DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE."

Transcript

1 DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE. Novità e prospettive sul ruolo e la figura dell insegnante specializzato per il sostegno nel contesto della scuola che cambia Angelo Lascioli - Scuola Secondaria Simeoni Montorio (VR) 18 aprile 2012

2 Nuovo corso per la formazione di insegnanti specializzati per il sostegno Si veda: ervice=1&datagu= &task=dettaglio&numgu=78&redaz=12A03796&t mstp= DECRETO 30 settembre 2011, Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto 10 settembre 2010, n (12A03796) (GU n. 78 del )

3 Profilo del docente specializzato. Allegato A (articolo 2) Il docente specializzato per il sostegno e' assegnato alla classe in cui e' iscritto un alunno con disabilita'; egli assume la contitolarita' della sezione e della classe in cui opera, partecipa alla programmazione educativa e didattica e alla elaborazione e verifica delle attivita' di competenza dei consigli di interclasse, dei consigli di classe e dei collegi dei docenti ai sensi dell'articolo 13, comma 6 della legge5 febbraio 1992 n Il docente specializzato si occupa delle attivita' educativo-didattiche attraverso le attivita' di sostegno alla classe al fine di favorire e promuovere il processo di integrazione degli alunni con disabilita'. Offre la sua professionalita' e competenza per apportare all'interno della classe un significativo contributo a supporto della collegiale azione educativo-didattica, secondo principi di corresponsabilita' e di collegialita'.

4 ATTENZIONE: QUANDO SI PARLA DI INCLUSIONE NON CI SI RIFERISCE SOLO AGLI STUDENTI CON HANDICAP In base ai Principi Guida per promuovere la qualità nella Scuola Inclusiva*, l inclusione interessa un raggio sempre piùampio di studenti piuttosto che quei studenti in possesso della certificazione per l handicap. Riguarda tutti gli studenti che rischiano di essere esclusi dalle opportunitàscolastiche, a seguito del fallimento del sistema scuola. * European Agency for Development in Special Needs Education (2009), Principi Guida per promuovere la qualità nella Scuola Inclusiva Raccomandazioni Politiche, Odense, Danimarca.

5 Uno sguardo ai diversi Paesi Angelo europei Lascioli - in materia di istruzione delle persone con disabilità. Secondo il Rapporto del 2003 dal titolo L integrazione dei disabili in Europa, stilato dall Agenzia Europea per lo Sviluppo dell Istruzione per studenti disabili, in collaborazione con la rete Eurydice, esistono in Europa tre diverse forme/modalitàper rispondere al diritto di istruzione degli studenti con disabilità. Il testo èreperibile in lingua italiana al seguente indirizzo Internet t=828 -.

6 Approccio unidirezionale La prima, denominata approccio unidirezionale, fa riferimento ai Paesi in cui èpresente un sistema scolastico unificato, in base al quale quasi tutti gli studenti con disabilitàhanno libero accesso alla scuola ordinaria; tale sistema poggia su una grande varietàdi servizi incentrati sull istruzione pubblica.

7 Approccio multi-direzionale La seconda tipologia di risposta al diritto di istruzione per tutti, denominata approccio multi-direzionale, riguarda i Paesi che adottano una molteplicitàdi approcci e offrono una pluralitàdi servizi tra il sistema scolastico ordinario e quello differenziato.

8 Approccio bidirezionale Esiste poi un terzo modello di istruzione, denominato approccio bidirezionale, che presenta due distinti sistemi educativi: uno riservato agli studenti in condizione di disabilità, inseriti in scuole o classi speciali -in genere differenziate per tipologia di deficit -nelle quali l iter scolastico non segue il curriculum ordinario; l altro, per gli studenti normodotati, i quali frequentano le scuole ordinarie

9 Fino ai primi anni 70 in Italia Fino ai primi anni 70, in Italia l istruzione per gli studenti in condizione di disabilitàera garantita attraverso un sistema di tipo bidirezionale. In base alle normative allora vigenti la collocazione di un alunno con disabilitàin una scuola speciale o in una classe differenziale dipendeva dal livello di gravitàdel deficit e dalla reversibilitàdel disturbo certificato. In presenza di disabilitàgravi, la scelta ricadeva sulla scuola speciale ; in presenza di altri tipi di problemi, quali ad esempio un disturbo della condotta, la scelta ricadeva sulla classe differenziale.

10 Legge n. 118 del 1971 Con la Legge n. 118 del 1971 inizia il percorso delle riforme che caratterizzano la cosiddetta via italiana all integrazione. L articolo 28 di tale Legge stabilisce, infatti, che l istruzione riguardante la scuola dell obbligo debba avvenire per tutti gli alunni nelle classi normali della scuola pubblica

11 Legge n. 517 del 1977 Faràseguito la Legge n. 517 del 1977, con la quale viene esteso il diritto-dovere di frequentare la scuola di tutti a ogni alunno in etàdi obbligo scolastico, indipendentemente dalla presenza di disabilitàe a prescindere dalla tipologia e dal grado di gravità della stessa. La Legge n. 517 del 4 agosto 1977, abolìle classi differenziali (Art. 8, c. 10), promosse interventi educativi individualizzati nella scuola elementare e media (Art. 2, cc.1, 2; Art. 7, c. 1) e postulò l utilizzazione degli insegnanti specializzati per il sostegno accanto agli alunni portatori di handicaps (Art. 2, c. 2; Art. 7, c. 2).

12 COSA SIGNIFICA Educazione speciale? Nel corso del tempo, si sono sviluppate almeno tre concezioni differenti di Educazione speciale e specularmente -di alunno speciale : le concezioni segregativa, integrativa e inclusiva.

13 La concezione segregativa Intende l educazione speciale come intervento educativo, riservato a una determinata categoriadi studenti (cosiddetti speciali), che si esplica tradizionalmente attraverso l istituzione di scuole speciali e classi differenziali e prevede la presenza di figure professionali (non necessariamente insegnanti) con competenze specifiche adeguate al trattamento e alla gestione educativo-riabilitativa degli studenti con diverse tipologie di deficit (ad esempio: esperti di Braille per studenti ciechi, esperti di LIS per studenti sordi, ecc.).

14 La concezione integrativa Considera l educazione speciale come educazione mirata a favorire e promuovere i processi di integrazione degli studenti certificati con handicap inseriti nella scuola di tutti. Essa si esplica nelle scuole ordinarie, dove operano -accanto agli insegnanti disciplinari -altri insegnanti (denominati di sostegno ) che, seppur con medesima formazione di base dei colleghi, hanno effettuato un percorso formativo aggiuntivo sulle diverse disabilità(specializzazione polivalente), mirato a favorire i processi di integrazione scolastica degli alunni a cui sono assegnati in base a criteri stabiliti dalla legge (in primis la gravitàdella patologia, come evidenziato dalla diagnosi funzionale). La specializzazione polivalente non prevede una formazione specifica rispetto alle differenti tipologie di deficit.

15 La concezione inclusiva Ritiene che l educazione speciale sia processo di riorganizzazione dei sistemi educativi allo scopo di trasformare le istituzioni che si occupano di educazione (in primis la scuola) in strutture NON escludenti, ovvero idonee a intercettare e accogliere i moltepliciedifferenziatibisogni educativi presenti negli alunni, al fine di offrire a ognuno medesime opportunitàdi crescita, sviluppo e apprendimento.

16 Caratteristiche trasversali alle tre differenti concezioni descritte -La nascita e lo sviluppo della successiva, non ha mai eliminato completamente la/le precedente/i; Sono estremamente sensibili alle variabili economiche, sociali e politiche di ogni singolo Paese, per cui in relazione ai mutamenti di tali variabili, subiscono evoluzioni differenti; Ogni concezione si presta a interpretazioni in senso restrittivo e/o distorto : non ci sono definizioni standard di segregazione, integrazione e inclusione.

17 N.B. A seconda del tipo di concezione in atto nel contesto di un istituzione educativa, variano sempre l organizzazione del sistema, la gestione delle risorse umane e la rappresentazione di ruolo degli insegnanti che vi operano, nonchéle reciproche attese che si instaurano tra studenti, studenti e insegnanti, e insegnanti e genitori.

18 ATTENZIONE Risulta assai difficile mettere in pratica un sistema di integrazione quando dal dirigente agli insegnanti disciplinari èdiffusa la convinzione piùo meno dichiarata -che la presenza in classe dell alunno certificato con handicap sia problema che riguarda esclusivamente l insegnante di sostegno; oppure, che la presenza in classe di studenti con difficoltà, anzichérappresentare una sfida educativa -che vale la pena di essere raccolta perchépotrebbe essere estremamente formativa per tutti -viene considerata un limite o un peso che va sopportato con rassegnata frustrazione.

19 Il cantiere italiano dell integrazione scolastica e il suo Stato Avanzamento Lavori (SAL). La metafora del cantiere e del SAL èparticolarmente adeguata a descrivere lo stato in cui si trova in Italia il percorso d integrazione scolastica degli studenti con disabilità. Si tratta, infatti, di una costruzione tutt altro che conclusa, anche se giàben avviata: sono state realizzate parti importanti della struttura complessiva, alcune delle quali rispondenti al progetto originario, altre derivanti da modifiche in corso d opera.

20 Prima fase o SAL: Inserire diverso da integrare La mancanza o l insufficienza dicondizioni idonee a offrire risposte efficaci agli speciali bisognidegli studenti con disabilità, anche laddove venga ad essi garantito il diritto di accedere alla scuola di tutti, comporta il venir meno di un altro importante diritto, ovvero quello di vedersi riconosciute pari opportunitàdi sviluppo e di apprendimento.

21 Guadagni concettuali La prima fase del processo d integrazione scolastica ha messo, quindi, in evidenza tale incongruitàed èservita per metabolizzare a livello istituzionale e personale la notevole differenza e, nel contempo, la complementaritàdei concetti di inserimento e integrazione. Il primo SAL ha posto le basi anche di un altra importante scoperta pedagogica, ossia la comprensione che il processo dell integrazione scolastica non può derivare da una filosofia dell educazione speciale fondata sull ipotesi che, per eliminare l handicap (ovvero lo stato di svantaggio derivante da una disabilità), sia sufficiente agire tramite processi di socializzazione.

22 Circolare Ministeriale n. 250 del 03 settembre 1985 L espressione della nuova visione dell integrazione scolastica nel contesto del primo SAL, ha trovato il suo apice nella Circolare Ministeriale n. 250 del 03 settembre 1985, in particolare laddove si riconosce che le difficoltà di apprendimento derivanti da situazioni di handicap non possono costituire un ostacolo all'esercizio del diritto-dovere (del bambino speciale) all istruzione. Ècompito e dovere della scuola garantire a ciascun alunno le opportunità di esperienze e le risorse culturali di cui ha bisogno.

23 Seconda fase o SAL: l integrazione nasce nella scuola, ma non per morire al suo interno. Il nucleo centrale da cui ha preso avvio la nuova fase, èstata la progressiva consapevolezza da parte di genitori, insegnanti ed esperti della scuola che per far funzionare il sistema scolastico dell integrazione bisognava guardare a tale fenomeno dentro un orizzonte piùampio rispetto alla scuola stessa.

24 Legge-quadro n. 104 del 5 febbraio 1992 Da qui, l elaborazione di un nuovo testo di legge, la straordinaria Legge-quadro n. 104 del 5 febbraio 1992, espressione di una più articolata e globale considerazione dei problemi che le persone con disabilitàdevono affrontare durante tutto l arco della vita. La promozione della persona con disabilità, come emerge dalla Legge, richiede la costruzione di reti istituzionali e collaborazioni professionali, idonee a generare specifici percorsi di condivisione di intenti e responsabilità. In particolare, l'art. 15 della Legge 104/1992 prevede che presso ogni Ufficio Scolastico Provinciale venga istituito un Gruppo di Lavoro (G.L.I.P.) con "compiti di consulenza e proposta al provveditore agli studi, di consulenza alle singole scuole, di collaborazione con gli enti locali e le unitàsanitarie locali per la conclusione e la verifica dell'esecuzione degli accordi di programma e per l'impostazione e l'attuazione dei piani educativi individualizzati, nonchéper qualsiasi altra attivitàinerente all'integrazione degli alunni in difficoltàdi apprendimento".

25 D.P.R. 24 febbraio 1994 Successivamente, il 24 febbraio del 1994, un Decreto del Presidente della Repubblica* ha integrato la Legge n. 104 con l obiettivo di disciplinare le prassi quotidiane di integrazione scolastica, definendo anche il ruolo che i servizi sanitari dovevano avere nei confronti delle scuole impegnate nei processi di integrazione. *Atto di indirizzo e coordinamento relativo ai compiti delle UnitàSanitarie Locali in materia di alunni portatori d handicap.

26 Il bilancio del secondo SAL Il bilancio del secondo SAL del cantiere dell integrazione scolastica evidenzia nel proprio attivo il guadagno dell idea che, per quanto la scuola abbia una responsabilitàprevalente * nella gestione del percorso di integrazione scolastica, èsolo dalla collaborazione scuola/famiglia, dal lavoro di équipetra esperti di diversi settori e dal dialogo interistituzionale che può derivare un effettiva integrazione sociale e lavorativa per le persone con disabilità. * Dalle leggi 133 e 169 del 2008, emerge il principio della responsabilitàprevalente dell istituzione scolastica nell azione di coordinamento e promozione dell azione amministrativa ed educativa che può garantire la qualità dell integrazione scolastica.

27 Terza fase o SAL: l integrazione Angelo Lascioli - scolastica non può essere subappaltata agli insegnanti di sostegno L integrazione, infatti, non èproblema che riguarda i soli soggetti disabili, o solo i loro familiari, o solo l insegnante di sostegno. Nel Decreto Ministeriale n. 226 del 27 giugno 1995 si evidenzia la necessitàche tutto il personale scolastico sia riqualificato in funzione della messa in atto di strategie e di tecniche che consentano di realizzare una piena ed effettiva integrazione scolastica.

28 L insegnante di sostegno: risorsa di sistema La normativa, dunque, ha sempre inteso questa figura come una risorsa del sistema-scuola, con ruolo e funzioni sìspecialistiche, ma a favore della generalitàdegli alunni in tutti quei casi in cui sussistano difficoltà d integrazione. La Circolare Ministeriale 199/1979 chiarisce, a proposito del docente specializzato, che quello che invece bisogna evitare èche i suoi compiti siano interpretati in modo riduttivo e cioèin sottordine all insegnante di classe [ ]. L insegnante di sostegno deve essere quindi pienamente coinvolto nella programmazione educativa e partecipe a pari titolo all elaborazione e alla verifica delle attivitàdi competenza dei consigli e dei collegi dei docenti.

29 La Relazione dell On. Valentina Aprea del 2002 La Relazione dell On. Valentina Aprea alla Commissione Bicamerale Infanzia, il 22 ottobre 2002, in materia di integrazione scolastica degli alunni portatori di handicap, afferma che l assegnazione del docente di sostegno all alunno o agli alunni con certificazione di deficit favorisce l atteggiamento di delega dei colleghi sul piano progettuale, dell azione educativa e della valutazione, con conseguente isolamento della coppia docente di sostegno-alunno in difficoltà. Tutto ciò favorisce vissuti di emarginazione da parte degli alunni disabili, con ricadute negative soprattutto sul piano della comunicazione, della relazione e dell autonomia, oltre che naturalmente dell apprendimento.

30 Il bilancio del terzo SAL Il bilancio del terzo SAL espressione dei mutamenti che hanno caratterizzato il sistema dell integrazione scolastica in questi ultimi anni consiste nella progressiva acquisizione da parte della scuola del concetto che l integrazione degli studenti con disabilitàsolleva problemi e questioni che, per ricevere risposte adeguate, vanno affrontate collegialmente da tutto il corpo docente, in collaborazione con le componenti interne ed esterne al sistema scuola.

31 L integrazione va superata Nel terzo SAL del cantiere dell integrazione scolastica si è rivelata la portata reale nonché suo attuale limite della concezione integrativa dell educazione speciale, la quale deve essere ora superata in favore di una concezione inclusiva.

32 Quarta fase o SAL: dal modello Angelo Lascioli - dell integrazione scolastica al modello dell Inclusive Education. Un breve, seppur significativo excursusriguardante il percorso culturale e legislativo, che a livello internazionale èstato realizzato per promuovere il modello dell Inclusive Education, èrintracciabile nel testo Principi Guida per promuovere la Qualità nella Scuola Inclusiva. Principi Guida per promuovere la qualità nella Scuola Inclusiva Raccomandazioni Politiche, Odense, Danimarca: European Agency for Development in Special Needs Education, 2009.

33 I momenti decisivi del processo di costruzione teorica di tale modello educativo -la Conferenza mondiale sull istruzione per tutti, tenutasi a Jomtiem, in Thailandia, nel il Quadro di Azione di Dakardel 1990; -la Conferenza di Salamancadel 1994; -la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, approvata dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 13 dicembre il Rapporto Mondiale sull'educazione Inclusiva del 2009.

34 Si è registrato in questi anni, a livello Europeo, un mutamento di paradigma rispetto alla filosofia dell educazione dei soggetti con disabilità: Si èoptato per la sostituzione del termine handicappato in riferimento alla persona con disabilità, con l espressione persona con bisogni educativi speciali, auspicando il declino dell utilizzo delle vecchie categorie di disabilità, ritenute da molti come etichettanti. In secondo luogo, si è ampliata l area delle problematiche coperte dai cosiddetti bisogni educativi speciali facendovi rientrare tutti i bisogni educativi individuali specifici degli alunni (ad esempio, anche le difficoltà d apprendimento e comportamentali). Wedell K., Concepts of special educational need, Journal of research in Special Educational Needs, 3, 2, pp , 2003.

35 Quali conseguenze per la scuola? La realtàassai complessa e variegata del fenomeno educazione speciale, con specifico riferimento al mondo della scuola oggi, induce a rivedere la distinzione intrinseca al concetto di integrazione scolastica tra studenti speciali(con certificazione di handicap) e studenti normali(senza certificazione). Il limite di tale impostazione èdato dal rischio di pensare che anche le soluzioni ai problemi possano seguire la medesima logica, ovvero per gli studenti certificati soluzioni speciali(con ricorso a risorse straordinarie) e per gli studenti comuni soluzioni normali(con ricorso a risorse ordinarie).

36 New thinking in special needs education Angelo Lascioli - (UNESCO (1994), The Salamanca Statement and Framework for Action on Special Needs Education, Salamanca, Spagna) Facendo riferimento a quello che può essere considerato il manifesto della scuola inclusiva, ovvero la Dichiarazione di Salamanca, l applicazione del modello dell Inclusive educationrichiede che i sistemi educativi sviluppino una pedagogia centrata sul singolo alunno (child-centred pedagogy), rispondendo in modo flessibile alle esigenze di ciascuno.

37 Il valore della Speciale normalità Tale pedagogia, si fonda sull idea innovativa in base alla quale le differenze (la cosiddetta normale specialità ) sono una risorsa per l educazione, la cui valorizzazione richiede ai sistemi educativi capacitàdi individuazione dei bisogni (principio di INDIVIDUALIZZAZIONE ) e differenziare le risposte (principio di PERSONALIZZAZIONE ). La piena realizzazione del sistema dell Inclusive education, quindi, non consiste nel dare un posto nella scuola anche a chi èrappresentante di una qualche diversità, ma nel trasformare il sistema scolastico in organizzazione idonea alla presa in carico educativa dei differenti SEN che tutti gli alunni possono incontrare.

38 Attenzioni particolari e risorse specifiche L aggettivo speciale, cosìinteso, non dipende e nemmeno rinvia alla certificazione di handicap, ma denota quegli specifici bisogni che tuttigli alunni possono manifestare a seguito di difficoltàtemporanee o permanenti, la cui presenza e rilevazione richiedono da parte del sistema scuola attenzioni particolari e risorse specifiche, senza le quali verrebbe meno il diritto all educazione che lo Stato ètenuto a garantire ad ogni cittadino.

39 INFATTI I Principi Guida per promuovere la qualità nella Scuola Inclusiva, promulgati dall Agenzia Europea per lo Sviluppo dell Istruzione degli Alunni Disabili nel 2009, poggiano sull idea di fondo secondo la quale l Inclusive Educationriguarda non solo gli studenti in situazione di handicap, ma ogni e qualsiasi alunno suscettibile di esclusione, perché l inclusione interessa un raggio sempre più ampio di studenti piuttosto che quegli studenti in possesso della certificazione per l handicap. Riguarda tutti gli studenti che rischiano di essere esclusi dalle opportunitàscolastiche, a seguito del fallimento del sistema scuola.

40 LA RELIZZAZIONE DELL INCLUSIVE EDUCATIONE RICHIEDE: La formazione di tutti gli insegnanti riguardo ai processi dell inclusione; Lo sviluppo di una cultura dirigenziale e organizzativa in linea con la promozione dei processi d inclusione; Lo sviluppo di prassi didattiche inclusive; Sistemi di finanziamento flessibili e idonei a promuovere percorsi di qualitàdei processi inclusivi; Massimizzazione dei fattori che sostengono l inclusione, in particolare le collaborazioni intra e inter istituzionali.

41 Guidelines on Inclusion in Education Le Linee Guida dell UNESCO affermano che: La scuola inclusiva è un processo di fortificazione delle capacità del sistema di istruzione di raggiungere tutti gli studenti.... Un sistema scolastico incluso può essere creato solamente se le scuole comuni diventano più inclusive. In altre parole, se diventano migliori nell educazione di tutti i bambini della loro comunità. UNESCO, Policy Guidelines on Inclusion in Education, Paris 2009.

42 Superare la concezione di handicap Il rapporto dal titolo La valutazione nelle classi comuni. Temi chiave per la politica educativa e la prassi attuativa * evidenzia la necessitàdi passare da un approccio valutativo del deficit (principalmente di tipo medico) ad un metodo educativo o interattivo. La certificazione di handicap, in altri termini, deriva da valutazioni rispondenti a logiche che appartengono a processi di categorizzazione e classificazione dei disturbi (si tenga presente che le certificazioni di handicap riportano prevalentemente se non esclusivamente i codici di classificazione ICD-10 e/o DSM-IV). * Watkins A. (Editor) (2007), Assessment in Inclusive Settings: Key Issues for Policy and Practice -Odense, Denmark, European Agency for Development in Special Needs Education.

43 International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF) Nell International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF) -documento promulgato dall OMS il 22 maggio si sottolinea la necessitàdi guardare al fenomeno disabilitàsecondo un ottica innovativa. Sono molteplici gli elementi dell ICF, che fanno di questo nuovo prodotto della famiglia OMS delle Classificazioni Internazionali un fattore di grande novitàe trasformazione, assai utile anche per rinnovare la scuola.

44 Classificazioni OMS delle menomazioni, delle disabilità e degli handicap: ICIDH (1980) ICIDH-2 Bozza Beta 1 (1997) ICIDH-2 Bozza Beta2 (1999) ICIDH-2 Bozza Prefinale/Finale (2000) ICF (2001). ICF-CY (2007) versione derivata della Classificazione Internazionale del funzionamento, della disabilitàe della salute (ICF, OMS, 2001) disegnata per la registrazione delle caratteristiche del bambino in crescita e della influenza del contesto ambientale che lo circonda.

45 Fondamenti dell ICF Funzionamento Umano Modello Universale Modello Integrato Modello Interattivo Equivalenza Inclusivo del contesto - non Applicabilità Culturale Operazionale Per tutte le classi di età - non - non - non - non - non la sola disabilità modello per minoranze solo medico o sociale progressivo-lineare causalità eziologica la sola persona - non concezione occidentale - non solo teorico - non Angelo Lascioli - centrato sull adulto

46 Dalla logica dell ICIDH (OMS, 1980) Malattia o disturbo Menomazione Disabilità Handicap

47 A quella dell ICF (OMS, 2001) Conditioni di salute (disturbo/malattia) Funzioni e strutture corporee (Menomazione) Attività (Limitazio- ne) Partecipazione (Restrizione) Fattori Ambientali Fattori Personali

48 Ianes D. (2005), Bisogni educativi speciali e inclusione. Valutare le reali necessità e attivare tutte le risorse, Trento, Erickson, p. 12. Ci sono SEN che si generano nelle Condizioni Fisiche (ad esempio un allergia che non fa stare il bambino a scuola o altre malattie croniche), SEN che si generano nelle Strutture e nelle Funzioni Corporee (menomazioni sensoriali, motorie, cognitive, ecc.), SEN che si generano dalle AttivitàPersonali (deficit di apprendimento, comunicazione, linguaggio, autonomia, interazione, ecc.), SEN che si generano nella Partecipazione Sociale (difficoltànel rivestire il ruolo di alunno e seguire il curricolo e le attività della classe, difficoltà di seguire le occasioni di partecipazione sociale della classe, ad esempio gite o altre occasioni informali), SEN che si generano nei fattori Contestuali e Ambientali (barriere architettoniche, pregiudizi, famiglia iperprotettiva, contesti sociali devianti, ecc.), SEN che si generano da fattori Contestuali Personali (bassa autostima, scarse motivazioni, stili attributivi distorti, problemi di comportamento, ecc.).

49 L ICF si profila attualmente come riferimento culturale e scientifico fondamentale per ripensare il sistema d integrazione scolastica (si veda in particolare l ICF-CY - version for children and youth). Da tale impostazione, si evince l importanza dell educazione quale intervento mirato a promuovere percorsi di sviluppo umano idonei ad aumentare la qualitàdi vita delle persone intervenendo sui processi di funzionamento, generando capacità, migliorando performance, eliminando o riducendo l impatto degli ostacoli che ne intralciano e/o impediscono lo sviluppo.

50 L Indice per l inclusione* L applicazione nella scuola dell ICF consente di ri-leggere il processo dell integrazione in modi completamente nuovi, ovvero ponendo l attenzione sui fattori e sulle situazioni che concorrono a ridurre le performance degli alunni. La codifica e l analisi delle limitazioni al funzionamento, effettuata attraverso accurate procedure di verifica riferite a indicatori di qualità, èprecondizione indispensabile per la realizzazione di una scuola realmente inclusiva. Anche sul fronte dei molteplici e differenziati SEN degli alunni, risultano fondamentali interventi volti a trasformare i contesti di apprendimento commisurati alle necessità educative di ciascun alunno. *Un valido riferimento è L Indice per l inclusione realizzato da Tony Booth e Mel Ainscow per il Centre for Studies on Inclusive Education (CSIE, Centro Studi per l Educazione Inclusiva), operativo a livello scolastico dal 2000 negli USA. Per un approfondimento si veda: Booth T., Ainscow M. (2008), L index per l inclusione. Promuovere l apprendimento e la partecipazione nella scuola, Trento, Erickson.

51 Pre conclusione La messa in funzione di un sistema idoneo a perseguire tale obiettivo, non può che attuarsi grazie a particolari condizioni, in particolare quelle connesse al reale funzionamento e operativitàdell autonomia istituzionale (sia in ambito didattico, sia organizzativo), ma soprattutto, come osserva Scurati, attraverso un corretto funzionamento della collegialità, un accorto impiego dell interdisciplinarità, la disponibilitàdi risorse ordinate alla finalitàdi sostenere le scuole (materiali, esperti, ecc.) e lo sviluppo di programmi di qualificazione professionale degli insegnanti. Cfr. Scurati C. (2002), Il curricolo: costruzione e problemi, in Cambi F. (a cura di) La progettazione curricolare nella scuola contemporanea, Roma, Carocci, p. 50.

52 Conclusione, ovvero: quali prospettive per il quarto SAL? Nel quarto SAL del cantiere dell integrazione scolastica, non solo si trova il passaggio dalla concezione integrativa alla concezione inclusiva dell educazione speciale, ma la presa di coscienza che dallo sviluppo dei processi inclusivi dipenderà la costruzione della qualità della scuola del futuro.

53 Per approfondimenti Lascioli Angelo, Dall Integrazione all inclusione: la scuola che cambia, in Orientamenti Pedagogici. Rivista internazionale di scienze dell'educazione, Erickson, Trento 2011, vol. 59, n. 1, pp. 9-28; Roberto Medeghini, Walter Fornasa, L'educazione inclusiva. Culture e pratiche nei contesti educativi e scolastici: una prospettiva psicopedagogica, FrancoAngeli, Milano, 2011.

Dalla scuola dell integrazione alla scuola dell inclusione. Lascioli Angelo 1. Abstract

Dalla scuola dell integrazione alla scuola dell inclusione. Lascioli Angelo 1. Abstract Dalla scuola dell integrazione alla scuola dell inclusione. Lascioli Angelo 1 Abstract Lo scenario nel quale va analizzata la relazione tra Scuola ed Educazione speciale oggi, vede la scuola alle prese

Dettagli

Seminario di formazione COSTRUIAMO LA DIDATTICA INCLUSIVA. Ufficio Scolastico di Verona Martedì 29 ottobre 2013 Bardolino

Seminario di formazione COSTRUIAMO LA DIDATTICA INCLUSIVA. Ufficio Scolastico di Verona Martedì 29 ottobre 2013 Bardolino Seminario di formazione COSTRUIAMO LA DIDATTICA INCLUSIVA Ufficio Scolastico di Verona Martedì 29 ottobre 2013 Bardolino La scuola riparte dalla didattica inclusiva (Incontro di formazione per i dirigenti

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

Il significato di BES

Il significato di BES Il significato di BES Brevi premesse all analisi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 Prof. Angelo Lascioli Università di Verona Seminario del 4 aprile 2013 UPS verona Fare clic per modificare

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ DOCUMENTO IN SINTESI a cura del Gruppo H di Istituto Anno scolastico 2012-2013 LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit * Direttore SSD Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità, Direzione

Dettagli

L INTEGRAZIONE DEI DISABILI NELLE SCUOLE EUROPEE. Valentina Arcomano 11 ottobre 2011

L INTEGRAZIONE DEI DISABILI NELLE SCUOLE EUROPEE. Valentina Arcomano 11 ottobre 2011 L INTEGRAZIONE DEI DISABILI NELLE SCUOLE EUROPEE Valentina Arcomano 11 ottobre 2011 La comparazione delle risposte dei vari Paesi europei alle esigenze educative degli alunni disabili La comparazione dei

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Istituto Comprensivo di Bagolino novembre 2014 Maria Rosa Raimondi Il percorso 1. Presupposti teorici e normativa di riferimento per l inclusione 2. Strategie e strumenti di

Dettagli

RIFLESSIONI SUL RUOLO DEL DOCENTE DI SOSTEGNO E DELLA SCUOLA SCUOLA, FAMIGLIA E TERRITORIO LA COSTRUZIONE DI UNA RETE EDUCATIVA

RIFLESSIONI SUL RUOLO DEL DOCENTE DI SOSTEGNO E DELLA SCUOLA SCUOLA, FAMIGLIA E TERRITORIO LA COSTRUZIONE DI UNA RETE EDUCATIVA Mercoledì 23 novembre 2011 Prof. Angelo Lascioli Università Verona ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PER DOCENTI NON SPECIALIZZATI RIFLESSIONI SUL RUOLO DEL DOCENTE DI SOSTEGNO E DELLA SCUOLA SCUOLA, FAMIGLIA E TERRITORIO

Dettagli

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F.

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. A cura del Sociologo E-Mail: salvogarofalo1@libero.it DA HANDICAPPATO (ICIDH-1980) a PERSONA con disabilità (ICF 2001) livello Intern.

Dettagli

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA

ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA ICF ed INCLUSIONE PROF.SSA EMANUELA D AMBROS LICEO STATALE C. PORTA ERBA La scuola oggi presenza sempre più diffusa di alunni con Bisogni Educativi Speciali. SEN SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS Occorre ripensare

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani)

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) L ICF-CY e l approccio biopsicosociale ai problemi dell educazione speciale Incontro

Dettagli

Bisogni educativi speciale e disabilità

Bisogni educativi speciale e disabilità Bisogni educativi speciale e disabilità Il Bisogno Educativo Speciale è qualsiasi difficoltà evolutiva di funzionamento, permanente o transitoria, in ambito educativo e/o di apprendimento, dovuta all interazione

Dettagli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli concettuali di natura medica o di natura sociale, secondo visioni

Dettagli

Documenti e riferimenti normativi per gli alunni con disabilità

Documenti e riferimenti normativi per gli alunni con disabilità Documenti e riferimenti normativi per gli alunni con disabilità Documenti/Procedure Accertamento dell handicap Richiesta documentata dei genitori o esercenti la patria potestà alla ASL Riferimenti normativi

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Dalle classi differenziali ai BES

Dalle classi differenziali ai BES Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dalle classi differenziali ai BES Raffaele Ciambrone Il percorso verso l inclusione scolastica inizia nel 1971 con la promulgazione della legge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento Corso di formazione docenti neo immessi Anno scolastico 2011/2012 Neri Patrizia _ Gallarate,, 16-05 05-2012 L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ. I presupposti legislativi

LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ. I presupposti legislativi LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ I presupposti legislativi La costituzione art.3 e art.34 :coniugano il diritto allo studio con un idea di eguaglianza sostanziale Legge

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD)

LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD) ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI A. S. 2010/2011 LA VALUTAZIONE DEGLI/LLE ALUNNI/E DIVERSAMENTE ABILI E CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA O LD) Dario Paparella 1 Definizione della persona diversamente

Dettagli

Super Luned ìncontri

Super Luned ìncontri Ufficio Scolastico Provinciale di Verona Linee guida per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità Super Luned ìncontri Cosa sono Un documento tecnico del MIUR uscito nel 2009 Raccoglie una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

Istituto Comprensivo «Edmondo De Amicis» B.E.S. Bisogni Educativi Speciali. a.s. 2013/2014. a cura di Penza Caterina, Referente B.E.S.

Istituto Comprensivo «Edmondo De Amicis» B.E.S. Bisogni Educativi Speciali. a.s. 2013/2014. a cura di Penza Caterina, Referente B.E.S. Istituto Comprensivo «Edmondo De Amicis» B.E.S. Bisogni Educativi Speciali a.s. 2013/2014 a cura di Penza Caterina, Referente B.E.S. d Istituto Le nuove indicazioni ministeriali Riferimenti normativi -Legge

Dettagli

IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO IL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO NODI CRITICI DEL P.E.I. Conoscenza dell alunno (diagnosi funzionale) Progettualità (profilo dinamico funzionale progetto di vita) Risorse (strategie, attività e interventi:

Dettagli

Scuola, disabilità e bisogni educativi speciali. Tamara Zappaterra

Scuola, disabilità e bisogni educativi speciali. Tamara Zappaterra Scuola, disabilità e bisogni educativi speciali Tamara Zappaterra Il Bisogno Educativo Speciale in educazione Il BES investe il rapporto tra il sapere sulle difficoltà di apprendimento (a qualsiasi titolo)

Dettagli

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA I CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORE PARALIMPICO L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA Mauro Esposito Uff. Ed. Fisica e Sportiva

Dettagli

I Bisogni Educativi Speciali. Insegnare e apprendere nella speciale normalità

I Bisogni Educativi Speciali. Insegnare e apprendere nella speciale normalità I Bisogni Educativi Speciali Insegnare e apprendere nella speciale normalità I Bisogni Educativi Speciali. Insegnare e apprendere nella speciale normalità Io voglio fare come gli altri. Io vorrei andare

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA International Classification of Functioning, Disability and Health L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE Dott.ssa Monica Pradal Pedagogista,, IRCCS

Dettagli

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011

ICF e INCLUSIONE. Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano. Erba 20 ottobre 2011 ICF e INCLUSIONE Heidrun Demo, PhD Libera Università di Bolzano Erba 20 ottobre 2011 CHE COS E L INCLUSIONE? Quali alunni riguarda? Che interventi richiede? Che risorse chiede di attivare? E diversa dall

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita Maura Gelati Università di Lecce 1. Integrazione Oggi la legislazione italiana garantisce a tutti i soggetti in situazione di disabilità di assolvere

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute PROTOCOLLO D'INTESA tra il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca e il Ministero della Salute PER LA TUTELA DEL DIRITTO ALLA SALUTE E DEL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Riforma del sostegno: cosa cambierà? a cura di Enrica Maria Bianchi, Viviana Rossi, Barbara Urdanch

Riforma del sostegno: cosa cambierà? a cura di Enrica Maria Bianchi, Viviana Rossi, Barbara Urdanch Riforma del sostegno: cosa cambierà? a cura di Enrica Maria Bianchi, Viviana Rossi, Barbara Urdanch Il 7/10/15 si è svolto al MIUR l incontro relativo alla delega Inclusione degli studenti con disabilità.

Dettagli

Alunni con disabilità 1

Alunni con disabilità 1 Alunni con disabilità 1 L integrazione scolastica degli alunni con disabilità costituisce un punto di forza della scuola italiana, che vuole essere una comunità accogliente nella quale tutti gli alunni,

Dettagli

APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA

APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF. Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA APPLICAZIONI OPERATIVE DI ICF Prof.ssa Emanuela D Ambros LICEO STATALE C. PORTA, ERBA Il punto di partenza Studio della documentazione (Scheda di segnalazione; Diagnosi Funzionale; Profilo Dinamico Funzionale;

Dettagli

ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI

ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI A.S. 2010/2011 ATTIVITA DI FORMAZIONE IN TEMA DI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Modalità di svolgimento del corso 1 FASE 14 ORE 6 INCONTRI 1. Principi di integrazione: come essere nella relazione educativa

Dettagli

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PREMESSA Gli alunni in difficoltà costituiscono da sempre un problema educativo di grande

Dettagli

Circolare Ministeriale. Ministero della Pubblica Istruzione 3 settembre 1985, n. 250

Circolare Ministeriale. Ministero della Pubblica Istruzione 3 settembre 1985, n. 250 Circolare Ministeriale Ministero della Pubblica Istruzione 3 settembre 1985, n. 250 Oggetto: Azione di sostegno a favore degli alunni portatori di handicap. Nel testo dei nuovi programmi di insegnamento

Dettagli

ICF-INDEX INDEX per l Inclusione: Un esperienza nelle scuole di Quartu S.E.

ICF-INDEX INDEX per l Inclusione: Un esperienza nelle scuole di Quartu S.E. Corso di Formazione per il Personale Scolastico DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE Come rispondere ai Bisogni Educativi Speciali ICF-INDEX INDEX per l Inclusione: Un esperienza nelle scuole di Quartu S.E.

Dettagli

Tante diversità. Uguali diritti INCLUSIONE. Interventi a favore degli alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) AMerigo Vespucci

Tante diversità. Uguali diritti INCLUSIONE. Interventi a favore degli alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) AMerigo Vespucci Tante diversità. Uguali diritti INCLUSIONE Interventi a favore degli alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) MIUR MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO

Dettagli

Per le competenze specifiche di alcuni suoi esperti da anni organizza corsi di aggiornamento per gli insegnanti ed

Per le competenze specifiche di alcuni suoi esperti da anni organizza corsi di aggiornamento per gli insegnanti ed ASSOCIAZIONE senza scopo di lucro PER LA FORMAZIONE E LA RICERCA Ente di formazione per il personale della scuola accreditato dal M.I.U.R Decreto del 2 agosto 2005 Per le competenze specifiche di alcuni

Dettagli

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti

LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO. INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti LA DIAGNOSI FUNZIONALE,IL PROFILO DINAMICO FUNZIONALE ED IL PIANO DIDATTICO INDIVIDUALIZZATO : attualità e limiti PAROLE PER ORIENTARSI DEFICIT HANDICAP - DIVERSABILITA - DISABILITA Deficit : per indicare

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E 2 0 0 9

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E 2 0 0 9 LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E 2 0 0 9 LE LINEE GUIDA Raccolgono una serie di direttive con lo scopo di migliorare il

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di primo grado Viale Santuccio (Ex V.le Lido)

Dettagli

L inclusione scolastica: percorso normativo e novità

L inclusione scolastica: percorso normativo e novità L inclusione scolastica: percorso normativo e novità a cura di Anna Lombardi exirre Lazio 1. Introduzione...2 2. Excursus storico della normativa in tema di integrazione dei disabili...4 3. Novità per

Dettagli

Il PEI e la valutazione

Il PEI e la valutazione Il PEI e la valutazione novembre 2012 MONTORIO - VERONA Ufficio XII - Ufficio Scolastico di Verona Roberto Grison Impegni della scuola Percorso per l integrazione 3.1 Individuazione/Certificazione 3.2

Dettagli

Formazione docenti neoassunti a.s.2015/2016. Cinzia Giuffrida

Formazione docenti neoassunti a.s.2015/2016. Cinzia Giuffrida Formazione docenti neoassunti a.s.2015/2016 Cinzia Giuffrida Normativa sul periodo di formazione e prova 2 e quattro fasi del percorso formativo Laboratori formativi dedicati Corso D2 Lab.1 BES: integrazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica

LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Accordi per la programmazione didattica Istituto Comprensivo di Battaglia Terme (PD) LINEE GUIDA PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La personalizzazione dell insegnamento Per realizzare il potenziamento delle competenze degli alunni rispetto alla situazione

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UNA PROSPETTIVA COSTRUTTIVISTA. AIDAI Umbria (M. Margheriti, M.T. Barberini, C. Bizzarri G.

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UNA PROSPETTIVA COSTRUTTIVISTA. AIDAI Umbria (M. Margheriti, M.T. Barberini, C. Bizzarri G. 1 LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UNA PROSPETTIVA COSTRUTTIVISTA AIDAI Umbria (M. Margheriti, M.T. Barberini, C. Bizzarri G. Tinarelli) 2 ... Anche gli insegnanti, come gli studenti, sono attivi costruttori

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Bologna 13 dicembre 2014 Definizione del concetto di disabilità cognitiva La normativa relativa

Dettagli

Protocollo di accoglienza ed integrazione alunni con disabilità

Protocollo di accoglienza ed integrazione alunni con disabilità ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Alessandro Volta ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE / LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE Protocollo di accoglienza ed integrazione alunni con disabilità (A.s. 2014 2015) 1 INDICE

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO da VINCI 30173 Mestre - Venezia PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa Nel

Dettagli

Bisogni educativi speciali e inclusione

Bisogni educativi speciali e inclusione Bisogni educativi speciali e inclusione Prevenire e contrastare la dispersione scolastica ISSPT Via Pedemontana Palestrina (RM) 6 maggio 2013 Carlo Rubinacci 1 Bisogni educativi speciali e inclusione Un

Dettagli

LABORATORIO FORMATIVO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LABORATORIO FORMATIVO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI LABORATORIO FORMATIVO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI «DALL INSERIMENTO ALL INCLUSIONE» DI COSA PARLEREMO LA NORMATIVA ESSENZIALE I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I SOGGETTI COINVOLTI E L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 Premessa L istruzione è un elemento indispensabile per qualunque società e la scuola ha il compito di assicurare a tutti il diritto allo studio e al successo

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

I.I.S. Istituto Istruzione Superiore A.S. 2014/2015

I.I.S. Istituto Istruzione Superiore A.S. 2014/2015 I.I.S. Istituto Istruzione Superiore A.S. 2014/2015 Patrizi Baldelli - Cavallotti Viale A. Bologni, 86 Città di Castello a cura del GLI di Istituto con l aiuto del Prof. Spec. Luca Fortuni Linee Guida

Dettagli

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA I.C. MAHATMAGANDHI,VIA CORINALDO 41 ROMA 5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA - Continuità- Integrazione Orientamento Nido-Infanzia Infanzia- Primaria Primaria- Secondaria - Diversità, integrazione e inclusione

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI All. 11. Protocollo di accoglienza alunni con disabilità PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Il presente documento, denominato Protocollo di Accoglienza, nasce dall

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INCLUSIVITA

LINEE GUIDA PER L INCLUSIVITA ISTITUTO PROFESSIONALE SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA "ALDO MORO" S. P. 363 Vitigliano - S. Cesarea Terme - 73020 SANTA CESAREA TERME (LE) Tel. 0836/944131-944255 (Centralino)

Dettagli

P o r f o. f s. sa Lic i i c a i Za Z zz z a z ri r n i i I se s gnare Re R ligione Catt t o t lica nel Primo Cicl c o

P o r f o. f s. sa Lic i i c a i Za Z zz z a z ri r n i i I se s gnare Re R ligione Catt t o t lica nel Primo Cicl c o UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CORSO BIENNALE DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN SCIENZE RELIGIOSE CON INDIRIZZO PEDAGOGICO-DIDATTICODIDATTICO CORSO DIDATTICA DELLA RELIGIONE IN PROSPETTIVA INTERCULTURALE Prof.ssa

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Istituto Comprensivo A. Palladio Poiana Maggiore INDICAZIONI OPERATIVE: ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Istituto Comprensivo A. Palladio Poiana Maggiore INDICAZIONI OPERATIVE: ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Istituto Comprensivo A. Palladio Poiana Maggiore INDICAZIONI OPERATIVE: ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI RIFLESSIONI: BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI O DIRITTI EDUCATIVI SPECIALI? Paola Maria Vignaga Indice

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo Tel 035243373 Fax: 035270323- c.f. 95118530161 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione

ICF-CY. Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione ICF-CY Uso dell'icf-cy Come strumento di valutazione Dott.ssa Marianna Piccioli Supervisore Scienze della Formazione Primaria Università degli Studi di Firenze Che cosa è l ICF? Si tratta della classificazione

Dettagli

BES (BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI) TRA SCUOLA-FAMIGLIA-SANITA. Paola Damiani Referente BES-USR per il Piemonte Ufficio VI- Dirigente Stefano Suraniti

BES (BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI) TRA SCUOLA-FAMIGLIA-SANITA. Paola Damiani Referente BES-USR per il Piemonte Ufficio VI- Dirigente Stefano Suraniti . BES (BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI) TRA SCUOLA-FAMIGLIA-SANITA Paola Damiani Referente BES-USR per il Piemonte Ufficio VI- Dirigente Stefano Suraniti Lo scenario ATTUALE LE CLASSI COMPLESSE Dir. Min. 27/12/2012-

Dettagli

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE.

PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. LEZIONE: GLI STRUMENTI GIURIDICO-METODOLOGICI DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA PROF. CARMINE PISCOPO Indice 1 PRIMO STRUMENTO DIAGNOSI FUNZIONALE. ----------------------------------------------------------------

Dettagli

La valorizzazione delle competenze attraverso una didattica inclusiva rivolta ad alunni disabili stranieri e BES

La valorizzazione delle competenze attraverso una didattica inclusiva rivolta ad alunni disabili stranieri e BES l ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 5 DANTE ALIGHIERI - FERRARA l Centro Territoriale di Supporto Nuove Tecnologie disabilità-provincia di Ferrara (C.T.S.) l Le Ali Centro di Ricerca e Documentazione per

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero)

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) Un laboratorio aperto tutto l anno per favorire gli inserimenti lavorativi delle persone svantaggiate, è la

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

PROTOCOLLO PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. L. LAGRANGE SEZIONI ASSOCIATE ITI G.L. LAGRANGE - IPSAR G. BRERA Via A. Litta Modignani, 65-20161 MILANO Tel. 02 66222804/54 Fax 02 66222266 Commissione Handicap

Dettagli

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO GUALDO TADINO Via G. Lucantoni 06023 - Gualdo Tadino C.F. 92017090546 COD. MECC. PGIC847004 Scuola Infanzia e Primaria tel. e fax 075/912249 Scuola Secondaria I grado: tel. 075/912253

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute

ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute ICF A SCUOLA Applicazioni operative per la diagnosi funzionale educativa ICF: Classificazione Internazionale del Funzionamento umano e della salute ICF la scuola e i contesti: le performance e le capacità,

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI INCONTRO GENITORI CHIUSA PESIO Aprile 2015 Dott. ALESSANDRO MARANGI CORRELAZIONE (provvisoria) TRA MINORAZIONE e HANDICAP Legge 104/1992: è persona handicappata colui che presenta

Dettagli

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente

ALUNNI CON BES! BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI! Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente ALUNNI CON BES BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Indicazioni operative per promuovere l inclusione scolastica sulla base della normativa vigente Docente: Dott.ssa Cristina Elefante (insegnante, pedagogista) NUOVE

Dettagli

QUADRO RIASSUNTIVO-SINTETICO DEL SISTEMA COORDINATO DI DOCUMENTI/INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI H

QUADRO RIASSUNTIVO-SINTETICO DEL SISTEMA COORDINATO DI DOCUMENTI/INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI H QUADRO RIASSUNTIVO-SINTETICO DEL SISTEMA COORDINATO DI DOCUMENTI/INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI H Fonti legislative principali: L. 104/92, artt. 12, 13, 15; D.P.R. 24/2/94,

Dettagli

BES e PEI :Corso pratico e teorico per l inclusione scolastica

BES e PEI :Corso pratico e teorico per l inclusione scolastica Agenzia per la valorizzazione dell individuo nelle organizzazioni di servizio Corso di formazione BES e PEI :Corso pratico e teorico per l inclusione scolastica Sito internet: www.avios.it E-mail: avios@avios.it

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

LABORATORIO FORMATIVO INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI DISABILI (parte prima) E CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (parte seconda) FINALITA

LABORATORIO FORMATIVO INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI DISABILI (parte prima) E CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (parte seconda) FINALITA LABORATORIO FORMATIVO INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI DISABILI (parte prima) E CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (parte seconda) FINALITA Accompagnare i docenti neo-immessi a cogliere gli elementi e le dimensioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Prot. n. 624/P Napoli, 1 marzo 2006 Ufficio IV Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole

Dettagli

Qualità dell integrazione/inclusione

Qualità dell integrazione/inclusione Qualità dell integrazione/inclusione LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO PER UNA VISIONE DI INSIEME D.S. Martino Gaffuri C.T.I. TREMEZZINA 20.01.2015 C.T.I. CANTU 03.02.2015 1 La dimensione dell integrazione scolastica

Dettagli

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda

Centro Territoriale per l Integrazione di Garda Centro Territoriale per l Integrazione di Garda CORSO DI FORMAZIONE: Strategie didattiche e organizzative per una didattica inclusiva Le applicazioni in ambito educativo del modello ICF. Relatore: Dr.ssa

Dettagli

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio)

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015 DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) Le linee programmatiche individuate rispondono alla esigenza di: intercettare

Dettagli