Accounting e Reporting dei diritti di emissione. Modelli di rilevazione proposti e pratiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accounting e Reporting dei diritti di emissione. Modelli di rilevazione proposti e pratiche"

Transcript

1 Accounting e Reporting dei diritti di emissione. Modelli di rilevazione proposti e pratiche emergenti. 1. Introduzione Il problema dei cambiamenti climatici è stato, fino ai primi anni novanta, praticamente ignorato da parte delle imprese. L intenso dibattito sul climate change che vede tutt ora coinvolti, a vario livello, non solo governi nazionali e sovranazionali (ad es. Unione Europea) ma anche organizzazioni non profit (ad es. The International E- missions Trading Association) organismi di standardizzazione contabile (in particolare IASB e FASB) organismi creati grazie alla multi-stakeholder partnership tra imprese, organizzazioni non governative e ricercatori (si pensi ad es. al World Business Council For Sustainable Development e al World Resources Institute) ecc. ha generato l elaborazione di ricerche, lo sviluppo di politiche economiche e fiscali, l emanazione di norme, la definizione di standard di rendicontazione che dalla metà degli anni 90 hanno variamente inciso sul sistema d impresa. Per quanto più di interesse del paper, va osservato che il climate change ed in particolare il tema dei diritti di emissione di gas ad effetto serra, produce effetti significativi sulla performance economico-finanziaria e non economico-finanziaria delle imprese e sui modelli di accounting e reporting chiamati a rilevarli, rendicontarli e monitorarli. E questi effetti non sorprendono se si considera che negli ultimi anni ha trovato sviluppo un processo «( ) of translating ecological concerns into economic phenomena, which will then impact upon accounting practice» (Bebbington e Larrinaga-González, 2008, p.698) e, sui modelli di rendicontazione dell operatività delle imprese (ICAEW, 2003, 2004 e 2009; ACCA, AccountAbility e KPMG, 2009). Il paper, dopo aver presentato l evoluzione del modello di climate policy fino all introduzione nel contesto italiano dell Emission Trading Scheme europeo (EU ETS), analizza le principali implicazioni dell EU ETS sul sistema di accounting e reporting delle imprese. Viene in particolare verificato in che modo i diritti di emissione (emission rights) 1 che attribuiscono 1 In accounting è possibile trovare anche altri termini ai quali viene attribuito medesimo significato, tra i più diffusi ci sono i termini emission allowances e carbon permits. Mete P., Dick C. e Moerman L., Creating institutional meaning: Accounting and taxation law pers- 1

2 ai loro possessori, il diritto di emettere nell ambiente naturale un determinato quantitativo di inquinanti (gas serra) entro un definito periodo di tempo possono essere rilevati nel bilancio d impresa, negli «other financial reporting» (IASB, Preface to IFRS, 2008, par. 7) e, in documenti di Climate Change Reporting. La mancanza, ad oggi, di una comprehensive guidance accettata a livello internazionale in merito alla rilevazione e rendicontazione dei diritti di emissione, può dare luogo a comportamenti contabili diversi da parte delle imprese con evidenti conseguenze sulla comparabilità e sul livello di accountability. Allo scopo di valutare come alcune imprese rientranti nel campo di applicazione dell EU ETS contabilizzano e rendicontano i diritti di emissione, è stata realizzata una ricerca qualitativa, i cui risultati non sono generalizzabili, avente ad oggetto le informazioni che le imprese che gestiscono impianti termoelettrici, cogenerativi e non cogenerativi, forniscono in merito ai diritti di emissione nei bilanci 2009 (dati 2008), nei documenti di accompagno a tali bilanci (in particolare la relazione sulla gestione) e nei rendiconti di sostenibilità 2009 redatti sulla base delle GRI Guidelines (GRI, 2006). 2. Background teorico sulla climate policy fino all introduzione dell Emission Trading Scheme europeo Questa sezione del paper intende sintetizzare le principali tappe del processo di climate policy making che ha portato alla elaborazione dell European Emission Trading Scheme. Alla base di questo processo c è la diffusione di conoscenze scientifiche sul tema del climate change e sul suo potenziale impatto ambientale e socio-economico, nonché l ampia condivisione della rilevanza del tema. Di particolare importanza, per i fini della nostra analisi, è quanto proposto dall United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) convenzione adottata nel corso della conferenza di Rio De Janerio del L obiettivo della convention è la «stabilization of greenhouse gas concentrations in the atmosphere at a level that would prevent dangerous anthropogenic interference with the climate system» (Unitpectives of carbon permits, Critical Perspectives on Accounting, 21, 2010, I diritti o le quote di emissione sono anche denominati certificati grigi. 2

3 ed Nations, 1992, art. 2). Questo obiettivo ha trovato specificazione 5 anni più tardi nel Protocollo di Kyoto. In base al Protocollo di Kyoto, i paesi industrializzati e quelli con economie in transizione, indicati nell Annex I dell UNFCCC, si sono impegnati a ridurre le proprie emissioni di gas serra (di cui all Annex A) del 5% rispetto a quelle del 1990 per il periodo Sulla base dell Annex B del Protocollo, Paesi diversi hanno obiettivi diversi di riduzione delle emissioni. Più in particolare l Unione Europea (UE) deve ridurre le emissioni di gas serra dell 8% rispetto al livello del 1990 per il periodo (United Nations, 1998, art. 3). Al fine di assicurare il raggiungimento di quell obiettivo, si è reso necessario ripartire tra i diversi Stati membri dell UE la quota di emissioni da ridurre (United Nations, 1998, art. 4). Gli Stati dell UE hanno a tale scopo stipulato, nel 1998, un accordo politico: il Burden-Sharing Agreement (BSA) (Consiglio dell Unione Europea, 1998; CE, 2000, par. 4.1). Questo accordo, con riferimento al periodo , prevede per ciascun paese un target di emissioni che variano dal +27% (previsto per il Portogallo) al -28% (previsto per il Lussemburgo). L Italia, sulla base di questo agreement, per il periodo , deve ridurre le emissioni del 6,5% rispetto a quelle del 1990 (CE, 1999b). Al fine di un attuazione flessibile del protocollo e per ridurre i costi gravanti sui paesi soggetti al vincolo, il protocollo ha previsto dei meccanismi di flessibilità che riguardano: il Clean Development Mechanism (CDM), il Joint Implementation (JI) e l Emission trading (ET). Attraverso tali meccanismi un paese sottoposto a vincolo può coprire le quote di emissione in deficit : - con i crediti di emissione (Certified Emission Reductions - CERs) ottenibili mediante l attivazione di progetti di trasferimento di tecnologie in paesi in via di sviluppo (CDM) (Protocollo di Kyoto, art. 12); - con i crediti di emissione (Emission Reduction Units ERUs) derivanti dall attuazione di un progetto di riduzione delle emissioni realizzato congiuntamente da paesi industrializzati e da quelli con un economia di transizione (JI); - con l acquisto di diritti di emissione da paesi in surplus (ET). L UE non ha atteso l entrata in vigore a livello internazionale del protocollo di Kyoto (16 febbraio del 2005) 2 ed ha istituito, a partire dal 1 genna- 2 Il ritardo dell entrata in vigore del protocollo (rispetto alla firma del medesimo) è stato causato dall uscita dal protocollo degli USA che rappresentavano il 36% delle emissioni dei Paesi inclusi nell Annex I. L art. 25 del protocollo ne prevedeva infatti l entrata in vigore 3

4 io 2005 un sistema di scambio di quote di emissione tra tutti i paesi UE, simile all ET internazionale. L introduzione a livello comunitario di un sistema per lo scambio di quote di emissione dei gas ad effetto serra è riconducibile alla direttiva comunitaria 2003/87/CE (direttiva Emission Trading, EU ETS) 3. Con la direttiva 2004/101/CE (direttiva linking) sono stati riconosciuti all interno dell ETS i crediti di emissione ottenibili dalla realizzazione di progetti CDM e JI. La direttiva EU ETS prevede la definizione di un livello massimo di e- missioni tollerate (cap), a fronte del quale vengono assegnati, gratuitamente 4, i diritti di emissione ai gestori degli impianti che operano: nel settore dell energia (es. cokerie, raffinerie di petrolio); nella produzione e trasformazione dei metalli ferrosi (es. impianti di produzione di ghisa o acciaio); nell industria dei prodotti minerali (es. impianti per la fabbricazione del vetro e di fibre di vetro); nel trasporto aereo e in altre definite attività (es. impianti destinati alla produzione di carta e cartoni o di pasta di carta) (EU ETS, Annex I). La scelta di una prevalente allocazione gratuita dei diritti di emissione, considerata almeno in questa prima fase di adozione della direttiva come preferibile rispetto alla vendita all asta (auctioning) dei diritti di emissione, ha trovato spiegazione nell intento di «( ) buy industry acceptance» e di creare una «political acceptability» (Egenhofer, 2007, p. 454; Woerdman et al., 2008, p. 128). I diritti di emissione consentono ai detentori l immissione in atmosfera di una tonnellata di CO 2 equivalente 5 nel corso dell anno di riferimento della quota; tali diritti possono inoltre essere oggetto di scambio tra i soggetti partecipanti (trading). Il modello di gestione dei diritti di emissione proposto dall UE è dunque di tipo cap-and-trade. Tale modello è quello giudicato dalla emission trading literature e da alcuni studi empirici come preferibile per ragioni sia di efficienza che di efficacia (Egenhofer, 2007, p. 454; CE, 1999a, p. 7). dopo 90 giorni dalla ratifica da parte di almeno 55 paesi firmatari della Convenzione, comprendenti paesi (inclusi nell Annex I) ai quali fosse riferibile almeno il 55% delle emissioni al La direttiva è stata successivamente modificata dalle seguenti direttive: 2004/101/CE; 2008/101/CE e 2009/29/CE. 4 Una peculiarità dell EU ETS è l assegnazione gratuita di almeno il 95% delle quote di emissione (per la prima fase ) e del 90% per la seconda fase ( ). EU ETS, art. 10. L orientamento che sta maturando (si veda in merito il disposto della Direttiva 2009/29/CE, pp ) per l assegnazione delle quote di emissione è quello della messa all asta delle quote (prevista come unica modalità di assegnazione a partire dal 2013 per il settore dell elettricità). 5 Fino al 2012 la Direttiva riguarderà solo il diossido di carbonio (CO 2 ). 4

5 Il numero totale delle quote di emissioni da assegnare nel periodo di riferimento, nonché le quote assegnate agli impianti (autorizzati ad emettere CO 2 ), è definito da ciascuno Stato membro nei piani nazionali di assegnazione (PNA) (EU ETS, art. 9) approvati dalla Commissione Europea. Condizione necessaria per l attuazione del sistema EU ETS è la creazione e gestione di un registro nazionale delle emissioni nel quale annotare le quote assegnate ad ogni operatore nonché i trasferimenti, le restituzioni o la cancellazione delle quote (EU ETS, art. 19). Ogni anno i gestori degli impianti sono tenuti a restituire un numero di quote, annotate a proprio favore nel registro nazionale delle emissioni, per un importo pari alle emissioni rilasciate dagli impianti con riferimento all anno solare precedente. Tali quote verranno successivamente cancellate 6. Le quote assegnate ad inizio anno ad un gestore possono risultare maggiori o minori delle emissioni realmente prodotte. Nel caso in cui le quote di emissione assegnate risultino superiori alle emissioni effettive, il surplus di quote potrà essere o accantonato o ceduto a terzi. Nel caso opposto, cioè emissioni effettive maggiori delle quote assegnate, il deficit risultante potrà essere coperto mediante l acquisto di altre quote o attraverso l impiego di crediti di emissione L adozione in Italia della direttiva EU ETS Il recepimento nell ordinamento italiano della direttiva EU ETS e della direttiva Linking è intervenuto con il D. Lgs. n. 216/2006, con estremo ritardo rispetto ai tempi di attuazione del sistema di ET europeo che la direttiva EU ETS poneva. Al fine di consentire l avvio del sistema previsto dalla direttiva già a partire dal dando così attuazione alla prima fase relativa al triennio il legislatore italiano e gli altri organismi nazionali competenti sono intervenuti con una serie di provvedimenti (PNA, 2004; L. 316/2004; Ministero dell Ambiente, 2006). Nella tab. 1 si riportano i principali provvedimenti emanati a supporto della II a fase di attuazione 6 L assegnazione delle quote da parte dell Autorità Nazionale Competente (ANC) deve essere attuata entro il 28 febbraio di ogni anno. Entro il 30 aprile di ogni anno le imprese devono restituire un numero di quote di emissioni pari alle emissioni effettivamente prodotte nell anno precedente. Tali emissioni debbono essere verificate da parte di un verificatore accreditato, entro il 31 marzo di ogni anno. Le quote sono valide per il periodo (triennale o quinquennale) per il quale sono rilasciate. 7 L art. 11 della direttiva prevede che, per il triennio , la decisione di assegnazione delle quote deve essere presa tre mesi prima dell inizio del triennio (1 gennaio 2005). 5

6 nell ordinamento italiano della direttiva EU ETS (quinquennio ). I provvedimenti indicati costituiscono un utile supporto dell analisi che sarà proposta nel proseguo del lavoro. Tab Gli effetti dell EU ETS sull innovazione e sul sistema organizzativo-gestionale d impresa Le imprese operanti nei settori ai quali la direttiva trova applicazione, al fine di evitare l emissione di sostanze inquinanti in misura superiore al limite massimo consentito con la conseguente necessità di incorrere in sanzioni e dover acquistare sul mercato i diritti di emissione mancanti potrebbero decidere di investire in low carbon technologies. È evidente però che la scelta tra l acquisto di quote di emissione (per emissioni maggiori delle quote assegnate) e l investimento in tecnologie di riduzione delle e- missioni (con la conseguente possibilità ad es. di vendere i diritti inutilizzati alle imprese in deficit) dipende, secondo una logica strettamente economica, dal confronto tra il costo marginale di abbattimento e il prezzo di mercato dei diritti di emissione (Bode, 2006, p. 13; Rogge et al., 2011, p. 514). Gli effetti che l EU ETS può generare sulle innovazioni in riduzione delle emissioni di CO 2 sono stati oggetto di diversi studi. Alcuni lavori, e- laborati prima dell adozione della EU ETS evidenziano i possibili svantaggi dell impiego dei diritti di emissione per il controllo dell inquinamento, segnalando anche il potenziale scarso effetto prodotto sull innovazione (Gibson, 1996, p.661). Altri rilevano che l EU ETS può generare un impatto sull innovazione solo nella prima fase di adozione ( ) (Gagelmann e Frondel, 2005) e altri ancora fanno dipendere l innovazione dai differenti metodi di allocazione dei diritti di emissione sottolineando che l allocazione gratuita dei diritti può generare un disincentivo all innovazione, innovazione che sarebbe invece incentivata in presenza di auctioned allowances (Jung et al., 1996; Millimam e Prince, 1989, 1992). I lavori meno numerosi elaborati sulla base di analisi empiriche condotte dopo l adozione dell EU ETS, nonché le risultanze delle analisi teoriche, evidenziano un limitato impatto dell EU ETS sulle attività di ricerca e sviluppo; sull insieme delle corporate climate innovation activities, sugli investimenti su vasta scala (Rogge et al., 2011; Hoffmann, 2007; Egenhofer, 2007). 6

7 L adozione dell EU ETS può inoltre generare sulle imprese effetti di tipo organizzativo-gestionale riconducibili: all aggravio burocratico; all individuazione di un responsabile della attuazione della direttiva; all adeguamento dei processi di monitoraggio delle emissioni; all incremento dei rischi ricollegabili all applicazione di una normativa stringente e alla maggiore attenzione rivolta a questi temi da investitori e altri stakeholders 8. La gestione dell EU ETS non genera solo vincoli, può tradursi anche in opportunità di vantaggio competitivo conseguibili da quelle imprese che: misurano le loro emissioni; valutano i rischi e le opportunità collegate alla loro gestione e, in modo anticipatorio rispetto ai propri concorrenti, adeguano il loro business alle esigenze di riduzione delle emissioni (Porter e Kramer, 2006; Lash e Wellington, 2007, pp. 6-10; KPMG, 2008, pp.60-61). 4. Gli effetti dell EU ETS sull accounting e reporting d impresa La gestione dei diritti di emissione presuppone e genera un insieme di dati e informazioni di natura economico-finanziaria e non che debbono essere monitorati, rilevati e rendicontati in parte, nei tradizionali sistemi di contabilità e bilancio d impresa, in parte nei sistemi di ecological accounting e reporting. Del tema della rilevazione, valutazione e rendicontazione nel sistema contabile tradizionale dei diritti di emissione si sono occupati autorevoli organismi di standardizzazione contabile senza pervenire, ad oggi, ad uno standard di contabilizzazione diffuso e condiviso a livello internazionale. I dati fisico-quantitativi e qualitativi relativi ai diritti di emissione possono trovare rilevazione nei modelli di ecological accounting e reporting. Obiettivo della ecological accounting è infatti quello di raccogliere i dati ed elaborare le informazioni relative alla gestione e alle prestazioni ambientali dell impresa. Questi dati e informazioni saranno oggetto di comunicazione agli external stakeholders attraverso la redazione di report periodici (Schal- 8 Da un indagine condotta da TNS Infratest e InSintesi Ricerche su richiesta dell Ente di certificazione Det Norske Veritas, con riferimento al I periodo di attuazione della direttiva, è emerso che la maggioranza delle imprese incluse nel campione di analisi hanno indicato nella scarsa informativa sulla materia (45,9), nell aggravio burocratico (45,8) e nell incremento dei costi aziendali (57,1) le principali criticità. TNS Infratest, InSintesi ricerca, L applicazione del protocollo di Kyoto in Italia, luglio Si veda anche la verifica condotta da Sullivan su 125 società europee (Sullivan, 2009). 7

8 tegger e Burrit, 2000, p. 62). Possono essere ricondotte nell alveo della rendicontazione e rilevazione ecologica le numerose iniziative di carbon disclosure e di carbon accounting, promosse da organismi di diversa estrazione. I progetti di carbon disclosure si propongono di raccogliere informazioni relative all ampia tipologia di attività collegate al cambiamento climatico, quali: la misura delle emissioni; gli effetti sulla strategia e sulla governance; i rischi e le opportunità che si profilano per le imprese e le prospettive future. I modelli di carbon accounting a differenza di quelli di carbon disclosure sono più strettamente relativi alla quantificazione delle emissioni (Kolk, Levy, Pinkse 2008, p. 725; CDSB, 2010) Alcune considerazioni sui modelli di carbon disclosure e di carbon accounting La disclosure degli aspetti collegati ai cambiamenti climatici e quindi anche alle emissioni, può essere realizzata in modo volontario o obbligatorio. Le imprese possono fornire volontariamente informazioni sul climate change attraverso: la partecipazione al Carbon Disclosure Project; la redazione di reports speciali; la redazione dei bilanci di sostenibilità basati sulle Linee guida del GRI (KPMG, 2010, p.12; CERES, 2006, p. 1). Obiettivo dei più recenti progetti di carbon disclosure (CDP, 2010; CSDB, 2010; CERES, 2011) è fornire agli investitori informazioni utili alla conoscenza degli effetti che i cambiamenti climatici possono generare sulle strategie e sulla performance d impresa. Inoltre, considerato che ad oggi manca un modello di disclosure condiviso, i diversi progetti hanno sottolineato l esigenza di una standardizzazione e, in alcuni casi, hanno proposto framework di redazione. Di particolare interesse (anche in funzione della verifica condotta nell ultima parte del presente lavoro) è la disclosure fornita sul climate change nei bilanci di sostenibilità redatti sulla base delle GRI Guidelines (GRI, 2006), ad oggi le più diffuse a livello internazionale (KPMG, 2009). Nelle linee guida del GRI è infatti previsto uno specifico riferimento alle emissioni dei gas serra tra gli indicatori ambientali (EN16; EN17; EN18; EN19; EN20) e un più generico riferimento alle «implicazioni finanziarie e altri rischi e opportunità per le attività dell organizzazione dovuti ai cam- 8

9 biamenti climatici» nell indicatore EC2 di performance economica (GRI, pp. 26 e 28) 9. In alcuni contesti ambientali, per disposizioni normative o regolamentari, è invece statuita la redazione obbligatoria di report sulle emissioni 10. Anche in materia di carbon accounting sono stati elaborati diversi progetti che propongono linee guida. Alcune linee guida sono state elaborate a corollario di mandatory trading scheme (es. CE, 2007); in altri casi sono frutto di decisioni di organi di governo nazionali (es. UK DEFRA e DECC, 2009; US DOE, 2006 e 2007) o di agenzie governative (es. Climate Leaders US EPA, 2005). Di particolare interesse per il livello di diffusione che li contraddistinguono sono i global standards sviluppati in materia di quantificazione e reporting delle emissioni dal World Resource Institute (WRI) in collaborazione con World Business Council for Sustainable Development (WBCSD) e dall International Organization for Standardization (I- SO) (WBCSD e WRI, 2004 e 2005; ISO, 2006). Dalle considerazioni proposte emerge il legame tra carbon disclosure e carbon accounting. I progetti di carbon disclosure prevedono infatti la quantificazione delle emissioni la cui determinazione costituisce oggetto della carbon accounting e si propongono come sottolineano Kolk, Levy e Pinkse (p. 728) di «translate corporate carbon profiles into assessments of risks and market opportunities with clear financial implications for firms and investors». Alcune indagini condotte al fine di verificare la quantità e la qualità della carbon disclosure delle imprese hanno fatto emergere un tendenziale incremento del numero delle imprese che producono tali disclosure, a cui però non sempre si correla una informazione di qualità. Infatti, se nel CDP 2010 Global 500 Report si legge che «in the 10 years ( ) the quality and quantity of reporting on climate change have increase» (CDP, 2010) in un recente documento CERES si osserva invece che la carbon disclosure: «often fail to satisfy investors legitimate expectations» (CERES, 2011, p. 35). 9 Una ricerca condotta dal GRI e dalla KPMG su 50 bilanci di sostenibilità pubblicati nel 2006 da parte di aziende operanti a livello internazionale evidenzia che circa il 90% dei report include informazioni relative al climate change. GRI-KPMG, Reporting the Business Implications of Climate Change in Sustainability Reports, In Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Corea del Sud, Taiwan la redazione di un report sulle emissioni è richiesto ad imprese operanti in alcuni settori (KPMG, 2010, p. 22). A partire da gennaio 2010, l Environmental Protection Agency (EPA) richiede a grandi emittenti di gas serra, appartenenti a diversi settori, di raccogliere e rendicontare informazioni relative alle emissioni (EPA, 2009). Per una sintesi delle principali disposizioni dettate in materia di disclosure sul climate change negli USA si veda U.S. Securities and Exchange Commission,

10 4.2. La rilevazione dei diritti di emissione in contabilità e bilancio. Prime considerazioni Alcune delle principali problematiche che sono emerse in merito al trattamento contabile degli emission rights riguardano: - la natura contabile dei diritti di emissione; - la posta di bilancio nella quale i diritti vanno rilevati; - i criteri di valutazione da adottare; - la disclosure nei documenti di corredo al bilancio. Questi temi sono stati oggetto di numerosi studi elaborati da organismi contabili (nazionali e internazionali) e dalla dottrina, studi in ampia parte ispirati dalle ricerche condotte sul pioneristico progetto SO 2 creato dall EPA nel 1990 (Wambsganss e Stanford, 1996). Con riferimento alla natura dei diritti di emissione, si è concordi sul considerare tali diritti delle attività. I diritti di emissione possono infatti essere qualificati come risorse controllate dall impresa come risultato di e- venti passati e dalle quali sono attesi futuri benefici economici (IASB, F., 2008, par. 49 (a)) Si tratta infatti di diritti ottenuti gratuitamente o acquisiti (evento passato) dalle imprese rientranti nel campo di applicazione della direttiva 87/2003 per poter svolgere la loro attività (evento futuro). Sono inoltre attività rilevabili in bilancio in quanto è probabile che i benefici economici affluiranno all impresa e tale attività è oggetto di valorizzazione (i diritti possono infatti essere oggetto di acquisto e di vendita) (IASB, F., 2008, par. 89). Se i diritti di emissione sono certamente configurabili come un attività, la questione che resta da definire è quale possa essere la loro natura. I diritti di emissione posseggono caratteristiche simili alle rimanenze di magazzino (inventory); agli strumenti finanziari e alle immobilizzazioni immateriali, (Wambsganss and Stanford, 1996; Assonime, 2006; Gruppo di Lavoro di Confindustria, 2006, pp. 7-9; Elfrink e Mitch, 2009, pp. 6-7) sebbene non possano identificarsi perfettamente con nessuna di queste categorie. I diritti di emissione, analogamente alle rimanenze, possono essere detenuti per il proprio utilizzo o essere venduti (IASB, Ias 2, 2008, par. 6) e considerati alla stregua di costi di produzione (Wambsganss e Stanford, 1996, p. 646). I diritti di emissione, a differenza delle rimanenze di magazzino, non sono però né di natura tangibile e né necessariamente detenuti per il consumo. 10

11 I diritti di emissione potrebbero allora essere considerati degli strumenti finanziari cioè contratti che danno origine ad un attività finanziaria per un soggetto e ad una passività finanziaria o ad uno strumento rappresentativo del capitale per un altro soggetto (IASB, Ias 32, 2008, par. 11). In particolare potrebbero essere trattati come strumenti finanziari detenuti dall impresa per soddisfare le esigenze di copertura delle emissioni prodotte nel periodo corrente o detenuti con finalità di trading. Questa interpretazione della natura degli emission rights (MacKenzie, 2009, p. 448; Cook, 2009, p ), è stata giudicata inadeguata da parte dell IFRIC che precisa: anche se le allowances posseggono delle caratteristiche che sono generalmente più presenti nelle attività finanziarie piuttosto che nelle attività immateriali ad esempio essere trattate in a ready market - esse non sono degli strumenti finanziari (IFRIC, 2004, p. 21). I diritti di emissione possono essere considerati immobilizzazioni immateriali, attività non monetarie identificabili e prive di consistenza fisica (IASB, Ias 38, 2008, par. 8; FASB, Fas 142, 2001, par.4 ) dai quali è lecito attendersi benefici economici futuri suscettibili di valutazione economica. Questa interpretazione è quella che ha trovato maggior consenso, è infatti alla base delle regole di contabilizzazione proposte sia dall IFRIC 3 (I- FRIC, 2004) che dal documento elaborato dal CNDC-CECA (CNDC- CECA, 2007) e inoltre non è contraria al disposto degli US GAAP. L altra questione oggetto di attenzione da parte di studiosi e organismi di standardizzazione contabile è il tema della valutazione dei diritti di emissione. I criteri che possono essere impiegati vanno dal costo storico, ai costi correnti (valore di sostituzione; valore netto realizzabile; valore economico) (Ferrero, 1977, p.133; Fanni e Cossar, 1998, p ; Pizzo, 2000, p ) fino al fair value (Pizzo, 2000). Il costo storico presuppone che i diritti vengano valorizzati sulla base dell importo pagato al momento dell acquisizione. Come abbiamo già osservato, almeno inizialmente i diritti di emissione sono attribuiti gratuitamente alle imprese, nessun importo viene pagato e nessuna rilevazione contabile sarebbe necessaria. Se quindi nessuna rilevazione è dovuta e il costo storico non riflette il valore di mercato dei diritti, Schaltegger e Burrit (2000, p.196) sottolineano che: il management non avrebbe incentivi alla realizzazione di investimenti in riduzione delle emissioni e/o alla vendita dei diritti inutilizzati «because no recognition is given, in the financial statements, to the allowances, to cost savings if pollution is reduced or to gains from trading pollution allowances». 11

12 Da un punto di vista economico e ambientale sarebbe invece preferibile il ricorso al modello a valori correnti perché: «only the use of a current market value allows the marginal costs of pollution prevention to be compared with the present marginal (opportunity) costs of keeping the permits» (Schaltegger e Burrit, 2000, p. 196). In precedenza abbiamo già avuto modo di sottolineare il contributo dei modelli di carbon disclosure alla conoscenza degli effetti del climate change sul sistema d impresa. Non meno rilevante è il supporto che a tale conoscenza può essere fornito dalla Relazione sulla gestione (RG) e dagli «other financial reporting» (IASB, Preface to IFRS, 2008 par. 7) quali il Management Commentary (IASB, 2010) e il Management s Discussion and Analysis (MD&A) (CICA, 2004). Alla Relazione sulla gestione 11, nella disciplina di bilancio italiana, è stata tradizionalmente demandata la funzione di contribuire alla intelligibilità del bilancio attraverso l illustrazione della gestione passata, di quella in corso e della sua prevedibile evoluzione futura, con l evidente obiettivo di fornire un quadro sistematico della gestione. La novella dell art cod.civ. operata dal D.Lgs 32/2007, per ciò che a noi più interessa in questo lavoro, ha: - rilevato il valore delle informazioni relative ai «principali rischi e incertezze» (art cod.civ., co.1) che possono influenzare la situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell impresa tra i quali i rischi specifici di tipo ambientale. - previsto che, «nella misura necessaria alla comprensione della situazione della società e dell andamento e risultato della sua gestione» la RG possa contenere indicatori di risultato finanziari «e se del caso» non finanziari «comprese le informazioni attinenti all ambiente [ ]». Se si considera che nella letteratura di accounting (Repetto, 2005; Busch, 2006; Bebbington e Larrinaga-Gonzàles, 2008; Freeman e Jaggi, 2011) e in diversi documenti elaborati da autorevoli organismi nazionali e internazionali (CERES, 2006, 2011; SEC, 2010; KPMG, 2008) si segnala 11 La Relazione sulla gestione, per le imprese che applicano i principi contabili internazionali, è un documento facoltativo (IASB, Ias 1, 2008, par. 13). La Commissione Europea (CE, 2003, par. 3.3.) e successivamente anche la Consob (CONSOB, 2006) hanno prodotto due diversi documenti nei quali si prevede l adozione, per le imprese che utilizzano gli IAS /IFRS, di alcune norme della quarta e della settima direttiva contabile, tra le quali c è anche quella che impone a tali imprese la redazione della Relazione sulla gestione. Si veda anche OIC, 2008, par. 1.3 e ss. 12

13 l assoluta rilevanza di una disclosure sui rischi e sulle opportunità del climate change, emerge con tutta evidenza l importante funzione che può e deve essere svolta dalla RG (CNDCEC, gennaio 2009). Non meno importante ai fini della conoscenza delle prestazioni ambientali dell impresa ad esempio in termini di efficacia ed efficienza delle a- zioni intraprese per la riduzione delle emissioni; di input consumati (materie prime utilizzate; energia impiegata ecc.) ma anche di output realizzati (emissioni di sostanze nocive, acqua totale scaricata ecc.) è il richiamo alla costruzione di indicatori non finanziari (CNDCEC, marzo 2009, p ; IRDCEC, 2008, pag.24). Un utile supporto all interpretazione della situazione e della performance finanziaria di una impresa; alla conoscenza delle strategie deliberate ai fini del raggiungimento degli obiettivi aziendali e dei rischi che possono caratterizzare l impresa, è garantito dalla redazione del Management Commentary o del MD&A. Anche attraverso la redazione di questi documenti è possibile fornire agli stakeholder una disclosure relativa agli impatti che il climate change può generare sul sistema dei rischi e sulla performance d impresa (CPRB, 2008; CDSB, 2010; SEC, 2010) L aspetto di indubbio rilievo che viene richiamato in tutti i lavori esaminati è la significatività e rilevanza delle informazioni sul climate change. Quindi, possono essere rilevate nei documenti richiamati solo le informazioni, relative ai cambiamenti climatici e ai diritti di emissione, giudicate significative e rilevanti ai fini dell apprezzamento dei rischi e delle opportunità, nonché per la comprensione dell andamento della performance economico-finanziaria d impresa Alcuni significativi contributi in materia di contabilizzazione degli emission rights Abbiamo già anticipato che gli studi sugli emission rights, non hanno ancora portato all approvazione di uno standard contabile di generale accettazione. Questa situazione ha consentito l affermazione di soluzioni contabili differenziate, come emerge da alcune verifiche condotte prevalentemente nella forma di survey (PWC e IETA, 2007; Kolk et al., 2008; Engels, 2009). Il contributo più significativo in materia di contabilizzazione degli emission right è stato certamente offerto dall IFRIC (International Financial Reporting Interpretations Committee) che nel dicembre del 2004 ha emanato l IFRIC 3, Emission Rights. L interpretazione è stata eliminata dallo 13

14 IASB (IASB, 2005) principalmente a seguito del parere negativo espresso dall European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG) con nota del 6 maggio 2005 in merito alla sua adozione nel contesto europeo. Nonostante la sua eliminazione, il contenuto dell interpretazione costituisce ancora oggi una guida per la contabilizzazione dei diritti di emissione (Deloitte, 2007). Anche l Emerging Issues Task Force (EITF) del Financial Accounting Standards Board (FASB), nel 2003 aveva aggiunto alla sua agenda l Issue 3-14 il cui obiettivo era quello di fornire un comprehensive accounting model fruibile da tutti i partecipanti ad un programma di riduzione delle emissioni di tipo cap and trade. Nel novembre del 2003, la Task Force ha eliminato il progetto dalla sua agenda, adducendo a spiegazione dell eliminazione varie ragioni che vanno dalle conseguenze che tale issue avrebbe prodotto anche al di là del programma cap and trade, agli effetti di bilancio generati dal trattamento contabile proposto e alla percezione, da parte di alcuni membri della Task Force, della mancanza di situazioni pratiche e di modelli di accounting utili a giustificare gli sforzi (EITF, 2003; Rogers, 2005, p. 198; Deloitte, 2007, p. 3-4; Johnston et al., 2008, pp ). Il tema della rilevazione dei diritti di emissione nel 2007 è stato riscritto nell agenda sia del FASB 12 (febbraio) che dello IASB (dicembre) e nel 2008 i due organismi hanno stipulato un accordo per la realizzazione di un progetto di sviluppo di una comprehensive guidance sulla rilevazione dei diritti di emissione (Fornaro et al., 2009). A livello nazionale, la rilevazione delle operazioni relative ai diritti di emissione è stata oggetto di un documento della Commissione Economia e Contabilità Ambientale (CECA) del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti (CNDC) pubblicato nel mese di aprile del La CECA, basandosi sulle indicazioni ricavabili dai principi contabili nazionali e internazionali e sulle risultanze di una verifica empirica condotta sui bilanci 2005 delle imprese interessate dalla materia, ha proposto due metodi di rilevazione contabile di tali operazioni L interesse per la rilevazione degli emission rights aveva ricevuto un nuovo impulso nel dicembre del 2004 a seguito dello SFAS 153 Echanges of Nonmonetary Assets. Fasb, Project Updates, Emission Trading Scheme, ntent_c%2fprojectupdatepage&cid= , ( ). 13 Il tema del trattamento contabile dei diritti di emissione è stato oggetto anche di altri contributi di autori italiani. Tra gli altri si vedano in particolare: Quagli A (a cura di), I documenti interpretativi dello IASB in tema di recupero ambientale: obblighi di rimozione dei 14

15 Nella Tab. 2 sono sintetizzate le principali caratteristiche del modello di rilevazione, valutazione e rappresentazione in bilancio dei diritti di emissione basati sui contenuti dell IFRIC 3 (in considerazione della sua rilevata significatività) e del documento del CNDC-CECA (in quanto proposta strutturata promanante da un organismo nazionale di natura contabile). Tab. 2 Dall analisi dei contenuti della Tab. 2 emerge il mismatch prodotto dall IFRIC 3 con riferimento: a. alla valutazione delle attività e passività. Il mismatch si verifica a causa del diverso effetto che una variazione dei prezzi può generare sulle attività e sulle passività nel caso in cui l impresa decide di valutare le attività al costo, mentre le passività (fondo spese) sono valutate al valore corrente. Il problema potrebbe essere ridotto se i diritti di emissione fossero contabilizzati seconda la logica del revaluation model previsto dallo IAS 38; b. all iscrizione dei profitti e delle perdite relative alle attività e passività rilevate. In caso di valutazione delle attività al fair value, un eventuale incremento del valore contabile di tali attività, sulla base del disposto dello IAS 38, dovrebbe influenzare solo il patrimonio netto e non il conto economico, a differenza di quanto avviene in presenza di variazioni nel valore delle passività; c. al timing. Anche nel caso in cui il valore dei diritti di emissione dovesse essere rideterminato (sulla base del revaluation model) la variazione dei prezzi inciderebbe diversamente sull attivo e sul passivo poiché il valore dei diritti di emissione è determinato quando i diritti sono ottenuti (tipicamente ad inizio anno), mentre le passività sono rilevate gradualmente nel corso dell anno (Ernst&Young, 2009, p. 4; Cook, 2009, p ; MacKenzie, 2009, p.448). Il modello di contabilizzazione dei diritti di emissione sulla base del metodo lordo, proposto dal CNDC-CECA, poiché si basa sui principi contabili cespiti, diritti di emissione, contribuzione ai fondi di ripristino ambientale e smaltimento apparecchiature elettriche ed elettroniche (IFRIC Interpretations 1,3,5 e 6), Revisione Contabile, 2005, 66, pp ; Mio C., Modello di contabilizzazione dei diritti di emissione di gas inquinanti (GHG) in, Contabilità Finanza e Controllo, 1, 2004, pp ; De Capitani di Vimercate P., L emission trading scheme: aspetti contabili e fiscali, in Diritto e pratica Tributaria, 81, 2010, pp

16 internazionali a fondamento dell IFRIC3, non si presenta, nella sua sostanza, diverso dall IFRIC 3 stesso. Il metodo netto costituisce una soluzione di contabilizzazione agevole, che evita la rilevazione di attività e ricavi differiti (in presenza di contributo pubblico) e non produce effetti di bilancio se non nel momento in cui le emissioni risultano maggiori di quelle disponibili. Solo in quel caso occorre infatti costituire un fondo nel passivo, valorizzato sulla base della migliore stima del costo che si dovrà sostenere per estinguere l obbligazione, vale a dire per un importo pari al prezzo di mercato delle emissioni da acquistare. Questo modello di contabilizzazione che come si precisa nel documento del CNDC-CECA è rivolto alle imprese che non adottano gli IAS/IFRS, è stato proposto dalla Deloitte come soluzione di contabilizzazione anche in caso di adozione degli IAS/IFRS (Deloitte, 2007). Fino a quando non sarà disponibile una guida, condivisa a livello internazionale, in merito al trattamento contabile da riservare ai diritti di emissione, i soggetti che sono variamente tenuti all adozione degli IAS/IFRS possono optare: - per l adozione dell IFRIC 3 (ancorché ritirato) (Ernst&Young, 2009, p. 4; CNDC-CECA, 2007, p.9; MacKenzie, 2009, p.449; Deloitte, 2007, p.3); - oppure sviluppare un proprio modello di contabilizzazione (ad e- sempio il metodo netto o un modello diverso) non mancando però di ottemperare a quanto disposto dallo IAS 8 (Ernst&Young, 2009, p. 4). Un prezioso supporto ai fini della conoscenza delle modalità di contabilizzazione dei diritti di emissione impiegati dalle imprese è offerto dalla Nota integrativa (o Note al bilancio). La Nota integrativa (NI) non solo offre ai potenziali lettori del bilancio informazioni essenziali volte a supportare la lettura e la comprensione dei dati contabili relativi ai diritti di emissione (ove rilevati); accoglie anche dati e informazioni, escluse dalla rilevazione sistematica di conto, ritenuti utili ai fini dell «unitaria comprensione del bilancio» (OIC 11, 2005, p. 18). L informativa resa dalla NI, a supporto di quella fornita nei documenti contabili, è dunque essenziale perché si possa pervenire ad una rappresentazione chiara, veritiera e corretta della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell impresa. Anche le Notes del bilancio IASB sono chiamate, al pari del documento di bilancio nazionale, ad integrare e chiarire le informazioni rese negli altri prospetti di bilancio oppure richieste dagli IFRS e non presentate altrove. È prassi comune aprire le note con una dichiarazione di conformità ai principi contabili, 16

17 fornendo poi una descrizione sintetica di quelli adottati (IASB, Ias 1, 2008, parr ). 5. Metodo ed evidenze empiriche L analisi si propone di effettuare una prima esplorazione delle informazioni che alcune imprese appartenenti al campo di applicazione della direttiva 2003/87/CE forniscono in merito ai diritti di emissione nei loro bilanci, nei documenti di accompagno a tali bilanci (in particolare la relazione sulla gestione) e nei rendiconti/bilanci di sostenibilità redatti sulla base delle GRI Guidelines (G3). La scelta delle imprese delle quali analizzare i documenti di rendicontazione è stata operata partendo dall assegnazione di diritti di emissione prevista dal PNA per gruppi di attività. Tra le attività energetiche è indicato il termoelettrico cogenerativo e non cogenerativo 14, assegnatario da solo di circa il 56% del totale delle quote di emissioni annue 15. Considerando che il settore termoelettrico è assegnatario di consistenti quote annuali di CO 2, si è scelto di concentrare l attenzione proprio sui bilanci e sui rendiconti di sostenibilità redatti dalle imprese che gestiscono impianti termoelettrici. La ricerca che si intende realizzare non si propone di pervenire a dati statisticamente significati, è una ricerca qualitativa i cui risultati non sono generalizzabili. Gli impianti termoelettrici cogenerativi e non cogenerativi assegnatari di quote di CO 2 per il periodo , sono stati individuati analizzando il contenuto della deliberazione n. 020/2008 del Comitato nazionale di gestione e attuazione della direttiva 2003/87/CE e delle deliberazioni a rettifica ed integrazione dell assegnazione delle quote di CO In queste deliberazioni per ciascun impianto sono indicati il gestore e, in modo distinto per 14 Un impianto cogenerativo è un impianto che realizza la produzione combinata di e- nergia elettrica ed energia termica rispettando le modalità definite dalla delibera dell AEEG 42/02 e successive modificazioni. Gli impianti di sola produzione di energia elettrica e gli impianti di produzione di energia elettrica e vapore che non soddisfano i requisiti tecnici di cui alla richiamata delibera, sono impianti non cogenerativi. PNA, , p Il riferimento è a circa 100,66 Mt CO 2 /anno destinati al settore termoelettrico (cogenerativo e non) a cui si aggiunge anche la quota relativa alle riserva nuovi entranti per 15,84 Mt CO 2 /anno, per un totale di settore pari a 116,5 Mt CO 2 /anno, da correlare ad un totale complessivo di 209,00 Mt CO 2 /anno di assegnazioni. PNA, , p. 9-10). 16 Il riferimento è alle deliberazioni: n.01/2009; 04/2009; 05/2009; 09/

18 ciascun anno dell intervallo , le quote attribuite in termini di tco 2. Attraverso il web, sono stati ricercati i bilanci dei gestori indicati nelle delibere richiamate. Molti gestori appartengono a grandi gruppi, in questi casi, dopo aver verificato se le imprese erano incluse nell area di consolidamento, si è optato per l analisi del contenuto dei bilanci consolidati di gruppo 2009 (dati 2008) e dei bilanci di sostenibilità 2009 (ove redatti). Poiché le quote di emissione sono assegnate agli impianti, un impresa può gestire più impianti e quindi più quote di emissione, pertanto ad un totale di 166 impianti termoelettrici cogenerativi e non cogenerativi assegnatari di quote di emissione per il corrispondono solo 61 diversi gestori. La nostra analisi ha riguardato i bilanci consolidati o d esercizio e i rendiconti di sostenibilità (ove redatti) di 22 diversi gestori 17 di 124 impianti termoelettrici assegnatari delle quote di emissione. Queste 22 società gestiscono circa il 75% degli impianti termoelettrici assegnatari di quote di e- missioni ed includono le più note società fornitrici di energia elettrica come Edison; Enel ed Eni; nonché i principali gruppi multiutility italiani: A2A; Hera; Enia-Iride (IREN); Acea; Lgh; AceGas Aps Analisi di contenuto Il metodo scelto per l analisi delle informazioni fornite in materia di diritti di emissione nei rendiconti volontari e obbligatori d impresa è l analisi di contenuto (content analysis). La verifica condotta si basa su alcuni contributi offerti da lavori che si sono occupati delle informazioni ambientali fornite dalle imprese nei corporate annual reports e in report ambientali separati (in particolare Ingram e Frazier, 1980; Wiseman, 1982; Freeman e Jaggi, 2005; Clarkson et al., 2008). Ai fini dell indagine è stato di particolare ausilio il modello di analisi proposto da Prado-Lorenzo et al. (2009) e l indagine condotta da Price- WaterHouseCoopers e International Emissions Trading Association (IETA) (2007). 17 A2A spa; Acea spa; Alpiq Holding spa; Gruppo Lgh; Hera spa; Gruppo Iride; AcegasAps spa; AGSM Gruppo; Edison; Saras spa; BG Italia power; ASM Voghera spa; Ecosesto spa; Erg; Tirreno power spa, Gruppo Burgo; E.On; Eni; Enel; Gruppo GDF Suez; AIM spa; EGL group. 18

19 L analisi ha avuto ad oggetto: a. le informazioni ritenute significative ai fini della comprensione delle modalità di contabilizzazione adottate dalle imprese e ritraibili dall analisi del contenuto dei loro bilanci consolidati o d esercizio 2009 (dati 2008), delle relazioni sulla gestione e dei bilanci di sostenibilità (BS). b. gli indicatori di performance ambientale presenti nei bilanci di sostenibilità redatti sulla base delle GRI Guidelines e direttamente riferibili alle emissioni (EN 16; EN 17; EN 18; EN 19; EN 20). Al fine dell analisi di contenuto sono state individuate 30 variabili di interesse, articolate in due o più categorie. A ciascuna variabile-categoria è stato assegnato un valore. È stata così composta una matrice di dati elaborati con il supporto del software STATA. Nella Tab.3 sono elencate le variabili di natura qualitativa oggetto della verifica, la loro articolazione e il valore assegnato ad ogni variabile. Tab Risultati dell analisi realizzata. Nella Tab. 4 sono indicate le tipologie di bilanci (2009) redatti dalle 22 imprese oggetto della nostra indagine. Tab. 4 Nella Tab. 5 sono state poste in relazione la variabile v2 e v8. Da questa relazione emerge quale sia il modello di riferimento utilizzato dalle imprese oggetto dell indagine per fornire indicazioni in materia di diritti di emissione. Nella categoria altro (che presenta la più alta frequenza) sono stati riportati i modelli di contabilizzazione diversi da quello proposto dall IFRIC3 e dal CNDC. In 8 bilanci non è fornita nessuna indicazione in merito ai criteri impiegati per la rilevazione dei diritti. Tab. 5 Dalle informazioni fornite sui diritti di emissione nei bilanci esaminati, non è possibile evincere in quale posta sono stati rilevati inizialmente i diritti di emissione assegnati gratuitamente (14 casi su 22). In un solo caso nella NI si chiarisce che i diritti ottenuti non sono stati iscritti nello stato 19

20 patrimoniale, mentre nei restanti 7 bilanci non sono fornite indicazioni sul tema dei diritti di emissione. L indagine del trattamento contabile dei diritti di emissione al ha consentito di rilevare che 8 imprese distinguono tra i diritti detenuti per il proprio utilizzo ( own-use ) e quelli detenuti per attività di trading, mentre le altre 14 non operano tale distinzione. In 5 casi (tra i 14) si indica che i titoli sono solo detenuti per own- use senza far riferimento al trading di diritti. I diritti per own-use sono rilevati (relazione v11-v12) in prevalenza nella posta immobilizzazioni immateriali (Tab. 6). Mentre i diritti detenuti per attività di trading sono rilevati in maggioranza nella posta di attivo circolante: rimanenze (Tab. 7). Tab. 6 Tab. 7 Il criterio di valutazione adottato con riferimento ai diritti detenuti per own-use è in prevalenza il criterio del costo. Mentre in caso di diritti detenuti per trading il criterio prevalente è quello del fair value (relazioni v11- v14 e v11-v15. Si vedano le Tabb. 8-9). Tab. 8 Tab. 9 Emerge inoltre che nella maggioranza dei bilanci (18) non sono stati rilevati nel passivo di stato patrimoniale fondi o debiti riconducibili agli e- mission rights. In 3 bilanci invece è stato possibile identificare fondi del passivo riferibili ai diritti di emissione e in 1 bilancio la posta debiti per diritti di emissione. Delle imprese esaminate, 13 dichiarano di redigere un bilancio di sostenibilità conformemente alle linee guida del GRI (una di queste imprese non dichiara però il livello di conformità alle G3), 2 dichiarano di ispirarsi nella redazione del loro documento volontario alle G3; 2 redigono un documento diverso e per 5 imprese sul sito istituzionale non è presente nessun riferimento a documenti di rendicontazione volontaria di tipo socioambientale e di sostenibilità. Ponendo in relazione la variabile v24 e v25 emerge che la maggioranza delle imprese che redige un bilancio conforme alle G3 dichiarano un eleva- 20

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Il Protocollo di Kyoto: obiettivi per l Europa e per l Italia

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

Il Bilancio socio-ambientale come veicolo di dialogo coi portatori di interessi (stakeholder)) e di progetti aziendali di Responsabilità Sociale

Il Bilancio socio-ambientale come veicolo di dialogo coi portatori di interessi (stakeholder)) e di progetti aziendali di Responsabilità Sociale Il Bilancio socio-ambientale come veicolo di dialogo coi portatori di interessi (stakeholder)) e di progetti aziendali di Responsabilità Sociale Assolombarda Milano, 19 luglio 2005 Parte Prima Tendenze

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT

Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT Seminario regionale informale su Kyoto e dintorni Bologna, 11 luglio 2005 Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT Domenico Gaudioso Agenzia per la Protezione dell Ambiente

Dettagli

Lez. 2. I principi contabili

Lez. 2. I principi contabili Lez. 2 I principi contabili Il riconoscimento al bilancio del ruolo di strumento informativo a 360 impone al redattore del bilancio l obbligo di tenere un comportamento corretto......ma i redattori avvertivano

Dettagli

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia 2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia EU-ETS: Le esperienze nelle transazioni come incentivo finanziario per l industria chimica 11 Ottobre 2011, Federchimica Guido Busato, Managing Director P.

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

Documento di ricerca n. 190

Documento di ricerca n. 190 ASSIREVI BO Documento di ricerca n. 190 Modello di relazione della società di revisione indipendente sul bilancio sociale o di sostenibilità GRI G4 Il presente Documento di ricerca intende fornire gli

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano Approfondimenti Bilancio L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano di Paolo Moretti Alla luce delle disposizioni nazionali e comunitarie l applicazione dei principi contabili internazionali

Dettagli

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it CRESCITA ECONOMICA, COMMERCIO INTERNAZIONALE E AMBIENTE NATURALE: DINAMICHE E INTERAZIONI Valeria Costantini CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it 1 CAMBIAMENTO CLIMATICO E PROTOCOLLO DI KYOTO

Dettagli

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 1 Quadro normativo di riferimento (i) Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici adottata a New York

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Indice degli argomenti

Indice degli argomenti Indice degli argomenti Introduzione.. XIX Capitolo 1 Panorama dei principi e delle norme sul bilancio annuale 1 PARTE PRIMA L aspetto formale del bilancio Capitolo 2 La chiarezza formale del bilancio 2.1

Dettagli

Il recepimento delle direttive << emission trading >>. e << linking >> (d.lgs. n. 216/2006) Giuseppe Garzia*

Il recepimento delle direttive << emission trading >>. e << linking >> (d.lgs. n. 216/2006) Giuseppe Garzia* Il recepimento delle direttive >. e > (d.lgs. n. 216/2006) Giuseppe Garzia* SOMMARIO: 1. Introduzione. Il sistema > della direttiva 2003/87/CE e le

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013 AZIENDE ED EMISSIONI DI C0 2 EcoWay - primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading dei certificati di CO 2 - presenta il Report emissioni 2013 1 di gas serra delle aziende italiane sottoposte

Dettagli

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Milano, 28-02-06 www.kyototarget.org Per approfondimenti: Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518110 Cell 333 4963144

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ONERI DERIVANTI AI PRODUTTORI CIP 6 DALL APPLICAZIONE DELL EMISSION TRADING SYSTEM

Dettagli

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme

IAS/IFRS: uno sguardo d insieme IAS/IFRS: uno sguardo d insieme Oramai la globalizzazione contabile è una realtà: i principi contabili nazionali sono destinati ad essere progressivamente sostituiti da una serie di principi e norme riconosciute

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS Approfondimenti Bilancio Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS di Paolo Moretti Le differenze presenti tra i principi contabili internazionali IAS/IFRS e la prassi contabile nazionale

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto. volontari

Il Protocollo di Kyoto. volontari Il Protocollo di Kyoto I Meccanismi obbligatori e volontari Il Protocollo di Kyoto Firmato nel 1997 Ratificato da 153 paesi Entrato in vigore il 16 febbraio 2005 A livello globale 5,2% rispetto al 90 Il

Dettagli

Premessa... 1. Principi contabili nazionali... 1. Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4

Premessa... 1. Principi contabili nazionali... 1. Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4 Sommario Premessa... 1 Principi contabili nazionali... 1 Principi contabili internazionali (IAS IFRS)... 4 Principi contabili nazionali e internazionali: una diversa filosofia... 6 Premessa Colgo l occasione

Dettagli

Carbon Solutions in UniCredit Group. Giorgio Capurri Public and Community Relations

Carbon Solutions in UniCredit Group. Giorgio Capurri Public and Community Relations Carbon Solutions in UniCredit Group Giorgio Capurri Public and Community Relations Green Globe Banking Award - Roma, 22 Aprile 2008 UN GRANDE GRUPPO BANCARIO EUROPEO Gruppo UniCredit Dati principali 1

Dettagli

SCENARI DI EMISSIONE DI GAS SERRA NELLE COMUNICAZIONI NAZIONALI. Roma, 22 aprile 2010. Mario Contaldi

SCENARI DI EMISSIONE DI GAS SERRA NELLE COMUNICAZIONI NAZIONALI. Roma, 22 aprile 2010. Mario Contaldi SCENARI DI EMISSIONE DI GAS SERRA NELLE COMUNICAZIONI NAZIONALI Roma, 22 aprile 2010 Mario Contaldi ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) Dip. AMB, servizio Monitoraggio

Dettagli

Come redigere un bilancio integrato

Come redigere un bilancio integrato Come redigere un bilancio integrato Matteo Brusatori Partner EY DAL BILANCIO ALL INTEGRATED REPORTING UNA PROSPETTIVA POSSIBILE? Studio Mercanti Dorio e Associati - Verona, 26 marzo 2015 Come redigere

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

BILANCIO. Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo.

BILANCIO. Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo. CONTABILITà Guida alla Ifrs 10 «consolidated financial statements» Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo. di Andrea Ferrari

Dettagli

Dalla prospettiva del Tesoro: trade-off tra vari possibili obiettivi di policy

Dalla prospettiva del Tesoro: trade-off tra vari possibili obiettivi di policy Dalla prospettiva del Tesoro: trade-off tra vari possibili obiettivi di policy Riforma del sistema europeo per lo scambio di quote di emissione verso l elaborazione di un approccio italiano alla luce della

Dettagli

L applicazione della direttiva sull emission trading

L applicazione della direttiva sull emission trading L applicazione della direttiva sull emission trading FIRE Il mercato dell efficienza energetica: opportunità legate all incontro fra gli attori 19-20 ottobre 2006 Isola di S. Servolo Venezia Mario Contaldi

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE. del 3 novembre 2008

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE. del 3 novembre 2008 29.11.2008 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 1126/2008 DELLA COMMISSIONE

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

INDICE. Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE

INDICE. Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE VII Introduzione... XIII Parte I TRADABLE POLLUTION RIGHTS: NOZIONE, ORIGINI E CARATTERISTICHE CAPITOLO 1 STRUMENTI ECONOMICI A TUTELA DELL AMBIENTE E TRADABLE POLLUTION RIGHTS 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Comunicato Stampa Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Il report di EcoWay primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading della commodity CO 2 - sui dati

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il Effetto serra ad alta quota di Leonardo Massai* altri inquinanti dei trasporti aerei nazionali e internazionali. Inoltre, secondo quanto deciso dal comitato esecutivo per il Clean Development Mechanism

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 19.5.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 126/43 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 4 maggio 2005 che istituisce il questionario per la relazione sull applicazione della direttiva 2003/87/CE del

Dettagli

Emissions Trading Systems Teoria e Pratica

Emissions Trading Systems Teoria e Pratica Emissions Trading Systems Teoria e Pratica Edilio Valentini (Universita G. D Annunzio di Chieti-Pescara) Piano della lezione Analisi delle principali caratteristiche teoriche e di funzionamento dei permessi

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI PRINCIPIO DI REVISIONE 002 (CNDCEC PR 002) MODALITA DI REDAZIONE DELLA RELAZIONE DI CONTROLLO CONTABILE AI SENSI DELL ART. 2409

Dettagli

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE

DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE DATI ECONOMICI E PATRIMONIALE CONSOLIDATI PRO-FORMA DELL EMITTENTE SEMESTRALE AL 31 DICEMBRE 2014 1 Premessa In applicazione del D. Lgs. del 28 febbraio 2005, n. 38, Esercizio delle opzioni previste dall

Dettagli

Emission trading europeo e processi di eco-innovazione industriale

Emission trading europeo e processi di eco-innovazione industriale Emission trading europeo e processi di eco-innovazione industriale S. Pontoglio, R. Zoboli Istituto di Ricerca sull'impresa e lo Sviluppo, CNR, Milano, Italia Università Cattolica, Milano, Italia s.pontoglio@ceris.cnr.it

Dettagli

Obiettivi (Progetto esecutivo)

Obiettivi (Progetto esecutivo) Programma delle Ricerche Strategiche 2004/2005 Produzione e uso razionale e sostenibile dell energia - Parte III Project leader: Alessandro Colombo Emission trading in Lombardia: Studio per una ipotesi

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

2 ARGOMENTI INTRODUTTIVI... 3 3 EMISSION TRADING EUROPEO... 6 4 IL REGISTRO NAZIONALE DELLE QUOTE E DELLE EMISSIONI...10

2 ARGOMENTI INTRODUTTIVI... 3 3 EMISSION TRADING EUROPEO... 6 4 IL REGISTRO NAZIONALE DELLE QUOTE E DELLE EMISSIONI...10 2 ARGOMENTI INTRODUTTIVI... 3 2.1 IL PROTOCOLLO DI KYOTO... 3 2.2 LE UNITÀ DI KYOTO... 4 3 EMISSION TRADING EUROPEO... 6 3.1 LA DIRETTIVA EMISSION TRADING (ET)... 6 3.2 I SETTORI INDUSTRIALI REGOLATI DALLA

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

Il modello GRI. silvia cantele - rendicontazione e controllo sociale e ambientale 2011-2012. Concetto di sostenibilità - Sviluppo sostenibile

Il modello GRI. silvia cantele - rendicontazione e controllo sociale e ambientale 2011-2012. Concetto di sostenibilità - Sviluppo sostenibile Il modello GRI 1 Concetto di sostenibilità - Sviluppo sostenibile Sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni (Rapporto

Dettagli

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi La nuova direttiva sull'efficienza energetica Paolo Bertoldi L utilizzo dell energia è una fonte importante di emissioni Parte dei gas ad effetto serra 2008 Agricoltura 10% Industria 8% Rifiuti 3% Energia

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

I mercati per l ambiente. Corso di Progettazione di Sistemi Energetici

I mercati per l ambiente. Corso di Progettazione di Sistemi Energetici I mercati per l ambiente Corso di Progettazione di Sistemi Energetici I mercati ambientali Nel contesto delle politiche di sviluppo delle fonti rinnovabili e dell efficienza energetica, il GME organizza

Dettagli

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali ed internazionali IFRS IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Francesco Chiulli 2 dicembre 2009 Indice Progetto

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi Raffaele Mazzeo 24 novembre 2003 Alcuni luoghi

Dettagli

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE

I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE I BILANCI COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE AZIENDALE 1 Bilancio e comunicazione aziendale Vi sono diverse tipologie di bilanci: Obbligatori: quando sono previsti da norme di legge (bilancio d esercizio,

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

La sostenibilità, vantaggio competitivo per operare nell upstream La cultura e la pratica della sostenibilità nei comportamenti imprenditoriali

La sostenibilità, vantaggio competitivo per operare nell upstream La cultura e la pratica della sostenibilità nei comportamenti imprenditoriali La sostenibilità, vantaggio competitivo per operare nell upstream La cultura e la pratica della sostenibilità nei comportamenti imprenditoriali Assomineraria, Milano 13 Febbraio 2015 Partiamo con una domanda

Dettagli

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI

Register ID: 83425058760-88 CONSIDERAZIONI GENERALI Risposta di Federacciai alla consultazione pubblica sulle misure strutturali per rafforzare il sistema ETS contenute nel Report della Commissione The state of the European carbon market in 2012 Register

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT Varese, 16 luglio 2007 Mario Mazzoleni info@mariomazzoleni.com www.mariomazzoleni.com LA CSR L integrazione su base volontaria delle preoccupazioni

Dettagli

Introduzione agli IAS

Introduzione agli IAS Introduzione agli IAS Lucidi delle relazioni di Giovanni Pappalardo Istituto Poster - Vicenza Milano - 28 Maggio 2008 1 Agenda 1. Il percorso verso i principi contabili internazionali (IAS/IFRS) 2. I postulati,

Dettagli

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini Emission Trading: i costi del Protocollo Giovanni Straffelini Dicembre 2004: la Russia ha ratificato il Protocollo di Kyoto Il 18 febbraio il Protocollo di Kyoto è entrato in vigore ed è vincolante per

Dettagli

Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050. Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1

Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050. Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1 Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050 Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1 Negli ultimi anni diversi comuni hanno sperimentato attività volte alla riduzione delle

Dettagli

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Tokyo Cap and Trade Program (TCTP) Progetto LAIKA Mid-term Conference Bologna, 3 Maggio 2012 Andrea Accorigi Dottorato IAPR andrea.accorigi@gmail.com 1 Indice

Dettagli

(G.U.U.E n. L 282 del 26 ottobre 2005)

(G.U.U.E n. L 282 del 26 ottobre 2005) REGOLAMENTO (CE) N. 1751/2005 DELLA COMMISSIONE del 25 ottobre 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 1725/2003 della Commissione che adotta taluni principi contabili internazionali conformemente al

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA

nelle aziende (XX ciclo) Università degli Studi di Parma POSIZIONE ACCADEMICA ATTUALE POSIZIONE UNIVERSITARIA (Aggiornato a MARZO 2013) NOME E COGNOME E-MAIL Paola Ramassa ramassa@economia.unige.it CURRICULUM STUDI LAUREA Laurea in Economia e Commercio (indirizzo aziendale) Università degli Studi di Genova DOTTORATO

Dettagli

Contrastare i cambiamenti climatici in Europa: strumenti normativi e approcci volontari

Contrastare i cambiamenti climatici in Europa: strumenti normativi e approcci volontari Contrastare i cambiamenti climatici in Europa: strumenti normativi e approcci volontari Roberto Raccanelli 10 giugno 2015 Corso di Ecologia e sostenibilità dei sistemi produttivi Indice Tipologie di rendicontazione

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ Contributo allo sviluppo sostenibile Finmeccanica interpreta il concetto di sostenibilità come capacità di un organizzazione di generare valore nel tempo. Il

Dettagli

Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali e internazionali

Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali e internazionali Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali e internazionali Giovanni Ferraioli Roma 2 dicembre 2009 PwC Agenda IFRS 8 Segment Reporting Cenni su IFRIC 13 e IFRIC

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione al 31 Marzo 2015

Resoconto intermedio di gestione al 31 Marzo 2015 Resoconto intermedio di gestione al 31 Marzo 2015 Indice La nostra missione... 3 Premessa... 4 Sintesi dei risultati... 7 Risultati economici per area di attività... 11 > Italia... 15 > Penisola iberica...

Dettagli

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007)

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Modulo 1 Dettaglio delle società incluse nell area di consolidamento Modulo 2 Dettaglio delle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

Alla fine dell anno considerato, lo Stato patrimoniale della società risulta il seguente:

Alla fine dell anno considerato, lo Stato patrimoniale della società risulta il seguente: CASO AZIENDALE 1 Costituzione di una spa, apporto di un azienda funzionante, contabilizzazione dell avviamento secondo i principi contabili nazionali e internazionali (IAS 36) di Manuel SALVAGGIO MateriA:

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

KYOTO, l Europa, l Italia e il PRINCIPIO di EQUITA

KYOTO, l Europa, l Italia e il PRINCIPIO di EQUITA KYOTO, l Europa, l Italia e il PRINCIPIO di EQUITA SLIDES di sintesi dei principali risultati di uno studio promosso dai settori contribuenti svolto dalla Stazione sperimentale per i Combustibili nel 2005-2006

Dettagli

Primi risultati della simulazione di Emission Trading

Primi risultati della simulazione di Emission Trading The Regional Dimension of ET: DesAir LIFE Project Final Conference Primi risultati della simulazione di Emission Trading Edoardo Croci Lucia Luzi Sabrina Melandri Milano, 27 settembre 1 Il progetto DesAir

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

INDICE DEI CONTENUTI

INDICE DEI CONTENUTI CARBON FOOTPRINT Rapporto 2013 15/04/2014 INDICE DEI CONTENUTI IN SINTESI... 3 RILEVANZA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO PER IL GRUPPO MONTEPASCHI... 5 GESTIONE IMMOBILIARE... 8 MOBILITA BUSINESS... 9 ACQUISTO

Dettagli