del patrimonio librario. Da alcuni anni è attivo un servizio internet per gli utenti, gratuito per tutti i ragazzi delle scuole di Villafranca.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "del patrimonio librario. Da alcuni anni è attivo un servizio internet per gli utenti, gratuito per tutti i ragazzi delle scuole di Villafranca."

Transcript

1 del patrimonio librario. Da alcuni anni è attivo un servizio internet per gli utenti, gratuito per tutti i ragazzi delle scuole di Villafranca. Questi gli orari di apertura: - Martedì dalle alle e dalle alle Mercoledì dalle alle Giovedì dalle alle Venerdì dalle alle La Biblioteca comunale di Villafranca, che appartiene al centro rete bibliotecario di Pinerolo, è stata premiata nel 2008 per il numero del prestito dei libri che ha registrato un aumento, dal 2007 al 2008, del 20%. Il Consiglio di Biblioteca La Biblioteca gestisce numerose attività culturali, concerti, spettacoli teatrali, iniziative per i ragazzi, eventi realizzati in collaborazione con le associazioni cittadine, il Concorso Fotografico, ecc tutte curate dal Consiglio di Biblioteca, organo presieduto dall Assessore alla Cultura e formato da numerosi giovani volontari villafranchesi Le politiche per la Terza Età Il Centro Incontro Anziani Nel 2005, il Consiglio Comunale ha approvato le modifiche al regolamento per la gestione del Centro Anziani, che è diventato il circolo ricreativo Centro Incontro Anziani, gestito da un direttivo, eletto tra i soci, e presieduto dal Sig. Dionigi GIULIANO. Servizio a domicilio di raccolta rifiuti ingombranti Nel 2007, è stato istituito un servizio a domicilio di raccolta di rifiuti (ingombranti, sfalci, potature, etc.) presso chi ne farà richiesta in quanto sprovvisto di mezzo proprio per raggiungere l ecoisola; il servizio è rivolto soprattutto alle persone anziane. Il servizio è gratuito e si svolge al sabato, indicativamente dalle ore 8.00 alle ore La prenotazione deve avvenire entro il giovedì precedente. I progetti sociali Nel 2005 il Comune ha partecipato al bando regionale denominato Servizio Civico delle Persone Anziane, volto a realizzare iniziative e progetti rivolti alla terza età. Il progetto presentato dal comune e finanziato per un importo di 8.115,96 Euro, prevedeva 3 diverse iniziative: nonno Vigile: è stata creata la figura del nonno vigile, già esistente in molti altri comuni, come aiuto alla polizia municipale per la vigilanza all entrata e all uscita delle scuole, durante le manifestazioni e le varie iniziative che si svolgono durante l anno; nonno Giardiniere: insieme al nonno Cicerone, è una figura nuova creata per coadiuvare il Comune nella manutenzione delle aree verdi ed aiuole del paese. Attualmente i nonni giardinieri sono 3 (2 signore che curano le aiuole di via Roma ed un signore che cura i giardinetti di strada Cavour); nonno Cicerone: questa figura è stata creata invece per promuovere il patrimonio artistico culturale villafranchese, come accompagnatore/guida di gruppi e turisti che di tanto in tanto visitano il nostro paese a Missione, San Giovanni, nel Monastero, ecc Nell ambito di questo progetto, grazie all impegno di chi ha provveduto alla raccolta del materiale e delle notizie utili, sono stati installati presso i principali monumenti e chiese di Villafranca, dei leggii informativi contenenti notizie sulla storia e l architettura di questi edifici. Una vera e propria carta di identità per chi vede Villafranca per la prima volta o per chi vuole saperne di più. Pagina 43

2 La comunicazione ai cittadini Il bollettino comunale Il sito internet Il periodico ed il sito internet comunale nascono come principali mezzi di comunicazione tra l amministrazione comunale e la cittadinanza, per dare adeguata pubblicità sui provvedimenti e gli atti adottati dalla giunta e dal consiglio comunale, sulle iniziative ed i progetti previsti e sulle manifestazioni in programma. Il sito è stato realizzato nel 2005, in collaborazione con l ingegner Romano Bertinetto. Viene settimanalmente aggiornato, e contiene tutte le informazioni utili sugli uffici, i servizi alle persone e alle imprese, le news sul comune e sulle manifestazioni. Contiene inoltre tutte le notizie riguardanti il paese e le sue attrattive storiche, turistiche e culturali ed è diventato un buon biglietto da visita per promuovere il nostro territorio. E stato inoltre attivato un servizio di dialogo diretto tra l Amministrazione ed i cittadini che vogliono ricevere risposte su svariati argomenti e che possono così contattare il sindaco e gli assessori comunali. Sempre nel 2005 viene pubblicato il primo numero del periodico comunale dal titolo 4 Parole sotto l Ala, che con cadenza semestrale viene inviato a tutte le famiglie villafranchesi per informarle sull attività amministrativa. Prospetto riepilogativo delle pagine del sito nel corso dell anno Report per mese dell'anno Mese Pagine viste % di Pagine viste Grafico gennaio ,17% febbraio ,56% marzo ,82% aprile ,33% maggio ,10% giugno ,61% luglio ,37% agosto ,29% settembre ,40% ottobre ,28% novembre ,07% dicembre ,98% Totale voci elencate (12) ,00% Pagina 44

3 Il Piano Regolatore Generale Comunale (P.R.G.C.) IL TERRITORIO E L EDILIZIA L urbanistica e la pianificazione territoriale Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (P.T.C.P.) approvato dal Consiglio Regionale con D.C.R. n in data ha inserito il comune di Villafranca Piemonte nel Circondario Provinciale di Pinerolo, Sub-ambito Area Vigone, rispetto al quale sono applicabili gli Indirizzo di coordinamento sovracomunale, previsti all art delle Norme di attuazione P.T.C.P. stesso, di cui l Amministrazione Provinciale promuove l attuazione attraverso una concorde strategia a livello sovracomunale di sub-ambito. Per quanto riguarda la tutela ambientale si segnala l Area Protetta Regionale istituita dalla Fascia Fluviale del Po: Riserva naturale speciale della confluenza del Pellice che interessa 452 ha di territorio comunale, 98 dei quali sono altresì ricompresi nel S.I.C. (Sito di Interesse Comunitario), denominato Confluenza Po-Pellice. La direttiva Habitat (direttiva 92/43/ CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche) istituisce la rete ecologica Europea Natura 2000, costituita da siti di interesse comunitario riconosciuti di interesse per la presenza di habitat e specie di fauna e flora. La stessa direttiva Europea, prevede la procedura di valutazione di incidenza per piani o progetti che possono incidere significativamente sui siti della rete Natura Villafranca è interessata dai Biotopi denominati Zona Umida di Zucchea e Bosco di Vigone, rispetto ai quali si applicano le disposizioni contenute all art del P.T.C.P. Pagina 45

4 Pagina 46

5 L attuale P.R.G.C. recepisce e fa proprie le linee guida contenute nel Piano Territoriale Provinciale. Nel quadro di un ottica di programmazione territoriale di scala intercomunale, il P.T.C. individuava per il territorio di Villafranca Piemonte le seguenti linee di indirizzo: il territorio costituisce un area ambientale di elevato interesse paesaggistico, in quanto dotato di parchi e riserve naturali integrati al più vasto sistema dei parchi individuati dalla Regione Piemonte; il territorio è individuato come area mediamente stabile, con una limitata propensione al dissesto; l attività agricola costituisce un settore dotato di una buona redditività di impiego prevalente e con diffusa presenza del part-time; l insediamento urbano ha delle caratteristiche prevalentemente residenziali per le quali sono previsti interventi di completamento e/o di modesto ampliamento; non è ipotizzabile la realizzazione di complesse aree per l insediamento produttivo; è necessario prevedere complessi interventi sulla rete viaria extraurbana; non è particolarmente urgente individuare azioni specifiche di salvaguardia del tessuto edilizio urbano, in quanto privo di un nucleo storico vero e proprio. Il Piano Regolatore Generale Comunale vigente, redatto dall Ing. Elio ZANINETTI di Cavour (To), è stato approvato con deliberazione di Giunta Regionale n del 18/o2/2002. Con deliberazione di Giunta Regionale n del 09/02/2004 e con deliberazione di Giunta Regionale n del 12/02/2007, sono state apportate due varianti strutturali che però non hanno modificato il dimensionamento del P.R.G.C.. Le varianti al P.R.G.C. Nell arco di tempo di validità del vigente P.R.G.C. sono state apportate le seguenti modifiche (varianti) allo strumento urbanistico generale: Anno 2002 Consiglio Comunale n. 22 del Approvazione ampliamento zona RC4 punto intervento 5 del P.R.G.C. accoglimento istanza prot del proprietà sigg. ALCIATO-DEMARIA ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i.. Consiglio Comunale n. 45 del Ampliamento zona RC4 punto di intervento 5 del P.R.G.C. approvazione variante ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i.. Anno 2003 Consiglio Comunale n. 9 del Art. 11 punto 1-4 del N.T.A. del P.R.G.C. - Approvazione variante ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i.. Consiglio Comunale n. 25 del Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i. Ampliamento area normativa PN - Approvazione definitiva. Consiglio Comunale n. 26 del Art. 11 punto 2-2 del N.T.A. del vigente P.R.G.C. Adozione variante ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i. realizzazione locali interrati di fabbricati produttivi Approvazione definitiva. Anno 2004 Consiglio Comunale n. 33 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i. relativa alla riduzione delle aree a servizio S.P. inerenti la zona urbanistica RE9 Approvazione definitiva. Consiglio Comunale n. 70 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i. relativa allo stralcio parziale dell area urbanistica TCB alla sua trasformazione in area PN12 Approvazione. Anno 2005 Consiglio Comunale n. 34 del Approvazione variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 8 riguardante la correzione di errori materiali ed incongruenze. Consiglio Comunale n. 42 del Variante parziale n. 7 al P.R.G.C. ai sensi della L.R. 56/77 art. 17 Pagina 47

6 comma 7 - Approvazione. Consiglio Comunale n. 43 del Variante parziale n. 8 al P.R.G.C. ai sensi della L.R. 56/77 art. 17 comma 7 relativa alla circonvallazione in Località Bussi Approvazione. Consiglio Comunale n. 51 del Approvazione Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi della L.R. 56/77 art. 17 comma 7 e ss.mm.ii. riguardante l introduzione della norma relativa al recupero dei ruderi. Consiglio Comunale n. 56 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente relativa all inserimento della nuova Circonvallazione di Cardè. Approvazione. Anno 2006 Consiglio Comunale n. 40 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente ai sensi della L.R. 56/77 art. 17 comma 7 e ss.mm.ii. relativa alla modifica delle classi idrogeologiche in Località Ruinetto Grosso - Approvazione. Consiglio Comunale n. 41 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della L.R. 56/77 e ss.mm.ii. Approvazione. Anno 2007 Consiglio Comunale n. 16 del Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 e 8 della L.R. 56/77 e ss.mm.ii Inerente l inserimento delle varianti parziali approvate. Consiglio Comunale n. 43 del Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della L.R. 56/77 e ss.mm.ii Adottata nella seduta del Approvazione. Consiglio Comunale n. 62 del Approvazione Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della L.R. 56/77 e ss.mm.ii Adottata nella seduta del n. 51. Anno 2008 Consiglio Comunale n. 21 del Approvazione Variante Parziale al P.R.G.C. inerenti le modifiche normative precedentemente adottate con D.C.C. n. 63 del Consiglio Comunale n. 45 del Approvazione Variante Parziale al P.R.G.C. adottata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del Consiglio Comunale n. 46 del Approvazione Variante Parziale al P.R.G.C. adottata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del Il Piano del centro storico Piano attuativo ed esecutivo del nostro P.R.G.C., a corredo e completamento dello stesso, è il Piano del centro storico, redatto dall Arch. Luigi CASETTA di Villafranca Piemonte. Il Piano del commercio I Criteri e l adeguamento del P.R.G.C. ai sensi dell art. 8, comma 3 del D.Lgs 114/98 ed all art. 4 comma 1 della L.R. 28/99 per l esercizio del commercio al dettaglio in sede fissa ai sensi della D.C.R. n /1999 e s.m.i., sono stati approvati con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 24/11/2008 avente per oggetto: Variante parziale al P.R.G.C. ai sensi dell art. 17 comma 7 L.R.56/77 e s.m.i. con cui sono stati recepiti i disposti della D.C.R del 24/03/2006, riconoscendo nel territorio comunale gli addensamenti e le localizzazioni commerciali presenti e conseguentemente adeguando opportunamente la normativa del P.R.G.C.. Il Piano del colore Il Piano del Colore è un progetto di riqualificazione dell immagine del paese, che regola il corretto svolgimento delle operazioni di coloritura, pulitura e restauro delle facciate o di parti di esse, e di manufatti di arredo urbano nel territorio comunale. Il Piano del Colore rappresenta uno strumento valido ed efficace per fornire agli operatori pubblici e privati le linee guide necessarie ad assicurare i massimi livelli di compatibilità e coerenza formale delle colorazioni e dei rapporti cromatici negli interventi edilizi. Il Piano del Colore di Villafranca Piemonte, redatto dall Arch. Luigi Casetta, e in corso di approvazione, non vuole normare rigidamente ma offrire possibilità d azione ai progettisti. Pagina 48

7 Il Regolamento acustico Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 28/06/2005, il Consiglio Comunale ha approvato il Regolamento acustico comunale, predisposto a corredo del Piano di zonizzazione acustica comunale, e per l applicazione delle normative in materia di tutela dall inquinamento acustico. Informatizzazione del P.R.G.C. È stata avviata nel 2005, con l affidamento dell incarico alla ditta S.I.T. Sistemi Informativi Territoriali di Biella, ed è in fase di conclusione, la procedura per l informatizzazione del P.R.G.C.. Si avrà così la base cartografica aggiornata del piano regolatore digitalizzata e il collegamento tra le Norme Tecniche di attuazione e le singole aree di intervento, al fine di rendere maggiormente accessibile l utilizzo del piano stesso agli utenti, sia professionisti che cittadini. Catalogo dei beni culturali architettonici Nel 2004, è stato approvato, nell ambito del Catalogo dei beni culturali architettonici relativo al censimento dei beni culturali ed architettonici in ambito comunale ai sensi della legge regionale 35/95, il Censimento delle cascine aventi particolari caratteri e pregi storico-architettonici. Il censimento, finanziato per l intera somma dalla Regione Piemonte, è stato redatto dagli Arch. Nadia PERNACI e Salvatore ROSATO di Torino. Nel 2006, a completamento del Catalogo, è stato approvato il Censimento degli edifici storici e dei piloni votivi, redatto dall Arch. Luigi CASETTA di Villafranca Piemonte, realizzato sempre con finanziamento regionale. Il Catalogo dei beni censiti è parte integrante del Regolamento edilizio comunale e costituisce non un vincolo per gli immobili oggetto di censimento, bensì un opportunità di punteggio in caso di eventuali contributi per il recupero e la ristrutturazione degli edifici e un indicazione sulle caratteristiche tipologiche da conservare e mantenere. La Commissione Igienico-Edilizia Comunale Di supporto all attività di espletamento dell istruttoria sulle pratiche edilizie svolta dall Ufficio tecnico comunale, la Commissione Igienico-Edilizia Comunale, nominata dal Consiglio Comunale, è composta da: - Arch. Marco PAIRONE di Pinerolo Presidente (nominato dalla maggioranza); - Geom. Roberto MINA di Moretta Membro(nominato dalla maggioranza); - Ing. Claudio BADARIOTTI di Pinerolo Membro (nominato dalla maggioranza); - Arch. Michele CRAVERO di Villafranca Piemonte Membro(nominato dalla minoranza); Fino al 2005, ne facevano anche parte il Sindaco (Presidente), il Consigliere Marina Bordese (nominato dalla maggioranza) e il Consigliere Mattia Baudracco (nominato dalla minoranza). Con la modifica alla normativa introdotta nel 2005, è stata esclusa dalla Commissione la presenza degli amministratori. L attività edilizia Particolarmente intensa è stata in questi ultimi anni l attività edilizia sul territorio villafranchese, in quanto a seguito dell approvazione, nel 2002, da parte della Regione Piemonte del P.R.G.C. vigente, sono stati presentati i vari P.E.C. (Piani Esecutivi Convenzionati) e i piani di recupero (PdR) previsti dallo strumento urbanistico. Tabella permessi di costruire/dia Pagina 49

8 Confronto anni precedenti Tabella certificati di destinazione urbanistica (C.D.U.) Confronto anni precedenti Tabella occupazioni suolo pubblico L abbattimento delle barriere architettoniche Per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati è previsto annualmente un contributo a fondo perduto della Regione Piemonte. La richiesta va redatta sulla modulistica predisposta dalla Regione Piemonte Direzione Programmazione strategica, Politiche territoriali ed edilizia- Settore attuazione degli interventi in materia edilizia, e consegnata al Comune entro il 1 marzo di ogni anno. Hanno diritto al contributo: - le persone disabili che sostengono direttamente le spese per l eliminazione delle barriere architettoniche; - coloro che hanno a carico soggetti disabili in quanto genitori o tutori; - le persone che sostengono le spese in qualità di proprietari dell immobile o parenti o altri soggetti allo scopo di adattare l alloggio o facilitare l accesso in cui risiede una persona disabile; - i condomini ove risiedono gli stessi soggetti, per le spese di adeguamento delle parti comuni; - i centri e gli istituti residenziali per l assistenza a persone disabili. Le manutenzioni ordinarie La gestione delle manutenzioni, delle aree verdi, delle strade e della segnaletica Manutenzione ordinaria impianti di riscaldamento edifici comunali (gestione ACEA Pinerolese Industriale SpA di Pinerolo) Pagina 50

9 Spesa per riscaldamento edifici comunali impegnata (compresi piccoli interventi di manutenzione): Manutenzione ordinaria ascensori comunali (compresa pedana montascale) Acquisto e spandimento catrame per rappezzi stradali Acquisto e spargimento ghiaia su strade sterrate Risagomatura strade sterrate comunali Sfalcio aree verdi e potatura alberi (compresi anche gli allestimenti floreali) Taglio cigli stradali Pagina 51

10 Manutenzioni edili sugli immobili comunali Manutenzioni sugli impianti elettrici degli immobili comunali (*)compresa la manutenzione sull illuminazione pubblica comunale Manutenzioni sugli impianti idraulici degli immobili comunali Manutenzioni giochi bimbi aree verdi Manutenzioni pedana montascale scuola primaria Gli interventi di manutenzione ordinaria delle aree verdi sono affidati con appalto ad una ditta esterna. Per quanto riguarda la manutenzione della segnaletica stradale viene effettuata dagli operai comunali. Pagina 52

11 Gli interventi straordinari sulle aree verdi sono stati: L illuminazione pubblica La manutenzione ordinaria e gestione degli impianti di illuminazione pubblica (dei tratti non comunali) è affidata alla ditta So.le Gruppo ENEL. Gli interventi straordinari sulla rete di illuminazione pubblica sono stati: Dal 1996 al 1998 la media degli interventi richiesti alla So.le Gruppo Enel era di 25 interventi l anno; dal 1999 al 2002 è stata di 120 interventi l anno; dal 2003 al 2008 si è assestata sui 70 l anno. il consumo energia dell illuminazione pubblica di proprietà Enel è forfettario ed è calcolato su ore l anno per Kw per ogni punto luce. Pagina 53

12 La protezione civile Nel 2005 è stato approvato il Regolamento di protezione civile comunale; successivamente, grazie a contributi regionali, sono stati acquistati mezzi e attrezzature (2, gruppi elettrogeni, 2 pompe idrovore acque sporche, 2 torre faro, un impianto ricetrasmittente, attrezzatura varia, un autocarro IVECO Daily con gru, un motocarro PIAGGIO Quargo, ecc.). Nel 2008 è stato approvato il Piano di protezione civile e sono state attivate le procedure per istituire il Gruppo Comunale di Volontari della protezione civile. L AMBIENTE Gli eco-punti e il passaggio da tassa raccolta rifiuti (T.A.R.S.U.) a tariffa igiene ambientale (T.I.A.) Dopo quasi sessanta anni di gestione TASSA RIFIUTI con il D.Lgs n. 22, cosiddetto Decreto Ronchi sono state recepite alcune Direttive Comunitarie in materia di rifiuti avendo come obbiettivo la riduzione, se non l eliminazione dello smaltimento dei rifiuti in discarica a favore del recupero degli stessi. Con la Legge 23 dicembre 1999, n. 488 sono state altresì stabilite le tempistiche di applicazione della tariffa con scadenze scaglionate a partire dal 1 gennaio 2003 in base al grado di copertura dei costi del servizio nell anno 1999 e al numero di abitanti dei singoli Comuni. Il Legislatore ha ritenuto opportuno definire un regime transitorio regolato dall art. 11 D.P.R , n. 158 per l introduzione del nuovo sistema, che, per il Comune di Villafranca Piemonte era il Nonostante ciò, dal primo di gennaio 2005 l Amministrazione Comunale ha voluto effettuare il passaggio prima dei termini, al fine di poter arrivare gradatamente alla corretta applicazione della Tariffa, attuando manovre correttive al fine di renderla equa e correttamente applicabile alla scadenza, introducendo progetti sperimentali come gli eco-punti realizzati in 4 comuni del pinerolese. La suddivisione tra parte fissa e parte variabile della tariffa, l analisi delle utenze da suddividere in domestiche e non domestiche, l acquisizione dei dati dalla precedente gestione, il passaggio e la catalogazione degli stessi ha impegnato il personale comunale, però il margine di errore è stato pressoché azzerato e i risultati soddisfacenti. Successivamente, il Comune, insieme al Consorzio ACEA, si è impegnato notevolmente a ridurre i quantitativi di raccolta rifiuti, con servizi innovativi ed obiettivi specifici quali: - l introduzione sul territorio delle AREE OMOGENEE, con la costituzione di n. 30 eco-punti ognuno concernente le seguenti tipologie di rifiuto: residuo secco umido carta e cartone plastica vetro - la consegna di compostiere e sacchetti verdi per ridurre la frazione umida del rifiuto; - l applicazione di agevolazioni per comportamenti virtuosi (cartone e autosmaltimento) da parte delle utenze non domestiche; - la raccolta della plastica e dei teli del comparto agricolo. Pagina 54

13 Il Comune di Villafranca Piemonte avendo realizzato percentuali di raccolta differenziata notevoli ha potuto aderire ad iniziative promosse dalla Provincia di Torino e dalla Regione Piemonte, con Bandi per l assegnazione di contributi finanziari inerenti la realizzazione di progetti relativi alla raccolta integrata dei rifiuti urbani, non per ultimo il contributo di Euro ,00 per aver raggiunto nell anno 2008 percentuali vicine o superiori al 50% (così come dimostrato nella Tabella). TABELLA ENTRATA E SPESA TASSA RIFIUTI (DATI CONTO CONSUNTIVO) Pagina 55

14 L eco-isola Realizzata dall ACEA Pinerolese Industriale SpA in località San Grato, nel 2002, per il conferimento dei rifiuti ingombranti, degli imballaggi di cartone di grosse dimensioni, degli sfalci e dei resti di potatura, dal 1 luglio 2008 ospita anche un contenitore per la raccolta di oli e grassi da frittura. Dal 1 marzo 2007, gli orari di apertura sono: - martedì dalle ore 11 alle ore 14; - sabato dalle ore 9 alle ore12 e dalle ore 14 alle ore 17. Per incentivare la raccolta differenziata, artigiani e commercianti villafranchesi che conferiscono il cartone all ecoisola, hanno diritto annualmente, secondo quanto stabilito dalla Giunta Comunale, ad uno sconto sulla Tariffa di Igiene Ambientale. La manutenzione dell ambiente Gli interventi di manutenzione straordinaria in materia di ambiente e tutela del territorio hanno riguardato canali e bealere, recupero e smaltimento di eternit abbandonato e recupero e smaltimento di rifiuti abbandonati. Pagina 56 Azioni di promozione ecologica e tutela ambientale In occasione della Giornata Mondiale dell Ambiente del 5 giugno 2008, l Amministrazione Comunale per promuovere il risparmio energetico come fattore di sviluppo economico e sociale, nonché come valore ambientale e civile, ha omaggiato tutti i ragazzi delle scuole del paese di una lampadina a basso consumo fornita gratuitamente dalla Società So.l.e. del Gruppo Enel. Si tratta di un oggetto di uso quotidiano che rende concretamente possibile una riduzione dei costi di energia, tanto a livello privato quanto a livello pubblico. Questa campagna di sensibilizzazione si inserisce in un più ampio progetto di promozione del risparmio energetico e di investimenti nell impiego di fonti alternative negli edifici pubblici, che il Comune di Villafranca Piemonte sta predisponendo e che verranno messi in atto nei prossimi mesi. In collaborazione con l Associazione Liberi Pescatori e Legambiente Circolo Val Pellice, l Amministrazione Comunale ha contribuito nel 2006 e nel 2007 all iniziativa Operazione fiumi, organizzata a livello nazionale da Legambiente e Protezione Civile, per la pulizia delle sponde del Torrente Pellice, fornendo ai partecipanti un cassone per la raccolta dei rifiuti abbandonati. Boschetto naturalistico di Missione Grazie al lavoro del Comitato L Ciuchè di San Giovanni, il boschetto adiacente all area della Cappella di Missione è stato ripulito a riportato alle origini con la riscoperta di numerosi fontanili. L area è stata attrezzata per il pic nic con la posa di tavoli, panche e cestini. Concorso Balconi Fioriti Nel 2005 e nel 2006, l Amministrazione Comunale ha indetto il Concorso Balconi fioriti per l abbellimento degli

15 edifici privati del concentrico e per la partecipazione al concorso nazionale Comuni Fioriti, ottenendo l attestato di Comune accogliente e una fornitura annuale di fiori per le aiuole del paese. Gli Sportelli Energia della Provincia di Torino Il Comune di Villafranca Piemonte nel 2008 ha aderito agli Sportelli Energia promossi dalla Provincia di Torino, e in particolare a quelli operanti sul territorio pinerolese. Gli sportelli offrono consulenza gratuita in merito ai vantaggi economici ed energetici connessi all uso delle fonti rinnovabili di energia e all impiego di tecnologie per l efficienza energetica. Hanno sede a Pinerolo, presso lo Sportello Unico per le attività produttive, in Viale Giolitti 7; a Torre Pellice, presso la Comunità Montana Val Pellice, in Via Bombardini 2, e a Perosa Argentina, presso la Comunità Montana Valli Chisone e Germanasca, in Via Roma 22. I LAVORI PUBBLICI La manutenzione del patrimonio comunale Particolare attenzione è stata posta dall Amministrazione Comunale nella cura e nella manutenzione del patrimonio comunale. Oltre agli interventi di manutenzione ordinaria, necessari a garantire il normale e corretto funzionamento degli impianti e la fruizione degli immobili, sono stati realizzati i seguenti interventi straordinari: sul Palazzo Comunale Pagina 57

16 sull edificio dell ex oratorio di Via San Sebastiano sull edificio ospitante la Caserma dei Carabinieri nel Cimitero Comunale sull arredo urbano Le opere pubbliche RESTAURO FACCIATE DEL PALAZZO COMUNALE, DELL ALA COMUNALE, DELLA CASERMA DEI CARABINIERI E DEGLI UFFICI POSTALI E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEL TETTO DEL PALAZZO COMUNALE. Importo complessivo lavori: Euro ,41. L intervento venne avviato nel 2003 prevedendo: da un lato il restauro delle facciate del palazzo comunale, dei pilastri dell ala, del fabbricato sede della caserma dei carabinieri e ufficio postale (su progetto dell Arch. Luigi Casetta), dall altro la manutenzione straordinaria del tetto del palazzo comunale (su progetto dell Arch. Ugo Perassi). L Amministrazione Comunale nell anno 2005, nella fase di elaborazione del progetto esecutivo delle due opere, ha deciso, al fine di renderne più agevole e rapida la realizzazione, di unificarle i un unico intervento da affidare con un unico appalto ad un unica ditta. Il progetto esecutivo, redatto dall Arch. Luigi Casetta, è stato approvato con deliberazione della giunta comunale n. 71 del I lavori sono stati appaltati all Associazione temporanea di imprese costituita dalla ditta Artes s.r.l di Brà e dalla ditta De Marchi & C. s.a.s. di Saluzzo e, iniziati nel mese di settembre 2005 sono stati conclusi nell anno I lavori sono stati finanziati con mutuo contratto con la Cassa Depositi e Prestiti e con fondi propri di bilancio. Pagina 58

17 LAVORI VARI ESEGUITI PRESSO IL PALAZZO COMUNALE E L IMMOBILE SEDE DELLA CASERMA DEI CARABINIERI Importo complessivo interventi: Euro ,37. L Amministrazione Comunale ha dato corso in questi anni ad interventi volti al miglioramento della qualità e funzionalità degli spazi interni del Palazzo comunale, nella fattispecie ha provveduto, su progetti dell Ufficio tecnico comunale, alla sistemazione dell Albo pretorio con la nuova pavimentazione in pietra e ritinteggiatura delle pareti, alla ritinteggiatura di tutti gli uffici comunali, all acquisto di nuovi arredi, al trasferimento dell Ufficio della Polizia municipale dalla precedente sede affacciata su piazza Cavour alla nuova sede aperta sulla Via Roma, alla creazione dell Ufficio Informazioni e Turismo nei locali prima destinati alla polizia municipale, alla realizzazione di un servizio igienico per gli uffici del secondo piano e alla messa in opera di nuovi serramenti per il Palazzo comunale e per l edificio sede della caserma dei carabinieri. I lavori di sistemazione dell Albo pretorio sono stati eseguiti dalla ditta Artes s.r.l. di Bra, la pavimentazione in pietra è stata fornita dalla ditta Campra s.n.c. di Villafranca Piemonte e posata in opera dalla ditta Grande Francesco di Casalgrasso. I lavori di sistemazione dei locali da destinarsi al nuovo ufficio della Polizia municipale, dei locali destinati all ufficio turismo e informazioni e la creazione del bagno al secondo piano, sono stati eseguiti dalla ditta Maia Costruzioni s.n.c. di Moncalieri. La ritinteggiatura interna degli uffici è stata eseguita dall operaio comunale, Paolo Iberi, e i nuovi serramenti sono stati realizzati e posati dalla ditta Rovetto di Villafranca Piemonte. I lavori sono stati finanziati con mutuo contratto con la Cassa Depositi e Prestiti, fondi propri di bilancio e contributo regionale. MANUTENZIONE STRAORDINARIA TETTI DI ALCUNI STABILI COMUNALI Nell anno 2007 sono stati condotti i lavori di manutenzione straordinaria dei tetti di alcuni stabili comunali; nella fattispecie i lavori hanno interessato il tetto dell immobile sede della Caserma dei carabinieri, dell Ufficio postale, dell archivio storico e il tetto della biblioteca comunale, realizzati su progetto dell Ufficio Tecnico Comunale, per un importo complessivo delle opere in progetto ( lavori e somme a disposizione) ammonta a Euro ,54. Finanziamento: contributo regionale di Euro e mutuo contratto con la Cassa Depositi e Prestiti per la restante somma. Ditta appaltatrice: Maurino Antonio di Luserna San Giovanni (To). REALIZZAZIONE NUOVO PESO PUBBLICO Importo complessivo: Euro ,99. È stato realizzato nell anno 2006, su progetto dell Ing. Piergiacomo Chiola, il nuovo peso pubblico in località Cimitero. La scelta di tale area, a discapito dell area precedentemente individuata in Via Vigone, è stata motivata dal fatto che il lotto sul quale è stato realizzato risulta più esterno al centro abitato, in migliori condizioni di traffico e pertanto di accesso più agevole. Il progetto, approvato con deliberazione della giunta comunale n. 106 del , è stato appaltato alla ditta Vada Costruzioni Generali s.r.l. di Cavour. LAVORI ESEGUITI PRESSO IL CAMPO SPORTIVO DI VIA ALDO MORO I lavori, eseguiti nell anno 2005, su progetto dell Ufficio tecnico comunale, sono consistiti nella rimozione e smaltimento della copertura in eternit della bocciofila comunale e nella posa in opera di nuovo manto in pannelli coibentati in lamiera acciaio. Importo complessivo: Euro ,00. Ditta appaltatrice: So. Edil.Car di Moretta. MANUTENZIONE STRAORDINARIA IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE CAMPO DI CALCIO COMUNALE Importo complessivo: Euro ,32. Su progetto dell Ing. Giuseppe Ridolfo di Grugliasco è stato realizzato un intervento di manutenzione straordinaria dell impianto di illuminazione del campo di calcio comunale. L intervento ha visto la sostituzione dei proiettori sul campo, l installazione di un quadro per ciascuna torre faro e l adeguamento del quadro generale esistente. L intervento è stato realizzato tenendo presenti i risultati dell AC Villafranca nel proprio campionato di categoria, pertanto le caratteristiche di illuminazione del campo sono oggi idonee ad una eventuale promozione dell AC Villafranca in un campionato di categoria superiore Il progetto esecutivo è stato approvato con deliberazione della giunta comunale n. 87 del e appaltato alla ditta S.A.I.E.L. s.n.c. di Villafranca Piemonte. Pagina 59

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli