CONVEGNO NAZIONALE "Liberare la dirigenza scolastica: valorizzare la specificità, togliere oneri impropri, impedire invadenze esterne

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVEGNO NAZIONALE "Liberare la dirigenza scolastica: valorizzare la specificità, togliere oneri impropri, impedire invadenze esterne"

Transcript

1 CONVEGNO NAZIONALE "Liberare la dirigenza scolastica: valorizzare la specificità, togliere oneri impropri, impedire invadenze esterne Sintesi Relazione Angela Pecetta, Dirigente Scolastica Toscana Firenze, 17 e 18 novembre 2014 Grand Hotel Mediterraneo L intervento della Toscana intende focalizzarsi sui problemi derivanti dal mancato completamento dell iter normativo di molte leggi e delle conseguenze che questo determina nella gestione delle scuole. Solitamente questo mancato completamento si verifica o perché cambia il governo o perché cambiano i responsabili a livello ministeriale o perché intervengono nuove disposizioni che cambiano gli indirizzi precedenti. La legge n. 135 del 2012 nell ambito delle norme sulla razionalizzazione della spesa pubblica, aveva dato un importante impulso al processo di dematerializzazione, ma stiamo ancora aspettando i regolamenti attuativi che sarebbero dovuti seguire. Nel frattempo però tutte le scuole si sono dotate degli strumenti necessari, affrontando e a volte forzando il Collegio dei docenti, recuperando risorse importanti dai nostri esigui bilanci. Non solo ma le scuole hanno dovuto implementare le reti wi-fi, acquistare computer, tablet, lim. Continuano però a mancare indicazioni chiare ed univoche ad esempio, sulla conservazione dei dati contenuti nei registri e sui supporti da utilizzare, tenuto conto che la tecnologia si evolve in modo rapido, facendo diventare obsoleti, quindi a breve non più utilizzati i supporti di oggi. In mancanza di questa chiarezza, a nostra tutela, dovremmo seguire le indicazioni dei nostri gestori che ci suggeriscono di procedere, al termine di ogni anno scolastico alla stampa su cartaceo dei vari registri! Certamente lo sforzo economico che le scuole stanno sostenendo per implementare le risorse tecnologiche riguarda anche e soprattutto la didattica: disporre di LIM in tutte le aule ci sembrava un traguardo irrinunciabile!. Sorprende scoprire nel documento del governo la buona scuola, che la nuova frontiera è il cosiddetto BYOD (bring your own device), ponendo seri dubbi sulla democraticità della soluzione e sulle conseguenze che questa modalità potrebbe avere rispetto all inclusione di tutti gli alunni, senza contare i problemi che porrà a livello di sicurezza dei dati e anche, non ultimo, sulla correttezza didattica se è vero che, non solo il mezzo non è neutro, ma che il controllo del docente sul mezzo sarà determinato da conoscenze non più certe. Nell a.s. 2013/14 sono partiti i primi corsi di formazioni per i docenti che saranno impegnati nell insegnamento CLIL. Un primo gruppo ha terminato il corso linguistico per la certificazione B2, altri gruppi non hanno ancora terminato, altri devono ancora cominciare. Nessuno però ha fatto il corso, successivo ed obbligatorio, il corso metodologico. Questa la situazione alla fine dell a.s. 13/

2 Il 25 Luglio 2014 le scuole ricevono la nota MIUR prot. n. 4969, avente per oggetto l avvio in ordinamento dell'insegnamento di discipline non linguistiche (DNL) in lingua straniera secondo la metodologia CLIL nel terzo, quarto, quinto anno dei Licei Linguistici e nel quinto anno dei Licei e degli Istituti tecnici Si tratta di norme transitorie per l a.s. 2014/15, ma che bene mostrano la situazione e come i D.S. devono affrontare le questioni anche le più importanti dal punto di vista didattico e organizzativo. La Nota intende offrire alle Istituzioni scolastiche un quadro riassuntivo della normativa che regola l'insegnamento di una Disciplina Non Linguistica (DNL) in lingua straniera secondo la metodologia CLIL e che definisce i requisiti richiesti ai docenti. Essa è finalizzata a fornire suggerimenti su modalità di attuazione e indicazioni operative a Licei e Istituti tecnici in questa prima fase di applicazione degli Ordinamenti. La nota fa il punto della normativa che riguarda le CLIL: l'insegnamento di una Disciplina Non Linguistica negli Ordinamenti viene prevista nell'ambito della revisione degli ordinamenti della Scuola Secondaria di secondo grado, e precisamente nel Regolamento emanato con Decreto del Presidente della Repubblica n. 89/2010, mentre per quanto riguarda gli Istituti tecnici si fa riferimento al DPR n. 88/2010 Per due anni non viene fatto niente e poi il Decreto Direttoriale n. 6 del 16 aprile 2012 della Direzione Generale per il Personale scolastico definisce gli aspetti caratterizzanti dei corsi di perfezionamento del valore di 20 Crediti Formativi Universitari (CFU) per l'insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera secondo la metodologia CLIL, rivolti ai docenti in servizio nei Licei e negli Istituti tecnici. L'Allegato A chiarisce le competenze richieste al docente CLlL, che caratterizzano il profilo di questa figura professionale. La dirigente ne sottolinea soltanto una, fondamentale: Ambito linguistico: I ha una competenza di Livello C I nella lingua straniera Ai corsi di perfezionamento Universitari possono accedere i docenti in possesso di: a) certificazioni nella lingua straniera oggetto del corso, rilasciate da Enti Certificatori riconosciuti dai governi dei paesi madrelingua, almeno di livello Cl di cui al "QCER -Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue", che attestano le abilità ivi previste (Ascolto, Parlato/Interazione, Scrittura, Lettura); b) competenze linguistiche certificate in relazione alle abilità di cui alla lettera a), di livello B2 del QCER, iscritti e frequentanti un corso di formazione per conseguire il livello C l del QCER. In sintesi,il requisito richiesto, ribadito più volte, per l'insegnamento di una DNL in lingua straniera è il titolo rilasciato dalla Università al termine del corso di 20 CFU al docente in possesso di certificazione linguistica di livello Cl. Il Decreto Direttoriale della Direzione Generale per il Personale scolastico n. 89 del 20/11/2013, precisa però che in questa fase di prima applicazione della metodologia CLIL, negli Ordinamenti scolastici, essendo in pieno svolgimento le attività di formazione dei docenti sia sul fronte linguistico che sul fronte metodo logico, può trovare impiego nella didattica della disciplina veicolata in lingua straniera anche il docente in possesso di una competenza linguistica di Livello B2 del Quadro Comune Europeo di riferimento per le lingue e impegnato nella frequenza dei percorsi formativi. Subito dopo si sostiene che: L'avvio graduale, attraverso moduli parziali, può essere sperimentato anche dai docenti comunque impegnati nei percorsi di formazione per acquisire il livello B2. (Successivamente, almeno a Firenze si ammetteranno ai corsi anche docenti con livello A2). 2

3 Potrebbe quindi verificarsi che il docente di DNL con un livello B2, se pure lo ha, si trovi a veicolare in lingua 2 la propria disciplina, possedendo competenze linguistiche inferiori di quelle di alcuni suoi allievi che hanno seguito corsi avanzati a scuola con certificazione finale. Rispetto al monte ore si suggerisce l'attivazione in classe quinta preferibilmente del 50% del monte ore della DNL veicolata in lingua straniera. L obiettivo verso cui tendere è quindi quello di insegnare con modalità CLIL orientativamente il 50% del monte ore della DNL veicolata in lingua straniera. Dal punto di vista organizzativo e didattico i suggerimenti non mancano, si va da forme modulari, a programmazioni pluriennali, laboratori, momenti intensivi, organizzazioni flessibili. Molti Dirigenti però hanno dovuto affrontare un problema molto serio e cioè la mancata disponibilità dei docenti a frequentare corsi molto impegnativi anche dal punto di vista quantitativo (2 corsi obbligatori, uno linguistico e uno metodologico! Del secondo però a tutt oggi non sappiamo niente!) Ed allora nei casi di totale assenza di docenti di DNL in possesso delle necessarie competenze linguistiche e metodologiche all'interno dell'organico dell'istituzione scolastica, si raccomanda lo sviluppo di progetti interdisciplinari in lingua straniera nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa, che si avvalgano di strategie di collaborazione e cooperazione all'interno del Consiglio di classe, organizzati con la sinergia tra docenti di disciplina non linguistica, il docente di lingua straniera e, ove presenti, il conversatore di lingua straniera e eventuali assistenti linguistici Quindi dopo aver dovuto operare con tutte le tecniche di convincimento possibile nei confronti dei docenti, tranne ovviamente l assicurazione di un giusto compenso economico, dobbiamo attivare altre modalità che non prevedono comunque neanche in questo caso l unico incentivo che ci consentirebbe di raggiungere l obiettivo e cioè il giusto compenso per i docenti che dovranno affrontare un carico di lavoro culturalmente molto impegnativo. La nota è molto ricca di suggerimenti: L'attivazione di percorsi CLIL potrà essere facilitata dalla conoscenza e condivisione tra i docenti di best practices nazionali o internazionali, dall'utilizzo di tecnologie multi mediali e di tecniche comunicative multimodali. Le modalità di realizzazione definite nell'ambito dell' autonomia organizzativa delle Istituzioni scolastiche possono prevedere una organizzazione didattica flessibile finalizzata ad una migliore utilizzazione delle competenze professionali disponibili nell'istituto. Possono anche essere promossi incontri tra scuole o reti di scuole, sia in presenza, sia a distanza (videoconferenze o webinar con esperti nazionali o internazionali), che permettano di condividere competenze ed esperienze. Ad esempio, la didattica a classi aperte (il coinvolgimento di più classi o gruppi classe) e l'utilizzo di insegnamento a distanza (lezioni condotte da docenti esperti anche di altre scuole italiane o straniere) possono rappresentare utili strategie organizzative, funzionali all'ampliamento di percorsi formativi CLIL all'interno dell'istituzione scolastica. La dirigente non aggiunge commenti, ma rileva che ancora una volta sarà il Dirigente a dover trovare soluzioni organizzative molto complesse. L insegnamento CLIL avrà ripercussioni importanti anche sulle modalità dell esame di Stato, almeno in terza prova. Le soluzioni pertanto dovranno essere coerenti ed efficaci. E veniamo a: Il ruolo del Dirigente Scolastico. Il Dirigente Scolastico ha il compito di individuare i docenti con le più elevate competenze sia linguistiche sia metodologiche CLIL da destinare alle prime esperienze di attivazione della DNL in lingua straniera. Tra le sue iniziative può prevedere anche la costituzione o l'adesione a reti di 3

4 scuole che abbiano come finalità lo sviluppo di pratiche di insegnamento CLiL. Il Dirigente Scolastico potrebbe favorire attività e iniziative di mobilità e scambi di docenti e studenti, anche attraverso progetti finanziati con fondi europei, al fine di promuovere l'internazionalizzazione del piano dell'offerta formativa. E' auspicabile l'attivazione di iniziative di job shadowing con docenti della stessa scuola, di altre scuole italiane o straniere, oppure di iniziative di formazione in servizio "sul campo" inerenti la metodologia CLIL. Il ruolo del Collegio dei Docenti: il Collegio dei Docenti ha il compito di definirei criteri per l'individuazione delle discipline da destinare all'insegnamento secondo la metodologia CLIL e attivare i Dipartimenti con indicazioni funzionali alla progettazione di percorsi CLlL, anche in riferimento alle strategie e alle modalità attuative precedentemente menzionate. Il ruolo dei Dipartimenti e dei Consigli di Classe: i Dipartimenti, ove attivati, sono chiamati a individuare modalità operative e contenuti da sviluppare con la metodologia CLIL, soprattutto nella fase di definizione dei nuclei disciplinari da veicolare in lingua straniera e relative modalità di realizzazione. I Consigli di Classe sono chiamati a lavorare in sinergia e nell'ottica del confronto e del supporto reciproco, in tutte le fasi di progettazione ed implementazione dell'insegnamento della DNLin lingua straniera. Il ruolo del docente di lingua straniera, del!'eventuale conversatore di lingua straniera e dell 'eventuale assistente linguistico. A livello ordinamentale, per il docente di lingua straniera e, ove presenti, il conversatore di lingua straniera o l'assistente linguistico, non è previsto un diretto coinvolgimento attraverso forme di compresenza o codocenza, anche se è auspicabile una interazione al livello progettuale. Va osservato infatti, che queste figure professionali rivestono un ruolo fondamentale all'interno del Consiglio di Classe, soprattutto per le sinergie che potrebbero essere create con il docente DNL. Esse potranno infatti fornire preziosi ed imprescindibili strumenti per l'analisi del profilo della classe in relazione alle competenze linguistico-comunicative e per una progettazione condivisa e pienamente rispondente ai bisogni formativi degli studenti, oltre a suggerire tecniche e modalità di insegnamento CLIL. Si auspica quindi: la costituzione di veri e propri team CLIL (docente di DNL, docente di lingua straniera, eventuale conversatore di lingua straniera o assistente linguistico), finalizzati allo scambio e al rafforzamento delle reciproche competenze. Il ruolo degli Uffici Scolastici Regionali: agli Uffici Scolastici Regionali è affidato il compito di coordinare le attività delle reti di scuole per lo sviluppo di pratiche di insegnamento secondo la metodologia CLIL, da sostenere anche con interventi formativi a cura degli Uffici stessi in collaborazione con strutture universitarie, enti culturali, associazioni professionali o altri soggetti. Vorrei sottolineare il ruolo fondamentale del Collegio Docenti, dei Dipartimenti e dei consigli di classe nella definizione dei criteri per l'individuazione delle discipline da destinare all'insegnamento secondo la metodologia CLIL (Collegio) individuazione delle modalità operative e dei contenuti da sviluppare con la metodologia CLIL, soprattutto nella fase di definizione dei nuclei (Dipartimenti) lavoro in sinergia e nell' ottica del confronto e del supporto reciproco, in tutte le fasi di progettazione ed implementazione dell'insegnamento della DNL in lingua straniera (Consigli di classe) e porre l elenco di questi compiti fondamentali a confronto con la data della nota Miur che li esplicita: A questo punto dell anno scolastico non è possibile convocare un Collegio perché i docenti di norma, dopo aver terminato tutte le operazioni conclusive dell a.s., compresi gli esami di 4

5 Stato, sono in ferie, così come risulterebbe molto difficile per la stessa ragione convocare i dipartimenti o consigli di classi che di fatto non esistono più o non esistono ancora. Chi ha redatto la nota non ha però evidentemente dimenticato che effettivamente qualcuno a scuola il 25 luglio a lavorare c è, e cioè il Il DIRIGENTE SCOLASTICO. Magari solo, ma c è. 5

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 4969 Roma, 25 luglio 2014

MIURAOODGOS prot. n. 4969 Roma, 25 luglio 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica MIURAOODGOS prot. n. 4969 Roma, 25

Dettagli

Norme transitorie - a.s. 2014/15

Norme transitorie - a.s. 2014/15 USR Campania - Ufficio VIII Avvio in ordinamento dell'insegnamento di discipline non linguistiche secondo la metodologia CLIL nei Licei e negli Istituti tecnici Norme transitorie - a.s. 2014/15 Materiale

Dettagli

CLIL -Incontri tecnici 18 settembre 2014. Ufficio IV Ordinamenti Scolastici Formazione - Diritto allo Studio

CLIL -Incontri tecnici 18 settembre 2014. Ufficio IV Ordinamenti Scolastici Formazione - Diritto allo Studio CLIL -Incontri tecnici 18 settembre 2014 Ufficio IV Ordinamenti Scolastici Formazione - Diritto allo Studio SINTESI NORMATIVA Regolamenti 88 e 89 /15.3.2010 introducono l insegnamento di una DNL con metodologia

Dettagli

CLIL 2014/15 CLIL AL LICEO LES MAMOLI. EMERGENZA e OPPORTUNITA'

CLIL 2014/15 CLIL AL LICEO LES MAMOLI. EMERGENZA e OPPORTUNITA' CLIL 2014/15 CLIL AL LICEO LES MAMOLI EMERGENZA e OPPORTUNITA' Obbligo di attivazione dell'insegnamento CLIL "Fatto salvo quanto stabilito specificamente per il percorso del liceo linguistico, nel quinto

Dettagli

.!}::Pf7:.KU»M//h/('l% /..g6cu%t'fj~1('l

.!}::Pf7:.KU»M//h/('l% /..g6cu%t'fj~1('l A. < &nmi'e:.ko~~g6-t't'%t'fj?/~ ~tf'-94tt't/f'?7%«f e ~~

Dettagli

COSTITUZIONE RETE PROVINCIALE. Messina 11 febbraio 2015

COSTITUZIONE RETE PROVINCIALE. Messina 11 febbraio 2015 COSTITUZIONE RETE PROVINCIALE Messina 11 febbraio 2015 Breve Excursus sulla normativa CLIL DM 30 Settembre 2011 Il documento che stabilisce i criteri e le modalità per lo svolgimento dei corsi di perfezionamento

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale E.R. a cura di Milena Merlo Pich.. Uff. Didattica e Cultura, Uff IX, Bologna 3 Febbraio 2014

Ufficio Scolastico Regionale E.R. a cura di Milena Merlo Pich.. Uff. Didattica e Cultura, Uff IX, Bologna 3 Febbraio 2014 Ufficio Scolastico Regionale E.R. a cura di Milena Merlo Pich.. Uff. Didattica e Cultura, Uff IX, Bologna 3 Febbraio 2014 CLIL: Content and Language Integrated Learning apprendimento integrato di lingua

Dettagli

ContenuB A#vazione Requisi/ per l insegnamento Modalità di a:uazione Indicazione opera/ve Esami di stato Organi

ContenuB A#vazione Requisi/ per l insegnamento Modalità di a:uazione Indicazione opera/ve Esami di stato Organi Nota MIUR Roma 25/07/2014 su avvio in ordinamento dell insegnamento di Discipline non LinguisBche (DNL) in CLIL nel terzo, quarto e quinto anno dei Licei LinguisBci e nel quinto anno dei Licei e IsBtuB

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Prot.n. 28710 del 07-09-2015 Ai Direttori generali degli Uffici Scolastici Regionali Ai referenti regionali del piano CLIL LORO SEDI OGGETTO: Organizzazione e avvio dei corsi linguistici per docenti CLIL

Dettagli

CLIL. Le norme transitorie e i risultati delle prime sperimentazioni. Maria Torelli USR Piemonte

CLIL. Le norme transitorie e i risultati delle prime sperimentazioni. Maria Torelli USR Piemonte CLIL Le norme transitorie e i risultati delle prime sperimentazioni. Maria Torelli USR Piemonte LA BUONA SCUOLA L obiettivo generale deve essere quello di rafforzare una volta per tutte l insegnamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE DELLA REGIONE SICILIA

AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE DELLA REGIONE SICILIA MIUR.AOODRSI.REGISTRO UFFICIALE(U).0014035.18-09-2015 www.usr.sicilia.it AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE DELLA REGIONE SICILIA PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Prot.: 0000005411/C12 Milano, 12/10/2015. Agli Istituti d Istruzione Superiore delle Provincie di MILANO, MONZA B.E LODI

Prot.: 0000005411/C12 Milano, 12/10/2015. Agli Istituti d Istruzione Superiore delle Provincie di MILANO, MONZA B.E LODI Prot.: 0000005411/C12 Milano, 12/10/2015 Agli Istituti d Istruzione Superiore delle Provincie di MILANO, MONZA B.E LODI E p.c. All Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio VI - Relazioni Internazionali

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE A. M A N Z O N I Licei Scienze Umane - Economico Sociale - Linguistico - Musicale

ISTITUTO SUPERIORE STATALE A. M A N Z O N I Licei Scienze Umane - Economico Sociale - Linguistico - Musicale Prot. n. 1004 / C7 Varese, 18 marzo 2014 Esposizione all Albo web Liceo A. Manzoni E p.c. a tutte le Istituzioni Scolastiche di istruzione Secondaria delle Province di Lecco, Sondrio, Como, Varese AVVISO

Dettagli

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Alternanza scuola/lavoro l alternanza non è uno strumento formativo, ma si configura piuttosto come una metodologia formativa, una vera e propria modalità di apprendere PERCORSO INNOVATIVO DI ALTERNANZA

Dettagli

Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di metodologia CLIL rivolti a docenti delle scuole provinciali Piano Trentino Trilingue

Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di metodologia CLIL rivolti a docenti delle scuole provinciali Piano Trentino Trilingue Allegato parte integrante ALLEGATO A) Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di metodologia CLIL rivolti a docenti delle scuole provinciali Piano Trentino Trilingue Il presente documento definisce

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Relazioni internazionali e lingue straniere Incontro con le OO. SS. del 21 dicembre 2010 DOCUMENTO

Dettagli

Una strategia europea per l apprendimento delle lingue e delle discipline

Una strategia europea per l apprendimento delle lingue e delle discipline Una strategia europea per l apprendimento delle lingue e delle discipline Verona 9 Febbraio 2015 Paola Capaccioli Definizione di CLIL Una breve biografia Qualche criticità Il CLIL in EUROPA Il CLIL in

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola UFF.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola UFF. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO Prot.n.1446 Roma, 29 luglio 2005 Ai Direttori degli Uffici scolastici regionali LORO SEDI OGGETTO : Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale Prot. n. AOODRFR-11775 Trieste, lì 23.12.2014 BANDO PUBBLICO Oggetto: REALIZZAZIONE DI CORSI METODOLOGICO-DIDATTICI NELL AMBITO DEL CLIL per docenti di scuola secondaria di II grado (D.M.351/2014) VISTI

Dettagli

Prot. n. 1694 C37 Varese, 7 maggio 2014 Esposizione all Albo web Liceo A. Manzoni n. del 7 maggio 2014

Prot. n. 1694 C37 Varese, 7 maggio 2014 Esposizione all Albo web Liceo A. Manzoni n. del 7 maggio 2014 Prot. n. 1694 C37 Varese, 7 maggio 2014 Esposizione all Albo web Liceo A. Manzoni n. del 7 maggio 2014 AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ESPERTI PER INCARICHI DI PRESTAZIONE D OPERA COME EROGATORI DI

Dettagli

Prot. N. 9681 C/12 Perugia, 17 ottobre 2015

Prot. N. 9681 C/12 Perugia, 17 ottobre 2015 ISTITUTO TECNICO PER ATTIVITÀ SOCIALI GIORDANO BRUNO Via Mario Angelucci, 1 06129 PERUGIA Tel 0755152011 - Fax 075/5000557 - C.F. 80004550549 e-mail pgte01000a@istruzione.it - pgte01000a@pec.istruzione.it

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale CONVENZIONE QUADRO tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Consiglio Regionale della Toscana L', P.I. 80022410486, con sede legale in Firenze, via Mannelli n. 113, rappresentato

Dettagli

Prot.: 0001692/C12 Milano, 18 marzo 2014. Agli Istituti d Istruzione Superiore aderenti alla Rete CLIL MILANO CENTRO-NORD-OVEST- SUD, LODI E PAVIA

Prot.: 0001692/C12 Milano, 18 marzo 2014. Agli Istituti d Istruzione Superiore aderenti alla Rete CLIL MILANO CENTRO-NORD-OVEST- SUD, LODI E PAVIA Prot.: 0001692/C12 Milano, 18 marzo 2014 Agli Istituti d Istruzione Superiore aderenti alla Rete CLIL MILANO CENTRO-NORD-OVEST- SUD, LODI E PAVIA E p.c. All Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia

Dettagli

Prot. n. 2050 B/9 Pesaro, 28/04/2014 AVVISO PUBBLICO

Prot. n. 2050 B/9 Pesaro, 28/04/2014 AVVISO PUBBLICO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE «G.GALILEI» Via della Concordia, 92 61100-PESARO-tel.0721/283030 fax 0721/450756 - e-mail: info@icsgalilei.it www.icsgalilei.it Prot. n. 2050 B/9 Pesaro, 28/04/2014 AVVISO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

Allegato A) 1. PREMESSA

Allegato A) 1. PREMESSA Delibera N. 1193 del 10.04.2006 Riforma scolastica nelle scuole primarie e secondarie di primo grado in lingua italiana. Anno scolastico 2006/200 (modificata con delibera n. 4926 vom 29.12.2006) omissis

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI 1. PREMESSA DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le azioni

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. Anno Scolastico 2014-2015. Progetto VIAGGIO STUDIO IN SPAGNA. Area di riferimento. Linguistico - espressiva

SCHEDA DI PROGETTO. Anno Scolastico 2014-2015. Progetto VIAGGIO STUDIO IN SPAGNA. Area di riferimento. Linguistico - espressiva ISTITUTO COMPRENSIVO VIA DEI TORRIANI Via dei Torriani, 44-00164 ROMA SCHEDA DI PROGETTO Anno Scolastico 2014-2015 Progetto VIAGGIO STUDIO IN SPAGNA Area di riferimento Linguistico - espressiva F.S. di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L I C E O S T A T A L E G a l i l e o G a l i l e i Liceo Scientifico- Liceo delle Scienze Applicate - Liceo Linguistico Via S. Francesco n. 63-24043

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

CORSO IN METODOLOGIA CLIL INGLESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CORSO IN METODOLOGIA CLIL INGLESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FORMAZIONE TRILINGUISMO CORSO IN METODOLOGIA CLIL INGLESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Iniziativa riservata a insegnanti di disciplina non linguistica (DNL) individuati dai Dirigenti Scolastici Riferimento

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Allegato al PTOF dell I.C. Giuseppe Scelsa Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Premessa L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà (rif. Prot. n 17791 del 19/11/2015) destinatario di un

Dettagli

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti

Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Idee e materiali Organizzazione Il nuovo sistema dell Istruzione degli adulti è legge di Simone Giusti Con l emanazione della circolare ministeriale 36 e con la pubblicazione delle Linee guida per il passaggio

Dettagli

Progetti e iniziative in corso con uso di ICT. Alfia Valenti ascuoladidislessia@dislessia.it

Progetti e iniziative in corso con uso di ICT. Alfia Valenti ascuoladidislessia@dislessia.it Progetti e iniziative in corso con uso di ICT Alfia Valenti ascuoladidislessia@dislessia.it PROGETTI PER PROGETTI PER I PARTNER Ministero dell Istruzione Uffici Scolastici Regionali Università Regioni

Dettagli

Liceo scientifico e liceo scientifico OSA. Comunicazione n. 77

Liceo scientifico e liceo scientifico OSA. Comunicazione n. 77 Comunicazione n. 77 Ai docenti a tempo indeterminato dell'istituto All albo Al sito web Oggetto: bando individuazione docenti tutor neo immessi in ruolo D.M. n.850 del 27/10/2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO CLASSE A246 - Lingua e civiltà francese Il tirocinio formativo attivo (TFA)

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Prot.n. 0002656/A/38 R.L. Monza, 4 dicembre 2014

Prot.n. 0002656/A/38 R.L. Monza, 4 dicembre 2014 Prot.n. 0002656/A/38 R.L. Monza, 4 dicembre 2014 A tutte le Istituzioni Scolastiche della Rete dei Licei di Monza e Brianza Sito web della Rete dei Licei di Monza e Brianza www.reteliceimonzabrianza.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVILUPPO DI PERCORSI FORMATIVI UNIVERSITARI TRIENNALI PER GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE TRA

CONVENZIONE PER LO SVILUPPO DI PERCORSI FORMATIVI UNIVERSITARI TRIENNALI PER GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE TRA CONVENZIONE PER LO SVILUPPO DI PERCORSI FORMATIVI UNIVERSITARI TRIENNALI PER GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE TRA L Università Ca Foscari Venezia, indicata nel prosieguo come Università,

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Gruppo di Ricerca DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Università Ca Foscari Venezia CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE A. FORMAZIONE PER LA SCUOLA PRIMARIA FORMAZIONE

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

Progetto di Alternanza Scuola Lavoro ISISS Giuseppe Verdi VALDOBBIADENE. Isiss Giuseppe Verdi Valdobbiadene

Progetto di Alternanza Scuola Lavoro ISISS Giuseppe Verdi VALDOBBIADENE. Isiss Giuseppe Verdi Valdobbiadene Progetto di Alternanza Scuola Lavoro ISISS Giuseppe Verdi VALDOBBIADENE Progetto finanziato dal FSE [Laboratori della Conoscenza Percorsi integrati di Alternanza Scuola Lavoro INVESTIAMO PER IL VOSTRO

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

All 13 PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO

All 13 PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO All 13 PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO Le iniziative ormai consolidate nella vita dell Istituto volte a promuovere aperture all Europa e al mondo ì sono: SCAMBI Gli scambi di

Dettagli

Oggetto: Linee di indirizzo per la stesura del Piano dell Offerta Formativa Triennale (art. 1, comma 14.4, Legge n.107/2015). Il Dirigente Scolastico

Oggetto: Linee di indirizzo per la stesura del Piano dell Offerta Formativa Triennale (art. 1, comma 14.4, Legge n.107/2015). Il Dirigente Scolastico ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE N. MACHIAVELLI www.liceomachiavelli-firenze.gov.it Liceo Classico, Liceo Internazionale Linguistico, Liceo Internazionale Scientifico Liceo delle Scienze Umane,

Dettagli

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO M.I.U.R. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA ISTITUTO COMPRENSIVO Anna Compagnone SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA 1 GRADO Via del Faro N 1 0 7 0 2 0 P A L A U Tel. 0789-70 95 40 fax

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art.

Dettagli

il presente Bando interno per il reclutamento delle seguenti figure:

il presente Bando interno per il reclutamento delle seguenti figure: Unione Europea Fondo Sociale Europeo 1 LICEO SCIENTIFICO STATALE VINCENZO CUOCO Via Annibale De Gasparis n. 12-80137 NAPOLI TEL. 081.440200 - FAX. 081.4420331 C.F./P. I.V.A. 80030760633 E-MAIL : naps10000b@istruzione.it

Dettagli

Pagina 1 di 7. Art. 1 - RIFERIMENTI NORMATIVI

Pagina 1 di 7. Art. 1 - RIFERIMENTI NORMATIVI REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI PERFEZIONAMENTO PER L INSEGNAMENTO DI UNA DISCIPLINA NON LINGUISTICA IN LINGUA STRANIERA, SECONDO LA METODOLOGIA CLIL (CONTENT AND LANGUAGE INTEGRATED LEARNING) RIVOLTO AI

Dettagli

Prot. n. 6164 del 28/11/2015

Prot. n. 6164 del 28/11/2015 Prot. n. 6164 del 28/11/2015 Oggetto: Avviso pubblico per la presentazione di proposte per la realizzazione di corsi linguistici per l insegnamento di un DNL in lingua straniera inglese secondo la metodologia

Dettagli

Prot. n. 11053/C14a Udine, 24.10.2015

Prot. n. 11053/C14a Udine, 24.10.2015 Prot. n. 11053/C14a Udine, 24.10.2015 All Albo dell Istituto Sito dell Istituto Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI FORMATORI/TUTOR DA IMPIEGARE NEI CORSI CLIL per docenti di scuola secondaria

Dettagli

Prot. n. 501/9F Andria, 29 gennaio 2014

Prot. n. 501/9F Andria, 29 gennaio 2014 Prot. n. 501/9F Andria, 29 gennaio 2014 Al sito Internet della Scuola: www.liceocarlotroya.gov.it All Albo dell Istituto Sede Alle Istituzioni Scolastiche della rete: - Liceo Linguistico "Carlo Troya"

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R. n. 307 del 24/05/2002 D.R. n. 307 IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto di questo Politecnico; il Regolamento

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO @ ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE "ANGELO FRACCACRETA" Indirizzi: Amministrll;)ollejinanza e marketing - Turismo Articolazioni: Relazioni internazionali per il mtlrketing - Sistemi illformativi aziendali

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO. Metodologia CLIL. (Teacher Training on Content and Language Integrated Learning) I edizione

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO. Metodologia CLIL. (Teacher Training on Content and Language Integrated Learning) I edizione REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN I edizione a.a. 2012/2013 INDICE Art. - 1 Riferimenti normativi... 2 Art. 2 - Istituzione e attivazione... 3 Art. 3 - Obiettivi formativi... 3 Art.

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

Oggetto: Bando di selezione per insegnante madrelingua inglese esperto in preparazione Certificazione Cambridge. Il DIRIGENTE SCOLASTICO

Oggetto: Bando di selezione per insegnante madrelingua inglese esperto in preparazione Certificazione Cambridge. Il DIRIGENTE SCOLASTICO Liceo Artistic Nervi-Severini via Tombesi dall Ova,14 tel. 0544-38310 fax. 0544 31152- e-mail RASL020007@ISTRUZIONE.IT PEC.: RASL020007@PEC.ISTRUZIONE.IT RAVENNA PROT. N. 1104/D11a RAVENNA, 10 dicembre

Dettagli

Condizioni d Attuazione funzionali alla realizzazione degli obiettivi PON FSE 2010/11

Condizioni d Attuazione funzionali alla realizzazione degli obiettivi PON FSE 2010/11 Condizioni d Attuazione funzionali alla realizzazione degli obiettivi PON FSE 2010/11 La normativa di riferimento per la progettazione dei piani integrati dà precise indicazioni per la pianificazione della

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE Liceo Antonio Rosmini - Trento LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE ISCRIZIONE Il Liceo delle Scienze umane opz. economico sociale corso serale è rivolto a studenti che abbiano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA

PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA PNSD PER IL PTOF Istituto Comprensivo Ardea II A cura della docente Marina Nassuato PREMESSA L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif.prot. n 17791

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Prot. n. 7440 Bari, 25 agosto 2010 Il dirigente: dott. Corrado Nappi. Ai Dirigenti delle scuole primarie nella regione Puglia LORO SEDI

Prot. n. 7440 Bari, 25 agosto 2010 Il dirigente: dott. Corrado Nappi. Ai Dirigenti delle scuole primarie nella regione Puglia LORO SEDI Prot. n. 7440 Bari, 25 agosto 2010 Il dirigente: dott. Corrado Nappi Ai Dirigenti delle scuole primarie e, p. c. AI Direttori dei corsi di formazione in lingua inglese attivati nell a.s. 2009/10 Alla per

Dettagli

Normativa di riferimento. Contesto attuale

Normativa di riferimento. Contesto attuale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SILVANO FEDI Via Panconi, 39-51100 - PISTOIA (ITALIA) Tel. +39 0573 37211 FAX.+39 0573 372121 Web: www.itisfedi.pt.it E-Mail :mailto:posta@itisfedi.pt.it Progetto di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012

IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012 Franca Da Re CONFERENZA DI SERVIZIO PADOVA 03.10.2012 1 Competenze

Dettagli

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA I.I.S.S. Maxwell - Settembrini Milano VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA Sommario 1. Indicazioni generali per Coordinatori di classe e Docenti 2. Normativa esami di Stato alunni DSA D.P.R. 22 giugno

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Prot. 4501/C12 Foggia, 22/05/2014

Prot. 4501/C12 Foggia, 22/05/2014 Prot. 4501/C12 Foggia, 22/05/2014 Ai Docenti del Liceo Scientifico Volta Sede All Albo Pretorio on line Al Sito internet Pon in chiaro Cosa fa la mia scuola BANDO PER IL RECLUTAMENTO DI RISORSE UMANE INTERNE

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO PROGETTO SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI All interno del Regolamento per i viaggi di istruzione, il progetto Scambi Culturali e Soggiorni Linguistici presenta i seguenti aspetti specifici: 1.

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO DELL ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. FERRARIS DI MOLFETTA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO DELL ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. FERRARIS DI MOLFETTA Prot. N. 3273/A13c del 30 maggio 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO DELL ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. FERRARIS DI MOLFETTA Vista la nota della MIUR - Direzione Generale per gli Affari Internazionali prot.

Dettagli

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808...

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808... Ufficio Stampa COME SI DIVENTA INSEGNANTI: ECCO LE NUOVE REGOLE UN ANNO DI TIROCINIO PER LEGARE TEORIA A PRATICA ASSUNZIONI SOLO IN BASE ALLA NECESSITÀ PER EVITARE IL PRECARIATO PIÙ INGLESE E COMPETENZE

Dettagli

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MINISTERO DELL UNIVERSITÀ, DELL ISTRUZIONE E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE Fondazione Istituto Musicale della Valle d Aosta Fondation Institut Musical de la Valle Vallée d Aoste ISTITUTO

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli