Le agevolazioni e i contributi per l acquisto degli ausili e dei sussidi informatici di Carlo Giacobini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le agevolazioni e i contributi per l acquisto degli ausili e dei sussidi informatici di Carlo Giacobini"

Transcript

1 Le agevolazioni e i contributi per l acquisto degli ausili e dei sussidi informatici di Carlo Giacobini Il tema delle agevolazioni e dei contributi in materia di ausili e sussidi informatici va inquadrato in tre ambiti: quello delle forniture a carico del Servizio Sanitario Nazionale, quello delle agevolazioni fiscali e, infine, quelli dei contributi che alcune regioni prevedono. LA FORNITURA DI AUSILI A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE La fornitura delle protesi, delle ortesi e degli ausili a carico del Servizio Sanitario Nazionale è regolamentata dal Decreto del Ministero della Sanità del 27 agosto 1999, n. 332 ( Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità di erogazione e tariffe. ) Questo regolamento è articolato in un decreto, che reca le indicazioni normative specifiche per le modalità di erogazione dei vari dispositivi, e da due allegati. Il primo allegato contiene la descrizione dei prodotti che possono essere prescritti a carico del Servizio Sanitario Nazionale tramite le Aziende Usl e le aziende Ospedaliere. È questo il Nomenclatore Tariffario delle protesi, anche se comunemente, quando si parla di Nomenclatore, si intende sia il decreto vero e proprio, sia gli allegati. Il primo allegato è suddiviso in tre elenchi. Il primo elenco contiene prodotti personalizzati o su misura per cui viene previsto un codice e una tariffa. Il secondo elenco prevede un elenco di prodotti di serie. Il terzo elenco prevede alcuni ausili molto particolari (es. respiratori, montascale ecc.) Il secondo allegato, infine, fissa i tempi minimi di rinnovo di ciascun presidio prescritto, i termini massimi di consegna o fornitura e i termini di garanzia dei diversi dispositivi. Codificazione Il Nomenclatore Tariffario in vigore in precedenza si rifaceva a codici elaborati dal Ministero della Sanità seguendo una logica di suddivisione per famiglie o gruppi. Ad esempio nella Famiglia 22 erano raggruppati i presidi per la stabilizzazione, postura e deambulazione. Vi erano compresi sia ausili su misura, sia ausili di serie; tutte le carrozzine, ma anche le stampelle, i tripodi, i montascale afferivano a questo gruppo di ausili. La loro codificazione quindi iniziava con il numero 22. Ad esempio la carrozzina superleggera aveva il codice I codici adottati con il Tariffario più recente riprendono invece le più efficaci catalogazioni dell International Standard Organization (ISO). Tale strumento permette un raffronto ed una comparazione assai più precisa da un punto di vista scientifico. Per semplificare il lavoro dei prescrittori, chi ha elaborato il Nomenclatore Tariffario, ha previsto specifiche tavole di corrispondenza fra sistemi di classificazione e segnala, a fianco dei nuovi codici ISO, la precedente catalogazione. Chi prescrive un ausilio ora deve comunque rifarsi alla codificazione ISO. Aventi diritto 1

2 Il regolamento è piuttosto rigoroso nell individuazione degli aventi diritto alla fornitura a carico del Servizio Sanitario Nazionale; non vi sono novità di rilievo rispetto al precedente decreto. Hanno diritto alle prestazioni protesiche: gli invalidi civili e per servizio; gli invalidi di guerra e le categorie assimilate (es. vittime civili di guerra); i privi della vista, cioè coloro che sono colpiti da cecità assoluta o hanno un residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione; i sordi, cioè coloro che sono colpiti da sordità dalla nascita o contratta prima dell apprendimento del linguaggio; i minori di anni 18 che necessitano di un intervento di prevenzione, cura, e riabilitazione di un invalidità permanente; gli invalidi in attesa di accertamento che si trovano nell impossibilità di deambulare senza l aiuto permanente di un accompagnatore o, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, necessitano di un assistenza continua; coloro che presentano istanza e sono in attesa di riconoscimento, ai quali, in seguito all accertamento sanitario effettuato dalla commissione medica dell Azienda Usl, sia stata riscontrata e verbalizzata una menomazione che comporta una riduzione della capacità lavorativa superiore a un terzo; coloro che hanno subito un intervento di entero-urostomia, tracheotomia o amputazione di un arto, e che, dopo aver presentato istanza, si trovano in attesa di accertamento; le donne che abbiano subito un intervento di mastectomia ed i soggetti che abbiano subito un intervento demolitore sull occhio, previa presentazione di certificazione medica; i ricoverati in una struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, con menomazione grave e permanente, per i quali il medico responsabile dell unità operativa certifichi la contestuale necessità e urgenza dell applicazione di una protesi, di un ortesi o di un ausilio prima della dimissione, per l attivazione tempestiva o la conduzione del progetto riabilitativo, a fronte di una menomazione grave e permanente. In questo caso, contestualmente alla fornitura della protesi o dell ortesi, deve essere avviata la procedura per il riconoscimento dell invalidità. Va ricordato che l erogazione di dispositivi protesici per gli invalidi sul lavoro è regolamentata da un altra norma (DPR 1124/1965) ed è garantita dall Istituto nazionale per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL). Modalità di erogazione Il procedimento per l erogazione di protesi, ausili e ortesi a carico del Servizio Sanitario Nazionale deve seguire obbligatoriamente quattro tappe (la prescrizione, l autorizzazione, la fornitura e il collaudo) previste dal decreto del Ministro della Sanità che accompagna il Nomenclatore Tariffario. In ogni passaggio sono coinvolti in modo diverso l utente, il prescrittore e il fornitore. Prescrizione La fase della prescrizione dell ausilio, della protesi o dell ortesi è il momento più significativo e delicato per il disabile. Il fatto che troppo spesso questo passaggio sia stato ritenuto un mero atto burocratico ha costituito la causa prima di molti abusi, disagi, sprechi. Tentiamo di capire il perché. La prescrizione viene redatta da un medico specialista del Servizio Sanitario Nazionale, dipendente o convenzionato. Questi deve essere competente per la tipologia di menomazione o 2

3 disabilità per cui si prescrive il prodotto; per fare un esempio, un ventilatore polmonare non può essere prescritto da un ortopedico, ma da pneumologo o da uno specialista in fisiopatologia respiratoria. La prescrizione costituisce parte integrante di un programma di prevenzione, cura e riabilitazione delle lesioni, o delle patologie che determinano la menomazione e la disabilità; la prevenzione non ha quindi solo valenze mediche, ma anche sociali. La prima prescrizione dovrebbe derivare da un attenta valutazione clinica del paziente e deve quindi presentarne una diagnosi circostanziata. Va poi specificata l indicazione del dispositivo protesico, ortesico o dell ausilio prescritto, completa del codice ISO identificativo; devono inoltre essere precisati gli eventuali adattamenti necessari per la personalizzazione del dispositivo. La prescrizione è accompagnata da un programma riabilitativo (vedi sotto) di utilizzo del dispositivo prescritto. Il paziente, o chi lo assiste, deve essere informato circa le caratteristiche funzionali e terapeutiche e sulle modalità di utilizzo del dispositivo stesso. Un attenzione particolare merita il concetto di programma terapeutico. Il programma terapeutico non è solo un requisito per la concessione di un ausilio a carico del Servizio Sanitario Nazionale, ma è essenziale per rendere efficace tale fornitura e, più in generale, l intervento riabilitativo stesso. In questo programma deve essere descritto il significato terapeutico e riabilitativo e cioè con quali premesse e con quali finalità si intende utilizzare un determinato dispositivo indicandone le modalità e i limiti di utilizzo e la prevedibile durata di impiego come pure le possibili controindicazioni. Vanno poi previsti dei momenti di verifica dell andamento di questo programma terapeutico. Anche questo momento, troppo spesso, viene risolto sbrigativamente. Autorizzazione È uno dei passaggi necessari per ottenere un ausilio, o un dispositivo protesico, o una ortesi. L autorizzazione alla fornitura del dispositivo è rilasciata dall Azienda Usl di residenza dell assistito. Questa deve verificare se il richiedente rientra fra gli aventi diritto, e se vi è corrispondenza tra la prescrizione medica ed i dispositivi codificati del Nomenclatore. Inoltre, quando si tratta di forniture successive alla prima, dovrà essere accertato il rispetto delle modalità e dei tempi di rinnovo. L Azienda Usl deve pronunciarsi tempestivamente sulla richiesta di autorizzazione e comunque, in occasione di prima fornitura, entro venti giorni dalla richiesta. In caso di silenzio della Usl, trascorso tale termine, l autorizzazione alla prima fornitura si intende concessa (silenzio assenso). Nel documento di autorizzazione viene riportato il corrispettivo riconosciuto al fornitore per l erogazione del dispositivo prescritto. In caso di autorizzazione tacita il corrispettivo riconosciuto al fornitore è pari alla tariffa applicata o al prezzo determinato dalla stessa Azienda di residenza dell assistito. Attenzione: può accadere che una persona venga ricoverata presso una struttura non ubicata presso l Azienda Usl di residenza e che necessiti di un ausilio. In questa ipotesi, sempre che vi siano condizioni di necessità o urgenza e che le strutture sanitarie (pubbliche o private) siano accreditate, la prescrizione è inoltrata alla Azienda Usl di residenza, che rilascia l autorizzazione tempestivamente, anche a mezzo fax. Se si tratta di prodotti su misura e c è silenzio assenso della Azienda Usl, trascorsi cinque giorni dal ricevimento della prescrizione, l autorizzazione si intende concessa. Nel caso dell autorizzazione tacita il corrispettivo riconosciuto al fornitore è pari alla tariffa fissata dalla regione di residenza dell assistito. 3

4 La fornitura Le aziende fornitrici dei dispositivi prescritti sono tenute a rispettare tempi di consegna o fornitura specificamente previsti dal secondo allegato al regolamento e che variano a seconda del prodotto. In caso di ritardo può essere applicata al fornitore una penalità. Per le forniture urgenti riservate ai disabili ricoverati i tempi di fornitura e consegna devono essere inferiori a quelli normalmente vigenti. Il regolamento precisa che la fornitura di protesi di arto provvisoria o temporanea non modifica il tempo massimo di rilascio della prima fornitura definitiva. È bene sottolineare che il conteggio dei giorni (sempre lavorativi) inizia dal momento dell acquisizione dell autorizzazione da parte del fornitore. Le norme in materia di fornitura di ausili non potevano non rifarsi alle direttive europee in materia di dispositivi medici recepite anche in Italia dal 1997 (decreto legislativo 46/1997). Le regole sono quindi molto cambiate rispetto al Nomenclatore Tariffario del 1992 e l accreditamento richiesto per i fornitori e diverso a seconda del tipo di prodotto realizzato o distribuito. Ausili su misura: alla fornitura sono ammesse solo quelle aziende (fabbricanti o rappresentanti autorizzati) che siano iscritte presso il registro del Ministero della Sanità; questo registro era previsto dal decreto legislativo 46/1997. Ausili di serie predisposti: sono ammesse le ditte in regola con la normativa vigente e che dispongano di un tecnico abilitato in grado di garantire il rispetto dei tempi di consegna dei prodotti prescritti e autorizzati; Per ambedue i tipi di ausili era possibile, in via transitoria, riferirsi ai vecchi elenchi regionali dei fornitori previsti dal precedente Nomenclatore Tariffario. In molte realtà tale provvisorietà viene ancora accettata. Ausili di serie: il prezzo e le condizioni di fornitura sono fissati da procedure pubbliche di acquisto (gare); in questo caso saranno le Regioni a fissare anche i requisiti cui dovranno rispondere i fornitori partecipanti alla gara. Collaudo Il collaudo è l ultima fase del procedimento di concessione degli ausili. Le procedure di collaudo sono avviate dopo la consegna del prodotto. In tal senso il fornitore dell ausilio deve informare l Azienda Usl entro tre giorni (lavorativi) dalla consegna. L assistito viene quindi invitato, entro 15 giorni, a presentarsi per il collaudo; se il disabile non è deambulante la pratica viene effettuata a domicilio o presso la struttura di ricovero. Attenzione: nel caso in cui l assistito non si presenti alla verifica può incorrere in sanzioni fissate da ciascuna regione. Il collaudo viene eseguito dallo specialista prescrittore o dalla sua unità operativa verificando la corrispondenza fra quanto prescritto e quanto fornito; il termine massimo per questa operazione è 20 giorni dalla data di consegna, dopodiché il collaudo si intende effettuato e la relativa fattura deve essere posta in pagamento nei tempi e nei modi prestabiliti. Il nuovo decreto prevede anche che il collaudo verifichi la congruenza clinica fra quanto prodotto e le effettive esigenze del paziente; nel caso in cui tale congruenza non sussista il prodotto viene comunque pagato al fornitore; nell ipotesi in cui, invece, il dispositivo non sia rispondente alla prescrizione il fornitore è tenuto ad adeguarlo. Per i prodotti monouso (ad esempio: cateteri, pannoloni ecc.) non è previsto alcun collaudo. 4

5 Garanzia Gli ausili forniti attraverso il Servizio Sanitario Nazionale e pagati in toto o in parte dall Azienda Usl, sono coperti, pur in modo diversificato, da garanzia che cambia a seconda del prodotto. Il secondo allegato del decreto ministeriale fissa i termini minimi di garanzia per ciascuna tipologia di prodotto e variano da sei a dodici mesi. Bisogna tuttavia prestare molta attenzione nella lettura di questo allegato, perché vi sono delle importanti eccezioni soprattutto per i prodotti su misura. Per alcune carrozzine a spinta, ad esempio, il termine di garanzia fissato nella descrizione del prodotto (primo elenco) viene stabilito in ventiquattro mesi, cioè un periodo doppio rispetto a quello indicato nel secondo allegato. Allo stesso modo, sempre a due anni viene fissata anche la garanzia per i montascale, o per le carrozzine elettriche o, ancora, per taluni sistemi di postura. Il rischio di un contenzioso con le ditte fornitrici è più reale che mai. Per i prodotti di serie il termine di garanzia viene fissato dalle gare di appalto, o meglio dalle procedure pubbliche di acquisto; anche in questo caso, tuttavia, la garanzia non può essere inferiore a quella prevista del secondo allegato. Un annotazione particolare meritano i prodotti indicati nel terzo elenco (respiratori, ventilatori, alimentatori); data la loro peculiarità, da cui potrebbe dipende la stessa sopravvivenza del paziente, il Ministero della Sanità obbliga le Aziende Usl ad assicurarne la perfetta funzionalità stipulando contratti con i fornitori che prevedano la manutenzione e la tempestiva riparazione per tutto il periodo di assegnazione in uso all assistito. Ultimo appunto: anche sulle riparazioni è previsto un tempo minimo di garanzia di tre mesi. Quelle che seguono sono le disposizioni contenute nell allegato citato. E opportuno ricordare che solitamente la garanzia viene ritenuta valida quando la rottura non è da imputare a dimostrata imperizia o utilizzo improprio del prodotto in questione. Le riparazioni effettuate nel periodo di garanzia del prodotto, se non imputabili all imperizia o all uso scorretto dell utente, sono a carico del fornitore. La garanzia sulle riparazioni è relativa al solo intervento e non al prodotto nella sua globalità. Prodotti mesi Plantari ad alta resistenza 12 Plantari in materiale deperibile 6 Rialzi 6 Calzature ortopediche predisposte di serie 6 Calzature ortopediche su misura 6 Apparecchi ortopedici per arto inferiore 6 Apparecchi ortopedici per arto superiore 12 Apparecchi ortopedici per tronco 12 Protesi di arto inferiore 12 Protesi di arto superiore 12 Dispositivi per la deambulazione e carrozzelle 12 Apparecchi acustici 12 Protesi per laringectomizzati 12 Protesi oculari 12 Dispositivi addominali 12 Dispositivi ottici correttivi 12 Protesi fisionomiche 12 5

6 Sistemi per la postura 12 Riparazioni 3 Ausili tecnici attinenti la funzione visiva 12 Ausili tecnici attinenti la funzione acustica 12 Ausili tecnici attinenti la funzione della fonazione e della comunicazione 12 Ausili tecnici attinenti la funzione motoria 12 Riparazioni L unico passaggio del regolamento che sfiora la questione della riparazione è il quinto articolo, ma non per descriverne le caratteristiche e le modalità di accesso, quanto per precisare che quando non è conveniente riparare un ausilio, una protesi o un ortesi è meglio sostituirli anche se il periodo canonico non è ancora trascorso. Se ne riparla solo nel secondo allegato laddove si precisa che anche la riparazione è coperta da garanzia (tre mesi). Le riparazioni sono poi tariffate all interno del primo elenco per quanto riguarda: ortesi spinali, ortesi e protesi per l arto superiore, apparecchi ortopedici e protesi per arto inferiore, calzature ortopediche, ausili per la mobilità e la posizione seduta (carrozzine, passeggini, seggioloni). Anche nell elenco 2, quello dei prodotti realizzati in serie, sono inserite le riparazioni (ad esempio per le carrozzine a telaio rigido); in questo caso, tuttavia, anche il costo e le condizioni che regolano le riparazioni derivano da capitolati fra le Usl e le ditte che partecipano alle gare per la fornitura di dispositivi protesici. Tempi minimi di rinnovo I tempi minimi di rinnovo sono disciplinati dal secondo allegato al regolamento ministeriale. Ma attenzione: vi sono delle eccezioni che permettono una pur minima flessibilità. Va subito precisato che questi limiti temporali fra la prima fornitura e quella successiva non riguardano i minori di diciotto anni. Inoltre i tempi di rinnovo possono essere abbreviati, sulla base di una dettagliata relazione del medico prescrittore, per particolari necessità terapeutiche o riabilitative o in caso di modifica dello stato psicofisico dell assistito. Ad esempio, se una persona ha subito importanti modificazioni alla colonna vertebrale che necessitino di adeguate soluzioni posturali, la carrozzina elettrica può essere sostituita anche prima dei sei anni previsti. Ancora, in caso di smarrimento, di rottura accidentale, di particolare usura del dispositivo, di impossibilità tecnica o non convenienza della riparazione oppure di non perfetta funzionalità del presidio riparato, l Azienda Usl può autorizzare, per una sola volta, la fornitura di un nuovo dispositivo protesico prima del tempo previsto. Riguardo a questi aspetti il regolamento tutela le Aziende Usl precisando che, alla scadenza del tempo minimo, il rinnovo della fornitura è in ogni caso subordinato alla verifica di idoneità e convenienza alla sostituzione o riparazione da parte del medico specialista prescrittore. Questo significa che se un dispositivo al termine del periodo previsto è ancora in perfetto stato di funzionamento, il rinnovo può essere rifiutato. Nella tabella che segue riportiamo le indicazioni del decreto del Ministro della Sanità. Prodotto Tempi A) Dispositivi ortopedici: Plantari: - in fibra ad alta resistenza 36 mesi 6

7 - in materiale deperibile 12 mesi Calzature e rialzi: - soggetti deambulanti con gravi difficoltà della marcia tali da comportare 12 mesi notevole usura - soggetti non deambulanti e con gravi deformità ai piedi 18 mesi Tutori per arto inferiore 2 anni Apparecchi ortopedici per arto superiore 3 anni Ortesi spinali 3 anni Dispositivi addominali 2 anni Protesi estetica tradizionale o modulare di arto superiore 5 anni Protesi funzionale ad energia corporea di arto superiore 5 anni Protesi mioelettrica per arto superiore 5 anni Protesi tradizionale di coscia 5 anni Protesi modulare di coscia o disarticolazione di ginocchio 5 anni Protesi tradizionale di gamba 4 anni Protesi modulare di gamba 4 anni Protesi di piede: - tradizionale (cuoio ecc.) 2 anni - laminato 4 anni Carrozzina a telaio rigido non riducibile 6 anni Motocarrozzina o carrozzina a trazione a manovella 6 anni Carrozzina a trazione elettrica 6 anni Carrozzina ad autospinta pieghevole 5 anni Carrozzina ad autospinta riducibile 6 anni Montascale mobile 8 anni Stampelle, tripodi e quadripodi 4 anni Deambulatori, sollevatori e biciclette 8 anni Stabilizzatori 4 anni Ausili per l evacuazione 5 anni Sistemi di postura 5 anni Ausili ortopedici: - letto ortopedico 8 anni - materasso antidecubito in materiale espanso 5 anni - materasso antidecubito a settori pneumatici 5 anni - cuscino antidecubito 3 anni - traversa in vello naturale, in materiale sintetico, in fibra cava siliconata e a 5 anni bolle d aria interscambio B) Apparecchi acustici 5 anni C) Ausili per la comunicazione informazione e segnalazione: - sistemi di trasmissione del suono 8 anni - comunicatore telefonico 8 anni - ausili per la comunicazione interpersonale 7 anni D) Protesi per laringectomizzati: - cannula tracheale in plastica morbida o in metallo cromato o argentato 2 anni - cannula tracheale in plastica rigida 3 anni - cannula tracheale in argento 4 anni 7

8 E) Protesi oculari: - in vetro 2 anni - in resina 3 anni F) Dispositivi ed ausili tecnici per non vedenti e ipovedenti: - bastone bianco rigido o pieghevole 3 anni - orologio da tasca o da polso, sveglia 6 anni - termometro 4 anni - ausili ottici elettronici: ingranditori per PC e sistema ICR 6 anni - periferiche input, output e accessori stampante Braille, sintetizzatore vocale 6 anni - macchina da scrivere, sistema di elaborazione testi 6 anni - dispositivi - ausili per la funzione visiva: lenti oftalmiche e a contatto 4 anni - dispositivi - ausili per la funzione visiva: sistemi ottici ed ottico-elettronici 6 anni ingrandenti G) Protesi fisiognomiche 3 anni H) Ausili tecnici attinenti la funzione respiratoria 7 anni I) Ausili tecnici per il recupero della capacità di alimentarsi 7 anni L) Ausili tecnici per la terapia ferrochelante 4 anni Proprietà Il nuovo decreto affronta l annosa questione della proprietà di ausili, protesi e ortesi. I dispositivi realizzati su misura, quelli adattati e quelli di serie vengono ceduti in proprietà all assistito. All Azienda Usl rimane comunque l obbligo di assicurarne la perfetta funzionalità e sicurezza. I fornitori, da parte loro, sono tenuti alla garanzia sui prodotti anche quando questi non sono effettivamente di proprietà dell Azienda Usl che ha saldato in toto o in parte la relativa fattura. Va detto che le regioni hanno facoltà di disciplinare la modalità di cessione in comodato dei dispositivi per i quali sia possibile il riutilizzo. Gli ausili compresi nel terzo elenco (respiratori, broncoaspiratori, montascale ecc.) rimangono di proprietà dell Azienda e vengono concessi in uso al disabile. Data la particolarità di questi prodotti, i contratti stipulati con i fornitori di quegli apparecchi devono prevedere la manutenzione e la tempestiva riparazione per tutto il periodo di assegnazione in uso all assistito. Aspetti particolari nella prescrizione Il nuovo decreto lascia aperto lo spiraglio per la concessione, da parte delle Aziende Usl, di ausili non inclusi nel Nomenclatore Tariffario, né riconducibili a prodotti aventi la stessa finalità riabilitativa; la condizione determinante è che i beneficiari siano persone con gravissime disabilità. Il regolamento prevede che la disposizione divenga applicativa solo dopo che il Ministero della Salute, di intesa con la Conferenza per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome, avrà fissato chi sono i soggetti aventi diritto a queste forniture, quali sono le modalità di prescrizione e di controllo e, infine, che tipi di ausili possono essere autorizzati. Ad oggi questo decreto non è ancora stato emanato e questo è causa di una forte disomogeneità di orientamenti e prassi nel territorio. Riconducibilità 8

9 Il concetto di riconducibilità era già stato espresso dal precedente regolamento, ma sovente è stato scarsamente utilizzato o addirittura contestato in sede di autorizzazione alla fornitura, facendo prevalere, troppo spesso, il parere del funzionario amministrativo rispetto a quello dello specialista prescrittore. Nel nuovo testo in concetto è leggermente più chiaro. Cosa significa riconducibilità? Se il disabile sceglie un tipo o un modello di dispositivo non incluso nel Nomenclatore, ma riconducibile per omogeneità funzionale a quello prescritto, l Azienda Usl di competenza deve autorizzarne la fornitura, ovviamente sulla scorta del giudizio dello specialista prescrittore. Non si tratta, banalmente, di concedere un prodotto più costoso di quelli previsti dal Nomenclatore, ma piuttosto di autorizzare la fornitura di prodotti diversi da quelli descritti che però svolgono la medesima funzione. È dirimente, quindi, il concetto di omogeneità funzionale; facciamo un esempio: il Nomenclatore prevede la concessione di una motocarrozzetta con motore a scoppio a persone non deambulanti con una piena efficienza degli arti superiori; a questi stessi soggetti potrebbe essere concessa, essendo omogenea funzionalmente, la carrozzina a tre ruote (scooter) a trazione elettrica. È il caso di precisare che l Azienda Usl copre il costo del prodotto scelto solo fino alla tariffa prevista o al prezzo determinato per il dispositivo presente nel Nomenclatore e corrispondente (o meglio simile ) a quello erogato. Simultaneità È un termine utilizzato, pur di sfuggita, a proposito dell ampio gruppo degli ausili per la mobilità e la posizione seduta, cioè di quella che nel precedente Nomenclatore veniva definita Famiglia 22 - Ausili per destabilizzazione, postura e deambulazione. Questo gruppo di ausili comprende le carrozzine su misura, gli stabilizzatori, tricicli, seggioloni ecc.. Nella premessa a questo capitolo il Legislatore ha voluto precisare che: Ciascun ausilio, particolarmente se allestito con dispositivi aggiuntivi e complementari, ha una funzione ben definita e diversa da altro similare o non, e quindi è ammessa la prescrizione, anche simultanea di ausili a condizione che abbiano finalità riabilitativa o di recupero differenziata.. Si tratta di un indicazione molto importante perché permette di prescrivere, salvo che non siano precisate incompatibilità, anche tipi diversi di carrozzine (es. elettriche e manuali) ed a patto che vi sia un programma riabilitativo ben motivato. Diverse tipologie di dispositivi La distinzione fra tipologie di dispositivi (ausili, protesi e ortesi) è particolarmente importante nel nuovo decreto. Non si tratta solo di una distinzione che deriva dalle procedure di costruzione e realizzazione degli stessi, ma soprattutto di un diverso modo di fissare i prezzi. I dispositivi di serie sono quelli con caratteristiche polifunzionali, costruiti con metodi di fabbricazione continua o in serie, che non necessitano dell intervento di un tecnico abilitato per essere personalizzati al paziente. Qualche esempio: i cateteri, i cuscini e i materassi antidecubito, il comunicatore simbolico, le stampanti Braille ecc. Questi ausili sono riportati nel secondo elenco del primo allegato al regolamento. Dispositivi su misura I dispositivi su misura sono quelli realizzati singolarmente in conformità ad una prescrizione medica e sono destinati ad essere applicati o utilizzati solo da un determinato paziente, secondo metodi che prevedono sempre la rilevazione di grafici, misure, calchi, anche quando nella lavorazione sono utilizzate parti realizzate in serie. Eccezionalmente, infatti, sono considerati 9

10 dispositivi su misura anche quei prodotti realizzati in serie che, per essere utilizzati da un determinato paziente, necessitano di un intervento di un tecnico abilitato, dietro prescrizione del medico specialista. Qualche esempio: le carrozzine elettroniche o leggere, le scarpe ortopediche, i plantari, i rialzi ecc. Questi ausili sono riportati nel primo elenco del primo allegato al regolamento. Dispositivi protesici di riserva Quella dei dispositivi di riserva ha rappresentato un aspettativa e un illusione per molti disabili. Purtroppo l attuale, più precisa, definizione ha chiarito che questa eccezione riguarda solo i casi di amputazione di arto inferiore o amputazione bilaterale di arto superiore. La disposizione viene generalmente motivata affermando che l utilizzo di tali dispositivi richiede un lungo periodo di addestramento. Il decreto tuttavia, nel precisare che nei confronti di altri soggetti con gravi difficoltà di deambulazione, cui non è riconosciuto il diritto alla fornitura di una protesi di riserva, sottolinea che l Azienda Usl è tenuta ad assicurare la tempestiva sostituzione dei dispositivi divenuti temporaneamente non utilizzabili. Dispositivi protesici provvisori e temporanei Il decreto del Ministero della Sanità precisa che gli ausili devono sempre essere forniti nella loro configurazione definitiva; non devono perciò essere provvisori, salvo due eccezioni. La prima consiste nei dispositivi protesici ancora provvisori ma necessari ad iniziare subito la riabilitazione (si pensi, ad esempio, a tutori, protesi d arto ecc.) e non utilizzabili, se non marginalmente, per la realizzazione della protesi definitiva. In questo caso non sarà la protesi o l ortesi fornita in un primo tempo ad essere utilizzata per costruire il prodotto finale. La seconda eccezione consente la fornitura di dispositivi protesici temporanei che possono essere utili per la realizzazione dei dispositivi definitivi; questo permette, negli ausili ad altissima personalizzazione (ad esempio alcune protesi d arto), di effettuare delle prove di assestamento prima di giungere alla protesi definitiva. Va sottolineato che i dispositivi provvisori e temporanei sono prescrivibili esclusivamente in favore delle donne mastectomizzate, dei soggetti con enucleazione del bulbo oculare e dei soggetti con amputazione di arto. Per gli amputati di arto inferiore o con amputazione bilaterale di arto superiore, la fornitura del dispositivo provvisorio è alternativa a quella del dispositivo temporaneo. Aspetti di bilancio Il vecchio Nomenclatore Tariffario conteneva, oltre alla descrizione dei prodotti prescrivibili, anche la tariffa massima che per ciascuno di essi poteva essere corrisposta dalle Aziende Usl. Con il regolamento in vigore dal 1999 la fissazione delle tariffe risulta completamente rivoluzionata ed è diversa a seconda del tipo di dispositivo o meglio dell elenco in cui questo è compreso. Gli elenchi come abbiamo visto sono tre. Primo elenco (dispositivi su misura o di serie adattati): sono indicate le tariffe massime per ciascun prodotto, tuttavia le regioni possono ridurre queste tariffe fino ad un massimo del venti per cento. 10

11 Secondo elenco (ausili tecnici di serie) e terzo elenco (apparecchi assegnati in uso ai disabili): le tariffe vengono determinate mediante procedure pubbliche di acquisto. Ciò significa che il prezzo viene determinato in base a gare cui partecipano i potenziali fornitori. Anche in questo caso è diffuso il timore di un trattamento non omogeneo fra le diverse regioni, se non addirittura fra Aziende Usl della medesima regione. Le tariffe dei dispositivi prodotti in serie e di quelli acquistati dalle Aziende Usl e dati in uso ai disabili, sono determinati mediante procedure pubbliche di acquisto espletate secondo la normativa vigente. Questa è l indicazione, pur non chiarissima, del regolamento. Le Regioni Rispetto ai precedenti nomenclatori, il ruolo delle regioni è oggi molto più rilevante; ciò deriva da una progressiva e globale tendenza al decentramento di numerose funzioni prima mantenute a livello centrale. La competenza principale delle regioni è la fissazione delle tariffe e delle relative procedure pubbliche di acquisto (ad esempio, gare), ma anche quella di individuare standard che garantiscano capillarità nella distribuzione dei prodotti, la qualità degli stessi, e di vigilare sull applicazione del regolamento in materia di assistenza protesica. Il rischio paventato da alcuni è che il livello e la qualità di queste prestazioni sia assolutamente disomogeneo sul territorio nazionale e che, soprattutto in sede di prima applicazione, vi siano numerosi ritardi e lacune. Aspetti organizzativi: il riciclo Nel Nomenclatore del 1999 per la prima volta che il Ministero della Sanità si esprime in modo inequivocabile sul controverso concetto di proprietà del presidio. Esclusi i montascale, i respiratori, e pochi altri prodotti inclusi nel terzo elenco, tutti gli altri dispositivi sono di proprietà dell assistito. Contestualmente però il Legislatore indica la possibilità, se non l opportunità, di attivare procedure di riciclo, senza peraltro fornire modalità operative e lasciando alle regioni la facoltà di disciplinare la materia come meglio ritengono. Ancora una volta, tuttavia, la realtà ha preceduto la norma: molte Aziende Usl e regioni, infatti, avevano già da tempo sperimentato modelli operativi di riciclo degli ausili. Attraverso queste procedure si sono realizzati risparmi (più o meno sostanziosi) rispetto alla spesa protesica. Va detto che le esperienze sono diverse da Usl a Usl; alcune riescono a riciclare molto materiale, a igienizzarlo e a riattivarlo ricorrendo a proprio personale e strutture. Altre si affidano ad aziende ortopediche o sanitarie individuate attraverso gare. Altre ancora si limitano a ritirare i prodotti e a immagazzinarli senza ordine né logica (ma questo non è riciclo). Alcune Usl riciclano solo letti e carrozzine manuali, altre recuperano anche carrozzine elettriche e montascale mettendo a norma questi ausili presso le proprie sedi. Sarebbe allora opportuno che si giungesse, anche in questo caso, ad una direttiva comune per tutte le regioni e per tutte le Aziende Usl; un indicazione che eviti gli abusi e che permetta di ridistribuire il risparmio fra gli stessi cittadini-utenti. Infatti, se è un dovere delle Aziende Usl risparmiare recuperando il riciclabile, è altrettanto intangibile il diritto dell assistito ad ottenere, comunque, un presidio con le medesime caratteristiche di uno nuovo. Quali devono essere allora i criteri per far sì che una Azienda Usl possa fornire un servizio di riciclo efficace ed equo ai propri cittadini? Innanzitutto è essenziale che le Usl abbiano chiaro il quadro quantitativo e qualitativo degli aventi diritto e dei potenziali utenti nella propria area di competenza; questi dati troppo spesso mancano. Anche in questo le prestazioni protesiche sono le sorelle povere delle prestazioni 11

12 farmaceutiche: per le seconde infatti è possibile ottenere dati, tabelle, prospetti, uscite; per la fornitura dei dispositivi protesici tutto è invece molto aleatorio e improbabile. In secondo luogo è necessario che la dotazione dei prodotti ammessi al riciclo sia sufficiente al fabbisogno presunto. In terzo luogo deve essere garantito un efficiente servizio di consegna e ritiro a domicilio; non va poi dimenticata la necessità di poter contare su un magazzino inteso non solo come uno spazio dove parcheggiare gli ausili, ma anche come un sistema che permetta in tempo reale, meglio se con modalità informatizzata, di conoscere l entità, la locazione e la tipologia di prodotti disponibili. Infine si dovrebbero poter soddisfare anche le esigenze dei cittadini che hanno temporaneamente necessità di ausili. Quest ultima istanza, che può sembrare bizzarra, porterebbe notevoli benefici sia ai cittadini che alle casse della Usl. Ci spieghiamo con un esempio: un ultrasessantacinquenne che si frattura il femore viene ormai dimesso dall ospedale in tempi brevi, ma potrà tornare a casa propria in modo autonomo solo se avrà a disposizione anche alcuni ausili. Rimarrà altrimenti in ospedale, a carico della Usl, oppure verrà dimesso ma con rischi per la sua salute e sovraccarichi assistenziali per la famiglia e per la stessa Azienda. Inoltre: la mancanza di ausili può far scattare, anche in caso di non necessità, la domanda di invalidità; la mancanza di ausili può costringere l anziano a ricoveri ulteriori presso strutture sanitarie accreditate per riabilitazione, allontanandolo inoltre per lungo tempo dalla propria realtà; la mancanza di ausili può ritardare o impedire un recupero e un reinserimento nel tessuto sociale. Ecco quindi che con un buon servizio ausili quella Usl realizzerebbe un risparmio nella sua più ampia accezione. Con un assistenza immediata, non solo protesica, quell anziano può essere recuperato al proprio contesto in tempi molto più rapidi. 12

13 ASPETTI FISCALI E TRIBUTARI IN MATERIA DI AUSILI, SUSSIDI TECNICI E INFORMATICI Vanno in premessa proposte le definizioni che il legislatore ha fornito per gli ausili e per i sussidi tecnici ed informatici, giacché sono diverse fra loro. Ausili Gli ausili sono prodotti specificamente realizzati per compensare una disabilità o una menomazione (protesi e ausili inerenti a menomazioni funzionali permanenti). In questo caso dobbiamo far riferimento alla Circolare Ministeriale - Ministero delle Finanze 18 novembre 1994, n. 189 che prevede l applicabilità dell IVA agevolata solo agli ausili e protesi che abbiano univoca ed esclusiva utilizzazione da parte di soggetti portatori di menomazioni funzionali permanenti. Riportiamo il passaggio della Circolare citata. ( ) l aliquota agevolata del 4% deve intendersi applicabile alle sole cessioni di ausili e protesi che per loro caratteristiche oggettive hanno univoca ed esclusiva utilizzazione da parte di soggetti portatori di menomazioni funzionali permanenti e che non possono, quindi, avere altro impiego se non quello di compensare menomazioni che non siano legate a situazioni temporanee. Sussidi tecnici ed informatici. La definizione specifica la troviamo nel decreto del Ministero delle Finanze del 14 marzo Si considerano sussidi tecnici ed informatici rivolti a facilitare l autosufficienza e l integrazione dei soggetti portatori di handicap le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti ad assistere la riabilitazione, o a facilitare la comunicazione interpersonale, l elaborazione scritta o grafica, il controllo dell ambiente e l accesso alla informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio. Attiriamo l attenzione sul concetto di comune reperibilità. Il Legislatore ha voluto riconoscere il fatto che possono esistere anche prodotti, non specificamente realizzati per persone disabili, che possano avere una finalizzazione riabilitativa o utile all integrazione sociale, lavorativa ecc.. La conferma che tali prodotti possano avere questa finalizzazione è strettamente legata alle caratteristiche e alle esigenze soggettive del disabile che utilizzerà il prodotto. Non a caso, come vedremo più oltre, viene richiesta una specifica prescrizione autorizzativa rilasciata da un medico specialista della ASL di competenza. Le agevolazioni fiscali sui sussidi tecnici ed informatici, in particolare quando questi siano prodotti di comune reperibilità, sono quindi applicabili ai singoli casi e non sono estensibili ad altri soggetti, quali ad esempio ASL, associazioni, cooperative ecc. che pure utilizzino tali prodotti all interno di protocolli riabilitativi o di valutazione. Le agevolazioni sui sussidi tecnici e informatici Il Decreto Legge 669/1996, convertito dalla Legge 30/1997, ha previsto alcune agevolazioni per l acquisto di sussidi tecnici e informatici volte a favorire l autonomia e l autosufficienza delle persone con disabilità. Questi benefici sono concessi sia al momento dell acquisto (IVA agevolata) che in fase di dichiarazione annuale dei redditi con il meccanismo della detraibilità del 19% della spesa sostenuta. 13

14 Con queste misure il Legislatore ha inteso estendere le agevolazioni già previste per gli ausili in senso stretto, anche a prodotti di comune reperibilità che possano essere utili per l autonomia delle persone con disabilità. L IVA agevolata Il beneficio più immediato, relativamente ai sussidi tecnici ed informatici, è l applicazione di un aliquota IVA di favore all atto dell acquisto di quei prodotti. Questo significa che è dovuta allo Stato un IVA del 4% anziché del 20%. I sussidi tecnici e informatici, secondo il Decreto 14 marzo 1998, sono le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti ad assistere alla riabilitazione, o a facilitare la comunicazione interpersonale, l elaborazione scritta o grafica, il controllo dell ambiente e l accesso alla informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio. Come si potrà notare, potenzialmente sono inclusi nell agevolazione un gran numero di prodotti; si pensi, ad esempio, al computer, al modem, ai fax, ai comandi per il controllo dell ambiente domestico o di lavoro. Fra le menomazioni correlate a tale beneficio, non è prevista la disabilità intellettiva e psichica; ciò esclude dall agevolazione, ad esempio, alcuni programmi educativi progettati per il recupero o lo sviluppo di funzioni cognitive in caso di ritardo dell apprendimento. L iter All atto dell acquisto o dell importazione, gli interessati al beneficio dovranno presentare a chi vende il prodotto la seguente documentazione: copia di un certificato attestante l invalidità funzionale permanente rilasciato dall Azienda Usl competente; è valido sia il certificato di invalidità civile che il certificato di handicap; specifica prescrizione autorizzativa rilasciata da un medico specialista dell Azienda Usl di residenza dalla quale risulti il collegamento funzionale fra il sussidio tecnico ed informatico e la menomazione del soggetto beneficiario dell agevolazione. La prescrizione può essere quindi rilasciata dal settore che già si occupa della fornitura degli ausili, ma anche da altri medici dell Azienda che seguano direttamente l interessato. Ad esempio la prescrizione autorizzativa può essere rilasciata anche dal fisiatra di un reparto di riabilitazione, purché questo sia dipendente dall Azienda Usl. Nella prescrizione autorizzativa sono indicati: - il tipo di disabilità della persona (motorio, sensoriale, del linguaggio) - il tipo di prodotto autorizzato prescritto - il collegamento funzionale fra tipo di prodotto, tipo di disabilità e finalizzazione (riabilitazione, facilitare la comunicazione interpersonale, elaborazione scritta o grafica, controllo dell ambiente, accesso alla informazione e alla cultura). Va ricordato che per ottenere questa prescrizione è necessario sottoporsi ad una visita specialistica che deve essere richiesta attraverso il medico di base (che redige la cosiddetta impegnativa). Questi sono i due documenti espressamente previsti dalla normativa vigente, ma è possibile che chi vende richieda anche una semplice dichiarazione di accompagnamento a tale documentazione. 14

15 In questa nota, che può essere rilasciata in carta semplice, l interessato dichiara di aver diritto all applicazione dell aliquota agevolata in base all articolo 2, comma 9, del Decreto-Legge 31 dicembre 1996, n. 669 (convertito dalla Legge 28 febbraio 1997, n. 30) e al Decreto 14 marzo 1998; gli stessi estremi vanno riportati nella fattura. Va ribadito il fatto che tutta questa documentazione va presentata prima dell acquisto. La detraibilità delle spese La normativa relativa alle imposte sui redditi delle persone fisiche (IRPeF) prevede la possibilità di detrarre, al momento della denuncia annuale dei redditi, le spese sostenute per l acquisto di sussidi tecnici e informatici che possano facilitare l autonomia e l integrazione delle persone con handicap, come, ad esempio, un computer, un modem o strumenti che permettano il controllo dell ambiente domestico (telecomandi, automazioni ecc.). Tale detrazione è pari al 19% della spesa sostenuta per l acquisto di quei prodotti; questa cifra va sottratta dall imposta lorda che, per quell anno, si deve all erario. La spesa, inoltre, si assume integralmente, cioè senza l applicazione della franchigia prevista per altre situazioni e prodotti. Un esempio: Supponiamo che per acquistare un computer si sia sostenuta una spesa pari a 2000 euro; ipotizziamo che in quell anno si debba allo Stato un imposta sul reddito pari a 3000 euro. Si potrà sottrarre da questa cifra un importo pari al 19% di 2000 euro, quindi 380 euro. Le istruzioni per la redazione della denuncia prevedono che per applicare la detrazione si disponga della seguente documentazione: certificato del medico curante che attesti che quel sussidio tecnico o informatico è volto a facilitare l autosufficienza e la possibilità di integrazione del soggetto riconosciuto portatore di handicap ai sensi degli articoli 3 e 4 della citata Legge 104; va precisato che il medico curante non equivale necessariamente al medico di famiglia; può essere anche uno specialista o colui che ha in carico in quel momento il paziente; fattura, ricevuta o quietanza del prodotto acquistato dal disabile o dal familiare cui questo è fiscalmente a carico; per essere fiscalmente a carico, il disabile non deve essere titolare di redditi propri superiori a 2840,51 euro annui; si ricorda che le provvidenze assistenziali (es. pensione sociale, pensione di invalidità civile, indennità di accompagnamento o di frequenza) non costituiscono reddito ai fini IRPeF. Va poi dimostrato che il contribuente o il familiare a carico è persona con handicap; la documentazione che è possibile esibire è la seguente: i certificati di handicap (non necessariamente in situazione di gravità) rilasciati dalla Commissione ASL ai sensi degli articoli 3 e 4 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104; i certificati di invalidità civile, di lavoro, di servizio, di guerra rilasciati da commissioni pubbliche; i soggetti già riconosciuti portatori di handicap ai sensi dell art. 3 della Legge 104/1992 possono attestare la sussistenza delle condizioni personali richieste anche mediante autocertificazione che non è necessario autenticare se la si accompagna con una fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore. Questa agevolazione - diversamente da quella prevista per l IVA - spetta per qualsiasi tipo di disabilità (fisica, psichica o sensoriale), facendo riferimento le istruzioni genericamente all articolo 3 della Legge 104/1992 che include tutte le menomazioni. 15

16 Si rileva, inoltre, che la documentazione richiesta per ottenere la detrazione IRPeF è diversa da quella prevista per ottenere l applicazione dell aliquota IVA agevolata (4%) all atto di acquisto o di importazione degli stessi prodotti. Le agevolazioni su ausili e protesi Data la definizione fornita in premessa possono godere dell aliquota IVA agevolata i seguenti prodotti: apparecchi di ortopedia (comprese le cinture medico-chirurgiche); oggetti ed apparecchi per fratture (docce, stecche e simili); oggetti ed apparecchi di protesi dentaria, oculistica ed altre; apparecchi per facilitare l audizione ai sordi ed altri apparecchi da tenere in mano, da portare sulla persona o da inserire nell organismo, per compensare una deficienza o una infermità; poltrone e veicoli simili per invalidi anche con motore o altro meccanismo di propulsione; servoscala e altri mezzi simili atti al superamento di barriere architettoniche per soggetti con ridotte o impedite capacità motorie; protesi e ausili inerenti a menomazioni funzionali permanenti. Per quanto riguarda l accesso a tale agevolazione si ritiene che, in linea generale, debba essere condizionato da una specifica prescrizione autorizzativa di un medico specialista dell Azienda Usl nella quale si faccia anche riferimento alla menomazione permanente dell acquirente. La Circolare del Ministero delle Finanze 18 novembre 1994, n. 189 infatti prevede che: Al riguardo si precisa che sulla base della riportata disposizione legislativa l aliquota agevolata del 4% deve intendersi applicabile alle sole cessioni di ausili e protesi che per loro caratteristiche oggettive hanno univoca ed esclusiva utilizzazione da parte di soggetti portatori di menomazioni funzionali permanenti e che non possono, quindi, avere altro impiego se non quello di compensare menomazioni che non siano legate a situazioni temporanee. Conseguentemente, l aliquota agevolata non può applicarsi alle cessioni di protesi ed ausili per i quali, attesa la loro possibile utilizzazione promiscua, non è dato di individuare, all atto di effettuazione delle relative cessioni, il loro effettivo impiego da parte di soggetti avanti menomazioni funzionali permanenti. In queste ipotesi, pertanto, l agevolazione si rende applicabile esclusivamente per le cessioni effettuate direttamente nei confronti dei soggetti muniti di specifica prescrizione autorizzativa rilasciata dal medico specialista della UU.SS.LL. di appartenenza, nella quale si faccia anche riferimento alla menomazione permanente dell acquirente. Lo spirito della disposizione risiede nel tentativo di limitare eventuali abusi e di concedere l agevolazione solo nel caso in cui si sia certi che effettivamente il prodotto sia utilizzato da una persona con invalidità permanente. Questa disposizione e le successive risoluzioni pongono dei limiti molto forti all applicazione dell agevolazione nel caso l acquirente sia ad esempio un Azienda o un ospedale o un altro soggetto privato. Questi soggetti devono dimostrare l univocità dell utilizzazione. Più recentemente l Agenzia delle entrate ha precisato che la prescrizione autorizzativa non è necessaria se si tratta di ausili che per vocazione possono essere utilizzati esclusivamente da malati affetti da menomazioni funzionali permanenti. In questo caso non c è alcuna esigenza della certificazione sanitaria, non ponendosi incertezze in merito alla loro inerenza. (Risoluzione 253/2002). 16

17 Vi sono altre due indicazioni, emerse dalle più recenti risoluzioni dell Agenzia delle Entrate, di cui tenere conto. La prima: possono definirsi ausili i prodotti acquistati e/o utilizzati soltanto, o prevalentemente, da disabili per alleviare o curare menomazioni funzionali permanenti. (Risoluzione 336/2002) La seconda: la menomazione cui il bene sopperisce deve essere permanente. (Risoluzione 31/2004) La detraibilità delle spese La seconda agevolazione consiste nella possibilità di detrarre, in sede di denuncia dei redditi, il 19% delle spese sostenute per l acquisto di alcune protesi e ausili. Tra gli ausili detraibili rientrano: le carrozzine per disabili; apparecchi per il contenimento di fratture, ernie e per la correzione dei difetti della colonna vertebrale; l acquisto di arti artificiali per la deambulazione; ausili per il sollevamento (sollevatori, piattaforme elevatrici, servoscala, carrozzine montascale). La detrazione si applica integralmente e cioè sempre nella misura del 19%. Per ottenere tale detrazione è necessario disporre della seguente documentazione: prescrizione del medico curante (non necessariamente il medico di famiglia); in alternativa alla prescrizione medica, il contribuente può rendere, a richiesta degli uffici, un autocertificazione, la cui sottoscrizione può non essere autenticata se accompagnata da copia fotostatica del documento di identità del sottoscrittore (da conservare unitamente alle predette fatture, ricevute e quietanze e da esibire o trasmettere a richiesta degli Uffici finanziari), per attestare la necessità per il contribuente o per i familiari a carico, e la causa per la quale è stata acquistata la protesi; fattura, ricevuta o quietanza del prodotto acquistato dal disabile o dal familiare cui questo è fiscalmente a carico; per essere fiscalmente a carico, il disabile non deve essere titolare di redditi propri superiori ai 2840,51 euro annui; si ricorda che le provvidenze assistenziali (es. pensione sociale, pensione di invalidità civile, indennità di accompagnamento o di frequenza) non costituiscono reddito ai fini IRPeF. Va poi dimostrato che il contribuente o il familiare a carico è persona con handicap; la documentazione che è possibile esibire è la seguente: i certificati di handicap (non necessariamente in situazione di gravità) rilasciati dalla Commissione ASL ai sensi degli articoli 3 e 4 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104; i certificati di invalidità civile, di lavoro, di servizio, di guerra rilasciati da commissioni pubbliche; i soggetti già riconosciuti portatori di handicap ai sensi dell art. 3 della Legge 104/1992 possono attestare la sussistenza delle condizioni personali richieste anche mediante autocertificazione che non è necessario autenticare se la si accompagna con una fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore. 17

18 CONTRIBUTI FINANZIARI REGIONALI PER IL CONSUMATORE CON ESIGENZE SPECIFICHE Le regioni e le province autonome prevedono, in modo difforme e disomogeneo, contributi per l acquisto di ausili Abruzzo La regione riconosce un contributo, nella misura del 20% della spesa sostenuta, può essere richiesto all ASL di appartenenza, sia dai disabili motori titolari di patente speciale per la modifica degli strumenti di guida (agevolazione già ammessa a livello nazionale dall articolo 27 della legge 104/1992), sia dai familiari conviventi di disabili motori, non titolari di patente, per l adattamento del veicolo al trasporto. Emilia Romagna Sono previsti (legge regionale n. 29/97) contributi per le spese sostenute per l acquisto o l adattamento di veicoli ad uso privato utilizzati per il trasporto di disabili gravi, non in possesso di patente di guida, e per la cui mobilità si rendono necessarie particolari tipologie di veicoli o adattamenti degli stessi. Se la persona disabile non è titolare del veicolo, il contributo può essere erogato ai familiari conviventi di cui il disabile è fiscalmente a carico. Di recente il contributo è stato esteso anche ai titolari di patente speciale. Le domande, da inoltrare al Comune di residenza entro il 30 giugno di ogni anno, devono essere corredate dalla documentazione richiesta ovvero da copia della certificazione di handicap grave (comma 3, articolo 3 legge 104/1992) e dalla documentazione di spesa relativa agli oneri sostenuti per l acquisto o l adattamento del veicolo. La regione concede i contributi in base ad apposita graduatoria, fino ad esaurimento delle risorse disponibili e fino ad un massimo del 15% sulle spese di acquisto, o in alternativa, fino ad un massimo del 50% sulle spese dell adattamento. Il limite di spesa ammissibile è pari a ,13 euro in caso di acquisto del mezzo (quindi con un massimo erogabile di 4.260,77 euro) e 6.197,48 euro in caso di adattamento del veicolo (massimo erogabile di 3.098,74 euro). Le spese di acquisto o quelle di adattamento non sono tra loro cumulabili. Lombardia La regione Lombardia (legge n. 23/1999) concede al disabile o alla sua famiglia contributi per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati. Per strumenti tecnologicamente avanzati si intendono prodotti, servizi, strumenti, attrezzature, sistemi tecnologici (di produzione specializzata o di comune commercio), basati su moderne tecnologie che compensano limitazioni funzionali di tipo motorio, visivo, uditivo, intellettivo o del linguaggio che facilitino e favoriscano l autonomia e l indipendenza della persona disabile. Possono prioritariamente presentare domanda per questi contributi i disabili fino ai 64 anni. Sono altresì compresi quei dispositivi che permettono alla famiglia di poter utilizzare in modo adeguato l autovettura mediante l adattamento della stessa. Attenzione però: a tale beneficio non possono accedere le persone disabili titolari di patente speciale. Le domande, su fac-simile regionale, devono essere presentate alle ASL di residenza - dipartimento ASSI, Servizio Disabili - e per i residenti a Milano al Comune - Settore Servizi alla famiglia. Si può presentare richiesta per un solo strumento e chi ha già usufruito del contributo, dovrà attendere cinque anni prima di presentare una nuova richiesta. Si privilegiano le domande riguardanti ausili a più alto contenuto 18

19 tecnologico. Gli ausili riguardanti l adattamento dell autovettura vengono considerati non prioritari. Marche La Regione Marche prevede contributi ai privati per l acquisto e l installazione di automatismi di guida nell auto di proprietà guidata dal disabile. È finanziato anche l acquisto di idonei mezzi attrezzati che non siano normali autovetture, ma veicoli furgonati provvisti di elevatore per il trasporto del disabile motorio gravissimo che, a causa della sua patologia, non può essere trasportato all interno dell abitacolo di un autovettura normale. Questa condizione deve essere accertata da un medico specialista della ASL o di un centro privato autorizzato. È ammessa inoltre al finanziamento la spesa per l installazione di ausili per il trasporto da montare su un autovettura normale guidata da terzi. I benefici della legge regionale n. 18/96 non sono cumulabili con quelli previsti da altre norme regionali e nazionali. La domanda va rivolta al Comune di residenza corredata dalla documentazione richiesta. Per l acquisto e l installazione di automatismi di guida nell auto di proprietà guidata dal disabile e per l acquisto degli adattamenti al trasporto non è fissato alcun limite di spesa. Il limite è invece di 1.549,00 euro nel caso in cui l adattamento alla guida consista nel solo cambio automatico. Per l acquisto di mezzi di trasporto privati attrezzati con elevatore e altri ausili destinati a disabili gravissimi il limite massimo convenzionale di costo onnicomprensivo ammissibile di ,00 euro. Provincia Autonoma di Trento Nella provincia di Trento sono previsti contributi sia per l acquisto di veicoli ai fini dell adattamento sia per le spese necessarie all adattamento di mezzi di locomozione a favore delle persone residenti nella provincia di Trento. Possono richiedere i contributi le persone con disabilità motoria in possesso di patente speciale, le persone con incapacità permanente di deambulare autonomamente e sprovvisti di patente, oppure i familiari conviventi che adattano il mezzo al trasporto. Il contributo può essere concesso anche alle persone con ridotte e impedite capacità motorie permanenti per l acquisto di un veicolo la cui guida è consentita senza il possesso della patente. Da precisare che, anche in questo caso, il veicolo deve essere adattato in funzione delle limitazioni della persona. Le disposizioni valgono anche per i veicoli di serie già dotati di opportuni servomeccanismi, come ad esempio il cambio automatico, e che non necessitano di ulteriore adattamento. Le domande vanno presentate direttamente alla Provincia autonoma di Trento, su apposito modulo bollato debitamente compilato, allegando tutta la documentazione richiesta. Provincia Autonoma di Bolzano La Provincia autonoma di Bolzano prevede contributi per l acquisto e l adattamento del proprio mezzo di trasporto a persone affette da permanente minorazione agli arti inferiori e/o superiori. Per questi contributi è previsto il possesso della patente o, per veicoli per i quali la patente non è richiesta, una certificazione che attesti l idoneità psicofisica alla guida degli stessi. Questa certificazione deve essere rilasciata dal servizio di medicina legale dell Asl competente. Sono ammesse quindi a contributo o rimborso le spese per l acquisto e per gli adattamenti di motoveicoli ed autoveicoli di proprietà della persona disabile "comprese le macchine agricole o operatrici, prescritti dalla commissione di cui alla Legge Provinciale 19 agosto 1988, n. 37". I 19

20 contributi vengono erogati anche per l acquisto di veicoli di serie già dotati di opportuni servomeccanismi e che non necessitano dunque di ulteriori adattamenti (ad esempio il cambio automatico). In base alla legge provinciale n. 20 del 1983 e successive modificazioni ed integrazioni sono previsti anche dei contributi per l adattamento del mezzo alle persone che hanno un familiare disabile convivente. Vengono ammesse a rimborso le spese sostenute per gli adattamenti di autoveicoli approvati dagli organi competenti. Da precisare che sono considerati adattamenti anche eventuali servomeccanismi o altre attrezzature già installate di serie. La richiesta per ottenere i contributi e i rimborsi va presentata al distretto di assistenza economica sociale competente. Il richiedente può beneficiare del contributo una volta ogni sei anni salvo casi eccezionali debitamente motivati ed approvati da uno specifico Comitato tecnico. Sardegna Destinatari e contributi previsti: La legge regionale n. 4/88 della Regione Sardegna prevede che i Comuni possano concedere alle persone con permanenti difficoltà di deambulazione contributi per l acquisto di motoveicoli ed autovetture, adattate alla guida di titolari di patente speciale, in misura non superiore al 40% della spesa ammissibile prevedendo però un limite di reddito familiare per poter accedere ai finanziamenti adeguato mediante deliberazione della Giunta Regionale. Valle d Aosta Sono concessi contributi (legge 3/99) per l acquisto e l installazione di ausili e attrezzature. Per ausili e attrezzature si intendono tra l altro, anche gli strumenti di adattamento degli autoveicoli e dei motoveicoli anche se prodotti in serie. I Comuni possono concedere il 75% della spesa per il pagamento degli interessi sui mutui o prestiti contratti per l acquisto di mezzi necessari per la locomozione alle persone disabili oppure a coloro che le hanno in carico. I richiedenti non devono aver già fruito dello stesso beneficio nei quattro anni precedenti. La Giunta regionale adotta un piano annuale di intervento con il quale, tra l altro, ripartisce i fondi tra gli Enti pubblici ed i Comuni, stabilendo criteri e modalità per la definizione delle graduatorie degli aventi diritto e approvando l ammissibilità delle domande presentate. Le domande vanno inoltrate in bollo al Sindaco del Comune di residenza con l indicazione delle opere da realizzare e dei beni da acquistare prima dell esecuzione dei lavori o dell acquisto dei beni. La domanda deve essere corredata della documentazione stabilita con deliberazione della Giunta regionale. Veneto La legge regionale 12 luglio 2007, n. 16 ha abrogato e sostituito la precedente legge regionale n. 41/93 (art. 13) prevede contributi per garantire la fruibilità degli edifici privati; per l'acquisto di facilitatori della vita di relazione, per consentire l'accesso e l'uso dei mezzi di trasporto pubblico locale da parte delle persone con disabilità; per l'adattamento di mezzi di locomozione privati. È necessario presentare una domanda al Sindaco del Comune di residenza entro il 31 marzo di ogni anno. Tutti i contributi sono cumulabili con altri erogati per i medesimi ausili o adattamenti, comunque solo fino alla copertura della spesa sostenuta. Per le fonti normative e gli approfondimenti si suggerisce la consultazione del sito HandyLex.org all indirizzo 20

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA l agenzia inf orma aggiornamento dicembre 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA INDICE 1. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI... 2 2. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO... 4 Chi ne

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità ANNA MARIA DAPPORTO Assessore Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna Sono lieta di presentare la seconda edizione di questa guida informativa

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f giugno 2010 orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma novembre 2011 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2.

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI AGGIORNATA CON LA NORMATIVA IN VIGORE A MAGGIO 2008 INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. Salute Più. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto

SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO. servizi d integrazione sanitaria. Salute Più. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria Salute Più Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione 2013 1 Salute Più Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto Edizione

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO Introduzione Il presente Testo Unico si propone di illustrare il quadro aggiornato delle varie situazioni in cui la normativa tributaria riconosce

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA Al momento dell'acquisto di un veicolo, nuovo o usato, le persone disabili o i familiari che le hanno fiscalmente in carico possono usufruire di una riduzione dell'aliquota

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Pagina 1 di 6 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGTTO: Adesione al Lotto n. 5 della convenzione denominata AUSILI DISABILI 2, per la fornitura di Sollevatori

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone. con disabilità

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone. con disabilità Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità 2010 TERESA MARZOCCHI Assessore Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna antonino gentile Direttore Regionale Agenzia Entrate Emilia-Romagna

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli