Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Generale Impianti Pubblicitari Norme Tecniche di Attazione"

Transcript

1 COMUNE DI MONTIGNOSO PROVIINCIIA DII MASSA--CARRARA Deeccorratto dii Meedagglliia d Orro all Meerriitto Ciiviillee PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI P..G..I..P Gennaio 2010 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Elaborati costitutivi del Piano generale degli impianti pubblicitari e delle pubbliche affissioni Art. 2 - Attuazione del Piano Art. 3 Limitazioni e divieti Art. 4 - Titolo autorizzativo per l installazione degli impianti Art. 5 Obblighi del titolare dell impianto Art. 6 Ambiti di intervento PUBBLICITA PERMANENTE Art. 7 Mezzi pubblicitari durevoli Art. 8 Insegne d esercizio Art. 9 Preinsegne Art. 10 Transenne parapedonali PUBBLICITA TEMPORANEA Art. 11 Mezzi pubblicitari provvisori Art. 12 Striscioni Art. 13 Vele Art. 14 Altre forme di pubblicità temporanea PIANO DELLE AFFISSIONI Art. 15 Campo di attuazione Art. 16 Servizio affissionistico del Comune Art. 17 Distribuzione delle pubbliche affissioni per finalità, attribuzione delle superfici Art. 18 Adeguamento alla normativa Art. 19 Definizione di pubblicità abusiva Art. 20 Accertamento, violazioni, sanzioni Art. 21 Norme di rinvio Allegato <A>: -Elenco delle posizioni per impianti di pubblicità permanente e affissioni; -Tavole riportanti le posizioni per impianti di pubblicità permanente e affissioni; -Documentazione fotografica delle nuove posizioni per impianti di pubblicità permanente e affissioni; -Rappresentazione grafica delle tipologie consentite; Allegato <B>: -Censimento degli impianti affissionistici in atto al 31/08/2008; 2

3 NORME DI CARATTERE GENERALE ART. 1 Elaborati costitutivi del Piano generale degli impianti pubblicitari e delle pubbliche affissioni Il Piano generale degli impianti pubblicitari e delle pubbliche affissioni del Comune di Montignoso è redatto a norma dei criteri dettati dal Regolamento Comunale per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni, ai sensi e per l effetto degli artt. 3 e 36 del D. Lgs. 507/1993. Esso si articola in: 1) Norme e regolamento 2) Allegato <A> contenente: -Elenco delle posizioni per impianti di pubblicità permanente e affissioni; -Tavole riportanti le posizioni per impianti di pubblicità permanente e affissioni; -Documentazione fotografica delle nuove posizioni per impianti di pubblicità permanente e affissioni; -Rappresentazione grafica delle tipologie consentite; 3) Allegato <B>: -Censimento degli impianti affissionistici in atto al 31/08/2008. ART. 2 Attuazione del Piano Il Piano generale degli impianti pubblicitari e delle pubbliche affissioni è parte integrante del Regolamento Comunale per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni, ed ha lo scopo di disciplinare la collocazione degli impianti pubblicitari e di affissione nel territorio del Comune di Montignoso. Esso si attua attraverso l adozione di prescrizioni per la messa in opera dei mezzi pubblicitari nonché attraverso il censimento degli impianti pubblicitari e affissionistici esistenti ed il programma dei nuovi impianti. ART. 3 Limitazioni e divieti Gli impianti pubblicitari devono avere sagoma regolare, che non può essere quella di disco e di triangolo, colori che i n ogni caso non devono generare confusione con la segnaletica stradale e struttura portante in materiale non deperibile saldamente fissata al suolo. Non è consentita la collocazione su suolo pubblico di impianti pubblicitari di alcun genere (escluso insegne d esercizio) se non regolarmente forniti dal Comune. La pubblicità su ponteggi di cantiere ed altre strutture di servizio non può essere luminosa nè di luce propria né di luce indiretta (illuminata), e l immagine pubblicitaria non potrà avere dimensione superiore al 50% della superficie complessiva del ponteggio; la parte restante del ponteggio non dovrà avere aspetto precario. 1

4 L installazione di striscioni deve avvenire esclusivamente su montanti predisposti dal Comune. Nei cantieri non è consentita l affissione né direttamente sulle recinzioni né su altro tipo di supporto, fisso o mobile. ART. 4 Titolo autorizzativo per l installazione degli impianti Il titolo autorizzativo concederà all utente l utilizzo dello spazio pubblicitario predisposto sull impianto di proprietà del Comune per periodi regolamentati successivamente all art. 7. Al termine del periodo di utilizzo l utente dovrà fare formale richiesta di rinnovo, in caso contrario il Comune provvederà ad oscurare l immagine ritenendo libero lo spazio. L istanza di autorizzazione dovrà essere presentata all ufficio tributi su apposito modulo. ART. 5 Obblighi del titolare dell impianto In caso di riparazione o modifiche di marciapiede o del piano stradale che richiedano la temporanea rimozione degli impianti pubblicitari, gli utenti riceveranno regolare proroga dell esposizione pubblicitaria pagata per un periodo pari alla durata dei lavori eseguiti. Art. 6 Ambiti di intervento Ai fini del presente Piano e allo scopo di calibrare i criteri di intervento in funzione dell impatto che gli impianti pubblicitari producono sulla struttura urbana, il territorio comunale viene ripartito in n. 5 ambiti così delimitati: 1 centro storico 2 cinquale 3 da cinquale a Via Aurelia 4 artigianale industriale direzionale- commerciale 5 montana collinare PUBBLICITA PERMANENTE ART. 7 Mezzi Pubblicitari durevoli La pubblicità esterna durevole e non affissionistica di cui si occupa il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari viene esercitata esclusivamente tramite l occupazione degli spazi comunali sui quali verrà applicata una pellicola adesiva in materiale plastico. ART. 8 Insegne di esercizio Si ritiene insegna di esercizio la struttura collocata in aderenza dell attività economica o nelle pertinenze accessorie alla stessa, con scritta in caratteri alfanumerici, realizzata e 2

5 supportata con materiali non deperibili. L insegna di esercizio può essere opaca o luminosa per luce propria o per luce indiretta. Le insegne di esercizio si distinguono in insegne a parete e insegne a giorno. Le insegne a parete sono quelle ancorate alla facciata di pertinenza dell attività a cui si riferiscono e possono essere frontali o a bandiera. Le insegne frontali sono fissate al muro di pertinenza dell attività e parallelamente ad esso. Le insegne a bandiera sono fissate al muro di pertinenza dell attività e perpendicolarmente ad esso. Le insegne a giorno sono quelle non ricomprese nella definizione del comma precedente, esse sono installate nelle pertinenze accessorie all attività a cui si riferiscono e possono essere collocate su pali o sulla sommità di cancelli, pensiline, coperture. Le prescrizioni relative alle insegne sono definite in funzione degli Ambiti di ubicazione, in armonia con le caratteristiche degli edifici e dell ambiente circostante. ART. 9 Preinsegne Si definisce preinsegna la scritta in caratteri alfanumerici, completata da freccia di orientamento ed eventualmente da simboli e marchi, realizzata su manufatto bifacciale e bidimensionale, utilizzabile su una sola o su entrambe le facce, supportata da una idonea struttura di sostegno e finalizzata alla pubblicizzazione direzionale della sede dove si esercita una determinata attività, installata in modo da facilitare il reperimento della sede stessa e comunque nel raggio di 5 km. da essa. La preinsegna non può essere luminosa né per luce propria né per luce indiretta. Le preinsegne hanno forma rettangolare e dimensioni contenute entro i limiti inferiori di m. 1,00x0,20 e superiori di m. 1,50x0,30. ART. 10 Transenne parapedonali La transenna parapedonale è un manufatto avente lo scopo di proteggere il traffico pedonale; essa è posta lungo i bordi dei marciapiedi nel centro abitato e lungo la viabilità extraurbana; la transenna parapedonale potrà essere installata unicamente in corrispondenza degli incroci, degli attraversamenti pedonali e nei luoghi in cui è necessario disporre una barriera a protezione del traffico pedonale, solo se l Amministrazione riterrà necessario installarla per motivi di sicurezza; la collocazione della transenna parapedonale lungo i marciapiedi sarà consentita se gli stessi avranno una larghezza non inferiore a m. 1,20 oltre le dimensioni del cordolo di coronamento che dovrà restare inalterato e non dovrà essere interessato dall installazione del paletto. PUBBLICITA TEMPORANEA ART. 11 Mezzi pubblicitari provvisori La pubblicità provvisoria viene esercitata esclusivamente per mezzo di striscioni o carrelli trainabili. 3

6 ART. 12 Striscioni Lo striscione è un elemento bidimensionale, realizzato in materiale qualsiasi, privo di rigidezza, mancante di superficie di appoggio o comunque non aderente alla stessa. L esposizione di striscioni è autorizzabile unicamente su impianti di proprietà del Comune appositamente predisposti. Lo striscione non può essere luminoso né per luce propria né per luce indiretta. Art. 13 Vele La pubblicità effettuata con carrelli con sovrainstallato un impianto pubblicitario è consentita unicamente negli appositi spazi predisposti dal Comune e previo pagamento del canone di utilizzo dello spazio. La pubblicità di cui al comma precedente effettuata, con stazionamento o transito di veicoli pubblicitari autonomi, non è consentita all interno del centro abitato e nelle frazioni limitrofe ART. 14 Altre forme di pubblicità temporanea In occasione di manifestazioni politiche, sindacali e di categoria, filantropiche, religiose, culturali, sportive e ricreative, da chiunque organizzate, anche con il patrocinio o la partecipazione degli enti pubblici territoriali, nonché in occasione di spettacoli viaggianti, ed in occasione di manifestazioni commerciali la cui necessità sia collegata ad un evento ad esse riferite, sono autorizzabili unicamente con espresso atto concessorio della Giunta Comunale, la quale valuterà il progetto secondo le esigenze di rispetto ambientale e delle caratteristiche storiche ed urbanistiche degli edifici circostanti. PIANO DELLE AFFISSIONI ART. 15 Campo di Attuazione Le Affissioni sono identificate nel mezzo pubblicitario cartaceo incollato temporaneamente su impianti appositamente destinati. E vietata l affissione al di fuori degli spazi predetti. ART. 16 Servizio affissionistico del Comune Dal censimento degli Impianti in atto al risultano n 459 Impianti Affissionistici di proprietà comunale per complessivi mq 198,80 pari a n 284 fogli 70x100. Nel rispetto degli indirizzi di razionalizzazione e di riordino della pubblicità esistente a cui si conforma il presente Piano, saranno rimossi gli Impianti affissionistici indicati nel censimento allegato e risultanti vetusti, o di intralcio alla circolazione pedonale, o non più rispondenti alle norme sulla circolazione stradale. Nel rispetto di quanto prescritto nel Regolamento comunale per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e dei diritti sulle 4

7 pubbliche affissioni, in cui la quantità minima delle Pubbliche affissioni viene stabilita in mq. 12 (dodici) ogni mille abitanti riferita ad una popolazione di abitanti, gli impianti affissionistici che non saranno rimossi verranno integrati con l installazione di n nuovi impianti per complessivi mq. e n fogli del formato 70x100, per cui il presente Piano prevede che nel territorio comunale siano presenti n impianti per le pubbliche affissioni per complessivi mq. e fogli del formato 70x100, pari a mq. ogni mille abitanti. Ai sensi del Regolamento comunale per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni, la quantità complessiva delle Pubbliche affissioni prevista nel presente Piano potrà essere incrementata di un ulteriore 30% previa integrazione del presente Piano delle affissioni. ART. 17 Distribuzione delle pubbliche affissioni per finalità, attribuzione delle superfici Le superfici destinate alle pubbliche affissioni sono distribuite in ragione della finalità del messaggio affisso sugli appositi impianti indicati nell allegato <A>. Nel rispetto di quanto prescritto all art. 7 del Regolamento comunale per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni, dette superfici sono attribuite secondo le seguenti modalità: SUPERFICI A FINALITA ISTITUZIONALE, SOCIALE O COMUNQUE PRIVE DI RILEVANZA ECONOMICA: n impianti complessivi, per mq. pari a n fogli del formato 70x100 nei quali troveranno collocazione i messaggi privi di rilevanza economica e di carattere funerario. SUPERFICI A FINALITA COMMERCIALE: n impianti complessivi per mq. pari a fogli del formato 70x100, nei quali troveranno collocazione i messaggi di carattere commerciale e così ripartiti: n in categoria speciale per mq. pari a n fogli, e n in categoria normale per mq. pari a n fogli. NORME FINALI E TRANSITORIE ART. 18 Adeguamento alla normativa Entro 180 giorni dall entrata in vigore del presente Piano i titolari di impianti pubblicitari, ad esclusione delle insegne di esercizio, dovranno dimostrare il possesso del titolo autorizzativo. I soggetti possessori di titolo autorizzativo avranno priorità nella scelta della nuova e regolare posizione regolamentata nei precedenti articoli, corrispondendo il relativo costo di utilizzo dello spazio assegnato. I mezzi pubblicitari privi di titolo autorizzativo rilasciato dal Comune dovranno essere rimossi a cura e spese del titolare entro sessanta giorni dall entrata in vigore del Piano generale degli impianti pubblicitari e delle pubbliche affissioni. Qualora la rimozione non avvenisse nei tempi stabiliti, il Comune provvederà autonomamente e senza altro indugio a rimuovere l impianto addebitando al soggetto pubblicizzato oneri e sanzioni. Art. 19 5

8 Definizione di pubblicità abusiva E considerato abusivo l impianto pubblicitario non di proprietà del Comune o il manifesto cartaceo collocato al di fuori degli impianti appositamente previsti. ART. 20 Accertamento Violazioni Sanzioni L ufficio tributi effettuerà i controlli e gli accertamenti delle violazioni al presente regolamento. L ufficio tributi, avvalendosi anche della collaborazione di uffici e soggetti diversi, redige apposito verbale di contestazione documentato con opportuna rilevazione fotografica. L Ufficio provvede immediatamente a contestare la violazione al soggetto pubblicizzato, irrogando contestualmente le sanzioni previste nel presente regolamento. Nel caso in cui il soggetto pubblicizzato comunicasse, formalmente, entro 30 giorni dalla notifica della contestazione, i dati relativi al proprietario dell impianto abusivo, pur restando responsabile dell abuso commesso sarà considerato comunque, coobbligato nel pagamento dell abuso stesso. Per le collocazioni abusive di impianti pubblicitari si applica una sanzione minima di 500,00 (cinquecento/00) e massima di 2.000,00 (duemila/00) in relazione alla dimensione dell impianto collocato e/o ai danni arrecati all area occupata. Per le affissioni abusive all interno degli spazi predisposti ovvero all esterno degli stessi si applica una sanzione minima di 25,00 (venticinque/00) e massima di 250,00 (duecentocinquanta/00) per ogni manifesto affisso in relazione alla dimensione del manifesto e/o ai danni arrecati all area occupata. La rimozione degli impianti pubblicitari abusivi, nel solo caso in cui dovesse essere effettuata dal comune, comporterà l aggravio delle spese di rimozione al soggetto verbalizzato. ART. 21 Norme di rinvio Per quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento o in difformità, si rinvia alle norme ed alle leggi vigenti in materia. 6

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI PIANO DI ATTUAZIONE ATTO DI APPROVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. DEL..

Dettagli

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO. Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI GESTURI PROVINCIA MEDIO CAMPIDANO Oggetto: PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI E PER PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 del Regolamento Comunale per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO <A> REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA committente: DOGRE S.r.l. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art 1 - Elaborati costitutivi del Piano

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Elaborazione a cura di: Consulenza tecnica: Dott. Savino FILANNINO Arch.

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERLIZZI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE committente: GESTOR s.p.a. progettista: Dott. Arch. GIUSEPPE AGOSTINI

Dettagli

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE

REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PREINSEGNE ATTIVITA RICETTIVE Regolamento CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1- Finalità 1) Il presente Regolamento disciplina le tipologie e la collocazione

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA CC 3/2011 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE

APPROVATO CON DELIBERA CC 3/2011 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E D AFFISSIONE Comune di PISOGNE APPROVATO CON DELIBERA CC 3/2011 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE INDICE CAPO I NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 -

Dettagli

ABACO DELLE DISTANZE

ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI ALESSANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993

Dettagli

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI

IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI IMPIANTI PUBBLICITARI PERMANENTI TIPO D'IMPIANTO INSEGNA D'ESERCIZIO SU SUPPORTO AUTONOMO Privato P L'insegna di esercizio è costituita da una scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente

Dettagli

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari

Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Piano degli impianti e dei mezzi pubblicitari Allegato 2 Caratteristiche tecniche degli impianti e tipologia dei mezzi pubblicitari come da art. 4 del regolamento per la pubblicità e le affissioni Approvato

Dettagli

Comune di Giovinazzo

Comune di Giovinazzo Comune di Giovinazzo Assessorato al Bilancio Assessorato all Urbanistica e LL.PP. REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI PUBBLICHE AFFISSIONI Gruppo di lavoro: Il Responsabile

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI RIFERIMENTO INTERNO PROTOCOLLO GENERALE MARCA DA BOLLO GESTIONE DEL TERRITORIO SU RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INSTALLAZIONE MEZZI PUBBLICITARI AL DIRIGENTE DELL AREA GOVERNO AL TERRITORIO E QUALITA AMBIENTALE

Dettagli

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario

Regolamento per la disciplina. del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regolamento per la disciplina del sistema segnaletico, informativo e pubblicitario ART. 1 - SISTEMA PUBBLICITARIO E INFORMATIVO 1) Nel territorio comunale,

Dettagli

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada)

PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) ALLEGATO B PUBBLICITA' SULLE STRADE (art.23 Codice della Strada) art.47 Regolamento di Esecuzione (Definizione mezzi pubblicitari ) Manifesto: elemento bidimensionale privo di rigidezza posto su strutture

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CANOSA DI PUGLIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO «A» REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE Aggiornate a seguito delle modifiche disposte con:

Dettagli

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Allegato A alla Delibera Consiglio comunale n. 157 del 16/12/02 COMUNE DI PERUGIA PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Relazione INDICE 1. Fonti normative e finalità 2. Situazione attuale 3. Obiettivi operativi

Dettagli

COMUNE DI BATTIPAGLIA PROVINCIA DI SALERNO Tecnico Territoriale Piano Generale Impianti pubblicitari e Pubbliche affissioni ELABORATO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE AGGIORNAMENTO, INTEGRAZIONE

Dettagli

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4

A1-abaco generale. Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 A1-abaco generale DISTANZE IN METRI: Posizione dell impianto rispetto alla strada Strade D 2 Strade E 3 ed F 4 prima impianti semaforici 50 50 10* 10 dopo impianti semaforici 25 25 10* 10 prima di intersezioni

Dettagli

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE QUARTA ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE VOLUME QUARTO ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE DEI SITI DI INSTALLAZIONE DEI NUOVI IMPIANTI DI AFFISSIONE E IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE-TAVOLE PROGETTUALI 2 SOMMARIO:

Dettagli

COMUNE DI UGENTO Provincia di Lecce RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

COMUNE DI UGENTO Provincia di Lecce RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA COMUNE DI UGENTO Provincia di Lecce PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE AFFISSIONI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CARTELLONISTICA E SEGNALETICA STRADALE (approvato con Delibera del Comitato Direttivo n.8 del 1 luglio 2008) REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALETICA STRADALE IN AREA INDUSTRIALE

Dettagli

I DICE CAPO II GLI IMPIANTI DI PROPRIETA PUBBLICA

I DICE CAPO II GLI IMPIANTI DI PROPRIETA PUBBLICA COMUNE DI ANDRIA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato definitivamente dal Consiglio Comunale Con atto n. 90 del 20.12.2005 Modificato con atto consiliare n.

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI CAGLIARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ITIRID arebiled led led Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - Approvato con CC. N 57 del 30/06/94 (CRC 03/10/94 prot. N 26138) - Modificato

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 86 DEL 27/11/2012 INDICE CAPO I NORME DI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO COMUNALE PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNE DI BURAGO DI MOLGORA P.zza Matteotti, n.12 20040 Burago di Molgora Provincia di Monza e Brianza TEL.03969903.1 FAX 0396080329 C.F. 02906850157 P.I. 00739550960 Comune di Burago di Molgora REGOLAMENTO

Dettagli

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale

Posa nuovo manufatto Rinnovo In sanatoria Variazione messaggio pubblicitario Altro:.. Il/la sottoscritto/a nato/a a il - - Codice fiscale Sportello Unico per le Imprese Servizio convenzionato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Colverde, Faloppio, Olgiate Comasco, Oltrona San Mamette, Rodero,

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

CITTA DI MATINO PROV. DI LECCE SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

CITTA DI MATINO PROV. DI LECCE SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI CITTA DI MATINO PROV. DI LECCE SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE TITOLO I CRITERI GENERALI Art.1 Piano degli impianti pubblicitari: elaborati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI CARINI Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito e scopo del regolamento Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE COMUNE DI FORLI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI - MODIFICHE - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI MODIFICHE

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

Comune di Villasor Provincia di Cagliari

Comune di Villasor Provincia di Cagliari Comune di Villasor Provincia di Cagliari Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 9 aprile 2015 PIANO GENERALE DI ATTUAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

COMUNE DI OSTUNI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI OSTUNI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1 PIANO GENERALE IMPIANTI PUBBLICITARI RELAZIONE ILLUSTRATIVA NORMATIVA II D.Lgs 285/92 (Nuovo Codice della Strada) all'art.

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ALL. C) COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA RISORSE SERVIZIO ENTRATE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 Capo I NORME DI CARATTERE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. COMUNE DI AREZZO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 115 del 28/4/1999 Ultima modifica approvata con Delibera Commissario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con delibera di consiglio comunale n. 31 del 29.12.1995 SOMMARIO

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO

Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Comune di Olgiate Molgora PROVINCIA DI LECCO Assessorato all urbanistica ed edilizia REGOLAMENTO PER L ESPOSIZIONE DELLE INSEGNE D ESERCIZIO E CARTELLI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio Comunale nella

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti

GIUNTA REGIONALE DIRIGENZA - Decreti 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 tino Ufficiale della Regione Toscana ai sensi dell articolo 5, comma 1, della l.r. 23/2007 e nella banca dati degli atti del Consiglio regionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA COMUNE DI BOVOLONE Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DELLE INSEGNE E DELLE TENDE IN VIA MADONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI SU VIA MADONNA

Dettagli

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano

COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano COMUNE DI GESTURI Provincia Medio Campidano Regolamento per la disciplina delle iniziative pubblicitarie che incidono sull arredo urbano o sull ambiente. Approvato con deliberazione consiliare n. 16 del

Dettagli

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale 19.5.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 20 159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

Dettagli

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie -

CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - CITTA DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ----------------------------- AREA I - Risorse Finanziarie - Ufficio Cartellonistica ed Impianti Pubblicitari, Piazza Matteotti n.20 Tel0774-301670 DENUNCIA

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 OGGETTO DELL IMPOSTA È oggetto dell imposta la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata con forme di comunicazione visive e acustiche

Dettagli

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI PIANO GENERALE DEL SISTEMA DELLE AFFISSIONI E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Cervia, agosto 2010 Approvato con atto C.C. n. 72 del 19.11.2001 Modificato con atto C.C. n. 16 del 29.04.2011 1 2 INDICE TITOLO I

Dettagli

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione

PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione PIANO GENERALE DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Norme Tecniche di Attuazione Parte I DISPOSIZIONI GENERALI Titolo I GENERALITA Art.1 Articolazione 1. Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari è articolato

Dettagli

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI

RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI Riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo da Euro 14,62 AL FUNZIONARIO RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO RICHIESTA AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI (ai sensi dell'art. 23 del

Dettagli

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Articolo 27, commi 5, 7 e 8, del D.Lgs n. 285 del 30 aprile

Dettagli

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta

Provincia di Milano. IL DIRIGENTE Arch. Antonio Panzarino. IL VICESINDACO Errico Gaeta Provincia di Milano CONCESSIIONII PER OCCUPAZIIONE DEL SUOLO PUBBLIICO CON IIMPIIANTII PUBBLIICIITARII MODALIITÀ PROCEDURALII A PRECIISAZIIONE DEL Regolamento per l applicazione del canone sulla pubblicità

Dettagli

COMUNE di CAMPOGALLIANO

COMUNE di CAMPOGALLIANO Allegato 1 COMUNE di CAMPOGALLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 2003121800073(A)01.doc 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 4 Articolo 1 Ambito di applicazione del regolamento

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA.

OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente. RICHIESTA. SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Prat. n. MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di Rivoli OGGETTO: RICHIESTA Autorizzazione per installazione impianti pubblicitari a carattere temporaneo permanente.

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI SANT ANTIOCO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. del NORME DI CARATTERE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 23 del 31.03.2007 Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE

REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE REGOLAMENTO DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE CC 44 19/09/2000 INDICE Capo I Norme generali Art. 1: oggetto del Regolamento pag. 3 Art. 2: definizioni 3 Art. 3: altre attività pubblicitarie soggette a particolare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO Approvato con deliberazione di C.C. n. 20 del 18 /07 /2013 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI COMUNE DI MONTAGNA IN VALTELLINA Provincia di Sondrio UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE COMUNALI E NEI CENTRI ABITATI Pagina 1 di 16 Articolo 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI Approvato con delibera C.C. n.. 46 del 07.08.2013 - INDICE ART. 1) ART. 2)

Dettagli

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17

Il dirigente dell Area Servizi alla Città ing. Rosario La Corte. Pagina 1 di 17 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITÀ E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE E DI USO PUBBLICO Il dirigente dell Area Servizi alla Città

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del 1 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA In concessione a I.C.A. srl Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione

Dettagli

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari

Regolamento impianti e cartelli pubblicitari PROVINCIA DI ROMA Regolamento impianti e cartelli pubblicitari Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 212 del 23/02/2003 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 93 del

Dettagli

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE

PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE PARTE TERZA NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE 1 PARTE TERZA Norme di attuazione Sommario: Premessa pag. 3 Norme

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI TELESE TERME PROVINCIA DI BENEVENTO PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI D.Lgs. 30/04/92 n.285 (Nuovo Codice della Strada D.P.R. 16/12/1992 n.495 (Regolamento di esecuzione e di attuazione

Dettagli

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO)

COMUNE DI FERMIGNANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) COMUNE DI FERMIGNANO (PROVINCIA DI PESARO E URBINO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA Art. 1 Oggetto del regolamento 1.- Il presente regolamento disciplina le modalità di effettuazione

Dettagli

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1 TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE DURATA Temporaneo T DESCRIZIONE E CARATTERI DIMENSIONALI Elemento bidimensionale, situato trasversalmente su vie o piazze, sostenuto unicamente

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a

Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE. OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a... il. residente a BOLLO EURO 16,00 Al Sig. Sindaco del Comune di SCANZOROSCIATE OGGETTO: Domanda per l installazione di. I. sottoscritt.. nat. a.... il. residente a Via n.. codice fiscale telefono... per conto ai sensi

Dettagli

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ C O M U N E D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione. 1. La pubblicità esterna effettuata nell ambito del Comune

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Adottato con Atto di C.P. n. 19 dell 11 Maggio 2006 PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO CONCERNENTE L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E MEZZI PUBBLICITARI, DI SEGNALI DI INDICAZIONE DI TERRITORIO E DI SEGNALI

Dettagli

COMUNE DI POLIGNANO A MARE

COMUNE DI POLIGNANO A MARE COMUNE DI POLIGNANO A MARE PROVINCIA DI BARI REGOLAMENTO E PIANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI - DOTT.SSA MARIA MAGG. CENTRONE - Approvato con D.C.C. n. 04 bis del 30.10.2003 C A P O I DISPOSIZIONI

Dettagli

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02.

TITOLO I. Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44 del 25.05.2000, modificata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 21.02. TITOLO I DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO O IN VISTA DI STRADE O DI AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO Deliberazione di Consiglio Comunale n. 44

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI A CARATTERE TEMPORANEO E PERMANENTE APPROVATO CON

Dettagli

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri

PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri 1 PROVINCIADICATANZARO Area Gestione Del Territorio Settore Espropri REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI LUNGO LE STRADE PROVINCIALI O IN VISTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI, INSEGNA DI ESERCIZIO E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Approvato dal Consiglio provinciale Rep. Gen. 21/2003 atti 34079/03-1406/03 del 20 marzo 2003. Modificato dal

Dettagli

D.Lgs. 30-4-1992 n. 285

D.Lgs. 30-4-1992 n. 285 Nuovo codice della strada. Pubblicato nella Gazz. Uff. 18 maggio 1992, n. 114, S.O. 23. Pubblicità sulle strade e sui veicoli. D.Lgs. 30-4-1992 n. 285 (giurisprudenza di legittimità) 1. Lungo le strade

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 33 DEL 13.05.1994

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI. Norme volume III PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme volume III ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 198/49697 P.G. NELLA SEDUTA DEL 17/11/1997 MODIFICATO CON DELIBERAZIONI N. 32/I74491 NELLA

Dettagli

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013 COMUNE di ROVIGO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI E PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI http://www.comune.rovigo.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER ESPOSIZIONE PUBBLICITÀ SU PASSERELLA DEL MOVICENTRO

REGOLAMENTO PER ESPOSIZIONE PUBBLICITÀ SU PASSERELLA DEL MOVICENTRO REGOLAMENTO PER ESPOSIZIONE PUBBLICITÀ SU PASSERELLA DEL MOVICENTRO Approvato con delibera di C. di A.. n 28 in data 13/5/2015 1 INDICE Indice Premessa Art. 1 Finalità Art. 2 Ambito di applicazione Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA Provincia di Rimini REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI 1 di 15 INDICE Articolo 1 - Ambito di applicazione del regolamento 3 Articolo 2 - Suddivisione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI ENTRATE PATRIMONIALI CAPO I CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Art. 1 - Canone di Concessione non ricognitorio Le seguenti tipologie di concessioni

Dettagli

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005)

PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA PIANO DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI A GESTIONE PRIVATA DIRETTA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (VARIANTE 2005) Art. 1 Efficacia. 1. Il presente piano costituisce, assieme

Dettagli

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI

DISCIPLINARE CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI DISCIPLINARE PER LA INSTALLAZIONE DI MANUFATTI DESTINATI ALLA AFFISSIONE DI CARTELLIARTELLI PUBBLICITARI CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE DELL ORISTANESE CONSORZIO PER IL NUCLEO DI INDUSTRIALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MORDANO (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITÀ E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I DISCIPLINA DEI MEZZI PUBBLICITARI E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

COMUNE di VICOPISANO

COMUNE di VICOPISANO COMUNE di VICOPISANO INDICAZIONE DELLE ZONE DI LOCALIZZAZIONE DEI CARTELLI PUBBLICITARI INDIVIDUAZIONE AMBITI TIPOLOGICI INSEGNE (REDATTO PER CONTO DEL COMUNE DI VICOPISANO) PROGETTAZIONE: Arch. Luca PASQUINUCCI

Dettagli

Comune di Valdobbiadene

Comune di Valdobbiadene Comune di Valdobbiadene REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DELLA PUBBLICITA SULLE STRADE IN CENTRO ABITATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 29 novembre 2011 In vigore dal 27 dicembre

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE C A P O I

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE C A P O I NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE C A P O I NORME DI CARATTERE GENERALE ART. 1 Elaborati costitutivi del Piano degli Impianti Pubblicitari e delle Pubbliche Affissioni Il Piano Generale degli Impianti Pubblicitari

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato con delibera C.C. n. 208 del 13.10.1994 Modificato con delibera C.C. n. 172 del 27.11.2008 Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO IMPOSTA

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. E istituito, in tutto il

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI CITTÀ DI IMOLA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI DISCIPLINA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA E PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI MODALITA PER OTTENERE IL PROVVEDIMENTO

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli