del patrimonio librario. Da alcuni anni è attivo un servizio internet per gli utenti, gratuito per tutti i ragazzi delle scuole di Villafranca.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "del patrimonio librario. Da alcuni anni è attivo un servizio internet per gli utenti, gratuito per tutti i ragazzi delle scuole di Villafranca."

Transcript

1 del patrimonio librario. Da alcuni anni è attivo un servizio internet per gli utenti, gratuito per tutti i ragazzi delle scuole di Villafranca. Questi gli orari di apertura: - Martedì dalle alle e dalle alle Mercoledì dalle alle Giovedì dalle alle Venerdì dalle alle La Biblioteca comunale di Villafranca, che appartiene al centro rete bibliotecario di Pinerolo, è stata premiata nel 2008 per il numero del prestito dei libri che ha registrato un aumento, dal 2007 al 2008, del 20%. Il Consiglio di Biblioteca La Biblioteca gestisce numerose attività culturali, concerti, spettacoli teatrali, iniziative per i ragazzi, eventi realizzati in collaborazione con le associazioni cittadine, il Concorso Fotografico, ecc tutte curate dal Consiglio di Biblioteca, organo presieduto dall Assessore alla Cultura e formato da numerosi giovani volontari villafranchesi Le politiche per la Terza Età Il Centro Incontro Anziani Nel 2005, il Consiglio Comunale ha approvato le modifiche al regolamento per la gestione del Centro Anziani, che è diventato il circolo ricreativo Centro Incontro Anziani, gestito da un direttivo, eletto tra i soci, e presieduto dal Sig. Dionigi GIULIANO. Servizio a domicilio di raccolta rifiuti ingombranti Nel 2007, è stato istituito un servizio a domicilio di raccolta di rifiuti (ingombranti, sfalci, potature, etc.) presso chi ne farà richiesta in quanto sprovvisto di mezzo proprio per raggiungere l ecoisola; il servizio è rivolto soprattutto alle persone anziane. Il servizio è gratuito e si svolge al sabato, indicativamente dalle ore 8.00 alle ore La prenotazione deve avvenire entro il giovedì precedente. I progetti sociali Nel 2005 il Comune ha partecipato al bando regionale denominato Servizio Civico delle Persone Anziane, volto a realizzare iniziative e progetti rivolti alla terza età. Il progetto presentato dal comune e finanziato per un importo di 8.115,96 Euro, prevedeva 3 diverse iniziative: nonno Vigile: è stata creata la figura del nonno vigile, già esistente in molti altri comuni, come aiuto alla polizia municipale per la vigilanza all entrata e all uscita delle scuole, durante le manifestazioni e le varie iniziative che si svolgono durante l anno; nonno Giardiniere: insieme al nonno Cicerone, è una figura nuova creata per coadiuvare il Comune nella manutenzione delle aree verdi ed aiuole del paese. Attualmente i nonni giardinieri sono 3 (2 signore che curano le aiuole di via Roma ed un signore che cura i giardinetti di strada Cavour); nonno Cicerone: questa figura è stata creata invece per promuovere il patrimonio artistico culturale villafranchese, come accompagnatore/guida di gruppi e turisti che di tanto in tanto visitano il nostro paese a Missione, San Giovanni, nel Monastero, ecc Nell ambito di questo progetto, grazie all impegno di chi ha provveduto alla raccolta del materiale e delle notizie utili, sono stati installati presso i principali monumenti e chiese di Villafranca, dei leggii informativi contenenti notizie sulla storia e l architettura di questi edifici. Una vera e propria carta di identità per chi vede Villafranca per la prima volta o per chi vuole saperne di più. Pagina 43

2 La comunicazione ai cittadini Il bollettino comunale Il sito internet Il periodico ed il sito internet comunale nascono come principali mezzi di comunicazione tra l amministrazione comunale e la cittadinanza, per dare adeguata pubblicità sui provvedimenti e gli atti adottati dalla giunta e dal consiglio comunale, sulle iniziative ed i progetti previsti e sulle manifestazioni in programma. Il sito è stato realizzato nel 2005, in collaborazione con l ingegner Romano Bertinetto. Viene settimanalmente aggiornato, e contiene tutte le informazioni utili sugli uffici, i servizi alle persone e alle imprese, le news sul comune e sulle manifestazioni. Contiene inoltre tutte le notizie riguardanti il paese e le sue attrattive storiche, turistiche e culturali ed è diventato un buon biglietto da visita per promuovere il nostro territorio. E stato inoltre attivato un servizio di dialogo diretto tra l Amministrazione ed i cittadini che vogliono ricevere risposte su svariati argomenti e che possono così contattare il sindaco e gli assessori comunali. Sempre nel 2005 viene pubblicato il primo numero del periodico comunale dal titolo 4 Parole sotto l Ala, che con cadenza semestrale viene inviato a tutte le famiglie villafranchesi per informarle sull attività amministrativa. Prospetto riepilogativo delle pagine del sito nel corso dell anno Report per mese dell'anno Mese Pagine viste % di Pagine viste Grafico gennaio ,17% febbraio ,56% marzo ,82% aprile ,33% maggio ,10% giugno ,61% luglio ,37% agosto ,29% settembre ,40% ottobre ,28% novembre ,07% dicembre ,98% Totale voci elencate (12) ,00% Pagina 44

3 Il Piano Regolatore Generale Comunale (P.R.G.C.) IL TERRITORIO E L EDILIZIA L urbanistica e la pianificazione territoriale Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (P.T.C.P.) approvato dal Consiglio Regionale con D.C.R. n in data ha inserito il comune di Villafranca Piemonte nel Circondario Provinciale di Pinerolo, Sub-ambito Area Vigone, rispetto al quale sono applicabili gli Indirizzo di coordinamento sovracomunale, previsti all art delle Norme di attuazione P.T.C.P. stesso, di cui l Amministrazione Provinciale promuove l attuazione attraverso una concorde strategia a livello sovracomunale di sub-ambito. Per quanto riguarda la tutela ambientale si segnala l Area Protetta Regionale istituita dalla Fascia Fluviale del Po: Riserva naturale speciale della confluenza del Pellice che interessa 452 ha di territorio comunale, 98 dei quali sono altresì ricompresi nel S.I.C. (Sito di Interesse Comunitario), denominato Confluenza Po-Pellice. La direttiva Habitat (direttiva 92/43/ CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche) istituisce la rete ecologica Europea Natura 2000, costituita da siti di interesse comunitario riconosciuti di interesse per la presenza di habitat e specie di fauna e flora. La stessa direttiva Europea, prevede la procedura di valutazione di incidenza per piani o progetti che possono incidere significativamente sui siti della rete Natura Villafranca è interessata dai Biotopi denominati Zona Umida di Zucchea e Bosco di Vigone, rispetto ai quali si applicano le disposizioni contenute all art del P.T.C.P. Pagina 45

4 Pagina 46

5 L attuale P.R.G.C. recepisce e fa proprie le linee guida contenute nel Piano Territoriale Provinciale. Nel quadro di un ottica di programmazione territoriale di scala intercomunale, il P.T.C. individuava per il territorio di Villafranca Piemonte le seguenti linee di indirizzo: il territorio costituisce un area ambientale di elevato interesse paesaggistico, in quanto dotato di parchi e riserve naturali integrati al più vasto sistema dei parchi individuati dalla Regione Piemonte; il territorio è individuato come area mediamente stabile, con una limitata propensione al dissesto; l attività agricola costituisce un settore dotato di una buona redditività di impiego prevalente e con diffusa presenza del part-time; l insediamento urbano ha delle caratteristiche prevalentemente residenziali per le quali sono previsti interventi di completamento e/o di modesto ampliamento; non è ipotizzabile la realizzazione di complesse aree per l insediamento produttivo; è necessario prevedere complessi interventi sulla rete viaria extraurbana; non è particolarmente urgente individuare azioni specifiche di salvaguardia del tessuto edilizio urbano, in quanto privo di un nucleo storico vero e proprio. Il Piano Regolatore Generale Comunale vigente, redatto dall Ing. Elio ZANINETTI di Cavour (To), è stato approvato con deliberazione di Giunta Regionale n del 18/o2/2002. Con deliberazione di Giunta Regionale n del 09/02/2004 e con deliberazione di Giunta Regionale n del 12/02/2007, sono state apportate due varianti strutturali che però non hanno modificato il dimensionamento del P.R.G.C.. Le varianti al P.R.G.C. Nell arco di tempo di validità del vigente P.R.G.C. sono state apportate le seguenti modifiche (varianti) allo strumento urbanistico generale: Anno 2002 Consiglio Comunale n. 22 del Approvazione ampliamento zona RC4 punto intervento 5 del P.R.G.C. accoglimento istanza prot del proprietà sigg. ALCIATO-DEMARIA ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i.. Consiglio Comunale n. 45 del Ampliamento zona RC4 punto di intervento 5 del P.R.G.C. approvazione variante ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i.. Anno 2003 Consiglio Comunale n. 9 del Art. 11 punto 1-4 del N.T.A. del P.R.G.C. - Approvazione variante ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i.. Consiglio Comunale n. 25 del Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i. Ampliamento area normativa PN - Approvazione definitiva. Consiglio Comunale n. 26 del Art. 11 punto 2-2 del N.T.A. del vigente P.R.G.C. Adozione variante ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i. realizzazione locali interrati di fabbricati produttivi Approvazione definitiva. Anno 2004 Consiglio Comunale n. 33 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i. relativa alla riduzione delle aree a servizio S.P. inerenti la zona urbanistica RE9 Approvazione definitiva. Consiglio Comunale n. 70 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della Legge Regionale n e s.m.i. relativa allo stralcio parziale dell area urbanistica TCB alla sua trasformazione in area PN12 Approvazione. Anno 2005 Consiglio Comunale n. 34 del Approvazione variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 8 riguardante la correzione di errori materiali ed incongruenze. Consiglio Comunale n. 42 del Variante parziale n. 7 al P.R.G.C. ai sensi della L.R. 56/77 art. 17 Pagina 47

6 comma 7 - Approvazione. Consiglio Comunale n. 43 del Variante parziale n. 8 al P.R.G.C. ai sensi della L.R. 56/77 art. 17 comma 7 relativa alla circonvallazione in Località Bussi Approvazione. Consiglio Comunale n. 51 del Approvazione Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi della L.R. 56/77 art. 17 comma 7 e ss.mm.ii. riguardante l introduzione della norma relativa al recupero dei ruderi. Consiglio Comunale n. 56 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente relativa all inserimento della nuova Circonvallazione di Cardè. Approvazione. Anno 2006 Consiglio Comunale n. 40 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente ai sensi della L.R. 56/77 art. 17 comma 7 e ss.mm.ii. relativa alla modifica delle classi idrogeologiche in Località Ruinetto Grosso - Approvazione. Consiglio Comunale n. 41 del Variante parziale al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della L.R. 56/77 e ss.mm.ii. Approvazione. Anno 2007 Consiglio Comunale n. 16 del Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 e 8 della L.R. 56/77 e ss.mm.ii Inerente l inserimento delle varianti parziali approvate. Consiglio Comunale n. 43 del Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della L.R. 56/77 e ss.mm.ii Adottata nella seduta del Approvazione. Consiglio Comunale n. 62 del Approvazione Variante al P.R.G.C. vigente ai sensi dell art. 17 comma 7 della L.R. 56/77 e ss.mm.ii Adottata nella seduta del n. 51. Anno 2008 Consiglio Comunale n. 21 del Approvazione Variante Parziale al P.R.G.C. inerenti le modifiche normative precedentemente adottate con D.C.C. n. 63 del Consiglio Comunale n. 45 del Approvazione Variante Parziale al P.R.G.C. adottata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del Consiglio Comunale n. 46 del Approvazione Variante Parziale al P.R.G.C. adottata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del Il Piano del centro storico Piano attuativo ed esecutivo del nostro P.R.G.C., a corredo e completamento dello stesso, è il Piano del centro storico, redatto dall Arch. Luigi CASETTA di Villafranca Piemonte. Il Piano del commercio I Criteri e l adeguamento del P.R.G.C. ai sensi dell art. 8, comma 3 del D.Lgs 114/98 ed all art. 4 comma 1 della L.R. 28/99 per l esercizio del commercio al dettaglio in sede fissa ai sensi della D.C.R. n /1999 e s.m.i., sono stati approvati con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 24/11/2008 avente per oggetto: Variante parziale al P.R.G.C. ai sensi dell art. 17 comma 7 L.R.56/77 e s.m.i. con cui sono stati recepiti i disposti della D.C.R del 24/03/2006, riconoscendo nel territorio comunale gli addensamenti e le localizzazioni commerciali presenti e conseguentemente adeguando opportunamente la normativa del P.R.G.C.. Il Piano del colore Il Piano del Colore è un progetto di riqualificazione dell immagine del paese, che regola il corretto svolgimento delle operazioni di coloritura, pulitura e restauro delle facciate o di parti di esse, e di manufatti di arredo urbano nel territorio comunale. Il Piano del Colore rappresenta uno strumento valido ed efficace per fornire agli operatori pubblici e privati le linee guide necessarie ad assicurare i massimi livelli di compatibilità e coerenza formale delle colorazioni e dei rapporti cromatici negli interventi edilizi. Il Piano del Colore di Villafranca Piemonte, redatto dall Arch. Luigi Casetta, e in corso di approvazione, non vuole normare rigidamente ma offrire possibilità d azione ai progettisti. Pagina 48

7 Il Regolamento acustico Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 33 del 28/06/2005, il Consiglio Comunale ha approvato il Regolamento acustico comunale, predisposto a corredo del Piano di zonizzazione acustica comunale, e per l applicazione delle normative in materia di tutela dall inquinamento acustico. Informatizzazione del P.R.G.C. È stata avviata nel 2005, con l affidamento dell incarico alla ditta S.I.T. Sistemi Informativi Territoriali di Biella, ed è in fase di conclusione, la procedura per l informatizzazione del P.R.G.C.. Si avrà così la base cartografica aggiornata del piano regolatore digitalizzata e il collegamento tra le Norme Tecniche di attuazione e le singole aree di intervento, al fine di rendere maggiormente accessibile l utilizzo del piano stesso agli utenti, sia professionisti che cittadini. Catalogo dei beni culturali architettonici Nel 2004, è stato approvato, nell ambito del Catalogo dei beni culturali architettonici relativo al censimento dei beni culturali ed architettonici in ambito comunale ai sensi della legge regionale 35/95, il Censimento delle cascine aventi particolari caratteri e pregi storico-architettonici. Il censimento, finanziato per l intera somma dalla Regione Piemonte, è stato redatto dagli Arch. Nadia PERNACI e Salvatore ROSATO di Torino. Nel 2006, a completamento del Catalogo, è stato approvato il Censimento degli edifici storici e dei piloni votivi, redatto dall Arch. Luigi CASETTA di Villafranca Piemonte, realizzato sempre con finanziamento regionale. Il Catalogo dei beni censiti è parte integrante del Regolamento edilizio comunale e costituisce non un vincolo per gli immobili oggetto di censimento, bensì un opportunità di punteggio in caso di eventuali contributi per il recupero e la ristrutturazione degli edifici e un indicazione sulle caratteristiche tipologiche da conservare e mantenere. La Commissione Igienico-Edilizia Comunale Di supporto all attività di espletamento dell istruttoria sulle pratiche edilizie svolta dall Ufficio tecnico comunale, la Commissione Igienico-Edilizia Comunale, nominata dal Consiglio Comunale, è composta da: - Arch. Marco PAIRONE di Pinerolo Presidente (nominato dalla maggioranza); - Geom. Roberto MINA di Moretta Membro(nominato dalla maggioranza); - Ing. Claudio BADARIOTTI di Pinerolo Membro (nominato dalla maggioranza); - Arch. Michele CRAVERO di Villafranca Piemonte Membro(nominato dalla minoranza); Fino al 2005, ne facevano anche parte il Sindaco (Presidente), il Consigliere Marina Bordese (nominato dalla maggioranza) e il Consigliere Mattia Baudracco (nominato dalla minoranza). Con la modifica alla normativa introdotta nel 2005, è stata esclusa dalla Commissione la presenza degli amministratori. L attività edilizia Particolarmente intensa è stata in questi ultimi anni l attività edilizia sul territorio villafranchese, in quanto a seguito dell approvazione, nel 2002, da parte della Regione Piemonte del P.R.G.C. vigente, sono stati presentati i vari P.E.C. (Piani Esecutivi Convenzionati) e i piani di recupero (PdR) previsti dallo strumento urbanistico. Tabella permessi di costruire/dia Pagina 49

8 Confronto anni precedenti Tabella certificati di destinazione urbanistica (C.D.U.) Confronto anni precedenti Tabella occupazioni suolo pubblico L abbattimento delle barriere architettoniche Per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati è previsto annualmente un contributo a fondo perduto della Regione Piemonte. La richiesta va redatta sulla modulistica predisposta dalla Regione Piemonte Direzione Programmazione strategica, Politiche territoriali ed edilizia- Settore attuazione degli interventi in materia edilizia, e consegnata al Comune entro il 1 marzo di ogni anno. Hanno diritto al contributo: - le persone disabili che sostengono direttamente le spese per l eliminazione delle barriere architettoniche; - coloro che hanno a carico soggetti disabili in quanto genitori o tutori; - le persone che sostengono le spese in qualità di proprietari dell immobile o parenti o altri soggetti allo scopo di adattare l alloggio o facilitare l accesso in cui risiede una persona disabile; - i condomini ove risiedono gli stessi soggetti, per le spese di adeguamento delle parti comuni; - i centri e gli istituti residenziali per l assistenza a persone disabili. Le manutenzioni ordinarie La gestione delle manutenzioni, delle aree verdi, delle strade e della segnaletica Manutenzione ordinaria impianti di riscaldamento edifici comunali (gestione ACEA Pinerolese Industriale SpA di Pinerolo) Pagina 50

9 Spesa per riscaldamento edifici comunali impegnata (compresi piccoli interventi di manutenzione): Manutenzione ordinaria ascensori comunali (compresa pedana montascale) Acquisto e spandimento catrame per rappezzi stradali Acquisto e spargimento ghiaia su strade sterrate Risagomatura strade sterrate comunali Sfalcio aree verdi e potatura alberi (compresi anche gli allestimenti floreali) Taglio cigli stradali Pagina 51

10 Manutenzioni edili sugli immobili comunali Manutenzioni sugli impianti elettrici degli immobili comunali (*)compresa la manutenzione sull illuminazione pubblica comunale Manutenzioni sugli impianti idraulici degli immobili comunali Manutenzioni giochi bimbi aree verdi Manutenzioni pedana montascale scuola primaria Gli interventi di manutenzione ordinaria delle aree verdi sono affidati con appalto ad una ditta esterna. Per quanto riguarda la manutenzione della segnaletica stradale viene effettuata dagli operai comunali. Pagina 52

11 Gli interventi straordinari sulle aree verdi sono stati: L illuminazione pubblica La manutenzione ordinaria e gestione degli impianti di illuminazione pubblica (dei tratti non comunali) è affidata alla ditta So.le Gruppo ENEL. Gli interventi straordinari sulla rete di illuminazione pubblica sono stati: Dal 1996 al 1998 la media degli interventi richiesti alla So.le Gruppo Enel era di 25 interventi l anno; dal 1999 al 2002 è stata di 120 interventi l anno; dal 2003 al 2008 si è assestata sui 70 l anno. il consumo energia dell illuminazione pubblica di proprietà Enel è forfettario ed è calcolato su ore l anno per Kw per ogni punto luce. Pagina 53

12 La protezione civile Nel 2005 è stato approvato il Regolamento di protezione civile comunale; successivamente, grazie a contributi regionali, sono stati acquistati mezzi e attrezzature (2, gruppi elettrogeni, 2 pompe idrovore acque sporche, 2 torre faro, un impianto ricetrasmittente, attrezzatura varia, un autocarro IVECO Daily con gru, un motocarro PIAGGIO Quargo, ecc.). Nel 2008 è stato approvato il Piano di protezione civile e sono state attivate le procedure per istituire il Gruppo Comunale di Volontari della protezione civile. L AMBIENTE Gli eco-punti e il passaggio da tassa raccolta rifiuti (T.A.R.S.U.) a tariffa igiene ambientale (T.I.A.) Dopo quasi sessanta anni di gestione TASSA RIFIUTI con il D.Lgs n. 22, cosiddetto Decreto Ronchi sono state recepite alcune Direttive Comunitarie in materia di rifiuti avendo come obbiettivo la riduzione, se non l eliminazione dello smaltimento dei rifiuti in discarica a favore del recupero degli stessi. Con la Legge 23 dicembre 1999, n. 488 sono state altresì stabilite le tempistiche di applicazione della tariffa con scadenze scaglionate a partire dal 1 gennaio 2003 in base al grado di copertura dei costi del servizio nell anno 1999 e al numero di abitanti dei singoli Comuni. Il Legislatore ha ritenuto opportuno definire un regime transitorio regolato dall art. 11 D.P.R , n. 158 per l introduzione del nuovo sistema, che, per il Comune di Villafranca Piemonte era il Nonostante ciò, dal primo di gennaio 2005 l Amministrazione Comunale ha voluto effettuare il passaggio prima dei termini, al fine di poter arrivare gradatamente alla corretta applicazione della Tariffa, attuando manovre correttive al fine di renderla equa e correttamente applicabile alla scadenza, introducendo progetti sperimentali come gli eco-punti realizzati in 4 comuni del pinerolese. La suddivisione tra parte fissa e parte variabile della tariffa, l analisi delle utenze da suddividere in domestiche e non domestiche, l acquisizione dei dati dalla precedente gestione, il passaggio e la catalogazione degli stessi ha impegnato il personale comunale, però il margine di errore è stato pressoché azzerato e i risultati soddisfacenti. Successivamente, il Comune, insieme al Consorzio ACEA, si è impegnato notevolmente a ridurre i quantitativi di raccolta rifiuti, con servizi innovativi ed obiettivi specifici quali: - l introduzione sul territorio delle AREE OMOGENEE, con la costituzione di n. 30 eco-punti ognuno concernente le seguenti tipologie di rifiuto: residuo secco umido carta e cartone plastica vetro - la consegna di compostiere e sacchetti verdi per ridurre la frazione umida del rifiuto; - l applicazione di agevolazioni per comportamenti virtuosi (cartone e autosmaltimento) da parte delle utenze non domestiche; - la raccolta della plastica e dei teli del comparto agricolo. Pagina 54

13 Il Comune di Villafranca Piemonte avendo realizzato percentuali di raccolta differenziata notevoli ha potuto aderire ad iniziative promosse dalla Provincia di Torino e dalla Regione Piemonte, con Bandi per l assegnazione di contributi finanziari inerenti la realizzazione di progetti relativi alla raccolta integrata dei rifiuti urbani, non per ultimo il contributo di Euro ,00 per aver raggiunto nell anno 2008 percentuali vicine o superiori al 50% (così come dimostrato nella Tabella). TABELLA ENTRATA E SPESA TASSA RIFIUTI (DATI CONTO CONSUNTIVO) Pagina 55

14 L eco-isola Realizzata dall ACEA Pinerolese Industriale SpA in località San Grato, nel 2002, per il conferimento dei rifiuti ingombranti, degli imballaggi di cartone di grosse dimensioni, degli sfalci e dei resti di potatura, dal 1 luglio 2008 ospita anche un contenitore per la raccolta di oli e grassi da frittura. Dal 1 marzo 2007, gli orari di apertura sono: - martedì dalle ore 11 alle ore 14; - sabato dalle ore 9 alle ore12 e dalle ore 14 alle ore 17. Per incentivare la raccolta differenziata, artigiani e commercianti villafranchesi che conferiscono il cartone all ecoisola, hanno diritto annualmente, secondo quanto stabilito dalla Giunta Comunale, ad uno sconto sulla Tariffa di Igiene Ambientale. La manutenzione dell ambiente Gli interventi di manutenzione straordinaria in materia di ambiente e tutela del territorio hanno riguardato canali e bealere, recupero e smaltimento di eternit abbandonato e recupero e smaltimento di rifiuti abbandonati. Pagina 56 Azioni di promozione ecologica e tutela ambientale In occasione della Giornata Mondiale dell Ambiente del 5 giugno 2008, l Amministrazione Comunale per promuovere il risparmio energetico come fattore di sviluppo economico e sociale, nonché come valore ambientale e civile, ha omaggiato tutti i ragazzi delle scuole del paese di una lampadina a basso consumo fornita gratuitamente dalla Società So.l.e. del Gruppo Enel. Si tratta di un oggetto di uso quotidiano che rende concretamente possibile una riduzione dei costi di energia, tanto a livello privato quanto a livello pubblico. Questa campagna di sensibilizzazione si inserisce in un più ampio progetto di promozione del risparmio energetico e di investimenti nell impiego di fonti alternative negli edifici pubblici, che il Comune di Villafranca Piemonte sta predisponendo e che verranno messi in atto nei prossimi mesi. In collaborazione con l Associazione Liberi Pescatori e Legambiente Circolo Val Pellice, l Amministrazione Comunale ha contribuito nel 2006 e nel 2007 all iniziativa Operazione fiumi, organizzata a livello nazionale da Legambiente e Protezione Civile, per la pulizia delle sponde del Torrente Pellice, fornendo ai partecipanti un cassone per la raccolta dei rifiuti abbandonati. Boschetto naturalistico di Missione Grazie al lavoro del Comitato L Ciuchè di San Giovanni, il boschetto adiacente all area della Cappella di Missione è stato ripulito a riportato alle origini con la riscoperta di numerosi fontanili. L area è stata attrezzata per il pic nic con la posa di tavoli, panche e cestini. Concorso Balconi Fioriti Nel 2005 e nel 2006, l Amministrazione Comunale ha indetto il Concorso Balconi fioriti per l abbellimento degli

15 edifici privati del concentrico e per la partecipazione al concorso nazionale Comuni Fioriti, ottenendo l attestato di Comune accogliente e una fornitura annuale di fiori per le aiuole del paese. Gli Sportelli Energia della Provincia di Torino Il Comune di Villafranca Piemonte nel 2008 ha aderito agli Sportelli Energia promossi dalla Provincia di Torino, e in particolare a quelli operanti sul territorio pinerolese. Gli sportelli offrono consulenza gratuita in merito ai vantaggi economici ed energetici connessi all uso delle fonti rinnovabili di energia e all impiego di tecnologie per l efficienza energetica. Hanno sede a Pinerolo, presso lo Sportello Unico per le attività produttive, in Viale Giolitti 7; a Torre Pellice, presso la Comunità Montana Val Pellice, in Via Bombardini 2, e a Perosa Argentina, presso la Comunità Montana Valli Chisone e Germanasca, in Via Roma 22. I LAVORI PUBBLICI La manutenzione del patrimonio comunale Particolare attenzione è stata posta dall Amministrazione Comunale nella cura e nella manutenzione del patrimonio comunale. Oltre agli interventi di manutenzione ordinaria, necessari a garantire il normale e corretto funzionamento degli impianti e la fruizione degli immobili, sono stati realizzati i seguenti interventi straordinari: sul Palazzo Comunale Pagina 57

16 sull edificio dell ex oratorio di Via San Sebastiano sull edificio ospitante la Caserma dei Carabinieri nel Cimitero Comunale sull arredo urbano Le opere pubbliche RESTAURO FACCIATE DEL PALAZZO COMUNALE, DELL ALA COMUNALE, DELLA CASERMA DEI CARABINIERI E DEGLI UFFICI POSTALI E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEL TETTO DEL PALAZZO COMUNALE. Importo complessivo lavori: Euro ,41. L intervento venne avviato nel 2003 prevedendo: da un lato il restauro delle facciate del palazzo comunale, dei pilastri dell ala, del fabbricato sede della caserma dei carabinieri e ufficio postale (su progetto dell Arch. Luigi Casetta), dall altro la manutenzione straordinaria del tetto del palazzo comunale (su progetto dell Arch. Ugo Perassi). L Amministrazione Comunale nell anno 2005, nella fase di elaborazione del progetto esecutivo delle due opere, ha deciso, al fine di renderne più agevole e rapida la realizzazione, di unificarle i un unico intervento da affidare con un unico appalto ad un unica ditta. Il progetto esecutivo, redatto dall Arch. Luigi Casetta, è stato approvato con deliberazione della giunta comunale n. 71 del I lavori sono stati appaltati all Associazione temporanea di imprese costituita dalla ditta Artes s.r.l di Brà e dalla ditta De Marchi & C. s.a.s. di Saluzzo e, iniziati nel mese di settembre 2005 sono stati conclusi nell anno I lavori sono stati finanziati con mutuo contratto con la Cassa Depositi e Prestiti e con fondi propri di bilancio. Pagina 58

17 LAVORI VARI ESEGUITI PRESSO IL PALAZZO COMUNALE E L IMMOBILE SEDE DELLA CASERMA DEI CARABINIERI Importo complessivo interventi: Euro ,37. L Amministrazione Comunale ha dato corso in questi anni ad interventi volti al miglioramento della qualità e funzionalità degli spazi interni del Palazzo comunale, nella fattispecie ha provveduto, su progetti dell Ufficio tecnico comunale, alla sistemazione dell Albo pretorio con la nuova pavimentazione in pietra e ritinteggiatura delle pareti, alla ritinteggiatura di tutti gli uffici comunali, all acquisto di nuovi arredi, al trasferimento dell Ufficio della Polizia municipale dalla precedente sede affacciata su piazza Cavour alla nuova sede aperta sulla Via Roma, alla creazione dell Ufficio Informazioni e Turismo nei locali prima destinati alla polizia municipale, alla realizzazione di un servizio igienico per gli uffici del secondo piano e alla messa in opera di nuovi serramenti per il Palazzo comunale e per l edificio sede della caserma dei carabinieri. I lavori di sistemazione dell Albo pretorio sono stati eseguiti dalla ditta Artes s.r.l. di Bra, la pavimentazione in pietra è stata fornita dalla ditta Campra s.n.c. di Villafranca Piemonte e posata in opera dalla ditta Grande Francesco di Casalgrasso. I lavori di sistemazione dei locali da destinarsi al nuovo ufficio della Polizia municipale, dei locali destinati all ufficio turismo e informazioni e la creazione del bagno al secondo piano, sono stati eseguiti dalla ditta Maia Costruzioni s.n.c. di Moncalieri. La ritinteggiatura interna degli uffici è stata eseguita dall operaio comunale, Paolo Iberi, e i nuovi serramenti sono stati realizzati e posati dalla ditta Rovetto di Villafranca Piemonte. I lavori sono stati finanziati con mutuo contratto con la Cassa Depositi e Prestiti, fondi propri di bilancio e contributo regionale. MANUTENZIONE STRAORDINARIA TETTI DI ALCUNI STABILI COMUNALI Nell anno 2007 sono stati condotti i lavori di manutenzione straordinaria dei tetti di alcuni stabili comunali; nella fattispecie i lavori hanno interessato il tetto dell immobile sede della Caserma dei carabinieri, dell Ufficio postale, dell archivio storico e il tetto della biblioteca comunale, realizzati su progetto dell Ufficio Tecnico Comunale, per un importo complessivo delle opere in progetto ( lavori e somme a disposizione) ammonta a Euro ,54. Finanziamento: contributo regionale di Euro e mutuo contratto con la Cassa Depositi e Prestiti per la restante somma. Ditta appaltatrice: Maurino Antonio di Luserna San Giovanni (To). REALIZZAZIONE NUOVO PESO PUBBLICO Importo complessivo: Euro ,99. È stato realizzato nell anno 2006, su progetto dell Ing. Piergiacomo Chiola, il nuovo peso pubblico in località Cimitero. La scelta di tale area, a discapito dell area precedentemente individuata in Via Vigone, è stata motivata dal fatto che il lotto sul quale è stato realizzato risulta più esterno al centro abitato, in migliori condizioni di traffico e pertanto di accesso più agevole. Il progetto, approvato con deliberazione della giunta comunale n. 106 del , è stato appaltato alla ditta Vada Costruzioni Generali s.r.l. di Cavour. LAVORI ESEGUITI PRESSO IL CAMPO SPORTIVO DI VIA ALDO MORO I lavori, eseguiti nell anno 2005, su progetto dell Ufficio tecnico comunale, sono consistiti nella rimozione e smaltimento della copertura in eternit della bocciofila comunale e nella posa in opera di nuovo manto in pannelli coibentati in lamiera acciaio. Importo complessivo: Euro ,00. Ditta appaltatrice: So. Edil.Car di Moretta. MANUTENZIONE STRAORDINARIA IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE CAMPO DI CALCIO COMUNALE Importo complessivo: Euro ,32. Su progetto dell Ing. Giuseppe Ridolfo di Grugliasco è stato realizzato un intervento di manutenzione straordinaria dell impianto di illuminazione del campo di calcio comunale. L intervento ha visto la sostituzione dei proiettori sul campo, l installazione di un quadro per ciascuna torre faro e l adeguamento del quadro generale esistente. L intervento è stato realizzato tenendo presenti i risultati dell AC Villafranca nel proprio campionato di categoria, pertanto le caratteristiche di illuminazione del campo sono oggi idonee ad una eventuale promozione dell AC Villafranca in un campionato di categoria superiore Il progetto esecutivo è stato approvato con deliberazione della giunta comunale n. 87 del e appaltato alla ditta S.A.I.E.L. s.n.c. di Villafranca Piemonte. Pagina 59

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE

VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER IL CONSEGUIMENTO DEL CERTIFICATO PREVENZIONE INCENDI NELLE SCUOLE MATERNE DI: CORSO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI GUAGNANO (LE) ADEGUAMENTO DI UN IMMOBILE DI VIA BIRAGO NELLA FRAZIONE DI VILLA BALDASSARRI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIO- EDUCATIVO E RIABILITATIVO PER DIVERSAMENTE ABILI RELAZIONE

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA COMUNE DI MONTIGLIO MONFERRATO Provincia di ASTI- OGGETTO : Progetto per la manutenzione straordinaria di edificio scolastico con interventi di adeguamento a normative vigenti PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

QUOTA STANZIATA 10.000,00

QUOTA STANZIATA 10.000,00 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO DI LASTRE IN CEMENTO AMIANTO IN FABBRICATI ED EDIFICI AD USO RESIDENZIALE E PERTINENZE QUOTA STANZIATA

Dettagli

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI

1. Attrezzature scolastiche DATI GENERALI PLANIMETRIA FOTOGRAFIE DATI URBANISTICI DATI UTENZA E ATTREZZATURE ATTREZZATURE E SICUREZZA VINCOLI 1. Attrezzature scolastiche N SCHEDA 84 DATI GENERALI TIPOLOGIA 1.1 asilo nido PROPRIETA' pubblica SPECIFICA PROP comunale LOCALITA' PONTECCHIO GESTIONE mista INDIRIZZO via Porrettana 197 DENOMINAZIONE

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016.

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016. Edizione 2016 Bando per interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione e riqualificazione degli edifici scolastici e per la formazione professionale. Il Bando è suddiviso in due misure: Misura 1) Interventi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa L Amministrazione Comunale di Matino ha incaricato il sottoscritto Arch. Daniele Cataldo a redigere il seguente progetto definitivo-esecutivo (al fine della realizzazione

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI COMUNE di ROE VOLCIANO provincia di Brescia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI Massimo Ronchi - Sindaco dott. Salvatore Labianca - Segretario comunale arch. Giovanni Cigognetti - Progettista

Dettagli

Comune di San Giovanni La Punta Prov. di Catania

Comune di San Giovanni La Punta Prov. di Catania Comune di San Giovanni La Punta Prov. di Catania PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PER L IMPLEMENTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI IN TERMINI DI INCREMENTO DELL UTENZA

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

ELENCO CAPITOLI USCITA

ELENCO CAPITOLI USCITA ELENCO CAPITOLI USCITA DESCRIZIONE 2010 2011 Indennità a Sindaco, Assessori e Consiglieri Indennità missione e rimborso spese per amministratori Rimborso datori di lavoro permessi amm.ri 18.400,00 18.400,00

Dettagli

PLESSO SCOLASTICO VIA PEPE, 40. Zona 9

PLESSO SCOLASTICO VIA PEPE, 40. Zona 9 PLESSO SCOLASTICO VIA PEPE, 40 Zona 9 Lavori di ristrutturazione: Bonifica delle facciate in cemento amianto, sostituzione dei serramenti, riordino interno ed esterno, rifacimento impianto elettrico e

Dettagli

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE

MANUTENZIONE EDIFICI ISTRUZIONE Centro di responsabilità n. 01.601 Manutenzioni Responsabile: arch. Massimiliano Filipozzi Programma RPP n.1 Area Organizzativa: Gestione Territorio Servizio Organizzativo di Riferimento Manutenzione Reti

Dettagli

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane.

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Amedeo Urbano De Marco, Responsabile di Commessa, CNS Consorzio Nazionale Servizi Poste Italiane: un

Dettagli

Scuola materna Maria Immacolata. Indirizzo: Via Aldo Moro, 6. Caratteristiche dimensionali: Sup coperta. Slp

Scuola materna Maria Immacolata. Indirizzo: Via Aldo Moro, 6. Caratteristiche dimensionali: Sup coperta. Slp SCHEDA S.S. N 2 : Scuola materna Maria Immacolata Data compilazione scheda Marzo 2009 Immobile: Località: Scuola materna Maria Immacolata S.Stefano Indirizzo: Via Aldo Moro, 6 Tipologia struttura: Scuola

Dettagli

RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006

RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006 RENDICONTO DI GESTIONE PARCO E VILLA REALE DI MONZA - ANNO 2006 ENTRATE CODICE RISORSA DESCRIZIONE RISORSA ACCERTATO 3010440 PROVENTI DIVERSI PARCO E VILLA REALE 6.015,00 3020520 FITTI REALI DI FONDI RUSTICI

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

N.B. Si prega di citare, nella risposta, il nostro numero di protocollo. c.f. 80002130195

N.B. Si prega di citare, nella risposta, il nostro numero di protocollo. c.f. 80002130195 AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 0372/4061 - fax n 0372/406499 e-mail: patrimonio@provincia.cremona.it c.f. 80002130195 Oggetto: ISTITUTO PROFESSIONALE

Dettagli

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara

Edilizia Scolastica. Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara Edilizia Scolastica Interventi finanziati dalla Regione Piemonte in Provincia di Novara I Comuni Agrate Conturbia Borgo Ticino Borgolavezzaro Dormelletto Carpignano Sesia Casalino Fara N.se Grignasco Lesa

Dettagli

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 31 del 15/06/2006 RELAZIONE AL CONTO DEL BILANCIO ESERCIZIO FINANZIARIO 2005 L applicazione del D.Lgs. n. 267/2000, ha profondamente innovato la gestione

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI PER L'ANNO 2013-2015 - 3^ variazione al bilancio - assestamento

PIANO DEGLI INTERVENTI PER L'ANNO 2013-2015 - 3^ variazione al bilancio - assestamento PIANO DEGLI INTERVENTI PER L'ANNO 2013-2015 - 3^ variazione al bilancio - assestamento INVESTIMENTO OGGETTO ANNO 2013 RISORSA ENTRATA CAPITOLO ENTRATA DESCRIZIONE IMPORTO FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CHIAVARI Assessorato ai Servizi Sociali e Politiche per la Casa Avv. Nicola Orecchia

COMUNE DI CHIAVARI Assessorato ai Servizi Sociali e Politiche per la Casa Avv. Nicola Orecchia COMUNE DI CHIAVARI Assessorato ai Servizi Sociali e Politiche per la Casa Avv. Nicola Orecchia Progetto CHIARELLA Primo classificato nel Bando Regionale Edilizia Sociale Rigenerazione Urbana SOGGETTI COINVOLTI

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI

Antonio Marrazzo. Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano IL SINDACO E LA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI Antonio Marrazzo Assessore al patrimonio, opere pubbliche e decoro urbano Attività dei diversi settori PROGETTI - N 101 - EDILIZIA SCOLASTICA tot 21.000.402,38 24% STRADE tot 12.155.500 23% ALLOGGI COMUNALI

Dettagli

Progetto Esecutivo. ELABORATO: RE_ Relazione opere edili. IL PROGETTISTA Arch. Mariangela Cimma

Progetto Esecutivo. ELABORATO: RE_ Relazione opere edili. IL PROGETTISTA Arch. Mariangela Cimma Progetto Esecutivo PON FESR Ambienti per l Apprendimento Asse II Qualità degli ambienti scolastici Obiettivo C Bando Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010 I.S.I.S. Gaetano Filangieri Via Sen. Pezzullo,7 FRATTAMAGGIORE

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore Territorio e Sviluppo Economico Allegato A STUDI DI FATTIBILITA - PROGRAMMA MANUTENZIONI INTERVENTI PIANO OPERE PUBBLICHE ANNO 2014 0. PREMESSE Il programma

Dettagli

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente.

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. PREMESSO Che con D.C.C. n. 106 del 21.12.1993 modificata con DCC n.17 del 1997 si approvava

Dettagli

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE

Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A RELAZIONE Comune di A C Q U A V I V A P I C E N A Intervento edilizio di: i n t e r v e n t o d i a d e g u a m e n t o d e l c e n t r o d i i n f o r m a z i o n e t u r i s t i c a Ubicato in: piazza San Niccolo

Dettagli

PROBLEMA AMIANTO: aspetti gestionali e procedure di bonifica. Casale Monferrato, 11 febbraio 2005 Ing. Domenica Catalfamo Dott. Giuseppe Postorino

PROBLEMA AMIANTO: aspetti gestionali e procedure di bonifica. Casale Monferrato, 11 febbraio 2005 Ing. Domenica Catalfamo Dott. Giuseppe Postorino PROBLEMA AMIANTO: aspetti gestionali e procedure di bonifica Casale Monferrato, 11 febbraio 2005 Ing. Domenica Catalfamo Dott. Giuseppe Postorino Attività in itinere sul territorio della Provincia di Reggio

Dettagli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli Riferimenti normativi in essere sugli acquisti Verdi pubblici. Contributo del Dr. Giuseppe Torelli D.Lgs 22/97: il 40% del totale dei consumi di carta riciclata D.M. 27.03.98: il 50% di veicoli a carburanti

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine Riservato al protocollo Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine ALLEGATA ALLA : SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (art. 20 e 21 L.R. 31/2002) RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE

BANDO PER LA CONCESSIONE BANDO PER LA CONCESSIONE Dl CONTRIBUTI PER LA BONIFICA, RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI COPERTURE IN AMIANTO DA FABBRICATI ED EDIFICI AD USO CIVILE, PRODUTTIVO, COMMERCIALE, TERZIARIO ED AGRICOLO. ANNO 2015

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 DEL 07-04-2011 OGGETTO: POLITICA AMBIENTALE. OBIETTIVI, TRAGUARDI E PROGRAMMI AMBIENTALI PARERE TECNICO Ai sensi dell Art. 49, comma

Dettagli

Progetto N 7 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI

Progetto N 7 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI P23 MODULISTICA MD04 Rev. 2 del 07/03/07 Progetto N 7 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI Oggetto: Edifici e strade varie Importo quadro economico:. 800.000,00 DOCUMENTI PROGETTO

Dettagli

IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE f.to FRANCESCO VALDUGA f.to GIUSEPPE DI GIORGIO

IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE f.to FRANCESCO VALDUGA f.to GIUSEPPE DI GIORGIO Allegato B alla deliberazione giuntale n. 19 di data 16.02.2016 Scheda Peg investimenti 2016-2018 per centro gestore IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE f.to FRANCESCO VALDUGA f.to GIUSEPPE DI GIORGIO 030000

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via Roma/Q. Di Vona n civico: s.n.c Superficie

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 (Approvato dal Consiglio comunale con delibera n. 108 del 27 maggio 2011) Anno 2011 Protezione e valorizzazione dell

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C ALLEGATO 2 REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C SCHEDA DI CANDIDATURA DELL'INTERVENTO Ente proponente Consorzio del Parco del Trebbia Area protetta Parco Regionale

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via S.Elia n civico: s.n.c. Superficie

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DEL PRESIDIO

Dettagli

Comune di Vernate Provincia di Milano

Comune di Vernate Provincia di Milano Comune di Vernate Provincia di Milano SINTESI RISULTANZE FINALI RENDICONTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA ANNO 2010 Con l approvazione del Rendiconto di gestione anno 2010 l Amministrazione Comunale vuole

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Il Piano Attuativo in progetto concerne gli immobili situati in Tavernerio Via Giovanni XXIII contraddistinti al Catasto Terreni Foglio 9 dai mapp. n. 668 (parte), 1329, 1327,

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Città di Castelvetrano Selinunte

Città di Castelvetrano Selinunte Regione Siciliana Città di Castelvetrano Selinunte Staff del Sindaco Ufficio Comunicazione Istituzionale Piazza Umberto I 91022 Castelvetrano (Tp) Tel. 0924/909250 Telefax: 0924/905688 Libro Bianco parte

Dettagli

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno

Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno Comune di Pesaro Piano Particolareggiato dell area di Largo Ascoli Piceno RELAZIONE TECNICA Inquadramento urbanistico L intervento rientra nel Comparto Attuativo B/C del Piano Particolareggiato in oggetto

Dettagli

GESTIONE DELLE STRUTTURE CIMITERIALI, DELLA CASA SOCIALE E DELLE AREE

GESTIONE DELLE STRUTTURE CIMITERIALI, DELLA CASA SOCIALE E DELLE AREE COMUNE DI VIGO RENDENA PROVINCIA DI TRENTO N. 153 REP. ATTI PRIVATI OGGETTO: CONVENZIONE TRA I COMUNI DI VIGO RENDENA E DI DARE PER LA GESTIONE DELLE STRUTTURE CIMITERIALI, DELLA CASA SOCIALE E DELLE AREE

Dettagli

Il bando Liguria/unioni di Comuni

Il bando Liguria/unioni di Comuni Il bando Liguria/unioni di Comuni Contributi alle nuove Unioni di Comuni Amministrazione Erogatrice Regione Liguria Istituzionale Normativa Dlgs 18 agosto 2000 n.267, articolo 32 Dl 31 maggio 2010 n.78/2010,

Dettagli

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 LE SCUOLE PRIMARIE SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 La scuola primaria B. Ferrari è ospitata in un edificio storico di pregio la cui costruzione risale all anno 1927

Dettagli

C O M U N E D I C A M B I A N O

C O M U N E D I C A M B I A N O C O M U N E D I C A M B I A N O MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO EDILIZIO INCARICO DEL 20/10/2014 RELAZIONE I Tecnici Incaricati Ing. Andrea BAUCHIERO Geom. Gianluigi PAGLIERO COMUNE DI CAMBIANO

Dettagli

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Ecoincentivi: interventi sul risparmio energetico e modifiche apportate portate nella finanziaria 2008 per la detrazione

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

PROGRAMMA N. 1 17.200,00

PROGRAMMA N. 1 17.200,00 PROGRAMMA N. 1 1.01.01.03 10 Indennità Sindaco, assessori, gettoni di presenza consiglieri 22.000,00 1.01.01.03 40 Spese per elezioni amministrative 1.01.01.03 50 Compensi e rimborsi al revisore dei conti

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Gennaio 2015 Santa Lucia di Piave, lì 19 gennaio 2015 Oggetto: Finanziaria 2015 NOVITA E CONFERME PER IL 65% ( RISPARMIO ENERGETICO ) E 50 %( RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ) Con la Finanziaria

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

Comune di Tradate. Bilancio di previsione 2015 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CENTRO DI COSTO UFFICIO TECNICO

Comune di Tradate. Bilancio di previsione 2015 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CENTRO DI COSTO UFFICIO TECNICO Comune di Tradate Bilancio di previsione 2015 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE CENTRO DI COSTO UFFICIO TECNICO Riferimenti Peg Centro di costo n. 901 Ufficio Tecnico Responsabile Centro di costo Geom. Cristina

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA CASA EX-NORBIATO PRESSO LA DISCARICA DI PONTE SAN NICOLO I lavori indicati in questa relazione riguardano la ristrutturazione di un fabbricato

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI PROGETTO ESECUTIVO MESSA IN SICUREZZA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI, COMPLESSO SCOLASTICO VIA PIXINORTU ANGOLO VIA GARAU ALLEGATO 1 RELAZIONE

Dettagli

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica

1992 DM 26/08/92 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica Legge 11/01/96 n. 23 Norme per l edilizia scolastica 1. Premessa La presente relazione è parte integrante del progetto preliminare dei Lavori di adeguamento per la divisione del plesso scolastico di via Segni in due parti: scuola per l'infanzia al piano

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 293 07. 09. 2012 I bonus per l edilizia: alcuni casi pratici Il maggiore sconto è attualmente previsto fino a giugno 2013 Categoria: Irpef Sottocategoria:

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE Regolamento urbanistico Appendice 4 Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche 16 maggio 2008 1. Premessa

Dettagli

Anno 2012. Committenti: Condomini

Anno 2012. Committenti: Condomini 2) PROGETTAZIONE Progettazione, Direzione Lavori, Contabilità di cantiere, Redazione di piani di sicurezza in fase progettuale ed esecutiva ai sensi del D.Lgs. 81/08, Verifiche per riqualificazioni energetiche,

Dettagli

LAVORI DI RECUPERO EDILIZIO E ADEGUAMENTO NORMATIVO PIANO TERRA EDIFICIO VIA MURONI, 25 CIG 1338687F71 RELAZIONE TECNICA - PROGETTO ESECUTIVO

LAVORI DI RECUPERO EDILIZIO E ADEGUAMENTO NORMATIVO PIANO TERRA EDIFICIO VIA MURONI, 25 CIG 1338687F71 RELAZIONE TECNICA - PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI RECUPERO EDILIZIO E ADEGUAMENTO NORMATIVO PIANO TERRA EDIFICIO VIA MURONI, 25 CIG 1338687F71 RELAZIONE TECNICA - PROGETTO ESECUTIVO Premessa Il progetto è stato redatto seguendo le esigenze della

Dettagli

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico 3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico La Lr. 12/2005 per il governo del territorio individua

Dettagli

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO AUTONOME PROVINZ BOZEN GEMEINDE BOZEN SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Bolzano - 25.07.2005 - Bozen COMMITTENTE:

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE AI SENSI DELLA LEGGE 12 LUGLIO 2011 N. 106 ART. 5 COMMA 9 PER LA RIQUALIFICAZIONE DI EDIFICI NON RESIDENZIALI DISMESSI SITI IN ROVIGO VIA PORTA A MARE N. 10 PROPRIETÀ:

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 174 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 174 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 174 in data 17/10/2011 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: INTERVENTO DI RECUPERO PIAZZALE ARTIGIANI - APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata IL SINDACO Quintino Sabattini REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA RENDICONTO ATTIVITA SVOLTA Con riferimento all attività svolta nell anno 2012, nell Area Tecnica, si relaziona quanto appresso: PREMESSO CHE con determinazione

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Tullio, 24 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Prot.n. 7483 Crespellano, li 10/05/2011 VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE AI FINI DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO

Prot.n. 7483 Crespellano, li 10/05/2011 VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE AI FINI DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO Prot.n. 7483 Crespellano, li 10/05/2011 VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE AI FINI DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO FATTORE 1 : VALUTAZIONE DELL ATTIVITA ORDINARIA DI COMPETENZA DELLA STRUTTURA ASSEGNATA

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC

VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia Provincia di Udine Comune di Cervignano del Friuli VARIANTE N. 85 AL VIGENTE PRGC VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC Oggetto : - Relazione Tecnica e Grafici Responsabile

Dettagli

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO)

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) PROGETTO ESECUTIVO Oggetto: FASCICOLO DELL OPERA Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) Committente: COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine

COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it medaglia d'oro al valore civile C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli