PROPOSTA PERCORSO PARTECIPATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA PERCORSO PARTECIPATIVO"

Transcript

1 PROPOSTA PERCORSO PARTECIPATIVO per la definizione del Piano Unico di Gestione del Parco Fluviale della Sarca Ilaria Rigatti Parco Naturale Adamello Brenta

2 PERCHÉ UN PROCESSO PARTECIPATIVO? pluralità di interessi in gioco responsabilizza gli attori aumenta le opportunità di coinvolgimento degli attori e permette il confronto tra attori che solitamente non interagiscono capitalizza esperienze positive (Carta Europea del Turismo Sostenibile e revisione del PdP PNAB, Master Plan Parco Fluviale basso Sarca, PTC Comunità di Valle, ecc) permette un interpretazione comune delle opportunità e criticità, che agevola l emersione di proposte condivise rappresenta un formidabile moltiplicatore di idee, proposte e risorse

3 OBIETTIVI DEL PERCORSO Definizione bozza del Piano di Gestione Unico del Parco Fluviale della Sarca (12 anni) - Programma di Azione, articolato in proposte, idee, azioni in linea con gli obiettivi generali del piano di gestione da realizzare nel breve periodo (3 anni) con risorse dedicate mirate. - Specifiche modalità attuative (coinvolgimento diretto delle realtà locali pubbliche e private); - Proposte di fattibilità economica; - Proposta di governance unitaria del parco fluviale Redigere un Piano di Gestione dimanico e aperto

4 STRUTTURA DEL PROCESSO PARTECIPATIVO Suddivisione territoriale Ambito Val Rendena Busa di Tione Bocenago, Strembo, Caderzone, Giustino, Massimeno, Carisolo, Darè, Pinzolo, Spiazzo, Vigo Rendena, Villa Rendena, Tione, Breguzzo, Roncone, Bondo, Bolbeno, Zuclo, Montagne, Preore, Ragoli Ambito Giudicarie Esteriori Bleggio Superiore, Comano Terme, Dorsino, Fiavè, San Lorenzo in Banale, Stenico Ambito Basso Sarca Arco, Calavino, Cavedine, Dro, Lasino, Nago-Torbole, Padergnone, Riva del Garda, Vezzano

5 STRUTTURA DEL PROCESSO PARTECIPATIVO Metodologia partecipativa Forum territoriali organizzati in ogni singolo ambito Forum territoriali congiunti ai tre ambiti Tavoli tematici di approfondimento con enti locali, specifici attori su particolari temi Incontri mirati con singoli soggetti ed enti Sessione plenaria Tavoli di lavoro Metodologia partecipativa specifica a seconda dell obiettivo che si vuole raggiungere Sessione plenaria Coinvolgimento anche attraverso strumenti informatici (FB, twitter, blog, area scambio documenti)

6 STRUTTURA DEL PROCESSO PARTECIPATIVO Le fasi Due tempistiche diverse, con momento di convergenza alto - medio Sarca Val Rendena Busa di Tione / Giudicarie Esteriori basso Sarca

7 STRUTTURA DEL PROCESSO PARTECIPATIVO Le fasi 4 agosto settembre novembre dicembre avvio informazione

8 Le fasi informazione Rivolta prevalentemente agli attori della Rete di Riserve alto-medio Sarca AS settembre ottobre novembre dicembre 6 incontro per illustrazione e condivisione proposte nell'ambito delle zone SIC, Aree Protette ecc AS - BS 2 incontri di ambito con i referenti politici della Conferenza alto-medio Sarca AS 3 serate informative AS 1 incontro per istituzione Laboratorio Territoriale alto-medio Sarca AS 1 serata BS 1 incontro amministrazioni comunali alto-medio Sarca AS Attività di comunicazione (FB, depliant parco fluviale basso Sarca e depliant parco fluviale della Sarca, ecc)

9 STRUTTURA DEL PROCESSO PARTECIPATIVO Le fasi 4 agosto settembre novembre dicembre gennaio avvio informazione Attività di Vision

10 Le fasi apertura attività di Vision Obiettivi: condividere un idea comune di Parco fluviale creare consapevolezza sul concetto di Parco Fluviale alto-medio Sarca - 2 incontri Il Parco Fluviale secondo gli stakeholders Prime idee e progettualità di carattere generale basso Sarca - 1 incontro Restituzione vision alto-medio Sarca integrata con quanto emerso nel basso Sarca Raccolta eventuali proposte

11 STRUTTURA DEL PROCESSO PARTECIPATIVO Le fasi 4 agosto settembre novembre dicembre gennaio febbraio marzo aprile avvio informazione Attività di Vision laboratorio e approfondimento specifiche tematiche

12 Le fasi laboratorio specifiche tematiche acqua laghi fiumi ambiente territorio turismo sviluppo sostenibile 1 incontri (acqua, laghi e fiumi) AS 1 incontri (natura e territorio) AS 1 incontri (natura e territorio + acqua, laghi e fiumi) BS 1 incontro (turismo sostenibile) AS + BS tutti gli attori locali Incontri mirati con particolari soggetti ed enti

13 Le fasi laboratorio specifiche tematiche GOVERNANCE Obiettivo: proposta di definizione di una governance unica del Parco Fluviale Soggetti coinvolti: Organi di gestione delle Reti 1 incontro con le due Conferenze di Reti + successivi incontri mirati

14 STRUTTURA DEL PROCESSO PARTECIPATIVO Le fasi 4 agosto settembre novembre dicembre gennaio febbraio marzo aprile luglio avvio informazione Attività di Vision laboratorio e approfondimento specifiche tematiche convergenza Fattibilità e priorità delle azioni

15 Le fasi Priorità e fattibilità delle azioni Momenti di confronto diretto con i possibili soggetti attuatori delle azioni 1 incontro in plenaria AS + BS Soggetti coinvolti: tutti

16 STRUTTURA DEL PROCESSO PARTECIPATIVO Le fasi 4 agosto settembre novembre dicembre gennaio febbraio marzo aprile luglio settembre ottobre avvio informazione Attività di Vision laboratorio e approfondimento specifiche tematiche convergenza Fattibilità e priorità delle azioni Presen tazione pubbl.

17 Grazie per l attenzione!

ACCORDO DI PROGRAMMA FINALIZZATO ALL ATTIVAZIONE DELLA RETE DELLE RISERVE DELLA SARCA MEDIO E ALTO CORSO (L.P

ACCORDO DI PROGRAMMA FINALIZZATO ALL ATTIVAZIONE DELLA RETE DELLE RISERVE DELLA SARCA MEDIO E ALTO CORSO (L.P ACCORDO DI PROGRAMMA FINALIZZATO ALL ATTIVAZIONE DELLA RETE DELLE RISERVE DELLA SARCA MEDIO E ALTO CORSO (L.P. 23 maggio 2007 n. 11) SUL TERRITORIO DEI COMUNI DI BLEGGIO SUPERIORE, BOCENAGO, BOLBENO, BONDO,

Dettagli

(approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 98 dell 8 settembre 2014) SOMMARIO

(approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 98 dell 8 settembre 2014) SOMMARIO PROTOCOLLO D INTESA PER IL RICONOSCIMENTO DELL ATTESTAZIONE CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE PER LE STRUTTURE RICETTIVE ATTESTATE CON IL MARCHIO QUALITÀ PARCO (approvato con delibera

Dettagli

COLLEGIO ELETTORALE DI TRENTO DATI ELETTORALI DISTINTI PER COMUNE WAHLKREIS TRIENT WAHLERGEBNISSE NACH GEMEINDEN

COLLEGIO ELETTORALE DI TRENTO DATI ELETTORALI DISTINTI PER COMUNE WAHLKREIS TRIENT WAHLERGEBNISSE NACH GEMEINDEN COLLEGIO ELETTORALE DI TRENTO DATI ELETTORALI DISTINTI PER COMUNE WAHLKREIS TRIENT WAHLERGEBNISSE NACH N COMUNE/ ELETTORI ISCRITTI EINGETRA- GENE WÄHLER VOTANTI ABSTIMMENDE 1 ALA 5722 4618 80.71 109 2.57

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino In Rete: il progetto nel territorio della Comunità delle Giudicarie 19 aprile 2011

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino In Rete: il progetto nel territorio della Comunità delle Giudicarie 19 aprile 2011 Trentino In Rete: il progetto nel territorio della Comunità delle Giudicarie 19 aprile 2011-1- Il contesto 1/2 La digitalizzazione, l innovazione e la disponibilità di infrastrutture a larga banda sono

Dettagli

Prot. n. 703 Tione di Trento, 06 marzo 2014 AVVISO PUBBLICO. ManiFLU

Prot. n. 703 Tione di Trento, 06 marzo 2014 AVVISO PUBBLICO. ManiFLU Prot. n. 703 Tione di Trento, 06 marzo 2014 AVVISO PUBBLICO ManiFLU MANIFESTO FLUVIALE DI INIZIATIVE COORDINATE DELLA RETE DI RISERVE DEL BASSO SARCA Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il presente avviso - approvato

Dettagli

SOCIETA' A PARTECIPAZIONE PUBBLICA OPERANTI NELLE ATTIVITA' COMMERCIALI, DI TRASPORTO, PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO

SOCIETA' A PARTECIPAZIONE PUBBLICA OPERANTI NELLE ATTIVITA' COMMERCIALI, DI TRASPORTO, PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO ETA' A PARTECIPAZIONE PUBBLICA OPERANTI NELLE ATTIVITA' COMMERCIALI, DI TRASPORTO, PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA IN PROVINCIA DI TRENTO PARTECIPAZIONI AZIONARIE (dati della Camera di Commercio

Dettagli

Elenco degli enti e delle aziende di credito a carattere regionale aventi sede legale in provincia di Trento (riferito alla data del 31 dicembre 2014)

Elenco degli enti e delle aziende di credito a carattere regionale aventi sede legale in provincia di Trento (riferito alla data del 31 dicembre 2014) Bollettino Ufficiale n. 33/I-II del 18/08/2015 / Amtsblatt Nr. 33/I-II vom 18/08/2015 78 101302 Disposizioni - determinazioni - Parte 1 - Anno 2015 Provincia Autonoma di Trento DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

Dettagli

AGGIORNAMENTO ANNUALE DELLE ATTIVITA DELLA RETE DI RISERVE BASSO SARCA 02.2013/02.2014

AGGIORNAMENTO ANNUALE DELLE ATTIVITA DELLA RETE DI RISERVE BASSO SARCA 02.2013/02.2014 AGGIORNAMENTO ANNUALE DELLE ATTIVITA DELLA RETE DI RISERVE BASSO SARCA 02.2013/02.2014 a cura del Presidente della Rete di Riserve basso Sarca con la collaborazione Coordinatore della Rete Dott..sa Micaela

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI CONFRONTO E CONSULTAZIONE PER IL PIANO TERRITORIALE DI COMUNITÀ

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI CONFRONTO E CONSULTAZIONE PER IL PIANO TERRITORIALE DI COMUNITÀ REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO DI CONFRONTO E CONSULTAZIONE PER IL PIANO TERRITORIALE DI COMUNITÀ TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l organizzazione

Dettagli

Progetti concreti per la Famiglia in Giudicarie. Presentate le iniziative attivate grazie alla rete family.

Progetti concreti per la Famiglia in Giudicarie. Presentate le iniziative attivate grazie alla rete family. COMUNICATO STAMPA Progetti concreti per la Famiglia in Giudicarie. Presentate le iniziative attivate grazie alla rete family. Assegnato il marchio family a tre aziende e al Comune di Tione. 22 le nuove

Dettagli

TRIBUNALE DI TRENTO Sezione distaccata di Borgo Valsugana Sede: Via IV Novembre,1 - C.A.P. 38051 Borgo Valsugana Tel.0461-753004 FAX 0461-753379

TRIBUNALE DI TRENTO Sezione distaccata di Borgo Valsugana Sede: Via IV Novembre,1 - C.A.P. 38051 Borgo Valsugana Tel.0461-753004 FAX 0461-753379 TRIBUNALE DI TRENTO Sezione distaccata di Borgo Valsugana Sede: Via IV Novembre,1 - C.A.P. 38051 Borgo Valsugana Tel.0461-753004 FAX 0461-753379 Orario di apertura al pubblico: nei giorni feriali dalle

Dettagli

Mostra Trofei Tione di Trento 5 6 aprile Risultati Stagione Venatoria 2013

Mostra Trofei Tione di Trento 5 6 aprile Risultati Stagione Venatoria 2013 Mostra Trofei Tione di Trento 5 6 aprile 2014 Risultati Stagione Venatoria 2013 RENDENA GIUDICARIE L area sud occidentale ricopre una superficie di 131.437 ettari con un habitat cervo di 88337 ettari

Dettagli

PREMESSO CHE. Si confermano le premesse dell Accordo di programma originario

PREMESSO CHE. Si confermano le premesse dell Accordo di programma originario All. 1) ATTO MODIFICATIVO DELL ACCORDO DI PROGRAMMA APPROVATO CON DELIBERAZIONE GIUNTA PROVINCIALE N. 2043 DI DATA 21.10.2013 FINALIZZATO ALL ATTIVAZIONE DELLA RETE DELLE RISERVE DELLA SARCA - MEDIO E

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI

LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI Lorenzo Canova Futuro sostenibile: azioni e strumenti Conferenza Programmatica -25 Gennaio 2005 Milano 1 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PROMOZIONE

Dettagli

CONSORZIO DEI COMUNI B.I.M. SARCA-MINCIO-GARDA Beneficiari Piano Colore 2014

CONSORZIO DEI COMUNI B.I.M. SARCA-MINCIO-GARDA Beneficiari Piano Colore 2014 Nr. prot. dom. data prot. domanda COGNOME e NOME INDIRIZZO CAP COMUNE DI RESIDENZA PROV. COMUNE AMM.VO COMUNE CATASTALE P.ED. PREVENTIVO DI SPESA (compresivo di IVA) SPESA AMMESSA CONTRIB. CONCESSO NOTE

Dettagli

F24 IMIS, TARSU/TARIFFA, TOSAP/COSAP,

F24 IMIS, TARSU/TARIFFA, TOSAP/COSAP, CODICE CATASTALE CODICE TRIBUTO DATA ATTIVAZIONE (AAAA/MM/GG) TIPO TRIBUTO DENOMINAZIONE COMUNE A116 3990 2015/06/01 IMIS ALA A116 3991 2015/06/01 IMIS ALA A116 3992 2015/06/01 IMIS ALA A116 3993 2015/06/01

Dettagli

Nuovo PIANO DEL PARCO. Piano di gestione del patrimonio edilizio ELENCO DEI MANUFATTI EX-INCONGRUI E NUOVA CLASSIFICAZIONE

Nuovo PIANO DEL PARCO. Piano di gestione del patrimonio edilizio ELENCO DEI MANUFATTI EX-INCONGRUI E NUOVA CLASSIFICAZIONE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Nuovo PIANO DEL PARCO Piano di gestione del patrimonio edilizio 1 stralcio relativo ai manufatti ex incongrui Variante 2014 in adeguamento all art.61 della L.P. 1/2008, ai

Dettagli

PROGETTO DI PARCO FLUVIALE LUNGO IL FIUME SARCA

PROGETTO DI PARCO FLUVIALE LUNGO IL FIUME SARCA PROGETTO DI PARCO FLUVIALE LUNGO IL FIUME SARCA PRIMA PROPOSTA PROGETTUALE IL PRESIDENTE ing. Gianfranco Pederzolli LA SEGRETARIA dott.sa Luisa Ferrazza I PROGETTISTI ing. Giuliano Trentini dott. Luca

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

KEEPING AND ATTRACTING SKILLED EMPLOYEES THROUGH FAMILY-ORIENTED DEVELOPMENT OF INDUSTRIAL SECTORS

KEEPING AND ATTRACTING SKILLED EMPLOYEES THROUGH FAMILY-ORIENTED DEVELOPMENT OF INDUSTRIAL SECTORS KEEPING AND ATTRACTING SKILLED EMPLOYEES THROUGH FAMILY-ORIENTED DEVELOPMENT OF INDUSTRIAL SECTORS 4 MEETING del progetto Trasnazionale TRENTO, 27 29 gennaio 2015 Tappa in GIUDICARIE, 28 gennaio 2015 Intervento

Dettagli

F187-0013517-29/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02)

F187-0013517-29/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) F187-0013517-29/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) BANDO PER L AMMISSIONE ALLA CONVENZIONE PER LO SCARICO IN FOGNATURA DEI REFLUI DELLE P.M.I. AGROALIMENTARI, secondo quanto previsto dalla deliberazione

Dettagli

ELENCO HOTEL PINZOLO E VAL RENDENA

ELENCO HOTEL PINZOLO E VAL RENDENA ELENCO HOTEL PINZOLO E VAL RENDENA ALBERGHI CAT TEL 0465 FAX 0465 WEB MAIL indirizzo Beverly ****S 501158 503104 www.beverlyhotel.it info@beverlyhotel.it Via Carè Alto, 2 - Pinzolo Canada **** 502062 512007

Dettagli

I percorsi verso la certificazione ed il monitoraggio nei parchi nazionali (e non solo)

I percorsi verso la certificazione ed il monitoraggio nei parchi nazionali (e non solo) La Carta Europea per il Turismo Sostenibile I percorsi verso la certificazione ed il monitoraggio nei parchi nazionali (e non solo) Fabriano, 09 Ottobre 2014 Luca Dalla Libera - Federparchi La Carta Europea

Dettagli

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione ASSE II - Ambiente e prevenzione dei rischi Attività 4 Valorizzazione delle strutture di fruizione

Dettagli

P I A N O SOCIALE. delle Giudicarie 2 011-2 013

P I A N O SOCIALE. delle Giudicarie 2 011-2 013 P I A N O SOCIALE delle Giudicarie 2 011-2 013 Indice Presentazione........................... p..... 3 Cos è il Piano Sociale?.................... p..... 4 La Comunità delle Giudicarie...............

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE

Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Il ruolo e le responsabilità del Punto di Contatto Nazionale di LIFE Dott.ssa Stefania Betti Punto di Contatto Nazionale LIFE Ministero dell Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare Direzione generale

Dettagli

Costruire un offerta di turismo di comunità in Val di Rabbi: percorso partecipativo. Dot. Filippo Lenzerini. San Bernardo Rabbi (TN) 27 Settembre 2011

Costruire un offerta di turismo di comunità in Val di Rabbi: percorso partecipativo. Dot. Filippo Lenzerini. San Bernardo Rabbi (TN) 27 Settembre 2011 Costruire un offerta di turismo di comunità in Val di Rabbi: presentazione del percorso partecipativo Dot. San Bernardo Rabbi (TN) 27 Settembre 2011 1999 Laurea in Scienze Geologiche all Università di

Dettagli

Il Parco Fluviale della Sarca

Il Parco Fluviale della Sarca Provincia di Trento Gruppo Consiliare dei Verdi e Democratici del Trentino Il Parco Fluviale della Sarca Documento preliminare finalizzato ad un Accordo di Programma (rif. LP 11/2007) marzo 2011 PAN Studio

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

Piano Giovani di Zona Giudicarie Esteriori Space For You th

Piano Giovani di Zona Giudicarie Esteriori Space For You th Piano Giovani di Zona Giudicarie Esteriori Space For You th BANDO PER LA PRESENTAZIONE PRELIMINARE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2016 PREMESSA Che cos è il Piano

Dettagli

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Quadro legislativo Direttiva 2000/60/CE D.Lgs 152/2006, riportante Norme in materia ambientale Piano di Gestione del distretto idrografico del Fiume

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO FLUVIALE DEL PO TRATTO TORINESE, L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO NATURALE DELLA COLLINA TORINESE a cui

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

QUALITA NEI SERVIZI ALLA PERSONA

QUALITA NEI SERVIZI ALLA PERSONA Il Progetto Quality Cities, co-finanziato dalla Commissione Europea, si articola su un arco temporale di 10 mesi e prevede due Seminari di Benchmarking. Il primo si è svolto a Scandiano (Reggio Emilia)

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana Dall evidenza all azione Politiche di governance per una scuola sana Un mandato impegnativo Risulta ormai evidente che per conciliare e soddisfare i bisogni di salute nel contesto scolastico, gli orientamenti

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 Il Piano di orientamento dell U.S.R. dell Umbria Promuovere le scelte è rivolto ai docenti della scuola secondaria di I grado

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Protocollo d Intesa CETS Aree Protette PAT BOZZA. Protocollo d'intesa per l attivazione del percorso di adesione alla Carta Europea del Turismo

Protocollo d Intesa CETS Aree Protette PAT BOZZA. Protocollo d'intesa per l attivazione del percorso di adesione alla Carta Europea del Turismo BOZZA Allegato delibera C.E. n del 17.12.2015 Il Segretario generale Protocollo d'intesa per l attivazione del percorso di adesione alla Carta Europea del Turismo Premesso che: Sostenibile (CETS) delle

Dettagli

PLAFOND: 100.000.000 euro TASSO OMNICOMPRENSIVO: Tasso finito pari a 100bps (pro-solvendo)

PLAFOND: 100.000.000 euro TASSO OMNICOMPRENSIVO: Tasso finito pari a 100bps (pro-solvendo) BANCHE ADERENTI CASSA CENTRALE BANCA-CREDITO COOPERATIVO DEL NORD EST CASSE RURALI TRENTINE ADERENTI (Contatti nell'elenco allegato) CONDIZIONI APPLICATE PLAFOND: 100.000.000 euro Tasso finito pari a 100bps

Dettagli

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020

Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020 Tavolo di partenariato dei programmi CTE 2014-2020 Primo incontro dedicato ai programmi Cooperazione transfrontaliera Italia - Austria Cooperazione transnazionale Spazio Alpino Cooperazione transnazionale

Dettagli

CONTRATTO DI TRANSAZIONE. tra

CONTRATTO DI TRANSAZIONE. tra CONTRATTO DI TRANSAZIONE tra il Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano del Sarca (nel prosieguo BIM Sarca), con sede in Tione di Trento.. codice fiscale., rappresentata da: - ing. GIANFRANCO

Dettagli

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari RAV e dintorni Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015 Maddalena Cassinari 1. Motivazione del RAV * La parola chiave è: MIGLIORAMENTO * Attraverso * azioni correttive * cambiamenti necessari

Dettagli

Prot. n. 31 Reg. n. 31 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

Prot. n. 31 Reg. n. 31 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Prot. n. 31 Reg. n. 31 Strembo, 11 febbraio 2013 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE Oggetto: Approvazione in linea tecnica del progetto definitivo di miglioramento della fruibilità pedonale della Val Genova

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

Allegato 2 - PROTOTIPO DI PATTO DI COLLABORAZIONE

Allegato 2 - PROTOTIPO DI PATTO DI COLLABORAZIONE Allegato 2 - PROTOTIPO DI PATTO DI COLLABORAZIONE PROTOTIPO DI PATTO DI COLLABORAZIONE Di seguito, un esempio di (nello specifico tra Pnab e Azienda per il turismo Terme di Comano Dolomiti di Brenta) inviato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di MONGRANDO

ISTITUTO COMPRENSIVO di MONGRANDO Assenze NOVEMBRE 2013 101 202 assenza 8,00% presenza 92,00% 25 100 assenza 16,00% presenza 84,00% Assenze OTTOBRE 2013 101 162 assenza 5,94% presenza 94,06% 25 106 assenza 15,70% presenza 84,30% Assenze

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIOR PRESENZA DEL PERSONALE DELL ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO, SAN ROSSORE, MASSACIUCCOLI

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIOR PRESENZA DEL PERSONALE DELL ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO, SAN ROSSORE, MASSACIUCCOLI periodo : mese di GENNAIO 2014 50 1099 170 929 15,47 84,53 periodo : mese di FEBBRAIO 2014 50 1029 91 938 8,84 91,16 periodo : mese di MARZO 2014 50 1075 92 983 8,56 91,44 periodo : mese di APRILE 2014

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO NOVEMBRE 2013

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO NOVEMBRE 2013 NOVEMBRE 2013 di assenza 22 25 550 32 13 34 10 89 9 648 36 // // // 36 DICEMBRE 2013 di assenza 22 20 440 // 99 11 3 113 6 432 24 // // 6 30 GENNAIO 2014 22 25 550 12 54 24 19 109 7 504 3 // 2 1 6 FEBBRAIO

Dettagli

GENNAIO 2015 Utenze Non Domestiche

GENNAIO 2015 Utenze Non Domestiche G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S GENNAIO 2015 D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Dettagli

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011 del mese di Gennaio 2011 area unica 684 136 548 19,88% 80,12% 32 del mese di Febbraio 2011 area unica 684 97 587 14,18% 85,82% 32 del mese di Marzo 2011 area unica 768 95 673 12,37% 87,63% 32 del mese

Dettagli

Programma di lavoro anni 2014/2015

Programma di lavoro anni 2014/2015 GIUDICARIE ESTERIORI TERME DI COMANO Provincia autonoma di Trento Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili ACCORDO DI AREA PER LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA GIUDICARIE ESTERIORI

Dettagli

La Cets come metodo di lavoro

La Cets come metodo di lavoro Dalla CETS al Qualità Parco : l esperienza di un rapporto positivo tra operatori privati e Pnab 1 1 La Cets come metodo di lavoro La Carta europea del turismo sostenibile 2 progetto reale e condiviso con

Dettagli

F.I.G.C. L.N.D. S.G.S. COMITATO PROVINCIALE AUTONOMO DI TRENTO. ALLIEVI 1. fase qualificaz. Elite 2014 2015 - GIRONE A

F.I.G.C. L.N.D. S.G.S. COMITATO PROVINCIALE AUTONOMO DI TRENTO. ALLIEVI 1. fase qualificaz. Elite 2014 2015 - GIRONE A ALLIEVI 1. fase qualificaz. Elite 2014 2015 - GIRONE A ANAUNE V.DI NON - AZZURRA SB AZZURRA SB - VIPO TRENTO MEZZOCORONA - BASSA ANAUNIA BASSA ANAUNIA - ANAUNE V.DI NON VIPO TRENTO - ROTALIANA ROTALIANA

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

CETS. sviluppo? Necessario creare uno strumento! Le sfide, diffusione e buone pratiche

CETS. sviluppo? Necessario creare uno strumento! Le sfide, diffusione e buone pratiche CETS La Carta Europea per il Turismo Sostenibile Le sfide, diffusione e buone pratiche Antonello Zulberti Gli scopi dei parchi sono contraddittori? E possibile conciliare conservazione e sviluppo? Riflessioni

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione del Cliente ed emissione Carta dei Servizi

Indagine sulla soddisfazione del Cliente ed emissione Carta dei Servizi P R E S E N T A ZI O N E D I ITINERIS S.R.L. Itineris nasce nel a Trento su iniziativa di un gruppo di professionisti con esperienza pluriennale nella consulenza ad aziende ed enti pubblici. I settori

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

* * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra Comune di Strembo e la Società Trentino Trasporti

* * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra Comune di Strembo e la Società Trentino Trasporti Rep. n. Atti Privati * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra Comune di Strembo e la Società Trentino Trasporti Esercizio S.p.A. ai sensi dell'art. 10, c. 9, della L.P. 6/2004 e della L.P. 19/1993-

Dettagli

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Progetto CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Contesti e Cambiamenti snc di Tessa Ercoli, Carlotta Iarrapino, Concetta Musumeci Via Cironi 2, 50134 Firenze P.I. 05856210488 www.contestiecambiamenti.it

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

Sergio Tasso e Elia Buono La democratizzazione digitale per il territorio

Sergio Tasso e Elia Buono La democratizzazione digitale per il territorio Un Patto per i nostri fiumi: dalla politica dell emergenza alla prevenzione Venezia Mestre, 19 Novembre 2014 Sergio Tasso e Elia Buono La democratizzazione digitale per il territorio Democrazia digitale

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette Introduzione alla CETS Stefania Petrosillo - Responsabile CETS Federparchi Europarc Italia Gli scopi dei parchi sono contraddittori? E possibile

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Assessore ai Beni e alle Attività culturali Pietro Marcolini - Servizio 3 - Internazionalizzazione, Cultura, Turismo, Commercio e Attività Promozionali P.F. Conservazione

Dettagli

PROGETTO DI ATTUAZIONE

PROGETTO DI ATTUAZIONE Accordo di programma finalizzato alla attivazione della "RETE DI RISERVE DELLA SARCA - MEDIO E ALTO CORSO" L.P. maggio 2007 n. 11 COMUNI DI Bleggio Superiore, Bocenago, Bolbeno, Bondo, Breguzzo, Caderzone

Dettagli

Verso un contratto di fiume per il Medio Aterno Report Intermedio

Verso un contratto di fiume per il Medio Aterno Report Intermedio Verso un contratto di fiume per il Medio Aterno Report Intermedio Piano di Azione Locale 2007/2013, Un identità massiccia GAL Gran Sasso Velino Progetto pilota sul paesaggio rurale 4.1.2.3.a2 Mosaici d

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Piano Giovani Val Rendena

Piano Giovani Val Rendena Piano Giovani Val Rendena VERBALE DEL TAVOLO DEL PIANO GIOVANI DEL 24 NOVEMBRE 2009 (Approvazione Piano Giovani Val Rendena anno 2010) Il giorno 24 novembre 2009 alle ore 20.30 nella sala riunioni presso

Dettagli

Cos è un Barcamp. Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti

Cos è un Barcamp. Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti Idee in Viaggio Cos è un Barcamp Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti stessi: chiunque può salire in cattedra, proporre un argomento e parlarne agli

Dettagli

La pesca in Alto Sarca? Vera come il Trentino. Fishing in Alto Sarca? As true as Trentino

La pesca in Alto Sarca? Vera come il Trentino. Fishing in Alto Sarca? As true as Trentino La pesca in Alto Sarca? Vera come il Trentino Fishing in Alto Sarca? As true as Trentino A pesca di indimenticabili emozioni Il territorio dell Alto Sarca è situato nel Trentino occidentale e comprende

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

Tabella B Collegi uninominali Trentino Alto Adige/Südtirol

Tabella B Collegi uninominali Trentino Alto Adige/Südtirol TabellaB CollegiuninominaliTrentinoAltoAdige/Südtirol 4 401 TrentinoAltoAdige/Südtirol 01 Bolzano Laives 4 402 TrentinoAltoAdige/Südtirol 02 Aldino Andriano Anterivo AppianosullaStradadelVino Badia Barbiano

Dettagli

CAPITOLO XII. GLI IMPATTI DEL TURISMO NEL PARCO

CAPITOLO XII. GLI IMPATTI DEL TURISMO NEL PARCO CAPITOLO XII. GLI IMPATTI DEL TURISMO NEL PARCO a cura di Valeria Del Giudice di ACTAplan 268 INDICE CAPITOLO XII. GLI IMPATTI DEL TURISMO NEL PARCO...268 IN SINTESI...270 12.1. LA CAPACITA DI CARICO...272

Dettagli

U.O. Agenda 21 Servizio Pianificazione Territoriale Dipartimento Territorio e Ambiente COMUNE DI UDINE REGOLAMENTO DEL FORUM

U.O. Agenda 21 Servizio Pianificazione Territoriale Dipartimento Territorio e Ambiente COMUNE DI UDINE REGOLAMENTO DEL FORUM U.O. Agenda 21 Servizio Pianificazione Territoriale Dipartimento Territorio e Ambiente COMUNE DI UDINE REGOLAMENTO DEL FORUM Art. 1 Il Forum Il "Forum Agenda 21 Locale" di Udine si riconosce nelle raccomandazioni

Dettagli

Un percorso educativo-didattico verso l'implementazione dell'efficienza energetica a scuola.

Un percorso educativo-didattico verso l'implementazione dell'efficienza energetica a scuola. "Per una scuola controcorrente" Un percorso educativo-didattico verso l'implementazione dell'efficienza energetica a scuola. UN PROGETTO DI COLLABORAZIONE TRA LA RETE DI SCUOLE PER LA SICUREZZA E LA PROVINCIA

Dettagli

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te Da richiedere on line sul sito del fondo For.Te il giorno lunedì 21 gennaio 2013 secondo la procedura dell avviso 3/2012 SETTORE SCUOLA Titolo Progettare e valutare:

Dettagli

La funzione e i fabbisogni di monitoraggio nella Regione

La funzione e i fabbisogni di monitoraggio nella Regione PERCHE INVESTIRE NEL MONITORAGGIO La funzione e i fabbisogni di monitoraggio nella Regione A cura di Francesca Zampano Dirigente Servizio Politiche di Benessere Sociale e pari opportunità CONOSCERE PER

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Il progetto Riserva della Biosfera UNESCO INDICE. 1. Il Programma MAB e le Riserve della biosfera UNESCO

Il progetto Riserva della Biosfera UNESCO INDICE. 1. Il Programma MAB e le Riserve della biosfera UNESCO Il progetto Riserva della Biosfera UNESCO Locca (Ledro), 22 agosto 2013 Claudio Ferrari INDICE 1. Il Programma MAB e le Riserve della biosfera UNESCO 2. La Rete mondiale, europea, italiana delle riserve

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

TRENTINOFAMIGLIA N. 7.13

TRENTINOFAMIGLIA N. 7.13 PROGRAMMA DI LAVORO 2014 2015 aggiornamento marzo 2015 Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili PAT Piazza Venezia, 41 38122 Trento Tel. 0461 491675/4127 Fax 0461 494111

Dettagli

Rilevazione dei fabbisogni delle Regioni. Presentazione delle attività di supporto

Rilevazione dei fabbisogni delle Regioni. Presentazione delle attività di supporto Rilevazione dei fabbisogni delle Regioni e Presentazione delle attività di supporto Roma, 3 luglio 2013 Francesco Molinari 1 Indice Risultati dell indagine realizzata nel mese di maggio 2013 Funzioni critiche

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

5 anno 2013. Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione

5 anno 2013. Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione 5 anno 2013 Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione in collaborazione con Persone-Imprese-Territorio Obiettivi Club RSI 2013 Obiettivi

Dettagli

Proposte di attività con le scuole

Proposte di attività con le scuole In collaborazione con i Comuni di Cismon del Grappa, Valstagna, San Nazario, Campolongo sul Brenta, Solagna, Pove del Grappa, Romano d Ezzelino, Bassano del Grappa OP!IL PAESAGGIO È UNA PARTE DI TE Proposte

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot.n.10383 Bari,06.10.2014 Ai dirigenti scolastici della Puglia Ai coordinatori delle scuole paritarie della Puglia Ai docenti di ogni ordine e grado Al personale ATA Ai genitori dei Consigli di Istituto

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Consiglio comunale. n. 17 dd

Verbale di Deliberazione del Consiglio comunale. n. 17 dd Deliberazione n. 17 dd. 09.05.2016 Pagina 1 di 8 COMUNE DI SAN LORENZO DORSINO P r o v i n c i a d i T r e n t o Verbale di Deliberazione del Consiglio comunale n. 17 dd. 09.05.2016 OGGETTO: Accordo di

Dettagli

il ruolo dell amministrazione provinciale a supporto dei piani di egovernment dei piccoli enti locali Provincia di Como

il ruolo dell amministrazione provinciale a supporto dei piani di egovernment dei piccoli enti locali Provincia di Como il ruolo dell amministrazione provinciale a supporto dei piani di egovernment dei piccoli enti locali Agenda Contesto di riferimento Obiettivi del piano d azione Passi operativi Cronoprogramma Contesto

Dettagli

Contratto di Fiume Meolo Vallio Musestre DAL

Contratto di Fiume Meolo Vallio Musestre DAL DAL Contratto di Fiume Meolo Vallio Musestre L approccio dal basso: l esperienza del Contratto di Fiume Meolo Vallio Musestre Ing. Alessandro Pattaro, coordinatore tecnico del CdF Meolo Vallio Musestre

Dettagli