CAPITOLO 1 RETI RETI DI CALCOLATORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 1 RETI RETI DI CALCOLATORI"

Transcript

1 CAPITOLO 1 RETI Le reti sono un concetto pervasivo nel mondo fisico e sociale: Reti di Amici Reti Organizzative Aziendali Reti di Imprese Reti Stradali e Ferroviarie Reti Telefoniche Reti ( Network ) Televisivi e Radiofoniche Reti di Neuroni Reti Circolatorie Linfatiche, Sanguigne, Digestive Reti Molecolari (DNA, RNA) Concetto generale di rete come: Scopo di condividere o scambiare materiale o informazione. RETI DI CALCOLATORI Sistemi di connessione e telecomunicazione tra calcolatori permettono lo scambio di dati tra calcolatori attraverso un 1

2 Mezzo di trasmissione fisico opportuni dispositivi di I/O per la trasmissione ricezione di dati dal mezzo di trasmissione fisica (interfaccia di rete) Opportuni software di rete permettono la condivisione e la trasmissione di risorse (p.e., posso condividere delle stampanti e dei dischi, posso trasmettere files). A livello di comunicazione fisica: i cavi di collegamento tra computer si scambiano segnali elettrici (o ottici) DIGITALI: valori 0 o 1 a seconda dello Figura 1: stato elettrico (o ottico) della linea A livello di comunicazione logica (interfaccia di rete): i vari computer si scambiano dati in forma di messaggi o pacchetti, come insiemi di bit organizzati di dimensione fissata A livello applicativo (software di rete): i vari computer si scambiano dati che vengono interpretati a seconda delle esigenza applicative. 2

3 LA NASCITA: TERMINALI REMOTI I computer e le loro periferiche erano molto cari una volta.piu che replicare le cose conveniva avere risorse condivise (p.es., hard disk, stampanti). Le prime reti erano Terminali Remoti (nati metà anni 50 con diffusione metà anni 60): Un unico computer centrale mainframe a cui si collegavano più terminali (video e tastiera) che agivano sullo stesso computer. Non erano vere e proprie reti di calcolatori. I terminali non sono calcolatori completi. Figura 2 : Terminali Il calcolatore mainframe doveva permettere di avere più utenti collegati contemporaneamente al calcolatore. Richiede time sharing e concorrenza, e sistemi operativi multiprogrammati: concorrenza: più programmi in esecuzione contemporanea sul calcolatore time-sharing: i programmi si alternano nel tempo per l uso delle risorse di esecuzione (Microprocessore) e si spartiscono la memoria centrale (RAM). Un programma può essere in esecuzione più volte, per conto di utenti diversi si parla di processi 3

4 sistemi operativi multiprogrammati: devono gestire più processi in esecuzione, in mod protetto (un processo non deve disturbare gli altri) L EVOLUZIONE: RETI DI PEERS Col calare dei prezzi, più di un calcolatore poteva essere presente in una ditta/università/ufficio. Nasce necessità di: scambiare e condividere file tra i diversi computer permettere condivisione risorse costose (p.e. stampanti, plotter, scanner, collegamenti modem) permettere comunicazioni veloci tra gli utenti dei diversi calcolatori Nascono le reti di calcolatori vere e proprie (nate metà anni 60 con diffusione metà anni 70) I diversi calcolatori vengono connessi attraverso linee di trasmissione dati (tipicamente elettromagnetici, ma oggi anche ottici e radio) Dispositivi di I/O appositi (schede di interfaccia di rete) gestiscono le comunicazioni da/per il computer e con gli altri computer della rete Sistemi operativi di rete con le funzionalità necessaria a gestire, oltre alle risorse proprie del calcolatore (p.e., memoria, dischi, microprocessore) le risorse di rete attraverso la interfaccia di rete NOTA: si richiede comunque concorrenza e multiprogrammazione del sistema operativo per permettere ai computer di scambiarsi dati tra loro mentre gli utenti lavorano sui calcolatori: programmi applicativi dell utente programmi per la gestione dei dati e delle trasmissioni 4

5 OGGI: RETI LOCALI E GEOGRAFICHE LAN (rete local, Local Area Network) come concetto sia tecnologico che giuridico Tecnologico: rete di peers senza computer o dispositivi di calcolo dedicati alla gestione dei dati che transitano la gestione è effettuata da peer stessi. Giuridico: dentro allo stesso edificio (o all interno di una proprietà privata). Solo gli enti designati (p.e., Telecom, Autostrade, PA) possono mettere cavi di telecomunicazione nel terreno. Una rete che sfrutta dispositivi per connettere più reti e cavi a gestione di terzi è una rete metropolitana (MAN) o, piu generalmente, geografica (WAN, Wide Areas Network) In particolare, una rete WAN è tipicamente formata da: reti LAN connesse tra loro attraverso dispositivi di calcolo dedicati alla comunicazione che instradano i messaggi da una rete LAN all altra (Router) infrastrutture di comunicazione (cavi dedicati, sistemi di comunicazione radio, cavi telefonici e relativi modem) geograficamente distribuite che connettono i router fra loro In Italia: rete Itapac per collegare Pubbliche amministrazioni rete Garr per collegare università e centri ricerca Oggi oramai è tutto Internet: la rete WAN mondiale e più usata! L unica rete WAN. 5

6 INTERNET Nata nel 1968 da un progetto di ricerca americano, fu la prima WAN della storia, e connetteva i calcolatori di tre università americane. Presto fu connessa a tutte le università e centri governativi americane, a metà degli anni 80 arriva in Italia. Il primo della storia in Internet fu inviato nel 1971 Dal 1993, provider pubblici permettono accessi a Internet via modem per linee telefoniche casalinghe: modem per trasmettere dati digitali sulla linea telefonica con la connessione, si diventa parte della rete del provider, la quale è connessa ad Internet attraverso un router altri tipi di collegamento (p.e., satellitari o ASDL) fanno lo stesso ma con connessioni alla rete del provider permanenti 6

7 Figura 3: Crescita numero di computer connessi ed utenti esponenziale: DOMANI: THE EMBEDDED INTERNET Da un lato, possibilità di connessioni a Internet pervasive via telefono via radio via satellite attraverso la rete elettrica Dall altro, dispositivi di calcolo pervasivi telefonini, palmari frigoriferi, lavatrici macchine, segnali stradali maniglie delle porte, sistemi d allarme TIPI DI RETE Il principale criterio di classificazione delle reti è la loro scala dimensionale, in altre parole quello che conta è la distanza tra le varie utenze. In questo ambito, infatti, si distingue tra reti locali, reti metropolitane e reti geografiche. 7

8 Distanza tra i processori Ambito Tipo di rete 10 m Stanza Rete Locale 100 m Edificio Rete Locale 1 Km Campus Rete Locale 10 Km Città Rete Metropolitana 100 Km Nazione Rete Geografica 1000 Km Continente Rete Geografica Km Pianeta Internet* (Rete Geografica) La distanza, quindi, è un fattore molto importante, poiché a differenti scale dimensionali si usano differenti tecniche di comunicazione. Reti LAN Le reti LAN (Local Area Network) in genere, sono identificate da alcune caratteristiche: Sono di proprietà di una organizzazione (reti private); Hanno un estensione che arriva al massimo a qualche km; Si distendono nell ambito di un solo palazzo o al massimo di un campus (non si possono di norma posare i cavi sul suolo pubblico); Sono usate per connettere PC o workstation. I loro principali pregi, generalmente, sono: La loro ampia velocità di trasmissione (da 10 a 100 Mb/s); La loro bassa frequenza di errori. 8

9 Tutto questo è unito a dei costi di realizzazione abbastanza alti (ma pur sempre convenienti) addolciti da dei bassissimi costi di manutenzione, che rendono queste reti le più usate negli uffici. Rete LAN-Ethernet Questo tipo di rete è la più diffusa del mondo, perché è quella più economica e più semplice da realizzare e mantenere, il tutto unito ad una buona velocità (10 Mb/s). La sua tecnologia di trasmissione è di tipo probabilistico, vale a dire che ciascuna stazione di lavoro conta sulla probabilità di accedere alla linea trasmissiva, ma non ha nessuna garanzia che questa sia libera e che lo resti per tutto il tempo necessario a completare la trasmissione. Questo avviene perché lo stesso segmento di cavo è condiviso anche da un numero elevato di stazioni, e ciascuna di queste potrebbe in un qualsiasi momento iniziare a trasmettere. Tecnicamente questo sistema si chiama CSMA/CD: Carrier Sense Multiple Access (accesso multiplo con individuazione preventiva della portante) e Collision Detection (riconoscimento della collisione). Tutto ciò però non basta ad evitare problemi poichè che il troncone cavo presenta un certo ritardo nella propagazione del segnale, può succedere che due stazioni inizino a trasmettere contemporaneamente causando una collisione. Se ciò avviene i computer trasmittenti smettono di trasmettere e aspettano per un certo tempo casuale (determinato dal loro orologio interno) di riprendere la tramissione (l intervallo casule serve ad evitare che la collisione si ripeta sistematicamente). Vediamo ora quali sono gli elementi costitutivi di una rete LAN 9

10 Elementi costitutivi delle reti LAN Gli elementi principali per poter realizzare una rete LAN sono: Un numero minimo di due computer Una scheda di rete (un dispositivo che permette al computer di colloquiare con la rete) installata su ogni computer (chiamata anche NIC: Network Interface Card). Le schede più comuni sono le Ethernet da 10/100 (da 10 a 100 Mb/s). Un mezzo di collegamento, ovvero il cavo. Oggi esiste anche la possibilità di far comunicare i computer e le periferiche collegate in rete anche senza fili (Wireless). Un software di rete, normalmente già presente su tutti i più comuni sistemi operativi quali Windows 9x, Windows NT/2000, Apple MacOS etc. Un punto di aggregazione, ovvero una scatola per connettere tutti i cavi. In passato vi erano anche reti in cui i cavi si attaccavano direttamente agli altri computer:oggi invece la reti mirano ad una struttura più efficiente, che riunisce i cavi connessi al PC in un unico punto. Questa scatola intelligente decide tutti i movimenti di dati sulla rete e generalmente è un hub o uno switch. Mezzi di collegamento La scelta di questo mezzo è una delle più importanti nel costruire una rete, infatti bisogna spesso prevedere la possibilità di future espansioni: quindi se ora scegliamo un cavo che nel nostro sistema è già al suo limite massimo di 10

11 prestazioni, in caso di ampliamento bisognerà far ripassare e sostituire tutti i cavi con evidenti disagi e costi aggiuntivi. Al giorno d oggi i più comuni mezzi di comunicazione sono: Il cavo coassiale Questo cavo è molto simile a quella delle comuni antenne televisive, ed è costituito da un conduttore di rame avvolto in uno strato isolante. Offre un buon isolamento e quindi anche la possibilità di poter trasmettere dati con buona velocità su lunghe distanze. Al giorno d oggi questa soluzione è però in disuso sia nelle reti locali (dove si preferisce il doppino, più economico e veloce), sia sulle lunghe distanze dove sta prendendo piede la fibra ottica. Doppino intrecciato Questo è il cavo tuttora più usato nelle reti locali vista la sua economicità e la sua elevata velocità di trasmissione (fino a qualche Km mantiene velocità di diversi Mb/s). Esistono due diversi tipi di doppini: Quello di Categoria 3,non schermato, usato nelle linee telefoniche tradizionali. Quello di Categoria 5, più stabile sulle lunghe distanze (perché più schermato) e più idoneo alla trasmissione di dati ad alta velocità (compatibile con la Fast Ethernet a 100 Mb/s) Figura 4 Figura 5 11

12 Fibra Ottica Le fibre ottiche sono una nuova tecnologia che avrà notevoli sviluppi futuri. Oggi sono usate principalmente per i grandi server (Tin, Libero, Wind,etc ) visto la loro incredibile velocità di trasporto dati (arrivano a 1.5 Gb/s e oltre) ma il loro costo è ancora molto elevato. Figura 6 Inoltre le reti (o le apparecchiature che la compongono), spesso vengono già vendute per essere usate con un apposito connettore che si può identificare anche nella sigla che dà il nome alla rete, ad esempio nelle sigle: 10Base-2 individuano delle reti ethernet da usare con dei cavi coassiali da 5 mm con la sigla RG58, dove 10 è la velocità di connessione in Mb/s, la parola base sta Figura 7 per banda base e 2 sono i metri massimi che possono raggiunger i singoli rami (200m). 10Base-T indica invece una rete Ethernet a stella che necessita di un hub o di uno switch, con velocità di 10 Mb/s avente come connettori dei doppini di serie 5. 12

13 TIPOLOGIE DI INTERCONNESSIONE LAN Punto a Punto (ogni computer collegato direttamente con gli altri, rete totalmente connessa) Pro: comunicazione veloce tra tutti i computer. Contro: alto costo di canali di comunicazione, alto costo interfacce di rete, non scalabile A stella (hub come redistributore di messaggi): Figura 8 Pro: basso costo linee di comunicazione (se computer non troppo distanti) e di interfacce di rete. Contro: hub punto di intasamento (collo di bottiglia) se traffico intenso, punto sensibile di rottura, poco scalabile F. Zambonelli Concetti Base Ad anello, rete IBM Token Ring : un computer è collegato ad altri due, i messaggi tra computer non vicini vengono instradati dai computer intermedi: 13

14 Figura 9 Pro: basso costo linee di comunicazione Contro: partizionamento rete in caso di guasti, lunghi tempi di trasmissione tra computer distanti A bus: tutti i computer si affacciano su un unico cavo trasmissivo Figura 10 Pro: costo molto basso linee di comunicazione, basso costo dispositivi di I/O (sono molto semplici), rete molto diffusa. La tipologia a bus è attualmente la più 14

15 usata (rete Ethernet). Contro: quando un computer manda messaggi gli altri non possono (conflitti sulle rete di comunicazione), relativamente scalabile (max 300 metri, max 200 computer) Figura 11 NOTA: le reti radio sono logicamente a bus, perché i dispositivi si affacciano e sfruttano tutti lo stesso mezzo trasmittivo (lo spazio) Reti MAN Le reti MAN (Metropolitan Area Network) hanno un estensione tipicamente urbana (quindi anche molto superiore a quella di una LAN) e sono generalmente di proprietà di un azienda, ma destinate al servizio pubblico (ad es. l azienda Telecom Italia mette la rete telefonica a disposizione di chiunque desideri, subordinato al pagamento di una tariffa). Le principali caratteristiche di queste reti sono: Alte velocità di trasmissione; Costi molto elevati di realizzazione e di manutenzione. 15

16 Reti WAN Le reti WAN (Wide Area Network) sono reti geografiche che si estendono al livello di una nazione, di un continente o di un intero pianeta. Queste reti sono generalmente formate da un insieme di più MAN, e il loro accesso è spesso fornito da un ISP* (Internet Service Provider) i cui servizi, generalmente, sono gratuiti. Le principali caratteristiche di queste reti sono: Bassi costi; Velocità basse; Utilizzo di linee telefoniche standard come mezzo di comunicazione principale. CONNESSIONI WAN Figura 12: Più reti connesse tra loro ( INTER-NET-WORKING ) 16

17 Tipologia di connessione punto-punto non completa (non tutti si connettono con tutti, rete parzialmente connessa) mezzi trasmissivi diversi tra router e router: cavi dedicati, cavi telefonici (in questo caso si connettono via modem per effettuare conversioni digitale/analogico), sistemi radio e satellitari collegano tipi di reti anche diverse tra loro più strade possibili tra due reti inaffidabilità dei mezzi trasmissivi Problema di instradamento (ROUTING) computer dedicati specifici, i router devono decidere come recapitare i messaggi da una rete all altra scelgono le strada che a loro sembra più conveniente (politica di routing). PUNTI DI AGGREGAZIONE Come già detto questi punti di aggregazione sono delle scatole in cui convergono tutti i cavi che collegano i computer in rete. Esse hanno una funzione molto importante, in quanto regolano e gestiscono il traffico dei dati sulla rete, influenzandone notevolmente il rendimento. In commercio esistono due diversi tipi di scatole : Hub Questi tipi di ricevitori agiscono in modo passivo sulla rete, in quanto si limitano solo a ricevere i pacchetti di dati ed a metterli in circolazione, senza analizzare il modo in cui lo stanno facendo. 17

18 Il loro limite sta nel fatto che la larghezza di banda* viene condivisa da tutte le utenze collegate in quel momento, quindi se una stazione sta sfruttando il 10% della banda, agli altri rimarrà da sfruttare solo il 90%. È quindi evidente che con questo sistema la banda tende ad esaurirsi molto velocemente, e, come se non bastasse, bisogna contare che le normali reti ethernet non riescono ad essere sfruttate oltre il 60% della larghezza di banda massima (6 Mb/s), per il moltiplicarsi delle collisioni. Inoltre i dati non vengono inviati solo al computer destinatario, ma a tutti i computer in rete che poi provvederanno ad accettarli o no, causando un traffico molto intenso. Per questo gli Hub son usati solo in reti piccole, o comunque a basse prestazioni. Switch Gli Switch svolgono la stessa funzione degli hub ma in modo più sofisticato, visto che sono molto più potenti ed intelligenti. Per prima cosa offrono agli utenti una velocità di trasmissione molto maggiore, perché in questo caso la banda non è condivisa ma dedicata: ciò significa che se l efficenza di trasmissione massima è di 10 Mb/s, ogni computer ha i propri 10 Mb da sfruttare e non deve condividerli con nessuno. Inoltre uno switch invia i pacchetti di dati solo alla porta specificata dal destinatario (questo avviene perché riesce a leggere le informazioni con l indirizzo di ogni pacchetto*di dati) in quanto riesce a stabilire una connessione temporanea tra la sorgente e la destinazione, chiudendola alla fine della connessione, lasciando sempre libera la linea per gli altri computer che possono sfruttare la loro linea dedicata senza intralciare le altre utenze. 18

19 ALTRE PERIFERICHE DI RETE Generalmente negli uffici commerciali le reti non sono usate unicamente per lo scambio dei dati, ma anche per la condivisione dell accesso ad internet e di periferiche come le stampanti. Infatti, una delle potenzialità maggiori della rete è quella di poter condividere l acceso remoto, garantendo così la navigazione a tutti i computer, senza la necessità di dover collegare più modem a diverse linee telefonica (cosa che avrebbe una spesa molto maggiore). Tutto questo può avvenire grazie ad uno strumento chiamato router. Router I router sono degli smistatori di traffico che ricevono i dati e li smistano da qualche altra parte. Nelle reti si occupano generalmente del traffico verso l esterno, ad esempio di un collegamento ad internet. Questi apparecchi sono molto intelligenti: leggono un indirizzo completo per determinare il punto successivo a cui inviare il pacchetto di dati. Inoltre, grazie ad una particolare tabella chiamata tabella di routine, sono anche in grado di far arrivare i dati a destinazione attraverso i percorsi più veloci, infatti se trovano una strada occupata cercano subito una via alternativa senza bloccare il traffico della rete. PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE I componenti che costruiscono la rete, per poter comunicare tra loro e, se necessario, verso l esterno hanno bisogno di un linguaggio di comunicazione che sia standardizzato. 19

20 Questo linguaggio possiede, all incirca, il ruolo di un interprete universale: deve poter essere compreso da tutti i componenti e i software oggi in commercio indipendentemente da chi li ha prodotti. Nelle moderne reti questo compito è svolto da dei linguaggi chiamati protocolli di comunicazione, e tra questi il più usato è il TCP/IP. Protocollo TCP/IP Questo protocollo ha principalmente la funzione di trasportare i dati attraverso la rete e compie questa operazione in due momenti distinti. Inizialmente il protocollo TCP (Transmission Control Protocol) suddivide i dati in pacchetti, indica la modalità del trasporto e di conseguenza anche il modo in cui si dovrà manipolare i dati ricevuti. Successivamente si assegnerà ad ogni pacchetto l indirizzo IP (Internet Protocol, il cui significato verrà trattato nel paragrafo successivo) del mittente e quello del destinatario, in modo da indicargli gli estremi del percorso che dovrà compiere. Il grande vantaggio di questo protocollo è però quello che prima di trasmettere il pacchetto di dati successivo ci si assicura che quello precedente sia arrivato a destinazione, solo allora si provvederà ad inviare le informazioni successive. Questo meccanismo appesantisce un po la connessione ma la rende molto sicura. Indirizzo IP L indirizzo IP è riconducibile al nome dell host collegato in rete. Con host si intende genericamente un utenza che in quel momento è reperibile in rete, come potrebbe essere un terminale o un router. Questo nome è espresso sotto una forma numerica definita, ad esempio: xxx.yyy.zzz.www 20

21 dove x,y,z e w sono dei numeri compresi tra 0 e 255, che poi in pratica vengono tradotti in numeri binari a 32 bit (quindi ogni termine x,y,z o w rappresenta 8 bit). Questo nome deve essere univoco e non ci devono essere errori nell assegnazione, per questo esiste un organo chiamato IANA ( Internet Assigned Number Autority ) che si preoccupa di gestire questi indirizzi. Perciò per acquistare un dominio internet bisogna chiedere prima l autorizzazione a tale organo, in modo diretto o indiretto (attraverso un ISP che ha già acquistato una serie di domini). Classi di indirizzi IP Gli indirizzi IP vengono differenziati secondo il numero di bit che deve essere destinato ad identificare la rete o il numero di host. Questi indirizzi sono divisi in 5 classi di appartenenza, da A ad E. Classe IP A 0 8 bit Network 32 8 bit 8 bit 8 bit Host B 1 0 Network Host C Network Host D Multicast address (indirizzo di gruppo) E Riservato per uso futuro 21

22 L indirizzo di classe A dedica i primi 8 bit all individuazione della rete, e i restanti 24 alla numerazione dell host. Nei primi 8 bit è stato però stabilito che il primo di questi debba essere 0, quindi trasformando in decimale il numero binario più alto si ha il numero massimo di reti individuabili. L indirizzo di classe B funziona in modo analogo a quello di categoria A, solo che indirizza i primi 16 bit all individuazione della rete e i restanti alla numerazione degli host. Anche qui è stato stabilita una piccola convenzione, i primi due bit dell indirizzo totale devono essere 1 e 0. L indirizzo di classe C, invece, è forse quello più usato nelle piccole reti LAN per la sua semplicità, in quanto con i primi 24 bit individua la rete (e di questi i primi tre bit devono essere 110), e con i restanti 8 classifica gli host. E quindi ovvio che con questo indirizzo si possano identificare solo 255 host, un numero comunque elevato per una rete locale. Le restanti classi di indirizzi, D ed E, sono classi particolari riservate o a servizi di multicasting (D), o per eventuali usi futuri (E). Anche in questi indirizzi ci sono delle regole da rispettare riguardo ai valori dei primi bit, i quali sono riportati nella tabella sovrastante. Maschere di sottorete Queste maschere hanno il compito di far capire al nostro software di rete la classe di indirizzo che noi usiamo, e quindi quali byte identificano la rete e quali gli host, in modo che riesca ad interpretarlo correttamente. Le maschere di sottorete usate dalle varie classi sono: Classe A Classe B Classe C

23 Indirizzi IP predefiniti per le rete locali Se si vuole costruire una rete locale di computer che non ha accesso verso l esterno, non bisogna chiedere l autorizzazione degli indirizzi IP all ente competente, ma basta usare degli indirizzi standard dedicati proprio a quest uso: Da A Classe A Classe B Classe C Questa raccomandazione è stata fatta per fornire degli indirizzi non in conflitto con quelli in uso su internet. DNS Il DNS (Domain Name System) è il protocollo che provvede a fare la conversione del numero IP in un indirizzo alfanumerico, meglio memorizzabile da una persona e viceversa, facendo in modo che quando noi scriviamo un indirizzo esso venga tradotto in un numero interpretabile dal server. Questo protocollo generalmente nel server viene disattivato e si lascia che sia il router (o chi per esso) ad assegnarlo. Nei client invece, generalmente, si scrive nello spazio dedicato al DNS (che vedremo più avanti) l indirizzo del server (o della macchina collegata ad internet) in modo che sia questa ultima macchina ad assegnarlo automaticamente. 23

24 ESEMPIO DI CONFIGURAZIONE DI UNA RETE 10BASET Le principali caratteristiche di questo tipo di rete sono: È una rete Ethernet con velocità di 10 Mb/s; È di tipo Client-Server, nella quale vi è un computer (server*) che è dedicato a fornire servizi agli altri PC della rete (client*); Come cavi usa dei doppini ritorti di classe 5, compatibili anche con la più veloce fast ethernet; Prevede l uso di uno o più hub o switch, secondo le esigenze (poiché ha una disposizione a stella, come dimostrato in figura) Questo tipo di rete ha un principale vantaggio rispetto alle reti a bus (o collegate in serie), infatti, se si guasta un nodo, non si ha un blocco totale nella rete ma l hub (o chi per esso) provvede a isolare solo quel nodo, lasciando liberi di funzionare gli altri. Le principali operazioni attraverso le quali si arriva a configurare una rete sono essenzialmente due: Assemblaggio dello strato fisico (installazione schede di rete, collegamento cavi..) Configurazione dei protocolli (nominativo macchina, TCP/IP,DNS ) 24

25 ASSEMBLAGGIO DELLO STRATO FISICO In questo strato si assembla principalmente la parte hardware*, e cioè le schede di rete e i dei cavi. Installare la scheda di rete è un operazione abbastanza facile poiché basta aprire il computer e inserire la scheda nell apposito slot PCI*, richiuderlo e riavviare la macchina. Sicuramente il sistema operativo riconoscerà il nuovo componente hardware inserito e ci chiederà di indicargli dove si trovano i suoi driver, quindi basterà indicargli la loro posizione (cd o floppy) e il sistema la installerà correttamente. P.S= Durante queste operazioni occorre tenere sempre a portata di mano il cd di installazione di Windows, in quanto il sistema potrebbe richiederlo. 25

26 Anche montare i cavi è un operazione molto facile, che però richiede una certa conoscenza dello schema della rete che si andrà a montare. Per far ciò basta portare i cavi, i doppini, dall uscita della scheda di rete fino all entrata dell hub, e dopo, se necessario, collegare in cascata i diversi hub secondo uno schema definito in precedenza CONFIGURARE I PROTOCOLLI DI RETE Questa operazione, invece, richiede un po di dimestichezza con i vari protocolli presenti in rete, e può essere divisa in tre parti: inizialmente si dà un nominativo letterale al computer, e un gruppo di lavoro, dopo si configura il protocollo TCP/IP ed il Gateway ed infine si configura il DNS. Durante queste operazioni tenete sempre a portata di mano il cd di installazione di Windows, in quanto il sistema sicuramente lo richiederà. 26

27 IDENTIFICATIVO COMPUTER E GRUPPO DI LAVORO Per accedere a questa schermata bisogna effettuare il seguente percorso: Risorse del computer\ Pannello di controllo\ Rete e selezionare Identificazione Arrivati a questo punto bisogna scrivere il nominativo e il gruppo nell apposito spazio. Il nominativo rappresenta il nome che andrà ad avere il nostro computer in rete, e quindi quello che vedranno gli altri utenti. Il gruppo di lavoro è invece una stanza virtuale dove noi, ad esempio, possiamo riunire, a livello di software*, tutti i computer che svolgono un particolare lavoro, per poi ritrovarli con maggiore facilità. PROTOCOLLO TCP/IP E GATEWAY Per arrivare a questa schermata bisogna seguire il seguente percorso: Risorse del computer\pannello di controllo\ Rete Quindi bisogna evidenziare (premendo una volta con il mouse) il protocollo TCP/IP con accanto il nome della scheda di rete che è stata appena installata (nel mio caso una Realtek RTL8029). A questo punto bisogna ciccare su proprietà per configurare i protocolli. 27

28 Una volta eseguita la precedente operazione si aprirà la finestra qui accanto (nel caso non sia evidenziata l opzione Indirizzo IP occorre evidenziarla). Quindi bisogna spuntare l opzione Specifica indirizzo IP e scrivere gli indirizzi IP e la Subnet Mask predefiniti negli appositi spazi. Nel nostro caso useremo indirizzi IP standard, e cioè quelli riservati alle reti LAN di classe C. Quindi al server daremo l indirizzo e agli altri elaboratori indirizzi sempre crescenti e diversi tra loro. La Subnet Mask è invece uguale per tutti gli elaboratori dipende dalla classe dell indirizzo IP,nel nostro caso per la classe 3 è:

29 Dopo aver impostato l indirizzo IP bisogna configurare il Gateway. Questo numero rappresenta il nome della macchina che consente lo scambio di dati con l esterno (generalmente con internet*), quindi di solito è il nome del server, del proxy* o del router. Per inserirlo bisogna prima scriverlo nella finestra Nuovo gateway, e dopo premere il pulsante aggiungi. Così facendo il numero appena scritto andrà a posizionarsi nella finestra Gateway installati 29

30 CONFIGUAZIONE DNS Come abbiamo già detto, il DNS è il protocollo che ha il compito di convertire il nome dell host in un indirizzo numerico e viceversa. Nella nostra rete locale va configurato in due modi diversi: Nei client va abilitata l opzione Attiva DNS, e va scritto nella casella Ordine di ricerca server DNS l indirizzo IP del server o del router, premendo aggiungi al termine dell operazione. 30

31 Così facendo apparirà nella finestra sottostante l indirizzo IP appena scritto. Nel server, invece, bisogna selezionare la casella disattiva DNS, in modo che gli venga assegnato in automatico dal router o dal proxy. Una volta concluse queste operazioni su tutti i computer, la nostra rete dovrebbe essere configurata Rimane solo da fare la condivisione di file e stampanti, eseguendo le seguenti istruzioni: Aprire il Pannello di controllo e selezionare l icona Rete In questa finestra premere il bottone condivisione di file e stampanti, attivare entrambe le caselle presenti (condividi i file e condividi stampanti), e premere ok. 31

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni ab Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni www.ubs.com/online ab Disponibile anche in tedesco, francese e inglese. Dicembre 2014. 83378I (L45365) UBS 2014. Il simbolo delle chiavi e UBS

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli