CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO"

Transcript

1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS A MEZZO DI GARA DICEMBRE 2006

2 INDICE PREMESSA p STATO DI CONSISTENZA DEGLI IMPIANTI 1.1. Descrizione dello stato di consistenza degli impianti, e dei consumi di gas p Osservazioni sullo stato di consistenza degli impianti, e sui consumi di gas p Previsioni di sviluppo degli impianti p VALORE ATTUALE DEGLI IMPIANTI 2.1. Valori standard dei Costi di Ricostruzione a Nuovo p Valori globali dei Costi di Ricostruzione a Nuovo dei cespiti p REDDITIVITÀ ATTUALE DEL SERVIZIO GAS 3.1. Conto finanziario attuale del servizio gas p. 23 2

3 PREMESSA La presente relazione è finalizzata a fornire al Comune di Toscolano Maderno un supporto tecnico per la valutazione della redditività reale del servizio di distribuzione del gas, che viene messo in gara ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. n. 164/2000. Tale analisi dello stato di fatto sarà molto utile per valutare le scelte da operare nell ambito della gara per il riaffidamento del servizio gas a un nuovo Gestore. La stessa relazione, inoltre, risulterà utile quale documento consultivo, da mettere a disposizione dei concorrenti. In base all analisi economicofinanziaria di cui al par. 3.1., infatti, i concorrenti potranno valutare molto accuratamente la reale redditività del servizio, e pertanto saranno in grado di formulare in modo preciso e sicuro le loro offerte. Inoltre, esaminando le caratteristiche dello stato di consistenza degli impianti e le previsioni di sviluppo del servizio e degli interventi di manutenzione straordinaria, di cui al par. 1., gli stessi concorrenti potranno valutare gli impegni e i costi da sostenere per la gestione della distribuzione gas, a fronte del ritorno economico derivante dalla formulazione delle offerte. Nella stesura della presente relazione si è fatto uso di dati tecnici forniti dalla società Concessionaria del servizio di distribuzione del gas. In particolare, si sono utilizzati: per i dati tecnici, lo stato di consistenza al che la Concessionaria ha trasmesso al Comune in data ; per quanto riguarda i consumi di gas, il Modello OTBRICAVI per l anno presentato dalla stessa Concessionaria, con estrapolazione per aggiornamento dei valori alla data odierna. Laddove i dati forniti sono risultati imprecisi o incompleti, si sono adottate delle adeguate approssimazioni su basi estimative. 3

4 1. STATO DI CONSISTENZA DEGLI IMPIANTI 1.1. Descrizione dello stato di consistenza degli impianti, e dei consumi di gas Si riportano nel seguito le caratteristiche degli impianti di distribuzione del gas alla data attuale, nonché le caratteristiche varie di utenza quali possono essere considerate, alla data attuale, sulla base dei dati comunicati dalla Concessionaria al Comune di Toscolano Maderno. In particolare si sono adottate le tre ipotesi di seguito esposte. 1) Gli utenti alla data odierna si stimano pari a ca. n (valore calcolato per estrapolazione di quello indicato nel Modello OTBRICAVI 2002/03, secondo un presunto incremento fisiologico ). 2) Gli allacciamenti d utenza alla data odierna si considerano come puntigas, agli effetti dalla loro valorizzazione e del loro ammortamento (dato che non è stato fornito dalla Concessionaria il dettaglio delle derivazioni stradali che collegano i puntigas stessi), e si considerano pari a n , cioè pari al numero dichiarato dalla Concessionaria nello stato di consistenza al ) I contatori d utenza alla data odierna si considerano pari a n , cioè pari al numero dichiarato dalla Concessionaria nello stato di consistenza al Nella TAB. 1, di seguito riportata, sono elencati i cespiti, riepilogati per tipologia. 4

5 TAB. 1 RIEPILOGO CONSISTENZA RETE DI DISTRIBUZIONE GAS AL Condotte rete M.P.: ml, installate fra il 1982 e il 1999 Condotte rete B.P.: ml, installate fra il 1982 e il 2003 Allacciamenti d utenza: (*) n , installati fra il 1980 e il 2003 Contatori d utenza: n , installati fra il 1980 e il 2003 Cabine I salto: (**) Gruppi Riduz. Finale: n. 9, installati fra il 1985 e il 2003 Gruppi Riduz. Industriale: n. 1, installato nel 1999 Impianto protezione catodica: n. 1, installato nel 1987 (*) Considerati come puntigas. (**) Le 2 cabine di I salto sono ubicate nel Comune di Salò. 5

6 1.2. Osservazioni sullo stato di consistenza degli impianti, e sui consumi di gas La rete di distribuzione esistente alla data attuale, quale si può dedurre dai dati forniti dalla Concessionaria (v. anche par. 1.1.), risulta costituita da ml, con un totale di n utenti serviti; il che comporta uno sviluppo medio di ca. 11,6 ml/utente, che è un valore allineato con quelli normalmente rilevati in realtà abitative analoghe al Comune di Toscolano Maderno. A complemento di quanto esposto al precedente par. 1.1., in merito allo stato attuale di consistenza degli impianti, si osservi che tutte le tubazioni sono state posate negli ultimi 23 anni, e quindi dovrebbero essere in ottimo stato di conservazione. Per quanto riguarda i consumi di gas, dai dati estrapolati (v. par. 1.1.) si ottiene: 1) per utenti civili / piccole attività: ca mc gas / ut. = ca mc / anno utente (*) 2) per la sola utenza a elevato consumo Cartiera : ca. 54. mc gas / 118 ut. = ca mc / anno (*) Si osservi che i consumi medi degli utenti civili / piccole attività appaiono bassi perché almeno il 3540% di tali utenze sono stagionali (non residenti). 6

7 1.3. Previsioni di sviluppo degli impianti Le previsioni di sviluppo delle rete di distribuzione del gas nel Comune di Toscolano Maderno possono dedursi dal P.R.G. vigente, da confrontarsi con le planimetrie della rete esistente. I dettagli delle lottizzazioni e dei piani di insediamento previsti sono disponibili in visione presso l Ufficio Tecnico comunale. 7

8 2. VALORE ATTUALE DEGLI IMPIANTI 2.1. Valori standard dei Costi di Ricostruzione a Nuovo Il Costo di Ricostruzione a Nuovo (C.R.N.) per le tubazioni installate è stato definito in forma standard per i diversi diametri di tubazione, facendo riferimento ai prezziari ufficiali di alcune Società di gestione attualmente operanti sul mercato impiantistico delle reti gas e considerandone i prezzi netti, senza ricarichi aziendali (per semplicità, il margine aziendale standard di profitto è stato valutato mediamente pari al 20% del valore a prezziario). E ciò in quanto si presume che in un passaggio di proprietà la valorizzazione dei beni immobiliari e strumentali (come quella dei semilavorati e dei prodotti finiti) venga eseguita al costo, senza tener conto dei margini commerciali di profitto per l azienda che aliena le proprietà. I valori standard sono stati calcolati stimando delle medie fra le varie possibili situazioni che comportino variazioni di prezzo. Per gli impianti di riduzione e misura, e per le altre strutture accessorie, si sono stimati i C.R.N. sulla base dei prezzi correnti di mercato, in ogni caso senza tener conto dei margini commerciali di profitto per l azienda che aliena le proprietà. Nelle TABB. 2345, di seguito riportate, sono indicati i C.R.N. dei vari componenti degli impianti. 8

9 TAB. 2 PREZZI NETTI STANDARD PER FORNITURE INERENTI A POSA DI TUBAZIONI PREZZI NETTI FORNITURE in /ml tubo posato Ø TUBO fornitura, posa, saldatura, collaudo tubazione PEAD fornitura, posa, saldatura, collaudo tubazione Acciaio scavi e reinterri con 40% materiale nuovo magg.ne per scavo con taglio asfalto ripristini binder + tappetino usura DN 65 10,54 9,69 2,42 15,01 DN ,67 11,36 9,69 2,42 15,01 DN 100 9,32 12,85 9,69 2,42 15,01 DN ,68 15,09 9,69 2,42 15,01 DN ,22 18,42 10,99 2,42 15,01 DN ,52 10,99 2,42 15,01 DN ,13 11,61 2,42 16,91 9

10 TAB. 3 COSTI RICOSTRUZIONE A NUOVO STANDARD DELLE TUBAZIONI IN PEAD C.R.N. unitario in /ml tubo posato Ø TUBO A per posa su sterrato B per posa su strada senza ripristini C per posa su strada con ripristini asfalto DN ,36 19,78 34,79 DN ,01 21,43 36,44 DN ,37 23,79 38,80 DN ,21 28,63 43,64 10

11 TAB. 4 COSTI RICOSTRUZIONE A NUOVO STANDARD DELLE TUBAZIONI IN ACCIAIO C.R.N. unitario in /ml tubo posato Ø TUBO A per posa su sterrato B per posa su strada senza ripristini C per posa su strada con ripristini asfalto DN 65 20,23 22,65 37,66 DN ,05 23,47 38,48 DN ,54 24,96 39,97 DN ,78 27,20 42,21 DN ,41 31,83 46,84 DN ,51 38,93 53,94 DN ,74 48,16 65,07 11

12 TAB. 5 COSTI RICOSTRUZIONE A NUOVO STANDARD DEGLI IMPIANTI DI RIDUZIONE E MISURA E DELLE ALTRE STRUTTURE ACCESSORIE TIPO DI CESPITE ======================================= Opere edili varie per Cabina I (*) Gruppi Rid. Fin. e Ind. (300 mc/h 2 linee) Gruppi Rid. Fin. e Ind. (400 mc/h 1 linea) Gruppi Rid. Fin. e Ind. (500 mc/h 2 linee) Gruppi Rid. Fin. e Ind. (1.000 mc/h 1 linea) Gruppi Rid. Fin. e Ind. ( mc/h 2 linee) Gruppi Rid. Fin. e Ind. (8.000 mc/h 2 linee) Contatori d utenza Allacciamenti d utenza (**) Impianti protezione catodica (***) C.R.N. unitario stimato in ==================== (*) Poiché le 2 cabine di I salto sono ubicate al di fuori del territorio comunale, per il momento non si prevedono costi di riscatto. (**) Il valore è stato stimato a standard (v. OSSERVAZIONE n. 1 al par. 2.4.). (***) Valore stimato. 12

13 2.2. Valori globali dei Costi di Ricostruzione a Nuovo dei cespiti Nella TAB. 6 di seguito riportata è esposto il riepilogo generale delle lunghezze di tutte le tubazioni esistenti, raggruppate per diametri e per anni di posa. Nelle TABB. 7 e 9 di seguito riportate sono esposti, rispettivamente, i riepiloghi delle lunghezze delle tubazioni in PEAD e in acciaio. Nelle TABB. 8 e 10 di seguito riportate sono esposti i Costi di Ricostruzione a Nuovo C.R.N. e i Valori Industriali Residui V.I.R. delle tubazioni in PEAD e in Acciaio. Nella TAB. 11 di seguito riportata sono esposti i Costi di Ricostruzione a Nuovo C.R.N. e i Valori Industriali Residui V.I.R. degli allacciamenti d utenza. Nella TAB. 12, di seguito riportata, sono esposti i Costi di Ricostruzione a Nuovo C.R.N. e i Valori Industriali Residui V.I.R. dei contatori d utenza. Nella TAB. 13, di seguito riportata, sono esposti i Costi di Ricostruzione a Nuovo C.R.N. e i Valori Industriali Residui V.I.R. degli impianti fissi di rete. OSSERVAZIONI 1) I costi unitari standard degli allacciamenti d utenza (intesi come puntigas) sono stati stimati pari a 74 /cad (v. anche TAB. 5 al par. 2.2.). Tale valore, che è stato necessariamente stimato, dato che la Concessionaria non ha fornito i dettagli delle derivazioni stradali e delle relative tubazioni usate (v. anche ipotesi al par. 1.2./2), è ricavato dalle seguenti ipotesi: 9,0 ml tubo interrato + 3,0 ml di tubo aereo per ogni presa stradale (utilizzati tubi in acciaio DN 65), con ripristini stradali eseguiti a carico dell utente (come previsto dal tariffario del giugno 1998) e applicando ai detti parametri i C.R.N. indicati nelle TABB. 23 al par. 2.2., maggiorati del 20%.; 48 materiali per ogni presa stradale; 1 presa stradale ogni 2,2 puntigas. 2) Non si è fatta distinzione per i C.R.N. delle tubazioni in M.P. e in B.P., perché i costi metrici globali di posa sono praticamente identici. 3) Per mancanza di dettagli nei dati forniti dalla Concessionaria, per quanto riguarda i materiali (v. anche osservazione al par. 1.3./1) si è stimato che il PEAD sia stato utilizzato per tutti e solo i tubi con DN che sono stati posati dall anno 1995 in poi. 4) Per i costi standard delle tubazioni si è fatto riferimento alle TABB. 34 (v. par. 2.2.), assumendo i valori esposti nelle colonne A e C delle tabelle stesse e applicando la formula: C.R.N. = A % + C.%. Le percentuali di tubazione posata su sterrato sono state rilevate con una misurazione planimetrica, che ha fornito le seguenti indicazioni: 26,4% del DN 65; 18,0% del DN 8090; 14,7% del DN 100; 7,5% del DN 150; 24,8% del DN 200; 18,8% del DN

14 Quanto sopra è stato ipotizzato per mancanza di dati dettagliati, e comunque è stato riportato a chiarimento dei valori del Coefficiente di Degrado (Cd) e dei Costi di Ricostruzione a Nuovo unitari (C.R.N. unit.) indicati nelle successive TABB

15 TAB. 6 RIEPILOGO GENERALE LUNGHEZZE TUBAZIONI TAB. 6 RIEPILOGO GENERALE LUNGHEZZE TUBAZIONI diam DN TOTALE Anno di posa ml posati ml posati ml posati ml posati ml posati ml posati ml posati lunghezze ml TOTALI TAB. 7 RIEPILOGO LUNGHEZZE TUBAZIONI PEAD 15

16 TAB. 7 LUNGHEZZE TUBAZIONI PEAD diam DN TOTALE Anno di posa ml posati ml posati ml posati ml posati lunghezze ml TOTALI TAB. 8 VALORI A NUOVO TUBAZIONI PEAD 16

17 TAB. 8 VALORI A NUOVO TUBAZIONI PEAD diam DN TOTALE C.R.N. unit. 31,65 33,88 38,80 42,33 Anno C.R.N. C.R.N. C.R.N. C.R.N. C.R.N. di posa TOTALI TAB. 9 RIEPILOGO LUNGHEZZE TUBAZIONI ACCIAIO 17

18 TAB. 9 LUNGHEZZE TUBAZIONI ACCIAIO diam DN TOTALE Anno di posa ml posati ml posati ml posati ml posati ml posati ml posati ml posati lunghezze ml TOTALI TAB. 10 VALORI A NUOVO TUBAZIONI ACCIAIO TAB. 10 VALORI A NUOVO TUBAZIONI ACCIAIO 18

19 diam DN TOTALE C.R.N. unit. 33,06 35,34 37,41 42,21 45,53 49,62 61,44 Anno C.R.N. C.R.N. C.R.N. C.R.N. C.R.N. C.R.N. C.R.N. C.R.N. di posa TOTALI TAB. 11 VALORI A NUOVO ALLACCIAMENTI TAB. 11 VALORI A NUOVO ALLACCI 19

20 Anno n o TOTALE Installazione Allacci C.R.N. (puntigas) TOTALI TAB. 12 VALORI A NUOVO CONTATORI TAB. 12 VALORI A NUOVO CONTATORI 20

21 Anno n o TOTALE Installazione Contatori C.R.N TOTALI

22 TAB. 13 VALORI A NUOVO IMPIANTI FISSI Tipo cespite Anno installaz. n pezzi Totale C.R.N. in Cabine I salto G.R.F. (1.000 mc/h l.s.) G.R.F. (1.000 mc/h l.s.) G.R.F. (300 mc/h d.l.) G.R.F. (500 mc/h d.l.) G.R.F. (500 mc/h d.l.) G.R.F. (300 mc/h d.l.) G.R.F. ( mc/h d.l.) G.R.F. (400 mc/h l.s.) G.R.I. (8.000 mc/h l.s.) Impianti protezione catodica TOTALI (*) Le cabine di I salto sono ubicate nel Comune di Salò, e non rientrano fra i cespiti da riscattare. 22

23 3. REDDITIVITÀ ATTUALE DEL SERVIZIO GAS 3.1. Conto finanziario attuale del servizio gas Nella TAB. 14, di seguito riportata, si espongono i valori stimati dei consumi di gas, ripartiti per scaglione. Nelle TABB di seguito riportate si espongono, rispettivamente, i criteri di calcolo utilizzati e il risultato finanziario di gestione del servizio gas. Per quanto riguarda i dati contenuti nelle TABB , occorre evidenziare le tre seguenti considerazioni: 1) Il numero di utenti risultante dal Modello OTBRICAVI per l anno termico 2003/2004 (fornito dalla Concessionaria con comunicazione del ) è stato stimato attualmente pari a (si è considerato un aumento 123 nuovi utenti nell ultimo anno, ripartiti in quantità proporzionale ai preesistenti, nei vari scaglioni); 2) i volumi di gas fatturato agli utenti sono stati calcolati partendo dal Modello OTBRICAVI per l anno termico 2003/2004, stimando però un incremento fisiologico di utenti nei vari scaglioni (v. precedente punto 1); 3) nella TAB. 14 sono indicati, per singolo scaglione, i volumi di gas fatturato agli utenti compresi in ogni scaglione, che sono stati stimati per estrapolazione sulla base dei dati del Modello OTBRICAVI per l anno termico 2003/2004, in base alle considerazioni di cui al precedente punto 2); TAB. 14 VOLUMI GAS VENDUTO E FATTURATO AGLI UTENTI Scaglioni gas venduto in mc/anno N utenti GAS FATTURATO in mc/anno 23

24 1 scaglione scaglione scaglione scaglione scaglione scaglione scaglione TOTALI TAB. 15 PARAMETRI STANDARD PER CONTO FINANZIARIO N. UTENTI TOTALI

25 1 scaglione 2 scaglione 3 scaglione 4 scaglione 5 scaglione 6 scaglione 7 scaglione GAS FATTURATO A UTENTI TOTALI mc/anno 1 scaglione 2 scaglione 3 scaglione 4 scaglione 5 scaglione 6 scaglione 7 scaglione mc/anno mc/anno mc/anno mc/anno mc/anno mc/anno mc/anno MARGINE DISTRIBUZIONE GAS (quota variabile) 1 scaglione 2 scaglione 3 scaglione 4 scaglione 5 scaglione 6 scaglione 7 scaglione 15,2087 8,3727 6,0411 3,2325 1,3778 0,2650 cent/mc cent/mc cent/mc cent/mc cent/mc cent/mc cent/mc MARGINE DISTRIBUZIONE GAS (quota fissa) 1 scaglione 2 scaglione 3 scaglione 4 scaglione 5 scaglione 6 scaglione 7 scaglione /anno utente /anno utente /anno utente /anno utente /anno utente /anno utente /anno utente TAB. 16 RISULTATO FINANZIARIO LORDO DI GESTIONE DEL SERVIZIO GAS 25

26 RICAVI LORDI Quota variabile Distribuzione (A) 1 scaglione 2 scaglione 3 scaglione 4 scaglione 5 scaglione 6 scaglione 7 scaglione mc/anno cent/mc 15,2087 8,3727 6,0411 3,2325 1,3778 0,2650 in /anno Totale parz. (A) Quota fissa Distribuzione (B) 1 scaglione 2 scaglione 3 scaglione 4 scaglione 5 scaglione 6 scaglione 7 scaglione n. utenti /anno ut Totale parz. (B) MARGINE LORDO DISTRIBUZIONE ( VRD ) Totale (A) + (B) OSSERVAZIONE : Per mancanza di dati certi, nella TAB. 14 sopra riportata ci si è limitati ad estrapolare i dati del Modello OTBRICAVI per l anno termico 2003/2004, ipotizzando solo un aumento fisiologico delle utenze negli ultimi anni. Tuttavia, è molto probabile che negli ultimi anni vi sa stato un elevato aumento di allacciamenti di utenze stagionali, per l altissimo numero di nuove unità immobiliari edificate, adibite a uso stagionale. 26

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA Allegato n. 7) CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI BARBATA RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

settore Opere per il Territorio e l Ambiente

settore Opere per il Territorio e l Ambiente www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Opere per il Territorio e l Ambiente segreteria.llpp@comune.paderno-dugnano.mi.it OGGETTO: PROCEDURA APERTA SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NEL TERRITORIO

Dettagli

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294

Rev. 01 12/2010. Allegato A. Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 2010 Rev. 01 12/2010 Approvato dal CDA del CITL nella seduta del 07.12.2010 n. 294 SOMMARIO 1. CONTRIBUTI ALLACCIAMENTO E ALTRE PRESTAZIONI...3 A. Allacciamenti con scavo... 3 B. Allacciamenti senza scavi...

Dettagli

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.

Allegato A. Ambito Territoriale Ottimale Provincia di Bergamo 21/05/2010. Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05. 2010 Rev. 01 21/05/2010 Approvato dal CDA di Uniacque nella seduta del 21.05.2010 Approvato dall Assemblea del Consorzio dell Autorità d Ambito Ottimale della Provincia di Bergamo il 30.06.2010 Ambito

Dettagli

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE Società Uninominale Società soggetta a coordinamento e controllo da parte del Comune di Porto S. Giorgio SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1992 REVISIONE DAL 1993 COMUNE DI CONTURSI TERME Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

PREMESSA. N.B.2: Tutti gli importi esposti sono al netto di I.V.A.

PREMESSA. N.B.2: Tutti gli importi esposti sono al netto di I.V.A. PREZZARIO CONTRIBUTI ALLACCIAMENTI ED ATTIVITA ACCESSORIE IN VIGORE DALL 01/04/2015 PREMESSA N.B.1: Per tutte le prestazioni richieste per le quali il personale di Gas Plus Reti S.r.l. sia uscito per eseguire

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI) Sommario 1. Canone per attività manutentive e gestionali:...3 1.1. Canone per quota assistenza, gestione e manutenzione impianti di climatizzazione e FER...3 1.2. Canone per quota assistenza, gestione

Dettagli

ARRIGO PARESCHI PROF. ING. RELAZIONE TECNICA REDATTA DEL PROF. ING. ARRIGO PARESCHI SU INCARICO DI ASCOPIAVE SpA

ARRIGO PARESCHI PROF. ING. RELAZIONE TECNICA REDATTA DEL PROF. ING. ARRIGO PARESCHI SU INCARICO DI ASCOPIAVE SpA PROF. ING. ARRIGO PARESCHI ORDINARIO DI IMPIANTI INDUSTRIALI FACOLTA DI INGEGNERIA DELLA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA VIALE RISORGIMENTO, 2-40136 BOLOGNA TEL. 051-209.34.01/05 TELEFAX 051-209.34.11

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1991 REVISIONE DAL 1992 COMUNE DI ATENA LUCANA Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli

Per ulteriori informazioni e consigli

Per ulteriori informazioni e consigli Per ulteriori informazioni e consigli Alcuni siti presso i quali è possibile visionare e scaricare consigli utili a risparmiare energia sia nell uso quotidiano sia nel corretto acquisto di determinati

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

A.T.M. AZIENDA TORTONESE MULTISERVIZI SPA

A.T.M. AZIENDA TORTONESE MULTISERVIZI SPA S.S. 35 dei Giovi n. 42 15057 TORTONA (AL) CONSISTENZA DELL IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE DI TORTONA DI PROPRIETÀ A.T.M. AZIENDA TORTONESE MULTISERVIZI SPA CONSISTENZA DELL IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO Allegato A alla deliberazione n. 246/2006 PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO 1. Premessa La presente procedura definisce i criteri e le metodologie per la determinazione

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE JULIA RETE s.u.r.l. Pagina 1 PREMESSA In conformità al Codice di rete tipo per la distribuzione del gas naturale, approvato dall AEEG (Autorità per l Energia Elettrica

Dettagli

Voce presente in bolletta. Elementi minimi obbligatori. Descrizione

Voce presente in bolletta. Elementi minimi obbligatori. Descrizione GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N. Comune di BERBENNO DI VALTELLINA Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.1 Data, Marzo 2014 ALLEGATO A CONSISTENZA 1. CABINE DI DECOMPRESSIONE

Dettagli

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua)

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) PREZZI STANDARD NON COMPRESI NELLA TARIFFA GESTORE DEL SII : Marche Multiservizi S.p.A. Via dei Canonici,144 60122 PESARO (PU) C.F., P. IVA N IVA 02059030417 Approvato

Dettagli

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 Ed. 4.0 - I1/10 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI

Dettagli

ALLEGATO B - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI GAS NATURALE

ALLEGATO B - GLOSSARIO PER LA BOLLETTA DELLA FORNITURA DI GAS NATURALE GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente

Dettagli

LISTINO PREZZI PER REALIZZAZIONE DI ALLACCIAMENTI STANDARD ALL'ACQUEDOTTO

LISTINO PREZZI PER REALIZZAZIONE DI ALLACCIAMENTI STANDARD ALL'ACQUEDOTTO LISTINO PREZZI PER REALIZZAZIONE DI ALLACCIAMENTI STANDARD ALL'ACQUEDOTTO Allacciamento eseguito all'interno di nuove lottizzazioni Allacciamento eseguito in concomitanza di estensioni di rete Allacciamento

Dettagli

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva

EDIGAS-Esercizio Distribuzione Gas SpA- UNIPERSONALE Via Verizzo 1030 31053 Pieve di Soligo (TV) C.F. 81000460022 REA TV 338229 Partita Iva ELENCO PREZZII e CONDIIZIIONII DEII SERVIIZII E DELLE PRESTAZIIONII INDICE 01.00 PRESTAZIONI TECNICHE SVOLTE DAL DISTRIBUTORE... 2 02.00 PRESTAZIONI OPZIONALI... 2 03.00 ELENCO PREZZI ANNO 2009... 3 a

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE Al Servizio Principale di Distribuzione del Gas della COSEV SERVIZI S.p.A. 4 EDIZIONE decorrenza dal 22 Luglio 2015 (fatti salvi i prezzi stabiliti dalle delibere 573/2013

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

Bolletta sintetica. Descrizione. Elementi minimi obbligatori 1

Bolletta sintetica. Descrizione. Elementi minimi obbligatori 1 Pag. 1 di 5 Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente al cliente finale e che riporta le informazioni relative

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE-

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- Agosto 2014 OGGETTO E APPLICABILITA Oggetto Sulla base di quanto previsto dal Codice di Rete tipo per la distribuzione del gas naturale, il presente

Dettagli

GESAM abbatte il costo dell allacciamento del gas Accolte le richieste di Lucca e Capannori

GESAM abbatte il costo dell allacciamento del gas Accolte le richieste di Lucca e Capannori Comunicato Stampa del 22 gennaio 2015 GESAM abbatte il costo dell allacciamento del gas Accolte le richieste di Lucca e Capannori In tempi di crisi arriva da GESAM una iniziativa importante per le famiglie

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014 2013 Rev. 03 16/01/2014 Metodo tariffario transitorio ai sensi della deliberazione n 585/2012 dell AEEG Definito in conformità alla delibera n. 2 del 04.12.2013 della Conferenza dei Comuni dell Ambito

Dettagli

ELENCO PREZZI ANNO 2011 (ISTAT-FOI Gennaio 2004 / Dicembre 2010 + 13,50%)

ELENCO PREZZI ANNO 2011 (ISTAT-FOI Gennaio 2004 / Dicembre 2010 + 13,50%) GESTIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DEL GAS METANO NEL TERRITORIO DEI COMUNI DEL BACINO BASILICATA 03 (LAURIA-TRECCHINA-MARATEA-NEMOLI E RIVELLO) ELENCO PREZZI ANNO 2011 (ISTAT-FOI Gennaio 2004 / Dicembre 2010

Dettagli

UNIGAS Distribuzione S.r.l.

UNIGAS Distribuzione S.r.l. Organismo accreditato da ACCREDIA UNI EN ISO 9001:2008 SGQ Certificato n. 848 UNIGAS Distribuzione S.r.l. Comune di Alzano Lombardo (Bg) Elenco Prezzi per interventi al Punto di Riconsegna UNIGAS DISTRIBUZIONE

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL GAS: LE GARE PER GLI AFFIDAMENTI E LE INIZIATIVE DELL AUTORITA

LA DISTRIBUZIONE DEL GAS: LE GARE PER GLI AFFIDAMENTI E LE INIZIATIVE DELL AUTORITA LA DISTRIBUZIONE DEL GAS: LE GARE PER GLI AFFIDAMENTI E LE INIZIATIVE DELL AUTORITA Milano, 13 novembre 2014 Giorgio Cisvento Unità Infrastrutture Locali Gas Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazioni

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE 3 5 4 6 1 2 7 8 9 10 11 Pag. 1 di 9 12 13 14 15 16 18 19 Pag. 2 di 9 20 Pag. 3 di 9 21 Pag. 4 di 9 22 Pag. 5 di 9 RIEPILOGO DATI FATTURA 1 INTESTATARIO DELLA FORNITURA: sono i dati che identificano il

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016 INDICE ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016... 1 INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI PER PRESTAZIONI ACCESSORIE ed OPZIONALI AI PUNTI DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI UNITARI PER PRESTAZIONI ACCESSORIE ed OPZIONALI AI PUNTI DI RICONSEGNA ELENCO PREZZI UNITARI PER PRESTAZIONI ACCESSORIE ed OPZIONALI AI PUNTI DI RICONSEGNA Servizio di Distribuzione del Gas Naturale di VALLE UMBRA SERVIZI SPA DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

G.P. GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2014 (PROVVISORIO: dal 01/01/2014 alla data di variazione ISTAT)

G.P. GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2014 (PROVVISORIO: dal 01/01/2014 alla data di variazione ISTAT) Il Distributore si impegna, anche tramite terzi ed in relazione agli impianti per i quali è concessionario del servizio di distribuzione del gas naturale e di gas diversi dal gas naturale, a fornire le

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS Finalità Nelle more dell emanazione da parte dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas di provvedimenti per la determinazione

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di urbanizzazione primaria deve essere assunto dai lottizzanti

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 2001 REVISIONE DAL 2002 COMUNE DI MONTE SAN GIACOMO Periodo di validità: I corrispettivi indicati

Dettagli

La tariffa pro capite

La tariffa pro capite La tariffa pro capite Il Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna indica tra le misure per il conseguimento del risparmio idrico nel settore civile l adozione da parte delle Agenzie di

Dettagli

Sergio Miotto Consorzio Concessioni Reti Gas

Sergio Miotto Consorzio Concessioni Reti Gas WORKSHOP Le gare d ambito per la concessione delle reti gas Count-down per la pubblicazione dei bandi RELAZIONE Sergio Miotto Consorzio Concessioni Reti Gas Roma, 30 GIUGNO 2015 ANCI Via dei Prefetti,

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA ELENCO PREZZI STANDARD AL PUNTO DI RICONSEGNA Rev. 1 2011 1. OGGETTO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2.1. Attività comprese... 3 2.2. Esclusioni... 3 2.3. Attività non Standard... 3 2.4. Validità...

Dettagli

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL Pag. 1 di 8 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE... 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI IMPIANTO...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

2i RETE GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2016 in vigore dal 01/01/2016

2i RETE GAS S.r.l. LISTINO PREZZI 2016 in vigore dal 01/01/2016 Il Distributore si impegna, anche tramite terzi ed in relazione agli impianti per i quali è concessionario del servizio di distribuzione del gas naturale e di gas diversi dal gas naturale, a fornire le

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

COMUNE DI CUGLIATE FABIASCO

COMUNE DI CUGLIATE FABIASCO COMUNE DI CUGLIATE FABIASCO Provincia di Varese C.a.p. 21030 P.zza Andreani n 1 Tel. 0332/999724 - Fax 0332/999740 UFFICIO TECNICO DOMANDA PER ESECUZIONE DI PRESA E CONCESSIONE D USO DI ACQUA POTABILE

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Guida alla lettura della bolletta del gas.

Guida alla lettura della bolletta del gas. L'AEEG (Autorità per l'energia elettrica e il gas), con deliberazione ARG/com 202/09, ha predisposto le nuove modalità di armonizzazione e trasparenza per i documenti di fatturazione del consumo di gas

Dettagli

IMPIANTO DI PIEVE TORINA

IMPIANTO DI PIEVE TORINA IMPIANTI IDROELETTRICI SUL CORSO DEL FIUME CHIENTI DI PIEVE TORINA IMPIANTO DI PIEVE TORINA PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 1 1. PREMESSA Per la migliore valutazione della proposta

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato La tariffa dell acqua Il D.L. n.201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011, ha disposto il passaggio delle competenze relative alla regolazione

Dettagli

STATO DI CONSISTENZA DELL IMPIANTO

STATO DI CONSISTENZA DELL IMPIANTO Amministrazione comunale di VIGANO (LC) IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE STATO DI CONSISTENZA DELL IMPIANTO RELAZIONE TECNICA Agosto 2012 Aggiornam Parziale Feb. 2013 Il tecnico 1 / 27 Amministrazione

Dettagli

CAPITOLO 14 DISTRIBUZIONE ED UTILIZZO DEL GAS NATURALE

CAPITOLO 14 DISTRIBUZIONE ED UTILIZZO DEL GAS NATURALE CAPITOLO 14 DISTRIBUZIONE ED UTILIZZO DEL GAS NATURALE 1 NORMATIVE PER IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DI GAS NATURALE LE NORMATIVE CHE REGOLANO LE MODALITA' DI REALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TRASPORTO

Dettagli

Decorrenza: 01.01.2014

Decorrenza: 01.01.2014 LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE GAS Decorrenza: 01.01.2014 via dei Canonici 144, 61122 Pesaro C.F./P.IVA/Reg. Imprese PU 02059030417 Pagina 1 di 3 1 DEFINIZIONI...

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1988 REVISIONE DAL 1994 COMUNE DI VIGGIANO Periodo di validità: I corrispettivi indicati nel

Dettagli

SES RETI S.P.A. LISTINO PREZZI PREZZI VALIDO DAL 01/01/2014 COMUNE DI CARMIANO

SES RETI S.P.A. LISTINO PREZZI PREZZI VALIDO DAL 01/01/2014 COMUNE DI CARMIANO La SES RETI S.p.A. si impegna, nell impianto di distribuzione del gas naturale del comune di CARMIANO a fornire le prestazioni ed i servizi di seguito meglio individuati (denominati Attività ), in ottemperanza

Dettagli

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE PRESSO I PUNTI DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE PRESSO I PUNTI DI RICONSEGNA Sede Legale P.zza Matteotti 1-06019 Umbertide tel. 0759417861 fax 0759412839 P. IVA 02617890542 ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE PRESSO I PUNTI DI RICONSEGNA ELENCO PREZZI IN VIGORE FINO AL 31/03/2007

Dettagli

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PREMESSA Nel presente documento sono riportati i prezzi standard, IVA esclusa, applicati da

Dettagli

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA PRESTAZIONE PAG 1. PREMESSA 1 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE 2 3. PUNTI DI RICONSEGNA 2 4. POSA CONTATORE 2 5. MODIFICA PUNTO DI RICONSEGNA PER VARIAZIONE PORTATA 3 6. SPOSTAMENTO PUNTO DI

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

GAS PIU DISTRIBUZIONE S.R.L. SEDE OPERATIVA DI ROZZANO PREZZIARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE e OPZIONALI AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE 1 INDICE pag. 2 PREMESSA pag. 3 PRESTAZIONJI TECNICHE

Dettagli

Giuseppe Sbarbaro Amministratore Unico utiliteam Il Valore di Rimborso

Giuseppe Sbarbaro Amministratore Unico utiliteam Il Valore di Rimborso calcolo Sommario eventuale manutenzione del contratto differenza tra VIR e RAB disaccordo tra Ente locale e gestore uscente sulla determinazione del valore di rimborso 2 Cos è? Valore di Rimborso (VR)

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD PER ATTIVITÀ TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD PER ATTIVITÀ TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ELENCO PREZZI STANDARD PER ATTIVITÀ TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2014 Allegato al Codice di Rete della Distribuzione Locale INDICE GENERALE DEFINIZIONI pag. 5 1 OGGETTO E APPLICABILITÀ

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ed. ANNO 2016 Oggetto ed applicabilità Il presente listino prezzi verrà applicato in maniera imparziale sul territorio comunale

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE DEFINIZIONI CLIENTE FINALE Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio CODICE DI RETE codice contenente regole e modalità

Dettagli

Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE

Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE Originale di Deliberazione del Consiglio Comunale N. 11 DEL 15/03/2011 OGGETTO: CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO. DETERMINAZIONI ATTO

Dettagli

LISTINO PREZZI PREVENTIVAZIONE DI LAVORI SEMPLICI E COMPLESSI 2014 LISTINO PREZZI PREVENTIVAZIONE DI LAVORI SEMPLICI E COMPLESSI

LISTINO PREZZI PREVENTIVAZIONE DI LAVORI SEMPLICI E COMPLESSI 2014 LISTINO PREZZI PREVENTIVAZIONE DI LAVORI SEMPLICI E COMPLESSI PREVENTIVAZIONE LAVORI SEMPLICI E COMPLESSI Pag. 1 di 13 LISTINO PREZZI PREVENTIVAZIONE LAVORI SEMPLICI E COMPLESSI In vigore dal 01 gennaio TOSCANA ENERGIA S.p.A. Sede Legale - Via dei Neri n. 25 50122

Dettagli

RELAZIONE CON L ILLUSTRAZIONE DEI CRITERI UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DEI REGIMI TECNICO-FINAZIARI DEGLI INTERVENTI ( AMBITO A)) Indice.

RELAZIONE CON L ILLUSTRAZIONE DEI CRITERI UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DEI REGIMI TECNICO-FINAZIARI DEGLI INTERVENTI ( AMBITO A)) Indice. RELAZIONE CON L ILLUSTRAZIONE DEI CRITERI UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DEI REGIMI TECNICO-FINAZIARI DEGLI INTERVENTI ( AMBITO A)) Indice Premessa Contenuti del QTE Modalità di stima dei costi Premessa

Dettagli

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa.

ELENCO PREZZI. Tutti i prezzi indicati devono considerarsi espressi in Euro, IVA esclusa. ELENCO PREZZI In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, il presente documento elenca le prestazioni

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO DISTRIBUTORE GAS LOCALE : COMUNE DI SCERNI (CH) Sede Legale e Operativa: Via IV Novembre

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

Spettabile. 20900 Monza (MB)

Spettabile. 20900 Monza (MB) Spettabile 20900 Monza MB Como, BUT/CMC-ap Trasmessa a mezzo e-mail Oggetto: Offerta per la fornitura di teleriscaldamento anno termico / Condominio Via 20900 Monza (MB) In allegato Vi trasmettiamo i contenuti

Dettagli

1. Premessa. gare_ambiti_gas.aeegsi@pec.energia.it

1. Premessa. gare_ambiti_gas.aeegsi@pec.energia.it Versione 1.0-6 agosto 2014 Istruzioni per la compilazione dei fogli elettronici per la trasmissione dei dati per le verifiche degli scostamenti VIR-RAB ai sensi della deliberazione 310/2014/R/GAS 1. Premessa

Dettagli

FORZA DOPPIA SEMPLICE FIX OFFERTA ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA SEMPLICE FIX OFFERTA ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA SEMPLICE FIX OFFERTA ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 Gennaio 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA SEMPLICE FIX Codice: ATEFSF/15 Destinatari offerta La presente offerta è riservata

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI PRESTAZIONI ACCESSORIE IN VIGORE DAL 01 SETTEMBRE 2011 In riferimento al paragrafo 3.2 del Codice di Rete per la Distribuzione del Gas Naturale, redatto

Dettagli

CICLO DI LAVORAZIONE PER PICCOLA SERIE DI UNA FLANGIA

CICLO DI LAVORAZIONE PER PICCOLA SERIE DI UNA FLANGIA CICLO DI LAVORAZIONE PER PICCOLA SERIE DI UNA FLANGIA numero pezzi da produrre: 10 La considerazione principale di cui necessita il ciclo è quella di fare attenzione a garantire la concentricità delle

Dettagli

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO

IMPIANTI MECCANICI: RELAZIONE DI CALCOLO INDICE 1 GENERALITÀ...2 1.1 Oggetto della relazione...2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 2.1 Impianto di riscaldamento...3 2.2 Impianto idrico-sanitario...5 2.3 Impianto antincendio...5 2.4 Impianto di scarico...6

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

Provincia di Pesaro e Urbino

Provincia di Pesaro e Urbino Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino OGGETTO: VENDITA DI LOTTI EDIFICABILI UBICATI NELL AREA DI PROPRIETÀ COMUNALE DESTINATA DALLO STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE AD UN AREA PROGETTO PREVALENTEMENTE

Dettagli

Comune di Mede Piazza Repubblica, 37-27035 Mede (Pv)

Comune di Mede Piazza Repubblica, 37-27035 Mede (Pv) Comune di Mede Piazza Repubblica, 37-27035 Mede (Pv) DISCIPLINARE DI INCARICO Disciplinare di incarico di prestazioni professionali inerenti la: Determinazione del valore delle reti ed impianti gas nel

Dettagli

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura

Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura Allegato 4: Determinazione degli oneri di allacciamento ai servizi pubblici di acquedotto e fognatura DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA INDICE Art.

Dettagli

B) L utenza rappresenta il 5% degli ingressi medi giornalieri, si ipotizza un utilizzo medio del posto auto di 6 ore, per un massimo di 12 ore

B) L utenza rappresenta il 5% degli ingressi medi giornalieri, si ipotizza un utilizzo medio del posto auto di 6 ore, per un massimo di 12 ore ODG: PROGETTO MOBILITA-PARCHEGGI DI SCAMBIO-UN NUOVO MODO DI VIVERE PERUGIA Allegato 1 ANALISI DELL UTENZA Le previsioni relative alla potenziale utenza delle aree adibite a parcheggio di scambio, sono

Dettagli

DEL. N 56 DEL 31.07.2015

DEL. N 56 DEL 31.07.2015 ESTRATTO DAL REGISTRO ORIGINALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL. N 56 DEL 31.07.2015 OGGETTO: P.O. FESR 2007-2013 - ASSE VI - LINEA INTERVENTO 6.2 AZIONE 6.2.2. RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Manuale d uso: Piattaforma informatica per l'acquisizione della documentazione relativa all'analisi degli scostamenti VIR - RAB

Manuale d uso: Piattaforma informatica per l'acquisizione della documentazione relativa all'analisi degli scostamenti VIR - RAB Manuale d uso: Piattaforma informatica per l'acquisizione della documentazione relativa all'analisi degli scostamenti VIR - RAB 25 novembre 2015 1 Indice 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Regole di compilazione...

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 Dott. ng. LBRTO BLRDO scritto all albo di arese n. 2235 ia Quattro Novembre, N 57 21012 CSSNO MGNGO () NDC Premessa 2 Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 1) Tratto -B:

Dettagli