9 Le tecnologie assistive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9 Le tecnologie assistive"

Transcript

1 9 Le tecnologie assistive di Stefano Federici e Fabio Meloni 9.1. lntroduzione La comunita scientifica unanimemente riconosce il vantaggio che le tecnologie assistive offrono all'indipendenza e alla partecipazione sociale di coloro che ne fanno uso, qualora esse siano state assegnate tenendo conto dei bisogni e del contesto ambientale dell'utente. Sarebbe inimmaginabile oggi prevedere un percorso di riabilitazione - inteso come un insieme di misure che assistono le persone che vivono o rischiano una condizione di disabilita finalizzate a raggiungere e mantenere un funzionamento individuale ottimale in interazione con i propri ambienti di vita - che non considerasse tutte le risorse strumentali che i dispositivi tecnologici offrono per un ripristino e un miglioramento delle funzioni corporee e per una riduzione dell'impatto ambientale. Anzi, per molte persone con disabilita la possibilita che un percorso di integrazione sociale e di conquista della propria indipendenza abbia successo e molto spesso legata a un accesso appropriato e adeguato alle tecnologie assistive. Esse incidono positivamente sulle condizioni socioeconomiche dei soggetti con disabilita, favorendone l'inserimento e il successo scolastico e la partecipazione e il reintegro al lavoro. Questa comporta che l' accesso alle tecnologie assistive non sia piu solo una questione legata alla salute e alla riabilitazione, ma ai diritti umani, alle pari opportunita, alla partecipazione sociale, alla discriminazione sociale, alla disparita economica, ossia, in altre parole, al diritto delle persone alle tecnologie assistive. Ancora oggi, tuttavia, l' accesso a tali tecnologie e assai limitato nei paesi in via di sviluppo. In questo capitolo utilizzeremo l'espressione "tecnologie assistive" nell'accezione indicata dal Glossary of Terms for Community Health Care and Services for Older Persons, composto da Andrews e Faulkner del Centro per lo sviluppo della salute dell'organizzazione mondiale della sanita (OMS), al fine di offrire alla comunita internazionale un insieme di definizioni dei termini pill comunemente usati per descrivere la salute, l' assistenza e i servizi sanitari. 11 glossario 133

2 le definisce come «Un termine ombrello per qualsiasi dispositivo o sistema che consenta alle persone di eseguire compiti che non sarebbero altrimenti in grado di fare o di aumentare la facilita e la sicurezza con cui i compiti possono essere svolti». Questa senso ampio di tecnologie assistive e piu comunemente attribuito al termine "dispositivo di tecnologia assistiva", come indicato dalla Convenzione sui diritti delle persone con disabilita dell'unicef e riconosciuto dall' OMS nel Rapporto mondiale sulla disabilita del 2001: si definisce "dispositivo di tecnologia assistiva" «qualsiasi elemento, apparecchiatura o sistema di prodotti, sia acquisito in commercio, modificato o personalizzato che viene utilizzato per aumentare, mantenere o migliorare le capacita funzionali della persona con disabilita». Questa definizione, quindi, non include solamente prodotti appositamente progettati per persone disabili, dato che e possibile realizzare soluzioni a problemi individuali di autonomia anche con tecnologie di uso comune. La lingua italiana ha introdotto il termine "ausili" per indicare piu comunemente queste tecnologie. Come affermano AAATE ed EASTIN in un documento programmatico del 2012, «non e del tutto noto il percorso che ha portato alla cosl ampia diffusione popolare in Italia del termine "ausili'', che pur si incontrava sporadicamente in certi testi del passato (spesso nella forma "ausilii", a volte comprendente anche il concetto di "protesi" e "ortesi", altre volte in opposizione a essi), ma che solo recentemente ha iniziato a essere accolto nella legislazione (che precedentemente preferiva termini quali "presidi", "dispositivi" o "protesi"). Molti sostengono che sia stata l'ampia opera divulgatrice di Piergiorgio Mazzola - fondatore negli anni settanta del secolo scorso del Centro studi e consulenza invalidi e poi promotore (insieme a Silvano Boccardi e ad Antonio Pedotti) della nascita del Servizio informazioni e valutazione ausili (SIVA) presso la Fondazione Don Gnocchi di Milano -a dare impulso in Italia a una moderna cultura dell'autonomia, della quale i termini "ausilio" e "accessibilita" hanno rappresentato in un certo senso il primo "cavallo di battaglia"». Lo standard ISO 9999 (2011) e la classificazione di riferimento per i sistemi informativi nazionali in Europa e per la Rete di informazione europea sulle tecnologie per la disabilita e l'autonomia Non e del tutto noto il percorso (EASTIN; lnvecchiamento, disabilita e tecnologie assistive II rapporto che sussiste tra le persone anziane, la disabilita e le tecnologie assistive e assai stretto e di enorme rilevanza sociale, peril fatto che l'invecchiamento globale della popolazione comporta un rischio piu elevato di disabilita 134

3 9. LE TECNOLOGIE ASSISTIVE tra le persone anziane e che, allo stesso tempo, l' uso delle tecnologie assistive contribuisce a ridurre le spese assistenziali e per le cure personali, aumentando l' autonomia percepita lnvecchiamento e disabilita E stato trattato in modo esauriente in questo libro il fenomeno dell'invecchiamento globale e le conseguenze che esso comportera per la qualita di vita della popolazione mondiale nei prossimi decenni. Cio che preme sottolineare nel capitolo e lo stretto rapporto che sussiste tra invecchiamento e disabilita, per cui all' aumentare dell' eta cresce il rischio di disabilita. A differenza della popolazione mondiale, di cui possediamo dati certi, resta invece decisamente piu difficile stabilire quante persone con disabilita ci siano nel mondo. Sebbene diverse indagini globali e numerosi censimenti nazionali della popolazione abbiano fornito delle stime affidabili, i dati restano piuttosto discordanti tra di loro. Basti pensare, ad esempio, alle due indagini mondiali, la World Health Survey e la Global Burden of Disease: la prima riporta un tasso di disabilita pari al 15,6%, mentre la seconda del 19,4 /o. La differenza e enorme se rapportata alla popolazione mondiale. Nonostante cio, e indiscusso il rapporto diretto che sussiste tra disabilita e invecchiamento, come abbiamo vista sopra. L'invecchiamento della popolazione e la maggiore longevita degli individui porteranno a un aumento crescente di persone in eta avanzata con disabilita gravi e bisognose di assistenza a lungo termine. Infatti, all' aumentare delle aspettative di vita cresce anche il rischio della cronicizzazione delle malattie a cui tende ad associarsi la disabilita. Gli ultraottantenni, cioe la popolazione attualmente in piu rapida crescita, so no spesso "fragili", ossia particolarmente vulnerabili alle malattie, disabili e ad alto rischio di perdere le abilita necessarie a gestire in modo autonomo le loro attivita. Tutto cio ha un' evidente ricaduta sulle politiche sanitarie nazionali e mondiali che, con l'inesorabile invecchiamento della popolazione, vedranno aumentare i costi dell' assistenza sanitaria e sociale a lungo termine. Per questo ogni strategia che possa migliorare la qualita di vita delle persone anziane e ridurre il costo sociale di una condizione di disabilita non puo che essere di notevole interesse. Le tecnologie assistive costituiscono una tra le piu promettenti risorse a riguardo L'anziano disabile e le tecnologie assistive Diversi studi hanno indagato i vantaggi ottenuti dagli anziani con disabilita dall'uso di tecnologie assistive. Ad esempio, all'uso di tecnologie assistive 135

4 e associato un minor numero di ore di assistenza personale o una minore disabilita residua ( ossia il grado di disabilita che permane anche dopo ii supporto di un'assistenza personale o l'utilizzo di una tecnologia assistiva) autopercepita rispetto agli anziani disabili che usufruiscono solo dell' assistenza personale. L'assistenza personale si riferisce all'aiuto che le persone disabili ricevono da altri soggetti, ad esempio un coniuge, un figlio, un amico o, a pagamento, da un/a badante. L'assistenza personale non abilita le persone disabili a funzionare in modo piu indipendente, anche se puo ridurre la difficolta di esecuzione di un determinato compito (ad esempio aiutando a salire le scale, riducendone lo sforzo). Le tecnologie assistive - come una sedia a rotelle, un bastone, un deambulatore, un sedile copriwater, un montascale ecc. - consentono, invece, a un anziano disabile di svolgere le attivita della vita quotidiana in maniera piu indipendente (ad esempio un montascale permette di salire e scendere le scale in autonomia). Per questa ragione solo una tecnologia assistiva dimostra di essere la strategia piu efficace per ridurre e risolvere le limitazioni nelle attivita e di essere percepita dall'utente come in grado di favorire un' accresciuta autonomia personale rispetto all' assistenza di un caregiver. Inoltre, contrariamente a quel che a volte si pensa - ossia che fare uso di una sedia a rotelle o di un deambulatore, ad esempio, favorisca una maggiore dipendenza in un anziano con difficolta motorie -, le persone che non utilizzano una tecnologia per fare fronte alle proprie disabilita riportano una piu accentuata dipendenza dagli altri. Ai vantaggi sull' autonomia e sulla qualita che apporta l'uso di tecnologie assistive vanno poi associati quelli relativi alla riduzione dei costi di un/a badante e dell'impegno di un familiare o di un assistente volontario. L'utilizzo di tecnologie assistive da parte di anziani ultraottantacinquenni sembra assai piu frequente rispetto a una popolazione di ultrasettantenni. In uno studio del 2004, condotto da Dahlin-Ivanoff e Sonn su 617 ottantacinquenni svedesi, risultava che ii 77% di loro utilizzava tecnologie assistive. Questa percentuale e assai significativa se comparata sia con quella analoga relativa pero a una popolazione di settantaseienni, che scende fino al 45%, sia con la media d'uso della popolazione generale, che e pari al 10%. Questi dati stanno a sottolineare come l'utilizzo di ausili aumenti decisamente con l' eta. I dispositivi piu frequentemente scelti dagli ultraottantacinquenni sono quelli per ii bagno (45 /o ca.), seguiti da quelli per la mobilita (31%) e dai deambulatori (25% ca.). Dato che l'uso di tecnologie assistive aumenta I' autonomia dell' anziano riducendo il rischio di disabilita collegata a una limitazione dell'attivita oltre che nella partecipazione sociale, prevedere un intervento precoce con questo tipo di tecnologie puo ridurre l'incidenza della disabilita in eta piu avanzate. 136

5 9. LE TECNOLOGIE ASSISTIVE 9.3. II processo di abbinamento tra l'utente anziano e la tecnologia assistiva Abbiamo dunque vista lo stretto rapporto esistente tra le persone anziane con disabilita e le tecnologie assistive, mettendo in evidenza i vantaggi che da quest'ultime ottengono non solo gli utenti anziani ma anche il contesto familiare e macrosociale. Tuttavia, perche una tecnologia assistiva risulti efficace e risponda ai reali bisogni del soggetto e del suo contesto di vita, e necessario che il processo di abbinamento tra l' ausilio e la persona disabile avvenga in modo che a quest'ultima sia offerta una reale soluzione assistiva, cioe, secondo quanta affermato dall'aaate in un documento del 2003, «che per compensare una disabilita puo non bastare un singolo strumento tecnologico, puo essere invece necessario ricorrere a un corredo di strumenti comprendente sia tecnologie di uso generale (mainstream) che tecnologie dedicate (assistive), la cui composizione e il cui assemblaggio variano da persona a persona e da contesto a contesto». La soluzione assistiva puo essere raggiunta solo all'interno di un processo di valutazione condotto da un team multidisciplinare di esperti di tecnologie assistive, ij quale, insieme all' Utente, attraverso l' USO di misure cliniche, analisi funzionale e valutazioni psico-socio-ambientali, stabilisca l' ausilio tecnologico che meglio si adatta al soggetto in uno specifico contesto d'uso, al fine di incrementare il benessere personale e favorire la partecipazione sociale. Nel 2012, Federici e Scherer hanno sviluppato un modello internazionale di processo di valutazione di tecnologie assistive (ATA Process; fig. 9.1) avvalendosi del contributo della ricerca applicata di 55 studiosi provenienti da cinque continenti. II modello descrive un percorso ideale di valutazione da adottare in centri ausili sia pubblici che privati. L'ATA Process fa sua una metodologia di lavoro condotta dall'utente (user-driven) mutuata dal cosiddetto Matching Person and Technology Model (modello MPT). 11 MPT sostiene che le caratteristiche della persona, dell' ambiente in cui essa vive e della tecnologia da individuare devono essere considerate come interagenti quando si seleziona la tecnologia assistiva piu idonea ai bisogni della persona. Federici e Scherer affermano che «con il modello MPT per la prima volta la persona con disabilita e esplicitamente coinvolta nella selezione della tecnologia. Il tradizionale processo unidirezionale dal fornitore al consumatore (modello medico) viene sostituito con un nuovo approccio, il quale riconosce che il fornitore e un elemento fondamentale all'interno delle influenze ambientali nella selezione della tecnologia e nella soddisfazione dei bisogni (modello sociale)». Nell'ATA Process la valutazione e definita come «Un processo condotto 137

6 Figura 9.1. Diagramma di flusso del processo di valutazione delle tecnologie assistive (ATA Process) in un centro ausili: I' ATA Process puo essere letto dal punto di vista tanto dell'utente (sinistra) che del centro ausili (destra) Richiesta di risolvere limitazioni nell'attivita Azioni dell'utente Utente/cliente RICH I ESTA Richiesta di risolvere restrizioni ambientali Azioni del centro ausili AWIO Contatto Raccolta dati utente Fornire dati anamnestici (medici, riabilitazione, uso di supporti) e psico-socio-ambientali NO Meeting del team multidisciplinare per: valutare i dati utente e creazione del setting USCITA temporanea o permanente Tecnologia assistiva ottenuta: sistema sanitario pubblico o pubblica/privata assicurazione Utilizzo di breve o lungo periodo: efficacia efficienza usabilita personale, emotivo, sociale, contort d'uso benessere soggettivo benefici Fornitura della tecnologia assistiva Supporto all'utente Follow-up Fonte: modificata da Federici, Scherer (2012a). 138

7 9. LE TECNOLOGIE ASSISTIVE dall'utente attraverso il quale la selezione di uno o piu ausili tecnologici per una soluzione assistiva e facilitata dall'utilizzo di strumenti che comprendono misure cliniche, analisi funzionale e valutazioni psico-socio-ambientali volte, in uno specifico contesto d'uso, al benessere personale dell'utente attraverso il migliore abbinamento tra l'utente e la soluzione assistiva». In accordo con il modello del funzionamento e della disabilita della Classificazione internazionale de! fanzionamento, della disabilita e della salute ( ICF) formulato dall'oms, l'ata Process quantifica ii funzionamento individuale attraverso misure cliniche, analisi funzionali e valutazioni psico-socio-ambientali. In particolare, la diagnosi ha un ruolo centrale nella valutazione, dal momento che e proprio in relazione a essa che viene progettato ii successivo allestimento per l'abbinamento e l'assegnazione degli strumenti. Tuttavia, e solo durante l'incontro con l'utente che e possibile osservare la performance individuale, valutare il funzionamento negli aspetti piu rilevanti della vita quotidiana e personalizzare ii sostegno facendo riferimento alle specifiche caratteristiche socioambientali del contesto di vita. lnfine, il supporto all'utente e le procedure di follow-up permettono di valutare il funzionamento periodicamente e di pesare costantemente gli esiti delle soluzioni assistive in relazione alle necessita del soggetto e ai cambiamenti da lui affrontati nei domini del funzionamento della vita quotidiana. Per facilitare una valutazione funzionale di un anziano con demenza in vista di un processo di selezione di tecnologie assistive secondo le categorie dell'1cf, Scherer e collaboratori hanno elaborato un ICF core set, denominato Matching Older Adults with Dementia and Technology (MOADT) Prevenire l'abbandono degli ausili Nell'ambito della ricerca scientifica sulle tecnologie assistive un punto centrale e quello legato all' alto tasso di abbandono degli ausili assegnati: uno su tre, gia dopo ii primo anno d'utilizzo. Questo comporta un alto grado di insoddisfazione degli utenti e una forte dispersione economica. L'unico studio sull' abbandono degli ausili in Italia, condotto da Federici e Borsci nel 2011 su un campione di 430 utenti dei centri ausili e protesi delle Aziende sanitarie locali della Regione Umbria, ha evidenziato un tasso che, gia nel primo anno di utilizzo, si attesta intorno al 18%. Sebbene tale livello di abbandono risulti decisamente piu basso di quello rilevato da altre indagini internazionali, tuttavia esso puo essere quantificato in una dispersione di danaro pubblico pari a circa i euro annui, su una spesa protesica annua della Regione Umbria di circa euro (dati forniti dalla Regione Umbria e relativi al 2009). Gli autori dell'indagine, confermando quanto gia rilevato da altre ricerche in 139

8 diversi paesi del mondo, dichiarano che le ragioni principali del fenomeno sono piu legate a fattori personali (come ii coinvolgimento dell'utente nella scelta) che al cattivo funzionamento dell' ausilio. I risultati ottenuti dagli studi sull'abbandono mettono in luce l'importanza di una sempre maggiore conoscenza dei fattori individuali di predisposizione all'utilizzo di una tecnologia. Con quasi differenti tecnologie assistive disponibili sul mercato (per un approfondimento si vedano, per gli Stati Uniti, e, per!'europa, l'insuccesso di un abbinamento tra persona e tecnologia non sta tanto nella difficolta di trovare un prodotto tecnologico in grado di soddisfare le necessita dell'utente, quanto piuttosto nella sottovalutazione dei bisogni di quest' ultimo da parte di coloro ai quali e affidata la valutazione e la proposta dell' ausilio. Nello studio gia citato di Federici e Borsci relativo alla Regione Umbria e interessante notare che, tra le categorie di ausili di cui si riscontra un piu alto livello di abbandono, ci sono quelle assegnate agli utenti ultraottantacinquenni, in particolare i montascale fissi. Ovviamente, essendo in proporzione maggiori gli ausili concessi a eta piu avanzate, non stupisce che anche I' abbandono riguardi in percentuale piu elevata la categoria dei grandi anziani. Tuttavia, ii dato rilevato dalle interviste rivolte agli utenti stessi evidenzia un fatto interessante: i soggetti ultraottantacinquenni non utilizzavano dispositivi assai costosi per il servizio pubblico, come un montascale, perche questi venivano assegnati in risposta alle esigenze dei caregiver (badanti e familiari) piuttosto che in risposta ai reali bisogni del grande anziano. I soggetti hanno dichiarato di preferire di essere sorretti da una persona nello scendere le scale, perche ii montascale da loro un senso di vuoto provocando vertigini e terrore. Dichiarazioni di questa natura aiutano a cap ire come spesso l' assistenza protesica del Servizio sanitario nazionale tenda a rispondere alle richieste dell'utenza piu per assecondare un diritto di questa all' ottenimento dell' ausilio che in risposta a un suo reale bisogno al termine di un processo di valutazione. Abbiamo iniziato il capitolo scrivendo che e unanime ii riconoscimento del vantaggio che le tecnologie assistive offrono all'indipendenza e alla partecipazione sociale di coloro che ne fanno uso. Ma a tale affermazione abbiamo fatto seguire anche una precisazione: qualora le tecnologie siano state assegnate tenendo conto dei bisogni e del contesto ambientale dell'utente. Al termine di questo contributo ci auguriamo di aver condotto ii lettore a comprendere a quali condizioni una tecnologia puo risultare un facilitatore e offrire una soluzione assistiva per il benessere di una persona anziana. 140

9 FIATARONE M. A., O'NEILL E. F., RYAN N. D. et al. (1994). Exercise Training and Nutritional Supplementation for Physical Frailty in Very Elderly People. N Engl J Med; 330, pp FORMIGA F., LOPEZ-SOTO A., SACANELLA E. et al. (2003). Mortality and Morbidity in Nonagenarian Patients Following Hip Fracture Surgery. Gerontology; 49, pp FOSS N. B., JENSEN P. s., KEHLET H. et al. (2007). Risk Factors for Jmujficient Perioperative Oral Nutrition after Hip Fracture Surgery within a Multi-Modal Rehabilitation Programme. Age Ageing; 36, pp GUERINI F., l'risoni G. B., MORGHEN s. et al. (2010). Clinical Imtability as a Predictor of Negative Outcomes among Elderly Patients Admitted to a Rehabilitation Ward. J Am Med Dir Assoc; 11, pp INOUYE s. K., studenski s., TINETTI M. E. et al. (2007). Geriatric Syndromes: Clinical, Research, and Policy Implicatiom of a Core Geriatric Concept. J Am Geriatr Soc; 55, pp INTISO n., DI RIENZO F., GRIMALDI G. et al. (2009). Survival and Functional Outcome in Patients 90 Years of Age or Older after Hip Fracture. Age Ageing; 38, pp KAISER M. J., BAUER J. M., RAMSCH c. et al. (2010). Frequency of Malnutrition in Older Adults: A Multinational Perspective Using the Mini Nutritional Assessment. J Am Geriatr Soc; 58, pp KALLMAN D. A., PLATO c. c., TOBIN J. o. (1990). The Role of Muscle Loss in the Age Related Decline of Grip Strength: Cross-Sectional and Longitudinal Perspectives. J Gerontol; 45, pp. M82-8. LIEBERMAN D. (2005). Rehabilitation Following Stroke in Patients Aged 85 and above. J Rehabil Res Dev; 42, pp LING c. H., TAEKEMA D., DE CRAEN A. J. et al. (2010). Handgrip Strength and Mortality in the Oldest Old Population: The Leiden 85-plus Study. CMAJ; 182, pp LONNROOS E., KAUTIAINEN H., KARPPI P. et al. (2006). Increased Incidence of Hip Fractures: A Population Based-Study in Finland. Bone; 39, pp MORGHEN s., GENTILE s., RICCI E. et al. (2011). Rehabilitation of Older Adults with Hip Fracture: Cognitive Function and Walking Abilities. J Am Geriatr Soc; 59, pp MURPHY J., ISAACS B. (1982). The Post-Fall Syndrome: A Study of 36 Elderly Patients. Gerontology; 28, pp OSTIR G. v., BERGES I., KUO Y. F. et al. (2012). Assessing Gait Speed in Acutely Ill Older Patients Admitted to an Acute Care for Elders Hospital Unit. Arch Intern Med; 172, pp SCHEFl'ER A. c., SCIIUURMANS M. J., VAN DIJK N. et al. (2008). Fear of Falling: Measurement Strategy, Prevalence, Risk Factors and Consequences among Older Persons. Age Ageing; 37, pp TORPILLIESI T., BELLELLI G., MORGHEN s. et al. (2012). Outcomes of Nonagenarian Patients after Rehabilitation Following Hip Fracture Surgery. J Am Med Dir Assoc; 13, pp. 81 ei-5. Capitolo 9. Le tecnologie assistive AAA TE ( 2003).AAA TEPositionPaper:A2003 View on TechnologyandDisability. net/publicdocuments. 286

10 BIBLIOGRAFIA AAATE, EASTIN (2012). Sistemi di assistenza protesica in Europa: indicazioni e proposte. Documento programmatico. doc/library/a416_1_atservice Delivery_PositionPaper _IT.pdf. AGREE E. M. (1999 ). The Influence of Personal Care andassistive Devices on the Measurement of Disability. Soc Sci Med; 48, pp AUSTRALIAN BUREAU OF STATISTICS (2011). Disability, Ageing and Carers, Australia: Summary of Findings, C2B94626FoFAC62CA2577FA0011C431/$File/ _ 2009.pdf. AUSTRALIAN INSTITUTE OF HEALTH AND WELFARE (2004).DisabilityanditsRelationship to Health Conditions and Other Factors (AIHW Cat. No. ms 37). WorkArea/DownloadAsset.aspx?id= BORG J., LARSSON s., OSTERGREN P.-o. (2011). The Right to Assistive Technology: For Whom, for What, and by Whom? Disabil Soc; 26, pp BORG J., LINDSTROM A., LARSSON s. (2009). Assistive Technology in Developing Countries: National and International Responsibilities to Implement the Convention on the Rights of Persons with Disabilities. Lancet; 374, pp. 186J-5. CORRADI F., SCHERER M. J., LO PRESTI A. (2012). Measuring the Assistive Technology Match. In: Federici S., Scherer M. J. (eds.). Assistive Technology Assessment Handbook. CRC Press, London; pp DAHLIN-IVANOFF s., SONN u. (2004). Use of Assistive Devices in Daily Activities among 85-Year-Olds Living at Home Focusing Especially on the Visually Impaired. Disabil Rehabil; 26, pp FEDERICI s., BORSCI s. (2011). The Use and Non-Use of Assistive Technology in Italy: A Pilot Study. In: Gelderblom G. ]., Soede M., Adriaens L. et al (eds.). Everyday Technology for Independence and Care: AAArE ws Press, Amsterdam; pp FEDERICI s., SCHERER M. J. (eds.) (2012a). Assistive Technology Assessment Handbook. CRC Press, Boca Raton (n,). IDD. (2012b). The Assistive Technology Assessment Model and Basic Definitions. In: Federici S., Scherer M. ]. (eds.). Assistive Technology Assessment Handbook. CRC Press, Boca Raton (FL); pp FEDERICI s., SCHERER M. J., MELONI F. et al. (2012). Assessing Individual Functioning and Disability. In: Federici S., Scherer M. ]. (eds.). Assistive Technology Assessment Handbook. CRC Press, Boca Raton (FL); pp GRIFFITH H. R., BELUE K., SICOLA A. et al. (2003). Impaired Financial Abilities in Mi/,d Cognitive Impairment: A Direct Assessment Approach. Neurology; 60, pp HOENIG H., TAYLOR D. H., SLOAN F. A. (2003). Does Assistive Technology Substitute for Personal Assistance among the Disabled Elderly? Am J Publ Health; 93, pp ISO 9999:2011 Assistive Products for Persons with Disability: Classification and Terminology. _tc/ ca ta logu e_ detai l.htm?csn umber= LAFORTUNE G., BALESTA T G. (2007 ). Trends in Severe DisabilityamongElderlyPeople:Assessing the Evidence in 12 OECD Countries and the Future Implications. socia I /soc/ pdf. LANGTON A. J., RAMSEUR H. (2001). Enhancing Employment Outcomes through Job Accommodation and Assistive Technology Resources and Services. J Vocat Rehabil; 16, pp

11 MALINOWSKY C., ALMKVIST o., KOTTORP A. et al. (2010). Ability to Manage Everyday Technology: A Comparison of Persons with Dementia or Mild Cognitive Impairment and Older Adults without Cognitive Impairment. Disabil Rehabil: Assist Technol; 5, pp MULLER D. (2012). Foreword: Global Perspectives and Emerging Themes in Assistive Technology Assessment. In: Federici S., Scherer M. J. (eds.).assistive Technology Assessment Handbook. CRC Press, Boca Raton (FL); pp. Ix-xn. NATIONAL COUNCIL ON DISABILITY (1993). Study on the Financing of Assistive Technology Devices and Services for Individuals with Disabilities: A Report to the President and Congress of the United States. NYGARD L. (2008). The Meaning of Everyday Technology as Experienced by People with Dementia Who Live Alone. Dementia; 7, pp ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA (2002). ICF: Classificazione internazionale def fonzionamento, della disabilita e della salute. Erickson, Trento. PERNECZKY R., POHL c., SORG c. et al. (2006). Complex Activities of Daily Living in Mild Cognitive Impairment: Conceptual and Diagnostic Issues. Age Ageing; 35, pp PETERSEN R. c. (2004). Mild Cognitive Impairment as a Diagnostic Entity. J Inter Med; 256, pp PIGLIAUTILE M., TIBERIO L., MECOCCI P. et al. (2012). The Geriatrician. In: Federici S., Scherer M. J. (eds.). Assistive Technology Assessment Handbook. CRC Press, Boca Raton (FL); pp SCHERER M. J. (2002). MPT: Matching Persons and Technology. Strumento per la valutazione della predisposizione individuale all'uso di ausili tecnologici. files/doc/ii bra ry/mpt_ man uale.pdf. SCHERER M. J., FEDERICI s., TIBERIO L. et al (2012). ICF Core Set for Matching Older Adults with Dementia and Technology. Ageing International; 37, pp SONG x., MITNITSKI A., ROCKWOOD K. (2010). Prevalence and 10-Year Outcomes of Frailty in Older Adults in Relation to Deficit Accumulation. JAGS; 58, pp STUCKI G., CIEZA A., EWERT T. et al. (2002). Application of the International Classification of Functioning, Disability and Health (1cF) in Clinical Practice. Disabil Rehabil; 24, pp UNITED NATIONS (2007). WorldPopulationProspects: The2006Revision. esa/population/publications/wpp2006/english.pdf. VERBRUGGE L. M., RENNERT c., MADANS J. H. (1997). The Great Efficacy of Personal and Equipment Assistance in Reducing Disability. Am J Publ Health; 87, pp WORLD HEALTH ORGANIZATION ( ). World Health Survey. health info/survey/en/. ID. (2004). A Glossary of Terms for Community Health Care and Services for Older Persons ( who/wkc/tech.ser./ 04.2). _ WKC _Tech. Ser._04.2.pdf. ID. (2008). The Global Burden of Disease: 2004 Update. WHO, Geneva. WORLD HEALTH ORGANIZATION, WORLD BANK (2011). World Report on Disability. WHO, Geneva. YEAGER P., KAYE H. s., REED M. et al. (2006). Assistive Technology and Employment: Experiences of Californians with Disabilities. Work; 27, pp

La Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus www.dongnocchi.it

La Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus www.dongnocchi.it La Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus www.dongnocchi.it Fondata nel 1952 da don Carlo Gnocchi Founded in 1952 by don Carlo Gnocchi 3800 dipendenti + 1600 collaboratori 5400 employees 28 Centri (di cui

Dettagli

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER)

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Ricerca corrente 2014 Titolo: Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Anagrafica progetto: Responsabile Progetto:

Dettagli

INNOVAZIONE E TECNOLOGIA NELLA RIABILITAZIONE A SOSTEGNO DELL EFFICACIA E DELL EFFICIENZA NELL INTERVENTO RIABILITATIVO

INNOVAZIONE E TECNOLOGIA NELLA RIABILITAZIONE A SOSTEGNO DELL EFFICACIA E DELL EFFICIENZA NELL INTERVENTO RIABILITATIVO PROFESSIONI SANITARIE & ICT Roma 26 Ottobre 2013 INNOVAZIONE E TECNOLOGIA NELLA RIABILITAZIONE A SOSTEGNO DELL EFFICACIA E DELL EFFICIENZA NELL INTERVENTO RIABILITATIVO Dott.ssa Tiziana Rossetto F.L.I.

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit

IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY. Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit IL PROGETTO PERSONALIZZATO PER IL BAMBINO CON DISABILITA ALLA LUCE DELLA CLASSIFICAZIONE ICF E ICF-CY Matilde Leonardi*, Daniela Ajovalasit * Direttore SSD Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità, Direzione

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

Lucia Pigini: Esempi di utilizzo dei Portali SIVA ed EASTIN nella valutazione e scelta degli ausili. 03/02/2015

Lucia Pigini: Esempi di utilizzo dei Portali SIVA ed EASTIN nella valutazione e scelta degli ausili. 03/02/2015 Obiettivi Competenza di base sull utilizzo dei Portale SIVA ed Eastin: Ausili per l autonomia: il Portale SIVA nel percorso dalla valutazione del problema individuale id alla prescrizione i della soluzione

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE E L IMPORTANZA DEL LAVORO IN EQUIPE

IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE E L IMPORTANZA DEL LAVORO IN EQUIPE IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE E L IMPORTANZA DEL LAVORO IN EQUIPE Ministero della Salute-Piano di indirizzo per la Riabilitazione Con le Linee Guida sulla Riabilitazione del 1998 si è tentato di

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Definizione di SALUTE O.M.S.

Definizione di SALUTE O.M.S. Definizione di SALUTE O.M.S. Non solo assenza di malattia ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale. Non basta quindi curare ma anche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere

Dettagli

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1

L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 L USO DELL I.C.F. PER L INTERVENTO SUI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO UNIVERSITARIO: ALCUNI CASE-REPORT 1 Sabrina Castellano, Egle Giardina, Stefania Scaffidi CInAP (Centro per l Integrazione Attiva

Dettagli

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT del 2004 riportano che circa 2,6 milioni di persone con

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer

Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer Il Ruolo del Fisioterapista nel Centro Diurno Alzheimer FT Anita Birignani ASP Montedomini Firenze Centro Diurno Alzheimer custodia o cura Uno sguardo alla letteratura Criticità La teoria applicata alla

Dettagli

Convenzione ONU e sistema di indicatori statistici per il monitoraggio della condizione delle persone con disabilità

Convenzione ONU e sistema di indicatori statistici per il monitoraggio della condizione delle persone con disabilità Convenzione ONU e sistema di indicatori statistici per il monitoraggio della condizione delle persone con disabilità Il monitoraggio dell applicazione dell applicazione della Convenzione è uno dei due

Dettagli

Accomodamento ragionevole e disabilità L approccio biopsicosociale e l ICF

Accomodamento ragionevole e disabilità L approccio biopsicosociale e l ICF Accomodamento ragionevole e disabilità L approccio biopsicosociale e l ICF Paola Bucciarelli I architetto 4inclusion Supporting Human Diversity Through Inclusive Design Disabilità e accomodamento ragionevole:

Dettagli

Valutazione e prescrizione

Valutazione e prescrizione Valutazione e prescrizione Ortesi, Protesi ed Ausili Corso Nazionale di Aggiornamento SIMFER 2010 Manfredonia FOGGIA 15-17 novembre 2010 Tavola Rotonda ESPERIENZE A CONFRONTO NELLA ORGANIZZAZIONE DEL SETTORE

Dettagli

Tecnologie per la didattica e tecnologie assistive nella dimensione dell'icf

Tecnologie per la didattica e tecnologie assistive nella dimensione dell'icf Tecnologie per la didattica e tecnologie assistive nella dimensione dell'icf Eleonora Guglielman Università degli Studi Roma Tre Via Milazzo, 11 b, 00185, Roma guglielman@tiscali.it Nel campo della disabilità

Dettagli

Impatto della crisi economica. Antonio G. de Belvis. Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane Università Cattolica del Sacro Cuore

Impatto della crisi economica. Antonio G. de Belvis. Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane Università Cattolica del Sacro Cuore Impatto della crisi economica Antonio G. de Belvis Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane Università Cattolica del Sacro Cuore La potevamo prevedere? Crisi finanziaria: uno shock per

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

HANDIMATICA 2014 Strumenti informatici nel processo di presa in carico logopedica del paziente con Deterioramento Cognitivo Cronico Progressivo

HANDIMATICA 2014 Strumenti informatici nel processo di presa in carico logopedica del paziente con Deterioramento Cognitivo Cronico Progressivo HANDIMATICA 2014 Strumenti informatici nel processo di presa in carico logopedica del paziente con Deterioramento Cognitivo Cronico Progressivo LE TECNOLOGIE ASSISTIVE NEL PROCESSO DI PRESA IN CARICO LOGOPEDICA

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

CENTRE FOR INNOVATION AND TECHNOLOGY TRANSFER FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI ONLUS

CENTRE FOR INNOVATION AND TECHNOLOGY TRANSFER FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI ONLUS I Portali Internet SIVA ed EASTIN: il mondo degli ausili in un click Una rete europea di informazione sugli ausili Il Portale SIVA (www.portale.siva.it) della Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus rappresenta

Dettagli

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile La prevenzione della disabilità nell anziano fragile: sperimentazione di un modello in due Società della Salute Firenze - 4 maggio 2011 I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova

Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano. C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova Le ricerche di epidemiologia clinica nell anziano C. Destro, S. Maggi CNR Sezione Invecchiamento, Padova THE ILSA: STUDY SAMPLE 5,632 free-dwelling and institutionalized individuals, aged 65-84, resident

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3414 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI IORI, GNECCHI, GIUSEPPE GUERINI,

Dettagli

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma La prevenzione della fragilità Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma FRAILTY is one of those complex terms with multiple and slippery meanings Kaufman SR. The social construction of

Dettagli

Convegno. 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it

Convegno. 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it Convegno 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it Criteri di appropriatezza clinica, tecnologica e strutturale nell assistenza all anziano La fragilità Niccolò

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

Quale prospettiva adottare? Sviluppo della presentazione. Il nostro SS è Sostenibile?

Quale prospettiva adottare? Sviluppo della presentazione. Il nostro SS è Sostenibile? La sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale e le diseguaglianze Bologna, 20 novembre 2015 Mario Braga AGENAS Sviluppo della presentazione Sostenibilità Disuguaglianze Conclusioni Il nostro SS è Sostenibile?

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

Ft. dott. G. Belgiovine Case Manager geriatrico

Ft. dott. G. Belgiovine Case Manager geriatrico Direzione Sanitaria 800. 49. 49. 49 www.consorziosanraffaele.it Distretto Sanitario 2 Ft. dott. G. Belgiovine Case Manager geriatrico Noicattaro (BA) 31 gennaio, 1 2 febbraio 2013 SCOPO: La valutazione

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Firenze 1 dicembre 2007 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Il delirium II/II M.Pozzebon U.O.C. Geriatria U.S.D. Continuità delle Cure P.O. Treviso Delirium: sindrome multifattoriale che deriva dall

Dettagli

Congresso Regionale SIGG Promuovere la salute e le cure dell anziano nel SSR: Un progetto multiprofessionale. Stefano Volpato

Congresso Regionale SIGG Promuovere la salute e le cure dell anziano nel SSR: Un progetto multiprofessionale. Stefano Volpato Congresso Regionale SIGG Promuovere la salute e le cure dell anziano nel SSR: Un progetto multiprofessionale L approccio all anziano anziano fragile: Modelli interpretativi, strumenti di misura, gli interventi

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Dott. Andrea Pezzi Direttore Generale Unisalute S.p.A Assistenza sanitaria Integrativa: Quali prospettive?

Dettagli

RUOLO DEI CARE GIVERS

RUOLO DEI CARE GIVERS RUOLO DEI CARE GIVERS Antonella Surbone, MD PhD FACP Professor of Medicine New York University Novi Ligure, January 16 th, 2009 Demographics of ageing Elderly population in the US people > 65 are the

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE Colais P, Pinnarelli L, Perucci CA, Braga M, Davoli M, Fusco D Bari, 29-31 ottobre 2012 Background (1) In

Dettagli

ICF per gli adulti e ICF CY per minori

ICF per gli adulti e ICF CY per minori ICF per gli adulti e ICF CY per minori La Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF, dall'inglese International Classification of Functioning, Disability and

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE...

PRIMA DI INIZIARE... PRIMA DI INIZIARE... Nel 2011 l'istat ha stimato che In Italia le famiglie che si trovano in condizioni di povertà relativa sono 2 milioni 782 mila (8 milioni 173 mila individui) e rappresentano l 11,1%

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Strumenti per il progetto individuale in Unità Spinale Dal bisogno di cura, alla cura del bisogno

Strumenti per il progetto individuale in Unità Spinale Dal bisogno di cura, alla cura del bisogno Strumenti per il progetto individuale in Unità Spinale Dal bisogno di cura, alla cura del bisogno Studio e comparazione dei costi sociali dell ausilio Luigi Reale lreale@istud.it Ostia, 12 Novembre 2010

Dettagli

Efficacia degli interventi per la prevenzione della disabilità nell anziano fragile Revisione sistematica della letteratura.

Efficacia degli interventi per la prevenzione della disabilità nell anziano fragile Revisione sistematica della letteratura. Efficacia degli interventi per la prevenzione della disabilità nell anziano fragile Revisione sistematica della letteratura Claudia Dellisanti Università degli Studi di Firenze Firenze 04052011 Progetto

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Giornate Mediche Fiorentine Firenze, 2 3 dicembre 2011 Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Atti di indirizzo della Regione

Dettagli

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PREMESSA Gli alunni in difficoltà costituiscono da sempre un problema educativo di grande

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI Premessa: la necessità di sviluppare strumenti di valutazione basati su ICF Il livello di partecipazione alle attività scolastiche

Dettagli

IL RUOLO CARDINE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

IL RUOLO CARDINE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL RUOLO CARDINE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE DR.CLAUDIO AGOSTO MEDICO MEDICINA GENERALE MEDICINA SPECIALISTICA E MEDICINA GENERALE DIFFERENTE APPROCCIO AL

Dettagli

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Linea ID 0: La presa in carico della disabilità: percorsi e strutture TITOLO: Messa a regime nelle regioni italiane di un sistema di monitoraggio sullo stato di salute della popolazione anziana in particolare

Dettagli

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health)

Qualità di vita e ICF in pazienti oncologici ICF (International Classification of Functioning Disability and Health) Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico-assistenziale Centro Studi EBN Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi Qualità di vita e ICF

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

Sistemi sanitari, salute e benessere

Sistemi sanitari, salute e benessere Sistemi sanitari, salute e benessere Armando Olivieri Società Medico-Chirurgica Vicentina 22 ottobre 2011 la comunicazione Caro amico, continui a fare l esame che è il più sicuro mezzo per individuare

Dettagli

Assistenza comunitaria (Community Care)

Assistenza comunitaria (Community Care) Options in Aged Care Italian Scelte nell Assistenza agli anziani Esistono molti tipi di servizi d assistenza agli anziani, ma scoprire quali scelte siano messe a disposizione vostra o di un membro della

Dettagli

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1 Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010 A. Zagari 1 Dimissione protetta Definizione È la dimissione di un utente che necessita di prestazioni sanitarie o socio-sanitarie erogabili

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano a.a 2005-2006

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano a.a 2005-2006 Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano a.a 2005-2006 Laurea Specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative Insegnamento Metodi

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione

Ministero della Salute. Piano di indirizzo per la Riabilitazione Ministero della Salute Piano di indirizzo per la Riabilitazione La riabilitazione è disciplina medica - scientificamente certa - socialmente congrua - economicamente sostenibile I numeri della riabilitazione

Dettagli

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Pagina 1 di 6 sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Rev. Data Causale della modifica Condivisa/Valutata 0.0 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero AG 1 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero

Dettagli

IL PROGETTO EUBIOSIA

IL PROGETTO EUBIOSIA INTEGRATAZIONE PUBBLICO NON PROFIT Esperienze di assistenza domiciliare agli anziani IL PROGETTO EUBIOSIA Raffaella Pannuti Presidente Fondazione ANT Italia ONLUS BACKGROUND AUMENTO DELLA MORTALITÀ PER

Dettagli

Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni

Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni Nel documento Linee di indirizzo per il riconoscimento della figura professionale del mediatore interculturale prodotto dal

Dettagli

Supplementazione orale nella prevenzione e nel trattamento della malnutrizione Alessandro Laviano

Supplementazione orale nella prevenzione e nel trattamento della malnutrizione Alessandro Laviano 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Firenze, 26-29 Novembre 2008 Supplementazione orale nella prevenzione e nel trattamento della malnutrizione Alessandro Laviano alessandro.laviano@uniroma1.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Screening della fragilità nell anziano mediante questionario postale: lo studio INTER-FRAIL

Screening della fragilità nell anziano mediante questionario postale: lo studio INTER-FRAIL Screening della fragilità nell anziano mediante questionario postale: lo studio INTER-FRAIL Francesco Profili Osservatorio di Epidemiologia francesco.profili@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità

Dettagli

Tema: Domotica per la disabilità: sviluppo e sperimentazione di strumenti e metodologie per l'autonomia domestica

Tema: Domotica per la disabilità: sviluppo e sperimentazione di strumenti e metodologie per l'autonomia domestica Ricerca Corrente Linea 1 Attività svolta nel 2009 Polo tecnologico area tecnologie assistive Tema: Domotica per la disabilità: sviluppo e sperimentazione di strumenti e metodologie per l'autonomia domestica

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Convegno internazionale

Convegno internazionale Con il patrocinio di Convegno internazionale Nutrire la memoria per nutrire le generazioni: anziani attivi e benessere Feeding the memory to feed the generations: active elders and well-being 11-12 Maggio

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo

Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo Terapia Occupazionale La cultura della professione Milano, 23 maggio 2009 Dalla teoria alla pratica: L intervento del T.O. nel progetto di reinserimento lavorativo T.O. Antonella Sartore A.O.U. Maggiore

Dettagli

Disturbi dell'umore. Depressione

Disturbi dell'umore. Depressione Disturbi dell'umore Depressione Probabilmente tutti nell'arco della propria hanno attraversato un periodo o anche un solo giorno in cui si sono "sentiti giù" e hanno pronunciato parole come: "Mi sento

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

PRESERVARE LA SALUTE: I RISULTATI DELL INDAGINE SHARE EDITORIALE

PRESERVARE LA SALUTE: I RISULTATI DELL INDAGINE SHARE EDITORIALE PRESERVARE LA SALUTE: I RISULTATI DELL INDAGINE SHARE EDITORIALE Da anni in Svizzera e in Europa si assiste a un progressivo e costante aumento della speranza di vita. Il cambiamento della struttura per

Dettagli

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma Disabilità e malnutrizione Limitazioni funzionali frequenti nell anziano sono associate

Dettagli

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 1 Sicurezza domiciliare tra domotica e superamento delle barriere architettoniche Dr. Angelo Montesano, Responsabile Servizio

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

C è un limite alla riabilitazione?

C è un limite alla riabilitazione? Simposio LE CAPACITA DI RECUPERO C è un limite alla riabilitazione? Gianbattista Guerrini Fondazione Brescia Solidale C è un limite alla riabilitazione 30 25 del paziente molto anziano (oldest old)? 20

Dettagli

paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri

paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri La presa in carico del paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri La demenza è una malattia: Frequente: In Italia sono 1.000.000 circa i casi di demenza e circa 3 milioni di familiari sono coinvolti

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli