GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ"

Transcript

1 AZIENDA PADOVA UNITA' LOCALE SOCIO SANITARIA DIREZIONE SERVIZI SOCIALI DISTRETTI SOCIO-SANITARI GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ E LE LORO FAMIGLIE In collaborazione con la Conferenza dei Sindaci dei Comuni dell'ulss 16 Padova, Abano Terme, Albignasego, Cadoneghe, Casalserugo, Cervarese Santa Croce, Limena, Maserà di Padova, Mestrino, Montegrotto Terme, Noventa Padovana, Ponte San Nicolò, Rovolon, Rubano, Saccolongo, Saonara, Selvazzano Dentro, Teolo, Torreglia, Veggiano

2 AZIENDA PADOVA UNITA' LOCALE SOCIO SANITARIA DIREZIONE SERVIZI SOCIALI DISTRETTI SOCIO-SANITARI GUIDA AI SERVIZI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ E LE LORO FAMIGLIE In collaborazione con la Conferenza dei Sindaci dei Comuni dell'ulss 16 Padova, Abano Terme, Albignasego, Cadoneghe, Casalserugo, Cervarese Santa Croce, Limena, Maserà di Padova, Mestrino, Montegrotto Terme, Noventa Padovana, Ponte San Nicolò, Rovolon, Rubano, Saccolongo, Saonara, Selvazzano Dentro, Teolo, Torreglia, Veggiano Ottobre 2005

3 Hanno collaborato alla realizzazione della guida: Paola Bellini, Cristina Carlin, Graziella Finocchiaro, Arianna Gionimi, Mariangela Salvan, Patrizia Sartori, Paolo Zordan della Direzione Servizi Sociali dell'ulss 16 Maria Carla Bertolo, docente di "Teorie e tecniche della comunicazione pubblica" presso l'università degli Studi di Padova In copertina opera realizzata dai ragazzi del C.E.O.D. "Archimede" Progetto grafico e stampa: Cooperativa Sociale Città Invisibile - via T. Aspetti, Padova ottobre 2005

4 INDICE Presentazione Introduzione... pag.... pag. La Direzione dei Servizi Sociali - Servizi e uffici dell'area disabilità... pag Crescere bene con la cura dei servizi... pag. 13 Attività poliambulatoriali... pag. 17 Scuola e formazione Sostegno e assistenza a scuola Trasporto Orientamento... pag.... pag.... pag Lavoro... pag. 21 Attività per persone non inserite in percorsi lavorativi a causa del tipo di disabilità Centri diurni Trasporto... pag.... pag Servizi di assistenza Interventi di assistenza domiciliare Contributi economici... pag.... pag

5 Servizi di accoglienza Pronta accoglienza e accoglienza programmata Residenzialità... pag.... pag Attività per il tempo libero e per lo sport Centri ricreativi estivi Soggiorni climatici Attività espressive, ricreative e sportive... pag.... pag.... pag Diritti Certificazioni necessarie per accedere ai servizi Invalidità civile Handicap Disabilità... pag.... pag.... pag.... pag Agevolazioni Agevolazioni fiscali Esenzioni ticket Protesi e ausili... pag.... pag.... pag Soluzioni per l'accessibilità Casa accessibile Città accessibile... pag.... pag Condividere con altri... pag. 41

6 Recapiti utili Uffici dei Comuni e delle Aziende Sanitarie che danno informazioni al pubblico... pag. Servizi Sociali dei Comuni Assistenti Sociali dell'u.o.dis.a.-unità Operativa Disabilità Adulti Ufficio Categorie Protette - Provincia di Padova Condividere con altri: associazioni del territorio Tempo libero: associazioni che organizzano attività espressive, ricreative e sportive Centri diurni Strutture residenziali... pag... pag.... pag.... pag.... pag.... pag.... pag Normativa di riferimento... pag. 62 Legenda: nel testo, gli uffici e i servizi dell'azienda ULSS 16 sono evidenziati con il colore blu, gli altri sono evidenziati con il colore arancio.

7 PRESENTAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELL'ULSS 16 Questa guida, rivolta alle persone disabili, alle loro famiglie e a tutti coloro che a diverso titolo sono coinvolti, vuole essere uno strumento agile di consultazione per facilitare la conoscenza e l'accesso ai servizi e alle risorse del territorio. Spesso le informazioni non mancano, a volte possono addirittura essere sovrabbondanti: il vero problema è quello di aiutare le persone ad orientarsi tra le diverse informazioni. Nel costruire la guida si è cercato di mettersi nei panni di coloro che la utilizzeranno e, anziché preoccuparsi di descrivere i servizi esistenti, si è scelto di partire dalle domande delle persone per dare indicazioni il più concrete possibile sul dove andare e a chi rivolgersi per trovare aiuto o sostegno, per conoscere opportunità, per condividere la propria esperienza o il proprio tempo con altri. Il nostro territorio offre molto e a livelli diversi. Nella guida si possono trovare informazioni sia sui diversi enti istituzionali (Comuni, ULSS, Provincia, ) sia sulle diverse realtà del privato sociale (Fondazioni, Associazioni, Cooperative Sociali, ): soggetti tutti che collaborano alla realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali volto a favorire una migliore qualità della vita per tutti. Ci auguriamo che questo lavoro possa essere un ulteriore passo per crescere nella conoscenza e nella collaborazione reciproca. Desidero ringraziare tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione della guida: in particolare la dott.ssa Mariangela Salvan e la dott.ssa Patrizia Sartori della Direzione Servizi Sociali, che ne hanno coordinato e seguito tutte le fasi di elaborazione. Desidero rivolgere uno speciale ringraziamento alla prof.ssa Maria Carla Bertolo, docente di "Teorie e tecniche della comunicazione pubblica" presso l'università degli Studi di Padova, per la preziosa consulenza nell'impostazione e nella redazione della guida. Il Direttore Generale dell'ulss 16 Fortunato Rao 6

8 PRESENTAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA CONFERENZA DEI SINDACI I Comuni rappresentano per i cittadini il punto di riferimento istituzionale più vicino e, pur occupandosi di settori molto diversi fra loro - tra cui i servizi alla persona e alla comunità, lo sviluppo economico, l'organizzazione e l'utilizzazione del territorio - hanno l'obiettivo primario di favorire la qualità di vita delle persone. In questo ambito la salute e il benessere delle persone con disabilità e dei loro familiari costituiscono un interesse centrale per le Amministrazioni Comunali, da perseguire attraverso la sempre maggiore e migliore integrazione con le Aziende Sanitarie e con tutti i soggetti attivi nel territorio. Da tempo si avvertiva l'esigenza di uno strumento agile, che raccogliendo e semplificando le informazioni esistenti, favorisse la conoscenza delle risorse del territorio e l'accesso ai servizi. Per tale motivo la Conferenza dei Sindaci dell'ulss 16 è lieta di promuovere e sostenere iniziative, come la presente guida, volte a favorire l'accesso dei cittadini alla rete dei servizi sociali e socio-sanitari del territorio. Ci uniamo al Direttore Generale nell'augurio che questo lavoro possa essere un ulteriore passo per crescere nella conoscenza e nella collaborazione reciproca. Il Presidente della Conferenza dei Sindaci dell'ulss 16 Flavio Zanonato 7

9 INTRODUZIONE La necessità di una guida ai servizi per la disabilità dell'azienda ULSS 16 e dei Comuni è maturata all'interno della Direzione dei Servizi Sociali ed in particolare tra gli operatori dell'area Disabilità. Costruire una guida ai servizi è sempre una sfida, non solo per i problemi grafici che pone, per quelli di diffusione e comunicazione, ma soprattutto per la necessità di concretezza, chiarezza espositiva e facile consultazione. Per diventare una buona guida è inoltre necessario avere presente se può essere interessante nella consultazione, per modularla in modo da rispondere adeguatamente agli interrogativi e ai bisogni degli interessati. Nel campo della disabilità i bisogni sono assai vari e gli interrogativi sempre numerosi. Questa guida si augura di essere riuscita ad avere sempre presenti gli interlocutori ai quali si rivolge. Essa descrive l'offerta dei servizi della nostra Azienda Socio-Sanitaria, dei Comuni e del Privato Sociale, tenendo conto delle diverse fasce di età (evolutiva e adulta) e delle conseguenti, diversificate necessità: i servizi per il bambino/adolescente, la scuola/formazione, il lavoro, l'assistenza, il tempo libero e lo sport ecc. Gli autori si augurano di non aver dimenticato nessun servizio e di aver proposto la giusta collocazione, le modalità di accesso, la tipologia dei bisogni a cui possono rispondere i diversi servizi con una articolazione attenta e precisa. Conclude il lavoro la richiesta di un parere sulla guida e di suggerimenti per renderla migliore e più completa. Questa richiesta vuole sottolineare il rispetto per le persone interessate e la consapevolezza che anche le cose ben fatte, come speriamo sia questa, devono essere continuamente migliorate. Perciò non si può pensare che con gratitudine a chi ha realizzato questa idea, con la speranza che essa possa essere di grande utilità. Il Dirigente Area Disabilità Arianna Gionimi Il Direttore dei Servizi Sociali Antonio Condini 8

10 LA DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI La Direzione dei Servizi Sociali coordina l'attività dei servizi sociosanitari che operano nelle seguenti aree: Materno-Infantile Anziani Disabilità Salute Mentale Dipendenze Questi servizi svolgono attività finalizzate a soddisfare quei bisogni di salute della persona per i quali è necessario garantire contemporaneamente: prestazioni sanitarie finalizzate alla promozione della salute, alla prevenzione, individuazione, rimozione e contenimento di esiti degenerativi o invalidanti di patologie congenite e acquisite; azioni di protezione sociale per supportare la persona in stato di bisogno, con problemi di disabilità o di emarginazione condizionanti lo stato di salute. La Direzione Servizi Sociali collabora con i Comuni e con le organizzazioni del privato sociale per garantire una reale integrazione tra servizi e professionalità. Per informazioni: Direzione Servizi Sociali Via Enrico degli Scrovegni, Padova tel fax

11 SERVIZI ED UFFICI DELL'AREA DISABILITÀ Ufficio Attività Area Disabilità Si occupa di aspetti tecnici e amministrativi relativi ai servizi: per esempio, autorizzazione e accreditamento delle strutture, monitoraggio e valutazione della qualità e dell'efficacia dei servizi, collaborazione con il terzo settore, convenzioni, ecc.. La sua attività è orientata a favorire la qualità dei servizi rivolti alle persone disabili adulte e alle loro famiglie, grazie alla collaborazione con altri uffici/servizi della Direzione Sociale, con i Distretti Sociosanitari, con gli Enti locali e con i soggetti del terzo settore. Per informazioni: Ufficio Attività Area Disabilità c/o Direzione Servizi Sociali Via Enrico degli Scrovegni, Padova tel fax Servizio Integrazione Scolastica e Sociale Disabili Attraverso operatori socio-sanitari, si prende cura del bambino per i bisogni primari (alimentazione, igiene personale, ecc.) e lo accompagna nell'acquisizione delle autonomie e nelle attività scolastiche. Segue i bambini e i ragazzi che frequentano tutte le scuole pubbliche e parificate, dalla scuola dell'infanzia al secondo ciclo (licei e istituti di istruzione professionale). Assiste, inoltre, bambini e adulti che frequentano i centri ricreativi estivi e i soggiorni climatici realizzati dai Comuni e da organizzazioni del privato sociale. Per informazioni: Servizio Integrazione Scolastica e Sociale Disabili c/o Direzione Servizi Sociali Via Enrico degli Scrovegni, Padava tel FAX

12 Servizio Integrazione Lavorativa (S.I.L.) Supporta e accompagna le persone nell'inserimento lavorativo; si occupa di persone disabili e di persone seguite dai Dipartimenti Salute Mentale e Dipendenze. Opera in collaborazione con i servizi per l'impiego della Provincia, con i servizi sociali dei Comuni e con i servizi sanitari dell'ulss, oltre che con le risorse del territorio. Attraverso il Centro di orientamento offre inoltre supporto ai minori disabili e alle loro famiglie nella scelta del percorso scolastico e formativo. Per informazioni: S.I.L. c/o Direzione Servizi Sociali Via Enrico degli Scrovegni, 14 - Padova tel fax Centro di orientamento tel fax Servizio Trasporto Disabili e Servizio Civile Garantisce, alle persone disabili che non hanno autonomia di spostamento, il trasporto per la frequenza alle strutture educativeoccupazionali diurne, terapeutiche o scolastiche (su delega dei Comuni). Si occupa, inoltre, del coordinamento dei giovani che svolgono Servizio Civile Volontario nell'ambito dei servizi socio-sanitari dell'ulss. Per informazioni: Servizio Trasporto Disabili e Servizio Civile c/o Direzione Servizi Sociali Via Enrico degli Scrovegni, Padova tel fax

13 Centri Educativo-Occupazionali Diurni Alice e Archimede Accolgono persone disabili adulte, offrendo attività finalizzate a: sviluppare le autonomie promuovere le relazioni sociali quando possibile, sviluppare capacità lavorative. Per informazioni: CEOD Alice Via Tiepolo, Padova tel fax CEOD Archimede Via Nicolò da Lonigo, Padova tel fax La Direzione dei Servizi Sociali collabora con l' Unità' Operativa Interdistrettuale Disabilità Adulti (U.O.Dis.A.), che si occupa delle persone disabili adulte (dai 18 ai 65 anni) attraverso interventi che ne promuovono l'autonomia e l'integrazione sociale, quali: frequenza ai centri diurni e ad attività di tempo libero, accoglienza in strutture residenziali, interventi di supporto alle famiglie. Per informazioni: U.O.Dis.A. Via Ugo Foscolo, Padova tel fax Accanto ai servizi a gestione diretta, esistono numerosi servizi convenzionati con l'azienda ULSS 16 che partecipano alla programmazione e all'attuazione delle attività in favore delle persone disabili e delle loro famiglie. Di questi servizi e attività si parla nei paragrafi relativi alle diverse aree di intervento. 12

14 CRESCERE BENE CONLACURADEISERVIZI A tutti i bambini e i ragazzi, dalla nascita ai 14 anni, è garantita l'assistenza di un pediatra di libera scelta. Il pediatra è un importante riferimento, risponde alle domande sui problemi di salute e offre indicazioni sui servizi esistenti. Quando sono necessari approfondimenti, valutazioni e interventi per difficoltà di apprendimento, di linguaggio e motorie, è possibile rivolgersi ai servizi del territorio, scegliendo tra Neuropsichiatria Infantile, Foniatria e Logopedia dei Distretti, Unità Operativa Autonoma di Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza o strutture private convenzionate con l'ulss. In base al problema del bambino, questi servizi offrono: diagnosi, terapia e riabilitazione certificazione (descrizione della patologia) e diagnosi funzionale (descrizione delle risorse e delle potenzialità) per il sostegno e l'assistenza scolastica (per il servizio di Foniatria e Logopedia la certificazione viene rilasciata dal servizio di Neuropsichiatria Infantile) definizione del progetto educativo individualizzato (obiettivi da perseguire e attività per raggiungerli) in collaborazione tra famiglia, scuola e gli altri servizi coinvolti 13

15 Il Servizio di Neuropsichiatria Infantile svolge attività di prevenzione, diagnosi e cura per problemi dello sviluppo, del comportamento, disagio relazionale, problemi scolastici e disabilità. In questo servizio sono presenti neuropsichiatra infantile e psicologo. Distretto 1: Padova, Via Ugo Foscolo 7, tel Padova, Via Prosdocimi 1, tel Padova, Via Salerno 1, tel Noventa Padovana, Via Roma 18, tel Distretto 2: Padova, Via D'Avanzo 35, tel Cadoneghe, Via Gramsci 57, tel Limena, Via Verdi 73, tel Distretto 3: Padova, Via Piovese 74, tel (neuropsichiatra) - tel (psicologo) Albignasego, Via Don Schiavon 2 (attuale sede provvisoria: fraz. Lion - Via Sant'Andrea 144), tel Distretto 4: Tencarola di Selvazzano, Via Firenze 7, tel Rubano, Via Rossi 33, tel Distretto 5: Abano Terme, Via Marco Polo 15, tel Il Servizio di Foniatria e di Logopedia svolge attività di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione dei disturbi del linguaggio e dell'apprendimento per la fascia di età 0-18 anni. In questo servizio sono presenti foniatra e logopedista. Distretto 1: Centro Otologopatici, Padova, Via Ugo Foscolo 7, tel Distretto 2: Padova, Via D'Avanzo 35, tel Padova, Via Dal Piaz 3, tel Cadoneghe, Via Gramsci 57, tel Limena, Via Garolla 50, tel Distretto 3: Padova, Via Piovese 74, tel Albignasego, Via Don Schiavon 2 (attuale sede provvisoria: fraz. Lion - Via Sant'Andrea 144), tel Distretto 4: Tencarola di Selvazzano, Via Firenze 7 - tel Rubano, Via Rossi 33, tel Saccolongo, Via Roma 1, tel Distretto 5: Abano Terme, Via Marco Polo 15, tel Montegrotto Terme, Via Plinia 55, tel

16 L' Unità Operativa Autonoma di Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza realizza attività ambulatoriali e semiresidenziali per bambini, preadolescenti e adolescenti con turbe neuropsichiche e psichiche e alterazioni comportamentali importanti. L'Unità Operativa, inoltre, assicura la riabilitazione neuromotoria dell'età evolutiva. Sono presenti diverse figure professionali: neuropsichiatra infantile, psicologo, pedagogista, psicomotricista, fisiatra, fisioterapista, logopedista, assistente sociale, educatore. Padova, via Cave 180, tel fax Strutture convenzionate con l'azienda ULSS 16 - Per tutte le forme di disabilità: Centro La Nostra Famiglia, Padova, Via Carducci 25 tel fax Per persone affette da distrofia muscolare: U.I.L.D.M. (Unione Italiana Lotta Distrofia Muscolare), Padova, Via Dei Colli 4 tel fax Per minori ciechi pluriminorati: Fondazione Robert Hollman, Padova, Via Siena 1 tel fax Per disturbi del linguaggio: Centro Medico Chirurgico di Foniatria Casa di Cura Trieste, Padova, Via Bergamo 10 tel fax

17 Memo

18 ATTIVITÀ POLIAMBULATORIALI Le persone con gravi disabilità, congenite o acquisite in età evolutiva, che non siano in grado di collaborare con il personale sanitario, possono incontrare difficoltà nell'usufruire di prestazioni specialistiche ed esami diagnostici. Con richiesta del Medico di Medicina Generale (medico di base), queste persone possono rivolgersi al Poliambulatorio convenzionato con l'ulss 16, appositamente istituito. Il Servizio Poliambulatoriale eroga prestazioni nell'ambito delle seguenti specialità: - odontoiatria (estrazioni, terapia conservativa e igiene professionale) - cardiologia - audiologia - otorinolaringoiatria - medicina interna - neurologia - dermatologia - chirurgia plastica - angiologia e chirurgia vascolare - chirurgia generale - ginecologia Opera della Provvidenza Sant'Antonio - O.P.S.A. Via della Provvidenza, Sarmeola di Rubano (PD) tel fax

19 Memo

20 SCUOLA E FORMAZIONE I bambini con disabilità hanno il diritto di frequentare tutte le scuole, pubbliche e parificate, dalla scuola dell'infanzia al secondo ciclo (licei e istituti di istruzione professionale). SOSTEGNO E ASSISTENZA A SCUOLA Questo servizio viene attivato in base alla certificazione e alla diagnosi funzionale (vedi pag. 13), nonché al progetto individuale concordato tra famiglia, scuola e servizi. Il sostegno è a cura di insegnanti, scelti dalla Scuola, che accompagnano il bambino nelle attività didattiche ed educative, per favorire l'apprendimento e la partecipazione attiva. L' assistenza è assicurata dagli operatori socio sanitari del Servizio Integrazione Scolastica e Sociale Persone Disabili dell'ulss 16. Il Servizio Integrazione Scolastica e Sociale Persone Disabili opera con operatori socio sanitari che si prendono cura del bambino per i bisogni primari (alimentazione, igiene personale, ecc.) e lo accompagnano nell'acquisizione delle autonomie e nelle attività scolastiche. Direzione dei Servizi Sociali - Azienda ULSS 16 Padova - Via E. degli Scrovegni, 14 tel fax TRASPORTO Gli alunni disabili in situazione di particolare difficoltà, che frequentano la scuola dell'obbligo, possono usufruire del servizio trasporto. Il servizio è assicurato dal comune di residenza. Solo per il Comune di Padova il servizio è gestito dall'ulss

21 Per chiedere il servizio di trasporto: Servizi Sociali dei Comuni: vedi pag. 45 Servizio Trasporto Persone Disabili (solo per il Comune di Padova) Direzione dei Servizi Sociali - Azienda ULSS 16 Padova - Via E. degli Scrovegni, 14 tel fax ORIENTAMENTO A partire dalla scuola secondaria di primo grado (ex scuola media inferiore) il ragazzo e la sua famiglia possono aver bisogno di informazioni e aiuto nella scelta del liceo o dell'istituto di istruzione professionale. Per questo servizio ci si può rivolgere agli educatori professionali del Centro di Orientamento dell'ulss 16. Il Centro di Orientamento dell'ulss 16 collabora con la scuola e con i servizi sociali e sanitari e accompagna la persona nelle scelte scolastico-formative, in vista dell'inserimento nel mondo del lavoro o in attività educative e/o occupazionali. Direzione dei Servizi Sociali - Azienda ULSS 16 Padova - Via E. degli Scrovegni, 14 tel fax

22 LAVORO Le persone che hanno invalidità superiore al 45% e capacità lavorativa hanno diritto ad accedere al mondo del lavoro, con particolari tutele ed eventuali forme di sostegno. E' necessario rivolgersi alla Commissione medica per l' accertamento dell'invalidità civile e per l' accertamento delle disabilità (se già non si possiedono queste certificazioni). Per le indicazioni sulle certificazioni: vedi pag. 31. La Commissione medica per l'accertamento delle disabilità valuta le capacità lavorative della persona in rapporto al tipo di disabilità. Per essere sottoposti a visita: Ufficio Invalidi Civili Padova - Via Ospedale Civile, 22 tel fax Con queste certificazioni le persone in età lavorativa (da 18 a 60 anni se femmina, fino a 65 se maschio), possono iscriversi all' Ufficio Categorie Protette Provinciale o al Centro per l'impiego del proprio territorio (gli indirizzi sono a pag. 47) che si occupano del collocamento mirato dei disabili nelle aziende e che provvederanno a individuare il posto di lavoro più adatto alle capacità e aspirazioni della persona. Per coloro che hanno bisogno di un inserimento graduale e con supporto, la Provincia collabora con il Servizio Integrazione Lavorativa. 21

23 Il Servizio Integrazione Lavorativa dell'ulss 16 opera con educatori professionali che sostengono la persona durante l'inserimento: - effettuano colloqui con la persona in modo da conoscerne capacità e preferenze in merito al lavoro; - individuano enti o aziende dove le persone che non hanno mai lavorato possono svolgere un periodo di tirocinio, cioè di formazione e preparazione graduale al lavoro; - al termine della fase di formazione, individuano il posto di lavoro più adatto e, con la persona e l'azienda, concordano i tempi e le modalità di inserimento Direzione dei Servizi Sociali - Azienda ULSS 16 Padova - Via E. degli Scrovegni, 14 tel fax

24 ATTIVIT À DIURNE PER PERSONE NON INSERITE IN PERCORSI LAVORATIVI CENTRI DIURNI Per le persone adulte che hanno disabilità fisiche e/o psichiche che non consentono loro di essere inserite in percorsi lavorativi, vi sono centri diurni che organizzano attività di sviluppo dell'autonomia personale, di integrazione sociale, occupazionali e ricreative, finalizzate alla crescita delle potenzialità della persona. Per accedere a questi centri, che per lo più sono aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 16, ci si rivolge all'assistente sociale dell' Unità Operativa Disabilità Adulti (U.O.Dis.A.) presso il proprio distretto. Centri diurni dell'ulss 16: vedi pag. 59 Centri diurni convenzionati: vedi pag. 59 Presso l' Unità Operativa Disabilità Adulti sono presenti uno psicologo, responsabile del servizio, e gli assistenti sociali che operano nei distretti socio-sanitari. Assistenti Sociali dell'u.o.dis.a. : vedi pag. 47 TRASPORTO Le persone disabili che sono inserite presso i centri diurni possono usufruire del Servizio Trasporto. Servizio Trasporto Persone Disabili Direzione dei Servizi Sociali - Azienda ULSS 16 Padova - Via E. degli Scrovegni, 14 tel fax

25 Memo

26 SERVIZI DI ASSISTENZA Le persone disabili con particolari difficoltà, per continuare a vivere presso il proprio domicilio, possono avere necessità di assistenza per la cura della persona e per la gestione della vita quotidiana. Queste persone possono chiedere l'attivazione di interventi di assistenza domiciliare e l'erogazione di contributi economici. INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Questi interventi sono programmati, anche congiuntamente, sulla base dei bisogni della singola persona e sono erogati: dal Comune di residenza (ciascun Comune stabilisce propri criteri di accesso) con operatori socio-sanitari che svolgono attività socio-assistenziali quali cura della persona, della casa, gestione della vita quotidiana, ecc. dal Distretto socio-sanitario dell'ulss 16 con infermieri professionali, per l' assistenza sanitaria Servizi Sociali dei Comuni: vedi pag. 45 Punto Unico di Accoglienza Cure Domiciliari Distretto 1: Padova, Via E. degli Scrovegni 12 tel fax Distretto 2: Padova, Via D'Avanzo 35 tel fax Distretto 3: Padova, Via Piovese 74 tel fax Distretto 4: Tencarola di Selvazzano, Via Padova 63 tel fax Distretto 5: Abano Terme, Via Martiri d'ungheria 3 tel fax

27 CONTRIBUTI ECONOMICI Sono contributi erogati, per esempio, per favorire la vita indipendente o per retribuire eventuale personale di assistenza; i destinatari e l'importo di questi contributi sono definiti annualmente dalla Regione e dai Comuni. Vanno richiesti tramite il servizio sociale del proprio comune o l'assistente sociale dell' Unità Operativa Disabilità Adulti (U.O.Dis.A.) del proprio Distretto. Servizi Sociali dei Comuni: vedi pag. 45 Assistenti Sociali dell'u.o.dis. A. : vedi pag

28 SERVIZI DI ACCOGLIENZA PRONTA ACCOGLIENZA E ACCOGLIENZA PROGRAMMATA Le persone disabili non autosufficienti che vengono a trovarsi improvvisamente prive del sostegno familiare, possono essere temporaneamente accolte presso strutture residenziali del territorio, dove sono disponibili dei posti riservati alla pronta accoglienza. E' inoltre possibile, attraverso l' accoglienza programmata, consentire periodi di sollievo dei familiari e per fare fronte ad altre necessità (ad esempio un ricovero ospedaliero della persona che accudisce il disabile) oppure per sperimentare opportunità di autonomia dalla famiglia. RESIDENZIALITÀ Le persone disabili che non possono vivere autonomamente e non hanno una famiglia che assicuri loro un adeguato sostegno, possono essere accolte in comunità alloggio, gruppi famiglia o altre strutture residenziali, che offrono luoghi di vita integrata. Per accedere ai servizi di accoglienza e residenzialità ci si rivolge all'assistente sociale dell' Unità Operativa Disabilità Adulti (U.O.Dis.A.) del proprio Distretto. Assistenti Sociali dell'u.o.dis. A. : vedi pag

29 Memo

30 ATTIVIT À E PER LO SPORT PER IL TEMPO LIBERO Il territorio offre diverse iniziative e attività per il tempo libero a favore delle persone disabili. CENTRI RICREATIVI ESTIVI I bambini con disabilità, che frequentano la scuola dell'infanzia e la scuola primaria e desiderano partecipare ad attività ludico-ricreative estive, possono frequentare i Centri Ricreativi Estivi organizzati, con modalità diverse, dai Comuni e dal privato sociale. Qualora la certificazione sanitaria lo preveda, è assicurata al bambino l'assistenza da parte di un operatore socio-sanitario del Servizio Integrazione Scolastica e Sociale Disabili dell' ULSS 16. Servizi Sociali dei Comuni: vedi pag. 45 Uffici dei Comuni che danno informazioni al pubblico: vedi pag. 43 SOGGIORNI CLIMATICI Le persone disabili durante il periodo estivo possono partecipare ai soggiorni climatici (marini e montani) organizzati dai Comuni e dal privato sociale, con modalità e criteri di accesso diversificati. Sulla base di ogni specifica situazione, le persone disabili possono beneficiare di assistenza da parte di un operatore o di contributi economici. Servizi Sociali dei Comuni: vedi pag. 45 Assistenti Sociali dell'u.o.dis. A. : vedi pag

31 ATTIVITÀ ESPRESSIVE RICREATIVE E SPORTIVE Per chi vuole esprimere la propria creatività, avere occasioni di incontro, praticare attività sportive, dare spazio ai propri interessi è possibile partecipare alle iniziative proposte da varie associazioni. Oltre alle attività realizzate dai centri diurni del territorio per le persone che li frequentano (vedi pag. 23), vi sono altre iniziative, organizzate da associazioni del territorio, a cui possono partecipare le persone disabili e le loro famiglie. Sono proposte attività: sportive ricreative espressive manuali formative vacanze Da pag. 50 a pag 58 trovate l'elenco delle associazioni e il dettaglio delle attività proposte. 30

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO Introduzione Il presente Testo Unico si propone di illustrare il quadro aggiornato delle varie situazioni in cui la normativa tributaria riconosce

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA

LINEE GUIDA PER LE ATTIVITA' DI RIABILITAZIONE IN REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale della Campania Assessorato alla Sanità Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria Settore Interventi a Favore di Fasce Socio-Sanitarie Particolarmente Deboli Servizio Riabilitazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI. per le persone disabili e le loro famiglie

GUIDA AI SERVIZI. per le persone disabili e le loro famiglie GUIDA AI SERVIZI per le persone disabili e le loro famiglie INDICE E con vera gioia, e gratitudine a tutti coloro che a diverso titolo hanno messo mano al lavoro, che mi accingo a presentare questa guida

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Regolamento di Adesione e Gestione

Regolamento di Adesione e Gestione Direzione Centrale Credito e Welfare Regolamento di Adesione e Gestione Home Care Premium 2014 Home Care Premium 2014 Un Modello innovativo e sperimentale di assistenza alla disabilità e alla non autosufficienza

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA Al momento dell'acquisto di un veicolo, nuovo o usato, le persone disabili o i familiari che le hanno fiscalmente in carico possono usufruire di una riduzione dell'aliquota

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche c o r d u s i o + + + Servizi e Risorse Umane per Aziende Private e Pubbliche La Nostra Storia e i nostri Servizi Con oltre 250 professionisti la Cordusio Servizi S.C.P.A. opera su tutto il territorio

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli