THE LANDSCAPE UNITS AS TOLLS PLANNING Interactions between anthropic activity and natural resources as projectual question

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "THE LANDSCAPE UNITS AS TOLLS PLANNING Interactions between anthropic activity and natural resources as projectual question"

Transcript

1 THE LANDSCAPE UNITS AS TOLLS PLANNING Interactions between antropic activity and natural resources as projectual question Stefania CAIAZZO, Ines ALBERICO, Immacolata APREDA, Alessandro DAL PIAZ and Massimo FAGNANO University of Napoli Federico II Tis paper presents te results of several studies (in course of elaboration at CIRAM) directed to integrate different data (agronomic, geo-morpological and landscape data) from Naples Province Territorial Plan (PTCP), to define Landscape Units (LU) for te construction of an ecological regional network. Te metodology for te definition of te Landscape Units is based on a complex concept of landscape: te landscape results an multi-integrated interaction between antropic and natural factors. In tis perspective, te Landscape Units are intended as complexes territorial areas to wic te constituent elements, also eterogeneous, confer a specific identity and image as a consequence of te relation systems between tem and tat determine te formation and te evolution of Landscape Units. Te Landscape Units metodology suggests te ypotesis tat different disciplinary analyses can be independently developed, wit tecnical and specific criteria, to construct a multidisciplinary integrated sceme, were complex and integrated appraisals try to recognize te interactions between te various components. EYWORDS Naples province, geological zones, landscape planning, landscape units, territorial complexity INTRODUCTION Te produced studies represent te preliminary elaborations to integrate te Naples Coordinating Territorial Planning (PTCP) contents, concerning te pedological, agronomical, environmental and landscape components, according to: - planning course expressed in te Linee guida per la pianificazione territoriale regionale [ Guide lines for te regional territorial planning ]. - preliminary metodological indications elaborated by te Regione Campania in order to give a landscape importance to te territorial plans for te provincial coordination. - contents of te Codice dei beni culturali e del paesaggio [ Code of te cultural resources and te landscape ], according to te report of te European Convention on te landscape. Tese integrated and multidisciplinary studies represent te preliminary steps to te reconstruction of te Landscape Units and to constitute te provincial ecological system. Tis researc and te developed elaborations ave been included in a process of progressive integration of necessary knowledge to conform te PTCP to te following objects: - protection and valorization of agricultural and forestal resources; - definition of standards for te constitution of te provincial ecological system, connected wit te regional one and in compliance wit te regulations of te Regional Territorial Plan (PTR) regional trends; - landscape planning, so tat te PTCP can ave te value and efficacy as a landscape plan, in conformity wit te last national and regional legislative provisions. Tese goals include principles and indications according to te Convenzione europea sul paesaggio [ European landscape Convention ] and te law provisions about te landscape planning by wic landscape planning and management are taken back to responsibility for te coices and for te actions of territorial transformation and development. As a consequence it as become a necessity to insert specific components for landscape analysis, interpretation and planning in te creation of territorial and town plans. According to assumed aims, it as been followed a study system to analysis and to interpret te landscape as follow: - te first one is developed in relation to single topics; - te second one, by locating and considering relations between different topics and different territorial components. It syntesizes analytical and interpretative elaborations and gives a proposal for te provincial territorial articulation in areas were Landscape Units are identified. 1

2 It may be given a first analysis and interpretation of constitutive caracters of provincial territory, referring to different territorial and landscape components. Te investigated subjects are about: - geological and geomorpological caracterization; - territorial classification; - caracteristics of agricultural and natural areas; - installation system and landscape. It is important to remember tat studies about caracteristics of agricultural and natural areas ave a particular importance for te plan contents integration. Te uge analysis of a variable dataset makes possible not only to complete knowledge, in te aim of town-planning adjustment and in relation to plan landscape value, but also to form effective strategies for te agricultural production valorization based on a reliable table of resources and of potentiality. Te construction of provincial ecological network based on te regional one is te aim of tis study, too. Tis first stage of tis metodological study is based on te analysis of te single topics to individuate te provincial landscape structural elements. Te second stage uses Landscape Units to explain territory in relation to te landscape qualities tutelage, recovery and valorization. In literature and in planning documents tere are different definitions of Landscape Units, but its main meaning - widely sared - recognizes te Landscape Units as a wole territorial area to wic constitutive components give a specific identity and image, due to te relations among tem wic ave caused its making and development. Tis Landscape Units meaning refers to latest elaborations to te European Union ambient principles and to landscape meaning stated in te European Convention 2000, but also to last two ten-years periods of teoretic elaborations and planning experiences tat reformed territorial interpretation and relations between te territorial dynamics and te local community action. Te combination of analytical and interpretative elaborations, in relation to single topics, produced a first orientation sceme for individuation of Landscape Units and of specific components wic identify and distinguis an area from te oters. GEOLOGY AND GEOMORPHOLOGY OF NAPLES PROVINCE: DEFINITION OF GEOLOGICAL ZONES Te Naples Province area, even if caracterized by a limited extension, as a remarkable litologic and geomorpologic variability, mainly due to te coexistence of bot volcanic (Campi Flegrei and Vesuvio volcanic areas) and sedimentary environments (limestone relief of Capri island, Sorrento Peninsula, Palma Campania and Roccarainola mountains). Tis particular geological framework as made very difficult te identification and te classification of Geological Zones wic caracterize te landscape Units. A step by step approac as been used to define tese Zones: first) collection and analysis of environmental data (geolitology, geomorpology, altimetry, slope, permeability, aquifer vulnerability, slope stability, seismic vulnerability, volcanic azard and subsurface vulnerability); second) data semplification and generation of monotematic maps; tird) creation of partial integrated maps based on te monotematic maps elaborated in te previous steps (Pysiograpic Units map, vulnerability environmental and morpology maps) and fourt) generation of a final integrated map, as a combination of partial integrated maps. In te first step, te collected environmental data ave been organized in a Geograpic Information System to find out a distinctive relation existing between tem troug te use of spatial analysis. Te overlap of part of data as sown te generation of complex map due to te uge quantity of eterogenic data presented in eac of ones. As a consequence, two distinct factors ave been used to simplify te environmental data and to realize monotematic maps wit a reduced number of classes: te map scale (1:25.000) and te reclassification concept. Secondly, data simplification based on te scale concept as been uniformly applied on te spatial elements of all te environmental data troug te union of polygons wit a limited extension to its neigbourood greater extended. On te contrary te simplification of data, based on te reclassification concept, as canged in relation to te environmental data type analysed. Tirdly, geolitological, altimetry and slope data ave been analysed and reclassified to define te Pysiograpic Units, wic can be considered te fundamental elements in te recognition of Geological Zones and teir relationsips. 2

3 In detail, from te Naples Province Geolitological map [4], following te litology reclassification concept, 11 geolitological units as been defined lumped togeter classes wit same litology but related to different time periods. Te altimetry data, classified in 3 classes: plain (0-100 m), ill ( m) and mountain (>600 m), ave allowed us te identification of: - Bot coastal and internal plains; - Campi Flegrei and te Somma-Vesuvio volcanic areas; - Topograpic relief of Capri and Iscia Islands and te different limestone-igs cropping out in te soutern (Massa Lubrense, Sorrento, Piano di Sorrento, S.Agnello, Meta e Parte di Vico Equense) and te nortern sector (Vico Equense, Rimonte, Agevola, Gragnano e Lettere) of te Sorrento Peninsula and also te Palma Campania and Roccarainola mountains bordering te Campanian Plain. Te slope data ave been classified in 4 classes to sow te difference between te flat area (plain zones) and te ig slope caracterizing a lot of limestone and volcanic illsides: <15, 15-30, 30-45, >45. Te Pysiograpic Units ave been generate using te geometric intersection and te prevailing concepts. In particular, te data related to te 11 geolitological units and to te 3 altimetry classes ave been intersected generating 27 Pysiograpic Units (FIG.1, TAB.1), wile te slope data ave been joined to eac Pysiograpic Units as mean slope. Fig. 1 : Naples Province Pysiograpic Units. Pysiograpic Unit PU1 PU2 PU3 PU4 PU5 PU6 PU7 Description Alternation of witis siltstones locally fossiliferous, elevation range 0-100, mean slope Alternation of witis siltstones locally fossiliferous, elevation range , mean slope Alternation of clayey marly sandstone and coarse-grained sandstone, elevation range 0-100, mean slope 15 Alternation of clayey marly sandstone and coarse-grained sandstone, elevation range , mean slope 15 Limestones and calcarenites of Sorrento Peninsula and Avella Mountains, elevation range 0-100, mean slope =30 Limestones and calcarenites of Sorrento Peninsula and Avella Mountains, elevation range , mean slope =30 Limestones and calcarenites of Sorrento Peninsula and Avella Mountains, elevation range >600, mean slope =30 3

4 PU8 Alluvial, marsy and beac deposits of te coastal zone and intra-crateric planes, elevation range 0-100, mean slope 15 PU9 Alluvial, marsy and beac deposits of te coastal zone and intra-crateric planes, elevation range , mean slope 15 PU10 Pediment and fan detrital deposits, elevation range 0-100, mean slope 15 PU11 Pediment and fan detrital deposits, elevation range , mean slope 15 PU12 Pediment and fan detrital deposits, elevation range >600, mean slope PU13 Matrix supported pyroclastic deposits mix to fragments of sedimentary deposits wit caotic texture, elevation range 0-100, mean slope 15 PU14 PU15 PU16 Matrix supported pyroclastic deposits mix to fragments of sedimentary deposits wit caotic texture, elevation range , mean slope Matrix supported pyroclastic deposits mix to fragments of sedimentary deposits wit caotic texture, elevation range >600, mean slope Pyroclastic deposits, volcanic dome, lava and dykes, elevation range 0-100, mean slope 15 PU17 Pyroclastic deposits, volcanic dome, lava and dykes, elevation range , mean slope 15 F18 Pyroclastic deposits, elevation range 0-100, mean slope PU19 Pyroclastic deposits, elevation range , mean slope PU20 Pyroclastic deposits, elevation range >600, mean slope PU21 Lavas, elevation range 0-100, mean slope 15 PU22 Lavas, elevation range , mean slope 15 PU23 Lavas, elevation range >600, mean slope PU24 Travertine, elevation range 0-100, mean slope 15 PU25 Tuff, elevation range 0-100, mean slope 15 PU26 Tuff, elevation range , mean slope PU27 Tuff, elevation range >600, mean slope Tab. 1: Pysiograpic Units description For eac Pysiograpic Units ave been also recognized and classified te geomorpological elements in te following two main classes: primary and subordinate morpological sapes (FIG.2). Te main types of azard, affecting te study area, ave been also used (aquifer vulnerability, slope stability, seismic vulnerability, volcanic azard and subsurface vulnerability) to indicate te territorial vulnerability for eac Geological Zones. Te aquifer vulnerability data ave been acquired to te Aquifer vulnerability map elaborated in 1998 [3] were te Naples Province area as been subdivided in 4 classes: - Hig vulnerability, - Medium vulnerability, - Low vulnerability, - Not defined vulnerability. Te slope stability data ave been acquired from te Landslide location map [5] were te Province of Naples area as been subdivided in 9 classes, eac ones caracterized by a predominant landslide type andor erosional event. Te seismic vulnerability data ave been record by te new seismic classification defined by decision n of 7 November 2002 of Giunta della Regione Campania. Tis classification subdivided te study area in 2 zones. 4

5 14TH European Colloquium on Teoretical and Quantitative Geograpy September 9-13, 2005 Tomar, Portugal Fig.2: Morpological elements describing te Naples Province landscape wit seismic index equal to 3 and equal to 2 for te Sorrento Peninsula and Capri island and for all te oter Naples Province municipalities, respectively. (Fig.3) Te subsurface vulnerability as been evaluated considering only te presence or te absence of cavities [1, 2, 6]. Tis information as been joined to eac municipality (FIG.3). 5

6 14TH European Colloquium on Teoretical and Quantitative Geograpy September 9-13, 2005 Tomar, Portugal Te volcanic vulnerability data ave been detected by te volcanic vulnerability map [8, 9] were te areas subjected to te Somma-Vesuvio and te Campi Flegrei activity ave been classified in tree classes: Hig volcanic vulnerability, for te area close to te Somma- Vesuvio volcano; Low andor Medium volcanic vulnerability, for te area between te Somma-Vesuvio volcano and te Roccarainola, Palma Campania and Sorrento Peninsula limestone relief; Medium ig volcanic vulnerability for te Campi Flegrei area located inside te caldera zone. Te vulnerability types analysed are different, mainly for te occurrence of considered events as a consequence it as been useful: a) to summarize te slope instability, te aquifer vulnerability and te subsurface vulnerability by te geometric intersection; b) to overlay te previous map to te volcanic and seismic vulnerability map to join tis information to te new zones generated in te previous step. Te Naples Province integrated vulnerability map obtained by tese two steps is caracterized by te following 26 classes (FIG.3; TAB.3): Fig.3: Integrated vulnerability map Code Territorial vulnerability Hig aquifer vulnerability; medium volcanic azard in te Somma-Vesuvio area, seismic index = 2; presence of cavities. Hig aquifer vulnerability; tuff fall; seismic index= 2 except for te Sorrento Peninsula zones caracterized by a seismic index= 3; presence of cavities. Hig aquifer vulnerability; falls along te deepening valleys; seismic index= 2 except for te Sorrento Peninsula zones caracterized by a seismic index= 3; presence of cavities. Hig aquifer vulnerability; ig frequency of debris flows in te pyroclastic deposits and rock fall; medium volcanic azard in te Somma-Vesuvio area and low volcanic azard in Sorrento Peninsula and in Roccarainola municipality; seismic index= 2 except for te Sorrento Peninsula zones caracterized by a seismic index= 3; presence of cavities. 6

7 5 Hig aquifer vulnerability; ig frequency of debris flows in te pyroclastic deposits, rock fall and complex landslide in flysc; seismic index= 3; presence of cavities. 6 Hig aquifer vulnerability; tuff and lava falls; seismic index= 2; presence of cavities. Hig aquifer vulnerability; erosional andor solid transport events; ig volcanic azard; seismic 7 index= 2; presence of cavities Hig aquifer vulnerability; ig frequency of debris flows in te pyroclastic deposits, tuff fall; mediumig volcanic azard in te Campi Flegrei area; seismic index= 2; presence of cavities. 8 Hig aquifer vulnerability; debris flows in te pyroclastic deposits and flysc, rock fall; seismic index= Low aquifer vulnerability; seismic index= 2 Low aquifer vulnerability; ig frequency of debris flows in te pyroclastic deposits and rock fall; 11 seismic index = Low aquifer vulnerability; debris flows in te pyroclastic deposits, rock fall and complex landslide in flysc; seismic index = 3; presence of cavities. Low aquifer vulnerability; erosional andor solid transport events; ig volcanic azard; seismic index = 2. Low aquifer vulnerability; debris flows in te pyroclastic deposits, tuff fall; medium-ig volcanic azard in te Campi Flegrei area; seismic index = 2; presence of cavities. Low aquifer vulnerability; debris flows in te pyroclastic deposits and flysc, rock fall; seismic index = 3. Medium aquifer vulnerability; medium volcanic azard in te Somma-Vesuvio area and medium-ig in te Campi Flegrei area; seismic index = 2; presence of cavities 17 Medium aquifer vulnerability; tuff landslide; seismic index = 3 Medium aquifer vulnerability; falls along te deepening valleys; low volcanic azard in te Roccarainola municipality; seismic index = 2 except for te Sorrento Peninsula zones caracterized 18 by a seismic index= 3; presence of cavities Medium aquifer vulnerability; debris flow in te pyroclastic deposits and rock fall; medium volcanic azard in te Somma-Vesuvio area and low volcanic azard in te Sorrento Peninsula; seismic index = 2 except for te Sorrento Peninsula zones caracterized by a seismic index= 3; presence of 19 cavities Medium aquifer vulnerability; debris flow in te pyroclastic deposits, rock fall and complex landslide in flysc; seismic index = 3 Medium aquifer vulnerability; erosional andor solid transport events, ig volcanic azard; seismic index = 2 Medium aquifer vulnerability; debris flow in te pyroclastic deposits and tuff fall; medium-ig volcanic azard in te Campi Flegrei area; seismic index = 2; presence of cavities. Medium aquifer vulnerability; debris flow in te pyroclastic deposits and flysc, rock fall; seismic index = 3 24 Tuff landslide and lava fall; seismic index = 2; presence of cavities 25 erosional andor solid transport events; seismic index = 2 26 debris flow in te pyroclastic deposits and tuff fall; seismic index = 2; presence of cavities Tab.3 Vulnerability classes description Fourt, data in te Pysiograpic Units map and in te Integrated vulnerability map ave been used to generate te Geological Zones map were te Naples Province area as been subdivide in 22 Geological Zones (FIG. 4). 7

8 14TH European Colloquium on Teoretical and Quantitative Geograpy September 9-13, 2005 Tomar, Portugal Fig. 4: Geological Zones map Te adopted model used to define Geological Zones as ad te main aim to avoid te excessive territorial subdivision. Tis result as been obtained using two different principles: a) Pysiograpic Units as geograpic element wic allowed us to subdivide te landscape and b) te attribute data associated to te integrated vulnerability and in te Geomorpological maps to caracterise te study area. Te information associated to eac Geological Zone is te sum of total data available, for example te GZ15 Geological Zone as been described as follow: te GZ15 correspond to te main part of te soutern sector of te Somma-Vesuvio volcano and it is constituted by lava and pyroclastic deposits covering an elevation range of m. Tis zone is caracterized by a good permeability, in areas were te lava deposits are well exposed, and by a variable permeability in areas were are exposed te pyroclastic deposits. Tis zone is caracterized by solid transport events, medium-ig aquifer vulnerability, ig volcanic vulnerability and te presence of cavities. SETTLEMENT AND LANDSCAPE Te transformation of te Naples province area, in second alf of last century, wit te urban and building increase lumped to te bad quality of te urbanized areas and to alteration and erosion of environment resources caused a critical condition in relation between installing system and landscape, or rater te crisis of relations system among different territorial and landscape components (geomorpological, vegetational and settling). In last ten-year period of last century built areas in different province zones caused suburban settlement saturation and a building increase in an agricultural context. Te Naples province territory is formed by extended built areas and by an intense settling diffusion in extra urban territory; for tis reason it is important an analysis of built areas to estimate elements tat determine te landscape quality and to built cognitive scemes for landscape planning. Tis analysis elps to recognize territorial qualities (integrity, compromission, degradation) and to gain elements for next location of critical and vulnerable conditions. 8

9 14TH European Colloquium on Teoretical and Quantitative Geograpy September 9-13, 2005 Tomar, Portugal So te studies are based on two main topics: te built areas peculiarities and te landscape components articulation. Morpology, density and settlement analysis of built areas produced a cartograpic interpretation of different typologies. Morpology and density analysis (FIG. 5a, 5b) as areas coverage percentage of today built areas, and consequent interpretative elaborations, form a propedeutic study to location and valuation of te landscape nature. Te aim of tis study aim is to distinguis territorial limits in relation to main built areas settling caracters by forming data levels for next studies to integrate te PTCP wit landscape quality subjects and to determine te Landscape Units and pertinent tutelage and requalification doctrine. LEGENDA Confini provinciali Articolazione del territorio in rapporto alle tipologie insediative: AU - Aree urbane e insediamenti minori con tessuto prevalentemente continuo AU 1 - Area urbana centrale e aree urbane periferice di Napoli ance comprensive di zone periferice dei centri limitrofi a cui sono connesse. AU 2 - Aree urbane e insediamenti prevalentemente densi e compatti del Giuglianese, dell area a nord di Napoli, dell area Acerra-Pomigliano-Scisciano, del Nolano, del Vesuviano interno e costiero, dell area stabiese AU3 - Insediamenti urbani dell area flegrea. AU4 - Insediamenti urbani della penisola Sorrentina AE R- Aree di recente edificazione in espansione agli insediamenti urbani cui sono generalmente almeno parzialmente relazionate AER 1 - Aree in prevalenza di recente espansione residenziale con edificatoimpianto parzialmente connesso all area urbana principale AER 2 Aree edificate non sempre fisicamente connesse in espansione ai centri urbani in ambiti fortemente caratterizzati sotto il profilo morfologico AEC - Aree interessate da recente edificazione e di rilevante estensione ce si estendono in modo continuo tra più insediamenti, comprensive di spazi agricoli ance estesi AEC1 - Aree dell area flegrea sud-occidentale in prevalenza di recente edificazione in espansione agli insediamenti urbani, caratterizzate in generale dalla continuità dell edificato e da spazi agricoli interclusi AEC 2 - Aree di recente edificazione in espansione agli insediamenti urbani, prevalentemente di significativa estensione, ce si estendono in modo continuo tra più insediamenti AEC 3 Fasce edificate lungo la viabilità principale di collegamento tra i centri, in contesto non urbanizzato AGG Aggregati edilizi di recente formazione, in prevalenza di edilizia residenziale, presenti in contesto agricolo AGG1 - Aggregati edilizi di recente formazione presenti in contesto agricolo con un estensione ance consistente eo un elevato grado di copertura edilizia AGG2 - Aree edificate adiacenti al Lago Patria e del litorale giuglianese, con caratterizzazione ance turistica AGG3 - Fasce edificate lungo la viabilità territoriale e locale in contesto agricolo AGG4 Aggregati edilizi presenti in ambiti fortemente caratterizzati sotto il profilo morfologico ADI- ED- Aree agricole caratterizzate da dispersione edilizia in prevalenza con elevata densità ADI-ED 1- Aree agricole in prevalenza caratterizzate significativa estensione e di edilizia sparsa. dalla presenza di aggregati ance di ADI-ED 2 - Aree agricole con diffusa presenza di aggregati edilizi e di edilizia sparsa distribuiti prevalentemente lungo la viabilità principale e secondaria. ADI-ED 3 - Aree agricole con accentuata presenza di aggregati edilizi, in generale di contenuta estensione e prevalentemente con morfologia lineare, e di edilizia sparsa. ADI-ED 4 - Zone agricole terrazzate dell ambito collinare nord-orientale della penisola sorrentina con presenza significativa di edilizia sparsa o piccoli aggregati. ADI - BD - Aree agricole caratterizzate da dispersione insediativa in densità prevalenza con bassa ADI-BD 1 - Aree agricole caratterizzate dalla presenza diffusa di aggregati, in prevalenza di contenuta estensione ADI-BD 2 Aree agricole dei rilievi dell area flegrea con presenza di aggregati e edilizia sparsa. ADI-BD 3- Aree agricole con edilizia sparsa e piccoli aggregati nell area a nord di Napoli, nell area Acerra-Pomigliano-Scisciano, nell area nolana, nell area vesuviana interna e nell area boscese. AD-BD 4 - Aree agricole collinari della penisola sorrentina con presenza di contentuti aggregati edilizi e di edilizia diffusa AA- Aree agricole caratterizzate dall assenza o dalla scarsa presenza di edilizia residenziale e di manufatti con altra destinazione. AA1 - Aree agricole in prevalenza del territorio aperto o ad esso connesse caratterizzate dall assenza o da una scarsa presenza di aggregati e di edilizia. AA2 - Aree agricole caratterizzate dall assenza o dalla scarsa presenza di piccoli aggregati e di edilizia sparsa. AA3 Aree agricole caratterizzate dall assenza o da una contenuta presenza edilizia in contesto fortemente caratterizzato sotto il profilo morfologico. AA4 - Aree agricole, ance di significativa estensione, intercluse negli insediamenti urbani e nelle aree di recente espansione urbana. SPIN - Spazi di prevalente interesse naturalistico SPIN 1 - Aree prevalentemente montuose o collinari di elevato interesse naturalistico caratterizzati dall assenza o dalla scarsa presenza di episodi edilizi; spiagge e coste rocciose. SPIN 2 Aree di interesse naturalistico con contenuta presenza edilizia SPIN 3 - Fasce perilacuali caratterizzate da rada presenza di manufatti, con destinazione mista, e spazi agricoli. SPIN 4 - Fasce dei corsi d acqua e dei valloni ed aree agricole adiacenti, a volte intercluse in aree edificate. SPIN 5 Ambiti costieri con specifica caratterizzazione. AS - Aree specialistice IND-1: Insediamenti industriali IND-2 - Area industriale dismessa di cui è programmata la riconversione AP - Aree portuali AEROP Aeroporto SP Aree, edificate o meno, di rilevante e estensione eo in territorio extraurbano, con destinazione specialistica M - Aree militari ARCH- aree arceologice CAVE N.B. Per quanto riguarda i caratteri distintivi si veda la Relazione allegata Fig. 5a: Morpology and density analysis: interpretation of te different territorial typologies Naples continental territory (extract) 9

10 14TH European Colloquium on Teoretical and Quantitative Geograpy September 9-13, 2005 Tomar, Portugal A preliminary study on landscape components to identify its structural elements as been done by considering bot installation system analysis results and environment peculiarity (Fig. 6). Te researc, based on European Convention landscape definition, lays stress on territorial pysics structure, forms peculiarities and nature, recognizes relations between different territorial components and reads ow tese elements are used and received. Te researc is result of combination between main territorial and landscape elements and interpretation of formal aspects and perceptive caracters. Interaction between te two metods of researc allow us to recognize landscape components and relations among tem. LEGENDA ELEMENTI DELLA STRUTTURA GEOMORFOLOGICA 6 8 vette principali. 7 linee di cresta " 4 9 conoide alluvionale " spiaggia falesie 5 5" 4 vegetazione rada aree prevalentemente agricole ELEMENTI DEL SISTEMA INSEDIATIVO aree di recente edificazione VALORI PERCETTIVI tessuti storici 2 " viabilità principale 1 versanti collinari e montuosi prevalentemente boscati 1 ELEMENTI DELLA VEGETAZIONE E DEL PAESAGGIO AGRARIO " 10 6 rilievi vulcanicicupole lavice rete idrografica " orlo di cratere duomo di lava " 10.6 " " 3 " ELEMENTI EMERGENTI ECCEZIONALI DELL'AMBITO NATURALE 1- Monte Rotaro Bosco di Castiglione e Bosco della Maddalena emergenza visiva centro di attenzione 2- Isolotto del Castello emergenza visiva centro di attenzione 3- Punta S. Pietro rocce elevata pendenza 4- Punta della Scrofa fondale lontano sequenza 5- Lacco Ameno Il Fungo scoglio emergenza visiva 6- Punta di Monte Vico fondale lontano sequenza 7- Baia di San Montaro versante ad elevata pendenza rocce 8- Punta Caruso promontorio fondale 9- Punta del Soccorso 10- Punta Imperatore rocce elevata pendenza 11- Punta Ciarito 12- Isolotto di Sant'Angelo 13- Spiaggia dei Maronti e Cava Scura 14- Scogli di S. Anna e spiaggia Cartaromana rocce elevata pendenza 15- Isolotto di Vivara 16- Punta di Socciaro 17- Punta di Pizzico 18- Promontorio di S. Margerita 19- Altura di Terra Murata ELEMENTI EMERGENTI ECCEZIONALI DELL'AMBITO COSTRUITO 1- Castello e ponte aragonese 2- Ciesa di S. Pietro 3- Faro 4- Ciesa di S. Restituta 5- Ciesa di Maria SS. di Montevergine 6- Torrione 7- S. Maria del Soccorso 8- Faro 9- Masseria dell'arbusto museo 10- Ciesa di S. Maria del Monte 11- Faro di Punta Pioppeto 12- Acropoli di Terra Murata. 4 torri e mura di fortificazione ELEMENTI LINEARI DI EMERGENZA PERCETTIVA MARGINI 1- fasce boscate di margine all'edificato 2- margine versante boscato - insediamenti (Monte Epomeo - Monte Rotaro - Lacco Ameno Casamicciola) 3- incisioni idrografice (Barano - Serrara Fontana) 4- versante ad elevata pendenza rocce - mare (scarrupata di Barano) 5- Punta Imperatore - Spiaggia di Citara elementi emergenti caratterizzanti l'insieme centri di attenzione 13 fondali Fig. 5b: Morpology and density analysis: interpretation of te different territorial typologies Iscia LEGENDA ISSPIN SPAZI DI PREVALENTE INTERESSE NATURALISTICO ISSPIN1 monte Solaro - area ad alta naturalità con vegetazione rada e morfologia complessa con vette isolate (Monte Solaro, Monte Cappello, Monte S.Maria), conce di dimensione ridotte (conca dell'alginola), ripidi versanti ce individuano forti margini caratterizzati dall'alternarsi di rocce e cespugliato, aree boscate circoscritte verso le parti terminali a margine delle aree agricole e degli insediamenti ISSPIN2 costa occidentale (Sentiero dei Fortini); costa caratterizzata dall'alternarsi di stretti promontori e baie profonde; carattere prevalentemente naturale con aree cespugliate e boscate nelle zone più vicine alla costa; prevalenza del paesaggio agrario nelle zone più interne con limitate zone boscate; bassa presenza antropica: si individuano case isolate, prevalentemente ville in prossimità della costa, e piccoli aggregati insediativi nelle aree agricole e lungo la viabilità secondaria perpendicolare alla costa. ISSPIN3 costa sud (punta Marmolata, punta Ventroso, scoglio delle Sirene); costa alta e frastagliata caratterizzata da ripide pareti rocciose. Totale assenza antropica ISSPIN4 costa orientale (Monte S.Micele, Salto di Tiberio, Punta Massullo, Faraglioni); costa alta e articolata caratterizzata da baie profonde, dalla presenza di aree cespugliate e boscate. Si caratterizza per la scarsa presenza antropica: sono presenti ville isolate nell'area compresa tra punta Tragara e punta Massullo ISSPIN5 costa nord-ovest (grotta Azzurra, Bagni di Tiberio); area di costa poco articolata caratterizzata da ripide pareti rocciose e, nelle aree più interne, dalla presenza di aree boscate; bassa presenza antropica con ville isolate e un piccolo aggregato in prossimità della grotta Azzurra ISADI AREE AGRICOLE CON PRESENZA DIFFUSA DI EDIFICATO CARATTERIZZATO DA BASSA DENSITA ISADI1 Anacapri-Damecuta - aree di edificazione recente in un contesto prevalentemente agricolo; l'edificato caratterizzato in prevalenza da tipologie di case isolate su lotto segue l'andamento dei rilievi e si relaziona solo a tratti ai tracciati viari di tipo locale. Presenza di aggregati edilizi recenti poco coerenti con il contesto ambientale ISADI2 Anacapri-MigliaraPino - aree di edificazione recente in un contesto prevalentemente agricolo e fortemente caratterizzato dal punto di vista paesaggistico-ambientale; gli insediamenti, legati solo in parte alla coltura agricola e caratterizzati da tipologie di case isolate su lotto, sono articolati su terrazzamenti lungo la viabilità principale ISAU AREE URBANE E INSEDIAMENTI MINORI ISAU1 Anacapri - tessuti storici strutturati per aggregati di piccole dimensioni con caratteri tipo-morfologici complessi e impianto viario estremamente articolato; elevati valori storico-arcitettonici (nuclei di Le Boffe e di Pastena); presenza significativa e caratterizzante di aree agricole intercluse ISAU2 Capri - tessuti storici caratterizzati da un'area centrale compatta e da connessioni diffuse lungo la viabilità principale; dominanza di alcune emergenze storice e monumentali; presenza significativa di aree boscate e agricole intercluse nell'edificato ISAU3 Marina Grande - area caratterizzata da un nucleo di aggregazione compatta lungo la costa (tessuti storici stratificati di Marina Grande) e da addensamenti dell'edificato, prevalentemente di recente costruzione, lungo la viabilità di collegamento tra i centri; presenza diffusa di aree coltivate e boscate intercluse nell'edificato ISAU4 Marina Piccola - area caratterizzata da un piccolo nucleo storico lungo la costa e da insediamenti, prevalentemente di recente edificazione, caratterizzati da tipologie di case isolate su lotto disposti lungo le curve di livello; presenza significativa di aree boscate ISAER AREE DI EDIFICAZIONE RECENTE ISAER Capri - aree in prevalenza di edificazione recente articolate lungo la viabilità di collegamento al nucleo centrale e caratterizzata da edificazione residenziale rada (ville) e dalla presenza di attività ricettive. Presenza significativa di aree boscate e agricole intercluse ISAP AREE PORTUALI ISARCH AREE ARCHEOLOGICHE AREE MARINE VINCOLATE VIABILITA PRINCIPALE Fig. 6: Landscape components articulation Capri 10

11 LEVEL OF BIODIVERSITY OF RURAL AREAS. From te land use map edited by te Regione Campania in 2002 [10], in te Naples Province 5 levels of biodiversity were identified. Very low level (0) was ascribed to te areas covered by greenouses wic are caracterized by te maximum level of exclusion of species (microbia, flora and fauna) different from tat cultivated. Te relationsips of tese areas wit te natural environment (climate, biospere, energy and water fluxes) are minimized and te cemical inputs are maximized. A low level (1) of biodiversity was ascribed to te area used for open field vegetable production, industrial crops (mainly tobacco) and cereals (mainly corn). In tese cropping systems tere is a certain level of presence of extraneous species (i.e. weeds and natural flora, microfauna) also if tey are subjected to cemical and mecanical inputs (soil tillage, mineral fertilizers, pesticides). A medium level (2) of biodiversity was ascribed to te areas caracterized by more ig degree of naturality, mainly represented by land used wit orcards (peaces, apricots, peers, apples, azelnuts). Also if tese cropping systems are intensively managed (i.e. many treatments wit pesticides), te presence of useful insects (i.e. bees), birds and little rodents and cover crops between te rows for allowing te access to te fields during te rainy periods, are very spread. Besides te cropping period of tese species is sufficiently prolonged for allowing a certain equilibrium between te external inputs and te developments of natural species (i.e. natural flora and soil microbia) also tanks to a strong reduction of tillage intensity and frequency. Te cemical and energetic inputs are not applied during all te year, but is limited to te growt periods (usually april-september). A ig level (3) of biodiversity was ascribed to te areas covered by extensive cropping systems wic ave a minimum environmental impact: azelnuts, olive, grape citrus and intercrops and complex cropping systems. Very important are te soil tillage systems and layouts of tese lands wic are often in illy slopes since tey allow to reduce soil degradation and erosion (i.e. terraces of olive and lemons in Sorrento coast, or of grape in Vesuvius slopes). In te complex cropping systems, often many different crops (erbaceous and arboreous) are present at te same time and also natural flora is tolerated. Cemical and mecanical inputs are often limited by te geomorpological conditions. In tis category also natural areas wit recent reforestation or degradated for different reasons (i.e. forest fires, mines, ) were included. Te maximum level (4) of biodiversity was attributed to all te natural areas (woods, srubs, ) and to te cropping systems in wic te farmers are almost exclusively arvesters, since te cemical and mecanical inputs are very exceptional (i.e. permanent meadows, pastures, cestnut woods). From te analysis of te cropping systems in te Naples province (Fig. 7), it rises te areas wit a level 0 of biodiversity are not widespread in te Naples Province, but are concentrated in te Nortern Part (Acerra, Caivano and Afragola), in te sea side of Vesuvian coast (Ercolano, Torre del Greco), in te coastal area of te Sarno river plain (Poggiomarino, Boscoreale, Sant Antonio Abate, Santa Maria la Carità and Pompei). Cropping systems wit a low level (1) of biodiversity, mainly represented by orticultural crops, are concentrated in 2 areas of te Province: te nortern part (Acerra, Marigliano, Nola, San Vitaliano e Pomigliano) and te coastal area of te Sarno river plain. Tere two areas are also caracterized by a wide presence of te aforesaid greenouses, since tey suffer a very strong antropic impact. Te areas wit a medium level (2) of biodiversity, mainly covered by orcards, are concentrated in te Nort-West part (Giugliano in Campania, Qualiano, Villaricca, Quarto, Marano e Sant Antimo) were mainly peaces are cultivated, and in te plain at East of te Vesuvius, were apricots predominated (Sant Anastasia, Poggiomarino and Casamarciano). Tese last areas link oter areas very important from a naturalistic point of view (Campi Flegrei, Vesuvius and te woods of Appennino). Te areas wit a ig level (3) of biodiversity, mainly covered by olive, grape and citrus orcards are spread along te Sorrento Coast, around te Vesuvius (Trecase e Boscotrecase) were apricots and azelnuts predominate, and spread also if not continuous in te Nort-East (Nola), in Campi Flegrei and in te Isles. Te areas wit a very ig level (4) of biodiversity are concentrated in tree large areas: te first link te Isle of Iscia to te Appennino woods (from Sout-West to Nort East), passing troug te coastal dunes, te parks and protected areas of Campi Flegrei and of te Naples City Hills; te second around te Vesuvius Vulcano in te central part of te Province; te tird along te Sorrento Coast, from Capri Isle to te Appennino woods. It is important to notice tat in tese tree areas are concentrated te igest number of protected areas of te Naples Province. 11

12 4. very ig 3. ig 2. medium 1. low 0. very low Fig. 7: Levels of Biodiversity of natural and cropping systems in te Province of Naples. CONCLUSIVE REMARS Te study for location of Landscape Units on provincial scale, is based on an integrated territorial reading wit consideration of specific territorial caracters and relations between antropical and natural components, tat ave been analyzed in previous step. In order to determine Landscape Units, in accordance wit regional and national criteria, a first ypotesis as been done to divide provincial territory in areas recognizable for different caracteristics ydrogeomorpological, vegetational and agrarian, istorical-cultural and settling, perceptive wic produce territorial and landscape scemes as a syntesis of relations between tem. Studies and researces of tis step produced tis territorial articulation wit reference to an interpretation of Landscape Units defined as Ambito caratterizzato da specifici sistemi di relazioni ecologice, percettive, storice, culturali e funzionali tra componenti eterogenee, ce gli conferiscono un immagine ed un identità distinte e riconoscibili [7], [ Spere caracterized by specific systems of ecological, perceptive, istorical, cultural, functional relations between eterogeneous components, wic give it distinct and recognizable imagine and identity ]. A first interpretative syntesis of environmental and landscape caracters as produced provincial territory articulation in 20 areas (17 areas in te continental territory and 3 areas in te islands). Tis syntesis will be examined closely to integrate some cognitive aspects and to value single components roles and teir incidence level in landscape configurations production. Te procedure, based on developed analysis, to individuate areas concerns: - consideration of pysiograpical models as a standard reference; - location of macro-areas recognizable for specific caracters and relation systems concerning every single reading section; - comparison of territorial articulations fixed for eac field tat, on ground of most significant components and relations to confer recognizable identificational caracters, consents areas locations. Reassembling different information and considerations (geological, agronomical, pedological, settling analysis) as produced initial syntetic valuations and a first provincial territory articulation based on territorial peculiarities deriving from different ecological, istorical, settling, perceptive relation systems. 12

13 landscape units limits 18 1 VESUVIO 11 PIANA VESUVIANA 2 PENISOLA SORRENTINA 12 ESI VESUVIO 3 CAMPI FLEGREI 13 AREA STABIESE AREE PEDEMONTANE DELL APPENINO CAMPANO 14 NORD-VESUVIO (ROCCARAINOLA, VISCIANO, CARBONARA DI NOLA, 15 FASCIA VESUVIANA COSTIERA PALMA CAMPANIA) 16 AREA NAPOLETANA 7 CAPODIMONTE 17 COMUNI A NORD DI NAPOLI 8 LITORALE DOMIZIO 18 CAPRI 9 AREA GIUGLIANESE 19 ISCHIA 10 PIANA ACERRANA 20 PROCIDA E VIVARA Fig. 8a: Territorial articulation to locate te landscape units Te map Articolazione del territorio per la individuazione delle unità di paesaggio [ Territorial articulation to locate te landscape unities ] (FIG.8a) is a starting point to locate Landscape Unit; it consists of grapic map (1:75000 scale), in wic provincial territory is subdivided in twenty areas and of an enclosure wit cards tat reports: general area caracters; landscape caracters pertinent to geomorpology, ydrograpical net, vegetation, agrarian territory; settling and istorical resources system; landscape main caracters; location areas ypotesis for landscape models. 13

14 About te islands, a furter landscape division in different areas as presented in figure 8b a 9 8a 9b 9a 1a 1 1b 1a 4a 5 4 6b 6a 6a 6b 6 7 1b 2 3b Fig. 8b: Territorial articulation to locate te landscape units: Capri Island An integrated reading wit researces in different fields is done for eac area, wit description of recurrent environment conditions, of different islands landscape kinds and identification of structural and caracteristic elements wic define its specific identity. Te main landscape kinds are: large naturalistic areas, coast landscapes, urban landscapes, agricultural landscapes; landscape models are defined relating to prevailing of a specific element (natural, geological, settling, agricultural). For example: coast landscapeigly caracterized by geomorpological and settling elements; coast landscapecaracterized by geomorpological, vegetational and agrarian elements; agricultural landscapecaracterized by diffused settlements. REFERENCES [1] Alberico I., Guerra V. & Lirer L. Il riscio sottosuolo nella Provincia di Napoli. IV Conferenza Nazionale ASITA - Informazione Geografica: innovazione e formazione, pp (2000). [2] Alterbitini V.,Baldi A., Collini L., Esposito C., Guerra V., Miraglino P., Sciattarella F. & Vallario A. Le cavità sotterranee del napoletano: pericolosità e possibili utilizzi, Geologia Tecnica N.3 (1998) [3] Corniello A. & de Riso R. Caratterizzazione della circolazione e qualità delle acque sotterranee. In Analisi dell ambiente fisico ed antropizzato, individuazione e definizione dei risci naturali, pp , (1998). [4] de Riso R. & Lirer L., I Caratteri Fisico-Ambientali del Territorio - La carta Geolitologica, della Provincia di Napoli - In Analisi dell ambiente fisico ed antropizzato, individuazione e definizione dei risci naturali, pp. 1-14, (1998). [5] de Riso R., Iaccarino G. & Pellegrino A. Caratterizzazione geomorfologica e fenomeni franosi. In analisi dell ambiente fisico ed antropizzato, individuazione e definizione dei risci naturali, 15-24(1998). [6] Evangelista A. Cavità e dissesti nel sottosuolo dell area napoletana, Atti del Convegno Risci naturali ed impatto antropico nell area metropolitana napoletana (1991) 14

15 [7] Gambino, Roberto et al, Regione autonoma Valle d Aosta, Piano territoriale paesistico. Urbanistica Quaderni 14, 1997 [8] Lirer L. La pericolosità vulcanica nella Provincia di Napoli. In analisi dell ambiente fisico ed antropizzato, individuazione e definizione dei risci naturali, pp (1998) [9] Lirer L, Petrosino P, Alberico I & Postiglione I. Long-term volcanic azard forecasts based on Somma-Vesuvio past eruptive activity. (2001) Bull Volcanol 63:45 60 [10] Regione Campania, Carta di uso del suolo. Settore difesa del suolo, progetto It 2000, AUTHORS INFORMATION CAIAZZO STEFANIA Dipartimento di Urbanistica University of Napoli Federico II ALBERICO INES C.I.R.AM (Centro Interdipartimentale di Ricerca Ambiente) University of Napoli Federico II APREDA IMMA Dipartimento di Urbanistica University of Napoli Federico II DAL PIAZ ALESSANDRO Dipartimento di Urbanistica University of Napoli Federico II FAGNANO MASSIMO Dipartimento di Ingegneria Agraria e Agronomia University of Napoli Federico II University of Napoli Federico II 15

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Inquadramento ecologico generale della Repubblica di San Marino/General ecological framework of the Republic of San Marino

Inquadramento ecologico generale della Repubblica di San Marino/General ecological framework of the Republic of San Marino Inquadramento ecologico generale della Repubblica di San Marino/General ecological framework of the Republic of San Marino (da: Stato dell ambiente della Repubblica di San Marino. Segreteria di Stato al

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation

Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Evoluzione del Servizio di Meteorologia Aeronautica di ENAV S.p.A. : Meteosat Second Generation Con la Disposizione Organizzativa n.07/04 viene fissata la missione della Funzione Meteorologia il cui obiettivo

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di Cent anni di scienza del controllo Sergio Bittanti Politecnico di Milano Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fax +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

PREMESSE... 1 NOTA METODOLOGICA... 3 IL QUADRO NORMATIVO... 5 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 6

PREMESSE... 1 NOTA METODOLOGICA... 3 IL QUADRO NORMATIVO... 5 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 6 SOMMARIO PREMESSE.... 1 NOTA METODOLOGICA.... 3 IL QUADRO NORMATIVO... 5 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 6 La popolazione nel comune... 8 Gli indicatori socio economici... 9 L occupazione.... 9 Le attività

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Nome del concorrente - Competitor's name :...

Nome del concorrente - Competitor's name :... MODULO DI RICHIESTA DI MATERIALE SUPPLEMENTARE ADDITIONAL MATERIAL ORDER FORM Il materiale e i documenti compresi nella tassa di iscrizione sono elencati nell'appendice VI del 2015 FIA WRC Sporting Regulations

Dettagli

GENERAL CATALOGUE CATALOGO GENERALE LV & MV solutions for electrical distribution Soluzioni BT e MT per distribuzione elettrica

GENERAL CATALOGUE CATALOGO GENERALE LV & MV solutions for electrical distribution Soluzioni BT e MT per distribuzione elettrica Advanced solutions for: UTILITY DISTRIBUTION TERTIARY RENEWABLE ENERGY INDUSTRY Soluzioni avanzate per: DISTRIBUZIONE ELETTRICA TERZIARIO ENERGIE RINNOVABILI INDUSTRIA The company T.M. born in year 2001,

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

La soluzione completa per l irrigazione The real, complete solution for irrigation

La soluzione completa per l irrigazione The real, complete solution for irrigation La soluzione completa per l irrigazione The real, complete solution for irrigation difendi il made in Italy, scegli un azienda italiana La soluzione completa per l irrigazione Irritec realizza prodotti

Dettagli

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia Eriberto de Munari 1, Ivo Allegrini

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Import-export. di riso: il ruolo dell Italia nel contesto europeo

Import-export. di riso: il ruolo dell Italia nel contesto europeo Import-export di riso: il ruolo dell Italia nel contesto europeo Il riso rappresenta dopo il frumento la coltura più diffusa al mondo. L Italia è il principale Paese produttore ed esportatore di riso dell

Dettagli