INSIEME SPORT. REGOLAMENTI E CALENDARI CAMPIONATO CALCIO A 5 Sporting

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INSIEME SPORT. REGOLAMENTI E CALENDARI CAMPIONATO CALCIO A 5 Sporting"

Transcript

1 . INSIEME SPORT CENTRO SPORTIVO ITALIANO Viale Piave, 18 tel Fax Settimanale del Centro Sportivo Italiano Viale Piave, Prato Aut. Trib. Prato N 7 del 24/12/1998 Direttore Editoriale Daniele Paoletti Direttore Responsabile Tommaso Santi Ciclostilato in proprio SPEDIZIONE IN A.P. Art. 2 comma 20/c L. 662/96 filiale di Prato Tassa riscossa TAXE PERCURE REGOLAMENTI E CALENDARI CAMPIONATO CALCIO A 5 Sporting Allegato al n 7 del Comunicato ufficiale del 24 ottobre 2012

2 REGOLAMENTO CAMPIONATO NAZIONALE CSI di CALCIO A 5 NORME DI PARTECIPAZIONE Art. 1 ORGANIZZAZIONE Il Comitato provinciale C.S.I. di Prato in collaborazione con l Associazione Sporting Mezzana indice e la rispettiva Commissione Calcio a 5 organizza la fase provinciale dei campionati nazionali di calcio a 5 al quale possono partecipare i calciatori della categoria Open. I Campionati rispettano i criteri dei Regolamenti e Norme per l Attività Sportiva 2012/2013 editi dalla Presidenza Nazionale del C. S. I. e fanno parte dell attività istituzionale da questi organizzata, quale livello territoriale PROVINCIALE. Ai Campionati possono prendere parte le Società affiliate al Comitato Provinciale di Prato per la stagione , che siano in regola con i pagamenti dell attività pregressa, ed abbiano pagata la quota di partecipazione e gli altri oneri previsti per l affiliazione ed il tesseramento. Art. 2 TESSERAMENTO Le Società schiereranno in campo solo i giocatori regolarmente tesserati per il CSI, per la stagione sportiva 2012/2013, in data antecedente il loro utilizzo in gara. Il termine ultimo per il tesseramento di atleti liberi da altro tesseramento è fissato con 10 giornata. Sono possibili 2 integrazioni entro il 20 maggio Il nominativo dei suddetti giocatori sarà pubblicato sul C.U. e i nuovi atleti saranno aggiunti alla lista dei tesserati. I suddetti giocatori non dovranno aver preso parte a gare di altri enti convenzionati con il CSI o del CSI per la stessa disciplina per la stagione Si ricorda alle società che è previsto lo svincolo. Gli atleti tesserati al CSI possono richiedere lo svincolo dalla Società sportiva d appartenenza e tesserarsi per un altra Società sportiva CSI. Le operazioni di svincolo e di ritesseramento dell atleta e/o dirigente possono avvenire dal 1 settembre fino al 31 dicembre di ciascun anno sportivo, data ultima entro cui compiere l intera procedura. All atto del ritesseramento, l interessato dovrà rilasciare obbligatoriamente il nulla-osta della Società di appartenenza in originale all Ufficio tesseramento CSI. Non è possibile effettuare più di uno svincolo nella stessa stagione sportiva. E' consentita la partecipazione di calciatori tesserati per altro Ente di Promozione Sportiva, purché tesserati in favore della stessa Società sportiva che svolge attività in ambedue le organizzazioni. E possibile tesserare ed utilizzare calciatori che abbiano contratto vincolo per la corrente stagione sportiva con diversa società di altro Ente di Promozione Sportiva purché non abbiano preso parte nella stagione 2012/2013 a nessuna gara ufficiale. Il termine per il tesseramento di calciatori in tale posizione di tesseramento è fissato in data Si possono tesserare atleti provenienti da altri enti di promozione sportiva convenzionati localmente con il CSI, previa presentazione di regolare nulla-osta e modello di tesseramento 2T, a condizioni che gli stessi non abbiano preso parte a più di 4 gare nel campionato di provenienza. Non sono tesserabili, in alcun caso, atleti che nella stagione in corso abbiano contratto tesseramento con altra società CSI. Tale norma non si applica agli atleti tesserati con cartellino di attività ricreativa in quanto vincolante per un solo torneo. E' consentita la partecipazione dei tesserati FIGC all'attività istituzionale del CSI, purché tesserati per la stessa Società sportiva che svolge attività in ambedue le organizzazioni. E' tuttavia possibile tesserare per una Società CSI giocatori di una diversa Società FIGC, a condizione che non abbiano preso parte ad alcuna gara ufficiale nella stagione sportiva dalla serie B in su (serie B e A). E altresì consentito agli atleti tesserati alla FIGC per il calcio a 11 giocare col CSI, a condizione che non abbiano preso parte a gare ufficiali federali dalla Promozione in su per l attività maschile; detto tesserato non potrà prendere parte alle fasi regionali e nazionali. Tale tesseramento dovrà avvenire entro il 31 dicembre Resta fermo, comunque, il divieto alla partecipazione di atleti che abbiamo preso parte nell'attività sportiva a gare FIGC dalla Promozione in su per il calcio a 11 e la serie B in sù

3 per il calcio a 5. Per "prendere parte" si intende l'effettiva entrata in campo in una gara ufficiale di Campionato (esclusi la Coppa Italia o tornei similari di calcio a 11); nel calcio a 5 per prendere parte all attività è sufficiente la semplice iscrizione sulla distinta di gara. Le sanzioni disciplinari superiori ai sei mesi comminate dagli organi giudicanti della FIGC hanno piena validità anche nel CSI. Per quanto non contemplato nel presente regolamento valgono le norme contenute nel regolamento e norme per l attività sportiva del CSI. Art. 3 ORDINE PUBBLICO Durante lo svolgimento delle gare, la responsabilità dell'ordine pubblico spetta alla Società ospitante, o prima nominata in calendario, con le precisazioni e le limitazioni riguardanti le Società ospitanti (vedi Regolamenti e Norme per l attività sportiva CSI 2011/12). Tuttavia la squadra ospitata potrà essere ritenuta oggettivamente responsabile per il comportamento dei propri sostenitori e, in caso di intemperanze degli stessi, dovrà attivamente adoperarsi affinché cessino le irregolarità, senza delegare tale compito alla squadra ospitante responsabile dell'ordine pubblico. Spetta comunque, in ogni caso, alla Società prima nominata in calendario, la cura e la responsabilità dell'ammissione nel recinto di gioco solo ed esclusivamente degli atleti e dei dirigenti autorizzati e la vigilanza che questa norma venga rispettata per l'intera durata della gara. Art. 4 TUTELA SANITARIA Ai sensi del D. M. del (G. U. n 63 del 5/3/1982) la fase provinciale dei campionati nazionali di calcio a 5, sono ATTIVITA AGONISTICA. Le Società potranno schierare in gara solo gli Atleti, che in data antecedente abbiano ottenuto la relativa idoneità. Le Società sono le uniche responsabili di eventuali inadempienze in materia di tutela sanitaria dei propri atleti. Art. 5 NORME TECNICHE DURATA DELLE GARE: I campionati si svolgeranno mediante girone unico con gare di andata e ritorno; le gare avranno la durata di 2 tempi di 25 minuti ciascuno; il tempo di attesa è di 10 minuti. CLASSIFICA: I punti in classifica saranno 3 per ogni gara vinta, 1 per ogni gara pareggiata e 0 per ogni gara persa. Durante la gara ogni squadra potrà chiedere un minuto di sospensione per ogni tempo di gara, fatta eccezione per i tempi supplementari dove siano previsti. Per usufruire del time-out il capitano o i dirigenti seduti in panchina, dovranno, solo a gioco fermo, farne richiesta al D.G. il time out sarà accordato solo alla squadra che si trova in possesso di palla. Il gioco riprenderà con il fischio dell arbitro. Prima di ogni gara le società devono presentare all arbitro la distinta della gara in doppia copia dalla quale risultino i nomi dei giocatori che vi partecipano a qualsiasi titolo, nonché quello dei dirigenti con i compiti da questi svolti. Sulla distinta deve annotarsi il numero della tessera C.S.I., il tipo ed il numero del documento d identità. Sono ammesse distinte prestampate purché redatte in modo chiaro, devono riportare quanto previsto dall art. 6 di Sport in Regola sezione calcio a 5. Le distinte devono essere compilate su moduli idonei, in quelle prestampate i giocatori eventualmente assenti dovranno essere depennati mediante un rigo sopra il loro nome; non sono ammesse correzioni illeggibili o scarabocchiate, ogni infrazione sarà punita con 10,00 di multa. Tutti i partecipanti alla gara devono risultare dalla distinta di gara, che sarà corredata del numero di Tessera C.S.I. che saranno allegate alla distinta per il riconoscimento; quando queste fossero senza foto il riconoscimento sarà effettuato secondo le modalità previste dall art. 45 di Sport in Regola. In nessun caso potrà partecipare alla gara un giocatore sprovvisto della tessera C.S.I., provvisoriamente, fintanto che le tessere associative non siano predisposte dai comitati CSI, i giocatori potranno prendere parte alla gara purché provvisti del modello 2/T, ovvero dei modelli 2/R o 2/Rb (tabulati) vistati dall Ufficio Provinciale Tesseramento del Comitato di appartenenza, il cui numero va trascritto nella distinta; la certificazione dell avvenuto tesseramento può avvenire anche tramite copia del listato TACSI. Art. 6 DOVERI DELLE SOCIETA' La Società prima nominata è tenuta a tutelare la persona dell'arbitro dal suo arrivo al campo di gara fino a che lo stesso non lo lasci; inoltre è tenuta a provvedere al ristoro dell'arbitro e dei suoi Collaboratori; per meglio adempiere ai doveri verso i Direttori di Gara, la Società prima nominata,

4 è tenuta a mettere a disposizione dell Arbitro un proprio Dirigente regolarmente tesserato, che dovrà essere riportato nella distinta di gara e che fornirà all Arbitro tutta la collaborazione da questi richiesta. La Società prima nominata deve adempiere ai doveri di ospitalità: deve cambiare le maglie qualora l'arbitro ritenga che il loro colore si confonda con quelle della squadra ospitata, deve mettere a disposizione dell'arbitro almeno 2 palloni per la gara; anche la Società ospitata dovrà procurare all Arbitro almeno un pallone idoneo per lo svolgimento della gara. Tutti gli atleti, sia titolari che riserve, devono indossare un abbigliamento uniforme con una numerazione individuale; agli atleti in campo è fatto d obbligo avere i parastinchi. I portieri devono indossare una maglia di colore diverso da quella dei compagni. Alla Società prima nominata non potranno imputarsi le responsabilità per la cattiva manutenzione del campo di gioco, o della sua regolarità, qualora l'impianto non fosse proprio o comunque di suo uso esclusivo, ma di uso promiscuo e di gestione non condivisa dalla stessa. Eventuali danni alle strutture dovuti a atti vandalici o comportamenti violenti da parte dei tesserati saranno direttamente imputati alla società di appartenenza dei medesimi, il CSI si ritiene escluso da qualsiasi forma di risarcimento in quanto provvede ed opera,non in proprio per conto delle società sportive, alla ricerca degli spazi dove poter disputare le gare di campionato. Art. 7 GARE, I Campionati iniziano, secondo il calendario gare allegato, il 22 ottobre 2012 e finiranno entro il 20 maggio L Organizzazione si riserva, in qualsiasi momento, il diritto di apportare tutte le modifiche che si rendessero tecnicamente necessarie al Calendario gare. Art. 8 ESPULSIONE TEMPORANEA L'espulsione temporanea: viene notificata da parte del direttore di gara mediante il cartellino azzurro; ha la durata di 4 minuti ed è comminata durante la gara in relazione della gravità della scorrettezza (violazioni di norme regolamentari o di comportamento), secondo il giudizio dell'arbitro. Ai fini delle sanzioni disciplinari l espulsione temporanea viene conteggiata come ammonizione con diffida e si somma, con tale tipologia, alle altre ammonizioni subite. Il giocatore espulso temporaneamente sosterà presso la propria panchina; al termine del periodo di sospensione, alla prima occasione di giuoco fermo, il sanzionato chiederà all Arbitro il permesso di riprendere il giuoco. Un giocatore espulso temporaneamente che riprendesse il gioco senza il permesso dell Arbitro sarà da questi espulso definitivamente. L espulsione temporanea in gara potrà essere decretata una sola volta allo stesso giocatore e non pootrà essere mai decretata ad un giocatore precedentemente ammonito; per cui al giocatore che avesse già subito in gara un espulsione temporanea ad ulteriore infrazione punibile anche con il solo cartellino Azzurro, sarà decretata l espulsione definitiva con Cartellino Rosso. Al termine di ogni tempo di gara le espulsioni temporanee, ancorché non completamente scontate, saranno azzerate. Se una squadra si viene a trovare con un numero di atleti insufficiente per proseguire la gara e con uno o più atleti fuori dal campo perché colpiti dalla sanzione dell'espulsione temporanea, l'arbitro riammetterà al gioco il calciatore espulso temporaneamente o, in caso di più giocatori espulsi temporaneamente, quello o quelli necessari per fare raggiungere alla propria squadra il numero minimo di 3 calciatori a partire dal giocatore espulso temporaneamente per primo. Se una squadra sta giocando con il numero minimo di 3 giocatori e un suo calciatore commette un'infrazione da sanzionarsi con l'espulsione temporanea, l arbitro estrarrà i cartellini giallo e blu incrociati e li notificherà all atleta interessato; in questo caso l espulsione temporanea viene comminata all atleta e segnata nel referto ma lo stesso rimarrà in campo per consentire il proseguimento del gioco. Art. 9) AGONISMO ETICO E FAIR PLAY In ogni livello sarà premiato l agonismo etico mediante la Coppa Disciplina che verrà assegnata alla Società che avrà ottenuto il minor numero di punti di penalizzazione, secondo le norme dei Regolamenti Nazionali per l Attività Sportiva. La classifica Fair Play verrà compilata mediante i criteri Regolamenti Nazionali per l Attività Sportiva, tale classifica servirà a determinare la seconda Squadra ammessa a prendere parte alle fasi regionali dei campionati nazionali CSI. Tutte le classifiche saranno pubblicate a mezzo Comunicato Ufficiale.

5 Art. 9bis) SQUALIFICHE Squalifiche per somma di ammonizioni: i tesserati i cui organi di giustizia sportiva infliggano più ammonizioni, ancorché conseguenti ad infrazioni di diversa indole, incorrono nella squalifica per una gara alla quarta ammonizione. Nei casi di recidiva, si prosegue secondo la seguente progressione: A)Squalifica per una gara alla quarta ammonizione. B)Successiva squalifica per una gara alla terza ammonizione. C)Successiva squalifica per una gara alla seconda ammonizione. D)Successiva squalifica per una gara ad ogni ulteriore ammonizione. Ai fini dell applicabilità del presente comma, all ammonizione inflitta dal giudice di gara corrisponde un uguale provvedimento dell organo competente, salvo che quest ultimo in base al rapporto del giudice di gara, ritenga di dover infliggere una sanzione più grave. Squalifiche per espulsione dal terreno di gioco: al giocatore espulso dal campo o ai dirigenti allontanati, viene applicata la squalifica automatica per una giornata di gara, anche in assenza della delibera del Giudice Unico. La squalifica automatica di una giornata dovrà scontarsi nella giornata immediatamente successiva a quella dell espulsione diretta dal terreno di gioco. I giocatori squalificati per una o più giornate dovranno scontare la squalifica anche se la società partecipa a più campionati. Art. 10) STRUTTURA CAMPIONATO Il campionato sarà così strutturato: 18 squadre in un girone unico all italiana con gare di sola andata. La prima classificata della Regular Season e la prima classificata della coppa Fair Play andranno di diritto alle fasi Regionali dei campionati nazionali C.S.I Art. 11 PARITA DI PUNTI: Se nel girone due squadre risultassero a pari punti si terrà conto nell ordine: scontro diretto; differenza reti negli scontri diretti; reti fatte, in toto; reti subite, in toto; coppa disciplina; in caso di ulteriore parità, sorteggio. Se nel girone più squadre risultassero a pari punti si terrà conto nell rodine: classifica avulsa. differenza reti nella classifica avulsa; differenza reti nel girone; reti fatte nel girone, reti subite nel girone; coppa disciplina. Art. 12 RINUNCIA: In caso di rinuncia ad una gara, la Società rinunziataria, oltre alle sanzioni previste dal Regolamento di giustizia, subisce la perdita della gara per 6 a 0, inoltre è tenuta al pagamento di euro 100,00, oltre ai provvedimenti disciplinari della G. S. Alla squadra avversaria spetterà il pagamento regolare di Euro 20,00, il campo di gioco rimarrà a disposizione della stessa. Durante la fase provinciale, se una squadra si ritira dal campionato dove la stessa partecipa, verrà applicata la regola presente nella domanda di iscrizione, accettata e controfirmata dal Presidente della Società. Art. 13 CALENDARIO GARE Per evidenti motivi organizzativi, vedi Comunicato Ufficiale del CSI e designazioni arbitrali, per efettuare spostamenti di partite o cambiamenti di orario, dopo la pubblicazione del calendario, le comunicazioni devono essere effettuate almeno 7 gg prima. Il trasgredire più volte tale norme, comporterà una sanzione di. 5,00. Sarà cura di ogni squadra aggiornarsi sul calendario gare e le sue eventuali modifiche. Art. 14 RICORSI E RECLAMI In tutte le fasi dei campionati, compresa la fase finale, si applicano le norme del Regolamento di Giustizia Sportiva Nazionale riportato nei regolamenti e norme per l attività sportiva del CSI 2012/2013.

6 Avverso le deliberazioni dalla Commissione Giudicante del Comitato, è possibile proporre appello, nei tempi e nelle modalità previste dal Regolamento per la Giustizia Sportiva del Centro Sportivo Italiano, alla Commissione Giudicante Regionale. I gravami dovranno essere inviati al seguente indirizzo: C.S.I. - Commissione Giudicante Regionale C.P VIAREGGIO LU A) Il Giudice Unico insediato presso il Comitato Provinciale di Prato avrà competenza sul Campionato, sia per i provvedimenti assunti d'ufficio sulla scorta dei documenti pervenuti ufficiali, sia su reclami pervenuti inerenti l'esito delle gare; eventuali istanze di revisione avverso i provvedimenti assunti dallo stesso saranno per contro di competenza della Commissione Giudicante del Comitato CSI di Prato. Le modalità per reclami e ricorsi sono quelle riportate negli art. 9, 73,74,75,76,77 del Regolamento di Giustizia Sportiva Le Società intenzionate a proporre un reclamo o un ricorso devono scrupolosamente attenersi a quanto in materia dettano i Regolamenti e le Norme per l Attività Sportiva emanati dalla Presidenza nazionale del C. S. I. Art. 15 AUTOMATISMO DELLE SANZIONI Le espulsioni dal campo di gioco di tesserati, sancite dal Direttore di Gara, saranno sanzionate automaticamente con una giornata effettiva di squalifica, fatte salve le eventuali decisioni del Giudice Unico pubblicate sul Comunicato Ufficiale. Art. 16 QUOTA DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione al campionato SERIE A è fissata in. 50,00 oltre alla quota di 55,00 per ogni singola gara.la quota di partecipazione non comprende le spese di affiliazione, tesseramento, campi di gioco. La CAUZIONE è fissata in 100,00. La stessa deve rimanere integra per tutto il campionato.la quota di partecipazione deve essere pagata, unitamente alla cauzione, prima dell avvio dei Campionati. Art. 17 NORME GENERALI Il CSI Comitato Provinciale di Prato E l Associazione Sporting Mezzana declina ogni responsabilità per infortuni o danni occorsi a persone o cose prima, durante e dopo le gare, fatta eccezione per quanto previsto dalla parte assicurativa del tesseramento. Per quanto non espressamente previsto nelle presenti norme vigono: Lo Statuto, i Regolamenti e le Norme per l Attività Sportiva emanati dalla Presidenza nazionale del C. S. I. Per un errore di trascrizione, ripubblichiamo il calendario completo di Serie A e B. 1 Giornata Carrozzeria Cm A.C. Frasche Mer. 24/10/12 21,50 Campo 4 Real Bradipo Sao Caetano Lun. 22/10/12 22,00 Campo 3 G.K. Cis K Pp Ven. 26/10/12 22,40 Campo 3 Blue & White Corona's Team Mar. 23/10/12 21,00 Campo 3 Ambrosiana 1952 Orditura Paccosi Lun. 22/10/12 22,50 Campo 3 Jolo Black Out Deportivo La Carogna Mar. 23/10/12 22,40 Campo 3 A.C. Nino D'angelo T.C. Prato Mer. 24/10/12 22,50 Campo 3 Soccorso Molino Mugnaioni Mar. 23/10/12 21,50 Campo 3 Pinco Pallino Joe Ottica Mannucci Lun. 22/10/12 22,00 Campo 4 2 Giornata Molino Mugnaioni Pinco Pallino Joe Mar. 30/10/12 21,50 Campo 3 T.C. Prato Soccorso Mer. 31/10/12 22,50 Campo 3 Deportivo La Carogna A.C. Nino D'angelo Mar. 30/10/12 21,30 Campo 6 Orditura Paccosi Jolo Black Out Lun. 29/10/12 22,00 Campo 3 Corona's Team Ambrosiana 1952 Lun. 29/10/12 21,00 Campo 3 Cis K Pp Blue & White Lun. 29/10/12 22,50 Campo 4 Sao Caetano G.K. Mar. 30/10/12 22,40 Campo 3 A.C. Frasche Real Bradipo Mer. 31/10/12 21,20 Campo 6 Ottica Mannucci Carrozzeria Cm Mer. 31/10/12 22,40 Campo 4

7 3 Giornata Real Bradipo Carrozzeria Cm Giov 08/11/12 21,50 Campo 3 G.K. A.C. Frasche Lun 05/11/12 22,40 Campo 3 Blue & White Sao Caetano Lun. 05/11/12 21,50 Campo 3 Ambrosiana 1952 Cis K Pp Mer. 07/11/12 22,50 Campo 3 Jolo Black Out Corona's Team Mar. 06/11/12 21,50 Campo 3 A.C. Nino D'angelo Orditura Paccosi Mer. 07/11/12 22,00 Campo 3 Soccorso Deportivo La Carogna Mar. 06/11/12 22,40 Campo 3 Pinco Pallino Joe T.C. Prato Lun. 05/11/12 21,00 Campo 3 Molino Mugnaioni Ottica Mannucci Mer. 07/11/12 22,40 Campo 4 4 Giornata T.C. Prato Molino Mugnaioni Lun. 12/11/12 21,50 Campo 3 Deportivo La Carogna Pinco Pallino Joe Mar. 13/11/12 21,50 Campo 3 Orditura Paccosi Soccorso Mer. 14/11/12 22,00 Campo 3 Corona's Team A.C. Nino D'angelo Mer. 14/11/12 21,50 Campo 4 Cis K Pp Jolo Black Out Mer. 14/11/12 22,40 Campo 4 Sao Caetano Ambrosiana 1952 Lun. 12/11/12 22,00 Campo 4 A.C. Frasche Blue & White Lun. 12/11/12 22,40 Campo 3 Carrozzeria Cm G.K. Mar. 13/11/12 22,00 Campo 4 Real Bradipo Ottica Mannucci Mer. 14/11/12 22,50 Campo 3 5 Giornata Deportivo La Carogna T.C. Prato Orditura Paccosi Molino Mugnaioni Corona's Team Pinco Pallino Joe Cis K Pp Soccorso Sao Caetano A.C. Nino D'angelo A.C. Frasche Jolo Black Out Carrozzeria Cm Ambrosiana 1952 Real Bradipo Blue & White Ottica Mannucci G.K. 6 Giornata Blue & White Ambrosiana 1952 Jolo Black Out A.C. Nino D'angelo Soccorso Pinco Pallino Joe Molino Mugnaioni T.C. Prato Deportivo La Carogna G.K. Real Bradipo Carrozzeria Cm A.C. Frasche Sao Caetano Cis K Pp Corona's Team Orditura Paccosi Ottica Mannucci

8 7 Giornata Orditura Paccosi Deportivo La Carogna Corona's Team T.C. Prato Cis K Pp Molino Mugnaioni Sao Caetano Pinco Pallino Joe A.C. Frasche Soccorso Carrozzeria Cm A.C. Nino D'angelo Real Bradipo Jolo Black Out G.K. Ambrosiana 1952 Ottica Mannucci Blue & White 8 Giornata Ambrosiana 1952 Jolo Black Out A.C. Nino D'angelo Soccorso Pinco Pallino Joe Molino Mugnaioni T.C. Prato Deportivo La Carogna Orditura Paccosi Blue & White G.K. Real Bradipo Carrozzeria Cm A.C. Frasche Sao Caetano Cis K Pp Corona's Team Ottica Mannucci 9 Giornata Corona's Team Orditura Paccosi Cis K Pp Deportivo La Carogna Sao Caetano T.C. Prato A.C. Frasche Molino Mugnaioni Carrozzeria Cm Pinco Pallino Joe Real Bradipo Soccorso G.K. A.C. Nino D'angelo Blue & White Jolo Black Out Ottica Mannucci Ambrosiana Giornata Jolo Black Out Ambrosiana 1952 A.C. Nino D'angelo Blue & White Soccorso G.K. Pinco Pallino Joe Real Bradipo Molino Mugnaioni Carrozzeria Cm T.C. Prato A.C. Frasche Deportivo La Carogna Sao Caetano Orditura Paccosi Cis K Pp Corona's Team Ottica Mannucci

9 11 Giornata Cis K Pp Sao Caetano A.C. Frasche Carrozzeria Cm Real Bradipo G.K. Blue & White Ambrosiana 1952 Ottica Mannucci Corona's Team Orditura Paccosi Deportivo La Carogna T.C. Prato Molino Mugnaioni Pinco Pallino Joe Soccorso A.C. Nino D'angelo Jolo Black Out 12 Giornata A.C. Nino D'angelo Jolo Black Out Soccorso Ambrosiana 1952 Pinco Pallino Joe Blue & White Molino Mugnaioni G.K. T.C. Prato Real Bradipo Deportivo La Carogna Carrozzeria Cm Orditura Paccosi A.C. Frasche Corona's Team Sao Caetano Cis K Pp Ottica Mannucci 13 Giornata Sao Caetano A.C. Frasche Carrozzeria Cm Real Bradipo G.K. Blue & White Ambrosiana 1952 Jolo Black Out Ottica Mannucci Cis K Pp Corona's Team Orditura Paccosi Deportivo La Carogna T.C. Prato Molino Mugnaioni Pinco Pallino Joe Soccorso A.C. Nino D'angelo 14 Giornata Soccorso A.C. Nino D'angelo Pinco Pallino Joe Jolo Black Out Molino Mugnaioni Ambrosiana 1952 T.C. Prato Blue & White Deportivo La Carogna G.K. Orditura Paccosi Real Bradipo Corona's Team Carrozzeria Cm Cis K Pp A.C. Frasche Sao Caetano Ottica Mannucci

10 15 Giornata A.C. Frasche Carrozzeria Cm Real Bradipo G.K. Blue & White Ambrosiana 1952 Jolo Black Out A.C. Nino D'angelo Ottica Mannucci Sao Caetano Cis K Pp Corona's Team Orditura Paccosi Deportivo La Carogna T.C. Prato Molino Mugnaioni Pinco Pallino Joe Soccorso 16 Giornata Pinco Pallino Joe Soccorso Molino Mugnaioni A.C. Nino D'angelo T.C. Prato Jolo Black Out Deportivo La Carogna Ambrosiana 1952 Orditura Paccosi Blue & White Corona's Team G.K. Cis K Pp Real Bradipo Sao Caetano Carrozzeria Cm 17 Giornata Carrozzeria Cm Real Bradipo Ambrosiana 1952 Jolo Black Out A.C. Nino D'angelo Soccorso Pinco Pallino Joe Molino Mugnaioni T.C. Prato Blue & White G.K. A.C. Frasche Sao Caetano Cis K Pp Corona's Team Orditura Paccosi Deportivo La Carogna Ottica Mannucci

11 REGOLAMENTO CAMPIONATO CSI SERIE C1 di CALCIO A 5 NORME DI PARTECIPAZIONE Art. 1 ORGANIZZAZIONE Art. 1- Lo Sporting Mezzana in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano comitato di Prato indice ed organizza il 9 Torneo ricreativo di calcio a 5 denominato serie C1. Lo Sporting Club si avvale del supporto tecnico della commissione calcio a 5 e, per la direzione delle gare e per la giustizia sportiva, del Centro Sportivo Italiano di Prato. Art. 2- Possono partecipare al torneo le società affiliate al Centro Sportivo Italiano. Il torneo rientra tra le attività sportive non agonistiche regolamentate dal decreto ministeriale del 28\02\83 che obbliga le società a sottoporre i propri tesserati a visita medica per il certificato di buona salute. Art. 3- Il torneo si svilupperà in DUE gironi all italiana,di 13 squadre, con gare di andata e ritorno con relativi PLAY OFF FINAL FOUR, COPPA SPORTING e PLAY OUT RETROCESSIONE. Le prime 4 classificate nella REGULAR SEASON di ogni girone, saranno promosse al campionato di serie B per la stagione sportiva Art. 2 TESSERAMENTO Le Società schiereranno in campo solo i giocatori regolarmente tesserati per il CSI, per la stagione sportiva 2012/2013, in data antecedente, il loro utilizzo in gara. Per poter partecipare alle fasi finali PLAY-OFF/PLAY-OUT è necessario che gli atleti abbiamo partecipato ad almeno 6 gare della Regular Season. Il termine ultimo per il tesseramento di atleti liberi da altro tesseramento è fissato con l ultima giornata della Regular Season. Si possono tesserare atleti provenienti dalla FIGC calcio a 11 fino alla promozione compresa, per il calcio a 5 fino alla C1 compresa. Si ricorda alle società che da quest anno è previsto lo svincolo. Gli atleti tesserati al CSI possono richiedere lo svincolo dalla Società sportiva d appartenenza e tesserarsi per un altra Società sportiva CSI. Le operazioni di svincolo e di ritesseramento dell atleta e/o dirigente possono avvenire dal 1 settembre fino al 31 dicembre di ciascun anno sportivo, data ultima entro cui compiere l intera procedura. All atto del ritesseramento, l interessato dovrà rilasciare obbligatoriamente il nulla-osta della Società di appartenenza in originale all Ufficio tesseramento CSI. Non è possibile effettuare più di uno svincolo nella stessa stagione sportiva. E' consentita la partecipazione di calciatori tesserati per altro Ente di Promozione Sportiva. Si possono tesserare atleti provenienti da altri enti di promozione sportiva convenzionati localmente con il CSI, previa presentazione di regolare nulla-osta e modello di tesseramento 2T, a condizioni che gli stessi non abbiano preso parte a più di 4 gare nel campionato di provenienza. Non sono tesserabili, in alcun caso, atleti che nella stagione in corso abbiano contratto tesseramento con altra società CSI, della stessa categoria. Le sanzioni disciplinari superiori ai sei mesi comminate dagli organi giudicanti della FIGC hanno piena validità anche nel CSI. Per quanto non contemplato nel presente regolamento valgono le norme contenute nel regolamento e norme per l attività sportiva del CSI. Art. 3 ORDINE PUBBLICO Durante lo svolgimento delle gare, la responsabilità dell'ordine pubblico spetta alla Società ospitante, o prima nominata in calendario, con le precisazioni e le limitazioni riguardanti le Società ospitanti (vedi Regolamenti e Norme per l attività sportiva CSI 2012/13). Tuttavia la squadra ospitata potrà essere ritenuta oggettivamente responsabile per il comportamento dei propri sostenitori e, in caso di intemperanze degli stessi, dovrà attivamente adoperarsi affinché cessino le irregolarità, senza delegare tale compito alla squadra ospitante responsabile dell'ordine pubblico. Spetta comunque, in ogni caso, alla Società prima nominata in calendario, la cura e la responsabilità dell'ammissione nel recinto di gioco solo ed esclusivamente degli atleti e dei dirigenti autorizzati e la vigilanza che questa norma venga rispettata per l'intera durata della gara.

12 Art. 4 TUTELA SANITARIA Ai sensi del D. M. del (G. U. n 63 del 5/3/1982) la fase provinciale dei Campionati Sporting di calcio a 5, sono ATTIVITA NON AGONISTICA. Le Società potranno schierare in gara solo gli Atleti, che in data antecedente abbiano ottenuto la relativa idoneità. Le Società sono le uniche responsabili di eventuali inadempienze in materia di tutela sanitaria dei propri atleti. Art. 5 NORME TECNICHE DURATA DELLE GARE: le gare avranno la durata di 2 tempi di 20 minuti ciascuno; il tempo di attesa, per ritardo non giustificato, è di 10 minuti. CLASSIFICA: I punti in classifica saranno 3 per ogni gara vinta, 1 per ogni gara pareggiata e 0 per ogni gara persa. Durante la gara ogni squadra potrà chiedere un minuto di sospensione per ogni tempo di gara, fatta eccezione per i tempi supplementari dove siano previsti. Per usufruire del time-out il capitano o i dirigenti seduti in panchina, dovranno, solo a gioco fermo, farne richiesta al D.G. il time out sarà accordato solo alla squadra che si trova in possesso di palla. Il gioco riprenderà con il fischio dell arbitro. Prima di ogni gara le società devono presentare all arbitro la distinta della gara in doppia copia dalla quale risultino i nomi dei giocatori che vi partecipano a qualsiasi titolo, nonché quello dei dirigenti con i compiti da questi svolti. Sulla distinta deve annotarsi il numero della tessera C.S.I., il tipo ed il numero del documento d identità. Sono ammesse distinte prestampate purché redatte in modo chiaro, devono riportare quanto previsto dall art. 6 di Sport in Regola sezione calcio a 5. Le distinte devono essere compilate su moduli idonei, in quelle prestampate i giocatori eventualmente assenti dovranno essere depennati mediante un rigo sopra il loro nome; non sono ammesse correzioni illeggibili o scarabocchiate, ogni infrazione sarà punita con 10,00 di multa. Tutti i partecipanti alla gara devono risultare dalla distinta di gara, che sarà corredata del numero di Tessera C.S.I. che saranno allegate alla distinta per il riconoscimento; quando queste fossero senza foto il riconoscimento sarà effettuato secondo le modalità previste dall art. 45 di Sport in Regola. In nessun caso potrà partecipare alla gara un giocatore sprovvisto della tessera C.S.I., provvisoriamente, fintanto che le tessere associative non siano predisposte dai comitati CSI, i giocatori potranno prendere parte alla gara purché provvisti del modello 2/T, ovvero dei modelli 2/R o 2/Rb (tabulati) vistati dall Ufficio Provinciale Tesseramento del Comitato di appartenenza, il cui numero va trascritto nella distinta; la certificazione dell avvenuto tesseramento può avvenire anche tramite copia del listato TACSI. Art. 6 DOVERI DELLE SOCIETA' La Società prima nominata è tenuta a tutelare la persona dell'arbitro dal suo arrivo al campo di gara fino a che lo stesso non lo lasci; inoltre è tenuta a provvedere al ristoro dell'arbitro e dei suoi Collaboratori; per meglio adempiere ai doveri verso i Direttori di Gara, la Società prima nominata, è tenuta a mettere a disposizione dell Arbitro un proprio Dirigente regolarmente tesserato, che dovrà essere riportato nella distinta di gara e che fornirà all Arbitro tutta la collaborazione da questi richiesta. La Società prima nominata deve adempiere ai doveri di ospitalità: deve cambiare le maglie qualora l'arbitro ritenga che il loro colore si confonda con quelle della squadra ospitata, deve mettere a disposizione dell'arbitro almeno 2 palloni per la gara; anche la Società ospitata dovrà procurare all Arbitro almeno un pallone idoneo per lo svolgimento della gara. Tutti gli atleti, sia titolari che riserve, devono indossare un abbigliamento uniforme con una numerazione individuale; agli atleti in campo è fatto d obbligo avere i parastinchi. I portieri devono indossare una maglia di colore diverso da quella dei compagni. Eventuali danni alle strutture dovuti ad atti vandalici o comportamenti violenti da parte dei tesserati, saranno direttamente imputati alla società di appartenenza dei medesimi.

13 Art. 7 GARE I Campionati iniziano, secondo il calendario gare allegato, il 05 Novembre 2012 e finiranno entro il 20 maggio L Organizzazione si riserva, in qualsiasi momento, il diritto di apportare tutte le modifiche che si rendessero tecnicamente necessarie al Calendario gare. Art. 8 ESPULSIONE TEMPORANEA L'espulsione temporanea: viene notificata da parte del direttore di gara mediante il cartellino azzurro; ha la durata di 4 minuti ed è comminata durante la gara in relazione della gravità della scorrettezza (violazioni di norme regolamentari o di comportamento), secondo il giudizio dell'arbitro. Ai fini delle sanzioni disciplinari l espulsione temporanea viene conteggiata come ammonizione con diffida e si somma, con tale tipologia, alle altre ammonizioni subite. Il giocatore espulso temporaneamente sosterà presso la propria panchina; al termine del periodo di sospensione, alla prima occasione di giuoco fermo, il sanzionato chiederà all Arbitro il permesso di riprendere il giuoco. Un giocatore espulso temporaneamente che riprendesse il gioco senza il permesso dell Arbitro sarà da questi espulso definitivamente. L espulsione temporanea in gara potrà essere decretata una sola volta allo stesso giocatore e non potrà essere mai decretata ad un giocatore precedentemente ammonito; per cui al giocatore che avesse già subito in gara un espulsione temporanea ad ulteriore infrazione punibile anche con il solo cartellino Azzurro, sarà decretata l espulsione definitiva con Cartellino Rosso. Al termine di ogni tempo di gara le espulsioni temporanee, ancorché non completamente scontate, saranno azzerate.se una squadra si viene a trovare con un numero di atleti insufficiente per proseguire la gara e con uno o più atleti fuori dal campo perché colpiti dalla sanzione dell'espulsione temporanea, l'arbitro riammetterà al gioco il calciatore espulso temporaneamente o, in caso di più giocatori espulsi temporaneamente, quello o quelli necessari per fare raggiungere alla propria squadra il numero minimo di 3 calciatori a partire dal giocatore espulso temporaneamente per primo. Se una squadra sta giocando con il numero minimo di 3 giocatori e un suo calciatore commette un'infrazione da sanzionarsi con l'espulsione temporanea, l arbitro estrarrà i cartellini giallo e blu incrociati e li notificherà all atleta interessato; in questo caso l espulsione temporanea viene comminata all atleta e segnata nel referto ma lo stesso rimarrà in campo per consentire il proseguimento del gioco. Art. 9) AGONISMO ETICO E FAIR PLAY In ogni livello sarà premiato l agonismo etico mediante la Coppa Disciplina che verrà assegnata alla Società che avrà ottenuto il minor numero di punti di penalizzazione, secondo le norme dei Regolamenti Nazionali per l Attività Sportiva. Art. 9bis) SQUALIFICHE Squalifiche per somma di ammonizioni: i tesserati i cui organi di giustizia sportiva infliggano più ammonizioni, ancorché conseguenti ad infrazioni di diversa indole, incorrono nella squalifica per una gara alla quarta ammonizione. Nei casi di recidiva, si prosegue secondo la seguente progressione: A)Squalifica per una gara alla quarta ammonizione. B)Successiva squalifica per una gara alla terza ammonizione. C)Successiva squalifica per una gara alla seconda ammonizione. D)Successiva squalifica per una gara ad ogni ulteriore ammonizione. Ai fini dell applicabilità del presente comma, all ammonizione inflitta dal giudice di gara corrisponde un uguale provvedimento dell organo competente, salvo che quest ultimo in base al rapporto del giudice di gara, ritenga di dover infliggere una sanzione più grave. Squalifiche per espulsione dal terreno di gioco: al giocatore espulso dal campo o ai dirigenti allontanati, viene applicata la squalifica automatica per una giornata di gara, anche in assenza della delibera del Giudice Unico. La squalifica automatica di una giornata dovrà scontarsi nella giornata immediatamente successiva a quella dell espulsione diretta dal terreno di gioco. I giocatori squalificati per una o più giornate dovranno scontare la squalifica anche se la società partecipa a più campionati. Art. 10) STRUTTURA CAMPIONATO PLAY OFF FINALFOUR: Le prime Due classificata di ogni girone accederanno direttamente ai quarti della FinalFour. Le due sterze e quarte Quinte e Seste classificate, disputeranno i quarti di qualificazione della FinalFour con gare di A/R. In caso di parità di risultato nella gara di ritorno si andrà direttamente ai calci di rigore. FORMULA QUARTI QUALIF. FINAL FOUR: 3 A VS 6 B 3 B VS 6 A 4 A VS 5 B 4 B VS 5 A

14 Le vincenti accederanno ai quarti di finale con gare di A/R, in caso di parità di risultato nella gara di ritorno si andrà direttamente ai calci di rigore. FORMULA: 1 CLAS. GIRONE A VS VINCENTE 4 QUARTO 1 CLAS. GIRONE B VS VINCENTE 3 QUARTO 2 CLAS. GIRONE A VS VINCENTE 2 QUARTO 2 CLAS. GIRONE B VS VINCENTE 1 QUARTO Le vincenti disputeranno le SEMIFINALI con gare di A/R, in caso di parità di risultato nella gara di ritorno si andrà direttamente ai calci di rigore. SEMIFINALI - FORMULA: VINCENTE 1 QUARTO VS VINCENTE 4 QUARTO VINCENTE 2 QUARTO VS VINCENTE 3 QUART0 Le vincenti disputeranno la FINALE per il primo e secondo posto, in caso di parità di risultato verranno disputati 2 tempi supplementari di 5 minuti ciascuno, ulteriore parità si andrà ai calci di rigore. Le perdenti disputeranno la FINALE per il terzo e quarto posto, in caso di parità di risultato si andrà direttamente ai calci di rigore. COPPA SPORTING play out SERIE C1: La 7, 8, 9 e 10 classificata di ogni girone andranno a formare DUE gironi di 4 squadre con gare di sola andata. FORMULA: GIRONE A GIRONE B 7 A 7 B 8 B 8 A 9 A 9 B 10 B 1O A Le prime Due Classificate di ogni girone disputeranno le SEMIFINALI con gare di A/R, in caso di parità di risultato nella gara di ritorno si andrà direttamente ai calci di rigore. Le vincenti disputeranno la FINALE per il primo e secondo posto, in caso di parità di risultato verranno disputati 2 tempi supplementari di 5 minuti ciascuno, ulteriore parità si andrà ai calci di rigore. Le perdenti disputeranno la FINALE per il terzo e quarto posto, in caso di parità di risultato si andrà direttamente ai calci di rigore. PLAY OUT RETROCESSIONE SERIE C1: La e 13 classificata, di ogni girone, si incontreranno, con gare di andata e ritorno. In caso di parità di risultato nella gara di ritorno, si andrà direttamente ai calci di rigore. FORMULA: 11 A vs 13 B 11 B vs 13 A 12 A vs 12 B Le DUE squadre perdenti saranno retrocesse al Campionato di Serie C2, 2013/14 Art. 11 PARITA DI PUNTI: Se nel girone due squadre risultassero a pari punti si terrà conto nell ordine: scontro diretto; differenza reti negli scontri diretti; reti fatte, in toto; reti subite, in toto; coppa disciplina; in caso di ulteriore parità, sorteggio. Se nel girone più squadre risultassero a pari punti si terrà conto nell rodine: classifica avulsa; differenza reti nella classifica avulsa; differenza reti nel girone; reti fatte nel girone, reti subite nel girone; coppa disciplina.

15 Art. 12 RINUNCIA: In caso di rinuncia ad una gara, la Società rinunziataria, oltre alle sanzioni previste dal Regolamento di giustizia, subisce la perdita della gara per 6 a 0, inoltre è tenuta al pagamento di euro 100,00, oltre ai provvedimenti disciplinari della G.S. Alla squadra avversaria spetterà il pagamento regolare di Euro 20,00, il campo di gioco rimarrà a disposizione della stessa. Durante la fase provinciale, se una squadra si ritira dal campionato dove la stessa partecipa, verrà applicata la regola presente nella domanda di iscrizione, accettata e controfirmata dal Presidente della Società. Art. 13 CALENDARIO GARE Per evidenti motivi organizzativi, vedi Comunicato Ufficiale del CSI e designazioni arbitrali, per effettuare spostamenti di partite o cambiamenti di orario, dopo la pubblicazione del calendario, le comunicazioni devono giungere almeno 7 gg prima. Il trasgredire più volte tale norme, comporterà una sanzione di. 5,00. Sarà cura di ogni squadra aggiornarsi sul calendario gare e le sue eventuali modifiche. Art. 14 RICORSI E RECLAMI In tutte le fasi dei campionati, compresa la fase finale, si applicano le norme del Regolamento di Giustizia Sportiva Nazionale riportato nei regolamenti e norme per l attività sportiva del CSI 2011/2012. Avverso le deliberazioni dalla Commissione Giudicante del Comitato, è possibile proporre appello, nei tempi e nelle modalità previste dal Regolamento per la Giustizia Sportiva del Centro Sportivo Italiano, alla Commissione Giudicante Regionale. I gravami dovranno essere inviati al seguente indirizzo: C.S.I. - Commissione Giudicante Regionale C.P VIAREGGIO LU A) Il Giudice Unico insediato presso il Comitato Provinciale di Prato avrà competenza sul Campionato, sia per i provvedimenti assunti d'ufficio sulla scorta dei documenti pervenuti ufficiali, sia su reclami pervenuti inerenti l'esito delle gare; eventuali istanze di revisione avverso i provvedimenti assunti dallo stesso saranno per contro di competenza della Commissione Giudicante del Comitato CSI di Prato. Le modalità per reclami e ricorsi sono quelle riportate negli art. 9, 73,74,75,76,77 del Regolamento di Giustizia Sportiva.Le Società intenzionate a proporre un reclamo o un ricorso devono scrupolosamente attenersi a quanto in materia dettano i Regolamenti e le Norme per l Attività Sportiva emanati dalla Presidenza nazionale del C. S. I. Art. 15 AUTOMATISMO DELLE SANZIONI Le espulsioni dal campo di gioco di tesserati, sancite dal Direttore di Gara, saranno sanzionate automaticamente con una giornata effettiva di squalifica, fatte salve le eventuali decisioni del Giudice Unico pubblicate sul Comunicato Ufficiale. Art. 16 QUOTA DI PARTECIPAZIONE La quota di partecipazione al campionato SERIE C1 è fissata in. 15,00 oltre alla quota di 55,00 per ogni singola gara. La quota di partecipazione non comprende le spese di affiliazione, tesseramento, campi di gioco. La CAUZIONE è fissata in 100,00. La stessa deve rimanere integra per tutto il campionato. La quota di partecipazione deve essere pagata, unitamente alla cauzione, prima dell avvio dei Campionati. Art. 17 NORME GENERALI Il CSI Comitato Provinciale di Prato E l Associazione Sporting Mezzana declina ogni responsabilità per infortuni o danni occorsi a persone o cose prima, durante e dopo le gare, fatta eccezione per quanto previsto dalla parte assicurativa del tesseramento. Per quanto non espressamente previsto nei presenti articoli, vigono: Lo Statuto, i Regolamenti e le Norme per l Attività Sportiva emanati dalla Presidenza nazionale del C. S. I.

16 GIRONE A Andata 1 Giornata Ven. 09/11/12 22,00 Campo 4 Boom Shankar Giov. 08/11/12 22,40 Campo 3 I Drimme Timme Giov. 08/11/12 23,00 Campo 6 Giov. 08/11/12 23,00 Campo 4 Rayo Avellaneda Mer. 07/11/12 21,20 Campo 6 H 7 Mer. 07/11/12 22,10 Campo 6 Riposa: 2 Giornata H 7 Mer. 14/11/12 22,10 Campo 6 Mar. 13/11/12 21,30 Campo 6 Rayo Avellaneda Giov. 15/11/12 22,40 Campo 3 Giov. 15/11/12 21,50 Campo 3 I Drimme Timme Mar. 13/11/12 22,40 Campo 3 Boom Shankar Giov. 15/11/12 22,10 Campo 6 Riposa: 3 Giornata Boom Shankar I Drimme Timme Rayo Avellaneda Riposa: H 7 4 Giornata H 7 Rayo Avellaneda I Drimme Timme Riposa: Boom Shankar 5 Giornata I Drimme Timme Rayo Avellaneda H 7 Riposa: Boom Shankar

17 6 Giornata H 7 Rayo Avellaneda Boom Shankar Riposa: I Drimme Timme 7 Giornata Rayo Avellaneda H 7 Riposa: I Drimme Timme Boom Shankar 8 Giornata H 7 Boom Shankar I Drimme Timme Rayo Avellaneda Riposa: 9 Giornata Rayo Avellaneda H 7 Riposa: I Drimme Timme Boom Shankar 10 Giornata Boom Shankar H 7 I Drimme Timme Riposa: Rayo Avellaneda

18 11 Giornata H 7 Riposa: Rayo Avellaneda I Drimme Timme Boom Shankar 12 Giornata Boom Shankar I Drimme Timme H 7 Rayo Avellaneda Riposa: 13 Giornata H 7 Riposa: 14 Giornata H 7 Riposa: Rayo Avellaneda I Drimme Timme Boom Shankar Boom Shankar I Drimme Timme Rayo Avellaneda 15 Giornata H 7 Rayo Avellaneda I Drimme Timme Boom Shankar Riposa:

19 16 Giornata Riposa: H 7 Boom Shankar I Drimme Timme Rayo Avellaneda Ritorno 17 Giornata H 7 Rayo Avellaneda I Drimme Timme Riposa: Boom Shankar 18 Giornata Boom Shankar I Drimme Timme Rayo Avellaneda H 7 Riposa: 19 Giornata H 7 Rayo Avellaneda Riposa: I Drimme Timme Boom Shankar 20 Giornata I Drimme Timme Boom Shankar Rayo Avellaneda H 7 Riposa:

20 21 Giornata H 7 Rayo Avellaneda Riposa: Boom Shankar I Drimme Timme 22 Giornata Rayo Avellaneda I Drimme Timme Boom Shankar H 7 Riposa: 23 Giornata H 7 Riposa: Rayo Avellaneda Boom Shankar I Drimme Timme 24 Giornata Rayo Avellaneda I Drimme Timme H 7 Boom Shankar Riposa: 25 Giornata H 7 Riposa: Boom Shankar I Drimme Timme Rayo Avellaneda

CAMPIONATI ECCELLENZA e PROMOZIONE Art.1) ORGANIZZAZIONE I comitati provinciali CSI di Firenze Pistoia - Prato indicono e le rispettive commissioni

CAMPIONATI ECCELLENZA e PROMOZIONE Art.1) ORGANIZZAZIONE I comitati provinciali CSI di Firenze Pistoia - Prato indicono e le rispettive commissioni CAMPIONATI ECCELLENZA e PROMOZIONE Art.1) ORGANIZZAZIONE I comitati provinciali CSI di Firenze Pistoia - Prato indicono e le rispettive commissioni calcio organizzano i campionati interprovinciali di calcio

Dettagli

REGOLAMENTO CAMPIONATO C.S.I. di CALCIO a 11 MASCHILE

REGOLAMENTO CAMPIONATO C.S.I. di CALCIO a 11 MASCHILE REGOLAMENTO CAMPIONATO C.S.I. di CALCIO a 11 MASCHILE A - NORME SPECIFICHE ATTIVITA Calcio11- art.1: CAMPIONATO 2013-2014 Le data di svolgimento del campionato provinciale calcio Maschile a 11: - Inizio

Dettagli

Regolamento CALCIO A CINQUE 2015/2016

Regolamento CALCIO A CINQUE 2015/2016 Regolamento CALCIO A CINQUE 2015/2016 Art. 1 Regolamento tecnico di gioco 1 Le norme tecniche per il calcio a cinque della presente sezione integrano le Norme per l'attività Sportiva. 2 Fino alla pubblicazione

Dettagli

REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 5 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016

REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 5 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Comitato di Frosinone Tel./Fax 0775/856710 www.csi-fr.it REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 5 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 Il Comitato Provinciale di Frosinone indice

Dettagli

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 Validità dei regolamenti La fase finale dei Campionati Regionali 2014 si svolge secondo quanto stabilito dal Regolamento generale pubblicato su Sport in regola -Regolamento

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE CALCIO A 7-2015 CAT. OPEN MASCHILE C.U. N. 5

CAMPIONATO REGIONALE CALCIO A 7-2015 CAT. OPEN MASCHILE C.U. N. 5 CAMPIONATO REGIONALE DI CALCIO A 7-2015 CAT. OPEN MASCHILE C.U. N. 5 1 R E G O L A M E N T O Art. 1 Partecipazione Alla fase regionale vengono ammesse per ciascuno dei tornei svolti nella regione la squadra

Dettagli

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11 COMITATO PROVINCIALE DI CAVA DE TIRRENI c/o Stadio Comunale S.Lamberti C.so Mazzini, 210 Cava de Tirreni (SA) e-mail: info@csicava.it www.csicava.it Telefax 089/461602 ANNO SPORTIVO 2015/2016 CAMPIONATI

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 ART. 1 TESSERAMENTO 1. Ogni squadra al momento dell iscrizione dovrà indicare un Referente, che potrà essere anche un partecipante al Torneo, il quale curerà i

Dettagli

Regolamento Campionato Nazionale calcio a 5 cat. Open Fase Provinciale

Regolamento Campionato Nazionale calcio a 5 cat. Open Fase Provinciale CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO DI NOVARA Gozzano 10-09-2014 Regolamento Campionato Nazionale calcio a 5 cat. Open Fase Provinciale Premessa Nello svolgimento dell attività sportiva del CSI in caso di

Dettagli

GIRLS FUTSAL CUP 2015/2016

GIRLS FUTSAL CUP 2015/2016 Centro Sportivo Italiano Comitato di Bologna Via M.E.Lepido, 196/3-40133 Bologna. Tel. 051 6417987. Fax 051 406578. www.csibologna.it - calcio5@csibologna.it Seguici su facebook.com/csibologna GIRLS FUTSAL

Dettagli

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento -

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - PARAGRAFO 1: PARTECIPANTI quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - Il Torneo di calcio a 8 GAMING CUP è un Torneo riservato alle Società Operatrici di scommesse Eurobet, Paddy Power,

Dettagli

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA 6 CAMPIONATO PROVINCIALE 6 COPPA UISPFC di CALCIO a 11 Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI Norme di Partecipazione e Deroghe al Regolamento Nazionale di Calcio a 11 Stagione

Dettagli

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO 1 TROFEO ENZO BASTOGI dall 8 Giugno 2015 TORNEO DI CALCIO A 5 c/o CIRCOLO TENNIS ORBETELLO ASD Via Giovanni da Orbetello 2 58015 Orbetello (Gr) 0564/867539

Dettagli

REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7

REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7 REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7 STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 ART. 1 - FORMULA DEL CAMPIONATO Calcio a 5 Il campionato prevede gironi all italiana di Serie A2 composti da un massimo di

Dettagli

REGOLAMENTO 2015 / 2016

REGOLAMENTO 2015 / 2016 REGOLAMENTO 2015 / 2016 ART. 1 COMPOSIZIONE DEL CAMPIONATO Il Campionato Amatoriale è a scopo ricreativo e destinato ai soli soci maggiorenni dell A.S.D. SUMMER GAMES è composto da10 squadre, raggruppate

Dettagli

IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA. con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA. sapcatania.it IL TORNEO DI CALCIO A 7

IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA. con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA. sapcatania.it IL TORNEO DI CALCIO A 7 IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA IL TORNEO DI CALCIO A 7 denominato Un goal per la memoria Edizione 2009/2010 (REGOLAMENTO) 1 REGOLAMENTO

Dettagli

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 -TESSERAMENTO GIOCATORI I tesseramenti dei calciatori / dirigenti saranno ammessi fino al 31/12/2012 senza alcuna deroga. I giocatori che non avranno

Dettagli

35 CAMPIONATO A.S. 2014/2015

35 CAMPIONATO A.S. 2014/2015 CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato di Imola REGOLAMENTO CALCIO A 11 35 CAMPIONATO A.S. 2014/2015 ART. 1 - MODALITA DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ISCRIZIONE 1. Il Centro Sportivo Italiano di Imola, con la

Dettagli

CAMPIONATO UISP 2013-14 COMITATO DI GROSSETO COMUNICATO N. 1 DEL 21 09 2014

CAMPIONATO UISP 2013-14 COMITATO DI GROSSETO COMUNICATO N. 1 DEL 21 09 2014 CAMPIONATO UISP 2013-14 COMITATO DI GROSSETO COMUNICATO N. 1 DEL 21 09 2014 UISP GROSSETO - LEGA CALCIO STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CAMPIONATO DI CALCIO A 5 SERIE A, SERIE B, SERIE C1, C2, GROSSETO, COPPA

Dettagli

Regolamento Ufficiale

Regolamento Ufficiale TORNEO DELLE PARROCCHIE SAN GIOVANNI PAOLO II CALCIO A 5 VI^ EDIZIONE - 2015 Regolamento Ufficiale Il Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile del Vicariato di Roma, in collaborazione con l Unione

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011

Centro Sportivo Italiano Comitato di Milano REGOLAMENTI 2010/2011 CALCIO A 5 ATTIVITA' ORGANIZZATA Viene organizzata la seguente attività per la stagione 2010/2011 1) OPEN: Campionato Provinciale Eccellenza e Categoria A per atleti nati nel 1995 e precedenti 2) Torneo

Dettagli

LEGA CALCIO UISP BERGAMO

LEGA CALCIO UISP BERGAMO REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 7 REGOLAMENTO ORGANICO ART. 1 - DOVERI DELLE SQUADRE E DEI TESSERATI a) Le squadre iscritte al Campionato Provinciale di Calcio a 7 hanno il dovere dell osservanza

Dettagli

Campionato Nazionale CSI di Pallavolo - Categoria Open Misto stagione 2015/2016 -

Campionato Nazionale CSI di Pallavolo - Categoria Open Misto stagione 2015/2016 - Campionato Nazionale CSI di Pallavolo - Categoria Open Misto stagione 2015/2016 - REGOLAMENTO DELLA FASE PROVINCIALE ORGANIZZAZIONE E LIMITI DI PARTECIPAZIONE Art.1 Il Comitato Provinciale CSI di Ancona

Dettagli

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari 3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016 Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari Regolamento del Torneo IL TORNEO E RISERVATO A TUTTI I GIOCATORI CHE ABBIANO COMPIUTO IL 30 ANNO DI ETA AL MOMENTO

Dettagli

PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO

PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO 1. Potranno partecipare ai tornei solo giocatori amatoriali. Per quanto concerne gli esterni sono esclusi tutti i tesserati FIGC di qualsiasi categoria. Potranno

Dettagli

Campionato di Calcio a 5

Campionato di Calcio a 5 Campionato di Calcio a 5 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale n 1 del 03/09/2015 U.I.S.P. - Lega Calcio Via Catenaia, 12-52100 Arezzo Tel. 0575/27095 - Fax 0575/28157 Sito Lega Calcio: www.calciouisparezzo.it

Dettagli

REGOLAMENTO. Sono ammessi in campo e in distinta gara 2 giocatori tesserati di cui uno non oltre la 1 categoria calcio a 11 o C2 calcio a 5

REGOLAMENTO. Sono ammessi in campo e in distinta gara 2 giocatori tesserati di cui uno non oltre la 1 categoria calcio a 11 o C2 calcio a 5 REGOLAMENTO LIMITAZIONI campionati SERIE A Sono ammessi in campo e in distinta gara 2 giocatori tesserati di cui uno non oltre la 1 categoria calcio a 11 o C2 calcio a 5 Sono considerati di pari livello

Dettagli

CALCIO A SETTE Art. 1 - Regolamento tecnico di gioco. Art. 2 - Categorie di età e tempi di gioco. Art. 3 - Tempo di attesa

CALCIO A SETTE Art. 1 - Regolamento tecnico di gioco. Art. 2 - Categorie di età e tempi di gioco. Art. 3 - Tempo di attesa CALCIO A SETTE Art. 1 - Regolamento tecnico di gioco 1 Le norme tecniche per il calcio a 7 della presente sezione integrano le Norme per l'attività Sportiva. 2 Per lo svolgimento del calcio a 7 nel CSI

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO

CENTRO SPORTIVO ITALIANO Commissione Tecnica Calcio CSI CARPI 18 TORNEO PRIMAVERA CALCIO A CINQUE ATUTTOCAMPO.COM SERIES 1 trofeo Cav. Dott. Lauro Semellini Comunicato n 3 del 27/5/2015 COMPLETAMENTO GIRONI E FORMULA DEFINITIVA

Dettagli

Campionato di Calcio a 5

Campionato di Calcio a 5 Campionato di Calcio a 5 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale n 1 del 04/08/2014 U.I.S.P. - Lega Calcio Via Catenaia, 12-52100 Arezzo Tel. 0575/27095 - Fax 0575/28157 Sito Lega Calcio: www.calciouisparezzo.it

Dettagli

SPORTING MAGI A.S.D. VIA MANDRE, 6 PONTE DELLA PRIULA (TV) TEL. 347.5948479 sportingmagi@libero.it

SPORTING MAGI A.S.D. VIA MANDRE, 6 PONTE DELLA PRIULA (TV) TEL. 347.5948479 sportingmagi@libero.it SPORTING MAGI A.S.D. VIA MANDRE, 6 PONTE DELLA PRIULA (TV) TEL. 347.5948479 sportingmagi@libero.it REGOLAMENTO - NORME ART. 1 SPORTING MAGI A.S.D. indice ed organizza il 2^ TORNEO di calcio a 5, per giocatori

Dettagli

REGOLAMENTO 2011. Art. 1 COME ISCRIVERSI

REGOLAMENTO 2011. Art. 1 COME ISCRIVERSI REGOLAMENTO 2011 Art. 1 COME ISCRIVERSI somma di 350,00 nei seguenti modi: 1. Bonifico Bancario c.c. 2. Assegno non trasferibile intestato alla A.S.D. Stella Azzurra. 3. In contanti presso la sede in via

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE FASI FINALI PROVINCIALI Le Fasi Finali Provinciali c5/c7 sono parte integrante dei Campionati 2013/14 e la mancata

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE REGOLAMENTO UFFICIALE ART. 1- Durata del torneo. Il torneo avrà inizio il giorno sabato 31 MAGGIO 2014 e terminerà il giorno lunedi 02 GIUGNO 2014. L Organizzazione si riserva il diritto, per esigenze

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO

CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO A.S. 2011/2012 Il Comitato Provinciale di Venezia del Centro Sportivo Italiano e del UISP, indicono per la stagione sportiva 2010/2011 il Campionato

Dettagli

JUNIOR TIM CUP 2013. Art 8 - Giustizia sportiva La Giustizia sportiva sarà amministrata dagli Organi giudicanti CSI.

JUNIOR TIM CUP 2013. Art 8 - Giustizia sportiva La Giustizia sportiva sarà amministrata dagli Organi giudicanti CSI. JUNIOR TIM CUP 2013 IL CALCIO NEGLI ORATORI REGOLAMENTO Premessa: Il Regolamento è applicato integralmente nella fase Nazionale di JUNIOR TIM CUP 2013. Per la fase territoriale, organizzata dal CSI Milano,

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016

Stagione Sportiva 2015/2016 CAMPIONATO AMATORIALE NOTTURNO PROVINCIALE A 11 GIOCATORI OVER 40 NORME DI PARTECIPAZIONE - Regolamento ART. 1 - La Lega Calcio dell U.I.S.P. di Bergamo organizza, in collaborazione con la Associazione

Dettagli

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Cosenza, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e

Dettagli

REGOLAMENTO SEASON 2015/2016

REGOLAMENTO SEASON 2015/2016 Art. 1 ISCRIZIONE E ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO SEASON 2015/2016 L Organizzazione del "Pezzana Orange" è a cura del Torneo Pezzana e dell Orange League presso il Circolo FUTBOLCLUB. Il costo dell iscrizione

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

4^ CAMPIONATO AMATORIALE FRANCIGENA CUP E AVIS CUP REGOLAMENTO TECNICO UFFICIALE

4^ CAMPIONATO AMATORIALE FRANCIGENA CUP E AVIS CUP REGOLAMENTO TECNICO UFFICIALE 1. CALENDARIO. 4^ CAMPIONATO AMATORIALE FRANCIGENA CUP E AVIS CUP REGOLAMENTO TECNICO UFFICIALE Il calendario ufficiale del 4 Campionato Amatoriale di calcio a 5 Francigena Cup e Avis Cup, verrà consegnato

Dettagli

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Como, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e fasce

Dettagli

19 CAMPIONATO DRIBBLING 2009-2010 REGOLAMENTO

19 CAMPIONATO DRIBBLING 2009-2010 REGOLAMENTO 19 CAMPIONATO DRIBBLING 2009-2010 REGOLAMENTO 1)IL CAMPIONATO SI SVOLGERA AL CENTRO SPORTIVO DRIBBLING IN COLLABORAZIONE CON CASA DELLO SPORT, ART E PARQUET E ENDAS. 2)OGNI SQUADRA ISCRITTA AL CAMPIONATO

Dettagli

LEGA CALCIO UISP MONZA-BRIANZA

LEGA CALCIO UISP MONZA-BRIANZA NORME DI PARTECIPAZIONE CAMPIONATO A 11 GIOCATORI 2010-2011 a) DEFINIZIONE ATTIVITA La presente attività è dichiarata dalla Lega Calcio UISP Monza Brianza: attività ufficiale - ambito agonistico. Si articola

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia CHAMPIONS LEAGUE Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1 Iscrizioni. Il Campionato Champions League 2015 è aperto a tutti (universitari

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE A DI CALCIO A 11 (Stagione Sportiva 2013/2014) REGOLAMENTO 1. SQUADRE PARTECIPANTI ED ORGANICO DELLA MANIFESTAZIONE La Federazione

Dettagli

Regolamento calcio 7 GABOGAS League

Regolamento calcio 7 GABOGAS League Regolamento calcio 7 GABOGAS League Il Centro sportivo Italiano comitato di Brescia organizza il campionato di calcio a 7, denominato GABOGAS League Possono partecipare tutti i gruppi sportivi, società

Dettagli

Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS DOVERI E OBBLIGHI GENERALI

Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS DOVERI E OBBLIGHI GENERALI ASSOCIAZIONE ITALIANA CULTURA E SPORT COMITATO PROVINCIALE DI PISTOIA Via Bellaria, 35 51100 PISTOIA ( PT ) Tel. 0573-367529 - FAX 0573/34933 e-mail: pistoia@aics.it Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS

Dettagli

61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE

61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE 61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE Art. 1 - Lo Sporting Club Centro Giovani Calciatori a.s.d. di Viareggio indice e organizza, con la collaborazione della F.I.G.C., con il

Dettagli

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere La ROMA NORD CHAMPIONSHIP organizza la SERIE A, torneo di calcio a 5 infrasettimanale e serale; il torneo, che si svolgerà tutti gli anni, vuole caratterizzarsi per il livello tecnico e la serietà di tutti

Dettagli

REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7

REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7 REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale Stagione Sportiva 2013/2014 (da redigere su carta intestata della Società

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 DEL 2 OTTOBRE 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 DEL 2 OTTOBRE 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 1 DEL 2 OTTOBRE 2015 A. NORME GENERALI 1. Nuova edizione di Sport in Regola E pubblicata sul sito della Presidenza nazionale www.csi-net.it nell area Attività sportiva la nuova

Dettagli

MEMORIAL Sergio Abbati

MEMORIAL Sergio Abbati 2011 MEMORIAL Sergio Abbati REGOLAMENTO: Art. 1) Ogni società potrà tesserare un massimo di 16 giocatori. Il tesseramento si chiuderà Giovedì 3 Giugno 2011. Dopo tale data non potranno essere tesserati

Dettagli

CUS MILANO CATTOLICA CUP 2016

CUS MILANO CATTOLICA CUP 2016 CATTOLICA CUP 2016 TORNEO DI CALCIO A 5 MASCHILE REGOLAMENTO DEL TORNEO ART. 1 Possono partecipare al Torneo tutti gli studenti regolarmente iscritti alle Università: Cattolica del Sacro Cuore, Politecnico

Dettagli

Spett.le AIA CAN 5 Sede CIRCOLARE N. 04. CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A A2 B A Femminile - UNDER 21 Coppa Italia Supercoppa Winter Cup

Spett.le AIA CAN 5 Sede CIRCOLARE N. 04. CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A A2 B A Femminile - UNDER 21 Coppa Italia Supercoppa Winter Cup CIRCOLARE N. 04 09 settembre 2014 1068/FT/FDF Spett.le AIA CAN 5 Sede Alle Società partecipanti ai Campionati Nazionali di Serie A A2 B A femminile Under 21 di Calcio a 5 Loro Sedi CAMPIONATO NAZIONALE

Dettagli

26 CAMPIONATO INDOOR DI CALCIO A 5 13 Trofeo L ARENA Il Giornale di Verona V E R O N A 5 O T T O B R E 201 5 21 M A G G I O 2 0 1 6 REGOLAMENTO GARA

26 CAMPIONATO INDOOR DI CALCIO A 5 13 Trofeo L ARENA Il Giornale di Verona V E R O N A 5 O T T O B R E 201 5 21 M A G G I O 2 0 1 6 REGOLAMENTO GARA 26 CAMPIONATO INDOOR DI CALCIO A 5 13 Trofeo L ARENA Il Giornale di Verona V E R O N A 5 O T T O B R E 201 5 21 M A G G I O 2 0 1 6 REGOLAMENTO GARA FORMULA TECNICA E REGOLE DI GIOCO APPLICATE 1. Il Campionato

Dettagli

Regolamento Settore Calcio a 5

Regolamento Settore Calcio a 5 Regolamento Settore Calcio a 5 Vers. 03.2014-15 REGOLAMENTO TORNEO CALCIO A5 SOMMARIO Art. 1 - Partecipazione al Campionato Art. 1.1 - Organizzazione e pendenze economiche Art. 1.2 - Modalità d iscrizione

Dettagli

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE Piazzale Veterani dello Sport, 4 48022 Lugo (Ravenna) tel. 0545-26924 fax 0545-35665 www.uispbassaromagna.it lugo@uisp.it STRUTTURA CAMPIONATO Il campionato di Calcio a 5 2012-2013 è aperto a tutte le

Dettagli

CAMPIONI A MILANO. Torneo di calcio a 7 - Edizione 2015-2016. Regolamento della manifestazione

CAMPIONI A MILANO. Torneo di calcio a 7 - Edizione 2015-2016. Regolamento della manifestazione CAMPIONI A MILANO Torneo di calcio a 7 - Edizione 2015-2016 Regolamento della manifestazione Sede, date, giorni e orari Il torneo si svolgerà presso il Centro Sportivo Masseroni di Milano (via Madruzzo,

Dettagli

www.csipisa.it 1 ottobre 2015 N 02 Bollettino Ufficiale del Comitato Territoriale di Pisa

www.csipisa.it 1 ottobre 2015 N 02 Bollettino Ufficiale del Comitato Territoriale di Pisa 1 ottobre 2015 N 02 Bollettino Ufficiale del Comitato Territoriale di Pisa www.csipisa.it Sede di Pisa Via Cisanello, 4 56124 - Pisa Tel. 050/571366 comitato@csi-pisa.it Sede di Pontedera Via dei Cappuccini,

Dettagli

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO 7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO ART.1 Il CRAL UNINA DELLA CONOSCENZA dell Università di Napoli Federico II indice ed organizza, con la collaborazione tecnica dell AICS C.P. Napoli, il Torneo Amatoriale

Dettagli

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 REGOLAMENTO UFFICIALE A cura della Commissione Tecnica Pallavolo CENTRO SPORTIVO ITALIANO - COMITATO PROVINCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO GC CUP CALCIO A 5

REGOLAMENTO GC CUP CALCIO A 5 REGOLAMENTO GC CUP CALCIO A 5 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con quanto

Dettagli

REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014

REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014 REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014 Alla tredicesima edizione del campionato amatoriale di calcio a 5 partecipano 40 squadre che vengono suddivise per sorteggio in 4 gironi da 10 squadre che daranno vita

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11 Piazza Toscanini 13, 41053 Pozza di Maranello (MO) 0536/948012 Web: www.acpozza.com e-mail: settoregiovanileacpozza@gmail.com L' A.C. POZZA 1982 organizza: Il Tornei di calcio a 11 SAMITALIA Il Tornei

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 del 31/07/2015 Pagina n. 1 I Comunicati Ufficiali della Lega Calcio sono disponibile esclusivamente sul sito : http:// STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 NORME DI PARTECIPAZIONE Informativa relativa alla stagione

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7

REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7 REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7 1. ISCRIZIONE AI CAMPIONATI E QUOTA DI CAMPO L iscrizione ad ogni campionato è gratuita. Le squadre che si iscrivono ad ogni singola

Dettagli

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 REGOLAMENTO ART. 1 - TITOLO Il Comitato Regionale FIGC-LND del Friuli Venezia Giulia, d intesa con il Settore Giovanile

Dettagli

Torneo di calcio a 5 femminile

Torneo di calcio a 5 femminile Torneo di calcio a 5 femminile REGOLAMENTO UFFICIALE 1- Denominazione e caratteristiche del torneo Il Torneo di calcio a 5 femminile è un torneo amatoriale riservato esclusivamente a squadre formate da

Dettagli

ART. 5: SOSTITUZIONI Sono previste n sostituzioni, indipendentemente dal ruolo, in qualsiasi momento della gara.

ART. 5: SOSTITUZIONI Sono previste n sostituzioni, indipendentemente dal ruolo, in qualsiasi momento della gara. REGOLAMENTO TORNEO 1^ SQUADRA (indicare la categoria delle squadre partecipanti) 15/16 ART. 1: ORGANIZZAZIONE La Società : Matr.FIGC: Sede c.a.p. via Telef. Fax email Dirig.Resp. Sig. telef. Cell. indice

Dettagli

11 CAMPIONATO DI CALCIO A 7

11 CAMPIONATO DI CALCIO A 7 11 CAMPIONATO DI CALCIO A 7 COORDINAMENTO PROVINCIALE CALCIO A 7 OPES AREZZO INIZIO CAMPIONATO LUNEDI 12 OTTOBRE 2015. Per la stagione sportiva 2015/2016 il campionato verterà su tre fasi e segnatamente:

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

Campionato Provinciale di Calcio a 5

Campionato Provinciale di Calcio a 5 Campionato Provinciale di Calcio a 5 Annata sportiva 2015 / 2016 Il Comitato Provinciale di Arezzo del C.S.I. - CENTRO SPORTIVO ITALIANO indice ed organizza, durante la Stagione sportiva 2015 / 2016, l

Dettagli

CALCIO A 5 NORME DI PARTECIPAZIONE QUOTE DI ISCRIZIONE E CAUZIONE QUOTA PALESTRA DA CONCORDARE E VERSARE ALLA SOCIETÀ CHE GESTISCE L IMPIANTO.

CALCIO A 5 NORME DI PARTECIPAZIONE QUOTE DI ISCRIZIONE E CAUZIONE QUOTA PALESTRA DA CONCORDARE E VERSARE ALLA SOCIETÀ CHE GESTISCE L IMPIANTO. CALCIO A 5 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

calcio Calcio a 11 1) punti conseguiti negli scontri diretti della classifica avulsa 2) maggior numero di vittorie nella classifica avulsa p.

calcio Calcio a 11 1) punti conseguiti negli scontri diretti della classifica avulsa 2) maggior numero di vittorie nella classifica avulsa p. Calcio a 11 Premessa Per lo svolgimento del Calcio a 11, si applicano i Regolamenti del CSI editi in Sport in regola e il regolamento Tecnico di gioco del Calcio a 11 della FIGC, con le limitazioni, le

Dettagli

REGOLAMENTO GARA SERIE A E SERIE B

REGOLAMENTO GARA SERIE A E SERIE B 8 CAMPIONATO DI CALCIOTTO Verona 21 settembre 2015 20 maggio 2016 REGOLAMENTO GARA SERIE A E SERIE B FORMULA TECNICA E REGOLE DI GIOCO APPLICATE 1. Il Campionato 2015/2016 si articola in due fasce di merito:

Dettagli

A.S.D. Montello C.A.V.

A.S.D. Montello C.A.V. A.S.D. Montello C.A.V. 31040 VOLPAGO DEL MONTELLO (TREVISO) Stadio Comunale: Volpago del Montello (TV) Via Sansovino n. 7 Colori sociali: bianco celeste Telefono e fax 0423 871496 e-mail calciomontello@libero.it

Dettagli

I GIOCATORI SPROVVISTI DI UNO DEI DOCUMENTI SOPRA INDICATI NON POTRA' IN ALCUN CASO PRENDERE PARTE ALLE GARE DI CAMPIONATO

I GIOCATORI SPROVVISTI DI UNO DEI DOCUMENTI SOPRA INDICATI NON POTRA' IN ALCUN CASO PRENDERE PARTE ALLE GARE DI CAMPIONATO 1) ISCRIZIONE SQUADRE E LISTA GIOCATORI 2) CAUZIONE, QUOTE DI PARTECIPAZIONE E DI PARTITE 3) PERIODO DI SVOLGIMENTO, NUMERO SQUADRE E GIRONI 4) MODALITA' DI SVOLGIMENTO TORNEO 5) MODALITA' DI SVOLGIMENTO

Dettagli

24 EDIZIONE TROFEO SANTA GIULIA DAL 6 AL 29 MAGGIO 2015 REGOLAMENTI CATEGORIE. REGOLAMENTO : CATEGORIA ALLIEVI 1998/1999 a 11 (undici)...

24 EDIZIONE TROFEO SANTA GIULIA DAL 6 AL 29 MAGGIO 2015 REGOLAMENTI CATEGORIE. REGOLAMENTO : CATEGORIA ALLIEVI 1998/1999 a 11 (undici)... U.S.O. UNITED ASD 24 EDIZIONE TROFEO SANTA GIULIA DAL 6 AL 29 MAGGIO 2015 REGOLAMENTI CATEGORIE REGOLAMENTO : CATEGORIA ALLIEVI 1998/1999 a 11 (undici)... 2 REGOLAMENTO : CATEGORIA GIOVANISSIMI 2000/2001

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale Stagione Sportiva 2014/2015 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice)

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE DI LUCCA

COMITATO PROVINCIALE DI LUCCA COMITATO PROVINCIALE DI LUCCA edizione n 6 del 0-09- ART. - LE SOCIETÀ Le Società sportive di Base (S.S.D. o comunque denominate) che intendono partecipare alle attività promosse dall'a.c.s.i. e dalle

Dettagli

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Societa affiliata alla Fipav e all MSP Manofuori Cup Non è necessario essere Campioni per divertirsi giocando a pallavolo L Associazione Culturale

Dettagli

Primo torneo DON BOSCO CATEGORIA ALLIEVI E GIOVANISSIMI

Primo torneo DON BOSCO CATEGORIA ALLIEVI E GIOVANISSIMI L ASD Calcio Giovanile Metropolitano e la Lega Calcio Uisp di Cagliari, organizzano la 1 edizione del Mundialito Giovanile Metropolitano, al quale parteciperà una selezione di squadre della categoria Allievi

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEO DI SPINACETO CALCIO A7

REGOLAMENTO TORNEO DI SPINACETO CALCIO A7 REGOLAMENTO TORNEO DI SPINACETO CALCIO A7 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero

Dettagli

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP Il Comitato Regionale Umbria della F.I.G.C. indice ed organizza il 1 TROFEO PERUGIA CUP Campo Federale di Prepo R E G O L A M E N T O U F F I C I A L E STAGIONE SPORTIVA 2011/2012

Dettagli

COMITATO TERRITORIALE BASSA ROMAGNA

COMITATO TERRITORIALE BASSA ROMAGNA COMITATO TERRITORIALE BASSA ROMAGNA Piazzale Veterani dello Sport n. 4 48022 Lugo (Ravenna) Tel. 0545-26924 0545-030353 0545-030363 Fax 0545-35665 www.uisp.it/bassaromagna lugo@uisp.it STRUTTURA CAMPIONATO

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11 Piazza Toscanini 13, 41053 Pozza di Maranello (MO) 0536/948012 Web: www.acpozza.com e-mail: settoregiovanileacpozza@gmail.com L' A.C. POZZA 1982 organizza: Il Tornei di calcio a 11 SAMITALIA Il Tornei

Dettagli

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Art. 1 Regolamento tecnico di gioco 1 Per lo svolgimento della pallavolo nel CSI si applica il Regolamento Tecnico di gioco del CSI con le limitazioni, le esclusioni, le

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO

REGOLAMENTO PALLAVOLO REGOLAMENTO PALLAVOLO STAGIONE 2009/2010 in vigore dal 1 settembre 2009 PREMESSA: Il regolamento è uno strumento atto a garantire nel migliore dei modi lo svolgimento dell attività in sintonia con le scelte

Dettagli

REGOLAMENTO GC CUP 5 UNDER 21

REGOLAMENTO GC CUP 5 UNDER 21 REGOLAMENTO GC CUP 5 UNDER 21 ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con quanto segue all interno di questo

Dettagli

REGOLAMENTO LOCALE STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ATTIVITA CALCIO GIOVANILE

REGOLAMENTO LOCALE STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ATTIVITA CALCIO GIOVANILE Centro Sportivo Italiano Comitato di Alba Via Mandelli 9-12051 Alba (CN) www.csialba.it Tel. 0173.441942 - Email: csi@csialba.it C.F. 90001320044 Calcio Giovanile: calcio@csialba.it REGOLAMENTO LOCALE

Dettagli

Regolamento Campionato Amatoriale Brianzolo Calcio a5 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

Regolamento Campionato Amatoriale Brianzolo Calcio a5 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 Regolamento Campionato Amatoriale Brianzolo Calcio a5 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 FORMULA DEL CAMPIONATO. Le squadre saranno inserite in un girone all italiana, con partite di andata e ritorno. In caso

Dettagli

REGOLAMENTO FINAL EIGHT COPPA ITALIA SERIE B 2014 2015

REGOLAMENTO FINAL EIGHT COPPA ITALIA SERIE B 2014 2015 REGOLAMENTO FINAL EIGHT COPPA ITALIA SERIE B 2014 2015 I Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 La Divisione Calcio a 5 organizza la Final Eight di Coppa Italia Serie

Dettagli

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI Categorie e limiti di età. MICRO - MINI 2004/2005/2006/2007 PROPAGANDA 2002/2003 UNDER 15 2000/2001 UNDER 18 1997/1998/1999 LIBERA 1996 e prec. PIGIESSIADI 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO

Dettagli

Csi Varese. Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale "Sport in regola"

Csi Varese. Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale Sport in regola Csi Varese Note aggiuntive calcio a 7 al regolamento nazionale "Sport in regola" Anno sportivo 2015/2016 CARTA DEL FAIR PLAY PRINCIPI DELLA CORRETTEZZA Qualunque sia il ruolo che svolgo nello sport, anche

Dettagli