Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora"

Transcript

1 Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica nell aprile 2013

2 I punti fondamentali Art. 7 Comma 1 le pubbliche amministrazioni garantiscono altresì un ambiente di lavoro improntato al benessere organizzativo le pubbliche amministrazioni costituiscono al proprio interno, entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, un Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

3 Dati di base In aprile 2013 è stato sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica un questionario sul benessere lavorativo I risultati costituiranno la base per la costruzione di un piano triennale delle azioni positive, da utilizzare per migliorare la qualità del lavoro e del benessere lavorativo presso il nostro Ente Il questionario è stato sottoposto a 119 aventi diritto Hanno prodotto una risposta 95 colleghi (80%)

4 Le basi giuridiche Le pubbliche amministrazioni (amministrazioni dello Stato, province, comuni, enti pubblici non economici) sono tenute ad elaborare, approvare e attuare un proprio Piano triennale per le azioni positive (PTAP), seguendo quanto previsto dal Codice delle pari opportunità. il Ptap è richiesto dal decreto legislativo 11 aprile 2006 n. 198 ( Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della legge 28 novembre 2005 n. 246 ) e, più in particolare, dall art. 48 ( Azioni positive nelle pubbliche amministrazioni ) L art. 42 del medesimo decreto specifica la nozione giuridica generale di azioni positive, che sono da intendere, essenzialmente, come misure dirette a rimuovere ostacoli alla realizzazione di pari opportunità nel lavoro.

5 Le sezioni del questionario Senso di appartenenza Organizzazione e valutazione dell ente Efficacia della comunicazione Funzionamento di gruppi e comunità Piani efficaci di valorizzazione e sviluppo professionale Lavoro e svago Benessere lavorativo Gestione delle diversità Proposte personali

6 Le risposte Elevato livello di partecipazione Elevata accuratezza nelle risposte Pochissime incongruenze logiche nel pattern di risposte Ottima ripartizione sessi (42% U, 46% D), 69% oltre 40 anni Chiara fotografia dell Ente, in questo momento

7 1-SENSO DI APPARTENENZA

8 1.1 Sei soddisfatto/a di lavorare alla Stazione Zoologica? Non so 2% 3,20% 29,50% 44,20% 13,70% 7,40% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45%

9 1.2 Se potessi, cambieresti ente? 8,42% Nel Privato 11,58% Nel Pubblico 24,21% No 55,79% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

10 1.3 Ti è chiara l utilità del tuo lavoro rispetto agli obiettivi del tuo gruppo di ricerca/ufficio/servizio? Non so 2,10% 2,10% 56,80% 21,10% 7,40% 10,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

11 1.4 Quanto ti senti professionalmente vicino ai colleghi e alle colleghe.? a) del tuo laboratorio/servizio/ufficio 2,10% Non so 3,20% 34,70% 41,10% 17,90% 1,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

12 1.4 Quanto ti senti professionalmente vicino ai colleghi e alle colleghe.? b) con il tuo stesso profilo professionale Non so 2,10% 6,30% 11,60% 46,30% 30,50% 3,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

13 1.4 Quanto ti senti professionalmente vicino ai colleghi e alle colleghe.? c) della rete scientifica 7,40% Non so 1,10% 20,00% 33,70% 28,40% 9,50% 0% 10% 20% 30% 40%

14 1.4 Quanto ti senti professionalmente vicino ai colleghi e alle colleghe.? d) delle altre pubbliche amministrazioni 7,40% Non so 11,60% 4,20% 24,20% 25,30% 27,40% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30%

15 2-ORGANIZZAZONE E VALUTAZIONE DELL ENTE

16 2.1 In che misura condividi le seguenti affermazioni? a) Gli aspetti burocratici frenano lo svolgimento del tuo lavoro 2,10% 67,40% 23,20% 6,30% 1,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

17 2.1 In che misura condividi le seguenti affermazioni? b) Ricerca e amministrazione collaborano nel lavoro di routine Non so 1,10% 5,30% 3,20% 21,10% 54,70% 14,70% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

18 2.1 In che misura condividi le seguenti affermazioni? c) Aree/Servizi e Amministrazione collaborano nel lavoro di routine Non so 4,20% 2,10% 7,40% 25,30% 51,60% 9,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

19 2.1 In che misura condividi le seguenti affermazioni? d) Ricerca e Aree/Servizi collaborano nel lavoro di routine Non so 2,10% 5,30% 3,20% 49,50% 33,70% 6,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

20 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? a) Sono stati definiti dalla dirigenza obiettivi per il tuo laboratorio/ufficio/area/servizio Non so 6,30% 9,50% 1,10% 17,90% 27,40% 37,90% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

21 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? b) Le persone del mio laboratorio/ufficio/area/servizio sono state informate sugli obiettivi assegnati alla struttura 8,40% Non so 2,10% 5,30% 23,20% 28,40% 32,60% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

22 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? c) Mi sono stati assegnati uno o più obiettivi individuali coerenti con le mie competenze Non so 3,20% 7,40% 10,50% 41,10% 12,60% 25,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

23 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? d) Ritengo utile concordare con il responsabile del mio settore obiettivi individuali misurabili 8,40% 47,40% 31,60% 5,30% 7,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

24 2.2 Indica il tuo grado di accordo con ognuna delle seguenti affermazioni? e) Ritengo utile che venga adottato un sistema di valutazione dei propri superiori gerarchici 10,50% Non so 4,20% 49,50% 24,20% 9,50% 2,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

25 2.3 Nelle scelte che ti riguardano in che misura il tuo direttore superiore/responsabile presta attenzione ai seguenti elementi? a) Le tue effettive capacità scientifico/professionale 4,20% Non so 2,10% 17,90% 23,20% 29,50% 23,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30%

26 2.3 Nelle scelte che ti riguardano in che misura il tuo direttore superiore/responsabile presta attenzione ai seguenti elementi? b) La tua formazione specifica (studi effettuati, specializzazioni, ecc ecc ) Non so 1,10% 4,20% 13,70% 22,10% 32,60% 26,30% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

27 2.3 Nelle scelte che ti riguardano in che misura il tuo direttore superiore/responsabile presta attenzione ai seguenti elementi? c) Le tue esigenze pratiche e i tuoi problemi personali Non so 2,10% 5,30% 10,50% 28,40% 30,50% 23,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

28 2.3 Nelle scelte che ti riguardano in che misura il tuo direttore superiore/responsabile presta attenzione ai seguenti elementi? d) Le tue aspettative di crescita professionale e di carriera Non so 2,10% 6,30% 7,40% 14,70% 26,30% 43,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

29 2.4 Sei a conoscenza del Piano della performance della Stazione Zoologica 2,10% Non conosce 51,60% A conoscenza 46,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

30 2.5 Secondo te, il Piano della performance è principalmente: Spesa Inutile Leva Miglioramento 9,82% 9,82% Strum. di potere fuori controllo personale Strum. Gest. Personale efficiente Rinnovamento 12,50% 18,75% 16,96% Adempimento Burocratico 32,14% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

31 3- CIRCOLAZIONE DELLE INFORMAZIONI

32 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? a) Tra colleghi ci si scambia informazioni utili 2,10% 4,20% 42,10% 41,10% 10,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

33 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? b) Quando si ha bisogno di informazioni si sa a chi rivolgersi Non so 2,10% 3,20% 6,30% 24,20% 47,40% 16,80% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

34 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? c) I flussi di comunicazione sono fonte di stress nel lavoro quotidiano Non so 3,20% 3,20% 48,40% 24,20% 9,50% 11,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

35 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? d) I dipendenti sono informati dei criteri decisionali dell Ente 0,00% 2,10% 3,20% 30,50% 64,20% 0% 20% 40% 60% 80%

36 3.1 All interno della Stazione Zoologica si verificano le seguenti situazioni? e) La dirigenza comunica efficacemente con il personale 0,00% 2,10% 2,10% 31,60% 64,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

37 3.2 Nel tuo laboratorio/ufficio si verificano le seguenti situazioni? a) Tra colleghi ci si scambia informazioni utili 2,10% 26,30% 40,00% 20,00% 11,60% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

38 3.2 Nel tuo laboratorio/ufficio si verificano le seguenti situazioni? b) E facile ottenere le informazioni richieste 3,20% 20,00% 46,30% 21,10% 9,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

39 3.2 Nel tuo laboratorio/ufficio si verificano le seguenti situazioni? c) I flussi di comunicazione sono fonte di stress nel lavoro quotidiano Non so 2,10% 4,20% 15,80% 20,00% 37,90% 20,00% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

40 3.2 Nel tuo laboratorio/ufficio si verificano le seguenti situazioni? d) I dipendenti sono informati dei criteri decisionali che li riguardano 3,20% 8,40% 33,70% 32,60% 22,10% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

41 4- GRUPPI E COMUNITA

42 4.1 Sei soddisfatto/a dei tuoi rapporti con: a) Colleghi/e del tuo gruppo di lavoro 2,10% 29,50% 52,60% Per Nulla 10,50% 5,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

43 4.1 Sei soddisfatto/a dei tuoi rapporti con: b) Colleghi/e di altri laboratori/uffici/aree/servizi 2,10% 6,30% 57,90% 10,50% 23,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

44 4.1 Sei soddisfatto/a dei tuoi rapporti con: c) Diretto superiore/responsabile Non so 2,10% 1,10% 21,10% 28,40% 20,00% 27,40% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30%

45 4.1 Sei soddisfatto/a dei tuoi rapporti con: d) Vertici dell Ente Non so 2,10% 3,20% 1,10% 9,50% 33,70% 50,50% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

46 5-VALORIZZAZIONE E SVILUPPO PROFESSIONALE

47 5.1 Qual è il tuo attuale profilo/qualifica di inquadramento? 9,50% Tecnico/Amministrativo 45,30% Ricercatore/Tecnologo 45,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

48 5.2 Le attuali responsabilità di lavoro sono coerenti con il tuo livello di inquadramento? 5,30% Risposte Non valide 1,10% No, sono minori 13,70% No, sono maggiori 35,80% Si, sono coerenti 44,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45%

49 5.3 Nello svolgimento del tuo lavoro hai la possibilità di applicare con soddisfazione le tue capacità? 2,10% 14,70% 54,70% 22,10% 6,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

50 5.4 Il tuo diretto superiore coordina efficacemente l attribuzione dei compiti tra i collaboratori? Non so 3,20% 1,10% 11,60% 30,50% 25,30% 28,40% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

51 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni a) La dirigenza è attenta al desideri di crescita professionale delle persone 0,00% 2,10% 5,30% 28,40% 64,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

52 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni b) La dirigenza incentiva lo sviluppo delle potenzialità dei dipendenti 0,00% 2,10% 2,10% 33,70% 62,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

53 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni c) L organizzazione del lavoro favorisce lo scambio professionale Non so 3,20% 1,10% 3,20% 12,60% 48,40% 31,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

54 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni d) I meccanismi di carriera sono trasparenti e imparziali Non so 0,00% 2,10% 3,20% 3,20% 30,50% 61,10% 0% 20% 40% 60% 80%

55 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni e) L Ente propone attività di formazione e aggiornamento efficaci per lo sviluppo delle competenze professionali Non so 0,00% 2,10% 1,10% 5,30% 21,10% 70,50% 0% 20% 40% 60% 80%

56 5.5 Esprimi il tuo grado di accordo rispetto alle seguenti affermazioni f) Le attività di formazione e aggiornamento proposte favoriscono lo sviluppo di carriera Non so 8,40% 5,30% 1,10% 4,20% 25,30% 55,80% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

57 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di risultati Pubblicazioni, brevetti, rapporti con le imprese Produzione e divulgazione scientifica 11,60% 12,60% Qualità dei risultati raggiunti 35,80% Raggiungimento degli obiettivi richiesti 24,20% Efficienza 11,60% Risposte mancanti 4,20% 0% 10% 20% 30% 40%

58 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di conoscenze Risposte Nulle 1,10% Crescita professionale attraverso formazione 9,50% Crescita professionale per capacità/meriti personali 34,70% Capacità e preparazione professionale 49,50% Risposte mancanti 5,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

59 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di gestione Risposte Nulle Rispetto dei tempi e delle scadenze Capacità di reperire/gestire fondi Responsabilità di gestione dei progetti 1,10% 2,10% 4,20% 8,40% Capacità di soluzione dei problemi 30,50% Capacità di gestione delle risorse umane Capacità organizzative e di iniziativa personale Risposte mancanti 5,30% 7,40% 41,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

60 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di relazioni Partecipazione/coinvolgimento a progetti di ricerca nazionali e internazionali 17,90% Interconnessioni con la comunità scientifica 7,40% Collaborazione e integrazione con i colleghi/e 32,60% Capacità di creare un ambiente lavorativo sereno 22,10% Correttezza nei rapporti interpersonali 16,80% Risposte mancanti 3,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

61 5.6 Secondo te, quali dovrebbero essere i principali criteri per valutare il tuo lavoro? In termini di qualità personali Precisione 4,20% Costanza, impegno, affidabilità 68,40% Disponibilità 18,90% Flessibilità 5,30% Risposte mancanti 3,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

62 6- LAVORO E SVAGO

63 6.1 Riesci a conciliare le esigenze di lavoro e le tue esigenze personali? 3,20% 8,40% 57,90% 23,20% 7,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

64 6.2 Quanto è compatibile l organizzazione del lavoro del tuo istituto/ufficio con i tuoi impegni personali e familiari? 3,20% 11,60% 55,80% 27,40% 2,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

65 6.3 Quanto le esigenze personali hanno influenzato il tuo percorso professionale e di carriera? Risposta nulla Lo hanno migliorato 1,10% 5,30% 8,40% Lo hanno rallentato 21,10% Lo hanno ostacolato 5,30% Nessuna influenza 58,90% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

66 6.4 Quanto le esigenze di lavoro hanno influenzato la tua sfera personale e familiare? Risposta nulla L hanno migliorata 3,20% 1,10% 4,20% L hanno resa più difficile 33,70% L hanno danneggiata 5,30% Nessuna influenza 52,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

67 7-BENESSERE LAVORATIVO

68 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? a) Accogliente Non so 4,20% 1,10% 16,80% 60,00% 16,80% 1,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

69 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? b) Raggiungibile facilmente 3,20% 26,30% 45,30% 13,70% 11,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

70 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? c) Bella Non so 4,20% 2,10% 46,30% 35,80% 9,50% 2,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

71 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? d) Spaziosa Non so 1,10% 5,30% 11,60% 45,30% 28,40% 8,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

72 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? e) Curata 4,20% 1,10% 21,10% 55,80% 17,90% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

73 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? f) Ben attrezzata Non so 2,10% 5,30% 5,30% 42,10% 31,60% 13,70% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45%

74 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? g) Sicura Non so 3,20% 5,30% 4,20% 17,90% 37,90% 31,60% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

75 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? h) Pulita 4,20% 1,10% 16,80% 45,30% 32,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

76 7.1 Come consideri la tua sede di lavoro? i) Priva di barriere architettoniche Non so 3,20% 3,20% 7,40% 12,60% 26,30% 47,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

77 7.2 Sei soddisfatto dell attuale servizio mensa? Non so 3,20% 4,20% 24,20% 34,70% 18,90% 14,70% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35%

78 7.3 Quali ulteriori servizi ritieni che contribuirebbero al benessere lavorativo nella SZN? (*) Altro 8,28% Parcheggio 40,00% Caffetteria 24,14% Asilo nido 27,59% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

79 7.4 Come valuti il tuo livello di stress sul lavoro? Non so 3,20% 7,40% 13,70% 44,20% 27,40% 4,20% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45%

80 7.5 Che cosa trovi particolarmente stressante nel tuo lavoro? Ambiente di lavoro Clima pesante nei rapporti tra le persone Mancato coinvolgimento nelle decisioni Carenza di informazioni Mancata/Inadeguata assegnazione di compiti/obiettivi Carenza di incentivi Lavoro poco interessante Difficoltà dovute a scarsi finanziamenti Carico eccessivo di burocrazia Eccesso di comunicazioni non necessarie Sovraccarico di lavoro 1,66% 3,73% 2,90% 8,30% 9,96% 9,54% 13,69% 13,28% 14,11% 22,82% 0% 5% 10% 15% 20% 25%

81 7.6 Che cosa trovi particolarmente stressante nel tuo lavoro? Nessun suggerimento 62,11% Interazione tra il personale 7,37% Comunicazione e trasparenza Mancanza d organizzazione e eccessiva burocrazia 12,63% 17,89% 0% 20% 40% 60% 80%

82 8-GESTIONE DELLE DIVERSITA

83 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? a) La provenienza geografica 4,20% 1,10% 2,10% 14,70% 77,90% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80%

84 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? b) L aspetto fisico 4,20% 1,10% 4,20% 18,90% 71,60% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80%

85 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? c) Il genere ( uomo-donna ) Non so 4,20% 2,10% 4,20% 8,40% 23,20% 57,90% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

86 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? d) I titoli di studio conseguiti Non so 5,30% 3,20% 11,60% 12,60% 28,40% 38,90% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

87 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? e) L appartenenza etnica 5,30% 2,10% 9,50% 83,20% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90%

88 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? f) Le condizioni di salute e le abilità fisiche Non so 5,30% 2,10% 1,10% 3,20% 23,20% 65,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

89 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? g) L orientamento sessuale Non so 4,20% 5,30% 2,10% 3,20% 11,60% 73,70% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80%

90 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? 6,30% Non so 2,10% 2,10% 7,40% 82,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90%

91 8.1 Nel tuo ambiente di lavoro le seguenti caratteristiche sono motivo di discriminazione? i) Le idee politiche Non so 4,20% 1,10% 2,10% 7,40% 16,80% 68,40% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

92 8.2 Qual è la situazione oggi più diffusa alla SZN rispetto al tema della diversità (di genere, di provenienza, di salute, ecc.)? Le diversità tra individui o gruppi vengono negate come se non esistessero La diversità viene sollecitata come elemento di innovazione Si cerca di integrare le diversità in modo organizzato Si riconosce la diversità come valore positivo per l organizzazione L integrazione della diversità è lasciata all iniziativa del singolo Le diversità vengono tollerate Le diversità vengono riconosciute formalmente La normativa in vigore non viene rispettata 5,61% 4,67% 4,67% 10,28% 11,21% 7,48% 18,69% 37,38% 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40%

93 8.3 Sei mai stato personalmente soggetto/a di una delle seguenti azioni? Ingiustizie nell attribuzione di incentivi economici Esclusione non motivata da occasioni di formazione Mancato riconoscimento di contributi scientifici 10,14% 11,59% 12,32% Discriminazioni nei percorsi di carriera Ingiustizie nell attribuzione di incarichi 21,74% 26,09% Intolleranza per le diversità (fisiche, sociali, di razza, religione, sesso, politiche, ecc) Episodi di molestie sessuali 1,45% 0,00% Episodi di mobbing ( atti e comportamenti aggressivi, persecutori o offensivi) 16,67% 0% 10% 20% 30%

94 9-INFORMAZIONI PERSONALI

95 9.1 Genere 11,60% Uomo 42,10% Donna 46,30% 0% 10% 20% 30% 40% 50%

96 9.2 Età 10,50% oltre 40 68,40% ,10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70%

97 Conclusioni Il 75% del personale è soddisfatto di lavorare alla SZN, ha chiara l utilità del proprio lavoro Aspetti burocratici del lavoro frenano molto lo svolgimento del lavoro (90%) Scarsa cooperazione tra i comparti ricerca/aree, servizi e l amministrazione (70%) Obiettivi fissati dalla dirigenza scarsi o poco chiari (circa 65%) C è poca attenzione da parte della dirigenza alle aspettative di crescita professionale e di carriera Piano delle performances ignoto al 50% dipendenti (carenza informazioni istituzionali) Flussi di informazione, soprattutto con la dirigenza, scarsi e considerati fonte di stress quotidiano mentre tra colleghi le informazioni viaggiano abbastanza bene

98 Conclusioni Rapporti tra colleghi e con i superiori mediamente soddisfacenti, vs. 90% di insoddisfazione per i rapporti con i vertici dell ente Dirigenza non attenta ai desideri di crescita professionale (circa 90%) e non incentiva lo sviluppo delle potenzialità individuali Meccanismi di avanzamento di carriera non trasparenti, non imparziali Sede di lavoro fondamentalmente OK ma necessaria maggiore pulizia, eliminazione delle barriere architettoniche e maggiore attenzione alla sicurezza Le diversità non sono discriminate, ma la gestione delle integrazioni è lasciata all iniziativa dei singoli Segnalati frequenti di episodi di discriminazione da parte dei vertici: percorsi di carriera, ingiustizie, esclusione da formazione e mobbing

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo?

DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di essere incolpato/a di errori o malfunzionamenti di strumenti senza motivo? QUESTIONARIO CUG *Campo obbligatorio INFORMAZIONI ANAGRAFICHE GENERE * MASCHIO FEMMINA CATEGORIA DI INQUADRAMENTO * RELAZIONE E ORGANIZZAZIONE DOMANDA 1.1 * Nella tua vita professionale ti é capitato di

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza COMUE DI MOTECCHIO EMILIA PROVICIA DI REGGIO EMILIA Comune Capodistretto della Val d Enza Piazza della Repubblica, 1 Tel. 0522.861811 Fax 0522.864709 www.comune.montecchio-emilia.re.it IDAGIE SUL BEESSERE

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale

Questionario indagine di customer su servizi e progetti innovativi di Roma Capitale Questionario indagine di customer su servizi e progetti invativi di Roma Capitale 1. Sei M F 2. Qual è la tua età? Fi a 20 anni Da 21 a 40 anni Da 41 a 60 Oltre i 60 anni 3. Qual è il tuo titolo di studio?

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Ordinamento del personale degli enti locali

Ordinamento del personale degli enti locali Questionario n. 2 Ordinamento del personale degli enti locali 1) Qual è la differenza tra rapporto organico e rapporto di servizio? A) Il rapporto organico non ha natura giuridica, il rapporto di servizio

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica Registrazione delle famiglie Come avviene la registrazione da parte delle famiglie La registrazione alle Iscrizioni on-line è necessaria per ottenere le credenziali di accesso al servizio. La registrazione

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Chiedilo alle Consigliere di Parità. Noi possiamo aiutarti!

Chiedilo alle Consigliere di Parità. Noi possiamo aiutarti! Chiedilo alle Consigliere di Parità Noi possiamo aiutarti! Cosa Fare Se è un utile supporto per la tutela di donne e uomini alla ricerca di un occupazione o già inserite/i nel mercato del lavoro che, nel

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero:

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero: Progetto LLP-LDV-TOI-9-IT-8 8 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Autoriflessione del formatore sulla valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori di cui 98

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 9 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT Prot. del.. QUESTIONARIO SU GRADO DI SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI RELAZIONE Nell anno il Comune di San Sperate

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

MANUALE PER LO STUDENTE

MANUALE PER LO STUDENTE Università di Bologna Domanda di ammissione alla prova finale laurea MANUALE PER LO STUDENTE In caso di problemi informatici durante la compilazione della domanda on line, manda una mail a help.almawelcome@unibo.it

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE I soggetti coinvolti nel trattamento dei dati personali, sono espressamente indicati dal Testo Unico sulla privacy, che ha provveduto anche a descriverne profilo e funzioni.

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli