COOPERAZIONE DECENTRATA ITALIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COOPERAZIONE DECENTRATA ITALIANA"

Transcript

1 COOPERAZIONE DECENTRATA ITALIANA E COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO EUROPEA VERSO IL 2010 Sintesi del questionario di riflessione 1. Gli obiettivi della cooperazione decentrata tra lotta alla povertà, interventi umanitari e politica di prossimità La definizione di priorità e obiettivi specifici da parte della cooperazione decentrata italiana dipende da molteplici fattori: dall idea di cooperazione stessa a cui i diversi soggetti si rifanno, dai modelli di sviluppo locale di cui sono portatori, dalle condizioni storiche e politiche del territorio, dalla effettiva disponibilità di risorse, dalle caratteristiche del contesto territoriale di partenza e dalle relazioni che cittadinanza e società civile hanno intrecciato con altri territori. La maggior parte delle opinioni raccolte su questo tema riflette l esperienza storica della cooperazione decentrata italiana, che si è attivata soprattutto in risposta alla crisi nella ex Jugoslavia e alla mobilitazione spontanea di cittadini e organizzazioni della società civile, ed è quindi legata, in una fase iniziale, a crisi complesse, alla gestione di situazioni emergenziali, agli interventi umanitari e all azione in contesti geograficamente prossimi. La prossimità sembra quindi prevalere sull obiettivo della riduzione della povertà inteso in termini stretti, ovvero sulla lotta alla povertà delle fasce più vulnerabili nei paesi più poveri in assoluto. Ci sono tuttavia significative eccezioni: i soggetti che fanno parte del sistema di cooperazione decentrata della regione Piemonte, ad esempio, indirizzano effettivamente la maggior parte delle risorse verso l area del Sahel ai fini della sicurezza alimentare. La definizione delle priorità dipende primariamente da come i singoli attori declinano l idea di cooperazione decentrata: per i fautori di una cooperazione che sia soprattutto dal basso, e che sia fortemente radicata nel contesto di partenza, la prossimità geografica rappresenta una necessità, per coinvolgere nel modo più ampio possibile il maggior numero di attori, e per dare più facilmente continuità alle relazioni con i territori partner. Inoltre, un altro fattore che rende la cooperazione decentrata tendenzialmente più adatta ad attivarsi in contesti di prossimità, rispetto alle aree in cui i livelli di povertà sono più elevati in assoluto, è la tendenza, soprattutto degli enti locali, a operare con soggetti omologhi, e quindi provvisti di una determinata capacità istituzionale che il rapporto di partenariato punta a rafforzare. Queste condizioni spesso non sussistono nei paesi più poveri, rendendo difficile il dialogo diretto e la reciprocità tipici della cooperazione decentrata. Pur non essendo l obiettivo della riduzione della povertà prioritario, le finalità della cooperazione decentrata rimangono quelle di sostenere processi di sviluppo e di crescita economica nei contesti di intervento, favorire l inclusione sociale dei gruppi più deboli, rafforzare i sistemi di governance locale e aiutare la creazione di un tessuto connettivo e sociale attraverso interventi nel settore dell educazione e dell associazionismo giovanile. In termini più generali, si potrebbero identificare come obiettivo della cooperazione decentrata le vulnerabilità sociali e istituzionali, su cui si alimentano le instabilità politiche. Questo considerando la decentrata fra i pochi strumenti dimensionati in modo da poter essere calati all interno del locale. Lo scopo ultimo dovrebbe essere facilitare pratiche di cittadinanza, democratizzazione, sostenibilità sociale.

2 In questo senso, più che un accantonamento dell obiettivo della riduzione alla povertà si può parlare di una rilettura dello stesso nell ambito della cooperazione decentrata, per cui la lotta alla povertà deve essere considerata secondo un approccio territoriale, prevedendo la partecipazione dei diversi soggetti locali, comprendendo altre dimensioni, oltre all aiuto, che sono quelle dello scambio, delle relazioni culturali, sociali e politiche e di altri interessi che si intersecano, come quello dell internazionalizzazione economica. Di qui il concetto più comprensivo di partenariato territoriale. Secondo un altra opinione, i partenariati istituzionali e territoriali in cui oggi cerca di strutturarsi la cooperazione decentrata seguono priorità geopolitiche che corrispondono in parte alla sensibilità e agli interessi della cittadinanza, e, di conseguenza si sono rivolti, di recente, soprattutto verso le aree di crisi in particolare nei paesi più prossimi. Il problema di fondo è dunque come promuovere una maggiore sensibilizzazione dell opinione pubblica verso la lotta alla povertà nei paesi più lontani. La cooperazione decentrata, mobilitando i diversi soggetti del territorio, può avere un ruolo fondamentale in questo senso, appoggiando ad esempio il ruolo delle organizzazioni non governative nel sensibilizzare la società civile e i singoli attori. 2. Coerenza Riguardo il tema della coerenza, oltre alla questione lotta alla povertà versus prossimità sopra evidenziata, la maggior parte degli interlocutori ha sottolineato la necessità che gli obiettivi di tipo politico, come la riduzione della pressione emigratoria nei paesi di intervento, le questioni di sicurezza e gli interessi di politica estera rimangano sullo sfondo, e che la cooperazione conservi una sua autonomia. Ad ogni obiettivo dovrebbe corrispondere uno strumento appropriato. Viene invece ampiamente riconosciuto il valore dei processi di sviluppo sostenibile e della lotta alla povertà per una reale stabilizzazione politica. Peraltro dovrebbe essere l applicazione del concetto di partenariato a richiedere e garantire un approccio coerente alle diverse politiche di relazioni interregionali e trans-locali. Per quanto riguarda l emergenza, gli enti locali che si sono trovati ad operarvi, e che vi hanno talora trovato un occasione di debutto sulla scena della cooperazione internazionale, hanno spesso scontato problemi legati all inesperienza. Alcuni di essi non ritengono che l intervento umanitario si attagli alla metodologia della cooperazione decentrata. Il valore aggiunto della cooperazione decentrata in questi scenari è piuttosto la capacità di collegare l intervento di emergenza a un intervento di ricostruzione di lungo periodo, facendo seguire alla fase emergenziale il rilancio dello sviluppo locale e il rafforzamento istituzionale dell istituzione partner. 3. Coordinamento e complementarietà La questione del coordinamento e della complementarietà con la cooperazione nazionale, e con gli indirizzi comunitari, è di fondamentale importanza per gli attori della cooperazione decentrata: i vincoli finanziari e le risorse limitate dei soggetti subnazionali implicano la necessità di creare sinergie con gli altri livelli di cooperazione, per realizzare interventi integrati, moltiplicando l impatto delle singole azioni ed evitando sovrapposizioni e doppioni. Inoltre, in aree difficili e in contesti di emergenza o post emergenza, le istituzioni nazionali e comunitarie sono spesso le uniche ad avere la capacità politica per aprire gli spazi di cooperazione. Rispetto allo specifico valore aggiunto della cooperazione decentrata, rappresentato dalla capacità di mobilitare i diversi attori del territorio per avviare percorsi di dialogo diretto con soggetti omologhi in altre aree del pianeta, rendendo più efficaci strategie di fondo considerate cruciali per avviare processi virtuosi di stabilizzazione e sviluppo, l azione comunitaria e governativa mantiene,

3 secondo alcuni interlocutori, barriere culturali rispetto all interazione con i soggetti locali, e in particolare con le Autonomie locali, e perciò fatica a attivare concreti ed efficaci percorsi di sviluppo territoriale. Per alcuni attori, in particolare referenti regionali, anche il livello europeo e la direzione generale sviluppo della Commissione europea sono ancora legati a un approccio tradizionale, centrato da un lato sul ruolo delle ONG, e dall altro, in programmi come CARDS e MEDA, sui governi centrali e sul meccanismo del bando di gara. In nessuno dei due casi viene riconosciuto il ruolo politico delle Autonomie locali, e il valore di partenariati che mirano alla creazione di rapporti e scambi stabili tra territori. Il deconcentramento della gestione dell aiuto europeo potrebbe forse favorire il coinvolgimento delle autonomie locali e dei territori, così come una definizione condivisa di cooperazione decentrata potrebbe facilitare il coordinamento con i livelli nazionale e comunitario. 4. Cooperazione decentrata e internazionalizzazione economica I processi di internazionalizzazione economica dei territori italiani spesso insistono sugli stessi contesti geografici delle politiche di cooperazione, e alla presenza imprenditoriale all estero si accompagna una presenza istituzionale. Si pone dunque il problema della sinergia, o del possibile conflitto, tra flussi di internazionalizzazione e obiettivi di cooperazione decentrata. La natura multidimensionale dello sviluppo locale suggerisce la possibilità di un interazione virtuosa tra cooperazione decentrata e internazionalizzazione delle imprese, e al tempo stesso, gli attori economici e del mondo del lavoro in genere possono essere considerati a pieno titolo come soggetti del territorio e rientrare nei sistemi di cooperazione decentrata. D altra parte l internazionalizzazione economica, e le politiche che la sostengono, tendono a seguire interessi e logiche di tipo unilaterale che non necessariamente tengono in considerazione le esigenze del contesto locale di destinazione. Una forma di internazionalizzazione produttiva che punti al mero abbattimento dei costi non risulta ovviamente complementare con l azione di cooperazione decentrata. E necessario operare in modo che l internazionalizzazione non muova in assenza di disegni sostenibili circa l assetto socio-territoriale nel medio periodo, vincolando la presenza imprenditoriale a criteri chiari anche di responsabilità sociale ed ambientale. In altre parole una visione più etica dell economia, da applicare sia ai soggetti impegnati che alle tipologie di interventi promossi, garantirebbe una maggiore coerenza tra politiche di internazionalizzazione e cooperazione decentrata. Dal punto di vista pratico, una maggiore convergenza tra obiettivi di sviluppo e processi di internazionalizzazione potrebbe essere raggiunta accompagnando il processo con misure che tendano a creare e rafforzare nei paesi di intervento un più elevato livello formativo del personale tecnico e manageriale, una legislazione del lavoro ispirata a criteri di giustizia e tutela del lavoratore, una cultura politica ispirata al dialogo tra le parti, e con un impegno istituzionale su temi quali il microcredito e il commercio equo e solidale. La presenza di produzioni specifiche in determinati territori offre un opportunità importante per gli imprenditori italiani, e costituisce un motivo di reale interesse per una cooperazione economica lungimirante, che valorizzi i saperi locali e non punti solo a rendere il territorio in questione appetibile per le reti lunghe della globalizzazione.

4 Dal punto di vista delle politiche di sostegno, risultano dunque più funzionali le azioni che sostengono micro e piccole imprese nel territorio partner, lo scambio di conoscenze e le produzioni di qualità. 5. Politica agricola comune (PAC) e sviluppo agroalimentare dei paesi del Sud Un primo passaggio per coniugare il sostegno all agricoltura europea con le esigenze di sviluppo agroalimentare nei paesi del sud consiste nel promuovere una maggiore consapevolezza dei problemi globali dell agricoltura da parte delle comunità rurali italiane, per facilitare l adozione di un ottica condivisa e, di conseguenza, il dialogo e la ricerca di soluzioni mutuamente vantaggiose. Da questo punto di vista le esperienze più interessanti riguardano il coinvolgimento, da parte della cooperazione piemontese, delle principali federazioni agricole in progetti di solidarietà rivolti alle comunità agricole del Burkina Faso, e il progetto Interreg Euromedsys, con capofila la Regione Toscana, per favorire la produzione di qualità nel Mediterraneo. Sullo sfondo c è comunque la necessità di mutare radicalmente l approccio della PAC. La difesa delle comunità rurali italiane non dovrebbe coincidere con la politica dei sussidi, la cui erogazione dovrebbe essere selettiva e non avere un impatto negativo sui paesi del Sud. Se si assume che il futuro dell agricoltura mondiale, e non solo europea, risieda nella specializzazione, allora le politiche di sostegno agricolo, e le politiche di cooperazione, devono porre una maggiore attenzione al mercato interno, alla qualità dei prodotti, alla trasformazione progressiva delle tecniche agricole nel senso di un maggior rispetto per l ambiente, le tradizioni e il consumo locale. In generale, la PAC dovrebbe essere orientata a favorire in Europa un agricoltura basata su prodotti non in competizione con quelli del Sud, permettendo ai paesi maggiormente in crisi dal punto di vista agroalimentare di derogare alle regole di libero scambio, in particolare nei settori che favoriscono l autosufficienza alimentare. La sovranità alimentare dei paesi in cui si interviene dovrebbe essere un obiettivo di fondo della cooperazione. Il problema non riguarda soltanto i paesi e le aree più povere, ma anche i contesti intermedi, dove la crisi del debito e l impoverimento della popolazione possono portare a uno scenario di tipo argentino, ovvero al paradosso di una compresenza della fame con importanti risorse agricole. 6. Valore aggiunto e limiti della cooperazione europea per la cooperazione decentrata Il valore aggiunto della cooperazione europea è rappresentato dalla possibilità di mettere le iniziative della cooperazione decentrata italiana in rete con azioni analoghe di soggetti europei. La cornice europea pone alla cooperazione decentrata, espressione di un territorio specifico, questioni provenienti da altri territori e contesti socioeconomici, aprendola a pratiche differenti, bilanciando interessi inevitabilmente particolari e fornendo una visione d insieme delle priorità. Inoltre, alcuni temi caratteristici della cooperazione decentrata, come la sussidiarietà, il sostegno al decentramento e allo sviluppo locale, fanno parte del bagaglio concettuale della cooperazione europea, e permettono quindi l adozione di una logica condivisa e la definizione di priorità comuni.

5 Gli attori della decentrata che partecipano a programmi comunitari quali Asia-Urbs, Urbal, Interreg rilevano come questi offrano un quadro certo in termini di tempi, metodologia e disponibilità finanziaria. Elementi importanti che purtroppo non si ritrovano nella Cooperazione italiana. Ciononostante, un limite di fondo, già richiamato a proposito della questione del coordinamento, risiede nel mancato riconoscimento di enti locali e regioni come soggetti di cooperazione autonomi, e del valore politico della cooperazione decentrata. Le linee di finanziamento che assimilano gli enti locali alle organizzazioni non governative non ne favoriscono il protagonismo, ne mortificano le potenzialità, e non sono quindi particolarmente appetibili da parte della cooperazione decentrata italiana. Allo stesso modo, l impossibilità per soggetti eleggibili, come le organizzazioni non governative, di presentarsi in partenariato stretto con regioni ed enti locali preclude l attivazione di percorsi di cooperazione decentrata. Un limite più specifico risiede nel rischio di burocratizzare eccessivamente le procedure di finanziamento: i bandi comunitari vengono unanimemente ritenute troppo complicati, per cui esiste un problema di semplificazione di procedure e modalità di presentazione e gestione di progetti. 7. L architettura europea e la cooperazione decentrata L architettura istituzionale dell Unione europea ha conosciuto recentemente un evoluzione significativa, con svariate implicazioni sulla politica di sviluppo. Secondo il paper Eadi, la riorganizzazione della Commissione realizzata nel 1999 ha creato confusione da questo punto di vista, ripartendo le competenze per lo sviluppo tra soggetti diversi ma garantendo una certa preminenza al Commissario agli affari esterni, quindi in qualche modo riducendo l autonomia della politica di sviluppo rispetto alla politica estera e, di fatto, indebolendo la Direzione generale per lo sviluppo. Alla riorganizzazione della Commissione si è inoltre aggiunta l abolizione del Consiglio europeo per lo sviluppo nel Alcuni degli attori interpellati dal CeSPI di conseguenza lamentano che la nuova architettura istituzionale non offre, al sistema della cooperazione europeo, accanto al punto di riferimento tecnico rappresentato da EuropAid, un referente politico unico. Per quanto riguarda la cooperazione decentrata in modo più specifico, le esigenze a cui dovrebbe andare incontro l assetto istituzionale europeo sono la necessità di coniugare strategie condivise con la pluralità degli attori coinvolti, secondo una logica di complementarietà. L interesse della cooperazione decentrata riguarda anche la possibilità di creare uno spazio istituzionale di coordinamento, che consenta un dialogo strutturato tra i diversi soggetti della decentrata e che porti la voce della decentrata all interno dei processi decisionali europei. 8. Gli scenari di sviluppo della cooperazione europea e la cooperazione decentrata italiana L aspetto centrale del paper Eadi è rappresentato dalla descrizione di possibili scenari di sviluppo per la cooperazione europea. Gli autori hanno proposto quattro proiezioni alternative, che risultano dall interazione delle due variabili più importanti, la coerenza e il coordinamento delle politiche esterne europee, e il grado di adesione all obiettivo della riduzione della povertà. Gli scenari proposti sono in primo luogo uno scenario definito di integrazione, determinato da un alto livello di coordinamento, coerenza e complementarietà e da un elevato grado di adesione all obiettivo della riduzione della povertà. In questo caso si prevede che i temi dello sviluppo e la politica estera siano affrontati in maniera più coerente, attraverso la creazione e il rafforzamento di istituzioni adeguate, la ricerca di maggiore complementarietà tra l azione degli stati membri e della Commissione in materia di sviluppo, e mediante la canalizzazione attraverso l UE di una quota più

6 elevata di bilanci di aiuto; gli aiuti verrebbero concentrati verso le regioni e i paesi più poveri, e ci sarebbe un accelerazione delle concessioni commerciali agli stessi paesi. Un maggiore impegno alla riduzione della povertà, associato a minori coerenza e coordinamento in sede europea produrrebbe uno scenario di compartimentalizzazione, caratterizzato da minori progressi verso una politica estera e di sicurezza comune, scarso entusiasmo per l aumento della quota di aiuto allo sviluppo canalizzata attraverso l UE e maggiore propensione a azioni bilaterali. La concentrazione degli aiuti sulla povertà produrrebbe effetti differenti sui diversi raggruppamenti regionali, come i paesi ACP, favorendone alcuni al posto di altri. In questo scenario i negoziati commerciali proseguirebbero, con un focus sulla povertà, ma con una maggiore riluttanza da parte dei paesi membri a fare concessioni che hanno per loro costi interni. Una combinazione di maggiore coerenza e minore orientamento alla riduzione della povertà risulterebbe nello scenario definito di segmentazione della politica europea dello sviluppo, contraddistinto da un impegno più deciso verso la politica estera e di sicurezza e difesa comuni. Gli interessi di politica estera influirebbero molto sulle priorità della politica di sviluppo, e i flussi di aiuto sarebbero destinati alle aree prossime e ai paesi a medio reddito. Gli accordi regionali risulterebbero rafforzati, soprattutto in virtù di interessi di politica estera e della sicurezza, mentre il programma di aiuti non perseguirebbe obiettivi unitari e i diversi paesi sarebbero in disaccordo sull allocazione delle risorse. I negoziati commerciali non registrerebbero progressi, all interno di questo scenario. Un ultimo scenario, denominato di individualizzazione, risulterebbe da uno scarso impegno sia sul fronte delle 3 C ( coordinamento, coerenza, complementarietà) sia sul fronte della lotta alla povertà, e si tradurrebbe in una bi-lateralizzazione della politica estera e una riconduzione dell aiuto alle politiche nazionali. In questo scenario i flussi di aiuto canalizzati attraverso la Commissione europea non aumenterebbero, e gli stati membri contesterebbero le decisioni della Commissione. I negoziati commerciali segnerebbero il passo mentre prevarrebbero accordi bilaterali, e il sistema UE di distribuzione degli aiuti raggiungerebbe ilo punto di crisi entro la fine del decennio. La maggior parte dei commenti e delle reazioni al questionario del CeSPI individua il primo scenario come quello più consono alle esigenze della cooperazione decentrata, poiché delinea un Europa con una propria identità forte e coerente sui temi della politica di sviluppo, in grado di diversificare gli interventi in relazione alle regioni e alle tematiche affrontate, e che concentri gli interventi sul tema della riduzione della povertà. Non manca tuttavia chi ritiene auspicabile lo scenario di segmentazione, come realistico second best, e individuando una sorta di strategia in due tempi: se per un verso questo scenario implica un minore impegno nella lotta alla povertà, per l altro maggiori coerenza e coordinamento potrebbero portare a una rivalutazione delle priorità in questo senso e a una maggiore efficacia nell utilizzo delle risorse in questo senso. Lo scenario dell integrazione è tuttavia ritenuto il meno probabile da parte degli interlocutori intervistati. Gli ostacoli, di natura interna ed esterna, le vicende recenti come il mancato rispetto delle regole del Patto di stabilità e il mancato raggiungimento dell accordo sulla costituzione europea, associati al ruolo di attori come gli Stati Uniti e al panorama globale del dopo Iraq, inducono a sottrarre peso alla variabile della coerenza delle politiche europee, e fanno presagire ulteriori difficoltà sul cammino della costruzione della politica estera comune, parallelamente a una perdita di peso e autonomia della cooperazione allo sviluppo. Gli scenari ritenuti più probabili sono dunque quelli determinati da uno scarso impegno sul fronte delle 3C, e in particolare lo scenario definito di individualizzazione.

7 Elenco soggetti intervistati Gabriella Arcadu e Francesco Strazzari, Scuola superiore S. Anna, Università di Pisa Ivana Borsotto, Movimento Laici America Latina (MLAL), Verona Roberto Brancati, Regione Friuli Venezia Giulia Consorzio Pluriverso, Modena Andrea Del Mercato, Comune di Venezia Paolo Dieci, Cisp, Roma Giorgio Garelli, Regione Piemonte Andrea Micconi, Lvia, Torino Michele Nardelli, Osservatorio sui Balcani, Rovereto Pietro Nibbi, Ucodep, Arezzo Luciano Rocchetti, Provincia di Trento Andrea Rossini, Agenzia per la democrazia locale, Zavidovci, Bosnia Erzegovina Raffaele Salinari, Terres des Hommes Internationale

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Legge Regionale n. 19/96 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Incontri

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Programmare la cooperazione del sistema sardo Documento di lavoro

Programmare la cooperazione del sistema sardo Documento di lavoro Programmare la cooperazione del sistema sardo Documento di lavoro a cura di Andrea Stocchiero Indice 1 Introduzione... 2 2 La cooperazione decentrata dai progetti ai programmi... 3 3 Elementi per la programmazione

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

GLI ATTORI DEL PROGETTO ED I BENEFICIARI

GLI ATTORI DEL PROGETTO ED I BENEFICIARI GLI ATTORI DEL PROGETTO ED I BENEFICIARI L ong LVIA ha intrapreso nel 2009, in partenariato con il Comune di Ziniaré, un progetto per la realizzazione di azioni a beneficio dei giovani, che si è concretizzato

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE EXECUTIVE SUMMARY Realizzazione di una piattaforma finanziaria innovativa per la canalizzazione e la valorizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza nel corridoio Italia-Senegal

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

FINALITÀ E STRATEGIE 1

FINALITÀ E STRATEGIE 1 Associazione europea per la solidarietà e la cooperazione internazionale con il Sud del mondo FINALITÀ E STRATEGIE 1 PREMESSA L'approccio di Fratelli dell'uomo e delle organizzazioni sociali con cui l'associazione

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

2.3 Il tramonto della Costituzione europea e il Trattato di Lisbona

2.3 Il tramonto della Costituzione europea e il Trattato di Lisbona INDICE Prefazioni Renzo Tondo, Presidente Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Patrizio Bianchi, Magnifico Rettore Università degli Studi di Ferrara Angelo Sette, Presidente, Banca Popolare FriulAdria

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana.

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Premessa Con il presente documento, le Organizzazioni aderenti al CINI Coordinamento Italiano Network Internazionali - desiderano

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 20 settembre - ore 15.00 17.30 Napoli, Fiera dei Beni Comuni, presso la Mostra d'oltremare Via Kennedy n. 54 Report dell incontro Programma:

Dettagli

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015 PRONTI PER IL FUTURO IMPRESE, ISTITUZIONI E ONG A SISTEMA PER LE NUOVE OPPORTUNITA DI SVILUPPO NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Genova 21 settembre 2015 Relatore: Dr.ssa Maria Grazia Rando Funzionario

Dettagli

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus)

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Protocollo d intesa tra Regione Toscana e Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Consolidamento e sviluppo della collaborazione per attività cooperazione internazionale nel settore dell'accesso

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 29-04-2013 (punto N 6 ) Delibera N 299 del 29-04-2013 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA Pubblicita /Pubblicazione

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale Corso di Laurea Magistrale LM59 Scienze della comunicazione pubblica e sociale Insegnamento: Cooperazione sanitaria internazionale Conoscenze e abilità da conseguire L evoluzione degli scenari economici

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

1. Priorità regionali per la programmazione degli interventi di rilievo internazionale in America Latina per l anno 2012

1. Priorità regionali per la programmazione degli interventi di rilievo internazionale in America Latina per l anno 2012 ALLEGATO B ALLEGATO B2 Regione Toscana Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale - Settore Governo Clinico, Programmazione e Ricerca D.C.R. n. 26 del 04/04/2012 Piano Integrato delle

Dettagli

Gaia: La Regione Intelligente

Gaia: La Regione Intelligente Gaia: La Regione Intelligente Le opzioni, il modello, il percorso Le opzioni Dobbiamo costruire una Regione aperta, fondata su ascolto, dialogo e trasparenza Bisogna porre al centro delle politiche i cittadini,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

I Gas palestre di democrazia

I Gas palestre di democrazia I Gas palestre di democrazia Alcune riflessioni a partire da una ricerca sull associazionismo in Lombardia Francesca Forno Università degli Studi di Bergamo Gruppo di Studio e di conricerca Cittadinanza

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA NORMATIVA Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

PROGETTO COOPERAZIONE DECENTRATA PER IL RAFFORZAMENTO ISTITUZIONALE DEI COMUNI MONTANI BOSNIACI

PROGETTO COOPERAZIONE DECENTRATA PER IL RAFFORZAMENTO ISTITUZIONALE DEI COMUNI MONTANI BOSNIACI PROGETTO COOPERAZIONE DECENTRATA PER IL RAFFORZAMENTO ISTITUZIONALE DEI COMUNI MONTANI BOSNIACI INTRODUZIONE Nell ambito delle iniziative legate alla Tregua Olimpica realizzate dai partner istituzionali

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà

Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà Insieme per una missione di interesse pubblico. Aiutare le aree in difficoltà CHI SIAMO SudgestAid è una Società consortile italiana, senza scopo di lucro, partecipata da Agenzie pubbliche, impegnata nel

Dettagli

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea Marco Canton Politiche UE Programmi Assistenza Esterna Programmi Tematici Gestione centralizzata

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E LE ATTIVITA DI PARTENARIATO INTERNAZIONALE 2010-2013. Legge regionale 30 ottobre 2000, n.

PROGRAMMA REGIONALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E LE ATTIVITA DI PARTENARIATO INTERNAZIONALE 2010-2013. Legge regionale 30 ottobre 2000, n. PROGRAMMA REGIONALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E LE ATTIVITA DI PARTENARIATO INTERNAZIONALE 2010-2013 Legge regionale 30 ottobre 2000, n.19 1 INDICE Introduzione...pag. 3 Obiettivi e linee di indirizzo

Dettagli

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati:

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati: PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E LA FEDERAZIONE TRENTINA DELLA COOPERAZIONE PER IL RAFFORZAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO ATTRAVERSO IL SISTEMA DELLA COOPERAZIONE TRENTINA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

STATI GENERALI DEI CORREGIONALI ALL ESTERO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DOCUMENTO CONCLUSIVO Trieste, 16 e 17 ottobre 2015

STATI GENERALI DEI CORREGIONALI ALL ESTERO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DOCUMENTO CONCLUSIVO Trieste, 16 e 17 ottobre 2015 STATI GENERALI DEI CORREGIONALI ALL ESTERO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA DOCUMENTO CONCLUSIVO Trieste, 16 e 17 ottobre 2015 STÂTS GJENERÂI DAI COREGJONÂI TAL FOREST DAL FRIÛL VIGNESIE JULIE DOCUMENT FINÂL

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

LEGGE 11 agosto 2014, n. 125 29-8-2014

LEGGE 11 agosto 2014, n. 125 29-8-2014 LEGGE 11 agosto 2014, n. 125 29-8-2014 La «cooperazione allo sviluppo» è: parte integrante e qualificante della politica estera dell'italia. Essa si ispira: ai principi della Carta delle Nazioni Unite

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Comune di Beinasco Comune di Bruino 18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Oltre i campi 0/6 CIdiS 1 Premessa Allo scopo di fornire un contributo, che auspichiamo

Dettagli

VÕ i Ì Ê ` ÊÀ v iãã iê ÃÕ ÊÀÕ Ê`i iê" }]Ê `i} Ê>ÌÌ À ÊÃ V > Ê iê`i iê >ÕÌ À ÌDÊ V>

VÕ i Ì Ê ` ÊÀ v iãã iê ÃÕ ÊÀÕ Ê`i iê }]Ê `i} Ê>ÌÌ À ÊÃ V > Ê iê`i iê >ÕÌ À ÌDÊ V> Un iniziativa VÕ i Ì Ê ` ÊÀ v iãã iê ÃÕ ÊÀÕ Ê`i iê" }]Ê `i} Ê>ÌÌ À ÊÃ V > Ê iê`i iê >ÕÌ À ÌDÊ V> promossa da con il contributo del MAE-DGCS AE-DGCS e la collaborazione scientifica del CeSPI Movimento Sviluppo

Dettagli

N. 9-2008. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it

N. 9-2008. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it N. 9-2008 Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it 1 Anche per i paesi a forte vocazione anarcoide, come l Italia, arriva il momento

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

La nuova Politica Agricola Comune (PAC)

La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Argomenti trattati La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Il percorso per giungere alla nuova PAC I principali elementi della discussione in atto Lo Sviluppo Rurale nella nuova PAC Spunti di riflessione

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO 6 COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO Giampaolo Cantini è il volto e l anima della Direzione italiana per la cooperazione e lo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli