UN CONFRONTO CON L EUROPA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN CONFRONTO CON L EUROPA"

Transcript

1 UN CONFRONTO CON L EUROPA Per favorire una critica non inficiata da pregiudizi politico-ideologici proponiamo il confronto con gli organi di governo della scuola degli altri Paesi europei, anche se riteniamo fondamentale per la situazione italiana partire dall'analisi critica dell esperienza trentennale degli organi Collegiali del La composizione La composizione dei consigli scolastici nei diversi Paesi presenta alcune similitudini. Praticamente tutti comprendono rappresentanti degli insegnanti e dei genitori; e a livello dell istruzione secondaria, la maggioranza di questi accoglie anche rappresentanti degli studenti (eccetto che nelle Comunità fiamminga e germanofona del Belgio, in Irlanda, nel Regno Unito e in Islanda). Spesso vi partecipa anche il governo locale, così come il personale non docente in alcuni paesi (Comunità francese del Belgio, Spagna, Francia, Portogallo, Finlandia, e Norvegia). Le differenze consistono principalmente nella presenza di rappresentanti dei settori economici e culturali, che riguarda solo la Comunità fiamminga del Belgio, la Danimarca, il Portogallo, l Austria e il Regno Unito). Il fatto degno di nota è che questi rappresentanti in seno al consiglio sono stati introdotti in Paesi in cui le riforme sono spesso recenti. Generalmente, la composizione del consiglio scolastico tenta di riflettere un equilibrio di forze tra i rappresentanti del personale, dei genitori e dell amministrazione scolastica, in modo che nessuno dei settori disponga della maggioranza. Tuttavia, in Danimarca e in Scozia, i genitori sono in numero nettamente superiore rispetto agli altri membri del consiglio. Le funzioni I compiti e le responsabilità che spettano a questi consigli variano, spaziando dalle funzioni puramente consultive al potere esecutivo. Per esempio, in Danimarca, lo skolebestyrelse nella folkeskole ha poteri decisionali per ciò che riguarda la definizione delle linee direttrici per le attività della scuola e l approvazione del suo budget. In Inghilterra e nel Galles, i Governing bodies detengono un potere decisionale per la gestione del budget e del personale, compresi i capi di istituto, mentre in Scozia, lo School Board svolge un ruolo consultivo nella selezione del capo di istituto. In altri paesi ancora (in Spagna con il Consejo escolar dell istituto e in Portogallo con il Conselho de escola) il

2 consiglio ha il potere di scegliere il capo di istituto. Tuttavia, nella maggioranza dei casi, le sue competenze si limitano alla gestione delle relazioni tra l istituto e la comunità o le attività extrascolastiche e si estendono raramente agli aspetti relativi al budget, al personale o alla didattica. Il ruolo del dirigente scolastico In questi ultimi anni, con l estensione e l approfondimento dei livelli di autonomia concessi alle scuole, il ruolo del dirigente scolastico è stato ovunque oggetto di analisi e in genere di forte rivalutazione. Si può affermare che il dibattito sulla direzione degli istituti gravita attorno a due poli: da un lato l esigenza di maggiori responsabilità ai capi di istituto, connesse a una loro maggiore specializzazione e specifica formazione; dall altro la garanzia di una partecipazione democratica della comunità educativa nell assunzione delle decisioni. Queste due esigenze, anziché conciliarsi, generano spesso fronti contrapposti, fra fautori di una direzione dotata di ampi poteri e sostenitori di un potere limitato del capo di istituto, che lasci maggiori responsabilità alla comunità educativa rappresentata dal consiglio scolastico. La tendenza emergente e dominante è quella di assegnare ai capi di istituto poteri maggiori per affrontare le nuove responsabilità. È il caso della Comunità fiamminga del Belgio, della Danimarca, della Finlandia, della Svezia, dell Inghilterra, del Galles e della.francia. A titolo di esempio, possiamo notare che in Danimarca, dal 1990, il capo di istituto prende tutte le decisioni che riguardano i singoli alunni; inoltre, è lui che - insieme allo Skolebestyrelse (organo di direzione) - controlla e distribuisce i compiti di tutto il personale. La Francia dal 1988 recluta per le funzioni di direzione personale specializzato dotato di uno status speciale. Vi sono tuttavia paesi, per quanto minoritari, che seguono un opposta tendenza, come la Spagna che, dal 1985, limita le competenze del capo di istituto e conferisce al consiglio scolastico lo status di organo decisionale supremo. Infine, sulla questione dei capi d istituto è opportuno sottolineare che le più attente analisi internazionali ne hanno ridisegnato il profilo in termini di leader educativi, o leader per l apprendimento, secondo la definizione di un importante indagine statunitense dal titolo Reinventare la dirigenza scolastica: una leadership per l'apprendimento degli studenti a cura dello IEL Institute for Educational Leadership (Ottobre 2000). Questa indagine afferma: 1. la priorità assoluta che la dirigenza scolastica diventi una leadership finalizzata

3 all'apprendimento; 2. l'incapacità dell'attuale dirigenza di soddisfare questa priorità fondamentale. E aggiunge: Le scuole stanno andando alla deriva proprio perché sono prive di una chiara "leadership per l'apprendimento". Oggi non esistono capi d istituto che abbiano le competenze necessarie per affrontare questo compito, per questo occorre "reinventare la dirigenza scolastica" per far fronte ai bisogni delle scuole del XXI secolo. La priorità, dunque, non è la battaglia contro il potere dei capi d istituto, quanto piuttosto per una loro specifica formazione e una coerente rigorosa selezione in termini di leadership educativa. ORGANI DI GESTIONE DELLE SCUOLE NEI DIVERSI PAESI EUROPEI BELGIO (com. fiamminga) Partecipatieraad oppure Localeraden Rappresentanti dello Stato, personale, genitori, ente locale Ha competenze in 4 ambiti: l organizzazione generale della scuola, l indirizzo educativo (piano delle attività nel quadro del progetto educativo di istituto); la gestione del personale e la gestione finanziaria BELGIO (com. germanofona) Schulbeirat Rappresentanti degli insegnanti e dei genitori Consultivi sul funzionamento della scuola BELGIO (com. francofona) Conseil de partecipation rappresentanti di: Insegnanti, enti locali, genitori, studenti, sindacati Esprime pareri in materia di organizzazione pedagogico-didattica e di organizzazione materiale e amministrativa della scuola DANIMARCA Skolebestyrelse Rappresentanti degli insegnanti, enti locali e dei genitori Su proposta del dirigente scolastico il Consiglio delibera il bilancio, il curricolo, l orario ed il calendario delle lezioni

4 GRECIA scholikiepitropi Rappresentanti degli insegnanti, degli enti locali, dei genitori, degli studenti Gestisce il bilancio e ogni problema relativo al funzionamento della scuola GERMANIA schuleconferenze Rappresentanti degli insegnanti, degli studenti e dei genitori Il consiglio si occupa di svariati aspetti di social life e della didattica. A seconda del Lander, il Consiglio può deliberare in merito alla fusione di scuole e agli acquisti. In molte regioni partecipa al reclutamento del dirigente scolastico SPAGNA Consejo escolar del centro Rappresentanti degli insegnanti (1/3), degli studenti e dei genitori (1/3), personale amministrativo (1/3) Il consiglio è organo di controllo e gestione dell istituzione scolastica, il quale garantisce l attiva partecipazione di tutta la comunità educativa. Il dirigente scolastico è eletto dal consiglio stesso IRLANDA Board of management Ispettore ministeriale, dirigente scolastico, e rappresentanti di: Insegnanti, enti locali, genitori Totale gestione della scuola FRANCIA Conseil d administration Il dirigente scolastico rappresentanti Enti locali (1/3), personale (1/3), genitori e studenti (1/3) Il consiglio dispone di larga competenza sull organizzazione del curricolo e sulla vita scolastica, approva il progetto di istituto che definisce le modalità di realizzazione degli obbiettivi e dei programmi nazionali.

5 LUSSEMBURGO Conseil d éducation o vice Rappresentanza paritaria di: Insegnanti, genitori, studenti Il consiglio è organo consultivo per l organizzazione della scuola, per quanto riguarda la promozione di iniziative pedagogicodidattiche OLANDA Medezeggnschapsraad (consiglio di partecipazione) rappresentanti di: Insegnanti (1/2), genitori e studenti (1/2) Ha funzioni consultive del dirigente scolastico, il quale ha l obbligo di sottoporre al consiglio gli indirizzi generali di gestione della scuola AUSTRIA Schulforum rappresentanti di: Insegnanti, genitori, studenti Il consiglio ha compiti consultivi sulle questioni educative la scelta degli insegnanti e l utilizzazione delle risorse finanziarie. Delibera il regolamento interno. PORTOGALLO Conseho pedagogico Eletto tra gli insegnanti membri del consiglio rappresentanti di: Insegnanti, genitori, studenti, personale Il consiglio è responsabile del progetto di istituto, della formazione del personale e del regolamento della scuola FINLANDIA johtokunta ( facoltativo) rappresentanti di: Insegnanti, genitori, studenti Il consiglio ha il compito di sviluppare e promuovere la cooperazione all interno della comunità scolastica SVEZIA consiglio

6 rappresentanti di: Insegnanti, genitori, studenti Il consiglio delibera in merito alle questioni relative alla vita scolastica, al budget. REGNO UNITO Governing body Designato dai membri rappresentanti di: Insegnanti, genitori, ente locale che finanzia la scuola ed esperti Gestisce il personale e le risorse finanziarie nel quadro generale degli obbiettivi dell istituto NORVEGIA samarbeidsutvalg rappresentanti di: Insegnanti, enti locali, genitori, studenti Funziona da consulente del dirigente scolastico per le attività amministrative ed educative. Gli studenti non hanno diritto di voto. ( elaborazione su dati Eurydice)

MODELLI DI VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UE

MODELLI DI VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UE MODELLI DI VALUTAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN UE Unità italiana di Eurydice, novembre 2009 Gli ultimi due decenni sono stati caratterizzati da un aumento progressivo della valutazione dell operato degli insegnanti.

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA

VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA VALUTAZIONE ESTERNA DEGLI APPRENDIMENTI DEGLI ALUNNI: UNA TENDENZA SEMPRE PIÙ DIFFUSA IN EUROPA Nel corso dell istruzione obbligatoria gli alunni europei sono mediamente sottoposti ad almeno tre test esterni

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI LA DIRIGENZA SCOLASTICA IN GRAN BRETAGNA MARIA ANTONIETTA CREA 1

L OFFERTA FORMATIVA LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI LA DIRIGENZA SCOLASTICA IN GRAN BRETAGNA MARIA ANTONIETTA CREA 1 L OFFERTA FORMATIVA LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI LA DIRIGENZA SCOLASTICA IN GRAN BRETAGNA MARIA ANTONIETTA CREA 1 L OFFERTA FORMATIVA L istruzione prescolare inizia a 3 mesi e arriva ai 3 anni. In

Dettagli

Il sistema di valutazione in Francia, Inghilterra, Spagna e Germania

Il sistema di valutazione in Francia, Inghilterra, Spagna e Germania Il sistema di valutazione in Francia, Inghilterra, Spagna e Germania Componenti del sistema educativo sottoposti a valutazione, istruzione generale obbligatoria La scuola e gli insegnanti (più le autorità

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca Comunicato stampa L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca Migliorare l efficacia dell insegnamento delle scienze e la capacità di

Dettagli

VALUTARE PER MIGLIORARE. CIDI Febbraio-marzo 2015

VALUTARE PER MIGLIORARE. CIDI Febbraio-marzo 2015 VALUTARE PER MIGLIORARE CIDI Febbraio-marzo 2015 1 Normativa europea Valutazione qualità insegnamento - UE 1997 Qualità dell'istruzione superiore - UE 1998 Indicazioni dell'ocse del 1998, nel 2001 l'ue

Dettagli

VALUTARE PER MIGLIORARE. LICEO SCIENTIFICO E. FERMI 4 maggio 2015

VALUTARE PER MIGLIORARE. LICEO SCIENTIFICO E. FERMI 4 maggio 2015 VALUTARE PER MIGLIORARE LICEO SCIENTIFICO E. FERMI 4 maggio 2015 T.Montefusco - 2015 1 PERCHÉ VALUTARE OCSE 34 Paesi sviluppati Economia di mercato Regimi democratici T.Montefusco - 2015 2 PERCHÉ VALUTARE

Dettagli

Capitolo 2. Formatori degli insegnanti di scienze

Capitolo 2. Formatori degli insegnanti di scienze Capitolo 2 Formatori gli insegnanti di scienze Introduzione La componente professionale lla formazione iniziale gli insegnanti è volta a fornire i saperi e le competenze teoriche e pratiche lla loro professione.

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche?

Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche? Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche? Maria Teresa Siniscalco National Project Manager PISA 2003 Roma, 17 aprile 2007 1. La fotografia che PISA

Dettagli

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05 Tendenze nazionali nel Processo di Bologna Comunicato stampa In occasione della Conferenza dei Ministri dell'istruzione superiore di Bergen

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

ORGANI RESPONSABILI DELLA VALUTAZIONE in alcuni Paesi europei

ORGANI RESPONSABILI DELLA VALUTAZIONE in alcuni Paesi europei ORGANI RESPONSABILI DELLA VALUTAZIONE in alcuni Paesi europei Unità Italiana di Eurydice - ottobre 2009 ORGANI RESPONSABILI DELLA VALUTAZIONE FINLANDIA Nessuna valutazione esterna formalizzata su aspetti

Dettagli

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE Pubblicato il Bando per la presentazione di proposte relativo al Programma Socrates a sostegno del settore dell'istruzione Obiettivi

Dettagli

L AUTONOMIA NEI SISTEMI SCOLASTICI EUROPEI: POLITICHE E MODALITÀ ATTUATIVE

L AUTONOMIA NEI SISTEMI SCOLASTICI EUROPEI: POLITICHE E MODALITÀ ATTUATIVE L AUTONOMIA NEI SISTEMI SCOLASTICI EUROPEI: POLITICHE E MODALITÀ ATTUATIVE di Simona Baggiani In Europa, con l eccezione di qualche paese, l autonomia scolastica non è una tradizione di così lunga data.

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

1. TITOLO DI STUDIO ED ESPERIENZE PROFESSIONALI

1. TITOLO DI STUDIO ED ESPERIENZE PROFESSIONALI IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA: Requisiti, modalità di reclutamento, di formazione e attività professionale dei capi d Istituto in Francia, Spagna, Finlandia ed Inghilterra 1. TITOLO DI STUDIO ED ESPERIENZE

Dettagli

INGHILTERRA (REGNO UNITO) Docenti età 3-11. Laurea triennale/quadriennale +1 anno di formazione professionale MODELLO CONSECUTIVO

INGHILTERRA (REGNO UNITO) Docenti età 3-11. Laurea triennale/quadriennale +1 anno di formazione professionale MODELLO CONSECUTIVO Formazione iniziale Cercare tra le buone prassi Abbiamo più volte sottolineato come ogni sistema di istruzione sia un unicum storicamente determinatosi, e quindi come non sia possibile, né auspicabile,

Dettagli

Strutture dei SiStemi educativi europei: grafici 2014/2015

Strutture dei SiStemi educativi europei: grafici 2014/2015 n u m e r o m o n o g r a f i c o Dicembre 2014 Notiziario a cura dell Unità Italiana di Eurydice - Indire pubblicato con il contributo del MIUR Strutture dei SiStemi educativi europei: grafici 2014/2015

Dettagli

Nationale in Francia, che intende favorire lo sviluppo di scambi professionali e culturali tra i sistemi educativi

Nationale in Francia, che intende favorire lo sviluppo di scambi professionali e culturali tra i sistemi educativi SCAMBI PROFESSIONALI.. Prrogrramma dii mobilittà docentti i prromosso dall Ministterro dell Educazione Nazionale ((Frranci ia)) Nota introduttiva La - ha accolto l invito del Ministère de l Education Nationale

Dettagli

L autonomia scolastica in Europa

L autonomia scolastica in Europa L autonomia scolastica in Europa AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA Antonella Turchi UNITÀ ITALIANA DI EURYDICE In Europa, negli ultimi decenni: accrescimento dell autonomia scolastica

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del 22 Gennaio 2015) Art. 1 - Istituzione Art. 2 - Obiettivi

Dettagli

Qualità e merito nello sviluppo professionale

Qualità e merito nello sviluppo professionale Qualità e merito nello sviluppo professionale Linee d indirizzo nazionali e internazionali Giovanni Biondi Il quadro europeo Scopo della valutazione Nella maggioranza dei Paesi UE la valutazione è utilizzata

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

SISTEMI SCOLASTICI EUROPEI - Livelli decisionali e saperi nei curricoli di Finlandia, Francia, Inghilterra, Norvegia, Portogallo

SISTEMI SCOLASTICI EUROPEI - Livelli decisionali e saperi nei curricoli di Finlandia, Francia, Inghilterra, Norvegia, Portogallo SISTEMI SCOLASTICI EUROPEI - Livelli decisionali e saperi nei curricoli di Finlandia, Francia, Inghilterra, Norvegia, Portogallo A cura de Unità italiana di Eurydice La grande varietà di sistemi educativi,

Dettagli

Olocausto Giornata della Memoria

Olocausto Giornata della Memoria Olocausto Giornata della Memoria In collaborazione con Scuola e società A questa guida corrisponde una pagina Internet di educa.ch, sulla quale trovate il file PDF della guida stessa per la sua consultazione

Dettagli

LA GIORNATA SCOLASTICA NEI PAESI DELL'UE

LA GIORNATA SCOLASTICA NEI PAESI DELL'UE LA GIORNATA SCOLASTICA NEI PAESI DELL'UE dal sito dell Associazione Docenti Italiani del 22/10/2003 SCUOLA PRIMARIA Il contenuto delle tabelle e dei grafici Riportiamo 4 grafici, tratti da Eurydice, che

Dettagli

A cura di Cinzia Olivieri

A cura di Cinzia Olivieri A cura di Cinzia Olivieri Giornata di formazione per i genitori "La scuola è per i nostri figli" Collegamento e condivisione Lo sportello virtuale C2.01 - ore 9,00-12,30 1 Partecipare Partecipiamo per

Dettagli

IL PORTFOLIO DEGLI ALUNNI NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI

IL PORTFOLIO DEGLI ALUNNI NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI IL PORTFOLIO DEGLI ALUNNI NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI dalle risposte al quesito alla rete Eurydice Luglio 2004 A cura dell AUSTRIA Non esiste in Austria un esperienza di portfolio analoga a quella italiana.

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DELLA CITTÀ DI IMOLA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

L articolazione del sistema scolastico e la durata complessiva degli studi nell Unione Europea

L articolazione del sistema scolastico e la durata complessiva degli studi nell Unione Europea L articolazione del sistema scolastico e la durata complessiva degli studi nell Unione Europea Riportiamo i grafici relativi alle strutture dei sistemi educativi europei così come l Unione Europea attraverso

Dettagli

Programma Erasmus+ Azione KA 1 a.s. 2015/2016

Programma Erasmus+ Azione KA 1 a.s. 2015/2016 Programma Erasmus+ Azione KA 1 a.s. 2015/2016 Erasmus+ 2015/16 Documenti ufficiali e Moduli Regolamento Ue 1288/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio Invito a presentare proposte in Erasmus+ 2015

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Sistemi scolastici europei

Sistemi scolastici europei Sistemi scolastici europei La durata complessiva degli studi nell Unione Europea A partire dalla fine del secolo scorso, con il terzo governo della cosiddetta seconda Repubblica (governo Prodi 1, con Luigi

Dettagli

SCHEMA BASE ASSOLUTA MONARCHIA COSTITUZIONALE PARLAMENTARE FORME DI GOVERNO

SCHEMA BASE ASSOLUTA MONARCHIA COSTITUZIONALE PARLAMENTARE FORME DI GOVERNO FORME DI GOVERNO DEFINIZIONE - Per forma di governo si intende l insieme di regole che determinano: a) la distribuzione dei poteri tra gli organi costituzionali dello Stato ( di solito Parlamento titolare

Dettagli

La governance delle università: uno sguardo comparato

La governance delle università: uno sguardo comparato La governance delle università: uno sguardo comparato Marino REGINI (Università Statale di Milano) Seminario EconomEtica e POLIS, Vercelli, 2 Marzo 2012 Le riforme della governance universitaria in Europa

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SCIENZE GIURIDICHE, POLITICHE ED ECONOMICO-SOCIALI Art. 1 Definizione e attribuzioni Art. 2 Compiti della Scuola Art. 3 Organi della Scuola Art. 4 Compiti del Consiglio della

Dettagli

Saronno, 25 ottobre 2014

Saronno, 25 ottobre 2014 Saronno, 25 ottobre 2014 La frase più pericolosa in assoluto è: «Abbiamo sempre fatto così«grace Hopper (matematica e progettista di sistemi) Il 16 maggio 2013 si costituisce il COMITATO GENITORI ITC

Dettagli

Bisogni educativi speciale e disabilità

Bisogni educativi speciale e disabilità Bisogni educativi speciale e disabilità Il Bisogno Educativo Speciale è qualsiasi difficoltà evolutiva di funzionamento, permanente o transitoria, in ambito educativo e/o di apprendimento, dovuta all interazione

Dettagli

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE?

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? Simona Baggiani La scuola sono i professori, nel bene e nel male, questo è un dato incontrovertibile. In altre parole: serve un buon insegnante per fare

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

REGNO UNITO INGHILTERRA, GALLES E IRLANDA DEL NORD

REGNO UNITO INGHILTERRA, GALLES E IRLANDA DEL NORD REGNO UNITO INGHILTERRA, GALLES E IRLANDA DEL NORD EDUCAZIONE PRESCOLARE Per i bambini di età compresa fra i 3 mesi e i 3 anni c è un ampia offerta nel settore privato e nel settore del volontariato, entrambi

Dettagli

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net CENTRO STUDI GILDA DD Dossier Docenti Presentazione Dossier Docenti (DD) intende raccogliere e divulgare in modo sintetico e snello una serie di dati e/o informazioni relativi alla scuola ed ai docenti

Dettagli

2/2004. Il ruolo dei genitori nelle scuole in Europa. Una breve sintesi comparativa. n u m e r o m o n o g r a f i c o

2/2004. Il ruolo dei genitori nelle scuole in Europa. Una breve sintesi comparativa. n u m e r o m o n o g r a f i c o n u m e r o m o n o g r a f i c o Il ruolo dei genitori nelle scuole in Europa Una breve sintesi comparativa Nella maggior parte dei paesi, nell ambito dell istruzione pubblica, i genitori sono liberi

Dettagli

Formazione, valutazione, carriera degli insegnanti nell esperienza di alcuni Paesi europei Elisabetta Imperato

Formazione, valutazione, carriera degli insegnanti nell esperienza di alcuni Paesi europei Elisabetta Imperato SCUOLAFACENDO FARE L INSEGNANTE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA Piero Romei M8.1 P. 1/8 Formazione, valutazione, carriera degli insegnanti nell esperienza di alcuni Paesi europei Elisabetta Imperato Le schede

Dettagli

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri

Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico. MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri Tesi: Ruolo e funzioni del Dirigente scolastico MASTER Dirigenza Scolastica Università della Calabria Lucia Scuteri The object of education is to prepare the young,to educate themselves throughout their

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA PER I CITTADINI

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA PER I CITTADINI Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-: : i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA PER I CITTADINI EUROPA PER I CITTADINI 2014- Obiettivo generale:

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

DECRETO E AUTONOMIA SCOLASTICA NELLA SCUOLA PRIMARIA

DECRETO E AUTONOMIA SCOLASTICA NELLA SCUOLA PRIMARIA CGIL SCUOLA DECRETO E AUTONOMIA SCOLASTICA NELLA SCUOLA PRIMARIA a cura della Cgil Scuola Nazionale Via Leopoldo Serra 31 00153 Roma www.cgilscuola.it Premessa Con la Circolare Ministeriale 29/04, le scuole

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa Direzione generale Istruzione e Cultura L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa Politiche e ricerca Commissione Europea L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa Politiche e ricerca

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA Comma 1 (finalità della legge): affermare il ruolo centrale della scuola nella societa della conoscenza innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, rispettandone

Dettagli

Verona, 02/12/2015 Prot. n.4965/f3 A tutto il personale docente e tecnico amministrativo

Verona, 02/12/2015 Prot. n.4965/f3 A tutto il personale docente e tecnico amministrativo Verona, 02/12/2015 Prot. n.4965/f3 A tutto il personale docente e tecnico amministrativo Albo di Istituto Sito istituzionale Accademia Oggetto: Bando Erasmus+ Mobilità del personale per docenza o per formazione

Dettagli

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA.

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. COME STUDIARE ALL ESTERO Per studiare all estero, le università italiane, in accordo con i progetti europei e con i trattati internazionali, rendono

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

La Camera dei Deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA promulga. la seguente legge: Art.

La Camera dei Deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA promulga. la seguente legge: Art. La Camera dei Deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA promulga la seguente legge: Art. 1 Comma 1. Per affermare il ruolo centrale della scuola nella società

Dettagli

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura La buona scuola Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura Nel corso dell esame sul ddl scuola in Commissione, il testo è stato migliorato in molti articoli con il lavoro dei nostri deputati,

Dettagli

CIAMPINO I CIRCOLO DIDATTICO: A scuola con il tablet SNAPPET. Nell'attuale fase storica caratterizzata da un'elevata complessità e dal continuo

CIAMPINO I CIRCOLO DIDATTICO: A scuola con il tablet SNAPPET. Nell'attuale fase storica caratterizzata da un'elevata complessità e dal continuo CIAMPINO I CIRCOLO DIDATTICO: A scuola con il tablet SNAPPET una nuova frontiera nel campo della formazione. Nell'attuale fase storica caratterizzata da un'elevata complessità e dal continuo mutamento,

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI (Revisione 2 del 30 giugno 2008) 1. PREMESSA In sintonia con la Legge 10 marzo 2000, n. 62 (articolo 1, comma 4, lettera c) e con il Centro Salesiano don

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado ISTITUTO SALESIANO - «Beata Vergine di San Luca» Scuole secondarie di primo e di secondo grado - Paritarie Scuola secondaria di primo grado ( D. USR n. 148 del 27-08-2001) Istituto Professionale settore

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER I VIAGGI D ISTRUZIONE (Revisione 1 del 15/10/2006)

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER I VIAGGI D ISTRUZIONE (Revisione 1 del 15/10/2006) REGOLAMENTO D ISTITUTO PER I VIAGGI D ISTRUZIONE (Revisione 1 del 15/10/2006) Premessa I viaggi d istruzione effettuati nel periodo scolastico non sono occasioni di pura evasione ma si configurano a pieno

Dettagli

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COMUNITÀ SCOLASTICA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) 1 LE NORME Per una civile convivenza, ogni società (quindi anche quella scolastica) deve avere delle regole. Esistono

Dettagli

Assicurare la qualità dell'istruzione

Assicurare la qualità dell'istruzione Assicurare la qualità dell'istruzione Rapporto Eurydice Politiche e approcci alla valutazione delle scuole in Europa Istruzione e formazione Assicurare la qualità dell istruzione: politiche e approcci

Dettagli

Comparazione dei Risultati dell Indagine

Comparazione dei Risultati dell Indagine Comparazione dei Risultati dell Indagine DOCTAE (Agr. nr. 2007-1983 001/001) Questo progetto è stato finanziato con il supporto della Commissione Europea. Questo documento riflette unicamente il punto

Dettagli

Il futuro parte da qui.

Il futuro parte da qui. Istituto Europeo di Studi Superiori S.c.s. - ONLUS Palazzo delle Notarie piazza Prampolini 2/a 42121 Reggio Emilia Tel. 0522 423155 segreteria@iess.it Il futuro parte da qui. Per informazioni e iscrizioni

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione 1 FINALITA Dare piena attuazione all autonomia Innalzare i livelli di istruzione e le competenze Contrastare le disuguaglianze Prevenire

Dettagli

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE Art. 1 - Il Dipartimento Art. 1.1 Generalità e obiettivi

Dettagli

Regolamento Visite e Viaggi

Regolamento Visite e Viaggi Regolamento Visite e Viaggi Regolamento Visite e Viaggi Premessa Come è noto sono state a tutt'oggi emanate numerose circolari in materia di visite guidate e viaggi di istruzione. Alla luce dell'esperienza

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

CLIL e insegnamento delle lingue: uno sguardo all Europa

CLIL e insegnamento delle lingue: uno sguardo all Europa CLIL e insegnamento delle lingue: uno sguardo all Europa 24 novembre 2014 CLIL e insegnamento delle lingue: uno sguardo all Europa INTRODUZIONE...3 INSEGNAMENTO DELLE LINGUE...3 PREMESSA...3 LE CIFRE CHIAVE

Dettagli

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Il Programma Erasmus+ permette di vivere esperienze culturali all'estero, di conoscere nuovi sistemi di istruzione superiore e di incontrare giovani di altri

Dettagli

Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità

Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità COMMISSIONE EUROPEA COMUNICATO STAMPA Strasburgo/Bruxelles, 19 novembre 2013 Semaforo verde per Erasmus+: più di 4 milioni di persone riceveranno borse unionali per le competenze e l'occupabilità Erasmus+,

Dettagli

VI. RISORSE PROFESSIONALI

VI. RISORSE PROFESSIONALI VI. RISORSE PROFESSIONALI 1. Il personale di Istituto Dirigente Scolastico Reggente: ing. Carlo Giustizia Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi: Elisabetta Riva Collaboratori del dirigente scolastico.

Dettagli

PROGETTO VIAGGI D ISTRUZIONE

PROGETTO VIAGGI D ISTRUZIONE PROGETTO VIAGGI D ISTRUZIONE Anno scolastico 2011-2012 PREMESSA I Viaggi d Istruzione effettuati durante l anno scolastico sono iniziative integrative dell attività didattica e del percorso formativo dei

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI Il Collegio dei docenti è composto da tutti i docenti, a tempo indeterminato e a tempo determinato, in servizio nell Istituzione. Riflessioni e spunti per un regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 0 è prevista la raccolta

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N.

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. e: L Istituto (Denominazione istituto di appartenenza): Indirizzo completo:

Dettagli

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PAESE Viale Panizza 4-31038 - PAESE (TV) TEL. 0422.959057 - FAX 0422.959459 - Codice Fiscale 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it pec: tvic868002@pec.istruzione.it sito:

Dettagli

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti LA TRASPARENZA E PRIVACY E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti della scuola che riguardano il percorso scolastico e formativo dei propri figli secondo le modalità

Dettagli

+ Il Questionario Scuola

+ Il Questionario Scuola Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale + Il Questionario Scuola Il format delle sperimentazioni VM e VALES 1 + Il Questionario

Dettagli

Economia delle Istituzioni

Economia delle Istituzioni Economia delle Istituzioni LEZIONE 5 Federico Biagi federico.biagi@unipd.it L ISTRUZIONE 1 Contenuto della lezione Natura del servizio Ragioni dell intervento pubblico nella spesa per istruzione Modelli

Dettagli

Valutazione degli alunni e certificazione nel panorama europeo

Valutazione degli alunni e certificazione nel panorama europeo Valutazione degli alunni e certificazione nel panorama europeo di Alessandra Mochi, Unità italiana di Eurydice INDIRE La valutazione degli alunni è un aspetto fondamentale dell insegnamento e dell apprendimento

Dettagli