Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Bari. Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch."

Transcript

1 Università degli Studi di Bari Incendi: classificazione, presidi antincendio e comportamenti da adottare in caso di incendio Arch. Valentina Megna

2 Triangolo del Fuoco 2

3 Combustibile (legno, carta, benzina, gas,ecc.) Sostanza in grado di bruciare Comburente (l ossigeno, contenuto nell aria.) Sostanza che permette al combustibile di bruciare Calore (Fiammifero, accendino, corto circuito, tutto ciò che favorisce l innesco) La temperatura emette vapori tali da formare con il comburente ed il combustibile una miscela incendiabile 3

4 Effetti dell incendio sull uomo Anossia (riduzione dell ossigeno nell aria) Tossicità dei fumi Riduzione della visibilita Calore Paura Panico 4

5 Effetti dell incendio sull uomo Tossicità dei fumi Anidride Carbonica Abbondanza di ossigeno nella combustione Anidridi Solforosa e Solforica (SO2 e SO3) In presenza di combustibili contenenti zolfo Ossido Carbonio Carenza di ossigeno nella combustione Vapore Acqueo H2O Ceneri Materiali incombusti insieme a parti che si disperdono come aerosol, fumi 5

6 CLASSIFICAZIONE DEI FUOCHI CLASSE Fuochi di materiali solidi, di natura organica, la cui combustione avviene con formazione di braci Fuochi di liquidi o di solidi liquefattibili (es. cera, paraffina, ecc.. Fuochi di gas Fuochi di metalli (magnesio, alluminio, ecc.) Fuochi di origine elettrica Fuochi che interessano mezzi di cottura (oli e grassi animali e vegetali) in apparecchi di cottura 6

7 Misure da adottare per combustibile Eliminare i rifiuti e gli scarti Immagazzinamento in strutture resistenti Sostituzione del materiale combustibile, ove è possibile. Riduzione del carico d incendio 7

8 CARICO D INCENDIO Il carico d incendio è il potenziale termico dei materiali combustibili corretto in base alla partecipazione alla combustione dei singoli materiali ed è espresso in MJ Il legno, molta carta e le vernici hanno una carico d incendio alto. CARICO D INCENDIO ALTO CARICO D INCENDIO BASSO Laboratorio chimico con prodotti chimici infiammabili Biblioteca Stanza d albergo Ufficio 8

9 Misure legate alle sorgenti Controllo e manutenzione Impianti Schermaggio con elementi resistenti Controllo impianti elettrici Divieti di fumo Divieto di utilizzo fiamme libere 9

10 Diagramma temperatura (T) tempo (t) 10

11 Diagramma temperatura (T) tempo (t) 5-10 min. per dare allarme e allertare le squadre di soccorso min. per le operazioni di spegnimento VV.FF min. per il raggiungimento della fase di flash over 11

12 Scheda cromatica della temperatura Le fiamme sono costituite dall emissione di luce e calore conseguente alla combustione di una sostanza solida, liquida, gassosa. Nell incendio di combustibili gassosi è possibile valutare approssimativamente dal colore della fiamma, la temperatura. 12

13 Per interrompere la combustione è necessario eliminare uno dei 3 fattori: Combustibile Comburente Temperatura, Innesco 13

14 AZIONI ESTINGUENTI: Separazione: allontanamento del combustile non ancora interessato dalla combustione da quello già combusto, attraverso ripari o barriere (Porte tagliafuoco REI) o attraverso forti getti d acqua, polvere o sabbia. Soffocamento: Sottrazione del comburente alla combustione, mediante l applicazione di mezzi incombustibili (coperte antifiamma), oppure sostituendo l atmosfera presente (con ossigeno) con gas inerti e privi di ossigeno come l anidride carbonica (CO2), l azoto (N2), ecc, schiuma, polvere o sabbia. 14

15 AZIONI ESTINGUENTI: Raffreddamento: Riduzione della temperatura del focolaio al di sotto del valore di accensione. Raffreddamento si esercita utilizzando acqua, schiuma, anidride carbonica. Inibizione chimica: Arresta le reazioni a catena che si verificano nella combustione. Si ottiene con l uso di halon (idrocarburi alogenati) Sta per essere escluso studiando gas meno tossici. 15

16 SOSTANZE ESTINGUENTI: ACQUA: Efficace contro i fuochi di classe A (combustibili solidi). Si utilizza, attraverso idranti, sprinkler, ecc). Non va utilizzata: In presenza di apparecchiature sotto tensione Contro fuochi di classe C gas Contro fuochi di classe D metalli Con apparecchiature e documenti danneggiabili dall acqua In ambienti a temp. inferiore a 0 C. 16

17 SOSTANZE ESTINGUENTI: ESTINTORI A SCHIUMA: Sono oramai obsoleti in quanto superati da quelli a polvere. Sono caricati con acqua additivata di liquido schiumogeno e con una bombola di gas compresso che ne costituisce il propellente dell emulsione. Non vanno utilizzati: In presenza di apparecchiature sotto tensione elettrica Contro fuochi di classe D metalli 17

18 SOSTANZE ESTINGUENTI: ESTINTORI A CO2: Vengono utilizzati sia per soffocamento (gas dal peso specifico elevato) che per raffreddamento (sottrazione calore dal passaggio dallo stato liquido-gas.) Può essere utilizzato per fuochi di classe A, B, C ; e in apparecchiature sotto tensione elettrica. Non vanno utilizzati: In presenza di oggetti incapaci di sopportare shock termici, proprio a causa della capacità di RAFFREDDAMENTO Contro fuochi di classe D metalli 18

19 SOSTANZE ESTINGUENTI: ESTINTORI A POLVERI: Vengono utilizzati sia per soffocamento che per raffreddamento Può essere utilizzato per fuochi di classe A, B, C ; D e in apparecchiature sotto tensione elettrica. Non vanno utilizzati: In presenza di apparecchiature elettroniche che potrebbero essere danneggiate Materiali combustibili con braci in profondità, la polvere non riesce a raggiungere la zona in combustione. 19

20 SOSTANZE ESTINGUENTI: ESTINTORI AD IDROCARBURI ALOGENATI: I gas halon (più precisamente i clorofluorocarburi CFC) non sono più commercializzati da alcuni anni a causa di una loro riconosciuta nocività all ambiente. Sono stati sostituiti da altri gas, sempre alogenati, ma non riconosciuti altrettanto dannosi (es.saclon,nafiii, etc.). Non vanno utilizzati: In ambienti contenenti prodotti che si ossidano rapidamente o ossidanti come il fluoro Prodotti che possono autodecomporsi termicamente, quali perossidi organici e idrazina. 20

21 UTILIZZO CORRETTO ESTINTORI: Protezione Attiva Nel caso di intervento da parte di due operatori, essi si devono posizionare su di un unico fronte lungo un angolo di 90 e mai a sfavore di vento ed intervenire alla base della fiamma. Un estintore si scarica velocemente dai 6 (3 kg) ai 15 secondi (10 kg). 21

22 ALTRI SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA: Rilevatori di Fumo Rilevatore di Fumo sonoro Naspo a Parete 22

23 ALTRI SISTEMI DI PROTEZIONE ATTIVA: Impianto sprinkler Idrante stradale a colonna Idranti sottosuolo 23

24 D.M. 10 marzo 1998 ( Pubblicato Gazz.Uff. Ordinaria n 81 del 7/04/1998 ) ALLEGATO VII Informazione e formazione antincendio 24

25 GENERALITA Il datore di lavoro ha l obbligo di fornire ai lavoratori una adeguata informazione e formazione sui principi della prevenzione incendi e sulla attuazione delle misure da attuare in presenza d incendio 25

26 SISTEMI DI PROTEZIONE PASSIVA: Il concetto di protezione passiva è correlato alla classe d incendio dell edificio, ad esempio se di classe 60 le strutture portanti (travi, pilastri, solai, pareti, tramezzature, ecc.) debbono essere in grado di mantenere le loro funzioni portanti per almeno 60 minuti. R- Resistance (Resistenza meccanica) E- Eintenance (Tenuta fumi) I- Insulance (Isolamento termico) 26

27 ALTRI SISTEMI DI PROTEZIONE PASSIVA: Messa a terra elettrica Impianti a norma Protezione scariche atmosferiche Ventilazione Compartimentazione 27

28 COMPARTIMENTAZIONE Progettare Aree od impianti a rischio specifico con strutture (porte, pareti, ascensori, ecc.) resistenti al fuoco in modo da circoscrivere o limitare la propagazione di un eventuale incendio. 28

29 LUOGO SICURO (D.M. 30 novembre 1983) Spazio scoperto o compartimentato antincendio, separato da altri compartimenti mediante spazio scoperto o filtri a prova di fumo, aventi caratteristiche idonee a ricevere e contenere un predeterminato numero di persone (luogo sicuro statico), ovvero conentirne il movimento ordinato (luogo sicuro dinamico). 29

30 LUOGHI SICURI IN LOCALI DELLO STESSO PIANO OPPOSTI A QUELLI IN EMERGENZA, SE COMPARTIMENTATI (evacuazione orizzontale) IN LOCALI SITUATI ALMENO DUE PIANI SOTTO QUELLI INTERESSATI DALL EVENTO (evacuazione verticale) EVACUAZIONE ALL ESTERNO PUNTO DI RACCOLTA (evacuazione totale) 30

31 Prevenzione Incendi LUOGO SICURO (D.M. 30 novembre 1983) 31

32 Gestione delle emergenze Il DL deve prevenire gli incendi e adottare i sistemi di protezione. Il piano di emergenza è una procedura di gestione da applicare per la difesa di persone e cose qualora si verifichino incendi o altre emergenze (si applica quando non è più ragionevolmente possibile ridurre il rischio con interventi di prevenzione) 32

33 PIANO DI EMERGENZA: Il Piano di Emergenza completa in forma definitiva il dispositivo di sicurezza di ogni attivita Le azioni che deve prevedere sono: Procedure che i lavoratori devono mettere in atto in caso d incendio Procedure per l evacuazione dal luogo di lavoro che debbono essere attuate dai lavoratori e dalle altre persone presenti Disposizioni per chiedere l intervento dei Vigili del Fuoco per informarli su ogni specifico rischio 33

34 PIANO DI EMERGENZA: Deve prevedere: Vie di esodo Segnaletica di Sicurezza Illuminazione di emergenza Personale addetto all emergenza Sistemi di rilevazione allarme e spegnimento Misure per disabili 34

35 Addetti alla gestione delle emergenze I lavoratori addetti alla gestione delle emergenze devono essere scelti in base alle loro capacità e attitudini e non possono rifiutare (se non in maniera motivata) l incarico. Il loro numero deve essere tale da coprire ogni turno e ogni ambiente di lavoro considerando il n di lavoratori e l eventuale presenza di portatori di handicap. 35

36 PIANO DI EMERGENZA: Le operazioni da compiere si possono riassumere in: Affissione ai piani di planimetrie con l indicazione dei locali, dei percorsi da seguire, delle scale di emergenza, della distribuzione degli idranti e degli estintori. Eliminazione di ostacoli che possono intralciare l esodo. Controllo segnaletica di sicurezza per una rapida individuazione Individuazione delle aree esterne come punti di raccolta segnalati 36

37 PIANO DI EMERGENZA: VIE DI ESODO D.M. 10 marzo 1998: 2 vie di esodo alternative da ogni parte di un luogo di lavoro Le vie devono condurre sempre ad un luogo sicuro Le vie di esodo devono avere larghezza sufficiente in relazione all indice di affollamento. L= (A/50) x 0.60 Le vie di esodo e le uscite devono essere disponibili per l uso e tenute libere da ostruzioni in ogni momento.

38 PIANO DI EMERGENZA: IO SONO QUI 38

39 PIANO DI EMERGENZA: VIE DI ESODO D.M. 10 marzo 1998: La lunghezza del percorso per raggiungere la più vicina uscita di piano deve essere di : Max 25 m per aree ad alto rischio di incendio Max 45 m per aree a rischio normale di incendio Max 60 m per aree a rischio basso di incendio Le scale devono essere protette e resistenti dal fuoco e porte resistenti al fuoco, ad eccezione dei luoghi di lavoro a basso rischio Ogni porta di esodo deve poter essere aperta facilmente ed immediatamente dalle persone in esodo senza l uso di chiavi 39

40 PIANO DI EMERGENZA: PORTE DI ESODO D.M. 10 marzo 1998: Le porte devono aprirsi nella direzione dell esodo Le porte di uscita al piano, non devono essere ostruite Dove sono previste le porte resistenti a fuoco, esse devono essere munite di dispositivi di autochiusura e dispositivo automatico di sgancio 40

41 PIANO DI EMERGENZA: SCALE DI ESODO D.M. 10 marzo 1998: Larghezza non inferiore a quelle delle uscite del piano servito Se servono più piani la larghezza va calcolata in relazione all affollamento di 2 piani consecutivi con > affollamento 41

42 SEGNALETICA DI SICUREZZA: La segnaletica relativa alla prevenzione incendi si compone di più segnali con la funzione specifica di: Evidenziare le condizioni di pericolo capaci di determinare l insorgere di un incendio (si tratta di segnali di avvertimento con forma triangolare, pittogramma nero su fondo giallo e bordo nero) Materiale Conburente Materiale Infiammabile Materiale Esplosivo 42

43 SEGNALETICA DI SICUREZZA: Vietare determinare azioni in presenza delle condizioni evidenziate da relativi segnali (segnali di divieto: forma rotonda; pittogramma nero su fondo bianco; fondo e banda rossi) h Vietato usare acqua per spegnere incendi Vietato usare fiamme libere Vietato fumare 43

44 SEGNALETICA DI SICUREZZA: Informare a mezzi di pittogrammi dell esistenza e dell ubicazione dei presidi antincendio (segnali antincendio : forma quadrata o rettangolare ; pittogramma bianco su fondo rosso) h 44

45 SEGNALETICA DI SICUREZZA: Informazione a mezzo di pittogrammi dell esistenza e delle ubicazioni dei dispositivi di soccorso e delle situazioni di sicurezza (vie di uscita e segnali di salvataggio: forma quadrata o rettangolare; pittogramma bianco su fondo verde) 45

46 SEGNALETICA DI SICUREZZA: Informazione a mezzo di pittogrammi di un testo per esempio la dislocazione di un telefono, di una toilette o la portata di un solaio (segnali di informazioni: forma quadrata o rettangolare; pittogramma bianco su fondo azzurro) 46

47 e Piano di Evacuazione COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D INCENDIO Non appena si rileva un focolaio di incendio, occorre: MANTENERE LA CALMA ALLONTANARSI E FARE ALLONTANARE LE PERSONE PRESENTI DARE L ALLARME RICHIEDERE IMMEDIATAMENTE L INTERVENTO DEI VIGILI DEL FUOCO 47

48 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: Norme fondamentali: D.Lgs. 81/2008 e s. m.i. Norma CEI 31/35 Classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione e provvedimenti da applicare. 48

49 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: La struttura Il sistema antincendio Protezione Passiva: per ridurre l incendio L impianto per i gas tecnici Passaggi e vie di esodo I depositi 49

50 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: LA STRUTTURA La Struttura, meglio in cemento armato che mantiene ad alte temp. tutte le proprietà. Un laboratorio deve essere separato dall edificio da muri, porte, soffitti, pavimenti REI 90/120. Gli arredi e le cappe dovrebbero essere di materiali incombustibili. 50

51 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: Il Sistema Antincendio Deve essere previsto un sistema antincendio idrico dimensionato rispetto al carico d incendio dotato di idranti esterni, naspi e rilevatori fumi e gas. L impianto per i gas tecnici L impianto di erogazione del metano e di altri gas compressi deve essere ispezionabile in ogni sua parte e costituito da tubazioni esterne del colore corrispondente al gas (ad es. giallo per il metano, rosso idrogeno). I rubinetti del gas anche esterni. 51

52 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: Passaggi e vie di esodo Tutti i passaggi liberi (porte, corridoi, varchi, scale) di almeno 120 cm. Porte, scale, corridoi segnalati con simboli visibili al buio. Porte aprirsi nel senso di uscita. La lunghezza, in caso di lavorazioni con alto rischio d incendio è di 25 m. 52

53 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: I Depositi Compartimentazione con porte e pareti REI Locali adeguatamente ventilati, con aria naturale o forzata dall alto e bocchette aspiranti a filo pavimento. Depositi di gas combustibili: bombole saldate a muro e MAI nei sotterranei. Nei laboratori < numero possibile di bombole in utilizzo e NESSUNA mai in stoccaggio. Gascromatografi, spettrofotometri, etc. che necessitano più bombole saranno servite da una centralina in un area isolata. 53

54 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: Il Combustibile Protezione Attiva: Provvedimenti organizzativi per impedire la presenza dei 3 fattori Il Comburente L Innesco I gas compressi 54

55 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: Il Combustibile nel lab. chimico Gli arredi in legno e materiale cartaceo Prodotti chimici classificati come esplosivi (sensibili agli urti e attriti e che esplodono per effetto della fiamma) Nitroglicerina, tricloruro di azoto. Prodotti facilmente infiammabili (sostanze e preparati che a contatto con l aria, a temp. normale possono infiammarsi Punto infiammabilità < 21 ) Benzina, etanolo. Prodotti estremamente infiammabili (sostanze che a contatto con l aria, a temp. possono infiammarsi. Punto infiammabilità <0 ) Idrogeno, acetilene 55

56 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: Il Combustibile nel lab. chimico R11 R12 Facilmente infiammabile Estremamente infiammabile R6 R9 Esp. a contatto con aria Esp. in miscela con materiali combustibili 56

57 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: Norme comportamentali nel laboratorio Solo piccole quantità strettamente necessarie di materiale infiammabile. Le sostanze pericolose DEVONO essere conservate in appositi contenitori chiusi con etichettatura a vista, assicurandosi di eventuali incompatibilità, e che non siano vicino a fonti di calore. Gli armadi dentro cui verranno conservati i contenitori DOVRANNO ESSERE incombustibili, ventilati verso l esterno, in grado di contenere eventuali perdite liquide. MAI posizionati nei corridoi o nelle vicinanze delle uscite di sicurezza. 57

58 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: Il Comburente nel lab. chimico Sostanze o preparati che, a contatto con altre provocano una forte reazione esotermica. L aria contiene il 20% di ossigeno (ossidante) che è ineliminabile a meno che non si lavori in atmosfera inerte. Norme comportamentali nel lab. chimico Si DEVE prestare attenzione allo stoccaggio e all uso separato delle bombole di ossigeno, di tutti gli ossidanti organici ed inorganici (es. acqua ossigenata, i perossidi). 58

59 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: L Innesco nel lab. Chimico Possibilità d Innesco: Impianti elettrici: cappa aspirante in cui si utilizzano infiammabili deve essere del tipo AD-PE (contro le esplosioni) Coerenza tra prese e spine I circuiti elettrici del laboratorio devono essere alimentati da un quadro elettrico posto subito fuori dalla porta per interrompere la corrente 59

60 Il Rischio incendio nei laboratori chimici: L Innesco nel lab. Chimico Gas Compressi (combustibili e comburenti): Il pericolo di scoppio, connesso ad alte pressioni, aumenta enormemente in caso di incendio. Tubazioni, maniglie e ogive delle bombole devono riportare il colore distintivo allo scopo di facilitare gli interventi in caso di emergenza. Le miscele di due gas sono ottenuti colorando l ogiva, la tubazione, etc. a fasce alterne dei due colori componenti (es. l aria è a fasce bianche e nere) 60

61 61

62 Mezzi antincendio per la protezione nei laboratori: Doccia di emergenza: dotata di maniglione triangolare Coperta antifiamme: in fibre di vetro utilizzata per soffocare l incendio Sabbia: se mantenuta arida e pulita, è un economico ed efficiente mezzo antincendio per tutti i tipi di combustibile presenti nel laboratorio chimico. Agisce per soffocamento Estintori: adeguatamente segnalati, e liberi con cartello antincendio sopra l estintore. 62

63 Mezzi antincendio per la protezione nei laboratori: Polveri - Sono estremamente efficaci (il bicarbonato di sodio presente abbassa la temperatura) ma lasciano ogni attrezzatura elettronica fuori uso ed irrecuperabile. Anidride Carbonica - sono comuni perché possono essere utilizzati su ogni tipo di piccolo incendio. Se l incendio è di medie proporzioni hanno alcune limitazioni:si esauriscono in fretta se sono portatili e se sono carrellabili sono scomodi. In ambienti poco areati danno asfissia, non raffreddano molto le superfici e rimane quindi il pericolo di reignizione 63

64 Mezzi antincendio per la protezione nei laboratori: Schiume a base acquosa non indicate, conducono la corrente elettrica e reagiscono con molte sostanze. Composti alogenati gli estintori ad halon si tende progressivamente ad eliminarli perché gran parte di questi è in grado di danneggiare lo strato di ozono. 64

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 L incendio Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 Generalità sugli incendi La combustione Le principali cause di incendio Sostanze estinguenti Dinamica dell'incendio I rischi per le persone e l'ambiente

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82 ALLEGATO 5 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Questo documento è stato creato con QuestBase. Crea, stampa e svolgi questionari gratuitamente a http://www.questbase.

Questo documento è stato creato con QuestBase. Crea, stampa e svolgi questionari gratuitamente a http://www.questbase. 1 L'ossido di carbonio (CO) ha le seguenti caratteristiche: A) colore bianco e odore di mandorle amare; B) irritante per le vie respiratorie; C) incolore ed inodore. 2 Durante un incendio si possono avere

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

PREVENZIONE DEGLI INCENDI

PREVENZIONE DEGLI INCENDI PREVENZIONE DEGLI INCENDI M.Tedesco Premessa: a ciascuno il suo mestiere: non siamo Vigili del Fuoco Non siamo formati per estinguere grandi incendi. tel. 115 Ma tra il personale ci possono essere delle

Dettagli

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da Presentazione Avviso 5/2011 II scadenza Corso di formazione per ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA RISCHIO INCENDIO EMERGENZE PROCEDURE DI ESODO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

L obbiettivo vuole essere quello di

L obbiettivo vuole essere quello di ADDETTI ANTINCENDIO CORSO BASE OBIETTIVO L obbiettivo vuole essere quello di informare e formare, tutti coloro che per la prima volta devono conoscere le basi per la lotta antincendio nell emergenza. Imparando

Dettagli

Corso per Addetti Antincendio Test di autovalutazione - Quesiti vero/falso

Corso per Addetti Antincendio Test di autovalutazione - Quesiti vero/falso 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione;

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Prevenzione incendi. A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione dell Ateneo. La combustione

Prevenzione incendi. A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione dell Ateneo. La combustione Prevenzione incendi A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione dell Ateneo La combustione La combustione è una reazione chimica sufficientemente rapida di una sostanza combustibile ed una comburente

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

Prevenzione e Protezione Incendi: Servizio Prevenzione e Protezione

Prevenzione e Protezione Incendi: Servizio Prevenzione e Protezione Prevenzione e Protezione Incendi: informazioni utili M. P e r c h i a z z i Servizio Prevenzione e Protezione I N F N B a r i Introduzione Parte prioritaria del programma del Servizio Prevenzione e Protezione

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Art. 2. - Valutazione dei rischi di incendio 1. Obbligo del datore

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

PRINCIPI DI ANTINCENDIO

PRINCIPI DI ANTINCENDIO Associazione Volontari Protezione Civile RIO VALLONE PRINCIPI DI ANTINCENDIO Aggiornamento : Giugno 2015 Principi sulla combustione e l incendio L incendio: Un fenomeno chimico fisico chiamato combustione

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MANUALE DI PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE a cura del Università degli Studi di Parma LA COMBUSTIONE Principi della combustione

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

Prevenzione incendi nei condomini

Prevenzione incendi nei condomini Prevenzione incendi nei condomini Perché la prevenzione incendi nei condomini? per la nostra incolumità, dei nostri familiari e dei nostri beni perché lo prevede la legge D.P.R. 151/11 - Attività soggette

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel "cerchio del fuoco".

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel cerchio del fuoco. Via Tatti, 5 20029 Turbigo (MI) Ing. Marco Cagelli Teoria della combustione Nozioni base Il cerchio del fuoco Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel

Dettagli

ESTINTORI DI INCENDIO

ESTINTORI DI INCENDIO ESTINTORI DI INCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO NORME TECNICHE E PROCEDURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CAPACITÀ ESTINGUENTE E PER L OMOLOGAZIONE DEGLI ESTINTORI CARRELLATI D INCENDIO D.M. 06/03/1992 Art.

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Dott. Ing. Paolo PALOMBO

Dott. Ing. Paolo PALOMBO INCENDIO PREVENZIONE - PROTEZIONE Dott. Ing. Paolo PALOMBO Ordine dei Medici della provincia di Latina Incontro di aggiornamento STUDI SICURI 2012 E Obbligo del datore di lavoro l assicurare gli adempimenti

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Perché possa insorgere un incendio occorre la contemporanea presenza di: - COMBUSTIBILE = la sostanza che brucia (può essere solida, liquida o gassosa) -

Dettagli

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Il corso di Addetto Antincendio si prefigge di formare gli operatori in modo completo sulle tematiche relative alla gestione delle emergenze e sull estinzione

Dettagli

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio

Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio L estinzione dell incendio si ottiene per raffreddamento, sottrazione del combustibile soffocamento. Tali azioni possono essere ottenute singolarmente

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Collllana Culltura delllla Siicurezza PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

ANTINCENDIO E PIANO D EMERGENZA

ANTINCENDIO E PIANO D EMERGENZA ANTINCENDIO E PIANO D EMERGENZA 1 Il fuoco È una manifestazione visibile di una reazione chimico-fisica (combustione) che avviene tra due sostanze diverse (combustibile+ comburente) con emissione di calore,

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Sede attuale: Impianto in progetto: PROGETTO DEFINITIVO. relativo al TRASFERIMENTO di un IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI METALLICI

Sede attuale: Impianto in progetto: PROGETTO DEFINITIVO. relativo al TRASFERIMENTO di un IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI METALLICI Il Progettista: Dott. iscritto al n. 1023 dell'ordine degli Ingegneri di Vicenza Provincia di Vicenza Comune di Tezze sul Brenta Consulenza tecnica: Per. Ind. Antonio Lovato iscritto al n. 1573 del Collegio

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata

RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO Parliamo di FUOCO nella sua forma non controllata RISCHIO INCENDIO MEDIO Il DLgs 81/2008 Il DM 10.03.1998 è la Legge di che tratta Criteri generali di sicurezza antincendio per la gestione

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Quadro legislativo antincendio e gestione emergenze. Roma, ottobre 2009

Quadro legislativo antincendio e gestione emergenze. Roma, ottobre 2009 Quadro legislativo antincendio e gestione emergenze Roma, ottobre 2009 gestione dell emergenza D.Lgs 81/08 - Titolo II Capo III sezione VI Art 43 Il datore di lavoro: a) organizza i necessari rapporti

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza

e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Rischio d incendio d e misure di prevenzione e protezione e gestione dell emergenza emergenza Rischio da esplosioni Ing. Sabrina

Dettagli

2 Principali misure di protezione antincendio da adottare

2 Principali misure di protezione antincendio da adottare Cancelleria comunale Via Municipio 13 6850 Mendrisio 058 688 31 10 cancelleria@mendrisio.ch mendrisio.ch C O STRUZIONI P R OVVISORI E L I N EE GUI D A DI PROTEZIONE ANTINCENDIO 1 Scopi e basi legali 1.1

Dettagli

prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze

prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze Collana Cultura della sicurezza prevenzione incendi e GeSTione delle emergenze Quaderno informativo n. 2 Ufficio Speciale prevenzione e protezione Ufficio Speciale prevenzione e protezione Collana Cultura

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO ( 4 ORE) 1) INCENDIO 1 ora principi della combustione prodotti della combustione sostanze estinguenti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 PROCEDURA H Procedura utilizzo gas compressi Le bombole di gas compresso sono costituite

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98

UNIVERSITA DI MESSINA. REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 UNIVERSITA DI MESSINA REGISTRO ANTINCENDIO DPR n 37/98 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO Struttura: DATA del Responsabile della struttura PAGINE Totali.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO

LA SICUREZZA ANTINCENDIO CORSO PER ASPP MODULO B7 LA SICUREZZA ANTINCENDIO La Combustione La combustione è una reazione chimica identificabile anche con il termine di ossidazione, poiché nel processo della combustione l ossigeno

Dettagli

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR

1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG LQFHQGLR 1RUPHJHQHUDOLGLFRPSRUWDPHQWRLQFDVRG $WWHQ]LRQH: alle superfici vetrate: a causa del calore possono rompersi alle bombole/recipienti con gas o liquidi in pressione ai liquidi infiammabili: possono riaccendersi

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO

Framinia. Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO Framinia Corso di formazione ed informazione ai sensi del D.lgs. 81/08 ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO RISCHIO BASSO RISCHIO INCENDIO MODALITA DELLA DISCIPLINA PREVENZIONE riduzione delle

Dettagli

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7

56331LFROD%$5,/( 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL. $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 2SXVFRORLQIRUPDWLYR SHULODYRUDWRULGHOODVFXROD ³3UHYHQ]LRQH,QFHQGL $FXUDGHO6HUYL]LRGL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o mobili e loro

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio

PREVENZIONE INCENDI. PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio PREVENZIONE INCENDI PREVENZIONE PROTEZIONE Misure precauzionali d esercizio Attiva Passiva PREVENZIONE INCENDI 1. Riduzione al minimo delle occasioni di incendio. Stabilità delle strutture portanti per

Dettagli

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi

Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi Opuscolo informativo per i lavoratori della scuola Prevenzione Incendi A cura del Servizio di Prevenzione e Protezione Pagina 1 di 7 PREVENZIONE INCENDI e LOTTA ANTINCENDIO Mezzi di estinzione fissi o

Dettagli

Tipo di intervento Tipo di controllo Periodicità (g) Sorveglianza 30

Tipo di intervento Tipo di controllo Periodicità (g) Sorveglianza 30 Scheda N 1 Estintori Tipo di controllo Sorveglianza 30 A1 Verificare i seguenti aspetti: a) l estintore sia presente e segnalato con apposito cartello, secondo quanto prescritto dalla legislazione vigente;

Dettagli

Manuale pratico sull'uso dell'estintore portatile

Manuale pratico sull'uso dell'estintore portatile Manuale pratico sull'uso dell'estintore portatile L'ESTINTORE Premessa Questa semplice guida ha come obiettivo quello di fornire tutte le delucidazioni necessarie ai soggetti tenuti ad avere uno o più

Dettagli

i cartelli Segnaletici Per la Sicurezza e le emergenze

i cartelli Segnaletici Per la Sicurezza e le emergenze i cartelli Segnaletici Per la Sicurezza e le emergenze LA FORMAZIONE VINCENTE. CFRM è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata nella formazione ed addestramento all uso di

Dettagli

SICUREZZA ANTINCENDIO:

SICUREZZA ANTINCENDIO: Servizio di Prevenzione e Protezione OPUSCOLO INFORMATIVO SICUREZZA ANTINCENDIO: PREVENZIONE ADDESTRAMENTO ESTINZIONE SPP-DA-105 REV.01 Aggiornamento Maggio 2010 pag. 1 di 8 IL FUOCO INGREDIENTI DEL FUOCO

Dettagli

Cer001 LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'IMMOBILE DI VIA CARDUCCI, 6 NEL COMUNE DI TRIESTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE

Cer001 LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'IMMOBILE DI VIA CARDUCCI, 6 NEL COMUNE DI TRIESTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE STAZIONE APPALTANTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale, lavori pubblici, edilizia Servizio lavori pubblici Via Giulia, 75/1-34126

Dettagli

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni.

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. Sommario 1. Cos è un gas: definizione, proprietà. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. 3. Schede di sicurezza: prodotto, composizione, identificazione pericoli, etc. 4. Pressurizzazione

Dettagli

Procedura interna. Squadra Antincendio

Procedura interna. Squadra Antincendio Procedura interna Squadra Antincendio Roma, 01/2015 Rev.06/annuale Pagina 1 di 6 A.Orelli. Tel. 3387 RAPPORTO D INTERVENTO SQUADRA ANTINCENDIO Allegato 1. Registro delle N. attività: tale Del: registro

Dettagli

L incendio Incendio a bordo 1 La normativa nel campo marittimo cura, in particolar modo, tutto quanto può essere connesso con il sinistro marittimo più frequente: l incendio a bordo. Sono previsti, nella

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI 1

PREVENZIONE INCENDI 1 PREVENZIONE INCENDI 1 COMBUSTIONE La combustione è la reazione chimica di due sostante (combustibile e comburente) con sviluppo di calore. Condizioni necessarie per la suddetta reazione chimica sono: presenza

Dettagli

Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che deve fornire

Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che deve fornire Segnaletica di sicurezza sul posto di lavoro prof F.Scinicariello Per il Biennio Itis Prescrizioni generali per la segnaletica di sicurezza Colorazioni della segnaletica in relazione alla indicazione che

Dettagli

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE -

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - La protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti al verificarsi di un incendio.

Dettagli