Comune di Sarroch. Provincia di Cagliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Sarroch. Provincia di Cagliari"

Transcript

1 Comune di Sarroch Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 29 OGGETTO: REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO ALLE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI MEDIANTE AGEVOLAZIONI FISCALI E FINANZIARIE: RATIFICA MODIFICA AGLI ARTT. 1, 7 E 8. L'anno duemilaquindici addì undici del mese di Novembre alle ore 19:20 nella sala delle adunanze Consiliari. Previa l osservanza di tutte le formalità prescritte dal T.U.EE.LL. e dallo Statuto comunale, sono stati convocati a seduta i Consiglieri Comunali. All appello risultano: PRESENTI ASSENTI MATTANA SALVATORE DESSÌ ANGELO MELIS IGOR MELONI GIANLUIGI COIS VITTORIO GUISO EFISIO ANDREA MELONI GIOVANNI SPANO MANUELA SALIS MASSIMILIANO MARTIS FERMINO SPIGA MIRKO MELIS MANUELA PAVANETTO GIORGIO NAPPI GIOVANNI BUONOMO ATTILIO MELONI BIANCAROSA ORRÙ GABRIELLA Totale Presenti: 15 Totali Assenti: 2 Assiste il Segretario Comunale Dr.ssa Tegas Lucia che provvede alla redazione del presente verbale. Essendo legale il numero degli intervenuti, il Sindaco Salvatore Mattana, assume la presidenza del Consiglio e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell oggetto sopra indicato. La seduta è pubblica

2 IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE l Amministrazione Comunale nel suo programma politico di governo ha ritenuto e ritiene molto importante il sostegno e l incentivazione di tutte le attività imprenditoriali per favorire la crescita anche dal punto di vista economico del territorio; DATO ATTO CHE in quest ottica ha già avviato con fondi propri quest attività di sostegno alle imprese come da delibera della Giunta Comunale n. 178 del concernente l approvazione di un bando per l assegnazione di contributi per l avvio e/o lo sviluppo di iniziative imprenditoriali locali finalizzate all occupazione - anno 2011; RICHIAMATA la delibera n.13 del di questo Consiglio Comunale con la quale veniva approvato il Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali e finanziarie al fine di agevolare e stimolare le iniziative in campo economico; RICHIAMATO altresi l avviso pubblico della Regione Sardegna - Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale per la selezione di Progetti Operativi per l Imprenditorialità Comunale - (POIC) a valere sul fondo PISL POIC FSE che prevede la concessione di incentivi rimborsabili finalizzati a promuovere e sostenere la creazione di impresa e lo sviluppo di imprenditorialità (inteso sia come auto-imprenditorialità, sia cooperative) e di promuovere opportunità lavorative per disoccupati e inoccupati (in particolare giovani e donne) quale politica attiva del lavoro e di sviluppo sociale sul proprio territorio; RICHIAMATA la lettera della Sfirs ns protocollo 637 del 21/01/2014 che comunicava che a seguito della pubblicazione dell autorità di Gestione FSE n.454/det/3 del 08/01/2014 il progetto presentato dal Comune di Sarroch era ammesso alla Fase II a condizione che venissero riportate alcune modifiche con integrazioni al Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali e finanziarie inserendo quali beneficiari delle agevolazioni fiscali e finanziarie anche le tutte le imprese beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC FSE PREMESSO CHE a seguito del bando della RAS del " 3 Avviso per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del fondo microcredito FSE POR FSE sono state ammesse al contributo alcune imprese locali; RICHIAMATA la delibera della Giunta Comunale n.71 del 02/09/2015 con la quale si propone una modifica agli artt.7 e 8 del Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali e finanziarie; RICHIAMATA la delibera del Consiglio Comunale n. 22 del con la quale si e proceduto ad una modifica del Regolamento per il sostegno alle attivita imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali e finanziarie, inserendo fra i beneficiari anche le imprese non di nuova costituzione beneficiari dell operazione POIC. PRESO ATTO che a seguito della delibera del Consiglio Comunale n. 22 del la Sfirs chiedeva con posta certificata del ns prot.8089 del un ulteriore modifica da apportare al Regolamento al fine di meglio specificare i soggetti beneficiari delle agevolazioni del Regolamento comunale inoltre suggeriva di indicare che le modifiche erano da intendersi come tali non trattandosi dell approvazione di un nuovo regolamento; RITENUTO di dover procedere alla approvazione della modifica con integrazioni degli art.1, 7 e 8 del Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali e finanziarie di seguito elencati: -Art.1 va aggiunto alla fine dell articolo dopo la data data VISTA la Deliberazione del Consiglio comunale n.13 del con la quale l Ente, in ottemperanza alla normativa vigente in materia Poic, si dotava di un Regolamento per il sostegno delle attivita imprenditoriali; VISTA la comunicazione Sfirs n del , con la quale il Soggetto Attuatore del Fondo PISL-POIC-FSE invitava l Ente ad apportare le modifiche al Regolamento per il sostegno alle attivita imprenditoriali in vigore, finalizzate all inclusione di tutte le imprese beneficiare degli interventi a valere sull operazione POIC finanziata. - Art. 7 TIPOLOGIA DI INCENTIVI al comma 2 dopo la congiunzione e è aggiunto per quindi la nuova lettura del coma 2 sarà la seguente: Le agevolazioni fiscali consistono nella possibilità dell'esenzione totale o

3 parziale dal pagamento di tasse e tributi comunali per le imprese di nuova costituzione e per tutte le imprese beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC FSE che potranno essere concesse con successivo atto della G.C. in attuazione del presente regolamento. Art. 8 AGEVOLAZIONI FISCALI Ai commi 3,4,5,e 6 fino (al massimo) al terzo anno di attività viene sostituito da.. per un periodo massimo di tre anni decorrenti dalla data di avvio dell attività, per le imprese di nuova costituzione, e di erogazione del finanziamento POIC per le imprese esistenti beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC-FSE. Quindi la nuova lettura sara la seguente: IMU (per la parte di competenza comunale) si prevede la possibilità dell'esenzione totale/parziale per un periodo massimo di tre anni decorrenti dalla data di avvio dell attivita, per le imprese di nuova costituzione, e di erogazione del finanziamento POIC per le imprese esistenti beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC-FSE. TARSU si prevede la possibilità dell'esenzione totale/parziale per un periodo massimo di tre anni decorrenti dalla data di avvio dell attivita, per le imprese di nuova costituzione, e di erogazione del finanziamento POIC per le imprese esistenti beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC-FSE. TOSAP si prevede la possibilità dell'esenzione totale/parziale per un periodo massimo di tre anni decorrenti dalla data di avvio dell attivita, per le imprese di nuova costituzione, e di erogazione del finanziamento POIC per le imprese esistenti beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC-FSE. TASSA SULLA PUBBLICITA' si prevede la possibilità dell'esenzione totale/parziale per un periodo massimo di tre anni decorrenti dalla data di avvio dell attivita, per le imprese di nuova costituzione, e di erogazione del finanziamento POIC per le imprese esistenti beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC-FSE. ACQUISITO il parere favorevole, sotto il profilo tecnico, espresso dal Responsabile del Settore Amministrativo, ai sensi dell art.49 del T.U.EE.LL. Acquisito il parere favorevole di regolarità tecnica espresso ai sensi dell articolo 49 del Tuel. Sentito il Sindaco che illustra l argomento; Sentita la Consigliera Bianca Meloni che anticipa la dichiarazione di voto favorevole del gruppo di minoranza per le motivazioni già espresse in occasione dell approvazione del Regolamento, trattandosi di interventi in favore delle imprese; Sentito il Consigliere Andrea Guiso che chiede se sia possibile fare una proposta di riapertura dei termini del bando della RAS, in considerazione del fatto che dei ,00 euro destinati al territorio di Sarroch, se ne stanno utilizzando solo ,00 per le due imprese beneficiarie; Il Sindaco risponde che si farà portavoce di tale richiesta. Dato atto che l intera discussione è stata registrata sul nastro magnetico, a disposizione dei Consiglieri. Sentito il Sindaco che pone a votazione l argomento; Con voti unanimi, resi per alzata di mano; D E L I B E R A A) Di approvare la proposta di modifica con integrazione agli artt. 1, 7 e 8 al Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali e finanziarie, specificando che il numero complessivo di n.16 articoli rimane invariato. B) Di allegare copia del Regolamento modificato al presente atto, per farne parte integrante e sostanziale.

4 Letto, approvato e sottoscritto. IL SINDACO F.to Salvatore Mattana IL SEGRETARIO COMUNALE F.to Lucia Tegas ATTESTAZIONE Al SENSI DELL'ART. 49 DEL T.U.E.L. Parere di regolarità tecnica Favorevole IL RESPONSABILE F.to Efisio Alessandro Caschili 11/11/2015 CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Si certifica che la presente deliberazione è stata pubblicata all albo pretorio dal 16/11/2015 per rimanervi giorni 15 consecutivi a norma dell art.124 del T.U.E.L. e contestuale comunicazione ai capigruppo consiliari, ai sensi dell art.125 del T.U.E.L. Per copia conforme all' originale IL SEGRETARIO COMUNALE F.to IL SEGRETARIO COMUNALE F.to Lucia Tegas

5 Comune di Sarroch Provincia di Cagliari Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali e finanziarie Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 13 del , modificato con delibera del Consiglio Comunale n del

6 Il Consiglio Comunale, ritenendo di dover dotare l Ente di uno strumento normativo che incentivi lo sviluppo socio economico del proprio territorio dispone: Art.1 RIFERIMENTI NORMATIVI VISTO il Regolamento 1310/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 13 dicembre 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio per quanto riguarda gli aiuti rimborsabili e l ingegneria finanziaria e alcune disposizioni relative alla dichiarazione di spesa. VISTI i Regolamenti (CE) 1080/2006 e 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio VISTO il Regolamento (CE) 1083/2006 del Consiglio dell 11 luglio VISTA la nota di orientamento su strumenti di ingegneria finanziaria ai sensi dell art. 44 del Regolamento (CE) 1083/2006 del 21/2/11 della Commissione Europea Direzione Regionale Politica Regionale (COCOF_ EN). VISTO il Regolamento (CE) 1828/2006 della Commissione e sue successive modifiche. VISTO il Regolamento (CE) 800/2008 della Commissione del 6 agosto VISTO il Regolamento (CE) 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre VISTI i Regolamenti (CE) 659/1999 del 22 marzo 1999; 994/1998 del 7 maggio 1998; 794/2004 del 21 aprile 2004; 1627/2006 del 24 ottobre 2006; 271/2008 del 30 gennaio 2008.

7 VISTI gli Orientamenti Comunitari in materia di aiuti di stato a finalità regionale (2006/C 54/08) VISTA la Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale approvata dalla Commissione europea il ; VISTA la Deliberazione del Consiglio comunale n.13 del con la quale l Ente, in ottemperanza alla normativa vigente in materia Poic, si dotava di un Regolamento per il sostegno delle attivita imprenditoriali; VISTA la comunicazione Sfirs n del , con la quale il Soggetto Attuatore del Fondo PISL-POIC-FSE invitava l Ente ad apportare le modifiche al Regolamento per il sostegno alle attivita imprenditoriali in vigore, finalizzate all inclusione di tutte le imprese beneficiare degli interventi a valere sull operazione POIC finanziata. ART. 2 FINALITA Il comune di Sarroch, attraverso il riconoscimento di specifiche agevolazioni fiscali e finanziarie intende adottare, al fine di incentivare lo sviluppo economico, supportare le attività imprenditoriali e favorire i processi occupazionali, strumenti volti a: - promuovere e sostenere la creazione di impresa e lo sviluppo dell imprenditorialità esistente sia nella forma dell auto-imprenditorialità che delle cooperative; - promuovere opportunità lavorative per disoccupati e inoccupati, (in particolare giovani e donne) quale politica attiva del lavoro e di sviluppo sociale sul proprio territorio. Le agevolazioni di cui al presente Regolamento, si configurano come Aiuti de minimis ai sensi del Regolamento (CE) n. 1998/2006.

8 ART. 3 SOGGETTI BENEFICIARI Possono accedere alle agevolazioni di cui al presente Regolamento i soggetti che: - possiedano i requisiti morali e professionali previsti dalla legge per l esercizio di un attività produttiva; - intendano ubicare la propria attività nel comune di Sarroch; - si impegnino a mantenere in esercizio l attività e a non cederla a terzi per un periodo di almeno tre anni. ART. 4 INIZIATIVE AMMESSE ALLE AGEVOLAZIONI COMUNALI 1. Iniziative imprenditoriali esistenti ( imprese individuali, snc, srl, cooperative, ecc); 2. nuove iniziative ( imprese individuali, snc, srl, cooperative, ecc) localizzate all interno del territorio del Comune di Sarroch, che favoriscano opportunità lavorative per disoccupati e inoccupati. ART. 5 SETTORI AMMISSIBILI Le agevolazioni di cui al presente Regolamento possono essere concesse per le imprese operanti in tutti i settori economici eccetto quelli per cui la normativa regionale, nazionale e comunitaria prevede specifiche esclusioni. Nei bandi, avvisi e programmi di attribuzione di agevolazioni specifiche, saranno individuati i settori economici prioritari per lo sviluppo locale, rispetto ai quali saranno assegnate specifiche e prestabilite premialità. ART. 6 INVESTIMENTI AMMISSIBILI

9 - Spese di funzionamento e gestione. - Occupazione di nuove risorse umane. - Avvio nuova impresa ( spese generali). - Realizzazione di nuovi investimenti impresa già avviata ( spese generali). - Acquisto di macchinari. - Acquisto di impianti e attrezzature. - Acquisto di mezzi mobili ( funzionali all attività di impresa). - Ristrutturazione, manutenzione e opere murarie. - Adeguamento e messa a norma laboratori o edifici in cui si svolgono le attività di impresa. - Investimenti innovativi, tecnologie dell informazione e della comunicazione. - Spese per la formazione e l aggiornamento del personale. I costi relativi alle nuove risorse umane occupate ( oneri e retribuzioni), sono ammissibili solo qualora sulle stesse non siano già stati concessi sgravi contributivi con altre leggi e altri programmi di incentivazione. La percentuale di spesa oggetto di co-finanziamento sarà stabilita nel rispetto di quanto disposto dai singoli programmi di spesa di volta in volta attivati e dai Regolamenti UE relativi ai Fondi utilizzati ( FSE, FESR, ecc). Non sono ammissibili i costi per interessi passivi e imposta sul valore aggiunto recuperabile. ART. 7 TIPOLOGIA DI INCENTIVI Gli incentivi alle imprese di cui al presente Regolamento si suddividono nelle due tipologie che seguono: a. agevolazioni fiscali b. agevolazioni di carattere finanziario.

10 Le agevolazioni fiscali consistono nella possibilità dell esenzione totale o parziale dal pagamento di tasse e tributi comunali per le imprese di nuova costituzione e per tutte le imprese beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC FSE, che potranno essere concesse con successivo atto della G.C in attuazione del presente regolamento. Le agevolazioni di carattere finanziario consistono nell erogazione di contributi finanziari sottoforma di: - aiuti rimborsabili ( micro-credito). - Contributi in conto capitale. - Contributi in conto interessi. - Altri contributi non rimborsabili ART. 8 AGEVOLAZIONI FISCALI Per le imprese di nuova costituzione e per tutte le imprese beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC FSE possono essere previste agevolazioni fiscali totali o parziali ( a seconda delle modalità di funzionamento del tributo) per i seguenti tributi/tasse di competenza comunale. Imprese di nuova costituzione e imprese beneficiare degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC FSE IMU ( per la parte di competenza comunale) si prevede la possibilità dell esenzione totale/parziale per un periodo massimo di tre anni decorrenti dalla data di avvio dell attivita, per le imprese di nuova costituzione, e di erogazione del finanziamento POIC per le imprese esistenti beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC-FSE. TARSU si prevede la possibilità dell esenzione totale/parziale per un periodo massimo di tre anni decorrenti dalla data di avvio dell attivita, per le imprese di

11 nuova costituzione, e di erogazione del finanziamento POIC per le imprese esistenti beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC-FSE. TOSAP si prevede la possibilità dell esenzione totale/parziale per un periodo massimo di tre anni decorrenti dalla data di avvio dell attivita, per le imprese di nuova costituzione, e di erogazione del finanziamento POIC per le imprese esistenti beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC-FSE. TASSA SULLA PUBBLICITA si prevede la possibilità dell esenzione totale/parziale per un periodo massimo di tre anni decorrenti dalla data di avvio dell attivita, per le imprese di nuova costituzione, e di erogazione del finanziamento POIC per le imprese esistenti beneficiarie degli interventi a valere sul Fondo PISL-POIC-FSE. L'esenzione complessiva ( risultante dalle sommatoria delle esenzioni relative ai singoli tributi/tasse) può arrivare a un massimo di 2.000,00 nel triennio. Per le Imprese di nuova costituzione il cui rappresentate legale sia un giovane ( massimo 35 anni di età) o una donna, l esenzione complessiva può arrivare a un massimo di 3.000,00 nel triennio. L esenzione parziale o totale può essere concessa solo a seguito di approvazione del Piano aziendale degli investimenti cui è connessa la domanda di agevolazione fiscale totale/parziale. Le agevolazioni fiscali di cui sopra vengono meno: - in caso di cessazione o cessione dell attività prima dei 3 anni come previsto dal precedente art. 3.; - nel caso del venir meno dei requisiti di ammissibilità di cui al presente Regolamento e dichiarati nella fase di domanda.

12 Nel caso specifico è prevista la restituzione delle agevolazioni concesse maggiorate dell interesse legale vigente alla data di richiesta delle somme impropriamente ricevute sottoforma di agevolazioni fiscali. ART. 9 AGEVOLAZIONI FINANZIARIE Le agevolazioni finanziarie previste dal presente regolamento rientrano nelle tipologie che seguono: a) aiuti rimborsabili. b) Contributi in conto/capitale. c) Contributi in conto/interesse. d) Altre forme di contribuzione non rimborsabili a) Aiuti rimborsabili ( microcredito) Con il microcredito si possono finanziare iniziative imprenditoriali promosse da categorie di soggetti con difficoltà di accesso al credito e in condizioni di svantaggio. Possono essere ammessi tutti i settori di attività economica a eccezione dei settori esclusi dai Regolamenti Comunitari vigenti. Sono considerate prioritarie le proposte che: - rientrano nelle seguenti categorie di attività: servizi al turismo, servizi sociali alla persona, tutela dell ambiente, ICT, risparmio energetico ed energie rinnovabili, servizi culturali e ricreativi, manifatturiero, commercio di prossimità, artigianato e servizi alle imprese. Il prestito, per un importo variabile da un minimo di 5.000,00 ad un massimo di ,00, viene concesso con un tasso di interesse nullo e una rateizzazione a cadenza mensile per la durata massima di 60 mesi dalla stipula del contratto. b) Contributi in conto/capitale Si tratta di formule contributive a fondo perduto. Vengono calcolati in percentuale delle spese ammissibili per un massimo del 50% dell investimento

13 complessivo. Non è prevista alcuna restituzione di capitale o pagamento di interessi. Il contributo può essere concesso a fronte di un investimento per la realizzazione di opere o l acquisto di beni strumentali che abbiano effetti durevoli sull impresa. Può essere prevista un anticipazione a fronte di adeguata garanzia da parte del beneficiario. Le restanti parti di contributo sono erogate dietro presentazione di regolari fatture quietanzate. c) Contributi in conto/interesse Il contributo in conto interessi può essere concesso in relazione a un finanziamento accordato da soggetti autorizzati all'esercizio dell'attività bancaria ed è pari a una quota, variabile in funzione delle singole agevolazioni degli interessi stessi. La gestione di questo incentivo può seguire due modalità procedurali: - erogazione di un finanziamento a tasso agevolato; - riconoscimento al beneficiario di un abbattimento percentuale del tasso assunto come rappresentativo delle condizioni di mercato. d) Altre forme di contribuzione non rimborsabili L Amministrazione può attivare altre forme di contribuzione a fondo perduto sia per le nuove attività, sia per il consolidamento di quelle già esistenti nei limiti consentiti dalle normative in vigore. ART. 10 PROCEDURA Possono presentare domanda di agevolazione fiscali e finanziarie le imprese esistenti o costituende, in forma singola, che alla data di presentazione della domanda, posseggono i seguenti requisiti a pena di esclusione: 1. essere regolarmente iscritte al registro delle imprese, a eccezione delle imprese di nuova costituzione, con sede legale e/o operativa nel Comune di Sarroch.

14 Per le imprese di nuova costituzione, gli adempimenti di legge relativi all iscrizione negli appositi registri, deve essere comprovata entro la data di ultimazione del programma di spesa pena la revoca delle agevolazioni concesse; 2. trovarsi nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo in stato di fallimento, concordato preventivo, amministrazione controllata o straordinaria, liquidazione coatta amministrativa o volontaria; 3. non trovarsi in una delle condizioni di difficoltà previste dalla Comunicazione della Commissione Europea 2004/C 244/02 in materia di Orientamenti Comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà. Tutti i suddetti requisiti devono essere posseduti per l'intero periodo di erogazione delle agevolazioni. Sono altresi esclusi dalle agevolazioni: 1. coloro i quali, sia a titolo personale che in qualità di titolari o amministratori di società o imprese in genere, hanno contenziosi di qualsiasi genere con il Comune di Sarroch e coloro i quali risultano morosi verso il Comune per tributi e tasse in genere. 2. i soggetti non in regola con l'assolvimento degli obblighi legislativi e contrattuali nei confronti di INPS, INAIL, Cassa Edile e/o altri enti previdenziali e/o assicurativi, secondo quanto attestabile nel documento unico di regolarità contributiva (DURC). L osservanza delle procedure, dei criteri e delle modalità stabilite dal presente regolamento costituisce condizione necessaria per la legittimità degli atti con i quali vengono disposte le concessioni degli incentivi da parte del Comune di Sarroch.

15 ART. 11 AMMONTARE DELLE AGEVOLAZIONI In sede di prima applicazione, l entità complessiva delle agevolazioni attivate dal Comune viene stabilita in un massimo di ,00 euro per ogni attività oggetto di contribuzione nel triennio che decorre dalla stipula del primo contratto di agevolazione fatta salva la disponibilità del bilancio comunale e/o di eventuali erogazioni di fondi devoluti da enti pubblici o privati. Le agevolazioni finanziarie e quelle fiscali sono cumulabili purchè non si superino i massimali previsti nel primo comma del presente articolo. Per gli anni successivi al terzo, l entità massima delle agevolazioni sarà individuata dalla Giunta comunale e commisurata alle disponibilità di bilancio dell Amministrazione comunale, all eventuale erogazione di fondi devoluti da enti pubblici o privati per il raggiungimento degli obiettivi indicati nel presente Regolamento e sempre nel pieno rispetto dei massimali previsti dal Regolamento (CE) 1998/2006 ( Disciplina aiuti de minimis). ART. 12 MODALITA PER L ACCESSO ALL EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE Le domande di accesso alle agevolazioni finanziarie finanziari di cui al presente regolamento, devono essere presentate nell ambito di apposite procedure di selezione (Bandi /avvisi pubblici). Le domande, redatte in conformità a quanto stabilito nei bandi, devono essere corredate della documentazione richiesta e pervenire entro i termini ivi indicati. L erogazione delle agevolazioni finanziarie è subordinata all accertamento dei presupposti e requisiti soggettivi e oggettivi stabiliti dal presente Regolamento ed

16 esplicitati nei bandi e avvisi specifici. I Bandi/avvisi per l assegnazione delle agevolazioni di carattere finanziario di cui al presente regolamento, possono essere collegati anche ad altre forme di sostegno alle imprese ovvero a iniziative aventi a oggetto il rilancio e/o la qualificazione di specifici settori. Art. 13 SANZIONI E DECADENZA DEL BENEFICIO Le imprese destinatarie delle agevolazioni si impegnano sin dal momento della presentazione delle istanze di finanziamento a rispettare tutte le norme e le leggi che regolano le agevolazioni pubbliche alle imprese. Le imprese destinatarie delle agevolazioni, s impegnano inoltre a consentire le verifiche dirette ad accertare la permanenza dei presupposti e requisiti che hanno condotto all attribuzione dei benefici, per la durata prevista nei relativi bandi e avvisi. Si ricorda che a seguito delle verifiche di cui al comma precedente, se dovesse risultare l insussistenza, originaria o sopravvenuta, dei presupposti e/o requisiti, la mancata congruenza tra gli interventi sostenuti e la relativa documentazione giustificativa, ovvero la mancata realizzazione degli interventi cui le agevolazioni sono collegate, sarà avviato il procedimento di revoca delle agevolazioni concesse, con attivazione della procedura di recupero delle somme eventualmente già erogate e/o delle agevolazioni fiscali già attivate. Art. 14 DISPOSIZIONE IN ORDINE ALLA PUBBLICITA DEGLI ELENCHI DEI BENEFICIARI. Fatta salva la pubblicazione degli elenchi dei beneficiari di agevolazioni fiscali e finanziarie, prevista dalla normativa vigente, alle concessioni di contributi derivanti dai singoli concorsi/avvisi sarà data adeguata pubblicità, attraverso pubblicazione nell Albo Pretorio on-line e sul sito internet dell Ente.

17 Art. 15 PUBBLICITA DEL REGOLAMENTO Copia del presente Regolamento, a norma dell'art. 22 della Legge 7 agosto 1990, n. 241 e ss.mm.ii, sarà tenuta a disposizione del pubblico perche ne possa prendere visione in qualsiasi momento. Art. 16 VIGENZA DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento entra in vigore ad avvenuta esecutività della deliberazione di approvazione.

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Comune di UTA Provincia di Cagliari Allegato A alla delibera C.C. n.31 del 04/10/2012 Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Comune di Sarroch Provincia di Caghari

Comune di Sarroch Provincia di Caghari \ N 13 Comune di Sarroch Provincia di Caghari VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE copia Oggetto: Approvazione ^^Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE All. A C.C. n. 30 del 08.08.2013 COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI SETTORE SERVIZI ALLA COMUNITA REGOLAMENTO COMUNALE INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI - A BENEFICIO DELLE ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Regolamento allegato alla deliberazione C.C. n. 3 del 13.3.2014 REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI In favore delle

Dettagli

COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA IMPRENDITORIALI Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina la concessione di agevolazioni

Dettagli

REGOLAMENTO AGEVOLAZIONI SU IMPOSTE COMUNALI PER LE IMPRESE OPERANTI E DI NUOVA COSTITUZIONE PRESENTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO AGEVOLAZIONI SU IMPOSTE COMUNALI PER LE IMPRESE OPERANTI E DI NUOVA COSTITUZIONE PRESENTI NEL TERRITORIO COMUNALE SEMINARIO INFORMATIVO REGOLAMENTO AGEVOLAZIONI SU IMPOSTE COMUNALI PER LE IMPRESE OPERANTI E DI NUOVA COSTITUZIONE PRESENTI NEL TERRITORIO COMUNALE 1 OGGETTO Regolamento disciplina la concessione di agevolazioni

Dettagli

Regolamento per la concessione di benefici alle nuove attività che si insediano nei centri storici del Comune di Spoleto

Regolamento per la concessione di benefici alle nuove attività che si insediano nei centri storici del Comune di Spoleto Città di Segreteria generale Regolamento per la concessione di benefici alle nuove attività che si insediano nei centri storici del Comune di.......... Il Regolamento per la concessione di benefici alle

Dettagli

Comune di Sarroch COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Provincia di Cagliari N 126

Comune di Sarroch COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Provincia di Cagliari N 126 Comune di Sarroch Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N 126 OGGETTO: Borse incentivanti lo studio destinate ai giovani laureati che hanno frequentato o sono iscritti

Dettagli

COMUNE DI VILLA D OGNA (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI VILLA D OGNA (Provincia di Bergamo) COMUNE DI VILLA D OGNA (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE OPERANTI E DI NUOVA COSTITUZIONE PRESENTI NEL TERRITORIO COMUNALE E PER LE AGEVOLAZIONI PER INTERVENTI

Dettagli

Comune di Sarroch. Provincia di Cagliari

Comune di Sarroch. Provincia di Cagliari Comune di Sarroch Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N 119 OGGETTO: COMODATO DI BENI MOBILI DI PROPRIETA' DEL COMUNE CON LA FONDAZIONE TEATRO LIRICO DI CAGLIARI

Dettagli

Oggetto: Approvazione Del Progetto "Beni Benius In Sa Lingua Sarda" - Richiesta di contributo per l'attuazione degli art. 9 e 15 della legge N.482/99.

Oggetto: Approvazione Del Progetto Beni Benius In Sa Lingua Sarda - Richiesta di contributo per l'attuazione degli art. 9 e 15 della legge N.482/99. Comune di Provincia di Sarroch Cagliari copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 46 Oggetto: Approvazione Del Progetto "Beni Benius In Sa Lingua Sarda" - Richiesta di contributo per l'attuazione

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE Approvati con deliberazione di C.C. n. 88 del 08/07/2008, modificati con successiva deliberazione

Dettagli

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 Caratteristiche generali: La Regione Sardegna, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 53/61 del 4.12.2009, ha previsto

Dettagli

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari N 111 Comune di Sarroch Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia Oggetto: Assegnazione di borse di studio agli studenti residenti laureati nell'anno accademico 2012/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 28 del 15/04/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 5 maggio 2010 n.87 (Ratifica Decreto Delegato 26 marzo 2010 n.58) Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 26 marzo

Dettagli

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari Comune di Sarroch Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ^'-T IM N 44 OGGETTO: Tariffe d'uso impianti sportive e palestre scolasticlie anno 2014 - Approvazione L'anno duemilaquattoridici

Dettagli

copia n 337 del 16.11.2012

copia n 337 del 16.11.2012 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 337 del 16.11.2012 OGGETTO : ISTITUZIONE SPORTELLO INFORMATIVO COMUNALE SUL FONDO MICROCREDITO FSE 2007-2013. APPROVAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE FINALIZZATO

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 OGGETTO: PSR PUGLIA 2007\2013 ASSE IV LEADER - MISURA 313 AZIONE INVESTIMENTI FUNZIONALI ALLA CREAZIONE DI CENTRI

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

Comune di Sarroch. Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Comune di Sarroch. Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Sarroch Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N 8 OGGETTO: Approvazione progetto definitivo e progetto esecutivo dei lavori di ristrutturazione e adeguamento

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2014 DELIBERAZIONE N. 75 del 29/10/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Deliberazione n 93 in data 16/12/2013 COMUNE DI SANTA FIORA PROVINCIA DI GROSSETO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: ATTO DI PROGRAMMAZIONE E INDIRIZZO PER L ASSEGNAZIONE E RIPARTIZIONE

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO

COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO Allegato A) delibera di CC n. 2013/00044 del 20/06/2013 COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO REGOLAMENTO PER L AGEVOLAZIONE

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 33 del 08/05/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 46 del 26/06/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE IMPRESE OSPITANTI. Il Responsabile dell Area Socio-Culturale

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE IMPRESE OSPITANTI. Il Responsabile dell Area Socio-Culturale C O M U N E D I O L M E D O Provincia di Sassari LAV ORA PROGETTI PER L INCLUSIONE SOCIALE FSE POR SARDEGNA 2007/2013 REGIONE- SARDEGNA ASSE III INCLUSIONE SOCIALE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ARCUGNANO Provincia di Vicenza N. DG / 118 / 2015 di registro VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE In data 2 Luglio - 2015 OGGETTO: CONTRATTO DI COMODATO D USO GRATUITO CON LA SOCIETA

Dettagli

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALLE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI E ALLE IMPRESE APPROVATO con deliberazione del C.C. n 69 del 30.11.2011

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 58 OGGETTO: Associazione Pro Loco Oulx - progetto per gestione Ufficio informazioni turistiche - approvazione ed erogazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI SEDUTA DEL 16 DICEMBRE 2015 Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 87 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME ALL ORIGINALE OGGETTO: ADESIONE ALLA CONVENZIONE

Dettagli

Deliberazione n 5 Adunanza del 06/02/2014

Deliberazione n 5 Adunanza del 06/02/2014 Deliberazione n 5 Adunanza del 06/02/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: RICHIESTA CONTRIBUTO PER RIQUALIFICAZIONE DI IMPIANTI SPORTIVI SCOLASTICI DI USO PUBBLICO. L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

COMUNE DI PRESEGLIE Provincia di Brescia

COMUNE DI PRESEGLIE Provincia di Brescia COMUNE DI PRESEGLIE Provincia di Brescia CODICE ENTE 10403 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 31 DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA EX ART. 34 D.LGS. 267/2000 FINALIZZATO

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

COMUNE DI FORNOVO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI BERGAMO COPIA

COMUNE DI FORNOVO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI BERGAMO COPIA COMUNE DI FORNOVO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI BERGAMO COPIA DELIBERAZIONE N 100 del 27.12.2012 Codice ente 10108 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. DATO ATTO che con procedura telematica AVCP è stato attribuito al presente incarico il n. di CIG Z39073604C;

LA GIUNTA COMUNALE. DATO ATTO che con procedura telematica AVCP è stato attribuito al presente incarico il n. di CIG Z39073604C; Copia Data del giorno: 20/11/2012 Organo deliberante: GC COMUNE DI GRESSAN Regione Autonoma Valle d Aosta COMMUNE DE GRESSAN Région Autonome de la Vallée d Aoste Verbale di Deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI PIERANICA Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 34 Adunanza del 28/11/2011 Codice Ente 10776 9 Pieranica Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: EROGAZIONE BORSE DI STUDIO A.S.

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

PROGETTI PER L IMPRENDITORIALITA SELEZIONE DEI BENEFICIARI

PROGETTI PER L IMPRENDITORIALITA SELEZIONE DEI BENEFICIARI PROGETTI PER L IMPRENDITORIALITA SELEZIONE DEI BENEFICIARI POIC (FASE II) Progetti Operativi per l Imprenditorialità Comunale a) Aiuti rimborsabili per l insediamento delle imprese, lo sviluppo occupazionale,

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE N. 47 COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Deliberazione della Giunta Regionale 22 ottobre 2012, n. 2077. Concessione finanziamento regionale relativo

Dettagli

BANDO PER INTERVENTI STRAORDINARI PER L ANNO 2016 A SOSTEGNO DELL OCCUPAZIONE MEDIANTE CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO A FAVORE DI IMPRESE.

BANDO PER INTERVENTI STRAORDINARI PER L ANNO 2016 A SOSTEGNO DELL OCCUPAZIONE MEDIANTE CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO A FAVORE DI IMPRESE. Prot. n 1214 AVVISO PUBBLICO BANDO PER INTERVENTI STRAORDINARI PER L ANNO 2016 A SOSTEGNO DELL OCCUPAZIONE MEDIANTE CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO A FAVORE DI IMPRESE. Il Comune di Molinella,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA di BERGAMO

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA di BERGAMO DELIBERAZIONE N. 5 ORIGINALE COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA di BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONFERMA TARIFFE IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - Copia 13 - VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 13 Del 28.01.2009 OGGETTO: ADEGUAMENTO COSTO DI COSTRUZIONE ANNO 2009. L anno duemilanove il giorno ventotto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari Comune di Sinnai Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DI NUOVA FORMAZIONE L.R. 24 dicembre 1998, n. 37, Art. 19 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Principi 1) Il

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 77 DEL 08.05.2012 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INDICAZIONI IN MERITO ALLA DETERMINAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ALBO COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 24 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE PER IL TRIENNIO 2014-2016 L anno

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

(Provincia di Caserta)

(Provincia di Caserta) (Provincia di Caserta) Regolamento comunale per la concessione di contributi ad Enti, Associazioni e Comitati operanti nel campo culturale, della storia, della solidarietà, turistico, sportivo, ricreativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro

COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro Contributi alle iniziative produttive nell ambito del P.O.I.C. Progetto Operativo per l Imprenditorialità

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ARCUGNANO Provincia di Vicenza N. DG / 142 / 2010 di registro VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE In data 30-Giugno-2010 OGGETTO: APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON SOC. ESCO BERICA

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo) Via V.Emanuele n. 3 CAP 24037 Cod.Fisc. /Part. IVA: 00382800167 Tel: 035-86.80.68 Fax: 035-86.80.68 COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo) Codice ente 10189 COPIA DELIBERAZIONE N. 11 in data: 07.03.2015

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

COMUNE DI CASTELVISCONTI Provincia di Cremona

COMUNE DI CASTELVISCONTI Provincia di Cremona COMUNE DI CASTELVISCONTI Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 02 Codice Ente 10730 9 Castelvisconti Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Rideterminazione prezzi e durata concessioni

Dettagli

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004.

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. 1 Indice PROVINCIA DI PRATO INDICE Art. 1 Oggetto del

Dettagli

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari Comune di Sarroch Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 3 OGGETTO: Manifestazione di parere contrario ad ogni ipotesi di dislocazione e deposito di materiale nucleare

Dettagli

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLA CONSULTA DEI GIOVANI

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLA CONSULTA DEI GIOVANI ORIGINALE COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 241 DEL 30/12/2014 OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLA CONSULTA DEI GIOVANI L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA Regolamento per la concessione di contributi a sostegno dei Centri vacanza per minori ai sensi del Regolamento Regionale approvato con DPReg n. 0190/PRES del 22.05.2001 e dei Centri socio-educativi per

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRANCA PIEMONTE Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VILLAFRANCA PIEMONTE Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VILLAFRANCA PIEMONTE Provincia di Torino Piazza Cavour 1 - C.A.P. 10068 Tel. 011 9807107 Fax 011 9807441 www.comune.villafrancapiemonte.to.it email: info@comune.villafrancapiemonte.to.it VERBALE

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Deliberazione n 114 in data 22/10/2015 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DEL QUINTO DELLO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 12 DEL 6 FEBBRAIO 2015 O G G E T T O

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 12 DEL 6 FEBBRAIO 2015 O G G E T T O DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 12 DEL 6 FEBBRAIO 2015 O G G E T T O APPROVAZIONE PROGETTI PER L INCLUSIONE SOCIALE E DI SOSTEGNO AL REDDITO DI CITTADINI IN CONDIZIONI DI TEMPORANEA FRAGILITA ECONOMICA

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA

COMUNE di RIPARBELLA COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 13 Dicembre 2013 Verbale n. 43 COPIA OGGETTO: Progetto Vigilanza scolastica anno 2014. Approvazione progetto-

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

Bandi di finanziamento

Bandi di finanziamento Bandi di finanziamento per neo -imprese e aspiranti imprenditori 1Mantova 16 ottobre 2015 DUE INTERVENTI DISTINTI 1) BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE (1508 Bando Neo-Imprese) DOTAZIONE FINANZIARIA:

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 23/07/2014

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 23/07/2014 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 23/07/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SASSO MARCONI

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 116 DEL 03/03/2015 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 117 DEL 03/03/2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

COPIA N 60 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COPIA N 60 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N 60 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:APPROVAZIONE LINEE GUIDA CONTENENTI MISURE ORGANIZZATIVE E MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE. L anno

Dettagli

COMUNE DI PEIO. Provincia di Trento. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 131 della Giunta comunale

COMUNE DI PEIO. Provincia di Trento. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 131 della Giunta comunale COMUNE DI PEIO Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 131 della Giunta comunale OGGETTO: STIPULA CON LA INSER S.P.A. CON SEDE IN TRENTO POLIZZE DI ASSICURAZIONE DANNI AGLI IMPIANTI IDROELETTRICI

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli