Questionario Costi 2012 a livello individuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questionario Costi 2012 a livello individuale"

Transcript

1 Attività prevalenti / Linee di business (evidenziare il peso relativo: totale = 100) trading asset management finanza personale banca commerciale e-banking, e-finance banca d'investimento credito al consumo mutui residenziali sistemi di pagamento altro (specificare) 0 corporate Finance trading & sales retail banking commercial banking payment & settlement agency services asset management retail brokerage 0 0 Nel corso del 2011 la Banca ha partecipato ad una o più delle seguenti registrato operazioni societarie? (in caso affermativo inserire un SI (non accentato) nella cella: IN CASO CONTRARIO NON VALORIZZARE LA CELLA): 1. Fusione 2. Incorporazione 3. Acquisizione di Attività e Passività 4. Cessione di Attività e Passività 5. Conferimento 6. Acquisizione parziale di Attività e Passività - Sportelli 7. Cessione parziale di Attività e Passività - Sportelli 8. Cessione sportelli Questionario Costi 2012 a livello individuale Sezione 1 - Le altre spese amministrative 1.1 Dettaglio delle altre spese amministrative 2011 (migliaia di euro) Budget 2012 (+/- var. %) 1. spese telefoniche, postali e trasmissione dati 2. spese di vigilanza e contazione valori 3. spese legali, informazioni e visure 4. compensi a professionisti 5. energia elettrica, riscaldamento e acqua 6. pubblicità, rappresentanza e beneficienza 7. premi di assicurazione 8. spese di trasporto 9. manutenzione e fitti passivi 10. manutenzione e noleggio hardware e software 11. abbonamenti, riviste, quotidiani 12. cancelleria e stampati 13. compensi organi societari e contributi associativi 14. locazione macchine 15. canoni passivi elaborazioni presso terzi 16. pulizia locali 17. altre spese 0 di cui: indicare le eventuali voci di dettaglio delle "altre spese" di importo significativo totale Imposte indirette e tasse 2011 (migliaia di euro) 1. imposta di bollo e bollati vari 2. imposta sostitutiva 3. imposta comunale sugli immobili 4. imposta sui contratti di borsa 5. imposte indeducibili 6. IVA indeducibile 7. altre ABI - Costing Benchmark - edizione 2011 Pagina 1 di 5

2 1.3 Spese per la cultura 2011 (migliaia di euro) 1. Spese per sponsorizzazioni culturali (nota g) 2. Iniziative promosse e curate direttamente (nota h) 3. Tutela del patrimonio storico-artistico di proprietà (nota i) 4. Tutela degli immobili di rilevante valore storico-architettonico (nota l) 5. Comunicazione e promozione degli eventi promossi o sostenuti (nota m) 6. Iniziative editoriali (nota n) 6.1 tiratura: n copie del volume strenna in quale delle 17 sottovici 1.4 Spese telefoniche relative all'esercizio 2011 (migliaia di euro) * costi telefonia fissa * costi telefonia mobile * costi Internet Service Provider (fissi e connessione) Sezione 2 - Il personale N dipendenti agli sportelli "per specializzazione": * dipendenti non "specializzati" * dipendenti "specializzati nel segmento "retail" * dipendenti "specializzati nel segmento "private" * dipendenti "specializzati nel segmento "corporate" Sezione 3 - Aree di attività 3.1 Personale per area di attività: unità Distribuzione: - Sportelli - Rete multicanale * Call center * Internet Banking * Altro (specificare) Business Units: Staff: - Risorse umane e organizzazione - Pianificazione strategica - Affari legali e generali - Internal audit - Risk management - Compliance Servizi operativi: - Sistemi informativi - Logistica - Amministrazione e controllo Altro (voce residuale) 3.2 Indicare una stima delle altre spese amministrative (al netto degli ammortamenti e delle imposte indirette) imputabili alle aree di cui al punto 3.1 (Valore in migliaia di euro relativo all'esercizio 2011) ABI - Costing Benchmark - edizione 2011 Pagina 2 di 5

3 3.3 Indicare una stima dei costi per il personale imputabili alle aree di cui al punto 3.1 (valore in migliaia di euro relativo all'esercizio 2011) 3.4 Indicare una stima del margine di intermediazione imputabile alle aree di cui al punto 3.1 (valore in migliaia di euro relativo all'esercizio 2011) Sezione 4 - Processi di controllo dei costi operativi e strategie di contenimento 4.1 Per quali delle seguenti aree di costo sono state definite politiche attive di contenimento/riduzione? (in caso affermativo inserire un SI (non accentato) nella cella: IN CASO CONTRARIO NON VALORIZZARE LA CELLA ): 1. spese telefoniche, postali e trasmissione dati 2. spese di vigilanza e contazione valori 3. spese legali, informazioni e visure 4. compensi a professionisti 5. energia elettrica, riscaldamento e acqua 6. pubblicità, rappresentanza e beneficienza 7. premi di assicurazione 8. spese di trasporto 9. manutenzione e fitti passivi 10. manutenzione e noleggio hardware e software 11. abbonamenti, riviste, quotidiani 12. cancelleria e stampati 13. compensi organi societari e contributi associativi 14. locazione macchine 15. canoni passivi elaborazioni presso terzi 16. pulizia locali 4.2 Nel corso del 2011, quali sono stati i costi non ricorrenti (costi del personale e altre spese) di competenza sostenuti per (dati in migliaia di euro): * prepensionamenti * consulenza strategica * oneri di ristrutturazione per operazioni di fusione e acquisizione * marketing * Basilea * Compliance Consulenza Spese informatiche Formazione Personale Altre spese Consulenza Spese informatiche Formazione Personale Altre spese ABI - Costing Benchmark - edizione 2011 Pagina 3 di 5

4 4.3 Quali strategie di contenimento dei costi operativi sono state adottate nel corso dell'esercizio 2011 (in caso affermativo inserire un SI nella cella): * noleggio o locazione di cespiti e macchinari; * outsourcing di attività quali: - EAD - manutenzione hardware e software - telecomunicazioni - magazzini e archivi - contabilità generale e amministrazione del personale - formazione - sistemi di pagamento e contazione valori - altre (specificare) * rinegoziazione dei contratti con i grandi fornitori (luce, telefono, ecc.); * alleanze strategiche (ad esempio software) * altro 4.4 Quali strategie di outsourcing sono state adottate nel corso dell'esercizio 2011? (in caso affermativo inserire un SI nella cella): * facility management (al provider viene affidata unicamente l esecuzione delle procedure, cioè l insieme delle funzioni puramente operative. Analisi, sviluppo, progettazione e verifiche verranno ancora svolte all interno della banca) * outsourcing di base (la banca affida la totale o parziale gestione dell area aziendale sulla quale intende far intervenire il provider. La banca mantiene al proprio interno le funzioni e le procedure di controllo delle operazioni) * outsourcing globale (full outsourcing. Non si punta a trasferire al provider un intero processo, bensì a creare una strategia comune sotto il profilo decisionale ed operativo finalizzata al raggiungimento degli obiettivi del committente. Questo tipo di outsourcing richiede una continua collaborazione e condivisione di strategie fra committente e provider) * outsourcing di processo (Business process outsourcing. Vengono terziarizzati singoli processi aziendali, generalmente ad alto contenuto tecnologico, che vengono affidati ad un provider interamente autonomo e responsabile della gestione del processo) * outsourcing funzionale (vengono terziarizzate intere funzioni aziendali non strategiche, o parti di esse, e non solo processi aziendali) * scorporo di ramo di azienda (cessione di attività non strategiche con l obiettivo principale di ridurre l organico e gli oneri retributivi indiretti) * joint ventures (specifico progetto od operazione con uno o più partner finalizzato alla condivisione dei rischi e delle remunerazioni) Se si, valore del contratto in mgl di euro Sezione 5 - Canali distributivi 5.1 Numero filiali per "specializzazione" * filiali "non specializzate" * filiali "specializzate retail" * filiali "specializzate private" * filiali "specializzate corporate" 5.2 Con riferimento all'intero esercizio 2011, indicare la rilevanza (1=principale; 2=rilevante; 3=marginale; 4=non utilizzato) dei canali elencati in termini di contributo alla formazione del margine di intermediazione e la relativa quota % (nota a) rilevanza quota % * sportello * promotori * mediatori creditizi * canale telefonico (nota b) * internet * società comprese nell'eventuale Gruppo * agenzie assicurative * società non comprese nell'eventuale gruppo, di cui: * altri canali (specificare) ABI - Costing Benchmark - edizione 2011 Pagina 4 di 5

5 5.3 Quali motivazioni sono poste a base dello sviluppo della multicanalità in banca? (1=bassa; 2=media; 3=alta) - migliorare il servizio offerto al cliente - ridurre i costi di gestione della distribuzione - riconfigurare la struttura dei costi di gestione dei canali distributivi - rendere maggiormente efficiente il rapporto tra fabbriche prodotto e reti distributive - ridurre il dimensionamento dell'organico delle filiali 5.4 Quali criticità incontra lo sviluppo della multicanalità in banca? (1=bassa; 2=media; 3=alta) - modifica della gestione strategica - modifica delle architetture organizzative - modifica della struttura commerciale - modifica della gamma di prodotti e servizi offerti - modifica dei processi distributivi (a) principale=canale maggiormente utilizzato (da indicare una sola volta); rilevante=canali diversi dal principale; marginale=canali potenzialmente utilizzabili dalla clientela, ma il cui utilizzo risulta limitato; non utilizzato=nessun servizio dispositivo (b) ricade in questo canale distributivo l'operatività per il tramite di call center, risponditori automatici, apparecchi di telefonia mobile con protocolli di trasmissione dati (g) iniziative espositive - interventi di restauro su opere appartenenti al patrimonio pubblico - iniziative musicali, progetti editoriali (escluse le sponsorizzazioni effettuate con l'utilizzo degli utili di bilancio) (h) iniziative espositive - incontri culturali - iniziative musicali (i) restauri - assicurazione - trasporti - catalogazione scientifica, multimediale ed editoriale - eventuale gestione delle sedi espositive (l) interventi di conservazione e di restauro (m) tradizionale - elettronica - multimediale (n) volume strenna - altra editoria Si conferma l attendibilità dei dati trasmessi e la corrispondenza degli stessi alle evidenze aziendali. Data, Parametri identificativi del Referente Nome Cognome Ufficio/Servizio tel. fax. ABI - Costing Benchmark - edizione 2011 Pagina 5 di 5

Questionario Costi 2012 a livello consolidato

Questionario Costi 2012 a livello consolidato Gruppo in outsourcing (gestione informatica presso una società strumentale interno o esterna al gruppo) - in caso affermativo inserire un SI nella cella Gruppo non in outsourcing (gestione informatica

Dettagli

ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011

ABI benchmarking. Costing Benchmark. Estratto del Rapporto Generale. Individuale e Consolidato - Edizione 2011 ABI benchmarking Costing Benchmark Estratto del Rapporto Generale Individuale e Consolidato - Edizione 2011 ESTRATTO RAPPORTO INDIVIDUALE [ ] Il cost/income, risulta, in media ponderata, pari al 67,3%

Dettagli

Ottimizzazione del processo di acquisto delle Telecomunicazioni

Ottimizzazione del processo di acquisto delle Telecomunicazioni Ottimizzazione del processo di acquisto delle Telecomunicazioni Nicolò Romani Convegno ABI Costi & Business 2003 Roma, 18 novembre 2003 INDICE 1. SCENARIO DI MERCATO 2. PERCORSI DI COST CUTTING TLC SUGGERITI

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

PRESENTAZIONE. Dati al 30 settembre 2002

PRESENTAZIONE. Dati al 30 settembre 2002 PRESENTAZIONE Dati al 30 settembre 2002 1 2 PRESENTAZIONE DEL GRUPPO LA STRATEGIA DISTRIBUTIVA I RISULTATI LE SOCIETA DEL GRUPPO GLI OBIETTIVI IL GRUPPO UNIPOL AL 30/09/2002 UNIPOL ASSICURAZIONI (Compagnia

Dettagli

ALL. 4 Produzione/Staff

ALL. 4 Produzione/Staff FUNZIONE 1 livello FUNZIONE 2 livello STRUTTURA 3 livello STRUTTURA 4 livello Figura p. AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO REVISIONE INTERNA RISK MANAGEMENT COMPLIANCE PRIVATI E IMPRESE BANCOPOSTA MSP AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Consulenza strategica

Consulenza strategica Banca regionale Implementazione di una nuova metodologia di budget per la rete delle filiali Consulenza strategica Primaria banca d i vesti e to italia a Gruppo assicurativo nazionale Pia o di ila io dell

Dettagli

RENDICONTO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2007. ATTIVO Immobilizzazioni immateriali Software Altre immobilizzazioni immateriali

RENDICONTO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2007. ATTIVO Immobilizzazioni immateriali Software Altre immobilizzazioni immateriali Società del Quartetto di Milano Associazione riconosciuta con D.P.R. Lombardia n. 011459 del 16 ottobre 2006 Sede Sociale: Milano - via Durini, 24 Registro Regionale delle Persone Giuridiche n. 2209 Codice

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE E

IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL CONTROLLO DI GESTIONE E IL BUDGET A cura di dottor Alessandro Tullio Studio di Consulenza dottor Alessandro Tullio Il Processo di Budgeting Docente: dottor Alessandro Tullio Corso Canalgrande 90 41100

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 A. PROVENTI OPERATIVI Sede Amministrativa Dipartimenti Totali Ateneo CA.PO.10 PROVENTI PROPRI EER RICAVI ES 22.159.400,00 1.374.400,00 23.533.800,00

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale EMILIA ROMAGNA ISTITUTO COMPRENSIVO I.C. N.

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale EMILIA ROMAGNA ISTITUTO COMPRENSIVO I.C. N. Pag. 1 01 Personale 3.710,84 1.483,76 1.483,76 0,00 2.227,08 25.399,11 25.399,11 8.067,41 17.331,70 17.331,70 01 Supplenze brevi e saltuarie docenti 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 12.911,09 12.911,09 0,00 12.911,09

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIORDANO BRUNO

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIORDANO BRUNO Personale 407.44, Supplenze brevi e saltuarie docenti 4.293,2 4.293,2 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 2 Supplenze brevi e saltuarie ATA 4.293, 4.293, 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 3

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIORDANO BRUNO

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIORDANO BRUNO Personale 283.937,8 Supplenze brevi e saltuarie docenti 6.43,7 6.43,7 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 2 Supplenze brevi e saltuarie ATA 678,22 678,22 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 3

Dettagli

I costi operativi 1998

I costi operativi 1998 Rif.: 95001-062 I costi operativi 1998 - Estratto - Benchmarking Banche Italiane Luglio 1999 Questo documento è un estratto dei risultati del Benchmarking Costi Operativi 1998 di KPMG Consulting, che già

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPOL. D.D. -S.NICOLA LA STRADA-

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPOL. D.D. -S.NICOLA LA STRADA- 1 Personale 166.107,24 1 Supplenze brevi e saltuarie docenti 10.398,15 1 Compensi netti 7.873,82 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 1.263,31 3 Ritenute erariali 1.261,02 2 Supplenze brevi e saltuarie

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI

Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI Manuale delle Procedure ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI Codice procedura: AC01 Revisione n 2 Data revisione: 23-07-2013 MANUALE DELLE PROCEDURE Sommario 1. Scopo della procedura 2. Glossario 3. Strutture

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Servizi a valore aggiunto per la gestione di programmi di fidelizzazione per carte revolving e prepagate

Servizi a valore aggiunto per la gestione di programmi di fidelizzazione per carte revolving e prepagate Servizi a valore aggiunto per la gestione di programmi di fidelizzazione per carte revolving e prepagate Consumer Credit 2005 Roma, Palazzo Altieri 21 e 22 marzo Arnaldo Cis, Direttore Servizio Commerciale

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE BECCARIA

LICEO GINNASIO STATALE BECCARIA 1 Personale 555.338,05 1 Supplenze brevi e saltuarie docenti 12.896,48 4.00 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 201,48 1.50 100 Accant.eventuale radiaz.res.att.nr.70/2004 7.195,00 2 Supplenze brevi

Dettagli

Immobilizzazioni finanziarie 11.374,05 13.857,25 Depositi cauzionali 11.374,05 13.857,25

Immobilizzazioni finanziarie 11.374,05 13.857,25 Depositi cauzionali 11.374,05 13.857,25 Società del Quartetto di Milano Sede in Milano, Via Durini n. 24 Codice Fiscale 80107570154 RENDICONTO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2006 2006 2005 ATTIVO Immobilizzazioni immateriali 3.899,35 3.807,88 Software

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

126.926.088,47 126.926.088,47 1111 Competenze fisse al personale docente e ai ricercatori a tempo

126.926.088,47 126.926.088,47 1111 Competenze fisse al personale docente e ai ricercatori a tempo Ente Codice 000061130000000 Ente Descrizione UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA (ATENEO) Categoria Universita' Sotto Categoria UNIVERSITA Periodo ANNUALE 2014 Prospetto PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI Importi

Dettagli

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Corrado Avesani - CRM 2001 Strumenti evoluti per il rapporto con la clientela Convegno ABI Roma, 14 dicembre 2001 Agenda Multicanalità e CRM Il concetto di multicanalità

Dettagli

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014 Conferimento Ramo d azienda Siena, 6 maggio 2014 2014 Widiba. All rights reserved. Gruppo MPS 1 Il mercato italiano è fortemente influenzato dalla digital evolution e dai nuovi modelli relazionali Da banca

Dettagli

I FATTORI DISTINTIVI Esperienza multisettoriale e stato dell'arte delle tecnologie favoriscono:

I FATTORI DISTINTIVI Esperienza multisettoriale e stato dell'arte delle tecnologie favoriscono: Giuseppe Nassi dottore commercialista e revisore legale LoStudioDigitale Consulenza fiscale, contabile e gestionale per persone ed imprese, tempestiva, di qualità, a costi efficienti. CHE COSA Dichiarazioni

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO S.PAOLO-GIOVANNI XXIII-

ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO S.PAOLO-GIOVANNI XXIII- Personale 4.32,37 Supplenze brevi e saltuarie docenti 28.000,00 28.000,00 2 Supplenze brevi e saltuarie ATA.000,00.000,00 3 Compensi accessori a carico FIS docenti 63.202,8 63.202,8 4 Compensi accessori

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

COMPANY PROFILE. Maggio 2015

COMPANY PROFILE. Maggio 2015 COMPANY PROFILE Maggio 2015 La Banca in breve Appartenenza ad un gruppo di respiro internazionale Olte 4 miliardi di asset gestiti e amministrati al 31/03/ 15 Banca privata con vocazione di banca personale,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA GROSSETO 5 - "R.FUCINI"

DIREZIONE DIDATTICA GROSSETO 5 - R.FUCINI 1 Personale 285.220,31 1 Supplenze brevi e saltuarie docenti 48.967,88 48.967,88 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 2 Supplenze brevi e saltuarie ATA 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 3 Compensi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE CESENA 2

DIREZIONE DIDATTICA STATALE CESENA 2 1 Personale 262.910,21 1 Supplenze brevi e saltuarie docenti 25.806,65 18.052,91 2 Ritenute previdenziali e assistenziali 2.361,31 5.392,43 2 Supplenze brevi e saltuarie ATA 6.709,73 4.693,76 2 Ritenute

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "VARIAZIONE" -- Data 30/10/2014 -- Aggregato ENTRATE Voce Sottovoce 01 Avanzo di Amministrazione presunto 1.194,00 0,00 1.194,00 01 Non Vincolato 0,00 0,00 0,00 02 Vincolato 1.194,00 0,00 1.194,00 02 Finanziamenti

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Gruppo 24 ORE RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE 2009 RICAVI QUOTIDIANI, LIBRI E PERIODICI

Gruppo 24 ORE RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE 2009 RICAVI QUOTIDIANI, LIBRI E PERIODICI Conto economico (31) Ricavi quotidiani, libri e periodici RICAVI QUOTIDIANI, LIBRI E PERIODICI Quotidiano 74.456 82.303 (7.847) -9,5% Periodici 57.387 64.930 (7.543) -11,6% Collaterali 10.069 27.376 (17.307)

Dettagli

Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004

Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004 Modelli organizzativi e procedurali della funzione di Internal Audit in Deutsche Bank Le difficoltà del passaggio dalla funzione di Ispettorato a Internal Audit Convegno Nazionale AIEA - 19 maggio 2004

Dettagli

CONTO ECONOMICO PREVENTIVO 2014

CONTO ECONOMICO PREVENTIVO 2014 CONTO ECONOMICO PREVENTIVO 2014 CONTO ECONOMICO IMPORTO COD. CONTO CONTO IMPORTO GESTIONE CARATTERISTICA RICAVI E PROVENTI DELLA GESTIONE ORDINARIA CONTRIBUTI CONSORTILI ORDINARI PER GESTIONE, ESERCIZIO,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE "MACEDONIO MELLONI"

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE MACEDONIO MELLONI 1 Personale 471.971,72 1 Supplenze brevi e saltuarie docenti 15.96 15.96 2 Supplenze brevi e saltuarie ATA 1.395,00 1.395,00 3 Compensi accessori a carico FIS docenti 136.954,61 132.576,27 1.189,50 3.188,84

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Roma, 22 Novembre 2011

Roma, 22 Novembre 2011 Roma, 22 Novembre 2011 1) L evoluzione: a) Della redditività banca b) Della crisi economica c) del Cliente d) del canale retail della Banca 2) Mercato 3) Soddisfare il Cliente 4) Le riforme 5) I modelli

Dettagli

LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza

LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza Giampiero Censi - Controllo di Gestione, Cassa di Risparmio di Fermo spa ABI: COSTI COSTI & BUSINESS & 2012

Dettagli

La multicanalità integrata a supporto dei processi commerciali

La multicanalità integrata a supporto dei processi commerciali La multicanalità integrata a supporto dei processi commerciali Andrea Cascianini Industry Marketing Specialist Oracle Italia ABI - CRM 2005 RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE Roma, 14 dicembre

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

SIOPE Pagina 1 PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI. Ente Codice 000141639000000 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Periodo ANNUALE 2013

SIOPE Pagina 1 PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI. Ente Codice 000141639000000 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Periodo ANNUALE 2013 SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000141639000000 Ente Descrizione UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Categoria Universita' Sotto Categoria UNIVERSITA Periodo ANNUALE 2013 Prospetto PAGAMENTI PER CODICI

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

CIPA. Modelli organizzativi Profili economici. Strumenti e tecnologie. Indagine internazionale. Anno 2013

CIPA. Modelli organizzativi Profili economici. Strumenti e tecnologie. Indagine internazionale. Anno 2013 Convenzione Interbancaria per i Problemi dell Automazione Indagine internazionale L IT nelle filiali di banche estere in Italia Modelli organizzativi Profili economici Anno 2013 Strumenti e tecnologie

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Luglio 2016

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Luglio 2016 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Luglio 2016 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

Presentazione del Gruppo CAD IT

Presentazione del Gruppo CAD IT Presentazione del Gruppo CAD IT STAR Conference 17 Marzo 2010 Indice Presentazione del Gruppo CAD IT Risultati Finanziari Strategie Comunicati stampa e News Allegati 2 Presentazione del Gruppo CAD IT When

Dettagli

PICCOLA AZIENDA. Gestionale 1. Con i gestionali Zucchetti hai tutto sotto controllo!

PICCOLA AZIENDA. Gestionale 1. Con i gestionali Zucchetti hai tutto sotto controllo! PICCOLA AZIENDA Gestionale 1 Con i gestionali Zucchetti hai tutto sotto controllo! IL SOFTWARE CHE CREA SUCCESSO Gestionale 1 Qualità e semplicità a costi ridotti Gestionale 1 Zucchetti è la risposta immediata

Dettagli

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5 CA.01 ATTIVO 1 CA.01.010 IMMOBILIZZAZIONI 2 CA.01.010.01 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 3 CA.01.010.01.01 Costi di impianto, di ampliamento e di sviluppo 4 CA.01.010.01.02 Diritti di brevetto e diritti di

Dettagli

Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona STATO PATRIMONIALE

Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona STATO PATRIMONIALE Totale 31.12.2014 A B C I II III II CREDITI V/ SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI Totale crediti verso soci per versamenti ancora dovuti IMMOBILIZZAZIONI IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 7) Altre Programmi

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. L Impairment Test (Ias 36)

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. L Impairment Test (Ias 36) 1 L Impairment Test (Ias 36) 2 Oggetto: riguarda la svalutazione per perdite di valore di attività Finalità: evita che le attività siano iscritte a un valore superiore a quello recuperabile Ambito: in

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO I.C. DI CHIESA VALMALENCO

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO I.C. DI CHIESA VALMALENCO A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 3.418,69 01 Non vincolato 2.700,00 02 Vincolato 718,69 02 Finanziamenti dello Stato 3.422,16

Dettagli

Gruppo 24 ORE RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE 2010 RICAVI QUOTIDIANI, LIBRI E PERIODICI

Gruppo 24 ORE RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE 2010 RICAVI QUOTIDIANI, LIBRI E PERIODICI Conto economico (30) Ricavi quotidiani, libri e periodici RICAVI QUOTIDIANI, LIBRI E PERIODICI Quotidiano 67.401 74.456 (7.055) -9,5% Periodici 51.931 57.387 (5.456) -9,5% Collaterali 4.545 10.069 (5.524)

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Maurizio Manetti

Dettagli

1. IL PROGETTO VALORI IMPRENDITORIALI

1. IL PROGETTO VALORI IMPRENDITORIALI THE FIRST CORPORATE FINANCE PORTAL 1. IL PROGETTO VALORI IMPRENDITORIALI SINTESI Il progetto Valori Imprenditoriali è stato avviato in un gruppo di studio coordinato da Investment & Banking Group, composto

Dettagli

PROSPETTO DEI DATI SIOPE ALLEGATO F

PROSPETTO DEI DATI SIOPE ALLEGATO F PROSPETTO DEI DATI SIOPE ALLEGATO F INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 Ente Codice 025616978 Ente Descrizione AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI MONZA E DELLA BRIANZA Categoria Province - Comuni

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Il Global Service a supporto degli studi professionali nella gestione delle attività non core. Plurima inizia la sua attività a metà degli anni 90, proponendo per

Dettagli

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Intervento di Antonio De Martini Milano, 16 maggio 2006 Il vantaggio competitivo Principali elementi di soddisfazione: o Velocità e sicurezza

Dettagli

MPS Capital Services - Direzione Investment Banking. Luglio 2013

MPS Capital Services - Direzione Investment Banking. Luglio 2013 MPS Capital Services - Direzione Investment Banking Luglio 2013 1. Il Gruppo Montepaschi 2 Il Gruppo Montepaschi Overview Filiali in Italia Il Gruppo Montepaschi, terzo gruppo bancario Italiano, è attivo

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

RIEPILOGO PER TIPOLOGIA DI SPESA Esercizio finanziario 2014

RIEPILOGO PER TIPOLOGIA DI SPESA Esercizio finanziario 2014 01 Personale 205.046,01 03 Compensi accessori a carico FIS docenti 55.429,06 Compensi netti 4.000,00 005 Compensi netti Fis docenti 51.429,06 006 Ritenute prev.li e ass.li Fis docenti 0,00 Ritenute erariali

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Il Global Service a supporto degli studi medici associati nella gestione delle attività non core. Plurima inizia la sua attività a metà degli anni 90, proponendo

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Bilancio Consolidato

Bilancio Consolidato Bilancio Consolidato II PROVA INTERMEDIA 6 dicembre 2012 SOLUZIONE TOT. 32 PUNTI Cognome.. Nome Matricola VOTO: CORRETTORE: 1 Esercizio 1 - Il bilancio consolidato nell esercizio successivo al primo 10

Dettagli

Gruppo Sansedoni Società di servizi e investimenti. Gennaio 2015

Gruppo Sansedoni Società di servizi e investimenti. Gennaio 2015 Gruppo Sansedoni Società di servizi e investimenti Gennaio 2015 1 Indice Business Service Lines Key Facts & Figures Chi siamo Gli azionisti Management team History & Background Selected Transaction & Case

Dettagli

barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni)

barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) 04 70..0 - Attività di consulenza per la gestione della logistica aziendale - da compilare per la sola acquisizione dati 70..09 - Altre attività di consulenza imprenditoriale e altra consulenza amministrativo-gestionale

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Il Facility Management nel Settore Bancario

Il Facility Management nel Settore Bancario Il Facility Management nel Settore Bancario Roma, 14 marzo 2013 MARCO IACONIS Coordinatore Competence Center ABI sul Facility Management Agenda Banche e FM: scenario di riferimento Il Report di analisi

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2014. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2014. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 17.938,14 01 Non vincolato 56,78 02 Vincolato 17.881,36 02 Finanziamenti dello Stato 68.799,04

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI COSTI ESERCIZIO

CLASSIFICAZIONE DEI COSTI ESERCIZIO CLASSIFICAZIONE DEI COSTI ESERCIZIO 1. Affitto 2. Affitto immobile 3. Affitto stabilimento 4. Altre spese generali 5. Altri costi generali 6. Altri costi generali industriali 7. Ammortamenti 8. Ammortamenti

Dettagli

Bilancio di previsione 2015 - Per funzioni

Bilancio di previsione 2015 - Per funzioni DATA DI CREAZIONE: 19 gennaio Bilancio di previsione - Per funzioni Adempimento ai sensi dell art. 29 del d.lgs 33/2013 ENTRATE PER PROVENIENZA A Trasferimenti pubblici A.1 Contributo statale annuale 8.471.000,00

Dettagli

BERGAMO SVILUPPO BILANCIO DI CHIUSURA STATO PATRIMONIALE al 31/12/2014 (come da all.i) del DPR n.254/2005)

BERGAMO SVILUPPO BILANCIO DI CHIUSURA STATO PATRIMONIALE al 31/12/2014 (come da all.i) del DPR n.254/2005) A) 11 IMMOBILIZZAZIONI: ATTIVO BERGAMO SVILUPPO STATO PATRIMONIALE al (come da all.i) del DPR n.254/2005) a) 110 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI: 110000 Licenze d'uso Software 0 0 0 110300 Oneri pluriennali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE RICAVI: 70,5 milioni di euro; -1,7 milioni di euro rispetto all esercizio (72,2 milioni di euro) EBITDA: 25,4 milioni

Dettagli

SUPPORTO OPERATIVO, CONSULENZA, SOLUZIONI EFFICACI PER GLI ACQUISTI E PER LA RIDUZIONE DEI COSTI

SUPPORTO OPERATIVO, CONSULENZA, SOLUZIONI EFFICACI PER GLI ACQUISTI E PER LA RIDUZIONE DEI COSTI SUPPORTO OPERATIVO, CONSULENZA, SOLUZIONI EFFICACI PER GLI ACQUISTI E PER LA RIDUZIONE DEI COSTI 0 VPS in sintesi VPS - dal 2005 offre alle imprese un supporto specializzato, consulenza e soluzioni efficaci

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

FONDAZIONE CAVOUR SEDE: Piazza Visconti Venosta, 2 - Santena (TO) CODICE FISCALE 82004870018 PARTITA IVA 04776530018

FONDAZIONE CAVOUR SEDE: Piazza Visconti Venosta, 2 - Santena (TO) CODICE FISCALE 82004870018 PARTITA IVA 04776530018 FONDAZIONE CAVOUR SEDE: Piazza Visconti Venosta, 2 - Santena (TO) CODICE FISCALE 82004870018 PARTITA IVA 04776530018 STATO PATRIMONIALE ATTIVITA' IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI - SOFTWARE Software 2.424,30

Dettagli

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228)

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) Catalogo Corsi 2015 Progetti formativi Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) AREA REGOLAMENTAZIONE (Rischi, Bilancio, Controlli e Legale) a) Normativa antiriciclaggio e terrorismo

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE SOCIETARIA DI UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E DELLE ATTIVITÀ DI SECURITIES SERVICES DEL GRUPPO UNICREDIT

RIORGANIZZAZIONE SOCIETARIA DI UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E DELLE ATTIVITÀ DI SECURITIES SERVICES DEL GRUPPO UNICREDIT Comunicato stampa RIORGANIZZAZIONE SOCIETARIA DI UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E DELLE ATTIVITÀ DI SECURITIES SERVICES DEL GRUPPO UNICREDIT APPROVAZIONE DEI DATI ECONOMICI E PATRIMONIALI DI UNICREDIT

Dettagli

D I V I S I O N P R O F I L E

D I V I S I O N P R O F I L E Gro D I V I S I O N P R O F I L E YOUR JOB, Gro YOUR JOB, B A N K I N G & I N S U R A N C E Gro YOUR JOB, Gro YOUR JOB, www.gigroup.it Gro YOUR JOB, GI GROUP Gi è il primo gruppo italiano nei servizi dedicati

Dettagli

I servizi BCCL per la clientela del Banco Emiliano

I servizi BCCL per la clientela del Banco Emiliano I servizi BCCL per la clientela del Banco Emiliano BCC Lease: la Società ed il gruppo BCC Lease è oggi la società del Gruppo Bancario ICCREA dedicata alle piccole operazioni nel settore business. Detenuta

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Riassetto Capogruppo 2014: Presentazione OO.SS. Area Organizzazione Siena, Febbraio 2014

Riassetto Capogruppo 2014: Presentazione OO.SS. Area Organizzazione Siena, Febbraio 2014 Strettamente riservato Riassetto Capogruppo 2014: Presentazione OO.SS. Organizzazione Siena, Febbraio 2014 Linee guida del riassetto organizzativo e benefici attesi Linee guida Assicurare il presidio diretto

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE

GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE GESTIONE IMMOBILIARE, FACILITY MANAGEMENT e CONTRATTI DI GLOBAL SERVICE di Francesco Scriva Responsabile contratto Global Service Provincia di Genova 1. PRINCIPI E DEFINIZIONI Per poter affrontare la materia

Dettagli

Il Facility Management nelle banche italiane

Il Facility Management nelle banche italiane Il Facility Management nelle banche italiane Roma, 29 maggio 2012 Dott. Gabriele Zito Consulente OSSIF - docente di Gestione dell innovazione Politecnico di Bari 1 Banche: il mercato Concorrenza internazionale

Dettagli

La struttura dedicata ai PF del Gruppo UniCredit Pag. 1. Le tappe dell'evoluzione Pag. 2

La struttura dedicata ai PF del Gruppo UniCredit Pag. 1. Le tappe dell'evoluzione Pag. 2 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA STAMPA La struttura dedicata ai PF del Gruppo UniCredit Pag. 1 Le tappe dell'evoluzione Pag. 2 Il ruolo di Xelion all'interno della divisione Private Pag. 3 La gamma

Dettagli

Bilancio di esercizio 2014

Bilancio di esercizio 2014 Bilancio di esercizio 2014 Prospetti dei dati SIOPE: - incassi - pagamenti - indicatori aggregati Allegato J della deliberazione di Consiglio n. 5 del 27 aprile 2015 Proposto da: Area Risorse finanziarie

Dettagli

PIANO DEI CONTI Conto economico 2014 Situazione al 31/12/2014 Situazione al 31/12/2013 4 RICAVI DI ESERCIZIO 4.414.285

PIANO DEI CONTI Conto economico 2014 Situazione al 31/12/2014 Situazione al 31/12/2013 4 RICAVI DI ESERCIZIO 4.414.285 A.R.T.E. Imperia Prospetto Conto Economico 2014 4 RICAVI DI ESERCIZIO 4.414.285 5.233.762 41 A) Valore della produzione 4.236.580 3.522.864 41.1 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni 2.866.596 2.669.004

Dettagli