Macchine Animate dall acqua

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Macchine Animate dall acqua"

Transcript

1 P A R C O N A Z I O N A L E APPENNINO LUCANO VAL D AGRI LAGONEGRESE Giovanna Petrone Macchine Animate dall acqua I MULINI DEL PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO LUCANO VAL D AGRI LAGONEGRESE

2 Giovanna Petrone Macchine animate dall acqua I MULINI AD ACQUA DEL PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO LUCANO VAL D AGRI LAGONEGRESE Realizzato con il contributo del Parco Appennino Lucano Val d Agri Lagonegrese Testi e foto di Giovanna Petrone Impaginazione e stampa Vega sas TUTTI I DIRITTI RISERVATI

3 INDICE Macchine animate dall Acqua INDICE PREMESSA 3 TERRITORIO E BENI CLTURALI 4 IL MULINO AD ACQUA NELLA STORIA 7 I MULINI AD ACQUA NEL PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO VAL D AGRI LAGONEGRESE 8 BRIENZA 11 TRAMUTOLA 15 VIGGIANO 19 GRUMENTO NOVA 23 SARCONI 25 CONCLUSIONI 27 BIBLIOGRAFIA 28

4 PREMESSA Il Parco Nazionale dell Appennino Lucano Val d Agri Lagonegrese è un territorio singolare per il ricco patrimonio naturalistico e culturale che lo caratterizza. L insieme delle sue ricchezze costituisce il punto di forza su cui far leva per farne un luogo in cui il turismo diventi uno dei fattori trainanti dell economia locale. L archeologia industriale, disciplina giovane che negli ultimi anni si sta diffondendo anche nella nostra Nazione, rappresenta uno dei tanti elementi che testimoniano la singolarità del territorio del Parco Nazionale dell Appennino Lucano Val d Agri Lagonegrese. La presenza, infatti, di mulini, frantoi e altri opifici in molti comuni ricadenti nel perimetro del Parco testimonia l esistenza, in passato, di attività industriali che prevalentemente si basavano sulla trasformazione di prodotti dell agricoltura e della pastorizia. I mulini ad acqua sono considerati come bene culturale e in tutto il territorio nazionale sono oggetto di studio e di valorizzazione anche turistica. Si tratta inoltre di opifici strettamente legati al territorio perché di esso sfruttano la risorsa idrica, soprattutto in quelle regioni, come la Basilicata, particolarmente ricche di corsi d acqua. Ponte romano su fiume Maglie - Sarconi PREMESSA 3

5 TERRITORIO E BENI CULTURALI 1 TERRITORIO E BENI CULTURALI Conoscere un territorio non significa solo conoscerne la conformazione fisica ma anche le relazioni che questo stabilisce con l uomo. Il rapporto dinamico che si crea tra i gruppi umani e il territorio è fondamentale perché lo spazio in cui si verifica tale rapporto conferisce ai gruppi umani la propria identità; questa identità può essere definita identità geografica e racchiude in sé una serie di interrelazioni basate sulla condivisione di elementi comuni che distinguono i vari gruppi umani (linguaggio, religione, costumi e usi). Il territorio, inoltre, è il risultato dei processi storici e antropologici che si sono susseguiti nel tempo ed è memoria visibile della conquista dello spazio da parte dell uomo. Solitamente, l elemento che rappresenta l identità di una società e funge da simbolo di questa è il monumento. Monumento è ricordo, è memoria, è segno tangibile dell esistenza di un gruppo umano; monumento diventa anche valore 2 nel momento in cui gli viene riconosciuto il significato di bene. Considerando quindi il monumento come l oggetto per eccellenza che rappresenta una comunità ed essendo la comunità radicata in un determinato contesto geografico, non si può non considerare il rapporto che lega il monumento all ambiente. Secondo Piveteau 3 la memoria simboleggia lo spazio e lo spazio rende duratura la memoria e il luogo in cui si sintetizza questo scambio è il territorio inteso come portatore di significati e valori stratificati nel tempo e, di conseguenza, come entità culturale. Lo spazio, quindi, attraverso il monumento, restituisce ai nostri occhi la memoria di una società; restituisce alla mente il ricordo di un passato che si è concretizzato in un contesto ge- 1 Tratto da Petrone G., 2007, pp Valore storico, simbolico, estetico, identitario, culturale, ambientale. 3 Piveteau, 1995, p.114 4

6 ografico e in esso si è stratificato; riporta con sé, e su di sé, i segni di gruppi di uomini che hanno contribuito a modificarlo a seconda delle proprie esigenze e lo hanno riempito di significati, materiali e non, degni di essere valorizzati. I segni materiali di un territorio sono le testimonianze tangibili, concrete presenti su di esso; quelli immateriali, invece, sono le sedimentazioni di saperi, di competenze, di capacità organizzative (che spesso vengono trascurate perché meno evidenti degli altri). L insieme degli elementi materiali e immateriali dell ambiente costituisce dunque una eredità, un patrimonio culturale (cultural heritage), per una società, e va considerato come espressione della sedimentazione storica del legame tra il gruppo umano e la natura. Il patrimonio risulta composto dai beni culturali e ambientali, ma anche dalle diverse relazioni che collegano i singoli beni al contesto in cui essi si trovano, creando dunque una sincronia di fondo su cui si basa il rapporto natura-uomo. L importanza del patrimonio culturale si costituisce sia per accumulazione di significati all interno di uno spazio, sia in relazione allo spazio stesso che diventa lo scenario dei processi di stratificazione di valori attribuiti nel tempo ai singoli oggetti. Il patrimonio del passato, come eredità storica e memoria collettiva, assume significato nel presente in relazione al quale viene considerato valore indiscutibile della società; tale processo di attribuzione di valore presente ad oggetti che si costruiscono nel passato, è comunemente chiamato processo di patrimonializzazione. Attraverso la valorizzazione nel presente, il patrimonio culturale diventa un mezzo fondamentale per lo sviluppo economico e sociale, si inserisce nelle dinamiche territoriali e assume un ruolo specifico e determinante al loro interno. Il patrimonio assume poi una sua connotazione specifica in rapporto al territorio di cui diventa segno da decifrare per comprendere i significati sociali passati e presenti; testimonia, inoltre, i processi di antropizzazione che si sono manifestati nel corso degli anni e che hanno comportato un organizzazione dello spazio specifica a seconda delle esigenze e della richiesta. TERRITORIO E BENI CULTURALI 5

7 Il presente lavoro intende recuperare la memoria dell industria molitoria in Val d Agri. Lo scopo è quello di rivolgere l attenzione ad una parte del patrimonio culturale poco valorizzata. La Valle dell Agri è ricca di testimonianze relative alla molitura del grano e degli altri cereali, soprattutto si tratta di opifici che ancora esistono e possono essere inseriti in percorsi che riguardano l archeologia industriale, disciplina che mira a ricercare, studiare, catalogare, salvaguardare e conservare le testimonianze sul territorio e i resti materiali collegati ai processi di industrializzazione. In tale contesto i mulini ad acqua si inseriscono come primo prototipo di fabbrica e possono essere considerati testimonianza dell attività produttiva umana anche quando si tratta di opifici di costruzione precedente alla Rivoluzione Industriale. TERRITORIO E BENI CULTURALI Torrente Sciaura - Grumento Nova 6

8 IL MULINO AD ACQUA NELLA STORIA Il mulino ad acqua comincia a diffondersi nel mondo Greco intorno al I sec. a.c.. La pratica della molitura del grano era tuttavia già praticata utilizzando la forza umana. Lo stesso Omero nel XX libro dell Odissea parla di macine a mano intorno alle quali lavoravano dodici donne per produrre farina 4. Successivamente come spiega Antipatro di Tessalonica (I sec. a. C.), il lavoro manuale venne sostituito da quello meccanico e il mulino idraulico da lui descritto in un epigramma dell Antologia Greca, è quello a ruota orizzontale. La stessa descrizione dell impianto idraulico viene fatta da Vitruvio nel De Architectura (I sec. a.c.): si tratta dell impianto che maggiormente si diffuse durante l Impero di Ottaviano Augusto (63 a.c. -14 d.c.), costituito da un asse di legno verticale alla cui base c era una serie di palette sulle quali cadeva l acqua con un getto a forte pressione. Queste azionavano un asse di legno che a sua volta generava il moto di una macina mobile su una fissa. Questo tipo di impianto viene utilizzato a lungo, fino agli inizi del Novecento. Si tratta di un impianto molto semplice e poco costoso, questo spiega la sua larga diffusione soprattutto nei piccoli centri agricoli. 4 Omero, Libro XX, vv IL MULINO AD ACQUA NELLA STORIA 7

9 I MULINI AD ACQUA DEL PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO LUCANO VAL D AGRI LAGO- NEGRESE I MULINI AD ACQUA DEL PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO LUCANO VAL D AGRI LAGONEGRESE La presenza di mulini ad acqua nel territorio del Parco Nazionale dell Appennino Lucano Val d Agri Lagonegrese è attestata già in epoca romana (II sec D.C.), periodo a cui risale la stele funeraria di una bambina di nome Pactumeia, rinvenuta lungo le sponde del torrente Alli, a Viggiano, recante un iscrizione in cui si parla di un primus magister pistor (primo maestro mugnaio), padre della bambina, che viveva molto probabilmente nei pressi del torrente e possedeva un mulino ad acqua. Cippo di Pactumeia Stele funeraria di Pactumeia L attività molitoria ha avuto seguito sicuramente anche nei secoli successivi. In particolare, come era consuetudine nel tardo medioevo, la molitura era gestita dalle comunità monastiche. In Val d Agri abbiamo testimonianze relative alla comunità monastica di San Pietro che possedeva mulini a Tramutola e a Marsicovetere nell anno Tra la fine del 700 agli inizi dell 800 la costruzione dei mulini ad acqua è molto più diffusa nei paesi della Val d Agri. L opificio era solitamente a gestione familiare: in tutti i paesi esiste almeno 5 N. Masini in Macaione Sichenze, p

10 una famiglia che ha come soprannome mul nar mugnaio. Era però utilizzato anche dagli altri contadini del paese, o dei paesi vicini, i quali si recavano sul posto con gli asini che trasportavano il grano e gli altri cereali da macinare. Le operazioni di molitura iniziavano all alba e duravano per tutta la giornata. I comuni della Val d Agri basavano la loro economia essenzialmente sull agricoltura. Non è un caso, quindi, che la richiesta di molitura del grano e degli altri cereali fosse così elevata da permettere alla maggior parte dei proprietari terrieri di costruirsi un molino nel proprio fondo che avrebbe apportato soltanto vantaggio ai paesi e ai loro abitanti. In tutto il territorio oggetto di studio gli esempi di mulini idraulici sono numerosi e nella maggior parte dei casi sono mulini a torretta con ruota orizzontale, impianto che permetteva di raccogliere una grande quantità di acqua in una grossa cisterna ad imbuto. L acqua veniva fatta convogliare dal fiume, sbarrato artificialmente, verso la cisterna attraverso un canale di adduzione ; nella parte bassa della cisterna c era un imboccatura che dirigeva il getto d acqua direttamente sulle pale della ruota orizzontale collocata nel piano seminterrato degli edifici. Sotto la spinta dell acqua la ruota motrice azionava per mezzo di un asse l impianto per la molitura, situato nel locale superiore, costituito da una macina fissa e una mobile. L acqua deviata veniva restituita nel suo letto dopo essersene serviti, dopo aver animato le macine ritornava quindi al suo corso o, spesso, veniva utilizzata per irrigare i campi o per azionare altre Ruota idraulica Impianto di molitura I MULINI AD ACQUA DEL PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO LUCANO VAL D AGRI LAGONEGRESE 9

11 I MULINI AD ACQUA DEL PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO LUCANO VAL D AGRI LAGONEGRESE macchine. Esistono in Val d Agri esempi di canali con una diramazione nella parte terminale che permetteva di deviare l acqua in due cisterne: è il caso di opifici in cui venivano azionate due macchine idrauliche contemporaneamente, sia per lo stesso scopo, sia per scopi diversi. Questa tipologia di mulino, quindi, è quella maggiormente attestata in Val d Agri: numerosi, infatti, erano i mulini a torretta costruiti sulle rive dei corsi d acqua. Testimonianze di questa produzione sono attestate a Viggiano, Grumento, Moliterno, Sarconi, Marsicovetere, Tramutola, Marsiconuovo, Brienza, Pignola, Castelsaraceno e Calvello, ma non sempre si tratta di strutture ancora esistenti. Le dimensioni degli edifici variano a seconda della loro funzione: in alcuni casi, infatti, annessa all opificio è l abitazione del mugnaio e della sua famiglia. In altri, invece, si tratta di strutture piccole e destinate solo alla molitura. Molto spesso, inoltre, negli opifici venivano praticate più attività: è il caso di mulini associati a frantoi per la produzione di olio o alla lavorazione del filo o del rame. Acquedotto su archi - Sarconi 10

12 BRIENZA Quello che contraddistingue alcune delle strutture studiate è il canale di adduzione dell acqua che si sviluppa su un sistema ad archi di particolare magnificenza architettonica. Brienza è un comune di origine longobarda noto per il suo borgo medievale e per aver dato i natali a Francesco Mario Pagano personaggio di spicco della Repubblica Partenopea (1799). Il centro abitato moderno si sviluppa intorno al centro storico situato nella parte alta del paese che culmina con l imponente Castello Caracciolo. Brienza è attraversata da due torrenti, il Pergola e il Fiumicello che lambiscono rispettivamente il versante destro e quello sinistro della collina del borgo medievale e che poi confluiscono in un unico letto. Il paesaggio torrentizio che i due corsi d acqua disegnano è di singolare bellezza: l acqua crea degli scavi di natura carsica, le cosiddette marmitte dei giganti, da considerarsi monumenti naturali del luogo. La particolare abbondanza d acqua ha permesso di utilizzare questa risorsa per più scopi anche in passato. Secondo quanto descritto dal Petrnoster 6, nel 1866, le acque del torrente Pergola servivano ad alimentare un sistema di illuminazione pubblica realizzato con sistemi rudimentali tra cui le macchine 6 F. Paternoster, p.53 11

13 BRIENZA Torrente Fiumicello - Brienza 12

14 idrauliche dismesse. Il torrente, inoltre, ha una portata tale che qualche anno fa fu realizzata una piccola diga che attualmente non è in funzione. Sui due torrenti sono stati individuati quattro mulini: due sul torrente Fiumicello e due sul Pergola. Di tutti e quattro gli opifici soltanto uno è in buone condizioni: si tratta di uno dei mulini sul Fiumicello che ha subito più interventi di ricostruzione. Il mulino si trova in località Calata Prato, sotto viale Emanuele Gainturco che attraversa la piazza centrale; è una struttura costituita da due piani più uno seminterrato in cui è ancora visibile la ruota idraulica. Mulino di Località Calata Prato Marmitte dei giganti a Brienza Al primo piano si trovava l impianto di molitura di cui si conservano le macine; il secondo piano, accessibile da una scala esterna, era probabilmente adibito a deposito o ad abitazione. Questo opificio apparteneva a Sabatella Antonio infaticabile lavoratore pieno di iniziative di carattere industriale 7 proprietario del mulino, di un frantoio e di un pastificio, alimentati ed illuminati da impianti autonomi ad energia idraulica. 7 Ibid. BRIENZA 13

15 Poco distante da questo primo opificio, se ne incontra un altro più piccolo del quale restano soltanto i muri perimetrali e la cisterna per il convoglio dell acqua. Sull altro torrente, il Pergola, sono stati individuati i ruderi di due mulini. Il mulino più caratteristico è un opificio di medie dimensioni che si trova sulla sponda sinistra del corso d acqua e che affaccia su una gola scavata dall erosione. Il luogo è molto suggestivo: il mescolarsi di bellezze naturalistiche e di testimonianze della storia ne fanno uno degli angoli più belli del paese. Un posto in cui ogni singolo elemento fa parte di in mosaico che racchiude più aspetti della memoria e dell identità locale. BRIENZA Mulino sul torrente Pergola - Brienza 14

16 TRAMUTOLA Passeggiando nel centro storico di Tramutola, è d obbligo una sosta N cap l acqua. Si tratta di un luogo in cui si uniscono più elementi dell identità culturale del paese. E infatti il luogo in cui da sempre le donne si ritrovano al lavatoio per lavare ma anche per condividere un momento di socializzazione; è il luogo in cui ci si ferma per abbeverarsi alle fontane; è il luogo in cui un tempo ci si recava a macinare il grano per produrre farina. All interno dell edificio, oggi ristrutturato e di proprietà comunale, è stato ricostruito l impianto di molitura che veniva alimentato da una cisterna in cui veniva fatta confluire l acqua della sorgente Casamasone. Dopo aver alimentato la macchina idraulica, l acqua di scarico veniva utilizzata per altri usi (per l irrigazione o per azionare altre macchine). Esterno - Mulino Capo l Acqua Interno - Mulino Capo l Acqua 15

17 All ingresso del paese, il località S. Carlo, si trova un altro mulino acquisito tra i beni del Comune e ristrutturato per fini culturali ed attività didattiche. La caratteristica di questo opificio è l acquedotto su archi che alimentava l impianto di molitura che rappresenta, oggi, uno dei monumenti del pese. TRAMUTOLA Acquedotto del Mulino San Carlo Tra le attività economiche di questo paese nel XIX sec., quindi, quella della molitura del grano e degli altri cereali era molto diffusa. L abbondanza dell acqua in questo territorio, elemento fondamentale per il funzionamento delle macchine idrauliche, ha consentito il diffondersi di opifici con diverse funzioni. Numerosi documenti conservati presso l Archivio di Stato di Potenza riportano testimonianza delle questioni relative alle richieste di costruzione di macchine idrauliche, la deviazione dei corsi d acqua e l approvvigionamento idrico. E il caso di un verbale contenente una pianta topografica realizzata con inchiostro di china acquerellato nell ottobre del 1834 dall architetto Vincenzo Germino, che riguarda la questione dei signori Falvella e Marotta contro i signori Maragliani, tutti di Tramutola 8. La pianta riporta le macchine idrauliche funzionanti in quell anno costruite sul corso del fiume Caolo. 8 ASPZ, Tribunale Civile di Basilicata, Perizie ed atti istruttori, b

18 Si tratta di quattro mulini ed una ramiera per alimentare i quali furono costruiti tre acquedotti a poca distanza l uno dall altro. Nel caso del mulino e della ramiera, entrambi di proprietà della famiglia Falvella, un unico acquedotto alimentava le due macchine. L acqua, dopo aver animato le macchine, veniva utilizzata per irrigare i campi. Era infatti molto diffuso l uso integrato della risorsa idrica per diversi scopi. Di questi opifici, restano pochi ruderi mentre l ultimo dei mulini costruito sul Caolo è ancora visibile. Si tratta di un opificio molto grande costruito alla fine dell ottocento e di proprietà della famiglia Troccoli. La struttura, ben conservata, si sviluppa su due piani e rappresenta uno degli esemplari più interessanti data la presenza di una grande cisterna circolare, tipica dei mulini ad acqua dell area, affiancata anche da un altra grande vasca di raccolta. Al primo piano è ancora visibile l impianto di molitura, mentre al secondo piano c era sicuramente l abitazione del proprietario. Esterno - Mulino Troccoli La presenza di molti impianti idraulici a Tramutola e la costruzione della centrale idroelettrica nel secondo decennio del secolo scorso, confermano che l acqua rappresenta una ricchezza per questo territorio. Nella stessa area in cui è stata realizzata la centrale, sono state effettuate le prime indagini per l estrazio- TRAMUTOLA 17

19 ne del petrolio e le prime trivellazioni di pozzi. Allo scopo di far affermare di Tramutola come Paese dell energia è nato un progetto, curato dalla Pro Loco, che intende realizzare un Percorso turistico-didattico con l obiettivo di mettere in relazione un sentiero tra i pozzi, la centrale idroelettrica, i mulini e una struttura in cui si intende rappresentare con pannelli e materiale multimediale l evoluzione dello sfruttamento degli idrocarburi e della risorsa idrica. TRAMUTOLA Interno - Mulino Troccoli 18

20 VIGGIANO Viggiano è un paese molto caratteristico: passeggiando tra i vicoli del centro storico, sui portali in pietra di alcune abitazioni, si vedono ancora le incisioni che richiamano alla mente la tradizione musicale ottocentesca. Viggiano, infatti, era molto conosciuta per i sui musicanti di strada che giravano con l arpa al collo, come ha scritto il poeta Pier Paolo Parzanese, portando le dolci melodie dell arpa in tutto il mondo. E inoltre uno dei centri più visitati dai pellegrini cristiani per il culto della Madonna Nera Patrona della Basilicata. Anche a Viggiano l economia nel XIX secolo si basava sulla produzione e la trasformazione dei prodotti dell agricoltura e della pastorizia. Sono infatti molte le testimonianze di attività di molitura del grano, ma anche di produzione di olio e di vino, nonché di prodotti caseari e di altre produzioni quali laterizi, calce e corde. Sono state individuate lungo le sponde del Torrente Alli, affluente dell Agri, circa dieci macchine idrauliche. Si tratta di nove mulini ed una gualchiera, opificio in cui si lavorava la lana per ricavarne filo. Il percorso dei mulini del torrente Alli si snoda su un sentiero sterrato e parte dal mulino più recente, quello Spolidoro, fino ad arrivare a quello più antico, il mulino di Costa dell Inferno, completamente crollato e ubicato in un luogo di difficile accesso. Il torrente ricorda già nel suo nome la pratica della molitu- 19

21 ra dei cereali: Alli deriva quasi sicuramente dal verbo greco ἀλέω (aleo) che significa macinare. Non è un caso che questo torrente sia stato denominato così: spesso i toponimi nascono da una caratteristica del luogo che vanno ad identificare. Probabilmente, quindi, anche anticamente in questa zona era praticata la molitura, ipotesi confermata dalla presenza del cippo romano di Pactumeia (II sec. D.C.). E inoltre ipotizzabile un reimpiego del materiale edilizio del mulino romano nella costruzione del mulino denominato del Marchese 9. I mulini del torrente Alli rappresentano un prototipo di sistema industriale. L acqua veniva deviata per alimentare le macchine e spesso un unico sbarramento alimentava più opifici. E il caso di un piccolo complesso costituito da quattro mulini e due gualchiere di cui resta memoria in una pianta topografica del ASPZ, Tribunale Civile di Basilicata, Perizie ed atti istruttori, b. 15. Su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali. Archivio di Stato di Potenza, Aut. N. 651 E vietata l ulteriore riproduzione o duplicazione con qualsiasi mezzo. VIGGIANO Nella pianta, realizzata dall ingegnere Luigi Brancucci, vengono indicati quattro mulini e due gualchiere, una non funzio- 9 Gugg - Petrone pag ASPZ, Tribunale Civile di Basilicata, Perizie ed atti istruttori, b

22 nante, tutti di proprietà al Principe di Migliano appartenente alla famiglia Loffredo. Il canale che convoglia l acqua del torrente si trova sulla sponda sinistra dell Alli e nella cartografia è indicato anche il mulino Spolidoro, l ultimo degli opifici alimentati dallo stesso canale. E interessante notare che l esistenza di questa pianta topografica attesta che nel 1831 il mulino Spolidoro esisteva già e che quindi l anno 1860, inciso sul canale ancora esistente, potrebbe essere l anno in cui quest ultimo è stato costruito in sostituzione al canale precedente che animava anche le macchine del Principe. Nel documento viene riportata la questione sollevata dai signori Amerena e Bellizia i quali intendono costruirsi un mulino sulla sponda opposta a quella su cui si trovano i mulini del Principe. La questione doveva essere stata avviata già negli anni precedenti poiché esiste un altro documento del 1826 in cui si parla dell intenzione del signor Amerena di costruirsi un mulino in questa zona 11. Di questi mulini restano oggi soltanto il mulino Spolidoro e due dei mulini del Principe, uno dei quali conserva la cisterna di raccolta dell acqua ancora intatta e parte della struttura, elementi che testimoniano l imponenza di questo opificio rispetto a tutti gli altri del sistema di Alli. Mulino Spolidoro 11 Gugg - Petrone pag. 27 Mulino del Principe VIGGIANO 21

23 A conferma del fatto che nel XIX secolo a Viggiano esistevano molte attività produttive che sfruttavano l energia idraulica per azionare impianti meccanici, bisogna ricordare che anche sul torrente Casale, anch esso nel Comune di Viggiano e anch esso affluente dell Agri, esistevano altri opifici. Si tratta di un mulin, di una fornace per laterizi e di un opificio in cui, secondo le testimonianze tramandate oralmente, venivano prodotte corde per arpa. Entrambi i torrenti sono stati oggetto di ricerca di studi di carattere storico, antropologico e geologico. Sulla valorizzazione del torrente Alli esiste un progetto di ricerca che intende recuperare le memorie dell acqua e di tutta l identità culturale e naturalistica che intorno al torrente si è sedimentata 12. Lo stesso vale per la parte alta del torrente che rappresenta un sito di particolare interesse geologico. Sul torrente Casale sono state fatte più proposte di recupero e valorizzazione, trattandosi di un luogo di grande importanza per la storia di Viggiano grazie alla presenza della Chiesa di Santa Maria la Preta (fondata dai monaci Basiliani nell VIII secolo D.C. su uno sperone di roccia a strapiombo sul torrente) e di altre testimonianze della storia locale. VIGGIANO 12 Gugg Petrone Memorie d Acqua. I Mulini del Torrente Alli, Akiris,

24 GRUMENTO NOVA Il Comune di Grumento Nova è attraversato dal torrente Sciaura che scorre nei pressi dell area archeologica di Grumentum. Il territorio vanta un ricco patrimonio culturale e naturalistico. Le rovine dell antica città sono una delle attrattive principali del Parco Nazionale dell Appenino Lucano Val d Agri Lagonegrese, testimonianza della colonizzazione Romana in Basilicata e luogo di grande interesse culturale. All interno dell area archeologica sono presenti anche numerosi palmenti in pietra, costruiti tra 800 e inizi del 900, simbolo della attiva produzione di vino. L area era infatti conosciuta per la produzione dei vini Lagarini noti per la loro funzione terapeutica 13. Accanto alla ricca produzione di vino, nel XIX secolo si sviluppò anche una discreta produzione di farina. I mulini ancora esistenti sullo Sciaura sono due e di questi soltanto uno è in parte visibile. Si tratta del mulino appartenente alla famiglia Di Trani, ubicato sulla sponda sinistra del torrente. Dell opificio, costituito da due piani, si vedono ancora le macchine idrauliche, le macine e la torre di raccolta dell acqua. Il canale di adduzione è realizzato su sistema ad arco sotto il quale passa il sentiero che dalla strada principale conduce sulle rive del torrente. 13 Plinio (23 79 d.c), Naturalis Historia, XIV,

25 GRUMENTO Macchine animate dall Acqua La vicinanza di questo mulino all area archeologica fa ipotizzare di creare un itinerario turistico culturale integrato che potrebbe mettere in relazione i diversi periodi della storia di questo territorio. Poco distante è, infatti, anche la chiesetta di San Laverio, in un luogo molto suggestivo alla confluenza dello Sciaura con il fiume Agri, edificata per la prima volta dopo il martirio del Santo intorno al IV sec. D.C. e successivamente ricostruita più volte e ridimensionata dopo il terremoto del Mulino sul torrente Sciaura - Grumento Nova 24

26 SARCONI Sarconi nasce come Comune nel 1946 anno in cui ottenne l autonomia da Moliterno. Seppure giovane, il comune di Sarconi ha origini molto antiche. Era infatti strettamente legato alla colonia romana di Grumentum, con cui era collegato da un acquedotto. Lo sfruttamento della risorsa idrica è da sempre stato concepito in questo luogo come una grande ricchezza. Il territorio, infatti, attraversato dal fiume Maglie e dal torrente Sciaura, è molto ricco d acqua e favorevole alle coltivazioni (basti ricordare la fiorente produzione di fagioli). Le opere di ingegneria idraulica che caratterizzano questo paese culminano con la costruzione nel 1865 dell acquedotto Cavour, realizzato proprio per favorire l approvvigionamento idrico alle colture locali nonché per azionare le macchine idrauliche. Nell area sottostante il centro abitato, infatti, sorge un mulino recentemente ristrutturato e acquisito tra i beni del Comune. Luogo di storia e di tradizioni, scenario di eventi culturali e di set cinematografici, è il fulcro del neonato Parco Fluviale di Sarconi area in cui la natura e l identità culturale del paese si fondono. L opificio è di grandi dimensioni: il canale di convoglio dell acqua presenta una diramazione che permette di deviare l acqua in due cisterne collegate ad altrettante macchine idrauliche situate nel piano seminterrato. 25

27 Mulino del parco fluviale Nel comune di Sarconi esiste anche un altro mulino ben conservato e di proprietà privata. Si tratta di un mulino appartenente alla Famiglia Lauria, ubicato all ingresso del paese e alimentato dalle acque del torrente Sciaura. Il mulino attivo dalla metà dell Ottocento, fu acquistato dalla famiglia Lauria e da essa gestito fino ad un cinquantennio fa. All interno sono presenti due impianti utilizzati uno principalmente per il grano e l altro per gli altri cereali. L opificio è stato ristrutturato in parte e l intenzione è quella di riazionare gli impianti a fini didattici. SARCONI Mulino Lauria 26

28 CONCLUSIONI L insediamento delle industrie sul territorio ha determinato una svolta decisiva per la storia dell uomo. Le sedimentazioni di questo evento sociale, economico, storico e culturale sono da considerarsi componenti di un patrimonio considerevole che vale la pena di salvaguardare e di riconvertire, per poter garantire una nuova fonte di sviluppo economico. I progetti di recupero dei manufatti dell era industriale s inseriscono, infatti, in una strategia che mira alla valorizzazione del territorio non solo dal punto di vista naturalistico ma anche dal punto di vista culturale e architettonico e, soprattutto, ne evidenziano il valore di contenitore di saperi, competenze e professionalità che costituiscono le componenti immateriali del patrimonio. Il territorio, infatti, non è solo espressione di cambiamenti fisici, ma è soprattutto espressione di rapporti sociali, di elaborazione di valori civili e culturali e di ricerche di conoscenze e di abilità professionali. Gli esempi riportati relativi ad alcuni dei comuni del Parco dell Appennino Lucano Val d Agri Lagonegrese, rappresentano soltanto una parte del ricco patrimonio locale relativo alla diffusione dell industria molitoria e dell uso dell acqua come fonte di energia per alimentare gli impianti. Si ha testimonianza, infatti, di numerose altre strutture. E il caso dei mulini del fosso Faliero e di Rimintiello a Moliterno, di un mulino sul torrente Verzarulo e di un altro opificio in contrada Pergola a Marsico Nuovo, di un mulino sul torrente Molinara a Marsicovetere e del mulino Mancuso a Castelsaraceno, solo per citarne alcuni. Con il presente lavoro si è inteso sottolineare l importanza di questo patrimonio che merita di essere oggetto di ulteriori studi e approfondimenti. Il Parco Nazionale dell Appennino Lucano Val d Agri Lagonegrese è un contenitore di luoghi, monumenti e saperi che spesso sono sconosciuti anche a coloro che ci vivono e, tali elementi, rappresentano il punto di partenza per un azione di salvaguardia e valorizzazione del territorio soprattutto perché il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi (M. Proust). CONCLUSIONI 27

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

GLI OPIFICI IDRAULICI NELLA COMUNITA MONTANA ITALO-ARBËRËSHE DEL POLLINO. Coordinatore gruppo di lavoro: Felice Spingola, socioeconomista

GLI OPIFICI IDRAULICI NELLA COMUNITA MONTANA ITALO-ARBËRËSHE DEL POLLINO. Coordinatore gruppo di lavoro: Felice Spingola, socioeconomista European Union Directorate General for Regional Policy (E.R.D. Funds) Italian Republic Ministry of the Treasury, Budget and Economic Planning NetWet 3 Project New forms of Territorial governance for the

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

COMUNE DI ARIZZANO. inventario dei disegni. anni 1826-1927. schede 58

COMUNE DI ARIZZANO. inventario dei disegni. anni 1826-1927. schede 58 COMUNE DI ARIZZANO inventario dei disegni anni 1826-1927 schede 58 Archivio di Stato di Verbania luglio 2012 1 Planimetria di proprietà in frazione Biganzolo di Arizzano raffigurante la derivazione d'acqua

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli