Avanti Cloud. Il Cloud Computing e le PMI in Italia. Maggio Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari & Finanza e Microsoft

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avanti Cloud. Il Cloud Computing e le PMI in Italia. Maggio 2013. Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari & Finanza e Microsoft"

Transcript

1 Avanti Cloud Il Cloud Computing e le PMI in Italia Maggio 2013 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari & Finanza e Microsoft Evento Territoriale di Bari NetConsulting

2 INDICE 1 Introduzione: obiettivi e metodologia Il contesto di riferimento: il tessuto imprenditoriale di Bari Le piccole e medie imprese in Italia Le priorità business delle piccole e medie imprese Italiane Il ricorso alla tecnologia delle piccole e medie imprese Italiane Il Cloud Computing: definizioni, principali servizi e modelli Definizioni Principali servizi e modelli Cloud L adozione attuale e prevista di servizi Cloud da parte delle PMI Italiane Principali fattori di freno all adozione del Cloud Computing Principali fattori di spinta all adozione del Cloud Computing Principali benefici derivanti dall adozione del Cloud Computing Caratteristiche e ruolo richiesti ai fornitori di servizi Cloud NetConsulting

3 INDICE DELLE TABELLE Tabella 1 Nati-mortalità delle imprese nel Comune di Bari, in Puglia e in Italia, 1Q INDICE DELLE FIGURE Figura 1 Numero di imprese registrate e attive nel Comune di Bari, Figura 2 Composizione 2012 del numero di imprese registrate nel Comune di Bari per settore di attività per settore di attività... 7 Figura 3 Variazione del numero di imprese registrate nel Comune di Bari per settore di attività per settore di attività... 8 Figura 4 Il tessuto imprenditoriale del Comune di Bari e le principali iniziative a sostegno del business in sintesi Figura 5 Caratteristiche delle PMI in Italia Figura 6 Indice di fiducia delle PMI in Italia Figura 7 Le sfide competitive e le criticità delle PMI Figura 8 Il ruolo della digitalizzazione Figura 9 Il Global Digital Market nelle PMI in Italia Figura 10 I sistemi informativi delle PMI Figura 11 Cloud Computing: una nuova concezione dell ICT Figura 12 Caratteristiche, servizi e possibili tipologie di fruizione dei servizi Figura 13 Processo di adozione del Cloud Computing presso le PMI in Italia Figura 14 Servizi infrastrutturali che le PMI ritengono di portare in Cloud nei prossimi 3-5 anni Figura 15 Modelli di Cloud esistenti ad oggi presso le PMI Figura 16 Localizzazione dei dati aziendali all interno di architetture di Cloud Computing Figura 17 I principali dubbi da parte delle PMI Italiane nell adozione dei servizi Cloud Figura 18 Alcuni miti da sfatare: il Cloud è sicuro? Figura 19 I principali fattori di spinta nell adozione di servizi Cloud da parte delle PMI italiane 34 Figura 20 La parola alle PMI in Cloud: benefici ottenuti Figura 21 Caratteristiche ideali di un fornitore di servizi Cloud Iaas/PaaS Figura 22 Il ruolo dei fornitori di Cloud Computing: cosa devono chiedere le PMI ai Provider di Cloud Computing Figura 23 Il Cloud è un percorso che si sviluppa nel tempo a passi successivi NetConsulting

4 1 Introduzione: obiettivi e metodologia Negli ultimi anni il paradigma del Cloud Computing ha conquistato un ruolo di sempre maggiore importanza nell ambito dello scenario tecnologico grazie all impatto che questa nuova modalità di fruizione delle risorse IT infrastrutture e applicazioni - può esercitare sui processi e sulle attività delle aziende che decidono di adottarla. Gran parte dell attuale dibattito che caratterizza i servizi di Cloud Computing deriva, infatti, proprio dalla necessità di stabilire in quale misura questi servizi possano fornire una risposta valida all esigenza delle imprese di disporre di dotazioni tecnologiche evolute, flessibili, sicure e che siano, al tempo stesso, a diretto supporto dei loro processi di business nonché delle strategie di riduzione della complessità tecnologica e di razionalizzazione della spesa IT. I trend di crescita relativi all adozione del paradigma Cloud da parte delle aziende italiane suggeriscono come la risposta fornita dal paradigma on demand alle loro priorità tecnologiche e business sia ritenuta sempre più adeguata. Indipendentemente dalle fonti che lo hanno monitorato, lo sviluppo che ha caratterizzato il mercato Cloud in Italia, a partire dalla sua comparsa all interno del panorama ICT fino all anno scorso, appare estremamente significativo, così come notevole appare anche il tasso di adozione previsto per il 2013, pari - secondo le ultime stime di NetConsulting al +40%, con riferimento alla sola componente del Public Cloud. Tuttavia qualsiasi analisi relativa all utilizzo del Cloud Computing non può prescindere da una serie di variabili legate alle caratteristiche delle singole aziende che stanno valutando l opportunità di adottare o meno questo modello di fruizione delle tecnologie IT. Di particolare rilevanza appaiono, in particolare, la dimensione aziendale, la complessità del business, il contesto geografico di appartenenza, le caratteristiche dei sistemi informativi, le policy aziendali e la tipologia stessa dei servizi Cloud che vengono presi di volta in volta in considerazione. In altre parole, il fenomeno del Cloud va studiato nelle sue differenti declinazioni al fine di descrivere nel modo più completo possibile le principali tendenze in atto e i comportamenti delle aziende utenti. A questo proposito, il presente White Paper pone l accento sull utenza di piccole e medie dimensioni, che viene analizzata con riferimento sia al tessuto economico locale sia al contesto imprenditoriale nazionale, e sugli elementi a supporto o meno dell introduzione dei servizi Cloud, in particolare di quelli a carattere infrastrutturale, nella loro realtà business. In dettaglio, i contenuti del White Paper presentati nel seguito - possono essere così sintetizzati: descrizione del contesto economico locale di riferimento; analisi del tessuto imprenditoriale di piccole e medie dimensioni in Italia; definizione di Cloud Computing e dei principali servizi; NetConsulting

5 individuazione del livello di adozione attuale e della propensione all utilizzo dei servizi Cloud da parte delle PMI italiane; identificazione delle principali criticità che le PMI devono considerare in un processo di introduzione dei servizi Cloud; indicazioni sui benefici che una PMI potrebbe ottenere grazie all adozione di servizi di Cloud Computing; caratteristiche e ruolo che vengono maggiormente richiesti ai fornitori che erogano servizi Cloud per le PMI. Le informazioni fornite nel White Paper fanno riferimento ad analisi effettuate nel corso dell ultimo anno da parte di NetConsulting sull offerta e sulla domanda di servizi di Cloud Computing. Si ringraziano Repubblica - Affari & Finanza e Microsoft per il supporto all iniziativa. Un ringraziamento particolare va, inoltre, alle aziende che hanno fornito il loro prezioso contributo partecipando alle indagini di NetConsulting relative al Cloud Computing. NetConsulting

6 2 Il contesto di riferimento: il tessuto imprenditoriale di Bari A fine 2012, il numero di imprese registrate alla Camera di Commercio di Bari, incluse le realtà artigianali, era pari a Restringendo il perimetro di osservazione alle sole aziende attive, il numero scende a imprese. Negli ultimi cinque anni, tra il 2008 e il 2012, il tessuto imprenditoriale attivo nel Comune di Bari e provincia ha registrato un trend in calo in relazione sia alle imprese registrate, il cui numero si è ridotto con un tasso di crescita medio annuo pari al - 0,9%, sia alle realtà attive, il cui volume si è contratto con un intensità lievemente superiore con un tasso del -1,0%. Il picco negativo è stato registrato nel 2009 in corrispondenza del periodo di crisi che tra il 2008 e il 2009 ha interessato l intero scenario economico globale. Il 2010 ha al contrario registrato un ripresa, soprattutto per quanto riguarda le realtà attive, mentre tra il 2011 e il 2012 si è assistito ad un ulteriore calo del numero di imprese a causa dell inasprimento delle condizioni economiche mondiale particolarmente evidente a partire proprio dalla seconda metà del 2012 (Fig. 1). Figura 1 Numero di imprese registrate e attive nel Comune di Bari, Fonte: elaborazione NetConsulting su Unioncamere - Movimprese, 2013 Tali dinamiche collocano Bari e provincia al di sotto non solo della media regionale ma anche di quella Italiana - caratterizzate da una contrazione meno intensa sia delle realtà registrate sia di quelle attive. In maggior dettaglio, il tasso di crescita medio annuo del numero di imprese in Puglia risulta pari a -0,4% e a -0,5% per quanto riguarda rispettivamente le aziende registrate e quelle attive; a livello nazionale, nello stesso periodo, il numero delle imprese registrate si è mantenuto sostanzialmente inalterato, sebbene orientato al calo, mentre il volume di NetConsulting

7 aziende attive è calato dello 0,4%. Negli ultimi anni, l ecosistema di Bari e dintorni si è pertanto mostrato più debole rispetto al tessuto economico regionale e nazionale. Tale risultato è coerente con una struttura imprenditoriale che da sempre presenta una spiccata polarizzazione su attività riconducibili al comparto Commercio, soprattutto al dettaglio, una forte vocazione agricola ed una buona concentrazione di aziende di Costruzioni (Fig. 2). Figura 2 Composizione 2012 del numero di imprese registrate nel Comune di Bari per settore di attività per settore di attività Fonte: elaborazione NetConsulting su dati Camera di Commercio di Bari, Aprile 2013 Secondo i dati della Camera di Commercio di Bari, in questi comparti, peraltro tra i più sensibili alla crisi di consumi e investimenti degli utenti finali, opera complessivamente il 60% circa delle aziende registrate del Comune di Bari e provincia così suddivise: nel settore Commercio opera il 29,7% delle imprese registrate con un peso più elevato del Commercio al dettaglio (17,2%). In questo comparto, tra il 2011 e il 2012, si è assistito ad un calo del numero di realtà registrate pari a 216, di cui 127 riconducibili alle sole attività di vendita al dettaglio; il 18,1% delle aziende registrate svolge attività agricole in senso lato (silvicoltura, pesca etc.). Questa tipologia di attività ha subito nell ultimo biennio , 2012, una riduzione delle aziende registrate di 902 unità a causa, soprattutto, delle difficili condizioni del settore agricolo che ha assistito, infatti, ad una fuoriuscita di 892 realtà aziendali; NetConsulting

8 il 12% delle imprese registrate opera nel settore delle Costruzioni; il comparto tra il 2011 e il 2012 ha subito una flessione del numero di aziende registrate pari a 475 unità (Fig. 3). Figura 3 Variazione del numero di imprese registrate nel Comune di Bari per settore di attività per settore di attività Fonte: elaborazione NetConsulting su dati Camera di Commercio di Bari, Aprile 2013 L Industria manifatturiera, con il 9,6% delle aziende registrate, e i Servizi di alloggio e ristorazione, con il 5,0% delle imprese registrate, rappresentano rispettivamente il quarto e il quindi settore del tessuto imprenditoriale di Bari e provincia: l industria manifatturiera della zona appare frammentata e non mostra, pertanto, polarizzazioni significative ad eccezione dei comparti alimentare e abbigliamento. Il primo comparto è dominato dalla produzione di olio per la quale è stata istituita da tempo la Denominazione di Origine Protetta Terra di Bari ; il settore dell abbigliamento è espressione di uno dei più importanti distretti industriali a livello nazionale (Filiera Moda Puglia). Il settore manifatturiero ha assistito ad una riduzione del numero di imprese registrate complessivamente pari a 447 unità; il settore dei Servizi di alloggio e ristorazione appare in controtendenza e, infatti, tra il 2011 e il 2012 è stato caratterizzato da un incremento pari a 213 nuove realtà aziendali registrate. Ciò riflette la vocazione turistica in crescita dell area barese evidente negli ultimi dati dell Osservatorio sul Turismo della Regione Puglia, relativi all estate 2012, che infatti per Bari e provincia mostrano un incremento degli arrivi nel mese di agosto pari al +1% rispetto ai trend NetConsulting

9 in calo delle provincie di Foggia e Lecce (-5,9% e -6,3% rispettivamente), aree su cui tradizionalmente si concentra la maggioranza dei visitatori e per le quali la domanda turistica appare decisamente più matura. Da segnalare, inoltre, il comparto dei Trasporti in cui opera complessivamente il 2,9% delle imprese registrate, riconducibili prevalentemente a operatori di trasporto via terra. Il comparto ha subito complessivamente un calo di aziende registrate pari a 216, causato dalla flessione non solo delle attività di trasporto via terra ma anche di quelle marittime. A questo proposito, secondo i dati dell Autorità Portuale del Levante tra il 2011 e il 2012, il traffico traghetti è calato del 6% circa, con riferimento ai passeggeri, e del 9% circa, con riferimento alle auto mentre il traffico merci ha subito una riduzione in volume di oltre il 17%. Infine, vanno evidenziate le aziende ICT, riconducibili al comparto dei Servizi di informazione e comunicazione che rappresentano una quota dell 1,3% sul totale delle imprese registrate a Bari e dintorni. Il comparto ICT appare in controtendenza positiva: in questo settore, nell ultimo biennio , nel Comune di Bari si sono aggiunte 52 nuove realtà. Alla dinamica, hanno, senza dubbio, contribuito le attività svolte dal Distretto Produttivo dell Informatica dirette a incrementare il ruolo delle imprese ICT locali nel tessuto produttivo della Puglia, a rappresentare le esigenze e le necessità di crescita della aziende dell'information Technology pugliese, a favorirne lo sviluppo, a porsi come interlocutore della Regione Puglia nella programmazione delle politiche di sviluppo regionale. In linea con la situazione Italiana, secondo gli ultimi dati della Camera di Commercio di Bari relativi al 2012, la netta maggioranza delle aziende registrate nel Comune di Bari, pari al 99,55%, si colloca nella fascia dimensionale inferiore ai 50 addetti. All interno di questo target dimensionale, le micro imprese del territorio di Bari come meno di 10 addetti - rappresentano il 95,27% del totale delle imprese registrate, peso significativamente superiore a quello rilevato a livello nazionale pari al 94,6%. Le aziende di medie dimensioni, con una forza lavoro compresa tra i 50 e i 249 addetti, rappresentano lo 0,40%. Sostanzialmente trascurabile, pari allo 0,05%, è la quota delle aziende con oltre 250 addetti. Una struttura aziendale così sbilanciata sulle fasce dimensionali inferiori fa sì che il tessuto imprenditoriale del Comune di Bari sia influenzato in modo particolarmente negativo dal permanere delle difficili condizioni economiche: basti pensare che la netta maggioranza delle fuoriuscite registrate tra il 2011 e il 2012 dall ecosistema di Bari (complessivamente pari a 1.600) ha interessato proprio le aziende di minori dimensioni, soprattutto la componente di micro imprese, per le quali le problematiche di tipo finanziario appaiono particolarmente critiche. Da questo punto di vista, gli ultimi dati rilasciati da Unioncamere ad Aprile 2013 relativi al primo trimestre 2013, non lasciano particolari speranze per una ripresa nel breve periodo. Alla fine dello NetConsulting

10 scorso Marzo, infatti, nel territorio di Bari il saldo tra imprese iscritte e cessate - su uno stock di aziende - si è confermato negativo, pari a -639, e corrispondente ad un calo dello 0,42%. Considerando le sole imprese artigiane, su uno stock di aziende, il saldo risulta pari a -480 corrispondente ad una contrazione del -1,53%, meno intensa rispetto alla media regionale ma più significativa della media Italiana (Tab. 1). Tabella 1 Nati-mortalità delle imprese nel Comune di Bari, in Puglia e in Italia, 1Q2013 Stock Saldo Tasso di crescita Bari ,42% di cui imprese artigiane ,53% Puglia ,68% di cui imprese artigiane ,62% Italia ,51% di cui imprese artigiane ,47% Fonte: Unioncamere - Movimprese, Aprile 2013 Per questo motivo, è importante che Enti ed attori pubblici, non solo locali e regionali ma anche nazionali, continuino a promuovere azioni e misure dirette a favorire l avvio, da parte delle aziende del territorio, di strategie di crescita agendo su una serie di strumenti che possano rendere meno intense le criticità, particolarmente pesanti per le PMI, derivanti dall eccessivo peso fiscale, dalla complessità del mondo del lavoro, dal difficile accesso al credito, dagli intralci burocratici e dalla mancanza di infrastrutture moderne. Da questo punto di vista, le più importanti iniziative in tal senso sono così sintetizzabili: lo scorso Marzo, la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Bari la reso nota l istituzione di una serie di voucher, ovvero contributi a fondo perduto, che possano supportare le strategie di internazionalizzazione di micro, piccole e medie imprese attraverso l acquisto di servizi consulenziali e la partecipazione a missioni economiche e a fiere internazionali all estero; a Gennaio 2013, la Regione Puglia ha lanciato un bando volto a stabilire una serie di agevolazioni pensate specificatamente per le piccole e medie imprese attive nel settore del commercio al dettaglio a supporto, in particolare, delle spese finalizzate alla realizzazione di nuovi impianti oppure all ammodernamento, all ampliamento, alla ristrutturazione o al trasferimento di una unità locale già esistente. Il bando intende favorire anche lo sviluppo e l innovazione delle imprese attraverso incentivi all ecommerce. Le risorse disponibili sono pari a ,24 euro di cui ,00 euro riservati ad interventi presentati da associazioni di imprese. In maggior dettaglio, il supporto è concesso nella forma di contributo a fondo NetConsulting

11 perduto nella seguente misura: nel limite massimo di Euro, pari al 70% sulle spese ammesse per i programmi di investimento presentati dalle PMI del commercio; nel limite massimo di Euro, pari al 70% sulle spese ammesse, per i programmi di investimento presentati da associazioni temporanee di impresa o da consorzi; a Settembre 2012, la Camera di Commercio di Bari ha lanciato un progetto sperimentale, chiamato Valore Assoluto, finalizzata a supportare iniziative imprenditoriali particolarmente innovative nella loro fase più critica di avvio; sempre a Settembre 2012, la Camera di Commercio di Bari ha lanciato un bando per la concessione di contributi in conto interesse alle PMI nel più ampio quadro delle attività svolte a favore della promozione dell informazione ed assistenza sul sistema dei finanziamento pensati non solo le piccole e medie imprese ma anche per le aziende dei settori manifatturiero, commercio, turismo, per le realtà artigiane e per l imprenditoria femminile. Vanno poi citate tutte le iniziative riconducibili al vasto ambito di progetti finalizzati a fare di Bari una vera e propria Smart City. Si tratta di piani che coinvolgono anche interlocutori a livello nazionale e che sono stati avviati a partire dall inizio del 2011, quando Bari ha ufficialmente assunto la definizione di Smart City con l obiettivo di evolvere verso un modello di città creativa, inclusiva, dinamica, sostenibile e perfettamente calata nell area internazionale, Europea e Mediterranea. In questo contesto, di particolare rilievo appare il finanziamento del MIUR all interno del bando Smart Cities and Communities and Social Innovation di una serie di progetti finalizzati alla formulazione di un insieme di servizi innovativi in materia di energia, sanità, educazione e servizi telematici. Sono quattro i progetti di ricerca che tra Giugno e Luglio 2012 hanno ricevuto i finanziamenti del MIUR e che nei primi mesi del 2013 hanno assistito ad una prima concretizzazione. In tutti i casi, la città di Bari rappresenta il luogo primario per le attività di ricerca e sperimentazione: Smart Health e Cluster OSDH, Smart FSE, Staywell: gruppo di attività sui principali temi della sanità 2.0. Sono coinvolte nella sperimentazione, oltre alla Puglia, la Calabria, la Campania e la Sicilia; il contributo complessivo è di ,11 Euro; Progetto Prisma: sviluppo di una piattaforma Open di Cloud Computing per i servizi di egovernment su cui realizzare una serie di applicazioni per la PA. Il contributo assegnato in questo caso risulta pari a ,87 Euro. Le Regioni coinvolte sono Campania, Puglia e Sicilia; Progetto 3.0: il progetto si propone di offrire una soluzione strutturata e solida a tutta la filiera dell istruzione, dalla scuola primaria fino alla formazione professionale, operando su modelli didattici e organizzativi, contenuti multimediali e interattivi, infrastrutture NetConsulting

12 tecnologiche abilitanti per l erogazione di servizi in Cloud a docenti, studenti, famiglie e istituti di ogni ordine e grado. Le Regioni coinvolte sono Campania, Puglia e Sicilia e il contributo ammonta a ,12 Euro; Progetto Res Novae, Sinergreen, Sem Smart Energy Master: attività di ricerca sui sistemi di produzione e gestione dell energia, sulle reti di distribuzione e storage a livello locale. Sono coinvolte nella sperimentazione, oltre alla Puglia, la Calabria, la Campania e la Sicilia; il contributo complessivo è di ,97 Euro. L ambito energetico assume da sempre una particolare rilevanza all interno delle strategie Smart City di Bari. Si segnala, a questo proposito, il lancio nel Giugno 2012 di un progetto volto a favorire la riduzione dei consumi energetici degli edifici e finalizzato a creare un quartiere modello nella zona di Japigia completamente realizzato con pannelli solari e reti elettriche integrate (Smart Grid). Continuano ad essere allo studio progetti green anche per il porto e l aeroporto con l obiettivo ultimo di ridurre l emissione di gas serra del 36% entro il Inoltre, a partire da Settembre 2012, si sono susseguite una serie di altre iniziative così sintetizzabili: Settembre 2012: formulazione di un nuovo regolamento edilizio che renda obbligatorio il miglioramento dell isolamento termico degli edifici presenti nel Comune di Bari; Dicembre 2012: STP Bari è stata la prima azienda di trasporto pubblico del Sud Italia a mettere a disposizione dei propri passeggeri un servizio accessibile da cellulare e smartphone che consente l acquisto del biglietto dell autobus in formato elettronico attraverso il credito telefonico inviando un SMS e enza alcun bisogno di registrazioni o di altre operazioni aggiuntive; Gennaio 2013: avvio di un network di distributori/ colonnine per la ricarica di veicoli elettrici collocate in ambiti strategici della città individuati sulla base di un analisi approfondita del territorio e dei flussi di traffico; Maggio 2013: Bari, insieme a Ancona, Firenze, Genova e Settimo Torinese, ha firmato il Piano Nazionale per le Città, un programma - formulato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che risponde all esigenza di rigenerazione urbana di aree periferiche e particolarmente depresse. Pur non essendo legato direttamente al tema delle Smart Cities, il Piano affronta aspetti come lo sviluppo e la riqualificazione implicitamente rilevanti per le città intelligenti. A fronte di un cofinanziamento nazionale di 318 milioni di Euro (224mln provenienti dal Fondo Piano Città e 94 dal Piano Azione Coesione per Zone Franche Urbane dove si concentramo programmi di defiscalizzazione per le PMI) è prevedibile che le singole iniziative nell ambito del Piano attiveranno progetti per un valore di oltre 4 miliardi di Euro, tra fondi NetConsulting

13 pubblici e privati. Nel caso di Bari, il focus dei progetti è rappresentato da un insieme articolato di interventi, per un valore complessivo di 8,2 milioni di Euro, finalizzati alla valorizzazione del litorale ovest e alla progettazione di una serie di collegamenti a favore della mobilità sostenibile centrati su due assi principali: aeroporto-città e porto-stazione. La Figura 4 mostra una sintesi delle principali caratteristiche del tessuto imprenditoriale barese e delle iniziative più importanti avviate a vari livelli a sostegno delle piccole e medie imprese così come dell informatizzazione del territorio. Figura 4 Il tessuto imprenditoriale del Comune di Bari e le principali iniziative a sostegno del business in sintesi Fonte: elaborazione NetConsulting su dati Camera di Commercio di Bari e su fonti varie NetConsulting

14 3 Le piccole e medie imprese in Italia Nel contesto economico Italiano, la fascia di aziende di piccole (fino a 50 addetti) e medie dimensioni ( addetti) rappresenta il segmento imprenditoriale più importante non solo in termini di numerosità di imprese ma anche di valore aggiunto prodotto. Questa caratteristica rende sostanzialmente unica la base produttiva Italiana soprattutto se confrontata con le dimensioni delle aziende che operano in Europa. Ma ciò che rende ancor più particolare il tessuto imprenditoriale Italiano è la significativa concentrazione di realtà aziendali di dimensioni minime. Infatti, all interno della fascia addetti, sono in particolare le microimprese, ovvero le realtà aziendali con organici inferiori a 10 addetti, a mostrare il peso e l incidenza maggiori all interno del sistema produttivo Italiano (Fig. 5). Figura 5 Caratteristiche delle PMI in Italia Fonte: elaborazione NetConsulting su dati Ministero per lo Sviluppo Economico, Cambridge Econometrics (dati previsionali) e ISTAT (*) Nota: la classe dimensionale è definita secondo il Decreto del Ministero delle Attività Produttive 18 aprile 2005 (G.U.R.I. 12 ottobre 2005, n. 238) In maggior dettaglio, secondo le elaborazioni condotte dal Ministero per lo Sviluppo Economico sui dati previsionali di Cambridge Econometrics e di ISTAT, in Italia il numero delle imprese dell industria e dei servizi di mercato (ad esclusione del comparto dell intermediazione monetaria e finanziaria) risulta pari a Tali realtà impiegano poco più di 15 milioni di addetti e producono un valore aggiunto complessivo pari a circa 619 miliardi di euro. Di queste aziende, il 99,9% è costituito da realtà di piccole e medie dimensioni il cui organico rappresenta l 80% circa del totale della forza lavoro per un valore aggiunto pari a 422 miliardi di NetConsulting

15 euro, ovvero oltre il 68% del valore aggiunto prodotto a livello nazionale. La quota di microimprese risulta, invece, pari al 94,6% e scende sensibilmente nei principali Paesi Europei. Tale percentuale appare significativamente più contenuta soprattutto nel Regno Unito e in Germania dove è pari, rispettivamente, all 89,4% e all 83,3%. A causa delle dimensioni mediamente molto contenute, il segmento delle piccole e medie imprese Italiane si è mostrato particolarmente sensibile alle difficili condizioni economiche globali e, quindi, vulnerabile. Ciò appare evidente dall andamento dell indice di fiducia complessivo delle PMI che Unicredit monitora a partire dal 2004 e che negli ultimi anni ha evidenziato un peggioramento significativo delle opinioni degli imprenditori toccando, nel 2012, il picco negativo in assoluto, corrispondente ad un calo di 10 punti dall anno di inizio delle rilevazioni. Se nel 2011, per la prima volta dal 2004, tutti i fattori costituenti la fiducia si sono collocati sotto la soglia dell ottimismo, nel corso del 2012, oltre alla conferma di questa tendenza, si è evidenziato un ulteriore peggioramento su ogni singolo elemento. I giudizi peggiori sono stati espressi riguardo all andamento dei ricavi (-10 punti rispetto al 2011) e alla situazione del settore di appartenenza (- 9 punti rispetto al 2011). I due fattori esogeni (andamento dell economia generale e situazione del settore) anche quest anno risultano oggetto dei pareri più negativi, senza dubbio resi ancor più critici da un assetto politico che fino ad adesso non è stato in grado di risolvere le principali problematiche economiche del Paese e dei principali comparti economici (Fig. 6). Figura 6 Indice di fiducia delle PMI in Italia Fonte: Osservatorio Unicredit Piccole Imprese, 2012 NetConsulting

16 Le opinioni degli imprenditori attivi nel comune di Bari appaiono maggiormente orientate all ottimismo (77 contro il 73 rilevato a livello nazionale). Le risposte fornite dagli imprenditori baresi evidenziano, quindi, come il territorio del capoluogo pugliese, nonostante le difficili condizioni economiche che lo appesantiscono, mostri comunque alcuni spazi di crescita sebbene non uniformemente distribuiti su tutti i comparti economici. Sono tre i fattori caratterizzati da opinioni maggiormente ottimiste rispetto alla situazione nazionale: andamento occupazionale, tale elemento beneficia delle dinamiche demografiche positive registrate nel 2012 non solo dalle aziende dei comparti riconducibili alle attività turistiche e all erogazione di servizi professionali ma anche dalle realtà del settore ICT; propensione agli investimenti, in quest ambito la fiducia degli imprenditori locali dipende molto probabilmente dall insieme articolato di iniziative che gli Enti locali e gli attori nazionali hanno avviato nel corso del 2012 a supporto delle loro strategie di crescita (internazionalizzazione, supporto a start-up e a finanziamenti, agevolazioni per le PMI del settore Commercio etc.); situazione economica generale, pur essendo il fattore caratterizzato dal minor livello di fiducia, il maggior ottimismo degli imprenditori baresi rispetto alla media nazionale può essere determinato da una percezione di maggiore stabilità della politica economica locale, in particolare a livello comunale, soprattutto se confrontata con quella Italiana. Tutti gli altri elementi alla base della fiducia degli imprenditori locali si sono attestati su livelli inferiori a quelli medi nazionali. Si segnalano, a questo proposito, le attese sui tempi dell incasso e sull andamento dei ricavi che appaiono particolarmente negative a dimostrazione di posizioni creditizie generalmente precarie e di situazioni economiche in specifici comparti tuttora molto critiche. Permangono, infine, le difficoltà di accesso al credito. 3.1 Le priorità business delle piccole e medie imprese Italiane In linea con l inasprimento delle condizioni economiche nazionali e dello scenario mondiale, le principali sfide business delle piccole e medie imprese Italiane appaiono polarizzate sull avvio di iniziative finalizzate alla razionalizzazione dei costi che, evidentemente, continuano a rappresentare, anche per questo target dimensionale, le principali contromisure in risposta alla difficile congiuntura. Tra le altre sfide competitive, va segnalata anche la necessità di innovare prodotti e servizi e, contestualmente, di migliorare le relazioni con i propri clienti. Nello specifico, si rileva una crescente diversificazione delle offerte nel tentativo di rispondere in modo più efficace alle esigenze dei propri clienti, tematica particolarmente cara a tutte quelle realtà che godono di un rapporto diretto con i consumatori finali. NetConsulting

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT PRISMA Progetto PRISMA SMART CITIES AND COMMUNITIES AND SOCIAL INNOVATION Cloud Computing per smart technologies PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare maggio 2014 E giunto il momento di allontanare per sempre l idea che la Nuvola possa identificarsi unicamente come un collage di soluzioni e servizi IT standard o commodity. Un sempre maggior numero di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY L evoluzione dell IT attraverso il Cloud White Paper per www.netalia.it Marzo 2015 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI

inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI Artigiana Marmi S.r.l. Via L.Nobili, 9-61032 Rosciano di Fano (PU) tel. +39 0721.820216 - fax +39 0721.868497 info@artmarmi.it - www.artmarmi.it

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Osservatorio Internet of Things

Osservatorio Internet of Things Osservatorio Internet of Things Internet of Things, mercato e applicazioni: quali segnali dall Italia e dal mondo? Angela Tumino, angela.tumino@polimi.it Innovation Day, 25 Settembre 2014 L Internet of

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli