REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE CN1 GUIDA INFORMATIVA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI SANITARI E SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE CN1 GUIDA INFORMATIVA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI SANITARI E SOCIALI"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE CN1 GUIDA INFORMATIVA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI SANITARI E SOCIALI DEL TERRITORIO DEI DISTRETTI DI SALUZZO E SAVIGLIANO - FOSSANO E DEL CONSORZIO MONVISO SOLIDALE

2

3 Questo opuscolo ha lo scopo di informare i papazienti ricoverati in ospedale e i cittadini in merito ai servizi sanitari e sociali presenti sul territorio e alle modalità di accesso ai medesimi, al fine di favorire la continuità assistenziale volta a tutelare la salute e il benessere psico-fisico del cittadino e creare percorsi personalizzati con lo scopo di supportare il paziente ed i suoi famigliari nel momento del superamento della fase acuta della malattia. All interno dell opuscolo sono contenute le schede informative relative ai servizi sanitari e sociali presenti sul territorio con indicazione delle prestazioni erogabili, delle modalità di accesso e delle relative competenze. Le informazioni contenute nella presente guida sono suscettibili di variazioni Opuscolo stampato dalla tipografia La Ghisleriana di Mondovì nel gennaio 2011 Redatto a cura delle Assistenti Sociali del Presidio Ospedaliero e degli Sportelli Unici Socio Sanitari Grafica e stampa a cura dell Ufficio Relazioni Esterne

4

5 Pagina 1 Sommario SERVIZI SANITARI 1. Sportello Unico Socio Sanitario 3 2. Servizio sociale ospedaliero 5 3. Cure domiciliari 7 a. Servizio infermieristico domiciliare (SID) 8 b. Assistenza domiciliare integrata (ADI) 9 c. Assistenza domiciliare integrata - Unità operativa cure palliative (ADI - UOCP) 10 a. Assistenza domiciliare programmata (ADP) 11 b. Lungoassistenza (LA) Visite specialistiche domiciliari Assistenza protesica Esenzione pagamento ticket Strutture per anziani non autosufficienti o parzialmente non autosufficienti Reparti di lungodegenza Riabilitazione Servizio di guardia medica Servizio emergenza sanitaria extra ospedaliera Trasporti in ambulanza 19 I SERVIZI SOCIALI Assistenza sociale Assistenza domiciliare Assistenza economica Telesoccorso Servizio trasporti 25

6

7 Pagina 3 SERVIZI SANITARI 1. Sportello Unico Socio Sanitario Lo Sportello Unico è rivolto al cittadino ultrasessantacinquenne non autosufficiente o parzialmente non autosufficiente e ad ogni persona che si trovi in una condizione di difficoltà per malattia o evento traumatico che comporti una perdita dell autonomia. A queste persone vengono fornite tutte le informazioni utili per l erogazione dei servizi socio-sanitari presenti sul territorio e, se necessario, viene avviata una presa in carico. Lo Sportello Unico rilascia a tutti i cittadini informazioni riguardanti i servizi sociosanitari presenti sul territorio e ne facilita l accesso; inoltre, è in grado di fornire dati aggiornati su strutture pubbliche e private, residenziali e non, del territorio, su bandi o avvisi emessi da Comuni ad esempio: assegnazione alloggi di edilizia pubblica, contributi per riscaldamento, contributi per l affitto, ecc. SERVIZI OFFERTI 1. Fornire informazioni sui servizi socio-sanitari territoriali; 2. presa in carico degli utenti fragili e degli anziani ultrasessantacinquenni totalmente o parzialmente non autosufficienti relativamente a: scelta - revoca medico; esenzione ticket per patologia, reddito, invalidità, ecc.; assistenza protesica; assistenza integrativa di base; prenotazioni di visite specialistiche (quando sarà a regime la nuova procedura CUP); ricezione - istruzione domande UVG (Unità valutativa geriatrica); ricezione - istruzione domande UMVD (Unità multidisciplinare valutativa della disabilità); ricezione - istruzione domande servizio telesoccorso; informazioni ed avvio della procedura per il rilascio del mod. I.S.E.E.; invalidità civile; cure domiciliari.

8 Pagina 4 Lo Sportello Unico Socio-Sanitario vede presenti sia operatori del Consorzio Monviso Solidale che dell ASL CN1, in un lavoro di stretta collaborazione ed integrazione, per dare risposte complete e chiare ai bisogni sempre più complessi ed articolati di una larga fascia della popolazione. Inoltre nell espletare le proprie funzioni lo Sportello Unico collabora con: associazioni di volontariato; cooperative sociali; comuni; centri per l impiego. SEDE DI SALUZZO Via della Resistenza, 16h - angolo via Mazzini (c/o complesso Le Corti) Tel. 0175/ / SEDE DI FOSSANO Corso Trento, 4 (Ex clinica Avagnina) Tel. 0172/ Orario di accesso al pubblico Lunedì: Martedì: Giovedì: Venerdì: Orario di accesso al pubblico Lunedì: Mercoledì: 9-12 / Venerdì: 9-12

9 Pagina 5 2. Servizio Sociale Ospedaliero Nell ambito della convenzione stipulata dall Azienda Sanitaria con il Consorzio Monviso Solidale, è presente nei tre presidi ospedalieri un servizio di assistenza sociale finalizzato ad aiutare il paziente nell affrontare i problemi socio-familiari. Il servizio si rivolge alle persone ricoverate in ospedale, momentaneamente impossibilitate a risolvere le problematiche relative al ricovero o che necessitano di aiuto per programmare il rientro al domicilio o per individuare soluzioni alternative. Il paziente e la famiglia possono essere supportati : nell espletamento di pratiche burocratiche (domanda per il riconoscimento dell invalidità civile, richiesta ausili e protesi, compilazione moduli per la riscossione della pensione, ecc.); nel ricevere informazioni sui servizi sociali e sanitari territoriali e sulle modalità di accesso agli stessi; nel predisporre un progetto di rientro a casa con il coinvolgimento e supporto dei servizi territoriali (medico di base, servizio sociale territoriale, assistenza domiciliare, assistenza domiciliare integrata, assistenza domiciliare programmata, ecc.); nel reperire strutture residenziali per persone anziane autosufficienti e non autosufficienti (case di riposo e/o case protette) quale soluzione alternativa, temporanea o definitiva, al ritorno a casa; nell individuare in collaborazione con il personale sanitario, compatibilmente con la necessità del paziente, percorsi di riabilitazione e/o convalescenza post -ricovero; nel coinvolgere, in accordo con la caposala del reparto, il volontariato ospedaliero per la predisposizione di progetti assistenziali mirati al bisogno del degente; nell attivazione del servizio di mediazione culturale come strumento che facilita la comunicazione operatore-paziente straniero. L intervento dell assistente sociale può essere richiesto dal personale sanitario ospedaliero o dal diretto interessato.

10 Pagina 6 Le assistenti sociali sono presenti nei tre presidi ospedalieri presso le Direzioni Sanitarie con il seguente orario: Savigliano: Dott.ssa Anna Toselli Lunedì e giovedì dalle 8.30 alle Martedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 16 Tel 0172/ Cell Fossano: Sig.ra Silvana Barberis Lunedì dalle 8.15 alle Martedì, giovedì e venerdì dalle 8.15 alle Cell Saluzzo: Sig.ra Bono Roberta Dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12 Tel 0175/ Cell

11 Pagina 7 3. Cure domiciliari I servizi di Cure domiciliari presenti sul territorio dei distretti di Fossano/ Savigliano e Saluzzo sono i seguenti: a. Servizio infermieristico domiciliare (SID) b. Assistenza domiciliare integrata (ADI) c. Assistenza domiciliare integrata unità operativa cure palliative (ADI UOCP) d. Assistenza domiciliare programmata (ADP) e. Lungoassistenza (LA) I pazienti dimessi dall ospedale che necessitano di cure domiciliari vengono segnalati dal reparto alla Centrale operativa cure domiciliari e continuità assistenziale per la presa in carico a domicilio. I cittadini che necessitano di cure infermieristiche a domicilio possono usufruire del servizio su richiesta del medico di medicina generale (MMG). Centrale operativa cure domiciliari e continuità assistenziale: Distretto di Savigliano Fossano Savigliano via Allione, 5 Tel. 0172/21870 Dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 17 Distretto di Saluzzo Saluzzo via della Resistenza, 16/F Tel. 0175/ Dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 17

12 Pagina 8 3a. Servizio Infermieristico Domiciliare (SID) Assicura l erogazione di prestazioni infermieristiche rivolte a utenti che, a causa di limitazioni fisiche, non sono in grado di recarsi presso gli ambulatori dei distretti. Attività svolte: prelievi ematici; terapia iniettiva; medicazioni di lesioni cutanee o fornitura di materiale per effettuarle (su richiesta del medico di medicina generale); sostituzione cateteri vescicali; gestione stomie; clisteri e rettoclisi; gestione terapia antalgica; gestione cateteri venosi centrali (CVC). Sedi infermieristiche territoriali Distretto di Fossano/Savigliano Benevagienna: viale Rimembranze c/o Palazzetto dello sport tel lunedì e giovedì Caramagna Piemonte: via Ospedale, 6 tel. 0172/89682 lunedì e giovedì Cavallermaggiore: piazza S. Chiara, 1 tel. 0172/ da lunedì a venerdì Cervere: via IV Novembre, 47 tel. 0172/ martedì e venerdì Fossano: corso Trento, 4 tel. 0172/60282 da lunedì a venerdì 9-11 e Fossano: località Maddalene, 71/A tel. 0172/ giovedì Fossano: piazza Romanisio, 6 lunedì - mercoledì - venerdì Genola: piazza Giovanni XXIII, 1 tel. 0172/68370 lunedì e giovedì Racconigi: via Ospedale, 4 tel. 0172/ da lunedì a venerdì S. Albano Stura: via Roma, 101 tel. 0172/67695 martedì e mercoledì venerdì Savigliano: via Allione, 5 tel. 0172/33943 da lunedì a venerdì Trinità: via Roma, 81 tel. 0172/66377 martedì - mercoledì - venerdì Villafalletto: via Roma, 9 tel. 0171/ da lunedì a venerdì

13 Pagina 9 Distretto di Saluzzo Bagnolo Piemonte: corso Vittorio Emanuele, 32 tel. 0175/ da lunedì a venerdì Barge: via Ospedale, 1 tel. 0175/ da lunedì a venerdì Melle: via Carrera, 3 tel. 0175/ mercoledì 8-9 Moretta: vicolo Crociata, 5 tel. 0172/93124 da lunedì a venerdì Paesana: piazza Statuto, 16 tel. 0175/ da lunedì a venerdì Revello: via Saluzzo, 109 tel. 0175/ da lunedì a venerdì Saluzzo: via della Resistenza, 16/H/1 tel. 0175/ da lunedì a venerdì Sampeyre: via Roma, 25 tel. 0175/ martedì venerdì 8-9 Sanfront: via Marconi, 30 tel. 0175/ da lunedì a venerdì Venasca: via Arsanto, 1 tel. 0175/ da lunedì a venerdì Verzuolo: piazza Willy Burgo, 4 tel. 0175/85126 da lunedì a venerdì Per ulteriori informazioni rivolgersi allo Sportello Unico Socio-Sanitario (recapiti a pagina 4 di questa guida). 3b. Assistenza domiciliare integrata (ADI) Assicura alle persone affette da patologie gravi, in condizioni di non autosufficienza o malati terminali, cure sanitarie presso il proprio domicilio, attraverso visite del medico di medicina generale, prestazioni infermieristiche, riabilitative e di assistenza alla persona. Rappresenta un alternativa al ricovero ospedaliero, qualora le condizioni cliniche lo consentano o permette di proseguire le cure dopo il ricovero. Prevede l interazione di diverse figure professionali, secondo un piano concordato e sotto la responsabilità del medico di medicina generale. È indispensabile la collaborazione di familiari o di altre persone (ad es. volontari) che si prendano cura del paziente. Il medico di medicina generale, di fronte ad un paziente che necessita dell'adi, richiede per iscritto l'attivazione dell'assistenza al distretto sanitario (di Fossano - Saluzzo- Savigliano a seconda del luogo di residenza del paziente), dove il medico responsabile del distretto valuterà il caso entro 48 ore e si esprimerà in merito.

14 Pagina 10 Qualora la segnalazione di un possibile caso ADI provenga al distretto da una figura diversa dal medico di medicina generale (ad esempio assistente sociale, famigliare, ecc.), sarà cura del distretto contattare il medico per verificare la possibilità di attivazione. La segnalazione di possibili dimissioni protette sarà effettuata al reparto ospedaliero alla Centrale operativa cure domiciliari e continuità assistenziale competente per territorio, alcuni giorni antecedenti la data di dimissione (festivi esclusi). Per informazioni ci si può rivolgere al medico di medicina generale o alla Centrale operativa cure domiciliari e continuità assistenziale. Distretto di Savigliano - Fossano Savigliano, via Allione, 5 tel. 0172/21870 Dal lunedì al venerdì 8-17 Distretto di Saluzzo Saluzzo, via della Resistenza, 16/F tel. 0175/479/649 Dal lunedì al venerdì c. Assistenza Domiciliare Integrata - Unità Operativa Cure Palliative (ADI - OUCP) Assicura alle persone affette da patologie in fase avanzata di malattia oncologica e non, cure presso il proprio domicilio, riconoscendo casa come luogo naturale di cura e avendo come finalità il miglioramento della qualità di vita dei pazienti e il supporto della famiglia. L Assistenza domiciliare cure palliative (ADI - UOCP) è attivata dal medico di medicina generale, tramite richiesta alla Centra operativa del servizio Cure palliative di Cuneo su apposita modulistica. È attuata dal servizio di cure palliative in collaborazione e integrazione con il medico di medicina generale e il servizio infermieristico domiciliare. Per informazioni ci si può rivolgere al medico di medicina generale o alla Centrale operativa cure domiciliari e continuità assistenziale. Distretto di Savigliano - Fossano Savigliano, via Allione, 5 tel. 0172/21870 Dal lunedì al venerdì 8-17 Distretto di Saluzzo Saluzzo, via della Resistenza, 16/F tel. 0175/479/649 Dal lunedì al venerdì 8-17

15 Pagina 11 3d. Assistenza Domiciliare Programmata (ADP) L'ADP - Assistenza domiciliare programmata - assicura al domicilio del paziente non deambulante la presenza periodica, settimanale, quindicinale o mensile del medico di medicina generale in relazione alle eventuali esigenze del paziente, per: monitoraggio dello stato di salute dell'assistito; controllo sulle condizioni igieniche e sul comfort ambientale e suggerimenti allo stesso ed ai familiari; indicazione al personale infermieristico per l'esecuzione di eventuali terapie; indicazioni ai familiari o al personale addetto all'assistenza in merito alle peculiarità fisiche e psichiche del paziente; indicazioni circa il trattamento dietetico; collaborazione con il personale del servizi sociali per le necessità del soggetto nei rapporti con la famiglia e con l'ambiente esterno; predisposizione di programmi individuali con carattere di prevenzione o di riabilitazione e loro verifica periodica; Attivazione degli interventi riabilitativi. Le caratteristiche dei casi soggetti all'assistenza domiciliare programmata possono riguardare le seguenti categorie: 1. Impossibilità permanente a deambulare; ultraottantacinquenni con deficit nella deambulazione; portatori di protesi agli arti inferiori con gravi difficoltà a deambulare. 2. Impossibilità ad essere trasportato in ambulatorio con mezzi comuni; paziente non autosufficiente; ultraottantacinquenni abitanti nei piani alti senza ascensore; ultraottantenni senza parenti o conoscenti disponibili a trasportarli con mezzi privati. 3. Impossibilità per gravi patologie che necessitano di controlli periodici, sia in relazione al quadro socio-ambientale che al quadro clinico; insufficienza cardiaca in stato avanzato; insufficienza respiratoria con grave limitazione funzionale; arteriopatia obliterante agli arti inferiori in stadio avanzato; gravi arteriopatie agli arti inferiori con grave limitazione; cerebropatici e cerebrolesi con forme gravi; tetraplegici.

16 Pagina 12 La segnalazione della persona che necessita di assistenza domiciliare programmata può essere effettuata dai competenti servizi sanitari e sociali o dalle famiglie al medico di medicina generale. L'attivazione dell'assistenza domiciliare programmata deve essere fatta esclusivamente dal medico di medicina generale dell'assistito. Tale forma di assistenza viene effettuata gratuitamente dal medico di medicina generale nei confronti dei propri assistiti; sarà poi l'asl a rimborsare direttamente il medico di medicina generale. 3e. Lungoassistenza (LA) La lungoassistenza è un supporto a domicilio, rivolto alla persona che presenta una situazione di cronicità della patologia sia come prevenzione ad un eventuale ricovero ospedaliero sia come vera alternativa al ricovero in struttura, al fine di consentire la migliore qualità di vita possibile. Le cure domiciliari in Lungoassistenza vengono erogate alla persona al fine di mantenere l autonomia funzionale possibile ed a rallentare il suo deterioramento. L intervento socio-sanitario è volto a favorire il recupero delle capacità residue di autonomia e di relazione. La lungoassistenza è una forma di assistenza gestita dagli operatori del Consorzio Monviso Solidale in collaborazione con l ASL CN1. Essa è concordata tra il paziente, i familiari, l assistente sociale e gli operatori addetti all assistenza domiciliare e si svolge direttamente al domicilio del paziente. Comporta attività differenziate come: prevenzione piaghe da decubito, aiuto nell igiene personale e dell ambiente, mobilizzazione, socializzazione, disbrigo pratiche burocratiche, accompagnamento a visite mediche. Sono previsti inoltre: i servizi di lavanderia per persone in condizione di indigenza e seguite dal servizio sociale territoriale; il servizio di distribuzione del pasto a domicilio con il rimborso del costo. Al servizio di lungoassistenza si accede mediante la com p il a zio ne de lla dom and a c he vie ne pr ed is pos ta dall'assistente sociale, competente per il territorio di residenza.

17 Pagina 13 Le richieste saranno inviate dall assistente sociale alle commissioni competenti (Unità Valutativa Geriatrica, Unità Multidisciplinare Valutativa della Disabilità) che provvederanno, o meno, ad autorizzare e a quantificare gli interventi a domicilio. Questo servizio può comportare una compartecipazione economica da parte del beneficiario sulla base della situazione economica personale, la quale verrà valutata per mezzo del modello I.S.E.E. rielaborato (redatto dai patronati convenzionati: Epaca Coldiretti e CGIL) che deve essere presentato all assistente sociale competente al momento della domanda. 4. Visite Specialistiche Domiciliari Per i soggetti non deambulanti o impossibilitati ad accedere agli ambulatori seguiti in assistenza domiciliare (ADI) potranno essere richieste visite specialistiche, le quali saranno garantite o a domicilio o in ospedale con trasporto in ambulanza. Per le visite specialistiche domiciliari per le persone non seguite in assistenza domiciliare (ADI) potranno essere richieste informazioni allo Sportello Unico Socio Sanitario. I cittadini residenti nell area Savigliano - Fossano possono rivolgersi anche alla Centrale operativa cure domiciliari e continuità assistenziale sita in via Allione, 5 Savigliano - Tel. 0172/21870 dal lunedì al venerdì ore Per le prestazioni specialistiche domiciliari è necessaria la richiesta del medico di medicina generale, dove deve essere indicato che si tratta di un paziente non deambulante o in gravi condizioni di salute. Tale richiesta dovrà essere portata presso la segreteria del distretto sanitario. La richiesta verrà autorizzata da parte del medico di distretto competente per territorio, sarà poi cura dell interessato o dell infermiera prenotare la visita dallo specialista. Per informazioni rivolgersi allo Sportello Unico Socio Sanitario (recapiti a pagina 4 di questa guida).

18 Pagina Assistenza Protesica Il paziente, che necessita di protesi e/o ausilii utili per il suo recupero funzionale e sociale, può rivolgersi all ufficio Protesica presso ogni distretto dell ASL CN1. Possono usufruire del servizio: gli invalidi civili con invalidità pari o superiore al 34%, certificata dalla commissione competente, di guerra e per servizio, i non vedenti totali e/o parziali e i sordomuti; i minori di anni 18 che necessitano di un intervento di prevenzione, cura, riabilitazione a fronte di un invalidità permanente. Per il riconoscimento dell invalidità civile, è necessario richiedere al medico di famiglia il rilascio del certificato medico e poi rivolgersi per la compilazione della domanda o presso un Patronato o presso gli sportelli unici socio sanitari L assistenza protesica fornisce: presidi ortopedici (busti, calzature, rialzi plantari, tutori per alterazioni vertebrali, protesi d arto, ecc.); carrozzelle ortopediche e deambulatori; letti, materassi e cuscini antidecubito; sollevatori e montascale; protesi acustiche; protesi per laringectomizzati (non è necessario il riconoscimento dell invalidità civile); protesi oculari; concentratori d ossigeno e ventilatori; ausilli per l incontinenza e stomie (non è necessario il riconoscimento dell invalidità civile); protesi mammarie a tutte le donne residenti nell ASL CN1 che abbiano subito l intervento radicale di mastectomia su richiesta anche solo del medico di medicina generale (non è necessario il riconoscimento dell invalidità civile); tutti gli ulteriori ausili inseriti nel Nomenclatore Tariffario.

19 Pagina 15 L ufficio Assistenza Protesica autorizza la fornitura di: materiale di medicazione, su richiesta del medico di medicina generale o dello specialista a seconda del materiale a tutti i residenti, anche non invalidi, affetti da flebosi ulcerate, ferite non guarite, eczemi secernenti, ulcere ed ustioni e tracheostomizzati; prodotti dietetici su richiesta specialistica a tutti i residenti, anche non invalidi, affetti da morbo celiaco ed errori metabolici congeniti; prodotti dietetici su richiesta specialistica a tutti i residenti che hanno presentato domanda d invalidità, affetti da insufficienza renale cronica; presidi diagnostici e terapeutici su richiesta specialistica a tutti i residenti affetti da fibrosi cistica. Per l espletamento della pratica bisogna rivolgersi all ufficio assistenza protesica, del luogo di residenza del paziente, presente sul territorio nelle seguenti sedi: Savigliano: via Torino, Tel / Fossano: piazza Castello 33 - Tel. 0172/ Saluzzo: via della Resistenza 16/h (c/o Le Corti) Tel. 0175/ Racconigi: piazza Santa Maria 2 - Tel. 0172/ Per ulteriori informazioni rivolgersi allo Sportello Unico Socio-Sanitario (recapiti a pagina 4 di questa guida).

20 Pagina Esenzione dal Pagamento del Ticket Il ticket è la quota di partecipazione alla spesa sanitaria che gli assistiti del Servizio Sanitario Nazionale devono corrispondere per usufruire di alcune prestazioni sanitarie (farmaci, visite specialistiche, diagnostica di laboratorio e strumentale, ecc.). I cittadini non esenti sono tenuti al pagamento del ticket per prestazioni diagnostiche e strumentali e per le altre prestazioni specialistiche fino ad un importo massimo di Euro 36,15 per ricetta ; tale importo sarà maggiore nel caso di esami riferiti a settori specialistici diversi. Le tipologie di esenzione da tale pagamento possono essere suddivise come segue: Esenzione per età e/o reddito, per gravidanza Esenzione per patologia ed invalidità Per informazioni rivolgersi agli sportelli dei distretti sanitari di Saluzzo e Fossano - Savigliano: 1. Sportello distrettuale di Savigliano via Torino Tel. 0172/ ; dal lunedì al venerdì , lunedì e mercoledì anche 13, Sportello distrettuale di Fossano piazza Castello 33 - Tel. 0172/ ; dal lunedì al venerdì , martedì e giovedì anche Sportello distrettuale di Saluzzo via della Resistenza, 16/h - Tel. 0175/ ; dal lunedì al venerdì (il mercoledì fino alle 13.30), martedì e giovedì Sportello distrettuale di Racconigi piazza Santa Maria, 2 - Tel / ; dal lunedì al venerdì / Per ulteriori informazioni rivolgersi allo Sportello Unico Socio-Sanitario (recapiti a pagina 4 di questa guida). E possibile avere ulteriori chiarimenti rivolgendosi telefonicamente (0172/719570) o personalmente all Ufficio Relazioni con il Pubblico presso l ospedale di Savigliano nei seguenti giorni ed orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle

21 Pagina Strutture per Anziani Non Autosufficienti o Parzialmente Non Autosufficienti Per le persone anziane parzialmente autosufficienti, non autosufficienti non assistibili al domicilio, sono presenti sul territorio strutture residenziali e semiresidenziali, denominate Residenze Assistenziali Flessibili (RAF), per i pazioenti che necessitano di una assistenza di media intensità, Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) per i pazienti che necessitano di un assistenza ad alta intensità e Centri Diurni Integrati (CD); a tali strutture, ad eccezione dei Centri Diurni Integrati, si può accedere privatamente o in regime di convenzione. Per l inserimento nelle strutture, in regime di convenzione, è previsto il seguente percorso: presentare la richiesta all assistente sociale (assistente sociale o- spedaliera per i pazienti ricoverati, assistente sociale territoriale per le persone al domicilio o presso lo Sportello Unico Socio Sanitario) valutazione della situazione della persona da parte dell Unità di Valutazione Geriatrica (UVG), che è un equipe multidisciplinare che ha il compito di verificare le problematiche relative agli anziani prospettando le diverse soluzioni assistenziali; inserimento in lista d attesa che non dipende unicamente dalla data di presentazione della domanda, ma anche dalla gravità del caso e dai bisogni emergenti; assegnazione del posto in regime di convenzione. Le sedi dell Unità di valutazione geriatrica sono: UVG di Fossano - Savigliano: piazza Castello, 33 Fossano - Tel. 0172/ UVG di Saluzzo: via della Resistenza, 16/h Tel. 0175/ Sono inoltre presenti in regime di continuità assistenziale 10 posti letto (5 nella RSA di Racconigi e 5 nella RSA di Manta) il cui accesso è rivolto ai pazienti dimissibili, ma che per ragioni sanitarie ed assistenziali non possono rientrare a domicilio. Per ulteriori informazioni rivolgersi allo Sportello Unico Socio-Sanitario (recapiti a pagina 4 di questa guida).

22 Pagina Reparti di Lungodegenza Sono presenti presso i presidi ospedalieri dell ASL CN1 un reparto di lungodegenza e cure riabilitative a Fossano con 10 posti letto ed un reparto di lungodegenza e cure palliative a Saluzzo con 12 posti letto. La finalità di questi reparti consiste nella cura e nell assistenza delle persone affette da malattie evolutive e croniche, che necessitano di ricovero prolungato per meglio controllare i sintomi che insorgono e che creano disagio. Nei reparti di lungodegenza è presente un equipe multidisciplinare composta da medici, infermieri, fisioterapisti, e assistente sociale. L accesso avviene su segnalazione dei reparti di degenza dei tre presidi per i pazienti ricoverati oppure su segnalazione del medico di famiglia per i pazienti al domicilio rispettando una lista d attesa. 9. Riabilitazione Le attività sanitarie di riabilitazione sono rivolte a quelle persone che a causa della malattia hanno riportato menomazioni e/o disabilità temporanee o permanenti tali da compromettere l autosufficienza e l autonomia. L accesso a tali prestazioni è subordinato alla prescrizione medica. Tali attività vengono realizzate presso: i presidi ospedalieri pubblici; RSA (residenza sanitaria assistenziale) di Bagnolo Piemonte a prevalente valenza riabilitativa; le case di cura accreditate; in ambulatorio; a domicilio. I pazienti ricoverati che necessitano di riabilitazione, su indicazione del medico fisiatra vengono presi in carico dai fisioterapisti del presidio o- spedaliero. La prosecuzione del trattamento potrà avvenire, a seconda delle necessità del paziente, o presso strutture interne all ASL, o presso case di cura accreditate o a domicilio.

23 Pagina Servizio di Guardia Medica Il servizio di Guardia Medica garantisce l assistenza medica di base a domicilio per situazioni che rivestono carattere d urgenza e che si verificano durante le ore notturne o nei giorni prefestivi e festivi. Il servizio viene svolto nei seguenti orari: dalle ore 20 alle ore 8 di tutti i giorni feriali; dalle ore 10 del sabato o di altro giorno prefestivo alle ore 8 del lunedì o comunque del giorno successivo al festivo. Il medico ha il compito di: prescrivere farmaci per terapie urgenti; rilasciare la certificazione di malattia solo nei casi di assoluta necessità per un massimo di tre giorni, lasciando al medico di fiducia ogni ulteriore decisione in merito; proporre il ricovero ospedaliero. Il numero telefonico da contattare è il seguente: 848/ / Servizio di Emergenza Sanitaria Extra Ospedaliera: 118 Il 118 è il numero telefonico che su tutto il territorio nazionale serve a richiedere l intervento del soccorso sanitario. In provincia di Cuneo questo servizio è svolto dalla Centrale operativa 118 che ha sede a Saluzzo. La chiamata telefonica al 118 è gratuita Per riuscire ad operare correttamente, la Centrale operativa 118 ha la necessità di capire che cosa è successo e dove è successo, al fine di poter disporre l invio del mezzo più idoneo.

24 Pagina Trasporti in Ambulanza Il paziente che viene dimesso dall ospedale può usufruire del trasporto gratuito in ambulanza per: dimissioni con l attivazione dell ADI (Assistenza Domiciliare Integrata); trasferimento presso reparti di lungodegenza, centri di riabilitazione e case di cura convenzionate; inserimento presso l Hospice di Busca. In questi casi la caposala del reparto di degenza provvederà a contattare il Centro unico di gestione trasporti dell ASL per l effettuazione del trasporto. I pazienti che alla dimissione accedono alle residenze protette (RAF o RSA) in regime di convenzione possono usufruire del trasporto gratuito in ambulanza previa compilazione di apposito modulo e successiva autorizzazione del servizio delle sedi sanitarie distrettuali. Sono inoltre autorizzabili in ambulanza con spesa a carico dell ASL: I trasporti programmati dei pazienti seguiti a domicilio in ADI o ospiti di residenze protette (convenzionate con l ASL CN1, residenti nel territorio dell ASL CN1) i quali per motivi di salute non possono deambulare od essere trasportati con i comuni mezzi di trasporto e che necessitano di visite mediche specialistiche o di esami diagnostici ovvero di un ricovero ospedaliero programmato. La richiesta, su apposito modulo, dovrà essere compilata dal medico di medicina generale che dovrà indicare le motivazioni sanitarie in base alle quali viene richiesto il trasporto. I trasporti terapeutici per tutti i cittadini residenti nel territorio dell ASL CN1, che si trovano in condizioni di salute tali da non poter deambulare o essere trasportati con i comuni mezzi di trasporto e che necessitano di cicli di cure radioterapiche, chemioterapiche o riabilitative.

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI SOMMARIO CRONOLOGIA VARIAZIONI... 3 PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTO... 7 OBIETTIVI... 7 STRUTTURA DEL

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Guida ai diritti del malato

Guida ai diritti del malato Guida ai diritti del malato ERRORI MEDICI? DIMISSIONI FORZATE? INVALIDITÀ CIVILI NEGATE? LISTE D ATTESA INTERMINABILI? CARTE DEI SERVIZI INTROVABILI? DANNI DA TRASFUSIONI E DA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE?

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli