DALL IMU ALLA IUC LA NUOVA TASSAZIONE SUGLI IMMOBILI DAL 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DALL IMU ALLA IUC LA NUOVA TASSAZIONE SUGLI IMMOBILI DAL 2014"

Transcript

1 Salvatore Albanese - Rosita Donzì DALL IMU ALLA IUC LA NUOVA TASSAZIONE SUGLI IMMOBILI DAL 2014 IMU E MINI IMU IUC (TARI E TASI) REGOLAMENTO COMUNALE ADEMPIMENTI DEL CONTRIBUENTE: DICHIARAZIONE E VERSAMENTO ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE SANZIONI PRINCIPI APPLICABILI RAVVEDIMENTO OPEROSO RIMBORSO E COMPENSAZIONE CASI PRATICI

2 Salvatore Albanese - Rosita Donzì DALL IMU ALLA IUC LA NUOVA TASSAZIONE SUGLI IMMOBILI DAL 2014 ü IMU e mini IMU ü IUC (TARI e TASI) ü Regolamento comunale ü Adempimenti del contribuente: dichiarazione e versamento ü Accertamento e riscossione ü Sanzioni ü Principi applicabili ü Ravvedimento operoso ü Rimborso e compensazione ü Casi pratici

3 Sintesi La legge 27 dicembre 2013, n. 147 rimodula la tassazione degli immobili, introducendo un nuovo balzello denominato IUC. L imposta unica comunale, che come vedremo, è formata da tre moduli, IMU, TARI e TASI è debuttata lo scorso 1 gennaio La parte immobiliare che sostituisce la vecchia IMU sarà dovuta da tutti i proprietari degli immobili escludendo le prime case; la TASI, che sarà pagata da tutti i proprietari di immobili incluse le prime case e per una quota variabile dagli inquilini è finalizzata alla copertura dei servizi indivisibili dei Comuni; la TARI non è altro che la vecchia TARES e sarà dovuta sia dai proprietari che dagli inquilini. La guida descrive dal punto di vista normativo ed operativo la IUC. È descritto in modo molto dettagliato l ambito soggettivo ed oggettivo di applicazione del tributo. Un approfondimento è riservato alle fattispecie di esenzione e riduzioni di tariffa che il Comune potrà introdurre con regolamento rispettivamente in materia di TARI e TASI. È strutturata con tabelle esplicative, riporta oltre ad un facsimile di Regolamento IUC alcune esemplificazioni. La IUC dovrà essere pagata secondo le scadenze e il numero delle rate fissate dai Comuni; in particolare per la parte della TASI e della TARI il Comune dovrebbe dare la possibilità al contribuente di pagare in due rate con scadenza semestrale e in momenti differenti, mentre per la parte IMU il versamento è previsto alle scadenze ordinarie del 16 giugno e del 16 dicembre Quanto alle modalità di pagamento della TASI e TARI è previsto il modello F24 o un bollettino precompilato che dovrà essere inviato dai Comuni, al fine di semplificare gli adempimenti dei contribuenti. Salvatore Albanese è Dottore in legge. Studioso ed esperto della materia tributaria. È autore di numerose opere e pubblicazioni a carattere giuridico-tributario su riviste specializzate e quotidiani. Rosita Donzì è Dottore in Economia e Commercio, abilitata alla professione di Dottore Commercialista revisore contabile. È autrice di numerosi testi e articoli su riviste altamente qualificate. Copyright 2014 by Fisco e Tasse 2

4 Indice Sintesi...» 2 Premessa...» 5 1. IMU: novità dal » Fabbricati rurali strumentali, terreni agricoli...» Immobili delle imprese e immobili sfitti...» Mini IMU...» 8 2. TARI: definizione...» Ambito soggettivo...» Soggetti esonerati dal pagamento...» 9 3. Come si determina la TARI...» Immobili a destinazione ordinaria...» Adempimenti dei Comuni...» Immobili delle altre categorie...» La tariffa...» Aspetti tecnici di determinazione della tariffa...» Le riduzioni...» Tariffa giornaliera...» Tributo provinciale...» La TARI corrispettivo...» La TASI...» Come si determina la base imponibile...» Il regolamento comunale...» 24 3

5 10. Gli adempimenti del contribuente...» Dichiarazione...» Versamento...» Accertamento e riscossione...» Sanzioni...» I principi applicabili...» Il ravvedimento operoso...» Rimborso e compensazione...» Schema riepilogativo...» 34 Conclusioni...» 36 Facsimile di regolamento comunale IUC...» 37 Casi pratici...» 45 Bibliografia/sitografia per approfondimenti...» 47 4

6 Premessa L articolo 1, comma 639 della legge di stabilità 2014 ha introdotto, con decorrenza dallo scorso 1 gennaio 2014, la IUC. Essa si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso degli immobili e collegato alla loro natura e valore e l altro collegato all erogazione e alla fruizione di servizi comunali. La IUC si compone dell imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell utilizzatore dell immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI) destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell utilizzatore. Una cosa è certa, per quanto riguarda la parte immobiliare le prime case definite non di lusso non saranno più soggette al pagamento dell IMU e della TARES, definitivamente abrogata dall articolo 1 comma 704 della legge n. 147/2013, ma solo alla TARI e alla TASI che colpiscono anche i locatari. Diversamente le prime case definite di lusso e precisamente quelle appartenenti alle categorie catastali A/1, A8 e A/9 e le seconde case sconteranno IMU, TARI e TASI. L aliquota base della TASI sarà pari all 1 per mille del valore catastale ma è consentito ai Comuni di aumentarla o ridurla fino all azzeramento rimanendo sempre il principio che la somma delle aliquote IMU e TASI non può essere superiore al 10,6 mille. Per il 2014 l aliquota della TASI non potrà superare il 2,5 per mille. I Comuni potranno introdurre delle disposizioni di esenzione dalla IUC per alcuni nuclei familiari abitativi ed inoltre potranno usufruire di un plafond di 500 milioni finalizzato ad introdurre le detrazioni dalla TASI per le abitazioni principali e le relative pertinenze nonché per i familiari che dimorano e risiedono anagraficamente nell immobile adibito ad abitazione principale. Analizziamo tutte e tre le componenti per poi spiegare al lettore, avvalendoci di tabelle esemplificative, le modalità di funzionamento della IUC, l ambito soggettivo ed oggettivo. 5

7 1. IMU: novità dal 2014 L IMU costituisce il primo modulo della IUC. Occorre, precisare, che la IUC lascia salva la disciplina che regola l IMU. Pertanto, è necessario integrare la IUC con quanto previsto dalla legge di stabilità 2014 in materia di IMU. Principalmente, l IMU esce definitivamente di scena per le abitazioni principali e le pertinenze qualificate non di lusso, mentre si continuerà ad applicare sulle abitazioni principali classificate di lusso e appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 vale a dire a quelle signorili, ai villini e ai castelli e palazzi storici (1). Tuttavia in queste ipotesi sarà applicata l aliquota ridotta e la detrazione di euro 200. Difatti, l articolo 1 comma 707 modifica l articolo 13 del decreto legge n. 201/2011 (2). Nell ambito della loro potestà regolamentare, i Comuni, potranno considerare direttamente adibita ad abitazione principale: l immobile posseduto a titolo di proprietà e di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza negli istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che lo stesso non risulti affittato; l immobile posseduto da un cittadino italiano residente all estero a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locato; l immobile concesso in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che lo utilizzano come abitazione principale, prevedendo che l agevolazione spetti o limitatamente alla quota di rendita che risulta al catasto che non ecceda il valore di euro 500 oppure nella sola ipotesi in cui il comodatario appartenga ad un nucleo familiare con ISEE non superiore a euro annui. Qualora vi siano più immobili l agevolazione può essere applicata solo per un immobile. Sono in ogni caso esenti da IMU: Immobili appartenenti alle società cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; Abitazioni destinati ad alloggi sociali; Casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio; Esenzioni Un solo immobile, iscritto o iscrivibile al catasto, posseduto e non affittato, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di Polizia ad ordinamento militare o alle Forze di polizia ad ordinamento civile; Un solo immobile, iscritto o iscrivibile al catasto, posseduto e non affittato, dal personale in servizio permanente appartenente al Corpo nazionale dei vigili del Fuoco; Un solo immobile, iscritto o iscrivibile al catasto, posseduto e non affittato, dal personale appartenente alla carriera prefettizia. 6

8 Rimangono invece assoggettati ad IMU gli immobili diversi dall abitazione principale per i quali i Comuni nella determinazione dell aliquota dovranno attenersi al rispetto dell aliquota massima del 10,6 per mille. Quanto all ambio soggettivo va ricordato che l IMU, come noto, grava sui proprietari o su chi è titolare di un diritto reale di godimento sull immobile, quale, ad esempio, l usufrutto, mentre non colpisce l inquilino Fabbricati rurali strumentali, terreni agricoli La legge di stabilità 2014 apporta delle rilevanti novità con riferimento ai fabbricati rurali strumentali, di cui all articolo 13, comma 8 del decreto legge sopra citato, prevedendone, con decorrenza dal 2014, l esenzione dall IMU. I terreni agricoli, anche se non coltivati, ma posseduti e condotti da coltivatori diretti e da soggetti IAP pagano l IMU su una base imponibile ridotta, in quanto per il 2014, il moltiplicatore si riduce da 110 a 75, mentre per tutti gli altri terreni il moltiplicatore è di 130. Pertanto la base imponibile sarà pari al reddito dominicale rivalutato del 25% e moltiplicato per i seguenti coefficienti: Terreni agricoli, non coltivati, posseduti e condotti da imprenditori agricoli professionisti iscritti all INPS e da coltivatori diretti MOLTIPLICATORE 75 Terreni agricoli diversi MOLTIPLICATORE Immobili delle imprese e immobili sfitti Finalmente, con un comma ad hoc, tale è il comma 715 della legge di stabilità, arriva, anche se non in misura totale, ma solo in quella ridotta del 20%, la deducibilità IMU dal reddito d impresa e da quello di lavoro autonomo; l IMU non è deducibile ai fini IRAP. La deducibilità dell IMU dal reddito d impresa e da quello di lavoro autonomo ha effetto a decorrere dal periodo in corso al 31 dicembre 2013 e solo per tale periodo la misura è elevata al 30 per cento. 7

9 Il successivo comma 717 prevede che gli immobili non affittati, ubicati nel Comune dove si trova l abitazione principale concorrono alla formazione del reddito imponibile ai fini IRPEF e addizionali nella misura del 50 per cento Mini IMU Il 24 gennaio 2014 rappresenta il primo appuntamento per il versamento della mini IMU sull abitazione principale, cui sono tenuti i soggetti possessori di prima casa nell ipotesi in cui il Comune abbia deliberato un aliquota superiore a quella di base dello Stato del 4 per mille. In tal caso dovrà essere versato il 40 per cento della differenza (3). Dal punto di vista operativo il contribuente prima determinerà l IMU applicando l aliquota fissata dal Comune e detrarrà quella determinata in base al 4 per mille. Su tale differenza calcolerà il 40 per cento ed effettuerà il versamento mediante il modello F24 utilizzando il codice tributo 3912, o mediante il bollettino postale. 2. TARI: definizione La TARI sostituisce la vecchia TARES. Nella legge di stabilità 2014 questa cambia solo di nome ma rimane uguale per quanto riguarda i presupposti impositivi, i soggetti, ecc Ambito soggettivo L acronimo TARI letteralmente va letto come Tassa sui rifiuti. È opportuno rilevare che il legislatore, a differenza di quanto previsto per la vecchia TARES, al cui interno coesistevano due tributi e precisamente: il primo, individuabile in una tassa finalizzata al finanziamento dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati mentre il secondo, con caratteristiche proprie di una imposta, aveva l obiettivo di finanziare i servizi indivisibili dei Comuni, preferisce sdoppiare tale tributo, denominandolo TARI per quanto riguarda i rifiuti e TASI per i servizi indivisibili. Il comma 642 della legge di stabilità 2014 individua i soggetti passivi identificandoli in chiunque possieda, o detenga, a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Il tributo è, dunque, dovuto da tutti i soggetti (persone fisiche e giuridiche) che possiedono, occupano, detengono a qualsiasi titolo case, abitazioni, locali commerciali e non, aree coperte e scoperte e qualsiasi unità locale e non, indipendentemente dal loro uso, purché in grado di generare rifiuti solidi urbani. In generale l occupazione o detenzione può derivare dai seguenti rapporti: proprietà, diritto 8

10 reale (superficie, usufrutto, uso, abitazione, ecc.), diritto personale di godimento (comodato, locazione, affitto, leasing), concessione amministrativa, mera condizione di fatto (anche a carattere abusivo) da cui derivi comunque la disponibilità dell immobile. Pertanto con riferimento ai soggetti passivi la TARI colpisce: i proprietari degli immobili; gli inquilini. Il presupposto del tributo riproduce quanto previsto ai fini della TARES identificandosi nell occupazione o nella detenzione di locali ed aree scoperte, adibite a qualsiasi uso, che di per sè sono in grado di produrre rifiuti. Qualora l immobile sia posseduto o detenuto da più soggetti, tutti sono tenuti in solido a corrispondere il tributo e ad assolvere l unica obbligazione tributaria. Il successivo comma 643 prevede che in caso di utilizzi temporanei di durata non superiore a sei mesi nel corso del medesimo anno solare, il tributo deve essere corrisposto esclusivamente da chi possiede i locali e le aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, superficie. Giova precisare, che nel caso di locali in multiproprietà e di centri commerciali integrati, il soggetto che gestisce i servizi comuni è responsabile del versamento della TARI dovuta per i locali e le aree scoperte di uso comune e per i locali e le aree scoperte in uso esclusivo ai singoli possessori o detentori, fermi restando, nei confronti di questi ultimi, gli altri obblighi o diritti derivanti dal rapporto tributario riguardante i locali e le aree in uso esclusivo Soggetti esonerati dal pagamento Vi sono categorie di soggetti che non dovranno versare tale tributo. Sono esonerati dal pagamento: le persone fisiche che possiedono aree scoperte accessorie o pertinenziali a civili abitazioni e le aree comuni condominiali non detenute o occupate in via esclusiva; le imprese, società persone giuridiche o altri soggetti che producono rifiuti speciali e che già provvedono allo smaltimento diretto di quella tipologia di rifiuti, a condizione che ne dimostrino l avvenuto trattamento in conformità alla legge vigente. 9

11 SOGGETTI ESONERATI PERSONE FISICHE IMPRESE, SOCIETÀ PERSONE GIURIDICHE O ALTRI SOGGETTI Possessori di aree scoperte accessorie o pertinenziali a civili abitazioni. Possessori di aree comuni condominiali detenute o occupate non in via esclusiva. Produttori di rifiuti speciali che già provvedono allo smaltimento diretto di quella tipologia di rifiuti. Con riferimento ai soggetti esonerati è indubitabile come il legislatore abbia voluto escludere dall ambito applicativo del tributo le aree scoperte accessorie o che costituiscono pertinenze degli immobili ad uso abitativo mentre ha previsto l assoggettamento al tributo di tutte quelle aree scoperte che sono utilizzate da imprese, società, ecc. Quanto alle aree comuni condominiali l articolo 1117 del codice civile le identifica con il suolo su cui sorge l edificio, con le fondazioni, con i muri maestri, con i tetti e i lastrici solari, con le scale, con i portoni d ingresso, con i vestiboli, con gli anditi, con i portici, i cortili e in genere con tutte le parti dell edificio necessarie all uso comune; con i locali per la portineria e per l alloggio del portiere, per la lavanderia, per il riscaldamento centrale, per gli stenditoi e per altri simili servizi in comune; con le opere, con le installazioni, con i manufatti di qualunque genere che servono all uso e al godimento comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli acquedotti e inoltre le fognature e i canali di scarico, gli impianti per l acqua, per il gas, per l energia elettrica, per il riscaldamento e simili, fino al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva dei singoli condomini. Conseguentemente, ai fini della TARI, sarà assoggettato soltanto l alloggio del portiere se ad uso esclusivo. Un cenno va fatto alle aree che producono, in maniera continuativa e prevalente rifiuti speciali. Tali aree produttrici di rifiuti speciali non sono assoggettabili al tributo a condizione che il produttore dimostri che ha utilizzato le procedure atte al conferimento presso soggetti autorizzati secondo la normativa vigente (4). 10

12 Tuttavia se tali rifiuti speciali sono assimilati a quelli urbani, nel determinare la TARI, il Comune può prevedere delle riduzioni facoltative della parte variabile della tariffa in misura proporzionale alla quantità che i produttori stessi dimostrano di aver avviato al recupero. 3. Come si determina la TARI Cerchiamo adesso di capire le modalità di calcolo della TARI. Essa è corrisposta sulla base di una tariffa, rapportata per anno solare, cui corrisponde un autonoma obbligazione tributaria. Tale tariffa è commisurata a due elementi e precisamente: 1) la qualità dei rifiuti prodotti; 2) la quantità dei rifiuti prodotti. Sul punto, va segnalato, che nella determinazione della tariffa vanno tenuti in considerazione sia le dimensioni dell immobile e sia la quantità di rifiuti prodotti per ciascuna unità di superficie, in relazione agli usi e alle tipologie delle attività svolte, secondo i criteri fissati da un apposito regolamento ministeriale Immobili a destinazione ordinaria Il comma 645 provvede a definire come deve essere quantificata la superficie da assoggettare al tributo. Relativamente gli immobili a destinazione ordinaria vale a dire per quelli appartenenti alle categorie catastali A, B, C, già iscritti al catasto o iscrivibili, fino a quando non saranno operative le procedure di interscambio dei dati tra comuni e Agenzia delle entrate viene presa come base imponibile su cui applicare il tributo la superficie calpestabile dei locali e delle aree in grado di produrre rifiuti solidi urbani. Al riguardo, si fa presente, che le procedure di interscambio dei dati tra i Comuni e l Agenzia delle entrate, riferiti alla superficie delle unità immobiliari a destinazione ordinaria, iscritte in catasto e corredate di planimetria, sono quelle stabilite con provvedimento del direttore dell Agenzia delle entrate adottato ai sensi dell articolo 14, comma 9, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e successive modificazioni. A dire il vero, si applicano le Regole tecniche contenenti le modalità di interscambio tra l Agenzia delle entrate e i comuni dei dati inerenti la superficie delle unità immobiliari a destinazione ordinaria iscritte nel catasto edilizio urbano, pubblicate nel sito internet dell Agenzia delle entrate. Conseguentemente, nell ambito della cooperazione tra i comuni e l Agenzia delle entrate per la revisione del catasto, vengono attivate le procedure per l allineamento tra i dati catastali relativi alle unità immobiliari a destinazione ordinaria e i dati riguardanti la toponomastica e la numerazione civica interna ed esterna di ciascun comune, al fine di addivenire alla determinazione della superficie assoggettabile alla TARI pari all 80 per cento di quella catastale determinata secondo i criteri stabiliti dal regolamento di cui al decreto del Presidente della 11

13 Repubblica n. 138 del I Comuni comunicano ai contribuenti le nuove superfici imponibili adottando le più idonee forme di comunicazione e nel rispetto dell articolo 6 della legge 27 luglio 2000, n Adempimenti dei Comuni Relativamente agli immobili già denunciati presso il catasto edilizio saranno i Comuni ad eseguire l adeguamento della superficie che è stata dichiarata; di tale incombenza daranno una comunicazione al contribuente. La procedura di adeguamento è effettuata attraverso un confronto tra i dati risultanti nella base dati dei comuni con quelli presenti presso l Agenzia del territorio. Dal punto di vista operativo la procedura si articola in diverse fasi: 1) l Agenzia rende noto ai Comuni i dati relativi sia alle superfici degli immobili sia a quelli privi di planimetria o con superficie non calcolabile; 2) i Comuni incrociano tali dati con quelli a loro disposizione e invitano i contribuenti a presentare le planimetrie mancanti; 3) il cittadino presenta le planimetrie mancanti presso l Agenzia del territorio mediante la procedura DOC-FA; 4) una volta ricevute le planimetrie l Agenzia del territorio aggiorna i dati e invia gli elenchi ai Comuni; 5) i Comuni provvedono all aggiornamento delle proprie banche dati. Si precisa che nella superficie da assoggettare alla TARI non è compresa la parte idonea a produrre i rifiuti speciali, ma a condizione che il produttore di tali rifiuti dimostri di aver provveduto a porre in essere una idonea gestione degli stessi. V è però da dire, che fino a quando non vi sarà l aggiornamento dei dati catastali, ai fini della TARI, per gli immobili a destinazione ordinaria sarà soggetta la superficie calpestabile dei locali e delle aree suscettibili di produrre rifiuti urbani e assimilati. Pertanto sono considerate valide le superfici già dichiarate o accertate ai fini dei precedenti prelievi sui rifiuti. Resta inteso che relativamente all attività di accertamento, il Comune, per le unità immobiliari iscritte o iscrivibili nel catasto edilizio urbano, può considerare come superficie assoggettabile alla TARI quella pari all 80 per cento della superficie catastale determinata secondo i criteri stabiliti dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n Immobili delle altre categorie Il criterio della superficie catastale non trova applicazione nei riguardi degli immobili a destinazione speciale o particolare appartenenti alle categorie catastali D, ed E, nonché delle aree scoperte. In tal caso, la base imponibile soggetta al tributo è data dalla superficie calpestabile, determinata dalla sommatoria dei singoli vani. Nel calcolo della 12

14 superficie calpestabile sono inclusi gli spessori delle zoccolature, le superfici delle sottofinestre (sgusci), le superfici occupate in pianta dai mobili, dagli armadi a muro e dagli altri elementi incassati, le superfici di passaggio relative a porte e/o varchi, lo spazio interno di circolazione orizzontale (corridoi, disimpegni, e analoghi) e verticale (scale, ascensori, impianti di sollevamento, e analoghi, la centrale termica, i locali impianti interni o contigui all edificio, i condotti verticali dell aria ed elementi analoghi. Non sono inclusi lo spessore dei muri sia perimetrali che interni, il porticato ricavato all interno della proiezione dell edificio o contiguo, lo spessore delle pareti divisorie, lo spazio occupato dalle colonne e dai pilastri. BASE IMPONIBILE AI FINI TARI IMMOBILI A DESTINAZIONE ORDINARIA SUPERFICIE CALPESTABILE TUTTAVIA IL COMUNE PUÒ CONSIDERARE UNA SUPERFICIE PARI ALL 80 PER CENTO DI QUELLA CATASTALE IMMOBILI DELLE ALTRE CATEGORIE SUPERFICIE CALPESTABILE Si definiscono immobili a destinazione ordinaria quelli appartenenti alle seguenti categorie Immobili gruppo A A/1 Abitazioni di tipo signorile A/2 Abitazioni di tipo civile A/3 Abitazioni di tipo economico A/4 Abitazioni di carattere popolare A/5 Abitazioni di carattere ultrapopolare A/6 Fabbricati rurali A/7 Abitazioni in villini A/8 Abitazioni in ville A/9 Castelli e palazzi A/10 Uffici e studi privati A/11 Abitazioni tipiche dei luoghi Immobili gruppo B B/1 Collegi e convitti B/2 Case di cura ed ospedali B/3 Prigioni e riformatori B/4 Uffici pubblici B/5 Scuole e laboratori B/6 Biblioteche, pinacoteche, musei B/7 Oratori e cappelle nei quali non viene esercitato il culto B/8 Magazzini sotterranei 13

15 Immobili gruppo C C/1 Negozi e botteghe C/2 Magazzini, cantine ecc. accatastate autonomamente dall abitazione principale C/3 Laboratori C/4 Palestre C/5 Stabilimenti balneari C/6 Stalle C/7 Tettoie, posti auto su aree private, coperti Immobili gruppo D D/1 Opifici D/2 Alberghi e pensioni D/3 Teatri, cinema, arene, parchi D/4 Case di cura ed ospedali D/5 Banche, assicurazioni D/6 Fabbricati, aree attrezzate per l esercizio di attività sportive D/7 Fabbricati a destinazione industriale D/8 Fabbricati a destinazione commerciale D/9 Edifici galleggianti D/10 Residence D/11 Scuole e laboratori scientifici privati D/12 Posti barca Immobili gruppo E E/1 Stazioni per servizi di trasporto E/2 Ponti comunali e provinciali sottoposti a pedaggi E/3 Costruzioni per specifiche esigenze pubbliche E/4 Recinti chiusi per fiere, mercati E/5 Fortezze E/6 Fari, semafori, torri per orologi E/7 Fabbricati destinati all esercizio pubblico dei culti E/8 Cimiteri E/9 Fabbricati a destinazione particolare non compresi nelle categorie indicate 4. La tariffa Anche per la TARI, come del resto era stato previsto per la TARES, trova applicazione il meccanismo della tariffa. Il Comune, nella commisurazione della tariffa, applica i criteri previsti dal d.p.r. 27 aprile 1999, n. 158 (5) o in alternativa quelli basati sulla quantità e qualità media dei rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia delle attività svolte nonché al costo del servizio sui rifiuti. Va detto, al riguardo, che le tariffe per ogni categoria o sottocategoria omogenea sono determinate dal Comune moltiplicando il costo del servizio per unità di superficie imponibile accertata, previsto per l anno successivo, per uno o più coefficienti di produttività quantitativa e qualitativa di rifiuti. 14

16 Su tale punto il legislatore è molto chiaro in quanto spiega che i criteri di commisurazione della tariffa in base alla quantità e qualità dei rifiuti medi prodotti o ai coefficienti di produttività sono alternativi a quelli previsti dal d.p.r. n. 158/1999, restando sempre valido il principio di «chi inquina paga». Sostanzialmente si possono applicare gli stessi criteri definiti dall articolo 5 del d.l. 102/2013 (6). A partire dal 2016, nella determinazione dei costi d investimento e di esercizio, il comune deve avvalersi anche delle risultanze dei fabbisogni standard. In ogni caso, deve essere assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio, ricomprendendo anche i costi di cui all articolo 15 del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, ad esclusione dei costi relativi ai rifiuti speciali al cui smaltimento provvedono a proprie spese i relativi produttori comprovandone l avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente. La tariffa è formata da una quota fissa finalizzata alla copertura dei costi fissi del servizio di gestione dei rifiuti e in particolare dei costi degli investimenti e degli ammortamenti e da una quota variabile rapportata alle quantità dei rifiuti conferiti, al servizio fornito e all entità dei costi di gestione in modo tale che sia assicurata la copertura totale dei costi di esercizio e dei costi d investimento Aspetti tecnici di determinazione della tariffa Analizziamo adesso le norme applicabili in materia di determinazione tecnica della tariffa. Prendiamo in esame le disposizioni previste dal decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158 che detta le norme di carattere tecnico necessarie per la determinazione della tariffa. Il fine principale della tariffa è costituito dalla copertura integrale di tutti i costi di gestione del servizio così come sono specificati nel regolamento per l applicazione del metodo normalizzato di cui al d.p.r. n. 158/1999. I costi devono includere tutte le fasi del ciclo di gestione dei rifiuti urbani, vale a dire quelli della raccolta, del trasporto e dello smaltimento degli stessi, e quelli relativi al controllo degli impianti di smaltimento. A tal proposito giova segnalare al lettore l allegato 1 al d.p.r. n. 158/1999 che riporta la formula di calcolo della tariffa di riferimento, vale a dire di quella tariffa base della quale gli enti locali devono tenere conto nella determinazione della tariffa da applicare. 15

17 Tale formula è data da: Tn = (CG + CC) n - 1 (1 + IPn - Xn) + CKn dove: Tn è pari al totale delle entrate tariffarie di riferimento; CG n-1 corrisponde al totale dei costi di gestione del servizio riferite all anno precedente; CC n-1 corrisponde al totale dei costi comuni imputabili alle attività dei rifiuti dell anno precedente; IPn si riferisce all inflazione programmata dell anno di riferimento; Xn si riferisce al recupero della produttività dell anno di riferimento; Ckn si riferisce ai costi d uso del capitale per l anno di riferimento. La tariffa si articola in due fasce e precisamente: utenza domestica; utenza non domestica. L utenza domestica è relativa ai locali e ai luoghi ad uso di civile abitazione mentre quella non domestica alle attività commerciali, professionali, alle comunità e a tutte le attività produttive in genere. L ente locale suddivide tra queste due tipologie di utenze tutti i costi di gestione del servizio da coprire con la tariffa. Quest ultima è determinata annualmente con delibera della Giunta comunale. Utenza domestica Utenza non domestica Locali e luoghi ad uso di civile abitazione Locali adibiti ad uso diverso quali all esercizio di attività commerciali, professionali, attività produttive in genere Analizziamo, come, rispettivamente si determina la tariffa per le utenze domestiche e quelle non domestiche. Utenze domestiche Determinato l importo complessivo dovuto a titolo di parte fissa dalla categoria delle utenze domestiche, la quota fissa da attribuire alla singola utenza domestica viene determinata 16

18 secondo quanto prescritto dal punto 4.1 dell Allegato in modo da privilegiare i nuclei familiari più numerosi e le minori dimensioni dei locali. Diversamente la parte variabile della tariffa è rapportata alla quantità di rifiuti indifferenziati e differenziati, specificata per kg, prodotta da ciascuna utenza. Tuttavia si precisa che gli enti locali che non abbiano validamente sperimentato tecniche di calibratura individuale degli apporti possono applicare un sistema presuntivo, prendendo a riferimento la produzione media comunale procapite, desumibile da tabelle che saranno predisposte annualmente sulla base dei dati elaborati dalla Sezione nazionale del Catasto dei rifiuti. La quota variabile della tariffa relativa alla singola utenza è determinata dal prodotto della quota unitaria per un coefficiente di adattamento (Kb) per il costo unitario ( /kg). Supponiamo di voler determinare la quota IUC relativa alla TARI per un utenza domestica di mq 70 ubicata in un comune con un numero di abitanti superiore a Immaginiamo che il nucleo familiare sia composto da 4 soggetti e che la tariffa fissa per unità di superficie sia di euro 6. Per la parte variabile il costo unitario è di euro 3 al Kg. S ipotizza che i Kg di rifiuti prodotti siano 40. Si procede in tal senso: s individuano le rispettive tabelle dell allegato 1 al d.p.r. n. 158/1999 concernenti la quota fissa e la quota variabile che qui si riportano: Tabella 1 Comuni con popolazione > abitanti Numero componenti del nucleo Ka Coefficiente di adattamento per superficie per numero di componenti del nucleo familiare familiare Nord Centro Sud 1 0,80 0,86 0,81 2 0,94 0,94 0,94 3 1,05 1,02 1,02 4 1,14 1,10 1,09 5 1,23 1,17 1,10 6 o più 1,30 1,23 1,06 Tabella 2 Comuni Numero componenti del nucleo Kb Coefficiente proporzionale di produttività per numero di componenti del nucleo familiare familiare Minimo Massimo Medio 1 0,6 1 0,8 2 1,4 1,8 1,6 3 1,8 2, ,2 3 2,6 17

19 Comuni Numero componenti del nucleo Kb Coefficiente proporzionale di produttività per numero di componenti del nucleo familiare familiare Minimo Massimo Medio 5 2,9 3,6 3,2 6 o più 3,4 4,1 3,7 A questo punto per determinare la quota fissa si esegue la seguente operazione: Superficie x tariffa al metro quadro x coefficiente adattamento= mq 70 x 6 x 1,14= euro 479 Invece per calcolare la parte variabile bisogna moltiplicare la quota unitaria per il coefficiente di adattamento e per il costo unitario per ogni kg. La TARI rifiuti è pari ad: Utenze non domestiche euro 3 x 2,2 x 40= euro 264 euro = 743 Relativamente alle comunità, alle attività commerciali, industriali, professionali e per le attività produttive in genere, la parte fissa della tariffa è attribuita alla singola utenza sulla base di un coefficiente relativo alla potenziale produzione di rifiuti connessa alla tipologia di attività per unità di superficie assoggettabile a tariffa e determinato dal comune. Per l attribuzione della parte variabile della tariffa gli enti locali organizzano e strutturano sistemi di misurazione delle quantità di rifiuti effettivamente conferiti dalle singole utenze Le riduzioni La novità contenuta nella legge di stabilità 2014 o per meglio dire nella legge , n. 147 è quella che consente ai Comuni, con apposito regolamento comunale, di prevedere delle riduzioni tariffarie o addirittura delle fattispecie di esonero nei casi indicati nella sottonotata tabella: 18

20 Abitazioni con un unico occupante; Abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale; Abitazioni tenute a disposizione ad altro uso limitato e discontinuo; Riduzioni ed esoneri Locali diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente; Abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per più di sei mesi all anno, all estero; Fabbricati rurali ad uso abitativo. Inoltre, il Comune può deliberare, con regolamento di cui all articolo 52 del citato decreto legislativo n. 446 del 1997, ulteriori riduzioni ed esenzioni rispetto a quelle sopra citate. La relativa copertura può essere disposta attraverso apposite autorizzazioni di spesa che non possono eccedere il limite del 7 per cento del costo complessivo del servizio. In questo caso, la copertura deve essere assicurata attraverso il ricorso a risorse derivanti dalla fiscalità generale del Comune stesso. Con riferimento a tali riduzioni si precisa che la concessione delle stesse rientra nell ambito dei poteri del Comune che può o meno concederle. Il comma 660 dell articolo 1 della legge di stabilità rinvia al potere regolamentare previsto dall articolo 52 del decreto legislativo , n. 446 (7) per quanto riguarda la concessione di ulteriori riduzioni ed esenzioni. In base a quanto contenuto in tale disposizione normativa le Province ed i Comuni hanno il potere di disciplinare con regolamento le proprie entrate, anche tributarie, con l esclusione di quanto attiene alla individuazione e definizione delle fattispecie imponibili, dei soggetti passivi e della aliquota massima dei singoli tributi, nel rispetto delle esigenze di semplificazione degli adempimenti dei contribuenti. La TARI è ridotta nella misura appositamente prevista dai commi 657 e 658 della legge di stabilità 2014 nelle seguenti fattispecie: 19

21 Raccolta differenziata delle utenze domestiche; Zone in cui non è stato attivato il servizio di raccolta; Mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti; Riduzioni obbligatorie Effettuazione del servizio di gestione dei rifiuti in grave violazione della disciplina di riferimento; Interruzione del servizio per motivi sindacali; Interruzione del servizio per imprevedibili impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall autorità sanitaria di danno o pericolo di danno alle persone o all ambiente. Nelle zone in cui non è posto in essere il servizio di raccolta, la TARI è dovuta in misura non superiore al 40 per cento della tariffa da determinare, anche in maniera graduale, in relazione alla distanza dal più vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata o di fatto servita. Diversamente, in caso di mancato svolgimento del servizio o dell effettuazione del medesimo senza rispettare la norma di riferimento o nelle ipotesi di interruzione dello stesso per motivi sindacali o per eventi imprevedibili che abbiano determinato una situazione di pericolo per la salute dei cittadini o per l ambiente esterno, l importo del tributo è stabilito nella misura massima del 20 per cento della tariffa ordinaria. Nella determinazione della tariffa sono inoltre previste delle riduzioni per le utenze domestiche che praticano la raccolta differenziata. Occorre porre l attenzione sul fatto che i Comuni possono estendere le medesime agevolazioni, come vedremo, anche alla TASI. 5. Tariffa giornaliera Per il servizio di gestione dei rifiuti assimilati prodotti da soggetti che occupano temporaneamente, con o senza autorizzazione, aree pubbliche, il Comune prevede nel regolamento l applicazione del tributo in base alla tariffa giornaliera. Va detto, al riguardo, che sono considerate temporanee le occupazioni o la detenzione che si protrae per periodi inferiori a 183 giorni nel corso dello stesso anno solare. La tariffa giornaliera è determinata in base alla tariffa annuale del tributo, rapportata ai giorni di occupazione e maggiorata di un importo percentuale non superiore al 100 per cento. 20

22 I soggetti che occupano temporaneamente tali aree assolvono all obbligo di presentazione della dichiarazione attraverso il pagamento del tributo che dovrà essere effettuato secondo le modalità e i termini previsti ai fini della TOSAP o dell imposta municipale secondaria introdotta dall articolo 11 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, che sarà a regime dal 2015 e sostituirà la TOSAP, COSAP l imposta comunale sulla pubblicità e i diritti comunali sulle pubbliche affissioni, il canone per l autorizzazione all installazione di mezzi pubblicitari. Nel caso specifico il pagamento della TARI dovrà essere eseguito anteriormente al rilascio dell autorizzazione ed entro l intervallo temporale in cui l area è occupata. 6. Tributo provinciale Il comma 666 dispone che nonostante vi sia l introduzione della TARI si continuerà a pagare il tributo provinciale per l esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene dell ambiente. Tale tributo regolato dall articolo 19 del decreto legislativo n. 504/1992 consiste nell applicazione di una percentuale alla tassa sui rifiuti, percentuale che è deliberata dalla Provincia alla quale spetta anche il gettito. 7. La TARI corrispettivo Esaminiamo quanto contenuto nel comma 668 della legge di stabilità I Comuni che hanno realizzato sistemi di misurazione puntuale della quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico, possono in alternativa alla TARI come entrata tributaria, adottare una tariffa avente la natura di corrispettivo. Occorre rilevare al lettore, che essendo un corrispettivo, la tariffa sarà soggetta ad IVA e che in tal caso la stessa sarà applicata e riscossa dal soggetto gestore del servizio pubblico. Il costo del servizio può essere determinato secondo i criteri previsti dal d.p.r. n. 158/1999. Leggendo il comma 668 non si comprende cosa il legislatore intenda con il termine sistema di misurazione puntuale dei rifiuti conferiti. E per questo motivo per capire tale significato bisogna rinviare al d.p.r. citato che definisce le regole di carattere tecnico. Tuttavia, il presupposto da cui non si può prescindere per sostituire una entrata di natura tributaria con un corrispettivo è che vi sia una corrispondenza diretta tra l importo del tributo ed il servizio concesso. La tariffa corrispettiva è applicata e riscossa dal soggetto affidatario del servizio di gestione dei rifiuti urbani. 21

23 8. La TASI Tuttavia, la parte di IUC di nuova innovazione è costituita dalla TASI che grava sui servizi indivisibili che i Comuni offrono a tutti i contribuenti. Sostanzialmente, tale tributo serve a finanziare i servizi indivisibili dell illuminazione pubblica e della manutenzione delle aree a verde e della sicurezza (8). È necessario che i Comuni, nel regolamento, indichino in modo dettagliato i servizi che sono finanziati con tale tributo ed il relativo costo. Il presupposto impositivo della TASI è individuato nel possesso o nella detenzione, a qualsiasi titolo di fabbricati includendovi anche l abitazione principale, o aree scoperte, a qualsiasi uso adibite suscettibili di produrre rifiuti, aree edificabili adibiti a qualsiasi uso. La TASI, non trova applicazione: Aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali imponibili Casi di non applicabilità Aree non operative Aree comuni condominiali di cui all articolo 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva In caso di pluralità di possessori o di detentori, essi sono tenuti in solido all adempimento dell unica obbligazione tributaria. In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a sei mesi nel corso dello stesso anno solare, la TASI è dovuta soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e superficie. Nel caso di locali in multiproprietà e di centri commerciali integrati il soggetto che gestisce i servizi comuni è responsabile del versamento della TASI dovuta per i locali e le aree scoperte di uso comune e per i locali e le aree scoperte in uso esclusivo ai singoli possessori o detentori, fermi restando nei confronti di questi ultimi gli altri obblighi o diritti derivanti dal rapporto tributario riguardante i locali e le aree in uso esclusivo. Nell ipotesi di un contratto di locazione finanziaria la TASI grava sul locatario a decorrere dalla data in cui è stipulato il relativo contratto e per tutta la durata dello stesso. 22

24 Considerato che tale tributo grava su tutti i servizi indivisibili messi a disposizione dai Comuni a favore dei cittadini saranno assoggettati alla TASI sia i proprietari che gli inquilini e precisamente: TASI IMMOBILE DATO IN AFFITO INQUILINO VERSA UNA QUOTA COMPRESA TRA IL 10 ED IL 30 PER CENTO DELLA TASI PROPRIETARIO DI IMMOBILE VERSA LA RESTANTE PARTE IMMOBILE CHE COSTITUISCE PRIMA CASA TASI DOVUTA AL PROPRIETARIO 8.1. Come si determina la base imponibile La base imponibile ai fini della TASI è costituita da quella prevista per l IMU e precisamente è data dalla rendita catastale, rivalutata del 5% moltiplicata per specifici coefficienti (9). L articolo 13 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 ha previsto che per i fabbricati differenti da quelli posseduti dalle imprese, il valore è determinato applicando alla rendita risultante dal catasto, rivalutata del 5 per cento i seguenti moltiplicatori: Categoria catastale Moltiplicatori A-C/2-C/6-C/7 160 A/10 80 B 140 C/3-C/4-C/5 140 D ad eccezione di D/5 60 D/5 80 C/1 55 L aliquota base è fissata nella misura dell 1 per mille; il Comune ha la possibilità, con proprio regolamento, di azzerrarla o di aumentarla, sempre rispettando il principio che cumulativamente 23

25 la IUC costituita dalle due componenti IMU e TASI, non può in alcun modo superare il 10,6 per mille. Occorre segnalare, che per quanto riguarda il 2014, tale aliquota non può eccedere il 2,5 per mille. Relativamente ai fabbricati rurali adibiti ad uso strumentale l aliquota della TASI non può superare l 1 per mille. Sotto il profilo della TASi il Comune può inserire, mediante regolamento, le riduzioni e le esenzioni già previste per la TARI in caso di abitazioni con unico occupante; abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo; locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente; abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per più di sei mesi all anno, all estero; fabbricati rurali ad uso abitativo; superfici eccedenti il normale rapporto tra produzione di rifiuti e superficie stessa. 9. Il regolamento comunale La disciplina specifica di tutto ciò che riguarda la nuova imposta comunale è affidata ai Comuni i quali con regolamento devono determinare: I CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE LA CLASSIFICAZIONE DELLE CATEGORIE DI ATTIVITÀ CON OMOGENEA POTENZIALITÀ DI PRODUZIONE DEI RIFIUTI REGOLAMENTO COMUNALE IUC CON RIFERIMENTO ALLA TARI RIDUZIONI TARIFFARIE ESENZIONI INDIVIDUARE CATEGORIE DI ATTIVITÀ PRODUTTIVE DI RIFIUTI SPECIALI, ALLE QUALI APPLICARE PERCENTUALI DI RIDUZIONE RISPETTO ALL INTERA SUPERFICIE Invece con riferimento alla TASI il regolamento deve prevedere: 24

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMUNE DI MONTORIO NEI FRENTANI

COMUNE DI MONTORIO NEI FRENTANI Approvato con delibera consiliare n. 11 del 03.09.2014 COMUNE DI MONTORIO NEI FRENTANI Provincia di Campobasso Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) 1 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

COMUNE DI GRANDOLA ED UNITI

COMUNE DI GRANDOLA ED UNITI COMUNE DI GRANDOLA ED UNITI (Provincia di COMO) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 28.05.2014 SOMMARIO CAPO I L IMPOSTA

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 53 del 22/7/2014 1 Sommario Sommario... 2 CAPO I - IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI PRADAMANO (Provincia di UDINE) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 47 Del 27/11/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) 1 CAPO I L IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI

COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DI LUCCA AREA ECONOMICA UFFICIO TRIBUTI Regolamento per l applicazione della Tassa sui Rifiuti (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC)

Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) Allegato B) alla deliberazione C.C. n. 39 del 11/07/2014 COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Provincia di Venezia Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale (IUC) Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO Provincia di Pesaro Urbino

COMUNE DI MONTE PORZIO Provincia di Pesaro Urbino COMUNE DI MONTE PORZIO Provincia di Pesaro Urbino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. - Imposta Unica Comunale (IUC) PREMESSA L imposta Unica Comunale, di seguito denominata

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI VILLANUOVA SUL CLISI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

COMUNE DI VILLANUOVA SUL CLISI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI VILLANUOVA SUL CLISI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 2 del 15 marzo 2014) TITOLO I DISCIPLINA

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI

C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI C O M U N E D I GRAVEDONA ED UNITI Provincia di COMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. Approvato con Deliberazione Consiliare n. 11 del 07.08.2014 1 INDICE GENERALE - CAPITOLO

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI ALEZIO (Provincia di Lecce) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 6/5/2014 REGOLAMENTO DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) 1 INDICE CAPO I: DISCIPLINA GENERALE IUC CAPO II: REGOLAMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

COMUNE di PARMA TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE di PARMA TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI ALL. 1 COMUNE di PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) Approvato con delibera di C.C. n. 84 del 08 84 08 / 10 /2013/ INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI COMUNE DI MENFI Provincia di Agrigento REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 7 DEL 29/03/99 - MODIFICATO CON DELIBERA

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO.

Deliberazione n. 38. Partecipa alla seduta il sottoscritto Vice Segretario Generale, dott. Luigi MAGGIO. Protocollo RC n. 7994/14 Deliberazione n. 38 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2014 VERBALE N. 50 Seduta Pubblica del 23 luglio 2014 Presidenza: CORATTI - MARINO L

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Comune di Castel Maggiore. Provincia di Bologna. Regolamento per la disciplina della Tassa sui rifiuti - TARI

Comune di Castel Maggiore. Provincia di Bologna. Regolamento per la disciplina della Tassa sui rifiuti - TARI Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Regolamento per la disciplina della Tassa sui rifiuti - TARI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 13 del 8/04/2014-1 - Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Pervengono alla Scrivente numerosi quesiti nei quali si segnala che diversi comuni

Pervengono alla Scrivente numerosi quesiti nei quali si segnala che diversi comuni RISOLUZIONE N. 3/DF DIPARTIMENTO DELLE FINANZE DIREZIONE LEGISLAZIONE TRIBUTARIA E FEDERALISMO FISCALE PROT. Roma, 25 marzo 2015 OGGETTO: Tributo per i servizi indivisibili (TASI). Modello di dichiarazione.

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Comune di... (Provincia di...) Regolamento per l applicazione della tariffa per la gestione dei rifiuti solidi urbani e assimilati

Comune di... (Provincia di...) Regolamento per l applicazione della tariffa per la gestione dei rifiuti solidi urbani e assimilati Comune di... (Provincia di...) Regolamento per l applicazione della tariffa per la gestione dei rifiuti solidi urbani e assimilati 1 INDICE INDICE...2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI...5 Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli