DONARE PER DARE UN FUTURO ALLA COMUNITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DONARE PER DARE UN FUTURO ALLA COMUNITA"

Transcript

1 FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA PROVINCIA DI LODI ONLUS DONARE PER DARE UN FUTURO ALLA COMUNITA Contribuisci anche tu a realizzare progetti per il Lodigiano

2 LETTERA DEL PRESIDENTE Cari amici, Domenico Vitaloni, Presidente della Fondazione Comunitaria della Provincia di Lodi Onlus Cari amici, l anno 2011 si è concluso molto positivamente per la nostra Fondazione seppur in un contesto di crisi economica e sociale. Ci apprestiamo ora ad affrontare un altro traguardo particolarmente importante per tutti noi: il decimo anniversario di vita della Fondazione Comunitaria di Lodi, nata il 2 agosto Durante questo decennio sono stati ottenuti risultati rilevanti sia per l entità delle erogazioni effettuate e il loro impatto sul territorio lodigiano, sia per la vincita della sfida lanciata a suo tempo da Fondazione Cariplo. Tale vincita ci ha consentito di raggiungere un patrimonio complessivo superiore a 15 milioni di euro, i cui frutti saranno perennemente destinati al finanziamento di progetti di utilità sociale sul nostro territorio. Si è trattato di un traguardo concreto e fondamentale per la continuità della Fondazione stessa, traguardo che abbiamo voluto festeggiare con il Tributo a Ennio Morricone dell Ensamble Strumentale Fermano diretto dal Maestro Angelo Bolciaghi, concerto che ha riscosso un successo notevole. La nostra attività è proseguita anche nel corso del 2011 con la modalità dei bandi a raccolta che ci permette da un lato trasparenza ed efficacia nell erogazione, e dall altro di proseguire nella nostra missione di promozione della cultura del dono. Abbiamo deciso inoltre di introdurre una importante novità con rilevanti benefici per i destinatari dei nostri contributi. Abbiamo infatti modificato la destinazione dei fondi raccolti in occasione dell emissione dei bandi, erogandoli totalmente a favore dei beneficiari dei progetti anziché destinarli ad incremento del patrimonio come avvenuto negli anni scorsi. Questo ci ha consentito, unitamente al contributo della fondazione, di finanziare i progetti selezionati in modo più rilevante, contribuendo così più efficacemente alla loro realizzazione. Purtroppo anche il nostro territorio sta risentendo della grave crisi economica che da un lato ha aumentato le difficoltà ed i bisogni delle fasce più deboli della nostra società, e dall altro ha visto diminuire ulteriormente le risorse pubbliche ad esse destinate. Non abbiamo potuto e non abbiamo voluto sottrarci allo sforzo comune di contrastare i devastanti effetti della crisi, ed è per questo che abbiamo deciso di concentrare i nostri sforzi dando priorità al sostegno di progetti con rilevanza sociale, riducendo di conseguenza gli interventi a tutela del patrimonio storico ed artistico che pure avevano caratterizzato il nostro impegno negli anni scorsi. Guardando con fiducia al futuro desidero salutarvi, esprimendo Il mio sentito ringraziamento a tutti coloro che permettono il successo della nostra Fondazione: ai donatori, alle organizzazioni no profit, ai Consiglieri ed ai Revisori. In particolare colgo l occasione per ringraziare il nostro Ufficio e il Segretario Generale: grazie al loro impegno costante e appassionato, riusciamo a gestire con efficienza, ma soprattutto con cuore gli interessi della nostra comunità lodigiana. Il Presidente Domenico Vitaloni 2

3 IL TESTIMONIAL Paolo Marcarini Nato a Lodi, ha compiuto presso il conservatorio G.Verdi di Milano gli studi di pianoforte e composizione, diplomandosi sotto la guida del maestro Carlo Vidusso. Si è poi diplomato in clavicembalo presso il conservatorio G.Nicolini di Piacenza. Vanta, come pianista e clavicembalista, un intensa attività concertistica a livello europeo, sia come accompagnatore sia come solista, ed ha collaborato con noti complessi cameristici suonando nelle più importanti sale concertistiche d Italia e d Europa. In veste d accompagnatore si è esibito con famosi cantanti quali Carlo Tagliabue, Giuseppe Di Stefano, Raina Kabaiwanska, Mariella Devia, Simon Estes, Cecilia Bartoli, Katia Ricciarelli, Daniela Dessì, Renato Bruson e principalmente Leo Nucci con il quale collabora attivamente fin dall inizio della sua carriera. In qualità di arrangiatore ha avuto vastissimi consensi di critica a livello mondiale per gli arrangiamenti del disco Decca Parlami d amore (romanze e canzoni italiane e napoletane) interpretato da Leo Nucci. Ha firmato degli arrangiamenti per l Orchestra Filarmonica di Israele ottenendo un personale successo al Concerto per la Pace tenuto a Tel Aviv davanti a persone. Con Salotto 800 e Leo Nucci ha tenuto memorabili concerti in Italia (dal Bellini di Catania al S.Carlo di Napoli, dall Opera di Roma al Comunale di Bologna, dal Regio di Parma al Grande di Brescia, alla Scala di Milano), in Francia (Teatro di Lille, Salle Gaveau di Montecarlo, Théâtre de l Athénée a Parigi), Germania (Herculessaal di Monaco di Baviera, Teatro di Bonn), Svizzera (Radio Svizzera Italiana, Festival di Solothurn, Victoria Hall di Ginevra, Casino di Berna e Basilea, Tonhalle di Zurigo), Jugoslavia (Sala del Conservatorio di Zagabria), Cile (Teatro Municipal di Santiago, Valparaiso). Il concerto a Valparaiso ha ottenuto dalla critica il riconoscimento come migliore concerto dell anno. Come compositore ha al suo attivo un C.D. di musiche per pianoforte Hommage à giunto alla seconda ristampa, e l opera lirica Serata di gala al Circolo Lirico su libretto di Leo Nucci rappresentata già varie volte in Italia e all estero con grande successo di pubblico e di critica. Le sue riduzioni strumentali di opere liriche (che gli sono richieste ed eseguite in gran parte del mondo) fanno parte del Proietto Marcarini presentato dal Teatro Municipal di Santiago del Cile, approvato e sostenuto dal governo cileno, con lo scopo di portare, con costi molto contenuti, l opera lirica in tutto il Cile. Da oltre un trentennio è Direttore Artistico dell Associazione Amici della Musica di Lodi. La sua breve testimonianza Condivido l obiettivo della Fondazione di coinvolgere attivamente la comunità trasmettendo valori importanti che riescono a stimolare e promuovere una cultura filantropica incentrata sul senso di responsabilità e solidarietà sociale. La Fondazione Comunitaria, con l aiuto che ha dato e che certamente continuerà a dare al mondo no profit, ha svolto un importante ruolo nel nostro territorio per migliorare l esistenza di quei cittadini disagiati o sfortunati che in questo particolare momento storico hanno bisogno di sentirsi sostenuti. 3

4 FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA PROVINCIA DI LODI ONLUS Comitato di NOMINA Prefetto della Provincia di Lodi Presidente della Provincia di Lodi Vescovo di Lodi Presidente della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura della Provincia di Lodi Sindaco di Lodi Sindaco di Codogno Sindaco di Casalpusterlengo Sindaco di Sant Angelo Lodigiano Rappresentante della Fondazione Cariplo Consiglio di Amministrazione Vitaloni Domenico, Presidente Costa Paolo, Vice Presidente Aiolfi Barbara Bottani Giorgio Buttarelli Ottorino Daccò Carlo Devecchi Mariarosa Ferrari Laura Fugazza Emilio Landi Paolo Mattea Piercarlo Migliorini Giuseppe Monteverdi Francesco Moro Maisano Maria Emilia Orlandi Mario Palermo Antonio Parazzi Mauro Ronsivalle Luigi Stefanelli Claudio Membri del Comitato Esecutivo Collegio dei Revisori Carabelli Pierluigi, Presidente Bosoni Giuseppe Marcobelli Roberto Il nostro C.d.A. è costituito da persone provenienti da settori professionali diversi, ampiamente inserite nella realtà locale in cui lavorano e riflettono la Comunità intera nei suoi vari aspetti e bisogni. I componenti del Cda, del Collegio dei Revisori e il Segretario Generale, operano esclusivamente in maniera volontaria e gratuita, contribuendo costantemente alla crescita della Fondazione. Lo Staff Francesco Grisi, Segretario Generale Cristina Baroni, Ref.Segreteria Tina Signoroni, Ref.Segreteria 4

5 Il Consiglio di Amministrazione 5

6 SABATO 24 SETTEMBRE 2011 AUDITORIUM BPL LODI CONCERTO TRIBUTO A ENNIO MORRICONE La musica per il cinema Ensemble Strumentale Fermano organizzato per celebrare la vincita della sfida con Fondazione Cariplo Hanno contribuito al successo della serata i rappresentanti di tutti gli enti no profit che nel corso degli anni sono stati protagonisti con noi nella realizzazione di progetti di utilità sociale sul nostro territorio. Alla presenza dell avv.guzzetti, del vescovo di Lodi Mons. Giuseppe Merisi e delle autorità civili e militari, sono stati consegnati attestati di riconoscenza a quanti hanno concorso al raggiungimento dell importante obiettivo. Grazie a tutti!

7

8 LE NOSTRE ATTIVITA Attività svolte: risultati 2011 L attività svolta nel 2011 dimostra ancora una volta che la Fondazione è stata in grado di dare risposte positive alle esigenze manifestatesi nel settore sociale del nostro territorio. Nei 10 anni trascorsi dalla costituzione ha consolidato il suo ruolo promuovendo costantemente la cultura del dono e mettendo a disposizione la propria struttura per quanti volessero perseguire finalità filantropiche permettendo loro di fare un gesto concreto per la propria comunità. In questo particolare momento di difficoltà economica e quindi anche sociale, la mancanza di risorse da parte delle amministrazioni locali ha fatto sì che il nostro ruolo assuma particolare importanza. Nel selezionare Attività i progetti svolte: risultati presentati 2011 a seguito dell emissione dei tradizionali 2 bandi, il Consiglio di Amministrazione ha privilegiato quelli che hanno riguardato il settore socio-assistenziale: la loro bontà è stata confermata anche dal successo che hanno ottenuto presso privati, imprese ed enti del territorio che hanno donato a favore dei progetti stessi oltre 450 mila euro. Questi importi, unitamente al contributo della Fondazione pari al 50% del costo e derivante soprattutto dai fondi territoriali che Fondazione Cariplo ci riconosce annualmente, hanno reso più facilmente possibile la realizzazione dei progetti. Il Consiglio della Fondazione assicura la massima attenzione affinchè venga rispettata la volontà dei dona- tori che possono verificare come ogni importo donato, anche modesto, è stato utilizzato. 1. Il patrimonio netto L esercizio è stato caratterizzato dall incasso del Fondo Sfida di Fondazione Cariplo dell importo di euro ,97; il nostro patrimonio contabile pertanto assommava al 31 dicembre 2011 a euro , , , , , , , , ,00 0, , , , , , , , , , , Fondi Patrimoniali Fondo Sfida Cariplo

9 LE NOSTRE ATTIVITA Tuttavia è da rilevare che in bilancio è stato appostato l importo di euro ,65 sotto la voce Riserva negativa che è pari all importo delle minusvalenze rilevate al rispetto ai valori di bilancio precedenti, rettificato dalla Riserva da valutazione titoli. Si è ritenuto pertanto di non ridurre direttamente il patrimonio ma di considerare la Minusvalenza temporanea per la ragionevole certezza di poter ripristinare il valore originario degli investimenti in tempi relativamente brevi. L andamento positivo dei primi mesi del 2012 conferma la correttezza della nostra impostazione. 2. Tipologia degli investimenti patrimoniali L incasso della ragguardevole cifra del Fondo Sfida Cariplo di circa 10 milioni di euro, ha indotto il Consiglio di Amministrazione a investirla in Gestioni patrimoniali presso Banca Aletti e Intesa Private Banking, affidandosi così alla professionalità dei Gestori per ottenere nel medio termine i risultati migliori possibili nell ambito di investimenti a rischio contenuto. Per quanto riguarda il residuo patrimonio di oltre 5 milioni di euro è stato da noi investito sempre attuando un attenta valutazione dei rischi. La tipologia degli investimenti al è la seguente: 16,27% 10,68% 0,82% 61,34% Titoli di Stato Perpetual Polizze Assicurative Gestioni patrimoniali 5,49% 4,70% 0,71% Obbligazioni Fondi Comuni di Investimento Disponibilità liquide La nota integrativa al Bilancio al evidenzia dettagliatamente il risultato economico della gestione finanziaria e patrimoniale. 8 9

10 LE NOSTRE ATTIVITA 3. Le erogazioni L attività erogativa nel corso dell anno è stata pari ad euro ,36 di cui euro ,00 per erogazioni su bandi a favore di 42 progetti ed euro ,36 per erogazioni fuori bando, comprensivo di euro ,00 di microerogazioni che sono state deliberate dal Consiglio di Amministrazione a favore di 134 piccoli progetti di utilità sociale per un importo massimo di 500,00 euro cadauno. L importo erogato nel corso dell esercizio è superiore a quello del 2010 di circa ,00 euro in quanto il Consiglio di Amministrazione ha ritenuto, raggiunto l obiettivo sfida, di modificare la destinazione dei fondi raccolti dal territorio assegnandoli a sostegno dei progetti anziché al patrimonio come fatto in precedenza, Associazioni sempre perseguendo 33% l obiettivo della 7% diffusione della cultura 1% del dono. 37% Siamo stati così in grado di fronteggiare la gran parte delle richieste pervenuteci; riteniamo quindi che Cooperative sociali la nostra attività nel corso dell esercizio abbia efficacemente fronteggiato le necessità del territorio in particolare Enti nel pubblici settore di assistenza sociale. Bisogna comunque Fondazioni tenere sempre presente come i mezzi finanziari messi a disposizione annualmente dalla Fondazione Cariplo sono determinanti per il raggiungimento dell obiettivo che la nostra fondazione si è proposta Parrocchie di soddisfare il maggior numero possibile di richieste. Tali mezzi Altri vengono enti ecclesiastici incrementati con fondi propri della Fondazione derivanti dal flusso cedolare che è stato costante anche nel corso di questo esercizio. Comitati 6% 14% 2% Distribuzione territoriale Dall esame della suddivisione territoriale delle nostre erogazioni rileviamo che i progetti finanziati hanno interessato in modo adeguatamente proporzionale i diversi territori di riferimento. 15% 7% 10% 21% Casalpusterlengo Codogno Lodi S.Angelo Lodigiano 47% Zelo Buon Persico 10

11 LE NOSTRE ATTIVITA Tipologia di enti Il prossimo grafico evidenzia la tipologia di enti che hanno 16,27% presentato i progetti finanziati nel ,68% Associazioni Cooperative sociali Enti pubblici 33% 7% 1% 0,82% 37% Fondazioni 61,34% Parrocchie 5,49% Altri enti ecclesiastici 4,70% 0,71% Comitati Titoli di Stato 6% 14% 2% Obbligazioni Perpetual Fondi Comuni di Investimento Polizze Assicurative Disponibilità liquide Distribuzione settoriale Gestioni patrimoniali Il settore dell assistenza sociale e socio sanitaria con i suoi 132 progetti supera i due terzi del totale erogato, in quanto ritenuto meritevole di particolare riguardo e sostegno, in relazione alla crescita delle necessità emergenti in questo periodo. Si è avuta poi anche particolare attenzione per i progetti riguardanti la tutela dei beni di interesse artistico, storico e culturale. Per il settore di tutela e valorizzazione della natura 15% e dell ambiente sono 7% stati approvati solo otto progetti. 10% Casalpusterlengo 21% 8 Codogno 49 47% Lodi S.Angelo Lodigiano 132 Zelo Buon Persico Assistenza sociale e socio-sanitaria Tutela beni culturali Tutela Ambiente , , ,00 Contributo F.Cariplo 11

12 LE NOSTRE ATTIVITA 4. I progetti conclusi nel 2011 Nel 2011 si sono conclusi 38 progetti relativi a bandi pubblicati negli anni dal 2008 al 2011; ciò ha comportato il pagamento di contributi per euro ,88 che hanno consentito la realizzazione di progetti per un valore complessivo di euro ,42. PROGETTO BENEFICIARIO CONTRIBUTO euro Offrire un tetto è il segno distintivo della solidarietà Associazione Progetto Insieme - Lodi 9.241,53 Automezzo per la solidarietà e l ambiente Africa Chiama Onlus - S.Angelo Lod ,00 Un oasi nel verde Coop.Soc.Agricola Mar.Si.Ma.Soc.Coop. a r.l.-codogno ,00 Più spazio ai giovani e alle famiglie Parr.S.Antonio A. e S.Francesca Cabrini S.Angelo L ,00 Una rete per le mamme sole Associazione Comunità Famiglia Nuova - Lodi ,00 Potenziamento del servizio di trasporto disabili Croce Lodigiana O.N.L.U.S. S.Stefano Lodigiano ,00 Calendario Fanfulla 2011 A.S. Ginnastica Fanfulla Lodi 3.420,00 Saint Claire café: l Alzheimer caffè a Santa Chiara Azienda servizi alla persona S.Chiara - A.S.P. - Lodi 6.557,40 La prova del cuoco Amicizia Soc. Coop. Sociale di Solidarietà - Codogno 6.395,10 Pensieri di carta A.L.A.H. Ass.Lodig.Amici degli Handicappati - Lodi 8.030,00 Pallavolando Parr.SS Nazzaro e Celso M. in Cassino d Alberi -Mulazzano ,85 Gioca con noi Parrocchia S.Stefano Protomartire Mulazzano ,00 Non giocare, vinci! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Lodi - Lodi ,00 Ristrutturazione di animazione e palestra Fondazione Vigoni della Somaglia Onlus Somaglia ,00 Manutenzione, risanamento e recupero sacrestia Parr.Assunzione della B.V. Maria in Villavesco - Tavazzano ,50 Profeti di fraternità, divertendosi Parrocchia Maria Madre del Salvatore - Casalpusterlengo ,00 Restauro delle vetrate della Chiesa parrocchiale Parrocchia S.Biagio Vescovo e Martire Corno Giovine 7.370,00 Puntiamo i riflettori Un affresco dimenticato Comitato FAI di Lodi-Melegnano 5.000,00 Un nido più sicuro e accogliente Famiglia Nuova Società Cooperativa Sociale - Lodi 2.800,00 Il lavoro prende una buona piega San Nabore Coop.Soc.a r.l. Onlus Ossago Lodigiano ,50 In volo con la diversità Associazione Comunita Il Gabbiano Onlus Pieve Fissiraga 5.000,00 Un tetto per una Chiesa Parrocchia S.Maria della Clemenza e S.Bernardo - Lodi ,00 Educazione cantiere aperto Parrocchia SS.Simone, Giuda e Callisto Cornegliano Laud ,00 Ristrutturazione archivio storico diocesano Diocesi di Lodi ,00 Miglioriamo le nostre strutture e l ambiente Parrocchia S.Alessandro Martire Cervignano d Adda 3.900,00 Mi chiamano oro blu... Movim.Lotta contro la Fame nel Mondo - MLFM Onlus - Lodi ,00 Manutenzione facciate esterne Chiesa Parrocchiale Parrocchia S.Giorgio Martire - Maccastorna ,00 Per un ascensore sicuro, capace e adeguato alla normativa Fondazione Madre Cabrini onlus S.Angelo Lodigiano ,00 Risparmiare per avere più mezzi per aiuti umanitari Associazione Progetto Insieme - Lodi ,00 Potenziamento defibrillatori semi-automatici (D.A.E.) Croce Lodigiana O.N.L.U.S. S.Stefano Lodigiano 6.250,00 In oratorio senza aprire l ombrello Parrocchia Assunzione B.V.Maria Caselle Landi ,00 Restauro torre campanaria Parrocchia S.Apollinare V. e M. in Mairano Casaletto Lod ,00 Restauro Santuario Madonna della Costa Parrocchia S.Pietro Apostolo Cavenago d Adda ,00 Uno sguardo sul futuro Parrocchia S.Michele Arcangelo Castiraga Vidardo ,00 Il mondo viene a Lodi Gruppo Fotografico Progetto Immagine Lodi ,00 Rifacimento parziale copertura tetto oratorio Parr. SS.Nazario e Celso m. in Zorlesco - Casalpusterlengo ,00 Manutenzione straordinaria torre campanaria Chiesa Parr. Parrocchia S.Biagio e B.V.Immacolata - Codogno ,00 Giocare insieme per crescere Isti. Suore Missionarie S.Cuore di Gesù S.Angelo Lodig ,00 12

13 LE NOSTRE ATTIVITA Associazioni Cooperative sociali 33% 7% 1% 37% Enti pubblici 5. I donatori Rileviamo come, Parrocchie ancora una volta, la nostra fondazione ha dimostrato anche quest anno una soddisfacente capacità di raccolta, coinvolgendo oltre 400 donatori. Altri enti ecclesiastici Nel corso di questi anni l interesse nei confronti della nostra attività da parte di privati ed aziende, si è Comitati 6% 14% sempre incrementato tanto da superare alla fine del % i 3100 donatori. Fondazioni 15% 7% 10% Spese di gestione Le spese di gestione hanno subito un incremento rispetto all esercizio precedente Zelo Buon in quanto Persiconel corso del 2011 sono stati organizzati 47% eventi e incontri per celebrare degnamente la vincita della sfida con Fondazione Cariplo e ringraziare così anche tutti coloro che hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato. Le spese che riguardano invece l attività ordinaria della Fondazione sono rimaste pressoché invariate; il grafico sottostante rappresenta come siano stati reperiti i fondi necessari per coprire l intero importo delle spese sostenute. Lodi S.Angelo Lodigiano , , , , ,00 Contributo F.Cariplo ,00 Contributo F.Cariplo Donazioni e sponsor Donazioni e sponsor Rendite 5 per Rendite mille 21% Casalpusterlengo Codogno ,00 5 per mille L incidenza delle spese di gestione sul totale delle erogazioni è invariata rispetto all esercizio precedente ed è del 7% circa ,00 13

14 LE NOSTRE ATTIVITA I nostri fondi Fondo Don Leandro Rossi: Data di costituzione: 17 dicembre Importo: euro ,00. Fondatore: Fondazione Don Rossi. Rendita anno 2011: euro 1.418,81 Fondo San Bassiano: Data di costituzione: 13 dicembre 2004 Importo: euro ,33 Incremento nel 2011: euro 7.417,03 Fondatore: Diocesi di Lodi Rendita anno 2011: euro 4.085,16 Fondo Gino e Clorinda Polenghi: Data di costituzione: 1 marzo 2006 Importo: euro ,02 Fondatore: Fondazione Gino e Clorinda e Polenghi Rendita anno 2011: euro ,85 Fondo Provincia di Lodi Data di costituzione: 14 febbraio 2006 Importo: euro ,87 Fondatore: Provincia di Lodi Rendita anno 2011: euro 2.405,33 Fondo Lino Tollini Data di costituzione: 27 marzo 2006 Importo: euro ,00 Incremento nel 2011: euro ,00 Fondatore: Lucia Galerati Rendita anno 2011: euro 2.826,95 Fondo Comune di Sant Angelo Lod. Data di costituzione: 27 marzo 2008 Importo: euro ,00 Fondatore: Comune di Sant Angelo Lod. Rendita anno 2011: euro 705,00 14

15 ce tti le i è». 1) lie lati- e le di de e-». si i a: ti) DI i) «Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla Vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore». (Gaudium et Spes, 1) «Tutta la Chiesa si dispone ad aiutare le famiglie colpite nelle difficoltà economiche per motivi di lavoro e di occupazione, nel rispetto di ogni positiva iniziativa delle istituzioni politiche, sindacali ed economiche. La nostra diocesi di Lodi, con molte diocesi lombarde e italiane, ha costituito un Fondo di Solidarietà per le Famiglie in difficoltà per motivi di lavoro, lo ha dotato di una iniziale somma tratta dal fondo per la carità, e tende la mano perché questo fondo venga aumentato dalla generosità dei fedeli, cittadini, famiglie, realtà finanziarie». + Giuseppe Merisi Vescovo di Lodi «L attenzione al tema del lavoro, specie per chi lo Puoi ha fare perduto, la tua ha indotto donazione: anche noi della Fondazione Comunitaria a sostenere con un adeguato stanziamento A) l iniziativa Mediante promossa bonifico su dalla conto Diocesi, corrente a divulgare bancario intestato e promuovere DIOCESI lo spirito DI LODI solidaristico che la anima e a porci quali a: c/c intermediari presso Banco per Popolare raccolta (sede delle di Lodi donazioni, - Via Cavour) agevolando, Codice in quanto IBAN: Onlus, IT 09 i donatori. P oppure Domenico Vitaloni c/c presso BCC Centropadana Presidente della (Sede Fondazione di Guardamiglio) Comunitaria Codice IBAN: IT 02 K Puoi L attenzione effettuare una al donazione: tema del lavoro, specie per chi lo (per le imprese è prevista la detraibilità dei contributi versati) A) ha Mediante perduto, bonifico ha indotto su conto anche corrente noi della bancario Fondazione intestato a: FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA PROVINCIA DI DIOCESI Comunitaria DI LODI a sostenere con un adeguato stanziamento presso l iniziativa Banco Popolare promossa (sede dalla di Diocesi, Lodi - Via a divul- Cavour) - Codice IBAN: c/c IT presso 09 P Banco Popolare (Ag Piazza della Vittoria - Lodi) LODI - ONLUS c/c oppure gare c/c e promuovere presso BCC lo Centropadana spirito solidaristico (Sede che di Guardamiglio) la - Codice Codice IBAN: IBAN: IT IT 0228 K F FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA PROVINCIA DI LODI - (donazioni ONLUS detraibili secondo le normative fiscali vigenti) anima e a porci quali intermediari per la raccolta c/c presso Banco Popolare (Ag.1 Piazza della Vittoria - Lodi) - Codice IBAN: IT 28 F Indicando delle donazioni, come causale agevolando, Fondo in di quanto Solidarietà Onlus, per i le donatori. Indicando come causale Famiglie - Diocesi di Lodi Fondo di Solidarietà per le Famiglie - Diocesi di Lodi B) Presso l Ufficio della CARITAS Domenico DIOCESANA Vitaloni c/o Diocesi di Lodi - Via Cavour, 31 - Lodi B) Presso l Ufficio della Caritas Lodigiana Presidente c/o Diocesi di Lodi - Via Cavour, 31 - Lodi della Fondazione Comunitaria 15 Aperto dal martedì al sabato dalle 9,00 alle 12,30 Tel Fax L at ha p Com ment gare anim delle tori.

16 A servizio del territorio

17 LE NOSTRE ATTIVITA Nel corso dell anno sono stati emessi i 2 tradizionali bandi. A partire dal primo, il contributo della Fondazione, pari al massimo al 50% del costo del progetto, è stato integrato con le donazioni raccolte sul territorio a favore del progetto stesso. BANDO 2011/1 PARROCCHIA S.APOLLINARE VESCOVO E MARTIRE Casaletto Lodigiano Fraz.Mairano Restauro torre campanaria Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro La Chiesa di Mairano è datata La precedente e primitiva, era nei pressi del fiume Lambro, fatiscente e piccola. L attuale più capiente e in posizione più elevata, fu progettata dall architetto Veronesi (che a Lodi ha progettato la chiesa della Maddalena, di S.Filippo e il Palazzo Vescovile). La chiesa ancora oggi mantiene intatte le sue linee originali. Il restauro conservativo costituito da: lavaggio e pulizia di malte cementizie; riparazione e sostituzione di mattoni ammalorati; ristrutturazione cella campanaria e tetto relativo, ha ridato splendore alla chiesa che è uno dei più belli esempi di architettura sacra lodigiana del PARROCCHIA ASSUNZIONE DELLA B.V. MARIA Abbadia Cerreto Restauro del crocifisso ligneo policromo dell Abbazia Costo euro 5.352,00 Contributo euro 2.600,00 Donazioni euro 1.410,00 La chiesa abbaziale, risalente alla seconda metà del XII secolo, è opera dei monaci benedettini cistercensi dei quali rispecchia in tutto lo stile rituale basato su una architettura, nelle linee e nei materiali, sobria, semplice ed essenziale, così da ispirare povertà e austerità di vita, favorire la preghiera e l ascetismo, non ostacolati da splendore e bellezza terrena. Il crocifisso, risalente al XVIII sec., versava in pessime condizioni di conservazione. Per portarlo al suo splendore originario sono stati necessari lavori di: consolidamento delle parti degradate, pulitura, risanamento strutturale e reintegrazione della parti lacunose, più reintegrazione pittorica e finitura di protezione. 17

18 LE NOSTRE ATTIVITA PARROCCHIA S.GIORGIO MARTIRE Maccastorna Manutenzione facciate esterne Chiesa Parrocchiale Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro 5.100,00 La Chiesa, dedicata a San Giorgio martire fin dal 1250 quando i Ghibellini Cremonesi si rifugiarono a Maccastorna, allora chiamata Villaggio Bel Pavone, era formata da tre campate e da un solo altare maggiore. Nel corso degli anni subì notevoli trasformazioni, fu costruita un altra campata e rifatta la fronte in stile neogotico. Con il progetto, aventi caratteristiche innovative, si è provveduto allo scrostamento e al rifacimento dell intonaco delle facciate della Chiesa con malte macroporose per evitare che l intonaco esistente in malta di cemento potesse provocare fenomeni di umidità in risalita. Si è provveduto anche all esecuzione della dipintura come da indicazione della Soprintendenza. PARROCCHIA SANTI GERVASIO E PROTASIO MARTIRI Maleo Restauro organo Chiesa S.Maria Annunciata Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro ,00 La costruzione della Chiesa risale al XVI secolo. La stessa è adiacente al parco ed alla villa Trecchi. L interno della Chiesa ha una pianta molto singolare. Sul lato destro è collocato l organo settecentesco con cantoria intagliata e decorata. La Chiesa è un luogo adatto sia alla grande preghiera comunitaria, sia a favorire il raccoglimento dei fedeli e ad accogliere visite culturali e storiche. L intervento di restauro volto a recuperare le caratteristiche tecniche, funzionali e foniche dell organo non più funzionante si è reso necessario considerato anche il valore storico dello strumento. PARROCCHIA S.BERNARDINO DA SIENA Senna Lodigiana-fraz.Mirabello Un tetto per tutti Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro 8.365,00 La Chiesa parrocchiale costruita nel 1952 è stata abbellita con gli affreschi del Vanelli, diventando anche attrazione turistica. Inoltre è in una posizione strategica in quanto trovasi sulla via Francigena. La pastorale parrocchiale punta molto sulla famiglia come nucleo di adulti e ragazzi. Il progetto, con la messa in sicurezza dell edificio dell oratorio mediante smaltimento dell attuale copertura in amianto e posa di nuova copertura, ha permesso la fruizione dei locali sottostanti per momenti formativi e ricreativi. 18

19 LE NOSTRE ATTIVITA FONDAZIONE MADRE CABRINI ONLUS S.Angelo Lodigiano Per un ascensore sicuro, capace e adeguato alla normativa Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro ,00 La Casa di Riposo, che esiste da oltre un secolo, è in via di miglioramento, sia come struttura, sia come organizzazione dei servizi. L attuale sede è stata edificata nel decennio Dal 1986 al 1991 è stata realizzata una importante ristrutturazione. Negli ultimi anni sono stati eseguiti lavori di ampliamento e di messa in sicurezza richiesti dalla regione Lombardia. Si è resa necessaria l installazione di un nuovo ascensore per rispondere all esigenza di un impianto adatto al trasporto delle barelle degli ospiti allettati e dei carrelli e conforme alle nuove norme di sicurezza. ASSOCIAZIONE PROGETTO INSIEME Lodi Risparmiare sulla gestione significa avere più mezzi per aiuti umanitari Costo euro ,00 Contributo euro ,00 Donazioni euro ,00 Fondata nel 1991, l Associazione nasce dalla presa di coscienza dell urgenza di intervento che richiedono le nuove povertà presenti nel territorio lodigiano e si propone il reperimento di alloggi per i senza tetto e la promozione di centri di servizi alle persone. Dal 2011 è gestore dello SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) finanziato dal Ministero dell Interno e dal Comune di Lodi. Con la realizzazione di solare termico per riscaldamento e acqua calda alla Social housing di Caviaga si raggiunge l obiettivo di ottenere, oltre alla riduzione dell inquinamento ambientale, anche un risparmio sui costi, che consentirà di incrementare le disponibilità per la realizzazione di nuove unità abitative. CROCE LODIGIANA ONLUS S.Stefano Lodigiano Potenziamento defibrillatori semi-automatici (D.A.E.) Costo euro 8.448,00 Contributo euro 4.000,00 Donazioni euro 2.250,00 L associazione opera dal 2006 sul territorio Lodigiano, su quello nazionale e, per quanto riguarda i servizi di lunga percorrenza, su quello Europeo, grazie alla collaborazione di volontari cittadini di S.Stefano Lodigiano e dei comuni limitrofi e si prefigge obiettivi di solidarietà sociale nel campo della mobilità e dell assistenza socio-sanitaria. Risponde in modo particolare ai bisogni delle persone in situazioni di disagio psico-fisico che non possono disporre di un trasporto. Il progetto ha permesso di dotare le ambulanze dell Associazione di quattro nuovi defibrillatori, come da nuova normativa, e di offrire così una ulteriore sicurezza per i trasportati. 19

20 LE NOSTRE ATTIVITA PARROCCHIA ASSUNZIONE B.V.MARIA Caselle Landi Finalmente le porte si chiudono Costo euro 3.740,00 Contributo euro 1.800,00 Donazioni euro 1.340,00 Caselle Landi, piccolo centro rurale sulle sponde del fiume Po, conta ben cinque frazioni. Una di queste è la frazione di Bruzzelle dove è ubicata la cappella religiosa, dedicata alla Madonna di Lourdes, edificata intorno al 1936 ed in seguito restaurata ed ampliata. All interno si trova la statua della Madonna di pregevole fattura, eseguita in cartone romano. Con questo intervento indispensabile si è provveduto alla sostituzione del portone principale e della porta laterale della cappella in quanto l obsoleto sistema di chiusura creava un eccessivo pericolo per le persone che frequentano la Cappella. PARROCCHIA ASSUNZIONE B.V.MARIA Caselle Landi In oratorio senza aprire l ombrello Costo euro ,00 Contributo euro 8.000,00 Donazioni euro 8.060,00 Caselle Landi conta una popolazione di circa 1700 abitanti. La chiesa parrocchiale, dedicata alla Madonna Assunta, fu costruita nel 1750 ca. Ha un imponente navata e profonde cappelle laterali; vanta anche un notevole organo risalente al Alla parrocchiale si affianca un edificio adibito ad oratorio; luogo di aggregazione di giovani e anziani e dove si svolgono feste parrocchiali nonché il Grest estivo. L urgente intervento di rifacimento del tetto dell oratorio, a causa di abbondanti infiltrazioni di acqua piovana, ha evitato il totale decadimento della struttura ed al contempo ha permesso di tornare ad utilizzare le aule già esistenti. DIOCESI DI LODI Lodi Ristrutturazione archivio storico diocesano Costo euro ,40 Contributo euro ,00 Donazioni euro ,00 La Chiesa di Lodi ha un antica origine, l attestazione delle prime comunità cristiane risale infatti al IV secolo d.c. La Diocesi si estende per circa 890 kmq e confina con le Diocesi di Pavia, Milano, Cremona, Crema e Piacenza. Le chiese sono circa 200 ed un centinaio gli oratori; numerosi i luoghi di culto, anche piccoli, meta di pellegrinaggi. L installazione di impianti di rilevazione fumi, antincendio, antintrusione e rifacimento dell intero impianto elettrico, garantisce all archivio diocesano spazi idonei per la conservazione dei documenti (anteriori agli ultimi 70 anni) prodotti e ricevuti dal Vescovo e dagli uffici di curia nell esercizio delle loro funzioni. 20

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011)

Organigramma. Assetto organizzativo-funzionale. (maggio 2011) Assetto organizzativo-funzionale Organigramma (maggio 2011) Caritas Diocesana Veronese Lungadige Matteotti n. 8 37126 Verona, Tel. 0458300677 Fax 045.8302787 www.caritas.vr.it Presentazione L idea di predisporre

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

PARMA PER GLI ALTRI ONG

PARMA PER GLI ALTRI ONG PARMA PER GLI ALTRI ONG «Il bisogno degli Altri, del prossimo che non può attendere il futuro per concretizzarsi. Quando? Ora, ma a piccoli passi : la goccia che riempie i mari, che cade in continuazione,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli