DONARE PER DARE UN FUTURO ALLA COMUNITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DONARE PER DARE UN FUTURO ALLA COMUNITA"

Transcript

1 FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA PROVINCIA DI LODI ONLUS DONARE PER DARE UN FUTURO ALLA COMUNITA Contribuisci anche tu a realizzare progetti per il Lodigiano

2 LETTERA DEL PRESIDENTE Cari amici, Domenico Vitaloni, Presidente della Fondazione Comunitaria della Provincia di Lodi Onlus Cari amici, l anno 2011 si è concluso molto positivamente per la nostra Fondazione seppur in un contesto di crisi economica e sociale. Ci apprestiamo ora ad affrontare un altro traguardo particolarmente importante per tutti noi: il decimo anniversario di vita della Fondazione Comunitaria di Lodi, nata il 2 agosto Durante questo decennio sono stati ottenuti risultati rilevanti sia per l entità delle erogazioni effettuate e il loro impatto sul territorio lodigiano, sia per la vincita della sfida lanciata a suo tempo da Fondazione Cariplo. Tale vincita ci ha consentito di raggiungere un patrimonio complessivo superiore a 15 milioni di euro, i cui frutti saranno perennemente destinati al finanziamento di progetti di utilità sociale sul nostro territorio. Si è trattato di un traguardo concreto e fondamentale per la continuità della Fondazione stessa, traguardo che abbiamo voluto festeggiare con il Tributo a Ennio Morricone dell Ensamble Strumentale Fermano diretto dal Maestro Angelo Bolciaghi, concerto che ha riscosso un successo notevole. La nostra attività è proseguita anche nel corso del 2011 con la modalità dei bandi a raccolta che ci permette da un lato trasparenza ed efficacia nell erogazione, e dall altro di proseguire nella nostra missione di promozione della cultura del dono. Abbiamo deciso inoltre di introdurre una importante novità con rilevanti benefici per i destinatari dei nostri contributi. Abbiamo infatti modificato la destinazione dei fondi raccolti in occasione dell emissione dei bandi, erogandoli totalmente a favore dei beneficiari dei progetti anziché destinarli ad incremento del patrimonio come avvenuto negli anni scorsi. Questo ci ha consentito, unitamente al contributo della fondazione, di finanziare i progetti selezionati in modo più rilevante, contribuendo così più efficacemente alla loro realizzazione. Purtroppo anche il nostro territorio sta risentendo della grave crisi economica che da un lato ha aumentato le difficoltà ed i bisogni delle fasce più deboli della nostra società, e dall altro ha visto diminuire ulteriormente le risorse pubbliche ad esse destinate. Non abbiamo potuto e non abbiamo voluto sottrarci allo sforzo comune di contrastare i devastanti effetti della crisi, ed è per questo che abbiamo deciso di concentrare i nostri sforzi dando priorità al sostegno di progetti con rilevanza sociale, riducendo di conseguenza gli interventi a tutela del patrimonio storico ed artistico che pure avevano caratterizzato il nostro impegno negli anni scorsi. Guardando con fiducia al futuro desidero salutarvi, esprimendo Il mio sentito ringraziamento a tutti coloro che permettono il successo della nostra Fondazione: ai donatori, alle organizzazioni no profit, ai Consiglieri ed ai Revisori. In particolare colgo l occasione per ringraziare il nostro Ufficio e il Segretario Generale: grazie al loro impegno costante e appassionato, riusciamo a gestire con efficienza, ma soprattutto con cuore gli interessi della nostra comunità lodigiana. Il Presidente Domenico Vitaloni 2

3 IL TESTIMONIAL Paolo Marcarini Nato a Lodi, ha compiuto presso il conservatorio G.Verdi di Milano gli studi di pianoforte e composizione, diplomandosi sotto la guida del maestro Carlo Vidusso. Si è poi diplomato in clavicembalo presso il conservatorio G.Nicolini di Piacenza. Vanta, come pianista e clavicembalista, un intensa attività concertistica a livello europeo, sia come accompagnatore sia come solista, ed ha collaborato con noti complessi cameristici suonando nelle più importanti sale concertistiche d Italia e d Europa. In veste d accompagnatore si è esibito con famosi cantanti quali Carlo Tagliabue, Giuseppe Di Stefano, Raina Kabaiwanska, Mariella Devia, Simon Estes, Cecilia Bartoli, Katia Ricciarelli, Daniela Dessì, Renato Bruson e principalmente Leo Nucci con il quale collabora attivamente fin dall inizio della sua carriera. In qualità di arrangiatore ha avuto vastissimi consensi di critica a livello mondiale per gli arrangiamenti del disco Decca Parlami d amore (romanze e canzoni italiane e napoletane) interpretato da Leo Nucci. Ha firmato degli arrangiamenti per l Orchestra Filarmonica di Israele ottenendo un personale successo al Concerto per la Pace tenuto a Tel Aviv davanti a persone. Con Salotto 800 e Leo Nucci ha tenuto memorabili concerti in Italia (dal Bellini di Catania al S.Carlo di Napoli, dall Opera di Roma al Comunale di Bologna, dal Regio di Parma al Grande di Brescia, alla Scala di Milano), in Francia (Teatro di Lille, Salle Gaveau di Montecarlo, Théâtre de l Athénée a Parigi), Germania (Herculessaal di Monaco di Baviera, Teatro di Bonn), Svizzera (Radio Svizzera Italiana, Festival di Solothurn, Victoria Hall di Ginevra, Casino di Berna e Basilea, Tonhalle di Zurigo), Jugoslavia (Sala del Conservatorio di Zagabria), Cile (Teatro Municipal di Santiago, Valparaiso). Il concerto a Valparaiso ha ottenuto dalla critica il riconoscimento come migliore concerto dell anno. Come compositore ha al suo attivo un C.D. di musiche per pianoforte Hommage à giunto alla seconda ristampa, e l opera lirica Serata di gala al Circolo Lirico su libretto di Leo Nucci rappresentata già varie volte in Italia e all estero con grande successo di pubblico e di critica. Le sue riduzioni strumentali di opere liriche (che gli sono richieste ed eseguite in gran parte del mondo) fanno parte del Proietto Marcarini presentato dal Teatro Municipal di Santiago del Cile, approvato e sostenuto dal governo cileno, con lo scopo di portare, con costi molto contenuti, l opera lirica in tutto il Cile. Da oltre un trentennio è Direttore Artistico dell Associazione Amici della Musica di Lodi. La sua breve testimonianza Condivido l obiettivo della Fondazione di coinvolgere attivamente la comunità trasmettendo valori importanti che riescono a stimolare e promuovere una cultura filantropica incentrata sul senso di responsabilità e solidarietà sociale. La Fondazione Comunitaria, con l aiuto che ha dato e che certamente continuerà a dare al mondo no profit, ha svolto un importante ruolo nel nostro territorio per migliorare l esistenza di quei cittadini disagiati o sfortunati che in questo particolare momento storico hanno bisogno di sentirsi sostenuti. 3

4 FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA PROVINCIA DI LODI ONLUS Comitato di NOMINA Prefetto della Provincia di Lodi Presidente della Provincia di Lodi Vescovo di Lodi Presidente della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura della Provincia di Lodi Sindaco di Lodi Sindaco di Codogno Sindaco di Casalpusterlengo Sindaco di Sant Angelo Lodigiano Rappresentante della Fondazione Cariplo Consiglio di Amministrazione Vitaloni Domenico, Presidente Costa Paolo, Vice Presidente Aiolfi Barbara Bottani Giorgio Buttarelli Ottorino Daccò Carlo Devecchi Mariarosa Ferrari Laura Fugazza Emilio Landi Paolo Mattea Piercarlo Migliorini Giuseppe Monteverdi Francesco Moro Maisano Maria Emilia Orlandi Mario Palermo Antonio Parazzi Mauro Ronsivalle Luigi Stefanelli Claudio Membri del Comitato Esecutivo Collegio dei Revisori Carabelli Pierluigi, Presidente Bosoni Giuseppe Marcobelli Roberto Il nostro C.d.A. è costituito da persone provenienti da settori professionali diversi, ampiamente inserite nella realtà locale in cui lavorano e riflettono la Comunità intera nei suoi vari aspetti e bisogni. I componenti del Cda, del Collegio dei Revisori e il Segretario Generale, operano esclusivamente in maniera volontaria e gratuita, contribuendo costantemente alla crescita della Fondazione. Lo Staff Francesco Grisi, Segretario Generale Cristina Baroni, Ref.Segreteria Tina Signoroni, Ref.Segreteria 4

5 Il Consiglio di Amministrazione 5

6 SABATO 24 SETTEMBRE 2011 AUDITORIUM BPL LODI CONCERTO TRIBUTO A ENNIO MORRICONE La musica per il cinema Ensemble Strumentale Fermano organizzato per celebrare la vincita della sfida con Fondazione Cariplo Hanno contribuito al successo della serata i rappresentanti di tutti gli enti no profit che nel corso degli anni sono stati protagonisti con noi nella realizzazione di progetti di utilità sociale sul nostro territorio. Alla presenza dell avv.guzzetti, del vescovo di Lodi Mons. Giuseppe Merisi e delle autorità civili e militari, sono stati consegnati attestati di riconoscenza a quanti hanno concorso al raggiungimento dell importante obiettivo. Grazie a tutti!

7

8 LE NOSTRE ATTIVITA Attività svolte: risultati 2011 L attività svolta nel 2011 dimostra ancora una volta che la Fondazione è stata in grado di dare risposte positive alle esigenze manifestatesi nel settore sociale del nostro territorio. Nei 10 anni trascorsi dalla costituzione ha consolidato il suo ruolo promuovendo costantemente la cultura del dono e mettendo a disposizione la propria struttura per quanti volessero perseguire finalità filantropiche permettendo loro di fare un gesto concreto per la propria comunità. In questo particolare momento di difficoltà economica e quindi anche sociale, la mancanza di risorse da parte delle amministrazioni locali ha fatto sì che il nostro ruolo assuma particolare importanza. Nel selezionare Attività i progetti svolte: risultati presentati 2011 a seguito dell emissione dei tradizionali 2 bandi, il Consiglio di Amministrazione ha privilegiato quelli che hanno riguardato il settore socio-assistenziale: la loro bontà è stata confermata anche dal successo che hanno ottenuto presso privati, imprese ed enti del territorio che hanno donato a favore dei progetti stessi oltre 450 mila euro. Questi importi, unitamente al contributo della Fondazione pari al 50% del costo e derivante soprattutto dai fondi territoriali che Fondazione Cariplo ci riconosce annualmente, hanno reso più facilmente possibile la realizzazione dei progetti. Il Consiglio della Fondazione assicura la massima attenzione affinchè venga rispettata la volontà dei dona- tori che possono verificare come ogni importo donato, anche modesto, è stato utilizzato. 1. Il patrimonio netto L esercizio è stato caratterizzato dall incasso del Fondo Sfida di Fondazione Cariplo dell importo di euro ,97; il nostro patrimonio contabile pertanto assommava al 31 dicembre 2011 a euro , , , , , , , , ,00 0, , , , , , , , , , , Fondi Patrimoniali Fondo Sfida Cariplo

9 LE NOSTRE ATTIVITA Tuttavia è da rilevare che in bilancio è stato appostato l importo di euro ,65 sotto la voce Riserva negativa che è pari all importo delle minusvalenze rilevate al rispetto ai valori di bilancio precedenti, rettificato dalla Riserva da valutazione titoli. Si è ritenuto pertanto di non ridurre direttamente il patrimonio ma di considerare la Minusvalenza temporanea per la ragionevole certezza di poter ripristinare il valore originario degli investimenti in tempi relativamente brevi. L andamento positivo dei primi mesi del 2012 conferma la correttezza della nostra impostazione. 2. Tipologia degli investimenti patrimoniali L incasso della ragguardevole cifra del Fondo Sfida Cariplo di circa 10 milioni di euro, ha indotto il Consiglio di Amministrazione a investirla in Gestioni patrimoniali presso Banca Aletti e Intesa Private Banking, affidandosi così alla professionalità dei Gestori per ottenere nel medio termine i risultati migliori possibili nell ambito di investimenti a rischio contenuto. Per quanto riguarda il residuo patrimonio di oltre 5 milioni di euro è stato da noi investito sempre attuando un attenta valutazione dei rischi. La tipologia degli investimenti al è la seguente: 16,27% 10,68% 0,82% 61,34% Titoli di Stato Perpetual Polizze Assicurative Gestioni patrimoniali 5,49% 4,70% 0,71% Obbligazioni Fondi Comuni di Investimento Disponibilità liquide La nota integrativa al Bilancio al evidenzia dettagliatamente il risultato economico della gestione finanziaria e patrimoniale. 8 9

10 LE NOSTRE ATTIVITA 3. Le erogazioni L attività erogativa nel corso dell anno è stata pari ad euro ,36 di cui euro ,00 per erogazioni su bandi a favore di 42 progetti ed euro ,36 per erogazioni fuori bando, comprensivo di euro ,00 di microerogazioni che sono state deliberate dal Consiglio di Amministrazione a favore di 134 piccoli progetti di utilità sociale per un importo massimo di 500,00 euro cadauno. L importo erogato nel corso dell esercizio è superiore a quello del 2010 di circa ,00 euro in quanto il Consiglio di Amministrazione ha ritenuto, raggiunto l obiettivo sfida, di modificare la destinazione dei fondi raccolti dal territorio assegnandoli a sostegno dei progetti anziché al patrimonio come fatto in precedenza, Associazioni sempre perseguendo 33% l obiettivo della 7% diffusione della cultura 1% del dono. 37% Siamo stati così in grado di fronteggiare la gran parte delle richieste pervenuteci; riteniamo quindi che Cooperative sociali la nostra attività nel corso dell esercizio abbia efficacemente fronteggiato le necessità del territorio in particolare Enti nel pubblici settore di assistenza sociale. Bisogna comunque Fondazioni tenere sempre presente come i mezzi finanziari messi a disposizione annualmente dalla Fondazione Cariplo sono determinanti per il raggiungimento dell obiettivo che la nostra fondazione si è proposta Parrocchie di soddisfare il maggior numero possibile di richieste. Tali mezzi Altri vengono enti ecclesiastici incrementati con fondi propri della Fondazione derivanti dal flusso cedolare che è stato costante anche nel corso di questo esercizio. Comitati 6% 14% 2% Distribuzione territoriale Dall esame della suddivisione territoriale delle nostre erogazioni rileviamo che i progetti finanziati hanno interessato in modo adeguatamente proporzionale i diversi territori di riferimento. 15% 7% 10% 21% Casalpusterlengo Codogno Lodi S.Angelo Lodigiano 47% Zelo Buon Persico 10

11 LE NOSTRE ATTIVITA Tipologia di enti Il prossimo grafico evidenzia la tipologia di enti che hanno 16,27% presentato i progetti finanziati nel ,68% Associazioni Cooperative sociali Enti pubblici 33% 7% 1% 0,82% 37% Fondazioni 61,34% Parrocchie 5,49% Altri enti ecclesiastici 4,70% 0,71% Comitati Titoli di Stato 6% 14% 2% Obbligazioni Perpetual Fondi Comuni di Investimento Polizze Assicurative Disponibilità liquide Distribuzione settoriale Gestioni patrimoniali Il settore dell assistenza sociale e socio sanitaria con i suoi 132 progetti supera i due terzi del totale erogato, in quanto ritenuto meritevole di particolare riguardo e sostegno, in relazione alla crescita delle necessità emergenti in questo periodo. Si è avuta poi anche particolare attenzione per i progetti riguardanti la tutela dei beni di interesse artistico, storico e culturale. Per il settore di tutela e valorizzazione della natura 15% e dell ambiente sono 7% stati approvati solo otto progetti. 10% Casalpusterlengo 21% 8 Codogno 49 47% Lodi S.Angelo Lodigiano 132 Zelo Buon Persico Assistenza sociale e socio-sanitaria Tutela beni culturali Tutela Ambiente , , ,00 Contributo F.Cariplo 11

12 LE NOSTRE ATTIVITA 4. I progetti conclusi nel 2011 Nel 2011 si sono conclusi 38 progetti relativi a bandi pubblicati negli anni dal 2008 al 2011; ciò ha comportato il pagamento di contributi per euro ,88 che hanno consentito la realizzazione di progetti per un valore complessivo di euro ,42. PROGETTO BENEFICIARIO CONTRIBUTO euro Offrire un tetto è il segno distintivo della solidarietà Associazione Progetto Insieme - Lodi 9.241,53 Automezzo per la solidarietà e l ambiente Africa Chiama Onlus - S.Angelo Lod ,00 Un oasi nel verde Coop.Soc.Agricola Mar.Si.Ma.Soc.Coop. a r.l.-codogno ,00 Più spazio ai giovani e alle famiglie Parr.S.Antonio A. e S.Francesca Cabrini S.Angelo L ,00 Una rete per le mamme sole Associazione Comunità Famiglia Nuova - Lodi ,00 Potenziamento del servizio di trasporto disabili Croce Lodigiana O.N.L.U.S. S.Stefano Lodigiano ,00 Calendario Fanfulla 2011 A.S. Ginnastica Fanfulla Lodi 3.420,00 Saint Claire café: l Alzheimer caffè a Santa Chiara Azienda servizi alla persona S.Chiara - A.S.P. - Lodi 6.557,40 La prova del cuoco Amicizia Soc. Coop. Sociale di Solidarietà - Codogno 6.395,10 Pensieri di carta A.L.A.H. Ass.Lodig.Amici degli Handicappati - Lodi 8.030,00 Pallavolando Parr.SS Nazzaro e Celso M. in Cassino d Alberi -Mulazzano ,85 Gioca con noi Parrocchia S.Stefano Protomartire Mulazzano ,00 Non giocare, vinci! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Lodi - Lodi ,00 Ristrutturazione di animazione e palestra Fondazione Vigoni della Somaglia Onlus Somaglia ,00 Manutenzione, risanamento e recupero sacrestia Parr.Assunzione della B.V. Maria in Villavesco - Tavazzano ,50 Profeti di fraternità, divertendosi Parrocchia Maria Madre del Salvatore - Casalpusterlengo ,00 Restauro delle vetrate della Chiesa parrocchiale Parrocchia S.Biagio Vescovo e Martire Corno Giovine 7.370,00 Puntiamo i riflettori Un affresco dimenticato Comitato FAI di Lodi-Melegnano 5.000,00 Un nido più sicuro e accogliente Famiglia Nuova Società Cooperativa Sociale - Lodi 2.800,00 Il lavoro prende una buona piega San Nabore Coop.Soc.a r.l. Onlus Ossago Lodigiano ,50 In volo con la diversità Associazione Comunita Il Gabbiano Onlus Pieve Fissiraga 5.000,00 Un tetto per una Chiesa Parrocchia S.Maria della Clemenza e S.Bernardo - Lodi ,00 Educazione cantiere aperto Parrocchia SS.Simone, Giuda e Callisto Cornegliano Laud ,00 Ristrutturazione archivio storico diocesano Diocesi di Lodi ,00 Miglioriamo le nostre strutture e l ambiente Parrocchia S.Alessandro Martire Cervignano d Adda 3.900,00 Mi chiamano oro blu... Movim.Lotta contro la Fame nel Mondo - MLFM Onlus - Lodi ,00 Manutenzione facciate esterne Chiesa Parrocchiale Parrocchia S.Giorgio Martire - Maccastorna ,00 Per un ascensore sicuro, capace e adeguato alla normativa Fondazione Madre Cabrini onlus S.Angelo Lodigiano ,00 Risparmiare per avere più mezzi per aiuti umanitari Associazione Progetto Insieme - Lodi ,00 Potenziamento defibrillatori semi-automatici (D.A.E.) Croce Lodigiana O.N.L.U.S. S.Stefano Lodigiano 6.250,00 In oratorio senza aprire l ombrello Parrocchia Assunzione B.V.Maria Caselle Landi ,00 Restauro torre campanaria Parrocchia S.Apollinare V. e M. in Mairano Casaletto Lod ,00 Restauro Santuario Madonna della Costa Parrocchia S.Pietro Apostolo Cavenago d Adda ,00 Uno sguardo sul futuro Parrocchia S.Michele Arcangelo Castiraga Vidardo ,00 Il mondo viene a Lodi Gruppo Fotografico Progetto Immagine Lodi ,00 Rifacimento parziale copertura tetto oratorio Parr. SS.Nazario e Celso m. in Zorlesco - Casalpusterlengo ,00 Manutenzione straordinaria torre campanaria Chiesa Parr. Parrocchia S.Biagio e B.V.Immacolata - Codogno ,00 Giocare insieme per crescere Isti. Suore Missionarie S.Cuore di Gesù S.Angelo Lodig ,00 12

13 LE NOSTRE ATTIVITA Associazioni Cooperative sociali 33% 7% 1% 37% Enti pubblici 5. I donatori Rileviamo come, Parrocchie ancora una volta, la nostra fondazione ha dimostrato anche quest anno una soddisfacente capacità di raccolta, coinvolgendo oltre 400 donatori. Altri enti ecclesiastici Nel corso di questi anni l interesse nei confronti della nostra attività da parte di privati ed aziende, si è Comitati 6% 14% sempre incrementato tanto da superare alla fine del % i 3100 donatori. Fondazioni 15% 7% 10% Spese di gestione Le spese di gestione hanno subito un incremento rispetto all esercizio precedente Zelo Buon in quanto Persiconel corso del 2011 sono stati organizzati 47% eventi e incontri per celebrare degnamente la vincita della sfida con Fondazione Cariplo e ringraziare così anche tutti coloro che hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato. Le spese che riguardano invece l attività ordinaria della Fondazione sono rimaste pressoché invariate; il grafico sottostante rappresenta come siano stati reperiti i fondi necessari per coprire l intero importo delle spese sostenute. Lodi S.Angelo Lodigiano , , , , ,00 Contributo F.Cariplo ,00 Contributo F.Cariplo Donazioni e sponsor Donazioni e sponsor Rendite 5 per Rendite mille 21% Casalpusterlengo Codogno ,00 5 per mille L incidenza delle spese di gestione sul totale delle erogazioni è invariata rispetto all esercizio precedente ed è del 7% circa ,00 13

14 LE NOSTRE ATTIVITA I nostri fondi Fondo Don Leandro Rossi: Data di costituzione: 17 dicembre Importo: euro ,00. Fondatore: Fondazione Don Rossi. Rendita anno 2011: euro 1.418,81 Fondo San Bassiano: Data di costituzione: 13 dicembre 2004 Importo: euro ,33 Incremento nel 2011: euro 7.417,03 Fondatore: Diocesi di Lodi Rendita anno 2011: euro 4.085,16 Fondo Gino e Clorinda Polenghi: Data di costituzione: 1 marzo 2006 Importo: euro ,02 Fondatore: Fondazione Gino e Clorinda e Polenghi Rendita anno 2011: euro ,85 Fondo Provincia di Lodi Data di costituzione: 14 febbraio 2006 Importo: euro ,87 Fondatore: Provincia di Lodi Rendita anno 2011: euro 2.405,33 Fondo Lino Tollini Data di costituzione: 27 marzo 2006 Importo: euro ,00 Incremento nel 2011: euro ,00 Fondatore: Lucia Galerati Rendita anno 2011: euro 2.826,95 Fondo Comune di Sant Angelo Lod. Data di costituzione: 27 marzo 2008 Importo: euro ,00 Fondatore: Comune di Sant Angelo Lod. Rendita anno 2011: euro 705,00 14

15 ce tti le i è». 1) lie lati- e le di de e-». si i a: ti) DI i) «Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla Vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore». (Gaudium et Spes, 1) «Tutta la Chiesa si dispone ad aiutare le famiglie colpite nelle difficoltà economiche per motivi di lavoro e di occupazione, nel rispetto di ogni positiva iniziativa delle istituzioni politiche, sindacali ed economiche. La nostra diocesi di Lodi, con molte diocesi lombarde e italiane, ha costituito un Fondo di Solidarietà per le Famiglie in difficoltà per motivi di lavoro, lo ha dotato di una iniziale somma tratta dal fondo per la carità, e tende la mano perché questo fondo venga aumentato dalla generosità dei fedeli, cittadini, famiglie, realtà finanziarie». + Giuseppe Merisi Vescovo di Lodi «L attenzione al tema del lavoro, specie per chi lo Puoi ha fare perduto, la tua ha indotto donazione: anche noi della Fondazione Comunitaria a sostenere con un adeguato stanziamento A) l iniziativa Mediante promossa bonifico su dalla conto Diocesi, corrente a divulgare bancario intestato e promuovere DIOCESI lo spirito DI LODI solidaristico che la anima e a porci quali a: c/c intermediari presso Banco per Popolare raccolta (sede delle di Lodi donazioni, - Via Cavour) agevolando, Codice in quanto IBAN: Onlus, IT 09 i donatori. P oppure Domenico Vitaloni c/c presso BCC Centropadana Presidente della (Sede Fondazione di Guardamiglio) Comunitaria Codice IBAN: IT 02 K Puoi L attenzione effettuare una al donazione: tema del lavoro, specie per chi lo (per le imprese è prevista la detraibilità dei contributi versati) A) ha Mediante perduto, bonifico ha indotto su conto anche corrente noi della bancario Fondazione intestato a: FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA PROVINCIA DI DIOCESI Comunitaria DI LODI a sostenere con un adeguato stanziamento presso l iniziativa Banco Popolare promossa (sede dalla di Diocesi, Lodi - Via a divul- Cavour) - Codice IBAN: c/c IT presso 09 P Banco Popolare (Ag Piazza della Vittoria - Lodi) LODI - ONLUS c/c oppure gare c/c e promuovere presso BCC lo Centropadana spirito solidaristico (Sede che di Guardamiglio) la - Codice Codice IBAN: IBAN: IT IT 0228 K F FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA PROVINCIA DI LODI - (donazioni ONLUS detraibili secondo le normative fiscali vigenti) anima e a porci quali intermediari per la raccolta c/c presso Banco Popolare (Ag.1 Piazza della Vittoria - Lodi) - Codice IBAN: IT 28 F Indicando delle donazioni, come causale agevolando, Fondo in di quanto Solidarietà Onlus, per i le donatori. Indicando come causale Famiglie - Diocesi di Lodi Fondo di Solidarietà per le Famiglie - Diocesi di Lodi B) Presso l Ufficio della CARITAS Domenico DIOCESANA Vitaloni c/o Diocesi di Lodi - Via Cavour, 31 - Lodi B) Presso l Ufficio della Caritas Lodigiana Presidente c/o Diocesi di Lodi - Via Cavour, 31 - Lodi della Fondazione Comunitaria 15 Aperto dal martedì al sabato dalle 9,00 alle 12,30 Tel Fax L at ha p Com ment gare anim delle tori.

16 A servizio del territorio

17 LE NOSTRE ATTIVITA Nel corso dell anno sono stati emessi i 2 tradizionali bandi. A partire dal primo, il contributo della Fondazione, pari al massimo al 50% del costo del progetto, è stato integrato con le donazioni raccolte sul territorio a favore del progetto stesso. BANDO 2011/1 PARROCCHIA S.APOLLINARE VESCOVO E MARTIRE Casaletto Lodigiano Fraz.Mairano Restauro torre campanaria Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro La Chiesa di Mairano è datata La precedente e primitiva, era nei pressi del fiume Lambro, fatiscente e piccola. L attuale più capiente e in posizione più elevata, fu progettata dall architetto Veronesi (che a Lodi ha progettato la chiesa della Maddalena, di S.Filippo e il Palazzo Vescovile). La chiesa ancora oggi mantiene intatte le sue linee originali. Il restauro conservativo costituito da: lavaggio e pulizia di malte cementizie; riparazione e sostituzione di mattoni ammalorati; ristrutturazione cella campanaria e tetto relativo, ha ridato splendore alla chiesa che è uno dei più belli esempi di architettura sacra lodigiana del PARROCCHIA ASSUNZIONE DELLA B.V. MARIA Abbadia Cerreto Restauro del crocifisso ligneo policromo dell Abbazia Costo euro 5.352,00 Contributo euro 2.600,00 Donazioni euro 1.410,00 La chiesa abbaziale, risalente alla seconda metà del XII secolo, è opera dei monaci benedettini cistercensi dei quali rispecchia in tutto lo stile rituale basato su una architettura, nelle linee e nei materiali, sobria, semplice ed essenziale, così da ispirare povertà e austerità di vita, favorire la preghiera e l ascetismo, non ostacolati da splendore e bellezza terrena. Il crocifisso, risalente al XVIII sec., versava in pessime condizioni di conservazione. Per portarlo al suo splendore originario sono stati necessari lavori di: consolidamento delle parti degradate, pulitura, risanamento strutturale e reintegrazione della parti lacunose, più reintegrazione pittorica e finitura di protezione. 17

18 LE NOSTRE ATTIVITA PARROCCHIA S.GIORGIO MARTIRE Maccastorna Manutenzione facciate esterne Chiesa Parrocchiale Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro 5.100,00 La Chiesa, dedicata a San Giorgio martire fin dal 1250 quando i Ghibellini Cremonesi si rifugiarono a Maccastorna, allora chiamata Villaggio Bel Pavone, era formata da tre campate e da un solo altare maggiore. Nel corso degli anni subì notevoli trasformazioni, fu costruita un altra campata e rifatta la fronte in stile neogotico. Con il progetto, aventi caratteristiche innovative, si è provveduto allo scrostamento e al rifacimento dell intonaco delle facciate della Chiesa con malte macroporose per evitare che l intonaco esistente in malta di cemento potesse provocare fenomeni di umidità in risalita. Si è provveduto anche all esecuzione della dipintura come da indicazione della Soprintendenza. PARROCCHIA SANTI GERVASIO E PROTASIO MARTIRI Maleo Restauro organo Chiesa S.Maria Annunciata Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro ,00 La costruzione della Chiesa risale al XVI secolo. La stessa è adiacente al parco ed alla villa Trecchi. L interno della Chiesa ha una pianta molto singolare. Sul lato destro è collocato l organo settecentesco con cantoria intagliata e decorata. La Chiesa è un luogo adatto sia alla grande preghiera comunitaria, sia a favorire il raccoglimento dei fedeli e ad accogliere visite culturali e storiche. L intervento di restauro volto a recuperare le caratteristiche tecniche, funzionali e foniche dell organo non più funzionante si è reso necessario considerato anche il valore storico dello strumento. PARROCCHIA S.BERNARDINO DA SIENA Senna Lodigiana-fraz.Mirabello Un tetto per tutti Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro 8.365,00 La Chiesa parrocchiale costruita nel 1952 è stata abbellita con gli affreschi del Vanelli, diventando anche attrazione turistica. Inoltre è in una posizione strategica in quanto trovasi sulla via Francigena. La pastorale parrocchiale punta molto sulla famiglia come nucleo di adulti e ragazzi. Il progetto, con la messa in sicurezza dell edificio dell oratorio mediante smaltimento dell attuale copertura in amianto e posa di nuova copertura, ha permesso la fruizione dei locali sottostanti per momenti formativi e ricreativi. 18

19 LE NOSTRE ATTIVITA FONDAZIONE MADRE CABRINI ONLUS S.Angelo Lodigiano Per un ascensore sicuro, capace e adeguato alla normativa Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro ,00 La Casa di Riposo, che esiste da oltre un secolo, è in via di miglioramento, sia come struttura, sia come organizzazione dei servizi. L attuale sede è stata edificata nel decennio Dal 1986 al 1991 è stata realizzata una importante ristrutturazione. Negli ultimi anni sono stati eseguiti lavori di ampliamento e di messa in sicurezza richiesti dalla regione Lombardia. Si è resa necessaria l installazione di un nuovo ascensore per rispondere all esigenza di un impianto adatto al trasporto delle barelle degli ospiti allettati e dei carrelli e conforme alle nuove norme di sicurezza. ASSOCIAZIONE PROGETTO INSIEME Lodi Risparmiare sulla gestione significa avere più mezzi per aiuti umanitari Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro ,00 Fondata nel 1991, l Associazione nasce dalla presa di coscienza dell urgenza di intervento che richiedono le nuove povertà presenti nel territorio lodigiano e si propone il reperimento di alloggi per i senza tetto e la promozione di centri di servizi alle persone. Dal 2011 è gestore dello SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) finanziato dal Ministero dell Interno e dal Comune di Lodi. Con la realizzazione di solare termico per riscaldamento e acqua calda alla Social housing di Caviaga si raggiunge l obiettivo di ottenere, oltre alla riduzione dell inquinamento ambientale, anche un risparmio sui costi, che consentirà di incrementare le disponibilità per la realizzazione di nuove unità abitative. CROCE LODIGIANA ONLUS S.Stefano Lodigiano Potenziamento defibrillatori semi-automatici (D.A.E.) Costo euro 8.448,00 Contributo euro 4.000,00 Donazioni euro 2.250,00 L associazione opera dal 2006 sul territorio Lodigiano, su quello nazionale e, per quanto riguarda i servizi di lunga percorrenza, su quello Europeo, grazie alla collaborazione di volontari cittadini di S.Stefano Lodigiano e dei comuni limitrofi e si prefigge obiettivi di solidarietà sociale nel campo della mobilità e dell assistenza socio-sanitaria. Risponde in modo particolare ai bisogni delle persone in situazioni di disagio psico-fisico che non possono disporre di un trasporto. Il progetto ha permesso di dotare le ambulanze dell Associazione di quattro nuovi defibrillatori, come da nuova normativa, e di offrire così una ulteriore sicurezza per i trasportati. 19

20 LE NOSTRE ATTIVITA PARROCCHIA ASSUNZIONE B.V.MARIA Caselle Landi Finalmente le porte si chiudono Costo euro 3.740,00 Contributo euro 1.800,00 Donazioni euro 1.340,00 Caselle Landi, piccolo centro rurale sulle sponde del fiume Po, conta ben cinque frazioni. Una di queste è la frazione di Bruzzelle dove è ubicata la cappella religiosa, dedicata alla Madonna di Lourdes, edificata intorno al 1936 ed in seguito restaurata ed ampliata. All interno si trova la statua della Madonna di pregevole fattura, eseguita in cartone romano. Con questo intervento indispensabile si è provveduto alla sostituzione del portone principale e della porta laterale della cappella in quanto l obsoleto sistema di chiusura creava un eccessivo pericolo per le persone che frequentano la Cappella. PARROCCHIA ASSUNZIONE B.V.MARIA Caselle Landi In oratorio senza aprire l ombrello Costo euro ,00 Contributo euro 8.000,00 Donazioni euro 8.060,00 Caselle Landi conta una popolazione di circa 1700 abitanti. La chiesa parrocchiale, dedicata alla Madonna Assunta, fu costruita nel 1750 ca. Ha un imponente navata e profonde cappelle laterali; vanta anche un notevole organo risalente al Alla parrocchiale si affianca un edificio adibito ad oratorio; luogo di aggregazione di giovani e anziani e dove si svolgono feste parrocchiali nonché il Grest estivo. L urgente intervento di rifacimento del tetto dell oratorio, a causa di abbondanti infiltrazioni di acqua piovana, ha evitato il totale decadimento della struttura ed al contempo ha permesso di tornare ad utilizzare le aule già esistenti. DIOCESI DI LODI Lodi Ristrutturazione archivio storico diocesano Costo euro ,40 Contributo euro ,00 Donazioni euro ,00 La Chiesa di Lodi ha un antica origine, l attestazione delle prime comunità cristiane risale infatti al IV secolo d.c. La Diocesi si estende per circa 890 kmq e confina con le Diocesi di Pavia, Milano, Cremona, Crema e Piacenza. Le chiese sono circa 200 ed un centinaio gli oratori; numerosi i luoghi di culto, anche piccoli, meta di pellegrinaggi. L installazione di impianti di rilevazione fumi, antincendio, antintrusione e rifacimento dell intero impianto elettrico, garantisce all archivio diocesano spazi idonei per la conservazione dei documenti (anteriori agli ultimi 70 anni) prodotti e ricevuti dal Vescovo e dagli uffici di curia nell esercizio delle loro funzioni. 20

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 100.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus opera nella provincia di

Dettagli

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario Fondo Famiglia L intenzione progettuale Il Fondo Famiglia è un progetto socio-pastorale della Diocesi di Roma affidato per la gestione, l amministrazione ed il coordinamento operativo alla Caritas diocesana

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO BANDO PER L ASSEGNAZINE DI UNA BORSA DI STUDIO anno pastorale 2013-2014 Presentazione Nell ambito della formazione degli educatori per l animazione oratoriale

Dettagli

PERIFERIA chiama! MILANO risponde?

PERIFERIA chiama! MILANO risponde? PERIFERIA chiama! MILANO risponde? CONSULTA PERIFERIE MILANO Associazione culturale San Materno-Figino PERIFERIA chiama! MILANO risponde? Martedì 25 gennaio 2011 Periferie: come stiamo? La parola agli

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM Associazione FA.T.A. Onlus FA.T.A. FAmiglie Temporanea Accoglienza (www.fataonlus.org) ospita e sostiene bambini e adolescenti che il Tribunale dei Minori allontana dalla famiglia per disagio. L Associazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Città di CIVITAVECCHIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA E L AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA (A.T.E.R.)

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo.

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo. IL PROGETTO Il progetto Maison du monde è realizzato grazie al Fondo Immobiliare di Lombardia e si propone di recuperare e valorizzare un edificio collocato in Via Padova 36, realizzando e offrendo alloggi

Dettagli

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma Anno 2015 CHI SIAMO - SOS Villaggi dei Bambini SOS Villaggi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS. Il calore di una casa per ogni bambino

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS. Il calore di una casa per ogni bambino SOS VILLAGGI DEI BAMBINI ONLUS Il calore di una casa per ogni bambino La nostra storia L Associazione SOS Villaggi dei Bambini fu fondata in Austria da Hermann Gmeiner nel 1949 al fine di aiutare i bambini

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO CONTATTI Inseri re q ui il m essag gio. N on su per are le d ue o tr e fr asi. Scuola dell Infanzia Monumento ai caduti Via Trento Trieste 16 31059 ZERO BRANCO tel e fax 0422.97032 e-mail: scuolainfanziazero@libero.it

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA ORGANIZZAZIONE OPERA DI PADRE MARELLA Fondo straordinario di solidarietà da destinare al servizio mensa ANTONIANO DEI FRATI MINORI Fondo straordinario di solidarietà

Dettagli

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA onlus FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA La Fondazione Accendi la Speranza onlus è nata il 25 ottobre 2011, grazie al grande desiderio dei Fondatori di concretizzare la solidarietà e l aiuto verso chi non

Dettagli

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Comune di Coccaglio Provincia di Brescia Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Approvato con delibera C.C. n 34 del 21.06.2010 Deliberazione C.C.

Dettagli

FONDAZIONE UMANO PROGRESSO COMUNICATO STAMPA

FONDAZIONE UMANO PROGRESSO COMUNICATO STAMPA FONDAZIONE UMANO PROGRESSO COMUNICATO STAMPA Si aprono le porte di La casa di L abilità la prima comunità di accoglienza residenziale a Milano dedicata esclusivamente ai bambini con disabilità. Milano,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 120.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus

Dettagli

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA

NEWS. Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto. Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Gennaio 2014 Si parte! La principale novità di questo mese è la concretizzazione del progetto Il ristoro del Villaggio. Mensa sociale al Villaggio SNIA Diamo qui una descrizione sintetica del progetto,

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO

VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO SEMINARIO PROGETTAZIONE SOCIO - PASTORALE 16-17 giugno 2011 c/o Domus Pacis Torre Rossa Park Hotel VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO 1. Presentazione della diocesi 2. Quali progetti e perché?? 3. Quale il

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA Approvato atto C.C. 25-3.3.1995 Modificato atto C.C. 9-10.3.2005 1 Art.1: Denominazione, origini,

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA. la nostra Fondazione si è costituita in data 11 gennaio 2008 con atto a rogito notaio Marzani Dott.

NOTA INTEGRATIVA. la nostra Fondazione si è costituita in data 11 gennaio 2008 con atto a rogito notaio Marzani Dott. FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA Sede in Aosta via San Giocondo, n. 16 Codice fiscale: 91051600079 Iscritta nel registro regionale delle persone giuridiche al n. 76 NOTA INTEGRATIVA Signori Consiglieri,

Dettagli

2 al GIUGNO 2015. 30 Verona, dal MAGGIO LA GRANDE SFIDA INTERNATIONAL. La Grande. Sfida 20. (dal 25 Aprile 2015 La Grande Sfida on Tour)

2 al GIUGNO 2015. 30 Verona, dal MAGGIO LA GRANDE SFIDA INTERNATIONAL. La Grande. Sfida 20. (dal 25 Aprile 2015 La Grande Sfida on Tour) Sfida 20 MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE DI CULTURA, SPORT, ARTI E DIALOGO: LE CITTÀ E I PAESI COME LUOGHI DI INCONTRO PER TUTTI Assessorato allo Sport Lasciati stupire... 30 Verona, dal MAGGIO 2 al GIUGNO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA Percorsi di fede dalla Prima Elementare alla Prima Media Anno Pastorale 2008/2009 Famiglia diventa anima del mondo 1 MOMENTI PER TUTTI I GENITORI Mercoledì 24 settembre Ln

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

CIRC. 6 - BARRIERA DI MILANO - FALCHERA - REGIO PARCO 2015 05064/089 Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

CIRC. 6 - BARRIERA DI MILANO - FALCHERA - REGIO PARCO 2015 05064/089 Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE CIRC. 6 - BARRIERA DI MILANO - FALCHERA - REGIO PARCO 2015 05064/089 Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 94 approvata il 22 ottobre 2015 DETERMINAZIONE: SERVIZI SOCIALI

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

***************************************

*************************************** CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E L ISTITUTO FIGLIE DEL SACRO CUORE DI GESU DI CREMONA PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO SACRO CUORE DI VIA G. DA CREMONA N. 19 IN CREMONA PER L ANNO SCOLASTICO 2014/2015.

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 IL PROJECT PLAN NOME GRUPPO RECAPITO PER CONTATTO: Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 L IDEA E LE PERSONE Caratteristiche progetto: Descrivere brevemente il progetto e com è nata l idea. Valorizzazione

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2013-2014

COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2013-2014 COMMISIONE CARITAS VERIFICA E PROGRAMMAZIONE 2013-2014 Non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio. Bisogna custodire la gente, aver cura di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini,

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

CENSIMENTO ENTI NON PROFIT

CENSIMENTO ENTI NON PROFIT CENSIMENTO ENTI NON PROFIT Entro il 20 dicembre 2012 le parrocchie che hanno ricevuto il questionario ISTAT per il 9 censimento dell Industria e dei Servizi 2011 inerente le istituzioni non profit, dovranno

Dettagli

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA COMUNICATO STAMPA L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA Per la prima volta a Milano un bando per assegnare la abitazioni a canone calmierato.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora. Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.org - E-mail: segreteria@fondazionelancora.org PREMESSA La Fondazione

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE

UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE UN PROGETTO SOCIALMENTE RESPONSABILE Dialogos - Voci di solidarietà : i vincitori del 2006 Monte Paschi Asset Management Sgr, la società di gestione del risparmio del Gruppo MPS, ha scelto di intraprendere

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Insieme costruiamo grandi imprese

Insieme costruiamo grandi imprese Fondazione Exodus Onlus via San Domenico Vertelle, 23 03043 Cassino (FR) Tel 0776 311788 - Fax 0776 1721029 cassino@exodusit wwwexodusit Insieme costruiamo grandi imprese Diventa Impresa Amica di Exodus

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura 33 1. Destinatari e ammissione Scopo e Destinatari La residenza protetta 3 è destinata a persone anziane autosufficienti o parzialmente autosufficienti ed a persone esposte al rischio di emarginazione

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it

Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano tel 02.48007174 fax 02.48196125 e-mail: bpcomunita@virgilio.it CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI COMUNITÀ EDUCATIVE COMUNITÀ FAMILIARE SERVIZIO SEMIRESIDENZIALE ALLOGGIO PER L AUTONOMIA COMUNITA EDUCATIVE COMUNITA FAMILIARE FONDAZIONE PIO ISTITUTO BUON PASTORE Via

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Salvare la Storia e realizzare i Sogni: è un appello anche per te

Salvare la Storia e realizzare i Sogni: è un appello anche per te Salvare la Storia e realizzare i Sogni: è un appello anche per te Casa S. Giuseppe via Aurelia Antica 446, 00165 Roma tel. 06 666011 fax 06 66601205 roma.sangiuseppe@guanelliani.it La sua e la nostra storia

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

Titolo progetto: Settore e Area di intervento: Tipologia servizi coinvolti: UNA VALIGIA PER TUTTI. A01 Settore: Assistenza Area: Anziani

Titolo progetto: Settore e Area di intervento: Tipologia servizi coinvolti: UNA VALIGIA PER TUTTI. A01 Settore: Assistenza Area: Anziani Legacoop Piemonte Via Livorno, 49 Torino 10144 Torino Tel. 011/5187169 - Fax 011/5188251 e-mail: serviziocivile@legacoop-piemonte.coop sito internet: www.legacoop-piemonte.coop Titolo progetto: UNA VALIGIA

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 1035 DEL 31-12-2013 - SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - OGGETTO: Associazioni culturali locali diverse. Sostegno attività

Dettagli

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI L AGENZIA PUBBLICA PER LA LOCAZIONE La gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie rappresenta una tra le iniziative più innovative

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO ASSOCIAZIONE PRO LOCO SANLURI ASSOCIAZIONE PRO LOCO VILLANOVAFORRU COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO RESTAURO E RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE DELL

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008 Assessorato alle Politiche Sociali partner dei cittadini Vademecum 2007/2008 Cari concittadini, questa guida ai servizi sociali del Comune di Cagliari è una prima risposta concreta, all esigenza e al diritto

Dettagli

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica

CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica CASA DELLE CULTURE Relazione Tecnica Premessa Il progetto della Casa delle Culture a Modena nasce dall esigenza delle Associazioni degli immigrati presenti nel territorio di usufruire di spazi per costituire

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

Bilancio 2007 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS

Bilancio 2007 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS Elenco dei Soci aggiornato all 8 febbraio 2008...2 Cariche sociali all 8 febbraio 2008...2 Consenso al trattamento dei dati personali...2 Lettera

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015)

SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) SCHEDA PROGETTO CASA/ALLOGGIO PROVINCIA DI SASSARI (14/05/2015) Settore di intervento Area territoriale Attori da coinvolgere Nome del progetto Target di riferimento 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione

Dettagli

Un lascito per crescere.

Un lascito per crescere. Un lascito per crescere. La tua eredità per il futuro dei nostri bambini. Guida ai lasciti testamentari O N L U S una casa per crescere 1 oikos_brochure_1.12.14.indd 1 05/12/14 14.00 Un piccolo gesto può

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre Pag. 1 di 5 Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all emergenza educativa, diventa urgente la necessità che tutti gli educatori si confrontino ed elaborino serie proposte educative

Dettagli