LA BEcARìA. forba da un òlta. Macellazione del maiale. Pubblicazione abbinata al documentario n. 3 della serie:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA BEcARìA. forba da un òlta. Macellazione del maiale. Pubblicazione abbinata al documentario n. 3 della serie:"

Transcript

1 LA BEcARìA Macellazione del maiale Pubblicazione abbinata al documentario n. 3 della serie: forba da un òlta Con il patrocinio e il contributo

2 La vera ricchezza della famiglia contadina: il maiale Uno degli animali più caratteristici della realtà contadina era indiscutibilmente il maiale, tanto che la sua macellazione diventava un atteso evento dal tono coincitato e dalla cadenza annuale. Nelle carni del suino, opportunamente lavorate e conservate, la famiglia trovava la più importante fonte di alimentazione durante il corso di tutto l anno. Il consumo veniva attentamente commisurato, osservando per i singoli prodotti il tempo più adatto e l uso più appropriato. Questi dipendevano, dalla stagionatura diversa richiesta dai singoli salumi e dal periodo dell anno nel quale ci si trovava, che rendeva più confacente il consumo di un prodotto o di un altro. Alcune parti pregiate del suino macellato, in particolare i prosciutti, venivano talora vendute per l acquisto di altri prodotti necessari al sostentamento della famiglia, come il sale, l olio, lo zucchero, o addirittura stoffe per capi di abbigliamento. Il ruolo della padrona di casa L allevamento del maiale impegnava tutti i giorni e in modo faticoso la padrona di casa, in quanto era affidato esclusivamente ad essa. Al mattino si alzava presto e la prima cosa che faceva era quella di accendere il camino o la stufa e di fare scaldare dell acqua. Aggiungendovi avanzi alimentari e scarti di lavorazioni casearie, il paiolo veniva portato al porcile e versato

3 nella mangiatoia, facendo attenzione che il maiale, affamato, non lo rovesciasse. Mentre questo divorava ingordamente il pasto, la donna puliva il porcile, avvalendosi di una ramazza e di un badile. Alla sera si ripeteva la stessa operazione. Il lavoro che la massaia svolgeva per l allevamento era alquanto impegnativo, ma la sua giornata non lo era da meno: la cucina di ogni giorno, i lavori di campagna, il cucito e, non da ultima la preghiera, la tenevano occupata senza un attimo di tregua. Altresì la macellazione del suino metteva a dura prova la contadina in tutte le fasi dell operazione: predisponeva numerose e robuste pezze di tela bianca di bucato, con la miglior cura perché tutto doveva svolgersi con pulizia e igiene. Preparava e lavava le budella del maiale per gli insaccati, obbediva con efficienza ai comandi del becheìr, cuoceva il sangue per i sanguinacci, tagliava il lardo a cubetti, le cotenne a striscioline e legava i salami dopo l insaccatura. Una credenza popolare riteneva opportuno che le femmine si astenessero dal toccare le carni in certi giorni... I bambini Anche i bambini, collaboravano all allevamento della bestiola; il maiale apparteneva pienamente anche a loro: spesso erano i più piccoli a farlo uscire dal porcile e a farlo rientrare, a fargli la guardia, a scambiare con lui i grugniti, ben sapendo che il maiale gradiva chiacchierare a modo suo. Molte volte gli portavano una manciata di erba fresca, qualche buccia di scarto rimediata a fortuna e l acqua fresca da bere.

4 La colobia L alimento quotidiano del maiale nei periodi invernali era costituito da un paiolo di sostanza brodosa tiepida formata dai resti di cucina. Il maiale veniva alimentato due volte al giorno, al mattino, e alla sera. La massa brodosa veniva integrata con bucce di patate bollite, scarto del fieno, a volte ortaggi o farine, ma soprattutto con il siero del latte. L impiego alimentare di detti prodotti era motivato dalle loro proprietà energetiche e dal fatto che erano molto comuni, specialmente laddove si allevavano bestie da latte. I contadini hanno sempre preferito seguire la filosofia del riciclo naturale che non costava quasi nulla. Il siero di scarto della lavorazione del latte, quando nell azienda agricola si faceva il formaggio di latte bovino o di latte ovino, è sempre stato destinato all alimentazione del maiale, che traeva benessere dallo stesso e che altrimenti non avrebbe trovato altro impiego. La macellazione del maiale Nel giorno stabilito, dopo aver consultato calendari, fasi lunari e segni zodiacali, il becheìr raggiungeva la dimora del contadino prestissimo, con una sacca, nella quale c era tutto il necessario per il suo lavoro. I padroni di casa erano già alzati, avevano messo un calderone d acqua sul fuoco, per portarla all ebollizione: sarebbe servita in seguito per contribuire a raschiare con un coltello affilato le setole dalla pelle del maiale, appena ucciso. Il becheìr colpiva il maiale all arteria del collo e della trachea, recidendola. Subito ne sgorgava il sangue e la donna lo raccoglieva con un recipiente, accostandolo alla ferita. Sucessivamente si raspavan via le setole, rigirandolo in modo da completare l operazione su tutto il corpo. Una volta pelato,

5 l animale veniva sollevato con una corda applicata alla base delle gambe posteriori, sotto il tendine (perché non cedesse al peso), e fatta passare su una carrucola appesa in alto. Una volta che il maiale era stato sollevato, con la testa in basso, ad altezza d uomo, veniva subito aperto e diviso nelle due mezzene, estraendo gli organi interni, fegato, cuore, rognoni ecc. e gli intestini, che venivano subito puliti e immersi nell acqua e aceto. Poi cominciavano le operazioni di sezionamento e di lavorazione delle carni, che si protraevano per tutta la giornata, fino a sera. Il becheìr dopo aver lasciato le opportune istruzioni, rimandava l insaccamento al giorno successivo. Gli ingredienti usati erano minimi: sale, aglio, vino rosso e, in particolare per il salame, a gradimento, pepe, cannella e noce moscata. Uno dei temi preferiti nelle conversazioni erano le genealogie, cioè, parlando di una persona, si ricordavano tutti i suoi famigliari, con i loro nomi e soprannomi, la discendenza dei figli, dove si erano accasati, gli eventi noti, lieti e tristi della loro vita, la serietà, il valore, i sacrifici le disgrazie, la mala sorte e la fortuna.

6 lardo e strutto Il lardo e lo strutto avevano nella cucina di un tempo un uso quotidiano e assoluto. Il lardo serviva a fare la minestra in brodo, che si consumava, di norma, a mezzogiorno e a sera, salvo in estate, quando la cena era spesso a base di insalata, con formaggi, frittata con uova e ortaggi, uova fritte con lo strutto in padella. Il lardo sciolto e versato bollente sui piatti poveri conferiva ad essi un sapore gradito e appetitoso. Delle due mezzene del lardo, una parte veniva nell immediato tagliata scrupolosamente a dadini minuscoli per i salami, mentre la rimanente veniva salata per bene e conservata in luogo fresco, solitamente la cantina. Al momento dell utilizzo, il lardo veniva liberato della cotenna che non veniva buttata, ma arrostita sulle brace del camino o sul piano della stufa per mangiarla calda, come una vera golosità. Anche lo strutto aveva un impiego molto largo e differenziato, prima di tutto come ingrediente di cottura e di condimento e poi per altri usi: per friggere o per ungere gli scarponi, anche se si preferiva la sugna (songia), se disponibile. La conservazione dello strutto era fatta dentro ad appositi recipienti. Il grasso, dopo averlo tenuto diverse ore sul fuoco per lo scioglimento a bollitura lenta, veniva filtrato con un telo grande e robusto. Alla fine dell operazione di filtrazione, il telo, con il contenuto che era rimasto, veniva strizzato. Quanto rimaneva costituiva li garitola, un prodotto povero riutilizzato nella cucina per la preparazione di altre pietanze. Lo strutto fuso e bollente, raffreddandosi, si solidificava, assumendo un colore bianchissimo. Era comunemente usato per più fritture, per cui lo si lasciava nella padella, dove solidificava di nuovo. Dopo alcuni utilizzi ripetuti, però, lo strutto era rinnovato totalmente.

7 bontà stagionate Non vi è bisogno di dilungarsi sull impiego dei salumi perchè l uso comune, come del resto anche oggi, era costituito dall affettato. Salami, pancette, coppe, prosciutti, avevano un impiego parsimonioso ed attentamente distribuito nel corso dell anno, in rapporto alla stagionatura dei singoli pezzi e conservati accuratamente negli scrigni. Il capo famiglia faceva la cernita dei salumi da prendere volta per volta, giudicandoli al tocco e alla vista. Facevano eccezione solo i cotechini, destinati ad essere consumati lessi, nel breve periodo successivo alla macellazione, con contorno delle immancabili patate bollite. Gli affettati, e in particolare il salame, assolvevano anche al compito di fare ospitalità in occasione di una visita di un parente o di una persona di riguardo, serviti insieme ad un bicchiere di buon vino rosso. gli attrezzi Gli attrezzi ed i materiali che riguardano la macellazione del maiale, la lavorazione delle sue carni e la loro conservazione sono ancora presenti in molte case ed abitazioni, tanto da passare inosservati. Le cantine conservano ancora i pali per la stagionatura (i latìn), oppure vi sono ancora i chiodi o gli anelli nei soffitti ai quali i prodotti venivano appesi. Le operazioni di lavorazione dei vari pezzi di carne avevano luogo in casa, data la stagione fredda, con strumenti del tutto comuni, soprattutto coltelli, robusti ed affilati, su un tavolaccio mobile (al taulaz) che ogni famiglia possedeva per lo scopo. La carne veniva tritata con le opportune piastre, a seconda della tipologia di salame. L aglio con un pugno di sale, venivano battuti nell apposito mortaio ed erano poi sapientemente distribuiti nelle varie paste. La dosatura di sale e spezie, che i più

8 esperti pesavano a occhio, richiedeva un religioso silenzio, considerato che da questo passaggio ne dipendeva il risultato finale. La distinzione delle varie tipologie di insaccati era evidenziata dalla diversa legatura dello spago. I salumi, dopo essere stati tenuti qualche giorno in un locale aerato e intiepidito per farli asciugare, venivano a volte leggermente affumicati. Si trasferivano poi al fresco, per la stagionatura, in genere nella cantina, dove si controllavano le opportune distanze fra i singoli pezzi, in maniera che non si toccassero mai tra di loro, poiché questo poteva dar luogo a marcescenza. Stessa prassi veniva riservata ai cotechini, anche se questi erano destinati al consumo immediato o nell arco di brevissimo tempo. I pezzi nobili venivano tenuti da parte in idonei contenitori per la salatura che richiedeva qualche giorno. Dopo di chè, il becheìr ripassava presso la famiglia per le pancette che venivano arrotolate (quindi private della cotenna) o lasciate tese (con la codiga ), per i prosciutti e per le coppe. Questi ultimi erano avvolti e legati nella pellicola della vescica del maiale, opportunamente conservata. Da questo momento in poi il padrone di casa si faceva carico di seguire la stagionatura di tutti i tipi di salumi, controllandone in maniera certosina la perfetta conservazione e maturazione degli stessi. Era buona consuetudine riservare un salamet stagionato dell anno precedente al becheìr. Elaborato a cura di Gianluca Cossi

9 La becarìa...in Valfurva... Tutti i valligiani un tempo avevano i maiali e, poiché il contadino non calcolava mai il valore del suo lavoro, si può dire che l allevamento del suino non era molto costoso. L azienda rurale, infatti, forniva tutti i prodotti necessari al nutrimento di questi animali: il siero (residuo della lavorazione del latte), la crusca (derivata dalla macinazione della segale), le patate di piccole dimensioni (selezionate appositamente dal raccolto), il terzuolo (cioè il foraggio raccolto nel tardo autunno), lo scarto minuto del fieno accumulato nei fienili, poi ancora alcune verdure dell orto ed i cardi raccolti nei pascoli durante l estate. Ogni famiglia possedeva almeno un maiale: lo acquistava a primavera dai mercanti che provenivano solitamente da Grosio, paese di forte tradizione contadina. Spesso il maialino passava l estate in alpeggio con il resto del bestiame e rientrava in autunno alla stalla di paese, dove veniva poi accuratamente custodito e ingrassato.

10 Tutte queste attenzioni erano finalizzate a far sì che il maiale crescesse sano e soprattutto robusto, così da poter avere dalla sua macellazione una consistente provvista di insaccati, destinati al consumo per tutto l anno da parte della famiglia. La persona che presiedeva alle varie fasi del lavoro era un esperto del mestiere; talvolta poteva essere il padrone di casa, comunque uno che aveva imparato il mestiere da giovane, facendo tirocinio o con il padre o lavorando con un vicino per due o tre anni. Era una persona di fiducia perché dal suo lavoro dipendeva la qualità dei salumi ed il loro stato di conservazione. Provvedere all alimentazione del maiale era compito della donna di casa, che doveva aver cura di dosare razioni e somministrare i pasti regolari e sempre alla giusta temperatura. L insieme di queste operazioni dedicate alla macellazione e alla produzione dei salumi era detta nel gergo dialettale becarìa (dal latino medioevale beccharius, ossia macellaio dei becchi). Dato il considerevole numero dei suini da macellare, in ogni paese vi erano più macellai, veri e propri professionisti stimati. La data della macellazione veniva fissata di comune accordo tra contadino e macellaio, tenendo conto non solo delle fasi lunari e dei segni dello zodiaco, secondo una sag-

11 gezza arcaica, ma anche dalla disponibilità del macellaio che da dicembre a primavera inoltrata era continuamente occupato presso diverse famiglie. Il macellaio disponeva di tutti gli attrezzi necessari: coltelli, sega, macchina tritacarne, macchina insaccatrice; strumenti che nel tempo hanno subito un importante evoluzione, facendo risparmiare all uomo tempo e fatiche. L abilità del macellaio stava soprattutto nel saper selezionare la carne per i vari tipi di salumi, distinguendone qualità e quantità, nel fare un giusto dosaggio di sale, spezie e lardo, ingredienti necessari al gusto e alla conservazione dei prodotti. Accanto e alle dipendenze del macellaio lavoravano alcune persone della famiglia e altra gente (vicini di casa, conoscenti) che a loro volta potevano contare sul reciproco aiuto nel momento della loro becarìa. Il lavoro si protraeva anche per più giorni e si concludeva con la cena a base di un assaggio di tutti i tipi di insaccati (cotechini, sanguinacci, mortadelle di fegato, salami di testa, salsicce di prima e seconda qualità), accompagnati dalle patate, rigorosamente di propria coltivazione. Mentre si cenava, si commentava il lavoro svolto e si tessevano lodi al macellaio. Inoltre, non si mancava mai, in quel momento di allegra convivialità, di rievocare divertenti episodi e simpatiche vicende accadute in paese. Oggi, proprio per mantenere viva la tradizione della becarìa, c é ancora qualcuno che con passione e fatica svolge questo lavoro, ritagliandosi del tempo tra altre occupazioni, districandosi tra i meandri della burocrazia e delle norme vigenti, ma con la soddisfazione di un gusto immutato e di un sapore d altri tempi dei buoni insaccati fatti in casa. A cura dell Associazione Museo Vallivo della Valfurva

12 Piazza Capitano Arnaldo Berni Valfurva (SO) Tel Impaginazione e grafica: Gianluca Cossi Servizi Informatici Stampa:

L ANTICA ARTE DEL SALAME a cura di Antonietta Gioia

L ANTICA ARTE DEL SALAME a cura di Antonietta Gioia L ANTICA ARTE DEL SALAME a cura di Antonietta Gioia Il salame è sempre stato, nei paesi agricoli, una fonte di nutrimento a basso costo. Si comprava il maialino, lo si nutriva con i prodotti della terra,

Dettagli

Pratähäpfla (Patate arrosto)

Pratähäpfla (Patate arrosto) Pratähäpfla (Patate arrosto) - 8 patate di grandezza media - burro quanto basta - 200/300 gr di formaggio nostrano grasso, tipo Bettelmatt - sale e pepe : Far bollire le patate in acqua salata, pelarle,

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MARCHESINI IL SUINO DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE

AZIENDA AGRICOLA MARCHESINI IL SUINO DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE AZIENDA AGRICOLA MARCHESINI IL SUINO DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE Salame Bresciano Prodotto come tradizione, con tagli di parti nobili del maiale con aggiunta del 25% di pancetta macinata a temperatura

Dettagli

Ricette di Andreas Caminada

Ricette di Andreas Caminada Zuppa di gulasch 600 g di cipolle 800 g di carne di manzo 20 g di paprika in polvere (piccante o dolce) 10 g di cumino 1 tazza di brodo 1 spicchio d'aglio peperoncino buccia di 1/2 limone 3 peperoni rossi

Dettagli

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte

Ricette Bielorusse. Frittelle sottili. Caviale di funghi. Zacirka con latte Ricette Bielorusse Frittelle sottili 1 tazza di farina, 2 tazze di latte, 1 cucchiaino di zucchero, 4 cucchiai di lardo o burro, Miscelate le uova, lo zucchero, il sale, la farina e metà del latte. Mescolate

Dettagli

Il salumificio Fratelli Daturi è il risultato della vita del suo fondatore: Daturi Giancarlo.

Il salumificio Fratelli Daturi è il risultato della vita del suo fondatore: Daturi Giancarlo. SALUMI DATURI: LA STORIA: Il salumificio Fratelli Daturi è il risultato della vita del suo fondatore: Daturi Giancarlo. Una vita piena di sacrifici, passione, spirito d iniziativa, tenacia, volontà, amore

Dettagli

PIATTI TIPICI DI FABRO

PIATTI TIPICI DI FABRO PIATTI TIPICI DI FABRO Vigilia di Natale Crostini di cavolo: pane abbrustolito con cavolo lessato e condito con olio, sale e aceto. Frittelle di cavolfiore: cavolfiore lessato e fritto in pastella Minestra

Dettagli

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto

SALSA KETCHUP. Ingredienti: cipolla pomodori freschi pelati maizena sale zucchero aceto SALSA KETCHUP Il libretto è la raccolta di alcune ricette cucinate dalla cuoca della nostra mensa, Letizia Bambagioni, per i bambini delle scuole di Scandicci. Le ricette, inserite nel menù stagionale

Dettagli

IL MAIALE di Antonio Penzo

IL MAIALE di Antonio Penzo FARONOTIZIE.IT Anno I - n 1 Aprile 2006 IL MAIALE di Antonio Penzo Redazione e amministrazione: via S.M. delle Grazie, 12 87026 Mormanno (CS) Tel. 0981 81819 Fax 0981 85700 redazione@faronotizie.it Autorizzazione

Dettagli

GRANCRU' PROSCIUTTI PARMA DOP 3008 PR.PARMA RISERVA 16M KG.10 5136 PROSC.PARMA 16M DISOSS.PRESS.

GRANCRU' PROSCIUTTI PARMA DOP 3008 PR.PARMA RISERVA 16M KG.10 5136 PROSC.PARMA 16M DISOSS.PRESS. GRANCRU' 18 3007 PROSC. PARMA GRANCRU` 18 M KG. 10 5009 PR.PARMA GRANCRU` 18M DIS.TONDO Selezione speciale di cosce stagionate idonee alle lunghe Grancrù, Prosciutto di Parma a produzione limitata. stagionature.

Dettagli

Le ricette della cucina bolognese

Le ricette della cucina bolognese Le ricette della cucina bolognese Ragù alla bolognese: Ingredienti: Carne bovina di manzo (cartella, copertina o fesone, girello di spalla) 250 gr Carne di suino (coscia) 250 gr Brodo di carne 250 ml Pancetta

Dettagli

I PRINCIPALI NOMI DEI TAGLI DI CARNI SUINE

I PRINCIPALI NOMI DEI TAGLI DI CARNI SUINE I PRINCIPALI NOMI DEI TAGLI DI CARNI SUINE La carne di maiale ed i salumi: la mappa è orientativa, per cercare di capire più o meno di cosa stiamo parlando: da una regione all altra cambiano infatti i

Dettagli

è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. "cularino"

è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. cularino è un marchio di proprietà della Sapori di S. Angelo salame s. angelo i.g.p. "cularino" salame s. angelo i.g.p. "cularino" È un insaccato di pura carne suina a grana grossa, tagliata a punta di coltello

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ

BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ Il salumificio Colombo Salvo & C. s.r.l., conta 80 anni di attività essendo stato fondato nel 1923. L'attuale sede sociale è in Crosio della Valle (VA) via Caregò n 21 tel.

Dettagli

La cucina maldiviana. Thelulimas. 250 gr di tonno tagliato a fette

La cucina maldiviana. Thelulimas. 250 gr di tonno tagliato a fette La cucina maldiviana La cucina maldiviana è una cucina semplice ma molto saporita a base di pesce, riso e noce di cocco. La bevanda principale è il tè, servito freddo e molto dolce. E' una cucina molto

Dettagli

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA

OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA OTTAVA STORIA SONORA IN CUCINA di Francesca Tammaccaro, Paolo Torresan Sequenza di suoni 1 bollire 2 friggere 3 mescolare 4 accendere il gas 5 versare 6 tagliare 38 Livello principiante Obiettivi: comprendere

Dettagli

CULTURA ARTIGIANA DA QUATTRO GENERAZIONI

CULTURA ARTIGIANA DA QUATTRO GENERAZIONI CULTURA ARTIGIANA DA QUATTRO GENERAZIONI la storia La tradizione della lavorazione delle carni suine è, per la famiglia Corsini, antica di quattro generazioni. La posizione collinare dello stabilimento,

Dettagli

Carne svizzera di vitello.

Carne svizzera di vitello. Carne svizzera di vitello. Piacere delicato nella qualità migliore. www.carnesvizzera.ch Per una cucina delicata e leggera La carne svizzera di vitello è tenera e ha un sapore molto delicato, ma è anche

Dettagli

La salsiccia Caratteristiche Confezione salsiccia sottile: Cod. S5000 salsiccia grossa: Cod. S5001 salsiccia sottile al cinghiale:

La salsiccia Caratteristiche Confezione salsiccia sottile: Cod. S5000 salsiccia grossa: Cod. S5001 salsiccia sottile al cinghiale: La salsiccia Caratteristiche: l'arte della salumeria sarda riesce a sorprenderci con i sapori e profumi diversi delle sue salsicce. Giocando con le spezie, i formati e la diversa grana delle carni riesce

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA ALLEGATO N. 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA DISPOSIZIONI PER LA PREPARAZIONE DEL PASTO E GRAMMATURE

Dettagli

Da una valle incontaminata, incastonata. nell Oltrepò Pavese, il gusto autentico. di antiche tradizioni. prende forma. nel Salumificio Magrotti.

Da una valle incontaminata, incastonata. nell Oltrepò Pavese, il gusto autentico. di antiche tradizioni. prende forma. nel Salumificio Magrotti. ORGOGLIO D OLTREPò I prodotti De.Co. Logo riprodotto in quadricromia Da una valle incontaminata, incastonata nell Oltrepò Pavese, il gusto autentico di antiche tradizioni prende forma nel Salumificio Magrotti.

Dettagli

LE SCHEDE DEL PUNTO INFORMATIVO.9 Alimentazione e Terapia

LE SCHEDE DEL PUNTO INFORMATIVO.9 Alimentazione e Terapia LE SCHEDE DEL PUNTO INFORMATIVO.9 Alimentazione e Terapia Ricette ipercaloriche e iperproteiche Primi piatti Pasta al forno 300 g maccheroncini 25 g parmigiano stagionato, grattugiato Salsa bianca: 50

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

CONTEST LENTICCHIA PEDINA

CONTEST LENTICCHIA PEDINA Gentile Cliente, ti ringraziamo per aver scelto Lenticchia Pedina e per il contributo che hai dato al progetto Casa del Sorriso del CESVI in aiuto ai bambini brasiliani di Rio de Janeiro. Guarda il video

Dettagli

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- --------------------------------------------------

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ESERCITAZIONE PRATICA N 9 CARPACCIO DI CARCIOFI CON BRESAOLA DELLA VALTELLINA SU LETTO DI RUGHETTA CON MOUSSE DI FORMAGGIO ALLE ERBE ----------------------------------------------- CREMA PARMANTIER -------------------------------------------------

Dettagli

Carré d agnello in crosta di pistacchi

Carré d agnello in crosta di pistacchi Corso Cucina Pag. 1 di 6 Carré d agnello in crosta di pistacchi Ricetta presentata da: Obiettivi del corso: Preparazione del Carré d agnello in crosta di pistacchi ed erbe aromatiche al forno Accompagnamento:

Dettagli

Rotolo di vitello ripieno

Rotolo di vitello ripieno Rotolo di vitello ripieno Il rotolo di vitello ripieno con prosciutto, spinaci e frittata è un secondo piatto ricco e gustoso, ideale per il pranzo della domenica o per una occasione speciale. Un piatto

Dettagli

- RICETTE di PESCE -

- RICETTE di PESCE - - RICETTE di PESCE - ZUPPA ALLA MARANESE (per 4 persone) 2 Kg di pesce misto (passera, cefalo, ghiozzo,anguilla, ecc) tutto di piccola taglia Mezza cipolla Aceto ½ bicchiere di vino bianco 2 coste di sedano

Dettagli

Torta di grano saraceno

Torta di grano saraceno Torta di grano saraceno Ricetta originale di Anneliese Kompatscher Ingredienti: 250g burro morbido 250g zucchero 6 uova 250g farina di grano saraceno 250g mandorle macinate 1 bustina di zucchero vanigliato

Dettagli

Ricettario della nostra cucina tradizionale di Patrizia Rago. www.istitutopalatucci.it

Ricettario della nostra cucina tradizionale di Patrizia Rago. www.istitutopalatucci.it Ricettario della nostra cucina tradizionale di Patrizia Rago www.istitutopalatucci.it Pomodori secchi Dividere i pomodori a metà, metterli su una gratella e farli essiccare al sole. Disporli in un barattolo

Dettagli

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO

Pelati. Pomodori. Pomodoro dal Sangue Blu CON BASILICO Pomodori Pelati I nostri pomodori pelati sono il risultato di una procedura di accurata selezione che parte dalla scelta dei semi ed arriva fino alla valutazione dei terreni adatti ad ospitare le coltivazioni.

Dettagli

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT

RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT - 1 - RICETTARIO - 2 - RICETTE SEMPLICI, SANE E GUSTOSE CON CROCK-POT La pentola Slow Cooker è lo strumento ideale per chi vuole cucinare con facilità. Bastano pochi passi e il risultato sarà sempre perfetto!

Dettagli

CINTA SENSESE PRODUZIONE IN CINTA SENESE COME SI ALLEVA LA CINTA SENESE

CINTA SENSESE PRODUZIONE IN CINTA SENESE COME SI ALLEVA LA CINTA SENESE CINTA SENSESE PRODUZIONE IN CINTA SENESE L Azienda Agricola Praticino è specializzata nella produzione di carni in Cinta Senese. L azienda alleva nei propri possedimenti questa razza, originaria delle

Dettagli

CORTE. Aquileia. agriturismo

CORTE. Aquileia. agriturismo CORTE Aquileia agriturismo L AGRITURISMO CORTE AQUILEIA propone tutto l anno i piatti più prelibati della tradizionale cucina mantovana rispettando tutti i carismi di un autentica azienda agricola che

Dettagli

Carne svizzera. di maiale. Un piacere pregiato. www.carnesvizzera.ch

Carne svizzera. di maiale. Un piacere pregiato. www.carnesvizzera.ch Carne svizzera di maiale. Un piacere pregiato. www.carnesvizzera.ch Un invito al gusto La carne svizzera di maiale gode di grande popolarità. È tenera, è a fibra sottile e ha un bel colore rosa. La scelta

Dettagli

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Consigli pratici per la preparazione delle Lumache vive Le nostre lumache Helix Aspersa Muller, sono allevate all aperto e seguono il ciclo biologico

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE.

I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE. CATALOGO PRODOTTI I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE. MONTE VERONESE D ALLEVO Formaggio tipico da tavola proveniente dalle zone montane della provincia di Verona. Pasta semicotta prodotta esclusivamente

Dettagli

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni GIAPPONE Dolce di carote (Gajar Halwa) 2 kg di carote 250 g di zucchero 80 g di mandorle pelate 120 g di burro chiarificato 80 g di pistacchi 2 l di latte cardamomo verde pelare e grattuggiare le carote

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Il salumificio La coppa oltre a perpetuare l antica e consolidata tradizione dei Salumi Piacentini presenta una gamma di prodotti unica e di grande

Il salumificio La coppa oltre a perpetuare l antica e consolidata tradizione dei Salumi Piacentini presenta una gamma di prodotti unica e di grande Il salumificio La coppa oltre a perpetuare l antica e consolidata tradizione dei Salumi Piacentini presenta una gamma di prodotti unica e di grande qualità. L attenta selezione delle materie prime e delle

Dettagli

Elenco degli obblighi

Elenco degli obblighi Dipartimento federale dell economia DFE Ufficio federale dell agricoltura UFAG Settore Promozione della qualità e delle vendite Elenco degli obblighi Longeole Registrata quale indicazione geografica protetta

Dettagli

Salame Salame Felino

Salame Salame Felino Salame Felino Prodotto con carne di suini nati, allevati e macellati in Italia Salame Felino Prodotto preparato con cura artigianale utilizzando carni di suini nati ed allevati in Italia. Si utilizza la

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda Gusto Valtellinese Gusto Valtellinese L esigenza di nuovi spazi portò l azienda a trasferirsi nell attuale sede di Montagna in Valtellina: ed è nel cuore delle alpi lombarde che Alberto, spinto dall entusiasmo

Dettagli

Codice Prodotto Descrizione Formato CARCIOFI ALLA ROMANA

Codice Prodotto Descrizione Formato CARCIOFI ALLA ROMANA PRODOTTI IN BARATTOLO I migliori prodotti della tradizione alimentare italiana e mediterranea selezionati, cucinati e conservati in pratiche ed innovative confezioni. Una linea completa di specialità nata

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Alimentazione e cancro Relatore: Marialuigia Troncon Data 15 gennaio 2014 Sede Sala Piccolotto I dieci e più principi per la prevenzione dei tumori Mantenersi

Dettagli

Masserie Giovannelli

Masserie Giovannelli Masserie Giovannelli La forza della famiglia rurale 1 L azienda Masserie Giovannelli si trova a 1.000 msl nel Comune di Cercemaggiore in provincia di Campobasso, zona riconosciuta come Sito di Interesse

Dettagli

Ingredienti. 2,5 kg di zucchine. 1 litro di aceto (oppure 1/2 litro aceto e 1/2 litro di vino bianco) olio extravergine di oliva. 1 etto di zucchero

Ingredienti. 2,5 kg di zucchine. 1 litro di aceto (oppure 1/2 litro aceto e 1/2 litro di vino bianco) olio extravergine di oliva. 1 etto di zucchero Zucchine sott'olio Questo è il procedimento per preparare le zucchine sott'olio e può essere utile anche per conservare altre verdure: peperoni, melanzane, funghi ecc... Ingredienti 2,5 kg di zucchine

Dettagli

SCHEDA 38 MACCHERONCINI CON VERDURE CROCCANTI. DOSI : 25 porzioni INGREDIENTI

SCHEDA 38 MACCHERONCINI CON VERDURE CROCCANTI. DOSI : 25 porzioni INGREDIENTI SCHEDA 38 MACCHERONCINI CON VERDURE CROCCANTI DOSI : 25 porzioni INGREDIENTI Sedano kg 0,5 Maccheroncini kg 2 Carote kg 0,7 Zucchine kg 0,5 Preparare una barattolo Melanzane 0,5 di salsa pomodoro Peperoni

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

Natale 2015. Catalogo

Natale 2015. Catalogo Natale 2015 Catalogo I PRODOTTI DI NONNA CARLI Nonna Carli produce artigianalmente salumi con le carni dei maiali che alleva, allo stato semibrado nei boschi della Castagna, a Mele. Le nostre ricette provengono

Dettagli

buon Appetito. pasta in omaggio da abbinare alla carne macinata! La parata delle panate Occasione da non perdere:

buon Appetito. pasta in omaggio da abbinare alla carne macinata! La parata delle panate Occasione da non perdere: Gennaio 2014 Occasione da non perdere: pasta in omaggio da abbinare alla carne macinata! La parata delle panate Suggerimenti, trucchi e deliziose ricette con carne svizzera Un piacere senza fine in tutta

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni

STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) dosi per 10 porzioni STATI UNITI D'AMERICA Tacchino arrosto ripieno (Roast turkey / New England) 1 tacchino (peso complessivo di 6 kg circa) 1 kg di castagne 150 g di burro mollica di pane raffermo cipolla sedano rosmarino

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro Dosi per 10 persone

EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro Dosi per 10 persone EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro 1,8 kg di fesa di vitellone in un unica fetta 200 g di carote 180 g di pancetta tesa 120 g di cipolla 80 g di burro 15 dl di vino rosso 7 dl di brodo circa 2 coste

Dettagli

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca Menù AZZURRO Prepasto Zanzarelli Minestra Brodetto saracenico Pasto Pollo al finocchio Postpasto Budino di frutta secca 1 Ricetta e preparazione menu azzurro (4) Zanzarelli (Libro de arte coquinaria, Maestro

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione di prodotti a base di carne e pesce Sequenza

Dettagli

Tradizioni Italiane Conservate nel Tempo

Tradizioni Italiane Conservate nel Tempo Cenni Storici All inizio dell Ottocento era già nota l usanza calabrese di allevare i maiali. Lo dimostra uno scritto di Luigi Prato, scrittore e viaggiatore dell epoca, il quale, in un racconto che descrive

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI Scheda 13 L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI 1. Leggi attentamente il paragrafo seguente, ritaglialo e incollalo sul quaderno. Trova un titolo adeguato e scrivilo; quindi ritaglia ed incolla i disegni che rappresentano

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa Anno 2014 - N. 25 04 luglio 2014 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA Listino dei prezzi all'ingrosso IVA esclusa I prezzi sono rilevati nelle giornate del venerdi

Dettagli

Diario del 29 maggio 2013

Diario del 29 maggio 2013 Nel mio territorio Una giornata in fattoria didattica alla scoperta dell ambiente e dell attività agricola Diario del 29 maggio 2013 1 l avventura ha inizio START Eccoci qui ancora una volta per un avventura

Dettagli

Il porcile e l allevamento familiare del maiale

Il porcile e l allevamento familiare del maiale 1 Il porcile e l allevamento familiare del maiale La nascita e l ingrassamento del maiale I poderi mezzadrili erano caratterizzati dalla presenza di una casa e di una stalla-fienile, disposti a scacchiera

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL SALAM DE LA BERGAMASCA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL SALAM DE LA BERGAMASCA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL SALAM DE LA BERGAMASCA Art. 1 Denominazione Il nome Salame bergamasco, o il termine dialettale ol Salàm de la bergamasca, è attribuito esclusivamente al prodotto che risponde

Dettagli

ricette per cucinare le rane

ricette per cucinare le rane 2 Introduzione Come già detto, le rane sono una prelibatezza per palati fini e anche nel passato, quando era possibile catturarne, venivano cucinate in vari modi, in base anche alla quantità di cui si

Dettagli

MARCA KM CIBO. delle tre sedi Territoriali. 1: entro 100 km da una QUANT. PRESUNTA TOTALE DICHIARA

MARCA KM CIBO. delle tre sedi Territoriali. 1: entro 100 km da una QUANT. PRESUNTA TOTALE DICHIARA SOTTOSCRITTO AUTORIZZATO A RAPPRESENTARE LEGALMENTE L IMPRESA/SOCIETA /ALTRO SOGGETTO denominazione o ragione sociale, forma giuridica e sede legale: in relazione Procedura Aperta finalizzata alla stipula

Dettagli

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP MENU WARSTEINER PRIMO PIATTO pagina 5 Brodo Alla Verdure e WARSTEINER ANTIPASTO pagina 7 Sciatt Frittelle della Valtellina PRIMO PIATTO pagina 9 Risotto con WARSTEINER barbabietola e spuma di gorgonzola

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. CARNI-OVINI pagina 7. DESSERT pagina 9 PARTNERSHIP

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. CARNI-OVINI pagina 7. DESSERT pagina 9 PARTNERSHIP MENU WARSTEINER PRIMO PIATTO pagina 5 CREMA DI FORMAGGIO E BIRRA CON CODE DI GAMBERO E SEDANO RAPA CARNI-OVINI pagina 7 BRASATO DI AGNELLO GLASSATO ALLA BIRRA E SESAMO DESSERT pagina 9 FAGOTTINI DI CREPES

Dettagli

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola Catalogo Dal 1976 Aldera Food offre ai propri clienti prodotti freschi, genuini e di alta qualità, come fatti in casa e tutt ora conserva i segreti tramandati da una generazione all altra proponendo e

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

PRIMI PIATTI --------------------------------------------------------------------------------

PRIMI PIATTI -------------------------------------------------------------------------------- La Cucina In questo spazio vi indichiamo, con delle ricette molto semplici, come si fa ad avere al campo un menu completo di sali minerali e carboidrati PRIMI PIATTI Riso in brodo: fai cuocere 400 g di

Dettagli

Elenco degli obblighi

Elenco degli obblighi Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale dell agricoltura UFAG Settore Promozione della qualità e delle vendite Elenco degli obblighi Glarner Kalberwurst Registrato quale indicazione geografica

Dettagli

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola.

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola. La natura soddisfa il palato con un alimentazione sana ed equilibrata. Fagioli, lenticchie, ceci, piselli, soia, da apprezzare in zuppe e piatti ricchi di proteine vegetali, vitamine e sali minerali. Legumi

Dettagli

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito DOLCE EPIFANIA Pinza de Marantega 300 gr. farina gialla 200 gr. farina bianca 200 gr. zucchero 200 gr. burro 50 gr. uvetta 50 gr. cedri canditi 50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

Aggiungi valore ai tuoi piatti. Gastronomia per le Macellerie ricette... idee

Aggiungi valore ai tuoi piatti. Gastronomia per le Macellerie ricette... idee Aggiungi valore ai tuoi piatti Gastronomia per le Macellerie ricette... idee tutte le rivoluzione cominciano per strada e finiscono a tavola. Leo Longanesi Indice...pag. 4 Coscia di tacchino ai carciofi...

Dettagli

I freschi già cotti e i freschi da cuocere. Novità

I freschi già cotti e i freschi da cuocere. Novità I freschi già cotti e i freschi da cuocere Novità primavera estate 2012 Cercavate qualcosa di già pronto? Guardate nel fresco. I freschi già cotti I sapori della tradizione pronti in pochi minuti. Prodotti

Dettagli

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa

dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Menu delle feste dicembre 2014 Baccalà mantecato riso croccante Tortellini in brodo di cappone Faraona farcita salsa al miele purè di sedano rapa Morbido di cioccolato Baccalà mantecato riso croccante

Dettagli

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido

Ricettario tabella dietetica Asilo Nido DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione Ricettario tabella dietetica Asilo Nido Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana,

Dettagli

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati 500 gr di porcini 3 agli prezzemolo olio evo mezzo bicchiere di vino bianco farina Procedimento Pulite i porcini, grattando il gambo e la cappella con un

Dettagli

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100%

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% Rubino (Coscia d'oca stagionata), Convivio (Salame tradizionale d'oca), Castellano (Cotto d'oca). Inoltre, tagli freschi e congelati d oca

Dettagli

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto.

Tenuta del Varco. La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Tenuta del Varco La Tenuta del Varco si estende tra i Monti Sabini, nella provincia di Rieti, nei pressi del suggestivo Lago del Salto. Adagiata in posizione naturale particolarmente privilegiata, a circa

Dettagli

Le Ricette. di mamma Giuseppina

Le Ricette. di mamma Giuseppina Ricetta del Patrono 4 pugnetti di farro (come riso), cipolla abbondante, sedano abbondante, olio di oliva a discrezione, pelati di pomodoro o salsa di pomodori (si possono aggiungere anche 2 patate). Tritare

Dettagli

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO

RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO RICETTE DALL ITALIA E DAL MONDO Il cibo ci viene in aiuto anche per conoscere e confrontare usi, abitudini e tradizioni di altri Paesi. Perciò ecco alcune ricette regionali italiane ed altre provenienti

Dettagli

Porta in tavola la freschezza del mare.

Porta in tavola la freschezza del mare. Porta in tavola la freschezza del mare. Scopri un nuovo modo di mangiare il pesce: la freschezza del mare, il sapore delicato del granchio. Coraya propone una gamma di prodotti di mare freschi, facili

Dettagli

PRODOTTI DEL TERRITORIO I NOSTRI PIATTI. Culatello d.o.p. 22/24 mesi di stagionatura 18,00

PRODOTTI DEL TERRITORIO I NOSTRI PIATTI. Culatello d.o.p. 22/24 mesi di stagionatura 18,00 PRODOTTI DEL TERRITORIO Culatello d.o.p. 22/24 mesi di stagionatura 18,00 Prosciutto di Parma 24 mesi di stagionatura.. 15,00 I Prestigiosi di Parma sono un assortimento dei salumipiù tipici di Parma:

Dettagli

MyCard Ricette d autunno

MyCard Ricette d autunno MyCard Ricette d autunno Un azienda del Gruppo Aduno www.aduno-gruppe.ch Ricetta 1 Piatto di Berna 400 g Carne per bollito (collo o costole) Verdure da minestra (per es. porro, sedano, carota, cipolla)

Dettagli

Informazioni da raccogliere in ottemperanza al Reg UE 1169-2011

Informazioni da raccogliere in ottemperanza al Reg UE 1169-2011 Polpettone e Polpette Carne di vitello, suino, bovino, mortadella, salumi, uovo, formaggio, sale, pepe, noce moscata, INVOLTINI CON CARCIOFI Carne di Bovino, mortadella, carciofi sott olio, formaggio Saltimbocca

Dettagli

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO Anno 2013 Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Comunale 1 PRIMI PIATTI Crema di piselli con riso Vellutata di zucchine con

Dettagli

Questo alimento è frutto dell'esperienza delle nostre genti montane, estremamente semplice ma che racchiude in sè una cura sapiente, necessaria per poter conservare questi pregiati tagli di carne bovina.

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com. marche-restaurants.com

Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com. marche-restaurants.com Freschezza in vizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com C I A L C I W pecialità svizze Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantschweiz marche-restaurants.com

Dettagli

Ricetta Spaghetti al Caffè

Ricetta Spaghetti al Caffè Ricetta Spaghetti al Caffè Per gli appassionati del caffè e della pasta, ecco un accoppiata vincente: gli spaghetti al caffè. Ingredienti per preparare gli spaghetti al caffè: DOSI PER 4/5 PERSONE 400

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

I NOSTRI PIATTI PRODOTTI DEL TERRITORIO. Focaccina di nostra produzione ai carciofi 13,00. Culatello d.o.p. 22/24 mesi di stagionatura 18,00

I NOSTRI PIATTI PRODOTTI DEL TERRITORIO. Focaccina di nostra produzione ai carciofi 13,00. Culatello d.o.p. 22/24 mesi di stagionatura 18,00 PRODOTTI DEL TERRITORIO Culatello d.o.p. 22/24 mesi di stagionatura 18,00 Prosciutto di Parma 24 mesi di stagionatura.. 15,00 I Prestigiosi di Parma sono un assortimento dei salumipiù tipici di Parma:

Dettagli

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 2 Zucchine trifolate ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 6 zucchine 1 cipolla 1 spicchio di aglio 50 g di scalogno 20 g di pinoli 50 g di prezzemolo 50 g di aceto di vino bianco 50 g di zucchero Olio extra

Dettagli

quelli del coniglio nato allevato e lavorato ITALIA

quelli del coniglio nato allevato e lavorato ITALIA quelli del coniglio nato allevato e lavorato quelli del coniglio LA NOSTRA STORIA UNA LUNGA TRADIZIONE FAMILIARE. Da più di cinquant anni ci occupiamo della lavorazione della carne di coniglio. L esigenza

Dettagli

I prodotti di Salumeria. di Stefano Continisio

I prodotti di Salumeria. di Stefano Continisio I prodotti di Salumeria di Stefano Continisio La selezione genetica L alimentazione ALIMENTAZIONE Trasporto Macellazione e tagli Classificazione e qualità FAT O - MEAT Controllo qualità e innovazione I

Dettagli