INDAGINE SULLE COMPETENZE CHIAVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE SULLE COMPETENZE CHIAVE"

Transcript

1 INDAGINE SULLE COMPETENZE CHIAVE INTRODUZIONE Siamo tutti cittadini di una grande Europa. Non è solo un idea, un concetto. Significa vivere, muoversi, lavorare in un contesto, in un mercato ed una società multi-culturali e fondati sulle pari opportunità per tutti, a prescindere dal paese di provenienza. Noi crediamo che una serie di competenze chiave ci permettano di essere realmente cittadini dell Europa, poiché rappresentano un insieme di conoscenze, capacità ed attitudini che tutti gli individui dovrebbero possedere per il proprio sviluppo e realizzazione personale, l'inclusione sociale e il lavoro. Queste competenze dovrebbero essere normalmente acquisite durante la scuola dell obbligo e rappresentare la base per l apprendimento continuo lungo tutto l arco della vita. Alcune di esse (ad esempio comunicare nella propria lingua madre, matematica e scienze) sono ampiamente studiate e possedute, altre possono essere considerate in qualche modo nuove e legate ai cambiamenti recenti della società, del mercato, della tecnologia. Ogni paese europeo ha identificato e definito queste competenze chiave autonomamente. Con il sostegno della Commissione Europea, stiamo sviluppando un progetto denominato K-Competencies: le nuove competenze chiave per l integrazione dell apprendimento lungo tutto l arco della vita nell Europa allargata 1, il cui scopo è cercare di costruire un quadro condiviso di competenze chiave, valido e riconoscibile a livello europeo, che permetta lo sviluppo di percorsi formativi comuni che promuovano saperi, capacità e attitudini per la mobilità, la flessibilità e l occupabilità in Europa. Certamente questo è un processo complesso e dinamico, che richiede tempo, sforzi ed impegno. IL QUESTIONARIO Il questionario ha l obiettivo di registrare il punto di vista concreto delle persone coinvolte in questo processo, coloro che studiano e lavorano in Europa. E nostra intenzione verificare se ciò che è deciso a livello istituzionale corrisponde a quello che voi pensate, sentite sul tema delle competenze chiave. Stiamo conducendo questa indagine in Europa, su un campione qualificato di studenti, lavoratori, disoccupati che hanno terminato almeno la scuola dell obbligo. Nelle pagine seguenti trovate le definizioni delle 8 aree delle competenze chiave: questo è ciò che l Unione Europea e i Paesi coinvolti nel progetto considerano come fondamentale per la piena cittadinanza nella società e nel mondo del lavoro. Vi chiediamo di leggerle attentamente in quanto sono un importante punto di partenza. Nella Sezione 1 vi è richiesto un parere su questo insieme di competenze, in relazione alle vostre esperienze e bisogni. La Sezione 2 tratterà nel dettaglio ogni singola area di competenza, gli elementi che la definiscono, quanto la si possiede, in che modo e dove è stata acquisita, in quale contesto viene utilizzata e quanto avresti necessità di possederla per soddisfare il tuo potenziale ed i tuoi fabbisogni. Rispondi liberamente e sinceramente. Non c è limite di tempo, né risposte giuste o sbagliate. Ciò che è veramente importante per noi è il tuo parere sincero. Per qualsiasi chiarimento ed informazione non esitare a rivolgerti all intervistatore. I tuoi dati personali saranno registrati su un foglio separato solo per propositi statistici. Una volta consegnato il questionario, i dati verranno separati da esso e non sarà in nessun modo possibile ricollegarli alle tue risposte. Un grazie sincero per la collaborazione. Il Team di Progetto K-Competencies 1 Per maggiori informazioni sul Progetto si invita a visitare il sito ufficiale Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

2 LE COMPETENZE CHIAVE LINGUA INGLESE (per non anglofoni) L Inglese è ormai considerata la lingua della globalizzazione. La competenza implica la capacità di comprendere, esprimere e interpretare pensieri, sentimenti e fatti sia in forma scritta che orale (ascoltare, parlare, leggere, scrivere) in un adeguata varietà di contesti sociali sul lavoro, a casa, nel tempo libero, a scuola, nella formazione secondo le necessità e le aspettative personali. SECONDA LINGUA EUROPEA Capacità di comprendere, esprimere e interpretare pensieri, sentimenti e fatti sia in forma scritta che orale (ascoltare, parlare, leggere, scrivere) in un adeguata varietà di contesti sociali a casa, sul lavoro, nel tempo libero, a scuola, nella formazione secondo le necessità e le aspettative personali, le caratteristiche culturali, socio-economiche e i confini del territorio in cui risiede il cittadino. TECNOLOGIE DELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE/COMPETENZA DIGITALE Capacità di utilizzare efficacemente e consapevolmente strumenti elettronici per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione in generale. Dall utilizzo di strumenti multimediali per cercare, valutare, memorizzare, generare, presentare, scambiare informazioni anche attraverso Internet, alla gestione dell informazione e della comunicazione. COMPETENZE INTERPERSONALI E INTERCULTURALI Comportamenti che permettono agli individui di interagire in maniera efficiente e costruttiva, singolarmente o in gruppo, nella sfera privata, familiare e pubblica. Essi sono necessari per lavorare e cooperare con gruppi, anche di diversa estrazione culturale, sociale ed etnica e divenire soggetto attivo di una società democratica multi-culturale. COMPETENZE CIVILI E SOCIALI Le competenze civili e sociali sono quelle che permettono ai singoli individui di partecipare attivamente alla vita della comunità, della società e del mondo del lavoro in cui sono inseriti. Esse contribuiscono a fornire agli individui la consapevolezza di essere parte di una società fondata su regole, diritti e doveri che necessitano di essere conosciuti, rispettati e protetti per promuovere una cittadinanza attiva ed una condizione lavorativa soddisfacenti. ESPRESSIONE CULTURALE Capacità di esprimere in modo personale e creativo idee, esperienze ed emozioni attraverso un ampia varietà di mezzi, inclusi: la musica, l espressione corporea, la letteratura e le arti figurative, ecc.. IMPARARE AD APPRENDERE Predisposizione a, e capacità di organizzare e indirizzare i propri percorsi di apprendimento, sia individualmente che in gruppo. Include la gestione del tempo, la risoluzione dei problemi, l acquisizione, elaborazione, valutazione e assimilazione di nuove conoscenze, la capacità di trasferire quanto appreso a un ampia gamma di contesti a casa, sul lavoro, nel tempo libero, a scuola, nella formazione. Coincide in sostanza con la capacità di costruire e gestire il proprio percorso di crescita personale e professionale. IMPRENDITORIALITÀ Propensione a produrre e ad accettare il cambiamento (l innovazione) indotto da fattori esterni, favorendolo e adattandosi ad esso. Include la capacità di assumere e gestire la responsabilità delle proprie azioni, di sviluppare una visione strategica, di fissare e raggiungere obiettivi, di essere motivati al loro raggiungimento. Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

3 SEZIONE 1 GRUPPO DI COMPETENZE 1.1. Indichi per favore quanto pensa che le competenze in elenco siano importanti rispettivamente per il suo lavoro e per la sua vita quotidiana in genere (famiglia, amicizie, tempo libero, ecc.). (1 = per niente, 2 = poco, 3= abbastanza, 4 = molto) Se lo ritiene opportuno può aggiungere un massimo di altre due competenze di sua scelta. Competenze Lingua Inglese (per non anglofoni) Quanto pensa siano importanti per il suo lavoro? E per la sua vita quotidiana in genere? Seconda Lingua Europea IST/Competenza digitale Competenze interpersonali e interculturali Competenze civili e sociali Espressione culturale Imparare ad apprendere Imprenditorialità Disponga per favore le competenze in ordine di importanza, comprese quelle eventualmente aggiunte nella domanda precedente. Numeri con 1 la competenza che ritiene più importante, con 2 la seconda più importante, e così via. Competenze Lingua Inglese (per non anglofoni) Seconda Lingua Europea IST/Competenza digitale Competenze interpersonali e interculturali Competenze civili e sociali Espressione culturale Imparare ad apprendere Imprenditorialità Ordine di importanza per la crescita professionale Ordine di importanza per la crescita personale Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

4 SEZIONE 2 COMPETENZE SINGOLE 2.1. LINGUA INGLESE (per non anglofoni) Definizione L Inglese è ormai considerata la lingua della globalizzazione. La competenza implica la capacità di comprendere, esprimere e interpretare pensieri, sentimenti e fatti sia in forma scritta che orale (ascoltare, parlare, leggere, scrivere) in un adeguata varietà di contesti sociali sul lavoro, a casa, nel tempo libero, a scuola, nella formazione secondo le necessità e le aspettative personali. a. Si ritrova in questa definizione? si no b. Ha qualcosa da dire? Cambiare? Aggiungere? c. Questa competenza è caratterizzata da una serie di aspetti. Indichi, per ciascuno, quanto ritiene di possederli. Se lo ritiene opportuno può aggiungere un massimo di altri due aspetti a scelta. (1=per niente, 2=poco, 3=abbastanza, 4=molto) Se non possiedi la competenza (es. indichi 1 in tutte le caselle) passi direttamente alla domanda j. Conoscenza del vocabolario, punteggiatura, ortografia, grammatica, intonazione e pronuncia. Consapevolezza dei diversi aspetti di interazione verbale (es. conversazione telefonica, faccia a faccia, interviste, ecc. ). Conoscenza appropriata dell esistenza di diversi testi letterari e non (racconti, poemi, articoli di quotidiani e periodici, pagine web, istruzioni, lettere, report, ecc.). Conoscere le principali caratteristiche di differenti stili e registri nella lingua scritta e parlata ( formale, informale, giornalistico, colloquiale, ecc.). Consapevolezza delle convenzioni sociali e culturali, e della variabilità del linguaggio in differenti contesti geografici, sociali e della comunicazione. Capacità di ascoltare e comprendere messaggi parlati in differenti situazioni comunicative (argomenti familiari, di interesse personale e della vita quotidiana). Capacità di iniziare, sostenere e concludere conversazioni su argomenti familiari, di interesse personale e della vita quotidiana. Inclusi la capacità di capire se l interlocutore ha compreso il messaggio e la capacità di parlare in pubblico senza timori. Capacità di leggere e capire testi scritti non specialistici su vari soggetti e, in alcuni casi, capacità di scrivere tipi diversi di testi per differenti scopi e in diversi contesti. Utilizzo appropriato di strumenti (note, grafici, schemi ecc.) per comprendere e produrre testi scritti e parlati (es. conversazioni, istruzioni, interviste, discorsi, sommari, ecc.). Capacità di iniziare e portare avanti attività autonome per l apprendimento della lingua. Capacità di produrre testi scritti semplici su materie di interesse personale e professionale. Capacità di compilare questionari, schede, ecc.. Capacità di scrivere il proprio curriculum vitae. Sensibilità verso le differenze culturali e resistenza agli stereotipi. Interesse e curiosità per le lingue e la comunicazione interculturale (es. minoranze regionali, idiomi locali, linguaggio dei segni e del corpo, ecc.). Iniziativa ed autonomia nel cercare, raccogliere, utilizzare le informazioni. Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

5 d. Attraverso quali di questi canali pensa di avere acquisito la competenza? (numeri progressivamente I canali pertinenti: 1 per il più importante, 2 per il secondo, ecc.) Canale Con la preparazione scolastica/universitaria Con corsi di formazione specifici Con percorsi di formazione adulti Con l esperienza nel luogo di lavoro Con forme di affiancamento sul luogo di lavoro (tutoraggio, corsi aziendali, consulenza sindacale ecc.) In altro modo (es. nella vita privata, hobbies, volontariato, nello sport, ecc.)... Ordine di importanza e. In quanto tempo ha acquisito questa competenza? (barrare la casella che interessa) giorni settimane mesi 1 anno più anni f. In che ambiti la utilizza? (è possibile dare più di una risposta) nessuno sul lavoro, nei rapporti interni all azienda sul lavoro, nei rapporti esterni (con clienti, concorrenti) nella vita privata, nelle relazioni sociali, interpersonali in genere altro (specificare)... g. E soddisfatto di quanto possiede la competenza? per niente poco abbastanza completamente Se ha risposto completamente, passi direttamente alla competenza successiva, altrimenti continui con le domande qui sotto h. A che livello vorrebbe possederla? (1= per niente, 2= poco, 3= abbastanza, 4= molto) Conoscenza del vocabolario, punteggiatura, ortografia, grammatica, intonazione e pronuncia. Consapevolezza dei diversi aspetti di interazione verbale (es. conversazione telefonica, faccia a faccia, interviste, ecc. ). Conoscenza appropriata dell esistenza di diversi testi letterari e non (racconti, poemi, articoli di quotidiani e periodici, pagine web, istruzioni, lettere, report, ecc.). Conoscere le principali caratteristiche di differenti stili e registri nella lingua scritta e parlata ( formale, informale, giornalistico, colloquiale, ecc.). Consapevolezza delle convenzioni sociali e culturali, e della variabilità del linguaggio in differenti contesti geografici, sociali e della comunicazione. Capacità di ascoltare e comprendere messaggi parlati in differenti situazioni comunicative (argomenti familiari, di interesse personale e della vita quotidiana). Capacità di iniziare, sostenere e concludere conversazioni su argomenti familiari, di interesse personale e della vita quotidiana. Inclusi la capacità di capire se l interlocutore ha compreso il messaggio e la capacità di parlare in pubblico senza timori. Capacità di leggere e capire testi scritti non specialistici su vari soggetti e, in alcuni casi, capacità di scrivere tipi diversi di testi per differenti scopi e in diversi contesti. Utilizzo appropriato di strumenti (note, grafici, schemi ecc.) per comprendere e produrre testi scritti e parlati (es. conversazioni, istruzioni, interviste, discorsi, sommari, ecc.). Capacità di iniziare e portare avanti attività autonome per l apprendimento della lingua. Capacità di produrre testi scritti semplici su materie di interesse personale e professionale. Capacità di compilare questionari, schede, ecc.. Capacità di scrivere il proprio curriculum vitae. Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

6 Sensibilità verso le differenze culturali e resistenza agli stereotipi. Interesse e curiosità per le lingue e la comunicazione interculturale (es. minoranze regionali, idiomi locali, linguaggio dei segni e del corpo, ecc.). Iniziativa ed autonomia nel cercare, raccogliere, utilizzare le informazioni. i. Per quale motivo vorrebbe possederla e/o aggiornarla? (es. per lo sviluppo professionale, per avanzamenti di carriera, per la crescita personale e culturale, per migliorare le relazioni con gli altri, per hobby, viaggiare, ecc.) j. Quali sono gli ostacoli maggiori per l acquisizione e/o miglioramento della competenza? Tempo Denaro Scarsa motivazione personale Opportunità Accesso ad internet Pochi enti di formazione vicini e disponibili Altro (specificare)... Altro (specificare)... k. Quali sono le modalità migliori per acquisire/migliorare questa competenza? Studio, ricerca personale di testi, letture, ecc. Corsi di auto-formazione su computer (internet, formazione a distanza fad, ecc.) Corsi di formazione in aula Mix di formazione in aula e a distanza Affiancamento sul posto di lavoro Altro (specificare)... Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

7 2.2. SECONDA LINGUA EUROPEA (diversa dall Inglese) Definizione Capacità di comprendere, esprimere e interpretare pensieri, sentimenti e fatti sia in forma scritta che orale (ascoltare, parlare, leggere, scrivere) in un adeguata varietà di contesti sociali a casa, sul lavoro, nel tempo libero, a scuola, nella formazione secondo le necessità e le aspettative personali, le caratteristiche culturali, socio-economiche e i confini del territorio in cui risiede il cittadino. a. Si ritrova in questa definizione? si no b. Ha qualcosa da dire? Cambiare? Aggiungere? c. Questa competenza è caratterizzata da una serie di aspetti. Indichi, per ciascuno, quanto ritiene di possederli. Se lo ritiene opportuno può aggiungere un massimo di altri due aspetti a scelta. (1=per niente, 2=poco, 3=abbastanza, 4=molto) Se non possiedi la competenza (es. indichi 1 in tutte le caselle) passi direttamente alla domanda j. Conoscenza del vocabolario, punteggiatura, ortografia, grammatica, intonazione e pronuncia. Consapevolezza dei diversi aspetti di interazione verbale (es. conversazione telefonica, faccia a faccia, interviste, ecc.). Conoscenza appropriata dell esistenza di diversi testi letterari e non (racconti, poemi, articoli di quotidiani e periodici, pagine web, istruzioni, lettere, report, ecc.). Conoscere le principali caratteristiche di differenti stili e registri nella lingua scritta e parlata ( formale, informale, giornalistico, colloquiale, ecc.). Consapevolezza delle convenzioni sociali e culturali, e della variabilità del linguaggio in differenti contesti geografici, sociali e della comunicazione. Capacità di ascoltare e comprendere messaggi parlati in differenti situazioni comunicative (argomenti familiari, di interesse personale e della vita quotidiana). Capacità di iniziare, sostenere e concludere conversazioni su argomenti familiari, di interesse personale e della vita quotidiana. Inclusi la capacità di capire se l interlocutore ha compreso il messaggio e la capacità di parlare in pubblico senza timori. Capacità di leggere e capire testi scritti non specialistici su vari soggetti e, in alcuni casi, capacità di scrivere tipi diversi di testi per differenti scopi e in diversi contesti. Utilizzo appropriato di strumenti (note, grafici, schemi ecc.) per comprendere e produrre testi scritti e parlati (es. conversazioni, istruzioni, interviste, discorsi, sommari, ecc.). Capacità di iniziare e portare avanti attività autonome per l apprendimento della lingua. Capacità di produrre testi scritti semplici su materie di interesse personale e professionale. Capacità di compilare questionari, schede, ecc.. Capacità di scrivere il proprio curriculum vitae. Sensibilità verso le differenze culturali e resistenza agli stereotipi. Interesse e curiosità per le lingue e la comunicazione interculturale (es. minoranze regionali, idiomi locali, linguaggio dei segni e del corpo, ecc.). Iniziativa ed autonomia nel cercare, raccogliere, utilizzare le informazioni. Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

8 d. Attraverso quali di questi canali pensa di avere acquisito la competenza? (numeri progressivamente I canali pertinenti: 1 per il più importante, 2 per il secondo, ecc.) Canale Con la preparazione scolastica/universitaria Con corsi di formazione specifici Con percorsi di formazione adulti Con l esperienza nel luogo di lavoro Con forme di affiancamento sul luogo di lavoro (tutoraggio, corsi aziendali, consulenza sindacale ecc.) In altro modo (es. nella vita privata, hobbies, volontariato, nello sport, ecc.)... Ordine di importanza e. In quanto tempo ha acquisito questa competenza? (barrare la casella che interessa) giorni settimane mesi 1 anno più anni f. In che ambiti la utilizza? (è possibile dare più di una risposta) nessuno sul lavoro, nei rapporti interni all azienda sul lavoro, nei rapporti esterni (con clienti, concorrenti) nella vita privata, nelle relazioni sociali, interpersonali in genere altro (specificare)... g. E soddisfatto di quanto possiede la competenza? per niente poco abbastanza completamente Se ha risposto completamente, passi direttamente alla competenza successiva, altrimenti continui con le domande qui sotto h. A che livello vorrebbe possederla? (1= per niente, 2= poco, 3= abbastanza, 4= molto) Conoscenza del vocabolario, punteggiatura, ortografia, grammatica, intonazione e pronuncia. Consapevolezza dei diversi aspetti di interazione verbale (es. conversazione telefonica, faccia a faccia, interviste, ecc.). Conoscenza appropriata dell esistenza di diversi testi letterari e non (racconti, poemi, articoli di quotidiani e periodici, pagine web, istruzioni, lettere, report, ecc.). Conoscere le principali caratteristiche di differenti stili e registri nella lingua scritta e parlata ( formale, informale, giornalistico, colloquiale, ecc.). Consapevolezza delle convenzioni sociali e culturali, e della variabilità del linguaggio in differenti contesti geografici, sociali e della comunicazione. Capacità di ascoltare e comprendere messaggi parlati in differenti situazioni comunicative (argomenti familiari, di interesse personale e della vita quotidiana). Capacità di iniziare, sostenere e concludere conversazioni su argomenti familiari, di interesse personale e della vita quotidiana. Inclusi la capacità di capire se l interlocutore ha compreso il messaggio e la capacità di parlare in pubblico senza timori. Capacità di leggere e capire testi scritti non specialistici su vari soggetti e, in alcuni casi, capacità di scrivere tipi diversi di testi per differenti scopi e in diversi contesti. Utilizzo appropriato di strumenti (note, grafici, schemi ecc.) per comprendere e produrre testi scritti e parlati (es. conversazioni, istruzioni, interviste, discorsi, sommari, ecc.). Capacità di iniziare e portare avanti attività autonome per l apprendimento della lingua. Capacità di produrre testi scritti semplici su materie di interesse personale e professionale. Capacità di compilare questionari, schede, ecc.. Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

9 Capacità di scrivere il proprio curriculum vitae. Sensibilità verso le differenze culturali e resistenza agli stereotipi. Interesse e curiosità per le lingue e la comunicazione interculturale (es. minoranze regionali, idiomi locali, linguaggio dei segni e del corpo, ecc.). Iniziativa ed autonomia nel cercare, raccogliere, utilizzare le informazioni. i. Per quale motivo vorrebbe possederla e/o aggiornarla? (es. per lo sviluppo professionale, per avanzamenti di carriera, per la crescita personale e culturale, per migliorare le relazioni con gli altri, per hobby, viaggiare, ecc.) j. Quali sono gli ostacoli maggiori per l acquisizione e/o miglioramento della competenza? Tempo Denaro Scarsa motivazione personale Opportunità Accesso ad internet Pochi enti di formazione vicini e disponibili Altro (specificare)... Altro (specificare)... k. Quali sono le modalità migliori per acquisire/migliorare questa competenza? Studio, ricerca personale di testi, letture, ecc. Corsi di auto-formazione su computer (internet, formazione a distanza fad, ecc.) Corsi di formazione in aula Mix di formazione in aula e a distanza Affiancamento sul posto di lavoro Altro (specificare)... Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

10 2.3. IST/COMPETENZA DIGITALE Definizione Capacità di utilizzare efficacemente e consapevolmente strumenti elettronici per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione in generale. Dall utilizzo di strumenti multimediali per cercare, valutare, memorizzare, generare, presentare, scambiare informazioni anche attraverso Internet, alla gestione dell informazione e della comunicazione. a. Si ritrova in questa definizione? si no b. Ha qualcosa da dire? Cambiare? Aggiungere? c. Ha mai sentito parlare della Patente Europea del Computer - ECDL? si no d. Possiede una certificazione ECDL? si, livello start si, una certificazione completa no e. Questa competenza è caratterizzata da una serie di aspetti. Indichi, per ciascuno, quanto ritiene di possederli. Se lo ritiene opportuno può aggiungere un massimo di altri due aspetti a scelta. (1=per niente, 2=poco, 3=abbastanza, 4=molto) Se non possiedi la competenza (es. indichi 1 in tutte le caselle) passi direttamente alla domanda l. Buona comprensione della natura, ruolo ed opportunità delle Tecnologie dell Informazione nella vita quotidiana Comprensione delle principali applicazioni del computer: word, fogli di lavoro, presentazioni, database, archiviazione e gestione delle informazioni. Consapevolezza delle opportunità offerte da internet e dalla comunicazione elettronica ( , chat, video conferenze, altri strumenti di rete, ecc.); nonché delle differenze tra mondo reale e virtuale. Conoscenza delle potenzialità delle tecnologie dell informazione per promuovere la creatività e l innovazione nella sfera individuale, sociale e sul lavoro. Conoscenza di base delle aspetti della sicurezza (politiche, legislazioni, firma elettronica, virus, ecc.); della validità ed affidabilità delle informazioni disponibili (accessibilità/accettabilità) e del rispetto dei principi etici nell uso degli strumenti informatici. Conoscenza di base degli aspetti relativi alla salute (es. ergonomia). Capacità di cercare, raccogliere e processare le informazioni elettroniche, dati, e concetti ed utilizzarli in maniera sistematica. Capacità di utilizzare supporti adeguati (presentazioni, grafici, schemi, ecc.) per produrre, presentare e conoscere informazioni complesse. Capacità di accedere a, cercare siti web ed utilizzare servizi internet, come forum di discussione, panel ed . Leggere, creare, comporre e stampare testi utilizzando word processor. Creare, comporre e gestire fogli di lavoro per le principali operazioni di calcolo logiche, matematiche e formule. Propensione ad utilizzare le tecnologie dell informazione per lavorare autonomamente o in team. Attitudine critica e riflessiva nella valutazione delle informazioni disponibili sugli effetti delle tecnologie dell informazione sulla società, la comunicazione, la vita quotidiana, ecc., tramite: a. chiarimento sugli scopi dell uso delle tecnologie; b. scelta delle tecnologie adatte ad un determinato scopo e loro utilizzo effettivo, responsabile e sicuro; c. applicazione e adeguamento della tecnologia scelta a situazioni differenti; d. valutazione del processo e dei risultati in termini di efficienza e sostenibilità. Attitudine positiva e sensibilità per un uso sicuro e responsabile di internet, inclusi gli aspetti della privacy, le differenze culturali, ecc.. Interesse nell uso delle tecnologie dell informazione per allargare gli orizzonti prendendo parte a comunità e reti per scopi culturali, sociali, professionali, ecc. Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

11 f. Attraverso quali di questi canali pensa di avere acquisito la competenza? (numeri progressivamente I canali pertinenti: 1 per il più importante, 2 per il secondo, ecc.) Canale Con la preparazione scolastica/universitaria Con corsi di formazione specifici Con percorsi di formazione adulti Con l esperienza nel luogo di lavoro Con forme di affiancamento sul luogo di lavoro (tutoraggio, corsi aziendali, consulenza sindacale ecc.) In altro modo (es. nella vita privata, hobbies, volontariato, nello sport, ecc.)... Ordine di importanza g. In quanto tempo ha acquisito questa competenza? (barrare la casella che interessa) giorni settimane mesi 1 anno più anni h. In che ambiti la utilizza? (è possibile dare più di una risposta) nessuno sul lavoro, nei rapporti interni all azienda sul lavoro, nei rapporti esterni (con clienti, concorrenti) nella vita privata, nelle relazioni sociali, interpersonali in genere altro (specificare)... i. E soddisfatto di quanto possiede la competenza? per niente poco abbastanza completamente Se ha risposto completamente, passi direttamente alla competenza successiva, altrimenti continui con le domande qui sotto j. A che livello vorrebbe possederla? (1= per niente, 2= poco, 3= abbastanza, 4= molto) Buona comprensione della natura, ruolo ed opportunità delle Tecnologie dell Informazione nella vita quotidiana Comprensione delle principali applicazioni del computer: word, fogli di lavoro, presentazioni, database, archiviazione e gestione delle informazioni. Consapevolezza delle opportunità offerte da internet e dalla comunicazione elettronica ( , chat, video conferenze, altri strumenti di rete, ecc.); nonché delle differenze tra mondo reale e virtuale. Conoscenza delle potenzialità delle tecnologie dell informazione per promuovere la creatività e l innovazione nella sfera individuale, sociale e sul lavoro. Conoscenza di base delle aspetti della sicurezza (politiche, legislazioni, firma elettronica, virus, ecc.); della validità ed affidabilità delle informazioni disponibili (accessibilità/accettabilità) e del rispetto dei principi etici nell uso degli strumenti informatici. Conoscenza di base degli aspetti relativi alla salute (es. ergonomia). Capacità di cercare, raccogliere e processare le informazioni elettroniche, dati, e concetti ed utilizzarli in maniera sistematica. Capacità di utilizzare supporti adeguati (presentazioni, grafici, schemi, ecc.) per produrre, presentare e conoscere informazioni complesse. Capacità di accedere a, cercare siti web ed utilizzare servizi internet, come forum di discussione, panel ed . Leggere, creare, comporre e stampare testi utilizzando word processor. Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

12 Creare, comporre e gestire fogli di lavoro per le principali operazioni di calcolo logiche, matematiche e formule. Propensione ad utilizzare le tecnologie dell informazione per lavorare autonomamente o in team. Attitudine critica e riflessiva nella valutazione delle informazioni disponibili sugli effetti delle tecnologie dell informazione sulla società, la comunicazione, la vita quotidiana, ecc., tramite: e. chiarimento sugli scopi dell uso delle tecnologie; f. scelta delle tecnologie adatte ad un determinato scopo e loro utilizzo effettivo, responsabile e sicuro; g. applicazione e adeguamento della tecnologia scelta a situazioni differenti; h. valutazione del processo e dei risultati in termini di efficienza e sostenibilità. Attitudine positiva e sensibilità per un uso sicuro e responsabile di internet, inclusi gli aspetti della privacy, le differenze culturali, ecc.. Interesse nell uso delle tecnologie dell informazione per allargare gli orizzonti prendendo parte a comunità e reti per scopi culturali, sociali, professionali, ecc. k. Per quale motivo vorrebbe possederla e/o aggiornarla? (es. per lo sviluppo professionale, per avanzamenti di carriera, per la crescita personale e culturale, per migliorare le relazioni con gli altri, per hobby, viaggiare, ecc.) l. Quali sono gli ostacoli maggiori per l acquisizione e/o miglioramento della competenza? Tempo Denaro Scarsa motivazione personale Opportunità Accesso ad internet Pochi enti di formazione vicini e disponibili Altro (specificare)... Altro (specificare)... m. Quali sono le modalità migliori per acquisire/migliorare questa competenza? Studio, ricerca personale di testi, letture, ecc. Corsi di auto-formazione su computer (internet, formazione a distanza fad, ecc.) Corsi di formazione in aula Mix di formazione in aula e a distanza Affiancamento sul posto di lavoro Altro (specificare)... Questionario K-Competencies I-04-B-F-PP

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Leggette attentamente le informazioni seguenti prima di compilare il modello di CV proposto.

Leggette attentamente le informazioni seguenti prima di compilare il modello di CV proposto. Istruzioni per l uso del curriculum vitae Europass (http://europass.cedefop.europa.eu) Introduzione La redazione del curriculum vitae è una tappa importante in ogni ricerca d impiego o formazione. Il CV

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli