I servizi di trasporto per persone disabili a Torino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I servizi di trasporto per persone disabili a Torino"

Transcript

1 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino DOSSIER / GIUGNO 2012 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Questa indagine è stata realizzata da ricercatori che fanno parte del network 4t. think tank torino territori, una rete fra diversi centri di ricerca operanti a Torino, che ha l intento di favorire l incrocio di competenze, interessi e prodotti nel campo della ricerca applicata alla lettura e allo stimolo delle politiche urbane. Aderiscono al network Torino Nord Ovest, Eu-Polis, Centro Einaudi gruppo di ricerca del Rapporto Giorgio Rota. 1

2 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino INDICE GUIDA ALLA LETTURA 3 IL SERVIZIO A TORINO 5 1. Evoluzione del quadro normativo 6 2. Trasporti dedicati e agevolazioni sui trasporti collettivi 9 3. Altri servizi I trasporti pubblici torinesi e le persone disabili Alcuni dati 15 IL SERVIZIO IN ALTRI CONTESTI URBANI Nelle città italiane Alcuni dati Cinque casi 28 Milano 28 Genova 32 Bologna 35 Firenze 38 Roma Qualche esempio all estero 44 L IMPIEGO DELLA TECNOLOGIA Scenari per la mobilità d2d 48 Carta magnetica 48 Carta magnetica con funzionalità evolute 48 Telefono cellulare 50 2

3 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino GUIDA ALLA LETTURA Per ovviare alle carenze strutturali dei sistemi di trasporto pubblico, in molte città italiane il diritto alla mobilità delle persone disabili è stato garantito negli ultimi decenni attraverso un insieme di servizi dedicati, per lo più flotte di minibus e taxi attrezzati ( a chiamata ) e posteggi individuali riservati. Quasi o- vunque tali servizi di trasporto sono stati adattati in modo tale da soddisfare diverse esigenze di mobilità: verso luoghi di lavoro, formativi, di cura, legati al tempo libero. L insieme degli enti che governano questi sistemi negli anni è andato in genere crescendo di complessità, interessando spesso a Torino come altrove diversi settori dell amministrazione civica, altri enti territoriali, la Regione, le Asl, fondazioni bancarie, organismi del privato sociale (a volte con un coinvolgimento in fase progettuale e organizzativo, altre con meri compiti esecutivi). La non sempre ottimale governance del sistema ha finito per produrre doppioni tra servizi analoghi e, talvolta, l accumulo di opportunità a favore di uno stesso utente (mentre altri utenti sono andati a ingrossare le liste d attesa, a Torino di particolare consistenza). Quasi totale l assenza negli anni scorsi di sistematici monitoraggi; quando sono stati condotti hanno permesso di svelare distorsioni gestionali: ad esempio a Torino, un paio di anni fa, scoprendo che molti utenti erano fittizi in quanto nel frattempo trasferiti o deceduti. Per gestire in modo più efficiente il sistema, alcune città (come Roma, ma anche Torino sta ragionando in questa direzione) hanno cominciato a introdurre sistemi telematici come le smart card. L obiettivo è semplificare le modalità di pagamento, ma anche memorizzare i dati su utenti, percorsi, spesa, cosa impossibile con dispositivo come i buoni taxi cartacei, magari utilizzabili senza scadenza. Fra le questioni a- perte dall adozione di tecnologie avanzate, resta da valutare se il sistema telematico del trasporto disabili debba rimanere autonomo oppure vada integrato con altri sistemi di gestione del trasporto esistenti. A Torino l adozione di sistemi gestionali intelligenti per innovare il processo attraverso cui viene erogato il servizio, non necessariamente adottando dispositivi altamente tecnologici risulta di particolare urgenza, tanto più tenendo conto della necessità dell amministrazione comunale di razionalizzare i modelli organizzativi, di migliorare l efficienza e di ridurre le proprie spese. Un ulteriore elemento di razionalizzazione sarebbe l unificare le diverse competenze dei vari servizi coinvolti nell ambito di un unico ufficio (come a Genova), in grado di controllare quindi in modo più efficace l intero sistema, riducendo i rischi di dispersione delle risorse. Anche il versante del coinvolgimento e dell informazione degli utenti (e delle loro associazioni) risulta strategico e necessita di azioni articolate. La necessità di affrontare la gestione complessiva dei sistemi di trasporto delle persone disabili è accentuata dalla circostanza che, grazie ai progressi in campo sanitario, sta crescendo la quota di anziani e di persone che sopravvivono a gravissimi traumi, ma spesso con handicap irreversibili. 3

4 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Questo dossier ha l obiettivo di restituire una fotografia dei tratti salienti del servizio di trasporto per persone disabili e fornire elementi conoscitivi e comparativi utili a renderlo più efficace ed efficiente. Il documento è suddivido in tre sezioni. La prima descrive in particolare i servizi erogati a Torino: parte da un inquadramento di carattere normativo e della sua evoluzione negli anni, per analizzare le tipologie di trasporto dedicate, il quadro gestionale e amministrativo, la dimensione del bacino d utenza, le risorse impiegate, i punti di forza e di debolezza del sistema. La seconda mette a confronto Torino con altre città italiane da un punto di vista sia qualitativo (modalità gestionali e organizzative) sia quantitativo (utenti, costi, copertura del bacino d utenza); vengono inoltre descritti sommariamente alcuni esempi di organizzazione dei servizi per il trasporto di persone disabili in paesi e città straniere. La terza e ultima prende in esame promettenti innovazioni di carattere tecnologico, utili a migliorare efficienza e modalità gestionali di questo tipo di servizi. Per realizzare questa indagine sono stati raccolti materiali bibliografici e sitografici, e apparati di dati di diverse provenienze (le fonti materiali sono citate volta per volta nelle pagine di questo dossier). Sono stati inoltre intervistati diversi esperti, a vario titolo, dei servizi di trasporto per persone disabili. In particolare, desideriamo ringraziare Claudio Foggetti e Angelo Laquaglia (settore Servizi sociali Comune di Torino), Luisella Nigra (settore Trasporti Comune di Torino), Gtt, Giovanni Ferrero (Consulta disabili), Daniele Mazzocchi (Istituto Boella), Consulta persone in difficoltà, Comitato Tetraplegici, Anffas, Associazione diritti negati, Uildm, Unione italiana ciechi, Apistom, Associazione privi della vista. Inoltre: Andrea Pancaldi, Dipartimento benessere di comunità Comune di Bologna, Francesca Rodolfi e Raffaele Uccello, Direzione Servizi sociali Comune di Firenze, Anna Rosa Bruzzone e Cristina Pietrantoni della Direzione Politiche sociali Comune di Genova, Laura Florita e Oscar Vavassori del Settore Servizi per le Persone con Disabilità e per la Salute Mentale Comune di Milano, Diego Rubbi, staff del Vicesindaco Comune di Roma. Ha lavorato al dossier un gruppo di ricerca composto da Luca Davico (coordinatore), Cristiana Cabodi, Chiara Casalino, Tatiana Mazali. 4

5 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino IL SERVIZIO A TORINO 5

6 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino 1. Evoluzione del quadro normativo Il Comune di Torino, con la delibera del Consiglio Comunale del 18 maggio 1979, ha istituito un servizio di trasporto destinato a persone fisicamente impedite. Tale delibera recepisce il contenuto del DPR n.384 del 27 aprile 1978, emesso in attuazione dell art.27 della Legge 118/71, relativa all inserimento sociale delle persone disabili, all eliminazione delle barriere architettoniche nei pubblici edifici e all adeguamento dei mezzi di trasporto pubblico come tramvie, filovie, autobus. La delibera comunale del maggio 1979, tra l altro, recepiva l invito del DPR 384 di mettere a punto accorgimenti per consentire l accesso delle persone disabili ai vari mezzi pubblici e, quindi, un pieno diritto alla mobilità per tutti. In attesa di adeguare i mezzi di trasporto pubblico (e le relative strutture a terra) alle nuove disposizioni, così da essere accessibili anche per le persone disabili, il Comune istituisce un sistema di trasporto rivolto a una fascia di utenti gravemente impediti sul piano motorio, utilizzando un servizio di taxi e di cinque minibus attrezzati. Per erogare tale servizio viene stipulata una convenzione con le cooperative dei tassisti, definendo le norme per l accesso, le modalità di erogazione e i costi. Il Comune di Torino, quindi, riconosce il diritto alla mobilità delle persone disabili in largo anticipo rispetto alla Legge 104 del 1992, che all articolo 96 solleciterà le Amministrazioni comunali a provvedere a servizi del genere. Per quanto concerne l accesso al servizio la delibera prevedeva che l interessato presentasse una documentazione in grado di attestare l impossibilità a utilizzare mezzi di trasporto pubblico. La documentazione veniva quindi vagliata da una commissione formata da tre medici: un ufficiale sanitario, un rappresentante del richiedente e uno dell Assessorato ai trasporti. Il servizio istituito nel 1979 assegna massimo quattro corse giornaliere per ciascun utente. Anche sulla base di una verifica delle richieste (per lavoro, frequenza scolastica, riabilitazione, tempo libero) ogni utente ottiene quindi dalla ripartizione Servizi sociali un carnet di biglietti mensili valido per un numero di corse ritenuto sufficiente a soddisfare i suoi bisogni: da un minimo di 10 a un massimo di 60. Per l utente, il prezzo della corsa in taxi è uguale al costo di una corsa su un mezzo pubblico; il Comune integra la differenza sulla base della convenzione con le cooperative dei tassisti. Il quadro normativo verrà in seguito più volte modificato, con successive deliberazioni del Consiglio Comunale: - Con la delibera del 29 ottobre 1991 il servizio viene esteso anche ai ciechi assoluti. - La delibera 5505 del 27 luglio 1993 modifica i criteri di accesso al servizio e dà le indicazioni per trasferire questo servizio di trasporto dal settore Assistenza sociale a quello Viabilità e trasporti. - Con la delibera 1581, del 30 marzo 1995, viene avviata la prima fase del trasferimento di competenze; viene inoltre affidata (fino a dicembre 1997) la gestione del servizio mediante minibus attrezzati all Atm, ente strumentale del Comune di Torino. - La delibera 2492, del 19 giugno 1997, rinnova la convenzione con le cooperative, le associazioni e singoli tassisti relativa all effettuazione di trasporto di persone disabili su taxi. - Con la delibera 219 del 24 luglio 1997 si avvia la seconda fase del trasferimento all Atm, alla quale viene affidata dal 1 gennaio 1998 anche la gestione del servizio taxi, al fine di garantire una gestione integrata. La divisione Servizi socioassistenziali ha il compito di comunicare ad Atm l elenco degli aventi diritto, le variazioni dell elenco e il numero di corse mensili assegnate a ciascun utente. 6

7 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Il 23 novembre 1998 viene emanato un nuovo regolamento del servizio che, a grandi linee, riprende le precedenti indicazioni normative ed è rimasto in vigore fino al 7 maggio 2012 (data di approvazione di un successivo regolamento). Il regolamento del 1998 stabilisce che: - Il servizio di trasporto mediante taxi e minibus attrezzati è riservato a persone con più di due anni residenti a Torino, con disabilità motoria assoluta, ossia tale da impedire loro l accesso ai mezzi pubblici, oltre che ai ciechi assoluti; - Il servizio è concesso a seguito di una valutazione della commissione medica; - A seguito del parere espresso dalla commissione medica una commissione tecnica, valutando le e- sigenze dei soggetti, indica il numero di buoni mensili; - I buoni vengono assegnati dalla commissione tecnica in base alle esigenze dell utente e se ne può rivedere il numero; al massimo sono concessi 60 buoni mensili e solo temporaneamente possono essere attribuite 100 corse mensili; - Ogni buono taxi vale 13,68 euro ma all utente costa come un biglietto sui mezzi di trasporto pubblico; se la corsa in taxi eccede questo valore, l utente è tenuto a pagare la differenza. - Per ogni utente il limite di spesa massima per ogni blocchetto è di 821,17 euro e se il tetto viene superato l utente deve integrare la differenza per poter ricevere un nuovo blocchetto; invece l eventuale utilizzo del blocchetto per un valore inferiore non dà diritto ad alcuna forma di recupero rispetto ai blocchetti successivi. - Il beneficiario del servizio può utilizzare qualunque taxi che esponga un idoneo contrassegno; utilizzando taxi non aderenti alla convenzione non è possibile pagare con il buono taxi. - Per coloro che non possono utilizzare il taxi è previsto uno specifico servizio di trasporto mediante minibus attrezzati. - L utente può farsi accompagnare con il taxi o con il minibus attrezzato (senza ulteriore spesa) da una o due persone, ma queste devono viaggiare insieme da inizio a fine corsa. - Il buono taxi vale solo per corse interne ai confini del Comune di Torino; per viaggiare si tratte e- xtraurbane occorre inoltrare una specifica richiesta e ottenere la relativa autorizzazione. - Viene rilasciato un buono taxi anche a utenti che possiedano altri tipi di agevolazioni (come ad e- sempio un posteggio riservato sotto casa) o la carta gialla della Regione (cfr. paragrafo 1.3). Con il nuovo recente regolamento, approvato il 7 maggio 2012, vengono introdotte alcune novità: - È estesa la possibilità di accedere al servizio anche a bambini con meno di due anni, previa valutazione della commissione medica. - Si dà priorità alle seguenti categorie: minorenni, casi gravi e urgenti, persone che necessitano di mezzi attrezzati, lavoratori, beneficiari di borse di studio, in formazione professionale, casi segnalati dall Unità Spinale Unipolare. - Viene introdotta l incompatibilità tra chi ha un posto macchina riservato per strada e la possibilità di usufruire di buoni taxi. 7

8 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino - I buoni non sono più illimitati ma hanno scadenza mensile e decadono se non utilizzati1. - I costi per l utente diventano variabili secondo la modalità del servizio: con mezzo attrezzato è l utente paga l equivalente di un biglietto dell autobus urbano (o extraurbano), mentre il resto rimane a carico del Comune; per il mezzo ordinario (taxi o minibus non attrezzato) l utente compartecipa alla spesa in base alla propria situazione economica individuale (del solo utente del servizio). - Il valore totale del buono taxi viene complessivamente decurtato, passando da 13,80 euro a 9 euro 2. QUOTA A CARICO ( ) FASCE ISE ( ) dell utente del comune fino a ,00 9, ,00 7, ,00 5, ,00 3,00 oltre ,00 2,00 D ora in poi, dunque, la domanda per accedere al servizio deve essere corredata, oltre che dalla consueta documentazione medico sanitaria, anche dalla dichiarazione ISE. La Commissione per la valutazione dell impedimento motorio (Cims) valuta la limitazione funzionale, motoria o sensoriale, alla salita e discesa dal mezzo pubblico; in caso di valutazione positiva e di ammissione al servizio, stabilisce le modalità con cui verrà erogato il servizio: mezzo attrezzato oppure ordinario. Quindi come già nel recente passato la Commissione tecnica dell amministrazione comunale valutate le esigenze di mobilità (in particolare, occasionali o continuative), definisce il numero di corse mensili, il valore economico equivalente, la quota di contribuzione a carico dell utente (nel caso di servizio con mezzo ordinario) 3. Col nuovo regolamento, viene istituito un Comitato consultivo in rappresentanza dell utenza (attraverso il Coordinamento interassociativo disabilità) che, in collaborazione con Gtt, gestore del servizio, deve indire incontri periodici per monitorare l andamento del servizio e presentare eventuali proposte migliorative. 1 Fino ad agosto 2012 potranno essere utilizzati i vecchi buoni (già in possesso degli utenti). Successivamente potranno essere utilizzati unicamente buoni convertiti o titoli rilasciati in base al nuovo regolamento. 2 Nella discussione preliminare al nuovo regolamento le associazioni dei disabili si erano opposte all introduzione di parametri reddituali individuali. Le stesse associazioni hanno quindi lamentato la riduzione del buono taxi da 13,80 a 9 euro, soprattutto perché quando il taxi arriva ha già sul tassametro una cifra tra 3 e 5 euro; così per la gran parte delle corse si sfora rapidamente il tetto dei 9 euro, con un aggravio di spesa per l utente. 3 Nel caso in cui l utente cambi residenza, cominci o finisca un attività lavorativa deve comunicarlo tempestivamente alla Commissione. Se si trasferisce fuori città o presso un presidio socio-sanitario (esclusi i presidi di autonomia), decade dalla fruizione del servizio. 8

9 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Il nuovo regolamento indica anche la necessità di soluzioni tecnologiche innovative, chiedendo a Gtt di integrare (preferibilmente) il Biglietto Integrato Piemonte BIP (o, in subordine, una smart card dedicata oppure il pagamento con POS) 4. Accanto a questa novità ve ne sono altre che riguardano le sanzioni e le infrazioni. Si introduce un tesserino di riconoscimento che, insieme al buono cartaceo, è strettamente personale e non può essere utilizzato da persone diverse dal beneficiario. In caso di infrazioni, l amministrazione ha facoltà di sospendere l utente dal servizio (per un periodo massimo di quattro mesi) e, di fronte a ulteriori violazioni, può revocarlo definitivamente. 2. Trasporti dedicati e agevolazioni sui trasporti collettivi La delibera del 18 maggio 1979 stabiliva che il Comune, nell erogare il servizio di trasporto per persone disabili, si sarebbe servito di taxi e di minibus attrezzati. Fu avviato allora quello che oggi viene definito servizio ordinario, espletato attraverso taxi (appartenenti a cooperative convenzionate con il Comune) oppure con minibus appositamente attrezzati. Dal 1993 sono tre i settori dell amministrazione comunale a cui fa capo la gestione dei servizio di trasporto per persone disabili: - Servizi sociali, che stabilisce chi ha diritto ad accedere al servizio. - Trasporti, che è responsabile dell erogazione dei fondi. - Istruzione, che si attiva per la fascia di utenti in età scolare. Per erogare il servizio ordinario di trasporto con taxi, il comune ha stipulato una convenzione con le cooperative Radio Taxi Torino 5730 (che a settembre 2011 contava 730 associati) e Pronto Taxi 5737 (735 tassisti associati). Dal 1995 e dal 1998 in via definitiva Atm prima e Gtt in seguito sono state le aziende appaltatrici del servizio trasporto disabili e responsabili della gestione integrata dei tre settori del Comune: Servizi sociali, Trasporti, Istruzione. Invece, il servizio minibus può contare oggi su una decina di mezzi; è attualmente erogato dalla cooperativa Ati Cssa, vincitrice della gara bandita nel 2009 a seguito del contratto di servizio tra Città e la società partecipata comunale Gtt. In totale, i minibus disponibili sono un centinaio, utilizzati però anche per altri scopi dai servizi educativi e sociali. La copertura del servizio con i taxi è totale, 24 ore su 24, per 7 giorni settimanali. Il servizio con minibus è più ridotto: dalle 7 alle 24 e solo nei giorni feriali; quest ultimo viene attivato su chiamata diretta, anche per un solo utente. 4 Fino a quando non verranno attivate soluzioni tecnologiche ed innovative di pagamento, il servizio continuerà ad essere gestito mediante buoni cartacei, per cui la differenza tra il valore della corsa ed il valore nominale del buono verrà corrisposta direttamente dall utente. 9

10 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Da luglio 2010, per rispondere alle esigenze di un numero sempre maggiore di utenti in lista di attesa è stato avviato un servizio sperimentale; si tratta di un servizio collettivo gestito da Gtt, erogato a seguito di prenotazione (secondo un sistema logistico che ottimizza tempi e percorrenze) e attivo dalle 7 alle 21, dal lunedì al sabato. Il servizio sperimentale è gestito con cinque mezzi del parco Gtt dati in uso alla società controllata Novarese, che espleta il servizio 5. Alle persone disabili, secondo quanto disposto dal Codice della strada (all articolo 381 del Regolamento attuativo) sono anche riservati posti auto lungo strada. In particolare, presso ogni infrastruttura o area di sosta su strada deve esser riservato col contrassegno per i disabili almeno un posto ogni 50. A Torino, gli ausiliari del traffico (di Gtt) possono sanzionare direttamente l occupazione abusiva dei posti riservati o la sosta irregolare in prossimità che ne ostacoli l utilizzo. Se occorre, possono richiedere l intervento della Polizia municipale, per rimuovere l auto in sosta irregolare. I posteggi riservati alle autovetture di persone disabili possono essere di due tipi: - Generici, ovvero destinati a tutte le persone che possiedono veicoli col contrassegno per disabili. - Personali, assegnati alla singola persona, in genere sotto casa e sotto il luogo di lavoro. Il posteggio personale è stato finora concesso in modo indipendente rispetto al fatto che l utente fruisca (o meno) di buoni taxi Altri servizi Oltre ai servizi sopra descritti, erogati direttamente dal Comune di Torino, esistono altre opzioni di trasporto destinate ai medesimi utenti del servizio taxi o ad altre categorie di persone con difficoltà motorie. La tessera di libera circolazione istituita con la Legge Regionale 1 del 4 gennaio 2000 che vien detta comunemente tessera gialla, permette alle persone disabili di viaggiare gratuitamente all interno della Regione Piemonte, senza limiti di orari né di corse. Gli utenti possono accedere con questa tessera a tutte le linee di trasporto pubblico: urbane (tram, autobus e metro), suburbane, extraurbane, treni regionali e diretti con partenza e arrivo nelle città piemontesi, treni interregionali di competenza della Regione che collegano il Piemonte con Lombardia e Liguria, autobus sostitutivi, suppletivi ed integrativi di servizi ferroviari. 5 Tale servizio sperimentale, in ogni caso, non ha finora prodotto alcun contenimento dei costi. Anzi, dal momento che non esiste la possibilità di conoscere la frequenza e la ripetitività delle corse effettuate dai singoli utenti, questo servizio risulta al momento ancor più dispendioso e meno efficiente rispetto al precedente servizio ordinario con taxi. 6 Il nuovo regolamento maggio 2012 istituisce, come già sottolineato, l esclusione dal servizio taxi per chi è titolare di un posteggio auto riservato personale, presso l abitazione e/o il luogo di lavoro. La Commissione tecnica, tuttavia, per far fronte ad esigenze impreviste di mobilità della persona disabile, può concedere eccezionalmente fino a 20 corse annuali. 10

11 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Ne hanno diritto i residenti nella Regione Piemonte che rientrino in una delle seguenti categorie: - Ciechi assoluti e ciechi ventesimisti 7 (per gli eventuali accompagnatori il viaggio è gratuito). - Sordomuti. - Grandi invalidi (di guerra, civili di guerra, per servizio); gli accompagnatori di superinvalidi viaggiano gratuitamente. - Invalidi civili e del lavoro, con percentuale di invalidità superiore al 66%; nei casi di invalidità al 100% la gratuità del viaggio è consentita anche all eventuale accompagnatore (delibera Giunta regionale n ). - I minori invalidi, con viaggio gratuito per l eventuale accompagnatore. - Ultra sessantacinquenni con difficoltà persistenti nello svolgere i compiti e le funzioni proprie della propria età. Esistono poi iniziative per la mobilità delle persone disabili gestite da onlus o da cooperative. Punto Pass è un servizio gratuito di accompagnamento solidale gestito dalla Consulta per le persone in difficoltà onlus, nato nel 2002 in collaborazione con il servizio Passepartout del Comune di Torino e con l Assessorato ai Servizi sociali 8. L obiettivo di Punto Pass è integrare, in forma flessibile e non continuativa, gli interventi esistenti a sostegno della domiciliarità attraverso un servizio di accompagnamento su prenotazione per persone disabili e anziani non autosufficienti; il servizio, svolto da volontari della Consulta, prevede due modalità di accompagnamento: leggero (ossia senza autovetture attrezzate) e attrezzato (comprensivo di accompagnamento casa-strada per superare eventuali barriere architettoniche). In collaborazione con Tailai srl (Trasporto attrezzato integrale), nel 2011 i 40 volontari di Punto Pass hanno realizzato viaggi di accompagnamento, per un totale di utenti serviti. Punto Pass si rivolge esclusivamente alle persone con disabilità fisico-motorie che si spostano abitualmente in carrozzina, residenti nel Comune di Torino, che si muovono all interno dei confini comunali, richiedenti trasporti non continuativi, che non usufruiscono dei buoni taxi 9 (spesso si tratta di persone in lista di attesa). Anche Croce Bianca e Croce Rossa offrono servizi a pagamento per il trasporto di persone disabili. La Croce Bianca offre un servizio di accompagnamento con ambulanza a tutte le persone con problemi di salute di qualsiasi natura, che impediscano quindi qualsiasi attività motoria o che necessitino di particolare assistenza in quanto non autosufficienti cosicché l utenza può raggiungere la struttura sanitaria in qual- 7 I ciechi ventesimisti hanno un residuo visivo in ciascuno degli occhi, con eventuale correzione di lenti, non superiore ad un ventesimo. Queste persone se in condizioni di bisogno economico hanno diritto a una modesta pensione (non reversibile, cioè non trasferibile in caso di morte a coniuge e figli minori) e, a prescindere dalle condizioni economiche, a un indennità speciale, anch'essa modesta. Si distinguono dagli ipovedenti, che hanno invece un residuo visivo in entrambi gli occhi non superiore a tre decimi, con eventuale correzione di lenti (rif. legge 3 aprile 2001 n. 138; fonte: Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti). 8 Dal 2009 è attiva una convenzione, in scadenza nel 2013; precedentemente il servizio riceveva un contributo dal medesimo assessorato. Per l attività istituzionale, il servizio si avvale di un contributo erogato dalla Compagnia di San Paolo. 9 Nel caso fruiscano dei buoni taxi è comunque possibile richiedere un servizio per il superamento delle barriere architettoniche, ad esempio in caso di persone che non possiedono il cingolo montascale rilasciato gratuitamente dall Asl e che hanno quindi il problema di come superare le rampe di scale per entrare e uscire dalla propria abitazione. 11

12 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino siasi momento, 24 ore su 24 anche nei giorni festivi. La Croce Rossa offre un servizio a pagamento di trasporto infermi e trasporto ordinario con automezzi di soccorso, sia su richiesta della Centrale Operativa 118 per il trasferimento di pazienti in condizioni di urgenza sia per pazienti non urgenti negli spostamenti tra casa e luoghi di cura. L Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) offre un servizio di trasporto ai suoi associati svolto principalmente da giovani in servizio civile. Erogato su richiesta, segue priorità legate all urgenza delle diverse destinazioni dei malati: visite mediche, palestra per fisioterapia riabilitativa, lavoro, scuola, passeggiate, altre attività. Non si tratta di un servizio di solo trasporto, poiché sono comprese se necessarie attività varie: mobilitazione, abluzioni, vestizione, altre operazioni quotidiane. Le associazioni di volontariato Auser (Autogestione servizi) e Sea (Servizio emergenza anziani) offrono servizi di trasporto principalmente a persone anziane, con o senza problemi di disabilità. Non sono disponibili dati relativi al numero di disabili che ne usufruiscono; in genere, comunque, si tratta di persone disabili che potrebbero accedere al servizio taxi, ma che non fanno richiesta considerata la lunghissima lista di attesa. Le Associazioni provinciali invalidi civili e cittadini anziani (Apici) offrono il servizio di trasporto Via Libera, rivolto a cittadini con disabilità motorie o psicomotorie, per recarsi a scuola, al lavoro, presso centri di cura o semplicemente per il tempo libero. Viene erogato valutando caso per caso le condizioni di bisogno dei richiedenti, tramite un front-office associativo o su richiesta dei servizi territoriali pubblici grazie all opera di volontari. Nell area torinese nel 2008 è stato avviato il progetto di accompagnamento Tandem, grazie all impegno delle associazioni del capoluogo Auser, Anapaca, Avo, Radio Soccorso, Ravi, Sea, Ugi, Avulss, Volontariato Vincenziano, Mutuo Soccorso e delle associazioni Amici della Faro di Lanzo, Auser di Varisella e Venaria, Sea di Balangero. Utilizzato principalmente da pazienti oncologici, non autonomi dal punto di vista della mobilità, è stato negli anni sostenuto dalla Compagnia di San Paolo e dalla Fondazione CRT, insieme a Regione Piemonte, Provincia di Torino, Comune di Torino, Comunità montana Valli di Lanzo, Fondo speciale per il volontariato in Piemonte, Centri di servizio Vssp e Idea Solidale. L iniziativa si è per ora conclusa nel capoluogo (la gestione avrebbe dovuto essere rilevata nel 2011 dal Comune), mentre nell area delle Valli di Lanzo, dal 2013 la Provincia dovrebbe subentrare nella gestione del servizio. 12

13 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino 4. I trasporti pubblici torinesi e le persone disabili Prima Atm poi Gtt, come ribadito dal Consiglio comunale sin dal 1979 (a proposito della provvisorietà del servizio erogato coi taxi 10 ), hanno avuto l obiettivo di lavorare per rendere la rete del trasporto pubblico accessibile a tutti. Per quanto riguarda l eliminazione delle barriere (fisiche, visive e auditive), attualmente Gtt ha realizzato: - Mezzi con spazio attrezzato per carrozzine (per un totale di 702 bus urbani, 108 tram, 179 bus e- xtraurbani). - Veicoli con pavimento ribassato e senza gradini (su 769 bus urbani, 108 tram, 22 extraurbani). - Mezzi con ingresso a raso sui tram delle serie 5000 e 6000 (e per complessive 200 fermate) e sistemi di salita per carrozzine (in oltre il 70% delle fermate cittadine). - Indicatori di linea a elevata leggibilità (su 769 bus urbani, 55 tram, 5 bus extraurbani). - Sistemi audiovisivi di annuncio della fermata (su 471 bus urbani, 133 tram). - Sistemi sonori di annuncio della linea e della direzione (attivi su 494 bus urbani). - Metropolitana progettata e realizzata per garantire l accesso delle persone disabili. Nel complesso, i maggiori passi avanti sono stati compiuti nel dotare le fermate degli autobus di pedane rialzate e sistemi che permettono di accedere senza barriere, a raso, installando sui tram sistemi di annuncio acustico delle fermate, riservando spazi attrezzati per carrozzine soprattutto sugli autobus. Sul fronte delle barriere fisiche che limitano l accesso ai mezzi la situazione risulta complessivamente migliore nel caso degli autobus (rispetto ai tram) e, naturalmente, nel caso della metro, completamente accessibile grazie a un sistema di ascensori e di ingressi a raso sui mezzi. 10 Nel frattempo, il Comune di Torino nel 2009 ha stipulato con Gtt un contratto di servizio (che scadrà ad agosto 2012), che prevede la gestione di un servizio di trasporto disabili corretto, efficace ed efficiente, l esclusione della Città da responsabilità relative a danni a terzi prodotti nello svolgimento del servizio, la trasmissione al Comune dei reclami e segnalazioni, la dotazione di un ufficio apposito senza barriere architettoniche che distribuisca buoni cartacei e taxi card, un adeguata formazione del personale tecnico, ispettivo e amministrativo, l aggiornamento periodico dell elenco degli utenti di mezzi attrezzati e taxi, del numero di corse mensili assegnate a ciascuno, delle revoche e sospensioni. 13

14 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Percentuali di autobus e di tram di Gtt con sistemi per ridurre le difficoltà ai passeggeri disabili (%) FERMATE CON INCARROZZAMENTO A RASO MEZZI CON SPAZIO ATTREZZATO PER CARROZZELLE MEZZI CON PAVIMENTO RIBASSATO SENZA GRADINI SISTEMA AUDIOVISIVO DI ANNUNCIO FERMATA BUS TRAM INDICATORI LINEA AD ELEVATA LEGGIBILITÀ SISTEMA SONORO DI ANNUNCIO LINEA E DIREZIONE A febbraio 2012 Gtt ha bandito una gara per l acquisto con il contributo del 50% della Regione Piemonte di una cinquantina di nuovi autobus totalmente accessibili 11. Anche nel caso delle fermate, Gtt ha programmato verifiche puntuali circa l accessibilità della fermata e dei suoi immediati dintorni. A breve, dovrebbe essere disponibile sul sito dell azienda (alla voce descrizione percorsi ) l elenco delle fermate accessibili e attrezzate per ogni singola linea urbana e suburbana. Gli autisti sono in taluni casi chiamati a svolgere, se richiesto, un servizio di accompagnamento del disabile in fase di salita e di discesa dal mezzo; a tale scopo sono previsti prossimamente specifici percorsi formativi del personale finalizzati a questo tipo di servizio. Per ciò che attiene invece ai servizi turistici gestiti da Gtt, sono accessibili alle persone disabili: - Il servizio di navigazione sul Po coi battelli Valentino II e Valentina II. - Uno del autobus della flotta per escursioni turistiche, che può ospitare fino a quattro carrozzine ed è dotato di otto poltrone per persone disabili. - Uno dei due tram-ristorante (Ristocolor). - L ascensore della Mole Antonelliana. A gennaio 2012, Gtt ha nominato il Referente per la mobilità dei diversamente abili col compito di coordinare i molteplici aspetti che toccano il tema della mobilità delle persone con disabilità (informazioni, comunicazioni, infrastrutture, veicoli, dispositivi e sistemi), di rispondere alle istanze poste dalle associazioni delle persone in difficoltà e di relazionarsi con tutte le strutture del gruppo Gtt, con gli enti e i soggetti a vario titolo coinvolti in queste tematiche. 11 Entro giugno 2012 devono pervenire a Gtt le proposte, a settembre verrà scelto il vincitore, che dovrà poi consegnare i nuovi mezzi entro giugno

15 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino 5. Alcuni dati Oggi a Torino per accedere ai servizi di trasporto per disabili non sono richiesti particolari requisiti, né legati al reddito né all età: è sufficiente che venga riconosciuto da parte di una commissione medica lo stato di assoluta impossibilità a utilizzare il mezzo pubblico. Di fatto, la maggior parte degli utenti è costituita da persone anziane, mentre all opposto sono pochissimi i giovani. Utenti dei servizi di trasporto per persone disabili, per fasce d età (fonte: Comune di Torino, servizio Passepartout) UNDER 18 TRA 18 E 45 ANNI TRA 45 E 65 ANNI OVER 65 A fine 2011, i dati in possesso dell amministrazione comunale indicavano utenti complessivi del servizio taxi, di cui con problemi motori (di cui 423 utenti di minibus con pedana mobile) e 298 ciechi (3 dei quali utenti di mezzi attrezzati). Altri 244 sono utenti del nuovo servizio sperimentale erogato da Gtt (cfr. paragrafo 1.2): 229 hanno disabilità motorie (166 usano il mezzo con pedana, 63 possono quello con elevatore), mentre 15 sono non vedenti (ed utilizzano i mezzi con pedana). Il servizio sperimentale avrebbe dovuto ridurre la lunga lista di attesa che attualmente conta u- tenti (di cui 41 minori, 46 in terapia salva vita, 64 che possono utilizzare il solo mezzo attrezzato). Ma dalla lista d attesa, solo 600 hanno risposto favorevolmente alla proposta del servizio sperimentale (forse riescono a soddisfare altrimenti i loro bisogni di mobilità). Pertanto i costi del servizio sperimentale, che erano stati calibrati su un numero di utenti più che doppio, hanno finito per risultare decisamente superiori a quelli del servizio ordinario. Dal 2010, l incrocio tra i dati sugli utenti e quelli anagrafici ha permesso di scoprire casi di persone nel frattempo decedute o trasferite, riuscendo così a ripulire la lista, ridotta quindi a persone. Mediamente, ogni anno i servizi del Comune accettano circa un terzo delle domande presentate (circa un migliaio), mentre vengono cancellate circa 200 utenti all anno per trasferimento o per decesso. A saldo, la lista d attesa continua quindi ad allungarsi, a un ritmo pari a circa 200 aspiranti utenti ogni anno. 15

16 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Torino: rinunce al servizio negli ultimi anni (per 2012, dati aggiornati al mese di aprile) Guardando alla distribuzione territoriale degli utenti sia del servizio taxi sia dei minibus sul territorio cittadino, si nota come la maggior parte viva in aree periferiche: a Mirafiori (167 utenti nella parte Sud e 151 nella parte Nord del quartiere), quindi tra San Paolo e Pozzo Strada (132 utenti), a Lucento Vallette (129 utenti), a Barriera di Milano (112 utenti). All opposto, le minori concentrazioni assolute di utenti si riscontrano nei quartieri San Salvario (25 utenti), nella zona del centro storico compresa tra corso Vittorio Emanuele, via Cernaia e via Po (in tutto utenti, nelle due parti orientale e occidentale di quest area) e nella porzione di collina a monte di corso Moncalieri (8 utenti). Emerge una distribuzione territoriale simile anche guardando a coloro che pur possedendo i requisiti necessari sono costretti tuttora a non poter usufruire del servizio. Le maggiori concentrazioni di utenti in lista d attesa, infatti, sono analogamente riscontrabili nelle periferie; nell ordine: a Mirafiori Sud sono in lista d attesa 115 aventi diritto, a Lucento Vallette 113, a Mirafiori Nord 109, a Barriera di Milano 93, a San Paolo e Pozzo Strada 91. Le zone del centro e della collina si confermano caratterizzate da bassi numeri assoluti anche nel caso degli aspiranti utenti del servizio taxi. 16

17 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Distribuzione territoriale degli utenti torinesi dei servizi taxi e minibus per persone disabili (numero di utenti taxi + numero di utenti minibus; fonte: Servizio Passepartout Comune di Torino; dati aggiornati al )

18 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Distribuzione territoriale degli aventi diritto in lista d attesa per servizi taxi e/o minibus per persone disabili (fonte: Servizio Passepartout Comune di Torino; dati aggiornati al ) Sul versante economico, il Comune di Torino nel 2011 ha messo a bilancio una cifra complessiva pari a euro (iva inclusa), così ripartita: euro dalla divisione Servizi educativi per trasporto e accompagnamento di studenti con disabilità euro dalla direzione Infrastrutture e mobilità per i bus collettivi a chiamata e per la gestione del servizio taxi. - Altri euro, sempre dalla direzione Infrastrutture e mobilità, per i minibus dalla divisione Servizi sociali per altri servizi di trasporto e accompagnamento (diversi dai servizi ordinario e sperimentale con taxi). Per quanto riguarda il bilancio preventivo del 2012, le cifre sono attualmente in via di definizione; per la divisione Infrastrutture e mobilità, in ogni caso, si stima un ridimensionamento pari a circa il 20%. O- gni Settore, nell ambito delle risorse finanziarie, provvede al perfezionamento e alla proroga dell affidamento a favore del gestore (attualmente, come detto, Gtt). 18

19 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino Per quanto concerne i buoni taxi, se tutti gli utenti utilizzassero il tetto massimo di corse consentite procapite, la spesa potenziale sarebbe superiore a 6 milioni. In ogni caso, siccome prima del nuovo regolamento del maggio 2012 i buoni taxi avevano durata illimitata, il Comune non aveva avviato alcun sistema per il controllo sulle effettive spese. Per consentire un reale monitoraggio della spesa e l adozione di eventuali interventi correttivi è stato appunto introdotto dal nuovo regolamento il criterio della scadenza mensile dei buoni e l ipotesi di adottare una taxi card. La disponibilità di un sistema di monitoraggio di origini e destinazioni delle corse, inoltre, consentirebbe di organizzare in modo più efficiente e meno costoso il servizio collettivo, oltre che di valutare in anticipo i costi delle corse (il cui valore medio, secondo il Comune, si aggira oggi attorno a 8-10 euro). I servizi di trasporto per persone disabili del Comune di Torino: in sintesi Anno di istituzione 1979 Estensione del servizio a non vedenti 1991 Affidamento servizio a Atm-Gtt 1995 minibus 1998 taxi Attuale regolamento 7 maggio 2012 Limiti massimi di utilizzo 4 corse/giorno e 60 al mese Orari taxi sempre minibus giorni feriali ore 7-24 Accompagnatori massimo 2, per l intero tragitto UTENTI 2011 Servizi ordinari disabili motori 298 ciechi Servizi sperimentali 229 disabili motori 15 ciechi In lista d attesa persone Incremento liste attesa circa 200 nuovi iscritti all anno 19

20 I servizi di trasporto per persone disabili a Torino IL SERVIZIO IN ALTRI CONTESTI URBANI 20

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 Prot. N 41920 N. Repertorio 3115/2015 Titolo V Classe 5 Fascicolo Milano, 30 giugno 2015 VISTI gli

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli