Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -"

Transcript

1 Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione di lavori, parametri di dimensionamento, inconvenienti riscontrabili con l'uso degli UPS e UPS accoppiati a gruppi elettrogeni. 1. Protezione dalle sovracorrenti Fig.8.1 Fig.8.2 Sovraccarico L inverter è in grado di alimentare il carico alla tensione nominale con un sovraccarico di 1,25I n per circa 10 minuti e di 1,5I n per un massimo di 30s; Cortocircuito in presenza di cortocircuito a valle dell UPS all uscita dell inverter la tensione si abbassa e la corrente viene limitata a 1,5 2 volte la I n. Dopo 10 s, se non intervengono le protezioni a valle dell UPS, l inverter si stacca (l inverter è dotato di fusibili di protezione), se dotato di commutatore statico, il carico è commutato direttamente in rete. In queste condizioni la corrente di cortocircuito cambia, dipendendo ora dai parametri della linea di alimentazione, ed il suo valore influenzerà la scelta del potere di cortocircuito degli interruttori da installare a valle dell UPS. Se il cortocircuito avviene tra i morsetti dell UPS e l interruttore immediatamente a valle, cioè prima del carico, si ha l intervento dell interruttore a monte dell UPS (fig Un cortocircuito immediatamente a monte dell interruttore Q 3 determina, per mezzo del commutatore statico, la commutazione del carico in rete, l intervento dell interruttore Q 1, il funzionamento in isola con alimentazione tramite batterie e successivamente dei fusibili di protezione interni all UPS). Il carico è alimentato ancora per pochi secondi dall energia fornita dalla batteria, fino a quando non intervengono i fusibili di protezione e l inverter si blocca. Se il cortocircuito avviene nel tratto compreso tra i morsetti dell interruttore a valle e il carico, il commutatore statico commuta in rete e determina l intervento dell interruttore a valle dell UPS o, in mancanza di selettività, anche dell interruttore a monte (fig Un cortocircuito in un punto a valle dell interruttore Q 3 determina, per mezzo del commutatore statico, la commutazione del carico in rete (sempre che non intervenga prima l interruttore Q 3 ), l intervento dell interruttore Q 3 o, se manca la selettività, anche dell interruttore Q 1 ). 1

2 2. Sezionamento per esecuzione dei lavori Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) terza parte Dovendo eseguire lavori di manutenzione elettrica occorre sempre sezionare il circuito. L apertura dell interruttore sulla linea di alimentazione dell UPS non è sufficiente per garantire la sicurezza dei lavori. Si possono presentare alcune situazioni pericolose che cercheremo di chiarire con le seguenti figure. Concludendo si può quindi evidenziare come, per poter operare in sicurezza, sia indispensabile aprire tutti gli interruttori posti sull alimentazione, Q 1 e Q 6, sull UPS, Q 2 e Q 3 ; compresi l interruttore Q 4 della batteria e l interruttore Q 5 del by-pass manuale (fig. 9.5). Fig.9.1:In un UPS con una sola linea di alimentazione, a causa di un guasto sul raddrizzatore, si può avere tensione sull interruttore Q1 aperto Fig.9.2:In un UPS con una sola linea di alimentazione, a causa di un guasto sul commutatore statico, si può avere tensione sull interruttore Q1 aperto 2

3 Fig.9.3:A causa di un guasto sul commutatore statico, in un UPS con due linee di alimentazione, si può avere tensione a valle dell interruttore Q6 aperto Fig.9.4:A causa di un guasto sul raddrizzatore, in un UPS con due linee di alimentazione, si può avere tensione a valle dell interruttore Q1 aperto Fig.9.5:Per operare in sicurezza serve aprire tutti gli interruttori sull alimentazione, Q1 e Q6, sull UPS, Q2 e Q3; compresi l interruttore Q4 della batteria e l interruttore Q5 del by-pass manuale 3

4 3. Parametri di dimensionamento Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) terza parte La scelta dell UPS è influenzata principalmente dalla corrente, dalla potenza assorbita dal carico e dalla caratteristica di distorsione massima ammissibile. Oltre a questo occorre sottolineare che gli UPS, essendo caratterizzati da un impedenza interna e da una tensione pressoché costanti solo fino alla corrente nominale (superata la corrente nominale il comportamento non è più lineare e va preso in considerazione nella scelta degli apparecchi di protezione contro le sovracorrenti e i guasti a terra), in condizione di sovraccarico non sono più adatti ad alimentare gli utilizzatori. Alcuni UPS sono dotati di dispositivi di protezione contro le sovracorrenti che, diminuendo l impedenza del carico, aumentano automaticamente l impedenza interna (fig. 10.1). Altri modelli infine sono autoprotetti contro i contatti indiretti per mezzo di un dispositivo che riduce automaticamente la tensione a 40V nel caso in cui dovesse annullarsi l isolamento verso massa. Fig.10.1:Andamento della corrente erogata da un UPS autoprotetto in funzione dell impedenza del carico Tutto questo è realizzato elettronicamente con una risposta pressoché immediata creando a volte problemi quando i carichi alimentati presentano forti correnti di spunto. In questo caso, in particolare con modalità di funzionamento di tipo on-line, l UPS deve essere opportunamente sovradimensionato (fig. 10.2). Per quanto riguarda la corrente di guasto a terra, in genere molto limitata, per l interruzione del guasto solitamente si impiegano interruttori differenziali. Di seguito vengono elencati i parametri più importanti per il dimensionamento di un UPS. Fig.10.2:Condizioni di compatibilità tra UPS e carico Potenza apparente in VA o kva - (S = U L1 x I L1 in monofase; S = (U L1 x I L1 ) + (U L2 x I L2 ) + (U L3 x I L3 ) in trifase. Potenza attiva in W o kw - Dai dati rilevabili dalle targhe dei carichi o tramite misure: P = S x cosφ. La potenza dell UPS deve essere uguale o superiore alla potenza totale calcolata (è consigliato mantenere un margine superiore di almeno il 30%). Fattore di cresta - Normalmente i carichi applicati agli UPS non sono lineari e come tali assorbono correnti distorte che presentano un fattore di cresta maggiore di 1,41 che è il valore normale di un carico lineare ( FC=I pk /I eff : dove FC è il fattore di cresta, I pk è il valore di picco e Ieff è il valore efficace). É necessario verificare che l UPS sia adatto all alimentazione di carichi non lineari con un FC uguale o superiore a quello dei carichi nel loro insieme e che la distorsione di tensione in uscita sia accettabile dalle utenze alimentate. La determinazione del fattore di cresta potrebbe richiedere apposite misure. In mancanza di altri dati ci si può riferire ad un FC=3 definito dalla norma per effettuare test sugli UPS. Sovraccarico - É caratterizzato da assorbimenti di corrente, da parte delle utenze, superiori a quelli che si hanno in regime permanente. É necessario quantificare questi sovraccarichi e verificare che L UPS sia in grado di sopportarli. Se i sovraccarichi fossero superiori alle capacità dell UPS si possono scegliere UPS di taglia superiore o impiegare gruppi di continuità che siano in grado di commutare automaticamente l alimentazione sulla rete primaria per il tempo necessario a superare il sovraccarico. Un problema può 4

5 presentarsi in un tal sistema se al momento del sovraccarico la rete primaria fosse assente o fuori tolleranza : l utenza potrebbe risultare non alimentata. Per ovviare a questo inconveniente si potrebbe, ove possibile, effettuare gli avviamenti dei carichi in modo progressivo. Servizio continuo o intermittente - Nel dimensionamento occorre indicare la gravosità del servizio cui l UPS sarà sottoposto. Temperatura di funzionamento - Potrebbe in alcuni casi di UPS di potenza medio alta essere necessario predisporre un sistema per il condizionamento dell ambiente. Rendimento - Il rapporto tra la potenza attiva in uscita e la potenza attiva in ingresso: η = P U P i A causa dell energia termica dispersa a volte può essere necessario condizionare l ambiente in cui viene installato l UPS per cui oltre al costo dovuto all energia dispersa occorre aggiungere anche il costo per il condizionamento. Armoniche di corrente in ingresso - Il gruppo raddrizzatore carica batterie assorbe dalla linea una corrente perturbata, contenente armoniche multiple della fondamentale a 50Hz. Le armoniche iniettate nella rete a monte dell UPS possono causare una distorsione sulla tensione che, se di notevoli proporzioni, può pregiudicare il normale funzionamento dei carichi non privilegiati. Questo è particolarmente evidente se la potenza dell impianto non è almeno 4 o 5 volte quella dell UPS installato. La Norma stabilisce i limiti di armonica introdotte in rete per correnti al di sotto di 16 A (3kW). Le soluzioni più diffuse per ridurne il valore sono le seguenti: o raddrizzatore di tipo dodecafase alimentato da trasformatore con doppie uscite in modo che la combinazione delle correnti al primario provochi la cancellazione delle armoniche più dannose; o raddrizzatore con PFC (Power Factor Control) che assorbe correnti dalla rete con basso contenuto in armoniche; o filtri risonanti installati all ingresso dell UPS che forniscono un circuito locale per le armoniche che, in questo modo, non vanno più ad interessare la rete. Rumorosità - La rumorosità deve essere contenuta entro i valori stabiliti dalla Norma che sono: 52 dba per gli uffici; 60 dba per le sale di elaborazione dati; 65/75 dba per i locali elettrici. Dimensioni e manutenzione - L UPS se ben progettato deve essere contenuto nelle dimensioni senza pregiudicare la facilità di manutenzione. Grado di protezione - É il codice IP (grado di protezione degli involucri) che definisce la protezione contro l ingresso dai corpi solidi (prima cifra) e contro i liquidi (seconda cifra ed eventuale lettera supplementare). Parametri di affidabilità - MTBF, (Mean Time Between Failures) è il parametro che valuta la durata di buon funzionamento dell UPS tra un guasto e il successivo. Dipende dalle condizioni climatiche, dall altitudine, dall affidabilità dei componenti impiegati e dalla loro frequenza d uso, dalle soluzioni tecnologiche adottate e dalla presenza di eventuali sistemi in parallelo (ridondanza d uso). MTTR, (Mean To Repair) fornisce una valutazione sulla facilità di riparazione e quindi del tempo di interruzione del servizio. É influenzato dalla progettazione costruttiva, dalla diagnostica di bordo che permette una più facile identificazione del guasto e dalla facile reperibilità dei pezzi di ricambio in loco. Autonomia - Per definire l autonomia si impiega spesso la definizione di autonomia tipica che si riferisce ad un UPS con carico allo 80%. L autonomia delle batteria varia a seconda del tipo che normalmente può essere: tipo VRLA (Batterie Regolate a Valvola) meglio note come batterie ermetiche, con elettrolita immobilizzato, basse perdite di gas e quindi installabili in locali pubblici e uffici senza particolari precauzioni (CEI 21-6). Possono essere alloggiate all interno dell armadio dell UPS o in quadri elettrici e hanno una durata che dipende dalla temperatura ambiente di utilizzo, dalle caratteristiche costruttive e dalle qualità delle stesse. Per installazioni di notevole potenza e lunga autonomia si possono invece utilizzare Batterie Stazionarie a Vaso Aperto (CEI 21-6). Questo particolare tipo di batterie richiede l installazione in appositi locali e manutenzione periodica con rabbocco dell elettrolita. Per ambienti particolarmente ostili (temperature da -30 a +60 C, forti sollecitazioni elettriche e meccaniche, ecc..) si possono utilizzare batterie al Nichel Cadmio che, per una vita di circa anni, presentano un costo diverse volte superiore a batterie equivalenti del tipo VRLA. 5

6 4. Inconvenienti riscontrabili con l uso degli UPS. Possibili alternative Accanto ai molti vantaggi fin qui evidenziati, nell uso degli UPS si possono anche presentare alcuni aspetti negativi. Il fattore di potenza del raddrizzatore presenta valori variabili tra lo 0,7 e lo 0,9 per cui in alcuni casi potrebbe rendersi necessario rifasare. La corrente in ingresso ha un elevato contenuto di armoniche che devono essere filtrare per evitare l inquinamento della rete. L impedenza in uscita dal convertitore statico, normalmente non è lineare e per assorbimenti di corrente fino al valore nominale è inferiore al 10% di quella del carico mentre, per assorbimenti uguali a 1,5 volte la corrente nominale può raggiungere anche il 50% di quella del carico. Per questo motivo la corrente di corto circuito in genere non supera due volte la corrente nominale creando problemi per quanto riguarda l alimentazione di carichi con forti correnti di spunto (motori, ecc.), o con elevato contenuto di armoniche del terzo ordine (utilizzatori con circuiti induttivi su ferro). Il dimensionamento dell inverter, componente dell UPS, deve essere perciò effettuato tenendo conto delle massime correnti di spunto e delle correnti di picco indispensabili al funzionamento dei carichi distorcenti e non, come avviene normalmente per i carichi in b.t., in funzione della corrente di impiego. Per ovviare a questo problema si impiegano UPS autoprotetti contro le sovracorrenti che dispongono di dispositivi in grado di aumentare automaticamente l impedenza interna al diminuire dell impedenza del carico (esistono anche UPS muniti di autoprotezione contro i contatti indiretti che riduce la tensione ad un valore inferiore ai 40V quando viene meno l isolamento verso massa). Questi automatismi, realizzati elettronicamente e quindi con risposta quasi immediata, se risolvono alcuni problemi impiantistici altri però ne creano: se un UPS è destinato ad alimentare carichi con forti correnti di spunto deve essere sovradimensionato in particolare se il carico è ordinariamente alimentato attraverso l UPS. 6

7 5. UPS accoppiati a gruppi elettrogeni Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) terza parte Per ovviare agli inconvenienti presentati dagli UPS per quanto concerne la potenza del raddrizzatore e la capacità delle batterie, si può inserire nel circuito di by pass un motore a scoppio o diesel accoppiato ad un generatore sincrono. Mancando la tensione della rete, s inseriscono automaticamente sia il gruppo statico sia il gruppo elettrogeno. Successivamente, non appena il gruppo elettrogeno è in funzione ed è in grado di fornire l alimentazione agli utilizzatori, il gruppo statico può essere escluso ovvero mantenuto in attività per garantire una migliore qualità dell alimentazione. La continuità in questo modo è garantita con grande riserva, soprattutto se il gruppo elettrogeno è in grado di alimentare il carico in meno di 15 s (del tipo pronto a partire con acqua ed olio mantenuti in temperatura). 7

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione di Saveri Gianluigi 1. Generalità Un apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento (condizioni specificate dai

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

UPS. online. 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER

UPS. online. 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER LIBRA pro UPS online 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase LOCAL AREA NETWORKS (LAN) INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER PLC INDUSTRIALI DISPOSITIVI PER

Dettagli

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA Il presente capitolo contiene informazioni generali per il personale addetto all installazione del tipo a connessione permanente. In caso di difformità con le seguenti informazioni, avranno priorità le

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili Sìstema UPS trifase indipendente PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili PowerWave 33: un concentrato di potenza Da sempre ABB rappresenta lo standard globale per le soluzioni di continuità di alimentazione.

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Nei sistemi elettrici di protezione, la

Nei sistemi elettrici di protezione, la 2 ELETTRIFICAZIONE 10 LA SELETTIVITÀ NELLA PROTEZIONE MEDIANTE FUSIBILI Massimo Salmoiraghi (*) L articolo passa in rassegna i criteri progettuali da porre in atto per garantire la selettività orizzontale

Dettagli

Produzione e distribuzione di en. Elettrica

Produzione e distribuzione di en. Elettrica (persona fisica) (persona giuridica) Produzione e distribuzione di en. Elettrica SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE

Dettagli

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA SSM D LMNZON D MGNZ Un sistema di alimentazione di emergenza è un sistema elettrico in grado di alimentare, per un periodo di tempo più o meno lungo, un certo numero di utenze in caso venga a mancare l

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

Sistemi di Protezione e Coordinamento. Impianti Elettrici in BT. Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali:

Sistemi di Protezione e Coordinamento. Impianti Elettrici in BT. Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali: Sistemi di Protezione e Coordinamento Impianti Elettrici in BT Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali: 1. carico elettrico da alimentare; 2. protezione (interruttore

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV

Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV Presentato da: Anna Bruno ATME Srl (partner Hitec Power Protection) Massimo Mattioli Verizon Business

Dettagli

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici Esame di Stato di Istituto Professionale Indirizzo: Tecnico delle industrie elettriche Tema di: Elettrotecnica, Elettronica e Applicazioni Luigi Manzo - Giuseppe Gallo In una piccola industria di floricoltura,

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO

RIFASAMENTO ELETTRICO RIFASAMENTO ELETTRICO A cura del prof: Ing. Fusco Ferdinando Indice STUDIO TEORICO pag. 3 PROVA SIMULATA pag.18 PROVA PRATICA IN LABORATORIO pag.23 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI pag.26 2 STUDIO TEORICO Introduzione

Dettagli

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Sez 2a FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Unità cinetica o PGM Funzionamento normale: l

Dettagli

Guida al Sistema Bassa Tensione

Guida al Sistema Bassa Tensione Indice Generale Guida al Sistema Bassa Tensione 1 Introduzione 2 Le norme 3 Caratteristiche della rete 4 Protezione dei circuiti 5 Caratteristiche degli apparecchi di protezione e manovra 6 Protezione

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT VENETO Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT Relatore: Ing. Raoul Bedin Interruttore automatico Le funzioni fondamentali sono quelle di sezionamento e protezione di una rete

Dettagli

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ing. Claudio Noro libero professionista - Vicenza 1

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

SPECIFICA N : 01_21042011 TITOLO: SPECIFICA TECNICA GRUPPO STATICO DI CONTINUITA 100-120kVA (3/3) 00 Emessa per richiesta di offerta G.C.

SPECIFICA N : 01_21042011 TITOLO: SPECIFICA TECNICA GRUPPO STATICO DI CONTINUITA 100-120kVA (3/3) 00 Emessa per richiesta di offerta G.C. Dipartimento Patrimonio e Innovazione Tecnologica Milano, 21-04-2011 Struttura Complessa: Edile ed Impianti Piazza Ospedale Maggiore, 3, 20162 Direttore: Dr. Giuseppe Lorenzon Segreteria tel: 02 6444.

Dettagli

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW Sistema UPS trifase modulare Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW L UPS per chi ha bisogno di operatività senza interruzioni ABB Conceptpower DPA 500 è un sistema UPS ad alta

Dettagli

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO PREMESSA: Gli interruttori differenziali sono apparsi sul mercato negli anni 50; furono utilizzati per evitare i furti di energia, dovuti all utilizzo di correnti verso terra e solo in un secondo tempo

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

1). Descrizione dell impianto attraverso uno schema e specifica della funzione dei componenti.

1). Descrizione dell impianto attraverso uno schema e specifica della funzione dei componenti. SOLUZIONE TEMA MINISTERIALE TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE 2012 1). Descrizione dell impianto attraverso uno schema e specifica della funzione dei componenti. L impianto elettrico a

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

REGISTRATORI DI CASSA

REGISTRATORI DI CASSA Local Area Networks (LAN) ServerS Data Centers REGISTRATORI DI CASSA DISPOSITIVI PER TELECO- MUNICAZIONI e-business (Servers Farms, ISP/ASP/POP) PLC IndustriaLI DISPOSITIVI ELETTRO- MEDICALI DISPOSITIVI

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA ELETTRICA DI.T. (< 1KV) DELLA G.I.E. S.R.L. E MODALITÀ DI RICHIESTA DELLA SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIUZIONE

Dettagli

REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale

REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale INDUCTIVE COMPONENTS Tensione di rete Corrente di linea Tensione di rete Corrente di linea REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale Reattanze induttive per

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO WHAD. UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W. 1 di 12

CAPITOLATO TECNICO WHAD. UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W. 1 di 12 WHAD UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W 1 di 12 Sommario 1 PRESCRIZIONI GENERALI... 4 1.1 OGGETTO E TIPO DI CONTRATTO.... 4 1.2 CONDIZIONI... 4 2 CARATTERISTICHE GENERALI.... 4

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo I gruppi di continuità (Uninterruptible Power Supply, UPS) vengono utilizzati per alimentare utenze che hanno bisogno di una continuità di alimentazione, cioè quelle utenze che devono essere alimentate

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini ALIMENTAZIONE ELETTRICA

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in "!#%$& '( )* +-,./10 243#,5768)9;: / Nella presente trattazione verranno analizzate alcuni aspetti dell avviamento del motore asincrono trifase ed alcuni problemi relativi. L argomento trattato nella presente

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO Cabina MT/BT Ex Regina Elena viale Regina Elena n 291 Roma Pag. 1 RELAZIONE DI CALCOLO INTRODUZIONE Oggetto della Relazione di calcolo è la descrizione dei metodi e dei criteri adottati per la progettazione,

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Energia Solare Fotovoltaica Sezione 4 Gli organi di manovra

Energia Solare Fotovoltaica Sezione 4 Gli organi di manovra Energia Solare Fotovoltaica Sezione 4 Gli organi di manovra Corso di ENERGETICA A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Renato Ricci Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche Definizioni (2) Gli

Dettagli

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo Raddrizzatori doppio ramo SEE RADDRIZZATORE A DOPPIO RAMO, USCITA +/-1% Soluzione dedicata con batterie a vaso aperto o NiCd con tensione di uscita 110 o 220 V CC sino a 500 A Applicazioni industriali:

Dettagli

Generazione diesel-elettrica ad alta efficienza con sistemi di accumulo

Generazione diesel-elettrica ad alta efficienza con sistemi di accumulo Generazione diesel-elettrica ad alta efficienza con sistemi di accumulo Giordano Torri Fondazione Megalia 8 Giornata sull efficienza energetica nelle industrie Milano, 18 Maggio 2016 18 Maggio 2016 Pg.

Dettagli

Locali ad uso medico

Locali ad uso medico 1 Locali ad uso medico 1.1 Generalità 1. Locali di gruppo 0 e gruppo 1 (ex tipo B e A) Fra i locali considerati a maggior rischio elettrico, e quindi soggetti a specifiche prescrizioni (nuova sezione 710

Dettagli

SPS. 10 kva - 200 kva

SPS. 10 kva - 200 kva SPS 10 kva - 200 kva HIGHLIGHTS Compatibile con sistemi On-grid e Off-grid Alimentazione di qualità ai carichi con integrazione di energia fotovoltaica Integrazione in impianti con inverter Aros Il Power

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi * un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza La soluzione per Sistemi di alimentazione centralizzata > Terziario > Industria > Piccole imprese > Musei, ospedali GREEN 025 A GREEN

Dettagli

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza UPS Rotanti e gruppi elettrogeni Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza Content 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche dei moderni UPS rotanti... 3 3 Tempo di autonomia... 6 4 Combinazioni

Dettagli

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Regola tecnica di connessione BT Norma CEI 0-21:

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale

Istituto Tecnico Industriale Statale Istituto Tecnico Industriale Statale ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSE : 3^, 4^ e 5^ SEZIONE : Elettronica Elettrotecnica DISPENSA N 2 SISTEMI ELETTRICI - MISURA DI POTENZA NEI SISTEMI MONOFASI E TRIFASI

Dettagli

INVERTERS SERIE F4000

INVERTERS SERIE F4000 INVERTERS SERIE F4000 La serie F4000 è una linea di inverters statici con tensione di uscita sinusoidale, realizzati per coprire le più svariate esigenze di alimentazione in c.a. partendo da sorgenti in

Dettagli

UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca

UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca GE Critical Power UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca L E cie a ass ta ei i i ri e ercat UPS imagination at work Gruppo di continuità GE TLE Series 160-800 kva/kw Il sistema UPS TLE Series è uno

Dettagli

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante Dott. Ing. Andrea Muzio Via Dante 72 Sestri Levante (GE) tel. 018541082 - fax. 0185482916 cell. 3357849106 e-mail: andrea@muzioing.it Realizzazione autorimessa Via della pace nel mondo Sestri Levante Opere

Dettagli

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE .1 PROTEZIONE INTEGRATA Le soluzioni realizzabili sono numerose; pertanto la scelta dell utente deve tenere conto di vari parametri (costo, tipo di disturbo, caratteristiche delle apparecchiature da proteggere,

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ 1- Reti elettriche in corrente continua Grandezze elettriche fondamentali e loro legami,

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA il carico viene trasferito automaticamente, senza soluzione di continuità, sulla rete di soccorso. Quando vengono ripristinate le normali condizioni di funzionamento, il carico è ritrasferito automaticamente

Dettagli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli CENTRALE PIANETASOLE BEGHELLI Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO Indice Cos è la Centrale

Dettagli

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE c/o Schneider Electric S.p.A. Via Orbetello 140 10148 TORINO Stefano PANI Sommario 1. Consumo d elettricità 2. Il motore

Dettagli

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Cosa significa rifasare Per molti tipi di utilizzatori (motori, lampade

Dettagli

Correnti di corto circuito

Correnti di corto circuito Correnti di corto circuito Definizioni Cortocircuito: - Contatto accidentale o intenzionale, di resistenza o impedenza relativamente basse, tra due o più punti a diversa tensione di un circuito. (VEI 151-03-41).

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

Relazione impianto fotovoltaico

Relazione impianto fotovoltaico Relazione impianto fotovoltaico 1.1 Generalità L impianto, oggetto del presente documento, si propone di conseguire un significativo risparmio energetico per la struttura che lo ospita, costituita dal

Dettagli

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica 8.1 Generalità 8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica Sono questi dei metodi di protezione che, a differenza dei sistemi di protezione attiva trattati fino ad ora (protezione

Dettagli

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL /HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL DPR n 547/55 1RUPHSHUODSUHYHQ]LRQHGHJOLLQIRUWXQLVXO ODYRUR Legge n 186/68 'LVSRVL]LRQLFRQFHUQHQWLODSURGX]LRQHGL PDWHULDOLDSSDUHFFKLDWXUHPDFFKLQDULLQVWDOOD]LRQLHLPSLDQWL

Dettagli

Dimensionamento e batterie

Dimensionamento e batterie Guida Europea UPS Dimensionamento e batterie Eugenio Mascagni Eaton Gruppo UPS Dimensionamento UPS La conoscenza di certi parametri ha un ruolo fondamentale nel determinare la taglia dell UPS In primo

Dettagli

COMANDO E PROTEZIONE DEI MOTORI ELETTRICI NEGLI AZIONAMENTI INDUSTRIALI

COMANDO E PROTEZIONE DEI MOTORI ELETTRICI NEGLI AZIONAMENTI INDUSTRIALI COMANDO E PROTEZONE DE MOTOR ELETTRC NEGL AZONAMENT NDUSTRAL l comando e la protezione dei motori asincroni possono essere ottenuti in diversi modi: a) interruttore automatico magnetotermico salvamotore;

Dettagli

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione)

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori a portata

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

UPS: GRUPPO DI CONTINUITÀ STATICO

UPS: GRUPPO DI CONTINUITÀ STATICO UN COMPONENTE ESSENZIALE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI UPS: GRUPPO DI CONTINUITÀ STATICO DEVE ESSERE CORRETTAMENTE SCELTO E INSERITO NELL IMPIANTO Gruppo statico. Questo articolo è tratto dalla relazione che

Dettagli

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI IPSIA A. PONTI GALLARATE anno scolastico 2002/2003 BLOCCO TEMATICO: MACCHINE ELETTRICHE MAC01 MAC02 MAC03 MAC04 MAC05 MAC06 MAC07

Dettagli

Sovracorrenti e protezione

Sovracorrenti e protezione Sovracorrenti e protezione In un impianto elettrico possono accadere delle situazioni per cui la corrente che fluisce nei conduttori risulta maggiore della corrente nominale. Tali situazioni coincidono

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1 Allegato 1 IL TRASFORMATORE Una notevole distanza intercorre, spesso, tra il luogo in cui l energia elettrica viene prodotta (la centrale elettrica) e quello in cui viene utilizzata (industrie, abitazioni,

Dettagli

Glossario/Allegato tecnico

Glossario/Allegato tecnico Indice Alimentatori Panoramica.2 Norme e approvazioni.4 Glossario.6 1366880000 2013.1 Alimentatori Panoramica Alimentatori Panoramica I gruppi di alimentazione sono importanti anelli di congiunzione nell

Dettagli

Inverter centralizzati ABB PVS800 da 100 a 1000 kw

Inverter centralizzati ABB PVS800 da 100 a 1000 kw Inverter solari Inverter centralizzati ABB PVS800 da 100 a 1000 kw Gli inverter centralizzati ABB sono in grado di assicurare nuovi livelli di affidabilità, efficienza e semplicità di installazione. Questi

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Come garantire la continuità operativa delle infrastrutture medico-ospedaliere

Come garantire la continuità operativa delle infrastrutture medico-ospedaliere Come garantire la continuità operativa delle infrastrutture medico-ospedaliere Tecno Community Day Bolzano, 26 Febbraio 2009 UPS & OSPEDALI Analisi: Apparecchiature mediche (raggi-x, Scanner, CT, MRI,

Dettagli

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale Quadri elettrici Quadri per uso Industriale I quadri elettrici, erano soggetti alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue: AS Apparecchiatura costruita in serie: ovvero apparecchiatura

Dettagli

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE.

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. Inverter DC-AC ad onda sinusoidale pura Da una sorgente in tensione continua (batteria) 12Vdc, 24Vdc o

Dettagli

Raddrizzatore - Caricabatteria. Applicazioni industriali: Caratteristiche principali:

Raddrizzatore - Caricabatteria. Applicazioni industriali: Caratteristiche principali: Batterie VRLA, vaso aperto, GEL o Ni/Cd con tensione di uscita da 24, 48, 110, 220 V CC sino a 30A Applicazioni industriali: Oil & Gas (Petrochemicals Offshore, Onshore, Tubazioni); Generazione e distribuzione

Dettagli

COMMUTATORE STATICO MTR 2U SPECIFICA TECNICA

COMMUTATORE STATICO MTR 2U SPECIFICA TECNICA COMMUTATORE STATICO MTR 2U SPECIFICA TECNICA SP116 REV06 Siel S.p.A. Pagina 1 di 16 + FR INDICE ARGOMENTI 1)SISTEMA...3 GENERALITA...3 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO...5 2)CARATTERISTICHE ELETTRICHE, MECCANICHE

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! COGENERAZIONE STABILIZZAZIONE DELLA FREQUENZA E DELLA TENSIONE IN ISOLA PILLER PCD (Power Conditioning Device) TECNOLOGIA E APPLICAZIONI mcter 29 ottobre 2013 1 Presentazione

Dettagli