Linee guida per la presentazione della rendicontazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per la presentazione della rendicontazione"

Transcript

1 contributi a sostegno di progetti di imprenditoria femminile LR 11/2011 art. 2, commi 85 e 86 Servizio sostegno e promozione comparto produttivo industriale versione 01/2013 Linee guida per la presentazione della rendicontazione Regolamento approvato con DPReg 312/11

2 Sommario sommario 1. premessa 3 2. compilazione della rendicontazione struttura della rendicontazione suggerimenti per la compilazione modulo di rendicontazione allegato 1 relazione illustrativa del progetto (file word) allegato 2 dettaglio delle spese (file excel) allegato 4 dichiarazioni e impegni e altri allegati titoli di spesa e quietanze regolarità delle spese invio della rendicontazione adempimenti successivi alla conclusione del progetto controlli assistenza tecnica 16 2

3 Premessa 1. premessa Il presente manuale contiene: istruzioni tecniche per la presentazione delle rendicontazioni relative ai progetti di imprenditoria femminile finanziati a valere sul regolamento emanato con DPReg 312 del 23/12/2011, di seguito denominato regolamento; linee guida per la redazione della rendicontazione in assolvimento all obbligo di comunicazione previsto dal regolamento, in particolare all articolo 15 (presentazione delle rendicontazione). Il presente manuale ha funzione di orientamento alla compilazione della rendicontazione. In caso di difformità con la normativa di riferimento, prevale quanto disposto da quest ultima. 3

4 Compilazione della rendicontazione 2. compilazione della rendicontazione 2.1 struttura della rendicontazione La rendicontazione viene presentata in un unica soluzione a conclusione del progetto di imprenditoria femminile. Di seguito i documenti che compongono la rendicontazione, da compilarsi su file o da reperire in copia cartacea Modulo di rendicontazione che riporta la sintesi dei dati richiedente e progetto. Ne fanno parte le seguenti sezioni: sez. A: riepilogo sintetico dei costi sostenuti; sez. B: modalità di pagamento del contributo; Allegato 1 Relazione illustrativa dell attività svolta Allegato 2 Dettaglio spese Allegato 4 Dichiarazioni requisiti ammissibilità, effettivo sostenimento dei costi e impegno al rispetto degli obblighi Allegato 3 Documentazione spese sostenute (copia dichiarata conforme delle fatture, copia quietanze, ecc.) Allegato 5 Fotocopia del documento di identità del firmatario Allegato 6 Copia della procura inerente i poteri di rappresentanza del firmatario (se non evidenziati nella visura camerale) Allegato 7 Documentazione attestante la regolare esecuzione delle opere (da allegare soltanto se sono state finanziate opere edili o di impiantistica generale di cui all articolo 8, co. 2, lett. c), n. 1) del regolamento) Allegato 8 Documentazione attestante la proprietà dell immobile oggetto delle opere di cui al punto precedente o il possesso dello stesso fino al termine di scadenza del vincolo di destinazione (da allegare soltanto se sono state finanziate, nell ambito di un programma di industrializzazione, opere edili o di impiantistica generale di cui all articolo 8, co. 2, lett. c), n. 1) del regolamento) Allegato 9 Eventuali ulteriori allegati file word da compilare e stampare file word/excel da compilare e stampare cartaceo 2.2 suggerimenti per la compilazione Per agevolare la preparazione della rendicontazione, si suggerisce di seguire i seguenti passaggi: a) scaricare dal sito web (www.regione.fvg.it > economia imprese > imprenditoria femminile > sezione Modulistica) tutto il materiale e prenderne visione (fac-simile del modello di rendicontazione e allegati); b) compilare i file word (modello di rendicontazione, all. 1 Relazione progetto) ed excel (all. 2 Dettaglio spese) e stamparli; c) completare le dichiarazioni contenute nel file word relativo all all. 4 per tutte le iniziative e stamparle; d) reperire la documentazione da allegare alla rendicontazione (fotocopia documento identità del firmatario, eventuali procure, copia delle fatture annullate in originale, copie quietanze, ecc.); e) stampare il modello di rendicontazione completato e verificarne la completezza e la coerenza dei dati inseriti; f) sottoscriverlo unitamente agli allegati ed inoltrare tutta la documentazione attraverso i canali tradizionali ovvero attraverso PEC; g) mantenere copia della documentazione inviata all Amministrazione regionale raccogliendola in un unico fascicolo di progetto, al fine di agevolare gli eventuali successivi controlli. Si consiglia di scaricare e prendere visione del fac-simile del modello di rendicontazione disponibile sul sito dalla pagina Economia e imprese: Industria > progetti di imprenditoria femminile > modulistica 4

5 Compilazione della rendicontazione 2.3 modulo di rendicontazione dati societari Non è questa la sede per comunicare variazioni dei dati aziendali (denominazione, forma giuridica, sede legale, unità locale, ecc.) rispetto a quanto agli atti degli uffici regionali. Eventuali variazioni in merito devono essere comunicate con nota specifica. SEZIONE A RIEPILOGO SINTETICO DEI COSTI SOSTENUTI Compilare preventivamente il Dettaglio delle spese sul file excel che costituisce l allegato 2 alla rendicontazione. Riportare quindi in questa sezione i totali ricavati dal file excel. SEZIONE B MODALITA DI PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO Il conto corrente su cui versare il contributo deve essere intestato all impresa. Soltanto nel caso di impresa individuale può essere intestato al titolare della stessa. 2.4 allegato 1 relazione illustrativa del progetto (file word) attività svolta La relazione deve illustrare l attività svolta, analizzandone i diversi aspetti elencati nel modello. variazioni rispetto al programma preventivato Qualsiasi variazione di spesa rispetto al progetto oggetto della concessione del contributo deve essere espressamente motivata. Nel caso siano state realizzate attività diverse rispetto a quelle previste dal progetto oggetto della concessione, dovrà essere presentata una sintetica descrizione delle motivazioni al fine della valutazione della loro ammissibilità ai sensi dell articolo 16, comma 14. registro di utilizzo degli automezzi Nel caso di spese sostenute per l acquisto di automezzi ai sensi dell articolo 8, comma 2, lett. a), n. 6) del regolamento, al fine di documentare la strumentalità del bene rispetto all attività dell impresa, deve essere compilato il registro di utilizzo degli automezzi, secondo lo schema fornito. Tale registro deve essere compilato anche successivamente alla presentazione della rendicontazione, sino al termine del vincolo di destinazione previsto dall articolo 20, comma 1, del regolamento (due anni successivi alla presentazione della rendicontazione). 5

6 Compilazione della rendicontazione 2.5 allegato 2 dettaglio delle spese (file excel) Le spese devono essere illustrate e dettagliate nel file excel, scaricabile dal sito web. Il dettaglio va presentato per tutti i progetti. Il file contiene macro, pertanto, sia in fase di download dal sito al proprio p.c., sia in fase di apertura del file stesso, è necessario confermare l abilitazione/attivazione di macro ai messaggi visualizzati da excel. Per excel 2003 la protezione deve essere impostata ad un livello non oltre il medio. La compilazione inizia dalla scheda di Riepilogo, con l inserimento delle date di inizio/fine progetto. Le celle colorate del file contengono formule e non sono scrivibili. Le righe si possono allargare, per migliorare la visualizzazione della descrizione dei fornitori o dei beni/servizi. La barretta di strumenti specifica per l applicativo viene visualizzata ad ogni apertura del file e consente le operazioni sottoillustrate: In Excel 2003, la barretta compare al centro della pagina. In Excel 2007, la barretta compare nel riquadro in alto a sx, se selezionata la scheda Componenti aggiuntivi (che si apre automaticamente se non vengono inibite le macro in fase di download o apertura) immagine n.1 Excel 2007 Excel

7 Compilazione della rendicontazione immagine n.2 inserimento e cancellazione di una riga nell elenco (NB non è consentito inserire colonne) anteprima del documento completo (tutti i fogli); dalla visualizzazione si può procedere alla stampa ottenendo un unica progressiva numerazione delle pagine Il file contiene una scheda per ciascuna categoria di spesa (una scheda per spese per investimenti, una scheda per spese di costituzione e una scheda per spese di primo impianto) Per ciascuna categoria di spesa va specificata l attribuzione alla voce di spesa specifica: Ad es. la categoria investimenti, comprende le seguenti voci di spesa: impianti specifici; arredi; macchinari, strumenti ed attrezzature; beni immateriali; hardware; automezzi; sistemi di sicurezza; pubblicità e attività promozionali. Scheda Riepilogo La compilazione va iniziata da questa scheda inserendo nelle celle a fondo bianco: - - le date di inizio/fine progetto. Scheda Investimenti, Costituzione e Primo impianto Le schede sono suddivise in 3 sezioni: - estremi del fornitore e descrizione del bene/servizio - fattura - pagamento Ogni fattura è contraddistinta da un proprio numero e data che vanno riportati nelle apposite celle unitamente al valore totale della fattura comprensivo di iva. I giustificativi che comprovano il pagamento invece vanno numerati manualmente apponendo in alto a destra di ciascun giustificativo la numerazione assegnata nel file excel (colonna nr nella sezione pagamento - es. 1, 2, ecc) Ciascun giustificativo va presentato allegato alla copia della fattura a cui è riferito; se costituito da più pagine, va sempre prodotta anche la prima pagina con i dati di intestazione. I Tipi pagamento ammessi dal regolamento sono riepilogati nella tabella sottoriportata. NON SONO AMMESSI PAGAMENTI IN COMPENSAZIONE Limite Tipo pagamento Giustificativi di pagamento alternativi bonifico bancario contabile bancaria copia ricevuta ricevuta bancaria oltre 500 versamento su c/c postale [da intendersi come bonifico postale] contabile postale assegno bancario copia assegno bonifico bancario contabile bancaria ricevuta bancaria copia ricevuta versamento su c/c postale [da intendersi come bonifico postale] contabile postale inferiore 500 copia assegno assegno bancario estratto contabile fattura quietanzata contanti e assimilati (carta credito, bollettino postale bancomat) dichiarazione fornitore idonea documentazione 7

8 Compilazione della rendicontazione Nel caso di pagamento di ritenute di acconto tramite F24, presentare copia del relativo modello F24. Indipendentemente dalla modalità di pagamento prescelta, prima di presentare la rendicontazione i beneficiari devono effettuare tutti i pagamenti relativi alle spese rendicontate Nel caso che ad una fattura corrispondano più pagamenti, i dati della fattura vanno indicati una sola volta su una riga, mentre sulla corrispondente riga e su quelle immediatamente successive vanno indicati i dati dei pagamenti. La Data effettivo pagamento è la data in cui il fornitore riceve il corrispettivo. Ove possibile, è da identificarsi nella valuta dell operazione. Nella colonna imputabile al progetto va indicato il valore del (o dei) bene/servizio limitatamente alla parte riferita al progetto, al netto dell IVA. STAMPA DEL DOCUMENTO. Una volta completato l inserimento dei dati, selezionare, dalla specifica barretta degli strumenti, l opzione che attiva l anteprima del documento completo e assegna un unica numerazione di pagina a tutti i fogli, e procedere da qui alla stampa. 2.6 allegato 4 dichiarazioni e impegni e altri allegati Le dichiarazioni attestano la presenza dei requisiti necessari ai fini della liquidazione del contributo e pertanto devono essere obbligatoriamente sottoscritte. Nell allegato 4 sono presenti: - dichiarazioni già selezionate riguardanti requisiti generali di cui è richiesta sempre la sottoscrizione - dichiarazioni che vanno selezionate in relazione alla situazione specifica dell azienda dichiarante e al progetto; Le dichiarazioni sostitutive di certificazioni e di atto notorio false sono penalmente perseguibili. allegato 4 Dichiarazioni attestanti il mantenimento dei requisiti soggettivi nonché l impegno al rispetto degli obblighi previsti dal regolamento sempre obbligatoria In particolare si evidenziano le seguenti dichiarazioni: Dichiarazione in merito a condizioni di ammissibilità dell impresa nonché relative ai costi sostenuti ed imputabili al progetto a) dichiarazione che l impresa non si trova in situazione di difficoltà ai sensi della definizione di cui alla Comunicazione della Commissione 2004/C 244/02 e riportata nell allegato A al regolamento; b) dichiarazione attestante che l impresa non è destinataria di sanzioni interdittive; c) attestazioni in merito all effettiva acquisizione dei beni/servizi ed effettivo sostenimento delle spese. I titoli di spesa (fatture o altra documentazione contabile equivalente) devono essere annullati in originale attraverso l apposizione, a cura del beneficiario, del timbro riportante la seguente dicitura: REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Fattura utilizzata per l importo di euro per l erogazione del contributo ai sensi della LR 11/2011 (decreto di concessione n. / ). All Amministrazione regionale dovrà essere presentata copia dei titoli di spesa annullati con tale dicitura e delle relative quietanze di pagamento (per approfondimenti si rinvia al paragrafo 2.7) Obblighi previsti dall articolo 20 (Obblighi del beneficiario e vincolo di destinazione) a) dichiarazione concernente il rispetto degli obblighi previsti in capo al beneficiario e consistenti nel mantenere, nei due anni successivi alla presentazione della rendicontazione: 8

9 Compilazione della rendicontazione - l iscrizione al registro delle imprese; - la sede ovvero l unità produttiva oggetto del finanziamento attiva nel territorio regionale; - non essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria né sottoposti a procedure concorsuali quali in particolare fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo, amministrazione straordinaria; - mantenere il requisito di partecipazione femminile, fatti salvi periodi non superiori a due mesi di perdita eventuale del requisito per circostanze non dipendenti dalla volontà dell impresa e da questa debitamente documentate, come previsto dall articolo 19, co. 2, lett. e) del regolamento; b) dichiarazione concernente il divieto di alienazione (articolo 20, co. 2, lettera a) dei beni materiali ed immateriali finanziati; c) dichiarazione concernente il divieto di cessione/affitto dell azienda o del ramo d azienda relativo al progetto (articolo 20, co. 2, lett. b) e c). opere edili e/ impiantistiche (articolo 20, co. 3) Nel caso di contributo concesso per l adeguamento e la ristrutturazione di beni immobili di cui all articolo 8, co. 2, lett. c), n. 1), il vincolo di destinazione sui beni immobili oggetto di finanziamento è di cinque anni dalla data di presentazione dela rendicontazione allegato 5 Fotocopia del documento di identità in corso di validità del sottoscrittore sempre obbligatoria allegato 6 Copia della procura inerente i poteri di rappresentanza del firmatario (se non evidenziati nella visura camerale) - eventuale da allegare soltanto qualora i poteri di rappresentanza del firmatario non risultano espressamente dalla visura camerale allegato 7 Documentazione attestante la regolare esecuzione delle opere - eventuale da allegare soltanto se sono state finanziate opere edili o di impiantistica generale di cui all articolo 8, co. 2, lett. c), n. 1) del regolamento) allegato 8 Documentazione attestante la proprietà/disponibilità dell immobile oggetto delle opere - eventuale Immobili oggetto di opere edili/impiantistiche (articolo 20, co. 3) Il rispetto dell obbligo di non alienare i beni immobili (cederli o perderne la disponibilità) oggetto di contributo quando finanziate opere edili e/o impiantistiche, in sede di rendicontazione viene accertato richiedendo all impresa documentazione idonea a comprovare la proprietà o il possesso del bene. allegato 9 Eventuali ulteriori documenti - eventuale eventuali ulteriori documenti, non già citati nell elenco degli allegati al modulo di rendicontazione, possono essere acclusi riportandone la descrizione in calce all elenco allegati suddetto, nella box Eventuali ulteriori allegati. impegni Si rimanda al capitolo 5 della presente Guida (Adempimenti successivi alla conclusione del progetto) 9

10 Compilazione della rendicontazione 2.7 titoli di spesa e quietanze La documentazione di spesa da produrre in rendicontazione si compone di: - copia della documentazione di spesa (fatture o altra documentazione contabile equivalente) annullata in originale, attraverso l apposizione, a cura del beneficiario, del timbro riportante la seguente dicitura: REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Fattura utilizzata per l importo di euro per l erogazione del contributo ai sensi della LR 11/2011 (decreto di concessione n. / ). Le fatture devono consentire l identificazione dei costi attribuiti al progetto (ai sensi DPR 633/1972 articolo 21, co. 2, la fattura deve essere datata e numerata in ordine progressivo e deve contenere, tra l altro, natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell operazione.) - copia delle quietanze: ciascuna quietanza va allegata alla fattura a cui si riferisce; in caso di quietanze composte da più pagine (es. estratto conto bancario) si sottolinea la necessità di produrre in ogni caso la prima pagina che riporta l intestazione e gli estremi del c/c; Le modalità di pagamento ammesse sono riepilogate nella seguente griglia. NON SONO AMMESSI PAGAMENTI IN COMPENSAZIONE Limite Tipo pagamento Giustificativi di pagamento alternativi bonifico bancario contabile bancaria copia ricevuta ricevuta bancaria oltre 500 versamento su c/c postale [da intendersi come bonifico postale] contabile postale assegno bancario copia assegno bonifico bancario contabile bancaria ricevuta bancaria copia ricevuta versamento su c/c postale [da intendersi come bonifico postale] contabile postale inferiore 500 copia assegno assegno bancario estratto contabile fattura quietanzata contanti e assimilati (carta credito, bollettino postale bancomat) dichiarazione fornitore idonea documentazione Nel caso di pagamento di ritenute di acconto tramite F24, presentare copia del relativo modello F24. Le condizioni di ammissibilità e le modalità di presentazione della documentazione comprovante le spese sostenute per la realizzazione del progetto sono indicate all articolo 16 del regolamento, di cui si riporta estratto. Articolo 16 modalità di rendicontazione ( ) 6. Il beneficiario prova l avvenuto sostenimento della spesa attraverso la seguente documentazione: a) copia di estratti conto bancari o postali dai quali si evincano i trasferimenti di denaro, anche tramite assegni, effettuati ai fornitori di beni e servizi, per gli importi corrispondenti a quelli indicati nei documenti contabili probatori (fatture e simili); 10

11 Compilazione della rendicontazione b) copia delle ricevute bancarie, dei bonifici e dei versamenti bancari o postali dai quali si evincano i trasferimenti di denaro effettuati ai fornitori di beni e servizi, per gli importi corrispondenti a quelli indicati nei documenti contabili probatori (fatture e simili); c) solo per importi inferiori a 500,00 euro pagati in contanti, dichiarazione liberatoria del fornitore oppure copia della fattura o documentazione contabile equivalente riportante la dicitura pagato con firma, data e timbro della ragione sociale del fornitore apposti sull originale stesso. 7. A ogni giustificativo di spesa deve corrispondere un distinto versamento bancario o postale da cui risulti espressamente l avvenuta esecuzione e la riferibilità del versamento stesso alla specifica fattura o documento probatorio equivalente. In caso di pagamenti cumulativi l impresa presenta documentazione comprovante il pagamento complessivo, allegando a tal fine copia dei giustificativi di spesa cui il pagamento si riferisce, ancorché non riferito al progetto, ed ogni ulteriore documentazione utile in modo da consentire la verifica della riconducibilità al pagamento cumulativo dei documenti di spesa rendicontati. ( ) 11. Entro il termine di rendicontazione i beneficiari devono effettuare tutti i pagamenti relativi alle spese rendicontate, pena l inammissibilità delle spese stesse. 11

12 Regolarità delle spese 3. regolarità delle spese Le spese sono regolari e ammissibili qualora siano rispettate, tra l altro, le seguenti condizioni: le spese rendicontate sono comprovate da documenti validamente emessi e conformi a quanto disposto dalla normativa fiscale e civilistica vigente; tali documenti (fatture, parcelle, contratti, ecc.) sono riconducibili e pertinenti ai costi sostenuti per la realizzazione del progetto finanziato; le spese sono sostenute dopo la presentazione della domanda per iniziative avviate dopo la presentazione della stessa fatto salvo quanto previsto dall articolo 19, comma 2, lett. a) (spese notarili legate all avvio dell attività di cui all articolo 8, comma 2, lett. b), n. 1) del regolamento); vi è una piena corrispondenza tra la contabilità e i documenti giustificativi di spesa; i costi sostenuti sono ammissibili a finanziamento ai sensi di quanto previsto dal regolamento sopra richiamato e sono stati correttamente imputati alle voci di spesa, coerentemente con il progetto approvato dall Amministrazione regionale, nei limiti autorizzati; il pagamento delle spese è stato effettuato integralmente ed è comprovato da regolare documentazione contabile allegata alla rendicontazione; l impresa ha provato l avvenuto sostenimento della spesa attraverso la seguente documentazione bancaria o postale attestante l'esecuzione di bonifici bancari o versamenti su conti correnti postali: a) copia di estratti conto dai quali si evincano i trasferimenti di denaro, anche tramite assegni, effettuati ai fornitori di beni e servizi, per gli importi corrispondenti a quelli indicati nei documenti contabili probatori (fatture e simili); b) copia delle ricevute bancarie o dei bonifici dai quali si evincano i trasferimenti di denaro effettuati ai fornitori di beni e servizi, per gli importi corrispondenti a quelli indicati nei documenti contabili probatori (fatture e simili); ad ogni giustificativo di spesa corrisponde un distinto versamento bancario o postale da cui risulta espressamente l avvenuta esecuzione e la riferibilità del versamento stesso alla specifica fattura o documento probatorio equivalente oppure sono stati effettuati versamenti cumulativi e viene presentata la documentazione comprovante il pagamento complessivo, allegando copia dei giustificativi di spesa cui il pagamento si riferisce, ancorché non riferito al progetto; fatture o documenti equivalenti di spesa di importo pari o superiore a 500,00 euro non sono stati pagati in contanti; nel caso di spese di importo inferiore a 500,00 euro saldati in contanti, è stata prodotta, quale prova dell effettiva effettuazione della spesa e della data di pagamento, copia della fattura quietanzata dal fornitore, riportante la dicitura pagato con firma, data e timbro del fornitore medesimo, ovvero apposita dichiarazione liberatoria del fornitore; le spese sono riferibili temporalmente al periodo stabilito di realizzazione del progetto; dalla documentazione acquisita risulta che i beni acquistati per il progetto sono stati consegnati presso la sede di realizzazione stabilita. 12

13 Invio della rendicontazione 4. invio della rendicontazione Il modulo di rendicontazione debitamente compilato e gli allegati devono essere stampati, sottoscritti, confezionati unitamente all ulteriore documentazione richiesta, imbustati ed inviati attraverso i canali tradizionali (consegna a mano, posta ordinaria o corriere espresso privato, raccomandata, corriere espresso nazionale Postacelere1 plus ) al seguente indirizzo: Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale Attività Produttive Servizio sostegno e promozione comparto produttivo industriale Via Trento Trieste (TS) Nel caso di consegna a mano, le buste devono essere consegnate a partire dal 15 febbraio 2012 a: Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, Direzione centrale Attività Produttive, Ufficio Protocollo I piano, Via Trento TRIESTE nei seguenti orari: lunedì giovedì e venerdì In ogni caso, l allegato 2 Dettaglio delle spese (file excel), deve essere inviato al seguente indirizzo di posta elettronica Il messaggio dovrà avere il seguente oggetto LR 11/11 Invio allegato rendicontazione NOME IMPRESA COMPLETO 1 Si invita a conservare copia della documentazione trasmessa agli uffici regionali. 1 Inserire nell oggetto dell il nome completo dell impresa 13

14 Adempimenti successivi alla conclusione del progetto 5. adempimenti successivi alla conclusione del progetto In relazione agli impegni sottoscritti in sede di domanda e di rendicontazione ed in ottemperanza a quanto previsto dall articolo 20 (Obblighi del beneficiario e vincolo di destinazione), comma 4, l impresa dovrà presentare entro il 28 febbraio di ogni anno per i 2 o 5 anni successivi alla data di presentazione della rendicontazione una dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante il rispetto degli obblighi previsti dal regolamento. Il modello di dichiarazione è scaricabile dal sito web, nella sezione che raccoglie la modulistica relativa al regolamento. Le dichiarazioni sostitutive di certificazioni e di atto notorio false sono penalmente perseguibili. Il mancato rispetto degli obblighi comporta la revoca totale o parziale del contributo liquidato (articolo 20, commi 7 e 8). L articolo 20 (Obblighi del beneficiario e vincolo di destinazione) prevede quanto segue. L iniziativa ammessa a contributo non deve subire modifiche sostanziali, nei 2 anni successivi alla data di presentazione della rendicontazione. Rientra in tale prescrizione in particolare il mantenimento per lo stesso periodo dei seguenti requisiti: iscrizione nel registro delle imprese; sede/unità produttiva attiva nel territorio regionale; non essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria e non essere sottoposti a procedure concorsuali, quali in particolare fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo, amministrazione straordinaria; mantenimento del vincolo di destinazione oggettivo e soggettivo, fatto salvo ipotesi di operazioni straordinarie di cui all articolo 22 del regolamento in materia di variazioni soggettive dei beneficiari; Nel caso di contributo concesso per l adeguamento e la ristrutturazione di beni immobili tramite opere edili e/o di impiantistica generale di cui all articolo 8, co. 2, lett. c), n. 1), il vincolo di destinazione sui beni immobili oggetto di finanziamento è di 5 anni dalla data di presentazione della rendicontazione permanenza del requisito di partecipazione femminile, fatti salvi periodi non superiori a due mesi di perdita eventuale del requisito per circostanze non dipendenti dalla volontà dell impresa e da questa debitamente documentate (articolo 19, co. 2, lett. e) Costituiscono violazione alla prescrizione in particolare tra l altro: il trasferimento a qualsiasi titolo della proprietà o del possesso dei beni materiali ed immateriali ammessi a contributo oppure il loro utilizzo al di fuori del territorio regionale (fatta salva la sostituzione come disciplinata dall articolo 20 co. 2 lett. a) la cessione o l affitto di azienda o del ramo di azienda relativo al progetto finanziato. Possono essere ammesse le operazioni straordinarie come il conferimento, la scissione, la trasformazione, lo scorporo e la fusione, nel rispetto di quanto previsto all articolo 22 del regolamento. Il mancato rispetto degli obblighi del beneficiario comporta la revoca del contributo - Ulteriori vincoli di destinazione per le spese di adeguamento o ristrutturazione dei locali adibiti o da adibire all esercizio dell attività economica tramite opere edili, realizzazione o adeguamento di impiantistica generale beni immobili: mantenimento del vincolo di destinazione per la durata di 5 anni, sia per quanto riguarda i soggetti beneficiari che per i beni oggetto di incentivi, come previsto dalla legge regionale 7/2000, articolo 32, comprese eventuali deroghe di settore applicabili ai sensi del comma 4 dell articolo stesso. Il mancato rispetto degli obblighi del beneficiario comporta la revoca del contributo 14

15 Controlli 6. controlli In qualsiasi momento l Amministrazione può disporre, anche a campione, ispezioni e controlli e richiedere l esibizione dei documenti originali in relazione ai contributi, solo richiesti o già concessi, allo scopo di verificare lo stato di attuazione degli interventi, il rispetto degli obblighi previsti dal regolamento e la veridicità delle dichiarazioni e informazioni prodotte dal beneficiario, nonché l attività degli eventuali soggetti esterni coinvolti nell iniziativa e la regolarità di quest ultima. Si chiede pertanto di raccogliere la documentazione inviata all Amministrazione regionale in un unico fascicolo di progetto. Vengono effettuati controlli a campione sulle dichiarazioni sostitutive di atto notorio presentate: in sede di rendicontazione; durante il vincolo di destinazione successivo alla conclusione del progetto. Le dichiarazioni sostitutive di certificazioni e di atto notorio false sono penalmente perseguibili. 15

16 Assistenza tecnica 7. assistenza tecnica applicativo excel Se i problemi riscontrati riguardano l applicativo excel, ed in particolare: - l impossibilità di inserire i dati perchè le celle sono protette; - l assenza della specifica barretta degli strumenti LR11_11 (vd capitolo 2.5 della presente Guida) che consente di attivare specifiche elaborazioni; per Excel 2003: verificare che la protezione macro non sia impostata oltre il livello medio (i livelli possibili sono: basso, medio, elevato, molto elevato). Per effettuare tale verifica, chiudere il file excel relativo alla dettaglio spese, tenere aperto il programma excel, selezionare dalla barra del menu Strumenti > Macro > Protezione, selezionare il livello medio o basso, cliccare ok e aprire a questo punto il file della domanda. Per Excel 2007: scaricare nuovamente il file dal sito sul proprio pc avendo cura di salvare senza disattivare le macro. I problemi suddetti potrebbero anche essere legati all applicativo utilizzato per visualizzare e compilare il file. La compilazione è ottimizzata per excel. L utilizzo di altri applicativi (es. open office) potrebbe non consentire il completo funzionamento delle macro che supportano la compilazione (es. inserimento righe elenco, ecc.). Si invita in questi casi a contattare il Servizio sostegno e promozione comparto produttivo industriale ai seguenti numeri telefonici: o Nel caso particolare in cui si volesse incollare nelle celle libere un elenco copiato da un altro file excel, si segnala che il ritaglio e la sezione in cui dovrà essere incollato devono avere le medesime dimensioni (numero di celle, righe, colonne); eventualmente aumentare il numero di righe per recepire ritagli di grandi dimensioni. 16

Linee guida per la redazione delle domande

Linee guida per la redazione delle domande contributi a sostegno di progetti di imprenditoria femminile LR 11/2011 art. 2, commi 85 e 86 Servizio sostegno e promozione comparto produttivo industriale versione 01/2012 Linee guida per la redazione

Dettagli

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE Legge regionale 22 aprile 2002, n. 12, art. 53 bis, c. 1 Contributi alle imprese artigiane per investimenti in ricerca, sviluppo, trasferimento tecnologico e innovazione LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE Legge regionale 22 aprile 2002, n. 12, art. 53 bis, c. 1 Contributi alle imprese artigiane per investimenti in ricerca, sviluppo, trasferimento tecnologico e innovazione LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione Promozione dell efficienza energetica e della produzione di energie rinnovabili (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

SPETT. CONFIDI TRIESTE 34122 TRIESTE. Domanda concessione finanziamento: prestito partecipativo ex legge regionale 4/2001 art.

SPETT. CONFIDI TRIESTE 34122 TRIESTE. Domanda concessione finanziamento: prestito partecipativo ex legge regionale 4/2001 art. SPETT. BOLLO 14.62 CONFIDI TRIESTE VIA SAN LAZZARO, 5 34122 TRIESTE Oggetto: Domanda concessione finanziamento: prestito partecipativo ex legge regionale 4/2001 art. 7 commi 69-70-71 Il sottoscritto: Cognome

Dettagli

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI

MODALITA DI RENDICONTAZIONE PROGETTI AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DELLE CAMERE DI COMMERCIO, DEI PATLIB (PATENT LIBRARY), DEI PIP (PATENT INFORMATION POINT) E DELLE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER ATTIVITA DI SUPPORTO

Dettagli

modulo di rendicontazione articoli 20 e 21 del regolamento rendicontazione del progetto impresa pratica n. Progressivo: 101

modulo di rendicontazione articoli 20 e 21 del regolamento rendicontazione del progetto impresa pratica n. Progressivo: 101 Progressivo: 101 Attività/Linea d azione 3.1.1 - Sviluppo e rafforzamento del tessuto produttivo regionale Ricerca, sviluppo e innovazione per la competitività delle imprese settore artigianato legge regionale

Dettagli

Comune di Pozzuolo del Friuli

Comune di Pozzuolo del Friuli Comune di Pozzuolo del Friuli INTERNET sito web: www.comune.pozzuolo.udine.it e-mail: protocollo@com-pozzuolo-del-friuli.regione.fvg.it Via XX Settembre, 31 33050 POZZUOLO DEL FRIULI (UD) C.F.: 80010530303

Dettagli

modulo di rendicontazione articoli 20 e 21 del regolamento rendicontazione del progetto impresa pratica n. Progressivo: 59

modulo di rendicontazione articoli 20 e 21 del regolamento rendicontazione del progetto impresa pratica n. Progressivo: 59 Progressivo: 59 legge regionale 22 aprile 2002, n. 12, articolo 53 bis, comma 1 - contributi alle imprese artigiane per investimenti in ricerca, sviluppo, trasferimento tecnologico ed innovazione regolamento

Dettagli

rendicontazione del progetto

rendicontazione del progetto contributi a favore della ricerca industriale e dell innovazione LR 47/78 capo VII art. 21, comma 1, lettere a) b) c) art. 22, comma 1, lettere a) b) modulo di rendicontazione vers_02.2013 rendicontazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE delle domande presentate nel 2008-2009

LA RENDICONTAZIONE delle domande presentate nel 2008-2009 contributi a favore della ricerca industriale e dell innovazione LR 47/78 capo VII art. 21, comma 1, lettere a) b) c) art. 22, comma 1, lettere a) b) versione 01/2013 Gestione On Line delle Domande Guida

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA CERAMICA IDENTITA, INNOVAZIONE, AMBIENTE (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo

Dettagli

Comunicazione di concessione del finanziamento Descrizione categorie di spesa Interventi strutturali Acquisto attrezzature e dotazioni Spese generali Interventi immateriali spese avvio attività PRESCRIZIONI

Dettagli

Guida alla compilazione. della domanda di agevolazione. v.4

Guida alla compilazione. della domanda di agevolazione. v.4 Guida alla compilazione della domanda di agevolazione v.4 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda di agevolazione e i relativi allegati, pena l inammissibilità della stessa domanda, devono

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese Domande frequenti 1. COME PRESENTARE DOMANDA 1.1. Come si presenta una domanda?.....3 1.2. E previsto un termine per la presentazione delle domande?...3

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

Gestione On Line delle Domande

Gestione On Line delle Domande Servizio sostegno e promozione comparto produttivo industriale versione 01/2013 contributi a favore della ricerca industriale e dell innovazione LR 47/78 capo VII art. 21, comma 1, lettere a) b) c) art.

Dettagli

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo

DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI. Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo DD.418 dell 11 marzo 2013 CONTRIBUTI ANNUALI Guida per la rendicontazione finale ai fini dell erogazione del saldo Aspetti generali di Rendicontazione finanziaria L importo che deve essere rendicontato

Dettagli

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE. www.regione.fvg.it. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programmazione 2007-2013

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE. www.regione.fvg.it. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programmazione 2007-2013 Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programmazione 2007-2013 Servizio sostegno e promozione comparto produttivo industriale obiettivo competitività regionale e occupazione asse 1 innovazione, ricerca,

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE FONDO STARTER

GUIDA ALLA COMPILAZIONE FONDO STARTER Pag. 1 di 6 GUIDA ALLA COMPILAZIONE FONDO STARTER PREMESSA La domanda può essere presentata, nel periodo di apertura dello sportello, attraverso modalità online con firma digitale. Per accedere alla piattaforma

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

Alla c.a. - Partner aziendali - Altri destinatari (disoccupati) E, p.c. - Partner operativi e di rete

Alla c.a. - Partner aziendali - Altri destinatari (disoccupati) E, p.c. - Partner operativi e di rete Alla c.a. - Partner aziendali - Altri destinatari (disoccupati) E, p.c. - Partner operativi e di rete Mestre, 06/03/2015 Oggetto: Progetto 4358/0/1/448/2014 - Armonizzare tempi di vita e di lavoro in Provincia

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013

Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Fondo sociale europeo Programma Operativo 2007/2013 Piano generale d impiego dei mezzi finanziari disponibili per l esercizio finanziario 2010 per le attività di formazione professionale Programma specifico

Dettagli

Guida alla compilazione. della domanda di agevolazione. v.3

Guida alla compilazione. della domanda di agevolazione. v.3 Guida alla compilazione della domanda di agevolazione v.3 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda di agevolazione e i relativi allegati, pena l inammissibilità della stessa domanda, devono

Dettagli

POR CALABRIA 2000/2006 Misura 3.7 Alta Formazione Azione 3.7.B Incentivi alle persone POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV Capitale Umano

POR CALABRIA 2000/2006 Misura 3.7 Alta Formazione Azione 3.7.B Incentivi alle persone POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV Capitale Umano POR CALABRIA 2000/2006 Misura 3.7 Alta Formazione Azione 3.7.B Incentivi alle persone POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV Capitale Umano AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI BUONI PREMIO PER I MIGLIORI

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

Giovani Opportunità per Attività Lavorative

Giovani Opportunità per Attività Lavorative Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali Giovani Opportunità

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

della domanda di agevolazione

della domanda di agevolazione Guida alla presentazione della domanda di agevolazione 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda di agevolazione e i relativi allegati, pena l inammissibilità della stessa domanda, devono essere

Dettagli

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Struttura di supporto giuridico e contabile Manuale Procedimentale per i Centri di servizio convenzionati Piano Zootecnico Regionale Misura 4

Dettagli

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 Allegato 1 MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE C.F

Dettagli

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno P O R F E S R L A Z I O 2 0 0 7-2013 A V V I S O P U B B L I C O I N S I E M E X V I N C E R E Guida alla compilazione dell Atto d Impegno (Art. 15, co. 1 dell Avviso Pubblico Insieme per Vincere approvato

Dettagli

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE. www.regione.fvg.it. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programmazione 2007-2013

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE. www.regione.fvg.it. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programmazione 2007-2013 Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programmazione 2007-2013 Servizio sviluppo economico locale e terziario obiettivo competitività regionale e occupazione asse 1 innovazione, ricerca, trasferimento tecnologico

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI CITTADINI DI CONRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA PRESSO ABITAZIONI PRIVATE Approvato con deliberazione

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA Regolamento per la concessione di contributi a sostegno dei Centri vacanza per minori ai sensi del Regolamento Regionale approvato con DPReg n. 0190/PRES del 22.05.2001 e dei Centri socio-educativi per

Dettagli

Comune di Livorno U. O. Servizi Sociali Ufficio Promozione Sociale

Comune di Livorno U. O. Servizi Sociali Ufficio Promozione Sociale Comune di Livorno U. O. Servizi Sociali Ufficio Promozione Sociale BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI AD ASSOCIAZIONI, ENTI, COMITATI E ALTRI SOGGETTI SENZA FINALITÀ DI LUCRO PER L

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 2.3 POR MOLISE 2000-2006 SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NEL CAMPO DEI SERVIZI CULTURALI E AMBIENTALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 .LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

Art. 16 (Beneficiari) Art. 17 (Tipologia delle iniziative) Art. 18 (Presentazione delle domande) Art. 19 (Cause di inammissibilità della domanda)

Art. 16 (Beneficiari) Art. 17 (Tipologia delle iniziative) Art. 18 (Presentazione delle domande) Art. 19 (Cause di inammissibilità della domanda) Testo coordinato del Capo IV del Regolamento per la concessione dei contributi di cui agli articoli 11, 16 e 18 della legge regionale 3 aprile 2003, n. 8 (Testo unico in materia di sport e tempo libero),

Dettagli

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data

POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data POR FESR 2007/2013 IoD Internet of Data Attività di Finpiemonte 2 Attività di Finpiemonte Le verifiche documentali effettuate da Finpiemonte riguardano tutte le domande di rimborso presentate dai beneficiari

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

4) Polizza fidejussoria bancaria e/o assicurativa emessa da istituti all uopo autorizzati per un importo pari al contributo erogabile.

4) Polizza fidejussoria bancaria e/o assicurativa emessa da istituti all uopo autorizzati per un importo pari al contributo erogabile. Allegato n. 1 ELENCO DOCUMENTI OCCORRENTI PER L EROGAZIONE DELL ANTICIPO 1) Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ex art. 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, conforme al facsimile A allegato,

Dettagli

Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008.

Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008. Allegato alla Delib.G.R. n. 40/5 del 22.7.2008 Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008. 1. Premessa L art. 12 della

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella Legge 7 agosto 2012, n. 134 concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO l Allegato 1 al DL 83/2012 che abroga la Legge 1083/54

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 1 del 7 Gennaio 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Bando marchi+2: domande al via dal 01.02.2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che in data 03.12.2015

Dettagli

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO GRAZIE AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ORA PUOI SMALTIRE L AMIANTO! Leggi il bando per sapere come fare Per informazioni: Comune di Castelfranco Veneto

Dettagli

L'importo messo a bando è pari a 2.800.000,00. Data di scadenza La domanda va presentata a partire dalle ore 9:00 del 1 febbraio 2016

L'importo messo a bando è pari a 2.800.000,00. Data di scadenza La domanda va presentata a partire dalle ore 9:00 del 1 febbraio 2016 Ente erogatore Unioncamere Estremi MISE - Marchi +2 Importo messo a bando Ambito L'importo messo a bando è pari a 2.800.000,00 Nazionale territoriale Data di scadenza La domanda va presentata a partire

Dettagli

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari

Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari ALLEGATO A Spett.le COMUNE di Cagliari Servizio Attività Produttive Ufficio Incentivi alle Imprese Via Sonnino 09100 Cagliari DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO DI PICCOLE E MEDIE

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres. L.R. 13/2004, artt. 4 e 12 B.U.R. 1/12/2004, n. 48 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 11 novembre 2004, n. 0372/Pres. Allegato A Regolamento recante criteri e modalità di inserimento nel Registro delle

Dettagli

Richiesta liquidazione a saldo finanziamento Piano Giovani di Zona 2013

Richiesta liquidazione a saldo finanziamento Piano Giovani di Zona 2013 Marca da bollo 14,62 Richiesta liquidazione a saldo finanziamento Piano Giovani di Zona 2013 (da compilare al termine della realizzazione del progetto, per la liquidazione del finanziamento COMUNQUE NON

Dettagli

OGGETTO: Domanda di erogazione contributo* Il/la sottoscritto/a... residente a...in via/piazza.. N... tel. n. e mail.. in qualità di (barrare)

OGGETTO: Domanda di erogazione contributo* Il/la sottoscritto/a... residente a...in via/piazza.. N... tel. n. e mail.. in qualità di (barrare) Al Comune di Vimercate Ente capofila del Distretto dell attrattività BRIANTECH, un territorio a portata di smartphone OGGETTO: Domanda di erogazione contributo* Il/la sottoscritto/a... residente a....in

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo v.2

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo v.2 Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo v.2 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura U.D.Revisione contabile e conservazione dei provvedimenti di autorizzazione Manuale Procedimentale per i Centri di servizio convenzionati Piano

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007-

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. In applicazione dell

Dettagli

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario Allegato A ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITÀ FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO Su carta intestata dell istituto bancario OGGETTO : Regione Puglia Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Bando pubblicato

Dettagli

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014 Avviso pubblico e Regolamento per la concessione di contributi a parziale concorso delle spese di organizzazione di viaggi in provincia di Napoli in periodi di bassa e media stagione Annualità 2014 Delibera

Dettagli

RICHIESTA DI CONTRIBUTO. Compilare obbligatoriamente tutti i campi relativi alla domanda di contributo ed ai relativi modelli allegati

RICHIESTA DI CONTRIBUTO. Compilare obbligatoriamente tutti i campi relativi alla domanda di contributo ed ai relativi modelli allegati Linee guida per la compilazione della domanda di contributo e relativi allegati, ai sensi dell articolo 96 della legge 21 novembre 2000, n. 342 e del decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLEGATO 11 LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOMANDA DI RIMBORSO. Versione 1.1. 07/03/12

GUIDA OPERATIVA ALLEGATO 11 LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOMANDA DI RIMBORSO. Versione 1.1. 07/03/12 GUIDA OPERATIVA Interventi di Politiche attive in favore di percettori di ammortizzatori sociali in deroga e di indennità di disoccupazione speciale ALLEGATO 11 LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE VIA A. DE CURTIS, 2 88900 CROTONE Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) codice Fiscale in qualità di titolare/legale rappresentante della ditta/società con sede in via/piazza

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA Linee guida per la rendicontazione degli interventi a sostegno della pesca e dell'acquacoltura

Dettagli

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione)

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione) Oggetto: Domanda di contributo per la realizzazione di iniziative sportive e del tempo libero. (Ogni domanda deve essere presentata per una singola iniziativa o progetto unitario.) L.R. 9 marzo 1988 n.

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI - MARCHI+2

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI - MARCHI+2 ALLEGATO 2 DOMANDA PER IMPRESE CONTITOLARI DI MARCHIO (i dati anagrafici riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT.

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero BANDO PUBBLICO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE OPERANTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIGGIANO - INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI - Art. 1 FINALITA Il Comune di Triggiano

Dettagli

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi.

2. Enti interessati Possono accedere ai contributi di cui alla legge regionale n. 20/2007 i comuni, singoli o associati, nonché i municipi. ALLEGATO B Criteri e modalità per l erogazione dei contributi ai comuni, singoli o associati nonché ai municipi per le spese necessarie ai fini dell istituzione e gestione dei consigli comunali, municipali

Dettagli

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1)

SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI MACCHINARI, MEZZI E ATTREZZATURE TESTO DEL REGOLAMENTO(in vigore dal 1 ottobre 2001) SCHEMA DI DOMANDA (Allegato1) SCHEMA DELLA RELAZIONE SUGLI INVESTIMENTI EFFETTUATI (Allegato2)

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

RENDICONTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ (Art.47 D.P.R. 28 dicembre 2000, 445)

RENDICONTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ (Art.47 D.P.R. 28 dicembre 2000, 445) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ (Art.47 D.P.R. 28 dicembre 2000, 445) Pag 1 di 5 Alla Provincia di Firenze Direzione Agricoltura,Sviluppo economico e Programmazione, Cooperazione internazionale

Dettagli