c) della rete scientifica 7,40% Non so 1,10% 20,00% 33,70% 28,40% 9,50% 0% 10% 20% 30% 40%

14 1.4 Quanto ti senti professionalmente vicino ai colleghi e alle colleghe.? d) delle altre pubbliche amministrazioni 7,40% Non so 11,60% 4,20% 24,20% 25,30% 27,40% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30%

15 2-ORGANIZZAZONE E VALUTAZIONE DELL ENTE

16 2.1 In che misura condividi le seguenti affermazioni? a) Gli aspetti burocratici frenano lo svolgimento del tuo lavoro 2,10% 67,40% 23,20% 6,30% 1,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

17 2.1 In che misura condividi le seguenti affermazioni? b) Ricerca e amministrazione collaborano nel lavoro di routine Non so 1,10% 5,30% 3,20% 21,10% 54,70% 14,70% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

18 2.1 In che misura condividi le seguenti affermazioni? c) Aree/Servizi e Amministrazione collaborano nel lavoro di routine Non so 4,20% 2,10% 7,40% 25,30% 51,60% 9,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

19 2.1 In che misura condividi le seguenti affermazioni? d) Ricerca e Aree/Servizi collaborano nel lavoro di routine Non so 2,10% 5,30% 3,20% 49,50% 33,70% 6,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

20 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? a) Sono stati definiti dalla dirigenza obiettivi per il tuo laboratorio/ufficio/area/servizio Non so 6,30% 9,50% 1,10% 17,90% 27,40% 37,90% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

21 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? b) Le persone del mio laboratorio/ufficio/area/servizio sono state informate sugli obiettivi assegnati alla struttura 8,40% Non so 2,10% 5,30% 23,20% 28,40% 32,60% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

22 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? c) Mi sono stati assegnati uno o più obiettivi individuali coerenti con le mie competenze Non so 3,20% 7,40% 10,50% 41,10% 12,60% 25,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

23 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? d) Ritengo utile concordare con il responsabile del mio settore obiettivi individuali misurabili 8,40% 47,40% 31,60% 5,30% 7,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

24 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? e) Ritengo utile che venga adottato un sistema di valutazione dei propri superiori gerarchici 10,50% Non so 4,20% 49,50% 24,20% 9,50% 2,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

25 2.3 Nelle scelte che ti riguardano in che misura il tuo direttore superiore/responsabile presta attenzione ai seguenti elementi? a) Le tue effettive capacità scientifico/professionale 4,20% Non so 2,10% 17,90% 23,20% 29,50% 23,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30%

26 2.3 Nelle scelte che ti riguardano in che misura il tuo direttore superiore/responsabile presta attenzione ai seguenti elementi? b) La tua formazione specifica (studi effettuati, specializzazioni, ecc ecc ) Non so 1,10% 4,20% 13,70% 22,10% 32,60% 26,30% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

27 2.3 Nelle scelte che ti riguardano in che misura il tuo direttore superiore/responsabile presta attenzione ai seguenti elementi? c) Le tue esigenze pratiche e i tuoi problemi personali Non so 2,10% 5,30% 10,50% 28,40% 30,50% 23,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

28 2.3 Nelle scelte che ti riguardano in che misura il tuo direttore superiore/responsabile presta attenzione ai seguenti elementi? d) Le tue aspettative di crescita professionale e di carriera Non so 2,10% 6,30% 7,40% 14,70% 26,30% 43,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

29 2.4 Sei a conoscenza del Piano della performance della Stazione Zoologica 2,10% Non conosce 51,60% A conoscenza 46,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

30 2.5 Secondo te, il Piano della performance è principalmente: Spesa Inutile Leva Miglioramento 9,82% 9,82% Strum. di potere fuori controllo personale Strum. Gest. Personale efficiente Rinnovamento 12,50% 18,75% 16,96% Adempimento Burocratico 32,14% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

31 3- CIRCOLAZIONE DELLE INFORMAZIONI

32 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? a) Tra colleghi ci si scambia informazioni utili 2,10% 4,20% 42,10% 41,10% 10,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

33 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? b) Quando si ha bisogno di informazioni si sa a chi rivolgersi Non so 2,10% 3,20% 6,30% 24,20% 47,40% 16,80% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

34 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? c) I flussi di comunicazione sono fonte di stress nel lavoro quotidiano Non so 3,20% 3,20% 48,40% 24,20% 9,50% 11,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

35 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? d) I dipendenti sono informati dei criteri decisionali dell Ente 0,00% 2,10% 3,20% 30,50% 64,20% 0% 20% 40% 60% 80%

36 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? e) La dirigenza comunica efficacemente con il personale 0,00% 2,10% 2,10% 31,60% 64,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

37 3.2 Nel tuo laboratorio/ufficio si verificano le seguenti situazioni? a) Tra colleghi ci si scambia informazioni utili 2,10% 26,30% 40,00% 20,00% 11,60% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

38 3.2 Nel tuo laboratorio/ufficio si verificano le seguenti situazioni? b) E facile ottenere le informazioni richieste 3,20% 20,00% 46,30% 21,10% 9,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

39 3.2 Nel tuo laboratorio/ufficio si verificano le seguenti situazioni? c) I flussi di comunicazione sono fonte di stress nel lavoro quotidiano Non so 2,10% 4,20% 15,80% 20,00% 37,90% 20,00% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

40 3.2 Nel tuo laboratorio/ufficio si verificano le seguenti situazioni? d) I dipendenti sono informati dei criteri decisionali che li riguardano 3,20% 8,40% 33,70% 32,60% 22,10% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

41 4- GRUPPI E COMUNITA

42 4.1 Sei soddisfatto/a dei tuoi rapporti con: a) Colleghi/e del tuo gruppo di lavoro 2,10% 29,50% 52,60% Per Nulla 10,50% 5,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

43 4.1 Sei soddisfatto/a dei tuoi rapporti con: b) Colleghi/e di altri laboratori/uffici/aree/servizi 2,10% 6,30% 57,90% 10,50% 23,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

44 4.1 Sei soddisfatto/a dei tuoi rapporti con: c) Diretto superiore/responsabile Non so 2,10% 1,10% 21,10% 28,40% 20,00% 27,40% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30%

45 4.1 Sei soddisfatto/a dei tuoi rapporti con: d) Vertici dell Ente Non so 2,10% 3,20% 1,10% 9,50% 33,70% 50,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

46 5-VALORIZZAZIONE E SVILUPPO PROFESSIONALE

47 5.1 Qual è il tuo attuale profilo/qualifica di inquadramento? 9,50% Tecnico/Amministrativo 45,30% Ricercatore/Tecnologo 45,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

48 5.2 Le attuali responsabilità di lavoro sono coerenti con il tuo livello di inquadramento? 5,30% Risposte Non valide 1,10% No, sono minori 13,70% No, sono maggiori 35,80% Si, sono coerenti 44,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45%

49 5.3 Nello svolgimento del tuo lavoro hai la possibilità di applicare con soddisfazione le tue capacità? 2,10% 14,70% 54,70% 22,10% 6,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

50 5.4 Il tuo diretto superiore coordina efficacemente l attribuzione dei compiti tra i collaboratori? Non so 3,20% 1,10% 11,60% 30,50% 25,30% 28,40% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

51 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni a) La dirigenza è attenta al desideri di crescita professionale delle persone 0,00% 2,10% 5,30% 28,40% 64,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

52 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni b) La dirigenza incentiva lo sviluppo delle potenzialità dei dipendenti 0,00% 2,10% 2,10% 33,70% 62,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

53 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni c) L organizzazione del lavoro favorisce lo scambio professionale Non so 3,20% 1,10% 3,20% 12,60% 48,40% 31,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

54 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni d) I meccanismi di carriera sono trasparenti e imparziali Non so 0,00% 2,10% 3,20% 3,20% 30,50% 61,10% 0% 20% 40% 60% 80%

55 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni e) L Ente propone attività di formazione e aggiornamento efficaci per lo sviluppo delle competenze professionali Non so 0,00% 2,10% 1,10% 5,30% 21,10% 70,50% 0% 20% 40% 60% 80%

56 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni f) Le attività di formazione e aggiornamento proposte favoriscono lo sviluppo di carriera Non so 8,40% 5,30% 1,10% 4,20% 25,30% 55,80% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

57 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di risultati Pubblicazioni, brevetti, rapporti con le imprese Produzione e divulgazione scientifica 11,60% 12,60% Qualità dei risultati raggiunti 35,80% Raggiungimento degli obiettivi richiesti 24,20% Efficienza 11,60% Risposte mancanti 4,20% 0% 10% 20% 30% 40%

58 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di conoscenze Risposte Nulle 1,10% Crescita professionale attraverso formazione 9,50% Crescita professionale per capacità/meriti personali 34,70% Capacità e preparazione professionale 49,50% Risposte mancanti 5,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

59 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di gestione Risposte Nulle Rispetto dei tempi e delle scadenze Capacità di reperire/gestire fondi Responsabilità di gestione dei progetti 1,10% 2,10% 4,20% 8,40% Capacità di soluzione dei problemi 30,50% Capacità di gestione delle risorse umane Capacità organizzative e di iniziativa personale Risposte mancanti 5,30% 7,40% 41,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

60 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di relazioni Partecipazione/coinvolgimento a progetti di ricerca nazionali e internazionali 17,90% Interconnessioni con la comunità scientifica 7,40% Collaborazione e integrazione con i colleghi/e 32,60% Capacità di creare un ambiente lavorativo sereno 22,10% Correttezza nei rapporti interpersonali 16,80% Risposte mancanti 3,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

61 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di qualità personali Precisione 4,20% Costanza, impegno, affidabilità 68,40% Disponibilità 18,90% Flessibilità 5,30% Risposte mancanti 3,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

62 6- LAVORO E SVAGO

63 6.1 Riesci a conciliare le esigenze di lavoro e le tue esigenze personali? 3,20% 8,40% 57,90% 23,20% 7,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

64 6.2 Quanto è compatibile l organizzazione del lavoro del tuo istituto/ufficio con i tuoi impegni personali e familiari? 3,20% 11,60% 55,80% 27,40% 2,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

65 6.3 Quanto le esigenze personali hanno influenzato il tuo percorso professionale e di carriera? Risposta nulla Lo hanno migliorato 1,10% 5,30% 8,40% Lo hanno rallentato 21,10% Lo hanno ostacolato 5,30% Nessuna influenza 58,90% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

66 6.4 Quanto le esigenze di lavoro hanno influenzato la tua sfera personale e familiare? Risposta nulla L hanno migliorata 3,20% 1,10% 4,20% L hanno resa più difficile 33,70% L hanno danneggiata 5,30% Nessuna influenza 52,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

67 7-BENESSERE LAVORATIVO

68 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? a) Accogliente Non so 4,20% 1,10% 16,80% 60,00% 16,80% 1,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

69 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? b) Raggiungibile facilmente 3,20% 26,30% 45,30% 13,70% 11,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

70 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? c) Bella Non so 4,20% 2,10% 46,30% 35,80% 9,50% 2,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

71 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? d) Spaziosa Non so 1,10% 5,30% 11,60% 45,30% 28,40% 8,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

72 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? e) Curata 4,20% 1,10% 21,10% 55,80% 17,90% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

73 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? f) Ben attrezzata Non so 2,10% 5,30% 5,30% 42,10% 31,60% 13,70% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45%

74 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? g) Sicura Non so 3,20% 5,30% 4,20% 17,90% 37,90% 31,60% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

75 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? h) Pulita 4,20% 1,10% 16,80% 45,30% 32,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

76 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? i) Priva di barriere architettoniche Non so 3,20% 3,20% 7,40% 12,60% 26,30% 47,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

77 7.2 Sei soddisfatto dell attuale servizio mensa? Non so 3,20% 4,20% 24,20% 34,70% 18,90% 14,70% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

78 7.3 Quali ulteriori servizi ritieni che contribuirebbero al benessere lavorativo nella SZN? (*) Altro 8,28% Parcheggio 40,00% Caffetteria 24,14% Asilo nido 27,59% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

79 7.4 Come valuti il tuo livello di stress sul lavoro? Non so 3,20% 7,40% 13,70% 44,20% 27,40% 4,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45%

80 7.5 Che cosa trovi particolarmente stressante nel tuo lavoro? Ambiente di lavoro Clima pesante nei rapporti tra le persone Mancato coinvolgimento nelle decisioni Carenza di informazioni Mancata/Inadeguata assegnazione di compiti/obiettivi Carenza di incentivi Lavoro poco interessante Difficoltà dovute a scarsi finanziamenti Carico eccessivo di burocrazia Eccesso di comunicazioni non necessarie Sovraccarico di lavoro 1,66% 3,73% 2,90% 8,30% 9,96% 9,54% 13,69% 13,28% 14,11% 22,82% 0% 5% 10% 15% 20% 25%

81 7.6 Che cosa trovi particolarmente stressante nel tuo lavoro? Nessun suggerimento 62,11% Interazione tra il personale 7,37% Comunicazione e trasparenza Mancanza d organizzazione e eccessiva burocrazia 12,63% 17,89% 0% 20% 40% 60% 80%

82 8-GESTIONE DELLE DIVERSITA

83 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? a) La provenienza geografica 4,20% 1,10% 2,10% 14,70% 77,90% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80%

84 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? b) L aspetto fisico 4,20% 1,10% 4,20% 18,90% 71,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80%

85 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? c) Il genere ( uomo-donna ) Non so 4,20% 2,10% 4,20% 8,40% 23,20% 57,90% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

86 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? d) I titoli di studio conseguiti Non so 5,30% 3,20% 11,60% 12,60% 28,40% 38,90% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

87 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? e) L appartenenza etnica 5,30% 2,10% 9,50% 83,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90%

88 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? f) Le condizioni di salute e le abilità fisiche Non so 5,30% 2,10% 1,10% 3,20% 23,20% 65,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

89 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? g) L orientamento sessuale Non so 4,20% 5,30% 2,10% 3,20% 11,60% 73,70% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80%

90 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? 6,30% Non so 2,10% 2,10% 7,40% 82,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90%

91 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? i) Le idee politiche Non so 4,20% 1,10% 2,10% 7,40% 16,80% 68,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

92 8.2 Qual è la situazione oggi più diffusa alla SZN rispetto al tema della diversità (di genere, di provenienza, di salute, ecc.)? Le diversità tra individui o gruppi vengono negate come se non esistessero La diversità viene sollecitata come elemento di innovazione Si cerca di integrare le diversità in modo organizzato Si riconosce la diversità come valore positivo per l organizzazione L integrazione della diversità è lasciata all iniziativa del singolo Le diversità vengono tollerate Le diversità vengono riconosciute formalmente La normativa in vigore non viene rispettata 5,61% 4,67% 4,67% 10,28% 11,21% 7,48% 18,69% 37,38% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

93 8.3 Sei mai stato personalmente soggetto/a di una delle seguenti azioni? Ingiustizie nell attribuzione di incentivi economici Esclusione non motivata da occasioni di formazione Mancato riconoscimento di contributi scientifici 10,14% 11,59% 12,32% Discriminazioni nei percorsi di carriera Ingiustizie nell attribuzione di incarichi 21,74% 26,09% Intolleranza per le diversità (fisiche, sociali, di razza, religione, sesso, politiche, ecc) Episodi di molestie sessuali 1,45% 0,00% Episodi di mobbing ( atti e comportamenti aggressivi, persecutori o offensivi) 16,67% 0% 10% 20% 30%

94 9-INFORMAZIONI PERSONALI

95 9.1 Genere 11,60% Uomo 42,10% Donna 46,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

96 9.2 Età 10,50% oltre 40 68,40% ,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

97 Conclusioni Il 75% del personale è soddisfatto di lavorare alla SZN, ha chiara l utilità del proprio lavoro Aspetti burocratici del lavoro frenano molto lo svolgimento del lavoro (90%) Scarsa cooperazione tra i comparti ricerca/aree, servizi e l amministrazione (70%) Obiettivi fissati dalla dirigenza scarsi o poco chiari (circa 65%) C è poca attenzione da parte della dirigenza alle aspettative di crescita professionale e di carriera Piano delle performances ignoto al 50% dipendenti (carenza informazioni istituzionali) Flussi di informazione, soprattutto con la dirigenza, scarsi e considerati fonte di stress quotidiano mentre tra colleghi le informazioni viaggiano abbastanza bene

98 Conclusioni Rapporti tra colleghi e con i superiori mediamente soddisfacenti, vs. 90% di insoddisfazione per i rapporti con i vertici dell ente Dirigenza non attenta ai desideri di crescita professionale (circa 90%) e non incentiva lo sviluppo delle potenzialità individuali Meccanismi di avanzamento di carriera non trasparenti, non imparziali Sede di lavoro fondamentalmente OK ma necessaria maggiore pulizia, eliminazione delle barriere architettoniche e maggiore attenzione alla sicurezza Le diversità non sono discriminate, ma la gestione delle integrazioni è lasciata all iniziativa dei singoli Segnalati frequenti di episodi di discriminazione da parte dei vertici: percorsi di carriera, ingiustizie, esclusione da formazione e mobbing

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

Indagini sul personale dipendente

Indagini sul personale dipendente AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Indagini sul personale dipendente Gentile Collega, La ringraziamo per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere

Dettagli

Quanto si trova in accordo con le seguenti affermazioni? (scala di valutazione compresa tra 1, per nulla in accordo, e 6, del tutto in accordo)

Quanto si trova in accordo con le seguenti affermazioni? (scala di valutazione compresa tra 1, per nulla in accordo, e 6, del tutto in accordo) QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO A Sicurezza e salute sul luogo di lavoro e stress lavoro correlato 1) Il mio luogo di lavoro è sicuro (impianti elettrici, misure antincendio e di emergenza, ecc.)

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP) COMUNE DI ARNAD Frazione Closé, 1 11020 ARNAD (AO) C.FISCALE e P.IVA 00125720078 COMMUNE D ARNAD 1, hameau de Closé 11020 ARNAD (Vallée d Aoste) TEL. 0125966121-089 FAX 0125966306 e-mail: info@comune.arnad.ao.it

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA', LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (CUG) QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA DATI ANAGRAFICI SESSO

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA TRIENNIO 2015/2017 (Art. 48 del D.Lgs. 198/2006) Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA COMUNE DI POLLENA TROCCHIA PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 i (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 13 del 26.02.2015) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO

COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Istruzione e alle politiche giovanili COMITATO PROVINCIALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO E FORMATIVO QUESTIONARIO PER GLI STUDENTI degli Istituti superiori

Dettagli

PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE PERIODO DI SVOLGIMENTO FINE MESE DI

PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE PERIODO DI SVOLGIMENTO FINE MESE DI QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE MENSILE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE PERIODO DI SVOLGIMENTO FINE MESE DI Il questionario è anonimo e ci aiuterà a capire se e in quale misura l attività ha risposto alle

Dettagli

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 Servizio apicale Segreteria del Sindaco - Politiche di Sviluppo dell'organizzazione Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 1. IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il contesto

Dettagli

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO Regolamento di funzionamento del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI RACCONIGI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina l attività del Comitato Unico

Dettagli

RELAZIONE QUESTIONARIO SUL BENESSERE AZIENDALE SOMMINISTRATO A GENNAIO 2013

RELAZIONE QUESTIONARIO SUL BENESSERE AZIENDALE SOMMINISTRATO A GENNAIO 2013 RELAZIONE QUESTIONARIO SUL BENESSERE AZIENDALE SOMMINISTRATO A GENNAIO 213 DATI GENERALI E ANAGRAFICI I questionari validamente compilati sono 9, corrispondenti al 7% del personale N. 4 donne, N. 28 uomini

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo?

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo? QUESTIONARIO CUG *Campo obbligatorio INFORMAZIONI ANAGRAFICHE GENERE * MASCHIO FEMMINA CATEGORIA DI INQUADRAMENTO * RELAZIONE E ORGANIZZAZIONE DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI Nella amministrazione

Dettagli

ACCORDO DI COOPERAZIONE

ACCORDO DI COOPERAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ACCORDO DI COOPERAZIONE tra COMITATO UNICO DI GARANZIA e CONSIGLIERA DI PARITÀ REGIONALE ACCORDO DI COOPERAZIONE tra Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 20 DEL 25.06.2014 Anno 2014 giorno 25 mese giugno alle ore 8.30 sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito il C.d.A. dell'esu

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013 Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano A cura del Servizio del Personale Anno 2013 Indice Introduzione 4 Obiettivi dell indagine 5 Note metodologiche 6 Caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO INTERNO PER IL FUNZIONAMENTO DEL C.U.G. (COMITATO UNICO PER LE PARI OPPORTUNITÀ, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

Relazione 2014 sui risultati del Sistema di misurazione e valutazione e delle indagini rivolte al personale dipendente

Relazione 2014 sui risultati del Sistema di misurazione e valutazione e delle indagini rivolte al personale dipendente Relazione 04 sui risultati del Sistema di misurazione e valutazione e delle indagini rivolte al personale dipendente ANNO 03 . I riferimenti normativi Il decreto legislativo 7 ottobre 009, n. 50 in materia

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06 Scelta del corso di studi (informazione) Orientamento in itinere - counseling Stage di apprendimento dell uso di strumenti informatici specifici a seconda della tipologia di disabilità Orientamento in

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA Per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 RELAZIONE INTRODUTTIVA La legge n.

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA CODICE ETICO 1. PREMESSA 1.1.L Istituto Universitario di Studi Europei (di seguito l Istituto ) è un'associazione senza scopo di lucro che ha ottenuto dalla Regione Piemonte l'iscrizione nel registro regionale

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

di opinione sulla comunicazione interna della Provincia di Chieti.

di opinione sulla comunicazione interna della Provincia di Chieti. PROVINCIA DI CHIETI Ufficio per le Relazioni con il Pubblico Indagine di opinione sulla comunicazione interna della Provincia di Chieti. Caro collega, oggi ti chiediamo di contribuire al miglioramento

Dettagli

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013 Premessa Il Piano delle Azioni Positive - PAP, è documento programmatico redatto a norma dell'art. 48 del D.Lgs. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della legge

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

Come valuti il tuo rapporto con il personale di segreteria? [ ] 1) ottimo

Come valuti il tuo rapporto con il personale di segreteria? [ ] 1) ottimo Questionario per gli studenti Come valuti il tuo rapporto con il personale di segreteria? [ ] 3) soddisfacente [ ] 4) non soddisfacente Come valuti il tuo rapporto con il personale ausiliario (custodi)?

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

PIANO POSITIVE 2014-2016. in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste tel 040 6751 www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO PIANO DI AZIONI POSITIVE 2014-2016 a cura della

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione Codice di condotta Titolo I. Oggetto e campo di applicazione 1. Definizione Il codice di condotta contiene l insieme dei principi e delle regole che orientano e guidano il comportamento del Formatore nell

Dettagli

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO "Paese dell'ossidiana" PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015/2017 Art. 48 D. Lgs. 11.04.2006, n. 198. L adozione del Piano Triennale di azioni positive risponde ad un obbligo

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati 10 settembre 2012 Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati Tra il 6 marzo e il 24 aprile 2012, il Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI PIANO TRIENNALE 2014-2016 DELLE AZIONI POSITIVE DEL COMUNE DI JESI Il presente Piano di Azioni Positive si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse dal Comune di Jesi per dare attuazione agli obiettivi

Dettagli

Pensando allʼintero percorso LA DARSENA CHE VORREI indica: 3 PUNTI DI FORZA 3 PUNTI DI DEBOLEZZA

Pensando allʼintero percorso LA DARSENA CHE VORREI indica: 3 PUNTI DI FORZA 3 PUNTI DI DEBOLEZZA sesso M F età quartiere di appartenenza nazionalità professione a quanti incontri hai partecipato? (barra la casella corrispondente al numero totale di incontri cui hai 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

Sondaggio I giovani e il sindacato

Sondaggio I giovani e il sindacato Sondaggio I giovani e il sindacato N. questionario:.(non compilare, a cura dell organizzazione sindacale) Sesso: Maschio Femmina Età: Titolo di studio: Nessun titolo/licenza elementare Scuola media inferiore

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ORGANIZZAZIONE E L AMBIENTE DI LAVORO NEL CNESPS

QUESTIONARIO SULL ORGANIZZAZIONE E L AMBIENTE DI LAVORO NEL CNESPS QUESTIONARIO SULL ORGANIZZAZIONE E L AMBIENTE DI LAVORO NEL CNESPS Il Gruppo Valorizzazione Risorse Umane (GVRU), propone a tutti i colleghi del Centro la realizzazione di un indagine per rilevare la loro

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

Istituto comprensivo di Positano e Praiano L. Porzio Questionario di gradimento del servizio scolastico rivolto al personale ATA 12 risposte

Istituto comprensivo di Positano e Praiano L. Porzio Questionario di gradimento del servizio scolastico rivolto al personale ATA 12 risposte Istituto comprensivo di Positano e Praiano L. Porzio Questionario di gradimento del servizio scolastico rivolto al personale ATA 12 risposte Riepilogo Gentile Collaboratore, Presto servizio nella scuola

Dettagli

Ambiente ufficio e benessere. Dalle buone intenzioni ai fatti

Ambiente ufficio e benessere. Dalle buone intenzioni ai fatti Ambiente ufficio e benessere Dalle buone intenzioni ai fatti Indicatori di malessere organizzativo insofferenza nell'andare al lavoro assenteismo disinteresse al lavoro desiderio di cambiare lavoro alto

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Mobbing e rischio psicosociale: una lettura giuridica contaminata

Mobbing e rischio psicosociale: una lettura giuridica contaminata Mobbing e rischio psicosociale: una lettura giuridica contaminata Laura Calafà, Coordinatrice del Corso di perfezionamento universitario per Consiglieri di fiducia Professore associato di diritto del lavoro

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

RELAZIONE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO, IL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO

RELAZIONE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO, IL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELAZIONE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO, IL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO Documento allegato al verbale del NdV della seduta del 15 settembre 2014

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA. VALUTAZIONE e QUALITA'

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA. VALUTAZIONE e QUALITA' Questionari Distribuiti n 89 Elaborati n di cui in bianco n ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA VIA PUGLIE, 4 ROMA VALUTAZIONE e QUALITA' ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 Rilevazione della qualità del servizio

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE. triennio 2015/2017 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 32 DEL 23.04.2015 Comune di Pompiano PIANO DELLE AZIONI POSITIVE triennio 2015/2017 -Approvato dal Comitato unico di garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale

REPORT EX ANTE 2015. Servizio civile nazionale REPORT EX ANTE 2015 Servizio civile nazionale Genere Età Titolo di studio Eventuali studi in corso IL CAMPIONE Genere VA Maschi 17 Femmine 45 TOTALE 62 Età degli intervistati 22 21 20 20 21 20 19 19-22anni

Dettagli

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali 1 DOTT. PAOLO PAPPONE PSICHIATRA ASL NAPOLI 1 CENTRO A.S. MOBBING E DISADATTAMENTO LAVORATIVO P.Pappone Call Center: Stress

Dettagli

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento

Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

Benessere e stili di vita nell età di mezzo

Benessere e stili di vita nell età di mezzo Donne e uomini al lavoro donne e uomini in salute U.O. Formazione Aziendale Benessere e stili di vita nell età di mezzo Invecchiamento attivo e promozione della salute globale nelle Aziende Ospedaliere

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Analisi statistica dei questionari rivolti agli allievi. valutazione attività a.s. 2012/2013. prof.ssa Marina Garavani

Analisi statistica dei questionari rivolti agli allievi. valutazione attività a.s. 2012/2013. prof.ssa Marina Garavani Analisi statistica dei questionari rivolti agli allievi valutazione attività a.s. 2012/2013 prof.ssa Marina Garavani 1 - Come giudichi il tuo inserimento al Cena"? A) Buono 46 % B) Soddisfacente 44 % C)

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l.

NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l. NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l. SEDE LEGALE Via Umberto I, 13-73100 LECCE SEDE OPERATIVA Z.I. Ex Consorzio SISRI - 73100 LECCE Codice Fiscale e Partita IVA 04157000755 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 grado Cena-Corradini Latina Questionario rivolto agli alunni delle classi Seconde

Scuola Secondaria di 1 grado Cena-Corradini Latina Questionario rivolto agli alunni delle classi Seconde Scuola Secondaria di 1 grado Cena-Corradini Latina Questionario rivolto agli alunni delle classi Seconde Segnare in ordine crescente il livello di gradimento: 1=poco; 2= abbastanza; 3=molto Per le risposte

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 COMUNE DI ARCENE (Provincia di Bergamo) PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 Quadro normativo Il Piano delle Azioni Positive si inserisce nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione per

Dettagli

SALUTE SUL LAVORO E BENESSERE ORGANIZZATIVO: OBBLIGHI ED OPPORTUNITÀ PER LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. IL RUOLO DEI CUG

SALUTE SUL LAVORO E BENESSERE ORGANIZZATIVO: OBBLIGHI ED OPPORTUNITÀ PER LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. IL RUOLO DEI CUG SALUTE SUL LAVORO E BENESSERE ORGANIZZATIVO: OBBLIGHI ED OPPORTUNITÀ PER LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. IL RUOLO DEI CUG Aldo Monea Avvocato e professore univers. a contratto Brescia, 23 settembre 2011

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2013/2015 Definitivo CO M U N E D I S A N V I T O Provincia di Cagliari Allegato A) alla delibera di Giunta Comunale N. 67 del 30/06/2014 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P)

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs. 11.04.2006 n 198) 813830 COMUNE DI BONASSOLA Provincia della Spezia Via Beverino 1 cap 19011 tel 0187 81381 fax 0187 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE - PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA TRIENNIO 2015/2017 (art. 48 del D.Lgs.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli