Capitolo 11 La gestione dei consumatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 11 La gestione dei consumatori"

Transcript

1 Capitolo 11 La gestione dei consumatori

2 Obiettivi del capitolo Discutere le strategie per la gestione della partecipazione del consumatore all interno dell interazione di servizio Descrivere gli approcci per la gestione dell attesa dei clienti Spiegare i metodi per trattare con i clienti difficili Comprendere gli elementi fondamentali del sistema elettronico di gestione delle relazioni con i clienti

3 Caso di apertura: La saga de Il vostro è davvero un pessimo albergo Quello che era un semplice reclamo da parte di una coppia di turisti divenne alla fine uno dei casi più discussi e citati del nuovo millennio. La presentazione in PowerPoint, dal titolo Yours is a very bad hotel, documenta il caso di un grande albergatore di Houston. L insegnamento che si può trarre è che i consumatori possono creare o distruggere qualsiasi impresa (vedi pag. 254).

4 Le 4 aree più problematiche nella gestione del consumatore 1. La gestione della partecipazione del consumatore al processo del servizio 2. La gestione dell attesa dei consumatori 3. La gestione dei clienti difficili 4. L introduzione del sistema elettronico del Customer Relationship Management (CRM)

5 1. La gestione della partecipazione del consumatore Tale partecipazione comporta una diminuzione dell efficienza operativa per via dell aumento dell incertezza nella programmazione della produzione. Obiettivo: Facilitare la co-produzione così da personalizzare il servizio e produrlo più velocemente ed a costi minori. Come fare? Tramite: Lo sviluppo della fiducia del consumatore che non deve credere che la sua partecipazione sia sintomo di disinteresse nei suoi confronti La promozione dei benefici dell uso del self-service La stimolazione della prova del servizio così da capirne i vantaggi Il collaudo delle nuove procedure da parte dei dipendenti per anticipare intoppi La comprensione delle motivazioni del consumatore Insegnando ai clienti come usare le innovazioni tecnologiche del servizio Controllando e valutando la performance con cadenza periodica

6 2. La gestione dei tempi di attesa Alcuni principi per la gestione dei tempi di attesa: 1. Il tempo non occupato sembra passare più lentamente di quello occupato (occorre prevedere meccanismi di distrazione come i lounge bar, golf training courts). 2. L attesa che precede l erogazione sembra più lunga dell attesa durante lo svolgimento del processo. L attesa dopo sembra in assoluto la più lunga (ad es. per pagare il conto, attesa in fase di atterraggio o baggage claim). 3. L ansia fa apparire i tempi di attesa più lunghi (occorre identificarne le ragioni ed eliminarli, ad es. attraverso il ricorso a focus group). 4. Un tempo di attesa indefinito sembra durare più a lungo di un tempo di attesa conosciuto e definito (ad es. i ristoranti sovrastimano i tempi di attesa; la Disney mette cartelli informativi lungo le code).

7 2. La gestione dei tempi di attesa (cont) 5. Conoscere il motivo dell attesa riduce la percezione della durata dell attesa rendendo il cliente più comprensivo. 6. L attesa ingiustificata sembra più lunga dell attesa giustificata (ad esempio, essere scavalcati in coda, come ai ristoranti quando si è in grandi gruppi, o negli uffici quando chi telefona viene servito per primo rispetto a chi è lì di persona). 7. Più il servizio ha valore più i clienti sono disposti ad aspettare (il valore del servizio è associato allo status del fornitore: ad esempio, l attesa per un medico specialista o per il prof. ordinario rispetto all assistente) 8. L attesa in solitudine sembra durare più a lungo di quella in compagnia di altri (quindi, occorre creare occasioni di interazione tra i clienti)

8 Molti clienti sono difficili da gestire. Per questo abbiamo fatto un elenco di 5 tipologie di clienti infernali con i quali, tuttavia, se si è bravi ad interagire, si entrerà nelle grazie in futuro

9 3. La gestione dei clienti poco cooperativi Profilo 1 L egocentrico (Edgar) Caratteristiche: Pensa che uno come lui non dovrebbe mai stare in fila Chiederà assistenza per qualsiasi cosa richiedendo anche l intervento del direttore Tratterà il personale come se fosse una nullità perché lui, invece, sa sempre come fare le cose Particolarmente problematico per i nuovi dipendenti (più insicuri) Soluzioni: Conquistare il suo ego e lusingarlo Dimostrare iniziativa nella risoluzione dei problemi, sorprendendolo Mai parlare di politiche aziendali Usare frasi del tipo: per lei, Edgar, posso far questo

10 3. La gestione dei clienti poco cooperativi (cont) Profilo 2 L insolente (Betty) Caratteristiche: Dice senza mezze misure cosa pensa dei dipendenti e dell impresa Se non può avere ragione diventa volgare e rumorosa Soluzioni: Isolamento: farla accomodare in un altra stanza dove, ignorandone il linguaggio, si deve cercare di ascoltarla e capirla per risolverne i problemi Accordo selettivo: darle ragione sulle questioni di poca importanza, ma strategia rischiosa perché Betty potrebbe rammentare la discussione in futuro Disponibilità a risolvere il problema ma puntando i piedi per farle moderare il linguaggio. In caso contrario, andar via e farla sentire abbandonata a se stessa (probabilmente tornerà a scusarsi)

11 3. La gestione dei clienti poco cooperativi (cont) Profilo 3 L isterico (Harold) Caratteristiche: E il bambino che c è in noi, ma molto capriccioso e urlatore Se è insoddisfatto di qualcosa inizia a urlare diventando paonazzo e quasi gli scoppia la carotide Soluzioni: Bisogna isolarlo come con Betty, insieme alla quale costituisce il profilo altri clienti che incidono negativamente sull esperienza degli altri Quando è isolato, inizia a sfogarsi liberamente ed è qui che va individuato il suo problema da risolvere Stavolta, sarà sufficiente prendersi la colpa e scusarsi

12 3. La gestione dei clienti poco cooperativi (cont) Profilo 4 Il dittatore (Dick) Caratteristiche: Sembra il gemello cattivo di Edgar che dice a tutti cosa fare perché lui in passato ha fatto lo stesso lavoro Avrà con sé un elenco scritto del da farsi, con una copia per il personale, i superiori e il suo avvocato! Se poi le cose non funzionano è colpa del personale incompetente Soluzioni: Mai lasciarsi tiranneggiare e rispettare le regole così che il servizio venga fornito equamente a tutti E sempre bene comunicargli cosa si può fare per lui risolvendo il conflitto

13 3. La gestione dei clienti poco cooperativi (cont) Profilo 5 La scroccona (Freda) Caratteristiche: Vuole tutto gratis spingendo al limite le politiche di restituzione dell impresa (compra un vestito per una festa e lo restituisce il giorno dopo) Se la sua credibilità viene messa in gioco farà il diavolo a quattro Soluzioni: Una soluzione è darle ciò che vuole per levarsela di torno Un altra è minacciarla di azioni legali per indurla ad andarsene E per colpa di Freda che sono state introdotte regole burocratiche che penalizzano i clienti onesti

14 4. Customer Relationship Management (CRM) Il CRM è il processo di: Identificazione Attrazione Differenziazione Fidelizzazione dei clienti Il CRM permette all impresa di focalizzare i suoi sforzi sui clienti di maggior peso (regola dell 80%-20%)

15 4. Customer Relationship Management (CRM) (cont) Motivi che hanno portato alla nascita del CRM La vecchia legge secondo cui l 80% dei profitti proviene dal 20% dei clienti. Sono stati gli stessi clienti a comprimere i margini optando per bassi prezzi e convenienza rispetto alla qualità elevata dei servizi I costi di manodopera sono cresciuti, così come la pressione concorrenziale, con l effetto di mantenere bassi i prezzi di vendita. I margini si sono così ridotti dal 10% al 5% in molti settori. I mercati sono sempre più frammentati ed i costi delle promozioni sono in continuo aumento (ad es. i costi di mailing). Pertanto, non tutti i clienti possono essere trattati allo stesso modo!

16 4. Customer Relationship Management (CRM) (cont) L uso del CRM ha portato alla nascita di diverse pratiche tra cui: 1. L attribuzione di un codice (coding) 2. L instradamento (routing) 3. Il targeting 4. La condivisione (sharing)

17 4. Customer Relationship Management (CRM) (cont) 1. Il Coding I clienti vengono classificati e trattati in base al potenziale di redditività che rappresentano per l impresa Ad es. un cliente di platino della Starwood Hotel and Resorts Worldwide che può fare se vuole fare una proposta di matrimonio ai Caraibi? Questo va confrontato con un normale cliente che fa un acquisto presso l Ikea e, tornato a casa, si accorge della mancanza di alcuni pezzi (vedi slide seguente)

18 Esempi di Coding Un cliente di New York viaggia fino in New Jersey per comprare un tavolo presso un negozio Ikea. Appena tornato a casa, scopre che dalla scatola mancano alcuni pezzi. Il negozio si rifiuta di spedire le parti mancanti ed insiste perché sia lui a tornare a riprenderle in negozio. Il cliente, per di più, non dispone di una macchina. In confronto

19 Esempi di Coding (cont) Un cliente di platino della Starwood Hotels & Resorts Worldwide vuole fare una proposta di matrimonio alla sua fidanzata in India. La Starwood organizza le cose perché egli possa proporsi in privato. Inoltre, la Starwood fornisce una lussuosa carrozza, dei fiori, una cena speciale, ed una suite. Infine, nella reception, vi sarà a servirli il general manager in persona.

20 Esempi di Coding (cont) I clienti con carta di credito più redditizi della Sears, Roebuck & Co hanno il diritto di scegliere di essere serviti nelle due ore che preferiscono durante l orario di ufficio. A confronto, i clienti normali hanno a disposizione del normali 4 ore dell orario prestabilito.

21 4. Customer Relationship Management (CRM) (cont) 2. Il Routing (od instradamento) I call center indirizzano le chiamate in entrata a seconda del codice cliente. I clienti più importanti potranno essere serviti subito da un operatore in carne ed ossa, gli altri saranno instradati verso un servizio automatico

22 Esempi di Routing Chiama la compagnia elettrica e, a seconda del tuo status, dovrai restare in attesa per un po. I clienti top 350 vengono serviti da 6 persone. La fascia successiva, che consiste degli altri 700 migliori clienti, viene servita da altre 6 persone. I successivi clienti vengono serviti da due dipendenti. Il gruppo finale, composto da clienti, verrà indirizzato ad un sistema di risposta automatica.

23 Esempi di Routing (cont) I clienti signature di Charles Schwab Corp (e cioè quelli che hanno un budget di spesa di almeno $ o fanno almeno 12 operazioni all anno): Non aspettano mai più di 15 secondi per avere una risposta al telefono da parte di un addetto I clienti normali possono aspettare anche 10 minuti o più

24 4. Customer Relationship Management (CRM) (cont) 3. Il Targeting Ai clienti importanti vengono concesse riduzioni sugli onorari e rivolte spesso delle offerte speciali di cui i clienti meno importanti non conoscono neppure l esistenza

25 Esempi di Targeting La Centura Bank classifica i suoi clienti in una scala di profittabilità che va da 1 a 5. I più importanti di essi vengono chiamati al telefono più volte l anno anche per quelle che la banca chiama chiacchierate amichevoli, mentre il CEO chiama anche una volta l anno per augurare buone feste. Il tasso di fidelizzazione dei clienti più profittevoli è cresciuto del 50%. In confronto, quello dei clienti meno importanti è sceso dal 27% al 21%.

26 4. Customer Relationship Management (CRM) (cont) 4. Lo Sharing Consiste nella condivisione delle informazioni con altre parti dell impresa e nella vendita di tali informazioni ad altre imprese. Anche se il cliente dovesse essere nuovo per quell impresa, la sua storia ed il suo potenziale di spesa saranno quindi noti agli altri operatori.

27 Esempi di Sharing Un passeggero della United Airlines rimase scioccato dal sentirsi dire al banco del ticketing da un agente : Wow, c è qualcuno a cui lei non piace affatto. Il passeggero aveva avuto un alterco mesi prima con un altro dipendente della stessa compagnia. L alterco era entrato a far parte del permanent record del passeggero.

28 Limitazioni nelle pratiche del CRM Ai clienti non piace sapere che per alcuni di loro è riservato un trattamento di favore La conseguenza di questa situazione è che vi è stato un forte calo nella soddisfazione dei clienti ed un aumento dei reclami (vedi fig. 11.1). Un altro problema è dato dalla protezione della privacy: quanto è lecito sapere per un impresa sui suoi clienti? Il vice presidente della Continental Airlines una volta ha dichiarato siamo in grado di sapere anche se un cliente ha messo la mascherina per dormire. Infine vi è anche una questione etica da risolvere: è giusto che solo le persone benestanti ricevano un buon servizio?

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

La gestione dei reclami

La gestione dei reclami La gestione dei reclami - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via Madonna della Neve, 2/1 24021 Albino (BG)

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

Marketing Management

Marketing Management Marketing Management Modulo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Modulo 1 - slide 1 Obiettivi di apprendimento Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere

Dettagli

Se conduci una piccola azienda, devi vendere. Se sei un medico o un avvocato o un commercialista, devi vendere.

Se conduci una piccola azienda, devi vendere. Se sei un medico o un avvocato o un commercialista, devi vendere. Se conduci una piccola azienda, devi vendere. Se sei un medico o un avvocato o un commercialista, devi vendere. GLI IMPRENDITORI DEVONO VENDERE Qualunque sia la nostra attività, imprenditoriale o manageriale,

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

PROGETTO ECM INTERAMENTE FINANZIABILE TRAMITE FONDIMPRESA

PROGETTO ECM INTERAMENTE FINANZIABILE TRAMITE FONDIMPRESA PROGETTO ECM INTERAMENTE FINANZIABILE TRAMITE FONDIMPRESA PREMESSE In questo periodo di continui cambiamenti relativi al mercato, ai clienti ed ai margini che si riducono sempre più, è importante che la

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Contratti con i clienti

Contratti con i clienti Cambiare le regole Contratti con i clienti Most favoured customer clauses Garantire a tutti i propri clienti il prezzo più basso Apparentemente è una clausola che aiuta i clienti ma Rendono i venditori

Dettagli

POSTA CLASSICA La posta tradizionale con noi è più efficiente

POSTA CLASSICA La posta tradizionale con noi è più efficiente CARTA DELLA QUALITA A. PRINCIPI ISPIRATORI E OBIETTIVI DELLA CARTA DELLA QUALITÀ La Carta della Qualità di Consorzio S.M.B. recepisce gli obiettivi di qualità dei servizi rientranti nell ambito del servizio

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

info@ghineawebsolutions.it www.ghineawebsolutions.it T+39 0574 757134 F +39 0574 027820

info@ghineawebsolutions.it www.ghineawebsolutions.it T+39 0574 757134 F +39 0574 027820 info@ghineawebsolutions.it www.ghineawebsolutions.it T+39 0574 757134 F +39 0574 027820 Anche il sito più bello del mondo serve a poco se nessuno lo visita. Gli utenti danno una grande importanza alla

Dettagli

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE La promozione di un ristorante La promozione interna Si tratta delle strategie di vendita rivolte al cliente che è già «entrato» nel locale: Elaborazione di nuove proposte

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE La qualità del servizio passa attraverso la qualità delle persone 1. Lo scenario In presenza di una concorrenza

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

10 cose da sapere perché la propria agenzia di viaggi continui a stare (bene) sul mercato

10 cose da sapere perché la propria agenzia di viaggi continui a stare (bene) sul mercato 10 cose da sapere perché la propria agenzia di viaggi continui a stare (bene) sul mercato Carlo Maderna, titolare Clio Viaggi Srl ABSTRACT Il modello di business di un agenzia di viaggi è radicalmente

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Parte Quinta Le Strategie Cliente

Parte Quinta Le Strategie Cliente Parte Quinta Le Strategie Cliente Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi Dite addio ai vostri vecchi terminali di bordo, alle ore passate vicino alle colonnine in attesa di una chiamata, alle polemiche con i colleghi

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

Scuola dell infanzia di Loranzè Insegnante: Elisa Marta

Scuola dell infanzia di Loranzè Insegnante: Elisa Marta Scuola dell infanzia di Loranzè Insegnante: Elisa Marta Titolo dell attività: OGGI FACCIAMO GLI ATTORI Esperienza di role-play (fase 1) Costruzione di una carta T (fase 2) SINTESI DELL ATTIVITA I bambini

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Promuovere Rapporti Interpersonali

Promuovere Rapporti Interpersonali Promuovere Rapporti Interpersonali Obiettivi: Sensibilizzare maggiormente i soci sulla necessità del lavoro di squadra e di allacciare a tal fine rapporti interpersonali Fornire ai governatori distrettuali

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo.

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 6 Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. Dopo aver ragionato su quanto una spiccata consapevolezza

Dettagli

Il marketing è servito?

Il marketing è servito? O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T Il marketing è servito? Il fattore WOW w w w. o p e n s o u r c e m a n a g e m e n t. i t Tutto parte dal Marketing! COME SONO MESSE LE AZIENDE QUANDO SI PARLA

Dettagli

Business Intelligence CRM

Business Intelligence CRM Business Intelligence CRM CRM! Customer relationship management:! L acronimo CRM (customer relationship management) significa letteralmente gestione della relazione con il cliente ;! la strategia e il

Dettagli

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita

Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fare Retail L organizzazione innovativa del tuo punto vendita fareretail è una soluzione di by www.fareretail.it fareretail fareretail è la soluzione definitiva per la Gestione dei Clienti e l Organizzazione

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

Cos è la UNI EN ISO 9001?

Cos è la UNI EN ISO 9001? Cos è la UNI EN ISO 9001? Cos è la UNI EN ISO 9001? è una norma che definisce i requisiti per un sistema di gestione per la qualità. Aiuta le organizzazioni ad essere più efficaci ed efficienti, assicurando

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato!

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Realizzato da Luca Giovannetti, responsabile marketing di Europromo La società Europromo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

UniCredit Consumer Financing LE SOLUZIONI DI FINANZIAMENTO PERSONALE

UniCredit Consumer Financing LE SOLUZIONI DI FINANZIAMENTO PERSONALE UniCredit Consumer Financing LE SOLUZIONI DI FINANZIAMENTO PERSONALE Febbraio 2008 INDICE DELLA PRESENTAZIONE Unicredit Consumer Financing Prestiti personali: linee guida Novità 2008 Recapiti 2 CHI SIAMO

Dettagli

Il valore aggiunto per i tuoi clienti, una possibilità in più per incrementare il tuo fatturato. l innovativo sistema per l emissione di buoni online

Il valore aggiunto per i tuoi clienti, una possibilità in più per incrementare il tuo fatturato. l innovativo sistema per l emissione di buoni online l innovativo sistema per l emissione di buoni online Il valore aggiunto per i tuoi clienti, una possibilità in più per incrementare il tuo fatturato in collaborazione con Vuoi incrementare il tuo fatturato

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci FUORI CAMPO Luca Richelli insegna informatica musicale al conservatorio di Verona. E siccome di informatica ci capisce, quando a fine corso ha dovuto fare la

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Come valutare un acquirente o un venditore su ebay: i feedback.

Come valutare un acquirente o un venditore su ebay: i feedback. Mini Guida Come valutare un acquirente o un venditore su ebay: i feedback. Guida realizzata da Marco Misto. Sentitevi liberi di pubblicare GRATIS questa guida sul vostro sito a patto di non modificarne

Dettagli

Incontra il nuovo on-line negozio Club-Sale Travel

Incontra il nuovo on-line negozio Club-Sale Travel Incontra il nuovo on-line negozio Club-Sale Travel Club-Sale Travel nuovo progetto di viaggio della Club-Sale Gruppo, che è leader nelle vendite flash sul mercato russo Garantiamo: Vendita di un gran numero

Dettagli

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE Il Benchmarking sui bilanci è un fondamentale supporto alla gestione dell azienda Cerved ha appena pubblicato i dati di bilancio

Dettagli

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÁ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia Aziendale Esame di Laurea CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE Tutore: Prof. Maria Chiarvesio

Dettagli

Il marketing dei servizi. La gestione degli intermediari

Il marketing dei servizi. La gestione degli intermediari Il marketing dei servizi La gestione degli intermediari Gli intermediari nei servizi: canali diretti Le imprese di servizi distribuiscono la propria offerta in alcuni casi direttamente, in altri casi si

Dettagli

CON IL GIUSTO COMPAGNO DI VIAGGIO PUOI ARRIVARE OVUNQUE

CON IL GIUSTO COMPAGNO DI VIAGGIO PUOI ARRIVARE OVUNQUE CROSSROAD CON IL GIUSTO COMPAGNO DI VIAGGIO PUOI ARRIVARE OVUNQUE LE PRINCIPALI CRITICITA DEL SETTORE POLVERIZZAZIONE DEL FATTURATO FRAMMENTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI BASSA INFORMATIZZAZIONE COSTI ELEVATI

Dettagli

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing. la prima volta di un piatto non sarà mai 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.it ottimale ogni nuova ricetta richiede uno specifico know how che si apprende nel tempo Il

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Corso di specializzazione in Facility & Property Management Dr Elio Dissegna Lavoro di progetto Corso Dall idea al lancio di un nuovo prodotto oppure Nuovo prodotto per nuovo mercato

Dettagli

Tecnologie e sistemi per la business integration. www.xdatanet.com

Tecnologie e sistemi per la business integration. www.xdatanet.com Tecnologie e sistemi per la business integration www.xdatanet.com X DataNet, X costruttori DataNet, costruttori di softwaredi software Costruiamo Costruiamo soluzioni tecnologiche soluzioni tecnologiche

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti.

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. 3 LEZIONE: Pensiero Computazionale Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. Obiettivo Principale: Introdurre il modello del Pensiero Computazionale come metodo per la risoluzione

Dettagli

Vuoi vendere camere su internet?

Vuoi vendere camere su internet? vendere camere oggi vendere camere su internet Marco Vuoi vendere camere su internet? edita.it > vendere camere ü Definire obiettivi chiari ü Ottenere azioni concrete ü Gestire le richieste che arrivano

Dettagli

I social network. Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati. Non esiste il miracolo

I social network. Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati. Non esiste il miracolo I social network Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati Non esiste il miracolo Si deve lavorare e lavorare duro per ottenere risultati Le informazioni

Dettagli

Il VENDITORE è la persona che deve convincere il cliente a comprare i prodotti in vendita nel negozio.

Il VENDITORE è la persona che deve convincere il cliente a comprare i prodotti in vendita nel negozio. IL VENDITORE SCHEDA A Chi è e cosa fa il VENDITORE in un negozio????? Il VENDITORE è la persona che deve convincere il CLIENTE a comprare i prodotti in vendita Il VENDITORE può lavorare in diversi settori:

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Come scegliere la web agency. Scegliere l Agenzia Web. Tips and triks (Dalla parte della ditta)

Come scegliere la web agency. Scegliere l Agenzia Web. Tips and triks (Dalla parte della ditta) Come scegliere la web agency Scegliere l Agenzia Web. Tips and triks (Dalla parte della ditta) Premessa Come illustrato nello schema, raggiungere il cliente tramite internet (percorso frecce in verde)

Dettagli

Parte I La corrispondenza spagnola

Parte I La corrispondenza spagnola Parte I La corrispondenza spagnola Capitolo 1 La lettera e le sue parti 1.1 Intestazione... 23 1.2 Formule di apertura... 24 1.3 Corpo della lettera: introduzione, testo e conclusione... 31 1.4 Formule

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

qui Deutschland Via Piave, 41-o - 24068 Seriate (Bergamo) Tel. 035 19969 163 Cell. 331 741 8242 www.qui-deutschland.com info@qui-deutschland.

qui Deutschland Via Piave, 41-o - 24068 Seriate (Bergamo) Tel. 035 19969 163 Cell. 331 741 8242 www.qui-deutschland.com info@qui-deutschland. Chi siamo La vostra forza nei mercati di lingua tedesca Ogni mercato deve essere gestito in modo diverso, per questo Vi aiutiamo a vendere con successo i Vostri prodotti nel mercato tedesco, curando tutti

Dettagli

ESERCIZI SU POCO LATTE E SUL PIANTO

ESERCIZI SU POCO LATTE E SUL PIANTO 23. Esercizi su poco latte e sul pianto 111 Sessione 23 ESERCIZI SU POCO LATTE E SUL PIANTO Esercizio 15. Poco latte e Il pianto Come svolgere l esercizio: Le storie che trovate qui di seguito riguardano

Dettagli

Dispensa: La gestione della relazione con i clienti. UNIVERSITÀ LUMSA Corso: Customer Relationship Management

Dispensa: La gestione della relazione con i clienti. UNIVERSITÀ LUMSA Corso: Customer Relationship Management Dispensa: La gestione della relazione con i clienti UNIVERSITÀ LUMSA Corso: Customer Relationship Management LE TRAPPOLE DELLA FEDELTÀ Trappole della fedeltà: costi di gestione del cliente processo di

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

OPEN SOURCE MANAGEMENT. 7 Life for success. www.opensourcemanagement.it

OPEN SOURCE MANAGEMENT. 7 Life for success. www.opensourcemanagement.it OPEN SOURCE MANAGEMENT 7 Life for success www.opensourcemanagement.it 2 7 VITE PER UN DENTISTA Strategy Finance Comunication Experience Sales Organization Community 3 Strategy 4 Strategy In che cosa sei

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Il marketing dei servizi Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Evoluzione delle relazioni e OBIETTIVI del mkg relazionale L evoluzione delle relazioni con la clientela Clienti come

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Tel@com srl. La gioia di vendere. Colloquio di vendita

GRUPPO TELECOM ITALIA. Tel@com srl. La gioia di vendere. Colloquio di vendita Tel@com srl GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Colloquio di vendita Il nostro processo comunicativo 1 Presentazione personale 2 Feeling 3Motivo dell'incontro 4 Presentazione Aziendale 5 Conferma

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli

ING DIRECT. LA TUA BANCA A CONTI FATTI.

ING DIRECT. LA TUA BANCA A CONTI FATTI. ING DIRECT. LA TUA BANCA A CONTI FATTI. ING 10 volte DIRECT Se pensi alla banca il meno possibile, abbiamo lavorato bene. PER NOI Risparmiare non vuol dire rinunciare, ma saper scegliere. Fidarsi è bene,

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Opportunity. Il nostro valore aggiunto nella gestione della fidelizzazione

Opportunity. Il nostro valore aggiunto nella gestione della fidelizzazione Opportunity Il nostro valore aggiunto nella gestione della fidelizzazione grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE. L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS.

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE. L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. SCOPRI G2 AUTOMOTIVE. L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. Efficiente, rapido, su misura. G2 Automotive è l innovativo sistema di gestione specifico

Dettagli

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009 IL WEB WRITING di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale 15 0ttobre 2009 PARTE PRIMA Perché gli studi professionali sottovalutano ciò che viene riportato nei testi del loro

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli