LA BEcARìA. forba da un òlta. Macellazione del maiale. Pubblicazione abbinata al documentario n. 3 della serie:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA BEcARìA. forba da un òlta. Macellazione del maiale. Pubblicazione abbinata al documentario n. 3 della serie:"

Transcript

1 LA BEcARìA Macellazione del maiale Pubblicazione abbinata al documentario n. 3 della serie: forba da un òlta Con il patrocinio e il contributo

2 La vera ricchezza della famiglia contadina: il maiale Uno degli animali più caratteristici della realtà contadina era indiscutibilmente il maiale, tanto che la sua macellazione diventava un atteso evento dal tono coincitato e dalla cadenza annuale. Nelle carni del suino, opportunamente lavorate e conservate, la famiglia trovava la più importante fonte di alimentazione durante il corso di tutto l anno. Il consumo veniva attentamente commisurato, osservando per i singoli prodotti il tempo più adatto e l uso più appropriato. Questi dipendevano, dalla stagionatura diversa richiesta dai singoli salumi e dal periodo dell anno nel quale ci si trovava, che rendeva più confacente il consumo di un prodotto o di un altro. Alcune parti pregiate del suino macellato, in particolare i prosciutti, venivano talora vendute per l acquisto di altri prodotti necessari al sostentamento della famiglia, come il sale, l olio, lo zucchero, o addirittura stoffe per capi di abbigliamento. Il ruolo della padrona di casa L allevamento del maiale impegnava tutti i giorni e in modo faticoso la padrona di casa, in quanto era affidato esclusivamente ad essa. Al mattino si alzava presto e la prima cosa che faceva era quella di accendere il camino o la stufa e di fare scaldare dell acqua. Aggiungendovi avanzi alimentari e scarti di lavorazioni casearie, il paiolo veniva portato al porcile e versato

3 nella mangiatoia, facendo attenzione che il maiale, affamato, non lo rovesciasse. Mentre questo divorava ingordamente il pasto, la donna puliva il porcile, avvalendosi di una ramazza e di un badile. Alla sera si ripeteva la stessa operazione. Il lavoro che la massaia svolgeva per l allevamento era alquanto impegnativo, ma la sua giornata non lo era da meno: la cucina di ogni giorno, i lavori di campagna, il cucito e, non da ultima la preghiera, la tenevano occupata senza un attimo di tregua. Altresì la macellazione del suino metteva a dura prova la contadina in tutte le fasi dell operazione: predisponeva numerose e robuste pezze di tela bianca di bucato, con la miglior cura perché tutto doveva svolgersi con pulizia e igiene. Preparava e lavava le budella del maiale per gli insaccati, obbediva con efficienza ai comandi del becheìr, cuoceva il sangue per i sanguinacci, tagliava il lardo a cubetti, le cotenne a striscioline e legava i salami dopo l insaccatura. Una credenza popolare riteneva opportuno che le femmine si astenessero dal toccare le carni in certi giorni... I bambini Anche i bambini, collaboravano all allevamento della bestiola; il maiale apparteneva pienamente anche a loro: spesso erano i più piccoli a farlo uscire dal porcile e a farlo rientrare, a fargli la guardia, a scambiare con lui i grugniti, ben sapendo che il maiale gradiva chiacchierare a modo suo. Molte volte gli portavano una manciata di erba fresca, qualche buccia di scarto rimediata a fortuna e l acqua fresca da bere.

4 La colobia L alimento quotidiano del maiale nei periodi invernali era costituito da un paiolo di sostanza brodosa tiepida formata dai resti di cucina. Il maiale veniva alimentato due volte al giorno, al mattino, e alla sera. La massa brodosa veniva integrata con bucce di patate bollite, scarto del fieno, a volte ortaggi o farine, ma soprattutto con il siero del latte. L impiego alimentare di detti prodotti era motivato dalle loro proprietà energetiche e dal fatto che erano molto comuni, specialmente laddove si allevavano bestie da latte. I contadini hanno sempre preferito seguire la filosofia del riciclo naturale che non costava quasi nulla. Il siero di scarto della lavorazione del latte, quando nell azienda agricola si faceva il formaggio di latte bovino o di latte ovino, è sempre stato destinato all alimentazione del maiale, che traeva benessere dallo stesso e che altrimenti non avrebbe trovato altro impiego. La macellazione del maiale Nel giorno stabilito, dopo aver consultato calendari, fasi lunari e segni zodiacali, il becheìr raggiungeva la dimora del contadino prestissimo, con una sacca, nella quale c era tutto il necessario per il suo lavoro. I padroni di casa erano già alzati, avevano messo un calderone d acqua sul fuoco, per portarla all ebollizione: sarebbe servita in seguito per contribuire a raschiare con un coltello affilato le setole dalla pelle del maiale, appena ucciso. Il becheìr colpiva il maiale all arteria del collo e della trachea, recidendola. Subito ne sgorgava il sangue e la donna lo raccoglieva con un recipiente, accostandolo alla ferita. Sucessivamente si raspavan via le setole, rigirandolo in modo da completare l operazione su tutto il corpo. Una volta pelato,

5 l animale veniva sollevato con una corda applicata alla base delle gambe posteriori, sotto il tendine (perché non cedesse al peso), e fatta passare su una carrucola appesa in alto. Una volta che il maiale era stato sollevato, con la testa in basso, ad altezza d uomo, veniva subito aperto e diviso nelle due mezzene, estraendo gli organi interni, fegato, cuore, rognoni ecc. e gli intestini, che venivano subito puliti e immersi nell acqua e aceto. Poi cominciavano le operazioni di sezionamento e di lavorazione delle carni, che si protraevano per tutta la giornata, fino a sera. Il becheìr dopo aver lasciato le opportune istruzioni, rimandava l insaccamento al giorno successivo. Gli ingredienti usati erano minimi: sale, aglio, vino rosso e, in particolare per il salame, a gradimento, pepe, cannella e noce moscata. Uno dei temi preferiti nelle conversazioni erano le genealogie, cioè, parlando di una persona, si ricordavano tutti i suoi famigliari, con i loro nomi e soprannomi, la discendenza dei figli, dove si erano accasati, gli eventi noti, lieti e tristi della loro vita, la serietà, il valore, i sacrifici le disgrazie, la mala sorte e la fortuna.

6 lardo e strutto Il lardo e lo strutto avevano nella cucina di un tempo un uso quotidiano e assoluto. Il lardo serviva a fare la minestra in brodo, che si consumava, di norma, a mezzogiorno e a sera, salvo in estate, quando la cena era spesso a base di insalata, con formaggi, frittata con uova e ortaggi, uova fritte con lo strutto in padella. Il lardo sciolto e versato bollente sui piatti poveri conferiva ad essi un sapore gradito e appetitoso. Delle due mezzene del lardo, una parte veniva nell immediato tagliata scrupolosamente a dadini minuscoli per i salami, mentre la rimanente veniva salata per bene e conservata in luogo fresco, solitamente la cantina. Al momento dell utilizzo, il lardo veniva liberato della cotenna che non veniva buttata, ma arrostita sulle brace del camino o sul piano della stufa per mangiarla calda, come una vera golosità. Anche lo strutto aveva un impiego molto largo e differenziato, prima di tutto come ingrediente di cottura e di condimento e poi per altri usi: per friggere o per ungere gli scarponi, anche se si preferiva la sugna (songia), se disponibile. La conservazione dello strutto era fatta dentro ad appositi recipienti. Il grasso, dopo averlo tenuto diverse ore sul fuoco per lo scioglimento a bollitura lenta, veniva filtrato con un telo grande e robusto. Alla fine dell operazione di filtrazione, il telo, con il contenuto che era rimasto, veniva strizzato. Quanto rimaneva costituiva li garitola, un prodotto povero riutilizzato nella cucina per la preparazione di altre pietanze. Lo strutto fuso e bollente, raffreddandosi, si solidificava, assumendo un colore bianchissimo. Era comunemente usato per più fritture, per cui lo si lasciava nella padella, dove solidificava di nuovo. Dopo alcuni utilizzi ripetuti, però, lo strutto era rinnovato totalmente.

7 bontà stagionate Non vi è bisogno di dilungarsi sull impiego dei salumi perchè l uso comune, come del resto anche oggi, era costituito dall affettato. Salami, pancette, coppe, prosciutti, avevano un impiego parsimonioso ed attentamente distribuito nel corso dell anno, in rapporto alla stagionatura dei singoli pezzi e conservati accuratamente negli scrigni. Il capo famiglia faceva la cernita dei salumi da prendere volta per volta, giudicandoli al tocco e alla vista. Facevano eccezione solo i cotechini, destinati ad essere consumati lessi, nel breve periodo successivo alla macellazione, con contorno delle immancabili patate bollite. Gli affettati, e in particolare il salame, assolvevano anche al compito di fare ospitalità in occasione di una visita di un parente o di una persona di riguardo, serviti insieme ad un bicchiere di buon vino rosso. gli attrezzi Gli attrezzi ed i materiali che riguardano la macellazione del maiale, la lavorazione delle sue carni e la loro conservazione sono ancora presenti in molte case ed abitazioni, tanto da passare inosservati. Le cantine conservano ancora i pali per la stagionatura (i latìn), oppure vi sono ancora i chiodi o gli anelli nei soffitti ai quali i prodotti venivano appesi. Le operazioni di lavorazione dei vari pezzi di carne avevano luogo in casa, data la stagione fredda, con strumenti del tutto comuni, soprattutto coltelli, robusti ed affilati, su un tavolaccio mobile (al taulaz) che ogni famiglia possedeva per lo scopo. La carne veniva tritata con le opportune piastre, a seconda della tipologia di salame. L aglio con un pugno di sale, venivano battuti nell apposito mortaio ed erano poi sapientemente distribuiti nelle varie paste. La dosatura di sale e spezie, che i più

8 esperti pesavano a occhio, richiedeva un religioso silenzio, considerato che da questo passaggio ne dipendeva il risultato finale. La distinzione delle varie tipologie di insaccati era evidenziata dalla diversa legatura dello spago. I salumi, dopo essere stati tenuti qualche giorno in un locale aerato e intiepidito per farli asciugare, venivano a volte leggermente affumicati. Si trasferivano poi al fresco, per la stagionatura, in genere nella cantina, dove si controllavano le opportune distanze fra i singoli pezzi, in maniera che non si toccassero mai tra di loro, poiché questo poteva dar luogo a marcescenza. Stessa prassi veniva riservata ai cotechini, anche se questi erano destinati al consumo immediato o nell arco di brevissimo tempo. I pezzi nobili venivano tenuti da parte in idonei contenitori per la salatura che richiedeva qualche giorno. Dopo di chè, il becheìr ripassava presso la famiglia per le pancette che venivano arrotolate (quindi private della cotenna) o lasciate tese (con la codiga ), per i prosciutti e per le coppe. Questi ultimi erano avvolti e legati nella pellicola della vescica del maiale, opportunamente conservata. Da questo momento in poi il padrone di casa si faceva carico di seguire la stagionatura di tutti i tipi di salumi, controllandone in maniera certosina la perfetta conservazione e maturazione degli stessi. Era buona consuetudine riservare un salamet stagionato dell anno precedente al becheìr. Elaborato a cura di Gianluca Cossi

9 La becarìa...in Valfurva... Tutti i valligiani un tempo avevano i maiali e, poiché il contadino non calcolava mai il valore del suo lavoro, si può dire che l allevamento del suino non era molto costoso. L azienda rurale, infatti, forniva tutti i prodotti necessari al nutrimento di questi animali: il siero (residuo della lavorazione del latte), la crusca (derivata dalla macinazione della segale), le patate di piccole dimensioni (selezionate appositamente dal raccolto), il terzuolo (cioè il foraggio raccolto nel tardo autunno), lo scarto minuto del fieno accumulato nei fienili, poi ancora alcune verdure dell orto ed i cardi raccolti nei pascoli durante l estate. Ogni famiglia possedeva almeno un maiale: lo acquistava a primavera dai mercanti che provenivano solitamente da Grosio, paese di forte tradizione contadina. Spesso il maialino passava l estate in alpeggio con il resto del bestiame e rientrava in autunno alla stalla di paese, dove veniva poi accuratamente custodito e ingrassato.

10 Tutte queste attenzioni erano finalizzate a far sì che il maiale crescesse sano e soprattutto robusto, così da poter avere dalla sua macellazione una consistente provvista di insaccati, destinati al consumo per tutto l anno da parte della famiglia. La persona che presiedeva alle varie fasi del lavoro era un esperto del mestiere; talvolta poteva essere il padrone di casa, comunque uno che aveva imparato il mestiere da giovane, facendo tirocinio o con il padre o lavorando con un vicino per due o tre anni. Era una persona di fiducia perché dal suo lavoro dipendeva la qualità dei salumi ed il loro stato di conservazione. Provvedere all alimentazione del maiale era compito della donna di casa, che doveva aver cura di dosare razioni e somministrare i pasti regolari e sempre alla giusta temperatura. L insieme di queste operazioni dedicate alla macellazione e alla produzione dei salumi era detta nel gergo dialettale becarìa (dal latino medioevale beccharius, ossia macellaio dei becchi). Dato il considerevole numero dei suini da macellare, in ogni paese vi erano più macellai, veri e propri professionisti stimati. La data della macellazione veniva fissata di comune accordo tra contadino e macellaio, tenendo conto non solo delle fasi lunari e dei segni dello zodiaco, secondo una sag-

11 gezza arcaica, ma anche dalla disponibilità del macellaio che da dicembre a primavera inoltrata era continuamente occupato presso diverse famiglie. Il macellaio disponeva di tutti gli attrezzi necessari: coltelli, sega, macchina tritacarne, macchina insaccatrice; strumenti che nel tempo hanno subito un importante evoluzione, facendo risparmiare all uomo tempo e fatiche. L abilità del macellaio stava soprattutto nel saper selezionare la carne per i vari tipi di salumi, distinguendone qualità e quantità, nel fare un giusto dosaggio di sale, spezie e lardo, ingredienti necessari al gusto e alla conservazione dei prodotti. Accanto e alle dipendenze del macellaio lavoravano alcune persone della famiglia e altra gente (vicini di casa, conoscenti) che a loro volta potevano contare sul reciproco aiuto nel momento della loro becarìa. Il lavoro si protraeva anche per più giorni e si concludeva con la cena a base di un assaggio di tutti i tipi di insaccati (cotechini, sanguinacci, mortadelle di fegato, salami di testa, salsicce di prima e seconda qualità), accompagnati dalle patate, rigorosamente di propria coltivazione. Mentre si cenava, si commentava il lavoro svolto e si tessevano lodi al macellaio. Inoltre, non si mancava mai, in quel momento di allegra convivialità, di rievocare divertenti episodi e simpatiche vicende accadute in paese. Oggi, proprio per mantenere viva la tradizione della becarìa, c é ancora qualcuno che con passione e fatica svolge questo lavoro, ritagliandosi del tempo tra altre occupazioni, districandosi tra i meandri della burocrazia e delle norme vigenti, ma con la soddisfazione di un gusto immutato e di un sapore d altri tempi dei buoni insaccati fatti in casa. A cura dell Associazione Museo Vallivo della Valfurva

12 Piazza Capitano Arnaldo Berni Valfurva (SO) Tel Impaginazione e grafica: Gianluca Cossi Servizi Informatici Stampa:

I PRINCIPALI NOMI DEI TAGLI DI CARNI SUINE

I PRINCIPALI NOMI DEI TAGLI DI CARNI SUINE I PRINCIPALI NOMI DEI TAGLI DI CARNI SUINE La carne di maiale ed i salumi: la mappa è orientativa, per cercare di capire più o meno di cosa stiamo parlando: da una regione all altra cambiano infatti i

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

La salsiccia Caratteristiche Confezione salsiccia sottile: Cod. S5000 salsiccia grossa: Cod. S5001 salsiccia sottile al cinghiale:

La salsiccia Caratteristiche Confezione salsiccia sottile: Cod. S5000 salsiccia grossa: Cod. S5001 salsiccia sottile al cinghiale: La salsiccia Caratteristiche: l'arte della salumeria sarda riesce a sorprenderci con i sapori e profumi diversi delle sue salsicce. Giocando con le spezie, i formati e la diversa grana delle carni riesce

Dettagli

ricette per cucinare le rane

ricette per cucinare le rane 2 Introduzione Come già detto, le rane sono una prelibatezza per palati fini e anche nel passato, quando era possibile catturarne, venivano cucinate in vari modi, in base anche alla quantità di cui si

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE.

I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE. CATALOGO PRODOTTI I NOSTRI PRODOTTI. QUALITÀ E TRADIZIONE. MONTE VERONESE D ALLEVO Formaggio tipico da tavola proveniente dalle zone montane della provincia di Verona. Pasta semicotta prodotta esclusivamente

Dettagli

buon Appetito. pasta in omaggio da abbinare alla carne macinata! La parata delle panate Occasione da non perdere:

buon Appetito. pasta in omaggio da abbinare alla carne macinata! La parata delle panate Occasione da non perdere: Gennaio 2014 Occasione da non perdere: pasta in omaggio da abbinare alla carne macinata! La parata delle panate Suggerimenti, trucchi e deliziose ricette con carne svizzera Un piacere senza fine in tutta

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro Dosi per 10 persone

EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro Dosi per 10 persone EMILIA-ROMAGNA Arrosto morto di Borgotaro 1,8 kg di fesa di vitellone in un unica fetta 200 g di carote 180 g di pancetta tesa 120 g di cipolla 80 g di burro 15 dl di vino rosso 7 dl di brodo circa 2 coste

Dettagli

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- --------------------------------------------------

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ESERCITAZIONE PRATICA N 9 CARPACCIO DI CARCIOFI CON BRESAOLA DELLA VALTELLINA SU LETTO DI RUGHETTA CON MOUSSE DI FORMAGGIO ALLE ERBE ----------------------------------------------- CREMA PARMANTIER -------------------------------------------------

Dettagli

Salame Salame Felino

Salame Salame Felino Salame Felino Prodotto con carne di suini nati, allevati e macellati in Italia Salame Felino Prodotto preparato con cura artigianale utilizzando carni di suini nati ed allevati in Italia. Si utilizza la

Dettagli

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola

Indice. Ripieni di carne. Ripieni di magro. Gnocchi. Specialità. Pasta all uovo. Pronti in tavola Catalogo Dal 1976 Aldera Food offre ai propri clienti prodotti freschi, genuini e di alta qualità, come fatti in casa e tutt ora conserva i segreti tramandati da una generazione all altra proponendo e

Dettagli

PRIMI PIATTI --------------------------------------------------------------------------------

PRIMI PIATTI -------------------------------------------------------------------------------- La Cucina In questo spazio vi indichiamo, con delle ricette molto semplici, come si fa ad avere al campo un menu completo di sali minerali e carboidrati PRIMI PIATTI Riso in brodo: fai cuocere 400 g di

Dettagli

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda

L esigenza di nuovi spazi portò l azienda Gusto Valtellinese Gusto Valtellinese L esigenza di nuovi spazi portò l azienda a trasferirsi nell attuale sede di Montagna in Valtellina: ed è nel cuore delle alpi lombarde che Alberto, spinto dall entusiasmo

Dettagli

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati 500 gr di porcini 3 agli prezzemolo olio evo mezzo bicchiere di vino bianco farina Procedimento Pulite i porcini, grattando il gambo e la cappella con un

Dettagli

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Consigli pratici per la preparazione delle Lumache vive Le nostre lumache Helix Aspersa Muller, sono allevate all aperto e seguono il ciclo biologico

Dettagli

MyCard Ricette d autunno

MyCard Ricette d autunno MyCard Ricette d autunno Un azienda del Gruppo Aduno www.aduno-gruppe.ch Ricetta 1 Piatto di Berna 400 g Carne per bollito (collo o costole) Verdure da minestra (per es. porro, sedano, carota, cipolla)

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

buon Appetito. Primavera ticinese Con ricette dalla Svizzera meridionale Suggerimenti, trucchi e deliziose ricette con carne svizzera Aprile 2011

buon Appetito. Primavera ticinese Con ricette dalla Svizzera meridionale Suggerimenti, trucchi e deliziose ricette con carne svizzera Aprile 2011 Aprile 2011 buon Appetito. Primavera ticinese Suggerimenti, trucchi e deliziose ricette con carne svizzera Con ricette dalla Svizzera meridionale Sono un ticinese. Buona Pasqua! Cara lettrice, caro lettore,

Dettagli

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca Menù AZZURRO Prepasto Zanzarelli Minestra Brodetto saracenico Pasto Pollo al finocchio Postpasto Budino di frutta secca 1 Ricetta e preparazione menu azzurro (4) Zanzarelli (Libro de arte coquinaria, Maestro

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni GIAPPONE Dolce di carote (Gajar Halwa) 2 kg di carote 250 g di zucchero 80 g di mandorle pelate 120 g di burro chiarificato 80 g di pistacchi 2 l di latte cardamomo verde pelare e grattuggiare le carote

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

I freschi già cotti e i freschi da cuocere. Novità

I freschi già cotti e i freschi da cuocere. Novità I freschi già cotti e i freschi da cuocere Novità primavera estate 2012 Cercavate qualcosa di già pronto? Guardate nel fresco. I freschi già cotti I sapori della tradizione pronti in pochi minuti. Prodotti

Dettagli

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE INDICE PRESENTAZIONE 5 GLOSSARIO ESSENZIALE 6-9 Celti, greci, latini: la cucina racconta la storia 10-11 Comuni, signorie, regioni: le cento cucine d Italia 12-13 Le differenze regionali nel lessico della

Dettagli

Buoni Naturalmente!!

Buoni Naturalmente!! Buoni Naturalmente!! Situata in terra Dauna, ai piedi del famoso promontorio del Gargano, nasce nel 1994 l Azienda artigiana ANTICHI SAPORI del GARGANO, che opera in una struttura moderna, producendo e

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

Ricetta Spaghetti al Caffè

Ricetta Spaghetti al Caffè Ricetta Spaghetti al Caffè Per gli appassionati del caffè e della pasta, ecco un accoppiata vincente: gli spaghetti al caffè. Ingredienti per preparare gli spaghetti al caffè: DOSI PER 4/5 PERSONE 400

Dettagli

Il porcile e l allevamento familiare del maiale

Il porcile e l allevamento familiare del maiale 1 Il porcile e l allevamento familiare del maiale La nascita e l ingrassamento del maiale I poderi mezzadrili erano caratterizzati dalla presenza di una casa e di una stalla-fienile, disposti a scacchiera

Dettagli

LA LISTA DELLA SPESA

LA LISTA DELLA SPESA LA LISTA DELLA SPESA (filastrocche in rima inventate dai bambini) Latte pane, salsicciotti insalata e prosciutti cotti. Vino, sale, fagiolini carne, salse e fagottini. Aglio, pepe e pomodoro e una fetta

Dettagli

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100%

PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% PRODOTTI TRADIZIONALI D OCA DA FILIERA LOMBARDA CERTIFICATI 100% Rubino (Coscia d'oca stagionata), Convivio (Salame tradizionale d'oca), Castellano (Cotto d'oca). Inoltre, tagli freschi e congelati d oca

Dettagli

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola.

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola. La natura soddisfa il palato con un alimentazione sana ed equilibrata. Fagioli, lenticchie, ceci, piselli, soia, da apprezzare in zuppe e piatti ricchi di proteine vegetali, vitamine e sali minerali. Legumi

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

PARROCCHIA DEI SANTI MARTINO E LAMBERT0

PARROCCHIA DEI SANTI MARTINO E LAMBERT0 PARROCCHIA DEI SANTI MARTINO E LAMBERT0 Scuola dell Infanzia SAN GIUSEPPE Nido integrato Via Roma 293 - ARSEGO 35010 SAN GIORGIO DELLE PERTICHE - PD Tel/fax. 049.5742061 E-mail:materna-arsego@libero.it

Dettagli

Questo alimento è frutto dell'esperienza delle nostre genti montane, estremamente semplice ma che racchiude in sè una cura sapiente, necessaria per poter conservare questi pregiati tagli di carne bovina.

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com. marche-restaurants.com

Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com. marche-restaurants.com Freschezza in vizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com C I A L C I W pecialità svizze Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantschweiz marche-restaurants.com

Dettagli

Il piccolo ricettario della cucina di recupero

Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero Il piccolo ricettario della cucina di recupero nasce nell ambito del progetto CiBiTe Cibo, Biodiversità e Territorio

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa Anno 2014 - N. 25 04 luglio 2014 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA Listino dei prezzi all'ingrosso IVA esclusa I prezzi sono rilevati nelle giornate del venerdi

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa Anno 2015 - N. 2 16 gennaio 2015 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA Listino dei prezzi all'ingrosso IVA esclusa I prezzi sono rilevati nelle giornate del venerdi

Dettagli

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito DOLCE EPIFANIA Pinza de Marantega 300 gr. farina gialla 200 gr. farina bianca 200 gr. zucchero 200 gr. burro 50 gr. uvetta 50 gr. cedri canditi 50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa

CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso. IVA esclusa Anno 2014 - N. 45 28 novembre 2014 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA Listino dei prezzi all'ingrosso IVA esclusa I prezzi sono rilevati nelle giornate del

Dettagli

3 Appuntamento - Mercoledì, 15 Aprile 2015

3 Appuntamento - Mercoledì, 15 Aprile 2015 3 Appuntamento - Mercoledì, 15 Aprile 2015 Si ringrazia per la partecipazione Marco Berry GNOCCO FRITTO Lo gnocco fritto, tipico piatto della gastronomia emiliana, è sicuramente una delle ricette più conosciute

Dettagli

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP

MENU WARSTEINER. PRIMO PIATTO pagina 5. ANTIPASTO pagina 7. PRIMO PIATTO pagina 9. SECONDO PIATTO pagina 11 PARTNERSHIP MENU WARSTEINER PRIMO PIATTO pagina 5 Brodo Alla Verdure e WARSTEINER ANTIPASTO pagina 7 Sciatt Frittelle della Valtellina PRIMO PIATTO pagina 9 Risotto con WARSTEINER barbabietola e spuma di gorgonzola

Dettagli

Ottimo per i tuoi aperitivi e sfizioso ingrediente in cucina

Ottimo per i tuoi aperitivi e sfizioso ingrediente in cucina Finger Christmas Ottimo per i tuoi aperitivi e sfizioso ingrediente in cucina GROK è il nuovo modo di interpretare la bontà del Grana Padano. GROK è un prodotto unico, fatto con Grana Padano, cotto al

Dettagli

buon Appetito. Squisita cucina per il mese di gennaio Ricette con impasto e carne macinata

buon Appetito. Squisita cucina per il mese di gennaio Ricette con impasto e carne macinata Gennaio 2013 buon Appetito. Squisita cucina per il mese di gennaio Suggerimenti, trucchi e deliziose ricette con carne svizzera Ricette con impasto e carne macinata 1 1 L arrosto in 8 minuti. Mangiare

Dettagli

formaggio 5 edizione

formaggio 5 edizione formaggio 5 edizione L evento, giunto alla 5 edizione, avrà la presenza dei più importanti produttori, selezionatori, distributori, chef, giornalisti e di un vasto numero di appassionati, i foodies. La

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE VIA NAPOLI, 37 NOCERA INFERIORE (SA)

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE VIA NAPOLI, 37 NOCERA INFERIORE (SA) ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE VIA NAPOLI, 37 NOCERA INFERIORE (SA) Ideatori del progetto: Prof.ssa Franca Villani Prof.ssa Rosalba Califano Prof. Giovanni Anselmo

Dettagli

Collo di Maiale. Corso Cucina Pag. 1 di 6. Obiettivi del corso: Contenuto del corso (indice): Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani

Collo di Maiale. Corso Cucina Pag. 1 di 6. Obiettivi del corso: Contenuto del corso (indice): Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani Corso Cucina Pag. di 6 Ricetta presentata da: Obiettivi del corso: Preparazione: Fagottini alla coppa (antipasto / aperitivo) Penne alla norcina (primo piatto) Cordon bleu di collo di maiale con contorni

Dettagli

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA COZZE PASTELLATE - 2 Kg di cozze - 2 uova - 2 cucchiai di farina - ½ bicchiere di birra - sale - pepe Preparazione: Prendere le cozze, dopo averle

Dettagli

SCHOLTÈS E MORENO CEDRONI CELEBRANO IL CINQUANTESIMO ANNIVERSARIO DE LA DOLCE VITA A IDENTITA GOLOSE 2010.

SCHOLTÈS E MORENO CEDRONI CELEBRANO IL CINQUANTESIMO ANNIVERSARIO DE LA DOLCE VITA A IDENTITA GOLOSE 2010. SCHOLTÈS E MORENO CEDRONI CELEBRANO IL CINQUANTESIMO ANNIVERSARIO DE LA DOLCE VITA A IDENTITA GOLOSE 2010. L illustre chef della Madonnina del Pescatore e il marchio produttore di elettrodomestici alto

Dettagli

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO Anno 2013 Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Comunale 1 PRIMI PIATTI Crema di piselli con riso Vellutata di zucchine con

Dettagli

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie C A S T E L P E R G I N E Quando i piccoli frutti Sant Orsola incontrano le sapienti mani dello chef del Castello di Pergine nasce un perfetto connubio di sapore e colori che siamo lieti ed orgogliosi

Dettagli

la Festa di FINE ANNO

la Festa di FINE ANNO Piatti golosi e simbolici celebrano con successo la Festa di FINE ANNO PER LA TUA FESTA DI FINE ANNO SULLA TAVOLA NON DEVE MANCARE: UVA: Perché porta soldi; MELAGRANA: Perché porta soldi e Amore; LENTICCHIE:

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

Masserie Giovannelli

Masserie Giovannelli Masserie Giovannelli La forza della famiglia rurale 1 L azienda Masserie Giovannelli si trova a 1.000 msl nel Comune di Cercemaggiore in provincia di Campobasso, zona riconosciuta come Sito di Interesse

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Cottura: Costo: bassa. 45 min. Olio extravergine di oliva 25 g, di cui per il pomodori e basilico, che sono protagonisti indiscussi della caponata,

Cottura: Costo: bassa. 45 min. Olio extravergine di oliva 25 g, di cui per il pomodori e basilico, che sono protagonisti indiscussi della caponata, Contorni Caponata Difficoltà: Preparazione: Cottura: Dosi per: Costo: bassa 20 min 45 min 6 persone basso NOTA: + 1 ora di riposo delle melanzane Ingredienti Melanzane 1 kg Sedano i gambi 600 g Cipolle

Dettagli

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani Corso Cucina Pag. 1 di 5 per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Obiettivi del corso: Conoscenza degli ingredienti (carne e verdure) Farcitura e preparazione dei vari stuzzichini Contenuto del corso

Dettagli

IN CUCINA CON FANTASIA

IN CUCINA CON FANTASIA IN CUCINA CON FANTASIA CLASSI 2 A E 2 B SCUOLA PRIMARIA E. TOTI ISTITUTO COMPRENSIVO FERMI CAVARIA CON PREMEZZO PROGETTO IL VALORE DEL CIBO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON LA DOTT. ZAMBELLI E INTERAMENTE

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

ALESSANDRIA TONNO DI CONIGLIO ALL ANTICA MANIERA. INGREDIENTI per 8 persone

ALESSANDRIA TONNO DI CONIGLIO ALL ANTICA MANIERA. INGREDIENTI per 8 persone TONNO DI CONIGLIO ALL ANTICA MANIERA INGREDIENTI per 8 persone 4 coste di sedano Un mazzetto di aromi (alloro, timo, rosmarino, salvia e gambi di prezzemolo) 2 chiodi di garofano 10 foglie di salvia Una

Dettagli

Corso di cucina Vegan. Consigli per l utilizzo di latti a base vegetale. Lezione 1: Basi di Cucina Vegan

Corso di cucina Vegan. Consigli per l utilizzo di latti a base vegetale. Lezione 1: Basi di Cucina Vegan Consigli per l utilizzo di latti a base vegetale Latte di soia: come bevanda o per preparazioni dolci e salate (maionese, yogurt, besciamella, creme, salse, dressing sauce, sheese). Latte di riso: più

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

MARCHIO COLLETTIVO DI QUALITà AQUA GARANTITO DALLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. AQUA» AGRICOLTURA QUALITà AMBIENTE

MARCHIO COLLETTIVO DI QUALITà AQUA GARANTITO DALLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. AQUA» AGRICOLTURA QUALITà AMBIENTE MARCHIO COLLETTIVO DI QUALITà AQUA GARANTITO DALLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AQUA» AGRICOLTURA QUALITà AMBIENTE I MARCHI NEL SETTORE AGROALIMENTARE Introduzione In una economia fortemente competitiva

Dettagli

WÜBER SPECIALISTA IN WÜRSTEL Dal 1976 la prima Azienda interamente dedicata alla produzione di würstel

WÜBER SPECIALISTA IN WÜRSTEL Dal 1976 la prima Azienda interamente dedicata alla produzione di würstel Sede Sito internet WÜBER SPECIALISTA IN WÜRSTEL Dal 1976 la prima Azienda interamente dedicata alla produzione di würstel Stabilimento Wüber di Medolago Via Felice Beretta n.5-24030 Medolago (BG) www.wuber.com

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute La sicurezza degli alimenti Luigi Cazzola Dip. Prevenzione ULSS 2 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI POPOLARI SICURE Feltre, 11 giugno 2014 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI Ricettario Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana, timo, alloro, basilico) e farli cuocere in acqua per un'ora a fuoco moderato. Colare il brodo ed

Dettagli

Ideazione ed elaborazione del progetto. Dott. Carlo Agarotti. I quadri presenti sono opera del pittore bresciano Giacomo Bergomi

Ideazione ed elaborazione del progetto. Dott. Carlo Agarotti. I quadri presenti sono opera del pittore bresciano Giacomo Bergomi Ideazione ed elaborazione del progetto Dott. Carlo Agarotti I quadri presenti sono opera del pittore bresciano Giacomo Bergomi Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Per i Palati più raffinati, Arriva la Gastronomia Fini

Per i Palati più raffinati, Arriva la Gastronomia Fini Per i Palati più raffinati, Arriva la Gastronomia Fini Per i palati più raffinati, arriva La Gastronomia Fini, simbolo della tradizione culinaria più autentica, gaudente ma esigente. Scelta di materie

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Le ricette della Scuola di Cucina delle Bollicine!

Le ricette della Scuola di Cucina delle Bollicine! Le ricette della Scuola di Cucina delle Bollicine! CALENDARIO1.indd 11 12/08/14 13.22 Mousse al cioccolato 2 uova, 150 g. di cioccolato fondente, 50 g. di burro, 2 cucchiai di zucchero. Sminuzzate il cioccolato

Dettagli

Accoglierli al ristorante

Accoglierli al ristorante 8 Accoglierli al ristorante Osservando i comportamenti dei turisti cinesi in Italia negli ultimi dieci anni si vede chiaramente come la maggior parte di loro sia diventata disponibile, ed anzi interessata

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Cuoco/Cuoca. Ordinamento formativo per la professione oggetto d apprendisto. Delibera n. 748 del 24.06.2014

Cuoco/Cuoca. Ordinamento formativo per la professione oggetto d apprendisto. Delibera n. 748 del 24.06.2014 Delibera n. 748 del 24.06.2014 Ordinamento formativo per la professione oggetto d apprendisto Cuoco/Cuoca 1. Il profilo professionale 2. Durata ed esame di fine apprendistato 3. Referenziazioni del profilo

Dettagli

BANCHETTI E CENONI: CONSIGLI PER UNA CUCINA SICURA

BANCHETTI E CENONI: CONSIGLI PER UNA CUCINA SICURA BANCHETTI E CENONI: CONSIGLI PER UNA CUCINA SICURA Testi a cura di: Chiara Musella, Stefano Peirone, Alessandro Testa, Giuseppe Sattanino, Valentina Marotta, Francesca Piovesan, Bartolomeo Griglio. Introduzione

Dettagli

Radichio Rosso In Sao r (Treviso) Ingredienti per 4 persone:

Radichio Rosso In Sao r (Treviso) Ingredienti per 4 persone: Radichio Rosso In Sao r (Treviso) 8 cespi di radicchio rosso di Treviso 150 g di cipolle 40 g di uva passa 30 g di pinoli ½ bicchiere di aceto rosso 3 cucchiai d olio e.v. d oliva 1 cucchiaino di zucchero

Dettagli

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Anno 2001 - N. 47 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 29 Novembre

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

Ricette con le verdure dell orto

Ricette con le verdure dell orto Laboratorio di scienze Ricette con le verdure dell orto Cucinare è un attività che ti permette di conoscere meglio i cibi e di apprezzarli di più, contemporaneamente ti consente di sperimentare in modo

Dettagli

Per Friggere Arrostire Cuocere al forno Grigliare

Per Friggere Arrostire Cuocere al forno Grigliare Per Friggere Arrostire Cuocere al forno Grigliare Panoramica del Prodotto Rotella temperatura Presa di Aria con filtro Presa di Aria Spia di accensione Spia di Riscaldamento Timer Cestello Griglia Antiaderente

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

Il Servizio Ristoro. Menu Ghiandaia E 16,00 Antipasti Secondo a scelta con contorno Dolce della Casa Caffè

Il Servizio Ristoro. Menu Ghiandaia E 16,00 Antipasti Secondo a scelta con contorno Dolce della Casa Caffè offre ai suoi Ospiti la possibilità di gustare i propri menù esclusivamente a base di prodotti tipici locali. Gli Affettati nostrani e Bianchi Sapori accompagnati da assaggi caldi e freddi preparati per

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Art.1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta "Pancetta Piacentina" é riservata al prodotto di salumeria

Dettagli

Primi Passi di Cucina

Primi Passi di Cucina Gruppo Scout Sammichele 1 Reparto Halley Primi Passi di Cucina 1 Cucina da campo La cucina da campo è realizzata tramite bidoni scoperchiati, bucati sul davanti per permettere l introduzione della legna

Dettagli

LE RICETTE PER GUSTARE IL GRANO Alimento antico, nutriente e sano

LE RICETTE PER GUSTARE IL GRANO Alimento antico, nutriente e sano Alimento antico, nutriente e sano UN PO DI STORIA La coltivazione del grano risale a 5.000 anni fa e sin dall antichità esso ha rappresentato l elemento principale di una alimentazione sana, semplice e

Dettagli

Ricette Cucinare con il Tof Naturale u

Ricette Cucinare con il Tof Naturale u icette Cucinare con il ofu Il nostro Indice Paine 4-5 - Paine 6-7 - Paine 8-9 - Paine 0 - - Paine - 3 - Paine 4-5 - Indice Come preparare e conservare correttamente il tofu Ricetta : Insalata veana di

Dettagli

CACCIATORI D OCA Prodotto Agroalimentare Tipico (PAT) CICCIOLI Prodotto Agroalimentare Tipico (PAT)

CACCIATORI D OCA Prodotto Agroalimentare Tipico (PAT) CICCIOLI Prodotto Agroalimentare Tipico (PAT) CARNI E DERIVATI 61 CACCIATORI D OCA CICCIOLI 62 63 Sono prodotti con carne cruda mista d oca(il 30% in peso) e di suino con grasso di suino. Hanno una forma cilindrica allungata di 15-20 cm di lunghezza

Dettagli

CARNE NOSTRANA NATURALE A KM 0.

CARNE NOSTRANA NATURALE A KM 0. Oi più che mai, fare la spesa in modo intelliente acquistando prodotti ad un costo contenuto senza rinunciare alla qualità, è divenuta un esienza importante. Proprio per venire incontro a questo bisono,

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli