Report finale e linee guida per il controllo del servizio ristorazione per gli utenti ricoverati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report finale e linee guida per il controllo del servizio ristorazione per gli utenti ricoverati"

Transcript

1 CASA DI CURA SANTA MARIA MADDALENA PROGETTO DI CONTROLLO SULLA QUALITA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE Report finale e linee guida per il controllo del servizio ristorazione per gli utenti ricoverati Sedi di lavoro coinvolte : Direzione Aziendale Ufficio Qualità Servizio Cucina Servizio di Dietologia della Ditta di Ristorazione Camst Periodo di svolgimento delle attività: Marzo- Ottobre 2008 Report curato da Sara Bolognesi Psicologa, consulente per la Qualità Percepita nel Lavoro e nelle Organizzazioni

2 RIASSUNTO Nelle aziende sanitarie, il Processo Alberghiero e il relativo Servizio di Ristorazione rappresenta uno degli elementi fondamentali per la buona riuscita del servizio ospedaliero, oltre che un fondamentale momento di umanizzazione nella vita di reparto dei degenti, senza dimenticare, ovviamente, l importante valenza dieto-terapeutica. Tale somministrazione configura il momento in cui il paziente percepisce la qualità del servizio e lo giudica in quanto tale. Il Gruppo di controllo sulla qualità del Servizio di Ristorazione, che ha operato nel periodo Marzo- Ottobre 2008, nasce con l obbiettivo di prendere in considerazione proprio questo aspetto e di ascoltare il parere dell utente ricoverato, attraverso la somministrazione di un questionario che valuta il Servizio erogato. Sono stati effettuati diversi incontri e numerose osservazioni che hanno portato alla raccolta di una grande quantità di materiale, per mettere a punto uno strumento di controllo riguardante l intera organizzazione del servizio, relativo, in particolare, alla soddisfazione del paziente ricoverato. 2

3 GLI OBBIETTIVI Gli obbiettivi del progetto sono stati i seguenti: cogliere informazioni e dati utili riguardanti il gradimento del Servizio di Ristorazione per ottenere un ampia visione sulla qualità percepita dagli utenti. Individuare possibili azioni di miglioramento per risolvere fattori critici di ostacolo alla piena soddisfazione del paziente ricoverato. Creare validi strumenti di controllo periodico, relativi all intera organizzazione del Servizio di Ristorazione, che diano alla Casa di Cura la possibilità di tenere monitorata la soddisfazione dell utente. 3

4 L INTERVISTATORE I quattro moduli di somministrazione del questionario svoltosi nel periodo da aprile a ottobre 2008, sono stati curati da una psicologa, consulente esterna per la qualità percepita nel lavoro e nelle organizzazioni. La figura dell intervistatore è determinante per una buona riuscita delle interviste e per gli esiti stessi dell indagine. Il comportamento dell intervistatore, le sue caratteristiche, costituiscono una delle principali fonti di interferenza sulle risposte. Al fine di ottenere elevati standard di oggettività e allo scopo di abbassare la probabilità che il proprio comportamento conducesse a risposte distorte, si è rivelato indispensabile presentarsi all intervistato nel modo più neutrale e avalutativo possibile, utilizzare un linguaggio chiaro, comprensibile, non pilotante e un tono adeguato, garantire l anonimato, e attivare una buona relazione interpersonale finalizzata sempre allo scopo del questionario/intervista. E stato considerato inoltre che in un indagine di rilevazione del gradimento di un servizio, come quello del vitto e della soddisfazione del paziente/utente, si entra in un organizzazione e si predispone uno strumento con il quale oltre al servizio, vengono valutati, se pur indirettamente, anche gli operatori che forniscono o seguono il servizio stesso e anche se sono prese tutte le misure per coinvolgere il personale nella progettazione dell indagine, ciò non toglie che il personale possa sentirsi sotto esame e valutato e instaurare un tentativo inconsapevole di manipolazione, pericoloso ai fini dell ottenimento di risultati validi e attendibili dalla ricerca. LO STRUMENTO UTILIZZATO Quale strumento di rilevazione è stato utilizzato un questionario costituito da domande chiuse sulle singole pietanze consumate e da una scala di giudizio relativa ad aspetti generali, salienti e determinanti, in un servizio di ristorazione ( vedere allegato I). 4

5 Particolare attenzione è stata posta nella valutazione della scala di giudizio. Lo strumento messo a punto presenta una scala ordinale, di tipo Lickert a quattro valori (OTTIMO, BUONO, CATTIVO, PESSIMO ), sondante i seguenti aspetti: - cortesia nel servizio; - scelta del menù; - quantità del vitto; - gusto del vitto; - temperatura del vitto; - igiene delle stoviglie. Come si può evincere si è deciso di utilizzare una scala di risposta a numero pari di punti (da 1 a 4) e di escludere il punto medio, forzando l intervistato a prendere una posizione netta circa l oggetto dell indagine. Per rendere maggiormente comprensibili i numeri scelti per la scala, si è abbinato a ciascuno di questi il relativo giudizio di valore (ottimo, buono, cattivo, pessimo). Al fine di dare un valore qualitativo alle risposte date dagli utenti, si è ritenuto opportuno, in primo luogo, introdurre una serie di domande chiuse a risposta multipla sulle singole portate costituenti il vitto, in particolare, per l analisi degli aspetti gusto e temperatura. In secondo luogo, mantenere, alla fine del questionario, una domanda aperta relativa a osservazioni e proposte, utili per l analisi di eventuali criticità emerse. L indagine è totalmente anonima. Non sono stati richiesti dati che potrebbero individuare la persona che lo ha compilato. Si sono identificate come variabili indipendenti: il numero di giorni di ricovero, la fascia d età, il sesso e il tipo di dieta assegnata. Si è inserita inoltre l unità operativa di riferimento degli intervistati. Ciò si è giudicato utile per poter permettere il monitoraggio e il confronto tra le unità operative nello stesso momento e nel tempo. 5

6 LA SCELTA DEL CAMPIONE E IL METODO DI SOMMINISTRAZIONE ADOTTATO Sono state compiute delle significative analisi metodologiche rispetto alla scelta del campionamento, che hanno riguardato l AMPIEZZA DEL CAMPIONE e la FREQUENZA DELLE RILEVAZIONI. Nel primo caso si è ritenuto opportuno non optare per un osservazione globale della popolazione ma di concentrarsi sull osservazione di un campione rappresentativo di tale popolazione. Per il secondo aspetto la scelta è stata quella di confrontare i dati di più rilevazioni (4 successive, stagionali, 2 relative al menù estivo e 2 al menù invernale ) realizzate ad intervalli di circa 25 giorni l una dall altra. Il criterio di selezione del campione è stato il seguente: i questionari sono stati somministrati alla popolazione di pazienti/utenti che hanno usufruito del servizio di ristorazione per almeno 3 volte (2 giorni di degenza), nelle sole unità operative con degenza ordinaria, cioè a ciclo continuo, in grado di poter essere considerati fruitori diretti. Per poter assicurare le condizioni di uniformità nella somministrazione del questionario, sono stati esclusi dal dato generale i pazienti in particolari condizioni cliniche e cognitive (febbre alta, demenza senile ), quelli operati nella stessa giornata e day- hospital, nonché quelli con diete personalizzate e di linea fisse. La serie di 4 rilevazioni si è svolta nel periodo aprile-ottobre 2008 e ha visto coinvolte le 3 unità operative della Casa di Cura: - U.O. di Riabilitazione - U.O. di Medicina - U.O. di Chirurgia. Come modalità di somministrazione del questionario si è optato per la: - SOMMINISTRAZIONE CONDOTTA DA UN INTERVISTATORE La psicologa del gruppo di lavoro si è recata nei reparti, per presentare il questionario, chiedere la partecipazione attiva ai pazienti, ponendo loro le domande e prendendo nota delle risposte. Si è ottenuto un numero omogeneo di questionari compilati restituiti: circa 20 per ciascuna rilevazione. 6

7 LA RACCOLTA E L ELABORAZIONE DEI DATI La raccolta e l analisi dei dati rappresenta un ulteriore fase, delicatissima, fondamentale per la buona riuscita dell indagine e per dare credibilità allo strumento utilizzato. Effettuare analisi statistiche sui dati emersi dai questionari è possibile solo se i questionari sono costituiti da domande a risposta chiusa. I dati raccolti attraverso la somministrazione del questionario sono stati inseriti in un database in cui ad ogni singola risposta è stato attribuito un valore numerico e successivamente analizzati con le funzioni statistiche del programma Excel per Windows. I risultati ottenuti vengono qui presentati a due livelli di complessità di analisi: - ANALISI ESPLORATIVA DEI DATI Per ogni variabile sono stati calcolati gli indici di tendenza centrale e di dispersione (media, mediana, moda e deviazione standard) - ANALISI QUALITATIVA DELLE NOTE, PROPOSTE E CRITICHE ESPRESSE DAGLI INTERVISTATI Per mettere a fuoco in modo più puntuale le criticità rilevate nell analisi di tipo quantitativo. Nella tabella di seguito riportata, viene evidenziato l andamento delle medie nelle 4 rilevazioni, per ciascuna delle variabili analizzate nel questionario: - cortesia nel servizio; - scelta del menù; - quantità del vitto; - gusto del vitto; - temperatura del vitto; - igiene delle stoviglie. 7

8 Tabella 1: andamento delle medie nelle rilevazioni effettuate. Date delle rilevazioni CORTES SCELTA QUANT GUSTO TEMP IGIENE MEDIA 04/08 2,11 2,17 2,06 2,11 2,17 1,78 MEDIA 05/08 1,94 1,94 1,94 2,00 1,94 1,76 MEDIA 09/08 1,77 2,00 2,00 2,00 1,91 1,68 MEDIA 10/08 1,32 1,95 2,00 1,95 1,73 1,64 LEGENDA: 1= OTTIMO 2= BUONO 3= CATTIVO 4= PESSIMO Gli utenti della Casa di Cura Santa Maria Maddalena hanno espresso dei valori abbastanza elevati di soddisfazione per ciò che riguarda il servizio pasti. In particolare l aspetto più apprezzato, che è andato migliorando nel tempo, riguarda la cortesia del personale addetto al servizio ristorazione (media di ottobre 2008= 1,32), considerata criticità nelle prime rilevazioni, ha ottenuto, nel tempo, giudizi di valore rientranti nella categoria ottimo. Interessante è notare come anche le variabili temperatura del vitto (media di ottobre 2008= 1,73) e il gusto del vitto (media di ottobre 2008 = 1,95) abbiano riportato valutazioni considerate buone. Tali affermazioni sono supportate dall analisi qualitativa, riferita alle singole pietanze e alle osservazioni dei degenti, che ha consentito una verifica immediata, un confronto rapido con la ditta appaltatrice e l attuazione di micro-azioni di miglioramento, mirate, per la risoluzione delle criticità percepite dai pazienti. 8

9 Grafico 1: andamento delle medie per la variabile TEMPERATURA. VARIABILE TEMPERATURA 4,00 3,00 TEMP 2,00 2,11 1,94 1,91 1,73 1,00 MEDIA 04/08 MEDIA 05/08 MEDIA 09/08 MEDIA 10/08 Nota: 1= OTTIMO 2= BUONO 3= CATTIVO 4= PESSIMO CONCLUSIONI Data la stabilità dei risultati ottenuti, lo strumento utilizzato può essere considerato attendibile per un controllo periodico (1 volta l anno) del servizio. Questo può essere considerato il punto di arrivo per la messa a punto di un Protocollo snello per il controllo periodico del prodotto, che dia alla Casa di Cura la possibilità di tener monitorata la soddisfazione dei clienti/utenti (vedere allegato II, relativo alle linee guida da adottare nella conduzione di un indagine per il controllo del Servizio di Ristorazione). Solo attraverso l analisi e l elaborazione delle informazioni raccolte, l individuazione delle criticità segnalate e la pianificazione delle conseguenti azioni correttive è possibile garantire il controllo della qualità del servizio offerto. 9

10 ALLEGATO I: strumento utilizzato per l indagine 2008 del Servizio di Ristorazione Santa Maria Maddalena, lì QUESTIONARIO SULLA QUALITA DEL SERVIZIO RISTORAZIONE Gentile Signora/ Signore, stiamo conducendo una ricerca sulla qualità del servizio di ristorazione, le Sue indicazioni saranno molto utili per conoscere e risolvere gli eventuali disservizi esistenti. Il presente questionario è ASSOLUTAMENTE ANONIMO. La preghiamo pertanto di rispondere con precisione e sincerità a tutte le domande, facendo una crocetta sulla risposta da Lei prescelta. Grazie per la collaborazione. UNITA OPERATIVA: La Direzione DATI DELL UTENTE: Da quanto tempo è ricoverato? FASCIA D ETA SESSO TIPO DI DIETA ASSEGNATA (a cura dell intervistatore) da 1 a 3 giorni da 4 a 7 giorni da 8 a 14 giorni oltre 14 giorni oltre 65 maschile femminile DIETA COMUNE DIETA LEGGERA DIETA SEMILIQUIDA DIETA DIABETICA DIETA PREPARATORIA PER ESAMI (priva di scorie e frutta) VALUTAZIONE DEL PASTO: ( è possibile fare più di una crocetta). Come ha trovato il PRIMO PIATTO? Al dente Al punto giusto di cottura Scotto Altro Saporito Salato Condito Altro Non l ho consumato. Poco saporito Poco salato Scondito 1 0

11 Come ha trovato il SECONDO PIATTO? Gradevole Poco gradevole Insipido Saporito Duro Tenero Altro Non l ho consumato. Come ha trovato il CONTORNO? Fresco Curato bene Condito Scondito Insipido Saporito Gradevole Poco gradevole Altro Non l ho consumato. Come ha trovato la FRUTTA? Matura Fresca Scadente Gradevole Altro Non l ho consumata. Acerba Poco gradevole LE CHIEDIAMO DI DARE UN SUO GIUDIZIO COMPLESSIVO SUL SERVIZIO DI RISTORAZIONE FORNITO. (porre una crocetta su ogni riga facendo riferimento agli aspetti indicati a sinistra). OTTIMO BUONO CATTIVO PESSIMO Cortesia nel servizio Scelta del menù Quantità del vitto Gusto del vitto Temperatura del vitto Igiene delle stoviglie UN ALTERNATIVA AL SERVIZIO DI RISTORAZIONE PROPOSTO POTREBBE ESSERE L UTILIZZO DEL VASSOIO PERSONALIZZATO ORDINATO IL GIORNO PRIMA. QUAL E LA SUA OPINIONE? GRADIREBBE TALE SERVIZIO? OSSERVAZIONI E PROPOSTE 1 1

12 ALLEGATO II Tabella 1 : linee guida per la conduzione di un indagine di controllo del Servizio di Ristorazione. Riferimento Scala di valutazione Metodo di somministrazione dei questionari Approccio con l intervistato QUESTIONI CHE SI AZIONI DI VERIFICA POSSONO PRESENTARE Scala dei giudizi non In una scala a numero pari di ponderata. punti, verificare che i termini estremi siano sempre opposti tra di loro (Es. OTTIMO-BUONO- CATTIVO-PESSIMO), per evitare interpretazioni soggettive fuorvianti. Scelta del metodo di Stabilire, in base alle UU.OO. somministrazione del scelte per il monitoraggio, il questionario. metodo più costruttivo, tra autosomministrazione e somministrazione condotta da un intervistatore, per la raccolta di una buona qualità di dati. L intervistato non si L intervistatore deve presentare il sente sicuro in merito questionario in modo chiaro, allo scopo del spiegando semplicemente questionario. le finalità della ricerca e cercando di motivare il paziente a rispondere, illustrandogli l'utilità della ricerca. L intervistato teme Garantire, fin dall inizio che le informazioni dell intervista, l anonimato al date possano essere paziente. utilizzate contro di lui. L intervistato dà le E opportuno che gli item del risposte ritenute questionario siano indispensabili, quelle corrette, chiari e ben finalizzati, omettendo indipendentemente domande delicate o superflue. dal giudizio personale L intervistato teme di L intervistatore deve sottolineare essere giudicato in che non esistono risposte giuste o base alle risposte date sbagliate insistendo che il questionario/intervista è assolutamente anonimo. 1 2

13 Continua Approccio con l intervistato Piano di campionamento L intervistato è anziano e non si sente all altezza di rispondere alle domande. L intervistato prova soggezione nei confronti dell intervistatore. L intervistato chiede esemplificazioni per capire. Scelta del campione. Criterio di scelta dei pazienti ai quali somministrare il questionario. Valutazione dell ampiezza del campione. Considerazione disponibilità intervistatori tempo. della degli nel Valutazione del numero di ripetizioni dell indagine, per esempio nell arco dell anno. L intervistatore deve sottolineare e valorizzare l importanza del contributo dell anziano. E utile utilizzare un linguaggio semplice e chiaro, parlando lentamente e con un tono di voce adeguato. L intervistatore si deve presentare nel modo più neutrale e avalutativo possibile rispetto alla struttura e all indagine svolta. Il suo compito dichiarato è quello di controllore del servizio erogato. Evitare esempi concreti che possano influenzare l opinione del soggetto o indurlo ad averne una anche su cose che non conosce. E opportuno verificare se, al fine dell indagine, è più produttivo scegliere di monitorare più unità operative contemporaneamente o confrontare i dati di più rilevazioni (per esempio 3 successive), effettuate nella stessa unità operativa. Verificare se l utente ha fruito del servizio per almeno 3 volte (2 giorni di degenza). Può risultare utile diminuire l ampiezza del campione e aumentare la frequenza delle rilevazioni (rispettando un tempo di pausa di almeno 25 giorni fra una rilevazione e l altra). E indispensabile un numero di intervistatori fisso, al di sotto del quale non andare, per permettere un monitoraggio regolare e protratto nel tempo. Sicuramente 2 indagini annue (periodo estivo/periodo invernale; prodotti per lo più surgelati/prodotti freschi, di stagione). 1 3

14 Continua Piano di campionamento Elaborazione e analisi dei dati In certe UU.OO. (es. Medicina) rispondono i parenti anziché i fruitori del servizio monitorato. Il campione è distorto. Scelta del software informatico. Codifica dei dati non corretta. Elaborazione proposte suggerimenti. delle e Rispetto del livello di generalità delle risposte date dagli intervistati. Data la scelta di intervistare esclusivamente i fruitori diretti del servizio, si necessita di una valutazione a parte dei questionari, rispetto ai dati generali. Eliminazione, dai dati generali, dei pazienti operati in giornata, in day-hospital, i pazienti con disturbi cognitivi e quelli con diete personalizzate e di linea fisse. E utile creare un database con programmi (per es. Excel), che presentano caratteristiche di semplicità d uso, disponibilità per gli operatori e compatibilità con altri programmi informatizzati (Access, Spss,..). E indispensabile attribuire ad ogni singola risposta un valore numerico (e non alfanumerico) per permettere le operazioni matematiche di analisi appropriate. Quando è possibile ricondurre le risposte alle domande aperte ad alcune categorie di risposta, è consigliabile codificare ciascuna categoria di risposta con un valore numerico, e procedere come per le domande chiuse. E possibile costruire alcune macro-categorie rappresentative dei contenuti di tutte le risposte e poi associare ogni risposta a una categoria. 1 4

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Via Messina 829 95126 Catania

Via Messina 829 95126 Catania REGIONE SICILIANA Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Riferimento Regionale di III Livello per l Emergenza Ufficio Relazioni con il Pubblico - e di Pubblica Tutela dell Utente e-mail:urp@ospedale-cannizzaro.it

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Premessa. Presentazione Ricerca

Premessa. Presentazione Ricerca Premessa In ambito sanitario, come nell ambito sociale, la soddisfazione del cliente rappresenta il punto di riferimento sotteso al concetto di: QUALITA. Al riguardo la letteratura sulla qualità dei Servizi

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI ALLEGATO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI Azioni di miglioramento a seguito delle criticità riscontrate in: 1. INFORMAZIONE ED ACCOGLIENZA NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL ASP 2. ASPETTI ALBERGHIERI:

Dettagli

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Servizio di Ristorazione Scolastica Scuole Primarie 2011

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Servizio di Ristorazione Scolastica Scuole Primarie 2011 Servizio di Ristorazione Scolastica Indagine 2011 1 INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Servizio di Ristorazione Scolastica Scuole Primarie 2011 Francesco D Alessandro Settore Certificazioni di Qualità Servizio

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003 Tipo Ente: Comune Ufficio: Servizi Scolastici Servizio: Gestione mensa 1 INDICE 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION...

Dettagli

COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO. Report finale. Servizio Gestione Sistema Qualità

COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO. Report finale. Servizio Gestione Sistema Qualità COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO 1^ INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il Servizio di Assistenza Domiciliare Dicembre 21 Report finale Servizio Gestione

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SETTEMBRE 2006 CUSTOMER SATISFACTION

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SETTEMBRE 2006 CUSTOMER SATISFACTION FONDAZIONE CASA DI RIPOSO OSPEDALE DEI POVERI DI PANDINO ONLUS Via della Vignola, 3 26025 PANDINO Tel. 0373-970022 Fax 0373-90996 QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SETTEMBRE 2006 CUSTOMER SATISFACTION Questionari

Dettagli

Customer Satisfaction

Customer Satisfaction Nota metodologica Customer Satisfaction Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata U.o.c. Relazioni con il Pubblico INDICE PREMESSA 2 METODOLOGIA 3 1 STRUTTURA DEI QUESTIONARI 3 1.1 AREA DI DEGENZA, DEL

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Cartelle cliniche informatizzate nella riabilitazione. Mauro Lorini Tosinvest Sanità Casa di cura San Raffaele Cassino

Cartelle cliniche informatizzate nella riabilitazione. Mauro Lorini Tosinvest Sanità Casa di cura San Raffaele Cassino Cartelle cliniche informatizzate nella riabilitazione Mauro Lorini Tosinvest Sanità Casa di cura San Raffaele Cassino Si è vero, sembra strano, ma ancora oggi l Informatica entra faticosamente nell ambiente

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA QUALITÀ PERCEPITA PASTI CONSEGNATI A DOMICILIO

QUESTIONARIO SULLA QUALITÀ PERCEPITA PASTI CONSEGNATI A DOMICILIO QUESTIONARIO SULLA QUALITÀ PERCEPITA PASTI CONSEGNATI A DOMICILIO L ASP, sulla base della programmazione territoriale collegata al percorso di accreditamento, dei conseguenti Contratti di Servizio e collegati

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

CNESPS PASSI PER L ITALIA. Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia. La modulistica per lo studio e l intervista telefonica

CNESPS PASSI PER L ITALIA. Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia. La modulistica per lo studio e l intervista telefonica CNESPS PASSI PER L ITALIA Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia La modulistica per lo studio e l intervista telefonica Francesco Sconza, Silvia Colitti Istituto Superiore di Sanità,

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

QUESTIONARIO SUL GRADIMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

QUESTIONARIO SUL GRADIMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA QUESTIONARIO SUL GRADIMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Di seguito viene presentata la sintesi del lavoro di rilevazione delle risposte al questionario sul gradimento del servizio mensa, somministrato

Dettagli

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA AZIENDA OSPEDALIERA GUIDO SALVINI GARBAGNATE MILANESE Direzione Generale Ufficio Marketing e Comunicazione Relazioni con il Pubblico Tel. 2/994326 Fax 2/9943278 E-mail: marketing@aogarbagnate.lombardia.it

Dettagli

Città di Bollate Provincia di Milano

Città di Bollate Provincia di Milano INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA ESEGUITA DALLE COMMISSIONI MENSA COMUNALI: ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STRUTTURA DELLA RILEVAZIONE Rilevare il grado di soddisfazione rispetto

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA 2014 COMMISSIONE MENSA COMUNE DI SAN LORENZO IN CAMPO COMPONENTE GENITORI REFEZIONE SCOLASTICA RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA - COMUNE DI SAN LORENZO IN

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06 Scelta del corso di studi (informazione) Orientamento in itinere - counseling Stage di apprendimento dell uso di strumenti informatici specifici a seconda della tipologia di disabilità Orientamento in

Dettagli

RE A IZI.D N AL.USA EL A. U.O.C. DIREZIONE AMMINISTRATIVA DISTRETTO OSPEDALIERO RG l U.O.C. DIREZIONE AMMINISTRATIVA DISTRETTO OSPEDALIERO RG 2

RE A IZI.D N AL.USA EL A. U.O.C. DIREZIONE AMMINISTRATIVA DISTRETTO OSPEDALIERO RG l U.O.C. DIREZIONE AMMINISTRATIVA DISTRETTO OSPEDALIERO RG 2 ,. RE A IS s EL A IZI.D N AL.USA U.O.C. DIREZIONE AMMINISTRATIVA DISTRETTO OSPEDALIERO RG l U.O.C. DIREZIONE AMMINISTRATIVA DISTRETTO OSPEDALIERO RG 2 "( INTRODUZIONE " La qualità è una caratteristica

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Progeo S.r.l. Largo XXIV Maggio 14 63033 Centobuchi (AP) T e r a p i a c o g n i t i v a

Progeo S.r.l. Largo XXIV Maggio 14 63033 Centobuchi (AP) T e r a p i a c o g n i t i v a Progeo S.r.l. Largo XXIV Maggio 14 63033 Centobuchi (AP) T e r a p i a c o g n i t i v a M a n u a l e d u s o Requisiti minimi per l utilizzo del software Il software è soggetto ai seguenti prerequisiti:

Dettagli

Attività di monitoraggio del servizio di ristorazione della casa di riposo di Castelfranco Veneto

Attività di monitoraggio del servizio di ristorazione della casa di riposo di Castelfranco Veneto Attività di monitoraggio del servizio di ristorazione della casa di riposo di Castelfranco Veneto Documento di sintesi Roma, maggio 2002 1. Punti di eccellenza Struttura a. Piacevolezza dell ambiente dove

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNALE

COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNALE COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 52 del 29.11.2010

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia

Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Dicembre 2015 Indagine di customer satisfaction per la valutazione del sito internet dell Agenzia Sommario MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELL INDAGINE... 3 1.1 OBIETTIVO DELL INDAGINE... 3 1.2 MODALITÀ DI DEFINIZIONE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011

La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello 1^ Semestre 2011 Sede Legale Viale Strasburgo n.233 90146 Palermo Tel 0917801111 - P.I. 05841780827 UNITA OPERATIVA QUALITA -COMUNICAZIONE-URP La customer satisfaction nell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti - 1^ Semestre

Dettagli

L obiettivo che questa ricerca si propone è di indagare le caratteristiche della attività lavorativa con ospiti anziani.

L obiettivo che questa ricerca si propone è di indagare le caratteristiche della attività lavorativa con ospiti anziani. 1 L obiettivo che questa ricerca si propone è di indagare le caratteristiche della attività lavorativa con ospiti anziani. Le risposte saranno strettamente confidenziali. Il questionario è anonimo. Per

Dettagli

Il marketing dei servizi. Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti

Il marketing dei servizi. Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti Il marketing dei servizi Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti Gap del fornitore n.1 gap di ascolto Per minimizzare il gap di ascolto è utile: Capire le aspettative dei clienti usando le ricerche

Dettagli

SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO

SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO COMUNE DI RAVENNA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO SISTEMA DI MONITORAGGIO PER IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA PRESSO NIDI D'INFANZIA, SCUOLE

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

RILEVAZIONE SISTEMATICA DELLA QUALITÀ PERCEPITA ANNO 2013

RILEVAZIONE SISTEMATICA DELLA QUALITÀ PERCEPITA ANNO 2013 Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 RILEVAZIONE SISTEMATICA DELLA QUALITÀ PERCEPITA ANNO

Dettagli

S.I.A.N. Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione delle Aziende U.L.S.S. del Veneto Ottobre 2013

S.I.A.N. Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione delle Aziende U.L.S.S. del Veneto Ottobre 2013 S.I.A.N. Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione delle Aziende U.L.S.S. del Veneto Ottobre 2013 Gli obiettivi Fornire uno strumento per definire, migliorare, ed uniformare i sistemi di ristorazione dedicati

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Customer Satisfaction 2014

Customer Satisfaction 2014 Customer Satisfaction 2014 Università degli Studi di Torino Direzione Sviluppo Organizzativo, Innovazione e Servizi Bibliotecari Sezione Formazione Professionale e Continua 1 La Sezione Formazione Professionale

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA.

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. FOODING ACTION 5.5.1 Development of a CRM (Customer relationship management P5 Chamber of commerce of Bari: ESPERIENZA DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. La Camera di Commercio di Bari, nell ambito del

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO LINEE GUIDA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL QUESTIONARIO CONDIVISIONE. FORMAZIONE E INFORMAZIONE Per l attuazione dell

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

LINEA DIRETTA CON ANFFAS

LINEA DIRETTA CON ANFFAS LINEA DIRETTA CON ANFFAS SONDAGGIO TELEFONICO Com è nata l idea del Sondaggio? Il sondaggio nasce dall esigenza, fortemente avvertita nel corso degli ultimi anni, da Anffas Nazionale di trovare un modo

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

LA METODOLOGIA DI PASSI

LA METODOLOGIA DI PASSI LA METODOLOGIA DI PASSI IL QUESTIONARIO L INTERVISTA TELEFONICA ruolo dell intervistatore criticità emerse Marinella Giuliano Dipartimento Prevenzione ASL 2 Savonese Savona, 7 Maggio 2007 LA METODOLOGIA

Dettagli

Relazione Customer Satisfaction Periodo da Gennaio 2015 a Settembre 2015

Relazione Customer Satisfaction Periodo da Gennaio 2015 a Settembre 2015 1. Premessa Relazione Customer Satisfaction Periodo da Gennaio 2015 a Settembre 2015 Le indagini sulla soddisfazione dei Cittadini si inseriscono perfettamente nel processo di riqualificazione del rapporto

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Prime indicazioni in merito alla metodologia di determinazione delle opzioni di semplificazione di costo (c.d. costi standard) nell ambito

Dettagli

Customer satisfaction 2012

Customer satisfaction 2012 Customer satisfaction 2012 Ospedale S. Paolo Presentazione risultati Febbraio 2013 Indice Dati generali Servizi Ambulatoriali Laboratorio Degenze Questionari Analisi in dettaglio ambulatori Criticità ambulatori

Dettagli

RILEVAZIONE QUALITÀ PERCEPITA NELLE TERAPIE INTENSIVE DEL DIPARTIMENTO CHIRURGICO II ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA ANTALGICA

RILEVAZIONE QUALITÀ PERCEPITA NELLE TERAPIE INTENSIVE DEL DIPARTIMENTO CHIRURGICO II ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA ANTALGICA SSD Governo Clinico, Gestione del Rischio e coordinamento Qualità e Accreditamento RILEVAZIONE QUALITÀ PERCEPITA NELLE TERAPIE INTENSIVE DEL DIPARTIMENTO CHIRURGICO II ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

IL REPORTING. Caratteristiche generali. La rilevazione ed elaborazione dei dati. La progettazione del reporting. L analisi degli scostamenti

IL REPORTING. Caratteristiche generali. La rilevazione ed elaborazione dei dati. La progettazione del reporting. L analisi degli scostamenti IL REPORTING Caratteristiche generali La rilevazione ed elaborazione dei dati La progettazione del reporting L analisi degli scostamenti CARATTERISTICHE GENERALI DEFINIZIONE Il report è uno strumento di

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI EROGATI DAL FRONT OFFICE E DAL FURGONE MOBILE DELLA POLIZIA MUNICIPALE (NOVEMBRE-DICEMBRE 2004)

RILEVAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI EROGATI DAL FRONT OFFICE E DAL FURGONE MOBILE DELLA POLIZIA MUNICIPALE (NOVEMBRE-DICEMBRE 2004) RILEVAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI EROGATI DAL FRONT OFFICE E DAL FURGONE MOBILE DELLA POLIZIA MUNICIPALE (NOVEMBRE-DICEMBRE 2004) La stesura del questionario Il questionario somministrato ai cittadini

Dettagli

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali 64 La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali Nell ambito del processo di formazione del bilancio sociale, il Comune ha affidato ad una società

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1485 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI,

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

Report finale sul 3 anno di gestione (01.04.2011 31.03.2012)

Report finale sul 3 anno di gestione (01.04.2011 31.03.2012) RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMMOBILI IN PROPRIETÀ ED IN GESTIONE ALLA PROVINCIA DI MANTOVA (GLOBAL SERVICE) Report finale sul 3 anno di gestione

Dettagli

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Risultati del questionario di valutazione del servizio di scarico online del referto nelle aziende riusanti Arsenàl.IT Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Informazioni preliminari

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 10/10/05 STATISTICA Antigone Marino La costruzione del questionario Il questionario di indagine è lo strumento di misura

Dettagli

CRE Centri Ricreativi Estivi Citizen Satisfaction 2012

CRE Centri Ricreativi Estivi Citizen Satisfaction 2012 CRE Centri Ricreativi Estivi Citizen Satisfaction 2012 QUESTIONARI COMPILATI DAI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO FREQUENTATO I CRE RIVOLTI ALLA FASCIA DI ETÀ 6-11 ANNI Questionari elaborati: 370 Modalità

Dettagli

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 COMUNE DI RAVENNA SERVIZIO RISORSE UMANE E QUALITA U.O. ORGANIZZAZIONE, QUALITA E FORMAZIONE INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. Chiara TRENTO Ristorazione Ospedaliera e Servizi di

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

o o o o o o o o o o o o o DIRITTO ALL INFORMAZIONE Ogni Ospite ha il diritto di richiedere e ottenere informazioni puntuali riguardo l'accettazione e l'espletamento delle pratiche

Dettagli

Requisiti per la stesura di un buon questionario

Requisiti per la stesura di un buon questionario Laboratorio di indagini campionarie A.A. 2005-2006 Requisiti per la stesura di un buon questionario Alessandro Lubisco Requisiti per la stesura di un buon questionario Esperienza del ricercatore Conoscenza

Dettagli

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Committente: Firenze Parcheggi SpA Società incaricata: Process Factory Srl Via Masaccio 153, 50132 Firenze Data del report: 11/05/2015 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Qualità percepita nell ambulatorio della Terapia del Dolore dell Ospedale G. Salvini di Garbagnate M.se nell anno 2014

Qualità percepita nell ambulatorio della Terapia del Dolore dell Ospedale G. Salvini di Garbagnate M.se nell anno 2014 AZIENDA OSPEDALIERA GUIDO SALVINI GARBAGNATE MILANESE Direzione Generale Ufficio Marketing e Comunicazione Relazioni con il Pubblico Tel. 02/994302600 Fax 02/994302078 E-mail: marketing@aogarbagnate.lombardia.it

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/7 Attività L unità operativa di Psicologia Ospedaliera assicura interventi psicologici per: 1. Garantire, quando richiesto, il supporto

Dettagli

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE Allegato. PROCEDURE DI VALUTAZIONE Procedura di valutazione della performance individuale del DG Data inizio validità: gennaio 0 Data fine validità: n.d. SOMMARIO Soggetti coinvolti... Procedura di valutazione....

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I CeSe.Di. - Riorientamento nel primo anno delle superiori INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI DEL QUESTIONARIO I dati Sezione 1 - AFFERMAZIONI GENERALI (10 item): affermazioni che afferiscono alle percezioni

Dettagli

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT

Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014. A cura del gruppo di lavoro TelePAT Progetto TelePAT Attività di monitoraggio marzo 2014 A cura del gruppo di lavoro TelePAT L articolazione del sistema di monitoraggio Focalizzare i punti di forza e le aree di miglioramento Verificare lo

Dettagli

La soddisfazione media complessiva

La soddisfazione media complessiva Nell'ottica del miglioramento continuo della qualità dell offerta formativa, il Settore "Studio, Organizzazione e Metodo - Formazione del Personale" implementa indagini di Customer Satisfaction (CS) finalizzate

Dettagli

Comune di Lodi Vecchio. Assessorato ai Servizi Sociali

Comune di Lodi Vecchio. Assessorato ai Servizi Sociali Comune di Lodi Vecchio Assessorato ai Servizi Sociali ASILO NIDO COMUNALE La Coccinella di Lodi Vecchio A.e. 2015/2016 Il Nido è un servizio socio-educativo che in collaborazione con la famiglia contribuisce

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia Il questionario Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia 1 Il questionario Il questionario è uno strumento per la rilevazione delle informazioni attraverso un piano strutturato

Dettagli

Lungodegenza Castel San Pietro 1 piano Otorinolaringoiatria. Lungodegenza post-acuti Castel San Pietro 4 piano Chirurgia

Lungodegenza Castel San Pietro 1 piano Otorinolaringoiatria. Lungodegenza post-acuti Castel San Pietro 4 piano Chirurgia Il questionario serve a raccogliere il giudizio dei cittadini che hanno ricevuto cure per sé o per i propri familiari negli ospedali della Ausl di Imola. Lo scopo è individuare quali aspetti del servizio

Dettagli

PA SQ-09 Rev. 6 del 29.04.2015

PA SQ-09 Rev. 6 del 29.04.2015 Rev. 6 del 29.04.2015 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 29.04.2015 Dr.ssa E. Redolfi Curp M. De Filippis Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. P. Cannatelli

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PREMESSA Negli ultimi anni il Comune di Pero ha consolidato la sua collaborazione con il Comune di Settimo Milanese sia nella gestione delle mense

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli