DANNO ESISTENZIALE. disciplina del danno non patrimoniale, per via della reinterpretazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DANNO ESISTENZIALE. disciplina del danno non patrimoniale, per via della reinterpretazione"

Transcript

1 DANNO ESISTENZIALE Assolutamente fondamentali, nel percorso di modernizzazione della disciplina del danno non patrimoniale, per via della reinterpretazione dell art c.c., sono state le sentenze della Cassazione n 8827 e 8828 del 31/05/2003, avallate dalla Corte Costituzionale con la sentenza n 233 del 11/07/2003, che hanno sancito l esistenza del danno esistenziale. Una progressiva evoluzione che ha condotto le diverse voci di danno, nel tempo elaborate, all interno di un sistema bipolare formato dal danno patrimoniale, ex art c.c., e dal danno non patrimoniale, ex art c.c. ed in una ulteriore distinzione di quest ultimo in danno morale soggettivo (patema d animo), danno biologico (lesione dell integrità psicofisica), e danno esistenziale (pregiudizio di natura non meramente emotiva e interiore ma oggettivamente accertabile). Il danno non patrimoniale non è più considerato, come avveniva in passato, in termini di sostanziale coincidenza con il solo danno morale e limitatamente all ipotesi in cui il fatto illecito integri una fattispecie di reato 1, ma costituisce categoria ampia e comprensiva di ogni ipotesi in cui risulti leso un valore riguardante la persona. Come categoria ampia è comprensiva non solo del danno morale soggettivo inteso come mera sofferenza e del danno biologico, ma anche di quello esistenziale comprensivo di tutte quelle molteplici rilevanti situazioni soggettive negative di carattere psico-fisico non riconducibili né 1 Cass., 21/10&/2005, n 20355, Cass. 20/10/2005, n 20323; Cass. 19/10/2005, n 20205; 1

2 al danno morale né a quello biologico. Il danno esistenziale inteso come categoria risarcitoria dove fare convergere tutti i diritti costituzionalmente garantiti relativi alla persona umana, grazie ad una lettura combinata dell art c.c. con i principi della Costituzione; la stessa giurisprudenza penale considera il danno da ingiusta detenzione come danno esistenziale in quanto è leso un diritto costituzionale, la libertà personale, trattandosi di un tipo di danno riguardante gli sconvolgimenti delle abitudini di vita e delle relazioni interpersonali provocate dal fatto illecito. Dunque, la sostanziale modifica dell art c.c., attraverso una sua reinterpretazione costituzionalmente orientata che garantisce tutela risarcitoria a determinati tipi di danno non patrimoniale, esclude che sia possibile risarcire, sempre e comunque, il danno non patrimoniale e con riferimento a qualsiasi posizione soggettiva lesa. Il risarcimento del danno non patrimoniale è connotato da tipicità, perché è risarcibile esclusivamente nei casi determinati dalla legge e in quelli in cui sia provocato da un evento di danno consistente nella lesione di interessi essenziali della persona costituzionalmente garantiti. Il riconoscimento nella Costituzione, dei diritti inviolabili relativi alla persona non aventi natura economica, implicitamente, ma necessariamente ne impone la tutela, configurando così un caso determinato dalla legge di riparazione del danno non patrimoniale 2. Affinché un danno sia risarcibile ex art c.c. occorre guardare tanto alla gravità della lesione quanto al bene leso, perché il danno esistenziale 2 Cass., 15/07/2005, n 15022; 2

3 << diversamente da quello morale, non ha natura meramente emotiva ed interiore ma occorre che sia oggettivamente accertabile e aver determinato scelte di vita diverse da quelle che si sarebbero adottate se non si fosse verificato l evento dannoso con obiettiva incidenza, in senso negativo, nella sfera del danneggiato alterandone l equilibrio e le abitudini di vita>> 3. Il danno esistenziale, a differenza del danno morale che riguarda un sentire, riguarda le attività attraverso le quali si realizza la persona umana, è un non fare, un non poter più fare, un dovere agire altrimenti, o ancora un relazionarsi in modo diverso. Un concetto, quello di non poter più fare, che rischia di essere troppo vago, in quanto ogni tipologia di danno alla persona, in modo particolare nelle ipotesi di astratta configurabilità di un reato, potrebbe implicare un non poter più fare. A tale proposito un contributo utile viene dall art c.c. che ai fini del calcolo del quantum debeatur, rinvia all art c.c. che prevede la perdita (c.d. danno emergente) e il mancato guadagno (c.d. lucro cessante). Tale rinvio riguarda sia i danni patrimoniali sia quelli non patrimoniali, dal momento che l art c.c. è collocato nei fatti illeciti che riguardano entrambi i tipi di danno. Di conseguenza se l art c.c. interessa anche i danni non patrimoniali, allora, deve comprendere la perdita (danno emergente) e i mancati guadagni (lucro cessante), che nella pratica concreterebbero il danno biologico e quello esistenziale. 3 Cass., S.U., 24/03/2006, n 6572; 3

4 Il lucro cessante, ex art c.c., a differenza del danno emergente è un danno futuro, che necessita di una ragionevole certezza quanto al suo verificarsi, riguardante una ricchezza non conseguita dal danneggiato. Lucro cessante o mancato guadagno esistenziale, ovvero il non poter più fare ciò che si sarebbe voluto fare; così nel decesso di un padre di famiglia provocato da fatto illecito altrui, i conviventi (moglie e figli) hanno la possibilità di chiedere il risarcimento del danno esistenziale come mancato guadagno non patrimoniale di affetti, serenità, equilibrio e di tutti quegli elementi (non patrimoniali) necessari allo sviluppo dell individuo. Il danneggiato ha l onere, ancora prima di provare, di indicare in maniera specifica i fatti che dovrebbero costituire il danno di cui chiedere il risarcimento. Il danno esistenziale essendo un tutt uno con la persona non può essere determinato secondo il sistema tabellare, proprio del danno biologico, ma richiede precise informazioni che soltanto il danneggiato può fornire, indicando i fatti comprovanti l alterazione delle sue abitudini di vita, senza le quali non è possibile procedere alla liquidazione, neppure, equitativa, perché, per non cadere nell arbitrio, occorrono parametri a cui allacciarsi. Di natura esistenziale è il danno sofferto dal lavoratore a seguito del c. d. demansionamento professionale. La questione è se il diritto del lavoratore al risarcimento consegua in re ipsa al demansionamento o debba essere il lavoratore a fornire la prova ai sensi dell art c.c. Il danno patito a causa del demansionamento non discende automaticamente dall inadempimento del datore di lavoro, ma al contrario 4

5 va provato dal lavoratore che, ai sensi dell art c.c., deve dimostrare l esistenza di un nesso di causalità tra l inadempimento e il demansionamento e far presente quali, fra le tante forme di dequalificazione, ritiene aver subito. Un danno oggettivamente accertabile mediante l allegazione, ad opera del danneggiato, di circostanze atte a provare l adozione di scelte di vita diverse da quelle che si sarebbero seguite se non vi fosse stato l evento dannoso, a nulla rilevando la sola prova del demansionamento. Dunque, danno esistenziale come danno all identità professionale sul posto di lavoro, all immagine e alla vita di relazione, lesione del diritto del lavoratore alla libera esplicazione della sua personalità sul posto di lavoro 4. Quanto alla prova del danno esistenziale, va effettuata, ogni volta, una comparazione tra il danno lamentato dal singolo soggetto così come vive e si relaziona in un preciso momento storico, ed il comportamento del danneggiante, con la conseguenza che vanno risarcite soltanto le lesioni che in quel preciso caso risultano essere eventi estranei a quel modus vivendi, e che il danneggiante avrebbe potuto evitare attraverso i normali criteri di avvedutezza. Occorre provare insomma che vi sia una concreta alterazione dello standard qualitativo e quantitativo del benessere corrispondente a quel modus vivendi; non è possibile chiedere il risarcimento per scortesie e maleducazioni, che, sicuramente esistono e generano stress, ma non 4 Cass., S.U., 24/03/2006, n 6572; 5

6 giuridicamente apprezzabili, in quanto propri della vita frenetica e convulsa che si vive tutti i giorni. La prova può essere ridotta al solo evento lesivo quando la forza lesiva del fatto è talmente forte da portare di per sé danno esistenziale. Nel fornire la prova, di ciò che ha prodotto la modifica esistenziale, occorre dimostrare in maniera precisa le ripercussioni del fatto dannoso sulla vita del danneggiato, il che può avvenire attraverso qualsiasi tipo di prova documentale, testimoniale e presuntiva. Quest ultima può essere utilizzata dal giudice, anche in via esclusiva, per la formazione del suo convincimento, a condizione, però, che in giudizio sia stata prodotta una serie di circostanze concrete che permettano al magistrato di risalire all esistenza del danno. Il sistema risarcitorio del danno non patrimoniale, fin qui esaminato, ha subito, a seguito delle c.d. sentenze gemelle (Cass. S.U. n 26972, 26973, 26974, del 11/11/2008), delle modifiche notevoli. Viene abbandonata la categoria dei danni non patrimoniali, come danno biologico, morale ed esistenziale, a favore di una sola nomenclatura comprendente i singoli pregiudizi non patrimoniali. Viene esclusa la possibilità di una sottocategoria denominata danno esistenziale in quanto ciò porterebbe il danno non patrimoniale nell atipicità. I pregiudizi non patrimoniali sono risarcibili esclusivamente entro il limite segnato dalla ingiustizia costituzionalmente qualificata dell evento di 6

7 danno. Il risarcimento alla persona deve essere integrale e perciò ristorare interamente il pregiudizio. Il sistema adottato resta quello delineato dalle sentenze del 2003, vale a dire quello bipolare, ma con alcune precisazioni: 1) danno patrimoniale, connotato da atipicità, disciplinato dall art c.c., in base al quale vanno risarciti tutti i danni patrimoniali,di interesse giuridicamente rilevante, subiti da un soggetto; 2) danno non patrimoniale, connotato da tipicità, disciplinato dall art c.c., che prevede il risarcimento di tutti i danni non patrimoniali ma solo se ed in quanto previsti dalla legge. Danno biologico, danno morale e danno esistenziale, sono soltanto termini descrittivi del tipo di lesione subita dal danneggiato. Le figure rientranti nella categoria del danno non patrimoniale non costituiscono un numero chiuso; la tutela riguarda non solo i casi di diritti inviolabili della persona espressamente riconosciuti dalla Costituzione nell attuale momento storico, ma grazie all apertura dell art. 2 cost. ad un processo evolutivo, l interprete può rinvenire nel sistema costituzionale indici che permettono di stabilire se nuovi interessi emersi nella realtà sociale, pur non essendo genericamente rilevanti per l ordinamento, sono di rango costituzionale dal momento che attengono a posizioni inviolabili della persona umana. Con le sentenze gemelle del 2008, rinnegando quanto in precedenza affermato dalla stessa Cassazione e posto a fondamento della prevalente giurisprudenza di merito, si registra un enorme passo indietro rispetto alla evoluzione ed al progresso della scienza. 7

8 Il danno esistenziale non esiste più come figura autonoma di danno, ma va considerato, come anche il danno morale, nella nuova ed unica voce di danno determinato dalla lesione di interessi inerenti la persona non connotati da rilevanza economica. Un nuovo danno non patrimoniale, un grande contenitore destinato ad unificare i due danni in un tutt uno confuso e mischiato. Non tutti i pregiudizi esistenziali possono poi essere risarciti, ma solo quelli che realizzano un ingiustizia costituzionalmente qualificata. Viene posto l accento sulla gravità dell offesa, requisito ulteriore per l ammissione al risarcimento, e il diritto deve essere leso oltre una certa soglia minima, provocando un pregiudizio tanto serio, da essere meritevole di tutela in un sistema che impone un grado minimo di tolleranza. La gravità dell offesa e la serietà del danno realizzano un bilanciamento tra il principio di solidarietà, verso il danneggiato, e quello di tolleranza, sicché il risarcimento del danno non patrimoniale è dovuto esclusivamente nel caso in cui sia superato il livello di tollerabilità ed il pregiudizio non sia futile. Dunque un deciso no ai danni c.d. bagatellari, ossia impedire che in giudizio si portino i pregiudizi consistenti in disagi, fastidi, questioni oziose, ansie ed ogni altro tipo di insoddisfazione riguardante gli aspetti più diversi del vivere quotidiano. Non basta, perché possano essere definiti risarcibili, invocare diritti del tutto immaginari. I pregiudizi connotati da futilità devono essere accettati in virtù del dovere della tolleranza che la convivenza impone. 8

9 In questo modo i giudici di Piazza Cavour hanno voluto porre un limite al proliferare, a cui si è assistito negli ultimi anni, di richieste di risarcimento per liti bagatellari (è questa la reale finalità delle sentenze gemelle del 2008): dalla rottura del tacco di una scarpa da sposa, all attesa stressante in aeroporto, al disagio di poche ore provocato dall impossibilità di uscire di casa per l esecuzione di lavori stradali, fino al mancato godimento della partita di calcio in televisione dovuto ad un black-out. Il pregiudizio esistenziale deve consistere in un danno - conseguenza (distinto dal danno evento) e come tale va allegato e provato. Il danneggiato ha l onere di allegare tutti gli elementi che possono risultare idonei per una corretta valutazione del danno. Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale ricomprendente i pregiudizi esistenziali, lesione dei valori costituzionalmente garantiti quali sono i diritti della persona, non può basarsi esclusivamente sull aspetto interiore della vittima, ma occorre che vi sia, in concreto, la prova dell incidenza della lesione di valori fondamentali della persona sulle attività realizzatrici del danneggiato con conseguente, apprezzabile, alterazione della personalità dell individuo, sotto l aspetto personale e relazionale, quindi esterno. Anche nella eventualità in cui la lesione sia in re ipsa il danneggiato, per essere risarcito, ha l onere di allegare circostanze che permettano di fornire la prova, anche presuntiva, della sua esistenza. La lesione di valori costituzionali è un semplice indizio, sia pure di grande importanza, dell esistenza del danno che, in ogni caso, deve essere provato ricorrendo ai principi generali in tema di onere della prova. 9

10 Per quanto concerne la valutazione del danno esistenziale, quale danno non patrimoniale causato da una ingiustizia costituzionalmente qualificata, occorre guardare alle alterazioni prodotte, dalla lesione di un diritto costituzionale, nella persona, sia sul piano individuale, modificazione della personalità e dell assetto psicologico nel suo adattamento, sia sul piano sociale, alterazione nelle relazioni familiari-affettive e nelle attività realizzatrici. Il nuovo danno non patrimoniale evidenzia la necessità di valutazioni collegiali, in cui lo psicologo forense e il medico-legale devono interagire. È vero che la valutazione psicologica-forense non è esplicitamente prevista dalle quattro sentenze gemelle, ma è, comunque, tacitamente presente, essendo il danno non patrimoniale un danno conseguenza e come tale deve essere provato ed allegato dal danneggiato; a questo si aggiunga che lo stesso magistrato può chiedere o utilizzare la consulenza psicologicaforense considerandola come prova documentale. Da qui la necessità di valutazioni collegiali in cui lo psicologo-forense dovrà accertare le conseguenze di natura psicopatologica nonché fornire indicazioni e valutazioni sulla compromissione della personalità individuale e su ogni altro pregiudizio a carattere esistenziale non accertabile in termini medicolegale, mentre il medico-legale dovrà accertare il danno biologico nella sua componente fisica. Il danno non patrimoniale è risarcibile anche nell ambito della responsabilità contrattuale. 10

11 Lo schema logico dell art c.c., danno emergente e mancato guadagno, può operare sia in ambito contrattuale che aquiliano. Nel primo caso può entrare nel congegno contrattuale, come interesse non patrimoniale, ex art c.c.; se il contratto può corrispondere anche ad un interesse non patrimoniale, allora l inadempimento può dare luogo non soltanto ad un danno patrimoniale, ma anche non patrimoniale, dovuto alla lesione di quell interesse con conseguente applicazione dell art c.c. sia sotto il profilo patrimoniale che non patrimoniale. Nel secondo caso, invece, l art c.c., relativo tanto al danno patrimoniale, ex art c.c., che a quello non patrimoniale, ex art c.c., rinvia all art c.c. per ambedue i tipi di danno con relativo risarcimento sia della perdita subita che del mancato guadagno. Gli interventi giurisprudenziali successivi alle sentenze gemelle del 2008, non sono stati di grande favore nei confronti di quest ultime, non pochi i dubbi, le incertezze, le contraddizioni in esse rintracciabili. Le Sezioni Unite definiscono il danno non patrimoniale come danno tipico, risarcibile soltanto in caso di un ingiustizia costituzionalmente qualificata, ma, allo stesso tempo, sostengono che i casi rientranti nel danno esistenziale non costituiscono un numerus clausus. La Cassazione non delimita la nozione dei diritti costituzionalmente qualificati, lasciando in questo modo spazio alle singole interpretazioni caso per caso, ferma restando l ammissibilità di interpretazioni non rigorose grazie alla clausola generale dell art. 2 cost., secondo cui i diritti inviolabili della persona non sono un numero chiuso. 11

12 Dunque prima si afferma che il danno non patrimoniale (e quindi esistenziale) è tipico e poi si dice che le figure rientranti in questa categoria non sono un numero chiuso. In altre parole una distinzione tra danno patrimoniale e non patrimoniale non del tutto chiara, come se si trattasse di una tipicità, per certi aspetti, anomala, che lascia spazio alla creatività della dottrina e dei giudici. Non solo la giurisprudenza di merito, diverse le decisioni in cui si è ritenuto di non dovere negare il risarcimento di tipo morale e di tipo esistenziale 5, ma anche la stessa Cassazione non ha del tutto abbandonato le categorie, danno morale ed esistenziale, né ha ridotto la tutela in capo al danneggiato 6. Da ultima la Suprema Corte ha riproposto, pur non riaffermandone esplicitamente l esistenza, il danno esistenziale come modello risarcitorio, trovandosi nell impossibilità di giustificare diversamente il risarcimento del danno indiretto sofferto dal padre di un bambino nato malato, fatto che senza dubbio aveva cambiato tutta la di lui esistenza 7. 5 Ad esempio:trib. di Torino, sez. IV civ., 27/11/2008; Trib. di Lecce, sez. Maglie, 29/11/2008, n 368; Corte di Appello di Salerno, sez. pen., 08/01/2009; Trib. di Mentepulciano, 20/02/2009, n 74; Trib. di Pinerolo, 17/03/2009; 6 Cass., sez. lav., 05/10/2009, n 21223; 7 la nascita indesiderata determina una radicale trasformazione delle prospettive di vita dei genitori, i quali si trovano esposti a dover misurare (non i propri specifici valori costituzionalmente protetti, ma) la propria vita quotidiana, l esistenza concreta, con le prevalenti esigenze del nascituro, con tutti gli ovvi sacrifici che ne conseguono. le conseguenze della lesione del diritto di autodeterminazione nella scelta procreativa, allora finiscono per consistere proprio nei rovesciamenti forzati dell agenda di cui parte della dottrina discorre nel prospettare la definizione del danno esistenziale (Cass., 05/01/2010, n 13). 12

13 In realtà, da una attenta lettura, attualmente in materia di diritto vivente, il risarcimento del danno non patrimoniale, appare ancora un vero e proprio cantiere aperto. Dott. Sciotto Fortunata Serena 13

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA Aspetti sostanziali: con danno da vacanza rovinata s intende: la lesione dell interesse del turista al pieno godimento del proprio tempo libero ed, in particolare, della occasione di svago e di divertimento

Dettagli

LE ALTRE CATEGORIE DEL DANNO INGIUSTO Consuela Cigalotti DANNO INGIUSTO Secondo la definizione del codice civile è da considerarsi danno ingiusto,, il danno prodotto non iure,, ( comportamento non giustificato

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI P&D.IT La terza sezione della Corte di Cassazione interviene sulla vexata questio

Dettagli

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione.

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. 1. Il nucleo essenziale delle sentenze. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno pronunziato quattro

Dettagli

IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA

IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA Il principio informatore della materia in ambito civile stabilisce che qualsiasi comportamento antigiuridico che sia causa di danni a terzi obbliga chi l ha posto in essere

Dettagli

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012 La nascita indesiderata Reggio Calabria 2012 La giurisprudenza sulla nascita indesiderata Cass. 12195 /1998 Principi generali Il danno va considerato causato dall illecito (art. 1223 c.c.) quando pur non

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale

IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE. a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA MOBBING SESSUALE a) Lavoratore mobbizzato: risarcimento contrattuale o extracontrattuale Dottrina e Giurisprudenza concordano sulla definizione dell (ormai) istituto del mobbing,

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico)

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) La recente giurisprudenza riconosce in capo agli eredi di un soggetto deceduto

Dettagli

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA Novità Aprile 2014 Con Rassegna delle più significative sentenze suddivisa in base alle più importanti e attuali questioni giurisprudenziali Patrimoniale Non patrimoniale Biologico Morale Esistenziale

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO Considerazioni interpretative tecniche per la valutazione medico legale del danno biologico per lesioni di lieve entità, ex DL 209/2005,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima NASCITA ED EVOLUZIONE DEL DANNO BIOLOGICO

INDICE SOMMARIO. Parte Prima NASCITA ED EVOLUZIONE DEL DANNO BIOLOGICO Elenco delle principali abbreviazioni... XVII Parte Prima NASCITA ED EVOLUZIONE DEL DANNO BIOLOGICO CAPITOLO I IL SISTEMA FONDATO SULLA CAPACITÀ PRODUTTIVA 1. La capacità produttiva.... 5 2. Le contraddizioni

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

MOBBING: RISARCIMENTO DEI DANNI NON PATRIMONIALI IN FAVORE DEL LAVORATORE

MOBBING: RISARCIMENTO DEI DANNI NON PATRIMONIALI IN FAVORE DEL LAVORATORE MOBBING: RISARCIMENTO DEI DANNI NON PATRIMONIALI IN FAVORE DEL LAVORATORE Sommario: 1. Danno non patrimoniale; 2. Interventi della Corte Costituzionale; 3. Danno morale soggettivo, biologico, esistenziale;

Dettagli

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069

MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE. Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 MASSIME CIVILE CIRCOLAZIONE STRADALE Corte di Cassazione Sez. civ. 26 Gennaio 2012, n 1069 Circolazione stradale Incertezze del vigile nella descrizione dell automobile nel verbale di infrazione Multa

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale omaggio di ASSOCIAZIONE NAZIONALE ESPERTI INFORTUNISTICA STRADALE A.N.E.I.S. Presidenza

Dettagli

Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale e la sua funzione. Riassunto.

Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale e la sua funzione. Riassunto. Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale e la sua funzione. Riassunto. Il risarcimento del danno non patrimoniale ha da sempre posto problemi del tutto peculiari che ne hanno differenziato in modo

Dettagli

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL QUALI SONO I DIRITTI DEL LAVORATORE VITTIMA DI INFORTUNIO? La prima missione di ANMIL è informare i lavoratori circa i loro diritti. La particolarità

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Marco FRATINI DIRITTO CIVILE Volume quinto II edizione Aggiornato a: - Rimessione alle Sezioni Unite del contrasto sulla risarcibilità del danno tanatologico:

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

IL "NUOVO" DANNO NON PATRIMONIALE

IL NUOVO DANNO NON PATRIMONIALE IL "NUOVO" DANNO NON PATRIMONIALE a cura ài GIULIO PONZANELLI CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2004 INDICE-SOMMARIO Premessa (GIULIO PONZANELLI) Pag. 1 PARTE I UN RIEPILOGO STORICO: LE QUATTRO

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 INDICE Prefazione... 7 Post-prefazione... 9 CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 CAPITOLO 2 Il danno patrimoniale...17 Il danno patrimoniale da perdita della capacità lavorativa

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

INDICE. 1 Il danno non patrimoniale; un pregiudizio unitario, ma con tante voci... 1. Presentazione...

INDICE. 1 Il danno non patrimoniale; un pregiudizio unitario, ma con tante voci... 1. Presentazione... INDICE Presentazione... XIX 1 Il danno non patrimoniale; un pregiudizio unitario, ma con tante voci... 1 1.1 Il danno non patrimoniale: nozione... 1 1.2 La metamorfosi del danno non patrimoniale dal codice

Dettagli

La relazione di cura

La relazione di cura La relazione di cura Il valore della corretta informazione al paziente, del consenso e del dissenso informato. Lecco 31-10-09 a cura di S. Fucci - Giurista e Bioeticista sefucci@tiscali.it LA LIBERTÀ DEL

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE Prefazione dell Autore... V CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE 1. I principi generali in tema di danno da fatto illecito extra contrattuale. 2 2. La nozione

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA. Con particolare riferimento alla responsabilità per errata diagnosi prenatale

LA RESPONSABILITA DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA. Con particolare riferimento alla responsabilità per errata diagnosi prenatale LA RESPONSABILITA DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA Con particolare riferimento alla responsabilità per errata diagnosi prenatale Parte prima Nell ambito dell esercizio dell attività medica è possibile

Dettagli

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino

DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino DANNO ALLA PERSONA Stefano Pugno Dottorando di Ricerca in Diritto Civile presso l Università degli Studi di Torino Premessa Il presente scritto (di compendio alla lezione del 7 aprile) mira a fornire alcune

Dettagli

INFORTUNIO: INDENNIZZO INAIL E RISARCIMENTO DEL DANNO DIFFERENZIALE SECONDA PARTE Matteo BARIZZA

INFORTUNIO: INDENNIZZO INAIL E RISARCIMENTO DEL DANNO DIFFERENZIALE SECONDA PARTE Matteo BARIZZA INFORTUNIO: INDENNIZZO INAIL E RISARCIMENTO DEL DANNO DIFFERENZIALE SECONDA PARTE Matteo BARIZZA P&D.IT In un precedente scritto apparso sulla presente rivista, si era trattato il tema, tutt'altro che

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO XI Prefazione... V CAPITOLO PRIMO Continua l evoluzione della medicina con i suoi benefici, i suoi rischi ed i danni ed aumenta il contenzioso giudiziario nell incertezza del diritto 1. Introduzione...

Dettagli

Risarcibilità del danno non patrimoniale subito da persone giuridiche private ed enti di fatto

Risarcibilità del danno non patrimoniale subito da persone giuridiche private ed enti di fatto [ ] CIVILE Risarcimento del danno Risarcibilità del danno non patrimoniale subito da persone giuridiche private ed enti di fatto La storica sentenza n. 12929/2007 della Corte di Cassazione. La lesione

Dettagli

IL DANNO ESISTENZIALE ESISTE ANCORA. La Sentenza della Suprema corte di Cassazione a Sezioni unite civili-, n. 26972,

IL DANNO ESISTENZIALE ESISTE ANCORA. La Sentenza della Suprema corte di Cassazione a Sezioni unite civili-, n. 26972, IL DANNO ESISTENZIALE ESISTE ANCORA di Giuseppe Castellani La Sentenza della Suprema corte di Cassazione a Sezioni unite civili-, n. 26972, 11 Novembre 2008, ha causato in moltissimi Professionisti forti

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

IL DANNO RISARCIBILE NELL AMBITO DELL ATTIVITÀ ODONTOIATRICA Avv. Paolo Mariotti

IL DANNO RISARCIBILE NELL AMBITO DELL ATTIVITÀ ODONTOIATRICA Avv. Paolo Mariotti IL DANNO RISARCIBILE NELL AMBITO DELL ATTIVITÀ ODONTOIATRICA Avv. Paolo Mariotti Convegno 19 novembre 2010 LA RESPONSABILITA DELL ODONTOIATRA profili giuridici medico-legali ed assicurativi Aula Magna

Dettagli

Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251. L entità del danno non patrimoniale va personalizzato

Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251. L entità del danno non patrimoniale va personalizzato Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251 A cura di Cettina Briguglio L entità del danno non patrimoniale va personalizzato In caso di lesione dell integrità fisica

Dettagli

CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA

CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA EVOLUZIONE DELLA NORMA SUL DANNO NON PATRIMONIALE ALLA PERSONA. NUOVE PROSPETTIVE DEONTOLOGICHE E PROFESSIONALI DELLO PSICOLOGO IN AMBITO GIURIDICO L attività stragiudiziale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione...

INDICE SOMMARIO. Prefazione... INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO 1 ASSICURAZIONE E RESPONSABILITÀ: INTERA- ZIONE E PREGIUDIZI 1. Assicurazione e sicurezza... 1 2. La società delle tutele e la garanzia assicurativa... 6 3.

Dettagli

Lesione della reputazione professionale: risarcimento del danno non patrimoniale

Lesione della reputazione professionale: risarcimento del danno non patrimoniale le CIVILE Responsabilità e risarcimento Lesione della reputazione professionale: risarcimento del danno non patrimoniale Lesione della reputazione personale e professionale. Risarcimento del danno patrimoniale

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

MASSIME: LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 30 Marzo 2011, n 7272 (Pres. Roselli; Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Danno derivante

MASSIME: LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 30 Marzo 2011, n 7272 (Pres. Roselli; Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Danno derivante MASSIME: LAVORO Corte di Cassazione Sez. Lav. 30 Marzo 2011, n 7272 (Pres. Roselli; Rel. Di Cerbo) Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Danno derivante dall ambiente di lavoro Prescrizione decennale

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

NONOSTANTE I DUBBI DI COSTITUZIONALITA, LE TABELLE NORMATIVE ESTENDONO IL RAGGIO DI AZIONE Patrizia ZIVIZ

NONOSTANTE I DUBBI DI COSTITUZIONALITA, LE TABELLE NORMATIVE ESTENDONO IL RAGGIO DI AZIONE Patrizia ZIVIZ NONOSTANTE I DUBBI DI COSTITUZIONALITA, LE TABELLE NORMATIVE ESTENDONO IL RAGGIO DI AZIONE Patrizia ZIVIZ P&D.IT 1. L art. 3, comma 3, del Decreto Balduzzi (D.L. 13 settembre 2012, n. 158) stabilisce:

Dettagli

Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore

Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore ( Articolo di Calogero Lo Giudice 27.09.2004 ) Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore Avv. Calogero Lo Giudice (Avvocatura

Dettagli

Giampaolo Azzoni. Dolore inutile e danno ingiusto

Giampaolo Azzoni. Dolore inutile e danno ingiusto Giampaolo Azzoni Dolore inutile e danno ingiusto Il diritto di non soffrire inutilmente inutilmente vs. teleologicamente vs. il diritto di non soffrire simpliciter (anche nella Dichiarazione del 1776:

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

Corte di giustizia europea (sezione VI) 12.3.2002, causa C-168/00

Corte di giustizia europea (sezione VI) 12.3.2002, causa C-168/00 Danni morali per vacanza rovinata Corte di giustizia europea (sezione VI) 12.3.2002, causa C-168/00 Viaggi, vacanze e circuiti tutto compreso Risarcimento del danno morale Nell ambito dei viaggi turistici,

Dettagli

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro

STUDIO LEGALE. Avv. Antonella Nigro. Responsabilità medica e ospedaliera. - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Responsabilità medica e ospedaliera - I presupposti per la domanda di risarcimento - di Antonella Nigro Il tema della responsabilità medica e ospedaliera è ritornata ad essere di forte attualità a causa

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

La responsabilità civile

La responsabilità civile La responsabilità civile Responsabilità contrattuale (art. 1218 cc) Scaturisce da qualsiasi rapporto obbligatorio già precostituito. Il Medico generalista si obbliga ad eseguire una prestazione professionalmente

Dettagli

Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374

Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374 Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374 Chiarimenti sul danno c.d. da lucida agonia Fatto SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza del 21 febbraio 2011 la Corte di appello di Napoli, in relazione

Dettagli

Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio

Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio L AVVOCATURA ECCLESIASTICA IN ITALIA Problematiche connesse alle cause di nullità di matrimonio Giornata di studio Roma 23 maggio 2014 ore 10,00 14,00 Palazzo della Cancelleria Sala dei Cento Giorni 1

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE. Corte di Cassazione Sez. I civ. 4 Marzo 2013, n 5297 (Pres. C.

CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE. Corte di Cassazione Sez. I civ. 4 Marzo 2013, n 5297 (Pres. C. CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE Corte di Cassazione Sez. I civ. 4 Marzo 2013, n 5297 (Pres. C. Carnevale; Rel. M.R. Cultrera) Avvocato e procuratore Avvocato Liquidazione dell onorario Cumulo di domanda

Dettagli

Responsabilità medica e danni non patrimoniali:

Responsabilità medica e danni non patrimoniali: Responsabilità medica e danni non patrimoniali: Il caso che si vuole esaminare in questa puntata prende spunto da una causa tutt ora in corso, al vaglio dei giudici milanesi. La signora AA, infatti, al

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

Tema C2. di Serafino Ruscica

Tema C2. di Serafino Ruscica Tema C2 Tema C2 Premessi brevi cenni sulla nozione di danno non patrimoniale, se ne illustri la portata applicativa in riferimento alle ipotesi di danno bagatellare per i disservizi in materia di trasporti

Dettagli

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE INDICE Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI 3 1. I profili generali 4 2. Matrimonio ed obblighi coniugali 6 3. I doveri matrimoniali 8 4. La natura inderogabile degli obblighi coniugali

Dettagli

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 1 Ottobre 2012, n 16636. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Trattamento di fine

MASSIME LAVORO. Corte di Cassazione Sez. Lav. 1 Ottobre 2012, n 16636. Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Trattamento di fine MASSIME LAVORO Corte di Cassazione Sez. Lav. 1 Ottobre 2012, n 16636 Lavoro (rapporto di) Lavoro subordinato Trattamento di fine rapporto Nel trattamento di fine rapporto è compreso il controvalore dell

Dettagli

affermato alla giurisprudenza (tra le altre, Cass. 17 gennaio 2008, n. 858; Cass. 3 aprile 2003, n. 5136). In particolare, nel caso di specie, non vi

affermato alla giurisprudenza (tra le altre, Cass. 17 gennaio 2008, n. 858; Cass. 3 aprile 2003, n. 5136). In particolare, nel caso di specie, non vi Ricorre un ipotesi di responsabilità per cose in custodia ex art. 2051 c.c., per la società di ginnastica, nel caso di lesione subita dall utilizzatore di un attrezzo ginnico in cattivo stato di manutenzione

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace della VIII sezione civile di Palermo, Dott. Vincenzo Vitale, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 952/06 R.G.

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL DANNO ESISTENZIALE SECONDO GLI

L EVOLUZIONE DEL DANNO ESISTENZIALE SECONDO GLI L EVOLUZIONE DEL DANNO ESISTENZIALE SECONDO GLI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA DI MAURA TAMPIERI Al mio amato figlio Carlo 1 INDICE SEZIONE I - Il danno non patrimoniale risarcibile 1. Introduzione...4

Dettagli

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE Avv. Ramona Lucchetti D.Lgs n. 81/2008 D.Lgs n. 106/2009 SINERGIA LEGISLATIVA NELLA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SINERGIA DEI SOGGETTI INTERESSATI ALLA

Dettagli

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato Criteri utilizzati per la formazione delle Tabelle per l anno 2013 Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato operando la sola rivalutazione

Dettagli

LESIONE DEIDIRITTI DELLA PERSONA

LESIONE DEIDIRITTI DELLA PERSONA DOMENICO BELLANTONI SR. ALESSANDRO BENIGNI LESIONE DEIDIRITTI DELLA PERSONA TUTELA PENALE - TUTELA CIVILE RISARCIMENTO DEL DANNO * INGIURIA - DIFFAMAZIONE - CALUNNIA * TUTELA DELLA PRIVACY * DANNO PATRIMONIALE

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE INDICE SISTEMATICO Introduzione........................................... pag. v LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE 1. Rapporto di causalità tra condotta

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Come cambia la professione dell avvocato

Come cambia la professione dell avvocato Come cambia la professione dell avvocato Avv. Carlo Pavesio 28 giugno 2013 Il contesto esterno / 1 la popolazione Italiana e numero di leggi Popolazione Italiana 30 anni fa (1983) 15 anni fa (1998) Oggi

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE I RESPONSABILITÀ DA CIRCOLAZIONE STRADALE

INDICE SOMMARIO PARTE I RESPONSABILITÀ DA CIRCOLAZIONE STRADALE PARTE I RESPONSABILITÀ DA CIRCOLAZIONE STRADALE Incidente stradale con esiti mortali Cassazione civile, Sez. III, 28-11-2008, n. 28407.... 3 Sinistro stradale con esiti mortali Cassazione civile, Sez.

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione del danno non patrimoniale alla persona in ambito responsabilità civile ed estranee al pregiudizio biologico ex art. 139 D.Lgs. 209/2005.

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it Osservatorio sulla giurisprudenza civile al 31 marzo 2011 a cura di Diana Selvaggi 1. Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 1875 del 27 gennaio 2011: rapporto di lavoro pubblico, lesioni del

Dettagli

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti

Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Web, televisione, pubblicità: diritti, tutele, risarcimenti Milano 5 dicembre 2011 Il risarcimento del danno da comunicazione scorretta: profili tendenze Cesare de Sapia Risarcimento del danno norme del

Dettagli