COOPERAZIONE DECENTRATA ITALIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COOPERAZIONE DECENTRATA ITALIANA"

Transcript

1 COOPERAZIONE DECENTRATA ITALIANA E COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO EUROPEA VERSO IL 2010 Sintesi del questionario di riflessione 1. Gli obiettivi della cooperazione decentrata tra lotta alla povertà, interventi umanitari e politica di prossimità La definizione di priorità e obiettivi specifici da parte della cooperazione decentrata italiana dipende da molteplici fattori: dall idea di cooperazione stessa a cui i diversi soggetti si rifanno, dai modelli di sviluppo locale di cui sono portatori, dalle condizioni storiche e politiche del territorio, dalla effettiva disponibilità di risorse, dalle caratteristiche del contesto territoriale di partenza e dalle relazioni che cittadinanza e società civile hanno intrecciato con altri territori. La maggior parte delle opinioni raccolte su questo tema riflette l esperienza storica della cooperazione decentrata italiana, che si è attivata soprattutto in risposta alla crisi nella ex Jugoslavia e alla mobilitazione spontanea di cittadini e organizzazioni della società civile, ed è quindi legata, in una fase iniziale, a crisi complesse, alla gestione di situazioni emergenziali, agli interventi umanitari e all azione in contesti geograficamente prossimi. La prossimità sembra quindi prevalere sull obiettivo della riduzione della povertà inteso in termini stretti, ovvero sulla lotta alla povertà delle fasce più vulnerabili nei paesi più poveri in assoluto. Ci sono tuttavia significative eccezioni: i soggetti che fanno parte del sistema di cooperazione decentrata della regione Piemonte, ad esempio, indirizzano effettivamente la maggior parte delle risorse verso l area del Sahel ai fini della sicurezza alimentare. La definizione delle priorità dipende primariamente da come i singoli attori declinano l idea di cooperazione decentrata: per i fautori di una cooperazione che sia soprattutto dal basso, e che sia fortemente radicata nel contesto di partenza, la prossimità geografica rappresenta una necessità, per coinvolgere nel modo più ampio possibile il maggior numero di attori, e per dare più facilmente continuità alle relazioni con i territori partner. Inoltre, un altro fattore che rende la cooperazione decentrata tendenzialmente più adatta ad attivarsi in contesti di prossimità, rispetto alle aree in cui i livelli di povertà sono più elevati in assoluto, è la tendenza, soprattutto degli enti locali, a operare con soggetti omologhi, e quindi provvisti di una determinata capacità istituzionale che il rapporto di partenariato punta a rafforzare. Queste condizioni spesso non sussistono nei paesi più poveri, rendendo difficile il dialogo diretto e la reciprocità tipici della cooperazione decentrata. Pur non essendo l obiettivo della riduzione della povertà prioritario, le finalità della cooperazione decentrata rimangono quelle di sostenere processi di sviluppo e di crescita economica nei contesti di intervento, favorire l inclusione sociale dei gruppi più deboli, rafforzare i sistemi di governance locale e aiutare la creazione di un tessuto connettivo e sociale attraverso interventi nel settore dell educazione e dell associazionismo giovanile. In termini più generali, si potrebbero identificare come obiettivo della cooperazione decentrata le vulnerabilità sociali e istituzionali, su cui si alimentano le instabilità politiche. Questo considerando la decentrata fra i pochi strumenti dimensionati in modo da poter essere calati all interno del locale. Lo scopo ultimo dovrebbe essere facilitare pratiche di cittadinanza, democratizzazione, sostenibilità sociale.

2 In questo senso, più che un accantonamento dell obiettivo della riduzione alla povertà si può parlare di una rilettura dello stesso nell ambito della cooperazione decentrata, per cui la lotta alla povertà deve essere considerata secondo un approccio territoriale, prevedendo la partecipazione dei diversi soggetti locali, comprendendo altre dimensioni, oltre all aiuto, che sono quelle dello scambio, delle relazioni culturali, sociali e politiche e di altri interessi che si intersecano, come quello dell internazionalizzazione economica. Di qui il concetto più comprensivo di partenariato territoriale. Secondo un altra opinione, i partenariati istituzionali e territoriali in cui oggi cerca di strutturarsi la cooperazione decentrata seguono priorità geopolitiche che corrispondono in parte alla sensibilità e agli interessi della cittadinanza, e, di conseguenza si sono rivolti, di recente, soprattutto verso le aree di crisi in particolare nei paesi più prossimi. Il problema di fondo è dunque come promuovere una maggiore sensibilizzazione dell opinione pubblica verso la lotta alla povertà nei paesi più lontani. La cooperazione decentrata, mobilitando i diversi soggetti del territorio, può avere un ruolo fondamentale in questo senso, appoggiando ad esempio il ruolo delle organizzazioni non governative nel sensibilizzare la società civile e i singoli attori. 2. Coerenza Riguardo il tema della coerenza, oltre alla questione lotta alla povertà versus prossimità sopra evidenziata, la maggior parte degli interlocutori ha sottolineato la necessità che gli obiettivi di tipo politico, come la riduzione della pressione emigratoria nei paesi di intervento, le questioni di sicurezza e gli interessi di politica estera rimangano sullo sfondo, e che la cooperazione conservi una sua autonomia. Ad ogni obiettivo dovrebbe corrispondere uno strumento appropriato. Viene invece ampiamente riconosciuto il valore dei processi di sviluppo sostenibile e della lotta alla povertà per una reale stabilizzazione politica. Peraltro dovrebbe essere l applicazione del concetto di partenariato a richiedere e garantire un approccio coerente alle diverse politiche di relazioni interregionali e trans-locali. Per quanto riguarda l emergenza, gli enti locali che si sono trovati ad operarvi, e che vi hanno talora trovato un occasione di debutto sulla scena della cooperazione internazionale, hanno spesso scontato problemi legati all inesperienza. Alcuni di essi non ritengono che l intervento umanitario si attagli alla metodologia della cooperazione decentrata. Il valore aggiunto della cooperazione decentrata in questi scenari è piuttosto la capacità di collegare l intervento di emergenza a un intervento di ricostruzione di lungo periodo, facendo seguire alla fase emergenziale il rilancio dello sviluppo locale e il rafforzamento istituzionale dell istituzione partner. 3. Coordinamento e complementarietà La questione del coordinamento e della complementarietà con la cooperazione nazionale, e con gli indirizzi comunitari, è di fondamentale importanza per gli attori della cooperazione decentrata: i vincoli finanziari e le risorse limitate dei soggetti subnazionali implicano la necessità di creare sinergie con gli altri livelli di cooperazione, per realizzare interventi integrati, moltiplicando l impatto delle singole azioni ed evitando sovrapposizioni e doppioni. Inoltre, in aree difficili e in contesti di emergenza o post emergenza, le istituzioni nazionali e comunitarie sono spesso le uniche ad avere la capacità politica per aprire gli spazi di cooperazione. Rispetto allo specifico valore aggiunto della cooperazione decentrata, rappresentato dalla capacità di mobilitare i diversi attori del territorio per avviare percorsi di dialogo diretto con soggetti omologhi in altre aree del pianeta, rendendo più efficaci strategie di fondo considerate cruciali per avviare processi virtuosi di stabilizzazione e sviluppo, l azione comunitaria e governativa mantiene,

3 secondo alcuni interlocutori, barriere culturali rispetto all interazione con i soggetti locali, e in particolare con le Autonomie locali, e perciò fatica a attivare concreti ed efficaci percorsi di sviluppo territoriale. Per alcuni attori, in particolare referenti regionali, anche il livello europeo e la direzione generale sviluppo della Commissione europea sono ancora legati a un approccio tradizionale, centrato da un lato sul ruolo delle ONG, e dall altro, in programmi come CARDS e MEDA, sui governi centrali e sul meccanismo del bando di gara. In nessuno dei due casi viene riconosciuto il ruolo politico delle Autonomie locali, e il valore di partenariati che mirano alla creazione di rapporti e scambi stabili tra territori. Il deconcentramento della gestione dell aiuto europeo potrebbe forse favorire il coinvolgimento delle autonomie locali e dei territori, così come una definizione condivisa di cooperazione decentrata potrebbe facilitare il coordinamento con i livelli nazionale e comunitario. 4. Cooperazione decentrata e internazionalizzazione economica I processi di internazionalizzazione economica dei territori italiani spesso insistono sugli stessi contesti geografici delle politiche di cooperazione, e alla presenza imprenditoriale all estero si accompagna una presenza istituzionale. Si pone dunque il problema della sinergia, o del possibile conflitto, tra flussi di internazionalizzazione e obiettivi di cooperazione decentrata. La natura multidimensionale dello sviluppo locale suggerisce la possibilità di un interazione virtuosa tra cooperazione decentrata e internazionalizzazione delle imprese, e al tempo stesso, gli attori economici e del mondo del lavoro in genere possono essere considerati a pieno titolo come soggetti del territorio e rientrare nei sistemi di cooperazione decentrata. D altra parte l internazionalizzazione economica, e le politiche che la sostengono, tendono a seguire interessi e logiche di tipo unilaterale che non necessariamente tengono in considerazione le esigenze del contesto locale di destinazione. Una forma di internazionalizzazione produttiva che punti al mero abbattimento dei costi non risulta ovviamente complementare con l azione di cooperazione decentrata. E necessario operare in modo che l internazionalizzazione non muova in assenza di disegni sostenibili circa l assetto socio-territoriale nel medio periodo, vincolando la presenza imprenditoriale a criteri chiari anche di responsabilità sociale ed ambientale. In altre parole una visione più etica dell economia, da applicare sia ai soggetti impegnati che alle tipologie di interventi promossi, garantirebbe una maggiore coerenza tra politiche di internazionalizzazione e cooperazione decentrata. Dal punto di vista pratico, una maggiore convergenza tra obiettivi di sviluppo e processi di internazionalizzazione potrebbe essere raggiunta accompagnando il processo con misure che tendano a creare e rafforzare nei paesi di intervento un più elevato livello formativo del personale tecnico e manageriale, una legislazione del lavoro ispirata a criteri di giustizia e tutela del lavoratore, una cultura politica ispirata al dialogo tra le parti, e con un impegno istituzionale su temi quali il microcredito e il commercio equo e solidale. La presenza di produzioni specifiche in determinati territori offre un opportunità importante per gli imprenditori italiani, e costituisce un motivo di reale interesse per una cooperazione economica lungimirante, che valorizzi i saperi locali e non punti solo a rendere il territorio in questione appetibile per le reti lunghe della globalizzazione.

4 Dal punto di vista delle politiche di sostegno, risultano dunque più funzionali le azioni che sostengono micro e piccole imprese nel territorio partner, lo scambio di conoscenze e le produzioni di qualità. 5. Politica agricola comune (PAC) e sviluppo agroalimentare dei paesi del Sud Un primo passaggio per coniugare il sostegno all agricoltura europea con le esigenze di sviluppo agroalimentare nei paesi del sud consiste nel promuovere una maggiore consapevolezza dei problemi globali dell agricoltura da parte delle comunità rurali italiane, per facilitare l adozione di un ottica condivisa e, di conseguenza, il dialogo e la ricerca di soluzioni mutuamente vantaggiose. Da questo punto di vista le esperienze più interessanti riguardano il coinvolgimento, da parte della cooperazione piemontese, delle principali federazioni agricole in progetti di solidarietà rivolti alle comunità agricole del Burkina Faso, e il progetto Interreg Euromedsys, con capofila la Regione Toscana, per favorire la produzione di qualità nel Mediterraneo. Sullo sfondo c è comunque la necessità di mutare radicalmente l approccio della PAC. La difesa delle comunità rurali italiane non dovrebbe coincidere con la politica dei sussidi, la cui erogazione dovrebbe essere selettiva e non avere un impatto negativo sui paesi del Sud. Se si assume che il futuro dell agricoltura mondiale, e non solo europea, risieda nella specializzazione, allora le politiche di sostegno agricolo, e le politiche di cooperazione, devono porre una maggiore attenzione al mercato interno, alla qualità dei prodotti, alla trasformazione progressiva delle tecniche agricole nel senso di un maggior rispetto per l ambiente, le tradizioni e il consumo locale. In generale, la PAC dovrebbe essere orientata a favorire in Europa un agricoltura basata su prodotti non in competizione con quelli del Sud, permettendo ai paesi maggiormente in crisi dal punto di vista agroalimentare di derogare alle regole di libero scambio, in particolare nei settori che favoriscono l autosufficienza alimentare. La sovranità alimentare dei paesi in cui si interviene dovrebbe essere un obiettivo di fondo della cooperazione. Il problema non riguarda soltanto i paesi e le aree più povere, ma anche i contesti intermedi, dove la crisi del debito e l impoverimento della popolazione possono portare a uno scenario di tipo argentino, ovvero al paradosso di una compresenza della fame con importanti risorse agricole. 6. Valore aggiunto e limiti della cooperazione europea per la cooperazione decentrata Il valore aggiunto della cooperazione europea è rappresentato dalla possibilità di mettere le iniziative della cooperazione decentrata italiana in rete con azioni analoghe di soggetti europei. La cornice europea pone alla cooperazione decentrata, espressione di un territorio specifico, questioni provenienti da altri territori e contesti socioeconomici, aprendola a pratiche differenti, bilanciando interessi inevitabilmente particolari e fornendo una visione d insieme delle priorità. Inoltre, alcuni temi caratteristici della cooperazione decentrata, come la sussidiarietà, il sostegno al decentramento e allo sviluppo locale, fanno parte del bagaglio concettuale della cooperazione europea, e permettono quindi l adozione di una logica condivisa e la definizione di priorità comuni.

5 Gli attori della decentrata che partecipano a programmi comunitari quali Asia-Urbs, Urbal, Interreg rilevano come questi offrano un quadro certo in termini di tempi, metodologia e disponibilità finanziaria. Elementi importanti che purtroppo non si ritrovano nella Cooperazione italiana. Ciononostante, un limite di fondo, già richiamato a proposito della questione del coordinamento, risiede nel mancato riconoscimento di enti locali e regioni come soggetti di cooperazione autonomi, e del valore politico della cooperazione decentrata. Le linee di finanziamento che assimilano gli enti locali alle organizzazioni non governative non ne favoriscono il protagonismo, ne mortificano le potenzialità, e non sono quindi particolarmente appetibili da parte della cooperazione decentrata italiana. Allo stesso modo, l impossibilità per soggetti eleggibili, come le organizzazioni non governative, di presentarsi in partenariato stretto con regioni ed enti locali preclude l attivazione di percorsi di cooperazione decentrata. Un limite più specifico risiede nel rischio di burocratizzare eccessivamente le procedure di finanziamento: i bandi comunitari vengono unanimemente ritenute troppo complicati, per cui esiste un problema di semplificazione di procedure e modalità di presentazione e gestione di progetti. 7. L architettura europea e la cooperazione decentrata L architettura istituzionale dell Unione europea ha conosciuto recentemente un evoluzione significativa, con svariate implicazioni sulla politica di sviluppo. Secondo il paper Eadi, la riorganizzazione della Commissione realizzata nel 1999 ha creato confusione da questo punto di vista, ripartendo le competenze per lo sviluppo tra soggetti diversi ma garantendo una certa preminenza al Commissario agli affari esterni, quindi in qualche modo riducendo l autonomia della politica di sviluppo rispetto alla politica estera e, di fatto, indebolendo la Direzione generale per lo sviluppo. Alla riorganizzazione della Commissione si è inoltre aggiunta l abolizione del Consiglio europeo per lo sviluppo nel Alcuni degli attori interpellati dal CeSPI di conseguenza lamentano che la nuova architettura istituzionale non offre, al sistema della cooperazione europeo, accanto al punto di riferimento tecnico rappresentato da EuropAid, un referente politico unico. Per quanto riguarda la cooperazione decentrata in modo più specifico, le esigenze a cui dovrebbe andare incontro l assetto istituzionale europeo sono la necessità di coniugare strategie condivise con la pluralità degli attori coinvolti, secondo una logica di complementarietà. L interesse della cooperazione decentrata riguarda anche la possibilità di creare uno spazio istituzionale di coordinamento, che consenta un dialogo strutturato tra i diversi soggetti della decentrata e che porti la voce della decentrata all interno dei processi decisionali europei. 8. Gli scenari di sviluppo della cooperazione europea e la cooperazione decentrata italiana L aspetto centrale del paper Eadi è rappresentato dalla descrizione di possibili scenari di sviluppo per la cooperazione europea. Gli autori hanno proposto quattro proiezioni alternative, che risultano dall interazione delle due variabili più importanti, la coerenza e il coordinamento delle politiche esterne europee, e il grado di adesione all obiettivo della riduzione della povertà. Gli scenari proposti sono in primo luogo uno scenario definito di integrazione, determinato da un alto livello di coordinamento, coerenza e complementarietà e da un elevato grado di adesione all obiettivo della riduzione della povertà. In questo caso si prevede che i temi dello sviluppo e la politica estera siano affrontati in maniera più coerente, attraverso la creazione e il rafforzamento di istituzioni adeguate, la ricerca di maggiore complementarietà tra l azione degli stati membri e della Commissione in materia di sviluppo, e mediante la canalizzazione attraverso l UE di una quota più

6 elevata di bilanci di aiuto; gli aiuti verrebbero concentrati verso le regioni e i paesi più poveri, e ci sarebbe un accelerazione delle concessioni commerciali agli stessi paesi. Un maggiore impegno alla riduzione della povertà, associato a minori coerenza e coordinamento in sede europea produrrebbe uno scenario di compartimentalizzazione, caratterizzato da minori progressi verso una politica estera e di sicurezza comune, scarso entusiasmo per l aumento della quota di aiuto allo sviluppo canalizzata attraverso l UE e maggiore propensione a azioni bilaterali. La concentrazione degli aiuti sulla povertà produrrebbe effetti differenti sui diversi raggruppamenti regionali, come i paesi ACP, favorendone alcuni al posto di altri. In questo scenario i negoziati commerciali proseguirebbero, con un focus sulla povertà, ma con una maggiore riluttanza da parte dei paesi membri a fare concessioni che hanno per loro costi interni. Una combinazione di maggiore coerenza e minore orientamento alla riduzione della povertà risulterebbe nello scenario definito di segmentazione della politica europea dello sviluppo, contraddistinto da un impegno più deciso verso la politica estera e di sicurezza e difesa comuni. Gli interessi di politica estera influirebbero molto sulle priorità della politica di sviluppo, e i flussi di aiuto sarebbero destinati alle aree prossime e ai paesi a medio reddito. Gli accordi regionali risulterebbero rafforzati, soprattutto in virtù di interessi di politica estera e della sicurezza, mentre il programma di aiuti non perseguirebbe obiettivi unitari e i diversi paesi sarebbero in disaccordo sull allocazione delle risorse. I negoziati commerciali non registrerebbero progressi, all interno di questo scenario. Un ultimo scenario, denominato di individualizzazione, risulterebbe da uno scarso impegno sia sul fronte delle 3 C ( coordinamento, coerenza, complementarietà) sia sul fronte della lotta alla povertà, e si tradurrebbe in una bi-lateralizzazione della politica estera e una riconduzione dell aiuto alle politiche nazionali. In questo scenario i flussi di aiuto canalizzati attraverso la Commissione europea non aumenterebbero, e gli stati membri contesterebbero le decisioni della Commissione. I negoziati commerciali segnerebbero il passo mentre prevarrebbero accordi bilaterali, e il sistema UE di distribuzione degli aiuti raggiungerebbe ilo punto di crisi entro la fine del decennio. La maggior parte dei commenti e delle reazioni al questionario del CeSPI individua il primo scenario come quello più consono alle esigenze della cooperazione decentrata, poiché delinea un Europa con una propria identità forte e coerente sui temi della politica di sviluppo, in grado di diversificare gli interventi in relazione alle regioni e alle tematiche affrontate, e che concentri gli interventi sul tema della riduzione della povertà. Non manca tuttavia chi ritiene auspicabile lo scenario di segmentazione, come realistico second best, e individuando una sorta di strategia in due tempi: se per un verso questo scenario implica un minore impegno nella lotta alla povertà, per l altro maggiori coerenza e coordinamento potrebbero portare a una rivalutazione delle priorità in questo senso e a una maggiore efficacia nell utilizzo delle risorse in questo senso. Lo scenario dell integrazione è tuttavia ritenuto il meno probabile da parte degli interlocutori intervistati. Gli ostacoli, di natura interna ed esterna, le vicende recenti come il mancato rispetto delle regole del Patto di stabilità e il mancato raggiungimento dell accordo sulla costituzione europea, associati al ruolo di attori come gli Stati Uniti e al panorama globale del dopo Iraq, inducono a sottrarre peso alla variabile della coerenza delle politiche europee, e fanno presagire ulteriori difficoltà sul cammino della costruzione della politica estera comune, parallelamente a una perdita di peso e autonomia della cooperazione allo sviluppo. Gli scenari ritenuti più probabili sono dunque quelli determinati da uno scarso impegno sul fronte delle 3C, e in particolare lo scenario definito di individualizzazione.

7 Elenco soggetti intervistati Gabriella Arcadu e Francesco Strazzari, Scuola superiore S. Anna, Università di Pisa Ivana Borsotto, Movimento Laici America Latina (MLAL), Verona Roberto Brancati, Regione Friuli Venezia Giulia Consorzio Pluriverso, Modena Andrea Del Mercato, Comune di Venezia Paolo Dieci, Cisp, Roma Giorgio Garelli, Regione Piemonte Andrea Micconi, Lvia, Torino Michele Nardelli, Osservatorio sui Balcani, Rovereto Pietro Nibbi, Ucodep, Arezzo Luciano Rocchetti, Provincia di Trento Andrea Rossini, Agenzia per la democrazia locale, Zavidovci, Bosnia Erzegovina Raffaele Salinari, Terres des Hommes Internationale

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CeSPI CentroStudidiPoliticaInternazionale

CeSPI CentroStudidiPoliticaInternazionale CeSPI CentroStudidiPoliticaInternazionale Gli italiani e l aiuto allo sviluppo I risultati delle principali indagini nazionali e internazionali Progetto COCIS Cooperazione? Sì, grazie! Nuovi scenari dello

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

GLI OBIETTIVI È 1 L INTERVENTO 2 I CONTENUTI 3 GLI STRUMENTI

GLI OBIETTIVI È 1 L INTERVENTO 2 I CONTENUTI 3 GLI STRUMENTI www.cibopertutti.it GLI OBIETTIVI È tempo di cambiare, dal livello globale a quello personale p. 1 L INTERVENTO Obiettivi del Millennio mancati, problema non solo dei poveri p. 2 I CONTENUTI Non c è diritto

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli