DDL Atto Camera Legge Finanziaria Disposizioni fiscali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DDL Atto Camera 7328 - Legge Finanziaria 2001 - Disposizioni fiscali"

Transcript

1 Circolare Informativa n. 29/2000 Alle Società consorziate Roma, 20 novembre 2000 Rif.: Oggetto: DDL Atto Camera Legge Finanziaria Disposizioni fiscali 1. Premessa Con riserva di un più approfondito commento in sede di approvazione del D.D.L. Finanziaria 2001, con la presente si segnalano le disposizioni fiscali di maggiore interesse per il Gruppo, avvertendo che esse potrebbero subire modifiche nel corso dei lavori parlamentari. Come già per la legge finanziaria dello scorso anno, il D.D.L. è stato formulato sulla base della rinnovata normativa contabile di cui alla legge n. 208 del 1999, di modo che, sotto il profilo della struttura, risulta evidente rispetto al passato l ampliamento dei suoi contenuti, reso necessario dalla eliminazione del collegato di sessione e dalla conseguente necessità di trasferire nella legge finanziaria parte delle manovre che precedentemente erano inserite in tale provvedimento, restando escluse le sole norme di delega e le disposizioni a carattere ordinamentale e organizzatorio.

2 Qualche miglioramento è stato apportato anche alla tecnica legislativa in relazione alla necessità di adeguare la formulazione delle norme alle indicazioni dello Statuto dei diritti del contribuente (Legge n. 212 del 2000, cfr. ns. Circolare n. 25/2000) nel senso di rendere più chiaro il contenuto delle innovazioni di volta in volta introdotte. Coerentemente a tali principi, che, relativamente ai tributi periodici, prevedono che le modifiche abbiano effetto solo a partire dal periodo successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore delle disposizioni, non è prevista la presentazione di un collegato ordinamentale, la cui approvazione successiva al 31 dicembre renderebbe le disposizioni applicabili solo a partire dal 2002, e quindi senza effetti per l esercizio finanziario Sotto il profilo dei contenuti, il disegno di legge finanziaria è stato formulato tenendo fede all impegno assunto dal Governo di ridurre la pressione fiscale. In particolare, registrandosi un andamento delle entrate superiore alle previsioni contenute nel DPEF presentato per il quadriennio , il Governo ha presentato una nota di aggiornamento di tale documento e conseguentemente, al fine di adempiere all impegno di ridurre l onere delle imposte mantenendo inalterati gli obiettivi programmatici nel DPEF, ha ritenuto di stimolare soprattutto lo sviluppo economico, anche attraverso la destinazione del maggiore avanzo primario a riduzione del livello di imposizione, soprattutto per le famiglie e le imprese. Per queste ultime gli interventi sono mirati alla ripresa degli investimenti nei settori primari delle infrastrutture, della produzione di beni e servizi e della formazione, ed al recupero della qualità della vita. In questa circolare vengono esaminate le sole disposizioni contenute nei Capi I, II, IV, V, VIII del Titolo II della legge finanziaria per il 2001 che riguardano materie di interesse per il Gruppo. In particolare: a) la riduzione delle aliquote Irpef e l incremento delle detrazioni per carichi di famiglia (art. 2); b) la riduzione dell aliquota Irpeg (art. 3); c) la rimozione del vincolo dell aliquota media ai fini Dit (art. 4); d) gli incentivi per l incremento dell occupazione (art. 5) 2

3 e) le modifiche ai criteri di determinazione della base imponibile Irap (art.10) f) la materia dell IVA, con particolare riguardo alla proroga dell indetraibilità dell imposta per gli acquisti di automezzi ecc. (art. 19); a quella dell aliquota agevolata del 10% per le opere di manutenzione ordinaria di immobili ad uso abitativo (art. 16) e alla detraibilità dell imposta sui beni dati in omaggio (art. 19). Delle altre disposizioni fiscali, che non sono oggetto di commento nella presente circolare, si segnalano: la concessione di un credito d imposta per i nuovi investimenti realizzati nelle aree territoriali individuate dalla Commissione UE come destinatarie degli aiuti a finalità regionale (art. 6); l introduzione della facoltà di assoggettare a tassazione separata il reddito d impresa degli imprenditori individuali con le stesse aliquote previste per l Irpeg (art. 7); la previsione di un regime fiscale agevolato per le nuove iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo, anch esso facoltativo, che comporta il pagamento di un imposta sostitutiva dell 1% (art. 8); l introduzione di un regime di tassazione opzionale per le attività marginali, definite come quelle per le quali l ammontare di ricavi e compensi risultante dall applicazione degli studi di settore sia inferiore ad un massimo, differenziato per settore di attività, in ogni caso non superiore a lire 50 milioni. Tale regime prevede l applicazione di un imposta sostitutiva del 10% sul reddito d impresa o di lavoro autonomo (art. 9). Si rammenta, infine, che le disposizioni riguardanti l ampliamento del primo scaglione di reddito e la modifica delle detrazioni per i redditi di lavoro dipendente, autonomo e d impresa sono state inserite nel D.L. 30 settembre 2000, n. 268, entrato in vigore il 3 ottobre successivo e già illustrato nella ns. Circolare Informativa n. 27/

4 2. Disposizioni in materia di imposte sui redditi relative alla riduzione delle aliquote ed alla disciplina delle detrazioni e deduzioni (art. 2) L articolo contiene disposizioni rivolte alla riduzione della pressione fiscale sulle famiglie, coerentemente con gli obiettivi dichiarati dal Governo, sul presupposto, chiarito in premessa, che l art. 2, comma 1, della L. 23 dicembre 1998, n. 448 consente l utilizzo del maggior gettito rispetto alle previsioni contenute nel DPEF Agevolazioni relative all abitazione principale Il comma 1, lett. a), dell articolo in commento modifica l art.10, comma 3-bis, TUIR, che ora consente una deduzione di L dal reddito di fabbricati relativo all abitazione principale del possessore, disponendo la totale esclusione dall imposta sul reddito delle persone fisiche del reddito dell unità immobiliare adibita ad abitazione principale. Di conseguenza sarà deducibile dal reddito complessivo l intero importo della rendita catastale dell immobile e delle relative pertinenze. Qualora l immobile sia utilizzato promiscuamente come abitazione principale e come luogo di esercizio dell attività di impresa o dell arte e professione, coerentemente con le istruzioni ministeriali alla dichiarazione dei redditi emanate negli scorsi anni, che in tali casi stabilivano la riduzione del 50% della deduzione, dovrebbe ritenersi che l esclusione dal reddito fondiario riguardi solo il 50% della rendita catastale, considerando che, nei casi di uso promiscuo dell immobile, il 50% della rendita catastale è comunque deducibile ai fini della determinazione del reddito d impresa o di lavoro autonomo. Nei casi di trasferimento in corso d anno dell abitazione principale da una unità immobiliare all altra, l esclusione della rendita catastale dal reddito fondiario dovrebbe riguardare entrambe le unità immobiliari, in proporzione ai mesi nei quali siano state adibite ad abitazione principale. Congiuntamente alla predetta esclusione dal reddito IRPEF di quello dell abitazione principale, è stato previsto l incremento della detrazione per abitazione principale riconosciuta ai soggetti che ne abbiano la disponibilità sulla base di un contratto di 4

5 locazione. In particolare, il comma 1, lett. e), incrementa gli importi della detrazione stabilita dall art. 13-ter TUIR come segue: a lire , contro le attuali , se il reddito non supera i 30 milioni; a lire , contro le attuali, se il reddito è compreso tra i 30 e i 60 milioni. Si ricorda che la suddetta detrazione, inizialmente introdotta dalla legge 13 maggio 1999, n. 133 (cfr. ns. Circolare n. 18/99) e limitata al solo periodo d imposta 1999 dal decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 327, è stata successivamente prevista a regime dalla legge 23 dicembre 1999, n. 448 mediante l inserimento nel TUIR del citato art. 13-ter. L agevolazione spetta per i contratti stipulati o rinnovati ai sensi degli art. 2, comma 3, e 4, commi 2 e 3, della legge 9 dicembre 1998, n. 431 (cosiddetti affitti concordati ). Sotto il profilo della decorrenza, infine, si segnala che entrambe le modifiche sopra segnalate si applicano a partire dal periodo d imposta Agevolazioni per la ristrutturazione di immobili ad uso abitativo Le lett. a) e b) del comma 2 riguardano l agevolazione introdotta con la legge 27 dicembre 1997, n. 449, in favore degli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente. In particolare, si modifica l art. 1 della legge n. 449/97, stabilendo che la detrazione d imposta, la cui misura resta fissata al 36%, compete anche per le spese sostenute nel periodo d imposta in corso alla data dal 1 gennaio E stata, altresì, ampliata la tipologia delle spese che danno diritto alla detrazione, inserendo, oltre a quelle già previste, anche quelle spese sostenute per l esecuzione di opere aventi ad oggetto ascensori e montacarichi, nonché quelle dirette ad evitare infortuni domestici. Con il comma 3, si consente la regolarizzazione della posizione dei soggetti che, pur avendo iniziato i lavori entro il 30 giugno 2000, abbiano omesso le comunicazioni previste, a pena di decadenza, dal regolamento di attuazione dell art. 1 della legge sopracitata (decreto 12 febbraio 1998 n. 41). Al riguardo, viene riconosciuta la validità delle comunicazioni relative a lavori iniziati entro il 30 giugno 2000, purché trasmesse entro 90 giorni dalla data di inizio dei lavori stessi. 5

6 Parallelamente, l art. 16, comma 3, proroga fino alla data del 31 dicembre 2001 la riduzione dell IVA dal 20 al 10% per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili ad uso abitativo (art. 7, comma 1, della legge 23 dicembre 1999, n. 448) Riduzione delle aliquote Irpef Nel comma 1, lett. b), i nn. da 1 a 5 modificano le aliquote dell Irpef previste dall art. 11, comma 1, del TUIR. In particolare, viene disposta, a decorrere dall anno 2001 e fino al 2003, la progressiva riduzione delle aliquote Irpef relative ai cinque scaglioni, secondo quanto riportato nella seguente tabella: Scaglioni Aliquote Aliquote Aliquote Aliquote di reddito attualmente in vigore anno 2001 anno 2002 anno 2003 Fino a lire 20 milioni 18,5% 18% 18% 18% Oltre 20 e fino a 30 25,5% 24% 23% 22% milioni Oltre 30 e fino a 60 33,5% 32% 32% 32% milioni Oltre 60 e fino a ,5% 39% 38,5% 38% milioni Oltre 135 milioni 45,5% 45% 44,5% 44% Al riguardo, si rammenta che il limite superiore del primo scaglione è stato elevato da 15 a 20 milioni di lire, con effetto dal periodo d imposta 2000, dal citato D.L. n. 268/ Incremento delle detrazioni per carichi di famiglia e modifiche concernenti altre detrazioni Il comma 1, lett. c), modifica l art. 12, comma 1, lett. b) del TUIR, concernente le detrazioni per familiari a carico diversi dal coniuge, incrementandole di lire per ciascun figlio o familiare a carico a decorrere dall anno Per effetto dell incremento le detrazioni risultano, quindi, così fissate: - anno 2001 lire per ciascun figlio o altro familiare a carico; 6

7 - anno 2002 lire per ciascun figlio o altro familiare a carico. Resta confermata l ulteriore detrazione di lire per i figli di età inferiore a tre anni. Infine, il comma 1, lett. d), n. 2, sostituisce il comma 2 dell art. 13 del TUIR che prevede una specifica detrazione d imposta, rapportata al reddito complessivo, per i soggetti che posseggono solo redditi di pensione o derivanti dall unità immobiliare adibita ad abitazione principale. Per effetto della modifica, le detrazioni d imposta in questione spettano anche ai pensionati che, oltre a possedere l abitazione principale, siano titolari di redditi di terreni per un importo non superiore a lire Riduzione dell aliquota Irpeg (art. 3) Il comma 1, lett. b), riduce al 36% la misura dell aliquota IRPEG attualmente stabilita nella misura del 37% - a decorrere dal periodo d imposta in corso al 1 gennaio 2001, e al 35% a decorrere dal periodo d imposta in corso al 1 gennaio Conseguentemente, nell art. 3 sono previste modifiche sia in ordine alla misura del credito d imposta sui dividendi, sia per quanto concerne le regole che presiedono alla memorizzazione di imposte figurative nel c.d. canestro B, che, come noto, assicura la copertura del credito d imposta limitato in relazione a fattispecie di esclusione o attenuazione del prelievo sulle società che il legislatore ha stabilito di estendere ai soci. La misura del credito d imposta sui dividendi viene portata dal 58,73% al 56,25% per gli utili distribuiti nel 2002 e nel 2003 (trattandosi dei periodi con Irpeg al 36%) e al 53,85% (in corrispondenza di un aliquota Irpeg pari al 35%) per gli utili distribuiti negli anni successivi (comma 1, lett. a). Tenuto conto della funzione del credito d imposta, che in senso lato è quella di evitare la doppia imposizione economica sui dividendi accreditando al socio le imposte assolte sugli utili della società, e dell imponibilità dello stesso credito in capo al socio, l anzidetta riduzione è rivolta ad 7

8 assicurare l equivalenza tra l aliquota del credito d imposta con e quella dell Irpeg assolta dalla società, quale risultante dalle modifiche introdotte. Al fine di evitare complesse ricostruzioni delle differenti aliquote Irpeg applicate sugli utili accantonati a riserva, le nuove misure del credito d imposta risulteranno operanti anche rispetto alla distribuzione di riserve di utili assoggettati a tassazione con l aliquota del 37% in periodi d imposta precedenti al Ciò vale, tra l altro, ad evitare, in capo ai soci di soggetti Irpeg, che siano a loro volta soggetti Irpeg, il riconoscimento di crediti d imposta eccedenti l Irpeg dovuta in relazione ai dividendi. Ne deriva che la eventuale maggiore Irpeg assolta nell esercizio di formazione dell utile destinato a riserva, rispetto alla misura del credito, resterà memorizzata nel canestro A di modo da assicurare la copertura del credito d imposta a fronte della eventuale futura distribuzione di utili non assoggettati a tassazione. Secondo la stessa ratio descritta con riferimento al canestro A, la percentuale dei proventi non soggetti a tassazione che comporta memorizzazione di imposte figurative nel canestro B viene ridotta al 56,25% a decorrere dal 1 gennaio 2001 ed al 53,85% a decorrere dal 1 gennaio 2003 (comma 1, lett. c). Il comma 5 dell art. 105 TUIR viene ritoccato al fine di coordinare le disposizioni relative alla formazione dei canestri con quelle inerenti alla loro consumazione nel caso di distribuzioni di utili da parte delle società. Le percentuali sono le stesse di cui sopra e le modifiche interessano le distribuzioni deliberate nei periodi successivi a quello in corso al 1 gennaio 2001 (comma 1, lett. d). Gli interventi modificativi contenuti nell art. 3 riguardano, oltre che le norme del TUIR, anche il D.Lgs.18 dicembre 1997, n. 467, istitutivo della nuova disciplina del credito d imposta. In particolare, il comma 2 modifica l art. 4 del D.Lgs. sopra citato, concernente il trattamento dei proventi conseguiti della società assoggettati a tassazione ridotta (DIT o imposta sostitutiva sulle plusvalenze da ristrutturazioni societarie). Si ricorda, con riguardo ai proventi in questione, che, ai fini del determinazione del canestro B, l art. 4, comma 2 del D.Lgs. n. 467 stabilisce un meccanismo che 8

9 consente di convertire (attraverso appositi coefficienti di conversione) l agevolazione stabilita in termini di aliquota in agevolazione in termini di imponibile, determinando conseguentemente quale parte di tali proventi possa considerarsi non assoggettata a tassazione. Per effetto della riduzione dell aliquota Irpeg, si rende necessaria una corrispondente riduzione anche dei predetti coefficienti di conversione, che il comma 3 dell art. 2 stabilisce come segue: 47,22% a decorrere dal periodo d imposta in corso al 1 gennaio 2001 e 45,72% a decorrere dal periodo d imposta in corso al 1 gennaio Si rileva infine che il comma 4 dell art. 3 dispone la riduzione della percentuale dell acconto Irpeg dal 98 al 93% a decorrere dal periodo d imposta in corso al 31 dicembre Disposizioni in materia di reddito d impresa (art. 4) Il comma 3 dispone, per i soggetti che fruiscono dell agevolazione per favorire la capitalizzazione delle imprese (cosiddetta DIT ) - come noto consistente nella tassazione con aliquota ridotta (19%) del reddito corrispondente al rendimento figurativo dell incremento del capitale investito (rispetto a quello risultante dal bilancio dell esercizio in corso al 30 settembre 1996) - l eliminazione del vincolo, attualmente previsto, secondo cui l aliquota media di tassazione del reddito complessivo di tali soggetti non può essere inferiore al 27%, ovvero, per le società di nuova quotazione, al 20%. Secondo quanto chiarito dalla Relazione governativa, detta eliminazione è diretta a rendere più efficace l agevolazione, considerando che la soglia costituita dall aliquota media del 27% era stata prevista come garanzia a tutela del gettito. Tale cautela si è tuttavia dimostrata, nella sua prima fase di applicazione, inutile per la gran parte delle imprese le quali, avendo avuto redditi notevolmente eccedenti la quota ammessa a fruire dell aliquota del 19% hanno subito una tassazione media ben superiore al 27%, 9

10 e, in talune limitate situazioni, ha per converso inciso in modo negativo sull efficacia concreta del beneficio. La disposizione si applica a decorrere dal primo periodo d imposta successivo a quello in corso alla data del 31 dicembre 2000, fermo restando il diritto al riporto a nuovo di eventuali eccedenze di reddito (assoggettate al 37% per aver l aliquota media raggiunto la soglia minima del 27%) maturato in base alle disposizioni previgenti. 5. Incentivi per l incremento dell occupazione (art. 5) L art. 5 introduce un credito d imposta di lire mensili per i datori di lavoro che, tra il 1 ottobre 2000 e il 31 dicembre 2003, assumeranno nuovi dipendenti a tempo indeterminato, sia a tempo pieno che parziale (in ques ultimo caso il credito spetta in misura proporzionale alle ore prestate in rapporto a quelle previste dal contratto nazionale), a condizione che i nuovi assunti, di età non inferiore a 18 anni, non abbiano svolto attività di lavoro a tempo indeterminato nei 24 mesi precedenti. L agevolazione è rivolta indistintamente a tutti i datori di lavoro del settore privato e va commisurata all incremento della base occupazionale rispetto a quella media del periodo compreso tra il 1 ottobre 1999 e il 30 settembre 2000, al netto delle diminuzioni verificatesi in società controllate o collegate o facenti capo, anche per interposta persona, allo stesso soggetto. Il provvedimento ha l evidente finalità di incentivare lo sviluppo e l occupazione, secondo lo schema già adottato da recenti provvedimenti, quali, in particolare, l art. 2 del decreto legge 10 giugno 1994, n. 357 (c.d. legge Tremonti ), l art. 4, legge 27 dicembre 1997, n. 449 (relativo alle piccole e medie imprese) e l art. 4 della legge 23 dicembre 1998, n. 448 (anch esso relativo alle piccole e medie imprese). Diversamente dalla legge Tremonti, tuttavia, il credito d imposta viene determinato in una misura fissa per dipendente piuttosto che in una percentuale del reddito di lavoro dipendente corrisposto, di modo da risolvere i problemi che si ponevano quando l incremento netto della base occupazionale, risultando come saldo di variazioni di 10

11 segno opposto, era inferiore al numero dei nuovi assunti, con la difficoltà di stabilire per quali di essi dovesse assumersi il reddito cui commisurare il credito. E previsto che il credito d imposta non concorra alla formazione del reddito complessivo ai fini IRPEF o IRPEG nè a quella del valore della produzione rilevante ai fini IRAP, né, infine, partecipi ai fini della determinazione del rapporto di cui all art. 63 del TUIR. Esso sarà utilizzabile, a decorrere dal 1 gennaio 2001, esclusivamente in compensazione, ai sensi del D.Lgs. n. 241/1997, mediante il modello F24, e pertanto non potrà essere chiesto a rimborso. 6. Disposizioni in materia di base imponibile Irap (art. 10) Con il comma 1, lett. a), si introduce una deduzione di lire 10 milioni dalla base imponibile dell IRAP per i soggetti che realizzano un valore della produzione netta non superiore a 350 milioni. La disposizione è rivolta a diminuire il carico fiscale per i soggetti che non hanno una elevata base imponibile, introducendo elementi di limitata progressività dell imposta. Al fine di evitare una irrazionale penalizzazione dei soggetti che realizzino un valore della produzione di poco superiore al limite di 350 milioni, è previsto che, al di sopra di esso, la deduzione venga comunque riconosciuta secondo una graduazione (lire ; ; ) idonea ad evitare che il maggior onere IRAP azzeri il differenziale di valore della produzione. La disposizione anzidetta si applica a decorrere dal primo periodo d imposta successivo a quello in corso alla data del 31 dicembre 1999, e cioè, in sostanza, già dal Con la lett. b) del medesimo comma 1 si stabilisce l esclusione dalla base imponibile IRAP delle borse di studio erogate dalle Regioni e dalle province autonome. Si tratta secondo la relazione ministeriale di una disposizione volta ad evitare una sorta di partita di giro tra ciò che viene speso dalla Regione e ciò che la stessa introita a titolo di IRAP. 11

12 7. Disposizioni in materia di IVA (artt. 16 e 19) Gli artt. 16 e 19 contengono novità in materia di IVA, fra le quali si segnalano quelle di maggior rilevanza. In primo luogo, l art. 16 proroga al 31 dicembre 2001 la indetraibilità IVA per gli acquisti di ciclomotori, motocicli, autovetture e autoveicoli, introducendo, peraltro, due importanti novità. per i contratti di locazione finanziaria, noleggio e simili di detti veicoli, il comma 4 riduce l indetraibilità dell IVA relativa al 90%, IVA che sarà quindi detraibile nella misura del 10%; potrà essere detratta l IVA relativa alle spese di impiego, custodia, manutenzione e riparazione degli stessi. In caso di vendita di un veicolo per il quale l IVA sia stata detratta solo in parte, la base imponibile della cessione è soggetta ad imposta limitatamente al 10% del relativo ammontare. Inoltre, l art. 19, comma 1, n. 2), modifica l art. 19-bis1, lett. h), del DPR 633/72, ammettendo la detrazione dell IVA sull acquisto di beni destinati ad essere ceduti in omaggio, purché il costo unitario dei singoli beni non sia superiore a 50 mila lire. In precedenza, l IVA relativa alle spese di rappresentanza non era ammessa in detrazione, in contrasto con la VI Direttiva comunitaria. * * * Riservandoci di comunicarvi le modifiche introdotte nel corso dell iter parlamentare, inviamo distinti saluti. Il Direttore (Avv. Sergio Dus) EM/sm/finanziaria 2001/p 12

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE OGGETTO: Circolare 5.2016 Seregno, 4 marzo 2016 LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE La legge di Stabilità

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Burani & Lancellotti COMMERCIALISTI ASSOCIATI Modena

Burani & Lancellotti COMMERCIALISTI ASSOCIATI Modena Spett.li Clienti Loro Sedi, lì 14 Gennaio 2013 OGGETTO: Legge di stabilità 2013 ed altre disposizioni La Legge di Stabilità per il 2013 (L.228/2012) contiene molte novità e assorbe alcuni importanti provvedimenti

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 7. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 7. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 15/06/2015 Oggetto: Informativa n. 7. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a:. Regimi agevolati utilizzabili

Dettagli

Il disegno di legge di Stabilità 2014

Il disegno di legge di Stabilità 2014 Bari, 25 Ottobre 2013 Largo Sorrentino, 6 70126 Tel. 080/5565371 Fax 080/5565322 E-mail: bari@confagricoltura.it Il disegno di legge di Stabilità 2014 Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DISCIPLINA FISCALE DEGLI INCENTIVI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI (rif. Circ. n. 46/E dell Agenzia Entrate del 19 luglio 2007) Principali novità della circolare 1. I contributi spettanti a titolo di tariffa

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2012

NOTA OPERATIVA N. 7/2012 NOTA OPERATIVA N. 7/2012 OGGETTO: ristrutturazioni edilizie, detrazioni 36-50% - Introduzione I lavori di ristrutturazione edilizia consentono alle persone fisiche di beneficiare, ormai da molti anni,

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014) SEA Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. News per i Clienti dello studio del 6 maggio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DL Renzi: le novità in materia fiscale (DL n. 66 del 24.04.2014) 1 Gentile

Dettagli

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 CIRCOLARE n. 40/E Direzione Centrale Normativa Alle Direzioni regionali e provincial Roma, 28 luglio 2010 OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d.

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d. DOTT. RAG. GIOVANNA CASTELLI Via Luigi Sacco 14, Varese Tel.: 0332/288494 288522 Fax: 0332/831583 282850 E-mail: segreteria@gcastelli.com Varese, 4 ottobre 2011 OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

DL 47/2014 (cd. Decreto casa) Conversione in legge 28 Maggio 2014

DL 47/2014 (cd. Decreto casa) Conversione in legge 28 Maggio 2014 DL 47/2014 (cd. Decreto casa) Conversione in legge 28 Maggio 2014 Pubblicata sulla G.U. n.121 del 27 maggio 2014 la Legge 23 maggio 2014, n.80, di conversione, con modificazioni, del Decreto Legge 28 marzo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 14 del 25 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ddl stabilità per il 2014: le prime anticipazioni della stampa Premessa Recentemente il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA

Dettagli

I dossier fiscali. Telefisco 2014 - Le risposte dell Agenzia delle Entrate - Circolare 14 maggio 2014, n.10/e -

I dossier fiscali. Telefisco 2014 - Le risposte dell Agenzia delle Entrate - Circolare 14 maggio 2014, n.10/e - I dossier fiscali Telefisco 2014 - Le risposte dell Agenzia delle Entrate - Circolare 14 maggio 2014, n.10/e - Maggio 2014 SOMMARIO Deducibilità IMU... 3 Bonus mobili... 3 Rivalutazioni beni d impresa...

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE FONDO PENSIONE (iscritto al n. 1137 della Sezione Speciale I dei Fondi Preesistenti dell Albo Covip) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

LEGGE DI STABILITA' - La legge di Stabilità 2014 in pillole

LEGGE DI STABILITA' - La legge di Stabilità 2014 in pillole LEGGE DI STABILITA' - La legge di Stabilità 2014 in pillole IRPEF Detrazioni per gli interventi finalizzati al risparmio energetico (di cui all art. 1, comma 48, legge 220 del 13.12.2010) Le detrazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 aprile 2005 OGGETTO: Rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 1, comma 376 e comma 428 della Legge

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Luglio 2014 Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Olivia M. Zonca e Angelica Carlucci, Tax Product Management, BNP Paribas Securities Services La legge 23 giugno 2014,

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

LE NOVITA FISCALI INTRODOTTE DALLA MANOVRA ESTIVA

LE NOVITA FISCALI INTRODOTTE DALLA MANOVRA ESTIVA Seminario LE NOVITA FISCALI INTRODOTTE DALLA MANOVRA ESTIVA Firenze 13 settembre 2006 Viareggio 14 settembre 2006 Novità in tema di fiscalità delle operazioni finanziarie del settore immobiliare Leasing

Dettagli

Circolare N.146 del 7 novembre 2011

Circolare N.146 del 7 novembre 2011 Circolare N.146 del 7 novembre 2011 Detrazione del 36% sugli interventi di recupero edilizio. I documenti da conservare per i controlli e le verifiche Detrazione del 36% sugli interventi di recupero edilizio:

Dettagli

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE CIRCOLARE Padova, 1^ ottobre 2007 SPETT.LI CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Locazione di immobili e altre problematiche fiscali. Con la presente Vi informiamo che è stata pubblicata la Legge 448/2006, che ha

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

DETRAZIONE SUL RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO

DETRAZIONE SUL RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PUNTO FISCALE DI FINE ANNO: OPPORTUNITA, CRITICITA E RIFLESSIONI DETRAZIONE SUL RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO Walter Cerioli 18 dicembre 2013 Sala Orlando

Dettagli

DETRAZIONI 36%: il limite di 48.000 è per le unità abitative e sue pertinenze unitariamente considerate

DETRAZIONI 36%: il limite di 48.000 è per le unità abitative e sue pertinenze unitariamente considerate DETRAZIONI 36%: il limite di 48.000 è per le unità abitative e sue pertinenze unitariamente considerate a cura Federico Gavioli L Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 181 del 29 aprile 2008 è nuovamente

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Nell imminenza delle scadenze relative alle dichiarazioni dei redditi per l esercizio 2004 ed al versamento delle imposte ad esse

Dettagli

Legge di stabilità 2014: gli interventi relativi alla riduzione del costo del lavoro

Legge di stabilità 2014: gli interventi relativi alla riduzione del costo del lavoro CIRCOLARE A.F. N. 11 del 23 Gennaio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Legge di stabilità 2014: gli interventi relativi alla riduzione del costo del lavoro Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità a cura di Fabio Bonicalzi (*) Sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i Provvedimenti di approvazione dei seguenti modelli

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

Oggetto: decreto legislativo 14 marzo 2011 - Esercizio dell opzione per l applicazione della cedolare secca

Oggetto: decreto legislativo 14 marzo 2011 - Esercizio dell opzione per l applicazione della cedolare secca CIRCOLARE N. 1/2011 Oggetto: decreto legislativo 14 marzo 2011 - Esercizio dell opzione per l applicazione della cedolare secca Premessa La disciplina della cedolare secca è stata introdotta dall art.

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

La fiscalità degli enti associativi

La fiscalità degli enti associativi Dal Decreto Sviluppo nuove modifiche ai regimi contabili applicabili agli enti non commerciali di Luca Caramaschi * Il recente D.L. n.70 del 13 maggio 2011 - provvedimento noto come Decreto Sviluppo convertito

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Roma, 20 febbraio 2008

Roma, 20 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 6/DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI Roma, 20 febbraio 2008 UFFICIO STUDI E POLITICHE GIURIDICO TRIBUTARIE Prot. 1619/2008 OGGETTO: Imposta

Dettagli

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti TRATTAMENTO DEGLI IMMOBILI nel reddito di lavoro autonomo RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Ammortamenti e canoni di leasing

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità

Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità Informativa n. 1/2014 Legge di Stabilità 2014, le principali novità Sommario Premessa 2 Web Tax 2 Sostegno all agricoltura 2 Nuova deduzione ai fini IRAP 2 Incremento ACE 2 Proroga delle detrazioni per

Dettagli

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005

Concrete Italia s.r.l. REGISTRO REVISORI CONTABILI N. 136021 - D.M. MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DEL 12.4.2005 - G.U. N. 35 DEL 3 MAGGIO 2005 DISEGNO DI LEGGE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DEL 15 NOVEMBRE 2007 Disposizioni per la formazione del Bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge Finanziaria 2008) RIAPERTURA TERMINI IN MATERIA DI

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modifiche e integrazioni, recante Disposizioni per la

Dettagli

LE SPESE ALBERGHIERE E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

LE SPESE ALBERGHIERE E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE LE SPESE ALBERGHIERE E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE MANOVRA D ESTATE 2008: LA DEDUCIBILITA AI FINI IVA E PER LE IMPOSTE SUI REDDITI Il D.L. n. 112/2008, ha adeguato la normativa nazionale

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 Servizio circolari per la clientela Circolare n. 3 del 28 gennaio 2013 1 Premessa 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti 2.1 Auto aziendali 2.2 Auto dei professionisti 2.3 Auto concesse

Dettagli

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la tassazione e la previdenza di imprese e professionisti RIFERIMENTI: Art. 1, commi da 54 a 89, l. 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la

Dettagli

IMU INSERTO STACCABILE

IMU INSERTO STACCABILE IMU SCHEDE INFORMATIVE PER LA GUIDA AL CALCOLO DELL ACCONTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU ANNO 2012 valevole per il contribuente residente e dimorante nel Comune di Piazzola sul Brenta per il solo

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI

IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI INFORMATIVA N. 149 07 GIUGNO 2013 IMPOSTE DIRETTE IL DECRETO ENERGIA : LE NOVITÀ PER LE DETRAZIONI DEL 50% - 55% E PER L IVA DEL SETTORE EDITORIA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI Art. 1, comma 48, Legge n. 220/2010

Dettagli