IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE"

Transcript

1 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE Il collaudo di accettazione 1 Popolazione Campione Dati MISURA Processo Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO MISURA Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO Il collaudo di accettazione 2

2 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE Il risultato di una attività produttiva non è mai perfettamente ripetibile E necessario verificare che i prodotti abbiano la qualità richiesta COLLAUDO DI ACCETTAZIONE Il collaudo di accettazione 3 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE MATERIALI IN INGRESSO COLLAUDO DI ACCETTAZIONE SEMILAVORATI (alla conclusione di una fase di produzione) PRODOTTI FINITI COLLAUDO E il procedimento di misurazione, valutazione, prova, esame al calibro Passa-Non Passa o qualsiasi altro modo per confrontare l unità di prodotto con le specifiche adeguate (ISO 3534). Il collaudo di accettazione 4

3 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE IN GENERALE SI TRATTA DI UN COLLAUDO STATISTICO SUI PARAMETRI PRINCIPALI AD ESEMPIO SU UN TRANSISTORE: -Hfe -I CB0 -V CEsat -... IN CASI PARTICOLARI GUADAGNO DI POTENZA, CIFRA DI RUMORE, PRODOTTO GUADAGNO PER LARGHEZZA DI BANDA, FREQUENZA DI TAGLIO,... Il collaudo di accettazione 5 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE OLTRE A MISURE ELETTRICHE VENGONO ESEGUITE MISURE DI CARATTERE MECCANICO, AD ESEMPIO LE DIMENSIONI PRINCIPALI, TENUTA DEI CONTENITORI A CAVITA, ATTRAVERSO LE PROVE DI ERMETICITA FINE O GROSSA INOLTRE, SU DISPOSITIVI PARTICOLARMENTE CRITICI, VIENE PRELEVATO UN CAMPIONE DA SOTTOPORRE A PROVE DISTRUTTIVE Il collaudo di accettazione 6

4 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE ISPEZIONE AL 100% COLLAUDO PER CAMPIONAMENTO PROVE DISTRUTTIVE MINORI COSTI E TEMPO RIDUZIONE ERRORI DA AFFATICAMENTO BUONO STIMOLO PER IL SUBFORNITORE RISCHIO DI RIFIUTARE LOTTI BUONI RISCHIO DI ACCETTARE LOTTI SCADENTI MINORE INFORMAZIONE PREPARAZIONE PIANO DI CAMPIONAMENTO Il collaudo di accettazione 7 IL COLLAUDO PER CAMPIONAMENTO Decidere se accettare un lotto sulla base delle informazioni ricavate da un campione, fissando a priori i rischi di prendere una decisione sbagliata Il collaudo di accettazione 8

5 IL COLLAUDO PER CAMPIONAMENTO Il campione deve essere: -rappresentativo del lotto Per garantire la rappresentatività del campione, il lotto preso in esame deve essere sufficientemente omogeneo -casuale Il prelievo del campione deve essere effettuato in modo tale che ogni elemento della popolazione abbia la stessa probabilità di essere incluso nel campione, indipendentemente dal suo aspetto e dalla sua posizione. Una buona regola è prelevare il campione durante la movimentazione Il collaudo di accettazione 9 TIPI DI CAMPIONAMENTO CASUALE SEMPLICE A DUE STADI Il collaudo di accettazione 10

6 TIPI DI CAMPIONAMENTO STRATIFICATO PER GRAPPOLI Il collaudo di accettazione 11 ALCUNE DEFINIZIONI LOTTO E un insieme di unità di prodotto dal quale viene tratto ed esaminato un campione, per determinare la conformità ai criteri di accettazione. CAMPIONE Un campione è costituito da una o più unità di prodotto, scelte a caso da un lotto. DIMENSIONE DEL LOTTO/CAMPIONE Numero di unità di prodotto in un lotto/campione Il collaudo di accettazione 12

7 ALCUNE DEFINIZIONI DIFETTO Non soddisfacimento di un requisito o di una ragionevole aspettativa in relazione ad una utilizzazione prevista, incluso quanto connesso alla sicurezza. NON CONFORMITA Non soddisfacimento di requisiti specificati. UNITA NON CONFORME E una unità di prodotto che contiene almeno 1 NC (può contenerne anche più di 1). Il collaudo di accettazione 13 ALCUNE DEFINIZIONI % NON CONFORME E 100 volte il numero di unità non conformi diviso per il totale delle unità prodotte. NON CONFORMITA PER 100 UNITA (difettosità) E 100 volte il numero di non conformità (anche più di una per ogni unità di prodotto) diviso per il totale delle unità prodotte Il collaudo di accettazione 14

8 ALCUNE DEFINIZIONI LIVELLO DI QUALITA ACCETTABILE E il livello di qualità (% non conforme o non conformità per 100 unità) che si ritiene soddisfacente accettare. L LQA è un valore stabilito di % non confome (o non conformità per 100 unità) che ha una alta probabilità di essere accetto QUALITA LIMITE E il livello di qualità (% non conforme o non conformità per 100 unità) che si ritiene insoddisfacente accettare. La QL è un valore stabilito di % non confome (o non conformità per 100 unità) che ha una bassa probabilità di essere accetto Il collaudo di accettazione 15 IL COLLAUDO CAMPIONAMENTO STATISTICO Si imposta un test statistico basato sulle ipotesi: IPOTESI H0 (desiderabile): la qualità del prodotto (% di non conformi) è pari a LQA IPOTESI H1 (alternativa): la qualità del prodotto (% di non conformi) è pari a QL Ad H0 corrisponde una elevata probabilità di accettazione (1-α) Ad H1 corrsiponde una bassa probabilità di accettazione (β) Il collaudo di accettazione 16

9 IL COLLAUDO CAMPIONAMENTO STATISTICO α=rischio DEL PRODUTTORE E il rischio di vedersi rifiutare un lotto di buona qualità β=rischio DEL CONSUMATORE E il rischio di accettare un lotto di qualità scadente Decisioni prese in base ai risultati Ipotesi sulla realtà Lotto accettato Lotto rifiutato H0 è vera 1 α α H1 è vera β 1 β Il collaudo di accettazione 17 I PIANI CAMPIONAMENTO DI CAMPIONAMENTO E necessario fissare delle regole per decidere quando accettare un lotto e quando rifiutarlo PIANO DI CAMPIONAMENTO INSIEME DI REGOLE CHE DEFINISCONO: LA NUMEROSITA DEL CAMPIONE DA ESTRARRE I CRITERI DI DECISIONE DA UTILIZZARE Il collaudo di accettazione 18

10 TIPI DI PIANI CAMPIONAMENTO DI CAMPIONAMENTO SI DISTINGUONO IN BASE A: MISURE DA EFFETTUARE REGOLE DI DECISIONE MISURE DA EFFETTUARE PIANI PER ATTRIBUTI PIANI PER VARIABILI REGOLE DI DECISIONE PIANI SINGOLI PIANI DOPPI PIANI MULTIPLI PIANI SEQUENZIALI PIANI CONTINUI Il collaudo di accettazione 19 I PIANI DI CAMPIONAMENTO PIANI PER ATTRIBUTI PIANI PER VARIABILI UN ELEMENTO O UN LOTTO E CLASSIFICATO ACCETTABILE O DA RESPINGERE SULLA BASE DEL NUMERO DI DIFETTI RILEVATI IN UN CAMPIONE RISPETTO AL NUMERO FISSATO COME ACCETTABILE VIENE REGISTRATO IL VALORE DI UNO O PIU PARAMETRI ED IL CRITERIO DI ACCETTAZIONE E BASATO SULLA DEVIAZIONE STANDARD Il collaudo di accettazione 20

11 I PIANI DI CAMPIONAMENTO PIANI SINGOLI Si estrae dal lotto un solo campione e la decisione sul lotto viene presa in base alle informazioni da esso ricavate PIANI DOPPI Si estrae dal lotto un primo campione e, in base alle informazioni da esso ricavate, si decide se: accettare il lotto rifiutare il lotto estrarre un secondo campione Se necessario, si estrae dal lotto un secondo campione e, in base alle informazioni ricavate da entrambi i campioni, si decide se: accettare il lotto rifiutare il lotto Il collaudo di accettazione 21 I PIANI DI CAMPIONAMENTO PIANI MULTIPLI Si estrae dal lotto un primo campione e, in base alle informazioni da esso ricavate, si decide se: accettare il lotto rifiutare il lotto estrarre un secondo campione Se necessario, si estrae dal lotto un secondo campione, etc... Nel caso peggiore la decisione viene presa dopo l estrazione dell ultimo campione, e dipende dalle informazioni ricavate da tutti i campioni. In media il piano di campionamento multiplo richiede l esame di meno pezzi rispetto al campionamento singolo. E più complesso da progettare. Il collaudo di accettazione 22

12 PIANO DI CAMPIONAMENTO SEMPLICE PER ATTRIBUTI GRANDEZZA DEL LOTTO N GRANDEZZA DEL CAMPIONE n NUMERO DI ACCETTAZIONE a CRITERIO DI ACCETTAZIONE Il lotto viene accettato se il numero di difettosi d rilevati è inferiore al numero di accettazione a. p Difettosità (% unità non conformi o non confomità per 100 unità) Pa Probabilità di accettare il lotto CURVA OC Il collaudo di accettazione 23 LA CURVA OPERATIVA CARATTERISTICA Probabilità di accettazione 1 α β 0 LQA α- RISCHIO DEL PRODUTTORE β- RISCHIO DEL CONSUMATORE Ogni curva OC descrive un piano di campionamento particolare n (numerosità campione) QL Difettosità (realtà che non conosciamo) Il collaudo di accettazione 24

13 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE α - RISCHIO DEL PRODUTTORE β - RISCHIO DEL CONSUMATORE H0 H1 β α Accetto Rifiuto Il collaudo di accettazione 25 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE I PIANI DI CAMPIONAMENTO STANDARDIZZATI UNI ISO 2859/1, 2, 3 (MIL STD 105D) UNI 7371,7372 (MIL STD 414) ISO 3851 VANTAGGI La progettazione è semplice SVANTAGGI Scarsa elasticità Il collaudo di accettazione 26

14 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE UNI ISO 2859/1 E indicizzata secondo α (LQA) E un sistema di piani applicabili a lotti che pervengono con sufficiente continuità, prodotti con modalità costanti e senza interruzioni Assicura che a lungo termine: vengano accettati la maggior parte (1-α) dei lotti con livello di qualità specificato come accettabile (LQA) vengano rifiutati la maggior parte (1-β) dei lotti con livello di qualità specificato come non accettabile (QL) Il collaudo di accettazione 27 PROGETTAZIONE DI UN PIANO DI CAMPIONAMENTO UNI ISO 2859/1 LIVELLO DI COLLAUDO NUMEROSITA DEL CAMPIONE LIVELLO QUALITA ACCETTABILE (LQA) SEVERITA DEL COLLAUDO TIPO DI PIANO DI CAMPIONAMENTO Il collaudo di accettazione 28

15 PROGETTAZIONE DI UN PIANO DI CAMPIONAMENTO UNI ISO 2859/1 LIVELLO DI COLLAUDO La norma fornisce 3 livelli (I, II, e III). Determinano il potere discriminante del piano: tipicamente si utilizza il livello II, mentre si ricorre al livello I se è necessaria una minore discriminazione (riduco la numerosità, aumento i rischi), il livello III se è richiesta una discriminazione maggiore (aumento la numerosità, riduco i rischi). Il livello del collaudo influenza la numerosità del campione, ma non i criteri di accettazione Vi sono inoltre 4 livelli speciali da utilizzarsi quando siano necessarie numerosità del campione particolarmente piccole e si possano tollerare rischi di campionamento elevati Il collaudo di accettazione 29 PROGETTAZIONE DI UN PIANO DI CAMPIONAMENTO UNI ISO 2859/1 NUMEROSITA DEL CAMPIONE La numerosità del campione è indicata con una lettera codice, che dipende dalla numerosità del lotto e dal livello di collaudo prescelto (tabella 1). LIVELLO QUALITA ACCETTABILE (LQA) Assieme alla lettera codice serve per indicizzare il piano di campionamento. Il collaudo di accettazione 30

16 tabella 1 NUMEROSITA Livelli di collaudo speciali Livelli di collaudo correnti DEL LOTTO S-1 S-2 S-3 S-4 I II III da 2 a 8 A A A A A A B da 9 a 15 A A A A A B C da 16 a 25 A A B B B C D da 26 a 50 A B B C C D E da 51 a 90 B B C C C E F da 91 a 150 B B C D D F G da 151 a 280 B C D E E G H da 281 a 500 B C D E F H J da 501 a C C E F G J K da a C D E G H K L da a C D F G J L M da a C D F H K M N da a D E G J L N P da a D E G J M P Q da e oltre D E H K N Q R Il collaudo di accettazione 31 PROGETTAZIONE DI UN PIANO DI CAMPIONAMENTO UNI ISO 2859/1 SEVERITA DEL COLLAUDO La norma fornisce tre gradi di severità per il collaudo: ridotto ordinario rinforzato Si parte sempre dal collaudo ordinario e si utilizzano le regole di commutazione per passare da una severità di collaudo ad un altra La severità del collaudo influenza la numerosità del campione ed il criterio di accettazione TIPO DI PIANO DI CAMPIONAMENTO Semplice Doppio Multiplo Il collaudo di accettazione 32

17 PROGETTAZIONE DI UN PIANO DI CAMPIONAMENTO UNI ISO 2859/1 Con il piano di campionamento si definiscono: Numerosità del campione: unità da estrarre per prendere decisioni sul lotto Criterio di accettazione Numero di accettazione e numero di rifiuto Se la difettosità e minore o uguale al numero di accettazione il lotto viene accettato; se la difettosità e maggiore o uguale al numero di rifiuto il lotto viene rifiutato. Il collaudo di accettazione 33 PROSPETTO Il collaudo di accettazione 34

18 LE REGOLE DI COMMUTAZIONE Il collaudo di accettazione 35 QUALITA MEDIA RISULTANTE Il collaudo di accettazione 36

19 ESEMPIO Definire un piano di campionamento per un azienda che acquista condensatori su bobine da 1000 pezzi ciascuna. Ogni lotto è composto da 10 bobine. E necessario definire: -numerosita del lotto -LQA -livello di controllo -severita del collaudo -tipo di piano di campionamento Il collaudo di accettazione 37 ESEMPIO -numerosità del lotto 1 lotto=10 bobine= condensatori -LQA Questo viene definito da fornitore e cliente al momento della stipula del contratto. -livello di controllo Da questo dipende il potere discriminante del piano. Piu alto e il livello e maggiore e la discriminazione (la numerosità del campione però aumenta e di conseguenza aumenta il costo del controllo). Se non ci sono indicazioni specifiche si usa il livello II. -severita del collaudo Tipicamente si comincia con un livello di severita normale. Si applicano poi le regole di commutazione. -tipo di piano di campionamento Scegliamo il campionamento semplice. Il collaudo di accettazione 38

20 ESEMPIO N = LQA = 1.0 Livello II Collaudo ordinario Campionamento semplice Tabella 1 lettera codice per la numerosità del campione= L Prospetto IIA numerosità del campione=200 Il collaudo di accettazione 39 ESEMPIO SCELTA DEL CAMPIONE CAMPIONAMENTO STRATIFICATO SELETTIVO CON LQA = 1.0 : Na=5 Nr=6 Prospetto IIA Il collaudo di accettazione 40

21 ESEMPIO Ipotizziamo che dal controllo di 3 lotti consecutivi si ottengano d=difettosità d=6, d=5, d=7 Lotto 1 rifiutato, lotto 2 accettato, lotto 3 rifiutato Controllo rinforzato CON LQA = 1.0 : Na=3 Nr=4 Regole di Commutazione Prospetto IIB Il collaudo di accettazione 41 ESEMPIO Se si decide per un collaudo doppio n1=125 Na1=2 Nr1=5 n2=125 Na2=6 Nr2=7 Prospetto IIIA Ipotizziamo che d1=3 E necessario effettuare la seconda estrazione Il collaudo di accettazione 42

22 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE Prodotti con difettosità molto bassa? Troppe unità da controllare Meglio informazioni sulla capacità di processo Il collaudo di accettazione 43 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE UNI ISO 2859/2 E indicizzata secondo β (QL) E un sistema di piani applicabili a lotti isolati, o comunque quando ci si voglia proteggere verso la cattiva qualità di un singolo lotto Non sono previste regole di commutazione (non c è storia passata) Il collaudo di accettazione 44

23 IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE UNI ISO 2859/3 Si utilizza per il campionamento con salto di lotti, al fine di ridurre al minimo l onere dei collaudi. E applicabile a lotti che pervengono con sufficiente continuità, prodotti con modalità costanti e senza interruzioni. E richiesta: qualificazione del fornitore qualificazione del prodotto Il collaudo di accettazione 45

Il campionamento statistico

Il campionamento statistico Lezione 13 Gli strumenti per il miglioramento della Qualità Il campionamento statistico Aggiornamento: 19 novembre 2003 Il materiale didattico potrebbe contenere errori: la segnalazione e di questi errori

Dettagli

IL COLLAUDO IN ACCETTAZIONE A.A. 2006/2007

IL COLLAUDO IN ACCETTAZIONE A.A. 2006/2007 IL COLLAUDO IN ACCETTAZIONE A.A. 2006/2007 Il Il collaudo in accettazione Il risultato di una attività produttiva non è mai perfettamente ripetibile E necessario verificare che i prodotti abbiano la qualità

Dettagli

4. controllo statistico

4. controllo statistico 4. controllo statistico 4.1. CAMPIONAMENTO IN ACCETTAZIONE Il campione utilizzato per i controlli in accettazione dovrà essere rappresentativo del lotto. Verrà pertanto prelevato in maniera casuale in

Dettagli

LE CARTE DI CONTROLLO (4)

LE CARTE DI CONTROLLO (4) LE CARTE DI CONTROLLO (4) Tipo di carta di controllo Frazione difettosa Carta p Numero di difettosi Carta np Dimensione campione Variabile, solitamente >= 50 costante, solitamente >= 50 Linea centrale

Dettagli

Controllo di accettazione

Controllo di accettazione Controllo di accettazione Introduzione Piano di campionamento singolo Curva operativa caratteristica Piano di campionamento con rettifica Piano di campionamento doppio Piano di campionamento sequenziale

Dettagli

PIANO DI CAMPIONAMENTO POSTA MASSIVA

PIANO DI CAMPIONAMENTO POSTA MASSIVA PIANO DI CAMPIONAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE SPEDIZIONI DI POSTA MASSIVA IN FASE DI ACCETTAZIONE Documento di proprietà di Poste Italiane S.p.A. che se ne riserva tutti i diritti 1 1. Premesse Il presente

Dettagli

Il controllo delle prestazioni del provider. IL CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI DEL PROVIDER (riferimenti)

Il controllo delle prestazioni del provider. IL CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI DEL PROVIDER (riferimenti) del provider IL CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI DEL PROVIDER (riferimenti) 1 del provider - premessa (1) in merito alla fase di gestione ordinaria dell outsourcing sono state richiamate le prassi di miglioramento

Dettagli

CONTROLLI STATISTICI

CONTROLLI STATISTICI CONTROLLI STATISTICI Si definisce Statistica la disciplina che si occupa della raccolta, effettuata in modo scientifico, dei dati e delle informazioni, della loro classificazione, elaborazione e rappresentazione

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di: descrivere le modalità di classificazione dei getti recepire le indicazioni da citare a

Dettagli

GESTIONE INDUSTRIALE DELLA QUALITÀ A

GESTIONE INDUSTRIALE DELLA QUALITÀ A GESTIONE INDUSTRIALE DELLA QUALITÀ A Lezione 10 CAMPIONAMENTO (pag. 62-64) L indagine campionaria all interno di una popolazione consiste nell estrazione di un numero limitato e definito di elementi che

Dettagli

4.20 Tecniche statistiche

4.20 Tecniche statistiche 4.20 Tecniche statistiche Molti ricorderanno il punto 4.20 Tecniche Statistiche della norma ISO 9001:1994 sulle tecniche statistiche: quante aziende erano terrorizzate dalla presunta necessità di adottare

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE

CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE - Pagina 1 ver. 2012-04-18 Requisiti generali I contenitori di vetro devono risultare per composizione e caratteristiche chimiche conformi a quanto

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

SPC e distribuzione normale con Access

SPC e distribuzione normale con Access SPC e distribuzione normale con Access In questo articolo esamineremo una applicazione Access per il calcolo e la rappresentazione grafica della distribuzione normale, collegata con tabelle di Clienti,

Dettagli

L AFFIDABILITA NELLA FASE DI PRODUZIONE

L AFFIDABILITA NELLA FASE DI PRODUZIONE 9. L AFFIDABILITA NELLA FASE DI PRODUZIONE Ed.1 del 14/09/98 Rev. 3 del 08/09/00 AFFIDABILITA' DI COMPONENTI E SCHEDE ELETTRONICHE-sez 9 1 L AFFIDABILITA IN PRODUZIONE ATTIVITA CHIAVE PER L AFFIDABILITA

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI 1 SCOPO... 1 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 1 2.1 Requisiti per la qualità... 1 2.2 Riferimenti del sistema di certificazione... 2 3 Regole particolari... 2 3.1 Prezzi... 2 3.2 Non conformità... 3 3.3 Valutazione

Dettagli

I Metodi statistici utili nel miglioramento della qualità 27

I Metodi statistici utili nel miglioramento della qualità 27 Prefazione xiii 1 Il miglioramento della qualità nel moderno ambiente produttivo 1 1.1 Significato dei termini qualità e miglioramento della qualità 1 1.1.1 Le componenti della qualità 2 1.1.2 Terminologia

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 10-Il test t per un campione e la stima intervallare (vers. 1.1, 25 ottobre 2015) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia,

Dettagli

Obiettivi. Metodi statistici per il controllo della qualità. Indice. UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione

Obiettivi. Metodi statistici per il controllo della qualità. Indice. UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione Obiettivi Metodi statistici per il controllo della qualità Evidenziare come tipici problemi industriali richiedano un controllo statistico di qualità Segnalare l esistenza di specifiche norme UNI che definiscono

Dettagli

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO Pasquale Iandolo Laboratorio analisi ASL 4 Chiavarese, Lavagna (GE) 42 Congresso Nazionale SIBioC Roma

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Nella verifica delle ipotesi è necessario fissare alcune fasi prima di iniziare ad analizzare i dati. a) Si deve stabilire quale deve essere l'ipotesi nulla (H0) e quale l'ipotesi

Dettagli

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 1 Allegato 1 PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI GUANTI NON CHIRURGICI IN VINILE ELASTICIZZATO, NON STERILI, SENZA POLVERE Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 2 ARTICOLO 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 29-Analisi della potenza statistica vers. 1.0 (12 dicembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Statistiche campionarie

Statistiche campionarie Statistiche campionarie Sul campione si possono calcolare le statistiche campionarie (come media campionaria, mediana campionaria, varianza campionaria,.) Le statistiche campionarie sono stimatori delle

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi UNI EN ISO 3834 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Perché considerare la UNI EN ISO 3834:2006 nella propria azienda?

Dettagli

Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione originale Prefazione all edizione italiana xiii xv 1 Il miglioramento della qualità nel moderno ambiente produttivo 1 1.1 Significato dei termini qualità e miglioramento

Dettagli

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA Data: 16 Marzo 2011 Indice Il processo zione impiego specifico Cenni di SPC e di MSA 2 CARATTERISTICA DA CONTROLLARE, TOLLERANZA E RELATIVA CLASSE DI IMPORTANZA METODO DI CONTROLLO STRUMENTO DI MISURA

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Introduzione Livelli di significatività Verifica di ipotesi sulla media di una popolazione normale Verifica di ipotesi sulla varianza di una popolazione normale Verifica di ipotesi

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale di area tecnica Corso di Statistica Medica Campionamento e distribuzione campionaria della media Corsi di laurea triennale di area tecnica -

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 INTRODUZIONE 1.0 PREVENZIONE CONTRO INDIVIDUAZIONE. L'approccio tradizionale nella fabbricazione dei prodotti consiste nel controllo

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA

ELEMENTI DI STATISTICA Dipartimento di Ingegneria Meccanica Chimica e dei Materiali PROGETTAZIONE E GESTIONE DEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI Esercitazione 6 ORE ELEMENTI DI STATISTICA Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni Anno Accademico

Dettagli

STATISTICA IX lezione

STATISTICA IX lezione Anno Accademico 013-014 STATISTICA IX lezione 1 Il problema della verifica di un ipotesi statistica In termini generali, si studia la distribuzione T(X) di un opportuna grandezza X legata ai parametri

Dettagli

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio.

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Dott. Andrea Bruschi, Dott. Andrea Celentano 1. INTRODUZIONE Il quadro normativo per la caratterizzazione

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Elementi di statistica Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Statistica La statistica si può definire come: l insieme dei metodi

Dettagli

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 9. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 9. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 9 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo 1 TEST D IPOTESI Partiamo da un esempio presente sul libro di testo.

Dettagli

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria.

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. Nessuna ulteriore proroga. N e Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. La proroga del periodo di coesistenza della Marcatura CE con la la Norma Tecnica Europea EN 14351 1,

Dettagli

Carte di controllo per attributi

Carte di controllo per attributi Carte di controllo per attributi Il controllo per variabili non sempre è effettuabile misurazioni troppo difficili o costose troppe variabili che definiscono qualità di un prodotto le caratteristiche dei

Dettagli

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI 3.1 CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI OSSERVATE E DISTRIBUZIONI TEORICHE OD ATTESE. Nella teoria statistica e nella pratica sperimentale, è frequente la necessità di

Dettagli

Teoria e Tecnica della Qualità e della Certificazione

Teoria e Tecnica della Qualità e della Certificazione Teoria e Tecnica della Qualità e della Certificazione appunti alle lezioni a.a. 2004-2005 Prof. Vittorio Vaccari appunti alle lezioni - a.a. 2004-05 - prof. V. Vaccari 1 teoria Alcune definizioni formulazione

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1 CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Un breve riepilogo: caratteri, unità statistiche e collettivo UNITA STATISTICA: oggetto dell osservazione

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Controlla mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

, ' *-- ' " $!,"""&& # " $%

, ' *-- '  $!,&& #  $% ! "#$ %"&"" $$' " (#! %")" * +'#!", ' *-- ' " $!,"""&& # " $% &' ())* %")" + +' # ++,! " %"" '+'$ " $( ++ %"&"" ' " '! $- &(.)'.())/ &/0 # $ %. " (' ' 1 + $ *2.&)/.33./ 0' 12' 3, & 4 5 3./.22, 4) 5 " &

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Inferenza statistica. Statistica medica 1

Inferenza statistica. Statistica medica 1 Inferenza statistica L inferenza statistica è un insieme di metodi con cui si cerca di trarre una conclusione sulla popolazione sulla base di alcune informazioni ricavate da un campione estratto da quella

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Statistica. Esercitazione 15. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it. Università degli studi di Cassino. Statistica. A. Iodice

Statistica. Esercitazione 15. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it. Università degli studi di Cassino. Statistica. A. Iodice Esercitazione 15 Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it Università degli studi di Cassino () 1 / 18 L importanza del gruppo di controllo In tutti i casi in cui si voglia studiare l effetto di un certo

Dettagli

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia, Assisi, a.a. 2013/14 Esercitazione n. 3 A. Sia una variabile casuale che si distribuisce secondo

Dettagli

Il controllo statistico di processo

Il controllo statistico di processo Il controllo statistico di processo Torino, 02 ottobre 2012 Relatrice: Monica Lanzoni QUALITÀ DI DI UN UN PRODOTTO: l'adeguatezza del del medesimo all'uso per per il il quale quale è stato stato realizzato

Dettagli

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi In molte situazioni una raccolta di dati (=esiti di esperimenti aleatori) viene fatta per prendere delle decisioni sulla base di quei dati. Ad esempio sperimentazioni su un nuovo farmaco per decidere se

Dettagli

Statistica Applicata all edilizia: alcune distribuzioni di probabilità

Statistica Applicata all edilizia: alcune distribuzioni di probabilità Statistica Applicata all edilizia: Alcune distribuzioni di probabilità E-mail: orietta.nicolis@unibg.it 7 marzo 20 Indice Indici di curtosi e simmetria Indici di curtosi e simmetria 2 3 Distribuzione Bernulliana

Dettagli

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici come richiesto dalla EN

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Concetto di potenza statistica

Concetto di potenza statistica Calcolo della numerosità campionaria Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona Concetto di potenza statistica 1 Accetto H 0 Rifiuto H 0 Ipotesi Nulla (H

Dettagli

Facciamo qualche precisazione

Facciamo qualche precisazione Abbiamo introdotto alcuni indici statistici (di posizione, di variabilità e di forma) ottenibili da Excel con la funzione Riepilogo Statistiche Facciamo qualche precisazione Al fine della partecipazione

Dettagli

L analisi dei rischi: l aspetto statistico Ing. Pier Giorgio DELLA ROLE Six Sigma Master Black Belt

L analisi dei rischi: l aspetto statistico Ing. Pier Giorgio DELLA ROLE Six Sigma Master Black Belt L analisi dei rischi: l aspetto statistico Ing. Pier Giorgio DELL ROLE Six Sigma Master lack elt Dicembre, 009 Introduzione Nell esecuzione dei progetti Six Sigma è di fondamentale importanza sapere se

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10.2.2 Il controllo di un processo Considerazioni sulle carte di controllo A fianco del numero di elementi non conformi delle carte di controllo p e pn e del numero

Dettagli

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO Roberto Malatesta. William Marcone Ufficio Tecnico (giugno 2008) LA PROTEZIONE DAL RUMORE DEGLI EDIFICI, LA NORMATIVA NAZIONALE La maggior sensibilità delle persone

Dettagli

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo

Un primo passo verso PAT. Un applicazione di controllo preventivo Un primo passo verso PAT Un applicazione di controllo preventivo Sommario Situazione iniziale: linea di produzione con controllo peso off-line Cambiamento vs. una linea con controllo peso automatico on-line

Dettagli

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Panoramica delle funzionalità Fornisce un ampio ventaglio di strumenti per il controllo statistico dei processi (SPC) in modo da soddisfare ogni esigenza

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura

3. ALLEGATO PR02-3 Prescrizioni generali per la fornitura Paragrafo 7.4. e 7.4.2 della norma UNI EN ISO 900:2000 Pagina 4 di 9 3. ALLEGATO -3 Prescrizioni generali per la fornitura 3. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è di definire i

Dettagli

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laboratorio Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laura Palmerio Università Tor Vergata A.A. 2005/2006 Ipotesi sperimentale o alternativa e Ipotesi zero o nulla Ipotesi

Dettagli

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati)

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati) Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (A-O) Università di Roma La Sapienza

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (A-O) Università di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (A-O) Università di Roma La Sapienza CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA ESAME DEL 28/05/2015 NOME: COGNOME: MATRICOLA: Esercizio 1 Nel gico del

Dettagli

CARTE PER ONDULATORI. termini di accettazione per le verifiche tecniche delle forniture. Edizione 2010

CARTE PER ONDULATORI. termini di accettazione per le verifiche tecniche delle forniture. Edizione 2010 CARTE PER ONDULATORI termini di accettazione per le verifiche tecniche delle forniture Edizione INDICE TERMINI DI ACCETTAZIONE PER LE VERIFICHE TECNICHE DELLE FORNITURE - Edizione Lista delle proprietà

Dettagli

CAPITOLATO FORNITURA

CAPITOLATO FORNITURA D-CAPFOR CAPITOLATO FORNITURA EDIZIONE 03 01/09/2010 per UNI EN ISO9001:2008 VARIANTI EDIZIONE 02 Inserito paragrafo Scopo e Campo di applicazione + riferimento al documento Lavorazioni Esterne D-LAVEST

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria (RN) tel. ++39/0541/343030 - telefax ++39/0541/345540 pag.1/7 REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Contenuti Capitolo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

SOLUZIONI ESERCITAZIONE NR. 6 Variabili casuali binomiale e normale

SOLUZIONI ESERCITAZIONE NR. 6 Variabili casuali binomiale e normale SOLUZIONI ESERCITAZIONE NR. 6 Variabili casuali binomiale e normale ESERCIZIO nr. 1 I Presidi delle scuole medie superiori di una certa cittá italiana hanno indetto tra gli studenti dell ultimo anno una

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE

STATISTICA INFERENZIALE STATISTICA INFERENZIALE Premessa importante: si ipotizza che il comportamento della popolazione rispetto ad una variabile casuale X viene descritto attraverso una funzione parametrica di probabilità p

Dettagli

COMMERCIO DI CARTA E CARTONI

COMMERCIO DI CARTA E CARTONI a) Carta e cartoni COMMERCIO DI CARTA E CARTONI Sommario CARTA Unità di base di contrattazione. Art. 1 Ordinazione...............» 2 Conferma di ordinazione.....» 3 Imballaggio...............» 4 Composizione

Dettagli

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati Ciclo della ricerca Scelta del soggetto Sviluppo del protocollo Pretest e revisione del protocollo Effettuazione dello studio Analisi dei risultati Conclusioni e loro pubblicazione ANATOMIA DELLA RICERCA:

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 7

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 7 CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 7 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Esercizio 1. Test delle ipotesi per la media (varianza nota), p-value del test Il manager di un fast-food

Dettagli

Test statistici di verifica di ipotesi

Test statistici di verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Il test delle ipotesi consente di verificare se, e quanto, una determinata ipotesi (di carattere biologico, medico, economico,...) è supportata dall

Dettagli

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI I centri di trasformazione: un nuovo concetto di fornitore di acciaio per c.a.

Dettagli

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

Specifiche Tecniche per l acquisto di Biglietti Magnetici. ed altri materiali di consumo in SBME

Specifiche Tecniche per l acquisto di Biglietti Magnetici. ed altri materiali di consumo in SBME Specifiche Tecniche per l acquisto di Biglietti Magnetici ed altri materiali di consumo in SBME codice: SBME.MF1.DM001 rev.: data: 18/10/2004 ENTE Responsabile Firma Data Approvato A.T.M. S.p.A. Massimo

Dettagli

Esercizio 1. Verifica di ipotesi sulla media (varianza nota), p-value del test

Esercizio 1. Verifica di ipotesi sulla media (varianza nota), p-value del test STATISTICA (2) ESERCITAZIONE 6 05.03.2014 Dott.ssa Antonella Costanzo Esercizio 1. Verifica di ipotesi sulla media (varianza nota), p-value del test Il preside della scuola elementare XYZ sospetta che

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli