I servizi di trasporto per persone disabili a Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I servizi di trasporto per persone disabili a Torino"

Transcript

1 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino DOSSIER / GIUGNO 2012 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Questa indagine è stata realizzata da ricercatori che fanno parte del network 4t. think tank torino territori, una rete fra diversi centri di ricerca operanti a Torino, che ha l intento di favorire l incrocio di competenze, interessi e prodotti nel campo della ricerca applicata alla lettura e allo stimolo delle politiche urbane. Aderiscono al network Torino Nord Ovest, Eu-Polis, Centro Einaudi gruppo di ricerca del Rapporto Giorgio Rota. 1

2 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino INDICE GUIDA ALLA LETTURA 3 IL SERVIZIO A TORINO 5 1. Evoluzione del quadro normativo 6 2. Trasporti dedicati e agevolazioni sui trasporti collettivi 9 3. Altri servizi I trasporti pubblici torinesi e le persone disabili Alcuni dati 15 IL SERVIZIO IN ALTRI CONTESTI URBANI Nelle città italiane Alcuni dati Cinque casi 28 Milano 28 Genova 32 Bologna 35 Firenze 38 Roma Qualche esempio all estero 44 L IMPIEGO DELLA TECNOLOGIA Scenari per la mobilità d2d 48 Carta magnetica 48 Carta magnetica con funzionalità evolute 48 Telefono cellulare 50 2

3 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino GUIDA ALLA LETTURA Per ovviare alle carenze strutturali dei sistemi di trasporto pubblico, in molte città italiane il diritto alla mobilità delle persone disabili è stato garantito negli ultimi decenni attraverso un insieme di servizi dedicati, per lo più flotte di minibus e taxi attrezzati ( a chiamata ) e posteggi individuali riservati. Quasi o- vunque tali servizi di trasporto sono stati adattati in modo tale da soddisfare diverse esigenze di mobilità: verso luoghi di lavoro, formativi, di cura, legati al tempo libero. L insieme degli enti che governano questi sistemi negli anni è andato in genere crescendo di complessità, interessando spesso a Torino come altrove diversi settori dell amministrazione civica, altri enti territoriali, la Regione, le Asl, fondazioni bancarie, organismi del privato sociale (a volte con un coinvolgimento in fase progettuale e organizzativo, altre con meri compiti esecutivi). La non sempre ottimale governance del sistema ha finito per produrre doppioni tra servizi analoghi e, talvolta, l accumulo di opportunità a favore di uno stesso utente (mentre altri utenti sono andati a ingrossare le liste d attesa, a Torino di particolare consistenza). Quasi totale l assenza negli anni scorsi di sistematici monitoraggi; quando sono stati condotti hanno permesso di svelare distorsioni gestionali: ad esempio a Torino, un paio di anni fa, scoprendo che molti utenti erano fittizi in quanto nel frattempo trasferiti o deceduti. Per gestire in modo più efficiente il sistema, alcune città (come Roma, ma anche Torino sta ragionando in questa direzione) hanno cominciato a introdurre sistemi telematici come le smart card. L obiettivo è semplificare le modalità di pagamento, ma anche memorizzare i dati su utenti, percorsi, spesa, cosa impossibile con dispositivo come i buoni taxi cartacei, magari utilizzabili senza scadenza. Fra le questioni a- perte dall adozione di tecnologie avanzate, resta da valutare se il sistema telematico del trasporto disabili debba rimanere autonomo oppure vada integrato con altri sistemi di gestione del trasporto esistenti. A Torino l adozione di sistemi gestionali intelligenti per innovare il processo attraverso cui viene erogato il servizio, non necessariamente adottando dispositivi altamente tecnologici risulta di particolare urgenza, tanto più tenendo conto della necessità dell amministrazione comunale di razionalizzare i modelli organizzativi, di migliorare l efficienza e di ridurre le proprie spese. Un ulteriore elemento di razionalizzazione sarebbe l unificare le diverse competenze dei vari servizi coinvolti nell ambito di un unico ufficio (come a Genova), in grado di controllare quindi in modo più efficace l intero sistema, riducendo i rischi di dispersione delle risorse. Anche il versante del coinvolgimento e dell informazione degli utenti (e delle loro associazioni) risulta strategico e necessita di azioni articolate. La necessità di affrontare la gestione complessiva dei sistemi di trasporto delle persone disabili è accentuata dalla circostanza che, grazie ai progressi in campo sanitario, sta crescendo la quota di anziani e di persone che sopravvivono a gravissimi traumi, ma spesso con handicap irreversibili. 3

4 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Questo dossier ha l obiettivo di restituire una fotografia dei tratti salienti del servizio di trasporto per persone disabili e fornire elementi conoscitivi e comparativi utili a renderlo più efficace ed efficiente. Il documento è suddivido in tre sezioni. La prima descrive in particolare i servizi erogati a Torino: parte da un inquadramento di carattere normativo e della sua evoluzione negli anni, per analizzare le tipologie di trasporto dedicate, il quadro gestionale e amministrativo, la dimensione del bacino d utenza, le risorse impiegate, i punti di forza e di debolezza del sistema. La seconda mette a confronto Torino con altre città italiane da un punto di vista sia qualitativo (modalità gestionali e organizzative) sia quantitativo (utenti, costi, copertura del bacino d utenza); vengono inoltre descritti sommariamente alcuni esempi di organizzazione dei servizi per il trasporto di persone disabili in paesi e città straniere. La terza e ultima prende in esame promettenti innovazioni di carattere tecnologico, utili a migliorare efficienza e modalità gestionali di questo tipo di servizi. Per realizzare questa indagine sono stati raccolti materiali bibliografici e sitografici, e apparati di dati di diverse provenienze (le fonti materiali sono citate volta per volta nelle pagine di questo dossier). Sono stati inoltre intervistati diversi esperti, a vario titolo, dei servizi di trasporto per persone disabili. In particolare, desideriamo ringraziare Claudio Foggetti e Angelo Laquaglia (settore Servizi sociali Comune di Torino), Luisella Nigra (settore Trasporti Comune di Torino), Gtt, Giovanni Ferrero (Consulta disabili), Daniele Mazzocchi (Istituto Boella), Consulta persone in difficoltà, Comitato Tetraplegici, Anffas, Associazione diritti negati, Uildm, Unione italiana ciechi, Apistom, Associazione privi della vista. Inoltre: Andrea Pancaldi, Dipartimento benessere di comunità Comune di Bologna, Francesca Rodolfi e Raffaele Uccello, Direzione Servizi sociali Comune di Firenze, Anna Rosa Bruzzone e Cristina Pietrantoni della Direzione Politiche sociali Comune di Genova, Laura Florita e Oscar Vavassori del Settore Servizi per le Persone con Disabilità e per la Salute Mentale Comune di Milano, Diego Rubbi, staff del Vicesindaco Comune di Roma. Ha lavorato al dossier un gruppo di ricerca composto da Luca Davico (coordinatore), Cristiana Cabodi, Chiara Casalino, Tatiana Mazali. 4

5 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino IL SERVIZIO A TORINO 5

6 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino 1. Evoluzione del quadro normativo Il Comune di Torino, con la delibera del Consiglio Comunale del 18 maggio 1979, ha istituito un servizio di trasporto destinato a persone fisicamente impedite. Tale delibera recepisce il contenuto del DPR n.384 del 27 aprile 1978, emesso in attuazione dell art.27 della Legge 118/71, relativa all inserimento sociale delle persone disabili, all eliminazione delle barriere architettoniche nei pubblici edifici e all adeguamento dei mezzi di trasporto pubblico come tramvie, filovie, autobus. La delibera comunale del maggio 1979, tra l altro, recepiva l invito del DPR 384 di mettere a punto accorgimenti per consentire l accesso delle persone disabili ai vari mezzi pubblici e, quindi, un pieno diritto alla mobilità per tutti. In attesa di adeguare i mezzi di trasporto pubblico (e le relative strutture a terra) alle nuove disposizioni, così da essere accessibili anche per le persone disabili, il Comune istituisce un sistema di trasporto rivolto a una fascia di utenti gravemente impediti sul piano motorio, utilizzando un servizio di taxi e di cinque minibus attrezzati. Per erogare tale servizio viene stipulata una convenzione con le cooperative dei tassisti, definendo le norme per l accesso, le modalità di erogazione e i costi. Il Comune di Torino, quindi, riconosce il diritto alla mobilità delle persone disabili in largo anticipo rispetto alla Legge 104 del 1992, che all articolo 96 solleciterà le Amministrazioni comunali a provvedere a servizi del genere. Per quanto concerne l accesso al servizio la delibera prevedeva che l interessato presentasse una documentazione in grado di attestare l impossibilità a utilizzare mezzi di trasporto pubblico. La documentazione veniva quindi vagliata da una commissione formata da tre medici: un ufficiale sanitario, un rappresentante del richiedente e uno dell Assessorato ai trasporti. Il servizio istituito nel 1979 assegna massimo quattro corse giornaliere per ciascun utente. Anche sulla base di una verifica delle richieste (per lavoro, frequenza scolastica, riabilitazione, tempo libero) ogni utente ottiene quindi dalla ripartizione Servizi sociali un carnet di biglietti mensili valido per un numero di corse ritenuto sufficiente a soddisfare i suoi bisogni: da un minimo di 10 a un massimo di 60. Per l utente, il prezzo della corsa in taxi è uguale al costo di una corsa su un mezzo pubblico; il Comune integra la differenza sulla base della convenzione con le cooperative dei tassisti. Il quadro normativo verrà in seguito più volte modificato, con successive deliberazioni del Consiglio Comunale: - Con la delibera del 29 ottobre 1991 il servizio viene esteso anche ai ciechi assoluti. - La delibera 5505 del 27 luglio 1993 modifica i criteri di accesso al servizio e dà le indicazioni per trasferire questo servizio di trasporto dal settore Assistenza sociale a quello Viabilità e trasporti. - Con la delibera 1581, del 30 marzo 1995, viene avviata la prima fase del trasferimento di competenze; viene inoltre affidata (fino a dicembre 1997) la gestione del servizio mediante minibus attrezzati all Atm, ente strumentale del Comune di Torino. - La delibera 2492, del 19 giugno 1997, rinnova la convenzione con le cooperative, le associazioni e singoli tassisti relativa all effettuazione di trasporto di persone disabili su taxi. - Con la delibera 219 del 24 luglio 1997 si avvia la seconda fase del trasferimento all Atm, alla quale viene affidata dal 1 gennaio 1998 anche la gestione del servizio taxi, al fine di garantire una gestione integrata. La divisione Servizi socioassistenziali ha il compito di comunicare ad Atm l elenco degli aventi diritto, le variazioni dell elenco e il numero di corse mensili assegnate a ciascun utente. 6

7 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Il 23 novembre 1998 viene emanato un nuovo regolamento del servizio che, a grandi linee, riprende le precedenti indicazioni normative ed è rimasto in vigore fino al 7 maggio 2012 (data di approvazione di un successivo regolamento). Il regolamento del 1998 stabilisce che: - Il servizio di trasporto mediante taxi e minibus attrezzati è riservato a persone con più di due anni residenti a Torino, con disabilità motoria assoluta, ossia tale da impedire loro l accesso ai mezzi pubblici, oltre che ai ciechi assoluti; - Il servizio è concesso a seguito di una valutazione della commissione medica; - A seguito del parere espresso dalla commissione medica una commissione tecnica, valutando le e- sigenze dei soggetti, indica il numero di buoni mensili; - I buoni vengono assegnati dalla commissione tecnica in base alle esigenze dell utente e se ne può rivedere il numero; al massimo sono concessi 60 buoni mensili e solo temporaneamente possono essere attribuite 100 corse mensili; - Ogni buono taxi vale 13,68 euro ma all utente costa come un biglietto sui mezzi di trasporto pubblico; se la corsa in taxi eccede questo valore, l utente è tenuto a pagare la differenza. - Per ogni utente il limite di spesa massima per ogni blocchetto è di 821,17 euro e se il tetto viene superato l utente deve integrare la differenza per poter ricevere un nuovo blocchetto; invece l eventuale utilizzo del blocchetto per un valore inferiore non dà diritto ad alcuna forma di recupero rispetto ai blocchetti successivi. - Il beneficiario del servizio può utilizzare qualunque taxi che esponga un idoneo contrassegno; utilizzando taxi non aderenti alla convenzione non è possibile pagare con il buono taxi. - Per coloro che non possono utilizzare il taxi è previsto uno specifico servizio di trasporto mediante minibus attrezzati. - L utente può farsi accompagnare con il taxi o con il minibus attrezzato (senza ulteriore spesa) da una o due persone, ma queste devono viaggiare insieme da inizio a fine corsa. - Il buono taxi vale solo per corse interne ai confini del Comune di Torino; per viaggiare si tratte e- xtraurbane occorre inoltrare una specifica richiesta e ottenere la relativa autorizzazione. - Viene rilasciato un buono taxi anche a utenti che possiedano altri tipi di agevolazioni (come ad e- sempio un posteggio riservato sotto casa) o la carta gialla della Regione (cfr. paragrafo 1.3). Con il nuovo recente regolamento, approvato il 7 maggio 2012, vengono introdotte alcune novità: - È estesa la possibilità di accedere al servizio anche a bambini con meno di due anni, previa valutazione della commissione medica. - Si dà priorità alle seguenti categorie: minorenni, casi gravi e urgenti, persone che necessitano di mezzi attrezzati, lavoratori, beneficiari di borse di studio, in formazione professionale, casi segnalati dall Unità Spinale Unipolare. - Viene introdotta l incompatibilità tra chi ha un posto macchina riservato per strada e la possibilità di usufruire di buoni taxi. 7

8 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino - I buoni non sono più illimitati ma hanno scadenza mensile e decadono se non utilizzati1. - I costi per l utente diventano variabili secondo la modalità del servizio: con mezzo attrezzato è l utente paga l equivalente di un biglietto dell autobus urbano (o extraurbano), mentre il resto rimane a carico del Comune; per il mezzo ordinario (taxi o minibus non attrezzato) l utente compartecipa alla spesa in base alla propria situazione economica individuale (del solo utente del servizio). - Il valore totale del buono taxi viene complessivamente decurtato, passando da 13,80 euro a 9 euro 2. QUOTA A CARICO ( ) FASCE ISE ( ) dell utente del comune fino a ,00 9, ,00 7, ,00 5, ,00 3,00 oltre ,00 2,00 D ora in poi, dunque, la domanda per accedere al servizio deve essere corredata, oltre che dalla consueta documentazione medico sanitaria, anche dalla dichiarazione ISE. La Commissione per la valutazione dell impedimento motorio (Cims) valuta la limitazione funzionale, motoria o sensoriale, alla salita e discesa dal mezzo pubblico; in caso di valutazione positiva e di ammissione al servizio, stabilisce le modalità con cui verrà erogato il servizio: mezzo attrezzato oppure ordinario. Quindi come già nel recente passato la Commissione tecnica dell amministrazione comunale valutate le esigenze di mobilità (in particolare, occasionali o continuative), definisce il numero di corse mensili, il valore economico equivalente, la quota di contribuzione a carico dell utente (nel caso di servizio con mezzo ordinario) 3. Col nuovo regolamento, viene istituito un Comitato consultivo in rappresentanza dell utenza (attraverso il Coordinamento interassociativo disabilità) che, in collaborazione con Gtt, gestore del servizio, deve indire incontri periodici per monitorare l andamento del servizio e presentare eventuali proposte migliorative. 1 Fino ad agosto 2012 potranno essere utilizzati i vecchi buoni (già in possesso degli utenti). Successivamente potranno essere utilizzati unicamente buoni convertiti o titoli rilasciati in base al nuovo regolamento. 2 Nella discussione preliminare al nuovo regolamento le associazioni dei disabili si erano opposte all introduzione di parametri reddituali individuali. Le stesse associazioni hanno quindi lamentato la riduzione del buono taxi da 13,80 a 9 euro, soprattutto perché quando il taxi arriva ha già sul tassametro una cifra tra 3 e 5 euro; così per la gran parte delle corse si sfora rapidamente il tetto dei 9 euro, con un aggravio di spesa per l utente. 3 Nel caso in cui l utente cambi residenza, cominci o finisca un attività lavorativa deve comunicarlo tempestivamente alla Commissione. Se si trasferisce fuori città o presso un presidio socio-sanitario (esclusi i presidi di autonomia), decade dalla fruizione del servizio. 8

9 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Il nuovo regolamento indica anche la necessità di soluzioni tecnologiche innovative, chiedendo a Gtt di integrare (preferibilmente) il Biglietto Integrato Piemonte BIP (o, in subordine, una smart card dedicata oppure il pagamento con POS) 4. Accanto a questa novità ve ne sono altre che riguardano le sanzioni e le infrazioni. Si introduce un tesserino di riconoscimento che, insieme al buono cartaceo, è strettamente personale e non può essere utilizzato da persone diverse dal beneficiario. In caso di infrazioni, l amministrazione ha facoltà di sospendere l utente dal servizio (per un periodo massimo di quattro mesi) e, di fronte a ulteriori violazioni, può revocarlo definitivamente. 2. Trasporti dedicati e agevolazioni sui trasporti collettivi La delibera del 18 maggio 1979 stabiliva che il Comune, nell erogare il servizio di trasporto per persone disabili, si sarebbe servito di taxi e di minibus attrezzati. Fu avviato allora quello che oggi viene definito servizio ordinario, espletato attraverso taxi (appartenenti a cooperative convenzionate con il Comune) oppure con minibus appositamente attrezzati. Dal 1993 sono tre i settori dell amministrazione comunale a cui fa capo la gestione dei servizio di trasporto per persone disabili: - Servizi sociali, che stabilisce chi ha diritto ad accedere al servizio. - Trasporti, che è responsabile dell erogazione dei fondi. - Istruzione, che si attiva per la fascia di utenti in età scolare. Per erogare il servizio ordinario di trasporto con taxi, il comune ha stipulato una convenzione con le cooperative Radio Taxi Torino 5730 (che a settembre 2011 contava 730 associati) e Pronto Taxi 5737 (735 tassisti associati). Dal 1995 e dal 1998 in via definitiva Atm prima e Gtt in seguito sono state le aziende appaltatrici del servizio trasporto disabili e responsabili della gestione integrata dei tre settori del Comune: Servizi sociali, Trasporti, Istruzione. Invece, il servizio minibus può contare oggi su una decina di mezzi; è attualmente erogato dalla cooperativa Ati Cssa, vincitrice della gara bandita nel 2009 a seguito del contratto di servizio tra Città e la società partecipata comunale Gtt. In totale, i minibus disponibili sono un centinaio, utilizzati però anche per altri scopi dai servizi educativi e sociali. La copertura del servizio con i taxi è totale, 24 ore su 24, per 7 giorni settimanali. Il servizio con minibus è più ridotto: dalle 7 alle 24 e solo nei giorni feriali; quest ultimo viene attivato su chiamata diretta, anche per un solo utente. 4 Fino a quando non verranno attivate soluzioni tecnologiche ed innovative di pagamento, il servizio continuerà ad essere gestito mediante buoni cartacei, per cui la differenza tra il valore della corsa ed il valore nominale del buono verrà corrisposta direttamente dall utente. 9

10 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Da luglio 2010, per rispondere alle esigenze di un numero sempre maggiore di utenti in lista di attesa è stato avviato un servizio sperimentale; si tratta di un servizio collettivo gestito da Gtt, erogato a seguito di prenotazione (secondo un sistema logistico che ottimizza tempi e percorrenze) e attivo dalle 7 alle 21, dal lunedì al sabato. Il servizio sperimentale è gestito con cinque mezzi del parco Gtt dati in uso alla società controllata Novarese, che espleta il servizio 5. Alle persone disabili, secondo quanto disposto dal Codice della strada (all articolo 381 del Regolamento attuativo) sono anche riservati posti auto lungo strada. In particolare, presso ogni infrastruttura o area di sosta su strada deve esser riservato col contrassegno per i disabili almeno un posto ogni 50. A Torino, gli ausiliari del traffico (di Gtt) possono sanzionare direttamente l occupazione abusiva dei posti riservati o la sosta irregolare in prossimità che ne ostacoli l utilizzo. Se occorre, possono richiedere l intervento della Polizia municipale, per rimuovere l auto in sosta irregolare. I posteggi riservati alle autovetture di persone disabili possono essere di due tipi: - Generici, ovvero destinati a tutte le persone che possiedono veicoli col contrassegno per disabili. - Personali, assegnati alla singola persona, in genere sotto casa e sotto il luogo di lavoro. Il posteggio personale è stato finora concesso in modo indipendente rispetto al fatto che l utente fruisca (o meno) di buoni taxi Altri servizi Oltre ai servizi sopra descritti, erogati direttamente dal Comune di Torino, esistono altre opzioni di trasporto destinate ai medesimi utenti del servizio taxi o ad altre categorie di persone con difficoltà motorie. La tessera di libera circolazione istituita con la Legge Regionale 1 del 4 gennaio 2000 che vien detta comunemente tessera gialla, permette alle persone disabili di viaggiare gratuitamente all interno della Regione Piemonte, senza limiti di orari né di corse. Gli utenti possono accedere con questa tessera a tutte le linee di trasporto pubblico: urbane (tram, autobus e metro), suburbane, extraurbane, treni regionali e diretti con partenza e arrivo nelle città piemontesi, treni interregionali di competenza della Regione che collegano il Piemonte con Lombardia e Liguria, autobus sostitutivi, suppletivi ed integrativi di servizi ferroviari. 5 Tale servizio sperimentale, in ogni caso, non ha finora prodotto alcun contenimento dei costi. Anzi, dal momento che non esiste la possibilità di conoscere la frequenza e la ripetitività delle corse effettuate dai singoli utenti, questo servizio risulta al momento ancor più dispendioso e meno efficiente rispetto al precedente servizio ordinario con taxi. 6 Il nuovo regolamento maggio 2012 istituisce, come già sottolineato, l esclusione dal servizio taxi per chi è titolare di un posteggio auto riservato personale, presso l abitazione e/o il luogo di lavoro. La Commissione tecnica, tuttavia, per far fronte ad esigenze impreviste di mobilità della persona disabile, può concedere eccezionalmente fino a 20 corse annuali. 10

11 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Ne hanno diritto i residenti nella Regione Piemonte che rientrino in una delle seguenti categorie: - Ciechi assoluti e ciechi ventesimisti 7 (per gli eventuali accompagnatori il viaggio è gratuito). - Sordomuti. - Grandi invalidi (di guerra, civili di guerra, per servizio); gli accompagnatori di superinvalidi viaggiano gratuitamente. - Invalidi civili e del lavoro, con percentuale di invalidità superiore al 66%; nei casi di invalidità al 100% la gratuità del viaggio è consentita anche all eventuale accompagnatore (delibera Giunta regionale n ). - I minori invalidi, con viaggio gratuito per l eventuale accompagnatore. - Ultra sessantacinquenni con difficoltà persistenti nello svolgere i compiti e le funzioni proprie della propria età. Esistono poi iniziative per la mobilità delle persone disabili gestite da onlus o da cooperative. Punto Pass è un servizio gratuito di accompagnamento solidale gestito dalla Consulta per le persone in difficoltà onlus, nato nel 2002 in collaborazione con il servizio Passepartout del Comune di Torino e con l Assessorato ai Servizi sociali 8. L obiettivo di Punto Pass è integrare, in forma flessibile e non continuativa, gli interventi esistenti a sostegno della domiciliarità attraverso un servizio di accompagnamento su prenotazione per persone disabili e anziani non autosufficienti; il servizio, svolto da volontari della Consulta, prevede due modalità di accompagnamento: leggero (ossia senza autovetture attrezzate) e attrezzato (comprensivo di accompagnamento casa-strada per superare eventuali barriere architettoniche). In collaborazione con Tailai srl (Trasporto attrezzato integrale), nel 2011 i 40 volontari di Punto Pass hanno realizzato viaggi di accompagnamento, per un totale di utenti serviti. Punto Pass si rivolge esclusivamente alle persone con disabilità fisico-motorie che si spostano abitualmente in carrozzina, residenti nel Comune di Torino, che si muovono all interno dei confini comunali, richiedenti trasporti non continuativi, che non usufruiscono dei buoni taxi 9 (spesso si tratta di persone in lista di attesa). Anche Croce Bianca e Croce Rossa offrono servizi a pagamento per il trasporto di persone disabili. La Croce Bianca offre un servizio di accompagnamento con ambulanza a tutte le persone con problemi di salute di qualsiasi natura, che impediscano quindi qualsiasi attività motoria o che necessitino di particolare assistenza in quanto non autosufficienti cosicché l utenza può raggiungere la struttura sanitaria in qual- 7 I ciechi ventesimisti hanno un residuo visivo in ciascuno degli occhi, con eventuale correzione di lenti, non superiore ad un ventesimo. Queste persone se in condizioni di bisogno economico hanno diritto a una modesta pensione (non reversibile, cioè non trasferibile in caso di morte a coniuge e figli minori) e, a prescindere dalle condizioni economiche, a un indennità speciale, anch'essa modesta. Si distinguono dagli ipovedenti, che hanno invece un residuo visivo in entrambi gli occhi non superiore a tre decimi, con eventuale correzione di lenti (rif. legge 3 aprile 2001 n. 138; fonte: Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti). 8 Dal 2009 è attiva una convenzione, in scadenza nel 2013; precedentemente il servizio riceveva un contributo dal medesimo assessorato. Per l attività istituzionale, il servizio si avvale di un contributo erogato dalla Compagnia di San Paolo. 9 Nel caso fruiscano dei buoni taxi è comunque possibile richiedere un servizio per il superamento delle barriere architettoniche, ad esempio in caso di persone che non possiedono il cingolo montascale rilasciato gratuitamente dall Asl e che hanno quindi il problema di come superare le rampe di scale per entrare e uscire dalla propria abitazione. 11

12 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino siasi momento, 24 ore su 24 anche nei giorni festivi. La Croce Rossa offre un servizio a pagamento di trasporto infermi e trasporto ordinario con automezzi di soccorso, sia su richiesta della Centrale Operativa 118 per il trasferimento di pazienti in condizioni di urgenza sia per pazienti non urgenti negli spostamenti tra casa e luoghi di cura. L Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) offre un servizio di trasporto ai suoi associati svolto principalmente da giovani in servizio civile. Erogato su richiesta, segue priorità legate all urgenza delle diverse destinazioni dei malati: visite mediche, palestra per fisioterapia riabilitativa, lavoro, scuola, passeggiate, altre attività. Non si tratta di un servizio di solo trasporto, poiché sono comprese se necessarie attività varie: mobilitazione, abluzioni, vestizione, altre operazioni quotidiane. Le associazioni di volontariato Auser (Autogestione servizi) e Sea (Servizio emergenza anziani) offrono servizi di trasporto principalmente a persone anziane, con o senza problemi di disabilità. Non sono disponibili dati relativi al numero di disabili che ne usufruiscono; in genere, comunque, si tratta di persone disabili che potrebbero accedere al servizio taxi, ma che non fanno richiesta considerata la lunghissima lista di attesa. Le Associazioni provinciali invalidi civili e cittadini anziani (Apici) offrono il servizio di trasporto Via Libera, rivolto a cittadini con disabilità motorie o psicomotorie, per recarsi a scuola, al lavoro, presso centri di cura o semplicemente per il tempo libero. Viene erogato valutando caso per caso le condizioni di bisogno dei richiedenti, tramite un front-office associativo o su richiesta dei servizi territoriali pubblici grazie all opera di volontari. Nell area torinese nel 2008 è stato avviato il progetto di accompagnamento Tandem, grazie all impegno delle associazioni del capoluogo Auser, Anapaca, Avo, Radio Soccorso, Ravi, Sea, Ugi, Avulss, Volontariato Vincenziano, Mutuo Soccorso e delle associazioni Amici della Faro di Lanzo, Auser di Varisella e Venaria, Sea di Balangero. Utilizzato principalmente da pazienti oncologici, non autonomi dal punto di vista della mobilità, è stato negli anni sostenuto dalla Compagnia di San Paolo e dalla Fondazione CRT, insieme a Regione Piemonte, Provincia di Torino, Comune di Torino, Comunità montana Valli di Lanzo, Fondo speciale per il volontariato in Piemonte, Centri di servizio Vssp e Idea Solidale. L iniziativa si è per ora conclusa nel capoluogo (la gestione avrebbe dovuto essere rilevata nel 2011 dal Comune), mentre nell area delle Valli di Lanzo, dal 2013 la Provincia dovrebbe subentrare nella gestione del servizio. 12

13 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino 4. I trasporti pubblici torinesi e le persone disabili Prima Atm poi Gtt, come ribadito dal Consiglio comunale sin dal 1979 (a proposito della provvisorietà del servizio erogato coi taxi 10 ), hanno avuto l obiettivo di lavorare per rendere la rete del trasporto pubblico accessibile a tutti. Per quanto riguarda l eliminazione delle barriere (fisiche, visive e auditive), attualmente Gtt ha realizzato: - Mezzi con spazio attrezzato per carrozzine (per un totale di 702 bus urbani, 108 tram, 179 bus e- xtraurbani). - Veicoli con pavimento ribassato e senza gradini (su 769 bus urbani, 108 tram, 22 extraurbani). - Mezzi con ingresso a raso sui tram delle serie 5000 e 6000 (e per complessive 200 fermate) e sistemi di salita per carrozzine (in oltre il 70% delle fermate cittadine). - Indicatori di linea a elevata leggibilità (su 769 bus urbani, 55 tram, 5 bus extraurbani). - Sistemi audiovisivi di annuncio della fermata (su 471 bus urbani, 133 tram). - Sistemi sonori di annuncio della linea e della direzione (attivi su 494 bus urbani). - Metropolitana progettata e realizzata per garantire l accesso delle persone disabili. Nel complesso, i maggiori passi avanti sono stati compiuti nel dotare le fermate degli autobus di pedane rialzate e sistemi che permettono di accedere senza barriere, a raso, installando sui tram sistemi di annuncio acustico delle fermate, riservando spazi attrezzati per carrozzine soprattutto sugli autobus. Sul fronte delle barriere fisiche che limitano l accesso ai mezzi la situazione risulta complessivamente migliore nel caso degli autobus (rispetto ai tram) e, naturalmente, nel caso della metro, completamente accessibile grazie a un sistema di ascensori e di ingressi a raso sui mezzi. 10 Nel frattempo, il Comune di Torino nel 2009 ha stipulato con Gtt un contratto di servizio (che scadrà ad agosto 2012), che prevede la gestione di un servizio di trasporto disabili corretto, efficace ed efficiente, l esclusione della Città da responsabilità relative a danni a terzi prodotti nello svolgimento del servizio, la trasmissione al Comune dei reclami e segnalazioni, la dotazione di un ufficio apposito senza barriere architettoniche che distribuisca buoni cartacei e taxi card, un adeguata formazione del personale tecnico, ispettivo e amministrativo, l aggiornamento periodico dell elenco degli utenti di mezzi attrezzati e taxi, del numero di corse mensili assegnate a ciascuno, delle revoche e sospensioni. 13

14 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Percentuali di autobus e di tram di Gtt con sistemi per ridurre le difficoltà ai passeggeri disabili (%) FERMATE CON INCARROZZAMENTO A RASO MEZZI CON SPAZIO ATTREZZATO PER CARROZZELLE MEZZI CON PAVIMENTO RIBASSATO SENZA GRADINI SISTEMA AUDIOVISIVO DI ANNUNCIO FERMATA BUS TRAM INDICATORI LINEA AD ELEVATA LEGGIBILITÀ SISTEMA SONORO DI ANNUNCIO LINEA E DIREZIONE A febbraio 2012 Gtt ha bandito una gara per l acquisto con il contributo del 50% della Regione Piemonte di una cinquantina di nuovi autobus totalmente accessibili 11. Anche nel caso delle fermate, Gtt ha programmato verifiche puntuali circa l accessibilità della fermata e dei suoi immediati dintorni. A breve, dovrebbe essere disponibile sul sito dell azienda (alla voce descrizione percorsi ) l elenco delle fermate accessibili e attrezzate per ogni singola linea urbana e suburbana. Gli autisti sono in taluni casi chiamati a svolgere, se richiesto, un servizio di accompagnamento del disabile in fase di salita e di discesa dal mezzo; a tale scopo sono previsti prossimamente specifici percorsi formativi del personale finalizzati a questo tipo di servizio. Per ciò che attiene invece ai servizi turistici gestiti da Gtt, sono accessibili alle persone disabili: - Il servizio di navigazione sul Po coi battelli Valentino II e Valentina II. - Uno del autobus della flotta per escursioni turistiche, che può ospitare fino a quattro carrozzine ed è dotato di otto poltrone per persone disabili. - Uno dei due tram-ristorante (Ristocolor). - L ascensore della Mole Antonelliana. A gennaio 2012, Gtt ha nominato il Referente per la mobilità dei diversamente abili col compito di coordinare i molteplici aspetti che toccano il tema della mobilità delle persone con disabilità (informazioni, comunicazioni, infrastrutture, veicoli, dispositivi e sistemi), di rispondere alle istanze poste dalle associazioni delle persone in difficoltà e di relazionarsi con tutte le strutture del gruppo Gtt, con gli enti e i soggetti a vario titolo coinvolti in queste tematiche. 11 Entro giugno 2012 devono pervenire a Gtt le proposte, a settembre verrà scelto il vincitore, che dovrà poi consegnare i nuovi mezzi entro giugno

15 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino 5. Alcuni dati Oggi a Torino per accedere ai servizi di trasporto per disabili non sono richiesti particolari requisiti, né legati al reddito né all età: è sufficiente che venga riconosciuto da parte di una commissione medica lo stato di assoluta impossibilità a utilizzare il mezzo pubblico. Di fatto, la maggior parte degli utenti è costituita da persone anziane, mentre all opposto sono pochissimi i giovani. Utenti dei servizi di trasporto per persone disabili, per fasce d età (fonte: Comune di Torino, servizio Passepartout) UNDER 18 TRA 18 E 45 ANNI TRA 45 E 65 ANNI OVER 65 A fine 2011, i dati in possesso dell amministrazione comunale indicavano utenti complessivi del servizio taxi, di cui con problemi motori (di cui 423 utenti di minibus con pedana mobile) e 298 ciechi (3 dei quali utenti di mezzi attrezzati). Altri 244 sono utenti del nuovo servizio sperimentale erogato da Gtt (cfr. paragrafo 1.2): 229 hanno disabilità motorie (166 usano il mezzo con pedana, 63 possono quello con elevatore), mentre 15 sono non vedenti (ed utilizzano i mezzi con pedana). Il servizio sperimentale avrebbe dovuto ridurre la lunga lista di attesa che attualmente conta u- tenti (di cui 41 minori, 46 in terapia salva vita, 64 che possono utilizzare il solo mezzo attrezzato). Ma dalla lista d attesa, solo 600 hanno risposto favorevolmente alla proposta del servizio sperimentale (forse riescono a soddisfare altrimenti i loro bisogni di mobilità). Pertanto i costi del servizio sperimentale, che erano stati calibrati su un numero di utenti più che doppio, hanno finito per risultare decisamente superiori a quelli del servizio ordinario. Dal 2010, l incrocio tra i dati sugli utenti e quelli anagrafici ha permesso di scoprire casi di persone nel frattempo decedute o trasferite, riuscendo così a ripulire la lista, ridotta quindi a persone. Mediamente, ogni anno i servizi del Comune accettano circa un terzo delle domande presentate (circa un migliaio), mentre vengono cancellate circa 200 utenti all anno per trasferimento o per decesso. A saldo, la lista d attesa continua quindi ad allungarsi, a un ritmo pari a circa 200 aspiranti utenti ogni anno. 15

16 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Torino: rinunce al servizio negli ultimi anni (per 2012, dati aggiornati al mese di aprile) Guardando alla distribuzione territoriale degli utenti sia del servizio taxi sia dei minibus sul territorio cittadino, si nota come la maggior parte viva in aree periferiche: a Mirafiori (167 utenti nella parte Sud e 151 nella parte Nord del quartiere), quindi tra San Paolo e Pozzo Strada (132 utenti), a Lucento Vallette (129 utenti), a Barriera di Milano (112 utenti). All opposto, le minori concentrazioni assolute di utenti si riscontrano nei quartieri San Salvario (25 utenti), nella zona del centro storico compresa tra corso Vittorio Emanuele, via Cernaia e via Po (in tutto utenti, nelle due parti orientale e occidentale di quest area) e nella porzione di collina a monte di corso Moncalieri (8 utenti). Emerge una distribuzione territoriale simile anche guardando a coloro che pur possedendo i requisiti necessari sono costretti tuttora a non poter usufruire del servizio. Le maggiori concentrazioni di utenti in lista d attesa, infatti, sono analogamente riscontrabili nelle periferie; nell ordine: a Mirafiori Sud sono in lista d attesa 115 aventi diritto, a Lucento Vallette 113, a Mirafiori Nord 109, a Barriera di Milano 93, a San Paolo e Pozzo Strada 91. Le zone del centro e della collina si confermano caratterizzate da bassi numeri assoluti anche nel caso degli aspiranti utenti del servizio taxi. 16

17 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Distribuzione territoriale degli utenti torinesi dei servizi taxi e minibus per persone disabili (numero di utenti taxi + numero di utenti minibus; fonte: Servizio Passepartout Comune di Torino; dati aggiornati al )

18 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Distribuzione territoriale degli aventi diritto in lista d attesa per servizi taxi e/o minibus per persone disabili (fonte: Servizio Passepartout Comune di Torino; dati aggiornati al ) Sul versante economico, il Comune di Torino nel 2011 ha messo a bilancio una cifra complessiva pari a euro (iva inclusa), così ripartita: euro dalla divisione Servizi educativi per trasporto e accompagnamento di studenti con disabilità euro dalla direzione Infrastrutture e mobilità per i bus collettivi a chiamata e per la gestione del servizio taxi. - Altri euro, sempre dalla direzione Infrastrutture e mobilità, per i minibus dalla divisione Servizi sociali per altri servizi di trasporto e accompagnamento (diversi dai servizi ordinario e sperimentale con taxi). Per quanto riguarda il bilancio preventivo del 2012, le cifre sono attualmente in via di definizione; per la divisione Infrastrutture e mobilità, in ogni caso, si stima un ridimensionamento pari a circa il 20%. O- gni Settore, nell ambito delle risorse finanziarie, provvede al perfezionamento e alla proroga dell affidamento a favore del gestore (attualmente, come detto, Gtt). 18

19 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Per quanto concerne i buoni taxi, se tutti gli utenti utilizzassero il tetto massimo di corse consentite procapite, la spesa potenziale sarebbe superiore a 6 milioni. In ogni caso, siccome prima del nuovo regolamento del maggio 2012 i buoni taxi avevano durata illimitata, il Comune non aveva avviato alcun sistema per il controllo sulle effettive spese. Per consentire un reale monitoraggio della spesa e l adozione di eventuali interventi correttivi è stato appunto introdotto dal nuovo regolamento il criterio della scadenza mensile dei buoni e l ipotesi di adottare una taxi card. La disponibilità di un sistema di monitoraggio di origini e destinazioni delle corse, inoltre, consentirebbe di organizzare in modo più efficiente e meno costoso il servizio collettivo, oltre che di valutare in anticipo i costi delle corse (il cui valore medio, secondo il Comune, si aggira oggi attorno a 8-10 euro). I servizi di trasporto per persone disabili del Comune di Torino: in sintesi Anno di istituzione 1979 Estensione del servizio a non vedenti 1991 Affidamento servizio a Atm-Gtt 1995 minibus 1998 taxi Attuale regolamento 7 maggio 2012 Limiti massimi di utilizzo 4 corse/giorno e 60 al mese Orari taxi sempre minibus giorni feriali ore 7-24 Accompagnatori massimo 2, per l intero tragitto UTENTI 2011 Servizi ordinari disabili motori 298 ciechi Servizi sperimentali 229 disabili motori 15 ciechi In lista d attesa persone Incremento liste attesa circa 200 nuovi iscritti all anno 19

20 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino IL SERVIZIO IN ALTRI CONTESTI URBANI 20

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE All. sub A) : Regolamento Del. di C.C. n. 12 del 29.04.2013 Sommario: Art. 1: Finalità del servizio Art. 2: Destinatari

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Trasporti e infrastrutture al servizio di un sistema turistico per tutti

Trasporti e infrastrutture al servizio di un sistema turistico per tutti Trasporti e infrastrutture al servizio di un sistema turistico per tutti Convegno internazionale SVILUPPO DEL TURISMO PER TUTTI Strategie di promozione e buone prassi nell offerta Alba (CN) Sala Convegni

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI NEL SOCIALE. in collaborazione con

REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI NEL SOCIALE. in collaborazione con REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI NEL SOCIALE Liberi di essere, liberi di muoversi Pubblica Assistenza di Ravenna in collaborazione con Associazione Nazionale Famiglie di Disabili intellettivi e

Dettagli

SERVIZIO TRASPORTO DISABILI NEL SOCIALE. Liberi di essere, liberi di muoversi

SERVIZIO TRASPORTO DISABILI NEL SOCIALE. Liberi di essere, liberi di muoversi SERVIZIO TRASPORTO DISABILI NEL SOCIALE Liberi di essere, liberi di muoversi Pubblica Assistenza di Ravenna in collaborazione con Associazione Nazionale Famiglie di Disabili intellettivi e Relazionali

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Finanziamento anno 2011 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DISABILI Art. 1. (Istituzione del Servizio) Il presente Regolamento disciplina gli interventi a sostegno della mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali C O M U N E DI L A N C I A N O SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI REGOLAMENTOPER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO DISABILI verso strutture sanitarie/riabilitative e socio educative/occupazionali

Dettagli

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO Comune di Valtopina (provincia di Perugia) REGOLAMENTO AMBITO TERRITORIALE N.8 ASL N.3 DISTRETTO N.3 Disciplinante il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) e di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.)

Dettagli

VDG Ingegneria 2012 01582/119 Servizio Esercizio CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. (proposta dalla G.C.

VDG Ingegneria 2012 01582/119 Servizio Esercizio CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. (proposta dalla G.C. VDG Ingegneria 2012 01582/119 Servizio Esercizio CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE (proposta dalla G.C. 29 marzo 2012) OGGETTO: REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DESTINATO A PERSONE

Dettagli

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 66 DEL 15/06/2011 SOMMARIO: ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

Dettagli

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Testo approvato con Delibera Consiliare n. 9 del 01.03.2011 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI INDICE Art.1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI CAPENA (Provincia di Roma)

COMUNE DI CAPENA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AI DISABILI, AI MINORI A RISCHIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n.. DEL Articolo 1 Istituzione

Dettagli

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio.

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani,

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO SULLA COMPARTECIPAZIONE DA PARTE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI D ASSISTENZA DOMICILIARE, PASTI A DOMICILIO E RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL AZIENDA SPECIALE DEL N.. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizione

Dettagli

INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO

INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO L indennità di accompagnamento è stata istituita con la l.18/1980 e modificata, per un esigenza di chiarimento largamente diffusa, dall art. 1 della l. 508/1988.Infatti, la

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO SERVIZIO TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO ATTUATIVO SERVIZIO TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO ATTUATIVO SERVIZIO TRASPORTO SOCIALE ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 FINALITA Il trasporto sociale fa parte, in linea generale, della rete degli interventi programmati dal Piano Sociale

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza AVVISO PUBBLICO IL SINDACO rende noto che, ai sensi e per effetto della Delibera di Giunta Comunale n. d Ord. 63

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1

Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Residenzialità permanente per persone con disabilità alla luce della DGR 1299/2009 1 Obiettivo di questo contributo è analizzare le novità introdotte dall Accordo per

Dettagli

A livello d Ambito Territoriale vari sono stati i progetti e le iniziative realizzate nel periodo che va dal 2003 al 2006:

A livello d Ambito Territoriale vari sono stati i progetti e le iniziative realizzate nel periodo che va dal 2003 al 2006: DIVERSAMENTE ABILI L inserimento del disabile è un indice di misura della nostra civiltà, segnala quanta accoglienza sociale il singolo cittadino può aspettarsi, quando si riduce il suo indice di normalità.

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare COMUNE DI ATZARA PROVINCIA DI NUORO Via Vittorio Emanuele, 27 08030 ATZARA telefono 0784/65205 fax 0784/65380 e-mail: servizi.sociali@comune.atzara.nu.it UFFICIO SERVIZI SOCIALI Regolamento Servizio Assistenza

Dettagli

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI Allegato alla Delibera N. 9 del 27/05/2011 NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI CAPO I - CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO ALL INTERVENTO Art.

Dettagli

Regolamento Trasporto Sociale Zona Pisana (approvato con deliberazione Giunta SdS n. 38 del 1 dicembre 2009)

Regolamento Trasporto Sociale Zona Pisana (approvato con deliberazione Giunta SdS n. 38 del 1 dicembre 2009) Regolamento Trasporto Sociale Zona Pisana (approvato con deliberazione Giunta SdS n. 38 del 1 dicembre 2009) Art.1 Definizione di Trasporto Sociale Zona Pisana È da intendersi Trasporto Sociale Zona Pisana

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 IN DATA 18/06/2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI TITOLO II TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

COMUNE di BUSSOLENO CITTA METROPOLITANA DI TORINO AREA DEMOGRAFICA

COMUNE di BUSSOLENO CITTA METROPOLITANA DI TORINO AREA DEMOGRAFICA COMUNE di BUSSOLENO CITTA METROPOLITANA DI TORINO AREA DEMOGRAFICA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SANITARIO Approvato con Deliberazione C.C. n. 14 del 30.04.2016 INDICE pag. 1 Art. 1

Dettagli

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente;

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente; Regolamento sui criteri di compartecipazione al costo della spesa per le cure domiciliari, dei soggetti ultrasessantacinquenni, la cui non autosufficienza psichica o fisica sia stata accertata dall asl

Dettagli

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 4 del 24.02.2014 1 ART. 1 Finalità del regolamento 1. Nel rispetto dei principi e finalità degli interventi socio assistenziali ed in conformità a quanto

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITÀ DI TRASPORTO SOCIALE A FAVORE DI CITTADINI

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITÀ DI TRASPORTO SOCIALE A FAVORE DI CITTADINI LINEE GUIDA PER LE ATTIVITÀ DI TRASPORTO SOCIALE A FAVORE DI CITTADINI ANZIANI E DISABILI RESIDENTI NEL TERRITORIO CAPANNORESE Art.1 Definizione di trasporto sociale Sono da intendersi Trasporto Sociale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 07 del 01.03.2007 MODIFICATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 06 del 09.03.2010 con deliberazione

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del 05.11.2010 Modificato con atto deliberativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE ART.1 FINALITA DEL SERVIZIO Il Comune promuove il benessere dei propri cittadini, in particolare di quelli più svantaggiati, con il fine di inserire ed integrare socialmente

Dettagli

ASSESSORATO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI POLITICHE SOCIALI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

ASSESSORATO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI POLITICHE SOCIALI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE ASSESSORATO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI POLITICHE SOCIALI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE All esame della Giunta regionale nella seduta del OGGETTO n. ESAME

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con Medaglia d Argento al Valor Militare) PROVINCIA DI VENEZIA ----------------------------------------- UFFICIO SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di Santa Teresa Gallura (Provincia di Olbia-Tempio) Settore Socio-Assistenziale e Sanitario

Comune di Santa Teresa Gallura (Provincia di Olbia-Tempio) Settore Socio-Assistenziale e Sanitario COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA Provincia di Olbia Tempio Piazza Villamarina 07028 tel 0789 740900 fax 0789 754794 info@comunesantateresagallura.it Ufficio Servizi Sociali assistentesociale@comunesantateresagallura.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO LINEA D INTERVENTO 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA:

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: Unità Spinale Unità Gravi Cerebrolesioni A.ULSS n.6 Vicenza AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: GUIDA AI DIRITTI ALL ASSISTENZA E AI SERVIZI TERRITORIALI L obiettivo di questa guida è aiutare le

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI VERBANIA REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AL COSTO DELLA RETTA DI RICOVERO SOCIO ASSISTENZIALE NELL AMBITO DI PERCORSI ASSISTENZIALI INTEGRATI DI

Dettagli

UFFICIO SPECIALE DEL SEGRETARIO E DIRETTORE GENERALE Servizio Supporto Organi Istituzionali. Determinazione n. 955 del 08/07/2015

UFFICIO SPECIALE DEL SEGRETARIO E DIRETTORE GENERALE Servizio Supporto Organi Istituzionali. Determinazione n. 955 del 08/07/2015 UFFICIO SPECIALE DEL SEGRETARIO E DIRETTORE GENERALE Servizio Supporto Organi Istituzionali Determinazione n. 955 del 08/07/2015 Oggetto: DETERMINAZIONE A CONTRARRE AFFIDAMENTO GESTIONE SERVIZIO'' TRASPORTO

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

Il nuovo Isee: illustrazione decreto

Il nuovo Isee: illustrazione decreto Il nuovo Isee: illustrazione decreto Seminario Lecce, 3 aprile 2014 Alessandro Geria Dipartimento Politiche Sociali e della Salute L indicatore della situazione economica equivalente L Isee consiste in

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) Codice Fiscale 00256490806 REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 05/07/2013 ART. 1 - FINALITA

Dettagli

Regolamento del servizio di trasporto sociale

Regolamento del servizio di trasporto sociale Regolamento del servizio di trasporto sociale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 07.07.2014 ed entrato in vigore il 01.10.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano. FOCUS Servizi agli anziani Edizione 2009

A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano. FOCUS Servizi agli anziani Edizione 2009 A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano FOCUS Servizi agli anziani Edizione 2009 I Civicum: l Italia che abbiamo in mente Civicum vuole promuovere in ogni

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

Art. 2 - Normativa di riferimento

Art. 2 - Normativa di riferimento CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento Ambito Territoriale n. 8 - ASL n. 3 - Distretto n. 3 disciplinante il servizio di assistenza domiciliare (S.A.D.) e di assistenza domiciliare Approvato con D.C.C. n. 118 del

Dettagli

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Comune dii Godega dii Sant Urbano (Proviinciia dii Treviiso) Regolamento comunale per l accesso al servizio di trasporto per l utenza svantaggiata. Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Modificato

Dettagli

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE Piano di zona dei Comuni dell Abbiatense per il sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 328/2000 MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 22. del 4 marzo 2014 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO NORME VOUCHER-SAD PER POTENZIAMENTO PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE. IL CONSIGLIO COMUNALE

APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE. IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE. Premesso che: IL CONSIGLIO COMUNALE da diversi anni il Settore Servizi alla persona del Comune eroga il servizio di trasporto sociale

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2013)

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2013) Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese (Dati al 2013) Luglio 2015 Capo Area Programmazione, Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente dell U.I. Ufficio Comunale di Statistica:

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco allegato alla deliberazione dell Assemblea consortile n. 13 del 18.12.2009 C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco REGOLAMENTO SUI CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

Comune di Nuoro Settore Servizi Sociali e Culturali

Comune di Nuoro Settore Servizi Sociali e Culturali Comune di Nuoro Settore Servizi Sociali e Culturali Servizi Sociali Disciplinare del Servizio Trasporto per i Disabili. Norme generali del servizio. Art.1 Istituzione del servizio Il Comune di Nuoro in

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI E ISTITUZIONE TARIFFE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI E ISTITUZIONE TARIFFE COMUNE DI VERBANIA Ufficio Politiche Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI E ISTITUZIONE TARIFFE Approvato dal Commissario Straordinario, con i poteri del Consiglio Comunale, con Delibera

Dettagli

Capitolo Secondo. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1.CHI NE HA DIRITTO 2. PER QUALI VEICOLI?

Capitolo Secondo. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1.CHI NE HA DIRITTO 2. PER QUALI VEICOLI? Capitolo Secondo. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1.CHI NE HA DIRITTO Sono ammesse alle agevolazioni le seguenti categorie di disabili: 1. non vedenti e sordomuti; 2. disabili con handicap psichico

Dettagli

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo ENTE CAPOFILA del DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT/1 [Comuni di Acquapendente, Bagnoregio, Bolsena, Capodimonte, Castiglione in Teverina, Civitella d Agliano, Farnese,

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona

Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Regolamento tariffario degli Interventi alla persona Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.44 del 10.07.2003 In vigore dal 01.01.2004 Modificato con deliberazione della Giunta comunale n.15

Dettagli

- n. 1266 in data 11 maggio 2007 recante Approvazione dell Indicatore Regionale della Situazione Economica di cui all art. 4 della l.r.

- n. 1266 in data 11 maggio 2007 recante Approvazione dell Indicatore Regionale della Situazione Economica di cui all art. 4 della l.r. LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE (TAXI SOCIALE) Adottato con deliberazione consiliare n.17 dd. 30 maggio 2008. 1 Art 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio rientra

Dettagli

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME Iniziative in sostegno delle persone in condizione di disabilità grave e/o non autosufficienti Riferimento legislativo D.G.R. n.4249 del 30/10/2015_ Regione Lombardia (Misura B2) Anno 2016 BANDO GENERALE

Dettagli

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto Allegato 11. Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Premessa 108 Questo progetto intende affrontare le tematiche del cambiamento della persona con disabilità all innalzarsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

NORME REGOLAMENTARI PER IL PARCHEGGIO E LA SOSTA TEMPORANEA DI AUTOMEZZI ALL INTERNO DELL A.O.U. SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO

NORME REGOLAMENTARI PER IL PARCHEGGIO E LA SOSTA TEMPORANEA DI AUTOMEZZI ALL INTERNO DELL A.O.U. SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO NORME REGOLAMENTARI PER IL PARCHEGGIO E LA SOSTA TEMPORANEA DI AUTOMEZZI ALL INTERNO DELL A.O.U. SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO 1) MODALITA DI UTILIZZO DEI POSTI AUTO PER DIPENDENTI a) Norme generali

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI ECONOMICI E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI ECONOMICI E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI ECONOMICI E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE approvato con delibera di consiglio comunale n. n.8 del 20.05.08 CAPO I FINALITÀ E OGGETTO Art. 1

Dettagli

Agevolazioni sui veicoli

Agevolazioni sui veicoli Agevolazioni sui veicoli I soggetti portatori di handicap di cui all art. 3 della L.104/92 con ridotte o impedite capacità motorie permanenti, nonché, come ha inteso estendere l art. 30, comma 7, della

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA ALLE PERSONE INVALIDE E PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI-SOSTA A TITOLO GRATUITO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA ALLE PERSONE INVALIDE E PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI-SOSTA A TITOLO GRATUITO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA ALLE PERSONE INVALIDE E PER L ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI-SOSTA A TITOLO GRATUITO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 74 del 27/11/2006.

Dettagli