Contractional structures as relicts of the Northern Apennines collisional stage recorded in the Tuscan nappe of the Mt. Amiata geothermal area (Italy)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contractional structures as relicts of the Northern Apennines collisional stage recorded in the Tuscan nappe of the Mt. Amiata geothermal area (Italy)"

Transcript

1 SGI S.S. 7 Boll. Soc. Geol. It., Volume Speciale n. 4 (25), 53-65, 12 ff. Queste bozze, corrette e accompagnate dall allegato preventivo firmato e dal buono d ordine, debbono essere restituite immediatamente alla Segreteria della Società Geologica Italiana c/o Dipartimento di Scienze della Terra Piazzale Aldo Moro, ROMA Contractional structures as relicts of the Northern Apennines collisional stage recorded in the of the Mt. Amiata geothermal area (Italy) ANDREA BROGI (*) ABSTRACT The integration of fieldwork, borehole and geophysical data (commercial seismic reflection profiles) highlighted the occurrence of syncollisional thrust structures within the cropping out in the Mt. Amiata geothermal area. These contractional structures crop out in the Mt. Aquilaia-Mt. Buceto area (west to the Bagnore geothermal field), and in the Poggio Zoccolino-Campiglia d Orcia area (north to the Piancastagnaio geothermal field). Another thrust structure has also been documented by a deep borehole in the subsurface of the Bagnore geothermal field. All thrusts define tectonic subunits characterised by different stratigraphical successions. Mesoscopic-scale deformational structures developed during thrusting. They have mainly been observed in the Mt. Aquilaia area, along a contractional shear zone affecting the Marne a Posidonomya Fm., which occurs above the thrust surface. Kinematic indicators, such as s-c structures, reverse faults, folds and related tectonic foliation, indicate the eastwards vergence of thrusting. Such a tectonic framework suggests that, in the Mt. Amiata area, the Tuscan nappe was affected by thickening during the collisional stage of the Northern Apennines (late Oligocene-early Miocene). Nevertheless, from the early-middle Miocene the thickened and the overlying Ligurian l.s. units were affected by brittle extensional tectonics. This produced normal faults and detachments which delaminated the previously stacked tectonic pile. Nowadays, the geometrical relationships among the and Ligurian units are mainly driven by these structures. In this framework, the contractional structures occurring within the represent relicts of the original east-verging fold-and-thrust belt developed during the collisional stage of the Northern Apennines and fortunately preserved during the post-collisional extensional tectonics. KEY WORDS: Collisional tectonics, Thrusting, Northern Apennines. RIASSUNTO Strutture compressive come relitti dell evento collisionale dell Appennino Settentrionale riconosciute nella falda toscana dell area geotermica del Monte Amiata. Nuovi studi geologici condotti nell area geotermica del Monte Amiata, realizzati nell ambito del Progetto CROP18 (LAZZAROTTO & LIOTTA, 1994), hanno permesso di approfondire le conoscenze geologico-strutturali di questo settore di catena interna. In particolare, l integrazione di dati geologici di superficie, di sondaggio e derivanti dall interpretazione di profili sismici a riflessione, realizzati da ENEL GreenPower a partire dagli anni ottanta, hanno permesso di riconoscere, nella falda toscana, una importante strutturazione in scaglie tettoniche. Nell area amiatina questa unità affiora lungo la dorsale di Monte Aquilaia-Monte Buceto-Monte Labbro e nell area di Poggio Zoccolino (LOSACCO, 196; CALAMAI et alii, 197). Numerosi sondaggi profondi perforati a scopo geotermico hanno evidenziato una discontinuità laterale della falda toscana. In alcune aree, infatti, le unità liguri l.s. giacciono direttamente sulle evaporiti triassiche (*) Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Siena, Via Laterina 8, 531 Siena, («serie ridotta»), venendo così a mancare la successione triassicomiocenica della falda toscana (CALAMAI et alii, 197; BROGI, 24c). I nuovi studi condotti hanno permesso di riconoscere, sia nelle aree ove la falda toscana affiora sia in quelle laddove essa è stata perforata, di raddoppi della successione stratigrafica, collegati allo sviluppo di sovrascorrimenti. Queste strutture sono state riconosciute nell area di Monte Aquilaia-Monte Buceto, nell area di Poggio Zoccolino e nel sottosuolo del Campo Geotermico di Bagnore. Tali raddoppi sono riconducibili a sovrascorrimenti d importanza regionale. Analisi strutturali condotte nel Monte Aquilaia, nella zona di taglio coincidente con il sovrascorrimento, hanno permesso di definire la vergenza orientale di questa struttura. Nella zona di taglio, infatti, sono presenti strutture minori, come pieghe sradicate attraversate da una pervasiva foliazione di piano assiale, strutture s-c e faglie inverse, che indicano un trasporto tettonico verso est. Lo studio della cristallinità dell illite realizzato nei litotipi più intensamente deformati, presenti nella zona di taglio corrispondente al sovrascorrimento, indicano la presenza di un metamorfismo in anchizona localizzato entro la zona di taglio. Lo sviluppo del metamorfismo è probabilmente dovuto al locale incremento termico conseguente alla concentrazione degli sforzi. Nell area di Poggio Zoccolino l esistenza di un sovrascorrimento entro la falda toscana è stata messa in evidenza dall integrazione di dati di sismica a riflessione, di pozzo e di superficie (BROGI, 24b). L esistenza di un ulteriore sovrascorrimento è stata confermata anche nell area geotermica di Bagnore da dati di sondaggio. Tali strutture compressive sono riferibili alla tettonica collisionale dell Appennino Settentrionale (Oligocene superiore-miocene inferiore). Ad essa ha fatto seguito, a partire dal Miocene inferiore-medio, lo sviluppo di strutture distensive associate al collasso estensionale della parte interna della catena (CARMIGNANI et alii, 1994; LIOTTA et alii, 1998). Queste strutture hanno causato l elisione totale, o di gran parte, della falda toscana, nonché delle sovrastanti unità liguri l.s. («serie ridotta» in DECANDIA et alii, 1993). Nell insieme, dunque, i rapporti tra le unità tettoniche presenti nell area amiatina dipendono essenzialmente dalle strutture collegate con la tettonica distensiva miocenica. Ne consegue che le strutture compressive riconosciute entro la falda toscana costituiscono relitti dell edificio a falde appenninico all interno di una strutturazione attuale della catena ereditata essenzialmente dalla tettonica distensiva. TERMINI CHIAVE: Tettonica collisionale, Sovrascorrimenti, Appennino Settentrionale. INTRODUCTION The is the deepest non-metamorphic tectonic unit of the Northern Apennines. This unit is composed of Late Triassic-early Miocene, sedimentary to anchi-metamorphic rocks of the Tuscan domain (CARMI- GNANI et alii, 21 with references therein). The Tuscan nappe, together with overlying Ligurian and Subligurian units, detached from its basement (Tuscan metamorphic basement; COSTANTINI et alii, 1988; BERTINI et alii, 1991; CARMIGNANI et alii, 21) at the level of the Late Triassic evaporites (Formazione anidritica di Burano and Calcare Cavernoso Fm.) and thrust over the external Tuscan

2 54 A. BROGI Fig. 1 - a) Geological sketch-map of the Mt. Amiata geothermal area; the black rectangles show the areas detailed in fig. 4. KEY: 1) magmatic rocks; 2) Early-Middle Pliocene marine sediments; 3) late Miocene continental sediments; 4) Ligurian and Subligurian units; 5) Tuscan nappe. b) Geological sketch-map of southern Tuscany. Sect. 1 indicates the trace of the geological section shown in fig. 11. CROP18A and CROP18B indicate the traces of the crustal seismic reflection profile mentioned in the text. a) Schema geologico dell area geotermica del Monte Amiata; i rettangoli neri indicano le aree che sono mostrate in dettaglio nella fig. 4. Spiegazione dei simboli: 1) Rocce magmatiche; 2) Depositi marini del Pliocene inferiore-medio; 3) Depositi continentali del Miocene superiore; 4) Unità liguri e subligure; 5) falda toscana. b) Schema geologico della Toscana meridionale. Sect. 1 indica la traccia della sezione geologica di fig. 11. CROP18A e CROP18B indicano le tracce del profilo sismico crostale a riflessione menzionato nel testo. Fig. 2 - Panoramic view, from the north, of the Mt. Amiata geothermal area showing the location of the study areas. Vista panoramica, da nord, dell area geotermica del Monte Amiata nella quale sono evidenziate le aree studiate. domain. This produced the stacking of the tectonic units that form the western part of the Northern Apennines (CARMIGNANI et alii, 21 with references therein). As a consequence of this structural evolution, the Tuscan nappe was affected by polyphase tectonics (PERTUSATI et alii, 1977), attesting to strong involvement in the deformational processes. Numerous studies have described the structural setting in the areas of Northern Tuscany where broad exposures occur, such as the Alpi Apuane region (CARMIGNANI et alii, 1991; 1993; DEL TREDICI & PERILLI, 1997; AQUÉ et alii, 22; CAROSI et alii, 22), the Val di Lima area (FAZZUOLI et alii, 1998) and the Ligurian Apennines (CARMIGNANI et alii, 1992; CARTER, 1992; MONTOMOLI, 22). In contrast, south of the Arno River the crops out discontinuously in small windows emerging from the Ligurian and Subligurian units (LAZZAROTTO, 1967; CALAMAI et alii, 197; LAZZAROTTO & MAZZANTI, 1978). Moreover, the cover vegetation generally obstructs good exposure and prevents detailed geological analyses. However, the Mt. Amiata area, and in particular its western part, represents an exception for southern Tuscany: in fact, the incised morphology and the scarce vegetation, due to the altitudes of over 1 m, are a great help to geological investigations. The occurring in the Mt. Amiata area (figs. 1 and 2) has been newly considered in the framework of the CROP 18 crustal seismic reflection profile interpretation (LAZZAROTTO & LIOTTA, 1994; BROGI et

3 GNEISS COMPLEX MONTICIANO-ROCCASTRADA UNIT (MRU) TUSCAN NAPPE (TN) CONTRACTIONAL STRUCTURES WITHIN THE TUSCAN NAPPE OF THE MT. AMIATA AREA Q CENOZOIC TERTIARY PALEOG. NEOGENE MIOCENE M E S O Z O I C CRETACEOUS TRIAS. JURASSIC OLIG EOC PAL K 2 K 1 J 3 J 2 J 1 TR 3 P.- Q. TR 2 TR 1 PALEOZ. turbidites OCEAN LIGURIAN DOMAIN SUB-LIGURIAN DOMAIN LIGURIAN UNITS CONTINENTAL MARGIN TUSCAN DOMAIN Internal External Clastic marine and continental sediments TUSCAN NAPPE UMBR.-MARCH. DOMAIN Mt. AMIATA M-P-Q LIGURIAN UNITS TN 1 MRU 3 MRU 2 MRU 1 MR 19 ka TN 2 Hemipelagites and pelagites Carbonate sequence Evaporites Conglomerates and quarzites TUSCAN METAMORPHIC COMPLEX Palaeozoic phyllites Ophiolites Thrust vergence a Fig. 3 - a) Relationship between the different tectonic units of the Northern Apennines and related palaeogeographical domains (after CARMIGNANI et alii, 1994). b) Tectonostratigraphic units in the Mt. Amiata area: M-P-Q: Miocene, Pliocene and Quaternary sediments; MR - magmatic rocks; (TN): TN 2 - Rhaetian-early Miocene sequence, TN 1 - Late Triassic evaporites; Monticiano-Roccastrada Unit (MRU): MRU 3 - Triassic Verrucano Group; MRU 2 - Palaeozoic Phyllite-Quartzite Group; MRU 1 - Palaeozoic Micaschist Group; GC - Palaeozoic Gneiss Complex (after BATINI et alii, 23). a) Relazioni tra le unità tettoniche dell Appennino Settentrionale e dei relativi domini paleogeografici (da CARMIGNANI et alii, 1994); b) Unità tettono-stratigrafiche presenti nell area del Monte Amiata; M-P-Q: Depositi miocenici, plioceni e quaternari; MR - rocce magmatiche; falda toscana (TN): TN 2 - Successione del Miocene inferiore-triassico superiore (Retico), TN 1 - Evaporiti triassico superiore; Unità di Monticiano-Roccastrada (MRU): MRU 3 - Gruppo del Verrucano (Triassico); MRU 2 - Gruppo filladico-quarzitico (Paleozoico); MRU 1 - Gruppo dei Micascisti (Paleozoico); GC - Complesso degli Gneiss (Paleozoico) (da BATINI et alii, 23). GC b b alii, 25a, 25b). This paper focuses on the results of integrated studies based on new geological field mapping, structural analysis, interpretation of borehole stratigraphy and seismic reflection lines. These studies highlight the occurrence of map- and meso-scale contractional structures which affected the during the collisional stage of the Northern Apennines tectonism (late Oligocene-early Miocene), and were disrupted by Early-Middle Miocene extensional structures related to the post-collisional extensional collapse of the western part of the chain. GEOLOGICAL BACKGROUND The Mt. Amiata geothermal area belongs to the western (inner) part of the Northern Apennines, a fold-andthrust belt formed by the convergence and collision of the African and European continental margins (BOCCALETTI et alii, 1971). The inner Northern Apennines comprises a stack of east-verging thrusts superimposed on the western margin of the Apulia foreland (CARMIGNANI et alii, 21, and references therein) (fig. 3). They are composed of, from top to bottom: (a) Ligurian l.s. units consisting of remnants of Jurassic ocean crust and Cretaceous- Oligocene sedimentary cover; (b) Tuscan units including sedimentary (, TN) and metamorphic (greenschist; Monticiano-Roccastrada unit, MRU) sequences ranging from Palaeozoic to early Miocene in age. The metamorphic substratum (Tuscan metamorphic basement) of the sedimentary cover is mainly known through the drilling of geothermal wells (e.g. Larderello-Travale and Mt. Amiata geothermal areas), penetrating the crust down to about 4.5 km (BATINI et alii, 23, and references therein). In the Mt. Amiata region a magmatic complex (dacitic, rhyodacitic and olivine-latitic rocks, 3-19 ka; FERRARI et alii, 1996), the Ligurian nappe composed of three tectonic units (Ligurian l.s. units), and isolated exposures of crop out (CALAMAI et alii, 197; BROGI, 24c) (figs. 1 and 3). Neogene deposits, unconformably overlying the pre-neogene units, crop out west, north and east of the Mt. Amiata area (BOSSIO et alii, 1991, 1993, 1994; LIOTTA & SALVATORINI, 1994; LIOTTA, 1994, 1996; BENVENUTI et alii, 21). The Ligurian nappe consists of three tectonic units which are, from top to bottom (BROGI, 21; PANDELI et alii, 22) (fig. 4a): (1) Ophiolitic unit: comprises scattered outcrops of ophiolites mainly composed of serpentinite, above which the clayey and carbonate sedimentary sequences of the Calcari a Calpionelle and Argille a Palombini fms. (Early Cretaceous) discontinuously occur; (2) S. Fiora unit: a stratigraphic succession composed of calcareous marls and clays (S. Fiora fm.) and sandstones (Pietraforte

4 56 A. BROGI SUBLIGUR. UNIT S. FIORA UNIT OPHIOLITIC UNIT a CF PF MMF c2 c1 gc1 SFF 1 m LIGURIAN L.S. UNITS 1 m 5 b O ce g 3 g 2m g 2s g 2 g 1 t 2 t 1 TUSCAN NAPPE c Verrucano (Middle-Late Trias) Formation A (Middle Carboniferous) Formation B (? Devonian) Formation A (Middle Carboniferous) Formation C (Permian) Fig. 4 - Stratigraphical framework of the Ligurian nappe, and Tuscan metamorphic basament; a) Structural and stratigraphic relationships between the Ligurian and Subligurian units. Ophiolitic Unit: Σ, Γ, : Ophiolites (serpentinites, gabbros, basalts-middle-late Jurassic), gc1: Mt. Alpe cherts (late Jurassic), c1: Calpionella Limestone (early Cretaceous), c2: Palombini Shales (early Cretaceous); S. Fiora Unit: SFF - Santa Fiora Fm. (late Cretaceous), Pf - Pietraforte Fm. (Late Cretaceous), MMF - Monte Morello Fm. (Paleocene-Eocene); Subligurian Unit: CF - Canetolo Fm. (Paleocene-Eocene) (after BATINI et alii, 23, redrawn). b) Stratigraphic succession of the ; Symbols: O - Macigno Fm. (late Oligocene-Early Miocene), ce - Scaglia Toscana Fm. (Cretaceous-Oligocene), c1 - Maiolica Fm. (early Cretaceous), g3 - Diaspri Fm. (Malm), g2m - Marne a Posidonomya Fm. (Dogger), g2s - Calcare Selcifero Fm. (Middle-Late Liassic), g2 - Calcare Rosso ammonitico Fm. (early-middle Liassic), g1 - Calcare Massiccio Fm. (early Liassic), T2 - Calcari a Rhaetavicula contorta Fm. (Rhaetian), T1 - Formazione anidritica di Burano and Calcare Cavernoso Fm. (Norian-Rhaetian) (after BATINI et alii, 23). (c) Relationships between the Triassic and Palaeozoic formations of the Monticiano-Roccastrada unit encountered by geothermal wells in the subsurface of the Mt. Amiata area (after ELTER & PANDELI, 1991 redrawn). Successioni stratigrafica delle unità liguri, della falda toscana e dell unità di Monticiano-Roccastrada. a) Relazioni stratigrafico-strutturali tra le Unità Liguri e Subligure. Unità ofiolitifera: S, G, D: Ofioliti (serpentiniti, gabbri, basalti-giurassico medio-superiore), gc1: Radiolariti di Monte Alpe (Giurassico superiore), c1: Calcari a Calpionella (Cretaceo inferiore), c2: Argille a Palombini (Cretaceo inferiore); Unità di S. Fiora: SFF: Formazione di Santa Fiora (Cretaceo superiore), Pf: Pietraforte (Cretaceo superiore), MMF: Formazione di Monte Morello (Paleocene-Eocene); Unità Subligure: CF: Formazione di Canetolo (Paleocene-Eocene) (da BATINI et alii, 23). b) Successione stratigrafica della falda toscana; simboli: O - Macigno (Oligocene superiore-miocene inferiore), ce - Scaglia Toscana (Cretaceo-Oligocene), c1 - Maiolica (Cretaceo inferiore), g3 - Diaspri (Malm), g2m - Marne a Posidonomya (Dogger), g2s - Calcare Selcifero (Lias medio-superiore), g2 - Calcare Rosso ammonitico (Lias inferioremedio), g1 - Calcare Massiccio (Lias inferiore), T2 - Calcari a Rhaetavicula contorta (Retico), T1 - Formazione anidritica di Burano e Calcare Cavernoso (Norico-Retico) (da BATINI et alii, 23). c) Relazioni tra le formazioni triassiche e paleozoiche appartenenti all unità di Monticiano- Roccastrada perforata nell area geotermica del Monte Amiata (da ELTER & PANDELI, 1991). MRU 3 MRU 2 2 m MONTICIANO-ROCCASTRADA UNIT Fm.) (Late Cretaceous) and Monte Morello Fm. (Paleocene-Eocene); (3) Argille e calcari (or Subligurian unit): stratigraphic sequence characterised by the clayey and carbonatic (mainly calcarenites) Canetolo and Calcareniti di Groppo del Vescovo Fms. (Paleocene-Oligocene). The outcropping (fig. 4b) consists of a Mesozoic carbonate succession (LOSACCO, 196; CALAMAI et alii, 197) (Calcare Massiccio Fm., Hettangian; Calcare Rosso ammonitico Fm., early-middle Liassic; Calcare Selcifero Fm., middle-late Liassic; Marne a Posidonomya Fm., Dogger; Diaspri Fm., Malm; Maiolica Fm., Early Cretaceous), a Mesozoic-Cenozoic pelagic succession (Scaglia Toscana Group, Cretaceous-Oligocene) and a Cenozoic quartz-feldspar turbiditic succession (Macigno Fm., Late Oligocene-Early Miocene). Some boreholes encountered the deepest formations of the, rarely cropping out in the Mt. Amiata area: the Calcari a Rhaetavicula contorta Fm. (Rhaetian) and the Triassic evaporites («Anidriti di Burano» Fm., Norian-Rhaetian). The Tuscan metamorphic basement has only been documented by deep boreholes (GIANELLI et alii, 1988; ELTER & PANDELI, 1991) (fig. 4c). In the Mt. Amiata area this is represented by the Monticiano-Roccastrada unit (COSTAN- TINI et alii, 1988; CONTI et alii, 1991), which is composed of very low-grade metamorphic sequences (ELTER & PAN- DELI, 1991 with references therein). The tectonic features of the Mt. Amiata geothermal area reflect the collisional and extensional processes affecting the Northern Apennines. Compressional features are represented by stacking of the tectonic units. Extensional structures dominate, and profoundly modified the geometrical relationships between the tectonic units after their emplacement. Two main extensional events have been recognised: (a) the first extensional

5 CONTRACTIONAL STRUCTURES WITHIN THE TUSCAN NAPPE OF THE MT. AMIATA AREA 57 A Mt. Aquilaia Stribugliano Poggio la Faggia Mt. Buceto North AI 5 m a B Line 1 Monte Amiata 2 borehole Campiglia d'orcia Poggio Zoccolino S.Filippo 1 borehole 2 Km Radicofani Basin BI Bagni di S.Filippo b Fig. 5a - Geological sketch-maps of Mt. Aquilaia-Mt. Buceto and Poggio Zoccolino-Campiglia d Orcia areas. Their location is shown in fig. 1a. Symbols: 1) detritus; 2) volcanic rocks (3-19 ky, FERRARI et alii, 1996); 3) Quaternary travertines; 4) Pliocene marine clastic sediments; 5) Ligurian l.s. units; 6) : Macigno Fm.; 7) : Calcareniti di Montegrossi Fm.; 8) Tuscan nappe: Scaglia Toscana Fm.; 9) Tuscan nappe: Maiolica, Diaspri, Marne a Posidonomya, Calcare Selcifero, Calcare Massiccio and Calcare a Rhaetavicula contorta Fms.; 1) : Calcare Cavernoso Fm. and Formazione anidritica di Burano; 11) thrust; 12) buried thrust; 13) low-angle normal faults; 14) highangle normal faults. A-A1 and B-B 1 indicate the geological section traces shown in fig. 5b. Schemi geologici delle aree di Monte Aquilaia-Monte Buceto e Poggio Zoccolino- Campiglia d Orcia. La loro ubicazione è mostrata in fig. 1. Spiegazione dei simboli: 1) detrito; 2) rocce vulcaniche (3-19 ka, FERRARI et alii, 1996); 3) Travertini quaternari; 4) Depositi marini pliocenici; 5) unità liguri l.s.; 6) falda toscana: Macigno; 7) falda toscana: Calcareniti di Montegrossi; 8) falda toscana: Scaglia Toscana; 9) falda toscana: Maiolica, Diaspri, Marne a Posidonomya, Calcare Selcifero, Calcare Massiccio e Calcare a Rhaetavicula Contorta; 1) falda toscana: Calcare Cavernoso e Formazione anidritica di Burano; 11) thrust; 12) thrust sepolti; 13) faglie dirette a basso angolo; 14) faglie dirette ad alto angolo. A-A1 e B-B1 indicano le tracce delle sezioni geologiche mostrate in fig. 5b.

6 58 A. BROGI 14 A Mt. Aquilaia Mt. Buceto A Thrust plane SW 4 m B Poggio Zoccolino Thrust plane m SW NE B NE Fig. 5b - Geological cross-sections; their location is shown in fig. 5a. KEY: 1) Early- Middle Pliocene marine sediments; 2) Ligurian and Subligurian units; 3) : Macigno Fm.; 4) : Nummulitico Fm.; 5) : Scaglia Toscana Fm.; 6) : Diaspri Fm.; 7) Tuscan nappe: Marne a Posidonomya and Calcare Selcifero Fms.; 8) : Calcare Massiccio and Calcari a Rhaetavicula contorta Fms.; 9) : Calcare Cavernoso and/or Formazione anidritica di Burano. Sezioni geologiche; la loro ubicazione è mostrata in fig. 5a. Spiegazione dei simboli: 1) depositi marini del Pliocene inferioremedio; 2) unità liguri e subligure; 3) falda toscana: Formazione del Macigno; 4) falda toscana: Formazione del Nummulitico; 5) falda toscana: Scaglia Toscana; 6) falda toscana: Formazione dei Diaspri; 7) falda toscana: Formazione delle Marne a Posidonomya e del Calcare Selcifero; 8) falda toscana: Formazione del Calcare Massiccio e dei Calcari a Rhaetavicula contorta; 9) falda toscana Calcare Cavernoso e/o Formazione anidritica di Burano. Deformative events Structures Age Syn-sedimentary normal faults, D extensional calcite veins and stylolitic Cretaceous-Eocene joints D1 D2 D3 D4 Folds, tectonic foliation, reverse faults, s-c structures Folds, reverse faults Low-angle normal faults Normal and strike-slip faults stage (middle-late Miocene, in BROGI et alii, 25a) produced widespread tectonic elision by means of low-angle normal faults (detachments) (e.g. «serie ridotta» = reduced sequence) (LAVECCHIA, 1988; LAVECCHIA et alii, 1984; BERTINI et alii, 1991; DECANDIA et alii, 1993); (b) the second extensional stage (Late Miocene-Quaternary) produced normal and transtensional faults displacing all the previous structures. TECTONIC SETTING OF THE TUSCAN NAPPE early Miocene early Miocene middle Miocene late Miocene - Quaternary Fig. 6 - Table summarising the structures and ages of the different deformational events recognised in the exposed in the Mt. Amiata area. Tabella che riassume le strutture e l età degli degli eventi deformativi riconosciuti nella falda toscana affiorante nell area del Monte Amiata. Structural studies have been carried out in the Tuscan nappe exposed by the relief neighbouring the Mt. Amiata volcano (figs. 1, 2 and 5). Polyphase tectonism, consisting of different deformational events, has been recognised. These deformational events are, from the oldest (fig. 6): D deformational event: characterised by synsedimentary normal faults and extensional calcite veins, perpendicular to bedding-parallel stylolitic joints. These structures affected the Cretaceous-Eocene formations («Maiolica» and «Scaglia Toscana» fms.) and have recently been described in BROGI (24a). D 1 deformational event: characterised by east-verging thrust and related folds (F 1 ) with associated tectonic foliation (S 1 ), s-c structures and reverse faults. These structures have mainly been observed both in the Mt. Aquilaia- Mt. Buceto and Poggio Zoccolino areas and in the subsurface of the Bagnore geothermal field, and will be described in detail hereafter. D 2 deformational event: a prominent folding event affecting the. This produced SE-verging, N3 -N4 striking folds (F 2 ), associated with a spaced S 2 axial planar foliation. The F 2 folds, some metres in size, show interlimb angles ranging from 4 to 7 (close folds, sensu RAMSAY & HUBER, 1987) and are referable to the 1B and 1C classes of RAMSAY (1967). They are mainly asymmetric and overturned, with gently NW-dipping axial planes. S 2 foliation mainly occurs in the fold hinges and can be defined as crenulation cleavage. D 3 deformational event: the most prominent deformational event affecting the. It is characterised by low-angle normal faults with a flat-ramp-flat

7 CONTRACTIONAL STRUCTURES WITHIN THE TUSCAN NAPPE OF THE MT. AMIATA AREA 59 SU1 SU2 SU1 SU2 MAC Ligurian l.s. units NUM MAC MSU DUD NUM DUD NUM DUD NUM DUD MSU RAD RAD BRO MAI DI BRO MAI DI MAI 1 m POD DI Mt. Buceto Mt. Aquilaia Fig. 7 - Tectonostratigraphical relationships between the formations exposed in the Mt. Aquilaia-Mt. Buceto area. Two subunits (SU1 - Subunit 1; SU2 - Subunit 2) are present related to an east-verging thrust associated with the D 1 deformational event. SYMBOLS: NUM - Calcareniti a Nummuliti; DUD - Argilliti e calcareniti di Dudda Fm.; MSU - Marne del Sugame Fm.; RAD - Argilliti di Brolio Fm.: radiolarites; BRO - Argilliti di Brolio Fm.: limestones and clays; MAI: Maiolica Fm.; DI - Diaspri Fm.; POD - Marne a Posidonomya Fm. The geological boundaries between the formations are always tectonised, and such boundaries are indicated by the arrows separating the formations. Rapporti tettono-stratigrafici delle formazioni della falda toscana nell area di Monte Aquilaia e di Monte Buceto. Sono riconoscibili due sottounità (SU1 - Sottounità 1; SU2 - Sottounità 2) che si sono individuate a seguito dello sviluppo di un sovrascorrimento a vergenza orientale, collegato all evento deformativo D 1. Spiegazione dei simboli: MAC - Macigno; NUM - Calcareniti a Nummuliti; DUD - Argilliti e calcareniti di Dudda; MSU - Marne del Sugame; RAD - Argilliti di Broli: Radiolariti; BRO - Argilliti di Brolio: argilliti e calcilutiti; MAI: Maiolica; DI - Diaspri; POD - Marne a Posidonomya. I contatti tra le unità litostratigrafiche sono spesso tettonizzati. Le frecce collocate in corrispondenza dei contatti tra le formazioni indicano contatti tettonizzati. geometry which caused the partial or complete tectonic elision of the stratigraphic sequence («serie ridotta» in DECANDIA et alii (1993), with references therein). Thus, the Ligurian l.s. units overlie the Triassic evaporites which represent the basal stratigraphic unit of the. In particular, in the Mt. Amiata area, the consists of three megaboudins of varying size (BROGI, 24c), in which the stratigraphic succession is complete or lacking in some formations. D 4 deformational event: characterised by high-angle normal or strike-slip faults striking N13 -N16 or N3 - N8. The Quaternary magmatic activity of Mt. Amiata volcano occurred along SW-NE oriented normal faults (FERRARI et alii, 1996; ACOCELLA & FUNICIELLO, 22). THE THRUST SHEETS WITHIN THE TUSCAN NAPPE THE MT. AQUILAIA-MT. BUCETO THRUST In this area (fig. 5) the comprises the formations between the Marne a Posidonomya and the Macigno fms. (CALAMAI et alii, 197; FAZZINI et alii, 1978; BROGI & LAZZAROTTO, 22). The Scaglia Toscana Fm. crops out widely, while the Maiolica, Diaspri and Marne a Posidonomya fms. are exposed only in scattered outcrops. In the Mt. Aquilaia area a thrust caused the repetition of the stratigraphical succession. The Marne a Posidonomya fm., with overlying younger formations, overlies the upper part of the Scaglia Toscana Fm. On the whole, the thrust defines two tectonic subunits (SU1 and SU2): SU1 consists of the stratigraphic units between the Marne a Posidonomya and the Macigno fms.; SU2 consists of the Diaspri, Maiolica and Scaglia Toscana fms. (fig. 7). In the Mt. Buceto area the continuation of the Mt. Aquilaia thrust occurs. Here, this structural element shows a gently east-dipping attitude and, similarly to Mt. Aquilaia, defines two subunits (SU1 and SU2): SU1 consists of the Scaglia Toscana Fm.; SU2 consists of the stratigraphic units between the Diaspri Fm. and the Macigno Fm. (fig. 7). Minor structures associated with the thrust have been recognised (fig. 8). In particular, in the southern side of

8 6 A. BROGI Fig. 8 - Some examples of D 1 deformational structures located in the shear zone corresponding to the Mt. Aquilaia thrust plane; the deformed rocks belong to the Marne a Posidonomya Fm. a) Isoclinal detached fold with a pervasive axial planar tectonic foliation (S 1 ); S indicates the bedding. b) Detail of an isoclinal fold and its tectonic foliation (S 1 ). c) Bedding (S )/foliation (S 1 ) relationships in a fold limb. d) Reverse faults with centimetre displacement; S indicates the bedding and S 1 the tectonic foliation; the black rectangle shows the detailed image in fig. e. e) Detail of fig. d in which tension gashes linked to the reverse faults are recognisable. Alcuni esempi di strutture collegate all evento deformativo D 1, localizzate lungo la zona di taglio corrispondente al thrust di Mt. Aquilaia. Le rocce deformate appartengono alle Marne a Posidonomya. a) piega isoclinale sradicata e relativa foliazione di piano assiale (S 1 ); S indica la superficie di stratificazione. b) Particolare di una piega isoclinale e della sua foliazione tettonica (S 1 ). c) Relazioni tra superficie di stratificazione S e foliazione tettonica S 1 in corrispondenza del fianco di una piega. d) faglie inverse con rigetto centimetrico; S indica la superficie di stratificazione e S 1 la foliazione tettonica; il rettangolo nero indica l area della foto mostrata in dettaglio nella fig. e. e) Dettaglio della fig. d nel quale sono riconoscibili tension gashes associate allo sviluppo della faglia inversa. Mt. Aquilaia, these structures have been observed close to the thrust surface. Detached folds, reverse faults and s-c structures occur within a shear zone, about 1 m thick, located above the thrust surface. The folds, tens of centimetres in size, show interlimb angles ranging from to 3 (tight folds, sensu RAMSAY & HUBER, 1987) and are referable to class 2 of RAMSAY (1967). Their axes are N-S oriented, recumbent and horizontal with axial planes roughly parallel to the bedding (fig. 8a and b). S 1 tectonic foliation is the most prominent structural element associated with the F 1 folds. It ranges from penetrative foliation (slaty cleavage) in the pelitic rocks, to a spaced disjunctive cleavage (stylolitic cleavage) in the calcareous rocks (limestone and marls) (fig. 8c). In the F 1 fold limbs, the S 1 foliation crosscuts the bedding at variable angles depending on the lithotypes: it is roughly parallel to the bedding in the pelites and shales, and the angle increases with the competence of the rocks. In thin section, S 1 foliation is marked by a common preferred orientation of minerals and flattened fossil remains. Depending on the composition, S 1 ranges from more or less spaced cleavage to a continuous foliation (PASSCHIER & TROUW, 1996). The dynamic recrystallisation of calcite±quartz±illite±oxides, occurring only in the foliated rocks involved in the shear zone, confirms a very low grade of metamorphism mainly affecting the pelitic rocks. S-c structures have been observed in the pelitic rocks only. They consist of shear planes (c) and conjugate flattening surfaces (s); the intersection between the s and c surfaces generates lines which are perpendicular to the direction of tectonic transport, and their orientation, ranging from N17 to N19, is parallel to the F 1 fold axes. The relationships between s and c planes indicate the eastward facing of these structures. Reverse faults range from centimetres to decimetres in size. They show a flat-ramp-flat geometry: flats, ranging from to 5 with respect to the bedding, occur in the clayey interstrata; ramps, ranging from 1 to 3, occur in the calcareous rocks (fig. 8d and e). Sometimes their displacement is not detectable; occasionally, decimetrescale displacements have been observed. THE POGGIO ZOCCOLINO-CAMPIGLIA D ORCIA THRUST In this area the complete stratigraphic succession, without the Macigno Fm., is exposed in the eastern side of the Poggio Zoccolino hill (LOSACCO, 196; CALAMAI et alii, 197). Ligurian l.s. units lie on the Scaglia Toscana Fm. and are broadly exposed west to the Poggio Zoccolino hill (fig. 5). Very complicated geometric relationships occur among the Late Triassic-Oligocene Tu-

9 CONTRACTIONAL STRUCTURES WITHIN THE TUSCAN NAPPE OF THE MT. AMIATA AREA 61 scan nappe formations, as suggested by surface geological data (e.g. CALAMAI et alii, 197) (fig. 5). These data highlight the occurrence of two small outcrops of Late Triassic Calcare Cavernoso Fm. (deriving from alteration of the coeval evaporites) and Calcari a Rhaetavicula contorta Fm. emerging from the Ligurian l.s. units, located respectively west and southwest of Campiglia d Orcia village (fig. 5). These outcrops are exposed at the top of the Poggio Zoccolino hill, and their altitude is greater then the Scaglia Toscana Fm. surface and subsurface geological data, including boreholes and commercial seismic reflection profiles, suggesting that the outcrops of Calcare Cavernoso and Calcari a Rhaetavicula contorta fms. belong to an overthrust stratigraphic succession (BROGI, 24b) (fig. 1). Part of the thrust sheet is displayed in the seismic image shown in fig. 1, where the geometry of the reflectors indicates a west-dipping tectonic boundary corresponding to a thrust surface which separates the Calcare Cavernoso and Calcari a Rhaetavicula contorta fms. from the underlying Scaglia Toscana Fm. CRE EVA SCA MAI DI MPA CSE SUBSURFACE THRUST WITHIN THE TUSCAN NAPPE Deep boreholes (up to 45 m) were realised in the Mt. Amiata geothermal area by ENEL GreenPower, mainly in the Bagnore and Piancastagnaio geothermal fields (fig. 1). Some deep wells encountered the Ligurian l.s. units directly on top of the Triassic evaporites, but some of these encountered the below the Ligurian l.s. units. These features attest to widespread megaboudinage in the subsurface of the Mt. Amiata geothermal area (BROGI, 24C). In particular, in the megaboudin occurring in the Bagnore geothermal field (BROGI, 24c), the Bagnore 8 well highlighted the occurrence of a repetition of the stratigraphic succession (CALAMAI et alii, 197): a subunit only composed of Triassic evaporites overlies a subunit comprising Triassic evaporites and the Marne a Posidonomya Fm. (fig. 11). 1 m CRA CMA CRE DISCUSSION The exposed in the Mt. Amiata area and drilled by geothermal boreholes was affected by thrusting which produced repetitions of its stratigraphic succession (figs. 7 and 9). Kinematic indicators located within a contractional shear zone developed during thrusting indicate the eastward vergence of the major structures. The mineralogical assemblage, consisting of calcite±quartz±illite±oxide minerals occurring only in the foliated pelitic rocks within the shear zone, suggests that thrusting produced strain concentration, a localised temperature increment and related very low-grade metamorphism (FREY & ROBINSON, 1999). Fieldwork highlights that the thrust sheets within the did not affect the Ligurian l.s. units. In addition, the Ligurian l.s. units were always detached from the by low-angle normal faults, which produced the Tuscan nappe megaboudinage (BROGI, 24C). The non-involvement of the Ligurian l.s. units in the thrusting, as well as the age of the Macigno Fm. (late Oligocene-early Miocene, in COSTA et alii, 1997; CORNAMUSINI, 22) which was dissected by thrusts, are important elements in the determination of the thrusting age. In fact, the emplacement of the Subligurian unit on the has been ascribed to the Oligocene-early Miocene on the basis of tectonosedimentary relationships (COSTANTINI et alii, 1993 with references therein). As a consequence, the thrusting within the can be ascribed to the immediate post-early Miocene time of Macigno deposition and related to the stacking process developed during EVA Fig. 9 - Tectonostratigraphical relationships between the Tuscan nappe formations in the Poggio Zoccolino and Campiglia d Orcia area. Two subunits (SU1 - Subunit 1; SU2 - Subunit 2) related to an east-verging thrust have been recognised. Symbols: EVA - Formazione anidritica di Burano or Calcare Cavernoso Fm.; CRE: Calcari a Rhaetavicula contorta Fm.; CMA: Calcare Massiccio Fm.; CRA: Calcare Rosso ammonitico Fm.; CSE: Calcare Selcifero Fm.; MPA: Marne a Posidonomya Fm.; DI: Diaspri Fm.; MAI: Maiolica Fm.; SCA: Scaglia Toscana Fm. Rapporti tettono-stratigrafici delle formazioni della falda toscana nell area di Poggio Zoccolino e di Campiglia d Orcia. Sono riconoscibili due sottounità (SU1 - Sottounità 1; SU2 - Sottounità 2) che si sono individuate a seguito dello sviluppo di un sovrascorrimento a vergenza orientale. Spiegazione dei simboli: EVA - Formazione anidritica di Burano o Calcare Cavernoso; CRE: Calcari a Rhaetavicula contorta; CMA: Calcare Massiccio; CRA: Calcare Rosso ammonitico; CSE: Calcare Selcifero; MPA: Marne a Posidonomya; DI: Diaspri; MAI: Maiolica; SCA: Scaglia Toscana.

10 62 A. BROGI Fig. 1 - Seismic image crossing the Poggio Zoccolino area, along the dashed Line 1 shown in fig. 5b; this seismic image consists of part of a seismic line acquired by ENEL GreenPower in the 198s. Parameters for data acquisition and processing are described in BATINI et alii (1978, 1985) and CAMELI (1994). The datum plane is at +2 m above sea-level. a) Simple migrated seismic profile; b) geological interpretation. Symbols: L - Ligurian l.s. Units; TN3 - Macigno and Scaglia Toscana Fms; TN2 - Maiolica, Diaspri, Marne a Posidonomya, Calcare Selcifero, Calcare Massiccio and Calcare a Rhaetavicula contorta Fms.; TN1 - Formazione anidritica di Burano and Calcare Cavernoso Fm. Immagine sismica attravero l area di Poggio Zoccoliono, lungo la linea tratteggiata (Line 1) mostrata in fig. 5b; questa immagine sismica costituisce una parte di un profilo sismico acquisito da ENEL GreenPower negli anni ottanta. I parametri di acquisizione e di processing sono descritti in BATINI et alii (1978, 1985) and CAMELI (1994). Il datum plane è a +2 metri sul livello del mare. a) immagine sismica migrata; b) interpretazione geologica. Spiegazione dei simboli: L - Unità Liguri l.s.; TN3 - Macigno and Scaglia Toscana; TN2 - Maiolica, Diaspri, Marne a Posidonomya, Calcare Selcifero, Calcare Massiccio and Calcare a Rhaetavicula contorta; TN1 - Formazione anidritica di Burano e Calcare Cavernoso. the Northern Apennines collisional stage. The thrust structures were deformed by the later D 2 folding event, as also shown in other areas of southern Tuscany (CAMPETTI et alii, 1995, 1999), probably related to the initial stages of the extensional tectonics (CARMIGNANI et alii, 1991; 1993; ELTER & SANDRELLI, 1994). Normal faulting related to the D 3 event dissected both the D 1 and D 2 structures and modified the original relationships between the tectonic units. In fact, the F 3 normal faults mostly reactivated the thrust planes and, in the Mt. Amiata region (CALAMAI et alii, 197; BROGI, 24c), as well as in southern Tuscany (LAZZAROTTO, 1967; LAZZAROTTO & MAZZANTI, 1978; DECANDIA et alii, 1993), produced the direct superimposition of the Ligurian l.s. units on to the Triassic Tuscan nappe formations. This suggests that the was locally delaminated and consequently the oldest structures were locally erased. On these grounds, it can be hypothesised that some thrust planes within the Tuscan nappe were reactivated as low-angle normal faults. This could justify the lack of some formations mainly in the overthrust subunits (SU1), as is the case in the subsurface of the Bagnore geothermal field and the Poggio Zoccolino area (figs. 5b and 11). CONCLUSIONS In the Mt. Amiata geothermal area, the was affected by widespread thickening developed during the syncollisional stage of the Northern Apennines tectonism. This occurred by means of east-verging thrusts, developed during emplacement of the Ligurian l.s. units (Late Oligocene-Early Miocene). The vergence of the thrusting confirms the eastward emplacement of the in the Northern Apennines tectonic pile. The was affected by polyphase tectonics, recording the main deformational events related to the Northern Apennines tectonic history. The thickened Tuscan nappe was successively thinned by low-angle normal faults, which presently represent the dominant structures in this part of the chain. Low-angle normal faults caused the development of megaboudins in which

11 CONTRACTIONAL STRUCTURES WITHIN THE TUSCAN NAPPE OF THE MT. AMIATA AREA 63 Fig Geological section across the Bagnore geothermal field. Its location is shown in figure 1a. The geothermal borehole Bagnore 8 drilled two subunits: the uppermost one (SU1) is composed of only Late Triassic evaporites (Formazione anidritica di Burano); the lowermost one (SU2) is composed of a stratigraphic succession comprising Late Triassic evaporites and the Marne a Posidonomya Fm. (after CALAMAI et alii, 197 redrawn). SYMBOLS: 1) detritus; 2) Ligurian l.s. Units; 3) Calcareniti a Nummuliti; 4) Scaglia Toscana Fm.; 5) Diaspri Fm.; 6) Marne a Posidonomya Fm.; 7) Calcare Selcifero Fm.; 8) Calcare Massiccio Fm.; 9) Calcari a Rhaetavicula contorta Fm.; 1) Formazione anidritica di Burano; 11) Volcanic Complex. Sezione geologica attraverso il campo geotermico di Bagnore. La traccia della sezione è mostrata in fig. 1a. Il pozzo geotermico Bagnare 8 ha perforato due sottounità di falda toscana: quella superiore (SU1) è composta esclusivamente dalle evaporiti triassiche (Formazione anidritica di Burano), mentre quella inferiore (SU2) è costituita da una successione stratigrafica compresa tra le evaporiti triassiche e le Marne a Posidonomya (da CALAMAI et alii, 197, ridisegnato). Spiegazione dei simboli: 1) Detrito; 2) Unità liguri l.s.; 3) Calcareniti a Nummuliti; 4) Scaglia Toscana; 5) Diaspri; 6) Marne a Posidonomya; 7) Calcare Selcifero; 8) Calcare Massiccio; 9) Calcari a Rhaetavicula contorta; 1) Formazione anidritica di Burano; 11) Complesso Vulcanico. a Ligurian l.s. units subunit 1 subunit subunit 1 subunit 2 b W E Ligurian l.s. Units subunit 1 subunit 2 c W E Ligurian l.s. Units Fig a) The of the Mt. Amiata area is characterised by two sub-tectonic units (SU) stacked during the syncollisional stage of the Northern Apennines tectonism, in turn overlain by Ligurian l.s. Units; b) schematic relationships among the SU and the Ligurian units in the Poggio Zoccolino-Campiglia d Orcia area; c) schematic relationships among the SU and the Ligurian units in the subsurface of the Bagnore geothermal field. The overthrust subunits (subunit 1) were probably characterised by the Triassic- Oligocene stratigraphical succession, but they were partially delaminated by low-angle normal faults, as well as the uppermost sequence of subunit 2. KEY: 1) Triassic evaporites; 2) Jurassic carbonate succession; 3) Cretaceous-Oligocene shales and limestones (Scaglia Toscana Fm.); 4) Late Oligocene-Early Miocene turbiditic micaceous sandstones (Macigno Fm.). a) La falda toscana presente nell area del Monte Amiata è caratterizzata da due sottounità tettoniche sviluppate durante la fase collisionale della catena. Esse a loro volta sono sormontate dalle Unità Liguri; b) relazioni schematiche tra le sottounità di falda toscana e le unità liguri nell area di Poggio Zoccolino e di Campiglia d Orcia; c) relazioni schematiche tra le sottounità di falda toscana e le unità liguri nel sottosuolo del Campo geotermico di Bagnore. Le sottounità sovrascore (SU1) erano probabilmente costituite da una successione stratigrafica completa e probabilmente sono state delaminate a seguito dello sviluppo di faglie dirette a basso angolo, così come presumibile anche nelle sottounità SU2. Spiegazione dei simboli: 1) Successione evaporitica triassica; 2) Successione carbonatica giurassica; 3) Successione argilloso-calcarea cretacico-oligocenica (Scaglia Toscana); 4) Arenarie torbiditicche micacee dell Oligocene superiore-miocene inferiore (Macigno).

12 64 A. BROGI collisional structures are locally preserved. In this framework, the collisional structures documented both in the Mt. Aquialia-Mt. Buceto and Poggio Zoccolino areas, and drilled in the subsurface of the Bagnore geothermal field, represent relict collisional structures fortunately preserved during extensional tectonics. On the whole, remains of the original fold-and-thrust belt, rarely documented in the nucleus of southern Tuscany, have been highlighted in the Mt. Amiata area. ACKNOWLEDGEMENTS ENEL GreenPower permitted consultation of its geological and geophysical database. Two anonymous referees are thanked for their constructive remarks and critical reading of the manuscript. Financial support by PAR23 (coord. Antonio Lazzarotto). REFERENCES ACOCELLA V. & FUNICIELLO R. (22) - Transverse structures and volcanic activity along the Tyrrhenian margin of central Italy. Boll. Soc. Geol. It., Vol. Spec., 1, AQUE R., BROGI A. & MECCHERI M. (22) - Tectonic setting of the Tuscan Nappe in the Turrite Cava valley, southeasten Apuane Alps. Boll. Soc. Geol. Vol. Spec., 1, BATINI F., BERTINI G., GIANELLI G., PANDELI E., PUXEDDU M. & VIL- LA I. (1985) - Deep structure, age and evolution of the Larderello- Travale goethermal field. Geothermal Res. Comm. Transaction, 9, 1-7. BATINI F., BROGI A., LAZZAROTTO A., LIOTTA D. & PANDELI E. (23) - Geological features of Larderello-Travale and Mt. Amiata geothermal areas (southern Tuscany, Italy). Episodes, 26, BATINI F., BURGASSI P.D., CAMELI G.M., NICOLICH R. & SQUARCI P. (1978) - Contribution to the study of the deep lithospheric profiles: Deep reflecting horizons in Larderello-Travale Geothermal field. Mem. Soc. Geol. It., 19, BENVENUTI M., PAPINI M. & ROOK L. (21) - Mammal Biochronology, UBSU and paleoenvironment evolution in a post-collisional basin: evidence from the Late Miocene Baccinello-Cinigiano basin in southern Tuscany, Italy. Boll. Soc. Geol. It., 12, BERTINI G., CAMELI G.M., COSTANTINI A., DECANDIA F.A., DI FILIPPO M., DINI I., ELTER F.M., LAZZAROTTO A., LIOTTA D., PANDELI E., SANDRELLI F. & TORO B. (1991) - Struttura geologica fra i monti di Campiglia e Rapolano Terme (Toscana meridionale): stato attuale delle conoscenze e problematiche. Studi Geologici Camerti, Vol. Spec., 1, BOCCALETTI M., ELTER P. & GUAZZONE G. (1971) - Plate tectonics model for the development of the Western Alps and Northern Apennines. Nature, 234, BOSSIO A., COSTANTINI A., FORESI L., MAZZEI R., MONTEFORTI B., RADI L., SALVATORINI C.F. & SANDRELLI F. (1994) - Carta geologica del medio Ombrone (Siena-Grosseto). Sel.ca., 1994 Firenze. BOSSIO A., COSTANTINI A., FORESI L., MAZZEI R., MONTEFORTI B., SALVA TORINI G. & SANDRELLI F. (1991) - Notizie preliminari sul Pliocene del Bacino del medio Ombrone e della zona di Roccastrada. Atti Soc. Tosc. Sc. Nat., Mem. Serie A., 98, BOSSIO A., COSTANTINI A., LAZZAROTTO A., LIOTTA D., MAZZANTI R., MAZZEI R., SALVATORINI G.F. & SANDRELLI F. (1993) - Rassegna delle conoscenze sulla stratigrafia del Neoautoctono toscano. Mem. Soc. Geol. It., 49, BROGI A. (21) - I rapporti tra le Unità liguri lungo la fascia interessata dal profilo sismico CROP18 ad ovest dell area geotermica del Monte Amiata: dati preliminari. 3 Forum Italiano di Scienze della Terra FIST, Chieti 5-8 settembre 21. BROGI A. (24a) - Tettonica distensiva sin-sedimentaria nel Dominio Toscano: evidenze mesoscopiche nelle successioni cretacico-eoceniche della Falda Toscana ad ovest del Monte Amiata (Appennino Settentrionale). Boll. Soc. Geol. It., 123, BROGI A. (24b) - Seismic reflection and borehole logs as tools for tectonic and stratigraphical investigations: new geological data for the Tuscan Nappe exposed in the northeastern Mt. Amiata area (Northern Apennines, Italy). Boll. Soc. Geol. It., 123, BROGI A. (24c) - Miocene extension in the inner Northern Apennines: the Tuscan Nappe megaboudins in the Mt. Amiata geothermal area and their influence on Neogene sedimenation. Boll. Soc. Geol. It. (in press). BROGI A. & LAZZAROTTO A. (22) - Deformazioni sin-collisionali nella Falda Toscana a sudovest del Monte Amiata (Toscana meridionale): il sovrascorrimento di Monte Aquilaia. Boll. Soc. Geol. It., 121, BROGI A., LAZZAROTTO A., LIOTTA D. & CROP18 WORKING GROUP (25a) - Structural features of Southern Tuscany and geologic interpretation of the CROP 18 reflection seismic survey, Italy. Boll. Soc. Geol. It., Vol. Spec. (in press). BROGI A., LAZZAROTTO A., LIOTTA D. & CROP18 WORKING GROUP (25b) - Crustal structures in the geothermal areas of southern Tuscany (Italy): insights from the CROP 18 deep seismic reflection lines. J. Volc. Geoth. Res. (in press). CALAMAI A., CATALDI R., SQUARCI P. & TAFFI L. (197) - Geology, Geophysics and Hydrogeology of the Monte Amiata Geothermal Field. Geothermics, 1, Vol. Spec., 1-9. CAMELI G.M. (1994) - Indagine sulla tecnica di acquisizione sismica della linea CROP18. Studi Geologici Camerti, Vol. Spec., 1, CAMPETTI A., CAROSI R., DECANDIA F.A., ELTER P., LAZZAROTTO A., MONTOMOLI C., PERTUSATI P.C. & POLVEROSI B. (1995) - Deformazioni sin- e post-sovrascorrimenti nei Monti dell Uccellina (Toscana meridionale). Studi Geol. Carmerti, Vol. Spec., 1995/1, CAMPETTI A., CAROSI R., DECANDIA F.A., ELTER P., LAZZAROTTO A., MONTOMOLI C., PERTUSATI P.C. & POLVEROSI B. (1999) - Assetto ed evoluzione strutturale dei Monti dell Uccellina (Toscana meridionale). Boll. Soc. Geol. It., 118, CARMIGNANI L., CERRINA FERONI A., DEL TREDICI S., FANTOZZI P.L., GIGLIA G., MARTINELLI P., MECCHERI M. & ROBBIANO A. (1992) - Considerazioni sul profilo La Spezia-Reggio Emilia. Studi Geol. Camerti, Vol. spec., 2, CROP1-1A, CARMIGNANI L., DECANDIA F.A., DISPERATI L., FANTOZZI P.L., KLIG- FIELD R., LAZZAROTTO A., LIOTTA D. & MECCHERI M. (21) - Inner Northern Apennines. In: Vai G.B. & Martini P. Eds., Anatomy of an Orogen: the Apennines and adjacent Mediterranean Basins. Kluwer Academic publ. 21. CARMIGNANI L., DECANDIA F.A., FANTOZZI P.L., LAZZAROTTO A., LIOTTA D. & MECCHERI M. (1994) - Tertiary extensional tectonics in Tuscany (Northern Apennines, Italy). Tectonophysics, 238, CARMIGNANI L., DISPERATI L., FANTOZZI P.L., GIGLIA G. & MECCHE- RI M. (1993) - Tettonica distensiva nel Complesso Metamorfico Apuano. Pietrasanta 1-4 Giugno Guida all escursione. CARMIGNANI L., FANTOZZI P.L. & MECCHERI M. (1991) - La vergenza sin- e post-nappe della Falda Toscana nelle strutture di Pescaglia e di Castelpoggio (Alpi Apuane). Boll. Soc. Geol. It., 11, CAROSI R., MONTOMOLI C. & PERTUSATI P.C. (22) - Late orogenic structures and orogen-parallel compression in the Northern Apennines. Boll. Soc. Geol. It., Vol. spec., 1, CARTER K.E. (1992) - Evolution of stacked, ductile shear zones in carbonates from mid-crustal levels: Tuscan Nappe, Northern Apennines, Italy. J. Struct. Geology, 14, CONTI P., COSTANTINI A., DECANDIA F.A., ELTER F.M., GATTIGLIO M., LAZZAROTTO A., MECCHERI M., PANDELI E., RAU A., SANDRELLI F., TONGIORGI M. & DI PISA A. (1991) - Structural frame of the Tuscan Paleozoic: a review. Boll. Soc. Geol. It., 1, CORNAMUSINI G. (22) - Compositional evolution of the Macigno Fm. of Southern Tuscany along a transect from the Tuscan coast to the Chianti Hills. Boll. Soc. Geol. It., Vol. Spec., 1, COSTA E., DI GIULIO A., PLESI G., VILLA G. & BALDINI C. (1997) - I flysch oligo-miocenici della trasversale Toscana meridionale-casentino: dati biostratigrafici e petrografici. Atti Tic. Sc. Terra, 39, COSTANTINI A., DECANDIA F.A., LAZZAROTTO A. & SANDRELLI F. (1988) - L unità di Monticiano-Roccastrada fra la Montagnola senese ed il Monte Leoni (Toscana meridionale). Atti Tic. Sc. Terra, 31,

13 CONTRACTIONAL STRUCTURES WITHIN THE TUSCAN NAPPE OF THE MT. AMIATA AREA 65 COSTANTINI A., LAZZAROTTO A., MACCANTELLI M., MAZZANTI R., SANDRELLI F., TAVARNELLI E. & ELTER F.M. (1993) - Geologia della provincia di Livorno a sud del Fiume Cecina. Suppl. N 2, Quaderni Mus. Stor. Nat. Livorno, 13, DECANDIA F.A., LAZZAROTTO A. & LIOTTA D. (1993) - La «Serie ridotta» nel quadro dell evoluzione geologica della Toscana meridionale. Mem. Soc. Geol. It., 49, DEL TREDICI S. & PERILLI N. (1997) - Stratigrafia ed evoluzione strutturale della Falda Toscana lungo la terminazione nord-occidentale delle Alpi Apuane. Atti. Tic. Sc. Terra, 7, ELTER F.M. & PANDELI E. (1991) - Structural features of the metamorphic Paleozoic-Triassic sequences in deep geothermal drillings of the Mt. Amiata area (SE Tuscany, Italy). Boll. Soc. Geol. It., 11, ELTER F.M. & SANDRELLI F. (1994) - La fase post-nappe nella Toscana meridionale: nuova interpretazione sull evoluzione dell Appennino settentrionale. Atti Tic. Sc. Terra, 37, FAZZINI P. (1978) - Aspetti particolari della Scaglia Toscana nella regione amiatina: la successione di Monte Aquilaia. Atti Soc. Nat. Mat. Modena, 18, FAZZUOLI M., FERRINI G., PANDELI E. & SGUAZZONI G. (1988) - Le formazioni giurassico-mioceniche della Falda Toscana a Nord dell Arno: considerazioni sull evoluzione sedimentaria. Mem. Soc. Geol. It., 3, FERRARI L., CONTICELLI S., BURLAMACCHI L. & MANETTI P. (1996) - Volcanological evolution of the Monte Amiata, Southern Tuscany: new geological and petrochemical data. Acta Vulcanol., 8, FREY M. & ROBINSON D. (1999) - Low-grade metamorphism. Blackwell Science ltd. Editorial office, pp GIANELLI G., PUXEDDU M., BATINI F., BERTINI G., DINI I., PANDELI E. & NICOLICH R. (1988) - Geological model of a young volcanoplutonic system: the geothermal region of Monte Amiata (Tuscany, Italy). Geothermics, 17, LAVECCHIA G. (1988) - The Tyrrhenian-Apennines system: structure setting and seismotectogenesis. Tectonophysics, 147, LAVECCHIA G., MINELLI G. & PIALLI G. (1984) - L Appennino Umbromarchigiano: tettonica distensiva ed ipotesi di sismogenesi. Boll. Soc. Geol. It., 13, LAZZAROTTO A. & LIOTTA D. (1994) - Studi Geologici Camerti, Volume speciale: Studi preliminari all acquisizione dati del profilo CROP pp. LAZZAROTTO A. & MAZZANTI R. (1978) - Geologia dell alta Val di Cecina. Boll. Soc. Geol. It., 95, LAZZAROTTO A. (1967) - Geologia della zona compresa fra l alta Valle del Fiume Cornia ed il Torrente Pavone (Prov. di Pisa e Grosseto). Mem. Soc. Geol. It., 6, LIOTTA D. & SALVATORINI G. (1994) - Evoluzione sedimentaria e tettonica della parte centro-meridionale del bacino pliocenico di Radicofani. Studi Geologici Cemerti, Vol. Spec. 1994/1, LIOTTA D. (1994) - Structural features of the Radicofani basin along the Piancastagnaio (Mt. Amiata)-S. Casciano dei Bagni (Mt. Cetona) cross section. Mem. Soc. Geol. It., 48, LIOTTA D. (1996) - Analisi del settore centro-meridionale del bacino pliocenico di Radicofani (Toscana meridionale). Boll. Soc. Geol. It., 115, LIOTTA D., CERNOBORI L. & NICOLICH R. (1998) - Restricted rifting and its coexistence with compressional structures: results from the Crop3 traverse (Northern Apennines, Italy). Terra Nova, 1, LOSACCO U. (196) - Ricerche geologiche nella Toscana meridionale. III Stratigrafia e tettonica del Poggio Zoccolino (Monte Amiata). Boll. Soc. Geol. It., 78, MONTOMOLI C. (22) - Vein development and fluid inclusion data: insight on the evolution of the Tuscan Nappe in the Northern Apennines. Boll. Soc. Geol. It., Vol. Spec., 1, PANDELI E., BERTINI G., CASTELLUCCI P. & MORELLI M. (22) - Le coperture sedimentarie toscane e liguri della regione del Monte Amiata (Toscana sud-orientale): nuovi dati sul loro assetto stratigrafico e tettonico. Studi per l interpretazione del Profilo Sismico CROP18, 2 Stato di avanzamento, 25 Marzo 22, Castelnuovo Val di Cecina. Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Siena, Marzo 23. PASSCHIER C.W. & TROUW R.A. (1996) - Microtectonics. Springer- Verlag Berlin Heidelberg, 289 pp. PERTUSATI P.C., PLESI G. & CERRINA FERONI A. (1977) - Alcuni esempi di tettonica polifasata nella Falda Toscana. Boll., Soc. Geol. It., 96, RAMSAY J.G. & HUBER M.I. (1987) - The techniques of Modern structural geology. Volume 2: folds and fractures. Academic Press, London, 7 pp. RAMSAY J.G. (1967) - Folding and fracturing of rocks. McGraw-Hill Book Company, New York, 56 pp. Manoscritto pervenuto l 8 Marzo 24; testo approvato per la stampa il 24 Gennaio 25; ultime bozze restituite il 2 Marzo 25.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

(Azad Kashmir, NE-Pakistan)

(Azad Kashmir, NE-Pakistan) Diss. ETH No. 8779 Tectonics and Metamorphism in the Western Himalayan Syntaxis Area (Azad Kashmir, NE-Pakistan) A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZURICH for the degree

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

ROSSO AD APTICI RANGO ETÀ REGIONE. Giurassico superiore (Oxfordiano medio?-titoniano superiore) Lombardia, Canton Ticino (CH) Formazione

ROSSO AD APTICI RANGO ETÀ REGIONE. Giurassico superiore (Oxfordiano medio?-titoniano superiore) Lombardia, Canton Ticino (CH) Formazione 158 APAT - CNR - COMMISSIONE ITALIANA DI STRATIGRAFIA ROSSO AD APTICI RANGO ETÀ REGIONE Formazione Giurassico superiore (Oxfordiano medio?-titoniano superiore) Lombardia, Canton Ticino (CH) FOGLIO AL 100.000

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale Amici della Terra

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

CGT. Paolo Conti. Carte e Sezioni Geologiche. Centro di GeoTecnologie. Università degli Studi di Siena

CGT. Paolo Conti. Carte e Sezioni Geologiche. Centro di GeoTecnologie. Università degli Studi di Siena Università degli Studi di Siena CGT Centro di GeoTecnologie Paolo Conti Carte e Sezioni Geologiche Paolo Conti Carte e Sezioni Geologiche CGT Centro di GeoTecnologie, Università degli Studi di Siena San

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna

Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna EUROPEAN UNION EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna Stato dell arte e linee guida per uno sviluppo sostenibile del settore

Dettagli

ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW

ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW Technical-scientific seminar on Analysis and design of tall building structures University of Patras 16 May 214 h. 11:-18: ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW OFFICE BUILDING IN MILAN (21-214) Structural

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions Mem. Descr. Carta Geol. d It. LXXXV (2008), pp. 419-426, figg. 14 I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions NISIO S. (*) 1. - INTRODUZIONE I fenomeni di sinkhole nelle altre regioni

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

sull argomento scelto ( evidenziare il testo passandoci sopra con il tasto sinistro del mouse e copiare premendo i tasti Ctrl + C )

sull argomento scelto ( evidenziare il testo passandoci sopra con il tasto sinistro del mouse e copiare premendo i tasti Ctrl + C ) This work is licensed under the Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. To view a copy of this license, visit http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/.

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218 NoteIllustrativeF218-24-03-04.qxd 24/03/04 17.15 Pagina 1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER I SERVIZI TECNICI NAZIONALI SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Con la Disposizione Organizzativa n.07/04 viene fissata la missione della Funzione Meteorologia il cui obiettivo

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO Itinerari nella geodiversità del Lazio, dai mari tropicali mesozoici ai ghiacciai del Quaternario di GIANCARLO DE SISTI Nato nel 1959, alpinista, laureato in geologia,

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

Il territorio delle Alte Vali INDICE

Il territorio delle Alte Vali INDICE 1 Il territorio delle Alte Vali INDICE 1. Premessa 2. Gli elementi su cui si fonda l iniziativa 3. La motivazione 4. Il percorso di visita 5. Cronoprogramma 6. Quadro economico 7. Obiettivi specifici 8.

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA)

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) A. GARASSINO NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) NEW DISCOVERY OF DECAPOD CRUSTACEANS IN THE LOWER CRETACEO US OF VERNASSO (UDINE, NE ITALY)

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Il sito del Neolitico antico di Monte Maggiore (Livorno)

Il sito del Neolitico antico di Monte Maggiore (Livorno) Quad. Mus. St. Nat. Livorno, 24: 21-27 (2011-2012) Il sito del Neolitico antico di Monte Maggiore (Livorno) FRANCO SAMMARTINO 1 circa 200 mq interessata da macchia mediterranea su substrato di serpentinite

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

HOME General information Affiliation and contacts Degrees and positions Expertises Teaching PUBLICATIONS Articles

HOME General information Affiliation and contacts Degrees and positions Expertises Teaching PUBLICATIONS Articles HOME General information Born in Arezzo 01-09-1949 August 1959, Resident in Rome, Italian Nationality Affiliation and contacts Dipartimento di Scienze della Terra, Università degli Studi di Roma "La Sapienza",

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

C. DONI (*) - P. DONO (*)

C. DONI (*) - P. DONO (*) 427 C. DONI (*) - P. DONO (*) PRIMA VALUTAZIONE QUANTITATIV A DELL 'INFILTRAZIONE EFFICACE NEI SISTEMI CARSICI DELLA PIATTAFORMA CARBONA TICA LAZIALE-ABRUZZESE E NEI SISTEMI DI FACIES PELAGICA UMBRO-MARCHIGIANO-SABINA

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

2013 SECOND GENERATION CO 2 COMPRESSOR

2013 SECOND GENERATION CO 2 COMPRESSOR CD 2013 SECOND GENERATION CO 2 COMPRESSOR Introduzione / Introduction 3 Gamma completa / Complete range 4 Pesi e rubinetti / Weight and valves 4 Caratteristiche tecniche / Technical data 4 Max corrente

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Tot. Dist. fam. R corretto. F_01 foliazione 275 14 estrem strett molto alta chius 0-2 nessuno HW umid 13 16 18 12 10 15 10 22 18 10 12 13.78 3.

Tot. Dist. fam. R corretto. F_01 foliazione 275 14 estrem strett molto alta chius 0-2 nessuno HW umid 13 16 18 12 10 15 10 22 18 10 12 13.78 3. stazione 101118_01 Data 18 Nov. 2010 Torrente Giampilieri Quota 380 micascisti J_01 joint 75 30 larga molto alt chius 2-4 nessuno SW compl asc 44 15 18 12 19 20 9 11 8 11 13.48 4.51 J_02 joint 70 15 strett

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

ITALTRONIC SUPPORT ONE

ITALTRONIC SUPPORT ONE SUPPORT ONE 273 CARATTERISTICHE GENERALI Norme EN 6071 Materiale PA autoestinguente PVC autoestinguente Supporti modulari per schede elettroniche agganciabili su guide DIN (EN 6071) Materiale: Poliammide

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli