Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9"

Transcript

1 UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2002/2003 Parma, 27 novembre 2002 Value based management e EVA Testo: Analisi Finanziaria, E. Pavarani (a cura di) Capitolo 9 Alberto Lanzavecchia

2 Quale azienda ha creato più valore? La capitalizzazione che il mercato dei capitali attribuisce alle due società al termine del 1999 sembra dire che Banca Intesa ha creato maggior valore... Banca Popolare di Brescia Banca INTESA (Mil. Euro) (Mil. Euro) Fonte: Il Sole24Ore, Ricerca Ambrosetti Stern Stewart 2

3 Market Value Added (MVA) è la vera misura del valore creato MVA Valore creato Valore complessivo Valore di mercato Capitale investito Valori contabili MVA rappresenta il maggior valore che, ad una certa data, gli azionisti possiedono rispetto a quanto effettivamente investito in azienda. 3

4 Tornando al nostro esempio In termini assoluti, BIPOP ha creato un valore più che doppio rispetto a Banca Intesa MVA Banca Intesa Capitale Banca Popolare di Brescia MVA Capitale Fonte: Il Sole24Ore, Ricerca Ambrosetti Stern Stewart 4

5 Obiettivo del management è incrementare il MVA, ma tale misura non è adatta per essere utilizzata a livello operativo : per la volatilità del corso azionario per il poco chiaro rapporto causa-effetto nel breve periodo tra decisioni operative e valore delle azioni perché non può essere calcolata per divisioni o aziende non quotate C è quindi bisogno di una misura operativa il cui sviluppo sia fortemente correlato a quello del MVA 5

6 Il legame tra MVA e EVA: ancora una volta l attualizzazione! EVA EVA EVA EVA Valore di mercato MVA Capitale Investito EVA EVA EVA EVA Valore che il mercato aggiunge al capitale che è stato investito Reddito che eccede il profitto soddisfacente EVA è la versione operativa annuale di MVA e rappresenta il profitto che eccede le aspettative minime degli investitori. EVA rappresenta il mattone che pazientemente costruisce MVA negli anni: la sommatoria di tutti gli EVA futuri attualizzati è equivalente ad MVA. 6

7 EVA è una misura del valore creato operativa Reddito operativo al netto di imposte (NOPAT) EVA Costo del Capitale Profitto che eccede il rendimento soddisfacente Capitale investito x costo % del capitale (WACC) EVA rappresenta la ricchezza creata (o distrutta) nel periodo, dopo aver remunerato il capitale messo a disposizione dagli azionisti. L utile e il capitale, da soli, non sono sufficienti: il capitale ha un costo-opportunità che deve essere remunerato. 7

8 perchè è scomponibile in elementi sotto il diretto controllo dei responsabili di impresa EVA = NOPAT - [ Capitale X Costo del Capitale ] Capital Charge oppure... EVA = [ NOPAT ] Costo del Capitale Capitale X Capitale Rendimento Costo/opportunità 8

9 e accoglie ogni modalità di creazione del valore EVA = [ NOPAT ] Costo % del Capitale Capitale X Capitale 1 Gestire - Aumentare la redditività del Capitale esistente 2 Sviluppare - Investire sempre quando il rendimento eccede il costo del capitale 3 Razionalizzare - Ridurre il Capitale quando il rendimento non copre il suo costo 4 Ottimizzare Diminuire il costo del debito attraverso l ottimizzazione del Passivo 9

10 EVA incoraggia uno sviluppo redditizio... Un investimento può far diminuire il ROI, ma può far aumentare l EVA Risultato Business + Nuovo = dopo esistente Investimento l'investimento Vendite 1,530 1,540 3,070 Utile Operativo Margine Operativo 15% 11% 13% Capitale (Attivo netto) 1,000 1,000 2,000 ROI 23% 17% 20% Costo del Capitale (%) 10% 10% 10% Costo del Capitale EVA (Valori in milioni di lire) 10

11 ... e impedisce una crescita perversa Un investimento può aumentare utile e il ROI, ma ridurre l EVA Risultato Business + Nuovo = dopo esistente Investimento l'investimento Vendite 1, ,600 Utile Operativo Margine Operativo 5% 10% 6.3% Capitale (Attivo netto) 1, ,500 ROI 6% 8% 6.7% Costo del Capitale (%) 10% 10% 10% Costo del Capitale EVA (40) (10) (50) (Valori in milioni di lire) 11

12 EVA come strumento manageriale Introdurre un nuovo prodotto Situazione iniziale 12 Progetto Conto economico Bilancio Conto economico Bilancio Vendite 1,000 Vendite 1,100 Margine 15% Margine 15% Reddito 150 1,000 Reddito 165 1,500 EVA: EVA: Reddito 150 Reddito 165 Cap. impiegato 1,000 Cap. impiegato 1,500 x Costo del capitale 10% x Cost del capitale 10% Capital Charge 100 Capital Charge 150 EVA 50 EVA 15 L INIZIATIVA NON E ECONOMICAMENTE CONVENIENTE 37

13 EVA come strumento manageriale Aumentare la capacità produttiva Un manager sta per decidere se aggiungere o no un secondo turno per aumentare la produzione. I costi aumenterebbero nella seguente maniera: Stipendi diretti: + L. 20 MM Materiali diretti: + L. 100 MM Le vendite aumenterebbero di L. 130MM; le scorte di L. 50MM. Cosa dovrebbe fare il manager? Assumiamo le imposte al 40% e un costo di capitale del 10%. Impatto NOPAT = ( ) x (1-40%) = L. 6MM Impatto Capital charge = 50 x 10% = L. 5MM Delta EVA = L. 1MM AGGIUNGERE IL SECONDO TURNO DI LAVORO 13 38

14 Esempio: Strategia di ordini per la carta Mario è responsabile per l acquisto di carta per stampanti e fotocopiatrici di una fotocopisteria. Il consumo annuo di carta è di circa 240 scatole l anno. Mario normalmente acquista l intero ammontare necessario all inizio dell anno perché con l acquisto in un unica soluzione ottiene dal fornitore uno sconto di 3,00 Euro sul prezzo unitario pari a 100,00 euro. Mario sta analizzando la possibilità di acquistare la carta necessaria con cadenza mensile. Risulta conveniente, in termini di EVA, usufruire dello sconto o approvvigionarsi mensilmente? 14

15 Esempio: Strategia di ordini per la carta Ciclo di acquisto Mensile Annuo Prezzo 100,00 97,00 Costo dell acquisto (240 scatole) ( 1 aliquota d imposta) = NOPAT ,00 50% , ,00 50% ,00 Magazzino medio carta Costo di acquisto/scatola = Valore del magazzino medio Costo del Capitale% = Costo del Capitale ,00 97, , ,00 10% 10% -100, ,00 EVA = (NOPAT Costo del Capitale) (12.100,00) (12.804,00) Delta EVA

16 Esempio 2: Apertura negozio in Franchising La sezione sviluppo Franchising sta valutando che contributo porterà all EVA della società l entrata di un nuovo potenziale affiliato, che, data la sua collocazione e le sue potenzialità, porterà fatturato incrementale di 6 mln di euro. Nel secondo anno è previsto un aumento del fatturato del 10%, poi del 5%, e poi nullo per gli anni successivi. Si stima che per i prossimi anni il costo per acquisti inciderà per il 96% sulle vendite, che si otterranno premi fornitori pari al 10% delle vendite, e che si renderanno necessari spese incrementali (di marketing, logistica e altro) per un 5% delle vendite. Il direttore della sezione deve anche fare una stima del Capitale incrementale impiegato. Valuta i maggiori crediti e debiti ipotizzando dilazioni di pagamento di 30gg e 130gg rispettivamente sul venduto e sull acquistato. Inoltre, con l aiuto della logistica, stima che l entrata del nuovo cliente renderà necessario un aumento delle giacenze magazzino centrale di 100k euro a fine anno. 16

17 Esempio 2: apertura negozio in Franchising anno (Valori in euro 000) Calcolo del NOPAT Vendite Acquisti (5760) (6336) (6653) MARGINE LORDO DA VENDITE Premi fornitori Altri costi variabili incrementali (300) (330) (347) NOP IMPOSTE OPERATIVE (50%) (270) (297) (312) NOPAT incrementale Calcolo Capitale Investito Crediti Incremento magazzino centrale Debiti (2080) (2288) (2402) Capitale Investito incrementale (1487) (1646) (1733) Costo del Capitale% 9% 9% 9% Costo del Capitale (134) (148) (156) EVA incrementale

18 Definizione di capitale investito 18

19 Il Capitale EVA prima degli aggiustamenti Stato Patrimoniale Capitale EVA Capitale Immobilizzato Capitale Proprio Capitale Immobilizzato Capitale Proprio Capitale di Debito CCN Capitale di Debito Capitale Circolante Debito Operativo 19

20 La scelta del periodo di calcolo del CI ha impatto sia sulla valutazione che sul comportamento manageriale Come calcolare il capitale? Capitale investito di inizio anno? Capitale investito di fine anno? Capitale investito medio? Un manager che ha gestito per l intero anno il capitale affidatogli dovrebbe essere misurato sul valor medio tra inizio e fine anno 20

21 Il Net Operating Profit After Taxes (NOPAT) Costi di natura operativa Da approfondire Ricavi Risultato operativo prima delle imposte (EBIT) Aggiust. EVA Reddito anteimposte rettificato (NOP) Imposte Operative NOPAT Ricavi Risultato - Costi di operativo Net natura prima delle Aggiust. operating Imposte = +/- = - operativa imposte EVA profit Operative = (EBIT) NOPAT 21

22 Il Net Operating Profit After Taxes (NOPAT) Nell EBIT sono quindi inclusi: 1. Tutti i ricavi di natura operativa (esclusi quindi i proventi finanziari e straordinari) 2. Tutti i costi operativi (acquisti, servizi, personale, ammortamenti, svalutazioni e rivalutazioni) Gli aggiustamenti EVA includono, in generale: 1. Tutte quelle voci di costo/ricavo attivate esclusivamente ai fini civilistici/fiscali, ma prive di significato economico 2. Tutte le rettifiche attuate per meglio interpretare la reale performance periodale, al fine di orientare l agire manageriale verso il giusto comportamento e scoraggiare elementi distorsivi dalla finalità di creazione di valore sostenibile nel tempo Le imposte dovrebbero essere quelle operative, quindi: 1. Imposte effettivamente pagate (logica cash) 2. Aliquota marginale operativa 22

23 Gli aggiustamenti 23

24 Dall impianto contabile a quello economico Utile Utile netto netto Patrimonio netto netto Debiti Debiti finanziari Aggiustamenti Risultato Gestionale Rettificato Capitale Investito Miglior rappresentazione della realtà economica Attivazione del giusto comportamento 24

25 Varianti del calcolo di EVA EVA base EVA aggiustato EVA specifico 25

26 Effetto degli aggiustamenti Attraverso l aggiustamento (spostamento di un costo o di un ricavo dal NOPAT al Capitale principio della partita doppia) si ha solamente uno spostamento temporale dell effetto. Il valore presente dell EVA rimane immutato. Capitale Capitale NOPAT NOPAT EVA = EVA 26

27 Gli aggiustamenti Standard Gli aggiustamenti possibili sono più di 150! Aggiustamenti possibili Aspetti rilevanti Aggiustamenti consigliati ESEMPIO Valutazione dei crediti, valutazione del magazzino, avviamento, fondi rischi, rivalutazione TFR, costi di ristrutturazione, costi di ricerca, leasing, imposte differite... Poste straordinarie Ammortamento avviamento Fondo svalutazione crediti Rivalutazione TFR Fondo imposte Costi a valenza pluriennale Avviamento Componenti straordinarie Costi a valenza pluriennale 27

28 Aggiustamento EVA per l Avviamento Razionale: L avviamento deve essere considerato come investimento permanente in impresa, in quanto parte integrante del prezzo d acquisto. Il trattamento contabile tradizionale ha motivazioni fiscali legittime, ma provoca distorsioni economiche in quanto abbassa il capitale di una sua componente. Il risultato è una minore remunerazione del capitale investito. Impatto sui comportamenti: Il manager che propone un acquisizione o una qualunque decisione di investimento deve considerare l intero importo investito e prenderà la decisione solo se la remunerazione eccede il costo dello stesso. Descrizione dell aggiustamento: L ammortamento è escluso dal calcolo del NOPAT, al netto del suo effetto fiscale, ed il fondo maturato è aggiunto al capitale. In pratica, si ricostruisce il valore di carico storico dell avviamento. Criteri alla base dell adozione: Semplicità Motivazione Disponibilità dei dati 28

29 Esempio: Calcolo dell aggiustamento EVA per l Avviamento Impianto contabile Impianto EVA Valore produzione Valore produzione Costi della produzione (6 300) - Costi della produzione (6 300) (di cui su Avviamento) (50) (di cui su Avviamento) (50) Reddito operativo 300 Reddito operativo Aggiustamento Avviamento % (111) Utile netto 189 NOP % (130) Capitale investito (Avviamento netto da ammortamenti) NOPAT 220 Capitale Investito Aggiustamento Avviamento 50 + Effetto fiscale aggiustamento (19) Capitale investito EVA

30 Aggiustamento EVA per i Proventi ed Oneri Straordinari (ristrutturazione) Razionale: Gli eventi straordinari, se considerati nel calcolo del risultato gestionale, distorcono la reale performance economica di periodo. Sono generalmente eventi non afferenti alla gestione caratteristica, ma connessi a cambiamenti di natura strategica e/o organizzativa dell impresa (piani di ristrutturazione, cessione di partecipazioni, abbandono di linee di prodotto, etc.). L effetto di tali poste non dovrebbe influenzare il bilancio di periodo; per tale motivo, esse vanno capitalizzate, al netto del beneficio d imposta, in quanto assimilabili in ottica economica ad un investimento.. Impatto sui comportamenti: Anche il disinvestimento è un investimento e può generare valore. Non è corretto che solo chi ha deciso il piano di conversione ne sopporti l intero costo e negli anni successivi si registrino solamente i benefici: occorre tenere memoria nel tempo dell investimento fatto. Descrizione dell aggiustamento: Gli oneri straordinari vanno capitalizzati, al netto del beneficio d imposta, in quanto sono assimilabili, in ottica economica, ad un investimento. Operazione con il segno inverso vale per i proventi straordinari. Avendo natura di investimento, possono essere soggetti ad ammortamento Criteri alla base dell adozione: Motivazione Semplicità 30

31 Esempio: Calcolo dell aggiustamento EVA per oneri straordinari (ipotesi di capitalizzazione perpetua) Impianto contabile Impianto EVA Valore produzione Costi della produzione (6 300) Valore produzione - Costi della produzione (6 300) - Oneri straordinari (80) - Oneri straordinari (80) Reddito lordo 220 Reddito lordo % (81) + Aggiustamento Oneri straordinari 80 Utile netto 139 NOP % (111) Capitale investito NOPAT 189 Capitale Investito Oneri straordinari 80 Effetto fiscale aggiustamento (30) Capitale investito EVA

32 Esempio: calcolo dell aggiustamento EVA per oneri straordinari (confronto ipotesi possibili) Sempre a capitale Net operating profit Aggiustamenti NOPAT Terminal Value Total Assets Aggiustamenti Capitale investito EVA Costo del capitale 10,0% 10,0% 10,0% 10,0% Capital charge EVA Valore attuale Somma EVA futuri Ammortizzato su 3 anni Net operating profit Aggiustamenti NOPAT Total Assets Aggiustamenti Capitale investito EVA Costo del capitale 10,0% 10,0% 10,0% 10,0% Capital charge Terminal Value EVA Quello che cambia è la rappresentazione della performance periodale Valore attuale Somma EVA futuri Spesato sul 1 anno Net operating profit Aggiustamenti NOPAT Terminal Value Total Assets Aggiustamenti Capitale investito EVA Costo del capitale 10,0% 10,0% 10,0% 10,0% Capital charge EVA Valore attuale Somma EVA futuri

33 Costi a valenza pluriennale Razionale: Può accadere che i costi di pubblicità istituzionale, i costi di ricerca e sviluppo, i corsi di formazione, etc. vengano spesati in Conto Economico per motivi fiscali e di prudenza. Ma in realtà queste spese possono rappresentare un investimento necessario per ottenere futuri benefici: sono un investimento non un costo operativo. Descrizione dell aggiustamento: Le spese vengono capitalizzate ed ammortizzate su un periodo di n anni (dipende dalla tipologia di spesa), che esprime la vita utile dell investimento. Criteri alla base dell adozione: Motivazione Disponibilità dei dati Impatto sui comportamenti: Il trattamento EVA crea maggior sincronia tra costi e benefici degli impieghi suddetti, e mitiga la tendenza dei manager a migliorare i margini riducendo la spesa relativa a queste voci. Inoltre, il manager non deve avere miopia, guardando solo al breve periodo (sottoinvestimento), ma deve sempre chiedersi qual è il beneficio futuro atteso dalle sue scelte. 33

34 Manutenzione dell immobile: un esempio Un punto vendita necessita di una serie di manutenzioni. Il costo complessivo dei lavori ammonta a 800 Milioni di Lire. I lavori sono necessari per non perdere una parte della clientela. Quale effetto hanno tali lavori sull EVA del punto vendita? 34

35 Manutenzione dell immobile: un esempio Calcolo dell EVA senza aggiustamento Anno 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Anno 6 Anno 7 Fatturato Margine commerciale Spese di manutenzione Altri costi Risultato della gestione ordinaria Imposte (45%) NOPAT Attivo immobilizzato Magazzino Debito operativo Capitale Costo del capitale (8%) EVA Delta EVA

36 Manutenzione dell immobile: un esempio Calcolo dell EVA con aggiustamento (Ammortamento su 5 anni) Anno 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Anno 6 Anno 7 Fatturato Margine commerciale Spese di manutenzione Altri costi Risultato della gestione ordinaria Riaccredito spese di manutenzione Ammortamento spese di manutenzione Imposte 45% NOPAT Attivo immobilizzato Magazzino Debito operativo Spese di manutenzione capitalizzate nette Effetto fiscale dell aggiustamento Capitale Costo del capitale (8%) EVA Delta EVA

37 Manutenzione dell immobile: un esempio Manutenzione dell immobile EVA EVA senza aggiustamento EVA con aggiustamento Anno 37

38 Un aggiustamento spesso consigliato è quello degli investimenti con EVA iniziali negativi Razionale: Un manager potrebbe non essere incentivato a richiedere un progetto con un NPV positivo ma con EVA iniziali negativi. L aggiustamento, viceversa, incoraggerà il manager a proporre un progetto che crea valore, senza dimenticarsi di tener conto degli effettivi risultati prodotti. Descrizione dell aggiustamento: Gli EVA negativi dei primi anni vengono capitalizzati per i progetti approvati. Criteri alla base dell adozione: Motivazione Materialità Impatto sui comportamenti: Il trattamento EVA crea maggior sincronia tra costi e benefici dell investimento e fornisce al manager un ottica non distorta con cui giudicare l investimento stesso. 38

39 Gli EVA negativi iniziali per un investimento vengono capitalizzati e gli EVA futuri vengono ridotti dal maggior costo del capitale EVA senza aggiustamento EVA con Aggiustamento 39

40 Esempio di investimento con EVA negativo iniziale Anni Capitale investito iniziale Reddito gestionale netto Capital Charge (Wacc* x CI) = EVA Fattore di attualizzazione* 0,91 0,83 0,75 0,68 0,62 0,56 5,64 Valore Attuale EVA Valore Attuale del progetto (Van o MVA): Anni Capitale investito iniziale Aggiustamenti Capitale EVA Reddito gestionale netto Capital Charge (Wacc* CI) = EVA Capitalizz EVA negativi = EVA modificato Fattore di attualizzazione* 0,91 0,83 0,75 0,68 0,62 0,56 5,64 Valore Attuale EVA Valore Attuale del progetto (Van o MVA): * Wacc = 10%

41 Fuori programma Motivare ed incentivare il miglioramento 41

42 Trasformare i manager in azionisti Multiplo del target bonus Bonus calcolato Bonus EVA calcolato 2x 1x Bonus Banked Bonus pagati Bonus Bank EI z Delta EVA Pagato subito Pagato negli anni successivi L obiettivo annuale è fissato in sede di pianificazione strategica e non cambia nel periodo: non si cambiano le regole del gioco durante il gioco! I guadagni teorici annui sono at risk : occorre la sostenibilità dei risultati L azionista e il dipendente devono essere tutelati da risultati eccezionali (non ripetibili), nel bene o nel male La Bonus bank accantona i bonus in attesa di una verifica di sostenibilità dei risultati 42

43 La calibratura del sistema dipende da moltepli fattori che devo sempre essere analizzati Unità organizzativa XY: Bonus 1. Definizione target bonus e bonus pool 2. Intervallo Zero Bonus 3. Strategia di incentivazione 4. Bonus Bank 150% Target bonus 100% 75% Delta EVA Zero bonus Miglioramento atteso annuo 43

44 La Bonus bank consente di pagare una parte del bonus ed accontare la rimanente In un esercizio con performance media, viene pagato un bonus anch esso medio Anno 1 Bonus calcolato 60 + Saldo iniziale della banca 0 = Saldo complessivo 60 x Pagamento in % 33% = Pagamento in 18 Saldo finale della banca 42 Esemplificativo 44

45 Ciò serve per evitare che la società paghi il bonus per un risultato determinato da fattori estreni In un anno straordinario, una parte del bonus calcolato viene accantonata nella bonus bank in attesa che la creazione di valore venga confermata Anno 1 Anno 2 Bonus calcolato Saldo iniziale della banca 0 42 = Saldo complessivo Sostenibile? x Pagamento in % 33% 33% = Pagamento in Saldo finale della banca Esemplificativo 45

46 ma anche che il dipendente non riceva il bonus a causa di un fatto congiunturale (es: rottura impianto) In occasione di risultati sotto l obiettivo, gli effetti sul bonus vengono smussati dalla bonus bank Anno 1 Anno 2 Anno 3 Bonus calcolato ( 50) + Saldo iniziale della banca = Saldo complessivo x Pagamento in % 33% 33% 33% Utilizzo della riserva accumulata = Pagamento in Saldo finale della banca Esemplificativo 46

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING AND FINANCE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

valutazione delle aziende; EVA.

valutazione delle aziende; EVA. Oggi parliamo di: valutazione delle aziende; calcolo del capitale economico; EVA. Quando è necessario stimare il valore di un azienda? GARANZIE SOCIETARIE STRATEGIE DI SVILUPPO VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti 16 18-12-2007 19:11 Pagina 465 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 465 rischio dei manager potrebbe condizionare il rifiuto di un progetto con un van

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA

LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA Del Dott. Stefano Setti EVA: definizione e formula EVA (Economic Value Added) è un indicatore studiato negli anni 90 dall economista americano Bennet Stewart (Stern

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Corso di Corporate Banking a.a. 2010 2011 (Professor Eugenio Pavarani)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. Corso di Corporate Banking a.a. 2010 2011 (Professor Eugenio Pavarani) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010 2011 (Professor Eugenio Pavarani) 1 L impostazione dell analisi finanziaria: 5 approcci Equilibrio Finanziario cap.

Dettagli

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA DATI CONOSCITIVI RILEVATI FONTE INFORMATIVA VALORI CONSIDERATI ( valutati con prudenza) forma giuridica S.r.L. macchinari ( linea completa di produzione ) 6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA -http://italian.alibaba.com

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

MELI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI Walter Meli Franco Confalonieri Riccardo Albanesi Francesca Oltolini Davide Valla Luca Bandera ottobre 2000

MELI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI Walter Meli Franco Confalonieri Riccardo Albanesi Francesca Oltolini Davide Valla Luca Bandera ottobre 2000 Walter Meli Franco Confalonieri Riccardo Albanesi Francesca Oltolini Davide Valla Luca Bandera ottobre 2000 IL TRATTAMENTO DEL LEASING NELL'ANALISI DI BILANCIO DELLE IMPRESE LOCATARIE PUBBICATO SU AMMINISTRAZIONE

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di cassa l approccio del valore l approccio

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Secondo Incontro Giovedì 14 Aprile 2011 L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Interviene: Prof. Adriano Gios SOMMARIO LA SOSTENIBILITA FINANZIARIA DELL INVESTIMENTO IL DIVERSO

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani ANALISI DEI FLUSSI RILEVANTI E INCENTIVI ALLA CREAZIONE DI VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO determinazione dei flussi rilevanti; definizione di flussi monetari; definizione di flussi differenziali;

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione 27.XI.2013 Scopo e temi della lezione I principali tassi per la misura del valore degli investimenti sono: il saggio

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La previsione finanziaria Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it L analisi di bilancio e la proiezione della gestione

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE

BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE BILANCIO ECONOMICO RILEVAZIONI NEL SISTEMA CONTABILE Lezione n 9-10 Maggio 2013 Alberto Balducci IL SISTEMA CONTABILE DELL AZIENDA A.S.L. 2 OBIETTIVI DELL IMPIANTO CONTABILE DELL AZIENDA ASL 1) RILEVARE

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 22 / 2004 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. ROI, WACC e EVA: strumenti di pianificazione economico finanziaria Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Premessa

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Scegliere gli investimenti

Scegliere gli investimenti 1-1 Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso 6 Scegliere gli investimenti A. con il metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare Le decisioni di investimento

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1-1 Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 007-008 6 Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare

Dettagli

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. L analisi degli investimenti industriali

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. L analisi degli investimenti industriali UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA L analisi degli investimenti industriali Lezioni per il Corso di Diploma Universitario Economia e amministrazione delle imprese Anno Accademico 2000/2001 ASSI -

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

GLI SCHEMI DI BILANCIO Il conto economico

GLI SCHEMI DI BILANCIO Il conto economico GLI SCHEMI DI BILANCIO Il conto economico La riclassificazione gestionale del C.E. Struttura e forma del C.E. secondo il codice civile ed il principio contabile n.12 Università degli Studi Bari " Aldo

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013 NOME: BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013 COGNOME: N. DI MATRICOLA: Utilizzando lo spazio sottostante a ciascun quesito: 1) Il candidato, dopo avere brevemente spiegato

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 8 1 I budget intersettoriali Alcuni costi di gestione sono trasversali rispetto ai singoli budget ovvero si riflettono su

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

il rendiconto finanziario PROF. NICOLA CASTELLANO Università di Macerata

il rendiconto finanziario PROF. NICOLA CASTELLANO Università di Macerata il rendiconto finanziario PROF. NICOLA CASTELLANO Università di Macerata Il rendiconto finanziario Il rendiconto finanziario è un prospetto riassuntivo delle variazioni intervenute nelle grandezze patrimoniali

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Si determini, utilizzando il metodo unlevered discounted cash flow, il valore del capitale economico di un impresa alla data del 1 gennaio 2008 operante

Dettagli

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità Il rendiconto finanziario dei flussi di liquidità Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità La risorsa finanziaria liquidità è operazionalizzata come nel principio OIC 12, ovvero è da intendere come somma

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 09, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di reperire ingenti mezzi finanziari.

obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di reperire ingenti mezzi finanziari. Il Leveraged Buy-Out disaccordo nelle linee gestionali tra proprietà e management; divergenza di interessi; obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi. Parma, 26 novembre 2012 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario: aspetti definitori, tecniche di redazione e riferimenti normativi Parma, 26 novembre 2012 Dott. Luca Fornaciari luca.fornaciari@unipr.it 1 Il rendiconto

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci. L approccio del valore. Cos è la creazione di valore? Questo livello, nella logica del valore, è L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dei flussi di cassa l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio del valore l approccio

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

! " # $ % $ & !"# $" " * * %& % % & '$"() '$" + + " " $" '%(")""* +, %( " " "-* ". / ) ( " & " ) '$" " 0%( $%( " " " $" % ) " ) '$" '$" %, ) " 1 " 0"2 03-"( 0 $ $"! #! # ',' " )! # ) * ) % % % + " - %

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli