OBBLIGHI A CARICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBBLIGHI A CARICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI"

Transcript

1 OBBLIGHI A CARICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI dott. ing. Marco Di Felice

2 Il 07/10/2011 è entrato in vigore il DPR 151/2011: Regolamento sulla semplificazione dei procedimenti di prevenzione incendi, che introduce molte novità, tra cui: semplificazione e progressività nelle procedure di prevenzione incendi introduzione delle categorie (A, B, C) delle attività soggette aggiornamento dell elenco delle attività soggette: ora l Allegato 1 contiene n. 80 attività rispetto alle n. 94 attività del DM 16/02/1982 (abrogato) introduzione della SCIA-VVF introduzione del nulla osta di fattibilità e delle verifiche in corso d opera resta invariato l istituto della deroga restano i rinnovi (Attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio), con cadenza quinquennale sussidiarietà: trasferimento sui titolari delle attività e sui professionisti antincendio di un maggiore carico di responsabilità (SCIA-VVF e asseverazioni)

3 D.P.R. 01/08/2011 n 151 Categoria A Categoria B Categoria C Prima dell inizio dell attività (dopo l esecuzione dei lavori) FASE 1 SCIA ( PIN ) + PROGETTO (relazioni + elaborati grafici) + ASSEVERAZIONE (PIN ) (con certificati e dichiarazioni allegate) VALUTAZIONE DEL PROGETTO (PIN ) + PROGETTO (relazioni + elaborati grafici) VALUTAZIONE DEL PROGETTO (PIN ) + PROGETTO (relazioni + elaborati grafici) Rilascio ricevuta: in caso di completezza formale dell istanza Prima dell inizio dell attività (dopo l esecuzione dei lavori) Prima dell inizio dell attività (dopo l esecuzione dei lavori) FASE 2 NON PREVISTA SCIA (PIN ) + ASSEVERAZIONE (PIN ) (con certificati e dichiarazioni allegate) SCIA (PIN ) + ASSEVERAZIONE (PIN ) (allegando i certificati da tenere presso l attività) Rilascio ricevuta: in caso di completezza formale dell istanza Rilascio ricevuta: in caso di completezza formale dell istanza FASE 3 Visita di controllo: a campione con rilascio del verbale di visita tecnica. Visita di controllo: a campione con rilascio del verbale di visita tecnica. Visita e rilascio CPI.

4 RINNOVI cadenza -alla scadenza naturale del vecchio CPI; -ogni 5 anni per le attività rinnovate dopo il 7/10/2011; -ogni 10 anni per le attività 6, 7, 8, 64, 71, 72, 77. Per tutte le categorie: ATTESTAZIONE DI RINNOVO PERIODICO (PIN ) + ASSEVERAZIONE (PIN ) (impianti di protezione attiva e requisiti protezione passiva ) Categorie A e B Categoria C Rilascio ricevuta VVF di presentazione del rinnovo Rinnovo CPI

5 Alcuni esempi di nuove attività soggette al controllo da parte dei VVF: 55: demolizione di veicoli (superficie > m 2 ) 73: edifici con promiscuità strutturale, di esodo o impiantistica (> 300 persone oppure > 5'000 m 2 ) 78: aeroporti, stazioni ferroviarie (superficie > m 2 ) e metropolitane 79: interporti (superficie > m 2 ) 80: gallerie stradali (> 500 m) e ferroviarie (> m)

6 Alcuni esempi di riformulazione dei criteri di assoggettabilità: 9: officine e laboratori di saldatura, con oltre 5 addetti alla mansione specifica di saldatura o taglio 12: depositi di liquidi infiammabili (p.i. > 65 C) con capacità compresa tra 1 e 9 m 3 (categoria A: diesel tank) 13: impianti di distribuzione carburanti; contenitori-distributori rimovibili di carburanti (p.i. > 65 C) con capacità fino a 9 m 3 (categoria A: diesel tank) 48: centrali termoelettriche, macchine elettriche fisse con liquidi isolanti combustibili (> 1 m 3 ) 65: locali di spettacolo, impianti sportivi e palestre, sia pubbliche che private, (> 100 persone oppure > 200 m 2 ) 66: alberghi ( ), campeggi, villaggi turistici (> 400 persone) 70: depositi con superficie > 1'000 m 2 e materiali combustibili > 5'000 kg 75: autorimesse pubbliche e private con superficie coperta > 300 m 2

7 Altri decreti recenti (1/2): DM 05/08/2011 Procedure e requisiti per l'autorizzazione e l'iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell'interno di cui all'articolo 16 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139 : regolamenta la formazione e l aggiornamento dei cosiddetti professionisti antincendio autorizzati al rilascio delle certificazioni e delle dichiarazioni di cui DLgs 139/2006, alla redazione dei progetti elaborati con l'approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio, nonché del relativo documento sul sistema di gestione della sicurezza antincendio. Requisiti per il mantenimento dell iscrizione agli elenchi del Ministero dell'interno: - corso base di 120 ore + esame - formazione obbligatoria di 40 ore ogni 5 anni

8 Altri decreti recenti (2/2): DM 07/08/2012 Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi ( ) : regolamenta le nuove procedure introdotte dal DPR 151/2011. Introduce in particolare: - la nuova modulistica per la presentazione delle istanze - il concetto di modifica delle attività esistenti rilevanti ai fini della sicurezza antincendio e quindi soggette all obbligo di SCIA o richiesta di valutazione del progetto di prevenzione incendi (Allegato IV)

9 Cosa fare in caso di modifica di attività esistente, in possesso di CPI/SCIA: - se la modifica è classificabile come non sostanziale, cioè non rientrante nell elenco di cui all Allegato IV del DM 07/08/2012, la stessa potrà essere documentata al Comando VVF all atto della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio (art. 4.8 del DM 07/08/2012); - se la modifica è classificabile come sostanziale, ma senza aggravio di rischio incendio, si presenta preventivamente al Comando VVF una SCIA-VVF corredata di dichiarazione di non aggravio di rischio (mod. PIN 2.6_2012) redatta da professionista antincendio o tecnico abilitato; - se la modifica sostanziale comporta anche un aggravio del rischio incendio, rispetto allo stato preesistente dell attività, si dovrà presentare al Comando VVF la preventiva richiesta di valutazione del progetto.

10 Nuove attività soggette Per gli insediamenti esistenti, in possesso di CPI/SCIA, in cui si configuri la presenza di una delle nuove attività soggette al controllo da parte dei VVF, introdotte dal DPR 151/2011, si deve presentare la SCIA-VVF entro il 07/10/2014 (salvo proroghe ) Ad esempio, per i contenitori o serbatoi mobili-rimovibili di gasolio per autotrazione (diesel tank), con capacità compresa tra 1 m 3 e 9 m 3, si dovrà assolvere agli obblighi previsti dal DPR 151/2011, con diversa modalità in funzione di: - tipo di attività esercitata - tipo di mezzi riforniti come di seguito illustrato:

11 DIESEL TANK (1/5) 1 caso: DEPOSITO DI LIQUIDO INFIAMMABILE Attività esercitata: azienda agricola, cava o cantiere Atto legislativo di riferimento: Decreto 19/03/1990 Mezzi riforniti: automezzi non targati e non circolanti su strada, ma solo all interno della proprietà Attività 12.1.A (DPR 151/2011): Depositi e/o rivendite di liquidi con punto di infiammabilità sopra i 65 C, con capacità da 1 a 9 m 3. Obbligo: deposito SCIA se capacità serbatoio > 1 m 3. Con l entrata in vigore del DPR 151/2011 è decaduta l esenzione dall assoggettabilità per azienda agricola, cava o cantiere di cui al Telegramma n. 4113/170 del 11/04/1990.

12 DIESEL TANK (2/5) 2 caso: DEPOSITO DI LIQUIDO INFIAMMABILE Attività esercitata: qualsiasi attività soggetta al controllo dei VVF, ma diversa da azienda agricola, cava o cantiere Atto legislativo di riferimento: Decreto 19/03/1990 (per analogia); distanze di sicurezza come da Decreto 12/09/2003 Mezzi riforniti: automezzi non targati e non circolanti su strada, ma solo all interno della proprietà Attività 12.1.A (DPR 151/2011): Depositi e/o rivendite di liquidi con punto di infiammabilità sopra i 65 C, con capacità da 1 a 9 m 3. Obbligo: deposito SCIA se capacità serbatoio > 1 m 3.

13 DIESEL TANK (3/5) 3 caso: DISTRIBUTORE DI CARBURANTE LIQUIDO Attività esercitata: autotrasporto merci per conto terzi, autotrasporto persone in servizio di linea, noleggio con conducente, taxi Mezzi riforniti: automezzi targati circolanti su strada Atti legislativi di riferimento: Decreto 12/09/2003 e Circolare n. 857 del 17/03/2009. Attività 13.1.A (DPR 151/2011): Contenitori distributori di carburanti liquidi con punto di infiammabilità superiore a 65 C, di capacità geometrica fino a 9 m 3 ; pubblico o privato, fisso o rimovibile. Obbligo: deposito SCIA per qualsiasi capacità del serbatoio. Richiesta di autorizzazione per distributore di carburante ad uso privato: sopralluogo della commissione comunale di collaudo (Comune, VVF, UTE, ASL, ARPA).

14 DIESEL TANK (4/5) 4 caso: DISTRIBUTORE DI CARBURANTE LIQUIDO Attività esercitata: qualsiasi attività Mezzi riforniti: automezzi targati circolanti su strada Atto legislativo di riferimento: DM 31/07/1934, con procedura di deroga ai sensi dell art. 7 del D.P.R. 151 del 01/08/2011. Attività 13.1.A (DPR 151/2011): Contenitori distributori di carburanti liquidi con punto di infiammabilità superiore a 65 C, di capacità geometrica fino a 9 m 3 ; pubblico o privato, fisso o rimovibile. Obbligo: deposito SCIA per qualsiasi capacità del serbatoio. Richiesta di autorizzazione per distributore di carburante ad uso privato: sopralluogo della commissione comunale di collaudo (Comune, VVF, UTE, ASL, ARPA). Richiesta di deroga all art. 82 del DM 31/07/1934, da presentare alla Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco (tramite il Comando provinciale VVF), evidenziando il motivo per cui il serbatoio non può essere interrato. Ad esempio: per ragioni ambientali, per problemi di falda superficiale, per smottamenti del sottosuolo, per presenza di roccia o altro, proponendo delle misure compensative di sicurezza (tra cui un sistema di protezione intorno al diesel tank per evitare urti accidentali dei mezzi in rifornimento e manovra). Sarà poi discrezione della Direzione Interregionale dei VVF valutare l idoneità delle misure compensative proposte.

15 DIESEL TANK (5/5) Attenzione!! Nel 1 e 2 caso è necessario che il titolare dell attività dichiari che verranno riforniti esclusivamente i mezzi circolanti all interno della proprietà. Il diesel tank deve possedere le seguenti certificazioni: Approvazione di tipo, rilasciata dal Ministero dell Interno; certificato di collaudo, rilasciato dal costruttore; dichiarazione di conformità (Decreto 37/2008) dell impianto elettrico di alimentazione della pompa erogatrice e verifica della misura di resistenza di terra, rilasciate dall installatore/tecnico; dichiarazione del numero e tipo di mezzi antincendio installati a protezione dell impianto.

16 Attività in possesso di CPI o DIA Per le attività già in possesso di regolare Certificato di Prevenzione Incendi, si attende la scadenza naturale dello stesso e si presenta la richiesta di rinnovo della conformità antincendio, corredata di asseverazione sottoscritta da professionista antincendio. Per le attività in possesso di Dichiarazione di Inizio Attività (atto non soggetto a scadenza naturale in quanto emesso dal legale rappresentante, in attesa del sopralluogo da parte dei VVF), la circolare VVF del 06/10/2011 n conferma che la presentazione della DIA assolva all obbligo della presentazione della SCIA. Il Comando VVF provvederà quindi alla ricatalogazione della pratica in funzione del nuovo elenco delle attività e delle categorie. Se l attività ricade in categoria C, il Comando effettuerà il sopralluogo. In ogni caso la data a cui fare riferimento, anche ai fini del rinnovo, sarà quella del 07/10/2011. La scadenza naturale della DIA/SCIA si protrarrà quindi al 07/10/2016.

17 Attestazione tardiva di rinnovo periodico della conformità antincendio Per le attività in possesso di CPI scaduto, la circolare VVF del 18/04/2012 n stabilisce che la presentazione tardiva di attestazione di rinnovo possa sottintendere: - ad una temporanea interruzione dell attività - all esercizio dell attività in violazione dell art. 5 del DPR 151/2011 Il Comando VVF potrà quindi accertare (anche con controllo mediante visita tecnica) se sussistono i presupposti per procedere alla segnalazione di ipotesi di reato all autorità giudiziaria. Dal punto di vista amministrativo, l attestazione di rinnovo avrà comunque validità di 5 anni a partire dalla data della presentazione della SCIA originaria (o altra autorizzazione previgente). Nel caso in cui, scaduto il CPI, venisse presentata una SCIA in luogo dell attestazione di rinnovo tardivo, tale segnalazione presuppone il mancato esercizio dell attività a far data dalla scadenza del CPI/SCIA originario e pertanto la non assoggettabilità agli obblighi di cui all art. 5 del DPR 151/2011.

18 Attività nuove ed attività esistenti non regolarizzate Per i nuovi insediamenti e per le attività esistenti, ma non ancora regolarizzate dal punto di vista della conformità antincendio, vige l obbligo di esperire le procedure previste dagli art. 3 e 4 del DPR 151/2011: - richiesta di valutazione del progetto, per le categorie B e C - segnalazione certificata di inizio attività (SCIA-VVF), prima dell inizio dell attività, per tutte le categorie

19 D.P.R. 01/08/2011 n 151 Categoria A Categoria B Categoria C Prima dell inizio dell attività (dopo l esecuzione dei lavori) FASE 1 SCIA ( PIN ) + PROGETTO (relazioni + elaborati grafici) + ASSEVERAZIONE (PIN ) (con certificati e dichiarazioni allegate) VALUTAZIONE DEL PROGETTO (PIN ) + PROGETTO (relazioni + elaborati grafici) VALUTAZIONE DEL PROGETTO (PIN ) + PROGETTO (relazioni + elaborati grafici) Rilascio ricevuta: in caso di completezza formale dell istanza Prima dell inizio dell attività (dopo l esecuzione dei lavori) Prima dell inizio dell attività (dopo l esecuzione dei lavori) FASE 2 NON PREVISTA SCIA (PIN ) + ASSEVERAZIONE (PIN ) (con certificati e dichiarazioni allegate) SCIA (PIN ) + ASSEVERAZIONE (PIN ) (allegando i certificati da tenere presso l attività) Rilascio ricevuta: in caso di completezza formale dell istanza Rilascio ricevuta: in caso di completezza formale dell istanza FASE 3 Visita di controllo: a campione con rilascio del verbale di visita tecnica. Visita di controllo: a campione con rilascio del verbale di visita tecnica. Visita e rilascio CPI.

20 Contenuti minimi del progetto di prevenzione incendi La richiesta di valutazione del progetto di prevenzione incendi deve contenere, in sintesi: - analisi del rischio incendio, eseguita dal progettista affiancato e supportato dal responsabile dell attività - individuazione delle attività soggette al controllo da parte dei VVF e degli elementi di pericolo - introduzione delle misure di compensazione del rischio incendio, per contenere il livello di rischio entro un valore accettabile/sostenibile: protezione attiva e passiva, modifica del layout produttivo, gestione dell esodo, sistema di gestione della sicurezza antincendio

21 Criteri di redazione del progetto di prevenzione incendi Il progetto può essere redatto in conformità ad una regola tecnica di prevenzione incendi (attività normate), oppure sulla base dei criteri generali di prevenzione incendi e delle regole tecniche orizzontali, se le attività individuate non sono supportate da una regola tecnica verticale (attività non normate). In casi di particolare complessità o in virtù dell adozione di soluzioni tecniche e architettoniche non standardizzate, il progetto di prevenzione incendi potrà fare ricorso ai metodi dell ingegneria della sicurezza antincendio (approccio prestazionale). I vantaggi di tale approccio consistono nella possibilità di adottare misure di sicurezza equivalenti, derogando ad una o più regole tecniche verticali. I limiti dell approccio prestazionale riguardano invece: - maggiori costi iniziali di analisi, simulazione e progettazione - rigidità e vincoli per mantenere inalterato nel tempo lo scenario di incendio su cui si è basato il progetto - adozione di un sistema di gestione della sicurezza antincendio (SGSA)

22 La nuova prevenzione incendi E in fase di elaborazione un nuovo decreto (Norme di prevenzione incendi generali e semplificate) che potrà semplificare il ricorso ai metodi prestazionali, offrendo al progettista degli strumenti di lavoro più flessibili rispetto alle attuali regole tecniche di natura rigidamente prescrittiva. Cambierà l approccio alla progettazione della prevenzione incendi: - maggiore flessibilità progettuale nello sfruttamento delle misure compensative - possibile risparmio economico - semplificazione e migliore accessibilità ai metodi prestazionali dell ingegneria della sicurezza antincendio - riduzione del ricorso all istituto della deroga

23 Possibili punti deboli di un progetto di prevenzione incendi: - non rispondenza alla reale configurazione dell attività - carenza di dettagli su allestimenti interni, compartimentazioni, elementi di pericolo - incertezza, in fase progettuale, sul reale uso dell edificio e sullo scenario di incendio ipotizzabile - modifiche sostanziali, intervenute in corso d opera, e non accompagnate da un aggiornamento della valutazione del progetto di prevenzione incendi - insufficiente coordinamento e/o dialogo tra progettista e responsabile dell attività - nulla osta di fattibilità non adeguatamente circostanziato

24 Realizzazione delle opere di adeguamento (1/2) Dopo l approvazione del progetto da parte del Comando VVF, si dovranno realizzare gli adeguamenti eventualmente previsti e/o prescritti. La realizzazione di strutture ed impianti deve avvenire sulla base di un progetto esecutivo, preliminarmente redatto da tecnico competente/abilitato. Le opere, gli impianti, i prodotti ed i dispositivi utilizzati e installati devono essere supportati da: - certificazioni di prodotto, omologazioni, rapporti di prova - dichiarazioni di conformità alla regola dell arte (Decreto 37/2008) - collaudi - dichiarazioni di corretta posa - certificazioni e dichiarazioni rese sui modelli PIN-VVF

25 CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI - DM 07/08/2012 certificato o dichiarazione ambito di competenza e applicazione firma CERT.REI-2012 mod. PIN resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi in opera, portanti e separanti, escluse le porte e gli elementi di chiusura professionista antincendio DICH.PROD-2014 mod. PIN DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' Decreto 37/2008 rispondenza dei prodotti (impiegati e messi in opera) alle prestazioni richieste, con riferimento a: - reazione al fuoco - resistenza al fuoco - dispositivi di apertura delle porte dichiarazione di conformità dichiarazione di rispondenza (2) tecnico abilitato (DLL), oppure professionista antincendio (1) installatore tecnico abilitato DICH.IMP-2012 mod. PIN impianto non ricadente nel campo di applicazione del D. 37/2008, con progetto a firma di tecnico abilitato installatore - impianto non ricadente nel campo di applicazione del D. 37/2008 e privo di progetto CERT.IMP-2014 mod. PIN impianto realizzato in conformità a norme diverse dalle norme EN - impianto realizzato sulla base di un progetto sviluppato con l'approccio prestazionale (DM 09/05/2007) - impianto ricadente nel campo di applicazione del D. 37/2008, privo di dichiarazione di conformità ed eseguito prima del 04/04/2013 (DM 20/12/ a) professionista antincendio NOTE: (1) - Il modello PIN DICH.PROD-2012 "deve essre compilato dal professionista antincendio solo nel caso di assenza del tecnico abilitato incaricato del coordinamento o direzione o sorveglianza dei lavori" (lettera VVF del 26/11/2012 prot ). (2) - D. 37/2008 (art. 7 comma 6): "Nel caso in cui la dichiarazione di conformita' prevista dal presente articolo, salvo quanto previsto all'articolo 15, non sia stata prodotta o non sia piu' reperibile, tale atto e' sostituito - per gli impianti eseguiti prima dell'entrata in vigore del presente decreto - da una dichiarazione di rispondenza, resa da un professionista iscritto all'albo professionale per le specifiche competenze tecniche richieste, che ha esercitato la professione, per almeno cinque anni, nel settore impiantistico a cui si riferisce la dichiarazione (...)"

26 Realizzazione delle opere di adeguamento (2/2) Nella scelta delle ditte e nella condotta dei lavori di adeguamento e/o installazione di strutture e impianti di prevenzione incendi, è quindi fondamentale che: - le strutture e le installazioni siano eseguite da ditte specializzate nell esecuzione di tali opere specialistiche - le imprese ed i fornitori rilasciano la documentazione a supporto della conformità alla norma di riferimento, della corretta posa in opera e della individuazione certa del prodotto da costruzione o dispositivo messo in opera - i professionisti antincendio (o i tecnici abilitati) rilasciano le certificazioni, dichiarazioni ed asseverazioni previste. A garanzia della corretta realizzazione delle opere e dell adeguatezza della documentazione finale a corredo delle stesse, è sempre opportuno (anche nei casi in cui non sussiste l obbligo) redigere preliminarmente un progetto esecutivo, che contenga le specifiche tecniche di prodotti e dispositivi da utilizzare, in armonia e coordinamento con quanto previsto nel progetto approvato dai VVF ed eventuali prescrizioni integrative.

27 Requisiti dei progettisti Il DM 05/08/2011 conferma la presenza di due categorie di progettista che può svolgere prestazioni professionali in materia di prevenzione incendi: - tecnico abilitato (tecnico inscritto ad un albo): può redigere i progetti, le istanze di deroga e le asseverazioni in fase di SCIA-VVF, ma non può rilasciare le certificazioni, le asseverazioni di rinnovo e redigere i progetti basati sull approccio prestazionale - professionista antincendio (tecnico iscritto negli elenchi del Ministero dell Interno D.Lgs. 139/2006): può svolgere ogni tipo di incarico in materia di prevenzione incendi. Il tecnico abilitato non ha obbligo di formazione ed aggiornamento. Il professionista antincendio deve frequentare un corso base di prevenzione incendi (120 ore) e sostenere l esame finale; deve inoltre frequentare corsi e seminari di aggiornamento obbligatorio per l ammontare di almeno n. 40 ore ogni 5 anni. I professionisti antincendio sono quindi degli specialisti formati e costantemente aggiornati; la loro qualifica e regolarità di aggiornamento può essere verificata nel sito

28 Le asseverazioni e le responsabilità dei professionisti e dei titolari delle attività - le nuove asseverazioni - le responsabilità del professionista antincendio: verifica ed attestazione di efficienza e funzionalità dei sistemi di protezione attiva e dell integrità delle protezioni passive soggette a degrado e/o perdita delle caratteristiche nel tempo; in occasione dei rinnovi: verifica di conservazione inalterato dello stato dell attività rispetto alla configurazione di cui alla SCIA/CPI precedenti - le responsabilità del legale rappresentante dell attività: manutenzioni, conservazione dello scenario, assenza di varianti significative prive di valutazione di aggravio / non aggravio di rischio, formazione ed informazione del personale - trasferimento sui titolari delle attività e sui professionisti antincendio di un maggiore carico di responsabilità (SCIA-VVF e asseverazioni) rispetto al regime ante DPR 151/2011.

29 Chi deve dichiarare? - il titolare dell attività SEGNALA, con una dichiarazione di atto notorio, l inizio dell attività - il tecnico abilitato ASSEVERA la conformità dell opera ai requisiti di prevenzione incendi - l installatore DICHIARA la conformità degli impianti alla regola dell arte (Decreto 37/2008) - l impresa di costruzioni DICHIARA la fornitura e la corretta posa di prodotti e materiali da costruzione - il professionista antincendio CERTIFICA (redazione dei modelli PIN-VVF) i requisiti di prodotti, impianti e sistemi

30 Sostituzione dei maniglioni antipanico (1/2) Il DM 03/11/2004 e succ. impone la sostituzione dei dispositivi per l'apertura delle porte installate lungo le vie di esodo, privi di marcatura CE, entro il 16 febbraio Scadenze DM 03/11/2004 Disposizioni relative all'installazione ed alla manutenzione dei dispositivi per l'apertura delle porte installate lungo le vie di esodo, relativamente alla sicurezza in caso d'incendio impone l adeguamento dei dispositivi non marcati CE, in conformità alle norme UNI EN 179 o UNI EN 1125, entro febbraio 2011.Il successivo DM 06/12/2011 differiva il termine di adeguamento al 16/02/2013. Campo di applicazione L art. 1 del DM 03/11/2004 specifica che il campo di applicazione del decreto contempla i dispositivi di apertura manuale delle porte installate: lungo le vie di esodo nelle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco quando ne sia prevista l'installazione.

31 Sostituzione dei maniglioni antipanico (2/2) Casi di obbligo di sostituzione dei maniglioni L art. 3 del DM 03/11/2004 prescrive l'installazione dei dispositivi muniti di marcatura CE nei seguenti casi: a) sulle porte delle vie di esodo, qualora sia prevista l'installazione di dispositivi e fatto salvo il disposto di cui all'art. 5, devono essere installati dispositivi almeno conformi alla norma UNI EN 179 o ad altra a questa equivalente, qualora si verifichi una delle seguenti condizioni:a.1) l'attività è aperta al pubblico e la porta è utilizzabile da meno di 10 persone;a.2) l'attività non è aperta al pubblico e la porta è utilizzabile da un numero di persone superiore a 9 ed inferiore a 26;b) sulle porte delle vie di esodo, qualora sia prevista l'installazione di dispositivi e fatto salvo il disposto di cui all'art. 5, devono essere installati dispositivi conformi alla norma UNI EN 1125 o ad altra a questa equivalente, qualora si verifichi almeno una delle seguenti condizioni:b.1) l'attività è aperta al pubblico e la porta è utilizzabile da più di 9 persone;b.2) l'attività non è aperta al pubblico e la porta è utilizzabile da più di 25 persone;b.3) i locali con lavorazioni e materiali che comportino pericoli di esplosione e specifici rischi d'incendio con più di 5 lavoratori addetti. L art. 5 del DM 03/11/2004 stabilisce infine che i dispositivi non muniti di marcatura CE, già installati nelle attività di cui all'art. 3, devono essere sostituiti: in caso di rottura del dispositivo ; in caso di sostituzione della porta ; in caso di modifiche dell attività che comportino un alterazione peggiorativa delle vie di esodo ; entro sei anni dalla data di entrata in vigore del DM 03/11/2004.

32 Sanzioni Cosa rischia chi non ottempera agli obblighi previsti dal DPR 151/2011: - responsabilità penale - mancata liquidazione dei danni da parte dell assicurazione; limiti del sistema assicurativo italiano - vincoli per le certificazioni di qualità, ambientali, altro La parola all avvocato

33 Grazie

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi ing. Giampietro BOSCAINO Comando Provinciale VVF Taranto D.M.07/08/2012 - Con decreto del Direttore centrale per la prevenzione e sicurezza

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA Parma, 10 dicembre 2012 DVD ing. Annalicia Vitullo MODULISTICA STANDARDIZZATA

Dettagli

Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco

Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Torino 23.10.2013 SCIA antincendio: adempimenti e verifiche

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA D.P.R. 01 agosto 2011, n. 151 NORMATIVA E PROCEDURE La nuova normativa e le procedure per la prevenzione incendi e in particolare l arrivo della cosi detta Scia, segnano un

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente DPR 151 del 01.08.2011 Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente Ridefinizione delle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco Allegato I del DPR 151/2011 Art. 2 comma 2

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151 Meno carte Più sicurezza Ambito di riferimento DPR 151/2011 Prevenzione Incendi Legge 122/10 SCIA DPR 160/2010 Regolamento SUAP La novità Le

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Corso base di prevenzione incendi

Corso base di prevenzione incendi Corso base di prevenzione incendi art. 16 comma 4 del DLgs 139/06 Presentazione a cura di Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco di Caserta specializzazione in prevenzione

Dettagli

Corso base di prevenzione incendi. Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco

Corso base di prevenzione incendi. Arch. Salvatore Longobardo Direttore Vice Dirigente Vigili del fuoco Corso base di prevenzione incendi 1 specializzazione in prevenzione incendi NO Perché? ECESSITÀ Obiettivi e finalità PPORTUNITÀ 2 necessità iscrizione, a domanda, in appositi elenchi del Ministero dell

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Ing. Roberta Lala Direttore Antincendi Comando Provinciale VV.F. Lecce Contesto normativo di riferimento Nuove regole

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

Prot. n 10493 Roma, 14 dicembre 2004 -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER L EMERGENZA E IL SOCCORSO TECNICO SEDE

Prot. n 10493 Roma, 14 dicembre 2004 -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER L EMERGENZA E IL SOCCORSO TECNICO SEDE Prot. n 10493 Roma, 14 dicembre 2004 LETTERA CIRCOLARE -AL SIG. VICE CAPO DIPARTIMENTO VICARIO -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER L EMERGENZA E IL SOCCORSO TECNICO -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI dott. ing. Marco Di Felice Ordine Ingegneri della Provincia di Vicenza

Dettagli

Nuove procedure di prevenzione incendi

Nuove procedure di prevenzione incendi ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Consulta INTERPROFESSIONALE Nuove procedure di prevenzione incendi Procedimenti nella presentazione di istanze concernenti i procedimenti

Dettagli

Il 3 novembre 2004 il Ministero dell Interno ha emanato un Decreto Ministeriale riguardante le

Il 3 novembre 2004 il Ministero dell Interno ha emanato un Decreto Ministeriale riguardante le Attenzione alla scadenza del Febbraio 2011 MANGLIONI ANTIPANICO, marcatura CE cogente Un po di storia Il 3 novembre 2004 il Ministero dell Interno ha emanato un Decreto Ministeriale riguardante le Disposizioni

Dettagli

Il dm 7 agosto 2012 e la gestione delle modifiche del rischio incendio nelle attività soggette al DPR 151/11.

Il dm 7 agosto 2012 e la gestione delle modifiche del rischio incendio nelle attività soggette al DPR 151/11. FORUM di PREVENZIONE INCENDI Il dm 7 agosto 2012 e la gestione delle modifiche del rischio incendio nelle attività soggette al DPR 151/11. Francesco Notaro Nucleo Investigativo Antincendi Milano 27 Settembre

Dettagli

I nuovi decreti applicativi

I nuovi decreti applicativi GIORNATA DI STUDIO: I NUOVI ADEMPIMENTI SULLA PREVENZIONE INCENDI Dalla semplificazione amministrativa alla gestione delle procedure I nuovi decreti applicativi Ing. Francesco Notaro, Nucleo Investigativo

Dettagli

Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Vicenza Corso di aggiornamento su Evoluzione della Normativa di Prevenzione Incendi

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08. a ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.0.011 ARGOMENTO ORE Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi DOCENTE

Dettagli

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi Relatore: dott. ing. Mauro Piazza Softability srl Genova, 20 febbraio 2014 ANACI Associazione

Dettagli

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

Lavori di: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PROFESSIONISTA ABILITATO

Lavori di: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PROFESSIONISTA ABILITATO Allegato alla Domanda di Agibilità DIA o PdiC. N del Lavori di: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PROFESSIONISTA ABILITATO Io sottoscritto Comune di nascita Prov. Data di nascita Codice fiscale Partita IVA

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI

ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI 1 Domanda Cumulativa ITER AUTORIZZATIVO La domanda di autorizzazione

Dettagli

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio e le procedure di deroga Ing. Gianfranco Tripi 06/09/2013 1 APPROCCIO PRESCRITTIVO VANTAGGI: uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151

IL REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151 1 IL REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151 2 IL PERCORSO LOGICO DELLA DISCUSSIONE L INQUADRAMENTO NORMATIVO IL DPR VERO E PROPRIO I DETTAGLI CONSIDERAZIONI 3 L INQUADRAMENTO esterno

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI E SPETTACOLI IN LUOGO PUBBLICO O APERTO AL PUBBLICO

RICHIESTA RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI E SPETTACOLI IN LUOGO PUBBLICO O APERTO AL PUBBLICO Bollo (esente se Ente pubblico) AL COMUNE DI CAVENAGO DI BRIANZA UFFICIO POLIZIA LOCALE Protocollo RICHIESTA RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI E SPETTACOLI IN LUOGO PUBBLICO

Dettagli

Studio Legale Salvemini. Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011

Studio Legale Salvemini. Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011 Studio Legale Salvemini Corso di aggiornamento in prevenzione incendi art. 7 del D.M. 5 agosto 2011 La nuova normativa antincendio prevista dal D.P.R. 1 agosto 2011 n. 151 Collegio dei Periti Industriali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE - allestimenti temporanei - CAPES10C.rtf - (06/2012) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA TIPO DI MANIFESTAZIONE ED UBICAZIONE Descrizione sommaria: Gli spazi

Dettagli

- per l individuazione delle misure di sicurezza compensative, in caso di deroghe.

- per l individuazione delle misure di sicurezza compensative, in caso di deroghe. CLAUDIO MASTROGIUSEPPE Il gruppo di lavoro, creato un anno fa, si è proposto di tracciare delle Linee guida per l attuazione del Sistema di Gestione della Sicurezza Antincendio (SGSA), previsto dall approccio

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE ISTANZE RIGUARDANTI GLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE ISTANZE RIGUARDANTI GLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. REGOLAMENTO RELATIVO ALLE ISTANZE RIGUARDANTI GLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 86 del 21 giugno 2005 Art. 1 DEFINIZIONI ED AMBITO DI APPLICABILITA

Dettagli

Il Ministero dell Interno, con decreto 7 agosto 2012, «Disposizioni relative alle

Il Ministero dell Interno, con decreto 7 agosto 2012, «Disposizioni relative alle l Suddivise in sottoclassi le attività soggette ai controlli Semplificata la disciplina sulla prevenzione incendi Il Ministero dell Interno, con decreto 7 agosto 2012, «Disposizioni relative alle modalità

Dettagli

Comune di Isola di Capo Rizzuto Provincia di Crotone Ufficio Tecnico Comunale Settore Territorio - Servizio Urbanistica

Comune di Isola di Capo Rizzuto Provincia di Crotone Ufficio Tecnico Comunale Settore Territorio - Servizio Urbanistica Modello Certificato di collaudo finale relativo a D.I.A. / S.C.I.A. / ATTIVITA EDILZIA LIBERA CERTIFICATO DI COLLAUDO FINALE attestante la conformità dell opera al progetto presentato con la Segnalazione

Dettagli

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato

Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato A TUTTI I R.S.P.P. LORO SEDI Casale Monf.to, 6 novembre 2000 Ns/rif. Doc. n. 04/00/02/01/082 Oggetto: Circolare informativa. Con la presente portiamo a conoscenza quanto sotto riportato Responsabilità

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it

Dettagli

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450 Giunta Regionale Direzione Generale Opere Pubbliche, Politiche per la Casa ed Edilizia Residenziale Pubblica Milano, 16 marzo 2005 Il Direttore Generale R0140P01756D10450 Oggetto: Chiarimenti in ordine

Dettagli

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma Rivelazione incendi e prevenzione incendi Di cosa parliamo? 1. Il quadro normativo: DM 37/2008 2. La normativa di prevenzione incendi: certificazione 3. La regola dell arte: UNI 9795 EN 54 4. Rivelazione

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

DPR 151 del 01.08.2011 Nuovo regolamento di prevenzione incendi Emanazione il 22.09.2011 GU 221 Entrata in vigore 7.10.2011

DPR 151 del 01.08.2011 Nuovo regolamento di prevenzione incendi Emanazione il 22.09.2011 GU 221 Entrata in vigore 7.10.2011 DPR 151 del 01.08.2011 Nuovo regolamento di prevenzione incendi Emanazione il 22.09.2011 GU 221 Entrata in vigore 7.10.2011 Atti di successiva emanazione a) LCMI 4865 del 05.10.2011 a firma del Capo Dipartimento

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona 4 NOVEMBRE 2011 Direttore Dott. Ing. Massimiliano RUSSO

Dettagli

Professionisti ed Installatori alla luce del Nuovo Regolamento di Prevenzione Incendi DPR 151-2011 e del DM 20-12-2012 Luciano Nigro

Professionisti ed Installatori alla luce del Nuovo Regolamento di Prevenzione Incendi DPR 151-2011 e del DM 20-12-2012 Luciano Nigro Professionisti ed Installatori alla luce del Nuovo Regolamento di Prevenzione Incendi DPR 151-2011 e del DM 20-12-2012 Luciano Nigro Firenze, 18 febbraio 2014 NUOVI RUOLI NEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015 BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 Sulla GU 2573/2015, n. 70 è stato pubblicato il D.M. 19 marzo 2015 recante "Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione,

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

G e o rice rch e S.a.s. Gestione ambiente

G e o rice rch e S.a.s. Gestione ambiente G e o rice rch e S.a.s. Gestione ambiente REVAMPING CON UNIFICAZIONE IN UN UNICO POLO IMPIANTISTICO DEGLI IMPIANTI STENA TECHNOWORLD SITI IN COMUNE DI ANGIARI (VR) PER OTTIMIZZAZIONE / IMPLEMENTAZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica Sportello Unico per le Attività Produttive (D.P.R. del 7 settembre 2010, n. 160) - Indirizzi applicativi di armonizzazione tra le procedure di prevenzione incendi ed il procedimento automatizzato di cui

Dettagli

DPR 462/01 (verifiche impianti elettrici di messa a terra)

DPR 462/01 (verifiche impianti elettrici di messa a terra) DPR 462/01 (verifiche impianti elettrici di messa a terra) La nuova legislazione per l esecuzione e le verifiche degli impianti elettrici (DPR 462/01) Generalità D.P.R. 462/01 Il 23 gennaio 2002 è entrato

Dettagli

La sicurezza negli ospedali

La sicurezza negli ospedali SICUREZZA PARTECIPATA IN SANITÀ L ESPERIENZA DEL PROGETTO EUROPEO REFIRE Università Campus Bio-Medico di Roma 7 maggio 2014 La sicurezza negli ospedali Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco Umbria Ospedali,

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo 9.00 13.00 Giorno Periodo Argomento Docente 20.03 23.03 24.03 27.03 30.03 Introduzione alla Prevenzione Incendi. Allegato I del D.M. 10 marzo 1998 (valutazione dei rischi di incendio nei luoghi di lavoro).

Dettagli

La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015

La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015 La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti Rimini 10 aprile 2015 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA SCIA DM 12 08 2014 e modulistica di

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI Elaborato redatto ai sensi dell art. 123, comma 1, lettera d) del Regolamento Edilizio

Dettagli

MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO

MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO MANIFESTAZIONI:AUTORIZZAZIONI PUBBLICO SPETTACOLO O INTRATTENIMENTO A CARATTERE TEMPORANEO Lo svolgimento di pubblici spettacoli e manifestazioni a carattere temporaneo è soggetto ad autorizzazione del

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

Milano, 24 aprile 2008 Prot. SC/gm/ n. 975/08 Lettera Circolare

Milano, 24 aprile 2008 Prot. SC/gm/ n. 975/08 Lettera Circolare Milano, 24 aprile 2008 Prot. SC/gm/ n. 975/08 Lettera Circolare Oggetto: Linee guida per le dichiarazioni di rispondenza degli impianti elettrici ed elettronici esistenti - ai sensi del DM 37/08 art. 7

Dettagli

La normativa vigente e le nuove sfide che Il Professionista Antincendio è chiamato ad affrontare Dalla legge 818 alla Prevenzione Incendi 2014

La normativa vigente e le nuove sfide che Il Professionista Antincendio è chiamato ad affrontare Dalla legge 818 alla Prevenzione Incendi 2014 La normativa vigente e le nuove sfide che Il Professionista Antincendio è chiamato ad affrontare Dalla legge 818 alla Prevenzione Incendi 2014 Luciano Nigro Roma, 18 giugno 2014 IL PROFESSIONISTA ANTINCENDIO.

Dettagli

L esposizione viene articolata in tre sezioni:

L esposizione viene articolata in tre sezioni: L esposizione viene articolata in tre sezioni: 1-Approccio generale all innovazione 2-Approccio operativo 3- Comparazione 1 Approccio Generale all innovazione La prevenzione incendi in un paese che cambia..cambia?

Dettagli

COMUNICAZIONE ULTIMAZIONE LAVORI EDILI

COMUNICAZIONE ULTIMAZIONE LAVORI EDILI COMUNICAZIONE ULTIMAZIONE LAVORI EDILI TOTALE PARZIALE PARZIALE A COMPLETAMENTO Il sottoscritto in qualità di titolare: Persona fisica: nato a ( ) il C.F. Residente/sede in Provincia CAP Via N. Civico

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette ai controlli

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

ARGOMENTI DEI CORSI E DEI SEMINARI. PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.10-16 ORE (19 CFP ai Periti Industriali)

ARGOMENTI DEI CORSI E DEI SEMINARI. PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.10-16 ORE (19 CFP ai Periti Industriali) N.ORE DOCENTI ARGOMENTI DEI CORSI E DEI SEMINARI PER PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.10-16 ORE (19 CFP ai Periti Industriali) PROCEDIMENTI DI TECNOLOGIA DEI SISTEMI E DEGLI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA

Dettagli

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011 Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Impiantistico Antinfortunistico 1) ATTIVITA DI VERIFICHE PERIODICHE CONTESTO Il Servizio Impiantistico Antinfortunistico UOIA - effettua principalmente verifiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione

Dettagli

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico

Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico SICUREZZA. Procedimenti di prevenzione incendi più semplici e rapidi grazie allo Sportello Unico GLI EFFETTI DELLA COLLABORAZIONE TRA REGIONE SARDEGNA E VIGILI DEL FUOCO Il regolamento per la semplificazione

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana AOO_064_06/07/2010-0063622 CIRCOLARE ESPLICATIVA da pubblicarsi sul B.U.R.P. e sul sito internet www.regione.puglia.it area tematica

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti Autorimesse Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti TABELLA 1 CLASSIFICAZIONE DELLE AUTORIMESSE N. attività secondo D.P.R. n. 151/2011 Descrizione attività 59 Autorimesse

Dettagli

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Nella tabella sono riportati i principali riferimenti normativi vigenti alla data del 1/7/2014, fatte salve

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DEL DPR.462/01

NOTA INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DEL DPR.462/01 NOTA INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DEL DPR.462/01 LE NOVITÀ LEGISLATIVE IN MATERIA DI VERIFICHE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Il quadro legislativo in materia di prevenzione degli infortuni prevede che nei

Dettagli

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato

Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato Documento di sintesi della nota ministeriale sull accesso alla professione ed accesso al mercato I ) Accesso alla professione con applicazione delle disposizioni del DL 5/2012, convertito dalla Legge 35/2012

Dettagli

Domanda di collaudo di impianto distributore di carburanti. D.Lgs. 11.2.1998 nr. 32, art. 1, comma 5 e L.R. nr. 33/88, art. 17.

Domanda di collaudo di impianto distributore di carburanti. D.Lgs. 11.2.1998 nr. 32, art. 1, comma 5 e L.R. nr. 33/88, art. 17. Cod. modello 3.1.2.03 domanda collaudo.doc Da presentare in unica copia in bollo Prima di consegnare il presente modulo, munirsi di una fotocopia da far timbrare per ricevuta dall ufficio comunale competente

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA GROSSETO, 21 ottobre 2011 Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalle norme vigenti, comprese quelle di funzionalità,

Dettagli

C O M U N E D I G U B B I O

C O M U N E D I G U B B I O C O M U N E D I G U B B I O URBANISTICA, PIANIFICAZIONE AMBIENTALE E PATRIMONIO SERVIZIO URBANISTICA DICHIARAZIONE ASSEVERATA ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA ai sensi dell art. 30 della

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998 CPI

D.M. 10 marzo 1998 CPI D.M. 10 marzo 1998 CPI La prevenzione incendi: Norme di riferimento Il D.lgs 81/08 prevede che, fermo restando quanto previsto dal D.lgs 139/2006, dovranno essere adottati uno o più decreti in cui siano

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ ED AGIBILITÀ DELL IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art 25 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i., e con le modalità di cui all art

Dettagli

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Con il Decreto Interministeriale del 30 Novembre 2012 sono state recepite le PROCEDURE STANDARDIZZATE per l effettuazione della valutazione dei rischi (art.

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

I Procedimenti di Prevenzione Incendi ed il SUAP (SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE) ing. Francesco CITRIGNO

I Procedimenti di Prevenzione Incendi ed il SUAP (SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE) ing. Francesco CITRIGNO I Procedimenti di Prevenzione Incendi ed il SUAP (SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE) ing. Francesco CITRIGNO COSENZA 7 novembre 2014 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E

Dettagli

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE EN 14342:2005+A1:2008:

Dettagli

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... )

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... ) AL DIRIGENTE RESPONSABILE DEL SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI IMPRUNETA VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014 SCIA n..... del... (busta...../.... ) SCIA n..... del... (busta...../....

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO DELL AVVOCATO DATORE DI LAVORO

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO DELL AVVOCATO DATORE DI LAVORO VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO DELL AVVOCATO DATORE DI LAVORO 1 PREMESSA Lo svolgimento dell attività di avvocato costringe ormai ad un numero crescente di adempimenti collaterali.

Dettagli

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE MPTF UNI 11473-3

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE MPTF UNI 11473-3 DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE La norma UNI 11473-3 definisce i requisiti di conoscenza, abilità e competenza relativi all'attività professionale dell'installatore e del manutentore di porte resistenti

Dettagli

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico Ai sensi dell art. 8, comma 2, del DM 22 gennaio 2008, N. 37 AD INTEGRAZIONE DELLE DOCUMENTAZIONI D IMPIANTO ESISTENTI - rif:...

Dettagli

05.12.2013 Risparmio energetico: iter da seguire

05.12.2013 Risparmio energetico: iter da seguire Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 335 05.12.2013 Risparmio energetico: iter da seguire Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 55% I soggetti che intendono usufruire della

Dettagli

Prevenzione Antincendio ed Evacuazione. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Prevenzione Antincendio ed Evacuazione. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Prevenzione Antincendio ed Evacuazione Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE PROCEDURE DI PREVENZIONE INCENDI. LE NOVITA DEL NUOVO REGOLAMENTO 10 CATEGORIA A Attività

Dettagli

1. Normativa riferita all attività di noleggio autobus con conducente e allo sportello unico attività produttive.

1. Normativa riferita all attività di noleggio autobus con conducente e allo sportello unico attività produttive. Oggetto: Attività di trasporto viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente. L.R. n. 21/2005, L.R. n. 3/2008 art. 1, commi 16-32 - Sportello Unico per le Attività Produttive. Procedimento

Dettagli

IL RUOLO DELLE IMPRESE SPECIALIZZATE: REALIZZAZIONE, CERTIFICAZIONE E MANUTENZIONE

IL RUOLO DELLE IMPRESE SPECIALIZZATE: REALIZZAZIONE, CERTIFICAZIONE E MANUTENZIONE IL DECRETO 20.12.2012: IL DECRETO IMPIANTI IL RUOLO DELLE IMPRESE SPECIALIZZATE: REALIZZAZIONE, CERTIFICAZIONE E MANUTENZIONE Natale Mozzanica Padova, 27 novembre 2014 ESSERE IMPRESA ABILITATA NELLA COSTRUZIONE

Dettagli