LE BUONE PRATICHE. nelle mense scolastiche del territorio imolese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE BUONE PRATICHE. nelle mense scolastiche del territorio imolese"

Transcript

1 CITTA DI IMOLA Settore Scuole Servizio generale LE BUONE PRATICHE nelle mense scolastiche del territorio imolese LA RESPONSABILE Franca Luparesi LA DIRIGENTE Amedea Morsiani LA DIETISTA Elisabetta Battilani 1 OTTOBRE 2011

2 A. La Ditta Fornitrice della Mensa 1. I pasti vengono confezionati utilizzando le derrate previste nel contratto, di provenienza da colture biologiche ( pasta, olio, frutta, verdura, sugo di pomodoro) e di buona qualità 2. I pasti vengono consegnati in quantità adeguata, come da contratto, in relazione alle presenze degli Alunni per i quali vengono effettuate le prenotazioni ogni mattina dall Ausiliario della scuola, dopo avere verificato il numero di Alunni e Insegnanti, nelle singole classi, e avere preso nota delle Diete speciali necessarie, secondo le prescrizioni del Servizio Pediatrico e della Dietista 3. I pasti vengono confezionati con le tecniche di cottura più adeguate, per rendere gradito il prodotto ai Commensali 4. La frutta è di produzione biologica e consegnata il giorno antecedente quello del consumo, ben lavata, con un grado di maturazione adeguato, evitando frutta troppo acerba o troppo matura, di pezzatura media per l età dei commensali 5. I pani sono di produzione giornaliera, secondo le caratteristiche previste dal contratto 6. Le merende sono di buona qualità, in quantità adeguata (sempre con qualche scorta, da conservare negli appositi armadietti) 7. Sono sempre disponibili nella Cucina alcune scorte (crackers, formaggini philadelphia, altri tipi di formaggi) al fine di consentire ad Alunni che, per qualche ragione particolare, non consumino un alimento, di avvalersi di un alternativa e alimentarsi regolarmente 8. La ditta organizza e presidia l acquisto delle derrate, la confezione del pasto, il trasporto, la distribuzione il consumo, con sopralluoghi frequenti, soprattutto nei contesti che presentano qualche criticità: gli insegnanti REFERENTI MENSA sono quelli indicati nella tabella riportata in fondo al fascicolo.

3 B. Il Personale Ausiliario della Scuola 1. L Ausiliario della scuola collabora, come previsto dalla normativa in vigore, per l assistenza alla mensa per aiutare gli Alunni disabili, aiutare gli Alunni in difficoltà, distribuire le diete speciali individuali e nominative, per la conoscenza che tale personale ha degli Alunni della scuola presidiare l organizzazione del momento del pasto, a supporto delle distributrici, in quanto padrone di casa assiste i Genitori che vengono ad assaggiare, fornendo loro il modulo di valutazione, esposto in Bacheca mensa, che verrà poi inviato all Ufficio Scuole, attraverso la propria Direzione 2. L ambiente refettorio viene mantenuto curato, pulito, ordinato e non può essere utilizzato come deposito di arredi o luogo di appoggio di materiale di varia natura che nulla ha a che fare con la mensa (tavolini, pile di seggiole, scatoloni, oggetti vari); l ambiente va tenuto libero di ogni elemento non strettamente necessario alla mensa, per garantire la necessaria mobilità a Distributrici, Insegnanti, Alunni, Camerieri 3. Nel Refettorio opera l ausiliario della scuola, di supporto alla mensa e alle distributrici; personale diverso non ha accesso alla mensa e soprattutto non deve utilizzare il materiale della mensa o il frigorifero C. Le Distributrici della DITTA 1. Le Distributrici della ditta sono le protagoniste principali dell organizzazione del servizio mensa della scuola 2. Devono curare l ordine, l igiene degli ambienti mensa e cucina, il porzionamento dei pasti, la distribuzione, il riassetto della mensa e della cucina, verificare sempre la disponibilità delle scorte 3. Devono vigilare affinché nella mensa non siano depositati attrezzature o arredi inutili 4. Devono vigilare affinché nessuno utilizzi il frigorifero della mensa per proprie derrate personali

4 5. Devono riporre con ordine tutto il materiale consegnato dalla ditta e necessario per la mensa, trasferendo in apposito ripostiglio i contenitori vuoti, da consegnare alla ditta nel più breve tempo possibile 6. La Bacheca della mensa deve essere tenuta in ordine e completa di tutta la modulistica necessaria 7. la Bacheca della cucina deve essere tenuta in ordine e completa della schede HACCP che ogni giorno vanno compilate e rese disponibili per le ispezioni sanitarie o dietetiche 8. i Pasti caldi devono essere mantenuti negli appositi contenitori, con la spina elettrica innestata, dalla consegna della Ditta fino all arrivo dei bambini nel refettorio 9. i Sughi, ragù o condimenti devono essere uniti alla pasta pochi minuti prima dell arrivo degli Alunni, in quantità necessaria, senza tenere da parte contenitori di sugo; il condimento non deve essere frettoloso, ma occorre rimestare accuratamente, affinché la pasta sia ben condita, in maniera completa e omogenea; parte della pasta viene tenuta bianca, da condire con olio e parmigiano, per evenienze o bis 10. il Parmigiano, l Olio, il Sale, l Aceto vengono resi disponibili, su apposito tavolino, a richiesta degli Alunni e degli Insegnanti 11. Il porzionamento deve avvenire in misura proporzionata all età degli Alunni, con quantitativi più abbondanti per le classi dei grandi e quantitativi più contenuti per le classi dei piccoli, ponendo sul piatto un poco di tutto, affinché l alunno sia comunque stimolato ad assaggiare, anche da parte degli Insegnanti 12. Deve essere sempre trattenuta una ragionevole e adeguata quantità di pasta condita e di pasta in bianco, per il bis degli Alunni e degli Insegnanti 13. Corrispondenti modalità devono essere seguite per la distribuzione del secondo e dei contorni 14. Va privilegiato il self-service agli Alunni, con una distribuzione effettuata all arrivo dei medesimi, prima che si sistemino nelle loro postazioni al tavolo, self service che può avvenire solo per il primo o unitamente sia per il primo che per il secondo 15. La frutta del giorno, mista con quella delle giornate precedenti, va sistemata in contenitori posti agli estremi dei tavoli, in modo che gli Alunni possano servirsi da soli o con la collaborazione degli Insegnanti

5 16. Al termine del pranzo, in apposito tavolo, all uscita del refettorio, saranno disposte ciotole, 1 per ogni classe, con frutta e pani, che ciascun insegnante, con la propria classe, porterà con sé, per consentire una 2 merenda anche pomeridiana, da consumarsi 10/15minuti prima della uscita, al fine di spezzare anche il pomeriggio con uno spuntino, prima di andare a casa evitare che gli Alunni tornino a casa affamati avendo pranzato ben 4 ore prima evitare che il pranzo si concluda con una frutta che, per alcuni Alunni, talvolta appesantisce la digestione evitare sprechi di alimenti, poiché pani e frutta che rimangono in quantità notevoli ogni giorno, possono servire, come alternativa, anche la mattina successiva. D. Gli Insegnanti della Scuola 1. Gli Insegnanti accompagnano le classi in mensa a distanza di qualche minuto l una dall altra, per consentire un regolare e diluito self service 2. Si posizionano al tavolo con la propria classe, al fine di realizzare l attività di competenza di EDUCAZIONE ALIMENTARE, presidiare il momento del pranzo, proponendo un modello di comportamento che gli Alunni possono imitare e ponendo attenzione a situazioni di inappetenza con adeguati stimoli, incoraggiamenti o aiuti 3. Gli Insegnanti evitano di mangiare (davanti agli Alunni) alimenti diversi dalla mensa scolastica o di esprimere, con atteggiamenti o espressioni verbali, in presenza degli Alunni medesimi, giudizi negativi che possano indurre gli Alunni a non apprezzare il pasto: i giudizi possono essere espressi con le modalità consuete, con la compilazione dei modelli di gradimento, con il telefono, verbalmente ai Colleghi Referenti Mensa, nel Gruppo mensa 4. all uscita della mensa, gli Insegnanti, con la propria classe, portano con sé la ciotola della frutta e dei pani, per consentire la merenda aggiuntiva di cui sopra

6 E. I Genitori degli alunni che utilizzano la Mensa 1. I Genitori interessati partecipano al Gruppo mensa, informandone il Dirigente, affinché segnali il loro nominativo all ufficio scuole 2. I Genitori possono presentarsi ogni giorno alla mensa della scuola e assaggiare gli alimenti: avranno cura di utilizzare il modello appeso alla bacheca mensa per esprimere il loro giudizio su tutti gli alimenti, firmarlo e consegnarlo all insegnante, da inoltrare tramite il Dirigente al competente Ufficio scuole 3. I Genitori possono contattare la Dietista o altri del Servizio Comunale, utilizzando i recapiti telefonici riportati nel volumetto Mangiamo a Scuola distribuito ad inizio anno agli alunni, per qualsiasi esigenza inerente la mensa o problematiche particolari che richiedano anche diete speciali F. Il Servizio Mensa Comunale preposto alla MENSA SCOLASTICA 1. Presidia la qualità con sopralluoghi frequenti, rapporti con la Scuola, le Distributrici, la Ditta, i Centri di Cottura, i Depositi delle Derrate 2. Lavora al GRUPPO MENSA per una verifica e un monitoraggio attento su tutti gli aspetti che ineriscono la qualità e il gradimento; il Gruppo Mensa viene costituito ogni anno con rappresentanti di Genitori, Insegnanti, Ausiliari, segnalati dal Dirigente, con i Rappresentanti delle Ditte, la Dietista, i referenti del Comune; si riunisce bimestralmente 3. Nell ambito dei Menù previsti dal Contratto, la Dietista, anche a seguito dei contributi che provengono dal GRUPPO MENSA, definisce il MENU che viene consegnato ai Genitori, all inizio dell anno scolastico affinché conoscano gli alimenti consumati a Scuola e possano coordinarli con quelli di casa 4. La Dietista valuta le richieste dei Genitori per Diete speciali necessarie agli Alunni, d intesa con la Pediatria di Comunità e il Servizio Nutrizionale ASL 5. La Dietista tiene i rapporti con i Centri di cottura delle Ditte 6. Valuta tutti i Moduli Gradimento che pervengono compilati da Insegnanti e da Genitori e si adopera per il superamento delle criticità evidenziate

7 G. Sintesi organizzativa rilevata nelle diverse scuole 1 - IL SELF - SERVICE: a) solo per il primo piatto b) per il primo e secondo piatto separatamente c) per il primo e secondo piatto insieme 2 - I CAMERIERI: a i camerieri a rotazione giornaliera o periodica possono essere un alternativa al self-service a. anche i camerieri possono essere impegnati per la distribuzione del primo, per il primo e secondo, per lo sgombero finale b. uno o due camerieri per classe o sezione c. un cameriere o due per tavolo 3 - LE OPERATRICI DELLA SCUOLA interagiscono con le distributrici della ditta per ogni operazione utile per la migliore riuscita del servizio mensa ad alunni e insegnanti 4 - IN UN TAVOLO OPPURE SU UN TAVOLO PER OGNI CLASSE c è, a disposizione degli alunni e degli insegnanti, il contenitore con olio, sale, aceto, parmigiano. Pinzimonio: utilizzare modalità che evitino spreco di olio, ad esempio: a) preparare le ciotoline con l olio solo per i bambini che lo desiderano b) mettere nelle ciotoline piccole quantità di olio c) mettere un po d olio e sale in un angolo del piatto del secondo 5 - LA FRUTTA E MISTA, in una ciotola al centro di ogni tavolo oppure su un tavolo per ogni classe; la frutta mista risulta dall unione della frutta del giorno con quella residua dei giorni precedenti; la frutta residua viene utilizzata sia per avere la frutta mista a pranzo, sia come merenda aggiuntiva o alternativa, sia per gli alunni che desiderano portarla a casa con i pani residui 6 - LE DISTRIBUTRICI TENGONO UNA PARTE DI PASTA NON CONDITA per distribuirla,

8 con solo parmigiano, ai bambini che non apprezzano il condimento. Anche il bis è opportuno che venga distribuito sia con la pasta condita che con quella bianca, con un filo d olio e un poco di parmigiano 7 - IL PANE Il pane, fornito quotidianamente, può essere tagliato a metà o a fette, posto in una ciotola al centro del tavolo nelle quantità necessarie. IL PANE RIMASTO VIENE PORTATO IN CLASSE DALLE INSEGNANTI E DAGLI ALUNNI a) per la seconda merenda del pomeriggio nelle scuole primarie b) come merenda alternativa, unitamente ad un frutto, nelle scuole dell infanzia c) messo in un contenitore posto in prossimità dell uscita da scuola affinché i bimbi che escono subito dopo il pranzo possano usufruirne per merenda da consumare a casa 8- LA FRUTTA DEL GIORNO, NON CONSUMATA DAI BAMBINI, VIENE PORTATA IN CLASSE O SEZIONE a. per una seconda eventuale merenda nel pomeriggio, nella scuola elementare/primaria b. in sostituzione della merenda del giorno, eventualmente non gradita a qualche bambino, c. messa a disposizione dei bimbi all uscita della scuola d. Viene conservata, messa in frigo dal personale ausiliario e riutilizzata il giorno successivo, come colazione per bimbi che non l abbiano fatta a casa e. come frutta del mattino, per la scuola dell infanzia f. come frutta mista, a pranzo unitamente alla frutta del giorno e a quella dei giorni precedenti 9 - OCCORRE VERIFICARE CHE I FORMAGGINI DI SCORTA, SIANO SEMPRE DISPONIBILI NEI FRIGORIFERI, per particolari e straordinari casi di bimbi che non possano o non riescano a consumare il pasto del giorno

9 10 - LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI : a. da parte dei camerieri b. da parte di ogni alunno a) i residui della mensa, compatibili con il compostaggio (residui di cibo e tovagliolino), vanno collocati da parte dei commensali, organizzati dal personale insegnante, dentro a sacchi neri in apposito contenitore differenziato, la tovaglietta va posta nel contenitore della carta, le posate, i bicchieri, i piatti sporchi svuotati sul carrello predisposto dalle distributrici; b) le distributrici portano nel contenitore esterno per l umido il sacco dei residui per il compostaggio o consegnano a soggetti appositamente autorizzati i residui destinati all alimentazione di animali domestici. I rifiuti non utilizzabili vengono posti dentro al normale cassonetto I GENITORI POSSONO ASSAGGIARE, SENZA PREAVVERTIRE, IL MENÙ DEL GIORNO; compileranno, a fine assaggio, il modello di valutazione e gradimento del menù che la scuola deve aver cura di tenere sempre disponibile nella bacheca: tale modulo viene consegnato alla scuola che avrà cura di inoltrarlo al servizio mensa scolastica comunale attraverso la direzione scolastica 12 - LE INSEGNANTI SEGNALANO TEMPESTIVAMENTE AL SERVIZIO MENSA OGNI OSSERVAZIONE, PROBLEMA O LAGNANZA espressa dai genitori, evitando di indurre i medesimi a sottrarre tempo al proprio lavoro, per provvedere in merito 13 - I GENITORI DEI BIMBI DI SCUOLA DELL INFANZIA CHE RITIRANO L ALUNNO SUBITO DOPO IL PRANZO PORTANO A CASA UNA MERENDA CONFEZIONATA; vengono informati che le regole HACCP, di autocontrollo dell igiene della mensa scolastica, consentono di portare fuori dalla scuola solo merende confezionate; le merende fresche come pizza, ciambella, crostata, torte o che devono essere conservate in frigo/freezer come gelato e yogurt, non possono essere consumati fuori scuola; in tal caso,

10 in prossimità dell uscita della scuola vengono posti tre contenitori con frutta, pane, merende confezionate (crackers), di cui i bambini che escono dopo il pranzo si possono servire 14 - BACHECHE: in ogni scuola è presente una bacheca informativa per i genitori ed il personale delle scuole, contenente: Volumetto Mangiamo a Scuola Tabella organizzazione Atto di organizzazione del servizio mensa moduli di richiesta diete bianche o religiose moduli per esprimere giudizi sul servizio mensa Comunicazioni ed una bacheca in cucina, per il personale addetto alla distribuzione, contenente il Manuale Haccp e le relative schede, il menù mensile, le diete speciali individuali degli alunni, prescritte dai pediatri, comunicazioni LA CAMPANELLA E L ARRIVO IN MENSA Avviando gli alunni ai bagni per lavare le mani A cominciare dalle classi dei piccoli Per proseguire gradualmente con le classi dei grandi Raggiungendo la mensa gradualmente per il self service 16 - COME CONSUMARE IL KIWI Oltre alla sbucciatura standard alcuni bambini lo tagliano a metà e lo consumano con un cucchiaino, utilizzando il mezzo kiwi come una tazzina 17 - I LABORATORI DI CUCINA NELLE SCUOLE La docente per i laboratori di cucina, previo accordi con gli insegnanti delle varie scuole realizza con i bambini le ricette che sono state individuate come esemplificative di piatti semplici e tradizionali, come risulta dal fascicolo che verrà distribuito a tutti gli alunni

11 Ciascuna Scuola, attraverso l insegnante, gli alunni, gli ausiliari, le distributrici, i genitori può proporre ulteriori BUONE PRATICHE che siano state adottate nella rispettiva mensa e che risultino avere prodotto miglioramenti nell organizzazione complessiva del Servizio. Si ringrazia anticipatamente per ogni contributo che perverrà e che verrà reso disponibile per tutte le Scuole. 07/10/2011

COMUNE DI VOLVERA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI VOLVERA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA 1 Sommario 1 CARTA DEL SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL'INFANZIA STATALI E COMUNALI 3 1.1 LA PRODUZIONE DEI PASTI 3 1.2 LA TABELLA ETETICA

Dettagli

Comune di Caselle Torinese Settore Servizi alla Persona MANUALE PER COMMISSIONI MENSA GUIDA PER I COMPONENTI DELLA COMMISSIONE MENSA

Comune di Caselle Torinese Settore Servizi alla Persona MANUALE PER COMMISSIONI MENSA GUIDA PER I COMPONENTI DELLA COMMISSIONE MENSA COS E LA COMMISSIONE MENSA Comune di Caselle Torinese Settore Servizi alla Persona MANUALE PER COMMISSIONI MENSA GUIDA PER I COMPONENTI DELLA COMMISSIONE MENSA Per consentire un controllo più accurato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Art. 1 Finalità La Commissione mensa è un organismo consultivo che si propone di : a) migliorare la qualità della refezione scolastica;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO. Il Consiglio di Istituto

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO. Il Consiglio di Istituto ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASALSERUGO Il Consiglio di Istituto VISTE VISTE PRESO ATTO le disposizioni ministeriali in materia di ristorazione scolastica, le disposizioni sanitarie in materia d igiene

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Comune di Saletto Provincia di Padova --==ooooo== ==ooooo==-- REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 29 del 03/08/2009 TITOLO I ISTITUZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA RISTORAZIONE SCOLASTICA R E G O L A M E N T O REGOLAMENTO RISTORAZIONE SCOLASTICA - DALL ANNO SCOLASTICO 2013/2014 1 PREMESSA L ambiente scolastico, in quanto comunità

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNALE

COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNALE COMUNE DI PASSIRANO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 52 del 29.11.2010

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E DELLA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI

CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E DELLA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E DELLA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI Allegato F Schema orario/organizzativo del servizio di assistenza prescolastica,

Dettagli

COMUNE DI LA MADDALENA Provincia di Olbia Tempio Area Amministrativa Settore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport

COMUNE DI LA MADDALENA Provincia di Olbia Tempio Area Amministrativa Settore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport COMUNE DI LA MADDALENA Provincia di Olbia Tempio Area Amministrativa Settore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA CAPO I NORME GENERALI

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

PROCEDURA RELATIVA ALLA VIGILANZA DURANTE IL CONSUMO DEI PASTI DEI BAMBINI SOTTOPOSTI A REGIME DIETETICO SCUOLE STATALI

PROCEDURA RELATIVA ALLA VIGILANZA DURANTE IL CONSUMO DEI PASTI DEI BAMBINI SOTTOPOSTI A REGIME DIETETICO SCUOLE STATALI Milano, 07/08/2015 Le diete speciali sono pasti preparati appositamente per gli utenti che per motivi di salute o per scelte etico religiose hanno la necessità di seguire un regime alimentare diversificato

Dettagli

COMUNE DI SEZZE ISTITUZIONE COMITATO MENSA SCOLASTICA MODALITA DI CONTROLLO REFEZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI SEZZE ISTITUZIONE COMITATO MENSA SCOLASTICA MODALITA DI CONTROLLO REFEZIONE SCOLASTICA ART. 1 - Finalità COMUNE DI SEZZE ISTITUZIONE COMITATO MENSA SCOLASTICA MODALITA DI CONTROLLO REFEZIONE SCOLASTICA Il Comune di Sezze gestisce la mensa scolastica della scuola dell infanzia. Il Comune

Dettagli

MODALITA FUNZIONAMENTO COMMISSIONE CONTROLLO MENSA SCOLASTICA

MODALITA FUNZIONAMENTO COMMISSIONE CONTROLLO MENSA SCOLASTICA MODALITA FUNZIONAMENTO COMMISSIONE CONTROLLO MENSA SCOLASTICA ART.1 OBIETTIVI Il Comune di Montereale Valcellina istituisce una Commissione Consultiva per il controllo del servizio mensa, con l obiettivo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CAIVANO

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CAIVANO AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CAIVANO Anno Scolastico 2013 2014 Il servizio di refezione scolastica è destinato agli alunni delle scuole statali e comunali di Caivano, iscritti alla scuola dell infanzia

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 18 aprile 2012 Regolamento del Servizio di Ristorazione Scolastica Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Modalità

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Art. 1 (Principi, finalità ed ambito di applicazione) 1. L Amministrazione comunale riconosce il valore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2015 INDICE

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNANO Provincia di Ascoli Piceno NUOVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

COMUNE DI FOLIGNANO Provincia di Ascoli Piceno NUOVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNE DI FOLIGNANO Provincia di Ascoli Piceno NUOVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione di C.C. n. 04 del 09/02/2012 ART. 1 - FINALITA Il Comune di Folignano,

Dettagli

Regolamento per la Commissione Mensa Comunale

Regolamento per la Commissione Mensa Comunale Regolamento per la Commissione Mensa Comunale Approvato con Deliberazione Consiliare n. 28 del 30 maggio 2015 1 ART. 1 COSTITUZIONE E COMPOSIZIONE La Commissione Mensa è composta da: a. un numero di rappresentanti

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione scolastica Scuola Elementare E.Fermi Approvato con deliberazione di C.C. n. 44 del 20.12.2005 e modificato con deliberazione

Dettagli

INFORMATIVA in merito ai servizi offerti da Milano Ristorazione A.S. 2014-2015

INFORMATIVA in merito ai servizi offerti da Milano Ristorazione A.S. 2014-2015 Milano, luglio 2014 INFORMATIVA in merito ai servizi offerti da Milano Ristorazione A.S. 2014-2015 L Associazione Italiana Celiachia (AIC) Lombardia ONLUS, da alcuni anni ha intrapreso contatti con i referenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA IC8 (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 30/06/2015)

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA IC8 (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 30/06/2015) ISTITUTO COMPRENSIVO N. 8 VIA CA' SELVATICA,11-40123 BOLOGNA Tel 051333384 Fax 0516143898 Sito Web: http://www,ottovolante.org e-mail: comprensivo8@gmail.com boic85100g@istruzione.it REGOLAMENTO DELLA

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 31 del 15.04.2002 Testo entrato in vigore in data 29.05.2002 1 Art. 1 La Commissione

Dettagli

Istituto Suore Clarisse Francescane Missionarie del SS.mo Sacramento SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

Istituto Suore Clarisse Francescane Missionarie del SS.mo Sacramento SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Istituto Suore Clarisse Francescane Missionarie del SS.mo Sacramento SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Regolamento mensa scolastica - Oasi Madre Serafina - 1 PREMESSA L ambiente scolastico, in quanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CUCCIAGO ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 26.09.2008 MODIFICATO

Dettagli

Servizio di refezione Scolastica. Sezione Primavera Scuola dell Infanzia

Servizio di refezione Scolastica. Sezione Primavera Scuola dell Infanzia Servizio di refezione Scolastica Sezione Primavera Scuola dell Infanzia A.S. 2014-2015 Le novità di quest anno Il menù per il nido e la scuola dell infanzia è predisposto dalla nostra pediatra, la Dott.ssa

Dettagli

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 30/11/2002 La Commissione Mensa, viene istituita per esercitare, nell interesse dell utenza e di concerto con l Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMMISSIONE MENSA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. approvato con delibera di C.C. n.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMMISSIONE MENSA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. approvato con delibera di C.C. n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMMISSIONE MENSA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA approvato con delibera di C.C. n. 53 del 9/06/2008 Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE (C.M.) Approvato con Delibera C.C n.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE (C.M.) Approvato con Delibera C.C n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE (C.M.) Approvato con Delibera C.C n. 13 del 11/02/2005 ART. 1 FUNZIONI La Commissione Mensa Comunale (d ora

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 1 Istituzione e finalità della Commissione mensa La Commissione Mensa Comunale (di seguito CMC) è una forma democratica di partecipazione

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

CAPO I NORME GENERALI

CAPO I NORME GENERALI COMUNE DI MERCATO SARACENO Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione C.C. n. 30 del 21.04.2009 Modificato con deliberazione C.C. n. 43

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Assessorato Alla Pubblica Istruzione

COMUNE DI MONTALCINO Assessorato Alla Pubblica Istruzione COMUNE DI MONTALCINO Assessorato Alla Pubblica Istruzione P.zza Cavour n 13-53024 MONTALCINO (SI) w w w.com unemo ntalcino.com PROT. 7662 Montalcino li 04 giugno 2013 AGLI UTENTI DELLE MENSE SCOLASTICHE

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Provincia della Spezia

COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Provincia della Spezia COMUNE DI SANTO STEFANO DI MAGRA Provincia della Spezia Approvato con delibera C.C. n 58 del 19.12.2006 Entrato in vigore il 26 gennaio 2007 DEFINIZIONE DI COMMISSIONE MENSA La Commissione Mensa è un

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIRCOLO DI QUALITÀ del Comune di Opera. Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 28 del 17.07.2014

REGOLAMENTO DEL CIRCOLO DI QUALITÀ del Comune di Opera. Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 28 del 17.07.2014 REGOLAMENTO DEL CIRCOLO DI QUALITÀ del Comune di Opera Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 28 del 17.07.2014 ARTICOLO 1 - Istituzione e finalità del Circolo di Qualità Il Circolo di Qualità

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

COMUNE DI PADERNO FRANCIACORTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PADERNO FRANCIACORTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PADERNO FRANCIACORTA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 24 del 29/10/2013

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO DI ACCESSO AL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TITOLO I DISCIPLINA DEL SERVIZIO ART. 1 FINALITA 1. Le competenze in materia di ristorazione scolastica so state attribuite ai Comuni dalla

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA INDICE Art. 1 FINALITA Pag. 3 Art. 2 MODALITA DI GESTIONE... Pag. 3 Art. 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO. Pag. 3

Dettagli

REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA. Dipartimento Cultura e Politiche Sociali febbraio 2014

REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA. Dipartimento Cultura e Politiche Sociali febbraio 2014 REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA Dipartimento Cultura e Politiche Sociali febbraio 2014 PREMESSA La Commissione Mensa (C.M.) è un organo operativo volontario legittimamente riconosciuto, previsto sia dalle

Dettagli

SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO

SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO COMUNE DI RAVENNA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO SISTEMA DI MONITORAGGIO PER IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA PRESSO NIDI D'INFANZIA, SCUOLE

Dettagli

COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino

COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino Via Umberto I, 1 C.A.P. 10060 Tel. (011) 9861721 Fax (011) 9861882 Partita IVA 02920980014 - Codice fiscale 85003410017 http://www.comune.scalenghe.to.it e.mail:

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE F. CASATI DI BRENNA. a. s. 201 4-201 5

SCUOLA ELEMENTARE F. CASATI DI BRENNA. a. s. 201 4-201 5 SCUOLA ELEMENTARE F. CASATI DI BRENNA REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA a. s. 201 4-201 5 PREMESSA L ambiente scolastico, in quanto comunità educativa, deve essere un luogo in cui ciascun alunno possa fruire

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 - 1 - INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 22 luglio 2015 1 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Pag.

Dettagli

CRITERI PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

CRITERI PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA CRITERI PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente documento ha per oggetto le modalità di funzionamento la COMMISSIONE

Dettagli

COMUNE DI PISA PROGETTO STRATEGICO 2003

COMUNE DI PISA PROGETTO STRATEGICO 2003 COMUNE DI PISA PROGETTO STRATEGICO 2003 QUESTIONARIO SOTTOPROGETTO N. 9 Rilevazione gradimento dell utenza: sistema controllo qualità mense scolastiche controllo del gradimento del prodotto finale. COMUNE

Dettagli

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA Oltre ai controlli già stabiliti dalla Legge rispetto alla normativa igienico sanitaria, le proposte per un controllo sui pasti della refezione scolastica

Dettagli

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Approvato con Deliberazione C.C. n. 47 del 20/07/2004 Modificato con Deliberazione C.C. n. 68 del 16/12/2013 PREMESSA Il Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CISANO BERGAMASCO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16 in data 07.09.2010 I N D I C E Art. 1 Finalità

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA PARITARIA ENRICO POCCI

SCUOLA D INFANZIA PARITARIA ENRICO POCCI SCUOLA D INFANZIA PARITARIA ENRICO POCCI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA REFEZIONE SCOLASTICA TITOLO I MENSA SCOLASTICA Art. 1 FINALITA La mensa scolastica è un servizio a domanda individuale di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 30.09.2010 Art. 1- FINALITA E istituito, presso il Comune di Torre de Passeri, il servizio

Dettagli

COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 16/02/2012 Articolo 1 Costituzione La Commissione Mensa scolastica

Dettagli

LINEE GUIDA OPERATIVE Data: 03/04/09. PO_7.5DTerm SOMMINISTRAZIONE DIETE SPECIALI

LINEE GUIDA OPERATIVE Data: 03/04/09. PO_7.5DTerm SOMMINISTRAZIONE DIETE SPECIALI PROCEDURA OPERATIVA PO_7.5DTerm SOMMINISTRAZIONE DIETE SPECIALI Pag. 1/8 INDICE 1. SCOPO 3 2. APPLICABILITÀ 3 3. MODALITÀ 3 3.1. Documentazione diete speciali 3 3.2. Verifica termobox 4 3.2.1. Diete sanitarie

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica www.comune.bottanuco.bg.it Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 40 del 29.9.2005 e modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

GESTIONE GOVERNATIVA FUNIVIE SAVONA - SAN GIUSEPPE Provincia di Savona

GESTIONE GOVERNATIVA FUNIVIE SAVONA - SAN GIUSEPPE Provincia di Savona GESTIONE GOVERNATIVA FUNIVIE SAVONA - SAN GIUSEPPE Provincia di Savona CAPITOLATO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI MENSA AZIENDALE ART. 1 - OGGETTO DEL CONTRATTO Servizio a favore dei Dipendenti della Gestione

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione 59 Pubblicato all Albo Pretorio dal 04.01.2001 al 19.01.2001 Entrato in vigore il 04.02.2001 Inserito

Dettagli

COMMISSIONE MENSA CITTADINA 16 maggio 2012

COMMISSIONE MENSA CITTADINA 16 maggio 2012 Comune di Casalecchio di Reno Area Servizi alla Persona Servizi Educativi e Scolastici Centro di Documentazione Pedagogico e CIOP Via del Fanciullo, 6 40033 Casalecchio di Reno (BO) COMMISSIONE MENSA CITTADINA

Dettagli

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. Comune di Cento REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA.doc REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

Regolamento per il servizio di refezione scolastica

Regolamento per il servizio di refezione scolastica Regolamento per il servizio di refezione scolastica Approvato con deliberazione di C.C. n. 24 del 26.06.2003 Modificato con deliberazione di C.C. n. 10 del 16.03.2004-1 - Indice pag. ART. 1 - FINALITA...3

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1 CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia Servizio Istruzione Regolamento mensa scolastica 1 ART. 1 GESTIONE La mensa scolastica è gestita dal Comune di Travagliato in collaborazione con la Direzione Didattica.

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CUCINA APERTA. Per le scuole: Nido d Infanzia, Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria Funo e Argelato

PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CUCINA APERTA. Per le scuole: Nido d Infanzia, Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria Funo e Argelato Dussmann Service PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CUCINA APERTA Per le scuole: Nido d Infanzia, Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria Funo e Argelato Comune di Argelato DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Dettagli

Presentazione servizio refezione scolastica. Fondazione Pietro Zarri Scuola dell infanzia paritaria di Castel Maggiore

Presentazione servizio refezione scolastica. Fondazione Pietro Zarri Scuola dell infanzia paritaria di Castel Maggiore Presentazione servizio refezione scolastica LaGhirlandinasrl Come la buona cucina di casa tua. Fondazione Pietro Zarri Scuola dell infanzia paritaria di Castel Maggiore A partire dal mese di marzo 2014

Dettagli

SCHEDA 1 Dati del refettorio valutato n progressivo o codice dell'ispezione Scuola

SCHEDA 1 Dati del refettorio valutato n progressivo o codice dell'ispezione Scuola SCHEDA 1 Dati del refettorio valutato n progressivo o codice dell'ispezione Scuola Via Tipologia della Scuola Sistema di distribuzione Pasti preparati dal Centro Cottura: Pasti a crudo forniti dall'impresa:

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

6(59,=,2',5()(=,21(6&2/$67,&$ &200,66,21(0(16$±5(*2/$0(172

6(59,=,2',5()(=,21(6&2/$67,&$ &200,66,21(0(16$±5(*2/$0(172 6(59,=,2',5()(=,21(6&2/$67,&$ &200,66,21(0(16$±5(*2/$0(172 35(0(66$,O VHUYL]LR GL UHIH]LRQH VFRODVWLFD q ILQDOL]]DWR DG DVVLFXUDUH DJOL DOXQQL OD SDUWHFLSD]LRQH DOO DWWLYLWjVFRODVWLFDSHUO LQWHUDJLRUQDWD

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

CARTA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA CARTA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA LA CARTA DEL SERVIZIO La Carta dei Servizi è un atto previsto dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.01.1994 Principi sull erogazione

Dettagli

Comune di Cremona DOCUMENTO DI INDIRIZZI OPERATIVI E ORGANIZZATIVI DEL SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Cremona DOCUMENTO DI INDIRIZZI OPERATIVI E ORGANIZZATIVI DEL SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Cremona DOCUMENTO DI INDIRIZZI OPERATIVI E ORGANIZZATIVI DEL SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO DI INDIRIZZI OPERATIVI E ORGANIZZATIVI DEL SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA Oggetto del

Dettagli

CITTA DI MELFI SERVIZI AREA ALLA CITTADINANZA REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

CITTA DI MELFI SERVIZI AREA ALLA CITTADINANZA REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO MENSA SCOLASTICA CITTA DI MELFI SERVIZI AREA ALLA CITTADINANZA REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO MENSA SCOLASTICA ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Comune di BRESCIA CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Indagine condotta su bambini, ragazzi e genitori delle Scuole Primarie Maggio 2015 L indagine in forma

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 9 del 4.02.2010 PRIMA PARTE FINALITÀ E ORGANIZZAZIONE Art. 1 Finalità Il Comune di Pont Canavese predispone un servizio

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO CALENZANO COMUNE S.R.L. Società unipersonale del Comune di Calenzano CARTA DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO 2015... Indice Cos è la Carta dei Servizi Gestore Presentazione del servizio Principi fondamentali

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato delibera di C.C. n.6 del 10/04/ COMUNE DI GUSPINI Provincia di Cagliari Direzione Servizi Amministrativi Servizio Pubblica Istruzione, Cultura e Sport REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

settore Socioculturale Ai GENITORI degli ALUNNI Scuole dell Infanzia Scuole Primarie Scuole Secondarie di 1 grado Asili Nido LORO SEDI

settore Socioculturale Ai GENITORI degli ALUNNI Scuole dell Infanzia Scuole Primarie Scuole Secondarie di 1 grado Asili Nido LORO SEDI www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Socioculturale segreteria.socioculturale@comune.paderno-dugnano.mi.it Responsabile procedimento: dott.sa Pina Di Rago Autore: Catania Silvia 10 giugno 2008 - p.1/3

Dettagli

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto L alimentazione esprime abitudini, usi e costumi dell individuo e risponde non solo alle esigenze fisiche, ma anche a quelle psichiche e della vita di relazione ed è in grado di fornire, accanto all esperienza

Dettagli

CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari RIPARTIZIONE CULTURA E PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO REFEZIONE SCOLASTICA

CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari RIPARTIZIONE CULTURA E PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO REFEZIONE SCOLASTICA CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari RIPARTIZIONE CULTURA E PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA COMUNE di PORTO MANTOVANO REGOLAMENTO COMUNALE DI COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. del 2 Art. 1 - Finalità La Commissione Mensa ha la finalità di favorire la partecipazione,

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Paola Rebufatti LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LA FORMAZIONE: UN SUPPORTO PER LA COMMISSIONE MENSA Paola Rebufatti LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Comune di Castellanza REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 70 del 27/11/2003 I N D I C E ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 2 - COMPOSIZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE 6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Scuola Primaria Elsa Morante Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Classi coinvolte: 1-2 - 3-4 - 5 Docente che coordina il progetto: Galesso Daniela-

Dettagli

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 Criteri di valutazione delle offerte Allegato n. 12 al Capitolato Speciale d Appalto Indice

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 TITOLO I MENSA SCOLASTICA Art. 1 Finalità La mensa scolastica è un servizio a domanda individuale

Dettagli

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Camst. Il gusto di una bella storia. Camst è tra i più importanti gruppi di ristorazione in Italia ed è interamente costituito da capitale italiano. Nasce

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA CITTA DI TRAVAGLIATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

A.S. 2015/2016. Il servizio di ristorazione scolastica

A.S. 2015/2016. Il servizio di ristorazione scolastica A.S. 2015/2016 Il servizio di ristorazione scolastica Il Servizio di Ristorazione Scolastica offerto in questo Istituto si caratterizza come supporto funzionale all'attività scolastica vera e propria.

Dettagli

Appalto per la Gestione del Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Pieve di Cento

Appalto per la Gestione del Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Pieve di Cento Appalto per la Gestione del Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Pieve di Cento C.N.S. Consorzio Nazionale Servizi Anno Fatturato Complessivo Fatturato Ristorazione 2008 560 Mln. 67 Mln. 2009

Dettagli

LA PIETANZA NON AVANZA Gusta il giusto, dona il resto

LA PIETANZA NON AVANZA Gusta il giusto, dona il resto LA PIETANZA NON AVANZA Gusta il giusto, dona il resto Esperienza di recupero, a finisolidaristici, di pasti non distribuiti nelle mense scolastiche di Torino SINTESI DEL PROGETTO E DEI RISULTATI L. 155/2003

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera Consiglio comunale n.36 del 29/09/2009 così come modificato con deliberazione di C.C. n.48 del 29/09/2014 SOMMARIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI MONTEVARCHI PREMESSA

CARTA DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI MONTEVARCHI PREMESSA CARTA DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI MONTEVARCHI PREMESSA L erogazione del Servizio di refezione scolastica si uniforma ai principi fondamentali sanciti dalla Direttiva del Presidente

Dettagli

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì I menù proposti da EURORISTORAZIONE per la ristorazione scolastica sono strutturati in 4 settimane, che si ripetono ciclicamente e stagionalmente (menù estivo/menù autunnale/menù invernale) per le scuole

Dettagli