RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2011"

Transcript

1 RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2011

2 RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2011

3 INDICE Lettera del Presidente 4 Introduzione del Direttore Generale 5 Nota metodologica 6 1. PROFILO Il Gruppo CEV: un network per l eccellenza nel settore dell energia La struttura e le attività del Gruppo Le tappe dello sviluppo Missione e valori Le priorità strategiche Assetto societario e organizzativo del Gruppo CEV L impegno per lo sviluppo sostenibile Il contributo allo sviluppo sostenibile: impegni, risultati ed obiettivi Gli stakeholder del Gruppo PERFORMANCE ECONOMICA Principali risultati economici Il Valore Aggiunto prodotto e distribuito PERFORMANCE SOCIALE Le persone del Gruppo CEV Profilo dei dipendenti 33

4 3.1.2 Selezione, gestione e sviluppo Formazione e crescita professionale Comunicazione interna Benessere organizzativo e ambiente di lavoro Salute e sicurezza Le relazioni con i Soci/Clienti Servizi innovativi e di qualità Attività di comunicazione, informazione e promozione Formazione e cultura sui temi dell energia Enti, Istituzioni e collettività La partecipazione ai Progetti europei La collaborazione con Enti ed Istituzioni nazionali Iniziative di educazione e sensibilizzazione PERFORMANCE AMBIENTALE Servizi energetici e ambientali Acquisto consapevole dell energia Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Efficienza energetica e riduzione dei consumi Impatti ambientali diretti Il processo di dematerializzazione dei servizi 68

5 Lettera del Presidente Nel corso del 2011 il Consiglio Direttivo del Consorzio CEV ha deciso di avviare un processo di rendicontazione eticosociale dell attività svolta a favore dei Soci per rendere conto dei propri impegni e dei risultati conseguiti a favore dello sviluppo sostenibile. Questo obiettivo si è concretizzato nella redazione del Rapporto di Sostenibilità dell anno 2011 che costituisce non solo il documento pubblico relativo alla performance economica, sociale ed ambientale di CEV, complementare al bilancio annuale approvato dall Assemblea dei Soci, ma anche l occasione di esplicitare il modello organizzativo e gestionale che ha contributo ad evolvere il Consorzio in un riferimento d eccellenza per le Amministrazioni Pubbliche nella gestione dell energia, riconosciuto sia in ambito nazionale che europeo. Nel redigere il documento abbiamo esplicitato il ruolo del Consorzio rispetto alle Società partecipate Global Power S.p.A., Global Power Service S.p.A., e-globalservice S.p.A., identificando la nostra organizzazione nel Gruppo CEV. Il Consorzio ha individuato in e-globalservice, fautrice nel 2002 della nascita stessa di CEV, il partner privato per costituire la società per il trading dell energia, Global Power, e la società per i progetti di energy saving, Global Power Service E.S.Co. Le attività svolte a vantaggio dei Soci sono programmate e gestite in funzione di un Accordo Quadro che regola i rapporti fra il Consorzio e le Società Partecipate, impegnandole a realizzare in modo sinergico gli obiettivi definiti dal Consiglio Direttivo CEV e finalizzati alla riduzione dei costi e dei consumi energetici per i Soci. La scelta di questo modello organizzativo ha consentito al Consorzio di aggregare sempre più Enti e di ritagliarsi un ruolo di primo piano grazie alla solidità delle singole partecipate che, in questi anni, hanno contribuito a capitalizzare un valore di Gruppo tale da consentire ai Soci la realizzazione di progetti virtuosi evitando di impattare sui propri bilanci, anche in una congiuntura economica difficile quale quella attuale. Il valore etico del Rapporto di Sostenibilità, dunque, deve essere valutato non solo in termini di risultati conseguiti quali prodotto dell attività svolta, ma anche in termini di eccellenza organizzativa e gestionale in grado di costruire e consolidare un modello di sviluppo concretamente sostenibile. Gianfranco Fornasiero Presidente Consorzio CEV 4 Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità 2011

6 Introduzione del Direttore Generale Il Consorzio CEV nasce nel dicembre del 2002, agli albori della liberalizzazione del mercato dell energia elettrica, quando le opportunità di sfruttare la competitività messa in atto dai grandi player era destinata ai gruppi industriali, noti come energivori, che per gli elevati consumi erano ammessi al libero mercato. CEV fu un intuizione felice perché gli Enti, aggregandosi, potevano partecipare a questa apertura e conseguire importanti performance economiche iniziando a gestire imprenditorialmente l energia. Quest opportunità, sin dalla costituzione del Consorzio, è stata estesa a molti Enti realizzando una struttura che supportasse i Comuni in un settore ostico e che operasse sfruttando le profonde e continue trasformazioni del mercato per garantire l abbattimento dei costi dell energia. A questo scopo abbiamo attivato, senza costi per i Soci, consulenze, progetti e servizi in grado di autofinanziarsi per produrre energia, per ridurre i consumi aumentando l efficienza e la sicurezza di impianti e strutture, per trasferire conoscenza e competenza, realizzando un modello operativo virtuoso: innovativo, essenziale e con costi di gestione estremamente contenuti. Ciò che distingue e dà forza al Consorzio CEV è la sinergia con le Società Partecipate (Global Power Global Power Service e-globalservice) che consente la condivisione delle risorse, delle competenze specialistiche e del know-how, conciliando esigenze progettuali, economiche, finanziarie, tecnologiche e gestionali a vantaggio del Socio del Consorzio CEV. Integrare tali risorse e competenze attraverso figure altamente specializzate significa poter disporre in tempi rapidi e certi degli strumenti operativi necessari per raggiungere obiettivi di qualità ed efficienza ed offrire la migliore risposta alle esigenze dei Soci del Consorzio CEV e dei clienti delle Società del Gruppo. Siamo consapevoli che il valore espresso dall efficienza della nostra organizzazione costituisce il primario elemento di risparmio per i Soci CEV e che questo valore è, contestualmente, opportunità di sviluppo delle attività in un momento di riorganizzazione della Pubblica Amministrazione, che ha la necessità di aggregare funzioni e competenze per abbattere i costi e per salvaguardare l ambiente. Gaetano Zoccatelli Direttore Consorzio CEV Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità

7 Nota Metodologica I temi della responsabilità sociale e della sostenibilità sono parte integrante non solo della cultura del Gruppo CEV, ma anche della sua stessa mission: le aziende che ne fanno parte, infatti, hanno come obiettivi fondamentali quelli di migliorare l efficienza energetica e di promuovere la sostenibilità ambientale, nel rispetto della normativa e nell interesse della collettività. Il documento è stato redatto secondo le Linee Guida della Global Reporting Initiative (GRI), nella versione più recente e comunemente nota come G3. Il processo di rendicontazione ha previsto l identificazione degli aspetti significativi da rendicontare: in particolare, la selezione degli indicatori G3 da includere è avvenuta in base ad un accurata valutazione della finalità informativa di ciascuno di essi e della loro attinenza con le attività del Gruppo CEV e con gli interessi dei suoi stakeholder. Per la dimensione economica e sociale sono stati utilizzati anche i Principi di rendicontazione redatti dal Gruppo di studio per il Bilancio Sociale (GBS). La raccolta dei dati è stata supportata da un processo strutturato per il reperimento delle informazioni e dei dati, ed è stata coordinata da un Gruppo di lavoro composto dai referenti di diverse funzioni che rappresentano trasversalmente tutte le aree connesse alla rendicontazione sociale, ambientale ed economica. I dati e le informazioni contenuti nel Rapporto di Sostenibilità 2011 sono riferiti alle Società che fanno parte del Gruppo CEV e fanno riferimento al periodo compreso tra l 1/1/2011 e il 31/12/2011. Nel perimetro di rendicontazione sono incluse le Società Global Power S.p.A., Global Power Service S.p.A., e-globalservice S.p.A. e il Consorzio CEV, le quali sono legate da partecipazioni azionarie e da un Accordo Quadro, volto a sviluppare le iniziative del Consorzio a favore dei Soci, che le rende un Gruppo organico, pur non avendo personalità giuridica. Non esistendo un Bilancio Consolidato a livello di Gruppo, i dati quantitativi di carattere sociale, economico e ambientale vengono presentati in maniera aggregata ai fini della coerenza e della comparabilità degli indicatori 6 Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità 2011

8 negli anni e comprendono anche l attività, se pur minoritaria, svolta dalle Società al di fuori dell Accordo Quadro a favore di terzi (privati e partite I.V.A.). La rendicontazione si basa su una serie di principi che garantiscono una presentazione equilibrata della performance d impresa, tali principi sono posti a garanzia del contenuto e della qualità del Report: Completezza, Inclusività degli stakeholder, Materialità, Contesto di sostenibilità - le informazioni e i dati raccolti riflettono gli impatti significativi del Gruppo dal punto di vista economico, sociale e ambientale, che influenzano in modo sostanziale le valutazioni e le decisioni delle diverse categorie di stakeholder; 2. la Perfomance economica, con l analisi dei dati economici e il calcolo della produzione e distribuzione del Valore aggiunto; 3. la Perfomance sociale analizza i risultati sociali prodotti nei confronti delle varie categorie di stakeholder; 4. la Perfomance ambientale evidenzia l impatto ambientale e le politiche adottate per perseguire uno sviluppo sostenibile. Il presente Rapporto è disponibile on line nei siti delle società 1 del Gruppo. Per chiarimenti e approfondimenti su quanto rendicontato, è possibile inviare una mail a Equilibrio - i dati sono esposti in maniera oggettiva e sistematica, su una struttura informativa applicata nel tempo e progressivamente migliorata; Comparabilità, Chiarezza - sono stati utilizzati dati e informazioni che descrivono la performance del Gruppo in rapporto ai temi rilevanti e gli indicatori, laddove possibile, sono comparati con quelli dei due anni precedenti e sono commentati in modo da spiegare anche variazioni significative; Accuratezza, Affidabilità - i dati sono stati raccolti, analizzati e verificati dai vari responsabili di area; Tempestività - il Report viene pubblicato con cadenza annuale e condiviso con le principali categorie di interlocutori. Il Rapporto di Sostenibilità 2011 è articolato in diverse sezioni: 1. il Profilo illustra l identità del Gruppo CEV, esplicitandone missione, governance, attività e impegno nella sostenibilità; Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità

9 1 Profilo OPERATORE INDIPENDENTE DEL SETTORE ENERGIA PRE- SENTE SU TUTTO IL TERRITO- RIO NAZIONALE, IL GRUPPO CEV AFFIANCA ENTI PUBBLICI E AZIENDE PRIVATE NELLA GE- STIONE DI NUMEROSI SERVIZI ENERGETICI E AMBIENTALI.

10 HIGHLIGHTS I Soci del Consorzio CEV 3,2 milioni di euro L utile netto del Gruppo CEV Le utenze del servizio di vendita di energia elettrica Circa 140 milioni di euro Il fatturato del Gruppo CEV 9 I nuovi software sviluppati in house 262 I nuovi impianti fotovoltaici realizzati sul territorio nazionale

11 1.1 Il Gruppo CEV: un network per l eccellenza nel settore dell energia Il Gruppo CEV è un operatore indipendente del settore energia presente su tutto il territorio nazionale. Attraverso un know-how altamente qualificato e all avanguardia, il Gruppo CEV affianca Enti pubblici e aziende private nella gestione di numerosi servizi energetici e ambientali: acquisto e vendita di energia, produzione di energia da fonti rinnovabili, servizi per l efficienza energetica e per l ambiente, formazione e consulenza tecnica e amministrativa. Consapevole dei risvolti sociali e ambientali della propria attività, il Gruppo CEV opera non solo a vantaggio dei Soci/Clienti - fornendo un assistenza innovativa e personalizzata - ma sensibilizzando e promuovendo presso le istituzioni, la collettività e le nuove generazioni una nuova cultura dell energia, un utilizzo efficiente delle risorse e la lotta ai cambiamenti climatici. Inoltre, il Gruppo CEV ha costruito una serie di relazioni e partnership a livello europeo attraverso la partecipazione a progetti e la condivisione di esperienze e best practice in tema di ambiente ed energia, in attuazione degli orientamenti e delle politiche comunitarie in materia. 10 Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità 2011

12 1.1.1 La struttura e le attività del Gruppo 1 Il Gruppo CEV è una realtà articolata e diversificata, costituita da soggetti interdipendenti i quali agiscono a diversi livelli del settore energia: Gruppo di acquisto per l energia Promozione efficienza energetica e fonti rinnovabili Attività di supporto, informazione e formazione sui temi dell energia CONSORZIO CEV Consorzio di Enti pubblici per l energia EGS e-globalservice Spa (Operating activities) GPS Global Power Service Spa ESCO (Consulenze e servizi per l energia) GP Global Power Spa (Energy Trading) Servizi di consulenza tecnico-amministrativa, commerciale e organizzativa Servizi personalizzati di Call Center Front-office e back-office Produzione di applicativi e supporto operativo Servizi assicurativi Progettazione, realizzazione e gestione impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili Progettazione, riqualificazione e gestione impianti di illuminazione pubblica e impianti di riscaldamento Assistenza e consulenza in materia energetica, ambientale e sviluppo di progetti di efficienza energetica Fornitura energia elettrica e gas Gestione consumi, supporto finanziario e tecnico sui temi della fornitura d energia Investimenti in impianti di produzione di energia rinnovabile Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità

13 1.1.2 Le tappe dello sviluppo 2002 Su iniziativa di ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) Veneto e di e-globalservice SpA, 7 Comuni creano il Consorzio CEV, con l obiettivo di ridurre i costi d acquisto dell energia e offrire servizi di carattere tecnico e amministrativo relativi all energia Viene siglato il primo accordo di fornitura di energia: i primi risultati suscitano un interesse immediato e consentono al Consorzio CEV di dotarsi di una struttura rilevante. L organizzazione raggiunge il primo grande obiettivo dei 200 associati Viene costituita Global Power SpA, una Società di trading per l acquisto dell energia sul libero mercato, su iniziativa del Consorzio CEV e di e-globalservice SpA Viene costituita Global Power Service SpA, Società E.S.C.O. riconosciuta dall Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) per l attuazione di progetti di risparmio energetico e di produzione d energia da fonti rinnovabili, sempre su iniziativa del Consorzio CEV e di e-globalservice Il Consorzio CEV raggiunge un importante risultato: il 30% dell energia elettrica acquistata proviene da fonti rinnovabili ed è certificata R.E.C.S. (Renewable Energy Certificate System) Vengono attivati nuovi importanti servizi: l assistenza legale per le problematiche energetiche; il servizio di consulenza illuminotecnica e di produzione d energia da fonti rinnovabili; il programma di ticketing per la gestione delle pratiche commerciali e di assistenza ai Soci/Clienti del Consorzio CEV Nell ottica di valorizzare le competenze possedute viene avviato il Progetto 1000 tetti fotovoltaici su 1000 scuole, per dare la possibilità agli Enti Soci di avere un impianto fotovoltaico. A partire dal 2008 l intera fornitura di energia elettrica è verde, certificata R.E.C.S Vengono realizzati i primi 100 impianti fotovoltaici nell ambito del Progetto 1000 tetti fotovoltaici su 1000 scuole. Viene attivato un innovativo sistema per la gestione elettronica di pratiche e documenti. Per iniziativa del Consorzio CEV, e-globalservice avvia il progetto di formazione Referente per l Energia, realizzato in collaborazione con ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile) per fornire conoscenze e competenze di carattere energetico ai dipendenti degli Enti Soci del Consorzio. Viene promossa la prima edizione del concorso nazionale 1000 tetti fotovoltaici il Luogo della Sostenibilità, in collaborazione con il MIUR Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca. Il Consorzio CEV aderisce al Progetto europeo EnergyCity che promuove lo sviluppo di metodologie e strumenti per l analisi e la riduzione delle emissioni di CO₂. Viene implementato il portale CRM, un sistema di Customer Relationship Management per accedere on line a tutte le informazioni relative alle utenze elettriche. Viene raggiunto l importante obiettivo dei Enti Soci del Consorzio, traguardo premiato dall'allora Ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta in occasione di ANCI Expo, rassegna espositiva dell'assemblea. 12 Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità 2011

14 Il Consorzio CEV sigla un protocollo di intesa con il MIUR con l obiettivo di diffondere, attraverso iniziative e progetti comuni, una nuova cultura dell energia tra gli studenti e le nuove generazioni. E-Globalservice realizza l archiviazione digitale di tutto il materiale documentale e dà avvio ad una gestione completamente informatizzata dei servizi e delle procedure interne. Viene avviata la seconda fase del Progetto 1000 tetti fotovoltaici su 1000 scuole con la realizzazione degli impianti fotovoltaici a terra. Viene attivato il Progetto Sicurezza e Risparmio per consentire ai Soci di ridurre i consumi di gas grazie alla sostituzione dei generatori di calore obsoleti con apparecchi altamente performanti ed efficienti Il Consorzio CEV riceve, primo caso in Italia, due importanti riconoscimenti: a gennaio viene riconosciuto dalla Commissione Europea come struttura di supporto, per il Patto dei Sindaci, l iniziativa dell Unione Europea che promuove la sostenibilità energetica e ambientale delle città, affiancando gli Enti Soci nella realizzazione dei P.A.E.S. (Piani d Azione per l Energia Sostenibile). Contestualmente il Consorzio CEV diventa partner italiano della Campagna Europea SEE (Sustainable Energy Europe), la campagna della Commissione Europea sostenuta in Italia dal Ministero dell'ambiente e finalizzata a diffondere la conoscenza e l'utilizzo di energie sostenibili e prodotti di edilizia ecologica. Nel corso del 2011 il Consorzio CEV è chiamato a partecipare, in qualità di osservatore, al Programma Europeo MED per l efficienza energetica degli edifici. Viene attivato il Progetto Piano della Luce per consentire ai Soci di mettere a norma e riqualificare gli impianti di Illuminazione Pubblica, senza costi, riducendo i consumi di energia elettrica grazie alla maggiore efficienza degli impianti. Prende il via l attività di Dispacciamento per consentire ai Soci del Consorzio ulteriori risparmi sui costi d acquisto dell energia elettrica. Viene effettuato l aumento di capitale della società Global Power S.p.A. che passa da 500 mila a ,00 interamente versati. Viene avviato il percorso per ottenere la certificazione di qualità ISO 9001 per tutte le Società del Gruppo. E-globalservice procede con lo sviluppo e l implementazione degli applicativi in uso alle Società del Gruppo. Continua la realizzazione di impianti di produzione d energia per i Soci con i 149 impianti fotovoltaici a terra realizzati a Popoli (PE) ed in provincia di Agrigento, a Cianciana ed a Cattolica Eraclea. Nasce una struttura ad hoc dedita alla manutenzione degli impianti. CEV si struttura, dotandosi di personale qualificato, per affiancare i Soci nella realizzazione dei P.A.E.S. (Piano d Azione per l Energia Sostenibile). Dal 2011 è stata sottoscritta per i Soci del Consorzio CEV una convenzione che garantisce un importante sconto sul Valore della Componente materia prima GAS (C.G.I.) applicata dal fornitore del Mercato di Tutela del Gas. Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità

15 1.1.3 Missione e valori La Missione La missione del Gruppo CEV è fornire energia e servizi eccellenti in grado di soddisfare le esigenze dei propri Soci/Clienti. Il Gruppo CEV persegue la sua missione e basa il suo sviluppo su: innovazione tecnologica e di servizio efficienza e sostenibilità dei processi e dei servizi offerti assistenza integrata e personalizzata dei Soci/Clienti del Consorzio CEV chiarezza e trasparenza delle offerte di servizi eccellenza e know-how delle proprie persone I valori Il Gruppo CEV si riconosce in una serie di valori che ispirano le strategie e le attività delle Società che ne fanno parte. È sulla loro base che il Gruppo CEV intende continuare a perseguire la propria missione ed affrontare con successo le sfide future. Innovazione Sostenibilità Tecnologia Trasparenza Risparmio Efficienza 14 Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità 2011

16 1.1.4 Le priorità strategiche 1 Il Gruppo CEV intende proseguire il suo percorso di crescita e consolidare il proprio ruolo all interno del settore dell energia, potenziando le attività già in essere e implementando nuovi progetti. Sulla base degli eccellenti risultati conseguiti, le priorità strategiche per il breve periodo confermano la validità delle scelte finora adottate: Leadership nel settore dell energia elettrica e crescita nel settore del gas Il Gruppo CEV intende consolidare il ruolo di operatore specializzato nella fornitura di energia, riducendo ulteriormente i costi per l acquisto dell energia elettrica e incrementando la fornitura di gas, che prevede contestualmente l analisi energetica degli impianti. Al fine di perseguire tale obiettivo un forte impulso verrà dato alla promozione di azioni e attività volte a migliorare l efficienza energetica degli impianti per ridurre i consumi, proseguendo con i progetti Sicurezza e Risparmio e Piano della Luce e puntando anche alla riqualificazione degli edifici per migliorarne le performance energetiche. Rafforzamento nel settore delle fonti rinnovabili Il Gruppo CEV intende rafforzare l impegno nel settore delle fonti rinnovabili, consolidando l attività di progettazione, realizzazione e gestione di impianti di produzione d energia da fonti rinnovabili. In particolare saranno ultimati tutti gli impianti fotovoltaici previsti dal progetto 1000 tetti fotovoltaici su 1000 scuole che nel contempo si propone quale importante strumento di educazione degli studenti sull utilizzo di energia rinnovabile e sul risparmio delle emissioni di CO 2. Attraverso la controllata Centroelettrica S.p.A., sta proseguendo il consolidamento della posizione del Gruppo nella produzione di energia elettrica, in particolare con investimenti su impianti di tipo idroelettrico ad acqua fluente. E entrata in esercizio nel dicembre 2011 una nuova centrale sul fiume Panaro in provincia di Modena, portando a 9 gli impianti di produzione totali operativi per una potenza installata di kwp ed una produzione media annua di kwh. Sono in corso di ristrutturazione altri 2 impianti. Informatizzazione ed eccellenza operativa al servizio dei Soci/Clienti Nell ambito dell innovazione tecnologica, il Gruppo CEV intende favorire una completa informatizzazione dei servizi offerti ai Soci/Clienti, perfezionando il servizio di CRM (Customer Relationship Management), garantendo l aggiornamento on-line dei corsi di formazione erogati, diversificando le attività del Call Center, implementando il servizio di video-conferenza, sviluppando nuovi applicativi. In tal modo il Gruppo CEV intende rafforzare la propria capacità di offrire ai clienti assistenza e strumenti in maniera efficiente e innovativa, con il vantaggio di ridurre ulteriormente i costi salvaguardando l ambiente. Supporto e affiancamento nei Progetti Europei Il Gruppo CEV intende rafforzare la propria attività di networking a livello europeo, consolidando le relazioni con prestigiosi partner istituzionali, accademici e scientifici e implementando nuove attività, al fine di valorizzare e condividere le esperienze e le competenze possedute. Quale struttura di Supporto di Secondo livello del Patto dei Sindaci, il Gruppo si propone di consolidare l attività di promozione e sensibilizzazione dell iniziativa, anche attraverso il Forum on line attivato nel sito web del Consorzio CEV. Inoltre, il Gruppo CEV intende attivare azioni di consulenza e indirizzo sulle attività previste dalla campagna per la realizzazione del P.A.E.S. (Piano d Azione per l Energia Sostenibile), dotandosi di personale interno qualificato ed implementando convenzioni con Enti e Centri di ricerca come quelle già avviate con le Università di Padova, Bologna e Parma. In qualità di partner del progetto europeo EnergyCity, volto a ridurre le emissioni di CO 2 nelle aree urbane, il Gruppo CEV implementerà una serie di azioni sperimentali in alcuni Comuni italiani. Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità

17 1.2 Assetto societario e organizzativo del Gruppo CEV Assetto societario 85% Comuni e Province 8,5% Altri Enti e società 6,5% Strutture di ricovero CONSORZIO CEV EGS e-globalservice Spa GPS Global Power Service Spa GP Global Power Spa 51% Vittoria Srl 34 % General Consulting Service 10% ANCI SA Srl 5% Consorzio CEV 49% e-globalservice Spa 30,6% Consorzio CEV 20,4% Global Power Spa 49% e-globalservice Spa 30,6% Consorzio CEV 20,4% Global Power Service Spa 16 Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità 2011

18 1 Governance e organizzazione Nella consapevolezza che un efficiente sistema di governo rappresenti uno degli elementi essenziali per la creazione di valore sostenibile, il Gruppo CEV ha adottato un modello fondato sulla condivisione delle scelte strategiche e gestionali, in modo da rispondere alle aspettative di tutti gli stakeholder, assicurando loro la correttezza e la regolarità delle operazioni. Il Consorzio CEV e tutte le Società che fanno parte del Gruppo hanno organi amministrativi composti da almeno tre membri e sono supervisionate da organismi di controllo contabile, i bilanci civilistici sono certificati. La suddivisione dei ruoli è coerente con la visione unitaria del Gruppo, nel rispetto delle reciproche responsabilità esplicitate da un Accordo Quadro, in cui le singole Società operano nell ambito di tale assetto impegnandosi a svolgere attività a vantaggio dei Soci del Consorzio secondo le linee generali dallo stesso definite, precisando l assegnazione di deleghe e poteri tra esse. Il Consiglio Direttivo del Consorzio CEV, forte dell esperienza e delle competenze dei suoi Amministratori e nel rispetto dell Accordo Quadro, individua le linee di azione e i progetti da implementare, rispetto ai quali le Società del Gruppo avanzano delle proposte. Una volta approvata la proposta, lo sviluppo del progetto è definito tramite Accordi specifici che identificano precisi obiettivi in relazione alle aree di intervento e regolano di volta in volta gli impegni delle Società del Gruppo. Sul versante organizzativo, per razionalizzare la gestione delle attività all interno del Gruppo, è stata definita una struttura che fa capo a e-globalservice - incaricata della gestione e dell operatività di tutte le iniziative messe in campo, la quale prevede: - interconnessioni operative e rapporti intercompany tra i diversi soggetti del Gruppo; - un sistema informatico unificato e un corpus di procedure comuni; - la centralizzazione di funzioni e servizi. Inoltre, per conferire efficienza e continuità all implementazione dei servizi, e a garanzia della corretta ed efficace gestione degli stessi, il Presidente di e-globalservice Spa è stato chiamato a ricoprire l incarico di Direttore del Consorzio CEV, senza alcun compenso aggiuntivo. Nel corso del 2011 il Gruppo si è dotato di una struttura per espletare le gare ad evidenza pubblica ad esempio per l acquisto di energia e per svolgere tutte le funzioni in nome e per conto dei Soci Pubblici del Consorzio CEV. Contestualmente, è stato istituito un Comitato di coordinamento inter-gruppo composto da funzioni aziendali apicali a ciascuna Società - con il compito di raccordare le diverse attività e orientarle operativamente, in attuazione delle indicazioni ricevute dal Consiglio Direttivo del Consorzio CEV. Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità

19 Organigramma Gruppo CEV DIREZIONE Direttore Consorzio CEV - AD e-globalservice AD Global Power - AD Global Power Service Amministrazione, Controllo, Personale e Ufficio Legale Information Technology Energia E.s.c.o. Marketing, Comunicazione Assicurazioni Sourcing, Dispacciamento Patto dei Sindaci Collaborazione e impegni in iniziative esterne Le Società del Gruppo CEV hanno sviluppato una significativa rete di partnership e partecipano a diverse organizzazioni professionali, nazionali e locali. Il Consorzio CEV collabora stabilmente con l ANCI, l Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, per la realizzazione di iniziative formative e promozionali. Global Power Spa aderisce a Confindustria Verona ed ha una partecipazione in CIS Compagnia Investimenti e Sviluppo, che riunisce imprenditori del Nord Est italiano con l obiettivo di favorire nuove opportunità di business capaci di generare profitti e ricadute positive sul territorio. e-globalservice Spa, infine, aderisce all AIV Associazione Imprenditori Comprensorio Villafranchese, punto di riferimento del tessuto economico e produttivo dell area compresa tra le Provincie di Verona e Mantova. 18 Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità 2011

20 1.3 L impegno per lo sviluppo sostenibile 1 Lo sviluppo sostenibile è un fattore cruciale nell esercizio delle attività del Gruppo CEV. Operare in modo sostenibile significa creare valore per tutti gli stakeholder, un valore che comprende nel contempo gli aspetti economici e quelli di rilevanza ambientale e sociale. Il Gruppo CEV considera lo sviluppo sostenibile quale motore di un processo di miglioramento continuo, per questo garantisce la sostenibilità delle sue attività attraverso un modello operativo orientato all'innovazione e all efficienza e, contestualmente, si impegna a promuoverne i principi nei confronti dei propri interlocutori. sfide del contesto attuale: rispondere al crescente fabbisogno di energia, contribuire concretamente alla lotta contro il cambiamento climatico e ottimizzare l impiego delle risorse. Attraverso la predisposizione del presente Rapporto di Sostenibilità, il Gruppo CEV conferma e rafforza l impegno ad integrare la sostenibilità nella gestione dei processi, nelle strategie e nelle attività. Il Gruppo CEV persegue l obiettivo primario di garantire la sostenibilità economica e finanziaria dei Soci/Clienti del Consorzio CEV, attraverso un attenta individuazione e successiva progettazione dei servizi offerti e delle iniziative da implementare, al fine di non gravare sul Bilancio degli Enti e di accrescerne la disponibilità finanziaria tramite la riduzione sia dei costi d acquisto dell energia e sia della quantità d energia acquistata. Contestualmente il Gruppo CEV è convinto che la diffusione della cultura del risparmio energetico e di specifici servizi per attuarla, così come lo sviluppo di un sistema energetico che valorizzi le fonti rinnovabili e promuova un uso consapevole ed efficiente delle risorse, rappresentino la modalità più efficace per affrontare le principali Gruppo CEV Rapporto di Sostenibilità

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli