Focus. Crisi finanziaria e tutela del risparmiatore. Emilio Barucci

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Focus. Crisi finanziaria e tutela del risparmiatore. Emilio Barucci"

Transcript

1 Crisi finanziaria tutla dl risparmiator Emilio Barucci La crisi pon tr problmi sul front dlla tutla dl risparmiator: il limit dll attual asstto di tutla fondato sulla trasparnza-rsponsabilità, il salto di qualità di problmi a causa dlla globalizzazion di mrcati, l innovazion sul vrsant dll garanzi da part dl pubblico. Problmi ch richidono una riflssion attnta, vitando sia la morsa dlla lobby finanziaria sia l istanz idologich di ritorno al passato. I primi passi in tma di nuova rgolamntazion appaiono ancora troppo timidi. 28 Il dibattito sull origini dlla crisi finanziaria è animato da divrs tsi. Pur con vari sfumatur, vi è accordo sul fatto ch la crisi affondi l radici anch in una mancanza dlla rgolazion di mrcati dgli intrmdiari finanziari. La vulgata vuol ch prima dlla crisi finanziaria sia stato prmsso all banch (commrciali di invstimnto) di far qullo ch volvano, fino ad assumr rischi ccssivi, ch hanno prodotto fftti dstabilizzanti pr l intro sistma. La drgolamntazion di mrcati dll innovazion finanziaria avrbb accompagnato qusto procsso, favorndo l dinamich dstabilizzanti. Scondo qusta intrprtazion, la crisi finanziaria sarbb in ultima analisi un fallimnto dlla rgolazion dlla suprvision, ch hanno prmsso al sistma finanziario di assumr rischi ccssivi non hanno fatto funzionar a dovr i mrcati finanziari. In qusta ricostruzion manca una valutazion dll vntual fallimnto dlla rgolazion sul front dlla tutla di risparmiatori. Il malfunzionamnto dl sistma finanziario smbra ssr tutto intrno allo stsso soggtto (banch), coinvolgndo solo marginalmnt l famigli gli invstitori s non pr l su ricadut postum sull conomia ral. La ragion di qusta intrprtazion è ch in apparnza, a diffrnza di casi di bond Cirio, Parmalat, argntini, il risparmiator non ha risntito in modo dirtto dlla crisi finanziaria. Ci sono sì stati casi di truff ai loro danni, ma non rapprsntano il cuor dgli vnti ch abbiamo vissuto ngli ultimi anni. A bn guardar, l cos non stanno proprio così: il risparmiator è stato primattor nlla crisi finanziaria, in quanto la sua sottoscrizion di mutui nl mrcato statunitns è all origin dlla crisi d è anch il protagonista in almno du snodi cruciali dgli vnti. In primo luogo anch il piccolo risparmiator (italiano) dtnva obbligazioni Lhman Brothrs strumnti finanziari più o mno complssi, il cui rndimnto ra lgato a qullo dll cartolarizzazioni di mutui subprim: nl momnto in cui i loro przzi sono crollati, il risparmiator ha Emilio Barucci Politcnico di Milano

2 subìto gli fftti dlla crisi in modo significativo. In scondo luogo i salvataggi più o mno spliciti dgli intrmdiari finanziari da part di Govrni sono stati guidati in larga part dall arbitrio - o mglio dall mrgnza - portando al supramnto dll form di tutla ch tradizionalmnt vngono riconosciut al risparmiator nlla figura di azionista, dpositant, obbligazionista. Non soltanto il possssor di dpositi è stato tutlato, ma anch il possssor di obbligazioni, più o mno splicitamnt, così com gli azionisti, sbbn abbiano subìto una fort prdita nl valor di titoli dtnuti. Si tratta di un punto crucial, ch è stato profondamnt innovativo risptto alla vision classica sulla tutla di risparmiatori ch mrita un attnta riflssion. L misur prs sono in continuità con l impostazion ant crisi - ch puntava sulla trasparnza la rsponsabilità dll invstitor - o sgnano piuttosto un mutamnto sostanzial, con un ritorno a misur di stampo patrnalistico il riconoscimnto dll inadguatzza dl prcdnt asstto? Qusto contributo è articolato in tr szioni. La prima crca di indagar sui limiti dll asstto di tutla dl risparmiator ch mrgono a sguito dlla crisi finanziaria. La sconda crca di individuar l possibili lzioni, nl snso di punti dboli dll attual sistma di rgolazion i problmi aprti. La trza si soffrma sui possibili rimdi offr una valutazion dll misur ch si stanno prndndo in tma di rgolazion. Il risparmiator prima durant la crisi finanziaria Il risparmiator è ntrato nlla crisi in almno tr snodi significativi: nlla sottoscrizion di mutui; nlla dtnzion di prodotti finanziari più o mno complssi; nl fallimnto dgli intrmdiari finanziari nlla svalutazion di titoli dgli stssi. I mutui subprim Considrando il primo asptto, la sottovalutazion dl tma dlla tutla dl risparmiator nl dibattito sulla crisi finanziaria appar dl tutto ingiustificata. Il risparmiator è all origin dlla crisi in quanto sottoscrittor di mutui subprim. Non si tratta di risparmio quanto di dbito, di individui ch partcipano ai mrcati finanziari hanno intrattnuto rapporti con intrmdiari finanziari. Un rapporto - la sottoscrizion di un mutuo - di pr sé innocuo ch si è, invc, rivlato ssr carico di insidi. La ragion dll quali è da ricrcar nllo sviluppo di mrcati finanziari nlla drgolamntazion dll attività di intrmdiazion, ch hanno prmsso agli intrmdiari di impacchttar i mutui (assai rischiosi com qulli subprim) cartolarizzandoli trasfrndo ad altri - il mrcato, sgnatamnt, invstitori istituzionali, almno in part, famigli - i 29

3 30 rischi. È bn prcisar ch l famigli ch hanno sottoscritto mutui subprim, almno in prima battuta, non hanno subìto un danno dalla crisi. È stata, prò, la loro incapacità a rimborsar l rat dl mutuo ad avr condotto alla crisi, portando a una svalutazion dll cartolarizzazioni con ingnti prdit pr gli intrmdiari ch li dtnvano in portafoglio pr i risparmiatori stssi ch dtnvano in qualch misura titoli lgati all cartolarizzazioni o agli intrmdiari. L famigli in modo indistinto hanno, poi, ovviamnt risntito dl succssivo avvitamnto dl mrcato immobiliar, ch ha portato a un abbattimnto dlla loro ricchzza ral. Si badi bn, la globalizzazion-libralizzazion di mrcati avva funzionato: i mutui subprim via cartolarizzazioni sono finiti ni bilanci di intrmdiari in tutto il mondo, colpndo banch anch piccol di Pasi ch nint avvano a ch far con il mrcato immobiliar statunitns (istituti islandsi, irlandsi, olandsi, tdschi). In ch snso il rapporto tra sottoscrittor di mutui intrmdiari ha prsntato di tratti problmatici? A bn guardar non siamo propriamnt di front a un comportamnto scorrtto da part dgli intrmdiari ch hanno collocato prsso i risparmiatori titoli altamnt rischiosi snza un adguata informativa, com è succsso nl nostro Pas nl caso di corporat bonds (vdi casi Cirio Parmalat). Infatti, manca l asimmtria informativa tra intrmdiario risparmiator in mrito all oprazion, poiché ntramb l parti hanno sottovalutato i rischi dll oprazion. Siamo, prò, di front anch qusta volta a un incontro tra du parti ch ralizzano uno scambio fuori da trmini corrtti. Nl caso di corporat bonds i rndimnti rano lvati, ma i titoli prsntavano un rischio - qullo di fallimnto dll imprsa - bn suprior risptto alla cdola corrisposta. Il sottoscrittor di mutui subprim, invc, o non ra in posssso dll adguat garanzi o intndva vivr al di sopra dll su disponibilità, utilizzando gli immobili com garanzia pr prndr a prstito dnaro utilizzato pr altri scopi. In ntrambi i casi, la convinzion ch il mrcato immobiliar sarbb continuato a crscr prmttva al propritario immobiliar di stipular un mutuo con un rischio di insolvnza limitato. Non ra raro ch un propritario immobiliar, di front alla crscita dl valor dgli immobili, stinguss il mutuo n sottoscrivss un altro pr un ammontar suprior. In prsnza di un mrcato immobiliar dstinato a crscr snza flssioni, gli immobili rapprsntavano una sorta di garanzia pr indbitarsi soddisfar l signz di consumi da part dll famigli amrican, ch vivvano al di sopra dll loro disponibilità: rano una sorta di salvadanaio snza limit. Non a caso ngli anni a cavallo dl nuovo millnnio si ossrva ch la crscita dl mrcato immobiliar è andata di pari passo con la crscita dll indbitamnto dll famigli amrican. D altro canto la banca ch proponva i mutui avva intrss ad aumntar il volum di qulli concssi soprattutto - nl caso optass poi pr la loro cartolarizzazion - ra dl tutto drsponsabilizzata: avva, cioè, l intrss a far sottoscrivr un mutuo a un clint non solido, in quanto poi il mutuo sarbb stato cduto ad altri (i possssori di titoli cartolarizzati), ricavandon comunqu un lvata commission sia al momnto dlla sottoscrizion sia

4 al momnto dl suo trasfrimnto ai vicoli incaricati dlla cartolarizzazion. La banca, in pratica, non avrbb soffrto alcun nocumnto pr l insolvnza di un mutuo ch vniva cartolarizzato. Qusto asptto - unito ai contratti ch incntivavano gli opratori bancari a incrmntar il numro di mutui pr alimntar il sistma - ha portato l banch statunitnsi ad allntar i critri pr la concssion di mutui, consntndo a ftt dlla popolazion ch prima non si potvano prmttr l acquisto di una casa di tntar qusta strada coronando un sogno ch il prsidnt Bush avva torizzato scondo la sua vision di consrvatorismo compassionvol: allargar il novro di propritari immobiliari. La crisi di mutui subprim, dunqu, non ha avuto origin soltanto dall avidità di banchiri a scapito di mutuatari, ma dall incontro di banchiri intrssati a produrr un lvata massa di mutui di famigli ch vivvano a un livllo di vita suprior all loro disponibilità d rano, quindi, intnzionat a indbitarsi. Quindi: avidità di banchiri, ma anch stili di vita orintati ai consumi quali qulli dlla socità amricana, un attitudin ch ngli ultimi anni è stata drogata da una politica montaria spansiva. L incontro è stato un matrimonio di intrssi di cui è difficil stabilir l rsponsabilità ultim. Alcun intrprtazioni dlla crisi lggono il fnomno in trmini di mancanza di cultura finanziaria da part dll famigli. C è sicuramnt dl vro: la conoscnza dlla finanza prmtt di coglir i lati oscuri di prodotti finanziari, ma nl caso spcifico nint avrbb potuto contro una vra propria campagna cultural di politica conomica ch invitava (quasi splicitamnt) i risparmiatori a indbitarsi. Il scondo snodo è crucial riguarda il trasfrimnto dl rischio di crdito dall banch al mrcato ai risparmiatori. Il tma riguarda du divrsi asptti: i titoli cartolarizzati l obbligazioni dgli intrmdiari finanziari. I mutui subprim vnivano impacchttati in titoli (cartolarizzazioni), il cui rndimnto dipndva dalla frazion di mutui rimborsati dai mutuatari. Uno stsso lotto di mutui ra utilizzato pr costruir più di un titolo strutturato (tranch), il cui rndimnto dipndva in modo divrso dalla prcntual di mutui rimborsati: l tranch snior garantivano un crto rndimnto a patto ch l insolvnz fossro limitat, l tranch junior, invc, cssavano di corrispondr la cdola o prdvano dl tutto di valor non appna un ammontar limitato di mutui divntava insolvnt. Sfruttando la divrsificazion pr la prsnza di un numro molto lvato di mutui nl lotto, alcun tranch prsntavano - scondo i modlli utilizzati dall banch - una modsta probabilità di fallimnto potvano garantir una cdola molto lvata, visto ch gli intrssi corrisposti dai sottoscrittori di mutui subprim rano molto lvati. L tranch più snior (qull con rating AAA) garantivano un rndimnto maggior risptto ai bond govrnativi con il mdsimo rating (, quindi, sulla carta a parità di rischio), gnrando un opportunità di arbitraggio ch ha prmsso ingnti guadagni agli intrmdiari. Il problma è ch il rischio non ra stato valutato corrttamnt. Com nl caso di corporat bonds di casa nostra, siamo in prsnza di una prczion non adguata dl rischio insito ni titoli, un fnomno ch ha colpito 31

5 tutto il sistma ch partcipava all immnsa giostra di mrcati dll cartolarizzazioni - inclus l banch - non è andato a scapito in modo prordinato di risparmiatori. Anch qusta volta si tratta dl rischio di crdito anch qusta volta, almno in part, è finito dov non dovva finir: nll tasch di piccoli risparmiatori. In lina di principio, i titoli rano acquistati da invstitori istituzionali, ma ni fatti sono finiti anch ni portafogli dll famigli tramit altri titoli, polizz assicurativ, fondi comuni di invstimnto. I corporat bonds 32 Il scondo asptto riguarda l obbligazioni mss dagli intrmdiari ch sono stat collocat anch prsso i risparmiatori finali. L mission di corporat bonds al posto dl dbito bancario è da smpr stata vista com una prova di maturità dl sistma ch è capac di valutar il rischio di crdito dll mittnt in modo chiaro di collocarlo prsso invstitori anch non sofisticati. La crisi mostra quanto qusta convinzion sia stata fallac. Il punto crucial, ch disgna nuovi profili sul front dlla tutla dl risparmiator, è ch il rischio di crdito - insolvnza di mutuatari fallimnto dll banch - è stato trasfrito dai bilanci bancari al mrcato ai risparmiatori attravrso cartolarizzazioni obbligazioni. Il fnomno ha riguardato anch i risparmiatori italiani (alcun dcin di migliaia) ch hanno acquistato bond Lhman, nlla prsunzion ch fossro a prova di fallimnto, o hanno sottoscritto polizz assicurativ indx linkd lgat al titolo Lhman Brothrs. Alla luc dgli vnti c è da domandarsi s il rischio di crdito sia facilmnt trasfribil nl mrcato s, quindi, qust oprazioni siano opportun. L banch nascono proprio pr ovviar al problma ch il rischio di crdito (la probabilità ch l affidatario fallisca) non è facilmnt apprzzabil da part dgli opratori di mrcato non sofisticati. Ess sono, invc, in grado di mttr in atto attività di valutazion soprattutto di assorbir ni loro bilanci la possibilità dll insolvnza grazi al volum lvato di rapporti di crdito. La cartolarizzazion prmtt di ricollocar part di qusto rischio sul mrcato, sfruttando la divrsificazion di pool di crditi, si dovrbb giungr a una più fficint allocazion dl rischio, riducndolo. Qusto argomnto funziona a patto ch il rischio di crdito dll cartolarizzazioni sia valutabil in modo corrtto. Valutar l potnzialità di un imprnditor (o mutuatario) di ripagar un dbito contratto è molto complsso il rischio è difficilmnt quantificabil. La crisi ci mostra ch qusto srcizio è ancora più arduo quando si dv tnr conto dgli fftti sistmici di alcun oprazioni si dv valutar la dinamica dl mrcato immobiliar ch smbrava ssr carattrizzato da una continua crscita. La storia dlla crisi finanziaria ci mostra ch il rischio di crdito non ra stato valutato in modo corrtto: sia i modlli intrni dll banch sia l agnzi di crdito hanno fallito in modo inquivocabil. Nl caso di qust ultim, ci

6 sono anch gli strmi pr parlar non soltanto di imprizia, ma addirittura di connivnza con l banch ch proponvano l cartolarizzazioni. Siamo, quindi, in prsnza di oprazioni (stipula di mutui) con il loro rischio di crdito ch toricamnt non dovrbbro riguardar l famigli, ma ch hanno finito pr farlo, in quanto il rischio di crdito si è tramutato in rischio di mrcato nascosto ni titoli cartolarizzati, nll polizz assicurativ, ni fondi comuni di invstimnto o hdg ch invstivano in qusti assts. I risparmiatori si sono ritrovati sposti a qusti rischi in modo prlopiù inconsapvol, spsso non sapndo ch il fondo invstiva in qusti assts o ch la polizza ra lgata a una particolar socità. L lmnto di salvaguardia ra rapprsntato, com al solito, dalla trasparnza dal rating dgli strumnti (tripla A): alcuni fondi (tipo qulli pnsion) sono vincolati a invstir in titoli AAA hanno approfittato dll cartolarizzazioni (apparntmnt priv di rischi) pr gnrar un lvata prformanc. La crisi ci mostra quanto siano stati fallaci qusti strumnti di garanzia. In mrito al primo strumnto, gli vnti ci mostrano quanto sia illusorio garantir un invstitor ni confronti di rischi insiti in un titolo tramit la smplic informazion: è stato calcolato ch l informazion complta riguardo ai titoli cartolarizzati avrbb comportato alcuni milioni di pagin con dati difficili da intrprtar valutar (localizzazion dgli immobili). La via di uscita ra rapprsntata dal bollino di qualità-rating fornito dall agnzi di rating. La crisi finanziaria - com il caso Enron pr gli analisti finanziari - ha mostrato l impossibilità di dlgar a un soggtto privato la produzion di informazion la crtificazion dlla qualità di un mittnt. L sprinza mostra ch l possibilità di indurr comportamnti virtuosi pr qusti soggtti sono limitat: la rputazion gioca un pso assai scarso, vi è un fort incntivo ad assumr comportamnti conformistici a non svolgr adguatamnt l attività di scrning soprattutto in prsnza di laut commissioni da part dgli istituti ch chidono di valutar gli strumnti. Più in gnral, il rischio di crdito è lgato a un fatto talmnt unico nlla vita di una socità (il suo fallimnto), ch è difficil da far vicolar apprzzar in modo corrtto da part di invstitori non sofisticati. Qusto quadro ci mostra i limiti dlla classica tutla dl risparmiator risptto a mrcati smpr più globalizzati intrconnssi a rischi (in particolar di crdito) difficili da valutar. Libralizzando l innovazion finanziaria i mrcati finanziari, l barrir tradizionali a difsa dgli invstitori sono risultat dboli: un risparmiator non potva acquistar dirttamnt un titolo ottnuto dalla cartolarizzazion di mutui subprim, ma nint gli impdiva di acquistar quot di un fondo costituito da fondi ch invstivano in qusti assts o di comprar - com è accaduto in Italia - una polizza assicurativa indicizzata all andamnto di titoli islandsi o di Lhman Brothrs. Difficilmnt un risparmiator italiano avrbb acquistato un tmpo un obbligazion Lhman Brothrs, ma il discorso è cambiato di rcnt allorché il titolo vniva consigliato caldamnt da un promotor finanziario porta a porta. 33

7 Il salvataggio dll banch Il trzo snodo ch ha portato alla ribalta il ruolo dl risparmiator riguarda il fatto ch, di front a una crisi di qusta dimnsion, lo Stato è intrvnuto pr salvar l banch sull orlo dl fallimnto in modo splicito (sottoscrizion di aumnti di capital di obbligazioni) o attravrso la garanzia sui dpositi o sull obbligazioni. Poiché una crisi sistmica rischiava di portar al fallimnto il sistma dlla finanza intrnazional, gli Stati sono intrvnuti andando oltr l misur classich di tutla dgli invstitori. A suo tmpo, nl caso dllo scandalo Parmalat - ch rapprsntava una truffa tra privati - da più parti fu proposta l istituzion di un fondo di tutla di risparmiatori contro l frodi finanziari. La sua applicazion ra talmnt problmatica ch non è stato mai attuato; la crisi finanziaria ha mostrato ch qusta strada può ssr prcorsa. Pr vitar rischi bn maggiori pr il sistma - com qulli ch sono sguiti al fallimnto di Lhman Brothrs - è stato dciso ch l banch di grandi dimnsioni non potvano fallir. Qusto ha portato a un vidnt discriminazion tra obbligazionisti azionisti di banch di grandi dimnsioni di piccola dimnsion ha condotto a un ccssiva salvaguardia dgli obbligazionisti ch hanno scoprto ch il rischio di crdito ra insistnt. L rgol dl gioco - anch s a favor dl risparmiator - sono stat cambiat in corso d opra. Cosa succdrà adsso? I possssori di obbligazioni di una grand utility non finanziaria dvono rclamar lo stsso trattamnto? L lzioni da apprndr 34 Qust considrazioni sul ruolo dgli invstitori offrono alcun lzioni. In primo luogo l origin dlla crisi suggrisc ch il binomio trasparnzainformazion non è un adguato strumnto di garanzia dl risparmiator. Non è sufficint affidarsi all sclt rsponsabili di consumatori in prsnza di prodotti finanziari complssi di stili di vita (com nl caso dll famigli statunitnsi) o prfrnz (com nl caso dgli invstitori italiani ch con i corporat bonds crcavano un rndimnto lvato) ch possono portar a risultati non fficinti. Si ripropon con forza il tma dlla tutla dl risparmiator. L strad ch si prospttano sono il ritorno a vincoli strtti riguardo ai rapporti ch intrcorrono tra risparmiatori intrmdiari o vincoli/incntivi riguardo all oprato dgli intrmdiari, ch impdiscano loro di sfruttar l ignoranza dl risparmiator o la sua avvntatzza. La sconda lzion va al cuor di qulla ch è l impostazion in matria di rgolamntazion finanziaria ngli ultimi trnt anni. Qusta impostazion si basava sul principio ch una dcntralizzazion di controlli in capo agli intrmdiari, unita a una libralizzazion/drgolamntazion dll innovazion finanziaria di mrcati finanziari, foss in grado di garantir sia un fficint

8 funzionamnto dl sistma sia la sua stabilità. Ngli ultimi vnt anni si è passati da sistmi dirttivi di controllo ni confronti dll attività dgli intrmdiari a un sistma più lggro di rgolazion ch prmttva loro di oprar ni mrcati finanziari, a patto ch fossro in grado di valutar i rischi ch si assumvano in modo accurato ch si dotassro di un patrimonio adguato. A front di qusto principio cardin, si è assistito a una dspcializzazion dll attività di intrmdiazion con il modllo di banca univrsal ch ha prso smpr più pid. Di pari passo abbiamo assistito alla privatizzazion dll attività bancaria con il suo riconoscimnto com attività di imprsa con l uscita dgli Stati dalla proprità. Qusto procsso ha rso van molt misur classich di tutla dl risparmiator, in quanto i rischi - spsso valutati in modo scorrtto - non si sa più dov risidano anch a causa dgli strumnti drivati di socità post fuori dalla rgolazion. La globalizzazion di mrcati l innovazion finanziaria rndono inadguat misur tradizionali, quali qull ch impdiscono ai risparmiatori di acquistar taluni prodotti finanziari; la tutla dl risparmiator dv ssr spostata a mont dv ssr inglobata in una più gnral rgolamntazion dl sistma finanziario, riconoscndo ch la sua stabilità può richidr una più strtta rgolazion ch conduca anch a una maggior fficinza. La trza lzion riguarda il ruolo dllo Stato nl salvataggio dll istituzioni finanziari. Con la crisi è passato il principio ch l grandi istituzioni finanziari non possano fallir. Un principio ch è stato stso anch ad altri sttori, com qullo dll auto ngli Stati Uniti in Grmania. Il punto è molto dlicato sotto tr profili. In primo luogo, s c è uno strumnto di garanzia pubblica non solo ni confronti di dpositanti, ma anch dgli obbligazionisti dgli azionisti dll grandi istituzioni finanziari, si va a porr una discriminazion tra qusti risparmiatori l stss figur di invstitori in altr socità ch non godono di qust garanzi. In scondo luogo, qusto sistma ch smbra a prima vista andar a vantaggio di risparmiatori, accntua i problmi di moral hazard con i managr ch saranno portati ad assumr rischi ccssivi. Infin si pon il problma dl ruolo ch il pubblico dv avr nll istituzioni finanziari a front dlla garanzia prstata. Qualch rimdio L soluzioni a qusti problmi aprti potranno ssr tcnich, ma i problmi posti sono cruciali d è auspicabil ch portino a una riflssion più profonda. In primo luogo vi è il tma dlla capacità dl sistma finanziario di autorgolarsi dlla rgolazion, dll autorità di vigilanza in sconda battuta di garantir la stabilità dl sistma finanziario. In altri trmini, occorr tornar a sistmi invasivi sull attività dgli intrmdiari ( i loro rapporti con i risparmiatori), oppur si può prosguir lungo la strada dlla dcntralizzazion di controlli dlla rsponsabilizzazion dgli opratori? La rgolazion incntrata 35

9 36 sugli accordi di Basila, l aprtura di mrcati, la concorrnza tra gli intrmdiari, unit alla privatizzazion dgli intrmdiari dgli ultimi anni, avvano sguito qusta logica. Dopo la crisi finanziaria, la domanda ch occorr porsi è s la strada sia giusta. La risposta probabilmnt è affrmativa, ma con grand attnzion alla rgolamntazion, ch dv ssr bn più svra risptto a qulla attual, al sistma di vigilanza, ch dv ssr assai più fficac. Non occorr invntar cos stran. L propost avanzat dal Comitato di Basila rapprsntano un passo nlla giusta dirzion, ma bisognrà vdr cosa n uscirà: il primo documnto approvato nl ms di sttmbr di qust anno smbra sgnar un arrtramnto significativo in favor dll istanz dl sistma finanziario. Il motto più capitali mno rischi attnd di trovar una sua applicazion svra. La cartina al tornasol saranno i guadagni dll banch: l attività tradizional rnd poco, quindi, s tornrmo a Ro lvati (Rturn on common quity è un indic di rdditività dl capital proprio) vorrà dir ch l banch fanno soldi sfruttando opportunità di arbitraggio o attività spculativ ch dbbono ssr limitat. Ci si attnd una rgolazion ch doti l autorità di vigilanza di una capacità di intrvnir, rndndol anch mno suscttibili di cattura da part dgli opratori di mrcato. Con ogni probabilità si tornrà a rgol più svr nl solco di qull adottat ngli ultimi anni con l aggiunta di un rcupro di discrzionalità da part dll autorità di vigilanza. L istituzion, rcntmnt approvata dalla Commission uropa, di autorità di vigilanza a livllo uropo priv di potri rali non è sicuramnt un sgnal positivo. Intrvnti ch smbrano taumaturgici - tassazion dll transazioni finanziari, limitazion di compnsi - sono dl tutto inadguati allo scopo. La via mastra è più capital, controllo dl rischio vramnt stringnt, limitazion dll attività fuori da mrcati rgolamntati. Muovrsi in qusta dirzion dovrbb garantir una tutla al risparmiator ni confronti di rischi insiti nlla globalizzazion. Sul front di rapporti intrmdiari-invstitori urg un risptto mno formal dll procdur di garanzia una maggior attnzion da part dll autorità di vigilanza. Un occhio particolar dovrbb ssr rivolto ai titoli drivati ch i risparmiatori non dovrbbro acquisir s non di front ad attività ch li giustifichino a un adguata valutazion di rischi. Il problma appar assai rilvant in Italia, dov i prodotti strutturati collocati prsso i risparmiatori (180 miliardi di uro) sono più dl doppio risptto all ammontar collocato in mdia ngli altri Pasi dll ara dll uro. Pr l Italia si sgnala anch l anomalia dl posssso di obbligazioni bancari da part dll famigli, ch fa mrgr in modo prpotnt il tma dl conflitto di intrss tra banca risparmiator: dobbiamo aspttar ch una banca fallisca avndo collocato propri obbligazioni ai clinti? Un rcupro di vincoli imprativi sul punto appar auspicabil. La rvision dlla Mifid (Markts in financial instrumnts dirctiv è il nom con cui è nota la dirttiva 2004/39/C) rapprsnta una buona opportunità. Al riguardo il Csr (Committ of uropan scuritis rgulators) ha avviato una consultazion, ch dovrbb portar a una riduzion dl novro di titoli com-

10 plssi ch possono ssr collocati snza prcauzioni prsso i risparmiatori a un giro di vit sulla dfinizion di invstitor profssional ch può oprar snza ccssiv rstrizioni. L misur vanno nlla dirzion giusta, ma appaiono ancora troppo timid. Infin il tma più complsso, qullo dl ruolo dl pubblico nl govrnar l crisi dgli intrmdiari. Il punto dv ssr circoscritto al sistma finanziario non stso ad altri ambiti. Si rnd ncssario un sistma di salvataggio, dfinito x ant ch privilgi in primo luogo strumnti privatistici, cioè nuovi strumnti finanziari ch rndano disponibili liquidità capitali all banch nl momnto dl bisogno pr vitar il loro fallimnto. Il sistma di garanzi pubblich dv ssr limitato il più possibil pr gli fftti distorsivi ch potrbb crar. Al riguardo bisogna prndr atto ch non vi è più soltanto un problma di tutla di dpositanti, visto il pso dll obbligazioni bancari ni portafogli dll famigli: vi è anch il problma dlla tutla dl risparmiator su qusto front. Dvono ssr dfinit rgol di intrvnto not x ant, ch potrbbro prvdr anch l ntrata dllo Stato nl capital. Un opzion da prfrir a qulla dll garanzi, ch rischia di trasformarsi in un pasto gratis pr l banch. Difficil smbra, invc, la strada dlla tassazion dll attività finanziari pr i limiti nlla sua applicabilità pr l ammontar limitato di risors ch un fondo così formato sarbb in grado di mttr in campo, un ammontar di risors dl tutto inadguato a frontggiar una crisi finanziaria di tipo sistmico. La crisi pon, dunqu, tr problmi sul front dlla tutla dl risparmiator: il limit dll attual asstto di tutla fondato sul binomio trasparnza-rsponsabilità, il salto di qualità di problmi a causa dlla globalizzazion di mrcati dlla drgolamntazion dll attività di intrmdiazion, l innovazion sul front dll garanzi da part dl pubblico. Problmi ch richidono una riflssion attnta, vitando ch si sdimnti uno status quo - qual qullo attual - ch non appar mditato ch viti sia la morsa dlla lobby finanziaria sia l istanz idologich di ritorno al passato. 37

Le problematiche della consulenza finanziaria

Le problematiche della consulenza finanziaria L problmatich dlla consulnza finanziaria Anna Vizzari MIFID: una dirttiva a tutla di piccoli risparmiatori? MIFID è l acronimo di Markt in Financial Instrumnts Dirctiv. Individua una dirttiva dll Union

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO Abbiamo iniziato a lggr in class Nonno Tano la casa dll strgh. Lo scopo ra ascoltar comprndr. Sguir la mastra ch dava sprssività alla lttura imparar da lla a lggr.

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis La ricchzza dll famigli: confronto intrnazional 1 Riccardo D Bonis L articolo confronta la ricchzza dll famigli italian con qulla di altri si Pasi industrializzati. L famigli italian occupano una posizion

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

Liberalizzazioni, consumatori e produttori

Liberalizzazioni, consumatori e produttori Argomnti Libralizzazioni, consumatori produttori Francsco Silva Pr una più fficint qualificata offrta di srvizi è ncssario libralizzar, ma l libralizzazioni sono fficaci solo s sono molto mirat non dmagogich.

Dettagli

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon Consumatori in cifr Il paradosso di carburanti in Italia Marco Bulfon I carburanti hanno un norm incidnza sull inflazion gnral. È pr qusta ragion ch la dinamica di loro przzi è così important. Nl momnto

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Il credito al consumo

Il credito al consumo Il crdito al consumo Anna Vizzari Scnario di rifrimnto I lttori di ricordranno ch abbiamo ddicato il focus dl numro 2/2006 proprio al crdito al consumo. Oggi, a distanza di circa du anni, aggiorniamo i

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione MERCATO AZIONARIO A.A. 2015/2016 Prof. Albrto Drassi adrassi@units.it DEAMS Univrsità di Trist ARGOMENTI Scopi principali carattristich dl mrcato Valutazion dll azioni Rgolamntazion 2 1 Rapprsntano l intrss

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane La lunga crisi di consumi dll famigli italian Fdl D Novllis La fas di bassa crscita di consumi in Italia ch si è prodotta dall inizio dl dcnnio dipnd dalla mancata crscita dl rddito dll famigli. Qusta

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE

-LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI - MERCATI FINANZIARI E BASE ASPETTATIVE 1 -LE ASPETTATIVE: NOZIONI DI BASE - MERCATI FINANZIARI E ASPETTATIVE DUE DEFINIZIONI PER IL TASSO DI INTERESSE Il tasso di intrss in trmini di monta è chiamato tasso di intrss nominal (i). Il tasso di

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

Sepa sta per Single euro payments area

Sepa sta per Single euro payments area I consumatori gli strumnti di pagamnto: nuov opportunità Anna Vizzari Spa sta pr Singl uro paymnts ara: ara unica uropa di pagamnti. Dopo il passaggio dfinitivo alla monta unica nl 2002, la Spa intnd offrir

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1 Argomnti Conciliazion dll controvrsi: il ruolo dll associazioni di consumatori 1 Pitro Pradri Il CNCU (Consiglio Nazional di Consumatori Utnti) ha approvato il documnto con il qual si chid al Ministro

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

Aspettative, produzione e politica economica

Aspettative, produzione e politica economica Lzion 18 (BAG cap. 17) Aspttativ, produzion politica conomica Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia 2 1 L aspttativ la curva IS Dividiamo il tmpo in du priodi: 1. un priodo corrnt

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1

Terremoti: intervento pubblico e/o assicurazione privata 1 Argomnti Trrmoti: intrvnto pubblico /o assicurazion privata 1 Luigi Buzzacchi Marcllo Pagnini 2 La prassi italiana basata su intrvnti x post da part dllo Stato nl caso di catastrofi naturali prsnta asptti

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla

Dettagli

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni

Tassare i redditi o i consumi? Giampaolo Arachi e Massimo D Antoni Tassar i rdditi o i consumi? Giampaolo Arachi Massimo D Antoni Divrs ragioni sono stat avanzat a favor di uno spostamnto dll imposizion dal rddito al consumo, in particolar vrso l Iva: la possibilità di

Dettagli

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini

Liberalizzazione del commercio: forse ci siamo? Luca Pellegrini Libralizzazion dl commrcio: fors ci siamo? Luca Pllgrini Pr la gran part dlla attività commrciali la libralizzazion è finalmnt arrivata. Ma rsta ancora qualch ara di protzion ingiustificata in alcuni comparti

Dettagli

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti?

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti? L famigli italian: mno risparmio più dbiti? Giorgio Gobbi Silvia Magri 1 Tra il 2000 il 2007 il crdito concsso da banch socità finanziari alla famigli italian è quasi raddoppiato, in prsnza dlla modsta

Dettagli

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta Alcun dfinizioni corrnti Umbrto Margiotta Di cosa è fatto intanto un? Di una squnza apparntmnt smplic linar lmnti ch, anch s vrsamnt dfiniti d splicitati, ricorrono in ogni contsto istruzion o progtto

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo La libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Dal 1 o gnnaio 2011 è in vigor la dirttiva uropa pr la libralizzazion di srvizi postali. Già dal 1997 il lgislator uropo ha cominciato a dlinar un gradual

Dettagli

Donare ai tempi della crisi

Donare ai tempi della crisi Argomnti Donar ai tmpi dlla crisi Domnico Chirico Non è smplic districarsi all intrno dll numros richist opportunità di donazion ch, soprattutto in tmpi di crisi, provngono da molti fronti. L articolo

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno Banch rsponsabilità social Angla Tanno Da tmpo l ABI sta promuovndo prsso i suoi mmbri progtti ch mirano a sollcitar una maggior attnzion trasparnza vrso i loro clinti, al fin di accrscr la crdibilità

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

Elio Marchetti. Crisi del mercato assicurativo: azioni degli assicuratori e risposte del sistema sanitario

Elio Marchetti. Crisi del mercato assicurativo: azioni degli assicuratori e risposte del sistema sanitario Sanità, risk managmnt assicurazion Elio Marchtti Nl rcnt passato l compagni ch oprano nll assicurazion sanitaria si sono ridott di numro hanno ristrtto l opratività dll loro polizz, gnrando il sosptto

Dettagli

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello Concorrnza sclt informat nl sttor Rc auto 1 Paolo Martinllo I canali distributivi vincolati hanno limitato la concorrnza l informazioni a disposizion di consumatori nl mrcato dll polizz Rc auto. L rcnti

Dettagli

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese Banda larga: su tcnologia innovazion si gioca il futuro dl Pas Antonllo Bustto Quando facciamo rifrimnto alla cosiddtta crisi conomica è bn inquadrar chiaramnt il fnomno. S guardiamo la Fig. 1 possiamo

Dettagli

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato?

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato? Agcm: autorità garant di consumatori dl mrcato? Francsco Silva Srgio Di Nola La lina d intrvnto dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl è mutata ngli ultimi cinqu anni. L sanzioni pr abusi cartlli hanno

Dettagli

Pag. 1 di 7. 26 ore. SDA Bocconi. 26 ore F.S.G.M. Docente responsabile. Il concetto di CSR e i suoi impatti sulla governance aziendale.

Pag. 1 di 7. 26 ore. SDA Bocconi. 26 ore F.S.G.M. Docente responsabile. Il concetto di CSR e i suoi impatti sulla governance aziendale. Il conctto di CSR i suoi impatti sulla govrnanc azindal. 25-27 Ottobr 2012 conctti, principi strumnti di gstion in Italia nlla UE Gioacchino D Anglo I livlli di adozion gli strumnti dlla CSR. La gstion

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Detrazione fiscale e risparmio energetico

Detrazione fiscale e risparmio energetico Consumatori in cifr Dtrazion fiscal risparmio nrgtico Giampaolo Valntini I risultati L dtrazioni fiscali dl 55%, 1 in vigor dal gnnaio 2007, hanno costituito il più gnroso sistma di incntivi mai msso in

Dettagli

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello Assicurazioni: libralizzazion mancata Paolo Martinllo Gli intrvnti nl sttor assicurativo auto costituiscono probabilmnt il capitolo mno convincnt dll misur di libralizzazion dl Govrno Monti. Il mrcato

Dettagli

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008 Consumatori in cifr Il przzo dl ptrolio di carburanti tra maggio sttmbr 2008 Marco Bulfon Introduzion 142 Nl corso dll ultimo anno i przzi intrnazionali di molt matri prim hanno subìto un comportamnto

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

Banche e finanza: crisi sistemiche e possibili soluzioni. Andrea Baranes e Leonardo Becchetti

Banche e finanza: crisi sistemiche e possibili soluzioni. Andrea Baranes e Leonardo Becchetti Banch finanza: crisi sistmich possibili soluzioni Andra Barans Lonardo Bcchtti La rcnt crisi di mrcati finanziari ha rivlato com la bassa informazion di clinti, i potnti incntivi di managr la spinta a

Dettagli

Politiche fiscali per la famiglia

Politiche fiscali per la famiglia Politich fiscali pr la famiglia Tatiana Onta Lo Stato social fonda l su radici nlla Costituzion: infatti, compito dllo Stato è il sostgno alla famiglia alla matrnità, 1 utilizzando l ntrat gnrat da un

Dettagli

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie Argomnti Fornitura di nrgia lttrica clausol vssatori Eliana Romano 1 La rcnt libralizzazion dl mrcato dll nrgia lttrica pr gli utnti domstici dl luglio 2007 impon all socità fornitrici dl srvizio particolar

Dettagli

Le pensioni dopo la crisi finanziaria

Le pensioni dopo la crisi finanziaria L pnsioni dopo la crisi finanziaria Elsa Fornro La crisi finanziaria ha colto il disgno prvidnzial in una fas di trasformazion. Dobbiamo rivdrlo, alla luc di nuovi vnti? La risposta è ngativa. Crtamnt

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani; CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, L UNIONE RENO GALLIERA E I COMUNI DI ARGELATO, BENTIVOGLIO, SAN GIORGIO DI PIANO, SAN PIETRO IN CASALE, CASTELLO D ARGILE, PIEVE DI CENTO, GALLIERA, PER LA

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI

METODO DEGLI ELEMENTI FINITI Dal libro di tsto Zinkiwicz Taylor, Capitolo 14 pag. 398 Il mtodo dgli lmnti finiti fornisc una soluzion approssimata dl problma lastico; tal approssimazion driva non dall avr discrtizzato il dominio in

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Multicanalità Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovar attravrso la multicanalità: una sfida pr comptr nl mondo dl Privat Banking 4 Andra Ragaini, Banca Csar Ponti Giancarlo Cairoli, Banca

Dettagli

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio Sanità fdralismo fiscal Maria Flavia Ambrosanio Qusto contributo illustra l voluzion dlla spsa sanitaria a livllo rgional i principali fattori ch l hanno dtrminata, l diffrnz, talvolta anch profond, ch

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

Rischi catastrofali e intervento pubblico

Rischi catastrofali e intervento pubblico Rischi catastrofali intrvnto pubblico Luigi Buzzacchi Gilbrto Turati I grandi rischi - trrmoti, alluvioni, ruzioni cc. - pongono alla collttività un problma di prvnzion di coprtura di costi causati dall

Dettagli

PIRELLI & C. REAL ESTATE S.P.A. DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE

PIRELLI & C. REAL ESTATE S.P.A. DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE PIRELLI & C. REAL ESTATE S.P.A. Sd in Milano, Via G. Ngri 10 Rgistro dll Imprs di Milano n. 02473170153 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (art. 54 dl Rgolamnto Emittnti Dlibra Consob n. 11971/1999) PERIODO

Dettagli

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico Argomnti Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nl mrcato lttrico britannico Pt Moory Il Big Switch ralizzato da Which? - organizzazion di consumatori ingls - è la dimostrazion ch un gruppo d acquisto

Dettagli

La revisione dell acquis comunitario sui consumatori

La revisione dell acquis comunitario sui consumatori Argomnti La rvision dll acquis comunitario sui consumatori Liliana Rossi Carlo Con il rcnt Libro Vrd sulla Rvision dll acquis rlativo ai consumatori, la Commission uropa compi un primo, piccolo passo pr

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

L agenda dell Autorità dei trasporti. Marco Ponti

L agenda dell Autorità dei trasporti. Marco Ponti L agnda dll Autorità di trasporti Marco Ponti È imminnt la costituzion dll Autorità indipndnt di rgolazion di trasporti. Avrà finalmnt i potri pr intrvnir a difsa dgli utnti (o di contribunti) contro l

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

AEROPORTI LOMBARDI E LIBERISMO ACCADEMICO - GLI STA...

AEROPORTI LOMBARDI E LIBERISMO ACCADEMICO - GLI STA... 1 di 7 07/10/2015 1.25 MILANO (HTTP://WWW.GLISTATIGENERALI.COM/TOPIC/MILANO/) AEROPORTI LOMBARDI E LIBERISMO ACCADEMICO MARCO GIOVANNIELLO (HTTP://WWW.GLISTATIGENERALI.COM/USERS /MARCOGIOV/) z 6 ottobr

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo Il Codic di dontologia in tma di crditi al consumo Fabio Picciolini La rfrnza crditizia riguarda tutti i cittadini l imprs poiché, a front di ogni richista di aprtura di un rapporto crditizio, gli opratori

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

Tassazione degli strumenti e delle rendite finanziarie: effetti sui comportamenti dei risparmiatori. Riccardo Campi

Tassazione degli strumenti e delle rendite finanziarie: effetti sui comportamenti dei risparmiatori. Riccardo Campi Tassazion dgli strumnti dll rndit finanziari: fftti sui comportamnti di risparmiatori Riccardo Campi La tutla dl risparmio è ssnzial pr fornir all conomia l risors ncssari alla crscita l accsso al crdito

Dettagli

Utenti e regionalizzazione dei trasporti. Marco Ponti e Antonio Laurino

Utenti e regionalizzazione dei trasporti. Marco Ponti e Antonio Laurino Utnti rgionalizzazion di trasporti Marco Ponti Antonio Laurino S si ccttua, in part, il sttor autostradal, la rgionalizzazion di trasporti pubblici locali è stata quasi insistnt, prché a tutti gli stakholdr,

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Finanza Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovazion finanziaria La social businss transformation nl sttor bancario, assicurativo finanziario. L innovazion nll ra social. 6 Srgio Spaccavnto,

Dettagli

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012 Comitato Tcnico Scintifico Attività 2012 fdback sul 2011 Roma, 15 fbbraio 2012 Fdback 2011 ITS national rports ITS Commit mting 15.12.2011 Stakholdrs platform ITSAdvisoryGroup Lgg comunitaria i 2011 2

Dettagli

Regolamento per il controllo della pubblicità

Regolamento per il controllo della pubblicità Rgolamnto pr il controllo dlla Rgolamnto pr il controllo dlla pu bbliciià. Introduzion: Qusto Rgolamnto vin applicato pr il controllo dlla pubbliciti su: Indumnti d quipaggiamnto di ginnasti, giudici diuignti;

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo Argomnti L acqua dl rubintto è buona, ma non ci fidiamo Massimo Labra Maurizio Casiraghi Ch rapporto hanno gli italiani con l acqua? Molti prfriscono qulla in bottiglia. Cosa li guida nlla sclta? Il gusto

Dettagli

Informazioni in Rete

Informazioni in Rete Argomnti Informazioni in Rt Marco Gambaro Ngli ultimi anni Intrnt è divntato part dlla nostra vita quotidiana ha trasformato profondamnt il ruolo i confini di mzzi di comunicazion tradizionali attravrso

Dettagli

Tra. di seguito le Parti

Tra. di seguito le Parti Protocollo di intsa SERVIRE CON LODE Tra il Politcnico di Torino C.F. n. 00518460019, con sd lgal in Torino, Corso Duca dgli Abruzzi, 24, rapprsntato dal Vic Rttor pr la Didattica Prof.ssa Anita Tabacco

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k 1 AMMORTAMENTO AMMORTAMENTO Dbito inizial D 0 si volv (al tasso fisso t) D k = D k-1 (1+t) R k [D k dbito (rsiduo) al tmpo k, R k pagamnto al tmpo k ] Condizioni [D n =0 : stinzion dl dbito in n priodi

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli