Guida alla pianificazione per l implementazione di Symantec IT Management Suite 7.5 con tecnologia Altiris

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla pianificazione per l implementazione di Symantec IT Management Suite 7.5 con tecnologia Altiris"

Transcript

1 Guida alla pianificazione per l implementazione di Symantec IT Management Suite 7.5 con tecnologia Altiris

2 Guida alla pianificazione e implementazione di Symantec IT Management Suite con tecnologia Altiris Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può essere utilizzato solo conformemente ai termini del contratto. Informativa di carattere legale Copyright 2013 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Symantec, il logo Symantec, il logo del segno di spunta e gli altri marchi Altiris o Symantec utilizzati nel prodotto sono marchi o marchi registrati di Symantec Corporation o delle relative consociate negli Stati Uniti e in altri paesi. Altri nomi possono essere marchi registrati dei rispettivi proprietari. Il presente prodotto Symantec può contenere programmi software di terze parti per i quali Symantec deve fornire attribuzione alle terze parti stesse ("Programmi di terze parti"). Alcuni dei Programmi di terze parti sono disponibili con licenze Open Source o di software gratuito. Il Contratto di licenza fornito con il software non altera in alcun modo i diritti e gli obblighi previsti da tali licenze Open Source o di software gratuito. Per ulteriori informazioni sui programmi di terze parti, vedere l'appendice dedicata alle note legali per terze parti della presente documentazione oppure leggere il file Leggimi TPIP fornito insieme al presente prodotto Symantec. Il prodotto descritto in questo documento è distribuito sulla base di licenze che ne limitano l'utilizzo, la copia, la distribuzione, la decompilazione e la decodifica. Non è consentito riprodurre alcuna parte del presente documento, in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo, senza la previa autorizzazione scritta di Symantec Corporation e dei suoi licenziatari, se presenti. LA PRESENTE DOCUMENTAZIONE VIENE FORNITA COSÌ COM'È E VIENE NEGATA QUALSIASI GARANZIA, ESPLICITA O IMPLICITA, COMPRESE ANCHE E NON SOLO LE GARANZIE IMPLICITE DI COMMERCIABILITÀ, IDONEITÀ PER UNO SCOPO SPECIFICO O NON VIOLAZIONE DI DIRITTI ALTRUI NELLA MISURA MASSIMA CONSENTITA DALLA LEGGE. SYMANTEC CORPORATION NON POTRÀ ESSERE RITENUTA RESPONSABILE PER DANNI ACCIDENTALI O INDIRETTI COLLEGATI ALLA FORNITURA, ALLE PRESTAZIONI O ALL'USO DELLA PRESENTE DOCUMENTAZIONE. LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA PRESENTE DOCUMENTAZIONE SONO SOGGETTE A MODIFICA SENZA PREAVVISO. Il Software concesso in licenza e la Documentazione sono concepiti come software per uso commerciale, come indicato nelle norme FAR e sono quindi soggetti alle limitazioni dei diritti come indicato nelle norme FAR Sezione "Commercial Computer Software - Restricted Rights" e nelle norme DFARS , "Rights in Commercial Computer Software or Commercial Computer Software Documentation", in quanto applicabili, e in qualsiasi normativa successiva. Qualsiasi utilizzo, modifica, diffusione, esecuzione, visualizzazione o

3 comunicazione del software e della documentazione da parte del Governo degli Stati Uniti potrà avvenire solo sulla base dei termini di questo contratto. Symantec Corporation 350 Ellis Street Mountain View, CA

4 Supporto tecnico Il supporto tecnico di Symantec gestisce centri di supporto a livello globale. Il ruolo primario del supporto tecnico è di rispondere alle richieste specifiche sulle funzioni e il funzionamento del prodotto. Il supporto tecnico redige inoltre i contenuti della Knowledge Base in linea. Il supporto tecnico lavora in collaborazione con altri reparti di Symantec per rispondere tempestivamente alle domande degli utenti. Ad esempio, il team del supporto tecnico collabora con i reparti Product Engineering e Symantec Security Response per garantire i servizi di avviso e gli aggiornamenti delle definizioni dei virus. Il supporto Symantec include: Contattare il supporto tecnico Una serie di opzioni di assistenza che consentono di selezionare la quantità di servizi più corretta in base alle dimensioni dell'azienda telefono e/o supporto Web che fornisce risposte rapide e informazioni sempre aggiornate aggiornamenti garantiti che offrono aggiornamenti software Supporto globale disponibile 24 ore al giorno e 7 giorni su 7 Funzionalità avanzate compresi i servizi di gestione degli account Per informazioni sulle offerte del supporto di Symantec, è possibile visitare il nostro sito Web al seguente URL: Tutti i servizi di supporto verranno forniti in conformità con il contratto di supporto e la politica di supporto tecnico dell'azienda in vigore alla data di stipulazione del contratto. I clienti con un contratto di supporto in corso possono accedere alle informazioni del supporto tecnico al seguente indirizzo: Prima di contattare il supporto tecnico, verificare di disporre dei requisiti di sistema elencati nella documentazione del prodotto. Inoltre, è necessario trovarsi davanti al computer per il quale si è riscontrato il problema, nel caso sia necessario riprodurlo. Quando si contatta il supporto tecnico, è necessario disporre delle seguenti informazioni: Livello della release del prodotto

5 Informazioni sull'hardware Memoria disponibile, spazio su disco e informazioni NIC Sistema operativo Versione e livello di patch Topologia di rete Informazioni relative a router, gateway e indirizzo IP Descrizione del problema: Messaggi di errore e file di registro Tentativi di risoluzione dei problemi prima di contattare Symantec Modifiche recenti alla configurazione del software e alla rete Licenze e registrazione Se il prodotto Symantec richiede una registrazione o una chiave di licenza, accedere alla pagina Web del supporto tecnico all'indirizzo: Servizio clienti Informazioni sul servizio clienti sono reperibili all'indirizzo: Il servizio clienti fornisce assistenza per domande di natura non tecnica quali: Domande su licenza e serializzazione del prodotto Aggiornamenti della registrazione del prodotto, come variazioni di nome o di indirizzo Informazioni generali sul prodotto (funzionalità, lingue disponibili, rivenditori locali) Ultime novità sugli aggiornamenti dei prodotti Informazioni sull'assicurazione aggiornamento e sui contratti di supporto Informazioni sui programmi di acquisto Symantec Consigli sulle opzioni di supporto tecnico Symantec Domande pre-vendita di natura non tecnica Problemi relativi a CD-ROM, DVD o manuali

6 Risorse di contratto di supporto Se si desidera contattare Symantec relativamente a un contratto di supporto esistente, contattare il team di amministrazione di contratto di supporto per l'area geografica nel modo seguente: Asia-Pacifico e Giappone Europa, Medio Oriente e Africa Nord America e America Latina

7 Sommario Supporto tecnico... 4 Capitolo 1 Introduzione a IT Management Suite Informazioni su IT Management Suite Operazioni eseguibili con IT Management Suite Funzionamento di IT Management Suite Dove reperire ulteriori informazioni Capitolo 2 Componenti di IT Management Suite Informazioni su Symantec Management Platform Componenti principali dell'architettura di Symantec Management Platform Componenti di Symantec Management Platform Soluzioni di IT Management Suite Informazioni sulla gestione con supporto cloud Distribuzione software mediante Deployment Solution Capitolo 3 Pianificazione di IT Management Suite Considerazioni di pianificazione della gestione IT Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server Informazioni sulla configurazione del disco rigido per SQL Server Informazioni sul dimensionamento del database per SQL Server Informazioni sulla gestione della memoria per SQL Server Informazioni sul mantenimento del database SQL Informazioni sull'utilizzo del clustering di failover di Microsoft SQL con ITMS 7.1 SP2 o versioni successive Informazioni sulla pianificazione di site server Informazioni sulla pianificazione della struttura di un sito Informazioni sulla manutenzione dei siti Informazioni su Task Service... 52

8 Sommario 8 Modalità di utilizzo del meccanismo di attivazione da parte del Task Server Informazioni sul servizio pacchetti Informazioni su Network Boot Service Pianificazione della distribuzione di Symantec Management Agent Informazioni sulla registrazione dell'agente Capitolo 4 Raccomandazioni relative all hardware Hardware di IT Management Suite 7.5 consigliato Hardware gateway Internet consigliato Configurazione consigliata per Notification Server con database SQL installato localmente Numero massimo di computer consigliato per IT Management Suite Sistemi operativi supportati per Notification Server e site server Informazioni sulle regole di confronto di SQL Server supportate Servizi ruolo IIS installati da Symantec Installation Manager Raccomandazioni per SQL Server e requisiti per software di terze parti Capitolo 5 Comunicazioni della soluzione Come funzionano le operazioni di Deployment Solution Modalità di interazione fra gli intervalli di controllo dell'agente e le impostazioni di inventario di base Come funzionano le comunicazioni dell'inventario basato su agente Informazioni sulla configurazione del criterio dell'inventario e sulle impostazioni operazione per un utilizzo ottimale delle risorse Metodi per la raccolta dell inventario Informazioni sulla consegna pacchetti nella gerarchia Funzionamento delle comunicazioni di dati di Patch Management Solution Funzionamento delle comunicazioni di dati sulla gestione delle risorse Scelta di un metodo di consegna del software Informazioni sulle regole di rilevamento Creazione di una regola di rilevamento Configurazione del portale del software

9 Sommario 9 Capitolo 6 Raccomandazioni relative a regolazione e ottimizzazione delle prestazioni Come determinare se è necessario regolare le prestazioni Fattori di prestazioni di Symantec Management Platform Informazioni sulla regolazione delle prestazioni per l'elaborazione di eventi Notification Server (NSE) Informazioni sui criteri di inventario predefiniti Pianificazione degli aggiornamenti dell'appartenenza alle risorse Informazioni sulla regolazione delle prestazioni di Symantec Management Agent Impostazioni di configurazione consigliate basate su endpoint gestiti Informazioni sul miglioramento delle prestazioni della console Symantec Management Platform Capitolo 7 Ambienti con più Notification Server Tipi di replica in Symantec Management Platform Informazioni sulla replica della gerarchia Operazioni eseguibili con la replica della gerarchia Informazioni sulla topologia della gerarchia Funzionamento dei Site Server in una gerarchia Considerazioni di implementazione della replica della gerarchia per Software Management Solution Considerazioni di implementazione della replica della gerarchia per Patch Management Solution Limitazioni della replica della gerarchia Implementazione della gerarchia di Notification Server Informazioni sulla replica basata su peer e sulle regole di replica Informazioni sul reporting di MultiCMDB con IT Analytics Appendice A Matrice di supporto della piattaforma Symantec IT Management Suite Introduzione Symantec Management Platform Notification Server e Workflow Server Microsoft SQL Server Regole di confronto di Microsoft SQL Server Microsoft IIS Microsoft.NET Console/browser Workflow Designer

10 Sommario 10 Site Server Gestione con supporto cloud (precedentemente nota come IBCM) Client Management Suite Matrice di supporto di sistemi operativi client Server Management Suite Matrice di supporto di sistemi operativi server Deployment Solution Supporto linguistico Core Localization Localizzazione agente Windows Indice

11 Capitolo 1 Introduzione a IT Management Suite Il capitolo contiene i seguenti argomenti: Informazioni su IT Management Suite Operazioni eseguibili con IT Management Suite Funzionamento di IT Management Suite Dove reperire ulteriori informazioni Informazioni su IT Management Suite IT Management Suite (ITMS) combina la gestione della configurazione di client e server con la gestione di risorse e servizi IT. Promuove una distribuzione efficace dei servizi e consente di ridurre il costo e la complessità della gestione delle risorse IT aziendali. Tali risorse possono includere desktop, laptop, thin client e server in ambienti eterogenei in vengono eseguiti i sistemi operativi Windows, Linux, UNIX e Mac. È possibile gestire tutte le funzionalità della suite tramite una console centrale su una piattaforma comune: Symantec Management Platform, che integra le funzioni di gestione per accelerare l'automazione e fornire servizi migliori, valore aggiunto ed efficienza IT. Vedere "Operazioni eseguibili con IT Management Suite" a pagina 12. IT Management Suite comprende le seguenti funzionalità di gestione: Gestione server La gestione server incorpora varie procedure guidate e altre funzioni che consentono di automatizzare le operazioni di configurazione e gestione nonché di creare criteri per la gestione di server. Le funzionalità di gestione dei server sono supportate nei sistemi operativi Windows, UNIX e Linux. Inoltre, le stesse

12 Introduzione a IT Management Suite Operazioni eseguibili con IT Management Suite 12 discipline di gestione si applicano sia ai sistemi fisici che a quelli virtuali, tra cui Microsoft Hyper-V e VMware. Gestione client La gestione dei client contribuisce al rilevamento delle risorse di rete e consente di verificarne lo stato. Gli strumenti per la creazione di report consentono di identificare i problemi e di adottare immediatamente le soluzioni per risolverli. Le funzioni di gestione dei client sono supportate nei sistemi operativi Windows, Linux e Mac. Gestione risorse IT La gestione risorse IT si fonda su solide basi di inventario per la gestione della configurazione. Consente di valutare con precisione sia le risorse rilevabili che quelle non rilevabili e tiene traccia delle risorse e delle informazioni correlate. È possibile gestire i contratti, la conformità delle licenze software e i processi di approvvigionamento, nonché gli elementi di configurazione associati alle risorse. Vedere "Operazioni eseguibili con IT Management Suite" a pagina 12. Vedere "Funzionamento di IT Management Suite" a pagina 13. Operazioni eseguibili con IT Management Suite IT Management Suite (ITMS) consente di migliorare la distribuzione di servizi, incrementare l'efficienza e ridurre i costi. IT Management Suite consente di eseguire le seguenti operazioni: Gestione da una console centrale. È possibile gestire centralmente endpoint client e server eterogenei. Gestione remota. Mediante le funzionalità di gestione remota uno-a-uno è possibile evitare gli interventi diretti presso le postazioni o sul lato server. Automazione delle operazioni. Il modulo operazioni consente di eseguire contemporaneamente più operazioni di gestione remota. Automazione dell'applicazione di criteri. Il modulo criteri consente di rilevare e risolvere i problemi automaticamente, senza alcun intervento umano. Automazione dei processi. Il modulo flussi di lavoro consente di automatizzare le interazioni uomo-sistema per eliminare errori e omissioni di latenza.

13 Introduzione a IT Management Suite Funzionamento di IT Management Suite 13 Creazione di supporto autonomo. Il catalogo servizi consente di ridurre a zero chiamate o richieste grazie al servizio di supporto autonomo con procedure consigliate. Gestione centralizzata del software. Le funzioni di gestione del software sono relative a inventario, patch, consegna e licenze. Vedere "Informazioni su IT Management Suite" a pagina 11. Funzionamento di IT Management Suite IT Management Suite (ITMS) combina prodotti e software Symantec Grazie a IT Management Suite è possibile distribuire, gestire, supportare e ritirare i vari computer, dispositivi, server e risorse IT dell'organizzazione. IT Management Suite include funzionalità per la gestione delle risorse IT e della configurazione di client e server. Vedere "Informazioni su IT Management Suite" a pagina 11. Le funzioni e caratteristiche principali di IT Management Suite sono: Piattaforma di gestione centralizzata Tutti i componenti di IT Management Suite poggiano su una base comune, ovvero Symantec Management Platform. Symantec Management Platform è un insieme di servizi fondamentali condivisi da tutti i componenti di IT Management Suite. I servizi possono riguardare aspetti quali sicurezza, reporting, comunicazioni e archiviazione dati. IT Management Suite presenta un'interfaccia di gestione migliorata che consente di fare di più e più rapidamente. Concetti comuni, quali come la gestione dei computer, la distribuzione di software, la gestione delle licenze e la relativa implementazione, sono consolidati in un'esperienza integrata. Quando si fa clic su un computer, i dettagli della gestione risorse sono immediatamente visibili. Efficienti funzioni di ricerca consentono di eseguire il drill-down e di creare filtri in breve tempo. È possibile salvare rapidamente le ricerche per poterle utilizzare in futuro. Grazie alla funzionalità "drag and drop" si possono selezionare le operazioni e trascinarle in uno o più computer selezionati. Console di gestione e database comuni I diversi componenti della piattaforma possono leggere e scrivere da un database comune. Il database è chiamato Database di gestione della configurazione (CMDB). Anche se IT Management Suite copre un'ampia varietà di funzionalità IT, l'utente interagisce con tutte le tecnologie della suite mediante un'interfaccia utente basata su Web comune. Questa interfaccia è chiamata Symantec Management Console.

14 Introduzione a IT Management Suite Funzionamento di IT Management Suite 14 Agente di gestione e server di gestione IT Management Suite può individuare i computer che sono presenti nell'ambiente. È possibile installare Symantec Management Agent su questi computer. L'agente consente di raccogliere informazioni molto dettagliate su di essi e invia regolarmente le informazioni relative al computer a un computer server di gestione denominato Notification Server. Notification Server elabora le informazioni sui computer e le memorizza in un database comune. Symantec Management Agent offre un controllo efficace e visibilità dell'hardware e del software di computer e server gestiti. Consente di mantenere standard e criteri aziendali in remoto tramite Symantec Management Console basata sul Web. Gestione delle risorse È possibile utilizzare i dati in CMDB per gestire più efficientemente le risorse. Ad esempio, è possibile utilizzare queste informazioni con report e filtri per visualizzare e monitorare i parametri sulle risorse nell'ambiente. Gestione delle licenze La gestione delle licenze e la gestione e l'utilizzo delle risorse sono strettamente integrati. Il software visualizza una panoramica delle distribuzioni e dei dettagli sui costi correnti. I dettagli si basano sulle installazioni e sulle informazioni relative agli acquisti attuali. Un grafico consente di determinare se un prodotto software viene distribuito in eccesso o in difetto e di valutarne l'utilizzo corrente. Fornisce inoltre una panoramica sulle implicazioni finanziarie di un prodotto. È possibile vedere i potenziali risparmi ottenibili con il rilevamento delle licenze e l'effetto sui costi quando un prodotto viene distribuito in eccesso. Gestione del software È possibile visualizzare il software installato, la relativa frequenza di utilizzo e il numero di licenze acquistate. Questo tipo di informazioni può essere utile per determinare le risorse IT che è necessario acquistare. È anche possibile utilizzare queste informazioni per determinare come ottimizzare l'investimento in software e quando sostituire o rimuovere il software. Inoltre, è possibile utilizzare IT Management Suite per intraprendere azioni in relazione alle informazioni raccolte. Ad esempio, IT Management Suite può rilevare che un determinato software è installato e concesso in licenza, ma non viene utilizzato. È possibile configurare la suite affinché rimuova il software inutilizzato. In IT Management Suite, l'interfaccia del catalogo software è stata razionalizzata e riprogettata. Qualsiasi software individuato viene memorizzato nell'elenco di quelli rilevati di recente. Da questo elenco è possibile determinare rapidamente se si desidera trasformare il software identificato in un prodotto gestito. In caso contrario, è possibile assegnarlo al software non gestito. Dopo aver identificato il software come prodotto software gestito, è possibile gestirne tutti gli elementi in un'unica interfaccia. L'inventario, il controllo, la consegna e la tracciatura delle licenze sono tutti presentati in una singola interfaccia.

15 Introduzione a IT Management Suite Funzionamento di IT Management Suite 15 La funzione di consegna gestita separa la pianificazione per la consegna da quella per l'esecuzione. È possibile dapprima gestire i pacchetti e quindi pianificarne l'esecuzione. Moduli di operazioni e criteri Notification Server ha due componenti, il modulo operazioni e il modulo criteri, che permettono di lavorare sui computer gestiti. È possibile utilizzare i criteri per mantenere standard uniformi e utilizzare le operazioni per eseguire passaggi sequenziali. La gestione basata su criteri può consentire l'autonomia del computer gestito, che sia in uno stato connesso o disconnesso. La gestione basata su operazioni segue il server tradizionale secondo il paradigma delle comunicazioni client. Computer gestiti Nei computer gestiti è installato l'agente di gestione. Questi computer comunicano regolarmente con il computer Notification Server. Quando un computer gestito contatta Notification Server, controlla se sono state configurate eventuali operazioni che deve svolgere. L'agente può verificare se il computer su cui è installato è conforme a un criterio. Ad esempio, è possibile impostare un criterio per assicurarsi che tutti i computer gestiti abbiano la versione più recente del software. Se non è conforme, l'agente può scaricare e installare il software secondo le impostazioni. Quando un software viene eseguito da remoto sui computer di destinazione con Notification Server, il software prende il nome di pacchetto software. Gestione delle patch È possibile utilizzare IT Management Suite per mantenere i computer protetti, aggiornati e conformi. IT Management Suite consente di gestire tutti gli aspetti relativi all'applicazione di aggiornamenti e patch di sicurezza per Microsoft Windows. Predisposizione È possibile effettuare il provisioning e la distribuzione a distanza di immagini standardizzate del sistema operativo sui computer. Questa funzionalità include la distribuzione completa da zero e il nuovo imaging dei computer per farli tornare in buono stato. Migrazione e distribuzione Deployment Solution è integrato in Symantec Management Platform. Di conseguenza, si possono utilizzare Deployment Solution e Symantec Management Platform tramite una console, un database e un agente singoli. IT Management Suite presenta numerosi miglioramenti apportati alla console di Deployment Solution. La funzionalità DeployAnywhere supporta tutti i tipi di driver plug and play per l'imaging indipendente dall'hardware. Questa integrazione completa il supporto

16 Introduzione a IT Management Suite Funzionamento di IT Management Suite 16 di Hardware Abstraction Layer (HAL), schede di interfaccia di rete e driver controller di archiviazione di massa, fornendo una soluzione completa per l'imaging indipendente dall'hardware. La gestione per il database driver è ora disponibile tramite la console. È possibile consolidare la gestione dei driver, poiché sia l'imaging che le installazioni del sistema operativo tramite script consumano i driver nel database DeployAnywhere. L'imaging di Ghost supporta lo stile intuitivo del multicasting RapiDeploy. PC Transplant è compatibile con Microsoft Office 2010 (a 32 bit e a 64 bit). Le funzionalità avanzate di Virtual Machine Management semplificano la configurazione ed estendono la procedura guidata di creazione del computer virtuale. La procedura guidata può eseguire qualsiasi processo Deployment Solution come parte del processo di creazione del computer virtuale. In questo modo è possibile sfruttare i processi esistenti di provisioning del server e applicarli al provisioning del server virtuale. Monitoraggio dell'integrità dei server IT Management Suite consente inoltre di monitorare e mantenere la salute dei server. È possibile tenere sotto controllo i parametri e gli indicatori chiave delle prestazioni di salute di un server. Tali parametri possono essere visualizzati in tempo reale. Grazie al modulo operazioni è possibile gestire i server in modo proattivo. Ad esempio, è possibile automatizzare le sequenze complesse di misure alternative quali il provisioning di un server di backup nel caso in cui un server si arresti in modo anomalo. È possibile configurare il sistema affinché avvisi se un parametro specifico comincia a indicare un potenziale problema. Si può quindi risolvere il problema in modo che non si ripresenti in futuro. Modulo flussi di lavoro IT Management Suite include un modulo flussi di lavoro che consente di automatizzare le interazioni uomo-sistema. È possibile configurare flussi di lavoro avanzati per completare automaticamente molte delle operazioni sequenziali necessarie per un'efficiente gestione dei servizi. Oltre all'opzione di creazione moduli e ad uno strumento di progettazione visiva con trascinamento della selezione, è possibile sfruttare appieno la funzionalità di generazione componenti per accedere a tecnologie di terze parti. Tali tecnologie comprendono Risorse umane o sistemi finanziari e il portale Workflow. Il portale Workflow consente di monitorare il processo globale a mano a mano che un flusso di lavoro attraversa le varie fasi. Reporting avanzato e IT Analytics Il dashboard generale e l'analisi delle tendenze offrono una visualizzazione rappresentativa delle risorse IT. Gli indicatori di prestazioni chiave consentono di misurare i fattori di successo critici per l'organizzazione e di valutare rapidamente le tendenze di come questi parametri cambiano nel tempo. È possibile utilizzare l'estrazione di dati ad hoc per creare report con tabelle pivot.

17 Introduzione a IT Management Suite Dove reperire ulteriori informazioni 17 I report si basano su misure e dimensioni predefinite. La funzionalità permette la facile modifica dei dati in modo tale che non occorre essere esperti di SQL per accedere alle informazioni necessarie. L'analisi multidimensionale e il reporting grafico avanzato sono integrati e consentono di arrivare alle risposte con personalizzazione minima e senza attesa. La funzionalità MultiCMDB garantisce un reporting IT Analytics globale su diversi CMDB senza la necessità di replicare una grande mole di dati. Symantec Workspace Virtualization Una sfida chiave collegata alla migrazione a Windows 7 è rappresentata dal fatto che numerose applicazioni Web esistenti dipendono da Internet Explorer 6. Symantec Workspace Virtualization include un nuovo aggiornamento che risolve questo problema. È possibile virtualizzare Internet Explorer 6 direttamente in Windows 7. Ciò consente di eseguire contemporaneamente Internet Explorer 6, 7 e 8. È anche possibile eseguire più versioni di Java sul sistema operativo nativo per ottenere una visibilità normale. Questo metodo consente un utilizzo side-by-side e offre un'implementazione protetta che è invisibile all'utente. È possibile stabilire quali applicazioni devono avere accesso a un browser specifico. Agli utenti non viene mai richiesto di scegliere un browser. La versione corretta si apre automaticamente in base a criteri. Questa opzione consente di passare a Microsoft Windows 7 in modo più rapido ed efficiente. Plug-in del browser quali Acrobat e Flash possono essere installati nella base o in un livello virtuale. È possibile installare varie versioni di Java nella base o in un livello e utilizzarle tramite Internet Explorer virtuale. Workspace Virtualization supporta automaticamente qualsiasi oggetto Criteri di gruppo che l'azienda può avere attivato per Internet Explorer. Vedere "Operazioni eseguibili con IT Management Suite" a pagina 12. Dove reperire ulteriori informazioni Utilizzare le seguenti risorse di documentazione per imparare a usare il prodotto. Documento Note sulla versione Tabella 1-1 Descrizione Informazioni su nuove funzioni e problemi importanti. Documentazione Posizione Pagina Prodotti supportati A-Z, disponibile al seguente indirizzo URL: Aprire la pagina di supporto del prodotto e quindi in Argomenti comuni, fare clic su Note sulla versione.

18 Introduzione a IT Management Suite Dove reperire ulteriori informazioni 18 Documento Descrizione Posizione Guida all'implementazione Informazioni su come installare, configurare e implementare questo prodotto. Libreria della documentazione, disponibile in Symantec Management Console nel menu?. Pagina Prodotti supportati A-Z, disponibile al seguente indirizzo URL: Aprire la pagina di supporto del prodotto e quindi in Argomenti comuni, fare clic su Documentazione. Manuale dell'utente Informazioni su come utilizzare questo prodotto, incluse informazioni e istruzioni tecniche dettagliate per l'esecuzione di operazioni comuni. Libreria della documentazione, disponibile in Symantec Management Console nel menu?. Pagina Prodotti supportati A-Z, disponibile al seguente indirizzo URL: Aprire la pagina di supporto del prodotto e quindi in Argomenti comuni, fare clic su Documentazione. Guida Informazioni su come utilizzare questo prodotto, incluse informazioni e istruzioni tecniche dettagliate per l'esecuzione di operazioni comuni. La Guida è disponibile a livello di soluzione e di suite. Libreria della documentazione, disponibile in Symantec Management Console nel menu?. La guida sensibile al contesto è disponibile per la maggior parte delle schermate di Symantec Management Console. È possibile visualizzare tale guida nei seguenti modi: Facendo clic sulla pagina e premendo F1. Tramite il comando Contestuale disponibile in Symantec Management Console nel menu?. Queste informazioni sono in formato HTML. Oltre alla documentazione del prodotto, è possibile utilizzare le seguenti risorse per ottenere informazioni sui prodotti Symantec. Risorsa Knowledge Base del supporto SymWISE Tabella 1-2 Descrizione Articoli e problemi noti relativi ai prodotti Symantec. Fonti di informazioni sui prodotti Symantec Posizione

19 Introduzione a IT Management Suite Dove reperire ulteriori informazioni 19 Risorsa Symantec Connect Descrizione Una risorsa online che contiene forum, articoli, blog, download, eventi, video, gruppi e idee per gli utenti di prodotti Symantec. Posizione forums/endpoint-management-documentation Di seguito viene riportato l'elenco dei collegamenti ai vari gruppi Connect: Distribuzione e imaging Rilevamento e inventario Amministratore ITMS Gestione Mac Monitor Solution e integrità del server Gestione patch Report ServiceDesk Gestione del software Flusso di lavoro Workspace Virtualization e streaming workspace-virtualization-and-streaming

20 Capitolo 2 Componenti di IT Management Suite Il capitolo contiene i seguenti argomenti: Informazioni su Symantec Management Platform Componenti principali dell'architettura di Symantec Management Platform Componenti di Symantec Management Platform Soluzioni di IT Management Suite Informazioni sulla gestione con supporto cloud Distribuzione software mediante Deployment Solution Informazioni su Symantec Management Platform Symantec Management Platform fornisce una serie di servizi utilizzabili dalle soluzioni informatiche. Le soluzioni vengono integrate nella piattaforma e usufruiscono dei servizi offerti dalla piattaforma, ad esempio sicurezza, reporting, comunicazione, distribuzione di pacchetti e dati del database di gestione della configurazione (CMDB). Poiché le soluzioni utilizzano la stessa piattaforma, possono condividerne i servizi così come i dati. I dati condivisi sono più utili dei dati disponibili per una singola soluzione. Ad esempio, una soluzione raccoglie i dati sul software installato sui computer della società e un'altra soluzione utilizza i dati per gestire le licenze software. Una terza soluzione potrebbe utilizzare tali dati per semplificare l'aggiornamento del software. Questa stretta integrazione tra soluzioni e piattaforma rende più agevole l'utilizzo delle varie soluzioni in quanto operano nello stesso ambiente e vengono amministrate mediante un'interfaccia comune. La piattaforma fornisce i seguenti servizi:

21 Componenti di IT Management Suite Componenti principali dell'architettura di Symantec Management Platform 21 Sicurezza basata su ruoli Comunicazione tra client e gestione degli stessi Esecuzione di attività pianificate o attivate da un evento Distribuzione e installazione dei pacchetti Report Gestione centralizzata mediante un'unica interfaccia comune Database di gestione della configurazione (CMDB) Software Management Framework Quando si installa una soluzione o suite, viene installata anche la piattaforma, se non è già presente. Vedere "Componenti di Symantec Management Platform" a pagina 22. Componenti principali dell'architettura di Symantec Management Platform L'architettura di Symantec Management Platform include i seguenti quattro Vedere "Considerazioni di pianificazione della gestione IT" a pagina 36. componenti principali: Notification Server e la relativa interfaccia Symantec Management Console basata sul Web SQL Server Site server I Site Server possono includere Task Server, Package Server e Network Boot Server. Computer gestiti

22 Componenti di IT Management Suite Componenti di Symantec Management Platform 22 Figura 2-1 Componenti principali dell'architettura di Symantec Management Platform Componenti di Symantec Management Platform Tabella 2-1 Componenti di Symantec Management Platform Componente Notification Server e Symantec Management Console Descrizione Symantec Management Platform è un servizio che elabora eventi, facilita le comunicazioni con i computer gestiti e coordina il lavoro degli altri servizi. La console è l'interfaccia utente basata sul Web del computer di Notification Server che consente di gestire la piattaforma e le sue soluzioni. Database di gestione della configurazione (CMDB) Site server Il database che archivia tutte le informazioni sui computer gestiti. Symantec Management Platform può ospitare diversi tipi di componenti middleware, come servizi pacchetti, servizi attività e servizi per siti di distribuzione. Il nome ufficiale per un componente middleware è "servizio per siti". Qualsiasi componente che include un servizio per siti è denominato Site Server. I Site Server possono ospitare uno o più servizi.

23 Componenti di IT Management Suite Soluzioni di IT Management Suite 23 Componente Symantec Management Agent Descrizione Il software installato in un computer per consentire al Notification Server di monitorarlo e gestirlo. Dopo l'installazione di Symantec Management Agent, il computer diventa un computer gestito. Software Management Framework Un'interfaccia che consente di creare e gestire le risorse software nel catalogo software. Consente inoltre di gestire i pacchetti nella libreria software. La visualizzazione Software fornisce una posizione centrale per l'inizializzazione delle attività relative al software eseguite nell'organizzazione. Report Un modo di raccogliere informazioni automatizzate. È possibile visualizzare report per qualsiasi computer gestito da Symantec Management Console. Vedere "Informazioni su Symantec Management Platform" a pagina 20. Soluzioni di IT Management Suite Tabella 2-2 Soluzioni e componenti di IT Management Suite Suite/Piattaforma Asset Management Suite Soluzione/Componente Asset Management Solution Barcode Solution CMDB Solution Descrizione Asset Management Solution consente di configurare e gestire diversi processi di gestione delle risorse. Aiuta a valutare con precisione le risorse, controllarne la proprietà e mantenere le associazioni con i documenti correlati. Consente inoltre di eseguire l'allineamento con gli standard ITIL. Barcode Solution fornisce all'organizzazione un metodo più semplice e accurato di raccogliere e verificare le informazioni delle risorse sul campo. Barcode Solution consente di velocizzare l'immissione di dati relativi alle risorse, di ridurre gli errori, di monitorare e controllare le risorse e di gestire l'inventario. CMDB Solution consente di modellare gli elementi di configurazione, le risorse e le reciproche relazioni in un database centrale. La soluzione permette di semplificare l'identificazione di tutti i componenti e le relazioni tra di essi e di avviare le eventuali modifiche. La soluzione gestisce attivamente le risorse secondo le istruzioni specificate dall'utente nei processi, nelle operazioni, nei criteri di configurazione e nelle regole CMDB personalizzate.

24 Componenti di IT Management Suite Soluzioni di IT Management Suite 24 Suite/Piattaforma Client Management Suite Soluzione/Componente Deployment Solution Inventory Solution IT Analytics Descrizione Deployment Solution contribuisce a ridurre i costi di distribuzione e gestione di server, desktop e notebook da una posizione centralizzata nell'ambiente. Offre la possibilità di distribuire il sistema operativo, di configurare, di migrare la personalità/impostazioni utente dei computer e di distribuire software su piattaforme hardware e sistemi operativi diversi. Inventory Solution consente di raccogliere i dati di inventario riguardanti computer, utenti, sistemi operativi e applicazioni software installate nell'ambiente in uso. È possibile raccogliere i dati dell'inventario in computer Windows, UNIX, Linux e Mac. Dopo la raccolta dei dati di inventario, è possibile analizzarli utilizzando utilizzando report predefiniti o personalizzati. Il software IT Analytics Solution complementa ed espande le funzionalità di reporting tradizionali disponibili nella maggior parte delle soluzioni Altiris. Arricchisce Notification Server di nuove e utili funzionalità, quali l'analisi multidimensionale e le potenti funzionalità di distribuzione e reporting grafico. Questa funzionalità consente agli utenti di esplorare i dati in modo autonomo, senza richiedere conoscenze avanzate dei database o di strumenti di reporting di terze parti. Consente agli utenti di formulare domande o trovare le risposte necessarie in modo veloce, facile ed efficiente.

25 Componenti di IT Management Suite Soluzioni di IT Management Suite 25 Suite/Piattaforma Soluzione/Componente Patch Management Solution pcanywhere Solution Real-Time System Manager Descrizione Patch Management Solution per Windows consente di eseguire la scansione nei computer Windows per verificare la necessità di aggiornamenti e visualizzare i risultati della scansione. Il sistema consente di automatizzare il download e la distribuzione degli aggiornamenti del software. È possibile creare filtri per i computer e applicare la patch solo a computer specifici. Patch Management Solution per Linux consente di eseguire la scansione di computer Red Hat e Novell Linux per le vulnerabilità della sicurezza. La soluzione quindi evidenzia i risultati e consente di automatizzare il download e la distribuzione delle correzioni e degli aggiornamenti software necessari. La soluzione scarica quindi le patch richieste e fornisce procedure guidate per agevolarne la distribuzione. Patch Management Solution per Mac consente di analizzare i computer Mac per verificare gli aggiornamenti necessari. La soluzione quindi evidenzia i risultati e consente di automatizzare il download e la distribuzione degli aggiornamenti software necessari. È possibile distribuire tutti o solo alcuni degli aggiornamenti. pcanywhere Solution è una soluzione di controllo remoto. Consente di gestire i computer, risolvere problemi che necessitano di supporto tecnico ed effettuare la connessione a periferiche remote. Real-Time System Manager fornisce in tempo reale informazioni dettagliate relative a un computer gestito e consente di eseguire in remoto diverse operazioni amministrative. Con Real-Time System Manager è inoltre possibile eseguire alcune operazioni di gestione su un gruppo di computer. È possibile eseguire le operazioni immediatamente o pianificarle.

26 Componenti di IT Management Suite Soluzioni di IT Management Suite 26 Suite/Piattaforma Server Management Suite Soluzione/Componente Software Management Solution Componente di integrazione di Symantec Endpoint Protection Workflow Solution Deployment Solution Descrizione Software Management Solution rende possibile la distribuzione e la gestione intelligente di software in base alla larghezza di banda tramite una console Web centrale. Ciò è possibile sfruttando il catalogo e la libreria software per assicurare che il software necessario venga installato, rimanga installato e venga eseguito senza interferenze da parte di altre applicazioni. Software Management Solution supporta la tecnologia di virtualizzazione del software, che consente di installare le applicazioni in un ambiente virtuale nel computer client. Con Software Management Solution gli utenti possono scaricare e installare direttamente il software approvato o richiedere altro software. Il componente di integrazione di Symantec Endpoint Protection combina Symantec Endpoint Protection con le altre soluzioni di Symantec Management Platform. È possibile eseguire l'inventario dei computer, l'aggiornamento delle patch, la consegna del software e la distribuzione dei nuovi computer. È inoltre possibile eseguire il backup e il ripristino di sistemi e dati, gestire gli agenti DLP e i client Symantec Endpoint Protection. Tutte queste operazioni possono essere effettuate da un'unica Symantec Management Console basata sul Web. Symantec Workflow è un framework per lo sviluppo dei processi di sicurezza che è possibile utilizzare per creare processi aziendali e di sicurezza automatizzati. Tali processi forniscono maggiore ripetibilità, controllo e affidabilità, riducendo al contempo il carico di lavoro generale. Il framework Symantec Workflow consente inoltre di creare processi di flusso di lavoro che integrano gli strumenti Symantec nei processi aziendali esclusivi dell'organizzazione. Una volta distribuiti, i processi di flusso di lavoro sono in grado di rispondere automaticamente alle variabili ambientali. I processi di flusso di lavoro sono inoltre in grado di tenere conto di interventi umani, quando un processo richiede che vengano prese decisioni e assunte responsabilità. Deployment Solution contribuisce a ridurre i costi di distribuzione e gestione di server, desktop e notebook da una posizione centralizzata nell'ambiente. Offre la possibilità di distribuire il sistema operativo, di configurare, di migrare la personalità/impostazioni utente dei computer e di distribuire software su piattaforme hardware e sistemi operativi diversi.

27 Componenti di IT Management Suite Soluzioni di IT Management Suite 27 Suite/Piattaforma Soluzione/Componente Inventory Solution Inventory Pack for Servers IT Analytics Monitor Solution Monitor Pack for Servers Descrizione Inventory Solution consente di raccogliere i dati di inventario riguardanti computer, utenti, sistemi operativi e applicazioni software installate nell'ambiente in uso. È possibile raccogliere i dati dell'inventario in computer Windows, UNIX, Linux e Mac. Dopo la raccolta dei dati di inventario, è possibile analizzarli utilizzando utilizzando report predefiniti o personalizzati. Inventory Pack for Servers raccoglie i dati di inventario basati su server. Viene eseguito con Inventory Solution e utilizza gli stessi plug-in, operazioni e procedure guidate di Inventory. Il software IT Analytics Solution complementa ed espande le funzionalità di reporting tradizionali disponibili nella maggior parte delle soluzioni Altiris. Arricchisce Notification Server di nuove e utili funzionalità, quali l'analisi multidimensionale e le potenti funzionalità di distribuzione e reporting grafico. Questa funzionalità consente agli utenti di esplorare i dati in modo autonomo, senza richiedere conoscenze avanzate dei database o di strumenti di reporting di terze parti. Consente agli utenti di formulare domande o trovare le risposte necessarie in modo veloce, facile ed efficiente. Il pacchetto di Altiris IT Analytics Symantec Endpoint Protection inoltre è incluso in questa soluzione. Monitor Solution consente di monitorare diversi aspetti dei sistemi operativi, delle applicazioni e delle periferiche di un computer. Questi aspetti possono includere eventi, processi e prestazioni. Questa funzionalità aiuta a garantire che i server e i dispositivi funzionino correttamente e riduce i costi del monitoraggio di server e rete. Monitor Pack for Servers viene utilizzato con i componenti principali di Monitor Solution di Symantec Management Platform. Consente di monitorare le prestazioni del sistema operativo, i servizi e gli eventi dell'ambiente server di Windows, UNIX e Linux.

28 Componenti di IT Management Suite Soluzioni di IT Management Suite 28 Suite/Piattaforma Soluzione/Componente Patch Management Solution Real-Time System Manager Software Management Solution Descrizione Patch Management Solution per Windows consente di eseguire la scansione nei computer Windows per verificare la necessità di aggiornamenti e visualizzare i risultati della scansione. Il sistema consente di automatizzare il download e la distribuzione degli aggiornamenti del software. È possibile creare filtri per i computer e applicare la patch solo a computer specifici. Patch Management Solution per Linux consente di eseguire la scansione di computer Red Hat e Novell Linux per le vulnerabilità della sicurezza. La soluzione quindi evidenzia i risultati e consente di automatizzare il download e la distribuzione delle correzioni e degli aggiornamenti software necessari. La soluzione scarica quindi le patch richieste e fornisce procedure guidate per agevolarne la distribuzione. Patch Management Solution per Mac consente di analizzare i computer Mac per verificare gli aggiornamenti necessari. La soluzione quindi evidenzia i risultati e consente di automatizzare il download e la distribuzione degli aggiornamenti software necessari. È possibile distribuire tutti o solo alcuni degli aggiornamenti. Real-Time System Manager fornisce in tempo reale informazioni dettagliate relative a un computer gestito e consente di eseguire in remoto diverse operazioni amministrative. Con Real-Time System Manager è inoltre possibile eseguire alcune operazioni di gestione su un gruppo di computer. È possibile eseguire le operazioni immediatamente o pianificarle. Software Management Solution rende possibile la distribuzione e la gestione intelligente di software in base alla larghezza di banda tramite una console Web centrale. Ciò è possibile sfruttando il catalogo e la libreria software per assicurare che il software necessario venga installato, rimanga installato e venga eseguito senza interferenze da parte di altre applicazioni. Software Management Solution supporta la tecnologia di virtualizzazione del software, che consente di installare le applicazioni in un ambiente virtuale nel computer client. Con Software Management Solution gli utenti possono scaricare e installare direttamente il software approvato o richiedere altro software.

29 Componenti di IT Management Suite Soluzioni di IT Management Suite 29 Suite/Piattaforma Soluzione/Componente Componente di integrazione di Symantec Endpoint Protection Virtual Machine Management Workflow Solution Descrizione Il componente di integrazione di Symantec Endpoint Protection combina Symantec Endpoint Protection con le altre soluzioni di Symantec Management Platform. È possibile eseguire l'inventario dei computer, l'aggiornamento delle patch, la consegna del software e la distribuzione dei nuovi computer. È inoltre possibile eseguire il backup e il ripristino di sistemi e dati, gestire gli agenti DLP e i client Symantec Endpoint Protection. Tutte queste operazioni possono essere effettuate da un'unica Symantec Management Console basata sul Web. Virtual Machine Management è un componente di Server Management Suite che consente di eseguire il processo di virtualizzazione sulla rete. È possibile creare ambienti virtuali di server, dispositivi di archiviazione e risorse di rete su un singolo computer fisico. La virtualizzazione migliora l'efficienza e la produttività delle risorse hardware e contribuisce a ridurre i costi amministrativi. Symantec Workflow è un framework per lo sviluppo dei processi di sicurezza che è possibile utilizzare per creare processi aziendali e di sicurezza automatizzati. Tali processi forniscono maggiore ripetibilità, controllo e affidabilità, riducendo al contempo il carico di lavoro generale. Il framework Symantec Workflow consente inoltre di creare processi di flusso di lavoro che integrano gli strumenti Symantec nei processi aziendali esclusivi dell'organizzazione. Una volta distribuiti, i processi di flusso di lavoro sono in grado di rispondere automaticamente alle variabili ambientali. I processi di flusso di lavoro sono inoltre in grado di tenere conto di interventi umani, quando un processo richiede che vengano prese decisioni e assunte responsabilità. Vedere "Informazioni su IT Management Suite" a pagina 11. L'applicazione di amministrazione ITMS per dispositivi mobili è un'applicazione per ipad che consente di eseguire operazioni ITMS anche quando si è in viaggio o in trasferta. Le funzionalità comprendono la possibilità di visualizzare i report di conformità Gestione patch e Consegna del software, nonché di eseguire operazioni sui dispositivi. La funzionalità di amministrazione ITMS è già inclusa lato server in ITMS 7.5 e quindi è necessario solamente scaricare l'applicazione nel proprio dispositivo ed effettuare l'accesso utilizzando le credenziali del proprio dominio.

30 Componenti di IT Management Suite Informazioni sulla gestione con supporto cloud 30 Informazioni sulla gestione con supporto cloud La gestione con supporto cloud consente di gestire gli endpoint su Internet anche se i computer client sono fuori dell'ambiente aziendale e non possono accedere direttamente ai server di gestione. Nei computer gestiti non è necessario utilizzare una connessione VPN per la rete dell'organizzazione. È possibile applicare la gestione con supporto cloud nei seguenti scenari: Un'organizzazione con molti dipendenti in trasferta o che lavorano fuori dall'ufficio (all'esterno dell'intranet aziendale). Un provider di servizi gestiti (MSP) che gestisce società esterne. Società con elevata distribuzione tra numerosi piccoli uffici o dipendenti che lavorano da casa. Quando si implementa la gestione con supporto cloud, il computer Notification Server e i Site Server non sono direttamente accessibili da Internet. Perciò Symantec Management Agent comunica con il computer Notification Server e i Site Server mediante un gateway Internet. Solitamente devono esserci due o più gateway Internet disponibili per poter mantenere una gestione affidabile dei client con supporto cloud e fornire opzioni di failover. Ogni gateway Internet può supportare il routing a più Notification Server indipendenti. Per utilizzare la gestione con supporto cloud, è necessario installare un server gateway Internet. Il gateway Internet funziona come un proxy di tunneling. Assicura la privacy e la protezione dei dati trasferiti da un agente a un server di gestione con comunicazioni HTTPS. Il gateway Internet è situato in una zona perimetrale (DMZ) tra due firewall. Accetta le connessioni in entrata dai computer client autorizzati in Internet e le inoltra ai Notification Server e ai Site Server appropriati presenti nella rete. Il gateway Internet blocca eventuali tentativi di connessione da parte di client non autorizzati. Symantec Management Agent determina automaticamente se instradare la comunicazione con il gateway Internet è necessario oppure no. Se un computer con supporto cloud ha accesso diretto alla rete locale utilizzando VPN, l'agente passa automaticamente a una comunicazione diretta con Notification Server. Se un computer con supporto cloud si trova all'esterno della rete aziendale, l'agente instrada tutte le comunicazioni su Internet a Notification Server attraverso il gateway Internet. Vedere "Hardware gateway Internet consigliato" a pagina 64.

31 Componenti di IT Management Suite Distribuzione software mediante Deployment Solution 31 Nota: la gestione con supporto cloud è supportata solo su computer client Microsoft Windows. La gestione con supporto cloud è disponibile su Symantec Management Platform solo se è disponibile almeno una soluzione installata che la supporta. Non tutte le soluzioni Symantec supportano la gestione con supporto cloud in IT Management Suite 7.5. Per ulteriori informazioni sulla disponibilità della gestione con supporto cloud in una soluzione particolare, consultare la relativa documentazione. Figura 2-2 Gestione con supporto cloud Per usufruire della funzionalità di gestione con supporto cloud, è necessario effettuare le seguenti operazioni: Impostare l'infrastruttura e configurare i server e i computer client per l'utilizzo di SSL. Installare e configurare i gateway Internet, configurare i criteri della gestione con supporto cloud e impostare i Symantec Management Agent affinché funzionino con l'ambiente della gestione con supporto cloud. (Facoltativo) Eseguire la risoluzione dei problemi e le operazioni di manutenzione. Distribuzione software mediante Deployment Solution Deployment Solution consente di creare e distribuire le immagini indipendenti dall'hardware, installare i sistemi operativi e gestirli per i computer client come desktop, server e notebook, da una posizione centralizzata. La soluzione consente inoltre di acquisire e distribuire personalità/impostazioni utente, eseguire le configurazioni di sistema al runtime e copiare file o cartelle dai computer.

32 Componenti di IT Management Suite Distribuzione software mediante Deployment Solution 32 L'applicazione della funzionalità di Deployment Solution dipende dal tipo di computer client che la soluzione gestisce. Il computer client può essere un sistema bare metal, un computer predefinito o un computer gestito. La maggior parte delle funzioni relative alla distribuzione vengono implementate come operazioni e sono eseguite sui computer client. Deployment Solution è collegato fermamente a Symantec Management Platform e sfrutta la funzione dei componenti del Site Server SMP come il Package Server (PS) e Task Server (TS). La soluzione richiede componenti di distribuzione specifici per PS e TS da distribuire sui Site Server per l'esecuzione delle operazioni di distribuzione. Inoltre, per eseguire le operazioni di distribuzione sui computer client, Deployment Solution richiede plug-in di distribuzione specifici per sistema operativo da installare. I componenti di Deployment Solution necessari per eseguire le operazioni di distribuzione sono le seguenti: Componente del Package Server di Deployment Solution Componente del Task Server di Deployment Solution Plug-in Deployment Solution per i seguenti sistemi operativi: Windows Linux Mac Configurazione dell'ambiente di preavvio in Deployment Solution Prima di avviare l'esecuzione delle operazioni di distribuzione, è necessario creare e impostare le configurazioni di preavvio in Deployment Solution. Le configurazioni di preavvio create sono necessarie per avviare i computer client per eseguirvi le operazioni di distribuzione. In Deployment Solution, sono disponibili due tipi di ambienti di preavvio che è possibile configurare i cui i dettagli sono i seguenti:

33 Componenti di IT Management Suite Distribuzione software mediante Deployment Solution 33 Tabella 2-3 Tipo di configurazione di preavvio Pre-Boot Execution Environment (PXE) Descrizione In Deployment Solution, Pre-Boot Execution Environment (PXE) viene creato utilizzando Configurazione di preavvio e viene distribuito attraverso Network Boot Service (NBS), installato su un Site Server. Il componente NBS comprende il servizio PXE, SymantecNetworkBootService (PXE e BSDP) e il servizio TFTP, SymantecNetworkBootServiceTftp. Dopo aver aggiunto un computer a una rete, il servizio PXE avvia il computer nell'ambiente di preavvio utilizzando un pacchetto di preavvio del sistema operativo supportato. Il pacchetto di preavvio è inoltre conosciuto come l'immagine PXE. In Deployment Solution, configurare il pacchetto di preavvio e ricostruire l'ambiente di preavvio prima di distribuire l'ambiente di preavvio configurato sui Site Server NBS. Un pacchetto di preavvio configurato contiene i file ambiente PXE specifici per il sistema operativo, l'agente specifico per il sistema operativo e il plug-in di distribuzione, conosciuto anche come agente di distribuzione. I pacchetti di preavvio specifici per sistema operativo che è possibile configurare sono i seguenti: WinPE per Windows LinuxPE per Linux Netboot per Mac

34 Componenti di IT Management Suite Distribuzione software mediante Deployment Solution 34 Tipo di configurazione di preavvio Ambiente di automazione Descrizione Un ambiente di automazione è l'ambiente di preavvio configurato installato localmente sul computer client. Un'installazione dell'ambiente di automazione consente di avviare i computer client nell'ambiente di preavvio. Come per l'ambiente PXE, anche l'ambiente di automazione contiene il pacchetto di preavvio specifico per il sistema operativo installato sui computer client. Il pacchetto di preavvio installato come cartella nei computer client è conosciuto come ambiente di pre-esecuzione. Per impostazione predefinita, per Windows, l'ambiente di pre-esecuzione è la cartella PEInstall e per i computer Linux è la cartella LinInstall, creata sul computer client. Per maggiori informazioni sull'ambiente PXE e di automazione, fare riferimento al Manuale dell'utente di Symantec Deployment Solution 7.5 con tecnologia Altiris. Metodi di consegna degli ambienti di preavvio L'avvio dei computer client nell'ambiente di preavvio avviene mediante Network Boot Service (NBS) installato sul Site Server. Sulla base del tipo di computer client da avviare, è necessario configurare NBS. I tipi di computer client che Deployment Solution avvia e gestisce sono computer sconosciuti, predefiniti e gestiti. La configurazione NBS può essere eseguita con Symantec Management Console. Per maggiori informazioni sulla configurazione dei tipi di computer client con NBS, fare riferimento al Manuale dell'utente di Symantec Deployment Solution 7.5 con tecnologia Altiris Caratteristiche fondamentali di Deployment Solution Le due caratteristiche fondamentali di Deployment Solution le seguenti: Funzionalità di creazione di immagini di Deployment Solution Deployment Solution consente di creare un'immagine di un computer client e di distribuirlo sui computer client multipli. Al momento della creazione di un'immagine, viene creata anche una risorsa di Symantec Management Platform per tale immagine. La risorsa è memorizzata come un pacchetto su Notification Server e viene distribuita a tutti i Package Server presenti nella rete. La risorsa immagine viene utilizzata durante la creazione di operazioni per la distribuzione di immagini. Quando un'operazione immagine di distribuzione viene inviata a

35 Componenti di IT Management Suite Distribuzione software mediante Deployment Solution 35 un computer client preleva l'immagine dal Package Server più vicino al computer client. È possibile creare le immagini del disco e le immagini di backup dei computer client. Deployment Solution fornisce gli strumenti RapiDeploy e Ghost per creare le immagini di computer client installati con sistemi operativi Windows o Linux e lo strumento symdeplomac per creare l'immagine per computer client installato con sistema operativo Mac. Per maggiori informazioni su creazione e distribuzione delle immagini, fare riferimento al Manuale dell'utente di Symantec Deployment Solution 7.5 con tecnologia Altiris. Installare la funzionalità del sistema operativo di Deployment Solution Deployment Solution consente di installare il sistema operativo Windows, Linux e Mac sui computer client. Per installare un sistema operativo sul computer client è necessario in primo luogo avviare il computer client nell'ambiente di preavvio del sistema operativo che si desidera installare sul computer client. Deployment Solution fornisce le operazioni specifiche per il sistema operativo per installare il sistema operativo sui computer client. Per Windows e Mac, i pacchetti dei sistemi operativi vengono aggiunti a Notification Server e da Notification Server distribuiti a tutti i Package Server nella rete. Quando un'operazione di installazione del sistema operativo viene inviata a un computer client, preleva il pacchetto dal Package Server più vicino al computer client. Per Linux, i pacchetti del sistema operativo sono disponibili su un HTTP anonimo o su un server FTP. Per maggiori informazioni sull'installazione del sistema operativo, fare riferimento a Manuale dell'utente di Symantec Deployment Solution 7.5 con tecnologia Altiris.

36 Capitolo 3 Pianificazione di IT Management Suite Il capitolo contiene i seguenti argomenti: Considerazioni di pianificazione della gestione IT Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server Informazioni sulla pianificazione di site server Pianificazione della distribuzione di Symantec Management Agent Informazioni sulla registrazione dell'agente Considerazioni di pianificazione della gestione IT Molti fattori e considerazioni possono influenzare un piano di implementazione. Per progettare l'infrastruttura di Symantec Management Platform, è necessario valutare funzionalità e requisiti organizzativi specifici. Vedere "Componenti principali dell'architettura di Symantec Management Platform" a pagina 21. I requisiti possono includere più variabili. Alcune di queste variabili possono includere quanto segue: Le implicazioni geografiche dell'ambiente. Una progettazione della gestione centralizzata utilizza computer Notification Server multipli per supportare vari modelli di distribuzione IT. Ad esempio, è possibile disporre di un ufficio aziendale centrale con migliaia di computer gestiti oppure grandi o piccole filiali. La progettazione centralizzata può essere efficace per gestire criteri e operazioni globali. Se la propria organizzazione IT è principalmente centralizzata, Symantec Management Platform può essere

37 Pianificazione di IT Management Suite Considerazioni di pianificazione della gestione IT 37 progettato per supportarla. In un tale ambiente, la piattaforma può utilizzare un computer padre Notification Server collegato a computer Notification Server figli aggiuntivi in una gerarchia. Una progettazione della gestione decentralizzata consiste in segmenti di rete e siti dispersi multipli che supportano segmenti di rete e siti secondari. La progettazione decentralizzata non utilizza la gerarchia ma computer Notification Server multipli che funzionano in modo autonomo. La futura crescita organizzativa. La progettazione dell'infrastruttura potrebbe richiedere un certo grado di scalabilità. Se possibile, l'architettura deve riflettere sia l'organizzazione corrente sia la visione organizzativa dei prossimi anni. I criteri e la distribuzione del team di gestione IT. Le operazioni gestite centralmente e localmente dall'it possono influenzare la progettazione. Alcune operazioni IT potrebbero richiedere di essere eseguite da una posizione centrale oppure da siti locali. I criteri di sicurezza dell'organizzazione influenzano la progettazione. La struttura organizzativa può stabilire la collocazione del componente e la progettazione dell'infrastruttura. Come lavora il personale dell'organizzazione su base giornaliera e come il modo in cui è costituito il processo influenza il piano. Filiali diverse dell'organizzazione, requisiti di sicurezza o geografici possono richiedere domini di gestione Notification Server separati. I gruppi differenti e i ruoli che gestiscono gli endpoint possono richiedere un ruolo Notification Server e sicurezza basata su ambito. Il ruolo e la sicurezza basata sull'ambito aggiungono carico sul computer Notification Server. Gli intervalli di connettività dell'ambiente. Gli intervalli di connettività dell'ambiente possono determinare la collocazione dei componenti. Ad esempio, può esserci un sito di primo livello connesso correttamente ma i siti del secondo livello non lo sono. Gli utenti che viaggiano possono disporre di una connessione in ingresso oppure VPN da una posizione remota. Le soluzioni installate e come sono utilizzate attivamente. Il numero delle soluzioni installate e attivamente utilizzate influenza il numero di computer gestiti che Notification Server può supportare. Ad esempio, un server con solo Inventory Solution installato può servire più endpoint gestiti rispetto a un server dotato di IT Management Suite completa. Le esigenze di reporting e l'utilizzo della console simultanei. L'utilizzo concorrente della console può richiedere molte risorse del processore a causa di un uso intenso della Symantec Management Console. È possibile utilizzare la console per creare report personalizzati al fine di visualizzare informazioni sull'ambiente. Molti report personalizzati sono scritti con le istruzioni

38 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 38 avanzate SQL (Structured Query Language) che richiedono una potenza di elaborazione del database significativa. Un numero elevato di utenti che eseguono questi report in contemporanea sul computer Notification Server può influire negativamente sulle prestazioni. Se l'organizzazione ha bisogno di un reporting personalizzato intenso, si consiglia di implementare un Notification Server di reporting separato. Anche se ciò significa che occorre investire in un server aggiuntivo, garantisce la separazione delle funzioni all'interno dell'infrastruttura. Il computer Notification Server responsabile della gestione degli endpoint è in grado di dedicare la sua elaborazione a quella funzione. Il computer Notification Server responsabile della fornitura dei report dedica la sua elaborazione a quell'altra funzione. Con questa configurazione, è possibile utilizzare la replica autonoma per inoltrare informazioni di inventario delle risorse dal computer Notification Server lato agente al computer Notification Server di reporting. Un'altra considerazione è il costo di memoria di ciascuna delle sessioni di console simultanee da IIS sul computer Notification Server. È possibile calcolare questo requisito di memoria sulla base di circa 20 MB per ogni connessione alla console. Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server Le seguenti informazioni forniscono linee guida per la configurazione di SQL Server per un computer del database di gestione della configurazione (CMDB) Symantec. Seguire queste linee guida per ottimizzare le prestazioni del computer SQL Server su cui si trova CMDB. Queste linee guida non sono esclusive e le caratteristiche dell'ambiente possono richiedere altre opzioni di configurazione. Per informazioni dettagliate sulla configurazione di SQL Server, fare riferimento alla documentazione di Microsoft. Molti articoli aggiuntivi su installazione, configurazione e manutenzione di SQL Server sono disponibili nella Knowledge Base del supporto SymWISE. La suddetta Knowledge Base è disponibile all'indirizzo Per ulteriori informazioni, leggere l'articolo Links to Notification Server/SQL Server Maintenance and Tuning Articles nella Knowledge Base del supporto SymWISE.

39 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 39 Tabella 3-1 Considerazione Hardware Considerazioni per la pianificazione della configurazione di SQL Server Descrizione Per la regolazione delle prestazioni del computer SQL Server è possibile utilizzare le linee guida per l'hardware consigliate. Vedere Tabella 4-1 a pagina 61. Configurazione del disco rigido La configurazione dei dischi rigidi del computer SQL Server influenza le prestazioni globali. È possibile utilizzare le raccomandazioni di configurazione dei dischi per ottimizzare il throughput e regolare le prestazioni del computer SQL Server. Vedere "Informazioni sulla configurazione del disco rigido per SQL Server" a pagina 39. Dimensionamento di database Per regolare le prestazioni del computer SQL Server è possibile utilizzare le linee guida di dimensionamento di database. Vedere "Informazioni sul dimensionamento del database per SQL Server" a pagina 41. Gestione della memoria Per regolare le prestazioni del computer SQL Server è possibile utilizzare le linee guida di gestione della memoria. Vedere "Informazioni sulla gestione della memoria per SQL Server" a pagina 42. Piano di manutenzione SQL È possibile utilizzare il piano di manutenzione consigliato per ottimizzare le prestazioni del computer SQL Server. Vedere "Informazioni sul mantenimento del database SQL" a pagina 44. Clustering di failover di SQL È possibile utilizzare il clustering di failover di SQL, un metodo che garantisce un'alta disponibilità da parte di Symantec Management Platform. Vedere "Informazioni sull'utilizzo del clustering di failover di Microsoft SQL con ITMS 7.1 SP2 o versioni successive" a pagina 44. Informazioni sulla configurazione del disco rigido per SQL Server Il throughput del computer SQL Server è un fattore primario per le prestazioni di Symantec Management Platform. Il tipo di configurazione dei dischi rigidi del computer SQL Server influenza il throughput, Se si utilizzano unità a più assi (HDD)

40 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 40 o una rete di archiviazione virtuale (SAN), valutare la possibilità di eseguire analisi dettagliate del throughput per decidere tra unità a stato solido (SSD) e altre opzioni di archiviazione. I produttori lanciano continuamente nuove unità di archiviazione a prestazioni elevate come SSD, PCIe Flash e tanti altri modi innovativi per configurare dischi HDD o ibridi. SSD e SAN ad alte prestazioni sono ideali per le prestazioni SQL. Possono supportare oltre un milione di IOPS grazie alla notevole larghezza di banda e alla bassa latenza I/O, a differenza degli HDD singoli che supportano IOPS. Se si utilizzano HDD, si consigliano configurazioni RAID ad alte prestazioni con canali multipli. Quando si utilizzano HDD tradizionali in configurazioni RAID, RAID 10 e RAID 0+1 sono considerati ad alte prestazioni. RAID 5 non è una configurazione a prestazioni elevate ed è sconsigliata. Per ottenere le migliori prestazioni, assicurarsi che per il sistema operativo, il file di dati SQL, il database TempDB e il file di registro sia disponibile un volume dedicato distinto. Per migliorare ulteriormente le prestazioni, è possibile dividere il file di dati e il database TempDB su più volumi. Il numero di volumi utilizzati deve corrispondere al numero di core processore nel computer SQL Server. Utilizzare inoltre il parallelismo con un numero di volumi uguale al numero di core processore. È possibile suddividere il file di dati SQL e il file del registro di transazioni per la corrispondenza con il numero di core processore. Il file di dati richiede ridondanza e prestazioni di lettura/scrittura elevate. Il database TempDB necessità di prestazioni di lettura/scrittura elevate, ma non della ridondanza. Agisce inoltre come area di lavoro temporanea per molti processi. Il database TempDB richiede una velocità molto elevata. Tuttavia, non è utilizzato per l'archiviazione e viene cancellato regolarmente. Per ottenere prestazioni del sistema ottimali, è necessaria un'elevata velocità effettiva del disco. Configurazione integrata Un'installazione combinata del database SQL e Notification Server può essere eseguita su HDD, unità a stato solido o una combinazione tra i due tipi. Si consiglia di utilizzare HDD con mirroring per il sistema operativo e il Notification Server, e unità SSD per il database SQL. Questo metodo offre la migliore combinazione di prestazioni, convenienza e facilità di implementazione. Se si utilizza l'archiviazione SAN per SQL, verificare che gli IOPS SAN soddisfino le esigenze del database SQL. Vedere "Configurazione consigliata per Notification Server con database SQL installato localmente" a pagina 64.

41 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 41 Vedere "Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server" a pagina 38. Informazioni sul dimensionamento del database per SQL Server È possibile utilizzare le linee guida di dimensionamento per la regolazione delle prestazioni del computer SQL Server. Un'installazione di Symantec Management Platform senza soluzioni e computer gestiti genera un database di circa 300 MB. Questo valore corrisponde all'incirca al 7 percento delle dimensioni di database massime di SQL Express. 500 computer gestiti aggiuntivi possono aumentare tale valore fino a circa 500 MB. Le dimensioni dei database aumentano anche in seguito all'integrazione e all'uso di soluzioni. Lo spazio disponibile nel database per ogni computer gestito deve essere compreso tra 750 KB e 1 MB. Questo valore non tiene conto della frammentazione del database successiva alla creazione iniziale. Le dimensioni reali variano in base alle soluzioni installate e alla configurazione specifica di criteri, operazioni e pianificazioni. Anche la strategia di manutenzione del database utilizzata influenza le dimensioni dei database. Quando si installano suite in un ambiente di grandi dimensioni, le dimensioni del database possono aumentare fino a raggiungere un valore compreso tra i 6 e i 12 GB. Se si sceglie una strategia basata sull'aumento delle dimensioni del database, assicurarsi di tenere conto della crescita del file di dati. L'aumento automatico delle dimensioni del database è una funzionalità di SQL Server utilizzabile nel caso di un aumento imprevisto del file di dati. Questa funzione non consente tuttavia la gestione delle dimensioni del file di database. Monitorare i file e ridimensionarli in base alle esigenze durante la manutenzione. Per scegliere l'impostazione dell'aumento automatico delle dimensioni, stimare le dimensioni massime previste del file di dati e del file del registro delle transazioni. Per stimare queste dimensioni, è possibile monitorare la crescita di tali file in un ambiente di preproduzione. Impostare un incremento automatico per il file di dati e i file del registro delle transazioni tra il 10 e il 20 percento superiore alla stima iniziale. Non utilizzare la funzionalità di autocompattazione con Symantec Management Platform. Questa funzionalità viene eseguita periodicamente in background e utilizza cicli di CPU e I/O che possono causare uno degrado imprevisto delle prestazioni. La funzione di autocompattazione può compattare e aumentare continuamente il file di dati. Questo processo provoca la frammentazione del file di database. La frammentazione può degradare i trasferimenti sequenziali e gli accessi casuali. Dopo la stima delle dimensioni approssimative del database, creare un file di database di tali dimensioni prima di installare Notification Server. In questo modo si assicura la disponibilità dello spazio appropriato. Viene inoltre ridotto il degrado

42 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 42 delle prestazioni inerente a un database in continua espansione. Per migliorare ulteriormente le prestazioni, deframmentare e reindicizzare il database dopo l'installazione iniziale. CMDB SQL Server non deve ospitare ulteriori applicazioni di database di terzi in quanto Symantec Management Platform richiede prestazioni molto elevate. I database CMDB aggiuntivi possono tuttavia essere ospitati nello stesso computer SQL Server in quanto i requisiti di traffico e le esigenze di configurazione dell'hardware sono simili per ogni database. È possibile avere una singola istanza SQL che condivide un singolo database TempDB, oppure più istanze del database con ognuna un database TempDB dedicato. Nel secondo caso, si riduce al minimo il rischio di potenziali conflitti ma si necessita di un maggior numero di array di dischi. È possibile creare un'istanza distinta per i singoli database di ogni computer Notification Server allo scopo di evitare conflitti con il database TempDB. Vedere "Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server" a pagina 38. Informazioni sulla gestione della memoria per SQL Server La gestione della memoria è una parte importante per l'ottimizzazione delle prestazioni SQL Server. La gestione della memoria è particolarmente importante quando SQL funziona in locale sul computer Notification Server. Se è in uso SQL x32, Symantec consiglia di utilizzare un sistema operativo x64. x64 gestisce a livello nativo lo spazio completo degli indirizzi mentre x32 utilizza AWE e /3GB. L'uso di SQL della memoria estesa in x32 è limitato mentre SQL x64 è in grado di utilizzarla completamente per progetti, cache dei risultati e così via. Grazie alla gestione nativa da parte di x64 dell'indirizzo completo, non è necessario utilizzare PAE o AWE. Si consiglia di utilizzare SQL Server 2008 x64 per SQL Server dedicati con oltre 4 GB di memoria fisica. Se è necessario utilizzare un sistema operativo x32, verificare che AWE sia configurato correttamente, includendo /PAE, /3GB, l'autorizzazione di blocco di pagine in memoria in Criteri di sicurezza locali, l'impostazione AWE in SQL e le impostazioni appropriate di MEMORIA MASSIMA SERVER in SQL. L'impostazione di blocco di pagine in memoria è utile sia ai server SQL a 64 bit che a 32 bit e si trova nell'assegnazione diritti utente dei Criteri di sicurezza locale. In x64, disattivare AWE se è attivato.

43 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 43 Tabella 3-2 Opzione Opzioni di configurazione della memoria per SQL Server Descrizione Memoria del server massima Questa impostazione di SQL limita la memoria che SQL può utilizzare. Impostare il valore Memoria massima per il server nella pagina Opzioni per la memoria del server. Lasciare memoria a sufficienza per l'esecuzione corretta del sistema operativo e di strumenti quali SQL Management Studio. Ad esempio, circa 4-6 GB in meno rispetto alla quantità di RAM installata. Utilizzo della memoria di Windows Impostare l'utilizzo della memoria di Windows per favorire i Programmi invece delle cache di sistema. Al fine di migliorare le prestazioni, SQL Server crea le proprie cache dei dati. Attivare l'opzione Ottimizza per carichi di lavoro ad hoc Quando si utilizza IT Management Suite, viene generato un elevato numero di query dinamiche o ad-hoc prodotte dall'uso quotidiano di Symantec Management Console e dalle azioni in background. Questi tipi di query non vengono memorizzati nella cache utilizzando le impostazioni predefinite di Microsoft SQL Server e possono essere percepiti come buone prestazioni della console ed efficienza di Notification Server. Quando è attivata l'opzione Ottimizza per carichi di lavoro ad hoc, ciò può risultare utile per la cache dei piani (nota anche con il nome di cache delle procedure). Una volta attivato, Query Optimizer prende un batch per l'esecuzione e cerca di individuare un piano di query adatto nella cache dei piani. Se non lo trova, compila un piano e lo memorizza nella propria cache; in questo modo, quando viene attivato la volta successiva, non viene sostenuto alcun costo per la compilazione di tale piano. L'aumento nelle prestazioni ha luogo quando una query particolare viene eseguita per la seconda volta, poiché ora si trova nella cache. È importante rendersi conto che il piano occupa spazio nella memoria e non deve essere implementato nei server Microsoft SQL che stanno già ottimizzando la memoria disponibile. Questa impostazione si trova nella pagina Avanzate delle impostazioni istanza di SQL Server in Microsoft SQL Server. Vedere "Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server" a pagina 38.

44 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 44 Informazioni sul mantenimento del database SQL Un piano di manutenzione SQL per la ricostruzione degli indici e l'impostazione della percentuale dello spazio libero di indice su 10% nei database Symantec/Altiris deve essere pianificato come minimo per un'esecuzione mensile (preferibilmente settimanalmente). Questo piano di manutenzione deve inoltre essere configurato per aggiornare le statistiche delle colonne (le statistiche di indice sono aggiornate durante il processo di ricostruzione dell'indice). Si consiglia di pianificare il piano per l'esecuzione in un momento in cui l'utilizzo dei database da parte delle applicazioni Symantec è meno intenso. Questo può avvenire nel corso della giornata di domenica o nel corso di un ciclo di manutenzione pianificato, ecc. Seguire queste raccomandazioni per la manutenzione ottimale di SQL: Aggiornare le statistiche (di notte) Garantisce che query processor operi le scelte "migliori" data l'implementazione ITMS. Oppure attivare l'opzione Aggiornamento automatico asincrono statistiche Perdita di memoria in SQL - ottenere l'ultimo aggiornamento Pagina Proprietà database > Opzioni. L'attivazione influisce sulla possibilità di attivare la modalità singolo utente (per manutenzione) dei database Manutenzione regolare delle pagine di database Ricostruzione degli indici (mensile) Riorganizzazione delle pagine (settimanale) Backup regolari Modalità di recupero semplice - produce IO inferiore ma è necessaria una strategia di backup aggressiva Rispetto a Registrazione COMPLETA con i backup Per maggiori informazioni consultare il seguente articolo della knowledge base: Informazioni sull'utilizzo del clustering di failover di Microsoft SQL con ITMS 7.1 SP2 o versioni successive Le informazioni riportate di seguito descrivono il clustering di failover di Microsoft SQL Server 2008 R2, un metodo che garantisce un'alta disponibilità da parte di Symantec Management Platform (SMP). Il clustering di failover è disponibile in versione completa in SQL Server 2008 R2 Enterprise, con funzionalità limitate nella Standard Edition.

45 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 45 Il clustering di failover è un processo in cui il sistema operativo e SQL Server 2008 R2 si integrano per garantire disponibilità in caso di un errore di applicazione, di hardware o del sistema operativo. Il clustering di failover garantisce ridondanza hardware mediante una configurazione in cui le risorse critiche vengono trasferite automaticamente da un computer che presenta un errore a un server di database ugualmente configurato. Tuttavia, il clustering di failover non è una soluzione di bilanciamento del carico. Il failover non migliora le prestazioni del database, non riduce la necessità di manutenzione, non protegge il sistema dalle minacce esterne, non consente di evitare errori di software irreversibili, singoli punti di errore (ad esempio hardware e archiviazione non ridondanti) o disastri naturali Symantec consiglia di assicurarsi di avere le competenze e le conoscenze necessarie prima di utilizzare le metodologie di failover di Microsoft SQL nell'implementazione di un ITMS o di un'altra suite o soluzione. Per ulteriori informazioni sull'elevata disponibilità di SQL Server 2008 R2, consultare la documentazione "Alta disponibilità di SQL Server 2008 R2" sul sito: Assicurarsi che i Microsoft SQL Server abbiano una capacità di archiviazione hardware sufficiente a consentire loro di funzionare correttamente con il carico di failover previsto. Per ulteriori informazioni, consultare la documentazione "Installazione di un cluster di failover di SQL Server 2008" sul sito: Il clustering di failover riduce al minimo il tempo di inattività di ITMS aumentando la disponibilità di CMDB. Il clustering di failover presenta dei vantaggi nei seguenti scenari: Errori di hardware: Mentre l'utente risolve i problemi rilevati nel Nodo di riferimento, l'istanza di SQL Server viene eseguita da un altro nodo Installazione patch/manutenzione del server: Durante il riavvio del server, SQL Server non è in linea. Ciò consente di applicare le patch con tempi di inattività ridotti per ITMS Risoluzione dei problemi: Quando si verifica un problema in uno dei nodi, il trasferimento delle operazioni a un altro nodo consente di risolvere i problemi senza interrompere l'esecuzione di ITMS Metodi comuni di failover di SQL Server disponibili per ITMS Questa sezione descrive le configurazioni del cluster di failover più comuni e la loro modalità di applicazione a ITMS:

46 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 46 Cluster di failover della singola istanza Un cluster di failover della singola istanza consiste di due o più server SQL a nodo singolo che hanno un'origine di archiviazione comune. Soltanto un nodo SQL Server è attivo in un qualunque momento, mentre tutti gli altri nodi del cluster restano stato di attesa. In questo esempio, Notification Server è collegato al cluster di SQL e può accedere al suo CMDB. Notification Server non rileva il Nodo 1 o il Nodo 2 e considera il cluster SQL come proprio punto di connessione. Figura 3-1 mostra un cluster a due nodi, la configurazione più comune per un failover di SQL utilizzato in ITMS. Questa configurazione mette a disposizione un computer dedicato per proteggere il sistema dagli errori di un singolo nodo nel cluster. Symantec consiglia di utilizzare lo stesso hardware SQL Server per tutti i nodi della configurazione. Ciò garantisce prestazioni uniformi in caso di failover. Qualora si renda necessaria una ridondanza di failover aggiuntiva, è possibile aumentare il numero di nodi all'interno del cluster. SQL Server 2008 R2 Standard Edition supporta il failover di due nodi, mentre Enterprise Edition supporta fino a 16 nodi. Le licenze di Microsoft SQL Server sono richieste solo nel nodo attivo all'interno del cluster SQL. Figura 3-2 mostra un failover critico del nodo SQL attivo. Quando si verifica un errore critico del nodo di SQL Server attivo, il secondo nodo acquisisce le funzioni del primo nodo. Notification Server viene disconnesso da CMDB finché il Nodo 2 non si connette a CMDB. Dopo che il Nodo 2 è stato attivato, Notification Server può effettuare la connessione e riprendere le operazioni. Durante il tempo di disconnessione, servizi, console, operazioni e altri elementi per la gestione non sono disponibili. Il ritardo di failover dipende da fattori come la connettività, le dimensioni del database e il numero dei database SQL presenti nel cluster. Idealmente, il failover non dovrebbe richiedere più di 30 minuti.

47 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 47 Figura 3-1 Configurazione di un cluster SQL a due nodi Figura 3-2 Failover del nodo di SQL Server attivo in un cluster SQL a due nodi Nota: Quando si utilizza SQL per IT Analytics, Analysis Services è compatibile con i cluster, mentre Reporting Services non lo è. Se il nodo con Reporting Services viene disattivato, IT Analytics rimane inattivo finché il nodo principale non viene ripristinato.

48 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server 48 Cluster di failover a istanza multipla I tipi più comuni di cluster a istanza multipla sono quelli in cui tutti i nodi eseguono una o più istanze del cluster di failover. Figura 3-3 mostra un unico ambiente SQL in cluster utilizzato per ospitare due diverse istanze di CMDB per Notification Server 1 e Notification Server 2, ciascuna delle quali in esecuzione in un nodo fisico separato. Mentre questa configurazione è operativa, entrambi i Notification Server accedono al proprio CMDB e possono usufruire della completa funzionalità dei rispettivi nodi. Figura 3-4 mostra che, nel momento in cui si verifica un errore in un nodo, il failover di tutte le istanze del cluster di failover ospitate in quel nodo viene eseguito in un altro nodo. Si è verificato un errore nel Nodo 1 e il failover di CMDB 1 viene eseguito nel Nodo 2. Durante il failover, Notification Server viene disconnesso da CMDB finché il Nodo 2 non completa le operazioni di failover e non installa CMDB 1. Notification Server 1 viene riconnesso e può essere utilizzato con prestazioni ridotte finché il Nodo 1 non è di nuovo eseguibile. Anche le prestazioni di Notification Server 2, che in questo caso ospita due CMDB, risultano limitate. Se le dimensioni di SQL Server sono adeguate, questo metodo riduce sensibilmente i tempi di risposta del database e ne migliora le prestazioni, garantendo un utilizzo produttivo dell'hardware. In questa implementazione, le licenze di Microsoft SQL Server sono richieste in tutti i nodi attivi (in questo caso, tutti i nodi del cluster di Microsoft SQL). Figura 3-3 Due istanze di CMDB ospitate in una singola configurazione di SQL a cluster.

49 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione di site server 49 Figura 3-4 Failover nel Nodo 2 delle istanze del cluster di failover ospitate nel Nodo 1 Vedere "Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server" a pagina 38. Informazioni sulla pianificazione di site server Un sito è una costruzione di gestione che consente i mapping di subnet ai servizi per siti. I servizi per siti sono un'estensione di Symantec Management Agent. Quando un servizio per siti viene installato in un nodo gestito, innalza il livello di Symantec Management Agent a site server. I servizi relativi a operazioni, pacchetti e avvio di rete sono tutti ruoli del Site Server. Questi servizi di sito possono essere distribuiti in diverse combinazioni per soddisfare le esigenze degli endpoint. Un sito remoto potrebbe avere bisogno solo di un Package Server o di un Network Boot Server. Un Task Server potrebbe essere necessario solo nel datacenter. La topologia e l'utilizzo delle soluzioni determinano se sia meglio combinare i servizi di sito in un singolo computer o utilizzare computer dedicati. L'installazione standard di Notification Server comprende solo i requisiti minimi del Site Server. Altri Site Server potrebbero utilizzare un sistema operativo Windows per workstation o server. Per un sito con meno di 100 endpoint potrebbero essere sufficienti 10 sessioni, mentre siti remoti più grandi potrebbero richiedere un server Windows. Il primo fattore da prendere in considerazione per l'hardware e il sistema operativo di un Site Server è il numero di sessioni contemporanee necessarie. Una workstation

50 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione di site server 50 Windows può disporre al massimo di 10 connessioni TCP simultanee mentre non vi sono limiti per un sistema operativo per server. Se si installa un servizio per siti in un computer Windows 7/2008, è necessario installarvi i servizi in modalità di compatibilità con IIS 6. Vedere "Informazioni sul servizio pacchetti" a pagina 55. Vedere "Informazioni su Task Service" a pagina 52. Vedere "Informazioni su Network Boot Service" a pagina 56. Informazioni sulla pianificazione della struttura di un sito Durante la pianificazione della struttura del sito, prendere in considerazione le seguenti raccomandazioni: Pianificare, progettare, configurare e monitorare l'integrità dei siti. In tutte le infrastrutture, è necessario considerare la pianificazione, la progettazione, la configurazione e il monitoraggio delle attività di manutenzione. Preferire i siti e i gruppi organizzativi alla gerarchia. Non affidarsi alla gerarchia per la gestione di implementazioni distribuite geograficamente. Utilizzare invece i Site Server. La struttura del sito deve prendere in considerazione le esigenze di larghezza di banda e il numero di nodi totali. Utilizzare Package Server con vincoli e disporre a catena la predisposizione dei pacchetti. È possibile utilizzare Package Server con vincoli come metodo primario per accertarsi che le comunicazioni avvengano come previsto. Tuttavia, alcune comunicazioni chiave degli agenti accedono direttamente al server ITMS. Ciò comprende richieste come GetPackageInfo, CreateResource, PostEvent e così via. Nella predisposizione a catena dei pacchetti, l'agente deve dipendere dal Package Server con vincoli. Il Package Server con vincoli deve dipendere dal Package Server senza vincoli. Limitare le comunicazioni di Task Server sul server ITMS. Offrire gestione delle connessioni e consolidamento delle richieste anziché consolidamento della larghezza di banda. Non permettere agli agenti di connettersi al server padre. Normalmente, è necessario almeno un Task Server. Per ulteriori informazioni, consultare le seguenti risorse: Task Server Best Practices (Procedure consigliate per Task Server) Package Staging Practices (Procedure di predisposizione dei pacchetti)

51 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione di site server 51 Configure Constrained Pkg Server (Configurazione di Package Server con vincoli) Constrained Pgk Svr (Package Server con vincoli) Package Replication in Hierarchy (Replica dei pacchetti nella gerarchia) Vedere "Informazioni sulla pianificazione di site server" a pagina 49. Informazioni sulla manutenzione dei siti La manutenzione dei siti include la gestione di siti, sottoreti e servizi per siti dell'organizzazione. È possibile gestire i computer in uso secondo il sito e la sottorete, allo scopo di controllare gruppi di computer e ridurre al minimo l'utilizzo della larghezza di banda. Un sito è in genere una posizione fisica nell'organizzazione (come una specifica costruzione o un livello di una costruzione). Una sottorete è un intervallo di indirizzi logici nella rete in uso. In condizioni normali di funzionamento, ciascun Package Server o Task Server serve solo i Symantec Management Agent presenti all'interno dei siti assegnati. Se non è stato definito alcun sito, tutti i Site Server sono disponibili per i Symantec Management Agent (anche se questo metodo non è consigliato). Se non è stato definito alcun sito per un Package Server o Task Server, il Notification Server utilizza le seguenti regole: Dapprima cerca di trovare Site Server nella stessa subnet del computer richiedente e se ne trova li restituisce a Symantec Management Agent. Se non vengono rilevati Site Server nella stessa subnet del computer richiedente, tutti i Site Server vengono restituiti a Symantec Management Agent. Se non sono disponibili Site Server, l'agente viene indirizzato al computer Notification Server. È possibile assegnare Site Server nei seguenti modi: Assegnare la subnet contenente il Site Server a un sito. Assegnare il Site Server a un sito. Utilizzare il Connector per Active Directory per eseguire l'operazione. Connector per Active Directory disattiva le subnet e i siti con cui è in conflitto. Ad esempio, se si assegnano manualmente subnet a un sito che è in conflitto con il contenuto del Connector per Active Directory, vengono utilizzate le informazioni di Active Directory. Dopo l'invio dell'elenco di Site Server disponibili a Symantec Management Agent, l'agente sceglie il sito server più appropriato.

52 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione di site server 52 I Site Server e i computer gestiti possono includere molteplici NIC e indirizzi, quindi appartenere a più siti tramite l'assegnazione delle subnet. Informazioni su Task Service La comunicazione tra operazioni è differente da quella tra criteri. I computer gestiti avviano la comunicazione tra criteri e il server avvia quelle tra operazioni. Task Service consente di: Eseguire più operazioni in una sequenza definita denominata processo. Fornire la logica per la gestione degli errori delle operazioni o altri codici di ritorno. Fornire funzionalità della riga di comando e VBscript a computer gestiti. Fornire ulteriori funzionalità di gestione del risparmio energetico. Eseguire operazioni sul lato client e sul lato server. Riutilizzare operazioni in più processi. Le operazioni possono essere clonate e modificate come richiesto. Symantec consiglia l'utilizzo di almeno un task server per Notification Server. Le operazioni richiedono un uso intenso del processore e della memoria del computer Notification Server in quanto deve inviare regolarmente pacchetti tickle e ricevere lo stato di esecuzione. Questa condizione può influenzare negativamente il caricamento di dati SQL e la velocità di risposta dell'interfaccia utente. È possibile eseguire l'offload della gestione delle operazioni a un task server. Un task server dedicato gestisce la comunicazione dei tickle dell'agente, le sequenze delle operazioni e le funzionalità di automazione. L'offload della gestione delle operazioni a un task server diminuisce il carico su Notification Server riducendo al minimo l'interruzione di quest'ultimo. Vedere "Informazioni sulla pianificazione di site server" a pagina 49. Il task server utilizza un numero elevato di sessioni del sistema operativo. Se un task server supporta meno di 100 computer gestiti, si consiglia di utilizzare un sistema operativo Windows Server in quanto supporta un maggior numero di sessioni simultanee del sistema operativo. Se un Task Server supporta meno di 100 computer gestiti, un sistema operativo per workstation potrebbe essere appropriato. Il computer Task Server deve disporre anche di IIS 6.0 o IIS 7.0 e avere la funzionalità.net Framework 3.5 attivata. I task server non richiedono hardware di alte prestazioni. Un processore di velocità moderata è appropriato. L'I/O del disco non è un fattore significativo nelle prestazioni del task server. Tuttavia, la comunicazione tra operazioni può comportare l'utilizzo di più connessioni simultanee al task server. Una workstation Windows può disporre

53 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione di site server 53 di soltanto 10 connessioni TCP simultanee mentre non vi sono limiti per il sistema operativo Windows Server. Di conseguenza, potrebbe essere necessario utilizzare un sistema operativo Windows Server. Symantec consiglia l'utilizzo di un sistema operativo Windows Server per i task server che supportano più di 100 computer gestiti. I task server consentono l'offload delle richieste di prestazioni da Notification Server ma non risolvono i limiti di larghezza di banda della rete. È possibile utilizzare un task server nella stessa subnet di Notification Server in quanto riduce in modo non significativo il traffico di rete. Seguire le linee guida seguenti per configurare Task Service nell'infrastruttura: Symantec consiglia di utilizzare almeno un task server per Notification Server. Dopo il task server dedicato iniziale, aggiungere ulteriori task server per ogni endpoint. È possibile bilanciare il carico di più task server in siti di grandi dimensioni per assicurarsi che l'ultima esecuzione delle operazioni venga effettuata dagli agenti. È possibile ridurre il carico dei task server aumentando il valore delle impostazioni Intervallo aggiornamento attività e Tempo massimo tra tentativi di tickle. Il valore predefinito di queste impostazioni è 5 minuti. Modificare queste impostazioni su un valore superiore a 10 minuti. È necessario utilizzare Gestione sito per forzare i computer a utilizzare il task server se questo e Notification Server sono nello stesso sito. Per assicurarsi che il Task Server sia correttamente installato e configurato, installarlo tramite Symantec Management Console. Modalità di utilizzo del meccanismo di attivazione da parte del Task Server Il server di attivazione è un componente di Task Management. Il componente server di attivazione viene eseguito solo nel computer Notification Server ed è responsabile per la notifica ai Task Server delle operazioni in sospeso per i relativi computer client. I Task Server includono inoltre la funzionalità nativa di attivare i relativi computer client registrati. Questa funzionalità è indipendente dal componente server di attivazione nel computer Notification Server. Il server di attivazione invia pacchetti tickle IP ai Task Server quando per uno o più dei relativi computer client registrati è necessario eseguire un processo o un'operazione. Dopo la ricezione del pacchetto tickle, il Task Server richiede immediatamente informazioni sull'operazione o sul processo dal Notification Server per i relativi computer client registrati. Inoltre attiva i relativi computer client. Quando il Client Task Agent riceve il pacchetto tickle, richiede informazioni sul processo o sull'operazione dal relativo Task Server registrato. L'operazione viene eseguita

54 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione di site server 54 solo dopo che il Client Task Agent riceve le informazioni sull'operazione. Gli eventi di stato per le operazioni completate vengono inviate al Task Server registrato dopo il completamento. Se i pacchetti tickle vengono bloccati o non possono raggiungere la destinazione, il Client Task Agent verifica automaticamente la presenza di nuove informazioni sul processo nel relativo Task Server registrato. Questa verifica viene eseguita ogni 5 minuti. Questo intervallo è configurabile in Symantec Management Console. Le informazioni su operazioni e processi di Task Server non vengono ricevute tramite il criterio di configurazione di Symantec Management Agent, ma direttamente dal Task Server registrato di Client Task Agent. Se si forza l'aggiornamento del criterio di configurazione di Symantec Management Agent, Client Task Agent non viene forzato a ricevere le informazioni sulle operazioni in sospeso. Per impostazione predefinita, il server di attivazione utilizza la porta per i Task Server e quest'ultimi utilizzano la porta per attivare i client task agent. Il seguente esempio presuppone che Client Task Agent per ComputerA sia registrato con RemoteTaskServer1. Tabella 3-3 Sequenza Uno Due Tre Sequenza di funzionamento del meccanismo di tickle del Task Server Descrizione Un amministratore Notification Server assegna un'operazione da eseguire immediatamente nel ComputerA. Il server di attivazione nel computer Notification Server invia un pacchetto tickle per informare RemoteTaskServer1 dell'operazione in sospeso. RemoteTaskServer1 verifica se al client di destinazione è consentito ricevere operazioni. Se la modalità Comunicazione agenti precedenti è disattivata e la destinazione è un agente precedente, l'operazione non viene eseguita. Non viene eseguita anche nel caso in cui viene effettuato l'upgrade dell'agente, ma lo stato è Non consentito. Vedere "Informazioni sulla registrazione dell'agente" a pagina 59. Quattro Cinque RemoteTaskServer1 riceve il pacchetto tickle e immediatamente richiede le informazioni sul processo al Notification Server. RemoteTaskServer1 attiva il ComputerA per informarlo dell'operazione in sospeso.

55 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione di site server 55 Sequenza Sei Sette Otto Nove Dieci Figura 3-5 Descrizione Il ComputerA riceve il pacchetto tickle e immediatamente richiede le informazioni sul processo dal relativo Task Server registrato - RemoteTaskServer1. Il ComputerA riceve le informazioni sul processo ed esegue l'operazione. Al completamento dell'operazione, il ComputerA invia un evento di stato a RemoteTaskServer1. RemoteTaskServer1 memorizza l'evento di stato nella cache e tenta immediatamente di inviarlo al Notification Server. Notification Server riceve l'evento di stato da RemoteTaskServer1 e registra le informazioni nel database. Sequenza di funzionamento del meccanismo di tickle del Task Server Informazioni sul servizio pacchetti I server dei pacchetti sono meccanismi di distribuzione che consentono di spostare efficacemente i dati in un sito. Questi server vengono utilizzati con Notification Server come file server locali per i computer gestiti di un sito. I server dei pacchetti non richiedono hardware e software di classe server.

56 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione di site server 56 I server dei pacchetti consentono di ridurre il traffico di rete mediante la copia di un pacchetto nella rete una volta per sito. È possibile utilizzare un server dei pacchetti localmente in un sito per archiviare e consegnare pacchetti. Questa architettura consente di gestire siti con connessioni a larghezza di banda ridotta a Notification Server. Vedere "Informazioni sulla pianificazione di site server" a pagina 49. Quando si attiva un pacchetto in Notification Server, viene copiato in tutti i server dei pacchetti noti a Notification Server. Dopo il termine della copia, i computer gestiti scaricano i pacchetti dal server dei pacchetti locale anziché dal Notification Server remoto. Il numero di server dei pacchetti necessari dipende dalla topologia e dalla larghezza di banda della rete nonché dalla dimensione dei pacchetti e dalla frequenza di quelli da consegnare. È possibile scaglionare la distribuzione dei pacchetti ai server dei pacchetti per ridurre il carico. È possibile distribuire un numero limitato di pacchetti alla volta a tutti i server dei pacchetti nonché eseguire la distribuzione soltanto a un determinato gruppo di server dei pacchetti. Un server dei pacchetti con vincoli può essere utilizzato solo nei siti a cui è assegnato. Un server dei pacchetti senza vincoli può acquisire pacchetti e altre risorse ovunque nel sistema. Il server dei pacchetti senza vincoli raccoglie le risorse necessarie all'esterno del sito e le rende disponibili a tutti i server dei pacchetti con vincoli. Un site server può funzionare come server dei pacchetti solo se allo stesso è assegnato almeno uno dei server dei pacchetti senza vincoli. Almeno un server dei pacchetti senza vincoli deve essere presente in un sito con uno o più server dei pacchetti con vincoli. Informazioni su Network Boot Service Uno degli scopi di Network Boot Server è quello di fornire servizi di avvio PXE e pacchetti di avvio per segmenti di rete. Lo scopo più comune è quello di ripristinare un'immagine standard per supporto o per distribuire nuovi computer durante la predisposizione iniziale. Tipicamente, il protocollo PXE viene controllato su una rete. Può essere limitato per funzionare all'interno di una subnet o di un altro intervallo definito basato sugli IP helper. Se è necessario rieseguire l'imaging di più sistemi contemporaneamente, è possibile disporre i Network Boot Server in ogni sottorete e aggiungerne altri in una sottorete di dimensioni maggiori. Oltre a fornire servizi PXE, un Network Boot Server è simile a un Package Server in quanto ospita pacchetti chiamati immagini di avvio. Vedere "Informazioni sulla pianificazione di site server" a pagina 49.

57 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla pianificazione di site server 57 Ogni sottorete deve avere accesso a un Network Boot Server. Tuttavia, solitamente i router bloccano i pacchetti di trasmissione PXE. È possibile utilizzare i seguenti tre metodi per fornire accesso a ogni subnet: Utilizzare la "modalità DHCP forzata", che è un'impostazione DHCP che inoltra le richieste PXE del client al Network Boot Server più vicino. Questo metodo funziona anche quando il computer client si trova in una sottorete diversa rispetto al Network Boot Server. DHCP stabilisce il server corretto utilizzando subnet mask e test di ping. Utilizzare gli "IP helper", un'impostazione che può essere configurata per ogni router e che consente di trasmettere le richieste PXE attraverso le subnet. Installare un Network Boot Server in ogni sottorete. Questo metodo non è consigliato perché genera sovraccarichi inutili. Un Network Boot Server contiene i seguenti oggetti: Servizio PXE Immagini di avvio La condivisione del Package Server o NSCap con i file eseguibili di imaging, se questi non fanno parte dell'immagine di preavvio. Database dei driver Quando le nuove impostazioni vengono applicate a un'immagine di avvio esistente, un'immagine di avvio aggiornata viene compilata in locale per ogni Network Boot Server. Queste modifiche vengono consegnate con un criterio e dipendono dalla pianificazione dell'aggiornamento di Symantec Management Agent. Tabella 3-4 Sequenza Uno Due Tre Sequenza per la configurazione del Network Boot Server Descrizione Deployment Solution è installato sul computer Notification Server. L'amministratore configura e gestisce i processi di distribuzione e le operazioni dalla Symantec Management Console. L'amministratore attiva e configura Network Boot Service. Il server DHCP può trasferire le richieste PXE dai computer client ai Network Boot Server che si trovano in più sottoreti.

58 Pianificazione di IT Management Suite Pianificazione della distribuzione di Symantec Management Agent 58 Figura 3-6 Sequenza per la configurazione del Network Boot Server Pianificazione della distribuzione di Symantec Management Agent In alcuni ambienti, i computer sono configurati con un'immagine software aziendale o un elenco base standard di software. Se si aggiunge l'immagine dell'agente a quella del computer, è possibile risparmiare tempo e risorse. Symantec Management Agent può essere preinstallato e posizionato in una directory con una direttiva di singola esecuzione per il sistema operativo. Vedere "Informazioni sulla regolazione delle prestazioni di Symantec Management Agent" a pagina 110. Per l'installazione dell'agent è anche possibile utilizzare meccanismi di script. È possibile eseguire l'installazione push di Symantec Management Agent da Symantec Management Console se non si intende aggiungere l'agente a un'immagine.

59 Pianificazione di IT Management Suite Informazioni sulla registrazione dell'agente 59 L'installazione push richiede un intervento esterno minore rispetto ad altri metodi di distribuzione dell'agente nei computer già in uso. Con questo metodo, Notification Server contatta il computer client e questo richiede l'agente a Notification Server. Il metodo push richiede la disattivazione dell'impostazione di condivisione dei file. La distribuzione dell'agente può comunque essere eseguita con tale impostazione attivata. Il computer client è in grado di inizializzare la richiesta. Ad esempio, è possibile inviare uno script tramite posta elettronica oppure inviare un collegamento Web per eseguire l'installazione pull dell'agente. Informazioni sulla registrazione dell'agente La funzionalità di registrazione dell'agente richiede un computer client per poter comunicare con Notification Server prima di essere gestita da questo Notification Server. Il criterio di registrazione dell'agente consente a tutti i computer di comunicare con Notification Server. Tuttavia, è possibile creare i criteri di registrazione dell'agente personalizzate che consentono o bloccano determinati computer. Dopo che il criterio di registrazione agente consente o blocca un computer, è unicamente possibile modificarne manualmente lo stato nella pagina del report Stato registrazione agente. Ad esempio, è possibile consentire o bloccare i computer con stato in attesa. È inoltre possibile revocare la registrazione degli agenti precedentemente consentiti. La registrazione dell'agente è supportata sulle piattaforme Windows, UNIX Linux e Mac.

60 Capitolo 4 Raccomandazioni relative all hardware Il capitolo contiene i seguenti argomenti: Hardware di IT Management Suite 7.5 consigliato Hardware gateway Internet consigliato Configurazione consigliata per Notification Server con database SQL installato localmente Numero massimo di computer consigliato per IT Management Suite 7.5 Sistemi operativi supportati per Notification Server e site server Informazioni sulle regole di confronto di SQL Server supportate Servizi ruolo IIS installati da Symantec Installation Manager Raccomandazioni per SQL Server e requisiti per software di terze parti Hardware di IT Management Suite 7.5 consigliato Per determinare i requisiti hardware, affidarsi alle raccomandazioni contenute in questa sezione. Di seguito sono riportate le raccomandazioni hardware generali per la maggior parte degli ambienti con IT Management Suite 7.5. A seconda delle circostanze specifiche, l'hardware appropriato può variare. Considerazioni sui computer virtuali (VM) ITMS ha suddiviso le attività relative alle pianificazioni e all'elaborazione dei dati corrispondenti. In questi ambienti, si dà spesso il caso che gli amministratori di VM e archiviazione limitino le risorse perché i riferimenti non ne indicano un bisogno

61 Raccomandazioni relative all hardware Hardware di IT Management Suite 7.5 consigliato 61 costante. Le risorse, però, dovrebbero essere sempre disponibili per poter gestire anche i picchi di attività. Bisogna fare attenzione alla latenza provocata dagli ambienti VM. Tale latenza può essere causata da fattori quali memoria insufficiente, configurazioni lente del sottosistema disco, uso (anche eccessivo) delle istantanee, CPU insufficienti e numerose altre variabili che possono compromettere la capacità dei computer virtuali di ottenere risorse al momento del bisogno. La latenza delle VM si deve normalmente all'eccessivo sfruttamento delle risorse. Ma può anche derivare da altri fattori, come sovraffollamenti di vmotion e delle risorse associate, configurazioni errate e, in alcuni sistemi di archiviazione, persino l'utilizzo di istantanee che causano un eccesso di operazioni di scrittura, dovute a problemi di allineamento MBR tra VMware e il provider di archiviazione. Raccomandazioni relative all hardware Nota: queste raccomandazioni NON sono requisiti minimi. Se implementate, assicurano prestazioni ragionevoli di Notification Server per la raccolta dell'inventario e i tempi di risposta dell'interfaccia utente. Tabella 4-1 Raccomandazioni relative all'hardware per Microsoft SQL Server Componente Valutazione (1-20 endpoint) endpoint endpoint Processori/velocità Due core/2,4 Ghz minimo Quattro core/2,4 Ghz minimo Otto core/2,4 Ghz minimo 8-16 core/2,4 Ghz minimo Almeno 16 core/2,4 Ghz minimo Velocità del disco (in IOPS) C: OS, SMP D: SQL C: OS, SMP D: SQL C: OS, SQL App D: SQL DB C: OS, SQL App D: SQL DB C: OS, SQL App D: SQL DB E: Logs E: Logs E: Logs F: TempDB F: TempDB F: TempDB Capacità del disco 80 GB 80 GB 120 GB 250 GB 400 GB RAM 16 GB 16 GB Oltre 16 GB Oltre 24 GB Oltre 32 GB Cache 6 MB L2 minimo Rete SO Dual Gigabit Carico bilanciato Windows Server 2008 R2 SP1 x64 Standard Edition

62 Raccomandazioni relative all hardware Hardware di IT Management Suite 7.5 consigliato 62 Tabella 4-2 Raccomandazioni relative all'hardware fisico e virtuale per Notification Server Componente Valutazione (1-20 endpoint) endpoint Processori/velocità Due core/2,4 Ghz minimo Otto core/2,4 Ghz minimo Otto core/2,4 Ghz minimo Otto core/2,4 Ghz minimo 8-12 core/2,4 Ghz minimo Velocità del disco (in IOPS) C: OS, SMP C: OS, SMP C: OS D: SMP C: OS D: SMP C: OS D: SMP E: Storage Capacità del disco 80 GB 80 GB 200 GB 400 GB 600 GB RAM 4 GB 8 GB 16 GB 16 GB 16 GB (padre: 24) Cache 6 MB L2 minimo Rete SO Dual Gigabit Carico bilanciato Windows Server 2008 R2 SP1 x64 Standard Edition Nota: I requisiti di capacità dei dischi di Notification Server possono aumentare a seconda della strategia di memorizzazione di immagini dei dischi di distribuzione, di bollettini di gestione delle patch e della libreria software. I servizi riportati in Tabella 4-3, Tabella 4-4 e Tabella 4-5 possono essere combinati su un Site Server o distribuiti separatamente, in base all'ambiente. Spesso i servizi relativi a pacchetti e PXE vengono installati in un solo computer. Nota: il Site Server è un computer che esegue uno o più servizi del server delle operazioni, dei pacchetti o dell'avvio di rete (PXE). I servizi relativi a operazioni, pacchetti e PXE possono essere combinati in un Site Server o distribuiti separatamente, in base all'ambiente. I Site Server potrebbero utilizzare un sistema operativo Windows per workstation o server. Gli ambienti distribuiti e di grandi dimensioni possono richiedere più Site Server per soddisfare le esigenze di gestione della configurazione. La scelta di un sistema operativo per server o workstation dipende dal numero di sessioni contemporanee richieste da Site Server. Le workstation Windows possono disporre al massimo di 10 connessioni TCP simultanee mentre non vi sono limiti per un sistema operativo per server Windows. Un sito con meno di 100 endpoint può necessitare di soltanto 10 sessioni. Un server Windows può tuttavia essere richiesto per siti remoti di più grandi dimensioni.

63 Raccomandazioni relative all hardware Hardware di IT Management Suite 7.5 consigliato 63 Tabella 4-3 Raccomandazioni relative all'hardware fisico e virtuale per Task Server Componente endpoint endpoint Sistema operativo Sistema operativo desktop con le funzionalità IIS 6.0/7.0 e.net Framework 3.5 attivate. Sistema operativo server con le funzionalità IIS 6.0/7.0 e.net Framework 3.5 attivate. Sistema operativo server con le funzionalità IIS 6.0/7.0 e.net Framework 3.5 attivate. Sistema operativo server con le funzionalità IIS 6.0/7.0 e.net Framework 3.5 attivate. Processori Un core Due core Quattro core Quattro core Capacità del disco 5 GB 5 GB 5 GB 5 GB RAM 2 GB 4 GB 4 GB 8 GB Cache 6 MB L2 minimo Tabella 4-4 Raccomandazioni relative all'hardware fisico e virtuale per Package Server Componente endpoint endpoint Sistema operativo Sistema operativo Sistema operativo per desktop Sistema operativo per server Sistema operativo per server Sistema operativo per server Processori Un core Due core Quattro core Quattro core Velocità del disco (in IOPS) C: OS, SMP C: OS, SMP C: OS D: SMP C: OS D: SMP Capacità del disco 100 GB GB 100 GB GB 100 GB GB 100 GB GB RAM 2 GB 4 GB 4-6 GB 4-8 GB Cache 6 MB L2 minimo Tabella 4-5 Raccomandazioni relative all'hardware fisico e virtuale per Network Boot Server (PXE) Componente endpoint endpoint Sistema operativo Sistema operativo per desktop Sistema operativo per server Sistema operativo per server Sistema operativo per server

64 Raccomandazioni relative all hardware Hardware gateway Internet consigliato 64 Componente endpoint endpoint Processori Un core Due core Quattro core Quattro core Capacità del disco GB GB GB GB RAM 4 GB 4 GB 4 GB 8 GB Hardware gateway Internet consigliato Symantec consiglia di disporre di almeno due gateway Internet per fornire opzioni di failover, bilanciamento del carico e mantenere la continuità di comunicazione. Ogni gateway Internet può servire più Notification Server. Questa configurazione è supportata anche se i Notification Server sono organizzati in una struttura gerarchica. Ogni gateway Internet supporta da 1 a endpoint e 3000 connessioni simultanee. Vedere "Informazioni sulla gestione con supporto cloud" a pagina 30. L'esecuzione di un gateway Internet su un computer virtuale non è consigliata. L'esecuzione del gateway Internet in su hardware virtuale può ridurne la scalabilità fino al 40%. Tabella 4-6 Raccomandazioni hardware per il gateway Internet Componente Sistema operativo Processori Capacità del disco RAM Adattatori di rete Requisito Windows 2008 R2 SP1 con funzione.net Framework abilitata CPU dual-core Almeno 40 GB 8 GB Due adattatori di rete da 1 Gbit Configurazione consigliata per Notification Server con database SQL installato localmente Per gli ambienti che contengono fino a computer gestiti, un Notification Server con database SQL installato localmente può rappresentare la soluzione giusta. Un Notification Server con SQL installato sullo stesso server viene denominato come

65 Raccomandazioni relative all hardware Numero massimo di computer consigliato per IT Management Suite installazione SQL con "integrato". Symantec consiglia di supportare non più di computer gestiti con SQL integrato. Anche con meno di computer gestiti, è improbabile che le prestazioni siano efficienti quanto quelle in una configurazione con SQL integrato. Le prestazioni sono migliori grazie ai tempi di risposta della console e alla raccolta dell'inventario. Vedere "Informazioni sulla pianificazione della configurazione di SQL Server" a pagina 38. Vedere "Informazioni sulla configurazione del disco rigido per SQL Server" a pagina 39. Tabella 4-7 Raccomandazioni relative all'hardware fisico di IT Management Suite 7.5 per Notification Server con SQL integrato Componente Valutazione (1-20 endpoint) endpoint endpoint > 5000 endpoint Processori Due core Otto core core Non consigliato Velocità del disco (in IOPS) C: OS, SMP D: SQL C: OS, SMP D: SQL C: OS, SQL App D: SMP E: DB SQL F: Registri, TempDB Capacità del disco 80 GB 80 GB 200 GB RAM 8 GB 12 GB 20 GB+ Numero massimo di computer consigliato per IT Management Suite 7.5 Le seguenti informazioni sono basate sulla prova di scalabilità di IT Management Suite 7.5 in una configurazione di gerarchia 1 x 6 x 20k. Vedere "Hardware di IT Management Suite 7.5 consigliato" a pagina 60. Vedere "Informazioni sulla pianificazione di site server" a pagina 49. Tabella 4-8 Componenti Intervalli dei totali dei componenti consigliati per IT Management Suite 7.5 Intervallo Computer gestiti per Notification Server

66 Raccomandazioni relative all hardware Sistemi operativi supportati per Notification Server e site server 66 Componenti Computer gestiti per Package Server. 1 Computer gestiti per Task Server. 2 Computer gestiti per Network Boot Server. 3 Sessioni PXE simultanee per Network Boot Server. 3 Sessioni di console simultanee per Notification Server. Server dei pacchetti per Notification Server. Task Server per Notification Server. Network Boot Server per Notification Server (richiede il Task Service locale e il servizio pacchetti locale). Intervallo (75 manager + 25 gestori cespiti) Questo numero dipende dall'uso e dalla frequenza del pacchetto. Il numero appropriato per un'architettura specifica deve essere determinato utilizzando la velocità di trasferimento di file di Microsoft Windows, in quanto i server dei pacchetti sono in pratica file server. 2 Se si prevede di utilizzare spesso delle operazioni, questo numero deve essere più basso a seguito del numero di operazioni da elaborare. In tal caso, il numero di nodi dei computer client è secondario. 3 Deployment Solution dipende da Task Services. Di conseguenza, questo numero di computer client deve corrispondere al numero di Task Server. Tuttavia, assicurarsi di non avviare processi di distribuzione su più di 200 client per Task Server alla volta. Questo scenario può presentare molteplici limitazioni: La velocità del disco del Task Server che ospita WinPE e le immagini. Il numero di indirizzi IP disponibili in un determinato ambito DHCP per gli ultimi computer rilevati. La dimensione dell'immagine. Sistemi operativi supportati per Notification Server e site server La versione più recente di Symantec Management Platform richiede Windows Server 2008 R2 o Windows Server 2008 R2 SP1. Tuttavia, Symantec Management Platform può ospitare i componenti middleware su tutti i computer tranne che sul

67 Raccomandazioni relative all hardware Sistemi operativi supportati per Notification Server e site server 67 computer Notification Server. Questi componenti middleware supportano diversi sistemi operativi. Per ulteriori informazioni sul supporto della piattaforma IT Management Suite di Symantec, consultare Il nome ufficiale di un componente middleware è "servizio per siti". Qualsiasi computer che include un servizio per siti è denominato Site Server. Esempi di servizi per siti sono il servizio pacchetti e Task Service. In un site server possono essere installati uno o più servizi per siti. Ad esempio, se si installa il servizio per siti del server dei pacchetti (servizio pacchetti) in un computer, quel computer diventa un site server. Tabella 4-9 Sistemi operativi supportati per Notification Server Tipo di sistema operativo Microsoft Windows Server Sistema operativo supportato Windows Server 2008 R2, Windows Server 2008 R2 SP1 e Windows Server 2008 R2 SP2. Windows Server 2008 R2 richiede un computer a 64 bit. Se si esegue la migrazione a Symantec Management Platform 7.1, Symantec consiglia di eseguire la migrazione su un nuovo computer. Host virtuale VMware ESX 4.0 e 5.0 Microsoft Hyper-V Server 2008 R2 I site server possono utilizzare un sistema operativo per workstation o server Windows. Un site server con un servizio pacchetti installato può anche utilizzare un sistema operativo per server di Linux. Gli ambienti distribuiti e di grandi dimensioni possono richiedere numerosi site server per soddisfare le esigenze di gestione della configurazione. Notification Server assicura l'installazione del servizio per siti solo nei computer che soddisfano i requisiti minimi. La considerazione principale è il numero di sessioni simultanee necessarie quando si sceglie tra un sistema operativo per server e un sistema operativo per workstation. Una workstation Windows può disporre al massimo di 10 connessioni TCP simultanee mentre non vi sono limiti per un sistema operativo per server. Un sito con meno di 100 endpoint può necessitare di soltanto 10 sessioni. Un server Windows può tuttavia essere richiesto per siti remoti di più grandi dimensioni.

68 Raccomandazioni relative all hardware Sistemi operativi supportati per Notification Server e site server 68 Tabella 4-10 Sistemi operativi supportati per servizio pacchetti Tipo di sistema operativo Microsoft Windows desktop Sistema operativo supportato Windows XP SP2 Windows XP SP3 Windows Vista SP1 Windows Vista SP2 Windows 7 Windows 7 SP1 Windows 7 SP2 Server di Microsoft Windows Windows Server 2003 SP2 Windows Server 2003 R2 SP2 Windows Server 2008 Windows Server 2008 SP2 Windows Server 2008 R2, R2 SP1 e R2 SP2 Desktop Linux Red Hat Enterprise Linux 5.7, 5.8, 6.2 e 6.3 Novell SUSE Linux Desktop 10, 11, 11 SP1 Server di Linux Red Hat Enterprise Linux AS 4 Red Hat Enterprise Linux es 4 Red Hat Enterprise Linux Server 5.1, 5.2, 5.3, 5.4, 5.5, 5.6 Red Hat Enterprise Linux 6.0 Red Hat Enterprise Linux 6.0 Server Red Hat Enterprise Linux 6.1 Server Novell SUSE Linux Enterprise Server 10 Novell SUSE Linux Enterprise Server 11, 11 SP1

69 Raccomandazioni relative all hardware Informazioni sulle regole di confronto di SQL Server supportate 69 Tabella 4-11 Sistemi operativi supportati per servizio di attività Tipo di sistema operativo Microsoft Windows desktop Sistema operativo supportato Windows XP SP2 Windows XP SP3 Windows Vista SP2 Windows 7 Windows 7 SP1 Server di Microsoft Windows Windows Server 2003 SP2 Windows Server 2003 R2 SP2 Windows Server 2008 Windows Server 2008 SP2 Windows Server 2008 R2, R2 SP1 Vedere "Raccomandazioni per SQL Server e requisiti per software di terze parti" a pagina 72. Informazioni sulle regole di confronto di SQL Server supportate IT Management Suite 7.5 supporta le seguenti regole di confronto di SQL Server: Latin1_General_BIN - Formato binario precedente Latin1_General_BIN2 - Formato binario Latin1_General_CI_AI - (Alfabeto latino "normale"), senza distinzione tra maiuscole e minuscole e tra caratteri accentati e non accentati Latin1_General_CI_AS - Alfabeto latino, senza distinzione tra maiuscole e minuscole, con distinzione tra caratteri accentati e non accentati Latin1_General_CS_AI - Alfabeto latino, con distinzione tra maiuscole e minuscole, senza distinzione tra caratteri accentati e non accentati Latin1_General_CS_AS - Alfabeto latino, con distinzione tra maiuscole e minuscole e tra caratteri accentati e non accentati

70 Raccomandazioni relative all hardware Servizi ruolo IIS installati da Symantec Installation Manager 70 Servizi ruolo IIS installati da Symantec Installation Manager Prima dell'installazione di IT Management Suite, è necessario installare il ruolo del server Web (IIS) nel computer. Se i servizi ruolo IIS necessari non sono installati, viene richiesto di installarli nella pagina Controllo dei prerequisiti di Symantec Installation Manager. Quando si conferma l'installazione, Symantec Installation Manager può installare e configurare automaticamente tali servizi ruolo IIS nel server. Nota: oltre ai servizi ruolo IIS che vengono installati con il server Web, può essere necessario installare anche alcuni servizi aggiuntivi del ruolo IIS. Questi servizi ruolo sono necessari per installare IT Management Suite. Symantec Installation Manager identifica tali servizi ruolo IIS e richiede di installarli automaticamente tramite la pagina Controllo dei prerequisiti della procedura guidata di installazione di Symantec Installation Manager. Di seguito sono riportati i servizi ruolo IIS che vengono installati quando si configura il ruolo IIS nel computer: Server dell'applicazione Supporto del server Web (IIS) Supporto del servizio Attivazione processo Windows Attivazione HTTP Server Web (IIS) Server Web Funzionalità HTTP comuni Contenuti statici Documento predefinito Esplorazione directory Errori HTTP Reindirizzamento HTTP Sviluppo di applicazioni ASP.NET Estendibilità.NET

71 Raccomandazioni relative all hardware Servizi ruolo IIS installati da Symantec Installation Manager 71 ASP Estensioni ISAPI Filtri ISAPI Integrità e diagnostica Registrazione HTTP Strumenti di registrazione Monitor delle richieste Monitoraggio Sicurezza Autenticazione di Di base Autenticazione Windows Autenticazione della raccolta Certificato client che mappa autenticazione IIS Certificato client che mappa autenticazione Autorizzazione URL Filtro delle richieste Restrizioni per IP e domini Prestazioni Compressione dei contenuti statici Compressione dei contenuti dinamici Strumenti di gestione Console di gestione IIS Scripi e strumenti della gestione IIS Servizio della gestione Management Compatibility di IIS 6 Compatibilità metabase di IIS 6 Compatibilità WMI di IIS 6 Strumenti di scripting di IIS 6 Management Console di IIS 6

72 Raccomandazioni relative all hardware Raccomandazioni per SQL Server e requisiti per software di terze parti 72 Raccomandazioni per SQL Server e requisiti per software di terze parti IT Management Suite 7.5 richiede SQL Server con installazione integrata o separata. La versione di SQL Server necessaria dipende dal numero di endpoint gestiti. Tabella 4-12 Raccomandazioni di SQL Server per IT Management Suite 7.5 Modello di prova endpoint endpoint endpoint endpoint Microsoft SQL Server Express 2005 SP4, 2008 SP2 o versione superiore, e Microsoft SQL Server 2005 SP4, 2008 SP2 o versione superiore, oppure 2012 Standard o Enterprise. Microsoft SQL Server 2005 SP4, 2008 SP2 o versione superiore, oppure 2012 Standard o Enterprise. Microsoft SQL Server 2005 SP4, 2008 SP2 o versione superiore, oppure 2012 Standard o Enterprise. Microsoft SQL Server 2005 SP4, 2008 SP2 o versione superiore, oppure 2012 Enterprise. SQL integrato supportato; SQL separato consigliato. SQL integrato supportato; SQL separato consigliato. Symantec consiglia l'hosting separato di SQL Server. Symantec consiglia l'hosting separato di SQL Server. Vedere "Informazioni sulle regole di confronto di SQL Server supportate" a pagina 69. Le soluzioni di IT Management Suite 7.5 richiedono anche il seguente software aggiuntivo di terzi: Tabella 4-13 Software di terzi richiesto da IT Management Suite 7.5 Software Adobe Flash Player 11 Adobe Reader AJAX 1.0 Driver OLEDB Microsoft Access 2010 Microsoft.NET 3.5 SP1 (per Notification Server) Scopo Il plug-in Adobe Flash Player per Internet Explorer è richiesto per il diagramma di associazione delle risorse in Asset Management Suite. Adobe Reader è richiesto per aprire la documentazione disponibile in formato PDF per le soluzioni di ITMS. Ajax viene utilizzato per abilitare le chiamate asincrone e rendere dinamica l'interfaccia utente. Ad esempio, caricamento di menu su richiesta e rendering immediato. Ajax è fondamentale per molti dei comportamenti di controllo dell'interfaccia utente, ovvero menu, griglie, strutture, elenchi e così via. Data Connector richiede a questo driver di comunicare con i file di Access (.mdb) e di Excel (.xls). Installare la versione a 64 bit del driver. Symantec Management Platform dipende da Microsoft.NET Framework.

73 Raccomandazioni relative all hardware Raccomandazioni per SQL Server e requisiti per software di terze parti 73 Software Microsoft.NET 3.5 (per Task Server) Microsoft Internet Explorer Scopo Task Server dipende da Microsoft.NET Framework. Microsoft Internet Explorer è il browser che supporta Symantec Management Console. Vedere "Console/browser" a pagina 131. Microsoft Silverlight 5 Ruoli e servizi ruolo di Server Manager Silverlight è necessario per la pagina della configurazione iniziale di Symantec Management Console. Ruolo del server applicazioni e servizi ruolo ASP, server Web e Management Compatibility di IIS 6. Nota: Se i servizi ruolo di IIS necessari non sono installati, viene richiesto di installarli nella pagina Controllo dei prerequisiti. Vedere "Servizi ruolo IIS installati da Symantec Installation Manager" a pagina 70. Sun Java Runtime a 32 bit versione 6 o 7 Java JRE è richiesto per la conversione del pacchetto Altiris e LiveState. Java JRE è inoltre richiesto su qualsiasi computer che accede in remoto a Symantec Management Console quando la libreria software è utilizzata come l'origine del pacchetto. Vedere "Sistemi operativi supportati per Notification Server e site server" a pagina 66.

74 Capitolo 5 Comunicazioni della soluzione Il capitolo contiene i seguenti argomenti: Come funzionano le operazioni di Deployment Solution Modalità di interazione fra gli intervalli di controllo dell'agente e le impostazioni di inventario di base Come funzionano le comunicazioni dell'inventario basato su agente Informazioni sulla configurazione del criterio dell'inventario e sulle impostazioni operazione per un utilizzo ottimale delle risorse Metodi per la raccolta dell inventario Informazioni sulla consegna pacchetti nella gerarchia Funzionamento delle comunicazioni di dati di Patch Management Solution Funzionamento delle comunicazioni di dati sulla gestione delle risorse Scelta di un metodo di consegna del software Informazioni sulle regole di rilevamento Creazione di una regola di rilevamento Configurazione del portale del software

75 Comunicazioni della soluzione Come funzionano le operazioni di Deployment Solution 75 Come funzionano le operazioni di Deployment Solution Deployment Solution consente di integrare le funzioni standard di distribuzione con Symantec Management Platform. Contribuisce a ridurre il costo della distribuzione e della gestione di server, computer desktop e computer portatili da una posizione centralizzata nell'ambiente. La soluzione offre la distribuzione del sistema operativo, la configurazione, la migrazione di personalità PC e la distribuzione del software attraverso le piattaforme di hardware e i tipi di sistema operativo. Modalità di interazione fra gli intervalli di controllo dell'agente e le impostazioni di inventario di base Una serie di impostazioni lato client e lato server interagiscono in modo tale da influenzare, ad esempio, la distribuzione di un'applicazione a una serie di punti finali. Ciò può spiegare perché, dopo aver aggiunto un insieme di computer a un criterio, sembra che non accada nulla. Tabella 5-1 Sequenza per le comunicazioni agente-server Sequenza Uno Due Tre Quattro Posizione Client Server Server Client Descrizione L'inventario di base fornisce informazioni di base sul client. Ad esempio, indica la versione dell'agente, le informazioni sul subagente, l'id univoco e così via. L'aggiornamento di appartenenza alle risorse aggiunge il computer a una o più destinazioni. Questa operazione è basata sull'inventario di base e su altre variabili di inventario eventualmente applicabili, ad esempio i parametri condizionali, i criteri e altri elementi simili. La pianificazione di aggiornamento del criterio utilizza le tabelle di appartenenza per aggiornare le tabelle dei criteri. Quando un utente salva un criterio, questo viene aggiornato immediatamente. La richiesta di configurazione dell'agente viene eseguita e rileva i criteri applicabili.

76 Comunicazioni della soluzione Come funzionano le comunicazioni dell'inventario basato su agente 76 Come funzionano le comunicazioni dell'inventario basato su agente Inventory Solution consente di consultare i report dettagliati sull'hardware e sul software nell'ambiente. È possibile definire i computer di destinazione per criteri e operazioni basati su queste informazioni. Comprendono criteri di inventario predefiniti. Alcuni criteri di inventario predefiniti sono attivati per impostazione predefinita. Tuttavia, è possibile modificarli per soddisfare esigenze specifiche. Questi criteri comprendono le seguenti impostazioni: Elementi da inventariare. Momento dell'esecuzione. I computer su cui essere eseguiti (destinazione); per impostazione predefinita, questa opzione rende di destinazione tutti i computer con il plug-in Inventory Solution installato. Impostazioni avanzate facoltative. Notification Server consegna il criterio basato sull'operazione di inventario iniziale al computer gestito. Il plug-in Inventory Solution esegue immediatamente il suo primo inventario. In seguito alla definizione delle impostazioni dei criteri del plug-in Inventory Solution, continua a eseguire l'operazione di inventario. Esegue l'operazione secondo le impostazioni e la pianificazione definite nel criterio. Quando un'impostazione di criterio viene cambiata, il task server applica immediatamente le nuove impostazioni al plug-in. Il plug-in Inventory Solution esegue immediatamente una raccolta dell'inventario. Inventory Solution funziona indipendentemente dalla richiesta di configurazione di Symantec Management Agent. Utilizza operazioni e task server per realizzare le sue operazioni. L'ora di esecuzione dell'inventario è quella relativa al fuso orario dei computer gestiti. Non viene utilizzato il fuso orario del computer Notification Server. È possibile creare le proprie pianificazioni personalizzate nel criterio oppure utilizzare una delle seguenti pianificazioni predefinite: Giornaliera. Ogni giorno alle ore Settimanale. Ogni lunedì alle ore Mensile. Il primo lunedì di ogni mese alle ore Quando è in esecuzione, il plug-in Inventory Solution, raccoglie inventario hardware, scansioni di file, aggiungi/rimuovi programmi di Microsoft ed elenchi software di UNIX, Linux e Mac. Il plug-in Inventory Solution invia immediatamente i dati a Notification Server. I dati sono compilati come eventi Notification Server (NSEs).

77 Comunicazioni della soluzione Come funzionano le comunicazioni dell'inventario basato su agente 77 Notification Server memorizza i NSE nel Database di gestione della configurazione. I dati sono poi disponibili per il reporting dalla Symantec Management Console. Tabella 5-2 Sequenza Uno Due Tre Quattro Cinque Figura 5-1 Sequenza per comunicazioni di inventario Descrizione I criteri di inventario predefiniti sono disponibili per i computer gestiti su Notification Server. Dopo la distribuzione iniziale del plug-in Inventory, i criteri di inventario vengono inviati ai computer gestiti dal file dei criteri di Notification Server. Per impostazione predefinita il plug-in Inventory viene eseguito appena possibile. Il plug-in Inventory raccoglie l'inventario in base alla pianificazione definita. Per impostazione predefinita, dopo la raccolta l'inventario viene immediatamente inviato al computer Notification Server. Il computer Notification Server memorizza l'inventario nel database CMDB. Sequenza per comunicazioni di inventario

78 Comunicazioni della soluzione Informazioni sulla configurazione del criterio dell'inventario e sulle impostazioni operazione per un utilizzo ottimale delle risorse 78 Informazioni sulla configurazione del criterio dell'inventario e sulle impostazioni operazione per un utilizzo ottimale delle risorse Inventory Solution consente di raccogliere i dati di inventario riguardanti computer, utenti, sistemi operativi e applicazioni software installati nell'ambiente in uso. Il criterio dell'inventario predefinito e le impostazioni operazioni possono sovraccaricare la rete. È possibile configurare il criterio dell'inventario e le impostazioni operazioni per minimizzare l'impatto sull'ambiente. Aderire alle seguenti raccomandazioni per sintonizzare le prestazioni dell'inventario e minimizzare l'impatto sul carico di lavoro della rete e dell'ambiente: Evitare un'eccessiva pianificazione delle operazioni di raccolta dell'inventario. Nella pagina dei criteri dell'inventario, è possibile scegliere di raccogliere un inventario di hardware e sistema operativo, software, proprietà file o applicazioni di server, secondo le proprie esigenze. Tutti questi tipi di inventario non devono essere eseguiti contemporaneamente. Symantec consiglia di utilizzare criteri e pianificazioni esclusivi per diversi tipi di inventario. Tenere presente che se ci sono troppe operazioni e criteri di inventario in esecuzione, il carico di lavoro di Notification Server può aumentare. L'aumento della frequenza dei tentativi di raggiungere una "finestra online" da parte di un criterio o un'operazione di inventario provoca l'invio di dati ridondanti al Notification Server. Il carico di lavoro sul Notification Server aumenta, mentre i dati duplicati devono essere ancora elaborati ed eliminati. È necessario pianificare l'esecuzione delle operazioni e dei criteri di inventario in base alla frequenza di aggiornamento dati desiderata, affinché Symantec Management Agent sia in grado di gestire a livello locale il processo di raccolta dell'inventario. Utilizzare il tipo e il metodo di raccolta dell'inventario che meglio si adatta alle proprie esigenze. Nella pagina dei criteri dell'inventario, è possibile scegliere e configurare il tipo di inventario che si desidera raccogliere. È possibile anche creare un criterio dell'inventario personalizzato per raccogliere i dati specifici. Ciò consente di ridurre il traffico di rete e ridurre il carico di lavoro su Notification Server. Vedere "Metodi per la raccolta dell inventario" a pagina 82. Utilizzare i criteri anziché le operazioni per le attività ricorrenti. Symantec consiglia di utilizzare i criteri, non le operazioni, per le attività di inventario ricorrenti. I criteri dell'inventario hanno più opzioni e consentono una maggiore flessibilità per l'esecuzione dell'inventario regolare. Ad esempio, è possibile pianificare un

79 Comunicazioni della soluzione Informazioni sulla configurazione del criterio dell'inventario e sulle impostazioni operazione per un utilizzo ottimale delle risorse 79 criterio dell'inventario per applicarlo a un gruppo specifico di utenti o computer e il criterio sarà automaticamente eseguito su tutti i nuovi computer aggiunti al gruppo di destinazione. Esaminare tutte le operazioni di inventario prima di avviarle. Per le operazioni di inventario sono disponibili alcune opzioni attivate per impostazione predefinita. Ciò può provocare una crescita significativa del database. Symantec consiglia di esaminare le impostazioni operazioni e di disattivare le opzioni non necessarie per lo scopo specifico. Evitare un utilizzo eccessivo del criterio Raccogli inventario completo e dell'operazione di inventario associata. Symantec consiglia di eseguire regolarmente l'inventario completo per minimizzare il rischio di mancata sincronizzazione dell'inventario con il server. La raccomandazione predefinita è di raccogliere l'inventario completo una volta alla settimana, ma è possibile configurare le impostazioni del criterio in base alle proprie esigenze. L'esecuzione di scansioni complete dell'inventario troppo frequenti può aumentare il carico di lavoro su Notification Server. Per ridurre il carico sull'ambiente, Symantec consiglia di stabilire intervalli più lunghi tra le raccolte dell'inventario completo e di eseguire l'inventario differenziale durante quegli intervalli. L'inventario differenziale riporta solo i dati che sono stati modificati rispetto all'ultima scansione completa dell'inventario. L'esecuzione dell'inventario differenziale consente di ridurre il carico di rete. Il processo di raccolta dell'inventario differenziale presenta il seguente funzionamento: Passaggio 1 Quando si esegue un criterio dell'inventario completo, questo raccoglie le informazioni sulle classi di dati, gli hash dei record per ogni classe di dati in delta.cache e invia queste informazioni a Notification Server. È possibile visualizzare i dati dell'inventario in Gestione risorse o nei report. Passaggio 2 Passaggio 3 Passaggio 4 Il seguente inventario differenziale calcola un nuovo hash per ogni classe di dati, lo confronta alle informazioni esistenti in delta.cache, aggiorna delta.cache e invia le informazioni modificate a Notification Server. Ciascun nuovo inventario differenziale aggiorna le informazioni in delta.cache in base alle modifiche rilevate. Quando si raccoglie l'inventario completo, l'operazione riscrive completamente il delta.cache esistente.

80 Comunicazioni della soluzione Informazioni sulla configurazione del criterio dell'inventario e sulle impostazioni operazione per un utilizzo ottimale delle risorse 80 I dati nel database di gestione della configurazione (CMDB) possono diventare obsoleti se si apportano modifiche significative all'ambiente, che fanno sì che delta.cache sul computer client non sia più uniforme con le informazioni nel database. Questo può verificarsi quando i computer vengono uniti, eliminati e aggiunti nuovamente a Notification Server, reindirizzati da un Notification Server a un altro o quando si usa un nuovo database. In questo caso, Symantec consiglia di eseguire l'inventario completo dopo aver apportato le modifiche. Inoltre, i file di dati dell'inventario occasionalmente possono danneggiarsi o non essere elaborati da Notification Server. In questo caso, per sincronizzare di nuovo le informazioni, è necessario eseguire una scansione dell'inventario completa. Configurare Impostazioni di scansione delle proprietà dei file. Quando si configura un criterio dell'inventario o impostazioni operazione, nella finestra di dialogo Opzioni avanzate, esaminare Impostazioni di scansione delle proprietà dei file nelle seguenti schede: Unità Cartelle File Per impostazione predefinita, viene eseguita la scansione di tutte le unità locali. È possibile escludere le unità delle quali non è necessario eseguire la scansione. È possibile escludere le directory delle quali non è necessario eseguire la scansione. Nella finestra di dialogo Regole di inclusione file, Symantec consiglia di selezionare Riporta solo dimensioni/numero file se non è necessario raccogliere le informazioni complete sui file. Ciò consente di ridurre il carico di rete. Attivare l'opzione Accesso alla rete dei file system (UNIX/Linux/Mac) solo se necessario. L'attivazione di questa opzione nella finestra di dialogo Opzioni avanzate può comportare report dei dati dell'inventario ridondanti. La scansione dei volumi remoti è disattivata per impostazione predefinita al fine di impedire che numerosi computer restituiscano dati di inventario ridondanti. Configurare l'opzione di limitazione della scansione dell'inventario. La limitazione consente di impostare casualmente l'inizio della scansione dell'inventario, per ridurre il carico di rete. Symantec consiglia di utilizzare la limitazione in ambienti più grandi. Ad esempio, quando si dispone di più computer virtuali su un singolo computer host fisico, eseguire una scansione dell'inventario può provocare problemi di prestazioni significativi. La limitazione consente di impostare casualmente l'inizio della

81 Comunicazioni della soluzione Informazioni sulla configurazione del criterio dell'inventario e sulle impostazioni operazione per un utilizzo ottimale delle risorse 81 scansione dell'inventario, che permette inoltre di rendere casuale l'orario di ricezione dei risultati della scansione dell'inventario da parte di Notification Server. La rete e Notification Server possono elaborare l'inventario nel tempo. Ad esempio, è possibile limitare il periodo della scansione a 24 ore. All'orario pianificato, il processo di scansione si avvia, ma viene immediatamente sospeso e si riavvia solo in un determinato momento casuale che rientri nei limiti del periodo di tempo specificato (in questo esempio, 24 ore) per completare la scansione. Per abilitare la limitazione, nella pagina di un'operazione o criterio di inventario, fare clic su Avanzate, quindi, nella finestra di dialogo Opzioni avanzate, nella scheda Opzioni di esecuzione, selezionare Limita scansione inventario in modo uniforme per un periodo di: X ore. Tenere presente che quando un criterio viene eseguito con questa impostazione, l'operazione sarà indicata come in esecuzione nella cronologia, anche quando è sospesa per il lasso di tempo casuale. Nota: Questa funzione è attualmente disponibile solo per Windows. Configurare l'opzione Utilizzo risorse di sistema. Questa opzione vale solo per il processo di scansione di file e per la raccolta di dati relativi a hardware, sistema operativo e Installazione applicazioni. L'opzione Utilizzo risorse di sistema consente di definire la priorità del processo di inventario e di modificare così l'uso del processore e del disco sul computer client durante la scansione dell'inventario. Per stabilire questo valore, è necessario prendere in considerazione la velocità di raccolta dati dell'inventario e come il processo di inventario influisce sulle prestazioni del computer client. Per configurare questa opzione, nella pagina di un'operazione o criterio di inventario, fare clic su Avanzate quindi, nella finestra di dialogo Opzioni avanzate, nella scheda Opzioni di esecuzione, specificare il valore Utilizzo risorse di sistema in base alle esigenze. Nella piattaforma Windows, se si diminuisce la priorità, il processo di raccolta dell'inventario necessita di minori risorse di sistema sul computer client, tuttavia la scansione dell'inventario ha una durata maggiore. Se si aumenta la priorità, la scansione dell'inventario viene completata più velocemente ma consumando più risorse. Per i computer UNIX, Linux e Mac, il valore Utilizzo risorse di sistema definisce la priorità del processo di inventario, ma non la percentuale di utilizzo delle risorse. Su computer UNIX, Linux e Mac, viene dedicato un numero maggiore di cicli CPU ai processi ad alta priorità e un numero inferiore di cicli CPU ai processi con priorità inferiore. Se il computer si trova nello stato inattivo e viene

82 Comunicazioni della soluzione Metodi per la raccolta dell inventario 82 eseguita solo la scansione dell'inventario, il processo con priorità bassa può usufruire delle risorse disponibili. L'uso della CPU si riduce nel momento in cui viene eseguito un altro processo con una priorità superiore. Nota: Sulla piattaforma Windows, questa opzione è applicabile solo alle scansioni di file. Sulle piattaforme UNIX, Linux e Mac, questa opzione è applicabile all'intero processo di scansione dell'inventario. Configurare le impostazioni di compressione. L'utilizzo della compressione consente di comprimere i file di dati che i computer client inviano al Notification Server. È possibile specificare la dimensione minima del file che viene compresso quando viene inviato attraverso la rete. Quando si pianifica di utilizzare la compressione, è necessario trovare l'equilibrio tra il carico client e server e l'utilizzo della rete. Se si imposta una dimensione file inferiore per la soglia di compressione, il carico di lavoro sul computer client sul Notification Server aumenta. Il computer client deve comprimere il file mentre il server deve decomprimerlo. Tuttavia, questa impostazione consente di diminuire il carico di rete. Se si imposta un valore più elevato per la soglia di compressione, il carico di lavoro sul computer client e sul server risulta ridotto. Tuttavia, il carico di rete aumenta a causa delle maggiori dimensioni dei file inviati attraverso la rete. Symantec consiglia di utilizzare la compressione con file di dimensioni inferiori solo quando si dispone di una larghezza di banda limitata. Se il Notification Server funge da sito con elevata larghezza di banda, non è necessario utilizzare la compressione. La compressione è attivata automaticamente per tutte le soluzioni. Per utilizzare la compressione, configurare le impostazioni di Symantec Management Agent per il computer client. Per ulteriori informazioni, consultare le sezioni relative alla configurazione delle impostazioni personalizzate in Manuale dell'amministratore IT Management Suite 7.5 Metodi per la raccolta dell inventario Sono disponibili vari metodi per la raccolta dei diversi tipi di dati di inventario. Ogni metodo è caratterizzato da funzionalità e requisiti specifici.

83 Comunicazioni della soluzione Metodi per la raccolta dell inventario 83 Metodo Descrizione Tabella 5-3 Metodi per la raccolta dell inventario Funzionalità e requisiti Inventario di base L inventario di base viene automaticamente raccolto all installazione di Symantec Management Agent nei computer gestiti. Si tratta di una funzione di base di Symantec Management Platform e non richiede alcun componente di inventario aggiuntivo. I dati dell inventario di base comprendono nome del computer, dominio, sistema operativo installato, indirizzo MAC e IP, account utente primario e così via. Queste informazioni vengono aggiornate regolarmente fino a quando Symantec Management Agent è in esecuzione sul computer. Le caratteristiche sono le seguenti: I dati di inventario vengono raccolti automaticamente quando Symantec Management Agent è installato sul computer client; non sono necessari altri componenti o passaggi. I dati di inventario vengono aggiornati a intervalli regolari. È possibile utilizzare questo metodo su diverse piattaforme. È possibile utilizzare questo metodo di raccolta dei dati di inventario sui computer Windows gestiti nell ambiente di gestione con supporto cloud. I requisiti sono i seguenti: I computer di destinazione devono essere gestiti utilizzando Symantec Management Agent. Nota: i dati dell inventario di base hanno un ambito limitato.

84 Comunicazioni della soluzione Metodi per la raccolta dell inventario 84 Metodo Descrizione Funzionalità e requisiti Inventario standard sui computer gestiti Il plug-in Inventory funziona con Symantec Management Agent e utilizza i criteri pianificati per raccogliere i dati dell inventario standard che sono più dettagliati di quelli dell inventario di base. Per impostazione predefinita, i dati dell inventario standard vengono raccolti tramite oltre 100 classi di dati predefinite. I dati dell inventario standard comprendono i seguenti dettagli relativi ai computer gestiti: Componenti hardware, sistema operativo e account utenti e gruppi. Software e livelli software virtuale. Proprietà file. Ulteriori informazioni sul software, quali produttore, versione, dimensione e così via. Quando il plug-in Inventory è installato sui computer gestiti, è possibile gestire tutti i criteri dell inventario da Symantec Management Console. È possibile pianificare i criteri dell inventario affinché vengano eseguiti a intervalli regolari secondo le proprie esigenze, di modo che la raccolta dell inventario non influisca sulle prestazioni della rete. È possibile utilizzare il plug-in Inventory su piattaforme Windows, Linux, UNIX e Mac. Le caratteristiche sono le seguenti: È possibile raccogliere una vasta gamma di dati di inventario. I dati di inventario vengono raccolti automaticamente e aggiornati utilizzando criteri e operazioni pianificati. È possibile configurare i criteri in modo tale che vengano inclusi solo i dati che sono cambiati dall ultima scansione completa dell inventario (inventario delta). Questo metodo può essere utilizzato su più piattaforme. È possibile raccogliere l inventario standard su computer gestiti Windows nell ambiente di gestione con supporto cloud. I requisiti sono i seguenti: I computer di destinazione devono essere gestiti utilizzando Symantec Management Agent. I computer di destinazione devono avere il plug-in Inventory installato. Nota: la gestione dei dati di inventario esistenti può essere difficoltosa sui computer che non si connettono regolarmente alla rete.

85 Comunicazioni della soluzione Metodi per la raccolta dell inventario 85 Metodo Inventario autonomo Descrizione Per raccogliere l inventario autonomo è necessario creare dei pacchetti autonomi con Symantec Management Console. Quindi distribuire i pacchetti tramite , condivisioni di rete, script di accesso e così via ed eseguire tali pacchetti nei computer di destinazione. Funzionalità e requisiti Le caratteristiche sono le seguenti: È possibile raccogliere una vasta gamma di dati di inventario. Sono supportati solo i computer Windows. I requisiti sono i seguenti: Il metodo di inventario autonomo consente di raccogliere i dati di inventario standard nei computer che non sono gestiti tramite Symantec Management Agent, non hanno il plug-in Inventory installato e non sono collegati a Notification Server. È richiesta la consegna esterna del pacchetto di inventario. Se i computer di destinazione non sono collegati a Notification Server, i dati devono essere inviati manualmente. È possibile raccogliere informazioni dettagliate riguardanti i componenti hardware, il sistema operativo, gli utenti e i gruppi locali, il software e i livelli software virtuale. Nota: i dati dell inventario non vengono gestiti centralmente, quindi potrebbero non essere aggiornati. Non è possibile utilizzare questo metodo nell'ambiente della gestione con supporto cloud.

86 Comunicazioni della soluzione Metodi per la raccolta dell inventario 86 Metodo Descrizione Funzionalità e requisiti Inventario personalizzato Per raccogliere l inventario personalizzato, è necessario installare il plug-in Inventory nei computer gestiti. Questo metodo consente di raccogliere ulteriori dati oltre alle classi di dati predefinite in Inventory Solution. È possibile creare le classi di dati personalizzate che possono essere specifiche dell ambiente in uso. È quindi possibile eseguire gli script di inventario personalizzati che raccolgono le classi di dati dell inventario personalizzato. Le caratteristiche sono le seguenti: È possibile aggiungere le classi di dati che sono specifiche dell ambiente in uso e non sono incluse per impostazione predefinita. È possibile utilizzare un'operazione di script d esempio per creare o configurare un'operazione di script dell inventario personalizzato. Questo metodo può essere utilizzato su diverse piattaforme. È possibile utilizzare questo metodo di raccolta dei dati di inventario sui computer Windows gestiti nell ambiente di gestione con supporto cloud. I requisiti sono i seguenti: I computer di destinazione devono essere gestiti utilizzando Symantec Management Agent. I computer di destinazione devono avere il plug-in Inventory installato. È necessario creare le classi di dati dell inventario personalizzato e includerle negli script personalizzati. È necessario creare ed eseguire gli script dell inventario personalizzato che raccolgono le classi di dati dell inventario personalizzato.

87 Comunicazioni della soluzione Metodi per la raccolta dell inventario 87 Metodo Descrizione Funzionalità e requisiti Monitoraggio dell utilizzo tramite software e controllo delle applicazioni Per eseguire il monitoraggio dell utilizzo tramite software e il controllo delle applicazioni, è necessario installare il plug-in Inventory e il plug-in Application Metering nei computer gestiti. È possibile raccogliere i dati relativi all utilizzo delle applicazioni e i dati di riepilogo delle applicazioni monitorate. Nei computer gestiti è possibile eseguire le seguenti operazioni: Monitorare l utilizzo del software gestito a livello di prodotto, componente e versione del software attivando la relativa opzione. Questa operazione è il metodo primario da utilizzare per la maggior parte dei prodotti software. Misurare l utilizzo e controllare la disponibilità delle applicazioni eseguendo criteri di controllo applicazioni predefiniti o personalizzati. Symantec consiglia di ricorrere a questa operazione solo se è necessario misurare gli eventi di avvio, interruzione e negazione per le applicazioni a livello di file. Negare l esecuzione di più applicazioni configurando il criterio predefinito Applicazioni nella blacklist o eseguendo criteri di controllo delle applicazioni personalizzati. Le caratteristiche sono le seguenti: È possibile controllare la disponibilità delle applicazioni. È possibile negare l esecuzione di applicazioni. È anche possibile configurare gli eventi di rifiuto perché siano inviati a Notification Server quando un utente cerca di eseguire un applicazione negata. L opzione di monitoraggio dell utilizzo consente di rilevare l utilizzo del software a livello di prodotto e di sapere quanto spesso l applicazione viene utilizzata e non solo se viene installata. Questa funzione facilita la gestione delle licenze delle applicazioni. È possibile utilizzare questo metodo di raccolta dei dati di inventario sui computer Windows gestiti nell ambiente di gestione con supporto cloud. I requisiti sono i seguenti: I computer di destinazione devono essere gestiti utilizzando Symantec Management Agent. I computer di destinazione devono avere il plug-in Inventory e il plug-in Application Metering installati. Sono supportati solo i computer Windows. Nota: questo metodo non è supportato nei server Windows.

88 Comunicazioni della soluzione Metodi per la raccolta dell inventario 88 Metodo Inventario di riferimento Descrizione Per raccogliere l inventario di riferimento, è necessario installare il plug-in Inventory nei computer gestiti. Questo metodo consente di raccogliere i dati relativi ai file e alle impostazioni del registro nei computer. È possibile generare un riferimento che identifica i file o le impostazioni del registro di un computer. In seguito, è possibile eseguire scansioni di conformità sui computer gestiti per confrontare i file attuali o le chiavi di registro con quelli nel riferimento. Le differenze tra la scansione di riferimento e la scansione di conformità sono riportate nel database di gestione della configurazione (CMDB). Funzionalità e requisiti Le caratteristiche sono le seguenti: È possibile controllare i file e i registri che non rispettano gli standard aziendali. È possibile verificare l'accuratezza di distribuzioni e upgrade. Gli amministratori di sistema o l'help desk possono ricevere notifiche automatiche quando un computer non è conforme. È possibile visualizzare un riepilogo del livello di conformità del computer, nonché i report sulle modifiche nei file. I requisiti sono i seguenti: I computer di destinazione devono essere gestiti utilizzando Symantec Management Agent. I computer di destinazione devono avere il plug-in Inventory installato. Sono supportati solo i computer Windows. Nota: Non è possibile utilizzare questo metodo nell'ambiente della gestione con supporto cloud.

89 Comunicazioni della soluzione Informazioni sulla consegna pacchetti nella gerarchia 89 Metodo Inventory for Network Devices Descrizione Inventory for Network Devices raccoglie i dati dell'inventario dalle periferiche rilevate nella rete. Tali dati vengono raccolti dalle periferiche non gestite mediante Symantec Management Agent. Poiché non è richiesto un agente di gestione, questo inventario è considerato un inventario senza agente. È possibile raccogliere l'inventario sui seguenti tipi di periferiche: Cluster Computer Computer: Computer virtuale Periferiche dell'infrastruttura Telefoni IP Periferiche KVM Dispositivi di archiviazione collegati alla rete Periferiche di backup di rete Stampanti di rete Periferiche di gestione fuori banda Periferiche di gestione fuori banda: controller di gestione dello chassis Rack fisico Contenitore fisico Alloggiamento fisico Funzionalità e requisiti Le caratteristiche sono le seguenti: L'inventario senza agente raccoglie l'inventario sulle periferiche che sono già state rilevate e che esistono come risorse nel database di gestione della configurazione (CMDB). I requisiti sono i seguenti: Prima di raccogliere i dati di inventario dai dispositivi di rete, è necessario raccogliere i dati relativi ai dispositivi compatibili con SNMP presenti nella rete. Prima di raccogliere i dati di inventario dai dispositivi di rete, assicurarsi che il profilo di connessione dell'operazione di Network Discovery abbia SNMP attivato. Informazioni sulla consegna pacchetti nella gerarchia Il processo di consegna dei pacchetti in una gerarchia è composto da parecchie fasi. I fattori principali che possono influenzare il processo sono le dimensioni del pacchetto e la larghezza di banda. Il tempo necessario per il completamento di ogni fase dipende dalle impostazioni specificate. La tabella sotto riportata descrive il processo di consegna dei pacchetti per le impostazioni predefinite.

90 Comunicazioni della soluzione Informazioni sulla consegna pacchetti nella gerarchia 90 Tabella 5-4 Processo di consegna dei pacchetti nella gerarchia Fase 1 Descrizione del processo Creare un pacchetto sul Notification Server padre. Tempo stimato Il tempo necessario per la creazione di un pacchetto dipende dalle dimensioni del pacchetto stesso Il Package Server padre assegnato al Notification Server padre richiede dei criteri. Il Package Server padre scarica il pacchetto da una directory locale del Notification Server padre o da una risorsa di rete alternativa. Avviene la replica successiva (completa o differenziale) dal Notification Server padre al Notification Server figlio. Il criterio di consegna dei pacchetti e tutte le informazioni sul pacchetto vengono replicate. Il Package Server figlio assegnato al Notification Server figlio richiede dei criteri. Il processo può richiedere fino a 75 minuti in caso di impostazioni di replica predefinite (timeout di richiesta criterio di 1 ora più 15 minuti per pianificazione dell'aggiornamento di appartenenza differenziale). Il tempo necessario a scaricare il pacchetto dipende dalle dimensioni del pacchetto e dalla larghezza di banda. La replica può richiedere fino a 24 ore in caso di impostazioni di replica predefinite, più il tempo necessario per replicare i dati. Se si crea il pacchetto dopo l'inizio della replica, questo pacchetto sarà replicato solo alla replica del giorno successivo. Il processo può richiedere fino a 75 minuti in caso di impostazioni di replica predefinite (timeout di richiesta criterio di un'ora più 15 minuti per pianificazione dell'aggiornamento di appartenenza differenziale).

91 Comunicazioni della soluzione Funzionamento delle comunicazioni di dati di Patch Management Solution 91 Fase Descrizione del processo Tempo stimato 6 Il Package Server figlio richiede la posizione del pacchetto al Notification Server figlio. La richiesta di posizione del pacchetto e il reindirizzamento server avvengono quasi immediatamente. 7 Il Notification Server figlio reindirizza il Package Server figlio al Notification Server padre, che lo reindirizza a sua volta al Package Server padre. Il Package Server figlio scarica il pacchetto dal Package Server padre. Il tempo necessario al download dipende dalle dimensioni del pacchetto e dalla larghezza di banda. 8 Il Package Server figlio invia le proprie basi di codici (i dati sulla posizione del pacchetto) al Notification Server figlio. Queste informazioni vengono utilizzate per riferimento da altri Package Server che richiedono la posizione del pacchetto. Se non tutti i precedenti passaggi vengono completati, il Package Server figlio ottiene un elenco di posizioni del pacchetto vuoto e riprova a scaricare il pacchetto. Se il Package Server figlio non riesce a scaricare un pacchetto, ripete il tentativo ogni 3*2N minuti finché non raggiunge il limite di 24 ore. Dopo questo periodo di tempo, ripete il tentativo ogni 24 ore. Il server interrompe i tentativi di download del pacchetto se il pacchetto viene eliminato o non è più applicabile. Nota: Per risparmiare tempo, è possibile creare una regola di replica autonoma che viene eseguita più frequentemente sul Package Server padre e replica solo gli oggetti del pacchetto e le loro associazioni (oggetti della riga di comando e del programma). Funzionamento delle comunicazioni di dati di Patch Management Solution Patch Management Solution genera l'inventario di computer gestiti per determinare gli aggiornamenti (patch) del sistema operativo e del software di cui necessitano.

92 Comunicazioni della soluzione Funzionamento delle comunicazioni di dati di Patch Management Solution 92 La soluzione scarica quindi le patch richieste e fornisce procedure guidate per agevolarne la distribuzione. La soluzione consente di configurare una pianificazione per l'aggiornamento delle patch allo scopo di mantenere i computer gestiti costantemente aggiornati con gli aggiornamenti di protezione più recenti distribuiti dal fornitore. In tal modo, i computer gestiti sono protetti in modo continuo. È possibile pianificare Patch Management Solution per scaricare automaticamente i bollettini critici di sicurezza in CMDB. Symantec consiglia di impostare questa pianificazione giornalmente per i computer Windows e settimanalmente per i computer Linux. Questa pianificazione non scarica i file di installazione della patch, ma solo le relative informazioni nei bollettini di sicurezza. Questo download è denominato catalogo degli aggiornamenti software. La prima importazione del catalogo degli aggiornamenti software su una nuova piattaforma può durare diverse ore. Tuttavia, le importazioni successive richiedono in genere meno di un'ora, perché ciascuna di esse esegue solamente download delle differenze di solo pochi MB. Se si sceglie di attivare più lingue, il numero dei bollettini di sicurezza da scaricare, la dimensione dei download e il tempo di download aumentano. È possibile personalizzare gli aggiornamenti del catalogo degli aggiornamenti software mediante la creazione di esclusioni per il software che non si desidera aggiornare. È possibile creare pianificazioni personalizzate per il download. Per impostazione predefinita, ogni quattro ore il plug-in Aggiornamento del software contatta Notification Server per cercare le patch. Se il catalogo degli aggiornamenti software aggiunge nuovi bollettini di sicurezza a CMDB, il plug-in Software aggiornato controlla per verificare se sono applicabili. Controlla inoltre se gli aggiornamenti sono stati già installati. Invia i risultati del controllo al computer Notification Server. I dati sono disponibili per il reporting di conformità. Una volta completata l'importazione del catalogo degli aggiornamenti software, è possibile selezionare i bollettini di sicurezza che si desiderano gestire su Notification Server. Questo processo di gestione attiva un download dei file di installazione delle patch in una cartella sul computer Notification Server. Una volta completato il download delle patch, è possibile creare e attivare il criterio di distribuzione delle patch. Se si utilizzano più Package Server, le impostazioni di gestione del sito per la distribuzione pacchetti determinano il modo in cui i file di installazione delle patch vengono distribuiti ai Package Server. Il criterio non viene applicato finché Symantec Management Agent non ha effettuato l'accesso. Per impostazione predefinita, ogni ora Symantec Management Agent contatta il computer Notification Server e richiede i relativi aggiornamenti di configurazione. Tuttavia, la pianificazione può essere differente. Il computer Notification Server invia il criterio di distribuzione delle patch a Symantec Management Agent. Il computer Notification Server comunica la posizione del Package Server a Symantec Management Agent. Symantec Management Agent si connette al Package Server e scarica le patch.

93 Comunicazioni della soluzione Funzionamento delle comunicazioni di dati di Patch Management Solution 93 Dopo il download delle patch, l'installazione attende l'esecuzione della successiva finestra di manutenzione pianificata, a meno che non sia stata impostata per ignorare le finestre di manutenzione per gli exploit zero-day. Poi effettua le seguenti operazioni: Verifica che le patch siano state scaricate. Installa le patch e riavvia il computer. È possibile configurare le impostazioni di riavvio in modo che i server non vengano riavviati subito dopo l'esecuzione degli aggiornamenti. Nei computer client può essere impostata una finestra Nessun riavvio in modo che gli utenti possano posticipare i riavvii. Esegue un'analisi delle vulnerabilità. Se un riavvio non si è verificato, il computer può ancora comparire nei report come vulnerabile. Una volta terminato il processo di applicazione patch, il plug-in Aggiornamento del software invia l'analisi aggiornata delle vulnerabilità a Notification Server e la memorizza in CMDB. È possibile utilizzare i report di conformità per visualizzare le informazioni da di vulnerabilità Symantec Management Console. Il processo di di applicazione patch ha dipendenze multiple, pertanto l'ordine delle operazioni è importante. Il plug-in Aggiornamento del software è utilizzato per determinare la vulnerabilità. Symantec Management Agent esegue l'aggiornamento software. Ciascuno può avere una pianificazione differente dell'aggiornamento. La pianificazione principale definisce la finestra affinché le patch siano distribuite ai computer gestiti. La finestra di manutenzione definisce quando le patch vengono installate. I report di conformità non mostrano un buon esito fino a che questi passaggi non sono stati completati. Tabella 5-5 Sequenza Uno (a) Due (a) Tre (a) Quattro (a) Sequenza per le comunicazioni delle patch Descrizione L'importazione viene eseguita automaticamente su Notification Server ed estrae i bollettini di sicurezza in CMDB. Selezionare le patch dal bollettino di sicurezza, che vengono gestite in una cartella locale sul computer Notification Server. Creare un criterio di distribuzione patch e includere le patch che sono state scaricate. Dopo che gli agenti hanno completato la procedura, eseguite un report di conformità per controllare lo stato delle patch.

94 Comunicazioni della soluzione Funzionamento delle comunicazioni di dati di Patch Management Solution 94 Sequenza Uno (b) Due (b) Tre (b) Quattro (b) Cinque (b) Descrizione Il plug-in Patch accede per impostazione predefinita ogni quattro ore. Utilizza gli ultimi dati su Patch Management Import ed esegue una scansione delle vulnerabilità. La scansione dipende dal completamento di Patch Management Import. Symantec Management Agent accede e riceve gli ultimi criteri Patch e la posizione delle patch. Symantec Management Agent scarica i pacchetti di patch dal computer Notification Server o dal relativo server dei pacchetti assegnato. Durante la finestra di manutenzione successiva, Symantec Management Agent installa le patch. Dopo l'installazione vengono eseguite le impostazioni di riavvio del computer. Una volta installato il pacchetto, viene nuovamente eseguita un'analisi delle vulnerabilità e le informazioni sono inviate al computer Notification Server.

95 Comunicazioni della soluzione Funzionamento delle comunicazioni di dati sulla gestione delle risorse 95 Figura 5-2 Sequenza per le comunicazioni delle patch Funzionamento delle comunicazioni di dati sulla gestione delle risorse Asset Management Suite fornisce una console di gestione, un ambiente di database e una suite di soluzioni che consentono di monitorare le risorse e le relative informazioni. La suite include Asset Management Solution, Barcode Solution e CMDB Solution. La sua funzione principale consiste nel controllo delle risorse correlate all'it, come computer e software. È anche possibile utilizzarla per controllare altri tipi di risorse, quali le attrezzature d'ufficio o i veicoli.

Manuale dell'utente di Symantec Software Management Solution 7.5 SP1 con tecnologia Altiris

Manuale dell'utente di Symantec Software Management Solution 7.5 SP1 con tecnologia Altiris Manuale dell'utente di Symantec Software Management Solution 7.5 SP1 con tecnologia Altiris Manuale dell'utente di Altiris Software Management Solution 7.5 SP1 di Symantec Informativa di carattere legale

Dettagli

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può

Dettagli

Manuale dell'utente di Altiris Asset Management Suite 7.1 di Symantec

Manuale dell'utente di Altiris Asset Management Suite 7.1 di Symantec Manuale dell'utente di Altiris Asset Management Suite 7.1 di Symantec Manuale dell'utente di Altiris Asset Management Suite 7.1 di Symantec Il software descritto in questo manuale è fornito di accordo

Dettagli

Manuale dell utente di Symantec Virtual Machine Management 7.5

Manuale dell utente di Symantec Virtual Machine Management 7.5 Manuale dell utente di Symantec Virtual Machine Management 7.5 Manuale dell utente di Symantec Virtual Machine Management 7.5 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto

Dettagli

Manuale dell utente di Symantec Client Management Suite 7.5 con tecnologia Altiris

Manuale dell utente di Symantec Client Management Suite 7.5 con tecnologia Altiris Manuale dell utente di Symantec Client Management Suite 7.5 con tecnologia Altiris Manuale dell utente di Symantec Client Management Suite con tecnologia Altiris Il software descritto nel presente manuale

Dettagli

Manuale dell'utente di Altiris Patch Management Solution per Windows 7.1 SP1 di Symantec

Manuale dell'utente di Altiris Patch Management Solution per Windows 7.1 SP1 di Symantec Manuale dell'utente di Altiris Patch Management Solution per Windows 7.1 SP1 di Symantec Manuale dell'utente di Altiris Patch Management Solution per Windows 7.1 SP1 di Symantec Il software descritto in

Dettagli

Manuale dell utente di Symantec Deployment Solution 7.5 con tecnologia Altiris

Manuale dell utente di Symantec Deployment Solution 7.5 con tecnologia Altiris Manuale dell utente di Symantec Deployment Solution 7.5 con tecnologia Altiris Manuale dell utente di Symantec Deployment Solution 7.5 con tecnologia Altiris Il software descritto in questo manuale è fornito

Dettagli

Guida alla migrazione delle politiche di Symantec Client Firewall

Guida alla migrazione delle politiche di Symantec Client Firewall Guida alla migrazione delle politiche di Symantec Client Firewall Guida alla migrazione delle politiche di Symantec Client Firewall Il software descritto nel presente manuale viene fornito in conformità

Dettagli

Approfondimenti tecnici su framework v6.3

Approfondimenti tecnici su framework v6.3 Sito http://www.icu.fitb.eu/ pagina 1 I.C.U. "I See You" Sito...1 Cosa è...3 Cosa fa...3 Alcune funzionalità Base:...3 Alcune funzionalità Avanzate:...3 Personalizzazioni...3 Elenco Moduli base...4 Elenco

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Backup Exec 15. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 15. Guida rapida all'installazione Backup Exec 15 Guida rapida all'installazione 21344987 Versione documentazione: 15 PN: 21323749 Informativa legale Copyright 2015 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Symantec, il logo Symantec

Dettagli

Altiris Asset Management Suite 7.1 di Symantec

Altiris Asset Management Suite 7.1 di Symantec Garantisce la conformità e massimizza l'investimento IT Panoramica La continua evoluzione del mondo IT è un aspetto inevitabile, tuttavia la gestione delle risorse fornisce un punto di partenza per adottare

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 R3 Guida rapida all'installazione 20047221 Il software descritto in questo manuale viene fornito in base a un contratto di licenza e può essere utilizzato in conformità con i

Dettagli

IL PERCORSO INTELLIGENTE PER WINDOWS 7

IL PERCORSO INTELLIGENTE PER WINDOWS 7 IL PERCORSO INTELLIGENTE PER WINDOWS 7 Migrazione senza problemi Sicuri dal primo giorno Backup delle informazioni più importanti Virtualizzazione delle applicazioni per la massima efficienza Le soluzioni

Dettagli

Symantec Network Access Control Starter Edition

Symantec Network Access Control Starter Edition Symantec Network Access Control Starter Edition Conformità degli endpoint semplificata Panoramica Con è facile iniziare a implementare una soluzione di controllo dell accesso alla rete. Questa edizione

Dettagli

Backup Exec System Recovery 2010 Management Solution. Manuale dell'amministratore

Backup Exec System Recovery 2010 Management Solution. Manuale dell'amministratore Backup Exec System Recovery 2010 Management Solution Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di Backup Exec System Recovery 2010 Management Solution Il software descritto in questo manuale

Dettagli

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS SECURITY FOR BUSINESS Le nostre tecnologie perfettamente interoperabili Core Select Advanced Total Gestita tramite Security Center Disponibile in una soluzione mirata Firewall Controllo Controllo Dispositivi

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

granulare per ambienti Exchange e Active Directory in un ambiente VMware e Hyper-V.

granulare per ambienti Exchange e Active Directory in un ambiente VMware e Hyper-V. Business Server Funzionalità complete di backup e recupero ideate per le piccole aziende in espansione Panoramica Symantec Backup Exec 2010 per Windows Small Business Server è la soluzione per la protezione

Dettagli

Data-sheet: Protezione dei dati Symantec Backup Exec 2010 Backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita

Data-sheet: Protezione dei dati Symantec Backup Exec 2010 Backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita Backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita Panoramica offre protezione di backup e recupero leader di mercato per ogni esigenza, dal server al desktop. Protegge facilmente una maggiore

Dettagli

Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix. Versione 1.0

Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix. Versione 1.0 Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix Versione 1.0 Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix Il software descritto in questo manuale viene fornito in

Dettagli

Symantec Network Access Control Guida introduttiva

Symantec Network Access Control Guida introduttiva Symantec Network Access Control Guida introduttiva Symantec Network Access Control Guida introduttiva Il software descritto nel presente manuale viene fornito in conformità a un contratto di licenza e

Dettagli

Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida.

Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida. Manuale dell'utente Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida. Prendersi cura dell'ambiente è la cosa giusta da fare. Per ridurre l'impatto sull'ambiente dei nostri prodotti, Symantec ha

Dettagli

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida N109548 Dichiarazione di non responsabilità Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono soggette a modifica senza

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

Mobile Management 7. 1. Symantec TM Mobile Management 7. 1

Mobile Management 7. 1. Symantec TM Mobile Management 7. 1 Gestione dei dispositivi scalabile, sicura e integrata Data-sheet: Gestione degli endpoint e mobilità Panoramica La rapida proliferazione dei dispositivi mobili nei luoghi di lavoro sta assumendo un ritmo

Dettagli

Symantec Backup Exec.cloud

Symantec Backup Exec.cloud Protezione automatica, continua e sicura con il backup dei dati nel cloud o tramite un approccio ibrido che combina il backup on-premise e basato sul cloud. Data-sheet: Symantec.cloud Solo il 21% delle

Dettagli

Symantec Protection Suite Enterprise Edition per Gateway Domande frequenti

Symantec Protection Suite Enterprise Edition per Gateway Domande frequenti Domande frequenti 1. Che cos'è? fa parte della famiglia Enterprise delle Symantec Protection Suite. Protection Suite per Gateway salvaguarda i dati riservati e la produttività dei dipendenti creando un

Dettagli

Altiris Server Management Suite 7.1 di Symantec

Altiris Server Management Suite 7.1 di Symantec Controllo standardizzato per ambienti server distribuiti ed eterogenei Panoramica Le complessità di gestione dei moderni data center sono ulteriormente aggravate dalla combinazione di server fisici tradizionali,

Dettagli

IBM Tivoli Endpoint Manager for Lifecycle Management

IBM Tivoli Endpoint Manager for Lifecycle Management IBM Endpoint Manager for Lifecycle Management Un approccio basato sull utilizzo di un singolo agente software e un unica console per la gestione degli endpoint all interno dell intera organizzazione aziendale

Dettagli

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers Guida rapida all'installazione 13897290 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione

Dettagli

Annuncio software IBM per Europa, Medio Oriente e Africa ZP09-0108, 5 maggio 2009

Annuncio software IBM per Europa, Medio Oriente e Africa ZP09-0108, 5 maggio 2009 ZP09-0108, 5 maggio 2009 I prodotti aggiuntivi IBM Tivoli Storage Manager 6.1 offrono una protezione dei dati e una gestione dello spazio migliorate per ambienti Microsoft Windows Indice 1 In sintesi 2

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Data-sheet: Backup e recupero Symantec Backup Exec 12.5 per Windows Server Lo standard nella protezione dei dati in ambiente Windows

Data-sheet: Backup e recupero Symantec Backup Exec 12.5 per Windows Server Lo standard nella protezione dei dati in ambiente Windows Lo standard nella protezione dei dati in ambiente Windows Panoramica Symantec 12.5 offre funzioni di backup e recupero per server e desktop, con una protezione completa dei dati per i più recenti ambienti

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd.

GFI LANguard 9. Guida introduttiva. A cura di GFI Software Ltd. GFI LANguard 9 Guida introduttiva A cura di GFI Software Ltd. http://www.gfi.com E-mail: info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se

Dettagli

Specifiche per l'offerta Monitoraggio remoto delle infrastrutture

Specifiche per l'offerta Monitoraggio remoto delle infrastrutture Panoramica sul Servizio Specifiche per l'offerta Monitoraggio remoto delle infrastrutture Questo Servizio fornisce i servizi di monitoraggio remoto delle infrastrutture (RIM, Remote Infrastructure Monitoring)

Dettagli

Client Management Solutions e Universal Printing Solutions (Soluzioni di stampa universali)

Client Management Solutions e Universal Printing Solutions (Soluzioni di stampa universali) Client Management Solutions e Universal Printing Solutions (Soluzioni di stampa universali) Guida per l'utente Copyright 2007 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Windows è un marchio registrato negli

Dettagli

Software per la gestione delle stampanti MarkVision

Software per la gestione delle stampanti MarkVision Software e utilità per stampante 1 Software per la gestione delle stampanti MarkVision In questa sezione viene fornita una breve panoramica sul programma di utilità per stampanti MarkVision e sulle sue

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Domande frequenti: Protezione dei dati Backup Exec 2010 Domande frequenti

Domande frequenti: Protezione dei dati Backup Exec 2010 Domande frequenti Cosa comprende questa famiglia di prodotti Symantec Backup Exec? Symantec Backup Exec 2010 fornisce backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita. Protegge facilmente una maggiore

Dettagli

NOTE DI RILASCIO. Note di rilascio P/N 302-001-430 REV 01. EMC GeoDrive for Windows Versione 1.3. 17 ottobre 2014

NOTE DI RILASCIO. Note di rilascio P/N 302-001-430 REV 01. EMC GeoDrive for Windows Versione 1.3. 17 ottobre 2014 NOTE DI RILASCIO EMC GeoDrive for Windows Versione 1.3 Note di rilascio P/N 302-001-430 REV 01 17 ottobre 2014 Queste Note di rilascio contengono ulteriori informazioni su questa versione di GeoDrive.

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

IBM Tivoli Endpoint Manager for Software Use Analysis

IBM Tivoli Endpoint Manager for Software Use Analysis IBM Endpoint Manager for Software Use Analysis Informazioni dettagliate, rapide e granulari dell'inventario e gestione degli asset aggiornata per migliorare la conformità delle licenze Punti chiave Identificare

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 Guida rapida all'installazione 20047221 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione Informazioni sull'account

Dettagli

Symantec Backup Exec TM 11d for Windows Servers. Guida di installazione rapida

Symantec Backup Exec TM 11d for Windows Servers. Guida di installazione rapida Symantec Backup Exec TM 11d for Windows Servers Guida di installazione rapida July 2006 Informazioni legali Symantec Copyright 2006 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Symantec, Backup Exec

Dettagli

Note sulla versione per Symantec Endpoint Protection Small Business Edition, versione 12, aggiornamento release 1

Note sulla versione per Symantec Endpoint Protection Small Business Edition, versione 12, aggiornamento release 1 Note sulla versione per Symantec Endpoint Protection Small Business Edition, versione 12, aggiornamento release 1 Note sulla versione per Symantec Endpoint Protection Small Business Edition, versione

Dettagli

CA Business Service Insight

CA Business Service Insight CA Business Service Insight Guida alla Visualizzazione delle relazioni di business 8.2 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

SOLUTION BRIEF: CA ARCserve R16. Sfruttare il cloud per la business continuity e il disaster recovery

SOLUTION BRIEF: CA ARCserve R16. Sfruttare il cloud per la business continuity e il disaster recovery Sfruttare il cloud per la business continuity e il disaster recovery Ci sono molte ragioni per cui oggi i servizi cloud hanno un valore elevato per le aziende, che si tratti di un cloud privato offerto

Dettagli

Gestione e stampa Guida per l'utente

Gestione e stampa Guida per l'utente Gestione e stampa Guida per l'utente Copyright 2007 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Windows è un marchio registrato negli Stati Uniti di Microsoft Corporation. Intel e Centrino sono marchi di

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Introduzione a VMware Fusion

Introduzione a VMware Fusion Introduzione a VMware Fusion VMware Fusion per Mac OS X 2008 2012 IT-000933-01 2 Introduzione a VMware Fusion È possibile consultare la documentazione tecnica più aggiornata sul sito Web di VMware all'indirizzo:

Dettagli

Benvenuti alla Guida introduttiva - Utilità

Benvenuti alla Guida introduttiva - Utilità Benvenuti alla Guida introduttiva - Utilità Sommario Benvenuti alla Guida introduttiva - Utilità... 1 Performance Toolkit... 3 Guida introduttiva al Kit prestazioni... 3 Installazione... 3 Guida introduttiva...

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC Soluzioni per le PMI Windows Server 2012 e System Center 2012 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente

Dettagli

CA Server Automation. Panoramica. I vantaggi. agility made possible

CA Server Automation. Panoramica. I vantaggi. agility made possible PRODUCT SHEET: CA Server Automation CA Server Automation agility made possible CA Server Automation è una soluzione integrata che automatizza il provisioning, l'applicazione di patch e la configurazione

Dettagli

Symantec Mobile Management for Configuration Manager 7.2

Symantec Mobile Management for Configuration Manager 7.2 Symantec Mobile Management for Configuration Manager 7.2 Gestione dei dispositivi scalabile, sicura e integrata Data-sheet: Gestione degli endpoint e mobiltà Panoramica La rapida proliferazione dei dispositivi

Dettagli

September 2006. Backup Exec Utility

September 2006. Backup Exec Utility September 2006 Backup Exec Utility Informazioni legali Symantec Copyright 2006 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Symantec, Backup Exec e il logo Symantec sono marchi o marchi registrati

Dettagli

CA Desktop Migration Manager

CA Desktop Migration Manager CA Desktop Migration Manager DMM Deployment Setup Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti

Dettagli

Arcserve Cloud. Guida introduttiva ad Arcserve Cloud

Arcserve Cloud. Guida introduttiva ad Arcserve Cloud Arcserve Cloud Guida introduttiva ad Arcserve Cloud La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida dell'utente

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida dell'utente Dell SupportAssist per PC e tablet Guida dell'utente Messaggi di N.B., Attenzione e Avvertenza N.B.: Un messaggio di N.B. indica informazioni importanti che contribuiscono a migliorare l'utilizzo del computer.

Dettagli

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione Messaggi di N.B., Attenzione e Avvertenza N.B.: Un messaggio di N.B. indica informazioni importanti che contribuiscono a migliorare l'utilizzo

Dettagli

Potete gestire centralmente tutti i dispositivi mobili aziendali?

Potete gestire centralmente tutti i dispositivi mobili aziendali? Potete gestire centralmente tutti i dispositivi mobili aziendali? Gestite tutti i vostri smartphone, tablet e computer portatili da una singola console con Panda Cloud Systems Management La sfida: l odierna

Dettagli

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 VERITAS StorageCentral 1 USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 1. Panoramica di StorageCentral...3 2. StorageCentral riduce il costo totale di proprietà per lo storage di Windows...3 3. Panoramica

Dettagli

Guida di Active System Console

Guida di Active System Console Guida di Active System Console Panoramica... 1 Installazione... 2 Visualizzazione delle informazioni di sistema... 4 Soglie di monitoraggio del sistema... 5 Impostazioni di notifica tramite e-mail... 5

Dettagli

Manuale dell'amministratore di Symantec pcanywhere 12.5 SP4

Manuale dell'amministratore di Symantec pcanywhere 12.5 SP4 Manuale dell'amministratore di Symantec pcanywhere 12.5 SP4 Manuale dell'amministratore di Symantec pcanywhere 12.5 SP4 Il software descritto in questo manuale è fornito unitamente a un accordo di licenza

Dettagli

Novell ZENworks 10 Asset Management SP2

Novell ZENworks 10 Asset Management SP2 Guida di riferimento all'inventario risorse Novell ZENworks 10 Asset Management SP2 10.2 27 maggio 2009 www.novell.com Riferimento per Inventario risorse di ZENworks 10 Note legali Novell, Inc. non rilascia

Dettagli

Manuale dell'utente di Norton AntiVirus per Mac

Manuale dell'utente di Norton AntiVirus per Mac Manuale dell'utente Prendersi cura dell'ambiente è la cosa giusta da fare. Per ridurre l'impatto sull'ambiente dei nostri prodotti, Symantec ha rimosso la copertina di questo manuale. Questo manuale è

Dettagli

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server

Dettagli

Symantec Mobile Security

Symantec Mobile Security Protezione avanzata dalle minacce per i dispositivi mobili Data-sheet: Gestione degli endpoint e mobiltà Panoramica La combinazione di app store improvvisati, la piattaforma aperta e la consistente quota

Dettagli

Software MarkVision per la gestione della stampante

Software MarkVision per la gestione della stampante MarkVision per Windows 95/98/2000, Windows NT 4.0 e Macintosh è disponibile sul CD Driver, MarkVision e programmi di utilità fornito con la stampante. L'interfaccia grafica utente di MarkVision consente

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Norton AntiVirus Manuale dell'utente

Norton AntiVirus Manuale dell'utente Manuale dell'utente Norton AntiVirus Manuale dell'utente Il software descritto nel presente manuale viene fornito ai sensi dei termini del contratto di licenza e può essere utilizzato solo in conformità

Dettagli

Exchange o documenti SharePoint in pochi secondi. Minimo impatto dei tempi di inattività e di interruzione della produttività

Exchange o documenti SharePoint in pochi secondi. Minimo impatto dei tempi di inattività e di interruzione della produttività Protezione dalle interruzioni dell'attività aziendale con funzionalità di backup e recupero rapide e affidabili Panoramica Symantec Backup Exec System Recovery 2010 è una soluzione di backup e recupero

Dettagli

Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida.

Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida. Manuale dell'utente Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida. Proteggiamo più persone da più minacce on-line di chiunque altro al mondo. Prendersi cura dell'ambiente è la cosa giusta da

Dettagli

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida Copyright Axis Communications AB Aprile 2005 Rev. 1.0 Numero parte 23794 1 Indice Informazioni sulle normative............................. 3 AXIS Camera

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Requisiti tecnici di BusinessObjects Planning XI Release 2

Requisiti tecnici di BusinessObjects Planning XI Release 2 Requisiti tecnici di BusinessObjects Planning XI Release 2 Copyright 2007 Business Objects. Tutti i diritti riservati. Business Objects possiede i seguenti brevetti negli Stati Uniti, che possono coprire

Dettagli

Symantec NetBackup 7.1 Novità e matrice di confronto versioni

Symantec NetBackup 7.1 Novità e matrice di confronto versioni ymantec 7.1 Novità e matrice di confronto versioni ymantec 7 consente ai clienti di standardizzare le operazioni di backup e recupero in ambienti fisici e virtuali con un minor numero di risorse e meno

Dettagli

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station

GUIDA DI INSTALLAZIONE. AXIS Camera Station GUIDA DI INSTALLAZIONE AXIS Camera Station Informazioni su questa guida Questa guida è destinata ad amministratori e utenti di AXIS Camera Station e riguarda la versione 4.0 del software o versioni successive.

Dettagli

Symantec Enterprise Vault

Symantec Enterprise Vault Symantec Enterprise Vault Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 9.0 Symantec Enterprise Vault: Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 Il software descritto nel presente documento

Dettagli

Informativa e consenso per l utilizzo delle Google Apps for Education ISMC ALLEGATO 2 ALLEGATO 2 PRIVACY DI GOOGLE

Informativa e consenso per l utilizzo delle Google Apps for Education ISMC ALLEGATO 2 ALLEGATO 2 PRIVACY DI GOOGLE Pag. 1 di 8 PRIVACY DI GOOGLE (http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/ Ultima modifica: 19 agosto 2015) I nostri servizi possono essere utilizzati in tanti modi diversi: per cercare e condividere

Dettagli

Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection

Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection Arcserve UDP è basato su un'architettura unificata di nuova generazione per ambienti fisici e virtuali. La sua ampiezza di funzionalità senza paragoni, la

Dettagli

Domande frequenti su licenze e prezzi

Domande frequenti su licenze e prezzi Domande frequenti su licenze e prezzi Sommario EDIZIONI DATACENTER E STANDARD... 4 D1. Quali sono le novità di Windows Server 2012?... 4 D2. Qual è la differenza tra Windows Server 2012 Standard Edition

Dettagli

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service

IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service ZP11-0355, 26 luglio 2011 IBM Intelligent Operations Center for Cloud ottimizza la gestione delle città grazie a un modello Software-as-a-Service Indice 1 Panoramica 3 Descrizione 2 Prerequisiti fondamentali

Dettagli

Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida.

Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida. Manuale dell'utente Vedere sul retro le istruzioni per l'installazione rapida. Proteggiamo più persone da più minacce on-line di chiunque altro al mondo. Prendersi cura dell'ambiente è la cosa giusta da

Dettagli

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack

Software Intel per la gestione di sistemi. Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Software Intel per la gestione di sistemi Manuale dell'utente di Intel Modular Server Management Pack Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI

Dettagli

Oracle Solaris Studio 12.4: Guida per la sicurezza

Oracle Solaris Studio 12.4: Guida per la sicurezza Oracle Solaris Studio 12.4: Guida per la sicurezza N. di parte: E60509 Ottobre 2014 Copyright 2013, 2014, Oracle e/o relative consociate. Tutti i diritti riservati. Il software e la relativa documentazione

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

PERCHÉ SCEGLIERE EMC PER LA GESTIONE DEL CICLO DI VITA RACLE

PERCHÉ SCEGLIERE EMC PER LA GESTIONE DEL CICLO DI VITA RACLE PERCHÉ SCEGLIERE EMC PER LA GESTIONE DEL CICLO DI VITA RACLE PUNTI ESSENZIALI Agilità Nella soluzione AppSync sono integrate le best practice delle tecnologie di replica offerte da EMC e Oracle, che consentono

Dettagli

Sophos Endpoint Security and Control guida all'upgrade. Per gli utenti di Sophos Enterprise Console

Sophos Endpoint Security and Control guida all'upgrade. Per gli utenti di Sophos Enterprise Console Sophos Endpoint Security and Control guida all'upgrade Per gli utenti di Sophos Enterprise Console Versione prodotto: 10.3 Data documento: gennaio 2015 Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Quali upgrade

Dettagli

Servizi HP Image and Application Services

Servizi HP Image and Application Services Scheda tecnica Servizi HP Image and Application HP Configuration HP può gestire l'immagine del vostro PC lasciandovi concentrare sul business Panoramica dei servizi I servizi HP Image and Application sfruttano

Dettagli

Sophos Deployment Packager guida per utenti. Versione prodotto: 1.2

Sophos Deployment Packager guida per utenti. Versione prodotto: 1.2 Sophos Deployment Packager guida per utenti Versione prodotto: 1.2 Data documento: settembre 2014 Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Deployment Packager...4 2.1 Problemi noti e limiti del Deployment

Dettagli

`````````````````SIRE QUICK START GUIDE

`````````````````SIRE QUICK START GUIDE `````````````````SIRE QUICK START GUIDE Sommario Introduzione 60 Configurazione 61 Operazioni preliminari 62 Configurare il profilo Backup 63 Backup personalizzato 64 Avviare il backup 66 Schermata principale

Dettagli

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business CA ERwin Modeling fornisce una visione centralizzata delle definizioni dei dati chiave per consentire

Dettagli

Data-sheet: Protezione dei dati OpsCenter Analytics

Data-sheet: Protezione dei dati OpsCenter Analytics Panoramica Di fronte alla proliferazione dei dati, le operazioni di backup e archiviazione stanno diventando sempre più complesse. In questa situazione, per migliorare la produttività è opportuno attenersi

Dettagli

Archiviazione di e-mail consolidata e affidabile

Archiviazione di e-mail consolidata e affidabile Archiviazione, gestione e rilevazione delle informazioni aziendali strategiche Archiviazione di e-mail consolidata e affidabile Symantec Enterprise Vault, leader di settore nell'archiviazione di e-mail

Dettagli

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise SCHEDA PRODOTTO: CA AppLogic CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise agility made possible CA AppLogic è una piattaforma di cloud computing chiavi in mano che consente ai clienti enterprise

Dettagli