COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato"

Transcript

1 I COMUNE DI VAIANO Provnca d Prato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI d local Appalto del Servzo pulza e sanfcazone ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo (art.26, comma3 D.Lgs.81108) Marzo 2013 ELABORATO DAL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE scurezza

2 : s3s \. \ MJZO

3 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo INDICE 1. PREMESSA GENERALE PAG Introduzone e contenut del servzo PAG. 3 Parte Prma 2. ASPETTI GENERALI DELLA SICUREZZA PAG Preambolo PAG Sospensone del servzo PAG GESTIONE DEL DUVRI PAG Gl attor delle procedure PAG Competenze e responsabltà PAG Il Il Commttente PAG. 5 Datore d lavoro PAG DOCUMENTAZIONE DI SICUREZZA E SALUTE PAG document da nvare al commttente PAG ACCETTAZIONE DEL DUVRI PAG. 6 Parte Seconda 6.ANAGRAFICA, IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI COINVOLTI E DESCRIZIONE DEGLI EDIFICI PAG dat relatv alle strutture PAG Ubcazone delle strutture PAG DATI RELATIVI ALLE ATTIVITÀ IN PROGETTO PAG Anagrafca del commttente per unta produttva PAG Fgure d rfermento a sens del d. lgs. 81 /2008 per l commttente PAG DATI RELATIVI ALL IMPRESA APPALTANTE PAG Anagrafca dell appaltatore PAG Fgure d rfermento a sens del d. Igs. 81/2008 per l appaltatore PAG. 9 9 ALTRI DATI RELATIVI ALL APPALTO IN OGGETTO PAG Rferment d captolato PAG CARATTERISTICHE TECNICHE E DESCRIZIONE PAG. 10 DELLE ATTIVITÀ 10.1 premessa PAG tpologa de dvers servz espletat PAG sostanze utlzzate PAG VALUTAZIONE DEI RISCHI PAG Rsch per nfortuno PAG Precauzon e norme d comportamento general PAG Utlzzo d sostanze chmche PAG Polver PAG Esposzone ad agent bologc ed nfettv PAG Mcroclma PAG Stress da lavoro correlato PAG RISCHI E MISURE CONNESSI ALLE INTERFERENZE PAG. 15 1

4 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo NOTA PREVENTIVA AL PARAGRAFO PAG Temp d esecuzone del servzo PAG Dsposzon general per l effettuazone delle attvtà lavoratve PAG Rcovero materal, attrezzature PAG Rsch legat all utlzzo de prodott detergent PAG GESTIONE DELL EMERGENZA. PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE NEL CASO DI RISCHIO DI INCENDIO PAG FORMAZIONE DEL PERSONALE PAG ASSISTENZA SANITARIA E PRONTO SOCCORSO PAG VISITE MEDICHE PREVENTIVE E PERIODICHE PAG Sorveglanza santara n presenza dì rsch da movmentazone manuale de carch PAG Sorveglanza santara n presenza d agent bologc e chmc PAG Abt d lavoro e mezz personal d protezone PAG Drezone, sorveglanza, organzzazone del lavoro PAG MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PAG VALUTAZIONE DEL RISCHIO INTERFERENZIALE PAG Rsch per nfortuno dovut a cadute dall alto, scvolament, elettrctà, caduta d pes. PAG Esposzone ad agent nfettv PAG Uso d sostanze chmche PAG VALUTAZIONE DEI COSTI DELLA SICUREZZA PAG Cartellonstca PAG Presd santar PAG Attvtà formatve PAG Dspostv ndvdual d protezone PAG Scurezza/attrezzature PAG Totale cost (annuì) relatv alla scurezza PAG CONCLUSIONI PAG. 25 2

5 d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc Comune d Vaano Provnca d propretà del Comune d Vaano per l perodo PREMESSA GENERALE Il presente documento d valutazone contene le prncpal nformazon/prescrzon n matera d scurezza per fornre all mpresa appaltatrce o a lavorator autonom dettaglate nformazon su rsch specfc esstent nell ambente n cu sono destnat ad operare e sulle msure d prevenzone e d emergenza adottate n relazone alla propra attvtà n ottemperanza all art. 26 comma lettera b, D. Lgs. 9 aprle 2008, n. 81 così come modfcato dal D. Lgs. n. 106/09. Secondo tale artcolo al comma 3: li datore d lavoro commttente promuove la cooperazone e l coordnamento elaborando un unco documento d valutazone de rsch che ndch le msure adottate per elmnare o, ove cò non è possble rdurre al mnmo rsch da nterferenze. Tale documento è allegato al contratto d appalto o d opera. Le dsposzon del presente comma non s applcano a rsch specfc propr dell attvtà delle mprese appaltatrc o de sngol lavorator autonom : I dator d lavoro, v compres coordnamento, n partcolare: subappaltator, devono promuovere la cooperazone ed l cooperano all attuazone delle msure d prevenzone e protezone da rsch sul lavoro ncdent sull attvtà lavoratva oggetto dell appalto; coordnano gl ntervent d protezone e prevenzone da rsch cu sono espost nformandos recprocamente anche al fne d elmnare rsch dovut alle nterferenze tra delle dverse mprese convolte nell esecuzone dell opera complessva. lavorator, lavor Prma dell affdamento de lavor s provvederà: a verfcare I donetà tecnco-professonale dell mpresa appaltatrce o del lavoratore autonomo, attraverso la acquszone del certfcato d scrzone alla camera d commerco, ndustra e artganato e dell autocertfcazone dell mpresa appaltatrce o de lavorator autonom del possesso de requst d donetà tecnco-professonale fornre n allegato al contratto l documento unco d valutazone de rsch che sarà costtuto dal presente documento preventvo, eventualmente modfcato ed ntegrato con le specfche nformazon relatve alle nterferenze sulle lavorazon che la dtta appaltatrce dovrà esplctare n sede d gara INTRODUZIONE E CONTENUTI DEL SERVIZIO Le attvtà d cu trattas sono relatve all affdamento del servzo d pulza negl uffc e d alcun servz comunal afferent al patrmono dell Ente. Il servzo d cu è oggetto l appalto è artcolato nel modo che segue: a) servzo d pulza gornalera e perodca d tutte le strutture oggetto dell affdamento; b) pulze straordnare, estemporanee, su rchesta del commttentè; La natura del servzo è defnta e comprende genercamente le seguent attvtà: l esecuzone delle operazon d pulza d pavment d qualsas tpo e materale sano costtut, d scale, rampe (anche esterne), ncche, anche nelle part non n vsta, d plastr, controsoffttature, d tapparelle, serrande ed mposte vare, d venezane e smlar, d corp llumnant, d punt elettrc, d lampadne spa, d porte e sovraporte, bacheche, stpt, mangle, corrmano, rnghere, zoccolature, d nfss e serrament ntern ed estern, d vetr d qualunque tpo ed n qualsas ubcazone, d dmsor fss e mobl, d portarfut, d element genco santar, d targhe, d davanzal (ntern ed estern) d fnestre o d portefnestre (ntern ed estern), d radator ed altr corp rscaldant, d apparecch telefonc, d tutto l materale d arredamento; la raccolta e la movmentazone de contentor con rfut assmlat agl urban, la loro movmentazone dalle strutture a st d accumulo temporaneo ntern o estern alle strutture stesse; 3

6 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo l poszonamento, negl appost dspensator della carta genca, de sapon lqud, della carta per ascugaman, ecc.. Le operazon d pulza, n base alle dsposzon d captolato, sono da consderare sotto seguent profl: a) PULIZIE A FREQUENZA GIORNALIERA b) PULIZIE PERIODICHE c) PULIZIE STRAORDINARIE d) PULIZIA DI RIPRISTINO Il contratto avrà durata d ann 5 (cnque), natural consecutv e contnu, a decorrere dalla data d effettvo nzo del servzo fssata aii art. 1 del Captolato Specale d Appalto L mporto complessvo dell appalto è defnto all ari. 3 del Captolato Specale d Appalto. ABBREVIAZIONI UTILIZZATE NEL DOCUM ENTO Legenda Sgnfcato DUVRI Documento Unco d Valutazone de Rsch da Interferenza RSPP Responsable del Servzo d Prevenzone e Protezone a sens deii art. 31 del D.Lgs 81/08; RSL Rappresentante de lavorator per la scurezza a sens dell ar 47 del D.Lgs 81/08; DPI Dspostv d protezone ndvdual MC Medco Competente Parte Prma 2. ASPETTI GENERALI DELLA SICUREZZA In questa sezone sono raccolte e descrtte le nformazon d base nerent la scurezza nelle strutture comunal. Lo scopo d questa parte è d fornre un nformazone d base a chunque vogla consultare l DUVRI e raccoglere l ndce delle dsposzon legslatve, delle nformazon e concett che stanno alla base della redazone del presente elaborato e che potranno essere anche oggetto d approfondmento ndvduale PREAMBOLO Il DUVRI è stato redatto n conformtà a quanto prevsto dall ari. 26 comma 3 dei D. Lgs. 81/08, relatvo agl obblgh conness a contratt d appalto o d opera o d sommnstrazone. Secondo le dsposzon del suddetto decreto, l elaborato comprende: un nseme d notze utl al fne della comprensone del DUVRI. S tratta d nformazon general, d carattere contrattuale che regolano rapport tra Commttenza e Appaltatore; una documentazone esecutva che defnsce le prescrzon operatve relatve alle sngole attvtà tenendo conto de rsch nterferenzal evdenzat e ndvduandone le relatve msure d prevenzone. Il DUVRI sarà utlzzato nell ambto del Coordnamento dell Appalto e ne costtusce e rappresenta l rfermento operatvo. E necessaro revsonare e ntegrare l DUVRI ogn qualvolta, durante l esecuzone dell appalto, s manfest l esgenza d modfcare le ndcazon precedentemente defnte a causa d modfcazon e varazon ntervenute successvamente all affdamento. L appaltatore ha l obblgo d segnalare preventvamente al responsable del servzo/commttente tutte le stuazon per le qual, s palesa un potenzale percolo per lavorator addett. La segnalazone verbale o scrtta è funzonale all aggornamento del presente documento SOSPENSIONE DEL SERVIZIO In caso d nosservanza d norme n matera d scurezza o n caso d percolo mmnente per lavorator, l Responsable de Lavor ovvero l Commttente, potrà ordnare la sospensone de 4

7 d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc Comune d Vaano Provnca d propretà del Comune d Vaano per l perodo lavor, dsponendone la rpresa solo quando sa d nuovo asscurato vgente e sano rprstnate le condzon d scurezza e gene del lavoro. l rspetto della normatva Per sospenson dovute a percolo grave ed mmnente l Commttente non rconoscerà alcun compenso o ndennzzo all Appaltatore. 3. GESTIONE DEL DUVRI 3.1 GLI ATTORI DELLE PROCEDURE A fn d una corretta attuazone del presente DUVRI, vengono d seguto defnte le procedure che nteressano soggett convolt nell opera, ovvero gl attor convolt nel presente appalto e assoggettat all attuazone delle present procedure. Relatvamente agl attor delle procedure, nelle schede seguent vengono llustrate le competenze, le responsabltà, le relazon e le procedure. 3.2 COMPETENZE E RESPONSABILITÀ Il Commttente A sens dell Art. 26 del D. Lgs. 81/2008, è l soggetto per conto del quale vene realzzato l appalto, ndpendentemente da eventual frazonament della sua realzzazone. Nell appalto n oggetto, l Commttente, a sens del D.Lgs. 81/08 concde come prescrtto dalla normatva, nella servzo d pulza, ovvero frmato l contratto d appalto, così come prevsto dal terzo e quarto comma dell art. 26, fgura del Drgente (o del responsable d Servzo) che ha commssonato rportat per estratto: l 3 Nel campo d applcazone del decreto legslatvo 12 aprle 2006 n. 163, e successve modfcazon, tale documento è redatto, a fn dell affdamento del contratto, dal soggetto ttolare del potere decsonale e d spesa relatvo alla gestone dello specfco appalto. 3-ter. Ne cas n cu l contratto sa affdato da soggett d cu all artcolo 3, comma 34, del decreto legslatvo 12 aprle 2006, n. 163, o n tutt cas n cu l datore d lavoro non concde con 11 commttente, l soggetto che affda l contratto redge l documento d valutazone de rsch da nterferenze recante una valutazone rcogntva de rsch standard relatv alla tpologa della prestazone che potrebbero potenzalmente dervare dall esecuzone del contratto. ll soggetto presso l quale deve essere eseguto l contratto, prma dell nzo dell esecuzone, ntegra l predetto documento rferendolo a rsch specfc da nterferenza present ne luogh n cu verrà espletato l appalto; l ntegrazone, sottoscrtta per accettazone dall esecutore, ntegra gl att contrattual Il Datore d lavoro E un soggetto pubblco o prvato, ttolare del rapporto d lavoro con dell mpresa o dello stablmento. Secondo l D.Lgs. 81/08 art. 26 comma 3, lavorator e responsable l Datore d Lavoro, prma dell nzo de lavor deve provvedere alla predsposzone d un DUVRI dovrà, n seguto pretendere l osservanza d quanto prevsto nel pano, o drettamente o medante prepost ncarcat. I compt del datore d lavoro sono rassumbl n: Predsporre un organzzazone scura del lavoro; Valutare Vglare sull applcazone del DUVRI; Indvduare rsch nterferenzal; necessar mezz d protezone e prevenzone; Realzzare la massma scurezza tecnologcamente fattble; Rchedere perodche verfche delle attrezzature n uso; Provvedere, ne cas prevst dalla legge e secondo le modaltà ndcate, al controllo santaro de lavorator; Produrre valutazon de rsch, dopo aver esamnato le metodologe prevste per l esecuzone de lavor; Informare Predsporre l opportuna cartellonstca d scurezza; lavorator de rsch cu sono soggett n cantere; 5

8 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo Fssare runon perodche tra lavorator nteressat alla stessa fase lavoratva Il Datore d lavoro, noltre, a sens del D.Lgs. 81/08, consulta preventvamente l Rappresentante de Lavorator per la Scurezza, l quale può rcevere charment su contenut del DUVRI e formulare proposte al rguardo. Il Rappresentante de Lavorator per la Scurezza è consultato dal Datore d lavoro anche n occasone d modfche sgnfcatve da apportare al documento. 4. DOCUMENTAZIONE Dl SICUREZZA E SALUTE 4.1. DOCUMENTI DA INVIARE AL COMMITTENTE Prma dell nzo dell appalto, l appaltatore deve consegnare al Commttente seguent document ed attestazon: a) Vsura Camerale aggornata (data d emssone non superore a 6 mes); b) Elenco de dpendent operatv con relatve nformazon rguardant: Nomnatvo; Mansone; Verbale d formazone; Verbale d Consegna DPI; c) DURC (con data d emssone non superore ad I mese) da nvare ogn mese; d) Poszone INAILJINPS; e) Elenco attrezzature e mezz d opera done alla esecuzone del servzo; f) Elenco de prodott e delle schede d scurezza; g) Numero e tpologa degl nfortun; h) Elenco e descrzone de fattor d rscho legat alle manson svolte da lavorator/operator; ) Autocertfcazone rguardant gl adempment prevst dal D.Lgs. 8 1/08; j) Documentazone ndcante gl oner per la scurezza come prevsto dalla Legge n. 123 del 03/08/200 7; k) Regstro nfortun vdmato dall ASL competente; I) Verbale nformazone a lavorator su rsch present nell untà d produzone; m) Comuncazone nomnatvo RSPP a ASL e Drezone Provncale del Lavoro; n) Documento d valutazone de rsch (DVR) a sens del D. Lgs. 8 1/ ACCETTAZIONE DEL DUVRI Il presente DUVRI e gl allegat, parte ntegrante dello stesso, contengono: le normatve d rfermento, le ndcazon crca la gestone del pano e rapport tra gl attor, la descrzone della documentazone d scurezza e salute, la modulstca; dat relatv alle attvtà del Comune d Vaano, all appalto e all mpresa appaltante; la descrzone delle caratterstche tecnche dell appalto, delle modaltà d ntervento, l anals de rsch nterferenzal, la valutazone de rsch resdu; le msure d prevenzone relatvamente alle fas lavoratve e l elenco de dspostv d scurezza ndvdual. Il DUVRI deve essere sottoscrtto per accettazone da tutt soggett nteressat nelle vare fas: Prma fase Presentazone del DUVRI Commttente Datore d Lavoro Data Frma 6

9 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo Seconda fase Aggudcazone dell appalto Commttente Datore d Lavoro Datore d lavoro dell Impresa Appaltatrce RSPP dell mpresa appaltatrce Data Frma Terza fase Prma dell nzo de lavor Commttente Datore d Lavoro Data Frma A tn dell aggornamento del documento d valutazone de rsch da nterferenza, s rende necessaro procedere alla pubblcazone delle modfche, medante apposzone sulla copertna del nuovo documento la seguente mascherna recante gl estrem d cascuna sngola varazone: Tabella degl aggornament N Varante Pagne Data Frma Ogn copa d aggornamento sosttusce n modo completo quella precedente. L aggornamento è dentfcato nell ntestazone d pagna dal numero progressvo d Revsone (Rev. 1, 2, 3 n). Parte Seconda 6. ANAGRAFICA, IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI COINVOLTI E DESCRIZIONE DEGLI EDIFICI Nella sezone è descrtta l anagrafca del Comune d Vaano e sono ndvduat gl attor prescrtt dal D. Lgs. 81/08. Inoltre, vengono ndvduate le attvtà oggetto del presente appalto e le modaltà esecutve delle stesse. In questa parte è anche nserta l accettazone del DUVRI: tutt soggett convolt dovranno frmare quel captolo e andranno nserte n quelle pagne le specfche crca le eventual revson d cu fosse oggetto l presente documento DATI RELATIVI ALLE STRUTTURE Ubcazone delle strutture Le strutture del Comune d Vaano, oggetto dei presente appalto, sono elencate nel Captolato Specale d Oner, e d seguto rportate nel presente scheda: 15 Edfcoluntà Indrzzo Attvtà prevalente! Numero produttva destnazone d pan 01 Palazzo del Pazza del Comune Sede prncpale dell ammnstrazone 3 Comune n 2-4 comunale. E sede delle seguent attvtà: a) Uffc_dell Ammnstrazone 7

10 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo Rf. Tel. Comunale; 0574/94241 b) Uffc Urbanstca; c) Uffc Edlza Prvata; d) Uffc Istruzone e Cultura; e) Uffc Servz Fnanzar e Segretera; f) Uffco Entrate e Svluppo Economco; g) Uffc Anagrafe, Servz Socal; h) Uffc Sport, Poltche Govanl; ) Uffc_della_Polza_Muncpale; 02 Palazzna Va Mazzn n 21 E sede delle seguent attvtà: 4 j) Uffc tecnc patrmono e LL.PP; Rf. Tel. k) Uffc ambente; 0574/ I) Uffc del Personale; m) Bbloteca comunale E. Basagla ( tel. 0574/942484) n) Scuola_d_Musca 03 Magazzno Va dell Argne n 2 Servz genc del magazzno comunale; Comunale 04 Vlla l Va della Fattora Sede delle attvtà cultural, espostve, 2 Mulnacco ed s.n.c. con relatv anness; anness Rf. Tel. 0574/ DATI RELATIVI ALLE ATTIVITÀ IN PROGETTO 7.1 ANAGRAFICA DEL COMMITTENTE PER UNITA PRODUTTIVA A) PALAZZO DEL COMUNE COMMITTENTE RAGIONE SOCIALE Dott. Carmelo Apollono COMUNE Dl VAIANO C.F P.lva: SEDE: VIA, CIVICO, CAP, CITTA Pazza del Comune n 2 4, VAIANO RIF. TELEFONICO 0574/ RIF. FAX 0574/ RIF. POSTA ELETTRONICA DATORE DI LAVORO Geom. Maro Gall B) PALAZZINA VIA MAZZINI COMMITTENTE Dott. Carmelo Apollono RAGIONE SOCIALE COMUNE DI VAIANO C.F P.Iva: SEDE: VIA, CIVICO, CAP., CITTA Va Mazzn n 21, VAIANO RIF. TELEFONICO 0574/ RIF. FAX 0574/ RIF. POSTA ELETTRONICA DATORE DI LAVORO Geom. Maro Gall C) SERVIZI IGENICI DEL MAGAZZINO COMUNALE COMMITTENTE Dott. Carmelo Apollono RAGIONE SOCIALE COMUNE Dl VAIANO C.F P.lva: SEDE: VIA, CIVICOCAP., CITTA Va dell Argne n 2, VAIANO 8

11 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo RIF. TELEFONICO 0574/ RIF. FAX 0574/ RIF. POSTA ELETTRONICA DATORE Dl LAVORO Geom. Maro Gall D) VILLA DEL MULINACCIO COMMITTENTE Dott.ssa Amern Dama RAGIONE SOCIALE COMUNE Dl VAIANO C.F P.Iva: SEDE: VIA, CIVICO, CAP., CITTA Va della Fattora s.n.c., VAIANO RIF. TELEFONICO 0574/ RIF. FAX 0574/ RIF. POSTA ELETTRONICA DATORE DI LAVORO Geom. Maro Gall 7.2 FIGURE DI RIFERIMENTO AI SENSI DEL D. LGS PER IL COMMITTENTE DATORE DI LAVORO RSPP M.C. RLS Geom. Maro Gall Ing. Gulo Maran Prmo Lenz Rccardo Peraccn 8. DATI RELATIVI ALL IMPRESA APPALTANTE 8.1 ANAGRAFICA DELL APPALTATORE NOME DELL IMPRESA SEDE LEGALE: VIA, CIVICO, CAP., CITTA ISCRIZIONE ALLA CCIM ISCRIZIONE AL TRIBUNALE P.IVA C.F. RIF. TELEFONICO RIF. FAX RIF. POSTA ELETTRONICA TIPOLOGIA DITTA DATORE DI LAVORO ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA DI APPARTENENZA SETTORE PRODUTTIVO DI ATTI VITA CATEGORIA ISTAT 8.2 FIGURE DI RIFERIMENTO AI SENSI DEL D. LGS PER L APPALTATORE APPALTATORE QUALIFICA COGNOME E NOME RIF. TELEFONICO DATORE DI LAVORO (ART. 2/81) DIRIGENTE (ART. 2/81) 9

12 PREPOSTO (ART. 2/8fl RESPONSABILE SPP (ART.31/81) RLS (ART. 47/81) SPP (ART. 18/81) MC (ART. 18/81) Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo APPALTATORE DIPENDENTI N DI CUI: TOTALE DIPENDENTI MASCHI FEMMINE DIRIGENTE IMPIEGATI OPERAI ALTRI COLLABORATORI 9. ALTRI DATI RELATIVI ALL APPALTO IN OGGETTO 9.1. RIFERIMENTI Dl CAPITOLATO Per gl mport d appalto s fa rfermento ali Art. 3 dei Captolato specale d Appalto. In dettaglo valor economc sono rrortat d seauto: AMMONTARE DEL SERVIZIO IN EURO Import n euro 1. DI CONTRATTO PER LAVORI ,00 2. PER ONERI DELLASICUREZZA NON SOGGETTI A RIBASSO 3.525,00 TOTALE ,00 Per temp d appalto s fa rfermento all Art. I del Captolato specale d Appalto. In dettaglo temp e la durata d espletamento del servzo, sono rportat d seguto: TEMPI DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO DATE TEMPO CONTRATTUALE COMPLESSIVO Ann 5 (cnque) INIZIO DEL SERVIZIO 01/05/2013 FINE DEL SERVIZIO 30/04/ CARATTERISTICHE TECNICHE E DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ PREMESSA Le attvtà d pulza esegute presso le strutture comunal, prevalentemente manual per pccol ambent, n parte meccanzzate per superfc pù estese della struttura, rguardano tutt gl ambent lavoratv delle untà produttve elencate al paragrafo 7.1. l mpresa affìdatara s occupa, oltre che della pulza, anche della raccolta de rfut sold. S tratta d rfut sold assmlat agl urban, che provengono per lo pù dagl uffc; sono esclus dal presente appalto rfut classfcabl come specal TIPOLOGIA DEI DIVERSI SERVIZI ESPLETATI Pulze n ambent comun e n uffc. Le operazon prncpal non rchedono partcolar specalzzazon e consstono per Io pù n pulze general. Le pù comun sono: 1. pulza de pavment 2. pulza de vetr 3. pulza de servz genc 4. operazon d pulza e d spolvero de mobl e delle suppellettl 5. rtro de rfut sold 10

13 Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc Comune d Vaano d propretà del Comune d Vaano per l perodo SOSTANZE UTILIZZATE La maggor parte delle sostanze usate per la pulza rentra tra quelle consderate percolose. L azone pù comune che possono eserctare è quella rrtante, da contatto o allergca, sulla pelle e/o sulle mucose o sugl occh. Massmamente non devono essere reattve né tossche e corrosve. S raccomanda comunque l uso de guant e grande attenzone nelle operazon d travaso. a) Dsnfettant (usat soprattutto negl ambent santar); b) Detergent per pulze general; c) Dsncrostant (s usano n partcolare per un certo grado d percolostà); d) Cere (usate n partcolare per servz genc: la loro azone è forte e presentano pavment: presentano un basso lvello d percolostà); 11. VALUTAZIONE DEI RISCHI In lnea d massma, per la fgura professonale addetto alle pulze s presentano rsch d ordne generale legat alle operazon d pulza d ambent generc e rsch specfc, d ordne fsco, chmco. boloaco. collegt agl ambent dove s svolgono le operazon d pulza. Mansone Attvtà svolta Rsch Addett alle pulze Pulze stanze e Rsch per nfortuno e local struttura relatve soluzon Rsch conness con l uso d sostanze chmche e relatve soluzon Rsch da polver e relatve soluzon Rsch per esposzone àd agent nfettv e relatve soluzon Rsch da mcroclma e relatve soluzon Rsch per stress e relatve soluzon RISCHI PER INFORTUNIO In questo settore s regstra una frequenza notevole d nfortun, ma con dann d solto non partcolarmente grav, causat prevalentemente da dsattenzone o per nesperenza. I rsch per nfortuno pù frequent sono: a) Cadute e scvolament, con conseguent dstorson, fratture... Sono spesso causate da sostanze scvolose usate nelle operazon d lavaggo, ma possono awenre anche per pulze da una certa altezza (per esempo per la lavatura de vetr...), per superfc bagnate con pavmentazon che svluppano scarso grp (attrto); b) Folgorazon elettrche ed ncendo, quest rsch sono legat alla meccanzzazone del settore, n ambent spesso umd per le operazon d lavaggo, o per la presenza d apparecchature almentare elettrcamente, per la presenza d depost d materale combustble, sporco e polver; c) Tagl e perforazon, con conseguent ferte ed eventual nfezon. Sovente gl nfortun d questo genere sono collegat alla raccolta de rfut sold, per la presenza non vsta d materale taglente; d) Caduta d pes. Sono spesso collegate alle operazon d spolvero per oggett post n poszone elevata ed n equlbro precaro. e) Dstorson, traum dorso lombar. Per movmentazone manuale de carch pesant, con conseguent strapp muscolar, erne, artros e malatte alla colonna vertebrale. 11

14 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo PRECAUZIONI E NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI Prortara è un azone d nformazone e formazone concordata con l azenda per mettere lavorator n grado d conoscere ed usare correttamente gl strument ed materal d lavoro, nonché DPI (dspostv d protezone ndvduale). Solo un azone del genere rgorosa e puntuale può evtare una sottovalutazone de rsch e comportament non scur. Oltre a questo, le prncpal RACCOMANDAZIONI preventve relatve a questo genere d rsch sono: uso d vestt pratc, con le manche strette a pols e prv d part che s possano mpglare faclmente; uso d scarpe chuse e d pelle mpermeable o d gomma, non d stoffa; uso d cnture e mbracature d scurezza per la pulza de vetr o d luogh elevat. E comunque preferble, quando possble, usare attrezz manovrat da terra (tra battello, mpalcato e/o pattaforma anche a noleggo); uso de DPI, n partcolare de guant, per evtare tagl; uso d apparecchature e mpant elettrc a norma CEE, segute con regolare ed accurata manutenzone e dotate d dcharazone d conformtà; vanno evtat cav volant, prese multple,...; bsogna verfcare che l mpanto elettrco sa fornto d nterruttor salvavta e gl apparecch per l llumnazone a doppo solamento ; se non utlzzat non lascare n tensone (spent) gl apparecch elettrc (per evtare l loro surrscaldamento); pretendere l rspetto de segnal d dveto d fumo. Abtudne ad evtare comportament a rscho, come l gettare mozzcon acces d sgarette nel cestno de rfut; uso d cartell ndcant l rscho specfco; organzzazone del lavoro mrata alla rduzone de rsch, che preveda coè pause negl orar, rotazone nelle manson, rduca carch ndvdual, percors e la frequenza degl spostament; ove possble, vanno usate le attrezzature meccanche per l trasporto ed l sollevamento; NORMATIVA DI RIFERIMENTO CEE 89/655, attrezzature da lavoro; CEE 89/656, su dspostv d protezone ndvduale; CEE 90/269, sulla movmentazone carch; CEE 90/6 79, sugl agent bologc; D.Lgs 81/08; Norme UN! 7562 (cnture d scurezza); D. Lgs. 163/2006 Contratt pubblc; D.M. 37/2008 (Norme per la scurezza degl mpant); D.Lgs 493/96, con allegat I, Il e IV (segnaletca); UTILIZZO Dl SOSTANZE CHIMICHE Gran parte de prodott d pulza rentra tra le sostanze nocve, I rsch pù frequent rguardano l contatto accdentale con prodott rrtant o corrosv. Le malatte della pelle pù comun sono: dermatt rrtatve (brucore, prurto, ragad, macche, ertem). Sono spesso provocate da: a) dal contatto con sostanze detergent, che asportano lo strato superfcale protettvo drolpdco, ndebolendo le dfese natural della pelle (come l sapone) o da sostanze che sono drettamente rrtant; b) per mmersone prolungata nell acqua; dermatt allergche da contatto Sono provocate prevalentemente dal contatto con: a) metall (nchel, cromo, cobalto); c) addtv della gomma spesso contenut n mezz protettv, come guant d gomma; d) prncp attv o addtv contenut ne detergent, ne dsnfettant o ne profum; 12

15 d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc Comune d Vaano Provnca d propretà del Comune d Vaano per l perodo altr effett comun sono: a) nfammazon e rrtazon agl occh ed all apparato respratoro (asma, rnte, conguntvte...) per contatto o esalazone accdentale; b) ntosscazon per ngeston accdental; c) cefalea; Le prncpal RACCOMANDAZIONI preventve n questo genere d rsch sono: un azone prortara d nformazone e addestramento per mettere lavorator n grado d conoscere ed usare le sostanze chmche ed loro effett a breve, medo e lungo termne; nformazone e formazone de lavorator sulle specfche procedure d emergenza n caso d ncdente; segnalazone con cartellonstca adeguata de rsch; attenta lettura e rspetto delle ndcazon contenute nelle etchette de prodott utlzzat (sono prevste dalla apposta normatva); dotazone ed uso, con relatvo addestramento, de DPI (dspostv d protezone ndvduale): per esempo guant monouso o mascherne; effettuazone d vste medche perodche obblgatore e controllo santaro per gl addett alla manpolazone ed all uso d sostanze contenute ne prodott d pulza; prove allergometrche; lavaggo mmedato ed abbondante n caso d contatto accdentale con le sostanze rrtant; buona aerazone degl ambent d lavoro ed eventuale adeguamento con sstem d asprazone e/o aerazone; accurata pulza a fne turno sa personale che degl attrezz da lavoro; elmnazone/segregazone de vestt mpregnat eventualmente d prodott nocv n appost contentor (o del tpo usa e getta nel caso d condzon d lavoro partcolarmente gravose); separazone de vestt pult da quell utlzzat per l lavoro (mnmo spolverna); porre partcolare attenzone a travas d sostanze, è preferble evtarl, se possble; chusura de contentor con tapp; NON utlzzazone MAI bottgle destnate d solto ad altr us, spece se almentar; rspetto del dveto d non fumare. Evtare rsch d ncendo, essendo spesso nfammabl (con nnesco anche n presenza d esalazon). prodott NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.M e D.M : regolano l etchettatura delle sostanze percolose. D.Lgs 493/96, art. 6 CEE 90/394 su agent cancerogen CEE 78/3 19 su sostanze tossche e nocve CE 89/656 (DPI) D.Lgs 81/08, DPR 915/82 (elenco sostanze tossche e nocve) POLVERI La provenenza delle polver può essere vara, dalle polver sollevate nel corso delle operazon d pulza a quelle prodotte dalle lavorazon ndustral, a quelle prodotte da condzonator dfettos o trascurat nella manutenzone. Gl effett patologc pù frequent sono: nfammazon o rrtazon agl occh ed all apparato respratoro, asma, rnte, conguntvt (n soggett allergc). RACCOMANDAZIONI E prortara un azone d nformazone e formazone, per rendere ed evtare lavorator n grado d conoscere rsch conness con le polver. Le prncpal ndcazon preventve, ATTE A PREVENIRE EFFETTI PATOLOGICI NEI LAVORATORI mpegat nel servzo, oltre la suddetta formazone, sono: l uso d asprapolver; l asportazone manuale delle polver con stracc umd; 13

16 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo conoscenza delle component delle polver prodotte dalle lavorazon per evtarne rsch; l uso d DPI (dspostv ndvdual d protezone), quando necessaro, n partcolare delle mascherne fltrant; accurata manutenzone degl mpant d condzonamento e ventlazone; NORMATIVA Dl RIFERIMENTO CEE 89/655 e allegat I e Il (attrezzature da lavoro) CEE 89/656 con allegat (DPI) CEE 90/6 79 con allegat (agent bologc) D.Lgs 81/ ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI ED INFETTIVI Sono present soprattutto nell ambto santaro anche per quanto rguarda l trasporto de rfut specal. Le nfezon pù comun sono l epatte B e C, l tetano, la tubercolos, l AIDS. RACCOMANDAZIONI Questo genere d rsch è prevalente negl ambent santar, ma s rtrova anche n ambent dvers, come all nterno delle mense, nell ndustra almentare, n compless per uffc d grand dmenson, ne luogh apert al pubblco. Prortara è un azone d nformazone e formazone concordata con l azenda appaltatrce del servzo d pulza, per mettere lavorator n grado d conoscere rsch conness con gl agent nfettv e d usare DPI; Segnalazone con cartellonstca adeguata de rsch bologc present all nterno de luogh d lavoro (compreso quell ndcant compart all nterno de qual l rscho è confnato); Protezone specfca con DPI (tute usa e getta, mascherne con fltr) per local da bonfcare, partcolarmente umd, n presenza d muffe e d spore; Vaccnazone, n partcolare contro l epatte B ed l Tetano; In relazone ad attvtà condotte all nterno d presd/centr santar occorre noltre adottare le seguent precauzon: Contro l epatte C e I AIDS vanno evtat contatt con sangue e materale nfetto. S devono usare pertanto guant antnfortunstc e contentor adatt per rfut. Accortezza e massma attenzone ne confront d oggett taglent ed appuntt, come srnghe, provette, vetrn; Informazone e formazone de lavorator sulle specfche procedure d emergenza n caso d ncdente; Effettuazone, quando è prevsto, de controll santar e delle vste medche perodche obblgatore, a lavorator che svolgono gener d lavoro pù espost; Prove allergometrche; Elmnazone/segregazone de vestt espost a rscho d nfezone n appost contentor sgllat; NORMATIVA Dl RIFERIMENTO D.M e D.M : regolano I etchettatura delle sostanze percolose. D.Lgs 493/96, art. 6 CEE 90/6 79 con allegat (agent bologc) CEE 78/319 su sostanze tossche e nocve CEE 89/656 con allegat (DPI) D.Lgs8l/08 DPR 9 15/82 (elenco rfut tossc e nocv) MICROCLIMA I rsch d questo tpo s presentano quando le pulze s fanno n orar n cu gl mpant d rscaldamento o condzonamento sono spent, quando s passa contnuamente da un ambente 14

17 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo caldo ad uno freddo e vceversa, oppure quando l tasso d umdtà dell ara è nferore al 40% o superore al 60 %, con temperature relatva dell ara fuor dal range d comfort termco. I dann pù comun sono naturalmente le malatte dell apparato respratoro (farngt, tonsllt, rnt...), ma anche dolor artcolar e muscolo scheletrc. RACCOMANDAZIONI E prortara un azone d nformazone e formazone concordata con l azenda, per mettere lavorator n grado d conoscere ed evtare preventve rguardano: rsch conness col mcroclma. Le prncpal ndcazon l uso d ndument da lavoro adeguat alle condzon clmatche nterne e stagonal; attvazone d sstem d rscaldamento, d ventlazone o d condzonamento (mobl), con prowedment tecnc automatc che controllno l tasso d umdtà dell ara; effettuazone d verfche perodche e regolare manutenzone degl mpant, con partcolare attenzone alla pulza de fltr; ntroduzone d una organzzazone del lavoro che lmt la durata d permanenza del lavoratore negl ambent troppo cald o troppo fredd; nell ambto dell attvtà lavoratva effettuare l controllo d alcun parametr mcroclmatc: - numero - temperatura - umdtà - temperatura adeguato d rcamb d ara; nterna nvernale oscllante tra 18 e 20 C (con ntenstà d lavoro medo leggero); relatva nvernale compresa tra %; nterna estva nferore all esterna d non pù 7 C; - umdtà relatva estva compresa tra %; - veloctà dell ara nferore a 0,15 m/sec.; NORMATIVA Dl RIFERIMENTO D.Lgs 81/08 DPR 242/96, art STRESS DA LAVORO CORRELATO Spesso le pulze s fanno n orar dsagevol, per non sovrappors alle lavorazon che s svolgono negl ambent da pulre. Le conseguenze negatve possono rguardare sa la vta socale dtal rsch legat all solamento n caso d I percolo o d bsogno d auto. dann pù lavorator, sa comun per le gl effett dello stress da lavoro correlato, sono prevalentemente l nsonna e problem all apparato gastroenterco. RACCOMANDAZIONI Il Datore d lavoro deve ntervenre opportunamente sull organzzazone del lavoro, mrata alla rduzone de rsch, con partcolare attenzone alla rotazone delle manson ed agl orar d lavoro. NORMATIVA DI RIFERIMENTO CEE 89/391 (drettva quadro) 12. RISCHI E MISURE CONNESSI ALLE INTERFERENZE NOTA PREVENTIVA AL PARAGRAFO Poché per una corretta descrzone de temp e de metod d lavoro è mportante conoscere la reale organzzazone delle mprese partecpant, l presente DUVRI, prevede temp ed anals della scurezza n forma generale. S evdenza, noltre, che l Datore d lavoro della dtta aggudcatara dovrà concordare con la stazone appaltante, almeno 15 GIORNI PRIMA DELL INIZIO DELLE FASI LAVORATIVE, le fas d lavoro ed temp, analzzando gl eventual rsch dervant dalla contemporanetà degl ntervent d pulza e dalle modaltà d esecuzone, consentendo, n tal modo, l aggornamento del presente DUVRI. 15

18 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo In questo paragrafo, per maggor charezza vengono rassunte le msure d prevenzone e protezone de rsch dervant dalla presenza contemporanea del personale dpendente da pù Dator d Lavoro. Nel caso le nterferenze fossero solo temporal e non spazal, e le conseguenze d eventual ncdent non possano convolgere local adacent, le attvtà potranno svolgers contemporaneamente. L mpresa aggudcatara dovrà porre partcolare attenzone e sensblzzare propr lavorator n merto a temp d esecuzone dell attvtà. La Dtta aggudcatara dovrà, noltre, consderare che l propro DVR dovrà prendere n consderazone l fatto d lavorare n ambent d lavoro n parte occupat da dpendent e utent estern (ossa gl utent de pubblc servz). Le azon d coordnamento sono contenute, per ogn attvtà, all nterno de captol successv e sono d seguto rassunte: evtare la presenza nell ambto degl stess spaz, d operator non addett alle specfche manson; n caso d uso d attrezzature n nolo, alla consegna ed alla resttuzone della stessa s dovrà verfcare la sua rspondenza alle norme d scurezza; qualora n corso d opera s presentno nterferenze non prevste, le stesse dovranno essere preventvamente comuncate al Datore d Lavoro Commttente, e specfcatamente autorzzate. S prevede che potenzalmente nell ambto del presente appalto s possano verfcare le seguent condzon d contemporanetà da cu potrebbero dervare effett d nterferenza con l attvtà d pulza: svolgmento d attvtà ammnstratva fuor oraro; presenza d utent; approvvgonament, rfornment (carta, toner ); manutenzone (edl e mpantstche) degl stabl e delle apparecchature; 12.1 TEMPI DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO Le prestazon sono da effettuars normalmente al d fuor dell oraro d lavoro o d utlzzo da parte dell utenza; dpendent dell Ente non sono pertanto present, tranne che per attvtà straordnare. Potrebbero essere present ammnstrator dell Ente DISPOSIZIONI GENERALI PER L EFFETTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ LAVORATIVE Rcovero materal, attrezzature Le attrezzature ed carrell sono custodt ed prodott conservat, per cascuno stable /untà produttva: ID Edfcoluntà Indrzzo Localzzazone pano produttva 01 Palazzo del Pazza del Comune n 2-4 Stanza presso l servzo T Comune Rf. Tel. 0574/94241 Economato 02 Palazzna Va Mazzn n 21 Stanza presso l servzo Lavor 3 Rf. Tel. 0574/ Pubblc pano 30 Magazzno Va dell Argne n 2 Stanza presso l servzo Lavor Comunale Pubblc pano Cascun rpostglo rsulta gà dotato d armad e scaffal per l appoggo, accessble n va esclusva a sol addett alle pulze. Al personale comunale è fatto dveto d utlzzare o prelevare per qualunque scopo, detto materale. 16

19 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo Rsch legat all utlzzo de prodott detergent In cascun vano rpostglo possono essere depostat prodott chmc per l cu stoccaggo non rcorrano obblgh specfc n condzon normal, ad eccezone dell aerazone del locale e del mantenmento d temperature non eccessve, che sono garantt dalla collocazone e confgurazone del locale stesso. Per quanto attene la gestone de rsch dervant dal comportamento de prodott n caso d ncendo, s dspone che eventual prodott etchettat come nfammabl, esplosv o che n caso d ncendo possono dare luogo ad emanazon tossche o nocve, non sano stoccat nel vano suddetto, ma sano trasportat dagl operator addett d volta n volta nella quanttà necessara alla effettuazone del servzo per cascun sngolo utlzzo (ed asportat al termne dello stesso). 13. GESTIONE DELL EMERGENZA. PROCEDURE Dl EMERGENZA ED EVACUAZIONE NEL CASO Dl RISCHIO Dl INCENDIO Tutte le strutture comunal, n funzone delle attvtà che v s svolgono, sono provvste d donee ve d fuga, scure, sgombre da ostacol, segnalate. Esse sono utlzzabl da lavorator anche per l passaggo n condzon normal ma devono essere mantenute n condzon d effcenza per l emergenza. Le ve d fuga sono adeguatamente llumnate anche n caso d guasto dell mpanto d llumnazone artfcale medante un mpanto d emergenza. Il DVR della Dtta aggudcatara dovrà contenere pan d emergenza delle strutture comunal per asscurare una rapda evacuazone dalle dfferent zone d lavoro, n caso d percolo. Per tutt lavorator deve essere realzzato un programma d nformazone per l evacuazone e la lotta antncendo. Qualora se ne rscontr la necesstà s devono prevedere pan d evacuazone specfc. Quest devono ncludere l attvazone del sstema d emergenza e l evacuazone d tutte le persone dalla loro area d lavoro all esterno o ad un luogo scuro. I dspostv per contrastare l ncendo (estntor) sono present n numero e collocazone adeguata e sono perodcamente sottopost a manutenzone. Ess sono ndvduabl a cascun pano attraverso l apposta cartellonstca d ndvduazone. Compto dell appaltatore è nformare e formare gl addett sulle modaltà d evacuazone e procedere alle attvtà pratche prevste dalle norme n matera d prevenzone e protezone. Consderando la possble presenza d personale dpendente dell Ente all nterno del fabbrcato, s stablsce che, n caso d stuazone d emergenza, anche potenzale, gl addett, lavorator dpendent dell appaltatore, provvedono a segnalare la stuazone d percolo chamando l n. d telefono 115, nonché ad awsare l Datore d Lavoro. Fatto cò, gl addett s mettono n salvo provvedendo ad evacuare e far evacuare Io stable, secondo le procedure ndcate dall appaltatore. I dpendent o ammnstrator present seguono le ndcazon del pano d evacuazone ed emergenza dell Ente. Data l mpossbltà, allo stato attuale, d raggungere con tale metodo tutte le aree delle sed muncpal, n generale è precluso a dpendent ed ammnstrator comunal d accedere, al d fuor dell oraro d lavoro, a local solat salvo dverse dsposzon. PRECISAZIONI Al FINI DELL EVACUAZIONE DEGLI STABILI Non realzzare depost d materal d pulza al d fuor de carrell o su tavol o altre postazon d lavoro; non ntralcare transt con carrell, attrezzature d lavoro e sml. Arred ed ngombr che se rmoss per le pulze, possono costture un rscho a tn dell evacuazone dell edfco (n caso d emergenza) o per rbaltamento sugl operator; 17

20 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo FORMAZIONE DEL PERSONALE A fn della gestone n scurezza all nterno delle vare sed del comune, è ndspensable che l Datore d lavoro dell mpresa appaltante abba attuato ne confront de lavorator subordnat quanto prevsto dal D.Lgs 81/08 e dalle altre legg e regolament vgent n matera d sttut relazonal d nformazone, formazone, addestramento ed struzone al fne della prevenzone de rsch lavoratv. L attuazone degl obblgh formatv/nformatv e degl sttut relazonal è possble attraverso l espletamento d cors n matera d gene e scurezza del lavoro, da parte de lavorator oppure attraverso la consegna agl stess d materale ddattco. L awenuto adempmento agl sttut relazonal dovrà essere dmostrato da attestazon rlascate da Ent Formator abltat. A ttolo esemplfcatvo, non esaustvo, s evdenza che gl argoment trattat nell espletamento degl sttut relazonal devono essere relatv a drtt e a dover de lavorator, l abbglamento e dspostv d protezone ndvduale, la segnaletca d scurezza, servz genco assstenzal, l pronto soccorso, rsch specfc per ogn sngola fase, comportament da tenere a fn della scurezza, l rscho chmco, l rscho bologco, la prevenzone ncend ed l relatvo pano d emergenza, etc. 15. ASSISTENZA SANITARIA E PRONTO SOCCORSO Dovrà essere predsposta a cura della Dtta aggudcatara, ne local mess a sua dsposzone, n luogo accessble ed adeguatamente segnalato con cartello la cassetta d pronto soccorso. 16. VISITE MEDICHE PREVENTIVE E PERIODICHE Per tutt lavorator dell mpresa appaltante chamat ad operare nelle strutture comunal, dovrà essere DICHIARATA l donetà fsca allo svolgmento della mansone, per mezzo d accertament santar e dagnostc, esegut da un Medco competente. A ttolo ndcatvo, s rportano d seguto alcune ndcazon relatve ad alcun rsch e alla necesstà d espletare gl accertament santar obblgator. La sorveglanza santara dovrà essere attuata n conformtà alla legslazone vgente. Il DVR dell aggudcatara dovrà rportare l nomnatvo del Medco competente. Qualora l attvtà non sa soggetta a sorveglanza santara, s certfcherà n modo puntuale nel DVR la non necesstà dtale verfca SORVEGLIANZA SANITARIA IN PRESENZA DI RISCHI DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI La sorveglanza santara è obblgatora per tutt gl addett; la perodctà delle vste medche è stablta dal medco competente 16.2 SORVEGLIANZA SANITARIA IN PRESENZA DI AGENTI BIOLOGICI E CHIMICI Tutt gl addett sono sottopost a sorveglanza santara e, prevo parere del Medco competente, alle eventual vaccnazon rtenute necessare (ad esempo, anttetano e antepatte). Sono sottopost a sorveglanza santara, prevo parere del medco competente, tutt soggett che utlzzano o che s possono trovare a contatto con agent chmc consderat percolos n conformtà alle ndcazon contenute nell etchetta delle sostanze mpegate, nonché gl espost a rscho bologco ABITI DI LAVORO E MEZZI PERSONALI DI PROTEZIONE A tutt lavorator dovranno essere obblgatoramente fornt n dotazone personale necessar Dspostv d Protezone Indvdual. Ferma restando l opportuntà d prevedere de sstem d protezone collettva n modo preferenzale rspetto a quell ndvdual, nel DVR dell mpresa 18

21 d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc Comune d Vaano Provnca d propretà del Comune d Vaano per l perodo aggudcatara dovrà essere rportato l elenco dettaglato d tutt a lavorator. Tutt DPI consegnat nomnatvamente lavorator dovranno essere adeguatamente format e nformat crca uso de DPI loro consegnat. S rcorda, nfne, che per l corretto DPI d categora 3 è obblgatoro l addestramento (otoprotettor, cnture d scurezza, maschere per la protezone delle ve respratore). Per quanto attene la scelta de mezz personal d protezone con specfco rfermento a guant, calzature, maschere antpolvere ed apparecch fltrant e solant, occhal d scurezza e vsere, cnture d scurezza, ndument protettv partcolar, vengono fornte nelle schede che s allegano alcune ndcazon crca: la scelta del mezzo n funzone dell attvtà; percol e le stuazon percolose per le qual occorre utlzzare l mezzo; le struzon per gl addett; Tal dspostv d scurezza dovranno essere rgorosamente conform alle prescrzon del D. Lgs 475/92 e s.m.. e marchat CE. Tpo d protezone Protezone delle ve respratore Protezone de ped Tpo d DPI, categora e norme d rfermento Maschere con fltro scelte n base all Allegato 3 del D.M.20/8/99 Tutt Mascherne oronasal Scarpe antnfortunstche con o senza puntale rnforzato Guant d protezone contro rsch Tutt Mansone svolta lavorator espost lavorator Addett all uso d prodott chmc Protezone delle man chmc e bologc a norma UNIEN e alle pulze e dsnfestazon 374 Protezone da cadute dall alto Tutt lavorator destnat ad Imbracature UNIEN 361 operare ad altezze superor a 2m senza parapetto Protezone d altre part del corpo Tuta da lavoro Tutt Tuta protettva contro agent pulze ed espost a rsch lavorator addett alle nfettant bologc e chmc n genere 164 DIREZIONE, SORVEGLIANZA, ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO L organzzazone del lavoro e della scurezza è artcolata n dvers moment d responsablzzazone e d formazone de var soggett nteressat al processo così che a fanco d ch esercsce l attvtà, n ogn untà/struttura, v sono anche le fgure d coloro che drgono le attvtà (drgent) e d coloro che le sorveglano (prepost). Il ttolare dell mpresa appaltatrce, deve provvedere a: dsporre che sano attuate le msure d scurezza relatve all gene e all ambente d lavoro n modo che sano asscurat norme tecnche, mettendo a dsposzone rendere edott ed aggornat requst rchest dalle vgent legslazon e dalle pù aggornate drgent, necessar mezz; prepost, lavorator, nell ambto delle rspettve competenze, sulle esgenze della scurezza azendale e sulle normatve d attuazone con rfermento alle dsposzon d legge e tecnche n matera. I soggett che drgono le attvtà per conto della stazone appaltante hanno l compto d: programmare le msure d scurezza relatve all gene ed all ambente d lavoro; 19

22 Comune d Vaano Provnca d Prato Servzo pulza e sanfcazone d local ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo llustrare a prepost contenut d quanto programmato rendendol edott de sstem d protezone prevst sa collettv che ndvdual n relazone a rsch specfc cu sono espost lavorator; rendere edotte la Dtta appaltatrce su contenut d quanto programmato e su sstem d protezone prevst; rendere edott lavorator de rsch specfc cu sono espost e portare a loro conoscenza le norme essenzal d prevenzone; mettere a dsposzone de lavorator mezz d protezone e dsporre che sngol lavorator osservno le norme d scurezza; verfcare ed esgere che sano rspettate le dsposzon d legge e le msure programmate a fn della scurezza collettva ed ndvduale; predsporre affnché gl ambent, gl mpant, mezz tecnc ed dspostv d scurezza sano mantenut n buona condzone, provvedendo a far effettuare le verfche ed controll prevst; I soggett che sovrantendono le attvtà hanno l compto d provvedere a: attuare tutte le msure prevste dal pano d scurezza; esgere che lavorator osservno le norme d scurezza e faccano uso de mezz ndvdual d protezone; aggornare lavorator sulle norme essenzal d scurezza relatve a rsch specfc cu sono espost. 17. MODALITÀ Dl VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI Il presente pano contene l ndvduazone, l anals, la valutazone de rsch e le conseguent procedure esecutve, gl apprestament d dfesa e le attrezzature atte a garantre l rspetto delle norme per la prevenzone degl nfortun e la tutela della salute de lavorator. La valutazone de rsch vera e propra comporta un confronto tra la fonte d percolo che è stata ndvduata ed l gruppo d soggett a rscho ad essa relatv. Nell ottca d un processo logco rgoroso, occorre stablre le untà d msura de parametr che consentono d pervenre ad una qualche gradazone del rscho atteso, stante la necesstà d ottenere una scala d prortà d ntervento, a partre da rsch pù elevat. La metodologa utlzzata è quella d defnre scale qualtatve d valutazone, che possono dar conto n modo semplce dell enttà delle varabl n goco. Lo strumento proposto ntende anztutto rspondere alle esgenze della fase d dentfcazone de possbl rsch n conseguenza della quale gl stess vengono valutat e sottopost a msure correttve. La fase d dentfcazone de rsch prevede d ndvduare le font potenzal d percolo per la scurezza e la salute de lavorator. Allo scopo, s è utlzzato l sottostante prospetto contenente l elenco de fattor d rscho per la scurezza e per la salute de lavorator. Fattor d rscho per la scurezza e la salute Rsch per la scurezza caduta d persone dall alto; caduta d materale dall alto; urt colp mpatt compresson schaccament; punture tagl abrason; scvolament cadute a lvello; nvestmento; elettrctà; contatto con lnee d servz; Rsch fsc e chmc per la salute radazon lonzzant e non onzzant rumore 20

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Soluzione esercizio Mountbatten

Soluzione esercizio Mountbatten Soluzone eserczo Mountbatten I dat fornt nel testo fanno desumere che la Mountbatten utlzz un sstema d Actvty Based Costng. 1. Calcolo del costo peno ndustrale de tre prodott Per calcolare l costo peno

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

8.2 CORSO DI FORMAZIONE

8.2 CORSO DI FORMAZIONE SRVeSS Sstema d Rfermento Veneto per la Scurezza nelle Scuole La runone perodca 8.2 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 LA RIUNIONE PERIODICA DI SICUREZZA

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo Appendce B (nformatva) Esemp d documentazone tecnca completa sottoposta ad accertamento documentale con esto postvo B.1 Generaltà La presente appendce fornsce alcun esemp d documentazone tecnca, relatv

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N.

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CIG Z7C0D7B416 1 Premessa Il presente documento unico di valutazione

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari Rlevatore d fumo rado fumonc 3 rado net Infomazon per locatar e propretar Congratulazon! Nella vostra abtazone sono stat nstallat rlevator d fumo ntellgent fumonc 3 rado net. In questo modo l locatore

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani

CITTA DI SALEMI Libero Consorzio Comunale di Trapani r " CTTA D SALEM Lbero Consorzo Comunale d Trapan 4 SETTORE "Ambente Protezone Cvle Servz Cmteral Edlza popolare Uffco Art.5 Patrmono" AVVSO CENSMENTO AMANTO (scadenza 20 maggo 2015) S avvsa la Cttadnanza

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI

L innovazione nella gestione della Qualità nelle PMI Centro essle Cotonero e bbglamento p L nnovazone nella gestone della Qualtà nelle PM La certfcazone come strumento d busness per le PM e le mcromprese 8 Novembre 2002 - ng. oberto Vannucc lcune notze recent

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

...~v ENAVs,p.A. (IN FASE PRELIMINARE ALLA GARA)

...~v ENAVs,p.A. (IN FASE PRELIMINARE ALLA GARA) ,, " \~...~v ENAVs,p.A. Untà Produttva - l'sed d Roma)' \~ f~ \ ' Roma - Va d Settebagn 390...,,l, "1 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE, INFORMAZIONI SUI RISCHI SPECIFICI E MISURE

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

ALLEGATO 5. Atlante degli stabilimenti art. 6 D.L.gs 334/99 Carta degli elementi esposti a rischio

ALLEGATO 5. Atlante degli stabilimenti art. 6 D.L.gs 334/99 Carta degli elementi esposti a rischio ALLEGATO 5 Atlante degl stablment art. 6 D.L.gs 334/99 Carta degl element espost a rscho Agenza d Protezone Cvle Provnca d Forlì-Cesena Servzo Ambente e Scurezza del Terrtoro Pano d Emergenza Provncale

Dettagli

Da compilare a cura del gestore

Da compilare a cura del gestore 1 DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE, STRUTTURA DEL SGS E SUA INTEGRAZIONE CON LA GESTIONE AZIENDALE Defnzone e dffusone del documento d Poltca d prevenzone degl ncdent rlevant Esstenza del Documento

Dettagli

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona Comune d CASTEL COLONNA Comune d MONTERADO Comune d RPE (TRECASTELL) Provnca d Ancona AWSO Con Legge della Regone Marche del 22 luglo 2013, n. 18, a decorrere dal 01 gennao 2014, e sttuto nella Provnca

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio 2 Servz Urbanstca > Panfcazone Generale Pano Regolatore Generale, Strutturale e Operatvo Programma d Fabbrcazone Regolamento Edlzo > Panfcazone Settorale Pano Paesaggstco Pano Infrastrutturale Pano del

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

I VANTAGGI DELL ADOZIONE DEL SGSL

I VANTAGGI DELL ADOZIONE DEL SGSL 5 Febbrao 2009 Scurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzon. Le responsabltà dervant dal nuovo Testo Unco e vantagg d un sstema d gestone certfcato secondo la norma OHSAS 18001:2007 I VANTAGGI

Dettagli

Circuiti di ingresso differenziali

Circuiti di ingresso differenziali rcut d ngresso dfferenzal - rcut d ngresso dfferenzal - Il rfermento per potenzal Gl stad sngle-ended e dfferenzal I segnal elettrc prodott da trasduttor, oppure preleat da un crcuto o da un apparato elettrco,

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

CARATTERISTICHE DI PERICOLO PER I RIFIUTI

CARATTERISTICHE DI PERICOLO PER I RIFIUTI CARATTERISTICHE DI PERICOLO PER I RIFIUTI Il rfuto che contene una o pù sostanze classfcate con uno de codc d classe e categora e uno de codc d ndcazone fgurant nella tabella 1 è valutato rspetto alla

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

Distributore di comando della motrice. Istruzione di controllo. Informazioni sulla sicurezza 1/5. con pedale / 3 Interruttori 1/2

Distributore di comando della motrice. Istruzione di controllo. Informazioni sulla sicurezza 1/5. con pedale / 3 Interruttori 1/2 Dstrbutore d comando della motrce con pedale / 3 Interruttor Istruzone d controllo Prma d nzare l controllo s raccomanda d leggere attentamente le nformazon d scurezza. Informazon sulla scurezza Il controllo

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

OGGETTO: ALLESTIMENTO DEL SALONE CORSI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA D.U.V.R.I.

OGGETTO: ALLESTIMENTO DEL SALONE CORSI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA D.U.V.R.I. OGGETTO: ALLESTIMENTO DEL SALONE CORSI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO CALABRIA D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3, del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.)

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dpartmento d Economa Azendale e Stud Gusprvatstc Unverstà degl Stud d Bar Aldo Moro Corso d Macroeconoma 2014 1.Consderate l seguente grafco: LM Partà de tass d nteresse LM B A IS IS Y E E E Immagnate

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica COMUNE DI CAFASSE Servzo Edlza/Urbanstca PERMESSO DI COSTRUIRE N. DEL INTESTATARIO: METODO OPERATIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE a sens degl artt. 6 e 10 della L.R. 28/01/1977 n. 10;

Dettagli

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I ARGOMENTI 1. Defnzon 2. La classfcazone 3. Competenze e compt 4. I rfut assmlat 5. La raccolta dfferenzata 6. Il trattamento 7. La stablzzazone 8. Il codce CER 191212 9. La FOS 10. Il percolato INDICE

Dettagli

Gli appartamenti Residence Alberti

Gli appartamenti Residence Alberti Gl appartament Resdence Albert Comune d Fren_ Project Fnancng Fren Mobltà _ Ex Deposto ATAF_ Resden per student Albert_ L ntervento d Pazza Albert è stato naugurato l 2 febbrao 2008. Salvo parchegg prvat,

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Coordinamento Servizi Bibliotecari DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. 9/04/2008 n. 81 INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI, MISURE ADOTTATE

Dettagli

Invio fascicolo di Bilancio

Invio fascicolo di Bilancio HELP DESK Nota Salvatempo 0052 TUTTOBILANCIO Invo fasccolo d Blanco Quando serve D seguto sono elencat passagg da segure per predsporre, frmare e scarcare una pratca d Blanco (Modello B) per la presentazone

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I. D.U.V.R.I. DOCU M E N T O UNICO DI VALUTAZIO N E DEI RISC HI DA INTERFE R E N Z E (ART. 26 DEL D.LG S N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI PER IL TRIENNIO 01/07/2010 30/06/2013 Premessa

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I.

DUVRI. Individuazione dei rischi e misure adottate per eliminare le interferenze - Art. 26, commi 3 e 5, D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 D.U.V.R.I. AFFIDAMENTO GESTIONE, IN VIA TEMPORANEA E SPERIMENTALE, DEL SERIVIZO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PER IL PERIODO DAL 01.03.2012 AL 30.06.2012 DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE

Dettagli

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008

La gestione della sicurezza nei cantieri edili: novità e criticità introdotte dal Titolo IV del Decreto Legislativo n. 81/2008 REGONE SCLA REGONE LAZO REGONE PEMONTE CONVEGNO NAZONALE SCUREZZA NE CONTRATT PUBBLC Problematiche e prospettive applicative Gestione della sicurezza nei lavori pubblici Palermo - 28 ottobre 2008 Palazzo

Dettagli

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Relazone Verfca d effcaca d un Sstema d Gestone d Scurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Gl nfortun sul lavoro e le malatte professonal sono ad ogg uno de prncpal problem che afflggono l Itala e

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. - BOZZA COMUNE DI COSSIGNANO Gara per l affidamento del servizio di mensa scolastica per la scuola dell infanzia e la scuola primaria anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE. AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Provincia di Genova

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE. AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Provincia di Genova COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Provincia di Genova Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Oggetto dell appalto:

Dettagli

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI STRATIGRAFI PARTIZIONI VRTICALI 6. L solamento acustco: tecnche, calcol 2 Trasmssone rumor In edlza s possono dstnguere dfferent tp d rumor: rumor aere (vocare de vcn da altre untà abtatve, rumor provenent

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M. 18.03.1996

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c.

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c. Srl Proflo della Socetà 2008 ago-08 1 Vson e msson d La vsone della nostra Azenda: Dventare l Azenda d rfermento sul mercato de servz d faclty management utlzzando la leva dstntva della qualtà nel tempo

Dettagli

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE

Provinciadi Ravenna Ptazzadei Caduti per lalibertàt,2 / 4 IL DIRIGENTE Provncad Ravenna Ptazzade Cadut per lalbertàt,2 / 4 ff del 0310212 n 37 Pror,'rredmento 09-l t-07 2006t4t0 Classfcazone - AUTORIZZAZIONEATTIVITA' Dl GESTIONEDELL'IMPIANTO - LR 512006 Oggetto DLGS 15212006

Dettagli

TIS. Linee vita e sistemi di protezione collettivi M'",'"~ '"c- t! ou

TIS. Linee vita e sistemi di protezione collettivi M','~ 'c- t! ou TS l. CORRR.TRMO DRO SANTARO Pagna Foglo 1 17 d Marco Traano Lnee vta e sstem d protezone collettv L'anals del perodo 2002-2009 consente d osservare una dmnuzone costante degl nfortun sul lavoro, con l

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI.

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. Slide 1 SOGGETTI PRINCIPALI DATORE DI LAVORO MEDICO COMPETENTE RESPONSABILE E ADDETTI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE MANUALE D STRUZON PER L NSTALLAZONE, L UTLZZO E LA MANUTENZONE DEL REGOLATORE GENUS POWER SN VERSONE PRELMNARE CONDZON D GARANZA L appareccho è garantto per 24 mes dalla data d acqusto contro dfett d fabbrcazone

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO Azlendll... USl9 Grosseto AZENDA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109-58100 GROSSETO - Tel. 0564/485111-485551 - C. Fsc. P. va 00315940536 DELBERAZONE DEL DRETTORE GENERALE DOT. DANELE TEST 290 ~ DEL 2 9

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana PER IL CURRICULUM VITAE Italano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DI LEONE FRANCESCO Indrzzo 32, VIA SAN GIACOMO E FILIPPO, 87016, Morano Calabro Telefono 0981-30254 Cellulare: 333-2011030 Fax

Dettagli

SERVITU PREDIALI. Definizione: peso imposto sopra un fondo (servente), per l utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario

SERVITU PREDIALI. Definizione: peso imposto sopra un fondo (servente), per l utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario SERVITU PREDIALI Defnzone: peso mposto sopra un fondo (servente), per l utltà d un altro fondo (domnante) appartenente a dverso propretaro PREDIALE: predum = FONDO (rferble ad mmoble sa rustco che urbano)

Dettagli