Avanti Cloud. Il Cloud Computing e le PMI in Italia. Maggio Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari & Finanza e Microsoft

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avanti Cloud. Il Cloud Computing e le PMI in Italia. Maggio 2013. Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari & Finanza e Microsoft"

Transcript

1 Avanti Cloud Il Cloud Computing e le PMI in Italia Maggio 2013 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari & Finanza e Microsoft Evento Territoriale di Bari NetConsulting

2 INDICE 1 Introduzione: obiettivi e metodologia Il contesto di riferimento: il tessuto imprenditoriale di Bari Le piccole e medie imprese in Italia Le priorità business delle piccole e medie imprese Italiane Il ricorso alla tecnologia delle piccole e medie imprese Italiane Il Cloud Computing: definizioni, principali servizi e modelli Definizioni Principali servizi e modelli Cloud L adozione attuale e prevista di servizi Cloud da parte delle PMI Italiane Principali fattori di freno all adozione del Cloud Computing Principali fattori di spinta all adozione del Cloud Computing Principali benefici derivanti dall adozione del Cloud Computing Caratteristiche e ruolo richiesti ai fornitori di servizi Cloud NetConsulting

3 INDICE DELLE TABELLE Tabella 1 Nati-mortalità delle imprese nel Comune di Bari, in Puglia e in Italia, 1Q INDICE DELLE FIGURE Figura 1 Numero di imprese registrate e attive nel Comune di Bari, Figura 2 Composizione 2012 del numero di imprese registrate nel Comune di Bari per settore di attività per settore di attività... 7 Figura 3 Variazione del numero di imprese registrate nel Comune di Bari per settore di attività per settore di attività... 8 Figura 4 Il tessuto imprenditoriale del Comune di Bari e le principali iniziative a sostegno del business in sintesi Figura 5 Caratteristiche delle PMI in Italia Figura 6 Indice di fiducia delle PMI in Italia Figura 7 Le sfide competitive e le criticità delle PMI Figura 8 Il ruolo della digitalizzazione Figura 9 Il Global Digital Market nelle PMI in Italia Figura 10 I sistemi informativi delle PMI Figura 11 Cloud Computing: una nuova concezione dell ICT Figura 12 Caratteristiche, servizi e possibili tipologie di fruizione dei servizi Figura 13 Processo di adozione del Cloud Computing presso le PMI in Italia Figura 14 Servizi infrastrutturali che le PMI ritengono di portare in Cloud nei prossimi 3-5 anni Figura 15 Modelli di Cloud esistenti ad oggi presso le PMI Figura 16 Localizzazione dei dati aziendali all interno di architetture di Cloud Computing Figura 17 I principali dubbi da parte delle PMI Italiane nell adozione dei servizi Cloud Figura 18 Alcuni miti da sfatare: il Cloud è sicuro? Figura 19 I principali fattori di spinta nell adozione di servizi Cloud da parte delle PMI italiane 34 Figura 20 La parola alle PMI in Cloud: benefici ottenuti Figura 21 Caratteristiche ideali di un fornitore di servizi Cloud Iaas/PaaS Figura 22 Il ruolo dei fornitori di Cloud Computing: cosa devono chiedere le PMI ai Provider di Cloud Computing Figura 23 Il Cloud è un percorso che si sviluppa nel tempo a passi successivi NetConsulting

4 1 Introduzione: obiettivi e metodologia Negli ultimi anni il paradigma del Cloud Computing ha conquistato un ruolo di sempre maggiore importanza nell ambito dello scenario tecnologico grazie all impatto che questa nuova modalità di fruizione delle risorse IT infrastrutture e applicazioni - può esercitare sui processi e sulle attività delle aziende che decidono di adottarla. Gran parte dell attuale dibattito che caratterizza i servizi di Cloud Computing deriva, infatti, proprio dalla necessità di stabilire in quale misura questi servizi possano fornire una risposta valida all esigenza delle imprese di disporre di dotazioni tecnologiche evolute, flessibili, sicure e che siano, al tempo stesso, a diretto supporto dei loro processi di business nonché delle strategie di riduzione della complessità tecnologica e di razionalizzazione della spesa IT. I trend di crescita relativi all adozione del paradigma Cloud da parte delle aziende italiane suggeriscono come la risposta fornita dal paradigma on demand alle loro priorità tecnologiche e business sia ritenuta sempre più adeguata. Indipendentemente dalle fonti che lo hanno monitorato, lo sviluppo che ha caratterizzato il mercato Cloud in Italia, a partire dalla sua comparsa all interno del panorama ICT fino all anno scorso, appare estremamente significativo, così come notevole appare anche il tasso di adozione previsto per il 2013, pari - secondo le ultime stime di NetConsulting al +40%, con riferimento alla sola componente del Public Cloud. Tuttavia qualsiasi analisi relativa all utilizzo del Cloud Computing non può prescindere da una serie di variabili legate alle caratteristiche delle singole aziende che stanno valutando l opportunità di adottare o meno questo modello di fruizione delle tecnologie IT. Di particolare rilevanza appaiono, in particolare, la dimensione aziendale, la complessità del business, il contesto geografico di appartenenza, le caratteristiche dei sistemi informativi, le policy aziendali e la tipologia stessa dei servizi Cloud che vengono presi di volta in volta in considerazione. In altre parole, il fenomeno del Cloud va studiato nelle sue differenti declinazioni al fine di descrivere nel modo più completo possibile le principali tendenze in atto e i comportamenti delle aziende utenti. A questo proposito, il presente White Paper pone l accento sull utenza di piccole e medie dimensioni, che viene analizzata con riferimento sia al tessuto economico locale sia al contesto imprenditoriale nazionale, e sugli elementi a supporto o meno dell introduzione dei servizi Cloud, in particolare di quelli a carattere infrastrutturale, nella loro realtà business. In dettaglio, i contenuti del White Paper presentati nel seguito - possono essere così sintetizzati: descrizione del contesto economico locale di riferimento; analisi del tessuto imprenditoriale di piccole e medie dimensioni in Italia; definizione di Cloud Computing e dei principali servizi; NetConsulting

5 individuazione del livello di adozione attuale e della propensione all utilizzo dei servizi Cloud da parte delle PMI italiane; identificazione delle principali criticità che le PMI devono considerare in un processo di introduzione dei servizi Cloud; indicazioni sui benefici che una PMI potrebbe ottenere grazie all adozione di servizi di Cloud Computing; caratteristiche e ruolo che vengono maggiormente richiesti ai fornitori che erogano servizi Cloud per le PMI. Le informazioni fornite nel White Paper fanno riferimento ad analisi effettuate nel corso dell ultimo anno da parte di NetConsulting sull offerta e sulla domanda di servizi di Cloud Computing. Si ringraziano Repubblica - Affari & Finanza e Microsoft per il supporto all iniziativa. Un ringraziamento particolare va, inoltre, alle aziende che hanno fornito il loro prezioso contributo partecipando alle indagini di NetConsulting relative al Cloud Computing. NetConsulting

6 2 Il contesto di riferimento: il tessuto imprenditoriale di Bari A fine 2012, il numero di imprese registrate alla Camera di Commercio di Bari, incluse le realtà artigianali, era pari a Restringendo il perimetro di osservazione alle sole aziende attive, il numero scende a imprese. Negli ultimi cinque anni, tra il 2008 e il 2012, il tessuto imprenditoriale attivo nel Comune di Bari e provincia ha registrato un trend in calo in relazione sia alle imprese registrate, il cui numero si è ridotto con un tasso di crescita medio annuo pari al - 0,9%, sia alle realtà attive, il cui volume si è contratto con un intensità lievemente superiore con un tasso del -1,0%. Il picco negativo è stato registrato nel 2009 in corrispondenza del periodo di crisi che tra il 2008 e il 2009 ha interessato l intero scenario economico globale. Il 2010 ha al contrario registrato un ripresa, soprattutto per quanto riguarda le realtà attive, mentre tra il 2011 e il 2012 si è assistito ad un ulteriore calo del numero di imprese a causa dell inasprimento delle condizioni economiche mondiale particolarmente evidente a partire proprio dalla seconda metà del 2012 (Fig. 1). Figura 1 Numero di imprese registrate e attive nel Comune di Bari, Fonte: elaborazione NetConsulting su Unioncamere - Movimprese, 2013 Tali dinamiche collocano Bari e provincia al di sotto non solo della media regionale ma anche di quella Italiana - caratterizzate da una contrazione meno intensa sia delle realtà registrate sia di quelle attive. In maggior dettaglio, il tasso di crescita medio annuo del numero di imprese in Puglia risulta pari a -0,4% e a -0,5% per quanto riguarda rispettivamente le aziende registrate e quelle attive; a livello nazionale, nello stesso periodo, il numero delle imprese registrate si è mantenuto sostanzialmente inalterato, sebbene orientato al calo, mentre il volume di NetConsulting

7 aziende attive è calato dello 0,4%. Negli ultimi anni, l ecosistema di Bari e dintorni si è pertanto mostrato più debole rispetto al tessuto economico regionale e nazionale. Tale risultato è coerente con una struttura imprenditoriale che da sempre presenta una spiccata polarizzazione su attività riconducibili al comparto Commercio, soprattutto al dettaglio, una forte vocazione agricola ed una buona concentrazione di aziende di Costruzioni (Fig. 2). Figura 2 Composizione 2012 del numero di imprese registrate nel Comune di Bari per settore di attività per settore di attività Fonte: elaborazione NetConsulting su dati Camera di Commercio di Bari, Aprile 2013 Secondo i dati della Camera di Commercio di Bari, in questi comparti, peraltro tra i più sensibili alla crisi di consumi e investimenti degli utenti finali, opera complessivamente il 60% circa delle aziende registrate del Comune di Bari e provincia così suddivise: nel settore Commercio opera il 29,7% delle imprese registrate con un peso più elevato del Commercio al dettaglio (17,2%). In questo comparto, tra il 2011 e il 2012, si è assistito ad un calo del numero di realtà registrate pari a 216, di cui 127 riconducibili alle sole attività di vendita al dettaglio; il 18,1% delle aziende registrate svolge attività agricole in senso lato (silvicoltura, pesca etc.). Questa tipologia di attività ha subito nell ultimo biennio , 2012, una riduzione delle aziende registrate di 902 unità a causa, soprattutto, delle difficili condizioni del settore agricolo che ha assistito, infatti, ad una fuoriuscita di 892 realtà aziendali; NetConsulting

8 il 12% delle imprese registrate opera nel settore delle Costruzioni; il comparto tra il 2011 e il 2012 ha subito una flessione del numero di aziende registrate pari a 475 unità (Fig. 3). Figura 3 Variazione del numero di imprese registrate nel Comune di Bari per settore di attività per settore di attività Fonte: elaborazione NetConsulting su dati Camera di Commercio di Bari, Aprile 2013 L Industria manifatturiera, con il 9,6% delle aziende registrate, e i Servizi di alloggio e ristorazione, con il 5,0% delle imprese registrate, rappresentano rispettivamente il quarto e il quindi settore del tessuto imprenditoriale di Bari e provincia: l industria manifatturiera della zona appare frammentata e non mostra, pertanto, polarizzazioni significative ad eccezione dei comparti alimentare e abbigliamento. Il primo comparto è dominato dalla produzione di olio per la quale è stata istituita da tempo la Denominazione di Origine Protetta Terra di Bari ; il settore dell abbigliamento è espressione di uno dei più importanti distretti industriali a livello nazionale (Filiera Moda Puglia). Il settore manifatturiero ha assistito ad una riduzione del numero di imprese registrate complessivamente pari a 447 unità; il settore dei Servizi di alloggio e ristorazione appare in controtendenza e, infatti, tra il 2011 e il 2012 è stato caratterizzato da un incremento pari a 213 nuove realtà aziendali registrate. Ciò riflette la vocazione turistica in crescita dell area barese evidente negli ultimi dati dell Osservatorio sul Turismo della Regione Puglia, relativi all estate 2012, che infatti per Bari e provincia mostrano un incremento degli arrivi nel mese di agosto pari al +1% rispetto ai trend NetConsulting

9 in calo delle provincie di Foggia e Lecce (-5,9% e -6,3% rispettivamente), aree su cui tradizionalmente si concentra la maggioranza dei visitatori e per le quali la domanda turistica appare decisamente più matura. Da segnalare, inoltre, il comparto dei Trasporti in cui opera complessivamente il 2,9% delle imprese registrate, riconducibili prevalentemente a operatori di trasporto via terra. Il comparto ha subito complessivamente un calo di aziende registrate pari a 216, causato dalla flessione non solo delle attività di trasporto via terra ma anche di quelle marittime. A questo proposito, secondo i dati dell Autorità Portuale del Levante tra il 2011 e il 2012, il traffico traghetti è calato del 6% circa, con riferimento ai passeggeri, e del 9% circa, con riferimento alle auto mentre il traffico merci ha subito una riduzione in volume di oltre il 17%. Infine, vanno evidenziate le aziende ICT, riconducibili al comparto dei Servizi di informazione e comunicazione che rappresentano una quota dell 1,3% sul totale delle imprese registrate a Bari e dintorni. Il comparto ICT appare in controtendenza positiva: in questo settore, nell ultimo biennio , nel Comune di Bari si sono aggiunte 52 nuove realtà. Alla dinamica, hanno, senza dubbio, contribuito le attività svolte dal Distretto Produttivo dell Informatica dirette a incrementare il ruolo delle imprese ICT locali nel tessuto produttivo della Puglia, a rappresentare le esigenze e le necessità di crescita della aziende dell'information Technology pugliese, a favorirne lo sviluppo, a porsi come interlocutore della Regione Puglia nella programmazione delle politiche di sviluppo regionale. In linea con la situazione Italiana, secondo gli ultimi dati della Camera di Commercio di Bari relativi al 2012, la netta maggioranza delle aziende registrate nel Comune di Bari, pari al 99,55%, si colloca nella fascia dimensionale inferiore ai 50 addetti. All interno di questo target dimensionale, le micro imprese del territorio di Bari come meno di 10 addetti - rappresentano il 95,27% del totale delle imprese registrate, peso significativamente superiore a quello rilevato a livello nazionale pari al 94,6%. Le aziende di medie dimensioni, con una forza lavoro compresa tra i 50 e i 249 addetti, rappresentano lo 0,40%. Sostanzialmente trascurabile, pari allo 0,05%, è la quota delle aziende con oltre 250 addetti. Una struttura aziendale così sbilanciata sulle fasce dimensionali inferiori fa sì che il tessuto imprenditoriale del Comune di Bari sia influenzato in modo particolarmente negativo dal permanere delle difficili condizioni economiche: basti pensare che la netta maggioranza delle fuoriuscite registrate tra il 2011 e il 2012 dall ecosistema di Bari (complessivamente pari a 1.600) ha interessato proprio le aziende di minori dimensioni, soprattutto la componente di micro imprese, per le quali le problematiche di tipo finanziario appaiono particolarmente critiche. Da questo punto di vista, gli ultimi dati rilasciati da Unioncamere ad Aprile 2013 relativi al primo trimestre 2013, non lasciano particolari speranze per una ripresa nel breve periodo. Alla fine dello NetConsulting

10 scorso Marzo, infatti, nel territorio di Bari il saldo tra imprese iscritte e cessate - su uno stock di aziende - si è confermato negativo, pari a -639, e corrispondente ad un calo dello 0,42%. Considerando le sole imprese artigiane, su uno stock di aziende, il saldo risulta pari a -480 corrispondente ad una contrazione del -1,53%, meno intensa rispetto alla media regionale ma più significativa della media Italiana (Tab. 1). Tabella 1 Nati-mortalità delle imprese nel Comune di Bari, in Puglia e in Italia, 1Q2013 Stock Saldo Tasso di crescita Bari ,42% di cui imprese artigiane ,53% Puglia ,68% di cui imprese artigiane ,62% Italia ,51% di cui imprese artigiane ,47% Fonte: Unioncamere - Movimprese, Aprile 2013 Per questo motivo, è importante che Enti ed attori pubblici, non solo locali e regionali ma anche nazionali, continuino a promuovere azioni e misure dirette a favorire l avvio, da parte delle aziende del territorio, di strategie di crescita agendo su una serie di strumenti che possano rendere meno intense le criticità, particolarmente pesanti per le PMI, derivanti dall eccessivo peso fiscale, dalla complessità del mondo del lavoro, dal difficile accesso al credito, dagli intralci burocratici e dalla mancanza di infrastrutture moderne. Da questo punto di vista, le più importanti iniziative in tal senso sono così sintetizzabili: lo scorso Marzo, la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Bari la reso nota l istituzione di una serie di voucher, ovvero contributi a fondo perduto, che possano supportare le strategie di internazionalizzazione di micro, piccole e medie imprese attraverso l acquisto di servizi consulenziali e la partecipazione a missioni economiche e a fiere internazionali all estero; a Gennaio 2013, la Regione Puglia ha lanciato un bando volto a stabilire una serie di agevolazioni pensate specificatamente per le piccole e medie imprese attive nel settore del commercio al dettaglio a supporto, in particolare, delle spese finalizzate alla realizzazione di nuovi impianti oppure all ammodernamento, all ampliamento, alla ristrutturazione o al trasferimento di una unità locale già esistente. Il bando intende favorire anche lo sviluppo e l innovazione delle imprese attraverso incentivi all ecommerce. Le risorse disponibili sono pari a ,24 euro di cui ,00 euro riservati ad interventi presentati da associazioni di imprese. In maggior dettaglio, il supporto è concesso nella forma di contributo a fondo NetConsulting

11 perduto nella seguente misura: nel limite massimo di Euro, pari al 70% sulle spese ammesse per i programmi di investimento presentati dalle PMI del commercio; nel limite massimo di Euro, pari al 70% sulle spese ammesse, per i programmi di investimento presentati da associazioni temporanee di impresa o da consorzi; a Settembre 2012, la Camera di Commercio di Bari ha lanciato un progetto sperimentale, chiamato Valore Assoluto, finalizzata a supportare iniziative imprenditoriali particolarmente innovative nella loro fase più critica di avvio; sempre a Settembre 2012, la Camera di Commercio di Bari ha lanciato un bando per la concessione di contributi in conto interesse alle PMI nel più ampio quadro delle attività svolte a favore della promozione dell informazione ed assistenza sul sistema dei finanziamento pensati non solo le piccole e medie imprese ma anche per le aziende dei settori manifatturiero, commercio, turismo, per le realtà artigiane e per l imprenditoria femminile. Vanno poi citate tutte le iniziative riconducibili al vasto ambito di progetti finalizzati a fare di Bari una vera e propria Smart City. Si tratta di piani che coinvolgono anche interlocutori a livello nazionale e che sono stati avviati a partire dall inizio del 2011, quando Bari ha ufficialmente assunto la definizione di Smart City con l obiettivo di evolvere verso un modello di città creativa, inclusiva, dinamica, sostenibile e perfettamente calata nell area internazionale, Europea e Mediterranea. In questo contesto, di particolare rilievo appare il finanziamento del MIUR all interno del bando Smart Cities and Communities and Social Innovation di una serie di progetti finalizzati alla formulazione di un insieme di servizi innovativi in materia di energia, sanità, educazione e servizi telematici. Sono quattro i progetti di ricerca che tra Giugno e Luglio 2012 hanno ricevuto i finanziamenti del MIUR e che nei primi mesi del 2013 hanno assistito ad una prima concretizzazione. In tutti i casi, la città di Bari rappresenta il luogo primario per le attività di ricerca e sperimentazione: Smart Health e Cluster OSDH, Smart FSE, Staywell: gruppo di attività sui principali temi della sanità 2.0. Sono coinvolte nella sperimentazione, oltre alla Puglia, la Calabria, la Campania e la Sicilia; il contributo complessivo è di ,11 Euro; Progetto Prisma: sviluppo di una piattaforma Open di Cloud Computing per i servizi di egovernment su cui realizzare una serie di applicazioni per la PA. Il contributo assegnato in questo caso risulta pari a ,87 Euro. Le Regioni coinvolte sono Campania, Puglia e Sicilia; Progetto 3.0: il progetto si propone di offrire una soluzione strutturata e solida a tutta la filiera dell istruzione, dalla scuola primaria fino alla formazione professionale, operando su modelli didattici e organizzativi, contenuti multimediali e interattivi, infrastrutture NetConsulting

12 tecnologiche abilitanti per l erogazione di servizi in Cloud a docenti, studenti, famiglie e istituti di ogni ordine e grado. Le Regioni coinvolte sono Campania, Puglia e Sicilia e il contributo ammonta a ,12 Euro; Progetto Res Novae, Sinergreen, Sem Smart Energy Master: attività di ricerca sui sistemi di produzione e gestione dell energia, sulle reti di distribuzione e storage a livello locale. Sono coinvolte nella sperimentazione, oltre alla Puglia, la Calabria, la Campania e la Sicilia; il contributo complessivo è di ,97 Euro. L ambito energetico assume da sempre una particolare rilevanza all interno delle strategie Smart City di Bari. Si segnala, a questo proposito, il lancio nel Giugno 2012 di un progetto volto a favorire la riduzione dei consumi energetici degli edifici e finalizzato a creare un quartiere modello nella zona di Japigia completamente realizzato con pannelli solari e reti elettriche integrate (Smart Grid). Continuano ad essere allo studio progetti green anche per il porto e l aeroporto con l obiettivo ultimo di ridurre l emissione di gas serra del 36% entro il Inoltre, a partire da Settembre 2012, si sono susseguite una serie di altre iniziative così sintetizzabili: Settembre 2012: formulazione di un nuovo regolamento edilizio che renda obbligatorio il miglioramento dell isolamento termico degli edifici presenti nel Comune di Bari; Dicembre 2012: STP Bari è stata la prima azienda di trasporto pubblico del Sud Italia a mettere a disposizione dei propri passeggeri un servizio accessibile da cellulare e smartphone che consente l acquisto del biglietto dell autobus in formato elettronico attraverso il credito telefonico inviando un SMS e enza alcun bisogno di registrazioni o di altre operazioni aggiuntive; Gennaio 2013: avvio di un network di distributori/ colonnine per la ricarica di veicoli elettrici collocate in ambiti strategici della città individuati sulla base di un analisi approfondita del territorio e dei flussi di traffico; Maggio 2013: Bari, insieme a Ancona, Firenze, Genova e Settimo Torinese, ha firmato il Piano Nazionale per le Città, un programma - formulato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che risponde all esigenza di rigenerazione urbana di aree periferiche e particolarmente depresse. Pur non essendo legato direttamente al tema delle Smart Cities, il Piano affronta aspetti come lo sviluppo e la riqualificazione implicitamente rilevanti per le città intelligenti. A fronte di un cofinanziamento nazionale di 318 milioni di Euro (224mln provenienti dal Fondo Piano Città e 94 dal Piano Azione Coesione per Zone Franche Urbane dove si concentramo programmi di defiscalizzazione per le PMI) è prevedibile che le singole iniziative nell ambito del Piano attiveranno progetti per un valore di oltre 4 miliardi di Euro, tra fondi NetConsulting

13 pubblici e privati. Nel caso di Bari, il focus dei progetti è rappresentato da un insieme articolato di interventi, per un valore complessivo di 8,2 milioni di Euro, finalizzati alla valorizzazione del litorale ovest e alla progettazione di una serie di collegamenti a favore della mobilità sostenibile centrati su due assi principali: aeroporto-città e porto-stazione. La Figura 4 mostra una sintesi delle principali caratteristiche del tessuto imprenditoriale barese e delle iniziative più importanti avviate a vari livelli a sostegno delle piccole e medie imprese così come dell informatizzazione del territorio. Figura 4 Il tessuto imprenditoriale del Comune di Bari e le principali iniziative a sostegno del business in sintesi Fonte: elaborazione NetConsulting su dati Camera di Commercio di Bari e su fonti varie NetConsulting

14 3 Le piccole e medie imprese in Italia Nel contesto economico Italiano, la fascia di aziende di piccole (fino a 50 addetti) e medie dimensioni ( addetti) rappresenta il segmento imprenditoriale più importante non solo in termini di numerosità di imprese ma anche di valore aggiunto prodotto. Questa caratteristica rende sostanzialmente unica la base produttiva Italiana soprattutto se confrontata con le dimensioni delle aziende che operano in Europa. Ma ciò che rende ancor più particolare il tessuto imprenditoriale Italiano è la significativa concentrazione di realtà aziendali di dimensioni minime. Infatti, all interno della fascia addetti, sono in particolare le microimprese, ovvero le realtà aziendali con organici inferiori a 10 addetti, a mostrare il peso e l incidenza maggiori all interno del sistema produttivo Italiano (Fig. 5). Figura 5 Caratteristiche delle PMI in Italia Fonte: elaborazione NetConsulting su dati Ministero per lo Sviluppo Economico, Cambridge Econometrics (dati previsionali) e ISTAT (*) Nota: la classe dimensionale è definita secondo il Decreto del Ministero delle Attività Produttive 18 aprile 2005 (G.U.R.I. 12 ottobre 2005, n. 238) In maggior dettaglio, secondo le elaborazioni condotte dal Ministero per lo Sviluppo Economico sui dati previsionali di Cambridge Econometrics e di ISTAT, in Italia il numero delle imprese dell industria e dei servizi di mercato (ad esclusione del comparto dell intermediazione monetaria e finanziaria) risulta pari a Tali realtà impiegano poco più di 15 milioni di addetti e producono un valore aggiunto complessivo pari a circa 619 miliardi di euro. Di queste aziende, il 99,9% è costituito da realtà di piccole e medie dimensioni il cui organico rappresenta l 80% circa del totale della forza lavoro per un valore aggiunto pari a 422 miliardi di NetConsulting

15 euro, ovvero oltre il 68% del valore aggiunto prodotto a livello nazionale. La quota di microimprese risulta, invece, pari al 94,6% e scende sensibilmente nei principali Paesi Europei. Tale percentuale appare significativamente più contenuta soprattutto nel Regno Unito e in Germania dove è pari, rispettivamente, all 89,4% e all 83,3%. A causa delle dimensioni mediamente molto contenute, il segmento delle piccole e medie imprese Italiane si è mostrato particolarmente sensibile alle difficili condizioni economiche globali e, quindi, vulnerabile. Ciò appare evidente dall andamento dell indice di fiducia complessivo delle PMI che Unicredit monitora a partire dal 2004 e che negli ultimi anni ha evidenziato un peggioramento significativo delle opinioni degli imprenditori toccando, nel 2012, il picco negativo in assoluto, corrispondente ad un calo di 10 punti dall anno di inizio delle rilevazioni. Se nel 2011, per la prima volta dal 2004, tutti i fattori costituenti la fiducia si sono collocati sotto la soglia dell ottimismo, nel corso del 2012, oltre alla conferma di questa tendenza, si è evidenziato un ulteriore peggioramento su ogni singolo elemento. I giudizi peggiori sono stati espressi riguardo all andamento dei ricavi (-10 punti rispetto al 2011) e alla situazione del settore di appartenenza (- 9 punti rispetto al 2011). I due fattori esogeni (andamento dell economia generale e situazione del settore) anche quest anno risultano oggetto dei pareri più negativi, senza dubbio resi ancor più critici da un assetto politico che fino ad adesso non è stato in grado di risolvere le principali problematiche economiche del Paese e dei principali comparti economici (Fig. 6). Figura 6 Indice di fiducia delle PMI in Italia Fonte: Osservatorio Unicredit Piccole Imprese, 2012 NetConsulting

16 Le opinioni degli imprenditori attivi nel comune di Bari appaiono maggiormente orientate all ottimismo (77 contro il 73 rilevato a livello nazionale). Le risposte fornite dagli imprenditori baresi evidenziano, quindi, come il territorio del capoluogo pugliese, nonostante le difficili condizioni economiche che lo appesantiscono, mostri comunque alcuni spazi di crescita sebbene non uniformemente distribuiti su tutti i comparti economici. Sono tre i fattori caratterizzati da opinioni maggiormente ottimiste rispetto alla situazione nazionale: andamento occupazionale, tale elemento beneficia delle dinamiche demografiche positive registrate nel 2012 non solo dalle aziende dei comparti riconducibili alle attività turistiche e all erogazione di servizi professionali ma anche dalle realtà del settore ICT; propensione agli investimenti, in quest ambito la fiducia degli imprenditori locali dipende molto probabilmente dall insieme articolato di iniziative che gli Enti locali e gli attori nazionali hanno avviato nel corso del 2012 a supporto delle loro strategie di crescita (internazionalizzazione, supporto a start-up e a finanziamenti, agevolazioni per le PMI del settore Commercio etc.); situazione economica generale, pur essendo il fattore caratterizzato dal minor livello di fiducia, il maggior ottimismo degli imprenditori baresi rispetto alla media nazionale può essere determinato da una percezione di maggiore stabilità della politica economica locale, in particolare a livello comunale, soprattutto se confrontata con quella Italiana. Tutti gli altri elementi alla base della fiducia degli imprenditori locali si sono attestati su livelli inferiori a quelli medi nazionali. Si segnalano, a questo proposito, le attese sui tempi dell incasso e sull andamento dei ricavi che appaiono particolarmente negative a dimostrazione di posizioni creditizie generalmente precarie e di situazioni economiche in specifici comparti tuttora molto critiche. Permangono, infine, le difficoltà di accesso al credito. 3.1 Le priorità business delle piccole e medie imprese Italiane In linea con l inasprimento delle condizioni economiche nazionali e dello scenario mondiale, le principali sfide business delle piccole e medie imprese Italiane appaiono polarizzate sull avvio di iniziative finalizzate alla razionalizzazione dei costi che, evidentemente, continuano a rappresentare, anche per questo target dimensionale, le principali contromisure in risposta alla difficile congiuntura. Tra le altre sfide competitive, va segnalata anche la necessità di innovare prodotti e servizi e, contestualmente, di migliorare le relazioni con i propri clienti. Nello specifico, si rileva una crescente diversificazione delle offerte nel tentativo di rispondere in modo più efficace alle esigenze dei propri clienti, tematica particolarmente cara a tutte quelle realtà che godono di un rapporto diretto con i consumatori finali. NetConsulting

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia INTRODUZIONE EXECUTIVE SUMMARY Il cloud computing nelle strategie aziendali Cresce il numero di aziende che scelgono infrastrutture cloud Perché

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Gartner Group definisce il Cloud

Gartner Group definisce il Cloud Cloud Computing Gartner Group definisce il Cloud o Cloud Computing is a style of computing in which elastic and scalable information technology - enabled capabilities are delivered as a Service. Gartner

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Sistemi gestionali as a Service:

Sistemi gestionali as a Service: Sistemi gestionali as a Service: Una reale opportunità per le imprese? Andrea Gaschi School of Management Politecnico di Milano Agenda Un introduzione ai sistemi gestionali La situazione in Italia Le spinte

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

La trasformazione in atto nei Data center

La trasformazione in atto nei Data center La trasformazione in atto nei Data center Data Center Hands On Milano, 13 marzo 2012 Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it I nuovi dispositivi Videocamera Console & Player Tablet Smart TV Dual screen

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw.

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw. Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ 2 3 Il Cloud Computing si definisce consuetamente secondo due distinte accezioni: 1. un di carattere tecnologico 2. l altra

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Open City Platform OCP

Open City Platform OCP Open City Platform OCP Come rendere intelligente la città (un passo per volta)? Una piattaforma cloud aperta robusta, scalabile e flessibile per accelerare l attivazione digitale dei servizi della PA INFN

Dettagli

Introduzione al Cloud Computing

Introduzione al Cloud Computing Risparmiare ed innovare attraverso le nuove soluzioni ICT e Cloud Introduzione al Cloud Computing Leopoldo Onorato Onorato Informatica Srl Mantova, 15/05/2014 1 Sommario degli argomenti Definizione di

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l IL CLOUD COMPUTING Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l Agenda. - Introduzione generale : il cloud computing Presentazione e definizione del cloud computing, che cos è il cloud computing, cosa serve

Dettagli

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio Banda larga Asset strategico per la competitività del territorio La strategia digitale di Confindustria Verona Iniziative volte a promuovere la riduzione del digital divide culturale e infrastrutturale:

Dettagli

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless ICT e Smart Cities ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016 Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless Di cosa vi parlo Le smart city, definizioni, opportunità, Nuovi

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 PARMA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione è

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 9 giugno 2005 L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Modena, 9 Ottobre 2013 Le tendenze emergenti Quattro grandi forze che stanno contemporaneamente determinando

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE AS HIO N LUXURY Internet e customer engagement omnichannel stanno trasformando le strategie dei grandi brand del mercato Fashion

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

L EDILIZIA IN VENETO

L EDILIZIA IN VENETO Dal declino al nuovo ciclo delle 3R: Ristrutturazioni Riqualificazioni Rigenerazioni Luca Romano Direttore Local Area Network Villa Braida Mogliano Veneto 16 maggio 2014 IL PATRIMONIO EDILIZIO E LA CRESCITA

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli