Guida all installazione degli ascensori antincendio (e degli ascensori di soccorso)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida all installazione degli ascensori antincendio (e degli ascensori di soccorso)"

Transcript

1 Guida all installazione degli ascensori antincendio (e degli ascensori di soccorso) Pubblicato il: 18/09/2007 Aggiornato al: 18/09/2007 di Gianfranco Ceresini 1. Alimentazione degli ascensori antincendio La linea di alimentazione di un ascensore antincendio deve essere distinta da quella di ogni altro ascensore presente nell edificio e deve consistere di un alimentazione primaria (ordinaria) e di un alimentazione secondaria (di sicurezza). Sia la linea dell alimentazione elettrica primaria che quella secondaria devono essere protette dall incendio (condutture resistenti al fuoco) e separate tra loro e dalle altre alimentazioni elettriche (figura 7). Il livello di protezione antincendio deve essere almeno uguale a quella richiesta per il vano di corsa e comunque non inferiore a REI 60. La potenza dell alimentazione elettrica secondaria (la cui sorgente deve essere posta in un area protetta dall incendio) deve essere calcolata in base alla portata nominale dell ascensore ed in base al poter raggiungere il piano più lontano dal livello di accesso dei Vigili del Fuoco entro 60 s dal momento di chiusura delle porte. Entrambe le linee devono essere ovviamente dotate di protezioni. La linea primaria deve essere protetta da sovraccarichi e da cortocircuiti, mentre quella secondaria trattandosi di alimentazione di sicurezza, deve essere protetta solo dai cortocircuiti per fare in modo che l ascensore antincendio continui a funzionare anche in condizioni di forte sovraccarico: se però l ambiente nel quale è installato l ascensore antincendio è un luogo a maggior rischio in caso di incendio (come spesso avviene per alberghi, ospedali, teatri, etc.), allora anche l alimentazione di sicurezza va protetta contro il sovraccarico come previsto dalla norma CEI 64-8/751. L interruttore differenziale, sicuramente presente sull alimentazione ordinaria, deve essere installato anche sull alimentazione secondaria con l avvertenza di non utilizzare differenziali ad alta sensibilità che potrebbero provocare aperture inopportune della linea di alimentazione di sicurezza. Figura 7 Alimentazione doppia per gli ascensori antincendio (UNI EN 81-72) 1

2 Il DM 15/09/05 afferma che, in caso di incendio il passaggio da alimentazione ordinaria ad alimentazione di sicurezza deve essere automatico. Questa prescrizione, presa alla lettera, implicherebbe come conseguenza che in occasione di un incendio, l alimentazione dell ascensore antincendio arrivi sempre dal gruppo elettrogeno, anche se l alimentazione di rete ordinaria è ancora disponibile. Sembra molto più sensato invece intendere questo articolo del decreto con una piccola aggiunta, ovvero in caso di incendio il passaggio da alimentazione ordinaria ad alimentazione di sicurezza deve essere automatico, in caso di mancanza dell alimentazione ordinaria. Questa interpretazione, meno manichea, ma più tecnicamente plausibile concorda anche con la richiesta di installare condutture resistenti al fuoco per l alimentazione ordinaria: infatti se l alimentazione ordinaria venisse sganciata immediatamente nel momento dell incendio, non avrebbe senso richiedere per essa una protezione contro l incendio. Una problematica ulteriore riguarda la gestione del comando di emergenza dell ascensore antincendio che non può essere quello generale del resto dell impianto. Se così fosse, l ascensore antincendio smetterebbe di funzionare non appena attivato il comando. La soluzione è quella di utilizzare due comandi di emergenza separati, uno per la parte di impianto che durante l incendio non è essenziale e l altro (uno unico per la linea ordinaria e per quella di sicurezza oppure uno per ciascuna delle due linee) per l ascensore antincendio che deve continuare a funzionare anche durante l incendio (figura 8). Figura 8 Esempio di collocazione dei comandi di emergenza in impianti con ascensore antincendio 2

3 2. Illuminazione di sicurezza degli ascensori antincendio Il tetto della cabina dell ascensore antincendio (ed i locali del macchinario e delle pulegge di rinvio, se esistono) deve essere dotato di una illuminazione di emergenza, con intensità luminosa di almeno 5 lux, ad 1 m di altezza sul piano di calpestio con una sorgente autonoma incorporata di autonomia pari ad almeno 1 ora e comunque non inferiore al tempo di resistenza richiesto per l'edificio (art. 7 dell allegato del DM 15/09/05). 3

4 3. Sistema di comando dell ascensore antincendio Il controllo dell ascensore antincendio da parte dei Vigili del Fuoco avviene attraverso lo spostamento in posizione 1 di un commutatore a chiave triangolare che attiva l ascensore nella modalità di funzionamento antincendio. Tale commutatore deve essere posto al piano utilizzato come livello di accesso dei Vigili del Fuoco ad una altezza compresa fra gli 1,8 m e i 2,1 dal livello del pavimento e a meno di 2 m dall ascensore antincendio (figura 9). Figura 9 Posizionamento del commutatore a chiave triangolare per l attivazione della modalità antincendio al piano di accesso dei Vigili del Fuoco 4

5 Per identificare in maniera non equivoca la funzione di questo commutatore, a lato di esso deve essere posizionato il pittogramma dell ascensore antincendio (figura 10). Lo stesso pittogramma deve essere posizionato in corrispondenza delle bottoniere di piano dell ascensore antincendio (figura 9) ed anche sulla bottoniera di cabina ad indicare il pulsante di cabina per il livello di accesso dei Vigili del Fuoco (es, se il livello di accesso è il secondo piano, un pittogramma deve essere posizionato a lato del numero 2). L attivazione della modalità antincendio fa entrare l ascensore in una condizione di funzionamento particolare, suddivisa in due fasi, che viene descritta nel capitolo successivo. I comandi di cabina e di piano, i pannelli indicatori di cabina e di piano e il commutatore dell ascensore antincendio devono avere grado di protezione almeno pari a IPX3. Figura 10 Pittogramma che identifica l ascensore antincendio. Un quadrato di 10 cm per lato quando posizionato al piano e di 2 cm per lato quando posizionato nella bottoniera di cabina 5

6 4. Fasi operative di utilizzo dell ascensore antincendio Guida all installazione degli ascensori antincedio Una volta assunto il controllo dell ascensore antincendio operando sul commutatore a chiave triangolare, i Vigili del fuoco eseguono il loro intervento passando attraverso due fasi operative, la prima di chiamata e la seconda di utilizzo vero e proprio dell ascensore. La fase 1 che inizia con l attivazione deve assicurare che siano rispettate le seguenti disposizioni: I tasti di chiamata di piano e in cabina devono essere disattivati e cancellate le chiamate esistenti; Il pulsante di apertura porte, la chiamata di emergenza ed il sistema di comunicazione devono restare attivi; All arrivo al livello di accesso dei Vigili del Fuoco (il richiamo dell'ascensore antincendio può essere automatico se esso è collegato con un sistema di rivelazione incendio: in questo caso l'ascensore antincendio deve sostare senza funzionare al livello di accesso dei Vigili del Fuoco finché non viene azionato il commutatore dell'ascensore antincendio), l'ascensore antincendio deve esservi trattenuto con le porte di cabina e di piano in posizione di apertura; L illuminazione nel vano di corsa e nel locale macchine deve accendersi automaticamente; Nel vano dell'ascensore, nella cabina e nel locale macchine devono essere installati dispositivi di allarme acustici e visivi che informano sull'attivazione dell'interruttore dell'ascensore antincendio. La fase 2 inizia quando l ascensore antincendio è in sosta al livello di accesso dei Vigili del Fuoco ed il suo comando è affidato unicamente ai tasti della cabina: Non deve essere possibile accettare più di una chiamata per volta all'interno della cabina; Mentre l'ascensore è in movimento deve essere possibile effettuare una nuova chiamata dalla cabina. La chiamata precedente viene annullata. La cabina deve avviarsi il più rapidamente possibile verso l'ultimo piano richiesto; Dopo l'accettazione di una chiamata, la cabina deve andare al piano selezionato e fermarvisi con le porte chiuse; Se la cabina è ferma a una fermata, la porta deve potersi aprire solo premendo a lungo il pulsante "APERTURA". Se il pulsante "APERTURA" viene rilasciato prima dell'apertura completa delle porte, queste devono richiudersi automaticamente. Non appena le porte sono completamente aperte, devono restare aperte finché viene registrata una nuova chiamata dall'interno della cabina; I dispositivi di comando delle porte e il pulsante "APERTURA" devono restare pronti per il funzionamento come nella fase 1; La chiamata in corso deve essere visualizzata sul pannello della cabina; Quando vengono rimessi i commutatori dell ascensore antincendio in posizione 0, il sistema di comando dell'ascensore antincendio deve riportarsi al servizio normale solo quando l'ascensore è stato riportato al livello di accesso dei Vigili del Fuoco; La chiave del commutatore deve essere estraibile solo in posizione "0". 6

7 5. Protezione dall acqua delle apparecchiature elettriche dell ascensore antincendio Una volta giunti al piano dell edificio interessato dall incendio, i Vigili del Fuoco utilizzeranno una certa quantità di acqua per spegnerlo. Una parte di questa acqua si andrà ad infiltrare nel vano dell ascensore cadendo all interno dello stesso e sul tetto della cabina (ricordiamo infatti che la cabina viene fermata al piano sottostante quello dell incendio dove viene formata la testa di ponte). Da qui nasce l esigenza di proteggere da gocce e spruzzi d acqua le apparecchiature elettriche situate all interno dell ascensore antincendio e sopra la cabina: la norma UNI EN richiede una protezione almeno IPX3 per le apparecchiature elettriche (nel vano e dentro e sopra la cabina) poste entro la distanza di 1 m dalla parete dove è posizionata la porta di piano e dalla quale può arrivare l acqua (figura 11). Figura 11 Situazione di protezione dall acqua delle apparecchiature elettriche nell ascensore e nella fossa (UNI EN 81-72) 7

8 Un grado di protezione ben superiore, IP67, debbono averlo le apparecchiature elettriche poste a meno di 1 m dal pavimento della fossa, potendone prevedere anche l immersione temporanea. Inoltre la presa a spina e la lampada posizionate più in basso nella fossa, non possono comunque essere installate a meno di 0,5 m sopra il massimo livello di acqua previsto nella fossa. Devono essere previsti dei dispositivi per far si che questo livello massimo non venga mai superato e l acqua non vada a provocare malfunzionamenti ad esempio salendo oltre l ammortizzatore della cabina in stato completamente compresso. 8

9 6. Uscita di soccorso per i Vigili del Fuoco Deve essere previsto un sistema di salvataggio dei Vigili del Fuoco che potrebbero rimanere intrappolati all interno della cabina dell ascensore antincendio, quando quest ultimo non sia più in grado di funzionare. A tale scopo deve essere prevista sul tetto della cabina una botola di soccorso le cui dimensioni minime devono essere di 0,5 m x 0,7 m. All interno della cabina, in un armadio chiuso, viene posta una scala che permette di salire sul tetto. Il Vigile del Fuoco intrappolato apre la porta dell armadio e rimuove la scala, apre poi la botola di soccorso e si arrampica sul tetto della cabina usando la scala. Giunto sul tetto, il Vigile usa la scala per sbloccare dall interno il dispositivo di blocco della porta di piano ed uscire (figura 12). Figura 12 Procedura di soccorso impiegando una scala conservata in un armadio chiuso in cabina (vkf.ch) 9

10 7. Ascensori di soccorso Un ascensore di soccorso, come detto, è un tipo particolare di ascensore antincendio (Allegato, articolo 8, DM 15/09/05) che è utilizzabile solo in caso di incendio per il trasporto delle attrezzature del servizio antincendio ed eventualmente per l evacuazione di emergenza delle persone, ma non è utilizzabile per il trasporto di passeggeri in condizioni normali. Agli ascensori di soccorso, oltre alle disposizioni già viste per gli ascensori antincendio, viene richiesto che siano ascensori elettrici e non idraulici. Le dimensioni interne della cabina devono essere di almeno 1,1 m x 2,1 m con accesso sul lato più corto ed altezza di almeno 2,15 m. Il commutatore a chiave per chiamare l ascensore di soccorso, deve essere posizionato ad ogni piano servito. Al fine di assicurare la disponibilità dell'impianto, anche in caso di uso improprio, deve essere previsto un dispositivo che, quando il tempo di sosta della cabina ad un piano diverso di quello di accesso dei vigili del fuoco supera i due minuti, riporti automaticamente la cabina al piano di accesso. Un allarme luminoso ed acustico, a suono intenso non inferiore ai 60 db(a), deve segnalare il fallimento di questa manovra al personale dell'edificio; tale allarme non deve essere operativo quando l'ascensore e' sotto il controllo dei vigili del fuoco 10

11 8. Edifici nei quali è prevista (da disposizioni legislative e/o norme e guide CEI) la presenza di un ascensore antincendio o di soccorso Premessa 1: normalmente quando esce una nuova disposizione legislativa, questa va ad abrogare (manifestamente cioè scrivendolo o tacitamente cioè sottintendendolo) le disposizioni legislative precedenti che erano in vigore precedentemente su quella materia tecnica. Per fare un esempio, nel caso degli alberghi, il DM 9/4/94 abroga le disposizioni tecniche precedenti, cioè quelle previste dal DM 8/3/85. Premessa 2: spesso le terminologie delle disposizioni legislative non coincidono con quelle delle normative più recenti, per cui occorre fare a volte un lavoro di adattamento e interpretazione. Premessa 3: i luoghi di lavoro sono una categoria trasversale a tutte le altre. Per cui se un certo locale è anche un luogo di lavoro, ad esso vanno applicate sia le disposizioni particolari del locale in questione, sia quelle relative ai luoghi di lavoro. Premessa 4: Può essere che, nonostante non ci siano obblighi legislativi e/o normativi specifici che richiedono l ascensore antincendio, esso venga comunque previsto dalle linee guida di prevenzione incendi del Comando Provinciale locale dei Vigili del Fuoco. E il caso, ad esempio, degli edifici di grande altezza. Abitazioni (condomini) Nonostante il DM 246/87 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione non richieda la presenza di ascensori antincendio, è logico ipotizzare che per gli edifici di una certa altezza esso possa essere essenziale ai fini della sicurezza. Un riferimento normativo lo si ritrova all appendice A.2 della norma UNI dove si afferma che nelle costruzioni di grande altezza è essenziale la previsione di un ascensore antincendio. E consuetudine considerare edifici di grande altezza quelli classificati di tipo d ed e dal DM 246/87, ovvero quelli che hanno altezza antincendio superiore ai 54 m. Ricordiamo che l altezza ai fini antincendio degli edifici civili è definita come l altezza massima misurata dal livello inferiore dell apertura più alta (in genere una finestra) dell ultimo piano abitabile e/o agibile, escluse quelle dei vani tecnici, al livello del piano esterno più basso (in genere il piano terreno); Alberghi e simili: motel, villaggi-albergo, villaggi turistici, affittacamere, case per vacanze, agriturismo, ostelli, residence, rifugi alpini Per le attività con capacità ricettiva superiore a 25 posti letto, l art. 6.8 del DM 9/4/94 (modificato dal DM 15/09/05), relativo agli ascensori antincendio, afferma che nelle strutture ricettive, ubicate in edifici aventi altezza antincendio superiore a 54 m, devono essere installati ascensori di soccorso, da realizzare in conformità alle specifiche disposizioni vigenti. Il DM 9/4/94 si applica ad alberghi, motel, villaggi-albergo, villaggi turistici, affittacamere, case per vacanze, alloggi agrituristici, ostelli, residence. L articolo 9 dello stesso DM 9/4/94 riporta: I seguenti sistemi utenza devono disporre di impianti di sicurezza: a).. e) ascensori antincendio. L alimentazione di sicurezza deve essere automatica ad interruzione media ( 15 s) per ascensori antincendio. Il dispositivo di carica degli accumulatori deve essere di tipo automatico e tale da consentire la ricarica completa entro 12 ore. L autonomia dell alimentazione di sicurezza deve consentire lo svolgimento in sicurezza 11

12 del soccorso e dello spegnimento per il tempo necessario; in ogni caso l autonomia minima viene stabilita per ogni impianto come segue:. Ascensori antincendio: 1 ora. La valutazione dei 25 posti letto deve essere fatta per ogni compartimento antincendio e nel numero di posti letto sono conteggiati soltanto quelli a disposizione degli ospiti con esclusione del personale addetto. La guida CEI 64-55, agli articoli 17 e 18, riprende le disposizioni del DM 9/4/94. Costruzioni di grande altezza L appendice A.2 della norma UNI afferma che nelle costruzioni di grande altezza è essenziale la previsione di un ascensore antincendio. Non essendo specificato in forma numerica cosa si intenda per grande altezza, è possibile ragionevolmente fissare tale quota dai 24 m di altezza antincendio considerati per i locali di pubblico spettacolo, fino ai 54 m considerati per gli alberghi. Ricordiamo che l altezza antincendio è definita come l altezza massima misurata dal livello inferiore dell apertura più alta (in genere una finestra) dell ultimo piano abitabile e/o agibile, escluse quelle dei vani tecnici, al livello del piano esterno più basso (in genere il piano terreno). Un altro criterio per definire ciò che significa grande altezza può derivare dal significato che in genere ne danno i Vigili del Fuoco: tutti quegli edifici che hanno piani al di fuori della portata delle loro attrezzature. Edifici ad uso prevalentemente residenziale (condomini con locali destinati anche ad altri usi) Vedi la voce Abitazioni. Edifici pregevoli per rilevanza storica o artistica (edifici che contengono biblioteche, musei, archivi, gallerie, collezioni, esposizioni, mostre e simili) La norma CEI 64-15, all art. 4.2 afferma che :. tutti i circuiti con finalità di tutela del patrimonio artistico e storico sono da considerarsi servizi di sicurezza. Pertanto si devono disporre impianti di sicurezza per tutti i seguenti sistemi di utenza, quando richiesti da disposizioni di legge o da Enti competenti:.. ascensori antincendio; Nel commento allo stesso articolo vengono richiamate le caratteristiche dell alimentazione di sicurezza: E preferibile che l alimentazione di sicurezza sia automatica:.. ad interruzione media ( 15 s) per impianti di estinzione incendi, ascensori antincendio e climatizzazione con finalità di tutela del patrimonio. La norma CEI si applica agli edifici pubblici o privati, monumentali o meno, pregevoli per rilevanza storica o artistica sia dal punto di vista della struttura che del contenuto o di entrambe, destinati ad abitazione (es. castelli, ville, etc), al culto (es. cattedrali, chiese, cappelle private, etc), a bene demaniale (es. palazzi adibiti ad uffici pubblici, etc), oppure adibiti a musei, gallerie, mostre o esposizioni di oggetti d arte o collezioni, biblioteche, archivi storici, teatri e simili. 12

13 Locali di pubblico spettacolo (teatri, cinematografi, cinema-teatri, auditori e sale convegno, locali di intrattenimento con capienza superiore a 100 persone, sale da ballo e discoteche, case da gioco, drive-in, teatri tenda, teatri di posa per riprese cinema e TV, circhi, luoghi destinati a spettacoli viaggianti e parchi di divertimento, luoghi all'aperto destinati a spettacoli e con strutture apposite per il pubblico, locali multiuso utilizzati occasionalmente per pubblico spettacolo) Il DM 19/08/96, al titolo 4, articolo 4.6 afferma: Gli ascensori e i montacarichi non devono essere utilizzati in caso d'incendio ad eccezione degli ascensori antincendio. Negli edifici di altezza antincendio superiore a 24 m, deve essere previsto almeno un ascensore antincendio da realizzarsi secondo quanto disposto al punto 6.8 del decreto del Ministro dell'interno 9 aprile 1994 (Gazzetta Ufficiale n. 116 del 20 maggio 1994). Sempre il DM 19/08/96, al titolo 13 prescrive: I seguenti sistemi di utenza devono disporre di impianti di sicurezza: a) e) ascensori antincendio. La rispondenza alle vigenti norme di sicurezza deve essere attestata con la procedura di cui alla legge 5 marzo 1990, n. 46 e successivi regolamenti di applicazione.. L'alimentazione di sicurezza deve essere automatica.. ad interruzione media ( 15 s) per ascensori antincendio. Il dispositivo di carica degli accumulatori deve essere di tipo automatico e tale da consentire la ricarica completa entro 12 ore. L'autonomia dell'alimentazione di sicurezza deve consentire lo svolgimento in sicurezza del soccorso e dello spegnimento per il tempo necessario; in ogni caso l'autonomia minima viene stabilita per ogni impianto come segue: -- ascensori antincendio: 1 ora;. Luoghi di lavoro Senza fornire obblighi di installazione (legati eventualmente all altezza dell edificio adibito a luogo di lavoro), il DM 10/3/98, all articolo richiama l utilizzo degli ascensori antincendio per persone disabili: Persone disabili possono utilizzare un ascensore solo se è un ascensore predisposto per l'evacuazione o è un ascensore antincendio, ed inoltre tale impiego deve avvenire solo sotto il controllo di personale pienamente a conoscenza delle procedure di evacuazione. Ospedali, Case di cura, ambulatori medici, poliambulatori e locali ad uso medico in generale Il DM 18/9/02, regola tecnica di prevenzione incendi delle strutture sanitarie pubbliche e private, si applica a tre tipologie di strutture sanitarie: gli ospedali, le case di cura e gli ambulatori medici. Il decreto distingue due situazioni relativamente alle strutture nuove ed alle strutture esistenti (da adeguare entro il 26/12/07 a meno che non si sia già in possesso del CPI o di un progetto approvato dai VVF): Strutture sanitarie nuove: Per ospedali e case di cura si applicano le prescrizioni del decreto se è soddisfatta una delle seguenti condizioni: 13

14 Struttura con capacità ricettiva di oltre 25 posti letto; Struttura con capacità ricettiva inferiore o uguale ai 25 posti letto, ma che eroga prestazioni di ricovero a ciclo continuativo (cioè non solo day hospital); Struttura con capacità ricettiva inferiore o uguale ai 25 posti letto, che eroga prestazioni di ricovero solo a ciclo diurno (cioè solo day hospital), ma con una superficie superiore ai 500 mq. Per gli ambulatori medici si applicano le prescrizioni del decreto se è soddisfatta la seguente condizione: La superficie è superiore ai 500 mq. Strutture sanitarie esistenti: Per gli ospedali si applicano le prescrizioni del decreto se è soddisfatta una delle seguenti condizioni: Struttura con capacità ricettiva di oltre 25 posti letto; Struttura con capacità ricettiva inferiore o uguale ai 25 posti letto, ma che eroga prestazioni di ricovero a ciclo continuativo (cioè non solo day hospital); Struttura con capacità ricettiva inferiore o uguale ai 25 posti letto, che eroga prestazioni di ricovero solo a ciclo diurno (cioè solo day hospital), ma con una superficie superiore ai 500 mq. Per le case di cura si applicano le prescrizioni del decreto se è soddisfatta una delle seguenti condizioni: Struttura con capacità ricettiva di oltre 25 posti letto; Struttura con capacità ricettiva inferiore o uguale ai 25 posti letto, ma con una superficie superiore ai 500 mq. Per gli ambulatori medici si applicano le prescrizioni del decreto se è soddisfatta la seguente condizione: La superficie è superiore ai 500 mq. Le prescrizioni riguardo agli ascensori antincendio sono le seguenti: Strutture sanitarie nuove: L articolo (modificato dall articolo 5 del DM 15/09/05) del DM 18/09/02 afferma: Montalettighe utilizzabili in caso di incendio. Gli edifici destinati anche in parte ad aree di tipo D (aree destinate a ricovero in regime ospedaliero e/o residenziale nonché aree adibite ad unità speciali - terapia intensiva, neonatologia, reparto di rianimazione, sale operatorie, terapie particolari, ecc.) devono disporre di almeno un ascensore montalettighe antincendio, da realizzare in conformità alle specifiche disposizioni vigenti. 14

15 Negli edifici, destinati anche in parte ad aree di tipo D, aventi altezza antincendio superiore a 24 m, deve essere installato almeno un ascensore di soccorso da realizzare in conformità alle specifiche disposizioni vigenti; Strutture sanitarie esistenti: L articolo 15.7 (modificato dall articolo 5 del DM 15/09/05) del DM 18/09/02 afferma: Montalettighe utilizzabili in caso di incendio. Gli edifici di altezza antincendio superiore a 12 m, destinati anche in parte ad aree di tipo D (aree destinate a ricovero in regime ospedaliero e/o residenziale nonché aree adibite ad unità speciali - terapia intensiva, neonatologia, reparto di rianimazione, sale operatorie, terapie particolari, ecc.), devono disporre di almeno un ascensore montalettighe antincendio, da realizzare in conformità alle specifiche disposizioni vigenti; La norma CEI 64-8 sezione 710 sui locali ad uso medico accenna ad alcune prescrizioni sugli ascensori antincendio. La norma si applica principalmente ad ospedali, a cliniche private, a studi medici e dentistici, a locali ad uso estetico ed a locali dedicati ad uso medico nei luoghi di lavoro. Le disposizioni si trovano all articolo e sono le seguenti: o I servizi diversi dalla illuminazione, che richiedono una alimentazione di sicurezza con un tempo di commutazione non superiore a 15 s comprendono, per esempio: ascensori destinati a funzionare in caso di incendio; Le guida CEI sui locali ad uso medico, all articolo relativo all alimentazione dei servizi di sicurezza, dice che: o Alcuni servizi ed altri apparecchi elettromedicali per i quali è necessaria una alimentazione di sicurezza entro un tempo di 15 s risultano, ad esempio, i seguenti: ascensori destinati a funzionare in caso di incendio; Scuole, collegi, accademie, asili nido La guida CEI 64-52, relativa agli impianti elettrici negli edifici scolastici, all articolo 4.16 afferma, a ragione, che generalmente le aule magne delle scuole vengono impiegate non solo per i collegi accademici e docenti ma anche per conferenze, proiezioni, spettacoli, assemblee, etc. In questo caso, secondo la guida CEI 64-52, l aula magna assume le caratteristiche tipiche di un locale di pubblico spettacolo e quindi ad essa vanno applicate le disposizioni del DM 19/08/96 (vedi la voce Locali di pubblico spettacolo ); Uffici Il DM 22/02/06, regola tecnica di prevenzione incendi negli uffici con oltre 25 persone presenti, detta disposizioni per gli uffici nuovi (realizzati dopo il 1 aprile 2006) e per quelli esistenti (se negli edifici esistenti si insediano uffici di nuova realizzazione, oppure se gli edifici esistenti già 15

16 adibiti ad ufficio alla data del 1 aprile 2006 sono oggetto di interventi che comportino modifiche sostanziali): o Solo per gli uffici nuovi con un numero di presenze superiore a 100, viene prevista l installazione degli ascensori antincendio e di soccorso: Art Ascensori antincendio e di soccorso. 1. Negli edifici aventi altezza antincendi superiore a 32 metri devono essere previsti ascensori antincendio ubicati in modo tale da poter raggiungere ogni locale dei singoli piani. 2. Negli edifici aventi altezza antincendi superiore a 54 metri, in aggiunta agli ascensori antincendio, devono essere previsti ascensori di soccorso ubicati in modo tale da poter raggiungere ogni locale dei singoli piani.; 16

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

ABITAZIONI - CONDOMINI

ABITAZIONI - CONDOMINI ABITAZIONI - CONDOMINI Decreto del Ministero dell'interno, n.246 del 16 maggio 1987 (Gazzetta Ufficiale del 27 giugno 1987 n.148) Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. ALBERGHI

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 15/09/2005 Gazzetta Ufficiale N. 232 del 05/10/2005

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 15/09/2005 Gazzetta Ufficiale N. 232 del 05/10/2005 Legge Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 15/09/2005 Gazzetta Ufficiale N. 232 del 05/10/2005 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento

Dettagli

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com NORME EN81.20 e EN81.50 www.giovenzana.com La nuova EN 81-20 sostituisce EN 81-2 & EN 81-1. Contiene i requisiti per completare l installazione di ascensori per passeggeri e montacarichi indipendenti

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

Ascensori per i pompieri

Ascensori per i pompieri Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Ascensori per i pompieri 05.05.2003

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

GLI ASCENSORI E LA PREVENZIONE INCENDI Il Decreto 15 settembre 2005

GLI ASCENSORI E LA PREVENZIONE INCENDI Il Decreto 15 settembre 2005 GLI ASCENSORI E LA PREVENZIONE INCENDI Il Decreto 15 settembre 2005 Ing. Paolo Tattoli DM 15 settembre 2005 Regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento ubicati nelle

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazione: TT, TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli EN 81-73 Comportamento degli ascensori in caso di incendio Ing. Paolo Tattoli Premessa Questa norma si applica a tutti gli ascensori Deve esserci una chiara separazione tra il sistema di controllo dell

Dettagli

Caratteristiche previste per gli elevatori pag. 3. Norme di prevenzione incendi per ascensori pag. 3. Ascensori per nuovi edifici residenziali pag.

Caratteristiche previste per gli elevatori pag. 3. Norme di prevenzione incendi per ascensori pag. 3. Ascensori per nuovi edifici residenziali pag. 1/30 INDICE CATALOGO PROGETTAZIONE SEZ.: ELEVATORI OLEODINAMICI Introduzione al catalogo progettazione pag. 3 Caratteristiche previste per gli elevatori pag. 3 Riferimenti normativi pag. 3 Norme di prevenzione

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

Strutture alberghiere (Prescrizioni Particolari e Verifiche)

Strutture alberghiere (Prescrizioni Particolari e Verifiche) Prescrizioni particolari Segnaletica di sicurezza o La segnaletica di sicurezza deve rispondere a quanto previsto dalla Norma UNI EN 1838 (cioè dal Dlgs 493/96) sia per quanto concerne le dimensioni sia

Dettagli

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SCHEDA TECNICA N 18 SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

Relatore: Ing. Luigi Abate

Relatore: Ing. Luigi Abate Le soluzioni di mitigazione del rischio incendio per le strutture sanitarie alla luce del nuovo disposto normativo Evoluzione Normativa: dal DM 18.09.2002 al DM 19.03.2015 «UTILITA SOCIALE DEL NUOVO DECRETO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

GLI ASCENSORI E LA PREVENZIONE INCENDI La EN 81-72. Ing. Paolo Tattoli

GLI ASCENSORI E LA PREVENZIONE INCENDI La EN 81-72. Ing. Paolo Tattoli GLI ASCENSORI E LA PREVENZIONE INCENDI La EN 81-72 Ing. Paolo Tattoli GENERALITA La materia dell antincendio è molto vasta In questa sede ci limitiamo a delineare le disposizioni specifiche in materia

Dettagli

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996

LOCALI DI PUBBLICO D.M. 19.08.1996 LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO D.M. 19.08.1996 CAMPO APPLICAZIONE a) Teatri (sia al chiuso che all aperto); b) Cinematografi (anche drive-in); c) cinema-teatri; d) auditori e sale convegni; e) locali di

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998 CPI

D.M. 10 marzo 1998 CPI D.M. 10 marzo 1998 CPI La prevenzione incendi: Norme di riferimento Il D.lgs 81/08 prevede che, fermo restando quanto previsto dal D.lgs 139/2006, dovranno essere adottati uno o più decreti in cui siano

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO

LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LA SEGNALETICA DI SALVATAGGIO E ANTINCENDIO a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione.

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione. INGEGNERIA CIVILE a cura di Ing. G. Andreani Ing. S. Bonomi Ing. R. Fioramonti Ing. G. Nalli commissione Ascensori e scale mobili visto da: Ing. M. Domenicucci REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto

Dettagli

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 NORME DI PREVENZIONE INCENDI MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile COMANDO PROVINCIALE LATINA comando.latina@vigilfuoco.it

Dettagli

Locali ad uso medico

Locali ad uso medico 1 Locali ad uso medico 1.1 Generalità 1. Locali di gruppo 0 e gruppo 1 (ex tipo B e A) Fra i locali considerati a maggior rischio elettrico, e quindi soggetti a specifiche prescrizioni (nuova sezione 710

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1

IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 Cap. XII IMPIANTI ASCENSORI PAG. 1 12.2 OPERE COMPIUTE I prezzi comprendono fornitura dei materiali, trasporto in cantiere, prestazioni di tecnico specializzato montatore; gli accessori ed il fissaggio

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO ( 4 ORE) 1) INCENDIO 1 ora principi della combustione prodotti della combustione sostanze estinguenti

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ing. Claudio Noro libero professionista - Vicenza 1

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti

Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti Miglioramento della sicurezza per gli ascensori esistenti Ascensoristi 1INDICE DELLE SCHEDE 1 2 3 4 5 6 7 8 Possibile apertura porta, con cabina non al piano Assenza del dispositivo contro la velocità

Dettagli

linee guida per l uso dell illuminazione di sicurezza Associazione Nazionale Produttori Illuminazione

linee guida per l uso dell illuminazione di sicurezza Associazione Nazionale Produttori Illuminazione Illuminazione di emergenza: una guida sicura linee guida per l uso dell illuminazione di sicurezza Associazione Nazionale Produttori Illuminazione Perché questa guida I professionisti della sicurezza sanno

Dettagli

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Indice Introduzione................................................................. pag. 8 Preambolo

Dettagli

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di CONVEGNO ZENITAL FORUM ANTINCENDIO 2011 Milano, 26 ottobre 2011 Ing. Maurizio D Addato Si riportano le principali: Norme EN54 PUBBLICATE ED ARMONIZZATE UNI EN 54 1 Sistemi di rivelazione e di segnalazione

Dettagli

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma Rivelazione incendi e prevenzione incendi Di cosa parliamo? 1. Il quadro normativo: DM 37/2008 2. La normativa di prevenzione incendi: certificazione 3. La regola dell arte: UNI 9795 EN 54 4. Rivelazione

Dettagli

Quadri elettrici e norme di riferimento

Quadri elettrici e norme di riferimento Quadri elettrici e norme di riferimento Nella realizzazione di un impianto di sicurezza, un attenzione particolare va posta al quadro elettrico, al quale fa capo l alimentazione dell impianto stesso. Innanzitutto,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE Sommario 1. Definizione 2. Fonti normative 3. Questioni interpretative 4. Caratteristiche e modalità di installazione 5. Adempimenti amministrativi 6. Voci di

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Il Ministro

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco

Dettagli

REGOLE TECNICHE VERTICALI Attività ricettive turistico - alberghiere

REGOLE TECNICHE VERTICALI Attività ricettive turistico - alberghiere Capitolo V 6 REGOLE TECNICHE VERTICALI ricettive turistico - alberghiere Scopo e campo di applicazione...2 Classificazioni...2 Profili di rischio...3 Strategia antincendio...3 Vani degli ascensori..6 Capitolo

Dettagli

IE 080 Uffici Novembre 2015

IE 080 Uffici Novembre 2015 IE 080 Uffici Novembre 2015 L impianto elettrico negli uffici deve essere molto flessibile al fine di consentire l allacciamento di nuovi utilizzatori o servire nuovi impianti. La flessibilità dipende

Dettagli

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA LOCALI FISSI CON CAPIENZA PARI O INFERIORE A 200 PERSONE DOMANDA DI PARERE PREVENTIVO Tutti i documenti allegati alla richiesta devono essere in originale od in copia autenticata

Dettagli

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO

COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO COMUNE DI ANCONA AREA DELLA CITTA' E DEL TERRITORIO Direzione Pregettazioni, Manutenzioni, Viabilità, Frana, Protezione Civile e Sicurezza. (Edilizia Scolastica ed Asili Nido) Progetto per l'ampliamento

Dettagli

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Bologna - 4 maggio 2011 Ing. Mario Alvino Coordinatore Operativo CTS L Allegato V del Testo Unico tratta i requisiti

Dettagli

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento.

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. Requisiti location Decreto Interministeriale del 22 luglio 2014 Sicurezza nel Montaggio/Smontaggio Palchi Requisiti

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Prot. n. 15713 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 31-2013 Allegati 1 Ai Direttori di struttura Ai Dirigenti Ai Segretari Amministrativi di dipartimento Agli Addetti Locali alla Sicurezza Pavia, 23/04/2013 p.c.

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE

INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE Datore di Lavoro Unico Sicurezza Lavoro CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE Registro antincendio scuola

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO A CURA DI Ing. SEBASTIANO MARTIGNANO Via G.Boccaccio, n. 4 73100 LECCE Via Cerreto di Spoleto, n. 29 00181 Roma Tel.: +39 (832) 498023 Fax: +39 (832)

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE ALLEGATO I (DI CUI ALL ART. 7) DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Il sottoscritto., titolare o legale rappresentante dell impresa, operante nel settore ELETTRICO, con sede

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo 9.00 13.00 Giorno Periodo Argomento Docente 20.03 23.03 24.03 27.03 30.03 Introduzione alla Prevenzione Incendi. Allegato I del D.M. 10 marzo 1998 (valutazione dei rischi di incendio nei luoghi di lavoro).

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT INDICE Caratteristiche principali pag. 3 Riferimenti normativi abbattimento delle barriere architettoniche pag. 4 Riferimenti

Dettagli

Nuovo sistema tebis, l impianto elettrico diventa benessere.

Nuovo sistema tebis, l impianto elettrico diventa benessere. Nuovo sistema tebis, l impianto elettrico diventa benessere. Nuovo sistema l impianto elettrico t e bi s ecnologia evoluta aperta a tutti i sistemi di spandibilità in tempi successivi e senza limitazioni

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI dott. ing. Emilio Milano pagina 1 COS E LA PREVENZIONE INCENDI Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - Capo III - Art. 13 (S.O.G.U. Serie

Dettagli

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative.

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative. COSTI DI COSTRUZIONE STABILITI CON DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1132 DI DATA 27.05.2011 IN VIGORE DAL 08.06.2011, ED ADEGUATI ALLE DISPOSIZIONI DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N.

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE ISTITUTO SCOLASTICO OGGETTO D INTERVENTO LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI - CATANZARO CODICE MECCANOGRAFICO:

Dettagli

Ministero dell'interno

Ministero dell'interno Ministero dell'interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco Sicilia Dott. Ing. Emilio OCCHIUZZI Dirigente Generale Direttore

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli