LA STRADA CARTA DEI SERVIZI 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA STRADA CARTA DEI SERVIZI 2013"

Transcript

1 LA STRADA CARTA DEI SERVIZI 2013

2 02 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI 2012 LA CARTA DEI SERVIZI INDICE LA STRADA SI IMPEGNA CON LA CARTA DEI SERVIZI A DESCRIVERE E RENDERE TRASPARENTE LA GAMMA DEI SERVIZI CHE ESSA OFFRE ALLA PROPRIA COMUNITÀ DI CITTADINI. LA CARTA DEI SERVIZI 02 CHI SIAMO \ DOVE SIAMO 03 ORGANIZZAZIONE 04 MISSIONE 05 Il documento vuole essere uno strumento utile non solo per conoscere cosa offriamo, ma soprattutto per permettere ai cittadini di scoprire come lo offriamo e con quali standard. L impegno che prendiamo da subito con la pubblicazione della nostra Carta dei Servizi è pertanto quello di rapportarci con lealtà ai nostri destinatari che con essa possono misurarci e sceglierci come l organizzazione che offe il servizio che meglio risponde alle loro esigenze. TRASPORTO E ACCOMPAGNAMENTO 07 Servizio di trasporto e accompagnamento (NCC) Servizio di trasporto e consegna pasti a domicilio SERVIZI ALLA PERSONA 10 Assistenza domiciliare (SAD) Assistenza domiciliare integrata Cure palliative (ADI- ADI CP) Servizio consegna e scodellamento pasti a domicilio Servizio ritiro e consegna lavanderia PROGETTI 14 Gestione centri diurni/servizi Servizi alla famiglia Volontariato come valore INDICATORI 15

3 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI CHI SIAMO DOVE SIAMO LA STRADA È UNA COOPERATIVA SOCIALE (ONLUS) NATA PER VOLONTÀ DI NOVE SOCI FONDATORI NEL 1991 IN VALSUGANA PER DARE ASCOLTO E RISPOSTA AI BISOGNI DI MOBILITÀ DELLE PERSONE ANZIANE O DISABILI DELL ALLORA COMPRENSORIO DELL ALTA VALSUGANA. Nuovi e diversificati bisogni uniti allo spirito dei soci fondatori hanno in seguito portato la Cooperativa a progettare e sviluppare ulteriori nuovi servizi rivolti alle persone in difficoltà, quali l assistenza domiciliare, la consegna del pasto, i servizi alla famiglia, l organizzazione di soggiorni protetti, il volontariato. L attenzione alla persona, alla relazione e al suo ambiente di vita accompagnano il nostro operare quotidiano nella cura delle persone e delle loro famiglie. Siamo oggi presenti in Alta e Bassa Valsugana e Tesino, nelle valli di Cembra, Fiemme, Fassa e Primiero, a Trento. SEDE AMMINISTRATIVA Via Dos de la Roda, 41 - Fr. Cirè PERGINE VALSUGANA SEDE LEGALE Via Hippoliti, BORGO VALSUGANA CONTATTI Tel Fax

4 04 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI 2012 ORGANIZZAZIONE La Strada è una cooperativa sociale che opera principalmente sull asse della Valsugana (Alta e Bassa), essa progetta ed eroga servizi di trasporto ed accompagnamento e servizi alla persona altamente professionalizzati attraverso due centri operativi situati uno nell Alta ed uno nella Bassa Valsugana. La Strada è accreditata come vettore al Servizio MuoverSi (trasporto e accompagnamento persone disabili) dal 2004 (determinazione del dirigente n 168 dd 16/06/2004). La Strada è certificata dal 2011 uni en iso 9001:2008 nella Progettazione ed erogazione di servizi alla persona a domicilio. Progettazione ed erogazione di servizi di trasporto e accompagnamento di persone svantaggiate. LA SODDISFAZIONE DELL UTENTE Il destinatario dei servizi (l utente) è il centro del nostro lavoro, la sua soddisfazione è uno degli obiettivi della nostra attività. Per fare questo la Cooperativa ha un sistema di rilevamento e gestione dei reclami e dei suggerimenti. Ogni figura all interno della cooperativa si fa portavoce dell utente portando all attenzione del Responsabile di Area e del Direttore le criticità del sistema. Queste sono poi gestite attraverso il sistema di gestione per la qualità adottato dalla Cooperativa. Una volta risolta la situazione è poi verificata per garantire che l azione posta in essere abbia prodotto i risultati previsti. Agg, gennaio 2013 v. 03

5 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI LA NOSTRA DICHIARAZIONE DI MISSIONE Borgo Valsugana 23 aprile 2010 LA STRADA LA SI FA PERCORRENDOLA: CIÒ È AVVENUTO CON I SOCI DALLE ORIGINI FINO AD OGGI. LA STRADA È UN ORGANIZZAZIONE APERTA ALL ASCOLTO DEI BISOGNI DELLA PERSONA E ALLA LORO SODDISFAZIONE; UN ORGANIZZAZIONE CHE VUOLE DARE SENSO ALLE MOTIVAZIONI, ALLE COMPETENZE E AI VALORI DI TUTTI COLORO CHE INTENDONO CONTRIBUIRE AL PERSEGUIMENTO DELLA SUA MISSIONE. La Strada è una Cooperativa Sociale nata nel 1991 grazie all intuizione di un piccolo gruppo di Soci fondatori per gestire attività di trasporto e accompagnamento di persone disabili che in seguito ha sviluppato e diversificato nei servizi sociali a domicilio. Oggi è un impresa sociale di medie dimensioni che si riconosce nell ideale della Cooperazione, come strumento di partecipazione attiva alla vita economica e sociale. Si ispira a principi di Trasparenza, Equità e Giustizia sociale, ma anche di efficacia ed efficienza in un ottica di continuo miglioramento, da cui deriva uno stile di intervento fatto di professionalità, ma anche di passione e di Solidarietà. Mette al centro della sua azione la Persona, riconoscendone la dignità e l unicità e favorendo la realizzazione delle sue potenzialità, all interno dell ambiente in cui vive; realizza servizi di riconosciuta qualità tecnica e relazionale e investe nella formazione, intesa sia come canale di crescita personale, sia come modalità di qualificazione professionale dei lavoratori e dei volontari; collabora con tutti quegli attori pubblici e privati che, in modi diversi, agiscono per obiettivi di interesse generale, in particolare nel territorio della Valsugana che la Cooperativa riconosce come la propria comunità di riferimento.

6 06 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE SERVIZI E PROGETTI CARTA DEI SERVIZI 2012

7 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI AREA TRASPORTO E ACCOMPAGNAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO E ACCOMPAGNAMENTO (NCC) L attività di trasporto e accompagnamento è l attività con la quale la cooperativa ha iniziato la propria attività sin dal Da sempre eroghiamo servizi di trasporto e accompagnamento a favore delle persone in difficoltà. Il servizio di trasporto offerto dalla Cooperativa La Strada consente pertanto alle persone disabili, con difficoltà motoria e ad anziani, di muoversi in sicurezza e con tranquillità. Il servizio è svolto con veicoli appositamente attrezzati alle esigenze delle persone disabili e non. La cooperativa garantisce il trasporto e accompagnamento da casa verso i luoghi di lavoro, le strutture sanitarie, le COME SI ACCEDE L accesso ai servizi è libero per i singoli richiedenti e per gruppi. La raccolta delle richieste telefoniche è fatta in Orario di Centralino dal Coordinatore che risponde al Numero Verde dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle e dalle alle festivi esclusi. A seguito del contatto telefonico verrà valutata la fattibilità del servizio come disponibilità di veicoli ed orari, e vengono comunicati i relativi costi. Nel caso di servizi in convenzione sarà la cooperativa stessa a farsi carico di indirizzare la persona verso i servizi competenti oppure fornire la modulistica necessaria. CONTATTI DI RIFERIMENTO IN CONVENZIONE/CONTRATTO MuoverSi > Servizio Politiche sociali Provincia Autonoma di Trento Tel scuole, i Centri Socio-Educativi, i Centri Diurni, i Centri servizi e riabilitativi e altri spazi per il tempo libero. Il trasporto accompagnamento è destinato sia a persone singole che ai gruppi. Il Trasporto e accompagnamento può avvenire in convenzione con Enti Pubblici (PAT, Comunità di Valle, Comuni) con Enti Privati (Cooperative, Associazioni) o con altri Enti o aziende pubbliche o private (le Aziende Pubbliche Servizi alla Persona) in questi casi si ha quindi una compartecipazione alla spesa da parte dell utente. Vi è anche la possibilità di attivare il servizio privatamente attraverso il noleggio del pulmino con l autista-accompagnatore della cooperativa, in questo caso l utente paga il servizio direttamente alla cooperativa. Il servizio è offerto 365 giorni l anno e 24/24 festivi compresi, cercando sempre di andare incontro alle esigenze delle persone che ci chiamano. Trasporto individualizzato ( scuolabus ) Servizio Comunicazione e Trasporti Provincia Autonoma di Trento Tel CONTATTI DI RIFERIMENTO Area Trasporto e Accompagnamento La Strada > PER PRENOTARE UN VIAGGIO dal lunedì al venerdì (festivi esclusi) dalle 7.00 alle e dalle alle 17.00

8 08 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI 2012 LA QUALITÀ OFFERTA L accompagnamento: il servizio è pensato sempre come trasporto e accompagnamento. L autista oltre alla guida del veicolo accompagna la persona a compiere quegli atti che in completa autonomia non è in grado di svolgere. L autista, esperto e affidabile, accompagna le persone sin dentro l abitazione aiutando anche nell adempimento di piccole attività che potrebbero in taluni casi diventare difficoltose. L attività di accompagnamento della persona distingue il nostro servizio da qualsiasi altro servizio simile. La Personalizzazione: il servizio erogato è progettato in base alla richiesta dell utente rispetto al tipo di mezzo, alla necessità di ausili specifici (es. montascale), autista, orari. La cooperativa è attrezzata per superare qualsiasi barriera (es. rampe di scale), il personale è appositamente formato ed istruito per garantire la massima sicurezza sia durante il viaggio che nel tragitto casa - pulmino - destinazione. Su ogni mezzo è presente a richiesta anche un accompagnatore di supporto ai fruitori del servizio, accompagnatore qualificato e specificamente formato all assistenza della persona. I VEICOLI INDICATORI I pulmini in dotazione sono tutti privi di barriere ed attrezzati per chi si muove con carrozzina o altri ausili. La cooperativa dispone di 18 veicoli distribuiti principalmente sull asse della Valsugana (Alta e Bassa). Per scelta tutti i nostri 18 veicoli sono dotati di pedana idraulica, sistemi di ritenuta per carrozzina con relativa cintura di sicurezza, sedili appositamente omologati e dotazioni specifiche. Gli allestimenti sono studiati appositamente per garantire il massimo confort alla persona sia che viaggi seduta in carrozzina che sul sedile sia essa un adulto o un bambino. Sui pulmini la maggior parte dei sedili è sganciabile per permettere un uso ottimizzato dello spazio a seconda delle necessità del cliente. Tutti i veicoli sono omologati al trasporto disabili (fino a 9 posti) e dotati di licenza noleggio da rimessa con conducente. Gli allestimenti sono studiati e garantiti da Olmedo S.p.A. che rappresenta oggi la più grande realtà italiana riferita ad adattamenti per persone con disabilità. Olmedo S.p.A. opera da sempre solo sulla ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie, e negli ambiti dei processi di qualità. TASSO SERVIZI NEGATI 0% PUNTUALITÀ 100% MODERNITÀ PARCO AUTO MAX 5 ANNI RAPIDITÀ DI CONFERMA E FLESSIBILITÀ DI ORARIO ENTRO 1 ORA TABELLA INDICATORI COMPLETA PAG. 15

9 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI TRASPORTO E CONSEGNA PASTI A DOMICILIO Il servizio è gestito in contratto con Risto3 che gestisce il servizio per conto della Comunità Alta Valsugana e Bersntol e per conto di altri soggetti privati o pubblici. Il trasporto e consegna pasti a domicilio prevede il ritiro del contenitore con le pietanze preparate presso il punto di cottura di Risto3 a Pergine Valsugana e la relativa consegna al domicilio.l operatore della Cooperativa, giunto a domicilio, consegna alla persona il contenitore pieno ritirando quello vuoto del giorno precedente. La consegna del pasto ed il ritiro del contenitore sono momenti nei quali l operatore ha modo di scambiare due parole con la persona, che spesso vive da sola, attraverso il dialogo si mantiene nell erogazione del servizio un puntuale monitoraggio della situazione della persona e della casa. Il servizio è erogato nella fascia di mezzogiorno tutti i giorni dell anno festività comprese. COME SI ACCEDE L accesso al servizio può avvenire con le seguenti modalità: Attraverso i servizi sociali del territorio di residenza della persona che necessita del servizio. In questo caso l assistente sociale attiva la consegna al punto cottura che poi comunica alla cooperativa tutte le informazioni necessarie ai fini dell erogazione del servizio. Contattando direttamente il punto cottura di Risto3. SETTORE SOCIO-ASSISTENZIALE (COMUNITÀ ALTA VALSUGANA E BERSNTOL) P.zza Gavazzi, PERGINE VALSUGANA Tel Fax RISTO3 SOCIETÀ COOPERATIVA Comprensoriale Pergine Referente Daniela Girardi Via al Ponte Vigalzano PERGINE VALSUGANA Tel Fax LA QUALITÀ OFFERTA La Cooperativa eroga il servizio attraverso una dotazione di veicoli specifici conformi alla legislazione in materia di trasporto e conservazione degli alimenti, ha adottato un proprio manuale di autocontrollo (HACCP) per garantire la massima trasparenza e sicurezza nelle operazioni poste in essere durante l erogazione del servizio. I dispositivi informatici di rilevazione adottati da Risto3 e da La Strada consentono un monitoraggio continuo dei tempi di trasporto e consegna. Periodici momenti di incontro con Risto3 permettono di individuare eventuali margini di miglioramento e di monitorare eventuali situazioni particolari. INDICATORI RAPIDITÀ DI ATTIVAZIONE ENTRO 3 GIORNI RAPIDITÀ DI CONSEGNA DEL PASTO ENTRO 2 ORE TABELLA INDICATORI COMPLETA PAG. 15

10 10 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI 2012 AREA SERVIZI ALLA PERSONA ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Il personale qualificato della Cooperativa assiste a domicilio le persone in difficoltà nelle attività quotidiane (cura e aiuto nell igiene personale, nel governo della casa, nella gestione degli indumenti, nella preparazione dei pasti, nelle uscite in passeggiata e/o piccole commissioni, nella socializzazione). I destinatari possono essere sia singoli cittadini (anziani, disabili, adulti con disagio psichico e sociale) che nuclei famigliari. L operatore domiciliare nello svolgere i propri compiti all interno delle case si pone con professionalità all ascolto e si prende cura dei destinatari del servizio ponendo in ogni momento attenzione alla relazione instaurata. La presenza degli assistenti domiciliari può essere quotidiana, anche con più accessi giornalieri, e per tutta la settimana (festivi compresi). ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CURE PALLIATIVE (ADI- ADI CP) Il servizio di assistenza domiciliare in questo caso si distingue per l alto tasso di integrazione sanitaria e per la presenza di utenti con necessità assistenziali complesse. Gli operatori si rapportano con il comparto sanitario: l infermiere territoriale, il medico di base, o altra figura medica specifica. L attività di aiuto e cura della persona si concentra maggiormente nell igiene personale e nel sostegno psicorelazionale della stessa e della famiglia. Il personale è formato in maniera più specifica per affrontare problematiche complesse. Vi è una stretta collaborazione con i soggetti del comparto sanitario (medico ed infermiere). La presenza degli assistenti domiciliari può essere quotidiana, anche con più accessi giornalieri, e per tutta la settimana (festivi compresi). SERVIZIO CONSEGNA E SCODELLAMENTO PASTI A DOMICILIO La consegna del pasto presso il domicilio prevede il ritiro del contenitore con le pietanze preparate presso i punti di cottura del territorio e la relativa consegna a casa della persona. L operatore della Cooperativa, giunto a domicilio, apre il contenitore ed aiuta la persona ad impiattare il pasto, a preparare il tavolo e si assicura che vi siano le migliori condizioni per la sua consumazione. La consegna e soprattutto il momento dello scodellamento del pasto rappresentano un momento di dialogo e confronto con la persona che spesso vive da sola, con costante monitoraggio della situazione della persona e della casa. La Cooperativa eroga il servizio attraverso una dotazione di veicoli conformi alla legislazione in materia di trasporto e conservazione degli alimenti, ha adottato un proprio manuale di autocontrollo (HACCP) per garantire la massima trasparenza e sicurezza nelle operazioni poste in essere durante l erogazione del servizio. SERVIZIO RITIRO E CONSEGNA LAVANDERIA Il ritiro della biancheria sporca è effettuato al domicilio di persone anziane,disabili o nuclei famigliari con la cadenza stabilita dai servizi sociali (settimanale, quindicinale, mensile), contestualmente l operatore consegna la biancheria pulita. L accesso dell operatore presso l abitazione della persona consente di mantenere un contatto con l utenza e di rilevare eventuali situazioni di potenziale disagio attraverso un monitoraggio dello stato di salute e del luogo in cui essa vive. Gli elementi rilevati sono portati a conoscenza del servizio sociale territoriale competente. Il servizio è erogato dal lunedì al venerdì festività escluse in fasce orarie che rispettano i tempi di vita dei destinatari.più specifica per affrontare problematiche complesse. Vi è una stretta collaborazione con i soggetti del comparto sanitario (medico ed infermiere). La presenza degli assistenti domiciliari può essere quotidiana, anche con più accessi giornalieri, e per tutta la settimana (festivi compresi).

11 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI COME SI ACCEDE Per l assistenza domiciliare attraverso i servizi sociali del territorio di residenza della persona che necessita del servizio. La persona pagherà la quota per il servizio all Ente pubblico. In questo caso l assistente sociale contatta direttamente la cooperativa dando tutte le informazioni necessarie (bisogni, orari, durata del servizio, ecc.) alla cooperativa che poi erogherà il servizio. Per l assistenza domiciliare integratacure palliative il soggetto di riferimento cui chiedere il servizio è l azienda sanitaria attraverso il proprio medico di base ed il proprio distretto sanitario (unità operativa di assistenza primaria). La persona pagherà la quota per il servizio all Ente pubblico. Sedi delle unità operative di assistenza primaria e del servizio infermieristico territoriale. Tramite contatto diretto con la cooperativa. Il privato può contattare direttamente la cooperativa che, in base alle richieste ed esigenze, potrà reindirizzare ai servizi sociali o al distretto sanitario del territorio per l attivazione del servizio o valutare un eventuale attivazione diretta (servizio privato a pagamento). SETTORE SOCIO-ASSISTENZIALE (Comunità Valsugana e Tesino) Pz.ta Ceschi 1 BORGO VALSUGANA Tel SETTORE SOCIO-ASSISTENZIALE (Comunità Alta Valsugana e Bersntol) P.zza Gavazzi, PERGINE VALSUGANA Tel Fax PER LA COMUNITÀ VALSUGANA E TESINO C.so Vicenza BORGO VALSUGANA Tel PER LA COMUNITÀ ALTA VALSUGANA E BERSNTOL V. San Pietro, 2 PERGINE VALSUGANA Tel Centralino LA STRADA AREA SERVIZI ALLA PERSONA PERGINE VALSUGANA Via Dos de la Roda, 41 - loc. Cirè, PERGINE VALSUGANA Tel LA STRADA AREA SERVIZI ALLA PERSONA BORGO VALSUGANA Via Hippoliti, BORGO VALSUGANA Tel

12 12 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI 2012 LA QUALITÀ OFFERTA Gli operatori de La Strada impiegati nell assistenza domiciliare sono tutti formati e qualificati per svolgere le attività socio - assistenziali cui sono preposti. La Cooperativa nell assunzione si pone come regola il ricercare personale con esperienza (certificata) di almeno 12 mesi nell assistenza e/o titolo OSS o analoga riqualifica. L organizzazione favorisce i percorsi di formazione sia interna che esterna attraverso specifici corsi di formazione o in alternativa riorganizzandosi per permettere la frequenza della scuola OSS. Ogni singolo intervento è monitorato da una figura altamente specializzata e con una lunga esperienza nella pianificazione e monitoraggio dei servizi: il Referente Tecnico Organizzativo. Detta figura si occupa dell analisi del bisogno accertato e della pianificazione e monitoraggio degli interventi necessari per darvi risposta adeguata attraverso lo strumento del Piano di lavoro individualizzato. Piano che è studiato sulla singola persona, sulle sue necessità e considerando anche il suo ambiente di vita. Il Piano di lavoro individualizzato è lo strumento principe che permette, se ben definito, di intervenire con ogni accesso di assistenza per rendere operativo il PAI (piano di assistenza individualizzato elaborato dall Ente di riferimento) e di raggiungerne gli obiettivi posti dal progetto elaborato sulla persona e sulle sue autonomie. La soddisfazione della persona assistita è raggiunta attraverso l attuazione di un appropriato piano di lavoro unita all esperienza e alla professionalità degli operatori capaci di empatia e dotati di un ottima preparazione che mettono a disposizione dei propri utenti. INDICATORI PERSONALE QUALIFICATO SUPERIORE AL 75% ORE EROGATE CON PERSONALE QUALIFICATO SUPERIORE AL 95% TEMPESTIVITÀ DELLA PRESA IN CARICO SAD 7 GG MAX ADI ADI CP 1 GG RAPIDITÀ DI CONSEGNA DEL PASTO ENTRO 2 ORE PERSONALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SAD VERIFICA MENSILE PERSONALIZZAZIONE DEL SERVIZIO ADI-ADICP VERIFICA SETTIMANALE

13 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI

14 14 LA STRADA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI 2012 PROGETTI GESTIONE CENTRI DIURNI/SERVIZI La Cooperativa gestisce in appalto con la Comunità Valsugana e Tesino e in Associazione Temporanea di Impresa con La Casa S.C.S. il Centro diurno/servizi di Cinte Tesino ed il Centro Servizi di Villa Agnedo. All interno della gestione dei due centri fornisce il servizio di trasporto ed accompagnamento degli ospiti, la sostituzione del personale dell ente ivi operante, in caso di assenza con proprio personale qualificato e il coordinamento tecnico organizzativo con due figure di coordinamento (RTO) a tempo parziale. Il riferimento per l accesso ai centri è l assistente sociale territoriale competente presso gli uffici della Comunità Valsugana e Tesino Servizio Socio Assistenziale. SERVIZI ALLA FAMIGLIA La Cooperativa sul proprio territorio di appartenenza promuove servizi per le famiglie che hanno in carico anziani o disabili attraverso assistenza domiciliare in forma privata, consulenze per la gestione del carico assistenziale e per l utilizzo di ausili. Lavora inoltre quotidianamente per aiutare le famiglie nell individuare la migliore soluzione per prendersi cura del proprio famigliare anziano o malato, anche attraverso la consulenza in tema di assistenza famigliare privata, badanti o colf. TURISMO SOCIALE La Strada ha sviluppato negli ultimi anni una specifica competenza nella gestione e organizzazione di soggiorni protetti in diverse località di Villeggiatura. Non solo attraverso il servizio di trasporto, ma anche fornendo personale di cura e coordinamento durante il soggiorno di gruppi di persone in difficoltà, anziane o disabili. Ci occupiamo degli ospiti dalla partenza al rientro nella propria casa; durante l intero soggiorno offriamo la serenità di una vacanza garantendo al contempo professionalità nella cura, grazie anche a partner qualificati e affidabili. VOLONTARIATO COME VALORE La Strada accoglie da sempre al proprio interno nei diversi servizi persone che vogliono fare un esperienza nuova. Il volontariato rappresenta per noi un valore fondamentale, un opportunità di crescita per la persona e un valido aiuto complementare alle persone che utilizzano i nostri servizi professionali. Volontariato come attività integrativa e complementare ai servizi offerti. Il volontario è accolto in cooperativa e integra con la propria presenza e la propria attività i servizi professionali offerti dalla cooperativa. Leva Civica Giovanile: un opportunità voluta e sostenuta dal Con.Solida e dalle amministrazioni locali per chiamare i giovani ad una leva volontaria a favore delle diverse realtà non profit dell Alta Valsugana. L esperienza ha dato modo ai giovani di sperimentarsi nelle diverse realtà locali, di fare esperienza di vita dentro mondi spesso a loro sconosciuti. La Cooperativa oltre a promuovere e credere fortemente nel progetto accoglie anche i ragazzi che volessero aderirvi. Volontariato come crescita personale: il ragazzo o la ragazza (in questo caso anche minorenni) inseriti in Cooperativa hanno modo di Fare esperienza di vita adulta affiancati da operatori esperti che li indirizzano nel nostro mondo e in quello della persona anziana o disabile. Il percorso non è in questo caso destinato a completare la gamma dei servizi verso il bisognoso cui la cooperativa si rivolge, ma i destinatari sono i ragazzi stessi. Il giovane cresce e si sperimenta in un modo di vivere responsabile, fatto di regole e compromessi, si soddisfazioni e di reciproco aiuto.

15 INDICATORI RISORSE UMANE FORMAZIONE DEL PERSONALE NR PERSONE CON TITOLO O ESPERIENZA CERTIFICATA / TOTALE PERSONE > 75% NR ORE EROGATE DA PERSONALE FORMATO / TOTALE ORE EROGATE > 95% EROGAZIONE DEL SERVIZIO ALLA PERSONA TEMPI PRESA IN CARICO SAD NR PRESE IN CARICO IN RITARDO (7GG) / TOTALE PRESE IN CARICO < 5% TEMPI PRESA IN CARICO SAD IN ADI E ADICP NR PRESE IN CARICO IN RITARDO (1GG) / TOTALE PRESE IN CARICO < 5% PUNTUALITÀ DEL SERVIZIO NR RITARDI SUPERIORI AI 10 MIN / TOTALE ACCESSI < 10% SCOSTAMENTO TEMPO MASSIMO TRASPORTO/SCODELLAMENTO PASTI NR GIRI PASTI OLTRE TEMPO MAX / TOT GIRO (TRIMESTRE) < 10% PERSONALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SAD MONITORAGGIO SUL CASO COORDINAMENTI PREVISTI / COORDINAMENTI FATTI > 70% INVIO ENTRO 1 MESE PIANI LAVORO NR PIANI LAVORO IN RITARDO / TOT INVII < 1% PERSONALIZZAZIONE DEL SERVIZIO ADI ADI CP VERIFICA SETTIMANALE SUL CASO TOT SETT / NR RITORNI >80% INVIO ENTRO 15GG PIANI LAVORO NR PIANI LAVORO IN RITARDO / TOT INVII <1% MONITORAGGIO SITUAZIONE UTENTI LAVANDERIA NUMERO COORDINAMENTI PREVISTI / COORDINAMENTI FATTI COORDINAMENTI PREVISTI / COORDINAMENTI FATTI >70% CAPACITÀ DI RISPOSTA ALLA PRENOTAZIONE DEL VIAGGIO TASSO SERVIZI NEGATI 0% SERVIZI NEGATI / TOTALE SERVIZI 0% PUNTUALITÀ 100% SERVIZI SALTATI / TOTALE SERVIZI 0% RAPIDITÀ DI CONFERMA / FLESSIBILITÀ DI RISPOSTA (1 ORA) SERVIZI SINGOLI IN GIORNATA CONFERMA ENTRO 1 ORE / TOTALE SERVIZI 90% SERVIZI MULTIPLI O CONTINUATIVI CONFERMA ENTRO 1 GIORNO / TOTALE SERVIZI 90% MODERNITÀ PARCO AUTO KM PERCORSI PERCORRENZA MEDIA PULMINI < COMFORT DI VIAGGIO ETÀ DEI MEZZI ATTREZZATI / NR MEZZI < 5 ANNI ETA DEI MEZZI TRASPORTO PASTI / NR MEZZI < 6 ANNI CAPACITÀ DI RISPOSTA ALLA RICHIESTA CONSEGNA PASTO NR ATTIVAZIONI ENTRO 3 GIORNI / TOTALE ATTIVAZIONI 100% RAPIDITÀ DI CONSEGNA DEL PASTO ENTRO 2 ORE NR PASTI CONSEGNATI FUORI TERMINE (2ORE) / TOTALE PASTI <5% NR GIRI OLTRE TMAX / TOT GIRI PERGINE (TOLL 10 MIN) OGNI 3 MESI SODDISFAZIONE DEL CLIENTE numero segnalazioni negative < 0 numero segnalazioni positive - numero di sanzioni da parte dell ente pubblico per disservizi su totale servizi per l ente pubblico < 0 da parte dell'ente pubblico per disservizi su totale servizi per l'ente pubblico" AREA TRASPORTO E ACCOMPAGNAMENTO AREA SERVIZI ALLA PERSONA

16 CONTATTI Tel Fax SEDE AMMINISTRATIVA Via Dos de la Roda, 41 - Fr. Cirè PERGINE VALSUGANA SEDE LEGALE Via Hippoliti, BORGO VALSUGANA

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Comune di Firenze Ufficio comunale di Statistica. Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare

Comune di Firenze Ufficio comunale di Statistica. Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare Comune di Firenze Ufficio comunale di Statistica Indagine sul grado di soddisfazione degli utenti del servizio di assistenza domiciliare Rilevazione dal 1 ottobre 2007 al 15 novembre 2007 Comune di Firenze

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche

+ + + Servizi e Risorse Umane. per Aziende Private e Pubbliche c o r d u s i o + + + Servizi e Risorse Umane per Aziende Private e Pubbliche La Nostra Storia e i nostri Servizi Con oltre 250 professionisti la Cordusio Servizi S.C.P.A. opera su tutto il territorio

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli