La Fondazione e gli enti beneficiari ESITI DEL QUESTIONARIO 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Fondazione e gli enti beneficiari ESITI DEL QUESTIONARIO 2012"

Transcript

1 La Fondazione e gli enti beneficiari ESITI DEL QUESTIONARIO marzo 2013 Oasi di San Gerardo -Monza CAMPIONE E ARGOMENTI DELL INDAGINE Il questionario è stato somministrato a 343 enti che hanno presentato almeno una domanda di finanziamento nel periodo , con esito sia positivo, sia negativo. Il 21% degli enti contattati ha restituito il questionario L indagine ha riguardato: Attività erogativa Comunicazione Rapporto tra gli enti e gli uffici della Fondazione Criticità e spunti di miglioramento 1

2 CAMPIONE DI RISPOSTA Il questionario è stato compilato da: Referente del progetto (44%) Presidente (32%) Altri soggetti coinvolti nel progetto (24%) RAPPORTO ATTUALE/FUTURO 2

3 ASPETTI POSITIVI (1di2) Rapporto con il territorio e gli enti di terzo settore. Apprezzate la capacità di: ascolto e vicinanza alle organizzazioni del territorio, anche molto piccole, disponibilità al confronto, sollecitazione di progettazioni in rete e condivise a favore della Comunità, stimolo all innovazione. La Fondazione è percepita anche come collettore di raccolta e smistamento di fondi e come garanzia per i sostenitori ASPETTI POSITIVI (2di2) Importanza della relazione, apprezzata a livello operativo la disponibilità, la chiarezza, la semplicità delle procedure, la reperibilità, l ascolto ed il dialogo volti a trovare soluzioni efficaci Competenza, l obiettività e la professionalità in fase di selezione dei progetti. Centralità dei temi proposti con i bandi rispetto ai bisogni del territorio. 3

4 SPUNTI DI MIGLIORAMENTO (1di2) equità tra i distretti geografici nelle erogazioni; massimali dei bandi (% finanziamento/contributi) per alcune tipologie di progetti; maggiore continuità nei finanziamenti (oltre la fase di start-up); risposta a esigenze già presenti nel territorio vs progetti innovativi; tempistica di liquidazione del contributo Equità tra i distretti La distribuzione delle erogazioni nei distretti è in relazione alla distribuzione delle domande di finanziamento: come emerge dal report «Attività erogativa » l indice di accoglimento delle richieste pervenute (n. progetti selezionati/tot. progetti pervenuti) è abbastanza omogeneo. indice Distretto di Monza 50% Distretto di Carate Brianza 55% Distretto di Vimercate 49% Distretto di Seregno 48% Distretto di Desio 52% Generale 50% 4

5 Equità tra i distretti Andamento per anno dei progetti selezionati e presentati per distretto SPUNTI DI MIGLIORAMENTO (2di2) più attenzione all ambiente ed alla cultura; maggiore collaborazione nella promozione dei progetti in fase di realizzazione, momenti di confronto e analisi di progettualità concluse; 5

6 GIUDIZIO COMPLESSIVO 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% =pessimo; 10=ottimo TEMI DI APPROFONDIMENTO SUGGERITI Sussidiarietà: momenti di riflessione, confronto con amministratori pubblici e realtà associative locali; studi di supporto. Sostenibilità nel medio/lungo periodo delle iniziative sostenute; continuità dei servizi; sostegno alle attività istituzionali degli enti. Formazione: iniziative formative su temi d interesse del terzo settore, scambio di buone prassi ed innovazioni. 6

7 TEMI DI APPROFONDIMENTO SUGGERITI Sensibilizzazione nella Comunità sul ruolo del terzo settore e del volontariato, promozione e comunicazione verso i donatori, attività di fundraising, ricerche, valorizzare le eccellenze. La Fondazione, avendo un ruolo sussidiario, non deve sconfinare in eventi tecnici su temi specifici, se non di carattere sperimentale, non si deve sovrapporre a ciò che possono fare altri enti. QUALE RUOLO DEVE ASSUMERE OGGI UNA FONDAZIONE DI COMUNITÀ? Coordinamento, sviluppo della rete, mediazione: promuovere reti di collaborazione; co-progettazione di nuove linee di intervento ed azioni innovative; evitare la duplicazione di interventi, integrazione con istituzioni pubbliche, imprese, organizzazioni; Ente erogatore/partner: continuità, cofinanziamento Accompagnamenti e supporto in start-up e consolidamento di progetti/enti del territorio 7

8 QUALE RUOLO DEVE ASSUMERE OGGI UNA FONDAZIONE DI COMUNITÀ? Sussidiarietà: atteggiamento sussidiario, ma non sostitutivo Definizione priorità di intervento per focalizzare le risorse su problematiche mirate. Promozione della Cultura del dono: attivazione di risorse, promozione dei progetti Collettore di risorse, garanzia per i donatori QUALE RUOLO DEVE ASSUMERE OGGI UNA FONDAZIONE DI COMUNITÀ? Cosa ne pensate?... 8

9 QUALE RUOLO DEVE ASSUMERE OGGI UNA FONDAZIONE DI COMUNITÀ? Uno sguardo oltre i confini della Brianza: «Le caratteristiche della crisi presente ci impongono di cercare nel dono una fonte di energia sociale alternativa che ci permetta di ripensare il modello sociale esistente. Affinché questa strategia possa avere successo, è necessario costruire un infrastruttura che possa promuovere il dono come fine e non in via strumentale. Le Fondazioni di Comunità sono strutturate per conseguire questo risultato. Esse non raccolgono fondi, ma promuovono i dono e, attraverso l intermediazione filantropica e favorendo le collaborazioni inter-e intra-settoriali, contribuiscono a creare le condizioni affinché le energie che ogni comunità potrebbe mobilitare per il perseguimento del bene comune non vadano disperse, ma si trasformino in fiducia e capitale sociale». B. Casadei da «Le Fondazioni di Comunità: valore de dono e funzioni della filantropia» in La rivista delle Politiche Sociali n.4 Ottobre-Dicembre 2012, pp , Ediesse Ed. 9

PIANO DI EROGAZIONE 2015

PIANO DI EROGAZIONE 2015 Fondazione della Comunità di Monza e Brianza PIANO DI EROGAZIONE 2015 Giovedì 19 Marzo -ore 17 Casa del Volontariato - MONZA 1 Un ultimo sguardo al 2014 2 QUALCHE NUMERO sul 2014 996.000 17 patrocini euro

Dettagli

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE UNA PROPOSTA ALL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELLA BRIANZA COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE Il contesto territoriale Il territorio della Provincia di Monza e della

Dettagli

Cos è il fundraising 1

Cos è il fundraising 1 La Raccolta di fondi richiede competenze e investimenti. Ha senso sviluppare un progetto di fundraising per un gruppo di organizzazioni nonprofit? La Campagna Lasciti, una strada percorribile. Intervento

Dettagli

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Fianco a Fianco aderisce al Progetto Regionale ADS ed ha l'obiettivo di sostenere la diffusione

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

IMMAGINABILI RISORSE ABITARE 28 NOVEMBRE 2014 A. Una brevissima contestualizzazione

IMMAGINABILI RISORSE ABITARE 28 NOVEMBRE 2014 A. Una brevissima contestualizzazione IMMAGINABILI RISORSE ABITARE 28 NOVEMBRE 2014 A. Una brevissima contestualizzazione Chi siamo: Solaris quest anno festeggia trent anni di presenza all interno di un territorio che l ha vista muovere i

Dettagli

IL PERCORSO DELLA DIREZIONE REGIONALE SICILIA INPS - GESTIONE EX INPDAP NEL PROGETTO MIGLIORAPA

IL PERCORSO DELLA DIREZIONE REGIONALE SICILIA INPS - GESTIONE EX INPDAP NEL PROGETTO MIGLIORAPA IL PERCORSO DELLA DIREZIONE REGIONALE SICILIA INPS - GESTIONE EX INPDAP NEL PROGETTO MIGLIORAPA PELLEGRINO MARINELLI (DIRIGENTE UFFICIO RELAZIONI CON L UTENZA, D.C. COMUNICAZIONE, GESTIONE EX INPDAP) La

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 II Documento programmatico previsionale annuale determina le finalità, le priorità, le risorse disponibili e le modalità operative della Fondazione nello svolgimento

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

RETE DELLE SCUOLE DEL PRIMO CICLO Udine e non solo

RETE DELLE SCUOLE DEL PRIMO CICLO Udine e non solo RETE DELLE SCUOLE DEL PRIMO CICLO Udine e non solo Piano delle attività (Ai sensi della comunicazione n Prot. n A00DRFR/16 dell 8 gennaio 20010 dell Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia.

Dettagli

OBIETTIVO STRATEGICO 6

OBIETTIVO STRATEGICO 6 OBIETTIVO STRATEGICO 6 Cesare Giannetti operatore area sviluppo Croce Rossa Italiana Legnano (MI) La Strategia 2020 e il suo motto saving lives, changing minds Obiettivo 6 Agiamo con una struttura capillare,

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca Comune di Castelnuovo Rangone Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Al Dirigente / Responsabili dei servizi della struttura Welfare dell Unione

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO LINEE GUIDA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL QUESTIONARIO CONDIVISIONE. FORMAZIONE E INFORMAZIONE Per l attuazione dell

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Allegato A PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Indice: 1 - Normativa di riferimento pag. 2,3 2 -

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

Settore Volontariato, Filantropia Beneficienza

Settore Volontariato, Filantropia Beneficienza Documento Programmatico Previsionale 2015 Settore Volontariato, Filantropia Beneficienza ABITARE SOCIALE LINEA 2) L A L I N E A D I I N T E R V E N T O QUALE FINALITÀ Limitate (la Fondazione affiancherà

Dettagli

Questionario PAI Personale Scolastico

Questionario PAI Personale Scolastico Questionario PAI Personale Scolastico La paziente e partecipata analisi del contesto locale porta ad evidenziare punti di vista diversi che possono generare ipotesi risolutive di problemi. Per questo motivo

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Settore Volontariato, Filantropia Beneficenza

Settore Volontariato, Filantropia Beneficenza Documento Programmatico Previsionale 2015 Settore Volontariato, Filantropia Beneficenza FATTORIE SOCIALI LINEA 3) L A L I N E A D I I N T E R V E N T O QUALE FINALITÀ Limitate (la Fondazione affiancherà

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Le tecniche di raccolta di fondi. IL FUND RAISING. Roma, 28 settembre 2011. gyfranzone per netzer 2011. Tutti i diritti sono riservati.

Le tecniche di raccolta di fondi. IL FUND RAISING. Roma, 28 settembre 2011. gyfranzone per netzer 2011. Tutti i diritti sono riservati. Le tecniche di raccolta di fondi. IL FUND RAISING Roma, 28 settembre 2011 Che cosa non è il fund raising Il fund raising non è un modo organizzato, efficiente e trendy di gestire la carità. (H. A. Rosso

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding 1) Chi parla? 2) Partiamo dalla fine: kickended.com - Silvio Lorusso 2014 3) Tema: Cosa è il Crowdfunding dal punto di vista di un Fundraiser

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010 WP n.1 Titolo: Analisi dei bisogni e fattibilità Obiettivi: - Collegare le diverse analisi dei bisogni del gruppo target per individuare, definire e condividere le principali criticità registrate nei diversi

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI Premessa La Campagna Straordinaria rivolta alle Scuole ha previsto anche la realizzazione di interventi formativi rivolti a docenti

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III MIUR.AOODRCAL.Registro Ufficiale(U).0017891.30-12-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Dirigenti delle scuole statali LORO SEDI Ai Coordinatori delle attività didattiche delle

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore Il Distretto Culturale Evoluto MB 2007 Il Bando La Provincia si aggiudica il bando promosso da Fondazione Cariplo I distretti culturali volano economico per il territorio, finalizzato alla realizzazione

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI AZIONI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO ALLE SCUOLE PUBBLICHE

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI AZIONI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO ALLE SCUOLE PUBBLICHE BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI AZIONI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO ALLE SCUOLE PUBBLICHE ART. 1 - OGGETTO E FINALITÀ L Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sostenibilità

Dettagli

S.I.A.I.S. Società Italiana dell Architettura e dell Ingegneria per la Sanità Daniela Pedrini President

S.I.A.I.S. Società Italiana dell Architettura e dell Ingegneria per la Sanità Daniela Pedrini President MARTE project Marche RegionTechnical assistance for healthcare buildings Energy retrofit IEE/13/465 S.I.A.I.S. Società Italiana dell Architettura e dell Ingegneria per la Sanità Daniela Pedrini President

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Fundraising. Un altro welfare è possibile Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Premessa: il senso dell itinerario Fundraising un altro Welfare

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO

LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO 1 IL PROGETTO VALUTAZIONE & MIGLIORAMENTO IL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA CIRCOLARE APPLICATIVA N. 47 DEL 21/10/2014 2 IL PROGETTO VALUTAZIONE & MIGLIORAMENTO

Dettagli

Comprensorio di Monza-Brianza

Comprensorio di Monza-Brianza Comprensorio di MonzaBrianza Auser è una associazione di progetto tesa alla valorizzazione delle persone e delle loro relazioni, ispirata a principi di equità sociale, di rispetto e valorizzazione delle

Dettagli

PROMOZIONE DI RETI EDUCATIVE E SOCIALI PER LA PREVENZIONE DEL DISAGIO MINORILE

PROMOZIONE DI RETI EDUCATIVE E SOCIALI PER LA PREVENZIONE DEL DISAGIO MINORILE FONDAZIONE MANODORI Bando 2014 rivolto al Terzo Settore PROMOZIONE DI RETI EDUCATIVE E SOCIALI PER LA PREVENZIONE DEL DISAGIO MINORILE 1. PREMESSA Il disagio minorile è una forma di malessere che rischia

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI Criteri generali Obiettivi del bando Il bando intende promuovere la vocazione turistico-culturale dei Comuni

Dettagli

Anno Scolastico 2013 2014. Questionario Scuola

Anno Scolastico 2013 2014. Questionario Scuola Anno Scolastico 2013 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il presente questionario è rivolto ai Dirigenti Scolastici la cui scuola è stata selezionata per far parte del Campione Nazionale

Dettagli

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Le basi del Fundraising Alcune brevi note per cercare di migliorare la raccolta fondi Fund = FONDO (non c entra con la parola

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ L SSOIZIONI I VOLONTRITO L SOSTNIILITÀ lle ssociazioni di volontariato del riuli Venezia iulia lle ssociazioni di promozione sociale del riuli Venezia iulia La sostenibilità, che viene declinata nella

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli

Report. Progetto CREaTION. Formazione sulla Responsabilità Sociale delle Imprese: approcci innovativi

Report. Progetto CREaTION. Formazione sulla Responsabilità Sociale delle Imprese: approcci innovativi notizie di POLITEIA, XXVI, 97, 2010. ISSN 1128-2401 pp. 145-149 145 Report Progetto CREaTION. Formazione sulla Responsabilità Sociale delle Imprese: approcci innovativi ALESSANDRO ZOLLO* Il progetto CREaTION

Dettagli

BANDO STIAMO TUTTI BENE: EDUCARE BENE, CRESCERE MEGLIO

BANDO STIAMO TUTTI BENE: EDUCARE BENE, CRESCERE MEGLIO BANDO STIAMO TUTTI BENE: EDUCARE BENE, CRESCERE MEGLIO Premessa Le Linee Programmatiche della Compagnia hanno stabilito che, nell ambito del tema Istruzione, fosse emanato, nel corso del 2015, un bando

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

BANDI 2014. Bando senza scadenza PREMESSA IL PROBLEMA E LE SUE CAUSE

BANDI 2014. Bando senza scadenza PREMESSA IL PROBLEMA E LE SUE CAUSE Bando senza scadenza Reti per l affido familiare Il presente bando manterrà l iter degli strumenti erogativi senza scadenza, ma sarà attivo solo fino al 31 maggio 2014, data entro la quale sarà possibile

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ

LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale LOGO AZIENDA LA RILEVAZIONE DELLA QUALITÀ PERCEPITA NEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE PROGETTO REGIONALE DI FATTIBILITÀ (BOZZA) Documento

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe)

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Mod. S/MON SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Ente: CARITAS ITALIANA Cod. Ente: NZ01752 Elementi obbligatori del sistema

Dettagli

Obiettivo strategico 6

Obiettivo strategico 6 Obiettivo strategico 6 Croce Rossa Italiana Operatore dell Area Sviluppo Gualandrini Giancarlo Finanze Adele Obiettivi strategici 2020 Obiettivo 6 Agiamo con una struttura capillare, efficace e trasparente,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

VIII. AREA DELL ORIENTAMENTO

VIII. AREA DELL ORIENTAMENTO VIII. AREA DELL ORIENTAMENTO 1. ORIENTAMENTO IN INGRESSO, IN USCITA ED IN ITINERE Il progetto per l Orientamento è messo in atto da specifiche Funzioni Strumentali. 1.1 Premessa Per progettare l Orientamento

Dettagli

Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL

Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL Diritti, comunità e collaborazione tra cinema sociale e arti performative 9a edizione speciale per l Anno

Dettagli

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

Questionario Insegnante Matematica

Questionario Insegnante Matematica Anno Scolastico 2014-2015 Questionario Insegnante Matematica ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il presente questionario è rivolto agli insegnanti di Italiano e Matematica delle classi del

Dettagli

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE INTRODUZIONE La certificazione esterna delle competenze linguistiche in inglese è un fenomeno che non interessa esclusivamente la scuola secondaria, ma assume una forte valenza anche nella scuola primaria.

Dettagli

INDAGINE SUL VOLONTARIATO LODIGIANO

INDAGINE SUL VOLONTARIATO LODIGIANO INDAGINE SUL VOLONTARIATO LODIGIANO Vita per Fondazione Banca Popolare di Lodi La valutazione dell impatto economico del volontariato nella Provincia di Lodi INDICE Prefazione di Duccio Castellotti 5 Premessa

Dettagli

Visita di Studio sul tema dell economia sociale. Dossier di approfondimento della tematica

Visita di Studio sul tema dell economia sociale. Dossier di approfondimento della tematica Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Auto Mutuo Aiuto Lavoro

Auto Mutuo Aiuto Lavoro Assessorato al Lavoro Auto Mutuo Aiuto Lavoro progettazione e sperimentazione di un nuovo servizio rivolto a chi perde il lavoro Il progetto Nel quadro delle politiche attive al lavoro non esiste ad oggi

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito Nel confermare il loro impegno di sviluppo e promozione sociale, la Fondazione aiutare i bambini Onlus ( Aiutare i Bambini ) e la

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

COMUNE DI RONCO BRIANTINO

COMUNE DI RONCO BRIANTINO COMUNE DI RONCO BRIANTINO Provincia di Monza e della Brianza! "# $ %&! ' ( ) # # * # +, ) -.,/ 10! VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N. 76 in data 16/09/2010 COPIA OGGETTO: PARTECIPAZIONE

Dettagli

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014

L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 L andamento delle raccolte fondi: bilanci 2013 e proiezioni 2014 12^ rilevazione semestrale settembre 2014 La metodologia Compilazione questionario Campione: circa 200 ONP intervistate nel mese di luglio-agosto

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

PARTECIPAZIONE E INTEGRAZIONE FRA TERZO SETTORE E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA

PARTECIPAZIONE E INTEGRAZIONE FRA TERZO SETTORE E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PARTECIPAZIONE E INTEGRAZIONE FRA TERZO SETTORE E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA ricerca realizzata dal FORUM TERZO SETTORE MONZA BRIANZA con il sostegno e il co-finanziamento

Dettagli