Controllo comunicazioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo comunicazioni"

Transcript

1 Controllo comunicazioni Il controllo comunicazioni consente di aggiungere nell'applicazione funzioni semplici per comunicazioni attraverso porte seriali nonché funzioni avanzate per la creazione di uno strumento di comunicazione completo basato su eventi. Il controllo comunicazioni Il controllo comunicazioni fornisce un'interfaccia a un gruppo di comandi di comunicazione standard e consente di stabilire una connessione a una porta seriale, di connettersi a un'altra periferica di comunicazione, ad esempio un modem, di inviare comandi, di scambiare dati nonché di eseguire il monitoraggio e rispondere ai vari eventi ed errori generati durante una connessione seriale. Esempi di utilizzo Composizione di numeri telefonici Monitoraggio di una porta seriale per il controllo di dati in entrata Creazione di programmi per terminale completi Applicazioni di esempio: Dialer.vbp e VBterm.vbp Le applicazioni di esempio Dialer.vbp e VBterm.vbp, che si trovano nella sottodirectory Samples di Visual Basic, illustrano rispettivamente tecniche di programmazione semplici e complesse del controllo comunicazioni. Nozioni fondamentali sulle comunicazioni seriali In tutti i computer sono disponibili una o più porte seriali COM1, COM2 e così via. In un PC standard il mouse è in genere collegato alla porta COM1, un modem alla porta COM2, uno scanner alla porta COM3 e così via. Le porte seriali rappresentano il canale di trasmissione dei dati inviati attraverso queste periferiche seriali esterne. La funzione fondamentale della porta seriale consiste nell'agire da interprete tra la CPU e la periferica seriale. Durante la trasmissione di dati dalla CPU alla

2 porta seriale, i valori Byte vengono convertiti in bit seriali, che vengono quindi riconvertiti in valori Byte durante la ricezione dei dati. Per completare la trasmissione dei dati, è tuttavia necessario un ulteriore livello di interpretazione. Nel sistema operativo di Windows viene utilizzato il driver di comunicazione Comm.drv per inviare e ricevere dati utilizzando le funzioni standard dell'api di Windows. Il produttore della periferica seriale fornisce un driver specifico per la connessione dell'hardware a Windows. Quando si utilizza il controllo comunicazioni, vengono eseguite funzioni dell'api che vengono quindi interpretate dal driver Comm.drv e passate al driver della periferica. Un programmatore deve occuparsi esclusivamente dell'interazione di Windows. Un programmatore di Visual Basic deve invece occuparsi dell'interfaccia fornita dal controllo comunicazioni alle funzioni dell'api del driver di comunicazione di Windows, ovvero deve impostare ed eseguire il monitoraggio delle proprietà e degli eventi del controllo comunicazioni. Connessione seriale Per utilizzare il controllo comunicazioni è innanzitutto necessario stabilire la connessione alla porta seriale. Nella tabella seguente sono elencate le proprietà che consentono di stabilire la connessione seriale. Proprietà CommPort Settings PortOpen Descrizione Imposta e restituisce il numero della porta di comunicazione. Imposta e restituisce in forma di stringa i valori di velocità in baud, parità, bit di dati e bit di stop. Imposta e restituisce lo stato di una porta di comunicazioni, oltre ad aprire e a chiudere la porta. Apertura di porte seriali Per aprire una porta seriale, è necessario impostare le proprietà CommPort, PortOpen e Settings. Ad esempio: ' Apre la porta seriale MSComm1.CommPort = 2 MSComm1.Settings = "9600,N,8,1" MSComm1.PortOpen = True La proprietà CommPort consente di impostare la porta seriale da aprire. Se un modem è collegato alla porta COM2, l'esempio precedente imposta il valore su

3 2 (COM2) ed esegue la connessione al modem. È possibile impostare il valore della proprietà CommPort su un numero compreso tra 1 e 16 (il valore predefinito è 1). Se tuttavia si imposta questo valore su una porta COM non disponibile per il sistema in cui l'applicazione viene eseguita, verrà generato un errore. La proprietà Settings consente di specificare la velocità in baud, la parità e il numero di bit di dati e bit di stop. Per impostazione predefinita, la velocità in baud è impostata su L'impostazione della parità è relativa alla convalida dei dati. In genere non viene utilizzata ed è pertanto impostata su "N". L'impostazione dei bit di dati specifica il numero di bit che rappresenta un blocco di dati. Il bit di stop indica quando un blocco di dati è stato ricevuto. Dopo aver specificato la porta che si desidera aprire e la modalità di gestione della comunicazione di dati, è necessario stabilire la connessione impostando la proprietà PortOpen. Si tratta di un valore booleano, ovvero True o False. Se tuttavia la porta non è attiva, la proprietà CommPort è impostata in modo non corretto oppure la periferica non supporta le impostazioni specificate, verrà generato un errore oppure la periferica esterna non funzionerà correttamente. Quando la proprietà PortOpen viene impostata su False la porta viene chiusa. Utilizzo di un modem Nella maggior parte dei casi il controllo comunicazioni viene utilizzato per programmare l'applicazione in modo che possa essere eseguita insieme a un modem. Il controllo consente di utilizzare il gruppo di comandi Hayes compatibili standard per comporre un numero telefonico o per connettersi e interagire con un altro modem. Dopo aver stabilito la connessione con la porta seriale tramite le proprietà CommPort, Settings e PortOpen, è necessario attivare il modem impostando la proprietà Output con cui è possibile eseguire i comandi per il controllo dell'interazione tra due modem. Ad esempio: ' Attiva il modem e compone un numero telefonico. MSComm1.Output = "ATDT " & vbcr Nell'esempio precedente il comando "AT" avvia la connessione, "D" compone il numero e "T" specifica la composizione a toni, anziché quella a impulsi. Quando si invia output a un terminale, è necessario specificare un carattere di ritorno a capo (vbcr). Questa operazione non è invece necessaria per l'output di matrici di byte. Per controllare se il comando viene elaborato in modo corretto, è sufficiente verificare che venga restituito il codice "OK".

4 Ulteriori informazioni Per un elenco completo dei comandi Hayes compatibili, vedere la documentazione del modem. Impostazione delle proprietà Receive e Transmit Buffer in fase di progettazione Quando una porta viene aperta vengono creati buffer di trasmissione e di ricezione. Per la gestione di tali buffer, sono disponibili alcune proprietà del controllo comunicazioni che è possibile impostare in fase di progettazione nella finestra Pagine proprietà del controllo. Impostazione delle proprietà dei buffer in fase di progettazione Allocazione delle memoria dei buffer Le proprietà InBufferSize e OutBufferSize consentono di specificare la quantità di memoria allocata ai buffer di ricezione e trasmissione. Per impostazione predefinita le due proprietà vengono impostate sui valori indicati nell'illustrazione. Maggiore è il valore, minore è la quantità di memoria disponibile per l'applicazione. Se le dimensioni del buffer sono troppo piccole, potrebbe verificarsi un overflow del buffer, a meno che non si utilizzi la sincronizzazione. Nota Data la quantità di memoria attualmente disponibile nella maggior parte dei PC, l'allocazione di memoria ai buffer non è un'operazione di fondamentale importanza, in quanto è disponibile un maggior numero di risorse. In altri termini, l'impostazione di valori del buffer maggiori non ha alcun effetto negativo sulle prestazioni delle applicazioni. Proprietà RThreshold e SThreshold

5 Le proprietà RThreshold e SThreshold consentono di impostare o restituire il numero di caratteri che dovranno essere ricevuti nel buffer di ricezione e di trasmissione prima che venga generato l'evento OnComm. L'evento OnComm consente di eseguire il monitoraggio e rispondere alle modifiche dello stato della comunicazione. Con l'impostazione di entrambe le proprietà su zero (0) è possibile impedire che l'evento OnComm venga generato, mentre con l'impostazione su un valore diverso da 0, ad esempio 1, l'evento OnComm viene generato ogni volta che un carattere viene ricevuto in uno dei buffer. Ulteriori informazioni Per informazioni su queste proprietà, vedere "Evento OnComm e proprietà CommEvent" più avanti in questa sezione. Proprietà InputLen e EOFEnable Se si imposta la proprietà InputLen su 0 il controllo comunicazioni esegue la lettura dell'intero contenuto del buffer di ricezione quando si utilizza la proprietà Input. Durante la lettura di dati in un computer in cui l'output è formattato come blocchi di dati di lunghezza fissa, è possibile impostare il valore di questa proprietà in modo appropriato. La proprietà EOFEnable consente di segnalare l'individuazione di un carattere di fine del file, o EOF, durante l'ingresso dei dati. Se la proprietà è impostata su True, l'ingresso dei dati viene interrotto e viene generato l'evento OnComm per indicare che si è verificata questa condizione. Ulteriori informazioni Vedere "Gestione dei buffer di ricezione e di trasmissione" e "Evento OnComm e proprietà CommEvent" più avanti in questa sezione. Gestione dei buffer di ricezione e di trasmissione I buffer di ricezione e di trasmissione vengono creati in corrispondenza dell'apertura di una porta e utilizzati per la memorizzazione dei dati in arrivo e per la trasmissione dei dati in uscita. Il controllo comunicazioni consente di gestire questi buffer tramite alcune proprietà per l'inserimento e il recupero di dati, per la restituzione delle dimensioni di ciascun buffer e per la gestione sia di testo che di dati binari. Quando si utilizza il controllo comunicazioni, è estremamente importante gestire questi buffer in modo corretto. Buffer di ricezione La proprietà Input consente di memorizzare e recuperare dati dal buffer di ricezione. Se, ad esempio, si desidera recuperare dati dal buffer di ricezione per visualizzarli in una casella di testo, è possibile utilizzare il codice seguente:

6 TxtDisplay.Text = MSComm1.Input Per recuperare l'intero contenuto del buffer di ricezione, è innanzitutto necessario impostare la proprietà InputLen su 0 in fase di progettazione o di esecuzione. È inoltre possibile ricevere dati in arrivo come testo o come dati binari impostando la proprietà InputMode sulle costanti Visual Basic cominputmodetext o cominputmodebinary. I dati verranno in tal modo recuperati in forma di stringa o di dati binari in una matrice Byte. È necessario impostare la proprietà su cominputmodetext per i dati che utilizzano il set di caratteri ANSI e la costante cominputmodebinary per tutti gli altri dati, ad esempio i dati che includono caratteri di controllo incorporati, valori Null e così via. Ciascun byte di dati ricevuto viene inserito nel buffer di ricezione e il valore della proprietà InBufferCount viene incrementata di una unità. Tale valore può quindi essere utilizzato per recuperare il numero di byte del buffer di ricezione. È inoltre possibile impostare la proprietà su 0 per svuotare il buffer di ricezione. Buffer di trasmissione La proprietà Output consente di inviare comandi e dati al buffer di trasmissione. In modo analogo alla proprietà Input, è possibile trasmettere i dati in forma di testo o di dati binari. Con la proprietà Output è tuttavia necessario trasmettere testo o dati binari specificando una matrice String o Byte. La proprietà Output consente di inviare comandi, stringhe di testo o dati di matrice Byte. Ad esempio: ' Invia un comando AT MSComm1.Output = "ATDT " ' Invia una stringa di testo MsComm1.Output = " Questa è una stringa di testo" ' Invia dati di matrice Byte MSComm1.Output = Out Le righe di trasmissione devono terminare con un carattere di ritorno a capo (vbcr). Nell'esempio precedente Out è una variabile definita come matrice Byte, ovvero Dim Out() As Byte. Se fosse un valore Variant di tipo String, sarebbe definito come Dim Out() As String. È possibile controllare il numero di byte del buffer di trasmissione tramite la proprietà OutBufferCount e svuotare il buffer impostando questa proprietà su 0.

7 Sincronizzazione Una parte integrante della procedura di gestione dei buffer di ricezione e di trasmissione consiste nell'assicurare che la trasmissione dei dati venga eseguita correttamente in entrambe le direzioni, ad esempio che la velocità di ricezione dei dati non superi i limiti del buffer. Con il termine sincronizzazione viene fatto riferimento al protocollo di comunicazione interno in base a cui i dati vengono trasferiti dalla porta hardware al buffer di ricezione. Quando la porta seriale riceve un carattere sotto forma di dati, la periferica di comunicazione deve trasferirlo nel buffer di ricezione in modo che possa essere letto dal programma. Un protocollo di sincronizzazione assicura che non si verifichi alcuna perdita di dati dovuta a un overrun del buffer. Questa situazione si verifica quando i dati raggiungono la porta ad una velocità troppo elevata che ne impedisce il trasferimento nel buffer di ricezione. Per specificare il protocollo di sincronizzazione da utilizzare nell'applicazione, è necessario impostare la proprietà Handshaking. Per impostazione predefinita, questo valore viene impostato su comnone, ovvero nessun protocollo. Le possibili impostazioni sono le seguenti: Impostazione Valore Descrizione comnone 0 Nessuna sincronizzazione (impostazione predefinita). comxonxoff 1 Sincronizzazione XOn/XOff. comrts 2 Sincronizzazione RTS/CTS (Request To Send/Clear To Send). comrtsxonxoff 3 Sia Request To Send che XON/XOFF. La scelta del protocollo si basa sulla periferica a cui ci si connette. Con l'impostazione comrtsxonxoff è supportato sia il protocollo Request To Send che il protocollo XON/XOFF. In molti casi, la sincronizzazione viene gestita dal protocollo stesso. Di conseguenza, l'impostazione della proprietà su un valore diverso da comnone può generare conflitti. Nota Se si imposta la proprietà su comrts o comrtsxonxoff, è necessario impostare la proprietà RTSEnabled su True. In caso contrario,

8 sarà possibile connettersi e inviare dati, ma non ricevere dati.. Evento OnComm e proprietà CommEvent A seconda dell'area di validità e della funzionalità dell'applicazione, potrebbe essere necessario controllare e rispondere a un certo numero di eventi o errori generati durante la connessione a un'altra periferica oppure durante la ricezione o la trasmissione dei dati. L'evento OnComm e la proprietà CommEvent consentono di intercettare e verificare il valore degli eventi e degli errori di comunicazione. In corrispondenza di un evento o di un errore di comunicazione, viene generato l'evento OnComm e il valore della proprietà CommEvent viene modificato. Se necessario, è pertanto possibile verificare il valore della proprietà CommEvent ogni volta che l'evento OnComm viene generato. Dato che la qualità della comunicazione è imprevedibile, soprattutto nel caso di comunicazioni telefoniche, l'intercettazione di questi eventi ed errori consente di fornirvi una risposta adeguata. Nella tabella seguente sono elencati gli eventi di comunicazione che generano l'evento OnComm. I valori vengono quindi scritti nella proprietà CommEvent. Costante Valore Descrizione comevsend 1 Il numero di caratteri del buffer di trasmissione è inferiore al valore di SThreshold. comevreceive 2 Numero di caratteri RThreshold ricevuti. Questo evento viene generato continuamente fino a quando i dati non vengono rimossi dal buffer di ricezione tramite l'impostazione della proprietà Input. comevcts 3 Modifica della linea CTS (Clear To Send). comevdsr 4 Modifica della linea DSR (Data Set Ready). Questo evento viene generato solo con la modifica di DSR da 1 a 0. comevcd 5 Modifica della linea CD (Carrier Detect). comevring 6 Individuato squillo. Alcuni trasmettitoriricevitori asincroni universali o UART (Universal Asynchronous Receiver-

9 Transmitter) potrebbero non supportare questo evento. comeveof 7 Ricezione di un carattere di fine del file, o EOF (carattere ASCII 26). L'evento OnComm viene inoltre generato quando vengono individuati gli errori indicati di seguito, con la conseguente scrittura di un valore nella proprietà CommEvent. Impostazione Valore Descrizione comeventbreak 1001 Ricezione di un segnale di interruzione. comeventframe 1004 Errore di frame. L'hardware ha individuato un errore di frame. comeventoverrun 1006 Overrun della porta. L'hardware non ha letto un carattere prima dell'arrivo del successivo e il carattere è andato perduto. comeventrxover 1008 Overflow del buffer di ricezione. Spazio esaurito nel buffer di ricezione. comeventrxparity 1009 Errore di parità. È stato rilevato un errore di parità. comeventtxfull 1010 Buffer di trasmissione pieno. Spazio esaurito nel buffer di trasmissione durante il tentativo di inserimento di un carattere. comeventdcb 1011 Errore imprevisto durante il recupero di DCB (Device Control Block) per la porta.

http://ennius.interfree.it/vba/vba89.htm Stampa questa pagina

http://ennius.interfree.it/vba/vba89.htm Stampa questa pagina 1 of 7 26/02/2007 18.09 Stampa questa pagina Controllo comunicazioni MSCOMM32.OCX per comunicare col Modem e/o chiamare numeri telefonici. Premetto che non ho nè provato, nè intendo farlo, ad usare le

Dettagli

Controllo MSComm (comunicazioni)

Controllo MSComm (comunicazioni) Controllo MSComm (comunicazioni) Il controllo MSComm (comunicazioni) fornisce all'applicazione funzioni per le comunicazioni seriali, consentendo la trasmissione e la ricezione di dati tramite una porta

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM Autore: Giulio Sassetti Indice revisione Data Descrizione modifica V01.0000 14/6/2006 Emissione V01.1000 29/6/2006 Aggiunti link sommario e ingrandite immagini V01.2000

Dettagli

A. Carullo Introduzione a Visual Basic. Introduzione a

A. Carullo Introduzione a Visual Basic. Introduzione a Introduzione a Visual Basic 1 Indice degli argomenti trattati Cos è Visual Basic? L ambiente di sviluppo Visual Basic I passi per la creazione di un progetto VB Operazioni più comuni in un progetto VB

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Manuale Terminal Manager 2.0

Manuale Terminal Manager 2.0 Manuale Terminal Manager 2.0 CREAZIONE / MODIFICA / CANCELLAZIONE TERMINALI Tramite il pulsante NUOVO possiamo aggiungere un terminale alla lista del nostro impianto. Comparirà una finestra che permette

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione Grazie per il vostro recente acquisto di SartoCollect. Il software SartoCollect vi consentirà di importare direttamente i dati del vostro

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

Gestione dei File. dischi nastri cd

Gestione dei File. dischi nastri cd Gestione dei File Per mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma, questi si devono archiviare in file su memoria di massa (dati persistenti): dischi nastri cd Un file è un astrazione

Dettagli

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 1. I PRIMI PASSI INDICE GENERALE 2. COMANDI DI GESTIONE FINESTRA 3. DISPOSIZIONE

Dettagli

NCR 2215 e compatibili

NCR 2215 e compatibili MANUALE D USO NCR 2215 e compatibili COMPATIBILE WINDOWS VISTA / 7 / 8 Versione 1.0.0.8 Manuale RTS WPOS1 INDICE MANUALE D USO...1 NCR 2215 e compatibili...1 INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI

Dettagli

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice.

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice. LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre delle funzionalità avanzate delle calcolatrici scientifiche e statistiche. È possibile

Dettagli

Printer Driver. Questa guida descrive l installazione dei driver stampante per Windows Vista e Windows XP.

Printer Driver. Questa guida descrive l installazione dei driver stampante per Windows Vista e Windows XP. 4-153-310-42(1) Printer Driver Guida all installazione Questa guida descrive l installazione dei driver stampante per Windows Vista e Windows XP. Prima di usare questo software Prima di usare il driver

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli

MANUALE D USO SWEDA MASTER

MANUALE D USO SWEDA MASTER MANUALE D USO SWEDA MASTER COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.2.0.3 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS VISTA... 3 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

MANUALE D USO SAREMA SF1000

MANUALE D USO SAREMA SF1000 MANUALE D USO SAREMA SF1000 COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.2.0.0 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS VISTA... 3 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M)

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) INDICE 1 OBIETTIVO...2 2 CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA...2 2.1 Configurazione oggetti di memoria...2 3 FUNZIONAMENTO...5 3.1

Dettagli

TICa1. 3) Uno scanner è una periferica di: a) Input b) Output c) elaborazione d) Input-Output e) Memorizzazione

TICa1. 3) Uno scanner è una periferica di: a) Input b) Output c) elaborazione d) Input-Output e) Memorizzazione Aggiornamento 2013 TICa1 Conoscenze: 2;5 Apri il programma WordPad sul tuo PC. Scrivi le risposte direttamente sul file, facendole precedere dal Numero di domanda Salva il file all'interno di Documenti

Dettagli

Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote

Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote Guida in linea di Symantec pcanywhere Web Remote Connessione da un browser Web Il documento contiene i seguenti argomenti: Informazioni su Symantec pcanywhere Web Remote Metodi per la protezione della

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo MatrixCTLR

Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo MatrixCTLR Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo MatrixCTLR Vi preghiamo di leggere attentamente queste istruzioni prima di installare il software e di lavorare con esso. Ver.3.0.0 1 rev.

Dettagli

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface CANUSB-Man-Ita_revd.doc - 05/04/05 SP04002 Pagina 1 di 12 Specifica tecnica CANUSB Programmable CAN bus-pc interface Specifica tecnica n SP04002 Versione Autore Data Note Rev. 0 M. BIANCHI 10/09/04 Prima

Dettagli

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL

'LVSHQVD :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL 'LVSHQVD 'L :LQGRZV GL0&ULVWLQD&LSULDQL ',63(16$',:,1'2:6,QWURGX]LRQH Windows 95/98 è un sistema operativo con interfaccia grafica GUI (Graphics User Interface), a 32 bit, multitasking preempitive. Sistema

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione(

per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione( Esercizi(Assembler(8086(e(ARM( per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione( Prof.(Mezzalama,(Ing.(Bernardi( v1.0marzo2013 Autore:MaggioLuigi E6mail:luis_may86@libero.it Portfolio:http://www.luigimaggio.altervista.org

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. NOKIA INTERNET STICK CS-10 http://it.yourpdfguides.com/dref/2737876

Il tuo manuale d'uso. NOKIA INTERNET STICK CS-10 http://it.yourpdfguides.com/dref/2737876 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di NOKIA INTERNET STICK CS-10. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

Motorola Phone Tools. Guida rapida

Motorola Phone Tools. Guida rapida Motorola Phone Tools Guida rapida Contenuto Requisiti minimi... 2 Operazioni preliminari all'installazione Motorola Phone Tools... 3 Installazione Motorola Phone Tools... 4 Installazione e configurazione

Dettagli

Driver Comunicazione Modbus Inverter Santerno

Driver Comunicazione Modbus Inverter Santerno INTRODUZIONE Questo activex gestisce lo stack di comunicazione seriale con protocollo Modbus-RTU tra il computer ed una serie di inverter Sunway M-plus della Santerno. Nel caso di più inverter collegati

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma Indice 1. Introduzione...3 2. Installazione di WinEMTLite...3 3. Descrizione generale del programma...3 4. Impostazione dei parametri di connessione...4 5. Interrogazione tramite protocollo nativo...6

Dettagli

2007 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Nokia, Nokia Connecting People, Nseries e N77 sono marchi o marchi registrati di Nokia Corporation.

2007 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Nokia, Nokia Connecting People, Nseries e N77 sono marchi o marchi registrati di Nokia Corporation. Nokia Lifeblog 2.5 2007 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Nokia, Nokia Connecting People, Nseries e N77 sono marchi o marchi registrati di Nokia Corporation. Altri nomi di prodotti e società citati

Dettagli

Procedura di aggiornamento del firmware Display Remoto IntellyGreenPV

Procedura di aggiornamento del firmware Display Remoto IntellyGreenPV Procedura di aggiornamento del firmware Display Remoto IntellyGreenPV 1) Introduzione Il seguente documento descrive la procedura di aggiornamento del firmware del Display Remoto IntellyGreenPV. Per eseguire

Dettagli

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs Pagina 1 di 6 ELSIST Srl, www.elsist.it Blocchi funzione MNL041Q000 FbModbusAsciiMs Questo blocco funzione permette lo scambio di dati tra due sistemi, uno master ed uno slave, utilizzando una connessione

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.0911 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE 1 BT A.S. 2014/15

PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE 1 BT A.S. 2014/15 Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet Istituto Tecnico Commerciale - Liceo Linguistico Liceo Scientifico Liceo Scienze Umane Via Stignani, 63/65 20081 Abbiategrasso Mi PROGRAMMA FINALE SVOLTO CLASSE

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prof. Orlando De Pietro Programma L' hardware Computer multiutente e personal computer Architettura convenzionale di un calcolatore L unità centrale

Dettagli

Visualizzazione del messaggio di errore "Ora si può spegnere il computer" durante il tentativo di arresto del computer

Visualizzazione del messaggio di errore Ora si può spegnere il computer durante il tentativo di arresto del computer Pagina 1 di 5 Visualizzazione del messaggio di errore "Ora si può spegnere il computer" durante il tentativo di arresto del computer Sintomi Quando si tenta di arrestare il sistema in un computer con Microsoft

Dettagli

Guida dell'utente Modem USB

Guida dell'utente Modem USB Guida dell'utente Modem USB Sommario INTRODUZIONE... 4 COMPONENTI NECESSARI PER UTILIZZARE IL MODEM/FAX... 4 INSTALLAZIONE DEL MODEM/FAX USB... 5 INSTALLAZIONE DEI DRIVER... 5 COLLEGAMENTO DEL MODEM/FAX

Dettagli

MANUALE D USO. EPSON FP90, FP81 e compatibili

MANUALE D USO. EPSON FP90, FP81 e compatibili MANUALE D USO EPSON FP90, FP81 e compatibili COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.0.0.0 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS

Dettagli

Controllo Winsock di Visual Basic

Controllo Winsock di Visual Basic Controllo Winsock di Visual Basic Il controllo Winsock, non visibile all'utente, consente di accedere ai servizi di rete TCP e UDP. Per creare applicazioni client o server non è necessario conoscere in

Dettagli

Configurazione di una connessione DUN USB

Configurazione di una connessione DUN USB Configurazione di una connessione DUN USB Cercare la lettera "U" in questa posizione È possibile collegare lo smartphone Palm Treo 750v e il computer mediante il cavo di sincronizzazione USB per accedere

Dettagli

TELE2Internet ADSL Manuale d'uso

TELE2Internet ADSL Manuale d'uso TELE2Internet ADSL Manuale d'uso Il presente Manuale d'uso include le istruzioni di installazione per TELE2Internet e TELE2Internet ADSL. Per installare TELE2Internet ADSL, consultare pagina 3. Sommario

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Obiettivo e specifiche del progetto 1. Monitoraggio in tempo reale della temperatura in una stanza (Tacq= 4 sec, Input range=

Dettagli

T E O R I A D I P R O G E T T A Z I O N E D E L S O F T W A R E

T E O R I A D I P R O G E T T A Z I O N E D E L S O F T W A R E Threading T E O R I A D I P R O G E T T A Z I O N E D E L S O F T W A R E Caratteristiche principali dei thread Consentono di eseguire elaborazioni simultanee in un programma scritto in C#. Possono essere

Dettagli

Scan to PC Desktop: Image Retriever 5.2 per Xerox WorkCentre C2424

Scan to PC Desktop: Image Retriever 5.2 per Xerox WorkCentre C2424 Scan to PC Desktop: Image Retriever 5.2 per Xerox WorkCentre C2424 Scan to PC Desktop comprende Image Retriever, progettato per monitorare una specifica cartella su un file server in rete o sull'unità

Dettagli

7.16 Funzioni ed FB gestione modem

7.16 Funzioni ed FB gestione modem 7.16 Funzioni ed FB gestione modem Le funzioni ed i blocchi funzione per la gestione del modem utilizzano un modem GSM connesso ad un terminale di I/O del sistema (Tipicamente è utilizzata una porta seriale).

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

ACCESS FONDAMENTA DEL DATA BASE UN ERRORE A QUESTO LIVELLO SI RIPERCUOTE SU TUTTO IL DATABASE.

ACCESS FONDAMENTA DEL DATA BASE UN ERRORE A QUESTO LIVELLO SI RIPERCUOTE SU TUTTO IL DATABASE. ACCESS 1. AVERE BEN CHIARO COSA VOGLIO FARE 2. SAPERE A COSA SERVONO I VARI ELEMENTI TABELLE: FONDAMENTA DEL DATA BASE UN ERRORE A QUESTO LIVELLO SI RIPERCUOTE SU TUTTO IL DATABASE. QUERY: STRUMENTO DI

Dettagli

Nokia Lifeblog 2.5 Nokia N76-1

Nokia Lifeblog 2.5 Nokia N76-1 Nokia Lifeblog 2.5 Nokia N76-1 2007 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Nokia, Nokia Connecting People, Nseries e N76 sono marchi o marchi registrati di Nokia Corporation. Altri nomi di prodotti e società

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Manuale di Connessione telefonica

Manuale di Connessione telefonica Manuale di Connessione telefonica Copyright 2003 Palm, Inc. Tutti i diritti riservati. Il logo Palm logo e HotSync sono marchi registrati di Palm, Inc. Il logo HotSync e Palm sono marchi di Palm, Inc.

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

Come configurare l accesso ad Internet con il tuo telefonino GPRS EDGE* UMTS* (Sistema Operativi Microsoft Win95 e Win98).

Come configurare l accesso ad Internet con il tuo telefonino GPRS EDGE* UMTS* (Sistema Operativi Microsoft Win95 e Win98). Come configurare l accesso ad Internet con il tuo telefonino GPRS EDGE* UMTS* (Sistema Operativi Microsoft Win95 e Win98). OPERAZIONI PRELIMINARI Registrati gratuitamente al servizio I-BOX: qualora non

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

ACQUISIZIONE DATI CONTECA TOUCH

ACQUISIZIONE DATI CONTECA TOUCH ACQUISIZIONE DATI CONTECA TOUCH Win Rel. 755010 TSP.04706.01 Il software di acquisizione dati per sistema CONTECA centralizzato permette, una volta reperiti i dati di consumo individuale d'utenza (tramite

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

Teleassistenza PL7 & TSX Micro con TSXETG1010 GSM

Teleassistenza PL7 & TSX Micro con TSXETG1010 GSM System Manual ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI Teleassistenza PL7 & TSX Micro con TSXETG1010 GSM SM_0016 Si realizza una connessione remota con l ausilio dell Internet Protocol Suite, di cui in particolare

Dettagli

WebFax- manuale utente

WebFax- manuale utente WebFax- manuale utente Release 1.3 1 INTRODUZIONE... 2 1.1 Funzionamento del WebFax... 2 1.2 Caratteristiche del WebFax... 2 2 INSTALLAZIONE DEL WEBFAX... 3 2.1 Configurazione parametri di rete... 3 2.2

Dettagli

Sommario. Introduzione... 11

Sommario. Introduzione... 11 Introduzione... 11 1. Prima di cominciare... 13 Da Windows a Windows 7...13 Le novità di Windows 7...15 La barra delle applicazioni...16 Il menu Start...17 Gli effetti Aero...18 Windows 7 e il Web...19

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

INTERAZIONE CON L UTENTEL

INTERAZIONE CON L UTENTEL IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

Gestione di una UART SOFTWARE.

Gestione di una UART SOFTWARE. Corso di BASCOM 8051 - (Capitolo 3 1 ) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM 8051. Autore: DAMINO Salvatore. Gestione di una UART SOFTWARE. Capita, a volte in alcune applicazioni, di avere

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

GUIDA CONNESSIONE DATI THURAYA SO 2510 con WINDOWS XP

GUIDA CONNESSIONE DATI THURAYA SO 2510 con WINDOWS XP GUIDA CONNESSIONE DATI THURAYA SO 2510 con WINDOWS XP È possibile effettuare con il terminale Thuraya SO 2510 una connessione dati sia in modalità dial-up (tariffazione a tempo, velocità di trasmissione

Dettagli

Dataprocess Alexia COLLEGAMENTO BILANCIA. INSTALLAZIONE e CONFIGURAZIONE CW500

Dataprocess Alexia COLLEGAMENTO BILANCIA. INSTALLAZIONE e CONFIGURAZIONE CW500 Dataprocess Alexia Dataprocess Alexia con CW500... 1 COLLEGAMENTO BILANCIA... 1 INSTALLAZIONE e CONFIGURAZIONE CW500... 1 CONFIGURAZIONE SERIALE PC... 2 CONFIGURAZIONE BILANCIA... 3 CONFIGURAZIONE AREA51...

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Risoluzione dei problemi relativi ai fax. Domande frequenti sulle funzioni fax... 2. Risoluzione dei problemi di invio dei fax...

Risoluzione dei problemi relativi ai fax. Domande frequenti sulle funzioni fax... 2. Risoluzione dei problemi di invio dei fax... 1 di Domande frequenti sulle funzioni fax............. 2 Risoluzione dei problemi di invio dei fax.......... 3 Risoluzione dei problemi di ricezione dei fax....... 5 Errori di invio dei fax...........................

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Caratteristiche principali Telefono piccolo e leggero con interfaccia USB per la telefonia VoIP via internet. Compatibile con il programma Skype. Alta qualità audio a 16-bit. Design compatto con tastiera

Dettagli

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA 7IS-80376 29/06/2015 SOMMARIO FUNZIONI ALBERGHIERE... 3 Richiamo funzioni tramite menu... 3 Check-in... 3 Costi... 4 Cabine... 4 Stampe... 5 Sveglia... 6 Credito... 6 Stato

Dettagli

Manuale dell utente. InCD. ahead

Manuale dell utente. InCD. ahead Manuale dell utente InCD ahead Indice 1 Informazioni su InCD...1 1.1 Cos è InCD?...1 1.2 Requisiti per l uso di InCD...1 1.3 Aggiornamenti...2 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...2 2 Installazione...3

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli

ACQUISIZIONE DATI AQUAPRO TOUCH. Win Rel. 755011

ACQUISIZIONE DATI AQUAPRO TOUCH. Win Rel. 755011 ACQUISIZIONE DATI AQUAPRO TOUCH Win Rel. 755011 04705 Il software di ripartizione spese per sistema AQUAPRO centralizzato permette, una volta reperiti i dati di consumo individuale d'utenza (tramite teletrasmissione

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

BIBLIOTECA COMUNALE DI BORUTTA

BIBLIOTECA COMUNALE DI BORUTTA BIBLIOTECA COMUNALE DI BORUTTA CORSO DI INFORMATICA DI BASE AVVISO Si informano gli interessati che presso la sala informatica annessa alla biblioteca comunale sarà attivato un corso di informatica di

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

SidekickPC 3.0 Risoluzione Problemi 31 MAGGIO 2012

SidekickPC 3.0 Risoluzione Problemi 31 MAGGIO 2012 SidekickPC 3.0 Risoluzione Problemi 31 MAGGIO 2012 2012 Electrolux Italia S.p.A., All rights reserved INDICE 1. ERRORI DI PROGRAMMA DOPO AGGIORNAMENTO ALLA VERSIONE 3.0... 2. MESSAGGI NELLA FINESTRA DI

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

ScanGear Toolbox CS per Windows

ScanGear Toolbox CS per Windows Manuale per l utente ScanGear Toolbox CS per Windows per Scanner a colori CanoScan 1 Sommario Informazioni su ScanGear Toolbox CS... 4 Installazione di ScanGear Toolbox CS... 5 Requisiti di sistema...

Dettagli

Manuale per gli utenti di Bluetooth

Manuale per gli utenti di Bluetooth Manuale per gli utenti di Bluetooth (RIF-BT10) Indice 1. Che cosa è Bluetooth?... 3 2. Funzioni dell adattatore Bluetooth (RIF-BT10)... 4 3. Descrizione del prodotto... 5 4. Configurazione del sistema...

Dettagli

Guida rapida all installazione

Guida rapida all installazione Guida rapida all installazione Wireless Network Broadband Router 140g+ WL-143 La presente guida illustra solo le situazioni più comuni. Fare riferimento al manuale utente contenuto nel CD-ROM in dotazione

Dettagli

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo BARCODE Gestione Codici a Barre La gestione Barcode permette di importare i codici degli articoli letti da dispositivi d inserimento (penne ottiche e lettori Barcode) integrandosi

Dettagli

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database.

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database. 1 di 13 22/04/2012 250 Supporto / Access / Guida e procedure di Access 2007 / Tabelle Guida alle relazioni tra tabelle Si applica a: Microsoft Office Access 2007 Uno degli obiettivi di una buona strutturazione

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 03 Conosciamo i tipi di computer e le periferiche In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli